Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Vergogne d'Italia

  • 172

New Twitter Gallery

italia_sprofonda.jpg
"La mia azienda è fallita non solo per le tasse. Ma anche a causa di "delinquenti" che commissionavano lavori che poi alla fine non pagavano. Mi sono scontrato con gente che col sorriso stampato in faccia diceva "Io non ti pago, fai quello che vuoi". Allora ti rivolgi ad un avvocato (che costa) per portare avanti cause (che costano) che si risolveranno nel giro di qualche anno (si spera). Qualche anno, sì! Nonostante tu abbia tutte le ragioni del mondo! E lo Stato cosa fa? Se ne frega e ti dice: "Caro mio tu hai fatto delle fatture e su queste devi pagarci le tasse, versare l'Iva ecc ecc. Se non hai incassato sono affari tuoi". Questa è l'Italia signori. L'Italia di cui mi vergogno." Marco Rossi

27 Mag 2013, 00:00 | Scrivi | Commenti (172) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 172


Tags: fallimento crisi, fatture, iva, Marco Rossi, PMI

Commenti

 

bon lavore per Beppe Grillo e piacere de vostro MOVIMENTE CINQUE STELLE ITALIANO cittadini brave grasie per tuo comente pulite on courage a tous con la pace zenza violenza arrivamo al futuro de nostres famiglies Cordialmente Salute

frattallone michele 24.06.13 22:26| 
 |
Rispondi al commento

hai ragione al 1000% !!!
e quando fai causa in pratica non e' chi non paga che deve dimostrare perché non vuole pagare, ma SIAMO NOI a dover dimostrare di aver diritto al pagamento ! ( tanto il suo lo Stato se lo e' preso...quindi ... )

gianni catalanotto 28.05.13 21:43| 
 |
Rispondi al commento

Vergogne d'Italia ? Cosa ne pensate di questa :
LA CASTA DEI GENERALI. Già i numeri crudi, di per sé, parlano. Tra Esercito, Marina e Aeronautica ci sono 425 generali per 178 mila militari. Negli Stati Uniti sono in 900, il doppio, ma guidano un comparto che con 1.408.000 uomini è quasi dieci volte quello italiano. Per dire, noi abbiamo più generali di Corpo D'Armata, 64, che Corpi d'armata, circa una trentina. In Aeronautica 20 generali di Divisione per tre divisioni effettive. "Ad essere generosi, in Italia basterebbero 150 generali per svolgere gli stessi compiti", scrive Andrea Nativi nel rapporto 2011 della Fondazione Icsa, che si occupa di Difesa e intelligence.

E così siamo arrivati al punto, paradossale, che i comandanti sono più dei comandati: 94 mila ufficiali e sottoufficiali, 83.400 uomini e donne della truppa. Nei prossimi due anni il personale, civile e militare, sarà tagliato di 8.571 unità. Entro il 2024, si legge nel testo del ddl di revisione appena approvato dal Senato, i 178 mila (somma di graduati e truppa) scenderanno a 150 mila. Ma i generali no, loro non si toccano. Perché avere la greca sulla spallina significa godere di uno status privilegiato. Significa uno stipendio annuale da 120 mila euro per i generali di Corpo d'armata (quelli col grado più alto, le tre stellette), circa 7 mila euro netti al mese. E si ha diritto all'alloggio di servizio gratuito nelle zone migliori della città, al telefonino, in alcuni casi all'autista (l'anno scorso sono state acquistate dalla Difesa 19 Maserati per gli alti ufficiali), a soggiorni low cost a Bardonecchia o a Milano Marittima. Significa attraversare le sforbiciate della spending review e uscirne illibati.

Antonio Merce 28.05.13 13:53| 
 |
Rispondi al commento

L'esempio citato è lo specchio di una Italia che si caga sotto quando l'Europa ci critica o ci sanziona. E si fa beffe di quasi tutte le norme civili e fiscali vigenti in Europa. E allora mi chiedo: o in Europa ci siamo per COMPORTARCI secondo regole comuni o ne usciamo! Sembra semplice. Ma, ancora una volta, le cose semplici, guarda un po', sono le più difficili. Solo parlare è facile. Come dover pagare Caio, tuo debitore, perchè Caio (lo Stato) ha il potere di non darti i soldi e, al tempo stesso, quello di punirti per i soldi che devi magari a suo cugino (la Regione); il quale sua volta si comporta nello stesso modo con te perchè è dal Comune che ecc..

Michele Marin 28.05.13 00:34| 
 |
Rispondi al commento

Il diavolo veste Prada, ma i brutti, vecchi e grassi no. Il vero business il mercato parallelo delle grandi Firme, chi lo gestisce? 10.000 uomini multirazziali arruolati per vendere i falsi
Ne saprete delle belle sul conto della Maison Prada: rivelazioni confidate da suoi collaboratori con cui ho avuto a che fare, subendo un danno incalcolabile: 12 milioni il danno fittizio per difetto per inadempienza contrattuale da aggiungere al danno morale, questa la motivazione per cui chiedo Giustizia. Castigato perchè non ho mai ceduto alle loro regole tangentizie.
Investimenti di Luna Rossa per la 32°America's Cup 2000:Il diavolo veste Prada, ma i brutti, vecchi e grassi no. Il vero business il mercato parallelo delle grandi Firme, chi lo gestisce? 10.000 uomini multirazziali arruolati per vendere i falsi
Ne saprete delle belle sul conto della Maison Prada: rivelazioni confidate da suoi collaboratori con cui ho avuto a che fare, subendo un danno incalcolabile: 12 milioni il danno fittizio per difetto per inadempienza contrattuale da aggiungere al danno morale, questa la motivazione per cui chiedo Giustizia. Castigato perchè non ho mai ceduto alle loro regole tangentizie.
Investimenti di Luna Rossa per la 32°America's Cup 2000:Il diavolo veste Prada, ma i brutti, vecchi e grassi no. Il vero business il mercato parallelo delle grandi Firme, chi lo gestisce? 10.000 uomini multirazziali arruolati per vendere i falsi
Ne saprete delle belle sul conto della Maison Prada: rivelazioni confidate da suoi collaboratori con cui ho avuto a che fare, subendo un danno incalcolabile: 12 milioni il danno fittizio per difetto per inadempienza contrattuale da aggiungere al danno morale, questa la motivazione per cui chiedo Giustizia. Castigato perchè non ho mai ceduto alle loro regole tangentizie.
Investimenti di Luna Rossa per la 32°America's Cup 2000:
Investiti da Prada 180 miliardi delle vecchie lire e dichiarati solo la metà, da dove proviene l'altra metà, ovvero gli altri 90 miliardi?

Zanotto Franco 27.05.13 21:47| 
 |
Rispondi al commento

Quando la gente ti proponeva di entrare nel governo con il PD, lo suggeriva perche' cosi si potevano cambiare le cose. Chi ti proponeva questo era gente simpatizzante del movimento. Volevamo cambiare e fare leggi dalla parte dei cittadini. Peccato. La storia insegna che stando all'oposizione si ottiene poco o niente.

Guido Frezza 27.05.13 20:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

PREVISIONI AZZECCATE
A volte mi dispiace di più avere ragione che non averla.
Se andate a leggere tutto quello che ho scritto riuscirete a capire il perchè del flop dei 5 stelle.
Sugli eletti non si avevano grosse speranze, ti immagini su chi puoi trovare in internet.
Sui “GURU” si poteva avere qualche speranza in più, ma era fiducia mal riposta, oggi ne abbiamo ulteriore conferma.
Ho consigliato più volte di rivolgersi a qualcuno con le palle, ma è sato tutto inutile. Ci voleva qualcuno con una certa morale, buone idee, e con tanta grinta. Avrei dato volentieri una mano.
Mi dispiace per Grillo, ma a settembre quello che non ci sarà più sarà lui e chi è con lui. In queste cose non si può illudere e pensare di guadagnarci o farla franca. Ritorni a fare il comico, forse qualcuno lo ascolterà ancora, sempre che faccia ridere e non piangere come stà facendo ora.
Certamente io e quelli che sono con me non voteranno più dilettanti allo sbaraglio, sbagliare è umano, ma perseverare è diabolico.
Auguri, a Grillo ricordo che già i romani dicevano “CARPE DIEM”, in Liguria dicono che chi dorme non piglia pesci. Questa è l'amara realtà.

giorgio pastoris, viverone Commentatore certificato 27.05.13 20:42| 
 |
Rispondi al commento

caro Marco, purtroppo qui da noios, in taja, essendo tutti cattolici di grande pratica, esiste il condono confessionale ed anche il più farabutto dei ladri in punto di morte si confessa e va in paradiso.
Grande colpa la hanno proprio gli imprenditori come te, me lo ricordo benissimo, che quando si votava si alzavano presto e correvano al seggio a votare DC. Così per gli onesti (il 30%) non restava che votare pci con grande nocumento per la formazione cervicale del favoloso bobbolo tajano, così col passare degli anni la situazione si è incancrenita demandando ai politici di professione (in genere tutti pratici di giurisprudenza) il compito di legiferare e cosa potevi aspertarti se non un aumento stratosferico di privilegi castiali gravanti sulle spalle di quei quattro miseri addetti alla produzione del vero reddito nazionale.
Mi spiace che ora anche tu sia rimasto vittima di quei grandi cervelloni generati dalla DC e dai suoi degni eredi e che sei dovuto entrare a far parte come noios di quel 90% che lo prende in culo quotidianamente dal 10% ed il tutto proprio per la scarsa potenzialità cervicale del favoloso bobbolo di cui facciamo parte

fracatz 27.05.13 20:00| 
 |
Rispondi al commento

http://www.pagamento30giorni.confartigianato.it/Pages/Default.aspx

mazzo 27.05.13 19:56| 
 |
Rispondi al commento

Non voglio crarne un dramma, ma da artigiano, capisco tutte le situazioni che spingono imprenditori e altri artigiani come me a dire basta e chiudere la propria attività. La situazione impossibbile che si è creata in italia è che per far si che lavorino i soliti Noti si è inventata una burocrazia infinita, senza scopo, con obblighi inadempienti sopratutto se sei autonomo. Si parla della burocrazia che spinge imprenditori ecc. a spendere o investire su cose che in altre parti d' europa non esistono, su enti che dovrebbero tutelarti e garantire per te pensioni sanità e servizzi che sappiamo bene che non avremo mai, visto le circostanze, buttare soldi in tasse, iva e contributi ogni tre mesi quando in europa si paga tutto in unica soluzione a fine anno, quello che hai guadagnato paghi. In Italia siamo, per mio dispiacere, la patria delle conformità, unificazioni incontrollate, perchè ogni 2 o 3 giorni ne esce una nuova, lo studio di settore che ti dice quando devi guadagnare e quante tasse devi pagare anche se non rientri in quello studio, siamo quelli che puntano sulla sicurezza non aumentanto i controlli dentro le aziende o nei cantieri ma aumentanto la quantità di carte da riempire, siamo il paese dei PSC POS PIMUS DURC SOA che hanno fatto si che lavorassero solo le aziende che pagano le mazzette allo STATO, i grandi evasori e quelli che sfruttano le piccole imprese e poi non le pagano, siamo il paese che invece di tutelare una azienda, che porta beneficio al paese, la tassiamo e ritassiamo perchè la CASTA deve prendere gli stipendi. HO poche parole buone per questo paese che ogni giorno affonda sempre più, grazie ai soliti che ci governano, siamo stufi, parlo per me, di rendere conto a quelle persone, che hanno fatto si, che extracomunitari e comunitari, possano aprire attività, rompere i mercati, non pagare le tasse, prendere sussidi a persona e non a famiglia, gli danno le case popolari per non pagare gli affitti. E ADESSO CHI PAGA!! Se chiudono tutti!!!

Diego Piero Giusti, Avezano AQ Commentatore certificato 27.05.13 19:55| 
 |
Rispondi al commento

Della tua situazione ringrazia gli italioti.

virgovd 27.05.13 19:17| 
 |
Rispondi al commento

In 10 anni di attività ho perso circa 50 mila euro ed anche io ho chiuso

Antonello M. Commentatore certificato 27.05.13 19:15| 
 |
Rispondi al commento

e già.... e pensare quando la ditta che ti deve pagare a 90 giorni ti chiede il DURC e l'imps non te lo da per contributi non versati a causa della stessa ditta che te lo chiede.....paradosso dell'induzione al fallimento con recupero credito coatto da parte di equitaglia, morale non ci danno neanche la possibilità di lavorare ....

dario blasi 27.05.13 19:11| 
 |
Rispondi al commento

Capisco benissimo il problema, ma tu lo vieni a dire a questi qua di grillo ? Io li avevo votati proprio perche' potessero portare proprio queste ragioni, ed invece cosa fanno ? Gli pseudo dittatori, i giochini e, di fatto, gli sfacia tutto.
Roba da matti !!.

Carletto Carlini Commentatore certificato 27.05.13 19:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Comunque vada avete il mio sostegno.Pero dovete cambiare imparare di piu ascoltare la base.Capire che e una cosa a fare comizi e mandare tutti a vaffa e un altra cosa scegliere il sindaco che deve essere capace a rispondere alle necessita della gente, cambiare una lampada chiudere un buco stradale.Dovete essere sopra interesse del blog e dare risposte alle esigenze dei cittadini in tutti modi Non fare bambini capricciosi con quelli non parlo con quelli non faro alleanze e cosi via.cambiate cambiate cambiate

mihail rossi 27.05.13 19:01| 
 |
Rispondi al commento

Sono uno dei svariati milioni di troll, ne hai mandati tanti di vaffa e tra i tanti ne ho tenuto uno per te e gli eletti. Ora guardi le classifiche al contrario, lo sai perche? per l'enorme aiutum ad Berlusconem che hai datum, resuscitandolum, ti hanno scoperto mascherino e continua la sceneggiata con i psiconano, tappo.....Inciucio dietro il sipario altro che storie. E ora se me lo concedi ti invio un bel (menzionato sopra) mavatteneaffanculo!!!!!!!!!!!
Uno che ti votò

Luciano 27.05.13 18:23| 
 
  • Currently 2.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 8)
 |
Rispondi al commento
Discussione

in Italia ora come ora è impossibile fare impresa,tra tasse,burocrazia e varie oggi si può a stento sopravvivere e quindi non ne vale la pena e capisco quegli imprenditori che se ne sono andati all'estero.tempo fa crissi questo:la soluzione è una sola e consiste in un patto di ferro tra tutte le associazioni di imprenditori,artigiani e commercianti che in cambio di un'aliquota del 33% si impegnano a far sparire subito tutto il nero del loro lavoro,tutto deve essere fatturato e tutti i dipendenti ovviamente in regola,lo stato sicuramente ci guadagnerà da subito e potrà mettere a bilancio i 100/120 miliardi di nero presunto e le imprese potranno crescere,lavorare e pagare un terzo di tasse sui propri ricavi come sarebbe giusto fare.ovviamente poi si controlla e chi sgarra una prima volta si ritrova con l'attività chiusa per un mese,alla seconda chiusura forzata per sempre.se ne esce solo così.

patrizio g., casier treviso Commentatore certificato 27.05.13 18:23| 
 |
Rispondi al commento

bla bla bla bla bla, e poi quando potevate governaree cambiare il paese non lo avete fatto, per cosa credete la gente vi abbia votato? per giocare alle belle madamine? come previsto ora avete un terzo dei voti, cosi' sarete contenti, siete riusciti a far tornare in auge berlusconi. grazie, davvero grazie, tornero' certo a votarvi, cosi' potrete continuare con le vostre vuote dissertazioni. Nessuno vi ha spiegato che nella vita vi sono delle priorità, e che a volte meglio scegliere il male minore anzichè suicidarsi?

agostino i., Galatone Commentatore certificato 27.05.13 18:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sicuramente in Italia, per vari motivi, c'è un problema di lentezza della giustizia, per vari motivi (norme assurde e farragginose, personale scarso e frustrato, infrastrutture obsolete, etc.).
Però non è vera la parte finale dell'intervento. L'IVA per cassa è legge, l'ha approvata il governo Monti, quindi d'ora in poi potremo prendercela con il nostro commercialista che non ce l'ha consigilata, o con la nostra avidità per non aver voluto pagare di più il professionista che ci tiene la contabilità (l'iva per cassa necessita di più lavoro rispetto all'iva normale, quindi il commercialista chiederà un onorario maggiore), ma non con lo stato!
Ah, ricordiamoci anche che la proposta di impignorabilità della prima casa potrebbe avvantaggiare questi tizi che potrebbero prima farsi fare i servizi e poi non pagare ben sapendo che l'unico bene che possiedono, la casa appunto, non si può toccare...

Alessio C., Firenze Commentatore certificato 27.05.13 17:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il problema è che l'economia e le norme che regolano l'economia sono fatte apposta percè tutto si risolva A CATENA: al fondo l'anello più debole, non garantito, si pezza e PAGA PER TUTTI.

Non va bene.

b. v. Commentatore certificato 27.05.13 17:44| 
 |
Rispondi al commento

beviamoci un bianco o un rosso o un rose certo mangiando anche altrimenti ci prende la testa

io spero che le banche diano credito al popolo mangiare va bene ma almeno mangiamo tutti
w le banche che fanno credito al popolo

giorgiodamilano liberale Commentatore certificato 27.05.13 17:11| 
 |
Rispondi al commento

Le leggi in termine del debito sono state fatte da e per coloro che non hanno alcuna voglia di pagare. Le lungaggini burocratiche pure, oltre che per salvare per prescrizione gli affiliati alla casta.

Se poi si pensa che il primo a non pagare è il settore della pubblica amministrazione, si capisce della gravità della crisi che ha ucciso migliaia di piccole aziende che erano in attivo ma sono state strozzate esclusivamente per il ritardato o mancato pagamento delle fatture.

Pierino_La_Peste 27.05.13 16:38| 
 |
Rispondi al commento

Otto anni fa scrissi a Augias su questo soggetto. Lui rispose dando forza alle mie constatazioni sulla condizione dei lavoratori autonomi e poche settimane dopo fui contattato (sul cellulare!!) da RaiNews24 per un'intervista. Una buffonata.
Alla fine dell'anno ho chiuso la ditta e siamo espatriati.
La scelta migliore che potessimo fare: ora si vive.

Alessandro C. Commentatore certificato 27.05.13 16:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

se piove di quel che tuona..confermo la mia tesi..e cioè che se la gente non va a votare..voltando le spalle al M5S..allora non resta altro che preparare la "grande fuga"..!!quindi torno a ripete che sia opportuno organizzarci per mettersi al sicuro!.
risparmi,aziende,professione....scappiamo finchè siamo in tempo..

napoleone ., Leghorn Commentatore certificato 27.05.13 16:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Senza lavoro? Imprenditoria impossibile?

Diventare Artisti è una soluzione.

Dare applicazione alla Convenzione di Berna, diritti dell'uomo, Costituzione e leggi. Tale esistente normativa non è ancora applicata.
Chi è artista o si potrebbe ingegnare tale deve poter sbarcare il lunario onestamente e contribuire alla società, senza incappare in trappole fiscali e nel rischio di perdere tutto.
Quanti si suicidano perchè alla fame, non avendo lavoro e non potendo mettersi in proprio?
L'arte puó essere una soluzione: produrre e vendere opere del proprio ingegno creativo in ogni settore e farsi pubblicità. Per dare applicazione alla legge è sufficiente un regolamento attuativo come un libero registro comunale pubblico o un libero registro nazionale pubblico digitale condiviso e accessibile da tutti gli artisti tramite web. Gli iscritti saranno riconosciuti ufficialmente artisti privati quindi non soggetti IVA come già previsto in legge e mai considerabili professionisti, commercianti o imprenditori. Resteranno iscritti non superando un tetto di reddito da stabilire sufficiente a vivere dignitosamente. Calcolo del reddito la semplice somma algebrica tra costi e ricavi certificabili tramite ricevute senza Partita IVA. Pur soggetto a verifica tramite redditometro e movimentazioni nel conto corrente bancario, contribuirebbe in base al reddito effettivo, altre tasse di competenza e non scaricandosi IVA. Superato il limite, verrà cancellato dal registro in quanto dovrà evolversi in attività d’impresa o professione.

L'arte deve ritornare ad essere libera espressione di ogni persona e non solo esercitabile per censo. Per una sentenza europee è arte qualunque attività umana seppur minimamente creativa (in cui l'artista esprime almeno una scelta tecnica), nei campi della musica, danza, fotografia, videografia, lavorazione del legno, ferro, ceramica, marmi, opere murarie, pittura, decorazioni, insegnamento, progetti, ecc. e deve essere protetta.

Ricostruiamo l'Italia dal basso.

Artista 27.05.13 16:08| 
 |
Rispondi al commento

Mi sembra di rivivere la mia storia..... sono stato truffato da persone di cui ho fatto nomi e cognomi alla procura il risultato...... io vivo in mezzo ad una strada e loro continuano a fare la bella vita continuando a truffare altre persone..... complimenti alla Giustizia Italiana .... ma sopratutto ai nostri politici che hanno creato queste leggi.......... GRAZIE per avermi ridotto così.

Liborio Bognanni 27.05.13 16:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

M5s, abolizione del finanziamento pubblico ai giornali, la proposta firmata Vito Crimi.Crimi ci dica come intende farla approvare dal parlamento la sua proposta, con quale maggioranza, con Bersani? Il m5s si è ormai incartato...tutte belle proposte...ma alla fine scarsi risultati. Avete perso l'ultimo treno della notte e con Bersani avete sbagliato...potevate essere voi al Governo e non il PDL di Berlusconi...ma la linea politica confusionale di Grillo vi ha portato su un binario morto.

elio demetrio, San Mauro Pascoli (fc) Commentatore certificato 27.05.13 16:01| 
 |
Rispondi al commento

Te lo detto io metti de Vito Perdi.Dovevi metterci IO Me.

Alessandro P., Roma Commentatore certificato 27.05.13 16:00| 
 |
Rispondi al commento

Siamo come gli schiavi.PAGARE PAGARE PAGARE......SCHIFO!

Marc Svetava Commentatore certificato 27.05.13 15:40| 
 |
Rispondi al commento

perfettamente d'accordo sull'essere schifato da questa situazione... però attenzione mi sembra che un argomento non sia stato trattato (se qualcuno lo ha trattato mi scuso per il fatto che mi sia sfuggito)....chi è che dovrebbe tutelare i diritti del creditore in sede giudiziaria? se io chiedo un decreto ingiuntivo e per averlo impiego 5 anni di chi è la colpa? come ho scritto in un altro post oltre alla casta dei politici ne esiste un'altra ben peggiore...e qui mi fermo vista l'aria che tira

rossano m. Commentatore certificato 27.05.13 15:26| 
 |
Rispondi al commento

quanto lo capisco sono nella stessa situazione,non so più come andare avanti,in più c'è la paura alla mia età 54 anni di non trovare nemmeno un lavoro,per ora cerco di tenere duro ma negli ultimi 5 anni ho perso tutto case,famiglia,veramente tutto.......con la speranza che la situazione economica prendesse una piega diversa,ho crediti da esigere cause che non iniziano nemmeno,io non so più cosa fare

giuliano casella 27.05.13 15:20| 
 |
Rispondi al commento

nel mio piccolissimo: una scuola statale mi ha dato un incarico di collaborazione come esperto esterno: metà ore da effettuare a maggio 2013, l'altra metà a novembre. Mi pagheranno il tutto a dicembre. Ma per il lavoro di maggio vorrei i soldi ADESSO, non voglio aspettare 7 mesi per avere i soldi (circa 300 euro netti) Mi hanno risposto che funziona così, pagano quando hai lavorato per tutte le ore di contratto.E se si facessero funzionare secondo buon senso i pagamenti?

Silvia P. Commentatore certificato 27.05.13 15:16| 
 |
Rispondi al commento

Le Agevolazioni si bloccano in un sistema Bancario colluso ed imprenditore di carta.

Alessandro P., Roma Commentatore certificato 27.05.13 15:15| 
 |
Rispondi al commento

Come può LO STATO difenderti se è lui stesso il primo a non pagare il lavoro di tanti propri fornitori (che poi sono suoi contribuenti...)...viviamo in un paese da buttare.

Davide Raso, torino Commentatore certificato 27.05.13 15:14| 
 |
Rispondi al commento

è per questo che la piccola e media impresa va detassata,0 tasse ,=crescita e occupazione.Che cosa è questa pubblicita ,di agevolazioni.Perche agevolare un settore per cui la crisi,è solo quella di Pagare tasse eccessive sulle forniture sui stipendi sulle strutture che incentivi,non gli bastano comunque.Detassali vedi te come funzionerebbero meglio le attivita.Inizzia con togliere le tasse ai Lavoratori.Dimezza quelle delle dei propietari.E i famosi 800 milioni usali per ridurre il cuneo fiscale sulle altre situazioni.è una presa in giro voglio che ve ne rendiate conto.

Alessandro P., Roma Commentatore certificato 27.05.13 15:13| 
 |
Rispondi al commento

E' proprio così!! Conosco altri piccoli imprenditori che hanno subito la stessa sorte. Già da qualche anno questa situazione. La burocrazia soffoca e fa morire.(vedi anche la prima pagina de ECO DI BERGAMO del 27 maggio 2013)

Silvia P. Commentatore certificato 27.05.13 15:07| 
 |
Rispondi al commento

I lavori vanno pagati subito....secondo Voi se vado dal macellaio e gli chiedo 1Kg di Filetto e gli dico te lo pago a 60gg, il Macellaio mi fa una bella pernacchia.......

Perchè non si fà una bella norma dove si dice che per qualsiasi lavoro il pagamento deve essere garantito? Se non sbaglio se un qualsiasi cittadino vorrebbe comprare una casa in fase di progetto, il Costruttore deve rilasciare una fidejussione bancaria per l'importo anticipato dall'acquirente, altrimenti il contratto è illegale......Ops dimenticavo perchè non si fanno norme semplici e banali...Non si può delinquere altrimenti...

Domenico C., Vasto Commentatore certificato 27.05.13 14:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' logico che il deputato Vaccaro, dica vaccate, l'importante è portare a casa soldi sia per lui che per tutti i parlamentari della sua risma che. ovviamente, approveranno la vaccata.

brunello luigi 27.05.13 14:27| 
 |
Rispondi al commento

Leggendo le notizie mi accorgo come chi puo' forse avere evaso miliardi di euro o di chi magari per fare la spesa puo' aver fatto lavori in nero e corrano gli stessi rischi.

Il problema e' chi ha evaso miliardi puo' pagare avvocati, "funzionari" e/o politici che chiedono e da sempre.

Mentre chi cerca di sbarcare il lunario senza rubare, uccidere, spacciare o altro, rischia di perdere anche il poco che ha perche' non puo' permettersi una solida difesa, anzi a volte riceve consulenze contrarie ai propri interessi pur pagando.

Mi chiedo se il problema delle regole "poco chiare" del sistema Italia sia voluto per perseguire interessi di chi lavora nel sistema politico, legale, tributario e fiscale. O ci sono altri interessi ancora che hanno deciso il crollo italiano ad arte.

Il nostro sistema sembra che oggi preveda espropri di massa soprattutto per l'ex ceto medio e basso proprietario di beni sotto il sole, che non possano stare al passo o adattarsi all'indigenza provocata dal sistema stesso.

In un mercato globale che non condivide le stesse regole ma e' in competizione, c'e' da considerare che quello che in italia e' un crimine, in altri paesi dove una tale crisi non sia altrettanto sentita e' legittimo. Magari il fallito o chi chiude e' protetto in altri sistemi legali in modo da non perdere oltre all'attivita' anche la propria sfera personale e che gli permetterebbe di rimettersi in piedi un giorno.

Mi chiedo, e' la concorrenza europea o internazionale che si fa sentire? buttiamo giu' chi produce in Italia, spostiamo le proprieta', assumiamo le leve di potere approfittando di un sistema corrotto, ingiusto e squilibrato a 360 gradi? A bocce ferme, ci accorgeremo di chi avra' ottenuto le leve di potere a livello piu' alto?

E' possibile che chi ha causato lo sfacelo non debba pagarne il prezzo? Chi ha avuto e sta avendo troppo, non debba restituire la differenza anche sui diritti acquisiti, incassati e spesi? Questi si' sarebbero espropri moralmente giustificati.

Espropri di Stato 27.05.13 14:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il movimento 5S, è una risposta concreta, a questo ed' altri problemi che affliggono il popolo italiano.

Angelo Longo 27.05.13 14:20| 
 |
Rispondi al commento

Ah Come capisco questo post. Io ci sono dentro fino al collo! E poi ci fanno la legge per non prendere oltre 1000 euro di contante!!!

E sapete per chi è stata fatta quella legge? Per le BANCHE, come sempre. Così sei costretto ad accettare pagamenti con Bancomat o assegno. Nel primo caso i soldi li prendi ma le BANCHE ti ammazzano con le commissioni. Nel secondo se l'assegno è a vuoto la banca ti addebita circa 120 euro che prende in modo coatto dal tuo conto. Ed incassa lo stesso.

Io mi sono rotto i COGLIONI! Se viene un cliente e mi porta anche 100.000 Euro cash li prendo. Mi denuncino pure tanto non pago! Almeno il cash è CERTO! Ho preso Truffe ed inculate per 40-50-60.000 Euro? Non so nemmeno io quanti sono. Oltre il danno la beffa! Paghi tasse ed IVA poi se metti la perdita in deduzione non sei congruo con gli studi di settore. E poi vaglielo a spiegare perché!!! Se parti il contenzioso con l'Agenzia delle Entrate non ne esci vivo! Poi dicono che non c'è lavoro! BASTARDI DI MERDA! Ci state uccidendo! Noi che lavoriamo onestamente, che ci rompiamo il CULO anche 18 ore al giorno!

Luigi Cernigliaro 27.05.13 14:09| 
 |
Rispondi al commento

Uno stato che per i meccanismi ferraginosi e le leggi in vigore, di fatto, garantisce i truffatori e i furbi a scapito delle persone oneste che vorrebbero garantiti propri diritti

Filippo Crapa 27.05.13 14:02| 
 |
Rispondi al commento

Condivido le stesse esperienze..la piccola media impresa si potrebbe aiutare cominciando proprio da qui, non facendo pagare tasse e IVA a chi non ha incassato.. Dovrebbe essere normalità, ma in Italia si sa,la normalità e' un eccezione !

Sandro Pracucci 27.05.13 13:45| 
 |
Rispondi al commento

Un paese in cui manca la certezza della pena è un paese destinato a diventare come l'Italia. Il più delle volte il cliente che non paga a qualche parente che fà l'avvocato, così quello che non ha dato a te per il servizio svolto lo dà a un cugino o un nipote.
C'è quasi da sperare che crolli tutto il sistema così da avere una scusa per tornare alla cara vecchia lupara per regolare i conti.

Jim Tiberius Kirk, trofarello Commentatore certificato 27.05.13 13:25| 
 
  • Currently 3.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Potrei aggiungere da avvocato che alla fine va già bene se dopo anni il debitore ti offre una transazione al 50%, altrimenti alla fine della causa dei beni e dei debitori stessi non vi è più traccia! L'Italia e' un paese per truffatori !

Camillo Mezza 27.05.13 13:22| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Solidarieta' assoluta, purtroppo in questo paese per ora personalmente non vedo prospettive. Chi puo' sopratutto i giovani se ne vadano all'estero.
L'italia non ha niente da offrire.

Sandra Maffezzoni, Adro Commentatore certificato 27.05.13 13:22| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei che i nostri rappresentanti a Camera e Senato si facessero promotori di iniziative atte a rivedere lo stato di diritto dietro cui operano persone senza scrupoli. Non sono le persone oneste in difficoltà ad essere oggetto di questo mio commento ma i disonesti che fanno affari sulla pelle di chi ha dato loro fiducia consci del fatto che nessuno potrà realmente costringerli ad onorare gli impegni presi. Sarebbe bello istituire e regolamentare in modo adeguato un registro pubblico on line ove questa gente possa essere chiaramente etichettata.

Roberto Cigala 27.05.13 13:19| 
 |
Rispondi al commento

L'unico obiettivo della LEGGE è far mangiare gli avvocati, il resto non conta nulla, non ha importanza. Se i delinquenti restano furoi del carcere per decorrenza dei termini e gli onesti senza un buon avvocato, finiscono in gattabuia, non interessa nessuno. L'importante è che mangino gli avvocati, Giudici e tutti gli altri addetti alla "GIUSTIZIA". RIUSCIREMO MAI HA CAMBIARE LE COSE?? SIAMO SOTTO LALORO CAPPELLA DI PIOMBO CHE PESA IMMENSAMENTE E FORSE NON RIUSCIREMO MAI A LIBERACENE.

ferdinando gallozzi 27.05.13 13:13| 
 |
Rispondi al commento

Caro Marco !!! Ecco perché votiamo 5 stelle !!! Perché siamo parte di una comunità che va unita allo scopo prendere l'Italia e cambiarla !!! Lo stato deve difendere i cittadini e le piccole imprese e aiutare le grandi in cambio di lavoro per i cittadini!!! I cittadini i cittadini i cittadiniiiii!!!! Questo e lo stato !!! Siamo noi le nostre famiglie i nostri figli devono crescere in un paese che non sia questo !!! Dove se hai soldi vinci e se non li hai sei un coglione... Ci hanno tiportato ai livelli di 2000 anni fa !!! Riprendiamoci democraticamente la nostra libertà !

Yuri b 27.05.13 13:06| 
 |
Rispondi al commento

per non essere cornuto e mazziato. tre anni fa di fronte ad una ditta, che nel frattempo prendeva pure il contributo della regione calabria, che non mi voleva pagare 30 mila euro per dei soggiorni in calabria ho emesso una bella nota credito e così alemno non ho pagato l'iva. tanto avrei perso solo tempo e denaro tra avvocati e tribunali

pino tassi 27.05.13 12:36| 
 |
Rispondi al commento

Ho denunciato 1000 volte questa situazione.
Qui e su tutti i blog d'Italia.
Da anni.
Ho scritto personalmente a Beppe.
Ho scritto a tutti i portavoce e ai senatori del MoVimento al Governo.
Mi hanno risposto che stanno provvedendo.
Ma io non vedo NULLA!!!
Cosa dobbiamo aspettare?
ALTRI SUICIDI?


mi stringo in un abbraccio a tutti voi perche' cosi' non mi sento solo tutto quello che abbiamo vissuto noi piccoli imprenditori dico piccoli imprenditori sono mazzate che lasciano lividi permanenti perche' sei solo si sei solo contro tutti .tu avnzi soldi dallo stato dal 2007 e loro di mandan equitalia che se non paghi entro 60 gg ti ti mettono interessi da usurai ..ragazzi io sono stufo di questa italia voglio giustizia sociale non indifferenza ...voglio tornare a vivere come tutti voi ... per fare questo chiedo a tutti voi me compreso di andare a roma e incatenarsi li davanti fino a quando non vedo un disegno di legge che faccia ripartire il lavori e che nessuno resti indietro e dico nessuno ... non siamo assassini siamo gente che vuole solo lavorare e crescere i figli con i valori giusti ...quindi dobbiamo lottare spero che mi appoggerete cercatemi pure a questo numero 3477833246 per protestare civilmente ma in modo determinato grazie e in bocca al lupo a tutti ...

gian luca caimano, cirie' Commentatore certificato 27.05.13 12:24| 
 |
Rispondi al commento

Tanti anni fa, nel paese in cui mio zio soleva passare l'estate, si raccontava di una signora che aveva affittato la propria casa a gente che non solo non pagava ma che, quando se ne andò, le lasciò la casa distrutta (anche i mobili rovinati). La signora (che ovviamente aveva fatto un contratto regolare) fece causa ai suoi inquilini. Passavano però gli anni e si passava di rinvio in rinvio, con giudici che cambiavano in continuazione ma che rinviavano senza sentenziare niente. Alla fine, consigliata non so da chi, la signora si rivolse esausta ad una sorta di mediatore (una specie di "mafiosetto" locale) che, appurata in qualche modo la vicenda, fece passare giorni davvero terribili agli ex inquilini finchè questi ultimi, impauriti, gli dettero, fino all' ultima lira, quanto spettava alla signora. Si diceva che quest' ultima dovette lasciare al mediatore la metà di quanto ricevuto; tuttavia, al di là di questa strana ed esosa provvigione, ebbe perlomeno la soddisfazione di aver giustizia, quella giustizia che il Tribunale non le dava...
Come biasimarla? Se la Sanità non funziona e sei in emergenza, non sei costretto a rivolgerti rivolgi alla sanità privata (o a pagare in privato gli stessi dottori che non ti ricevono in ambulatorio) ? Se la scuola non funziona, potendotelo permettere, non manderesti i tuoi figli in una scuola privata ? Se l' università sotto casa è scadente, potendotelo permettere, non manderesti i tuoi figli a studiare lontano?
Questi sono i servizi pubblici che riceviamo dallo Stato (a fronte di ingenti tasse). Si potrebbe forse capire il senso di rassegnazione, di rabbia, di frustrazione di quella signora...

Mingaver 27.05.13 12:20| 
 |
Rispondi al commento

io ho fatto denuncia per 4 volte,penale,per rumori molesti,di notte dormo con la radio sul cuscino,quando iniziano questi rumori,alzo il volume per coprire le vibrazioni,non servono i tappi,nulla li toglie solo rumori più alti,è dal 2008,non posso cambiare casa, è la mia,non la compera nessuno,ho una pesnsione di 530 euro al mese,dove vado,devo sopportare,ma di avere giustizia non se ne parla,è probabie che sia una ditta che vernicia, cioè fa partire il motore 3 ore prima per scaldare e poi alle 5 0 6 del mattino lavorano in tre,un italiano e due extracomunitari,magari in nero,il maresciallo del mio pase piancogno,mi ha consigliato di andare dall'otorino,cioè mi ha dato della pazza, eppure ci sono due perizie,una l'ho pagata io l'altra il comune,ma niente, le perizie dicono che in casa mia c'è un grave inquinamento acustico,è venuta l'arpa ,in quei giorni 3 nessun rumore, appena ha tolto lo strumento,un'ora dopo rumori come prima, questa è l'italia, ho chiesto aiuto anche all'opposizione del comune leghista,manco ha voluto vedermi,mi ha strillato al telefono che non faranno mai niente,l'ho capito che non faranno niente,ma lei poteva aiutarmi,almeno testimoniare, ho chiesto aito alla chiesa idem,poi voglio uno il voto,il pd e l'altro la chiesa l'obulo,ma vaffaculo ed evviva grillo, perchè finalmente so che c'è un movimento che sono io e non i poteri che sono forti in tutto lo stivale e devono finire,perchè io a 64 anni mi vergogno,ci siamo conciati ,siamo una dittatura fascista e basta

anna q., pianborno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 27.05.13 12:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

PULTROPPO HAI RAGIONE.PROVA AD IMMAGINARE DI FARE COME ME...ANDARE FUORI DAI COGLIONI IN UN PAESE CHE PAGHI SOLO IL 5 PER CENTO DI TASSE,HAI FINANZIAMENTI AL 3.25 E CHE SEI IL BENE ACCOLTO SE VUOI FARE BUSINESS E CHE COMUNQUE SEI PROTETTO DAI DELINQUENTI IO HO SMESSO DI DARE SOLDI AD UN GOVERNO VIGLIACCO,MAFIOSO.FUGGITE FINCHE'SIETE IN TEMPO...SI A MALTA

salvatore li greci, salerano s/l Commentatore certificato 27.05.13 12:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

unica soluzione é farsi pagare in anticipo o creare un istituto che indica se una persona é propensa o meno a rispettare i pagameti. Si chiama Schufa in Germania. Se vieni qualificato quale pessimo pagatore é facile che non riesci piú a comprare nulla in internet, non ti aprano un conto in banca, etc.

Volere é potere, SE CI FOSSE UN GOVERNO... A CINQUE STELLE!

Paolo B. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 27.05.13 12:08| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Viva Robin Hood!

Claudio Giacomelli 27.05.13 12:05| 
 |
Rispondi al commento

Non è colpa mia se non esiste l'edilizia popolare, sta di fatto che se io affitto un piccolo appartamento che ho la fortuna di possedere e l'affittuario non paga l'affitto, impiego più di un anno per rientrarne in possesso(quando va bene)più spese accessorie e se è un nullatenente allora sono proprio a cavallo (manco di razza, probabile un pony spelacchiato). Un "grazie" ai governi che abbiamo avuto e che hanno caricato sui cittadini le loro incapacità.

gaetano r. Commentatore certificato 27.05.13 12:03| 
 |
Rispondi al commento

Sacrosanta verità

silvano zerega 27.05.13 12:03| 
 |
Rispondi al commento

Anni fa esattamente 2003 aprii una società per nautica etc. ma tempo 4 mesi dovetti chiudere. qualche anno dopo integro in quella società depurazione acqua....32 mesi e chiudo..per un'accusa infondata solo perché ho dei precedenti penali mi sbattono in carcere e per conseguenza chiudo anche questa attività (che era la mia unica speranza di uscire fuori dall'inconsueto) Una volta libero non avevo più denaro per ricominciare. Erano passati 18 mesi dalla costituzione della società, andai dal commercialista per chiedere di chiudere tutto ma per farlo mi disse che ci volevano 2000 euro io non avevo un centesimo e così rimandai affinché avessi quel denaro. Non sono mai riuscito a chiudere quella società perché mai ho avuto tanto denaro tutto insieme. Non ho mai emesso fatture, mai guadagnato 1 centesimo, pagato l'iva su tutto quello che comprai, mai richiesto rimborso di quell'iva, quei pochi fornitori che mi diedero prodotti furono tutti regolarmente pagati, e l'unica persona a perderci tutto quello che aveva sono io. Mi arrivano richieste di decine di migliaia di euro da parte dell'equitalia. Potrei chiudere la partita iva retrattiva ma prima devo chiudere la società e il notaio mi chiede oltre 1000 euro io non so dove prendere quel denaro. Vi chiedo: qualcuno sa consigliarmi come risolvere questo problema senza dover spendere tutti quei euro che non ho!

vincenzo cormio, afragola Commentatore certificato 27.05.13 11:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io sono un piccolo imprenditore e anche io mi scontro giornalmente con chi non vuole pagare.
E OGNI GIORNO MI CHIEDO: se io vado al supermercato e pretendo di uscire senza pagare, chiamano i carabinieri e mi denunciano per furto. E' un reato penale. Se invece consegno merce ad un cliente e questo la accetta (non contestando la fornitura perché la merce è conforme all'ordine) però non la paga, perché non lo posso denunciare per furto?
Dirò di più: la legge ESIGE che io emetta fattura nel momento stesso in cui consegno la merce. Quindi il maledetto intanto può anche detrarre un'IVA che non ha pagato, frodando anche lo stato.
E' ORA DI METTERE UN FRENO A QUESTA PAZZIA. QUESTO COMPORTAMENTO DEVE ESSERE EQUIPARATO AL FURTO!

Ivan Z. Commentatore certificato 27.05.13 11:43| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tutto giusto, io ho chiuso e me ne sono andato all' estero, mi pento non averlo fatto prima, ma.... è vero che la politica stà facendo sempre più schifo, ma gli Italiani dovrebbero imparare ad avere un po di più senso civico. Se uno non vuole pagare a parte la legge che non fa nulla, bisogna dire che non è un comportamento corretto e non dipende dalla politica ma da noi stessi. Se non iniziamo a capire questo ci sarà sempre guerra tra noi e la classe politica ride.

omar 27.05.13 11:30| 
 |
Rispondi al commento

Nessuno parla dell'economia sommersa(si fa per dire è sotto il naso di tutti) dei cinesi in Italia. Hanno distrutto il settore abbigliamento, il calzaturiero, il settore elettronico di consumo, il mercato della bigiotteria e della piccola pelletteria, il mercato dei prodotti casalinghi, la cancelleria, il mercato degli accessori auto e della bigiotteria...ecc...e in Puglia,dulcis ora fabbricano i divani, mentre a Sassuolo hanno preso d'assalto le fabbriche di piastrelle ceramiche (arrivano dalla Cina ma risultano Made in Italy).
Non rispettano nessuna norma, aziende senza conti correnti, entrate in un negozio e cercate un marchio CE che esista e non sia contraffatto.
I prezzi seguono solo politiche di invasione di una struttura a gerarchia piramidale.
Nessun italiano, pur volendo, potrebbe imitare un commerciante cinese : finirebbe arrestato!!(IN ALTERNATIVA SE RESISTE FALLISCE)
Altro che lotta all'evasione: SIAMO STATI VENDUTI!!

Ambrogio Giordano, Foggia Commentatore certificato 27.05.13 11:28| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Concordo tutto.. Chi su questo punto non può essere d'accordo mi chiedo? Come mai le forze politiche non hanno mai affrontato seriamente questo problema? Anche per questo motivo mi vergogno di essere italiano

Angelini davide 27.05.13 11:27| 
 |
Rispondi al commento

SEGUE...
Quindi, alcune cleptocrazie sono sprofondate nella guerra civile e nel caos, nel migliore dei casi in indebitamento pubblico eccezionale.

Tra gli esempi più infausti di "governo cleptocratico" si annoverano lo Zaire di Mobutu Sese Seko, la Guinea Equatoriale di Francisco Macìas Nguema, l'Indonesia di Suharto, la Repubblica Federale di Jugoslavia di Slobodan Milošević, la Romania di Nicolae Ceauşescu. Esempi più antichi comprendono gli stati barbareschi del Nordafrica dal XVII all'inizio del XIX secolo.

Esempi meno estremi sono la Cina Nazionalista di Chiang Kai-shek, le Filippine di Ferdinand Marcos e quelle di Joseph Estrada e il Kazakistan di Nazarbayev.

A metà anni '90 alcuni critici e scrittori denunciarono come anche l'Italia fosse avviata verso la cleptocrazia[1], cosa che sembra ampiamente confermata in questi ultimi anni.[senza fonte]

Alcuni osservatori hanno preso ad utilizzare il termine per etichettare dei processi politici democratici che permettono alle grandi imprese di influenzare la politica, ma sono sotto accusa tutte le lobby di potere. L'uso del termine cleptocrazia in questo contesto privilegia una forma di ricerca della rendita su tutte le altre che sono normalmente concomitanti in democrazia. Ralph Nader denunciò gli Stati Uniti come cleptocrazia durante la sua campagna per le presidenziali USA del 2000.

Il termine cleptocrazia può essere riferito a livello più ampio a tutte le società gerarchizzate e in cui esiste una casta che detiene il potere aprioristicamente e in cui il potere viene spesso tramandato con matrimoni endogamici, ovvero con membri appartenenti alla stessa casta.[2]

Note [modifica]

^ Giulio Sapelli. Cleptocrazia. Il "Meccanismo unico" della corruzione tra economia e politica. Feltrinelli, 1994. ISBN 88-07-09040-6.
^ Armi, Acciaio e Malattie di Jared Diamond, Einaudi, 1997
Voci correlate:
Corruzione
Economia del saccheggio
Oligarchia
Plutocrazia
Rentier state
Repubblica delle banan

Gianni Corda, Cagliari Commentatore certificato 27.05.13 11:22| 
 |
Rispondi al commento

Cleptocrazia
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cleptocrazia (dal greco: κλέπτω "kleptō" (rubare) e κράτος "kratos" (governo), ovvero governo del furto) è un termine informale peggiorativo, per indicare una forma di governo che rappresenta il culmine della corruzione politica e che rappresenta una forma estrema dell'uso del governo per la ricerca della rendita.

In una cleptocrazia il governante e i suoi accoliti usano i meccanismi di governo per tassare pesantemente la popolazione allo scopo di ammassare delle fortune personali. I "cleptocrati" possono impiegare diversi metodi (riciclaggio di denaro, conti bancari anonimi, falso in bilancio e altri) come sistema per proteggere e nascondere i loro guadagni illeciti.

Le "cleptocrazie" tendono a essere "stabilmente instabili". Ovvero, si ha una successione di "ladri" che si susseguono scalzando i predecessori, senza risolvere i veri bisogni della popolazione. Haiti, per gran parte della sua storia, ne è un esempio.

Poiché la corruzione impone una tassazione massiccia sulle imprese e persone che non ritornano come servizi per i cittadini e imprese, le cleptocrazie tendono ad avere un'economia dagli scarsi risultati. I cleptocrati comprendono che possono ottenere di più da una grossa fetta di una torta che si riduce, piuttosto che da una piccola fetta di una torta che si espande. Le economie basate sull'estrazione di risorse naturali (ad esempio diamanti e petrolio, come in pochi casi esemplari) sono particolarmente soggette alla cleptocrazia, poiché i cleptocrati semplicemente tassano la rendita ricardiana.

Inoltre, i politici corrotti ignorano i problemi economici e sociali sottostanti, per via della loro ricerca del benessere e del potere. Siccome non vogliono cercare di costruire uno stato funzionante, né possono mettere in piedi delle grandi forze repressive, a causa del pericolo di subire un colpo di stato, i governi sono spesso incompetenti di

Gianni Corda, Cagliari Commentatore certificato 27.05.13 11:20| 
 |
Rispondi al commento

La "pancia" ancora NON brontola per la "fame"! La stragrande maggioranza degli italiani NON è alla fame e vestita di stracci! C'è ancora da "magnare" per chi, al vertice della società è ancora in grado di farlo! Perderemo prima le aziende, il lavoro, le proprietà, poi l'orgoglio (per quelli che ce l'hanno!), la dignità (e qui s'è veramente in pochi!) ed, infine, la "libertà" 8o quello che crediamo sia questo "status"!).... Più il tempo passa, senza "organizzarci" per l'unica soluzione che rimane .... (parola impronunciabile perché troppo "codardi" per farla!), più sarà duro e triste il nostro futuro! Sono estinte le vecchie idee che ruotavano sul concetto di "lotta di classe, etc.! Oggi esistono solo 2 categorie: l'IMPERO (poche centinaia di persone nel mondo, con al seguito qualche migliaio di "maggiordomi, scudieri, palafrenieri, stallieri", etc.) e la MOLTITUDINE ("borghesia, proletariato, sottoproletariato", etc.), insomma poco più di "servi della gleba e/o paria"! Ci vorrà ancora qualche tempo affinché ciò sia compreso ed assimilato ma, soprattutto, COMBATTUTTO e SCONFITTO! Sempre che ce ne rimanga il tempo, poiché l'IMPERO ha già in serbo la "mossa dello scacco matto": UNA GUERRA PLANETARIA TERRIBILMENTE SANGUINOSA E LUNGA, alla fine della quale "chiunque" si proporrà come "pacificatore a patto che..." sarà acclamato dalla "MOLTITUDINE" come "salvatore e male necessario"! E, così, il cerchio si sarà chiuso ed IL NUOVO ORDINE MONDIALE finalmente realizzato! L'IMPERO (oscura ed impalpabile ENTITA'!) e la MOLTITUDINE (i nuovi animali-schiavi-liberti), ben definita e tangibile, al servizio del primo! Che brutta vecchiaia ci aspetta!

Gianni Corda, Cagliari Commentatore certificato 27.05.13 11:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Parole sante, se si continua con la "legge del più furbo" (o meglio del più agganciato politicamente),
non ci si stupisca di vedere gente che per ottenere il dovuto usi le maniere forti. La magistratura è "imballata" dai milioni di situazioni risolvibili semplicemente con leggi più chiare e efficaci.

morgan gatti, Milano Commentatore certificato 27.05.13 11:14| 
 |
Rispondi al commento

Allo stato non importa nulla degli imprenditori onesti, l'unico interesse lo hanno verso un solo tipo di imprenditoria ossia quella nelle mani delle cosche, non è certo una novità, direi anzi che il mettere nei guai le imprese fa parte di un progetto ben preciso atto a mettere i titolari delle suddette nelle condizioni di cedere ai ricatti della criminalità organizzata che come una piovra si sta impadronendondi tutti i settori produttivi del paese. BASTA CON LA TOLLERANZA, la forza delle cosche nasce dalla codardia dell'italiano medio, sempre prono, sempre titubante, sempre pronto al trincerarsi dietro il muro dell'omertà, cosa che accomuna nord, centro e sud.

Riccardo Parodi, Recco Commentatore certificato 27.05.13 11:13| 
 |
Rispondi al commento

ECCO IL POCHE RIGHE "L'italia" di OGGI! ... penosa e senza speranze...

grazie a chi ci governa ed ai furbi

qiuyi ji 27.05.13 10:59| 
 |
Rispondi al commento

Cosa ti vuoi aspettare da uno stato che non paga i propri debiti, che ti aiuti a recuperare quelli degli altri?

Patrizio C., Follonica Commentatore certificato 27.05.13 10:51| 
 |
Rispondi al commento

Caro Marco,
ti sono vicino come ex Dirigente d'impresa privata.
Siamo tanto solerti ad allinearci agli standard Europei............ ma lo sappiamo, in Italia (lo dico per esperienza diretta), che come mettiamo piede fuori dal nostro paese il massimo della dilazione dei pagamenti concessa (con fidejussione bancaria) è di 30 gg. (vedi la tanto ammirata Germania).
Quì da noi, forse anche per lo zampino delle banche che devono guadagnare dai disagi della piccola e media impresa, c'è il bluff dell'impossibilità di applicare simili condizioni di pagamento.
E il ricorso alla legge per eventuali recuperi, per la quasi totalità dell'Europa, da la certezza di un rientro del proprio credito.
L'esempio viene dal committente pubblico che in Italia,DA SEMPRE-NON ORA,ha avuto sempre due metri di pagamento: uno velocissimo per le aziende vicine e uno a dir poco incerto per gli altri.
In altri paesi Europei avrebbero fatto cadere immediatamente un governo che deve RICORRERE AD UNA LEGGE PER PAGARE I PROPRI DEBITI VERSO AZIENDE E LAVORATORI GIA' NEL BARATRO.

angelo cangemi, roma Commentatore certificato 27.05.13 10:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La giustizia italiana è a livelli di terzo mondo. Nessuno si scandalizza di fronte a questa realtà riportata nell'articolo. Giudici di alte corti di 80 e più anni..(non vanno mai in pensione questa gente?) Giudici che si portano le pratiche a casa (e in tribunale non ci sono mai) giudici che fanno carriera in base all'anzianità (e non ai meriti). Alla politica e partiti và bene cosi....questa è l'italia.

carlo f. Commentatore certificato 27.05.13 10:30| 
 |
Rispondi al commento

La verità è che ci siamo trasformati in un terzo-mondo europeo... se viene meno la garanzia di essere pagati per il proprio lavoro che senso ha avere un'attività in proprio? Che senso di giustizia c'è in questo paese? domanda: la signora Camusso la conosce questa realtà? lo sa che il lavoro dipendente non esiste senza lavoro indipendente? (escluso il priviliegiatissimo lavoro statale ovviamente, capitolo a parte della Repubblica delle Banane)

Reno Tavella, Vicenza Commentatore certificato 27.05.13 10:22| 
 |
Rispondi al commento

Signori, vi ringrazio per tutto quello che fate e per il grande impegno che mettete quotidianamente nell'opera rinnovatrice dell'Italia.

Ma a questi livelli, come nel calcio, quello che conta è il risultato, ossia il numero delle proposte che diventano leggi e quindi dai palazzi entrano nelle vite delle persone.

Quindi vanno benissimo i propositi, le analisi e le buone intenzioni, ma la partita si vince quando la palla entra dentro la porta! Non basta solo giocare la partita!

Io ho un gran bisogno di leggi, applicazione e finanziamento di vecchie leggi e di nuove riforme per non soccombere e solo quelle mi possono aiutare. grazie e buon lavoro.

ANDREA s., roma Commentatore certificato 27.05.13 10:21| 
 |
Rispondi al commento

buon giorno a tutti.
Non sò se sono vecchio, antistorico o rimbambito ma da giorni ascoltiamo discussioni sul lavoro, di come crearne e di come agevolare le assunzioni, ma vorrei fare una domanda a chi ne sà più di me: ma cosa gli facciamo fare a questi operai che verranno assunti con degli sgravi fiscali? Mi spiego. Ho una piccola azienda artigiana introdotta nel settore tessile del “ricco”nord est. Secondo voi come faccio a riassumere le mie operaie (8) se non ho lavoro? Pensate veramente che bastino degli sgravi fiscali per far ripartire il tutto?
Sapete che si compra abbigliamento dalla cina e dintorni al prezzo in italia non acquisto neanche il materiale? poi magari arrivo a fallire come ho letto oggi perchè non mi hanno pagato?
Scusate, è qui che mi dicono che sono antistorico, ma prima di creare le condizioni perchè venga assunto qualcuno è necessario creare il lavoro e se vogliamo ricrearlo è necessario riportarlo in italia e l'unico sistema è mettendo dei dazi, che scoraggino questa importazione, e non venitemi a dire che bisogna innovare perchè il manifatturiero tessile cosa volete che innovi più di cosi?
A questo proposito vi do un dato su tutti. Un mio cliente ha voluto esportare del materiale in brasile, Sapete quanto gli è costato? Il 110% di dazio. Saranno scemi i brasiliani?
il brasile ha una crescita a due zeri perchè il lavoro se lo tiene. Anzi cercano in tutti i modi che tu vada a produrre da loro e solo in quel caso ti danno degli sgravi. Noi no, siamo grandi,siamo buoni ma siamo anche dei coglioni. Un esempio su tutti. La golden lady ha portato tutta la produzione in serbia. Provate ad andare a vedere se le donne serbe si mettono le calze golden lady , col c....ppiffero, ma le italiane s. Che abbiano licenziato 200 persone a chi interessa? ma mi accusano di essere vecchio e antistorico.
buona giornata
dario

dario 27.05.13 10:19| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento
Discussione

berluscono ha dimezzato la prescrizione e non ha fatto niente per accelerare i processi cosi' i furbastri cont anto pelo sullo stomaco delinquono serenamente sicuri che non gli succedera' niente se non qualche fastidio.

qeusta sarebbe uan battaglia da fare per il m5s, mica alcune sciocchezze perditempo e demaogigiche.

giuseppe 27.05.13 09:58| 
 |
Rispondi al commento

Una domanda che sorge spontanea:
Quali sono le caste mafiose che hanno il maggiore
interesse a NON modificare,aggiornare,migliorare e
semplificare,per interesse degli italiani onesti,
i vecchi e complicatissimi codici penali e civili?
La risposta più logica:
Le stesse caste mafiose, di cui tanti affiliati
siedono in parlamento, che fanno lauti guadagni e
contemporaneamente non sono resi responsabili
penalmente di tanti errori, soprusi e collusioni
con poteri occulti forti(politici ed economici)
di cui sono servi e complici,da cui sono protetti,
pagati e raccomandati per le carriere politiche e
dirigenziali.
Per una causa civile servono in media 10 anni!!!
e il più delle volte a favore di chi, pagando chi
di dovere e amico degli amici dei mafiosi stessi,
dovrebbe essere condannato e andare in galera!!
Basta con la GIUSTIZIA NON UGUALE PER TUTTI!!!
Basta con LE CASTE MAFIOSE E COLLUSE!!!
Agli onesti disperati dico "NON ARRENDETEVI" perchè ad arrendersi saranno i vigliacchi e ladri
che il MOVIMENTO 5 STELLE, se avrà tutto il nostro
appoggio e consenso, manderà nelle tane e nei
porcili, non solamente a casa!!!!
Forza beppegrillo e tutti del M5*.

peppino russo 27.05.13 09:55| 
 |
Rispondi al commento

Ciao amico imprenditore,
non so se una parola di solidarietà può servire, ma te la scrivo lo stesso, tanto con lo studio a mezzo servizio (si fa per dire ...) tempo ce n'è.
Io faccio l'ingegnere da ventiquattro anni (prima di me lo facevano mio padre, mio nonno, finanche mio bisnonno) e da sei sono in proprio da solo (prima ero in società con colleghi). Quel che devo avere dai miei clienti è più o meno pari a quello che ho incassato in questi sei anni e credo di essere un fortunato, ma la rabbia dentro c'è per il fatto che si potrebbe trasformare un sussistere in un esistere ed anche dar lavoro. Le motivazioni sono varie, ma inutili, i creditori non pagano perchè possono non farlo. Non chiudo perchè l'attività professionale riesci a farla a zero spese, si fa per dire, anche qui, perchè seppure togli i collaboratori, resta un minimo di struttura, le licenze software, lo stato che come tu dici chiede sempre. Non so se dire "passerà" perchè tanto non ci crede più nessuno che passerà, a meno che non riusciamo davvero a trasformare pian pianino quest'Italia a 5 m.e.r.d.e. (Mafia, Economia, Ruberia, Delinquenza, Esibizionismo), in un'Italia a 5 stelle.
Un abbraccio,
Camillo

Camillo Alfonso Guerra Commentatore certificato 27.05.13 09:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Marco Rossi ....è per tutti questi motivi che dobbiamo unirci e combattere questo mal governo!
abbiamo una sola possibilità sostenere il M5S

Marisa Monfasani, Voghera Commentatore certificato 27.05.13 09:48| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Purtroppo quello che denunci è vero. E la cosa più assurda è che ci devi pagare pure l'iva, mentre chi non ti paga beneficia dell'iva. Come si dice, cornuti e mazziati !

Alessandro La Tessa 27.05.13 09:45| 
 |
Rispondi al commento

non gli se la fa più e questi invece di trovare soluzioni ti sommergono di adempimenti inutili. ora è la volta del DVR da presentare entro il 31-05-13, pagando il professionista di turno per la compilazione!

emilio DEL NUNZIO, Pescara Commentatore certificato 27.05.13 09:41| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
C'E' SEMPRE QUALCUNO CHE CI MAGIA SULLE NOSTRE "AZIENDE"
ALVISE

alvise fossa 27.05.13 09:41| 
 |
Rispondi al commento

E' capitato anche a me, quando ancora un lavoro ce lo avevo.
All'epoca ho conosciuto gente che diceva testualmente "la legge Biagi e' positiva perche' permette di non pagare".
Pero' il M5S ha ritenuto che le priorita' fossero altre (nei 20 punti prioritari del programma non c'e' cenno alla legge Biagi [o fornero o modifiche successive], mentre ci sono immani cazzate come la proposta di uscire dall'euro).
Anche per questo alle elezioni politiche ho annullato la scheda come al solito, anziche' votare M5S come avrei voluto.
E, mi dispiace dirlo, ma a posteriori penso di aver fatto bene, come dimostra anche la vicenda dell'elezione del Presidente della Repubblica.

Ciao,
Marco.

Marco G. 27.05.13 09:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questo "s"tato è quello che ci meritiamo! Chi manda al governo queste persone? Chi fa il ragionamento: "tanto a me non capiterà mai", oppure:"speriamo che io me la cavi"? Comunque, la colpa è sempre degli "altri"! Da tutto quello che si sente e si vede in Italia, penso non sia difficile concludere che "geneticamente" (o antropologicamente se vi pare) la maggioranza degli abitanti dell'Italia (gli "Italiani", secondo me, sono solo una finzione giuridica!) NON ha il senso della "collettività" o, meglio, dello "S"tato (ovvero della "appartenenza" ad un "P"opolo!), ergo necessitiamo, per vivere in una "Comunità", di un "REGIME FORTE", pronto a colpire "SENZA PIETA'" chi viola le (poche!) regole di "convivenza civile"!!! Ma questo è impossibile in Italia, almeno fino a quando saremo pervasi, sin dalla nascita, dalla IPOCRITA "morale ecclesial-cattolica", dove tutto è permesso fintanto che ci sia il "pentimento" (confessione) ed il "perdono" (penitenza), il tutto esaltato dalla "redenzione" (comunione)! Ci siamo "costruiti" una "religione comoda" che influenza tutto il nostro vivere, quindi, oltre che noi stessi, soprattutto quelli che mandiamo a governarci! In ogni caso, mi dispiace veramente per la Tua vicenda: è difficile accetta re la cruda verità che questa Nazione (?) è un paese per "MASCALZONI", governata da "MASCALZONI", con una morale da "MASCALZONI"! Ti auguro di avere maggiore fortuna in futuro!

gianni.corda 27.05.13 09:33| 
 |
Rispondi al commento

io mi ritrovo nelle stesse condizioni... la mia attività, aperta nel 1997, ora si ritrova con il titolare (IO) segnalato come "cattivo pagatore" perchè grazie a clienti che hanno chiuso o che semplicemente non hanno voluto o potuto pagarmi, mi sono ritrovato a non poter onorare i miei debiti. Ora per ripartire servirebbero fondi, che nessuno mi da, perchè appunto " cattivo pagatore"... non so proprio come uscirne. Penso che questa, da parte di un governo totalmente assente, sia la peggior "istigazione a delinquere" possibile. Da contare che con il mio lavoro ci ho sempre mantenuto la famiglia, e che con questa crisi, ho investito tutti i miei risparmi nell'attesa di una soluzione che ancora non si presenta... ora sono al capolinea...

Riccardo 27.05.13 09:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non c'è alcuna protezione del credito. Solo lo stato, quando gli devi dei soldi, non ti molla più. Ma se li devi prendere, che tu sia un dipendente o un'impresa... se quelli non voglion darteli te li puoi scordare.
La mia compagna se ne è andata perché non la pagavano. Deve prendere 7000 euro con la liquidazione. Sono due anni. Non se ne parla. Voleva fargli istanza di fallimento, non si può sotto una certa cifra.
Io ho un'impresa, negli anni passati ho rinunciato addirittura a fare causa. Tanto non prendi niente. Se dopo diversi gradi di giudizio arriva l'ufficiali giudiziario e sequestra un computer una stampante che sono a bilancio a 3000 euro e ora valgono sul mercato un bel niente... dopo mesi vanno all'asta e nessuno li compra... passano anni... e tu l'avvocato lo devi pagare.
Chi parte che non vuole pagarti, con srl con il solo capitale sociale, ti frega e basta. E il giorno dopo riapre a nome della moglie, del socio, dello zio... Solo gli onesti pagano. Ma in questo paese essere onesti vuol dire essere coglioni.

Rob U., Roma Commentatore certificato 27.05.13 09:24| 
 |
Rispondi al commento

Mi chiedo: "Se è costume diffusissimo di agire nel modo che viene descritto, possibile che non ci sia un metodo o un modo corretto per far si che chi è debitore venga sanzionato. E invece chi è creditore possa avere il suo in tempi più o meno certi? So che molti piccoli imprenditori prima di accettare un lavoro s'informano sulla solvibilità del cliente,(anche questo però ha un costo)forse è il costume che è degenerato con la scusa del tanto non mi possono fare nulla."

Pietro Mantelli 27.05.13 09:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro signor Rossi,
quanti "delinquenti" circolano oggi in Italia, tranquilli e impuniti? Tanti, ma tanti e non sono solo i "non ti pago"! Ma quanti ne provano vergogna? Pochi! Coscienza? Scrupolo sul proprio operato? Vita molto dura per gli "ingenui", come la sottoscritta, che PAGANO per lavori "NON" svolti a "regola d'arte", PAGANO con "ritorsioni becere", l'aver svolto il loro dovere di cittadini, testimoniando e collaborando con la giustizia, PAGANO con l'"indifferenza e l'isolamento" della società per avere un alto senso civico e cercare di far tornare di moda l'onestà. Per lo Stato, la Magistratura, le Forze dell'Ordine siamo trasparenti, saremo obbligati presto a lasciare il Paese, (finchè ne abbiamo facoltà mentali) per non sparire anche fisicamente.

roberta mevi 27.05.13 09:19| 
 |
Rispondi al commento

Da decenni si racconta la storia che l'Italia va male perché siamo governati male! Il risultato è che si sprofonda sempre più nell'indifferenza, rassegnazione e complicità.
Il vero problema sono gli italiani: popolo dalle mille risorse certo ma con un'innato individualismo incline alla furbizia e facilmente dedito a fregare il prossimo.
Per liberare questo Paese dobbiamo far finta di essere come gli Americani sbarcati alla fine della Seconda Guerra e rifondarlo nella sua moralità.
Ad esempio stabilendo che se non paghi i tuoi debiti perdi dei punti e raggiunto un certo limite dedichi due ore di servizi sociali al giorno finché non li hai saldati fino ad arrivare alla rilevazione da parte dello Stato o dei dipendenti dell'Azienda stessa, se produttiva, o alla sua chiusura con confisca dei beni da dare ai dipendenti perché possano avviare attività in proprio.
Rigore estremo per un decennio. Altrimenti facciamo solo chiacchiere e continuiamo ad essere un Paese d ladri, imbroglioni e furbetti.

Ray G., Milano Commentatore certificato 27.05.13 09:19| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

sono assolutamente solidale con te,il problema di cui tu parli non è di oggi, nella mia attività professionale assai lunga ho visto fallire piccoli imprenditori che non sono stati pagati,spesso da aziende più strutturate, che hanno chiuso pilotando fallimenti. Mentre queste hanno dovuto pagare l'IVA su ciò che non avevano incassato.
Io mi chiedo: ma dove erano i politici, le associazioni imprenditoriali, quelle artigianali?
Ora siamo giunti al capolinea, i aspettano tempi duri.

nerella sala, modena Commentatore certificato 27.05.13 09:15| 
 |
Rispondi al commento

A questa gente col sorriso stampato,sbattigli la testa contro il muro fino a quando non gli esce la materia grigia da quel cranio di merda,e vedrai che la prossima volta ci penseranno!!
Questo e' uno STATO DI MERDA!!
Bisogna farsi GIUSTIZIA DA SOLO,anche al costo di rimetterci la vita magari.

Diego Palmanova 27.05.13 09:06| 
 |
Rispondi al commento

Possibile che un problema cosi grande ed evidente i politici di turno che tanto predicano bene non capiscono e non lo risolvono tempo zero ? Non basta solo vergognarsi di questo paese........

Antonio Fusco 27.05.13 08:49| 
 |
Rispondi al commento

Beh siamo tutti non violenti ma ad un certo punto a questa gente il sorriso glielo toglierei a suon di sprangate..almeno la prossima volta ci penserà due volte a non pagare.Anche perchè questa gente di solito va in giro col cayenne e vive nei villoni.Anche io lavoro in proprio e per esperienza i poveracci pagano subito senza storie, piuttosto non fanno fare i lavori se non se li possono permettere..

stefano t., barcellona (spagna) Commentatore certificato 27.05.13 08:23| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 11)
 |
Rispondi al commento

Lo stato italiano incassa con la somma delle imposte 800 miliardi di euro l'anno, sono 80.000 euro per famiglia. Stato senza soldi e fallito è una palla per spendere sottobanco a mille mafie senza dare servizi decenti. Italiani, è un dovere pagare le tasse ma a 2 condizioni: la somma delle tasse dirette e indirette non deve superare il 40% delle entrate lorde di privati e aziende, si ha un ritorno in servizi di qualità

Marco saggio 27.05.13 08:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


LA CASTA IN CASSA INTEGRAZIONE

Se nulla cambia, ci sarà il definitivo collasso economico. E’ una catena che ci stritola, generata per lo più dalla nostrana disorganizzazione statale. Mi sono convinto che occorra istituire delle commissioni per monitorare in una settimana (ciò è possibile) i settori del pubblico impiego inefficienti e non operativi. I dipendenti pubblici col posto fisso, ma inefficienti (si aggiungano molti politici e molti del sindacato) andrebbero messi in cassa integrazione ad ottocento euro al mese. I proventi tuttora incassati dalla CASTA parassitaria andrebbero dirottati nei settori produttivi, strangolati dall’eccessiva tassazione. L'alternativa è la catastrofe sociale ed economica. So di un rettore universitario con sette parenti (moglie, figli, nipoti ecc.) tutti prof. ordinari. Questa gente sta troppo nel sicuro e con ricche, immeritate prebende.

Giuseppe C. Budetta

Giuseppe C. Budetta 27.05.13 08:17| 
 |
Rispondi al commento

marco..ti capisco..!è da giorni che vado dicendo che in questo paese siamo FALLITI...non c'è alternativa..inutile "piangerci adosso"...quì ormai falliscono famiglie e imprenditori..!!nonostante siamo allo sbando sociale e economico, la gente ha ri-votato PDL e PD-L...per carità rispetto chi l'ha votati!..ma come dice Beppe il M5S promuove lo spirito di comunità e la comunità, deve mettere al centro anche la tutela sociale e economica, dei propri membri!!!..il N/s slogan è.."noi siamo oltre..i partiti e la politica!...ecco "attrezziamoci" per fare questo passo..e cioè andare oltre il solo impegno politico..anche per aiutare gente che si trova in difficoltà per svariati motivi...vittima spesso dell'inefficienza di uno STATO che affosa le persone...
Urge organizzare un rete di "sostegno" che aiuti gli amici del M5S..!

napoleone ., Leghorn Commentatore certificato 27.05.13 08:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Qualche giorno fa un economista per Radio 24 ha detto che per la ripresa non occorrono soldi, ma prospettiva. Ed io sono d'accordo.
Durante il boom degli anni 60 gli Italiani non compravano case, automobili, elettrodomestici, etc. perché avevano soldi. Lo facevano (con le cambiali) perché vedevano di fronte a sé una prospettiva di crescita.
Questo serve all'Italia, una prospettiva credibile di crescita e sviluppo. E' in grado di darla questa classe dirigente? Finora no.
Cosa serve? Prima di tutto ragionare per l'interesse generale.
Questo suggerisce di tagliare la spesa pubblica inutile, combattere la corruzione e l'evasione, riformare il fisco spostando la pressione dalle aziende e il lavoro alla rendita e il patrimonio (8.600 mld di cui quasi la metà in mano al 10%). Investire sulla scuola, ricerca, tecnologie, cultura e turismo, infrastrutture ecocompatibili.
Ma soprattutto una P.A. che tratti gli Italiani da Cittadini. Che sia in grado di punire i colpevoli e di premiare gli onesti. Che rispetti per prima le regole che chiede agli Italiani di rispettare.
Io non voglio dei parlamentari che costino poco, voglio dei parlamentari che risolvano i problemi.
Prendiamo a riferimento il reddito anno medio degli Italiani. Quello deve diventare il parametro (a mio avviso mensile) per individuare il massimo di remunerazione dei parlamentari e della dirigenza apicale pubblica. Può salire se lavorano bene o può calare se lavorano male.

Alessandro Vaccari 27.05.13 08:15| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Esatto , questo e' un paese per furbi e disonesti, gente che va avanti studiando come FOTTERE la gente onesta. E in tutto questo lo stato italia non fa nulla , anzi favorisce questi esseri INFAMI!!

Gaetano D., Lecce Commentatore certificato 27.05.13 08:13| 
 |
Rispondi al commento

Se vogliamo garantire giustamente l'impignorabilita della prima casa dobbiamo anche garantire il pignoramento immediato dei beni di chi non paga volutamente prima dello stato e delle banche! Perché i parassiti furbetti devono fare la fine dei nostri politici!

Tioli Stefano 27.05.13 08:11| 
 |
Rispondi al commento

occhio perchè se gli fai causa, con certa gente, il giudice ti darà sicuramente ragione...Ma le spese del tribunale le paghi tu perchè chi hai di fronte di solito figura essere "nulla tenente"...

Davide A., MB Commentatore certificato 27.05.13 08:04| 
 |
Rispondi al commento

I ocmmercianti e gli imprenditori sono come il pulcino in mezzo alla stoppa. Avete presente? Più si muove e più si ingarbuglia!
La cosa migliore da fare è vendere in contanti (carta di credito), oppure accettare solo assegni avallati dalla banca.
Gli assegni, se hai un buon rapporto con il direttore della banca, egli ti trova sempre una escamotage per mandarlo indietro.
Le cambiali sono carta straccia.
Quando intraprendi un contenzioso, gli avvocati si sa come sono! Trovano, sempre qualche codicillo per rinviare sine die la conclusione della vertenza.
La soluzione che rimane è quella di scendere al livello dei mascalzoni insolventi e farsi giustizia con le proprie mani. Una volta sola si vive. Qualche soddisfazione, in mancanza di diritti e di tutele, bisogna pure prendersela, no?

pietro denisi, reggio cal. Commentatore certificato 27.05.13 08:03| 
 |
Rispondi al commento

Si devono vergognare loro, Sig. Rossi. Non Lei.
D'altra parte questa è la loro Italia.Non la nostra.
La considerano un bene personale, sul quale vantano l'agio del 50% e oltre quando vengono a riscuotere, politici e burocrati tutti. Loro amano la Patria e nutrono un fiero e sdegnoso schifo contro chi non la ama altrettanto. Ma forse è diverso il concetto di Patria dei poveracci rispetto a chi in Italia vive da Pascià. Naturalmente il caso che cita Lei è più grave. Ma mi permetta di citare un altro caso.
Lo Stato vuole i soldi anche se l'affitto degli immobili non viene pagato. Lo ha stabilito la Cassazione lo scorso anno, dopo che il Governo Monti ha ridotto dal 15 a 5% la quota deducibile per la manutenzione. E gli affitti non si pagano, perché la gente non ha i soldi. Normalmente i proprietari non fanno pena a nessuno e tutti nutrono nei loro confronti un fiero disprezzo. La gente è convinta che siano dei parassiti e paghino poche tasse. Tranne quei pochi che stanno nel regime di cedolare secca (solo per le abitazioni) l'aliquota è progressiva e, se si somma ad un altro reddito, si arriva tranquillamente al 50% tra Irpef, imposta di registro e Imu (ci manca solo la patrimoniale per arrivare al 60%) Ma il problema è: se non ti pagano, dove diavolo lo vai a prendere quel 50% di tasse?

giuseppe 27.05.13 07:57| 
 |
Rispondi al commento

...sono molto d'accordo con te saluti

FRANCESCO C., genova Commentatore certificato 27.05.13 07:46| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno sig. Rossi, ho letto con crescente rabbia la sua lettera e le confesso di ammirarla: Io sono sempre stato un dipendente, per varie ragioni i progetti di mettermi in proprio non li ho mai realizzati, ma se penso di averlo fatto e di finire in questo modo uno sbocco d'acido mi sale alla gola. Ammiro la sua reazione, io avrei perso la testa e forse me la sarei presa, violentemente, con qualcuno, magari alla fine con me stesso. Spero che la nascita del M5S possa metter fine a situazioni ignobili come la sua senza che la violenza divenga l'unica opzione. Auguri di cuore.

Tukko67 aka (acronik-nauta) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 27.05.13 07:42| 
 |
Rispondi al commento

hanno massacrato la magistratura per questo... la classe politica parla di processi troppo lunghi ma solo per ammazzarli del tutto... tanti anni fa pensare di avere a che fare con tribunali e avvocati metteva paura ora ti dicono "... e fammi causa" e sai che perderai tempo e soldi e forse non avrai mai giustizia. E intanto gli imprenditotori chiudono e le imprese falliscono.
Anche questa dobbiamo fargliela pagare...

donatella DEL TURCO (doni.dt), LA SPEZIA Commentatore certificato 27.05.13 07:32| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 10)
 |
Rispondi al commento

Capisco la tua disperazione in quanto sono nella stessa situazione di creditore disilluso. Nessuno pensa alla riforma della giustizia ed allo smaltimento dell'enorme arretrato di cause le quali, se risolte, potrebbero aiutare l'economia oltre che dare fiducia nele Istituzioni. Ormai la gente è talmente sfiduciata che non partecipa neppure al diritto di voto, come dimostrano i dati delle elezioni comunali in corso.

Fabio Barreca 27.05.13 07:31| 
 |
Rispondi al commento

Io ho chiuso cinque anni fa per lo stesso motivo, clienti che non pagavano e Stato che se ne fotte.

carlo r., anzio Commentatore certificato 27.05.13 07:24| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

"sono affari tuoi.."
eh no caro "amico"...
non sono affari solo miei,
tuoi vuoi che ti pago ..in cambio di cosa?
usi la solita risposta jolly?
i servizi,le strade ect..
sempre la solita risposta che usi per giustificare decine di tasse,
che finiscono nel sacco senza rendiconto?

caro "amico" le vacche hanno finito il latte..
e tu che fino ad oggi ne hai sprecato ancora non te ne rendi conto.
non te ne rendi ancora conto che hai mangiato troppo, tanto da toglierne anche ai tuoi eredi.
non ce ne piu per mantenere gli sfruttatori e quelli che li proteggono.

andrea schiavon 27.05.13 07:15| 
 |
Rispondi al commento

Caro Marco,

da noi si garantisco i "furbi", quelli che vogliono vivere alle spalle degli altri fregandoli. .. se uno cerca di essere onesto e di comportarsi correttamente, non ha nessuna garanzia !

Roberto B. Commentatore certificato 27.05.13 07:14| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Una cosa che sicuramente contribuirebbe a risollevare la situazione economica italiana è il fatto di GARANTIRE IL CREDITO....
In Germania le cose funzionano bene anche e sopratutto per questo.
Non puoi inventarti di fare impresa se non hai i soldi.
Il governo ha proposto di fare SRL con capitale di soli 1000 €uri... MA SIAMO IMPAZZITI?

Luigi A., Bari Commentatore certificato 27.05.13 06:42| 
 
  • Currently 4.4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento

Negli anni 80 un certo signore costruì il Carrefour qui a Udine e fece proprio così con i suoi fornitori! La regione dovette ripianare i debiti e il signore diventò più signore. Facile arricchirsi così, vero?
Tuttora si fa così: come pensate che Michael O'Leary padrone di Rayanair faccia per tenere bassi i prezzi dei biglietti, per esempio? Le società di esercizio aeroportuale gli pagano le tasse e gli oneri accessori e lui abbatte i suoi costi. Socializzare i costi, privatizzare gli utili. La Fiat lo ha fatto da sempre e i tre fratelli sono stati senatori a vita! Ricordare, amici, informarsi e lottare pacificamente per rovesciare questo sistema è l'unica alternativa all'eutanasia dei popoli tutti!

Silvano Della Pietra 27.05.13 06:31| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
Non ci sono parole per esprimere la stima che ho per Te.
Quando il MoVimento 5 Stelle sarà al governo, (tra pochi mesi, ne sono convinta, e nel mio piccolo faccio ciò che posso affinché ciò avvenga), si dovrà fare qualcosa per far sì che situazioni come quella descritta nel post, non possano mai più accadere.
Pare veramente che pagare sia un dovere solo del povero cittadino squattrinato che sono tutti pronti a minacciare: “ti chiudiamo la luce, il gas, il telefono, ti sequestriamo i mezzi con cui lavori, ti roviniamo”. Ma “loro”, i prepotenti di turno, non devono mai pagare: fanno lavorare gratis un sacco di gente e poi inventano mille scuse pur di non tirare fuori un euro.
Io sarei una giornalista (non di politica), ma non posso dire di esserlo, a differenza di altri Paesi, perché non sono iscritta all’albo (per mia decisione, pur avendone ampiamente maturato il diritto), e sto aspettando che un settimanale nazionale, che vende sulle 500 mila copie alla settimana, si degni di pagare le mie fatture mensili a partire da agosto 2012, complessivamente un migliaio di euro. Fuffa, rispetto ai problemi di molta altra gente, ma essendo il mio settore, sono sul piede di guerra con i giornali che non pagano. Da quando ho invece deciso di spostare molte mie attività su dei blog, cercandomi io gli sponsor, ho avuto una casistica di lavori non pagati quasi uguale a zero, giusto un furbetto all’anno in media, tra cui l’ultimo che mi ha quasi picchiato perché pretendevo i miei 200 euro pattuiti.
Anche questo dimostra che la scelta nella vita e alle urne è tra buoni e cattivi, esattamente come dicevi Tu, grande Beppe, a Roma. I buoni stanno con il M5S!!! Francesca @HuckFra

Francesca B., Ovada Commentatore certificato 27.05.13 03:02| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 10)
 |
Rispondi al commento

E' follia.
Dopo essere stati governati per anni da ladroni "arraffo per me e me ne frego", questi sono i risultati.
Da parte loro non c'e' stato alcun interesse ne' tutela verso chi lavora e produce, minando in tal modo le basi del benessere in Italia.
Nonostante cio', continuano ad ottenere consensi e voti!
Probabilmente perche', oltre ad avere facce toste incredibili (probabilmente c'e' una scuola per politici), hanno dalla loro parte una potenza di fuoco, da parte dei media, diffusa capillarmente anche nelle tv, nelle radio e nei giornali che non sono dichiaratamente di informazione (certi argomenti non si trattano, certe domande non si pongono, si fanno velate allusioni, ecc...).
Loro si devono vergognare, non lei.
Io non so cosa lei fara'.
Ma spero che abbia la forza di reagire (non con la violenza, naturalmente), rimboccandosi le maniche con la determinazione che ha avuto come professionista, utilizzando la sua intelligenza e le sue risorse per fare assieme veramente qualcosa per moralizzare e risollevare la sorte di questo Paese e di conseguenza di tutti noi.

Sergio A. Commentatore certificato 27.05.13 02:03| 
 |
Rispondi al commento

Sono ingegnere elettrico, per me pure è uguale, ho fatto molti progetti per fotovoltaico nel 2010 per una società di Saronno. Ancora aspetto i soldi.. poi vengo a sapere che gli utili di quell'anno già se li sono divisi.. che il socio principale s'è fatto la piscina in casa ma non hanno versato l'iva allo stato, che non ha pagato oltre a me installatori e fornitori (hanno fatto un falso in bilancio direi..) poi vado tramite avvocato, spendo soldi per il notaio (ma perché??) per registrare il dovuto, marche da bollo e altro.. e forse non prenderò niente...
poi guardo lui che vota il nano, e altri come lui.. gente che non sa fare l'imprenditore se non a scapito degli altri e che da quell'omino di Arcore e da questa sinistra schiava delle lobby è da sempre tutelato.. e tanti come lui in Italia, forse troppi.. A breve penso prenderò un aereo e andrò all'estero. Che poi lo farò non per scelta ma per disperazione.. e al mio paese che tanto amo lascerò solo Berlusconi Letta e tutta sta gente infame che ancora parla e dice "io penso che così sia giusto..".. ma se ne vadano affanculo tutti sti partiti.. in parlamento non devono pensare di testa loro, a scegliere devono essere i cittadini, loro dovete solo applicare le scelte, se non gli sta bene cambiassero Stato, così magari resto io e tanti come me...

Vito D'Amico 27.05.13 01:55| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ci sono uomini che hanno un piede in due scarpe, sono i mafiosi, i complici, i corruttori presenti oggi in politica. Essi lavorano e si industriano per un secondo stato composto solo da "illustri" cittadini e da affaristi poco raccomandabili, nel frattempo sono anche rappresentanti del primo stato, quello Italiano. Sono dei signori double face, che in 2 decenni si sono occupati esclusivamente del secondo stato ignorando, anzi usando, il primo stato come spalla d'appoggio saccheggiandolo a loro piacere. Oggi con l'avvento del M5S, sono leggermente disorganizzati con poco tempo per trovare soluzioni per il primo stato, ovviamente nel caso in cui fossero veramente in grado ed interessati a trovarne delle soluzioni. Comunque sia una cosa è certa, ricorrono frettolosamente ad un copia e incolla maldestro di idee, per le quali i politicanti non hanno neanche le sinapsi adatte per assimilarne i significati, oppure, non hanno intenzione di assimilare tali idee perché rovinerebbero il loro giochino double face da uomini double face.
Tutto questo non è storia nuova, credo sia storia vecchia di millenni, oggi però questa vecchia storia può creare enormi danni non solo in Italia, in quanto, non solo l'Italia ha dei politici double face.
Questa vecchia storia con i mezzi di informazione che possiede, può portare l'intero mondo verso un irreversibili disastro. Da qui in poi verrebbe il bello del discorso, ma mi renderei prolisso e noioso, e forse neanche in grado di sostenerlo.

Giorgio Fiandrino , Buriasco Commentatore certificato 27.05.13 01:44| 
 |
Rispondi al commento

adesso hai trovato l'efficientissima soluzione a 5 stelle.... complimenti!

bruno bassi ex iscritto dissidente 27.05.13 01:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

in questo momento dire fai come loro diventa anche tu un delinquente e' troppo facile,anche perche se lo vuoi fare non ci riesci per colpa del DNA. ora hai rabbia mescolata al dolore perche io ne so qualcosa.Non fare cose strane fuori dalla legge.prendi tempo e meditazione .Lo so che hai tutto perduto.importante avere un tetto per dprmire e mangiare.ci sono strutture di aiuto che ti pagano le bollette di casa(se ancora ce l?hai)vedrai che dopo verra un mondo migliore.pace e bene sobrieta e serenita.

Marco

marco da firenze 27.05.13 01:32| 
 |
Rispondi al commento

Volevo potare all'attenzione l'ennesima presa per i fondelli ai danni della povera gente in questo casi ai genitori di bambini "nuovi nati". Sto parlando del fondo nuovi nati; nato sotto il governo Berlusconi e prorogato dal governo Monti, legge che porta la firma dell'ex ministro Giovanardi. Bene in base a questa legge i genitori possono richiedere fino ad un max di 5 mila euro (fino ad esaurimento dei fondi) ad un tasso d'interesse praticamente zero. Ora la cosa sarebbe bellissima e sarebbe una boccata d'ossigeno per tante famiglie o ragazze madre invece NO. Ti presenti in banca con il tuo ISEE che non viene neanche considerato, l'impiegato è subito franco e ti spiega che il fondo ha la procedura di un autentico prestito personale e che quindi devi avere detterminate credenziali. Quindi niente fondo se: Lavoratore part-time, stagionale, disoccupato, se lavori e hai in un mutuo in corso...scordatelo!. Ti spulciano il c/c, se hai la fortuna di accedere al fondo ti obbligano ad aprire un c/c e accreditare lo stipendio. Ora io mi chiedo con quale criterio si destinano queste risorse se poi alla fine chi può usufruirne sono solo in pochi e non sicuramente chi ne ha veramente bisogno? Mistero!

Francesco Manca 27.05.13 01:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dove andremo a finire?! I dati sull'affluenza alle comunali sono sconfortanti: la gente non si ribella. Il massimo che riesce a fare è astenersi. Non si vede nel M5S un'alternativa, quando è ormai sempre più evidente che lo sia e, soprattutto nessuno comunque ne propone un'altra di soluzione. Tutti a casa che così lo cambiamo 'sto Paese! http://lucafiordelmondo.blogspot.it/


Il "paga-mai" o finto povero è il personaggio più protetto dalle leggi italiane: se ti prendono la pagnotta dalla tavola sono ladri ma se ti prendono un servizio fatturato senza pagare allora non sono ladri ma nullatenenti che con il culo in mercedes ridono dell'ingenuità di chi per avere giustizia si rivolge alla legge....

Senza leggi decenti che proteggano gli onesti ci stiamo riducendo a un'economia di "io dare moneta tu dare cammello".

Tutti i protezionismi ai falsi poveri sono risorse negate a chi ha davvero bisogno di aiuto.

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato 27.05.13 01:09| 
 
  • Currently 4.6/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

Stessa esperienza identica. Le tasse, l'IVA eccetera sono un grosso problema. Ma il vero e reale problema è chi NON PAGA. Per piccole cifre, praticamente non gli puoi fare niente. Io una soluzione l'ho trovata, sono andato a vivere in un posto dove il concetto di NON PAGARE non sanno neanche bene cosa sia.

Paolo C., Lecco Commentatore certificato 27.05.13 01:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori