Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Unipol: il M5S con gli azionisti

  • 118


m5s_unipol.jpg
"Signor presidente, signori azionisti, buon pomeriggio. Sono Roberto Grittani, 67 anni pensionato, piccolo azionista con Unipol Ordinarie. Molti anni fa ho iniziato ad investire in questa compagnia parte dei miei risparmi, nel 2010 ho aderito con fiducia all'aumento di capitale, in seguito ho fatto altri acquisti arrivando ad un investimento complessivo di 44.000 euro per un totale di 60.000 azioni Unipol Ordinarie. Purtroppo, finiti gli anni di buone soddisfazioni, il titolo ha imboccato una strada di continua discesa e negli ultimi due anni sono mancati anche i dividendi, ma ho continuato a mantenere le azioni in portafoglio avendo ancora fiducia e con la speranza di una ripresa. Nel 2012 sono accaduti fatti assolutamente imprevedibili che hanno gravemente danneggiato tutti i piccoli azionisti, me compreso. Il 19 marzo 2012, l'Assemblea Ordinaria delibera l'accorpamento delle azioni in ragione di 1 nuova ogni 100 azioni possedute. Questo fatto, poco significativo per i non addetti ai lavori, doveva preannunciare un altro gravissimo evento verificatosi con l'improvviso aumento di capitale scattato il 16 luglio 2012. Dal verbale della riunione del Consiglio di Amministrazione (CDA), risalente agli inizi di luglio 2012, nonostante le raccomandazioni di dover tenere conto del prezzo di mercato e dell'andamento delle quotazioni nel fissare il prezzo di offerta, risulta che il CDA, delegato dalla precedente assemblea di marzo, ha deliberato l'aumento di capitale, assegnando alle nuove azioni un prezzo di offerta pari a 2 euro l'una in ragione di 20 azioni per ogni azione posseduta. Se ricordiamo che inizio di luglio 2012 l'azione quotava intorno 18 euro, per poi scendere intorno ai 15 sulla base delle voci già in corso, vorremmo sapere di cosa ha tenuto conto il CDA nell'attribuire alle nuove azioni il prezzo stracciato di 2 euro. L'annuncio di questo prezzo di offerta per ognuna delle 20 nuove azioni ha causato un immediato crollo delle quotazioni scese a 12,50 euro il 13 luglio, ultimo giorno per uscirne fuori limitando i danni. Per questi motivi esprimiamo voto contrario a questo CDA, per un nuovo CDA che riconosca i gravi errori commessi nel 2012 ed avvii una procedura di riconoscimento dei danni e le pratiche di rimborso ai piccoli azionisti. Ho concluso, grazie" Roberto Grittani all'assemblea degli azionisti di Unipol del 29 aprile 2013

Il testo completo dell'intervento è consultabile qui

5 Mag 2013, 12:48 | Scrivi | Commenti (118) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 118


Tags: azionisti, M5S, Max Bugani, Roberto Grittani, Unipol

Commenti

 

Ho acquistato azioni unipol per 56.000 € nel 2000. Si sono completamente azzerate a causa delle manovre poco trasparenti effettuate in questi anni dalla societa'. E' mai possibile che la consob non si sia preoccupata di verificare cosa stava succedendo a danno dei piccoli azionisti? Ma a queste societa' e' permesso di tutto? Ora hanno bilanci altamente positivi, perche' non rimborsano il maltolto ai piccoli azionisti, o gli utili se li dividono tutti quelli che hanno gestito la manovra incomprensibile?

bassi maria laura 14.08.15 15:12| 
 |
Rispondi al commento

e allora....che fine ha fatto la battaglia su UNIPOL??? QUANTE SPARATE PER NIENTE .....

Giovanni Pinto 25.03.14 18:06| 
 |
Rispondi al commento

gentilmente vorrei notizie circa la procedura di adesione alla class action oppure a vertenza legale
messa in atto contro unipol, avevo 14.000 azioni unipol centesimate a 140.
in attesa di qualche informazione in merito

cordiali saluti

alberto

ALBERTO ERCOLE 25.08.13 16:11| 
 |
Rispondi al commento

Il cda di unipol ha effettuato un furto legale( forse) ai danni dei piccoli azionisti,perche' non e' possibile che accorpando le azioni,dalla sera al mattino ti ritrovi con un valore non pari all'accorpamento ma vicino allo zero.E' una vergogna ,ma quale piccolo azionista e' capace di far aprire una inchiesta in merito?Dove stava il PD o e' il costruttore del disegno?

giacomo 18.05.13 20:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vi racconto i fatti. Sono stato derubato di oltre 25.000 euro con l'operazione fatta con la fusione Fonsai Unipol sulle Unipol priv. Volete ridere? Avevo acquistato le Unipol Priv. nell'ambito di un investimento diversificato fatto con i soldi della liquidazione e buonuscita erogatami da Fonsai, ebbene si, alla mia uscita dal mondo del lavoro causa grave infarto. Al tempo non si parlava ancora di fusione, aprile 2010, ma forse loro già sapevano, sapevano che me li avrebbero ripresi presto i soldi. Adesso dico, se il M5S vede una minima possibilità di tentativo di class action vi prego di coinvolgermi. La sola speranza di vedere qualcuno finalmente condannato mi solleverebbe un pò dalla truffa subita. In america per queste cose ti condannano e gettono le chiavi della cella. Qui mi accontenterei di saperli almeno una volta sotto la doccia, che raccolgono il sapone....

roberto ferretti 09.05.13 16:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Chi lavora come tutti svolge il lavoro per tranne profitto per se e per chi lo fa lavorare
Se io non svolgo bene il mio lavoro non mi pagano ma i politici in questi anni non anno fatto niente di buono eppure loro si sono fatti le barche iot e noi suamo scesi sempre piu in basso ce molto che non quadra vigliacchi

Frusteri giuseppe 08.05.13 21:13| 
 |
Rispondi al commento

Ma che razza di ragionamenti si fanno su questo blog? Se un risparmiatore viene truffato da amministratori senza scrupoli e organi di vigilanza collusi deve pure colpevolizzarsi?
E' come dire che se dei ragazzi vengono investiti sulle strisce pedonali da un guidatore criminale, la colpa e' loro perche' non se ne sono rimasti in casa!

Libero Dalle Caste 08.05.13 15:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Voglio ricordare ai frequentatori di questo Blog cosa dice la Costituzione Italiana a proposito della tutela del risparmio:
----------------------------
Articolo 47
La Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme; disciplina, coordina e controlla l'esercizio del credito.

Favorisce l'accesso del risparmio popolare alla proprietà dell'abitazione, alla proprietà diretta coltivatrice e al diretto e indiretto investimento azionario nei grandi complessi produttivi del Paese.
--------------------------

poi dopo le belle intenzioni vengono lasciate impunite tutte le truffe nella nostra Borsa, e sono sempre i piccoli azionisti a perdere i loro risparmi.


Roberto Grittani Commentatore certificato 08.05.13 01:53| 
 |
Rispondi al commento

Per questo ed altri articoli interessanti segnalo:

www.m5snews.it

Frank L 07.05.13 12:15| 
 |
Rispondi al commento

caro signore.
La ringrazio per la sua denuncia forte e chiara di una TRUFFA di inaudita spudoratezza da parte di una compagnia (Unipol) compagnia che sembrava essere di sicura solidità, serietà e onestà.
siamo compagni di sventura: anch'io avevo 1000 azioni Unipol (che avevo comprato anni fa per 1150E); l'autunno scorso, rientrando in Italia dopo un periodo passato all'estero, mi sono trovata con....14 aziono nuove (che valevano mi pare sui 20E) più ...486 azioni Warrant 2013 (non so cosa siano) del valore di ...UDITE,UDITE...4,56 E:
ho perso quindi più di 1000E RUBATI sapientemente dal managenent con la complicità degli organi preposti alla vigilanza.
Ora...chi ha piccole somme che mette in borsa, su aziende "serie" e li tiene per anni, CARI SAPUTELLONI e COMMENTATORI critici, non lo fa per "speculare", ma per conservare il capitale più quel 2-3-4% da coprire l'inflazione annua.
FUORI I NOMI DEI LADRI; ci vuole l'intervento della magistratura, questo è un caso da manuale di appropriazione indebita.
Forza 5stelle!!

mihaela v., bologna Commentatore certificato 07.05.13 11:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cosa sta facendo Unipol? Sta prendendo in giro gli investitori! Semplice!

Marco Pagliani 06.05.13 18:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Investire in un titolo quotato in borsa sarebbe la soluzione migliore, specialmente in questo periodo, per dimostrare concretamente fiducia in un'azienda finanziandola senza farla passare dagli strozzini, più o meno legalizzati, in cambio di una partecipazione all'utile, dividendo, ed ad un accrescimento del capitale investito con l'eventuale
aumento del valore dell'azione acquistata. Tutto questo senza spesa alcuna da parte dell'azienda. Purtroppo...purtroppo siamo in Italia ed invece di approfittare di questa ottima possibilità i ns manager hanno deciso che è più redditizio derubare
subito gli azionisti che sviluppare un processo magari virtuoso. Amen

roberto ferretti 06.05.13 16:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Comprare/vendere azioni è come giocare al Casinò, lasciate perdere.
Saluti

Visiera Verde Commentatore certificato 06.05.13 12:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Come ogni anno sono ricominciati gli sbarchi degli immigrati clandestini che ormai chiedono tutti asilo politico falsificando la propria provenienza.
L'Italia fisicamente non è grande come l'America, e da noi si ha la sensazione che si stia riversando tutta l'Africa; e l ' Europa non vuole condividere i nostri immigrati, gli blocca le frontiere.
BASTA !
BASTA CON LA CITTADINANZA AGLI STRANIERI !
ESPELLETE TUTTI I CLANDESTINI E GLI IMMIGRATI ! RIMPATRIATELI e non solo burocraticamente ma FISICAMENTE con la forza.
GLI STRANIERI CI FOTTONO IL LAVORO, I CONCITTADINI (stupri-prostituzione), IL BENESSERE e di conseguenza IL RINGIOVANIMENTO attraverso la nostra procreazione ;
GLI STRANIERI RIEMPIONO LE NOSTRE CARCERI dandoci problemi con le strutture e a loro conviene xchè in galera hanno vitto, alloggio e tutti i comfort gratuiti a spese nostre.
RIPRENDIAMOCI L'ITALIA !
L' ITALIA AGLI ITALIANI !
INTERCETTIAMO LE IMBARCAZIONI IN MARE fornendo cibo, soccorso medico e carburante per tornare indietro, senza permettergli di toccare terra.
A coloro che chiedono asilo politico ditegli che la stessa prepotenza che usano qui in Italia facendo casini e rivoluzioni ribellandosi, la usassero nel loro Paese per imporre democrazia e libertà.

mida 06.05.13 10:42| 
 |
Rispondi al commento

Non sono d'accordo sul fatto che nella pagina ci sia pubblicita' di giochi d'azzardo on line, mi sembra indecoroso. Grazie ciao a tutti.

Giuseppe Cavaliere 06.05.13 10:39| 
 |
Rispondi al commento

DAiGIORNALI DI STAMANE :
Politica & Palazzo

Stipendi, dibattito M5S
"Maggioranza contro
obbligo di restituzione"

VIVERE CON STIPENDI DA CASTA SI VIVE MEGLIO

MA CARI ELETTI DEL MOVIMENTO 5 STELLE

NON E' PER QUESTO PER CUI SIETE STATI VOTATI

SE IN ITALIA UNO STIPENDIO MEDIO E' DI 1300 EURO ..SE VOI PRENDETE 2500 EURO VI DEVE BASTARE ...

NON COMINCIATE A FARE I FURBI ANCHE VOI ...

COSI' FACENDO PERDERETE SUBITO TUTTO IL CONSENSO CHE AVETE ...CHE E' ARIVATO COSI' COPIOSO GRAZIE A BEPPE GRILLO E ALLA SUA BATTAGLIA INCENTRATA SOPRATTUTTO CONTRO I PRIVILEGI DELLA CASTA DI CUI LO STIPENDIO ESORBITANTE E' L'ESEMPIO PIU' CLAMOROSO e non certamente per la vostra bella faccia che nessuno vi conosce .

RISPETTATE GLI IMPEGNI CHE AVETE FIRMATO PRIMA DI ESSERE ELETTI ...

POSATE L'OSSO ...O ALLE PROSSIME ELEZIONI NESSUNO VI VOTERA' PIU' ...

PRENDETE ESEMPIO DA QUEL DEPUTATO MONTIANO DI LISTA CIVICA ...CHE SI STA MOSTRANDO PIU' GRILLINO DI VOI ...STIPENDIO DI 2.500 EURO E TUTTO RENDICONTATO ...E IL RESTANTE TUTTO RESTITUITO .

francesco siddarta 06.05.13 10:26| 
 |
Rispondi al commento

Ogni giorno non si contano più i suicidi di chi non riesce ad andare avanti e si lascia travolgere dalla disperazione.
Eppure la Casta è rimasta sorda ad ogni appello di sobrietà, moderazione, equità e concretezza.
Ora qualcuno ha osato dire che, se non arriva una veloce inversione di rotta da parte della politica, si rischia che gli episodi di Roma, Perugia, Bergamo, dove la gente arrabbiata ha imbracciato i fucili, possano ripetersi.
Apriti cielo.
Incredibile indignazione dei soliti giornalisti dalla schiena piegata e dei tanti benpensanti italiani.
Vedo solo una grande confusione tra causa ed effetto.
Perchè, cari Signori, la mamma degli ipocriti, purtroppo, qui da noi è sempre incinta.

WWW.FUOCHIDIPAGLIA.IT

Giorgio Paglia 06.05.13 10:10| 
 |
Rispondi al commento

a chi fosse interessato comunico che è nuovamente possibile caricare i propri documenti sul sito del movimento.....

elisabetta s., rieti Commentatore certificato 06.05.13 10:01| 
 |
Rispondi al commento

Caro Roberto Grittani,

hai seguito la regola numero uno degli investimenti in borsa? te la ripeto sotto:

INVESTITE IN BORSA SOLO LA QUANTITA' DI DENARO CHE SIETE DISPOSTI A PERDERE COMPLETAMENTE.

deve essere ben chiaro che un singolo investire in azioni e' come scommettere sui cavalli, puo' andare bene, puo' andare male - mi sono francamente scocciato di vedere la categoria "piccoli azionisti" venire a lamentarsi in pubblico ogni volta che le cose gli vanno male.

se volevi il vantaggio degli investimenti azionari quei quaranta mila euro li potevi divedere su due-tre fondi di investimento analizzando accuratamente la propensione al rischio degli stessi - ma quello solo diminuisce il rischio, anche un fondo investimento puo' andare a zero

Claudio D., Germania Commentatore certificato 06.05.13 09:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

IO VOTO E VOTERO' M5S
Di cosa vi lamentate ?
Sono stati "cattivi" quelli del CDA ?
Cercate solidarietà ?
Non mi interessa
Purtroppo a questo giro è un 2 di PICCHE.
Giocare in borsa è come giocare alle SLOT.
E voi lo sapevate dall'inizio.
Quindi per voi non piango, anzi ve lo meritate.
La prossima volta, se ci sarà una prossima volta,
investite i vostri denari in modo diverso e diretto.
Avrete, almeno il controllo.

CHI TROPPO VUOLE NULLA STRINGE

Giovanni M., Cambiago Commentatore certificato 06.05.13 09:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Anche io ho giocato in borsa quando c erano le lire. Quindi si stava bene a quei tempi.
All' inizio sono riuscito a guadagnare in poco tempo 7 milioni, tempo qualche giorno e ho perso, da quel momento non ho più giocato, ero piccolo e non capivo, dopo quella volta capii tutto, non ho più giocato in borsa, ne ho mai giocato alle slot in vita mia, ed ero piccolo, tu sei grande e non capisci? I guadagni facili non esistono.

andrea renzi 06.05.13 09:13| 
 |
Rispondi al commento

Questo è solo un esempio di furti legalizzati, protetti e imperseguibili grazie alle leggi fatte da politicanti servili e corrotti. Non esiste altro rimedio che l'altra faccia della carota, ma questa è un'altra storia e per altri popoli...

Giovanni M., Lazzate Commentatore certificato 06.05.13 08:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

VORREI SAPERE COSA HA FATTO O STA' FACENDO LA CONSOB PER LA TUTELA DEI PICCOLI AZIONISTI CHE NELLA VICENDA UNIPOL-FONSAI SONO STATI DEL TUTTO MASSACRATI NELLA INDIFFERENZA GENERALE DEL GOVERNO,AUTHORITY,CONSOB ,CORTE DEI CONTI E QUANT'ALTRO.IN TUTTO QUESTO BAILAME I LIGRESTI GODONO !!!!!!!

CAPOCCIA UMBERTO 06.05.13 08:12| 
 |
Rispondi al commento

Ma nel tuo Manuale delle Giovani Marmotte non è spiegato che per essere certo di ritrovare soldini, devi metterli nel porcellino?
Ripassati le regole del "piccolo trader" vedrai che arriverai al capitolo in cui ti spiegano che con l'azionario si può anche perdere... e che quando decidi di acquistare delle azioni te ne assumi dia gli oneri che gli eventuali onori..

Vittorio R 06.05.13 08:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ecco come si truffa la gente e oltre al danno si pigli anche del ingordo. Se, come qualcuno scrive, chi "gioca" con i soldi si deve aspettare di perderli spiegatemi perché sono sempre i piccoli risparmiatori a rimetterci. Io non ho mai sentito di aiuti statali a piccoli investitori ma di aiuti alle banche sempre più spesso, ma le banche non si reggono sul capitale di chi investe ? Mi suona tanto di "Abbiamo vinto" e "Avete perso".
Ma io di alta finanza non ne capisco niente.

Tukko67 aka (acronik-nauta) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 06.05.13 02:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Piccolo investitore grande investitore... ma che state dicendo? Neppure avete la minima idea di cosa ci sia dietro! Quelli che dsitre grandi investitori e li conoscete per nome sono per altri ancora i piccoli e voi che investite siete da loro paragonati a pulcini. Lo sapete che quello che decade questa sera ve lo sveleranno con almeno 48 ore di ritardo? E sapete quanti miliardi passano in 48 ore? Non dicamo fesserie! Vi siete fatti fregare e avete perso, avete preso la mano e state pagando, ora basta! Fatevi furbi perché sarete sempre voi a mantenerli perché quelli vi illudono e arraffano i vostri pochi risparmi. Non gliene frega se morite di fame, vogliono i vostri soldi!
L'unico modo per sfuggire è metterli sotto la mattonella come facevano una volta. Investite in lingottini d'oro e non lasciateli in banca perché avete l'esempio di Grecia e Cypro. Se poi non vi sta bene questo discorso allora armatevi di vaselina. Inoltre: perché investire se i miei soldi saranno usati per mandare in rovina altri? Mettetvi al posto di chi ci è passato e oggi deve elemosinare...magari capirete!

Vulka 06.05.13 02:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sinceramente non me ne frega un bel niente,questo è il rischio di vuole sempre di più.

walter p. Commentatore certificato 05.05.13 23:36| 
 |
Rispondi al commento

Se uno si assume i rischi investendo denaro in un'azienda, deve assumerseli nel bene e nel male. Lamentarsi quando si perde fa comodo a tutti coloro a cui piace "vincere facile".

Daniel 05.05.13 23:15| 
 |
Rispondi al commento

L'investimento in borsa è capitale di rischio.
Rischio significa che se va bene puoi guadagnare molto e se va male puoi anche perdere tutto.
In un portafoglio titoli il capitale di rischio dev'essere una quota minoritaria, secondo la situazione, ma sempre minoritaria, se uno non vuol trovarsi con le chiappe al vento.
Ad esempio, nel caso del sig. Grittani, avrebbe potuto dividere un 40% in titoli di stato, un altro 35% in fondi comuni e un 25% in azioni.
Il risultato sarebbe stato meno positivo nei periodi di "buone soddisfazioni" ma sarebbe stato più costante nel tempo e meno rischioso.
Mi pare un po' troppo comodo lamentarsi quando le cose che rischiamo vanno male, mentre per anni se ne sono incassati i vantaggi.

Detto questo, nella vicenda Unipol ci sono evidentemente dei lati oscuri che devono essere chiariti, ci sono delle responsabilità che devono essere accertate e probabilmente delle colpe che devono essere assegnate perché pare chiaro che la manovra è stata a beneficio del management ed a scapito degli azionisti, facciano un esposto e la magistratura indagherà.

Ma, personalmente, il gatto che piange di fame con il sorcio in bocca, non è quello che suscita la mia compassione.

Marco Rossi PG, Umbria Commentatore certificato 05.05.13 22:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ho dovuto mio malgrado visitare recentemente un agenzia unipol, alle pareti c'erano dei poster con scritto "UNIPOL-CGIL Unico sentire" per poco non mi veniva da vomitare, ma come con quale spudoratezza due entità così lontane e diverse per scopo, la CGIL dovrebbe tutelare semmai i lavoratori ed i consumatori, invece diventa affarista, (per forza nessuno vuole toccare il conflitto di interessi)naturalmente la compagnia assicurativa "rossa" offre un servizio molto più scadente delle altre, ad esempio gli orari di apertura sono uno strano part-time per cui l'utente per ritirare il rinnovo annuale deve chiedere un permesso sul lavoro, mentre le altre compagnie vanno incontro ai bisogni dei loro utenti con orari adeguati. L'unipol non ha bisogno di seguire il mercato ha il suo gregge, è sempre la stessa storia italiana.

Martello B. Commentatore certificato 05.05.13 22:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

due amici al bar:
il primo dice al secondo:
"Giovanni lo sai che Il PD alle comunali di Pomezia candidato uno del Pdl";
e il secondo li risponde:
"E allora dove sta la novità?"
saluti

ANTONIO B., Latina Commentatore certificato 05.05.13 22:26| 
 |
Rispondi al commento

IL M. 5 STELLE PUO' ANCORA SALVARE IL NOSTRO PAESE. CACCIATE BERLUSCONI DAL GOVERNO, CON UNA PROPOSTA DOVE TUTTA LA SINISTRA ITALIANA SARA' AL VOSTRO FIANCO. RINUNCIA ALLA T.A.V. RINUNCIA AGLI AEREI DA GUERRA.QUESTE RISORSE RISPARMIATE SIANO IMPEGNATE PER UN REDDITO MINIMO GARANTITO, E PER LA CASSA INTEGRAZIONE. CHIEDETTE UN NUOVO GOVERNO AL P.D.SU QUESTE PRIME PROPOSTE. SE NOI TUTTI SOSTENIAMO QUESTA PROPOSTA PUO ACCADERE CHE IL P.D.L. VIENE CACCIATO FUORI DAL GOVERNO. AMICI CREDO PROPRIO CHE LE COSE SI METTONO MALE SE UNA FORZA COME IL M.5 .STELLE VUOLE RESTARE FUORI DAL GOVERNO CREDO CHE SIA VERAMENTE IN PERICOLO LA NOSTRA LIBERTA'.POTREBBE ACCADERE QUESTO MIRACOLO SE TUTTI NOI SOSTENIAMO QUETSA IPOTESI DI CACCIARE IL P.D.L. DAL GOV

Frido Sasso, Novara Commentatore certificato 05.05.13 22:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il piccolo azionista è per definizione un risparmiatore.
Molte imprese si sono sostenute coi piccoli azionisti v. per es. Telecom che Prodi incoraggiava diventasse una public company...
Il TFR (trasferito nei fondi pensione che si muovono sul mercato finanziario) non è un risparmio del lavoratore ? (salario differito)
Ma la Costituzione non tutela il risparmio ?
E come lo tutela, facendo derubare i risparmiatori col pretesto che sarebbero avidi o creduloni ?

[Vinkam :-) ], Brescia Commentatore certificato 05.05.13 21:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Interessante intervista di Fazio a John Perkins.

Per me era aria fritta, nel senso che in questi anni ho imparato a sapere queste cose proprio dal blog di Beppe Grillo.

Grande sorpresa del conduttore su questi argomenti.
E gli fa 1000 salamelecchi:
giusti secondo me (bravissimo Perkins):

Peccato che poi Fazio non perda occasione per tirare frecciatine sul populismo e la possibile deriva violenta di certi movimenti....

Ecco l'intervista:

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-e5502ccc-0be7-4c63-a1ba-a5386f6518bf.html

Alessandro L., Firenze Commentatore certificato 05.05.13 21:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

anche se è indispensabile alla sopravvivenza, il denaro è la radice di tutti i mali! Certo che la narrazione che ho appena letto è di una gravità inaudita.

vera m., roma Commentatore certificato 05.05.13 21:08| 
 |
Rispondi al commento

Chi ha investito in unipol non ha messo i soldi in azioni a rischio . Il problema e quello che è accaduto dopo che è un po' fuori dai canoni tradizionali e non è giusto colpevolizzare chi aveva investito su un titolo sicuro e non speculativo

Riccardo Garofoli 05.05.13 20:53| 
 |
Rispondi al commento

Ti è andata bene, credo che tu legato con pci, hai investito in Unipol, e ti hanno fregato una volta, , ma a noi piccoli ex investitori che abbiamo investito in MPS, non provenienti dal pci, ci hanno fregato due volte

pietro abiuso 05.05.13 20:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Trovo del tutto errato giudicare chi ha investito
Unipol era nel mercato ed era un buon investimento
Poi ha fatto ( shopping ) quanto volontario non lo so
Ha acquisito la Sai che a me pareva più grande di unipol a condurre il gioco era medio banca forse e tutto a Norma di Legge ma intanto la magistratura lavora su una buona uscita della famiglia ligresti per 45 milioni dietro c'è un bel casino ora non so se consob come si è dichiarata
Il solito casino italiano per fregare i polli di turno i piccoli azionisti che sono gli unici a mettere i soldi veri

Riccardo Garofoli 05.05.13 20:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

la verita in economia
***************************************

http://www.keinpfusch.net/2013/05/la-pera-rivista.html

************************************

dario f. 05.05.13 20:38| 
 |
Rispondi al commento

la verita in economia
***************************************

http://www.keinpfusch.net/2013/05/la-pera-rivista.html

************************************

dario f. 05.05.13 20:37| 
 |
Rispondi al commento

Quello che è accaduto e la solita storia i piccoli azionisti sono i polli da spennare
Unipol a acquisito la fonsai con la mediazione di medio banca che è deteneva quote delle due forse unipol e stata sovrastimata e l acquisizione ha avuto problemi con il gioco delle tre carte hanno spolpato i piccolo azionisti che forse sono gli unici che hanno messo soldi veri mentre i controllori hanno messo a segno un bel colpo

Riccardo Garofoli 05.05.13 20:31| 
 |
Rispondi al commento

il nuovo ministro dell'integrazione mi sembra cominci a dire parole in libertà. Intendiamoci: pienamente favorevole a dare la cittadinanza italiana ai figli di immigrati nati in Italia, purchè i genitori dimostrino di essere stabilmente in Italia da un congruo periodo. Invece ritengo assolutamente non possibile eliminare il reato di clandestinità ma di trovare adeguati strumenti per garantire che l'Italia non sia invasa da milioni di stranieri senza dimora e lavoro che ovviamente sarebbero costretti a delinquere a scapito della sicurezza dei cittadini. Che ne pensate?

andrea conte 05.05.13 20:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cioè ..

Dopo il palese meccanismo di speculazione ed arricchimento bancario universale dato dalla riserva frazionaria e scarsa liquidità ( che ha permesso con la complicità statale di creare soldi dal nulla ed a debito ).. mi stupisco che ci sia ancora qualcuno chi si lamenta per aver "nutrito" stupidamente tale meccanismo rovinoso per la collettività e per il semplice desiderio di un guadagno facile ..( "se c'è uno che fa debito , dall'altra parte c'è un credito" )

44.000 ... eurini in cosa si sarebbero dovuti trasformare ..? in milioni senza muovere un dito ?

e questo succede perchè la maggior parte di chi pensa di fare affari d'oro senza muovere un dito , non sa neanche come è strutturato un sistema bancario , che , come già detto , crea denaro dal nulla permendo un tasto con una liquidità solo del 2% ..

non mi fate pena

Tms S. Commentatore certificato 05.05.13 20:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questa è l ' ennesima truffa . In tv non ho mai sentito di una storia del genere , dove sono i giornalisti , dove sono i magistrati , dove sono le persone che devono vigilare . Non so se il M5S possa tenere testa ad un meccanismo cosi ben costruito fatto di corruzione e malaffare . Ci sono voluti decenni per trovarci in questa situazione , la colpa e di noi tutti che per anni siamo stati ipocriti e menefreghisti . Abbiamo anche visto che neanche con il voto si può cambiare , non so dove andremo a finire

Giovanni 05.05.13 19:57| 
 |
Rispondi al commento

concordo con Alessandro chi investe in azioni sa che è come giocare d'azzardo se non hai voglia di perdere soldi non li investi in azioni.... poi sono d'accordissimo con grillo che sti manager vanno sterminati ma questo è tutto un altro discorso.....

alex dallara 05.05.13 19:55| 
 |
Rispondi al commento

io penso che uno non può investire 44000 euro in un titolo azionario e poi lamentarsi se crolla. Significa affidare quella somma al direttore di una azienda che non conosci e che fa quel mestiere solo in virtù delle sue amicizie.

Alessandro Crapanzano Belfast Commentatore certificato 05.05.13 19:48| 
 |
Rispondi al commento

bravo Roberto, j'hai detto er fatto loro j'hai.
Mi dispiace che il bobbolo tajano non venga erudito fin dalle elementari su come vada la vita qui in taja ed anche io dovetti apprenderlo amaramente a mie spese, col passar degli anni.
Ora anche tu hai capito cosa significa far parte del cosiddetto parco buoi.
Per quanto riguarda le azioni, tu ora potrai consigliare ai tuoi nipotini di comprarle qui in taja, solo se si ha la possanza di averne il 51%, non essendoci un minimo di rispetto e di decenza e non essendoci pubblic company come negli states, a parte enel ed eni, che comunque non credo abbiano gli stessi controlli.
Stammi bene e ricordati, che siccome nulla si crea e nulla si distrugge, se qualcuno si è smarrito 50.000 euri qualcun'altro, molto più potente, se li è incamerati.
Certo altra cosa sarebbe stata se tu avendo amici nei vari consigli di amministrazione avessi ricevuto una telefonatina con il consiglio di vendere una settimana prima che ti stessero smarrendo.

fracatz 05.05.13 19:23| 
 |
Rispondi al commento

Unica soluzione é stampare soldi come ha fatto la Francia ed il resto del mondo, in Giappone hanno fatto così e dopo esser ripartita l' economia e hanno iniziato ad avere depositi in banca si comprano i nostri titoli di stato che riscuoteranno con gli interessi mentre da noi non si sa come pagare i cassa integrati e tutto il resto.

Siamo un popolo di coglioni governati da politici in malafede.

Giuseppe D. Commentatore certificato 05.05.13 19:13| 
 |
Rispondi al commento

La migliore azione sulla quale investire nel futuro, ammesso e concesso che un futuro possa esistere, salute permettendo, è quella della coltivazione delle patate....e chi vuole intendere, intenda!

Stefano B. Commentatore certificato 05.05.13 18:41| 
 |
Rispondi al commento

ci sarà qualcuno tra i nonni, i padri e i figli che riuscirà a vedere la diminuzione del numero
dei parlamentari. ???????

italo g., vicenza Commentatore certificato 05.05.13 18:03| 
 |
Rispondi al commento

Datemi pure del visionario ma non puo' continuare cosi' dove il 90% della popolazione mondiale e' solo carne da meacello e di sfruttamento del restante 10%. Non credo che manchera' molto ad un nuovo 1793! Le brioches non bastano piu'! Chi vuol capire il riferimento storico avra' gia' intuito! Spero che il 2013 sia veramente l'anno dove entità' aliene vengano a riporre un nuovo ordine mondiale di pace e benessere per tutti e che chi non si adegua verrà inesorabilmente eliminato!
Salute a tutti!

Carlo Emanuele, Venaria Reale (TO) 05.05.13 17:50| 
 |
Rispondi al commento

E' ora di chiudere! L'investimento finanziario è solo speculazione, la borsa ha finito di essere strumento di investimento per lo sviluppo delle imprese. Questo sistema finanziario sta' svotando la ricchezza mondiale sostituendo il valore dei soldi con azioni il cui valore inflazionato alla fine sarà prossimo allo zero ma consentirà ai burattinai incassi immaginabili e certamente non otteneibili con il lavoro. Il lavoro che viene sempre più a mancare viene sostituito con queste forme di investimento a giovamento dello sfruttamento di molti per l'arricchimento di pochi; alla fine vi troverete in mano un pugno di foglie secche mentre chi vi ha preso per il culo sarà doppiamente ricco perché con la vostra povertà il suo potere sarà infinito. Un popolo senza lavoro è un popolo povero un popolo povero può essere manovrato a piacere: "carota e bastone"!

Paolo Andrea 05.05.13 17:30| 
 |
Rispondi al commento

Lascia perdere. La Borsa è una delle tante truffe in atto. Per guadagnare con le azioni occorre un presupposto ce il solo fatto di doverlo citare evidenzia la "truffa". Per guadagnare occorre che il titolo che io o altri comperano cresca all'infinito.
E' lo stesso concetto del PIL ed entrambi i concetti nascono dalle medesime menti bacate. Nessun titolo potrà crescere all'infinito e nessun PIL potrà crescere all'infinito. E già da questa considerazione tu capisci la fregatura in atto, con la benedizione l'omertà e la complicità unita alla stupidità di coloro che non fanno informazione analitica. Chi ti scrive è un ex consulente finanziario che si è cancellato dall'albo per il disgusto verso quel sistema. Piuttosto che azioni i soldi spendili in viaggi o per fare shopping o al ristorante. Persi per persi almeno ti sarai goduto. In bocca al lupo. Anzi ai lupi!!.

Roberto A., Verona Commentatore certificato 05.05.13 17:05| 
 |
Rispondi al commento

Le assicurazioni la fanno da padrone, grazie ad interventi normativi che stranamente le favoriscono sempre, a partire da quando hanno liberalizzato le tariffe.
Infatti prima le tariffe auto dovevano essere vidimate dallo stato, che evitava ruberie a danno degli automobilisti, oggi invece fanno quello che gli pare ed i risultati sono sotto gli occhi di tutti.
Una cosa che sta passando inosservata è l'eliminazione delle carrozzerie indipendenti: oggi le compagnie hanno deciso che grossa parte dei risarcimenti deve essere risarcita dal proprio assicuratore, e non da quello che ha causato il danno, sicché il danneggiato che si rivolge alla propria compagnia viene invitato a recarsi presso delle carrozzerie convenzionate, con la promessa addirittura di buoni carburante in omaggio, ed il carrozziere non convenzionato resta a guardare. La corte europea ha stabilito che tali impianti commerciali alterano il mercato della concorrenza e sono vietati, infatti in Inghilterra hanno mietuto parecchie carrozzerie. Quelle convenzionate, poi, strozzate sul prezzo (grossi flussi di clienti senza sforzo, ma non regala niente nessuno), spesso sono costrette a riparare rinunciando a buoni canoni di qualità o con l'uso di ricambi non originali.
Vi sembra normale?

Domenico Bellavia 05.05.13 16:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sinceramente non ho mai avuto una grande ammirazione per chi investe i soldi sulla speculazione guadagnando senza produrre nulla, meglio investire direttamente su attività lavorative produttive o utili per il bene comune.

paolo a., Brescia Commentatore certificato 05.05.13 16:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'Unipol è figlia del pd,delle cooperative rosse, delle truffe ai danni degli azionisti.Denunciamo tutto alla magistratura e all'Europa.Usciamo dall'Unipol.Boicottiamola.Garzie

ANTONIO B., Latina Commentatore certificato 05.05.13 16:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono tentato di fare una causa a L'Unità, giornale letto e diffuso per tanti anni. Il giornale fondato da Antonio Gramsci è oggi diretto da un signore che consente che sul giornale,si scrivano bugie.Quella per esempio di continuare a dire che il mancato accordo tra pd e movimento 5 stelle sarebbe solo colpa del secondo.Perfino la deputata del pd marina sereni non concorda con lui,al punto che a Porta a Porta h detto"ma quale accordo e accordo con Grillo,
volevamo solo che ci dessero i voti per fare il governo Bersani". La verità è che nel pd si è compiuta una operazione che neanche il più bravo dei democristiani sarebbe riuscito a realizzare. Gli ex dc piano piano sono entrati nel pd e se ne sono impadroniti.Tira oggi che tira domani il pd ormai è un partito democristiano,con tante correnti e gruppi,disposti a tutto pur di governare.Al punto che hanno formato un governo con il loro peggior nemico: silvio berlusconi. E cosa non hanno detto in questi ultimi 20 anni su berlusconi.Hanno detto di tutto,fatto poco ma parlato tanto.E dunque caro direttore del giornale di Gramsci la smetta, la guerra è finita,beva un po di te verde,mangi la papaya, faccia un po di sport. L'accordo non lo avete voluto voi.Se avessimo fatto un accordo,il pd non sarebbe stato in grado di sostenerlo ne di difenderlo.Laprova è la fine che avete fatto fare a Marini e a Prodi,facendo tutto da soli.Io davvero sto pensando più ad una causa perchè il mio lavoro fisico e intellettuale,le domeniche passate a bussare ai campanelli avevano un senso e un valore,e voi lo avete tradito sfruttando il mio impegno gratuito..Mio e di milioni di altri militanti del PCI. In pratica vi siete fatti i cazzi vostri. E QUESTO NON VA BENE. Saluti

ANTONIO B., Latina Commentatore certificato 05.05.13 16:10| 
 |
Rispondi al commento

Roberto su col morale che quando ti toglieranno la casa ti faranno lo sconto dai Boscolo Hotel ......

Tania landi Commentatore certificato 05.05.13 15:38| 
 |
Rispondi al commento

In Italia il concetto di banca è troppo spesso legato ai guadagni dei dirigenti e alle perdite dei piccoli azionisti o correntisti. La gestione nell'interesse pubblico di un settore tanto importante dovrebbe essere una priorità. http://lucafiordelmondo.blogspot.it/

Luca Fiordelmondo 05.05.13 15:38| 
 |
Rispondi al commento

Vecchia storia questa degli investimenti a rischio. Quando vanno bene incassando buoni dividendi tutti contenti appena vanno male si incomincia a frignare. Peronalmente in banca mi hanno sempre spiegato il significato di rischio e non mi hanno mai obbligato a rishiare contro la mia volontà. Qando un il titolo va male o perdete parte dei soldi o aspettate che risalga....se risalepiangee non serve.

giacomo piccirillo 05.05.13 15:32| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna assolutamente proporre una legge per le class action sul modello del sistema statunitense, e comunque concordo con molti sul fatto che non bisogna investire in qualsiasi cosa che non sia sicura, tipo titoli di stato indicizzati all'inflazione italiana. Beppe Scienza docet.

ivan i. Commentatore certificato 05.05.13 14:59| 
 |
Rispondi al commento

Le banche occidentali stanno andando tutte a puttane per il semplice fatto che, con la scusa dei derivati o di investimenti creativi, i manager RUBANO una sacca di soldi (MPS docet) e sversano i restanti in direzioni politicizzate.

Quando si fa un investimento ci si affida a qualcuno che dovrebbe fare i nostri interessi ma ci siamo mai chiesti cosa succede se invece ruba i soldi (e non scappa nemmeno)? NULLA!!
Truffare in finanza creativa è quasi lecito grazie ai tempi di prescrizione e pene irrisorie rispetto ai danni: la truffa è economicamente molto conveniente.

A fronte di una lunga serie di spudorate truffe finanziarie di dimensioni colossali non so come possa esistere una tale ingenua fiducia così simile a Pinocchio nei confronti del Gatto e la Volpe che promettevano l'albero delle monete d'oro.

Per chi non l'avesse ancora capito il gioco in borsa è molto simile al poker e come disse Amarillo Slim: "Se nella prima mezzora non capisci chi è il pollo, allora il pollo sei tu".

I soldi spendeteveli tutti, così ve li godete voi e non il vostro consulente biscazziere/finanziario e in questo modo fate anche girare l'economia :)

p.s. l'iniziativa M5S a sostegno degli azionisti è giustissima però bisognerebbe anche esplicitamente mettere in guardia gli italiani dagli squali della finanza (chiudere la stalla quando le vacche son scappate non serve a niente).

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato 05.05.13 14:46| 
 |
Rispondi al commento

Il brutto di tutto questo è che Beppe ha sempre avvisato tutti! Anni fa lui stesso disse di levare i soldi dalle banche perché l9i avrebbero persi, ma tanti gli risero dietro ed ora si mangiano le balle perché li hanno sì persi! Allora: Beppe è un comico ma è anche una persona sincera e seria, al contrario di quelli che ancora stanno mantenendo là dentro un ciarpame con aiuto di una casta che tra non molto salterà! Avrebbero dovuto saltare tempo fa, ma le truffaldine coalizioni (associazioni a delinquere prememditate) hanno variato ogni cosa. Quanti miliardi ha passato MPS alla JPMorgan? E quanti altri alla Lehman? Soldi degli italiani però nerssuno ha mosso un dito per esportazione abusiva di capitale! Come mai? Chi muove certi fili?
Continuate a credere che gli asini volano...

Vulka 05.05.13 14:40| 
 |
Rispondi al commento

I mercati internazionali sono movimentati solo dalle dark pools e da algoritmi dei computer delle Banche d'affari.
L'eventuale crescita del mercato si deve solo alle iniezioni di liquidità ovvero stampa moneta virtuale meglio conosciuta come QE quantitative easing o Ltro riversata sui mercati finanziari (di certo non nei conti delle pmi).
I fondamentali delle aziende non hanno affinità rispetto al prezzo in quanto il mercato e manipolato da pochi(piattaforme over the counter e hedge found).
Le operazioni societarie tipo gli aumenti di capitale sono dal principio operazioni in perdita perche' l' obiettivo non e'quello di investire i capitali freschi per aumentare gli utili in futuro bensi' serve per raccogliere dai piccoli e medi azionisti liquidità a copertura di debito o per colmare imminenti buchi.
Cosa voglio dire? Che il mercato e finto e comunque sfavorevole per chi non comanda il gioco il piccolo azionista ne tragga le conclusioni .

FRA S., Trieste Commentatore certificato 05.05.13 14:33| 
 |
Rispondi al commento

c'è da ricordare che lUNIPOL ha comprato la BIPOPCARIRE famosa per aver derubato tutti i piccoli azionisti in accordo con chi doveva sorvegliare e non lo ha fatto QUINDI cosa ci si poteva aspettare?

massimiliano marzini, cecina (livorno) Commentatore certificato 05.05.13 14:22| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
AVANTI COSI' MOVIMENTO 5 STELLE,CHE L'AFFARE UNIPOL NON PASSI INOSSSERVATO
ALVISE

alvise fossa 05.05.13 14:19| 
 |
Rispondi al commento

sono un dipendente delle ex Fondiaria-SAi (ora Gruppo Unipol) prima che la famiglia Ligresti facesse "man bassa" avevo qualche soldo per eventuali "piccole emergenze" investito in azioni FonsaI. Orbene, oggi mi ritrovo ad essere dipendente Unipol e quelle poche azioni che avevo, una volta "accorpate", sono diventate 4 (3 ord. e 1 a risp.) -.-

Tommaso G. Commentatore certificato 05.05.13 14:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma con tutti i problemi che abbiamo ci dobbiamo preoccupare se Lei o altri hanno perso soldi in borsa?
Ma chi se ne frega!
Io mi chiamo Domenico Nucci e per guadagnare qualcosa ho sempre dovuto lavorare.
Ma poi chi se ne frega di Unipol!

Domenico Nucci 05.05.13 13:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

mi spiace signor Grittani, doveva far tesoro degli spettacoli di Grillo in cui ripeteva la pubblicità della coop: LA COOP SEI TU....non è vero , diceva Beppe , sono ancora loro e peggio degli altri, come i fatti hanno poi dimostrato e dimostrano, purtroppo

GUIDO BOSATELLI 05.05.13 13:48| 
 |
Rispondi al commento

Chi investiva su unipol solitamente andava anche a friggere alla festa dell'unità. Lo faceva perchè credeva nelle maglifiche sorti e progressive del PD. Adesso dopo aver fritto e rimesso soldi si sono resi conto di aver portato i soldi con le orecchie a b. Ma M5S non li lascia soli, anche se lo meriterebbero

Cbrandoli 05.05.13 13:48| 
 
  • Currently 3.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ancora si gioca in borsa? era il 1998 quando ho perso i miei 7 milioni di lire ed ho capito che:
la Consob non serve a nulla, tanto meno Banca d'Italia, scoprendo poi che le azioni e il mercato borsistico sono gestitti da un pool di manager che a colazione in video conferenza decideranno cosa deve accadere. Poi dopo tutti questi scandali delle banche e dei mercati, vedo che c'è gente che ancora insiste. Ora visto la scorrettezza evidente nella gestione dei mercati azionari, sentire qualcuno che rivuole indietro i soldi persi fa solo ridere. Lei ha voluto giocare alla roulette russa e ora che pretende??

riccardo todini (rick69), roma Commentatore certificato 05.05.13 13:36| 
 |
Rispondi al commento

il video è stato rimosso dall'utente

Davide Pamio, Scorzè Commentatore certificato 05.05.13 13:34| 
 |
Rispondi al commento

sarà tutto giusto, ma 44K€ io insieme non li ho mai visti e se uno li ha e li vuole mettere nella assicurazione dei comunisti vuole dire che li ha pootuti guadagnare e li ha voluti perdere

franco f. Commentatore certificato 05.05.13 13:11| 
 |
Rispondi al commento

La mia modesta opinione è : lasciamo perdere il desiderio di arricchire con mezzi rischiosi come azioni, speculazioni in borsa e altre cose , l'amore del denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose e rincorrendo dietro a questo desiderio molti si sono procurati molte pene , dobbiamo tornare a una vita sobria , cioè avendo di che nutrirci e coprirci una famiglia unita dove regna amore cordialità di queste cose saremo contenti . Il sistema è marcio da anni a tutti i livelli , rovesciarlo pacificamente è possibile ma ci vorranno molti anni , io farò la mia parte , ciao a tutti

andrea ., arezzo Commentatore certificato 05.05.13 13:10| 
 
  • Currently 4.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 17)
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'ennesima porcata italiana:non è che Unipol abbia dovuto rifinanziare anche MPS vista l'area politica di appartenenza?chissà...

Filippo Mariottini, Castel San Niccolò AR Commentatore certificato 05.05.13 13:07| 
 |
Rispondi al commento

Tiri via i soldi dalla banca e li metta sotto una mattonella. Non ha capito che li ha dati a ladri di professione?
Vedrà quando inizieranno a sequestrare case e ditte di privati, cosa che ormai è troppo vicina. Poi passeranno alle banche che compreranno a poco e rivenderanno a tanto.
Biosgna nazionalizzarle altro che sostenerle!

Sauro 05.05.13 13:05| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori