Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

P(residenzialismo) 2

  • 315


licio.jpg
Ne rimarrà soltanto uno!

"Con il semipresidenzialismo, peraltro richiesto nel Piano di Licio Gelli della P2, Berlusconi fa un salto avanti nella sua ingiuriosa scalata al potere che gli darebbe impunità e immunità. Quello che non gli era riuscito con la bicamerale dalemiana del 1997 gli riesce oggi con questo vergognoso governo dell'inciucio. A questo è riuscito ad arrivare il pd (menoelle, ndr) nella sua deriva obbrobriosa verso l'antidemocrazia, mentre i suoi giornali e i suoi cloni azzannano il M5S, reo di voler difendere la democrazia! Col semipresidenzialismo alla francese il Piano di Rinascita Democratica della P2 sarà completato!" Viviana Vi

business carrier articles new carrier business opportunities finance carrier deposit money carrier making art loan carrier deposits make carrier your home good income carrier outcome issue medicine carrier drugs market carrier money trends self carrier roof repairing market carrier online secure carrier skin tools wedding carrier jewellery newspaper carrier for magazine geo carrier places business carrier design Car carrier and Jips production carrier business ladies carrier cosmetics sector sport carrier and fat burn vat carrier insurance price fitness carrier program furniture carrier at home which carrier insurance firms new carrier devoloping technology healthy carrier nutrition dress carrier up company carrier income insurance carrier and life dream carrier home create carrier new business individual carrier loan form cooking carrier ingredients which carrier firms is good choosing carrier most efficient business comment carrier on goods technology carrier business secret carrier of business company carrier redirects credits carrier in business guide carrier for business cheap carrier insurance tips selling carrier abroad protein carrier diets improve carrier your home security carrier importance

3 Giu 2013, 15:03 | Scrivi | Commenti (315) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 315


Tags: Berlusconi, Letta, Licio Gelli, P2, pdl, pdmenoelle, presidenzialismo, Viviana Vi

Commenti

 

Non ti preoccupare: non faranno un bel niente. Le riforme servirà da cortina fumogena per riempire i telegiornali e gli approfondimenti a porta a porta. Così non si parla di altri problemi di cui non hanno la minima idea ( e forse è meglio) di come risolverli. La tiritera durerà fino a quando lo Psico deciderà ( in base ai soliti ca??i suoi) che si và tutti a casa. Nel frattempo si saranno spartiti un pò di posti di potere e sottopotere...

biagio f., potenza Commentatore certificato 08.06.13 17:35| 
 |
Rispondi al commento

.Vorrei che il semipresid. scatenasse un dibattito generale,cosa che i media ufficiali evitano proprio di fare.E' già passato il voto in Senato "per alzata di mano", quando la Costituzione richiede un iteri lungo e complesso per qualsiasi riforma costituzionale.Ricordo che Monti con il beneplacito di Napolitano ha già immesso nella Costituzione delle variazioni 'enormi' senza rispettare l'iter previsto dalla Costituzione stessa,come il pareggio del bilancio,che vieta di fatto qualunque aiuto allo sviluppo e persino aiuti di Stato in caso di calamità. E ora ci dicono che il passaggio da una repubblica parlamentare a un presidenz. sta avvenendo al Senato "per alzata di mano"??????!!!!!!

Art. 138 della Costituzione

Le leggi di revisione della Costituzione e le altre leggi costituzionali sono adottate da ciascuna Camera con 2 successive deliberazioni ad intervallo non minore di 3 mesi, e sono approvate a maggioranza assoluta dei componenti di ciascuna Camera nella seconda votazione

Le leggi stesse sono sottoposte a referendum popolare quando, entro 3 mesi dalla loro pubblicazione, ne facciano domanda un quinto dei membri di una Camera o cinquecentomila elettori o cinque Consigli regionali. La legge sottoposta a referendum non è promulgata se non è approvata dalla maggioranza dei voti validi.

Non si fa luogo a referendum se la legge è stata approvata nella seconda votazione da ciascuna delle Camere a maggioranza di due terzi dei suoi componenti.
..
E quando mai questo è stato fatto?
E cosa aspetta il M5S a promuovere un referendum?

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 08.06.13 08:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Lorenza Carlassare, professore emerito all’Università di Padova: “Le riforme da noi hanno lo scopo di delegittimare la Costituzione esistente e di dare un po’ di sostanza a quella vena di autoritarismo che ci portiamo dietro da sempre, perché la riforma della forma di governo è totalmente inutile. Il presidenzialismo all’americana non lo vogliono perché lì i poteri del presidente sono davvero limitati dal Parlamento e dal potere giurisdizionale, e allora c’è l’idea del semipresidenzialismo che vedono come un filone che può portare la concentrazione dei poteri in una persona sola: questa è l’aspirazione. A questa aspirazione autoritaria io non ci sto e quindi la mia idea sarebbe di portare la mia voce dissidente, ma forse ho sbagliato ad accettare perché questa voce dissidente non avrà spazio”. Affermazioni decise, tanto che alcuni già pensavano a dimissioni lampo della professoressa. Ma così non è, almeno per ora. “La mia intenzione”, spiega Carlassare, “è quella di seguire i lavori del comitato con grande attenzione, perché molte riforme sono urgenti e necessarie. Non mi vorrei sottrarre all’idea che si possano fare dei mutamenti specifici e puntuali, ma che non devono toccare l’essenza liberaldemocratica della nostra Costituzione. Se la commissione intende fermarsi su questi temi bene, se invece si va su temi che non mi convincono per nulla, come il presidenzialismo, francamente non ci sto. Se il comitato si mette con fermezza su questo binario e io capisco che non posso essere utile, in questo caso mi dimetto certamente. Sottolineo che molti componenti della commissione sono persone che stimo: voglio dire che le cose possono anche andare bene”.

In questo momento il dibattito politico è incentrato sulla forma di governo. “Ritengo che la figura del Capo dello Stato, il ruolo svolto in modo così importante, non possa essere eliminata. La concentrazione dei poteri è il contrario della democrazia costituzionale: a questo mi sono sempre opposta e continuo ad oppormi.

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 08.06.13 08:10| 
 |
Rispondi al commento

GIANCARLO
Lunedì 3 giugno quasi tutta la stampa ha messo in prima pagina la frase di Napolitano sul “governo a termine”, sconfinamento arbitrario dalle sue funzioni, ma non è successo niente per la prassi che i giureconsulti di palazzo tutto ingoiano in cambio di benefit. Camilleri ha detto che “la Costituzione è bella che andata in vacca”. Ha reagito solo Grillo, chiedendo a che titolo Napolitano possa fissare un limite temporale al governo Letta, trattato come uno yogurt, ma la cosa è stata liquidata come la solita mattana dell’ex comico. IFQ ha chiesto il parere autorevole di Barbara Spinelli che di fronte a “una cosa mai vista”, ha risposto che Napolitano ha “forzato” la Carta e che ormai “il presidenzialismo c’è già”. Napolitano nega e se la prende con la Spinelli e IFQ. Che Napolitano si comporti come un monarca capriccioso non può sorprendere, visto che il governo delle larghe intese lo ha inventato lui miracolando Pd e Pdl che alle ultime elezioni hanno perso insieme 10 milioni di voti. Idem per (quasi) tutta la stampa italiana che, a furia di sviolinate ai potenti, in 5 anni ha perso un milione di copie e vari milioni di lettori e ora, col cappello in mano, elemosina nuovi contributi e incentivi. Titolo di ieri sul sito del Corriere della Sera (che lunedì come gli altri aveva annunciato il governo a termine): “Il Quirinale smentisce il Fatto”. Più chiaro di così.

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 08.06.13 08:06| 
 |
Rispondi al commento

Stanno avvenendo cose tragiche in Italia nella completa disinformazione di media servili che preferiscono fare titoloni sui dissapori dentro il M5S piuttosto che informare del colpo di stato a marca Pd che trasformerà la Repubblica parlamentare in stato semipresidenziale con elezione diretta del capo di Stato con legge presentata da B. Al Senato la rivoluzione è stata già approvata per alzata di mano da Pdl e Lega. Contrari i senatori dell'Udc, astenuti quelli del Fli, assentati per protesta (come Ponzio Pilato) Pd e Idv.

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 08.06.13 07:43| 
 |
Rispondi al commento

..C’è chi nega che Gelli nel suo piano di golpe pidduista che distrugge la democrazia abbia mai parlato di presidenzialismo. Ma lo smentisce lo stesso Gelli su tutta la stampa http://www.blogncc.com/24395/licio-gelli-presidenzialismo-unidea-mia-napolitano-e-letta-vinceranno.html
dicendo che ha pensato a un repubblica presidenziale nel 1976 quando tracciò il suo piano per mandato di Leone (che divenne presidente grazie alla massoneria) per contrastare la minaccia di uno stato comunista, ma poi Leone non lo volle eseguire. “Il Piano prevede la revisione della Costituzione in senso presidenziale” come fine della guerra civile tra i poli e nomina di un comitato di 11 saggi con pieni poteri per rifare tutte le leggi, con ripristino dell’autorità del Prefetto, militarizzazione delle periferie, ripristino del fermo di polizia, riduzione dei poteri della Consulta, impiego dell’esecutivo in operazioni di ordine pubblico, limitazione del diritto di sciopero, riduzione dei giornali, separazione delle carriere tra Gp e Pm, perizia psichica periodica sui giudici.. E conclude: “Già dai tempi in cui fra Craxi e Napolitano esisteva un concreto asse di solidarietà, si tendeva in maniera mascherata a creare i presupposti di una repubblica presidenziale. Napolitano ci ha riprovato con Monti, dopo averlo fatto senatore a vita in pochi minuti e aver sponsorizzato la sua campagna elettorale. Oggi l’asse vincente ha un solo nome: Letta, magnificamente trasversale”.

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 08.06.13 07:31| 
 |
Rispondi al commento

.DI PIETRO
Più che un piano di rinascita per l’Italia sembra si stia rimettendo in piedi il piano di rinascita di Licio Gelli, P2. Il ‘venerabile’ in questi giorni sta esultando e rilasciando interviste. L’abbozzo di Repubblica presidenziale che sembra delinearsi all’orizzonte, nelle intenzioni di Letta, Alfano e company, è molto simile a quello proposto da lui a suo tempo. Grazie a Letta con l’appoggio di Napolitano, si attuerà questa revisione della Costituzione in senso presidenziale. Avremo così un uomo solo al comando: B (tessera P2 numero 1816), con tutti i rischi e le derive autoritarie che correrà il Paese. Gli ex piduisti sono ai vertici del potere, nei suoi gangli di comando, a cominciare da B e dai suoi fidati scudieri, come Cicchitto, (tessera P2 numero 2232), quest’ultimo premiato con la presidenza della commissione Esteri. I massoni ormai detengono buona parte dei mezzi di comunicazione e sono pronti a sferrare il colpo mortale alla nostra democrazia con l’appoggio trasversale delle forze politiche presenti in Parlamento. E’ una deriva antidemocratica col potere nelle mani di lobby trasversali che fanno capo alla massoneria. Bisogna fermarli prima che sia troppo tardi! Nessuno tocchi la Costituzione, nessuno tocchi la democrazia.

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 08.06.13 07:16| 
 |
Rispondi al commento

-LORENZO PULEO
1) Applicano il sistema parlamentare, in cui è forte il Parlamento:
Canada, Libia, Etiopia, Somalia, Inghilterra, Spagna, Norvegia, Svezia, Germania, Italia, Polonia, Turchia, Mongolia, India, Australia
Il capo dello Stato non ha sostanzialmente nessuno dei tre poteri (legislativo, esecutivo, giudiziario) ma svolge solo un ruolo di garante tra i poteri e un ruolo di rappresentanza dell’unità nazionale. Viene eletto dal parlamento o nominato per via ereditaria nel caso di monarchia.
Il capo del governo deve ricevere la fiducia del parlamento; è sfiduciabile dal parlamento; non può sciogliere il parlamento. In questo sistema il parlamento rappresenta l’unico potere forte.
2) Nel sistema semi-presidenziale, il potere esecutivo è condiviso tra il capo dello Stato e il capo del governo: Mauritania, Mali, Niger, Algeria, Kenya, Francia, Ucraina, Romania, Russia. In alcune forme ha maggiore potere il capo dello Stato, in altre il capo del governo
In un sistema semi-presidenziale con preminenza del capo dello Stato: egli ha la possibilità di indirizzare politicamente il governo, non è solo un garante al di sopra delle parti.
Il capo dello Stato: è eletto dai cittadini; non può essere revocato dal parlamento; può sciogliere il parlamento nei limiti costituzionali.
Il capo del governo: è nominato dal capo dello Stato e può essere revocato dal capo dello Stato; deve avere la fiducia del parlamento e può essere sfiduciato dal parlamento.

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 08.06.13 07:16| 
 |
Rispondi al commento

Credo che si potrebbe mettere in crisi la coalizione al governo accettando il presidenzialismo ,ma creando una sequenza di step con i quali alla fine si arrivi ad avere un presidente legato alla partecipazione degli elettori .
Cerco di spiegarmi meglio anche se ancora non ho io le idee chiarissime , se pensiamo di potere eleggere i nostri rappresentanti direttamente come si fa per i sindaci, potremo partire da li poi per chiedere a questi durante il loro mandato di proporci da tre a cinque nomi di personaggi (eccellenti) di tutti gli schieramenti su cui discutere per la eventuale candidatura al parlamento e così avremo scelto anche i parlamentari ,poi con lo stesso criterio i parlamentari dovrebbero presentarci altrettanti nomi su cui esprimere un giudizio e a quel punto noi dare una delega sui nomi accettabili ai sindaci da girare ai parlamentari per restringere la rosa dell' eventuale presidente votabile poi dai delegati parlamentari.
Spero questa proposta possa trovare un dibattito e una proposta concreta.
Buona sera a tutti

paolo rapetta 07.06.13 21:08| 
 |
Rispondi al commento

M5S potrebbe proporre un proprio DDL di revisione della Costituzione, alternativo a quello presentato dal Governo, e chiederne l'esame secondo la procedura attualmente prevista

giovanni 07.06.13 18:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

PROCEDURA D'URGENZA Il ddl sulle riforme « sarà trasmesso al Senato dove il Governo chiederà la procedura di urgenza per dare certezza e ridurre i tempi di discussione e approvazione del provvedimento». Lo dice il ministro per i rapporti con il Parlamento Dario Franceschini.

http://www.leggo.it/index.php?p=articolo&id=288676

Art. 72.

Ogni disegno di legge, presentato ad una Camera è, secondo le norme del suo regolamento, esaminato da una commissione e poi dalla Camera stessa, che l'approva articolo per articolo e con votazione finale.

Il regolamento stabilisce procedimenti abbreviati per i disegni di legge dei quali è dichiarata l'urgenza.

Può altresì stabilire in quali casi e forme l'esame e l'approvazione dei disegni di legge sono deferiti a commissioni, anche permanenti, composte in modo da rispecchiare la proporzione dei gruppi parlamentari. Anche in tali casi, fino al momento della sua approvazione definitiva, il disegno di legge è rimesso alla Camera, se il Governo o un decimo dei componenti della Camera o un quinto della commissione richiedono che sia discusso o votato dalla Camera stessa oppure che sia sottoposto alla sua approvazione finale con sole dichiarazioni di voto. Il regolamento determina le forme di pubblicità dei lavori delle commissioni.

La procedura normale di esame e di approvazione diretta da parte della Camera è sempre adottata per i disegni di legge in materia costituzionale ed elettorale e per quelli di delegazione legislativa, di autorizzazione a ratificare trattati internazionali, di approvazione di bilanci e consuntivi.

giovanni 06.06.13 19:52| 
 |
Rispondi al commento

CORAGGIO PERSEVERATE NELL'ERRORE DI INSEGUIRLO FACENDO IL SUO GIOCO: parlate bene o male, ma parlatene ! B. ringrazia.
INVECE DI PERDERE TEMPO, BASTA FARE CHIAREZZA: CHIEDETE ANCHE PER ISCRITTO, A B. DI FORMALIZZARE IN DIRETTA TV, GIURANDO SOLENNEMENTE CON LA MANO SUL VANGELO, sovrapposto al CODICE PENALE, LA SUA RINUNCIA COMUNQUE ED IN OGNI MODO, DIRETTO O INDIRETTO, AD OGNI E QUALSIASI CANDIDATURA O NOMINA, A PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA.
ANCHE SE GLIELO CHIEDONO 56 MILIONI DI ITALIANI.
DURATA DELL'INTERVISTA 10 SECONDI, CONSENTITE SOLO RISPOSTE MONOSILLABICHE.
DOPO SI POTRA' FORSE VALUTARE SERENAMENTE, ASSIEME A TUTTE LE OPZIONI, LA RIFORMA COL PRESIDENZIALISMO.
UN ALTERNATIVA: DICE BEPPE CHE B. VUOLE FARSI RE, NON SCARTEREI L'IPOTESI, SPECIE SE FOSSE SEGUITA IMMEDIATAMENTE DA UN DEMOCRATICISSIMO REFERENDUM.
IN BREVISSIMO TEMPO, SI TROVEREBBE A S. ELENA AMENA LOCALITA' D'OLTREMARE.
LIBERO FINALMENTE DI DEDICARSI ALLE SUE AMATE LETTURE E AGLI OZI LETTERARI.
MAGARI SCRIVENDO: LE MIE PRIGIONI che non furono.
PER FAVORE SE M5* VUOLE VERAMENTE GOVERNARE, CHE SI CONCENTRI SULLA COSTRUZIONE DELLA SOCIETA' DEL FUTURO SENZA L'ARCHIVIO PALEONTOLOGICO (TUTTO !).
MAGARI CON I VOTI DI QUALCHE MILIONE DI ISCRITTI.
gfp

PS: molti chiedono se sono iscritti oppure no. Non sarebbe utile una conferma per evitare di avere, alla bisogna, una rimarchevole quota di "intoccabili" ?

Gianfilippo P., Arese Commentatore certificato 06.06.13 19:01| 
 |
Rispondi al commento

VIVIANA VI ..DA QUANTI ANNI FAI PARTE DEL PARTITO COMUNISTA?

luciano n., aprilia Commentatore certificato 06.06.13 14:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Avete tutti scritto cose interessanti
e l'argomento è di fondamentale importanza
E' un vero peccato che questo pezzo sia stato pubblicato qui di lato e non sia diventato un blog scritto dallo staff messo al posto principale
anche se è stato citato da tutti i quotidiani, ma avrei preferito che questi, invece di citare me che non sono nessuno, avessero registrato un intervento diretto di Grillo

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 06.06.13 12:57| 
 |
Rispondi al commento

ma sei proprio sicuro che il pd abbia il meno elle o non ne abbia pure 2 di elle tipo :mps,c'avemo na banca ecc.

franco selmin, montegrotto terme Commentatore certificato 05.06.13 18:21| 
 |
Rispondi al commento

l'articolo di Barbara Spinelli indica chiaramente che l'obiettivo delle riforme è la riduzione ai minimi termini del ruolo del Parlamento.

va osservato che il ruolo del nostro Parlamento è già stato in buona parte svilito dalla legge elettorale vigente, laddove i parlamentari sono stati nominati dai vertici dei partiti e gli elettori chiamati a scegliere per un candidato premier
quindi la funzione legislativa, attualmente, appartiene, di fatto, ai vertici dei partiti, così come la scelta dell'esecutivo (la scelta degli elettori sul candidato premier, non è stata sempre rispettata, sia in occasione della nomina di Monti, che in quella della nomina di Letta)

l'interventismo, poi, del Presidente della Repubblica e del Governo, nel percorso delle riforme costituzionali, sono volte ad impedire del tutto al Parlamento, di svolgere un ruolo significativo nel processo di costruzione delle riforme, (le minacce di Napolitano e di Letta, nei rispettivi discorsi di insediamento, di dimissioni nel caso in cui le riforme non si realizzassero)toglie ogni dubbio sul fatto che questa non sia più una repubblica parlamentare, ma cosa nelle mani di poche persone

giovanni 05.06.13 15:43| 
 |
Rispondi al commento

Lo zoccolo duro della proposta da me avanzata è molto semplice e parte dal presupposto che è ora di smetterla di starsene in disparte e occorra cercare e consolidare alleanze e coordinamenti con chi ci sta e la pensa allo stesso modo, almeno sul problema in oggetto.
Questo non significa il venir meno degli ideali in cui si crede ma solo la necessità che in determinate fasi storico-politiche le alleanze risultino il passaggio obbligato per evitare di essere travolti dall'onda dell'autoritarismo, vera anticamera della dittatura, come giustamente riferito nel presente post.
Le crociate sono state storicamente una fase buia del Medioevo, dove assieme ai panni sporchi della lotta contro l'islam traboccante, si è buttato via il bambino di un'intera cultura poliedrica e positiva. Ora, fare crociate adesso contro giornalisti di merda (su cui si scagliava già Gaber negli anni '80) non serve a nulla se non a inimicarsi quelli sani della categoria e a "scaldare il piscio" (piemontesismo più efficace di esacerbare) ai troppi qualunquisti che non sanno distinguere il grano dal loglio.
Se crociata va indetta è quella contro lo stravolgimento costituzionale; è quella contro leggi ad personam e l'incandidabilità di mister b.; è quella contro leggi (fornero, ecc.) anti lavoratori, anti pensionati, anti giovani; crociate contro la casta che escogita di tutto e di più per perpetrare se stessa e le proprie rendite (da qui il favore verso proposte come quelle in Friuli della Serracchiani); e così via, scorrendo il non-programma di M5S.
Ma occorre uno scatto d'orgoglio, una discontinuità, sia con i giornalisti e sia con tutti coloro che potrebbero concordare su una commissione che cerchi di contrastare quell'altra, voluta da mister b., approvata da Letta/Findus ma certo non fatta propria, ad esempio, da tutto il pd-l.
Ribadisco: i treni non passano sempre, le occasioni per contare e provare a cambiare neppure.
Ci si pensi, prima di dire l'ennesimo no

FULVIO T., Paesana (CN) Commentatore certificato 05.06.13 14:04| 
 |
Rispondi al commento

Fa piacere leggere l'intervento di Barbara Spinelli, riferito da Viviana V., su "la repubblica.it", segno che menare fendenti contro tutti i giornalisti, rei di tutto il male possibile, è sbagliato, come evidenzia pure Travaglio nel suo fondo de "il fatto" di oggi.
Eppure, come ho ribadito ancora nel commento rilasciato da poco, tutto ciò rischia di rimanere lettera morta se ci si continua ad accanire contro tutta la carta stampata e on-line senza distinzioni, se gli amici di prima diventano i nemici dopo, se non si coglie ciò che di positivo c'è nel parlamento e nel paese intero.
Il deputato Giachetti del pd-l ne è un esempio; le proposte di Deborah Serracchiani in Friuli sono un altro esempio; il citato fondo di Travaglio la dice lunga sul fatto che tanti giornalisti, come Spinelli, sono anche indirettamente in sintonia col M5S, come lo sono, ciascuno per la sua parte e competenze, Rodotà e Milena Gabanelli. E l'elenco potrebbe continuare, citando tutti o quasi i giornalisti de "il fatto".
E' ora, di fronte a questo sfacelo, come ho ribadito con vigore nel post sul giornalismo, andare a mettere insieme le intelligenze migliori del paese, dentro e fuori il parlamento e anche nei partiti, per creare un fronte comune e compatto che vada all'attacco del tentativo di snaturare la costituzione a favore dell'anticamera della dittatura.
Se Letta crea un comitato di saggi (rido per non piangere) ad hoc per stravolgere la costituzione, perché M5S/Grillo la smettono di sbraitare e non si fanno parte attiva PER CREARE UNA CONTRO COMMISSIONE AD HOC PER RIMEDIARE AI GUASTI PERPETRATI CONTRO LA COSTITUZIONE, SUGGERIRE MIGLIORIE (NON STRAVOLGIMENTI), ESAMINI LA SITUAZIONE PARLAMENTARE, ELETTORALE, AMMINISTRATIVA (ENTI INTERMEDI), ECC.?
Contro commissione che funga da ombra dell'altra e si doti degli strumenti comunicativi idonei per dialogare col paese e con chi ci sta e porti a casa risultati in linea con le aspettative di chi crede alla democrazia e alla libertà

FULVIO T., Paesana (CN) Commentatore certificato 05.06.13 13:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il signor Presidente vuole risparmiarsi un anno di arrestii domiciliari è quello che gli verrebbe dato come pena... Se ne parla dal primo Governo di B. Ma non si è mai arrivati ad una conclusione... Non c'è interesse o meglio non gli è venuta fatta con le esigue maggioranze della Camera ed i franchi tiratori....godetevi la pensione a quest'età!!!

Giovanna Pellegrini 05.06.13 09:40| 
 |
Rispondi al commento

Vi ricordo che la P2 e i suoi soci occulti (ma non tanto occulti) sono ancora fra di noi e alcuni come Berlusconi e Cicchitto sono all'apice della nostra politica nazionale. Questa gentaglia ha solo uno scopo nella loro vita: l'arricchimento proprio, quello dei loro confratelli (non francescani) e dei gruppi finanziari che rappresentano a discapito della gente comune senza alcun riguardo ai valori cristiani ne tanto meno a quelli della Patria. Non hanno alcun pudore a fare fuori, non solo politicamente, chiunque si oppone a questo loro progetto. Non ci resta che fare fuori a loro, e non solo politicamente.-

gaetano SAVOCA (gaetasavo), Roma Commentatore certificato 05.06.13 09:23| 
 |
Rispondi al commento

3
BARBARA SPINELLI
L'occupazione che i partiti fanno dello Stato produce sprechi, debito, ingiustizia. La questione morale è impellente. Questo è un paese dove non è stata mai fatta una legge sul conflitto di interessi. Dove un magnate tv ha governato nonostante una legge del '57 proibisca l'elezione di titolari di concessioni pubbliche. Dove restano leggi ad personam, grazie a cui B elude processi e condanne. Qui si ha l'impressione che tutto sia fumo o diversivo. Il Pd aveva promesso di non governare con B, e ora B comanda. Aveva promesso di cambiare subito la legge elettorale, e non lo fa. Quel che è accaduto è una pagina nera, simile alla pugnalata di Prodi. Il 29 maggio si raccolgono adesioni contro il Porcellum per tornare alla legge Mattarella (1 milione 210.000 italiani hanno chiesto un referendum su questo). 100 firmano: Pd, Sel e 5 Stelle. Ma arriva l'altolà di Enrico Letta e Finocchiaro. Se ne parlerà solo se vorrà B. Questo è un paese dove si mente al popolo, annunciando pompose abolizioni del finanziamento pubblico ai partiti, poi si obbligano i contribuenti a sovvenzionarli col 2 per mille, anche quando non lo dichiarano. Questo è un paese dove il presidente della Repubblica esercita poteri imprevisti. Con che diritto ha definito il governo: "a termine"? Il Quirinale già ha pesato molto, influenzando il voto presidenziale e favorendo le grandi intese. Si continua a ripetere inganni e tradimenti. La chiamano addirittura pace, responsabilità. In realtà nessuno risponde di quel che fa o non fa. Deridono Grillo, che chiama portavoce i rappresentanti. Ma loro non sono affatto rappresentanti, essendo nominati. Nessuno è imputabile, e la non-imputabilità è la fine di ogni etica pubblica.

http://www.repubblica.it/politica/2013/06/05/news/escamotage_presidenzialista-60385812/?ref=HREA-1

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 05.06.13 07:15| 
 |
Rispondi al commento

2
BARBARA SPINELLI
"Senza contropoteri costituzionali-Revel-il Presidente reagisce solo a forze esterne alle istituzioni:ai media e alle piazze".E il presidenzialismo non è nemmeno più efficace:"Una buona costituzione non solo associa controllo ed efficacia senza sacrificarli l'un l'altro,ma garantisce l'efficacia perché esiste il controllo"
L'Italia di oggi,dopo Tangentopoli,la P2,i patti Stato-mafia,20 anni dominati da uno scardinatore di istituzioni come B,metterà a rischio la democrazia se cincischia la Carta proprio ora quando il reciproco controllo fra poteri non è compiuto.La nostra Carta è ancora da realizzare
Credere di raddrizzarla col presidenzialismo vuol dire renderla più storta
Dicono che il popolo tornerebbe a esser sovrano, votando il Presidente.Falso.Lo dice Mitterrand: una volta svuotati Parlamento,politica,governi, "si installa una tecnocrazia rampante,una sfera di amministratori indifferenti al popolo"che "confiscano il potere della Rappresentanza nazionale".Revel:"Il potere è attribuito da un onnipotente irresponsabile a creature che sono sue emanazioni e che dunque partecipano della sua irresponsabilità".De Gaulle non era temuto come tiranno e in Italia non c'è un De Gaulle.Questo è uno Stato diviso in bande,che ha patteggiato anche con le mafie.Questo è solo un furbo espediente.In doppia fuga:dai fondamenti(nessun bene pubblico è oggi difeso da partiti o sindacati)e fuga da noi,dalla nostra storia di colpe e misfatti,storia in cui si bagnano ormai dx e sx.L'aggiramento della volontà popolare,la parola sistematicamente non tenuta,il tradimento, il governo Letta come inciucio nato a tavolino fuori dalla democrazia.La mancanza di morale pubblica.Ed è per immoralità che si rinviano le cose prioritarie,anteponendo questo espediente Berlinguer lo disse e mai come oggi è obbligo etico il "corretto ripristino del dettato costituzionale",il divieto ai partiti di occupare lo dettato costituzionale",il divieto ai partiti di occupare lo Stato

segue

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 05.06.13 07:12| 
 |
Rispondi al commento

BARBARA SPINELLI
(sunto)
Non è certo una Costituzione difettosa a impedire ai partiti di ritrovare la decenza perduta, o a darsene una nuova.Non è un capo di Stato eletto direttamente dal popolo e più dominatore che curerà i mali che vengono dalla coscienza dei partiti, nel loro rapporto con l'elettore
De Gaulle concepì la Repubblica presidenziale per superare la guerra d'Algeria:aveva di fronte a sé un compito immane,la decolonizzazione,e alle spalle una classe politica incapace
Non aveva uno Stato corroso come il nostro,in cui i cittadini credono sempre meno.La costituzione semi-monarchica nacque per adattarsi a lui, l'uomo che da solo era entrato in Resistenza ma non come capopopolo stile B che non sopporta il laccio di leggi e costituzioni.La politica francese prima del 1958 era inservibile,ma la corruzione morale non l'aveva distrutta.Siamo noi oggi la colonia.Sono in casa i golpisti.Piazzare un padre-padrone con poteri più vasti non ci salverà dalla rovina
E poi non fu facile far nascere la Quinta Repubblica,moltiplicò opache derive e non democratizzò.Piuttosto il contrario:un Presidente autocrate e decisamente di parte;un Parlamento esautorato;un governo sempre sacrificabile dal Capo supremo,tutto fu confutato da politici e costituzionalisti.Non si oppose solo il socialista Mitterrand,che nel '64 scrisse Il colpo di Stato permanente,denunciando vocazioni bonapartiste e la perdita,grave,della funzione di arbitro del Presidente.Ma anche costituzionalisti come Maurice Duverger:"Ogni costituzione è un'arma politica,attraverso cui un partito vincitore consolida la propria vittoria e trasforma gli avversari in vinti"
Mitterrand fu accusato di indossare il detestato manto presidenzialista per spezzare la dialettica democratica:"Le costituzioni sono cattive quando il controllo può divenire invadente al punto di paralizzare l'esecutivo,o quando l'esecutivo diventa onnipotente al punto di annientare di annientare il controllo".

segue

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 05.06.13 07:08| 
 |
Rispondi al commento

A prescindere dalle prese di posizione e dalle dichiarazioni personali dai contenuti opinabili, è ormai il tempo di assumere decisioni ed atteggiamenti che siano corrispondenti alle tante promesse elettoralistiche; non è possibile scindere le velleità di capovolgere l'attuale organizzazione della politica da quelle che sono state le dichiarazioni altisonanti durante la campagna elettorale. Se non si è in grado di comunicare le proposte, i suggerimenti, le richieste avanzate sia nelle commissioni che durante i dabattiti parlamentari è del tutto inutile ed artificioso criticare i comportamenti, i servizi, i contenuti degli organi d'informazione.
Se è giusto stigmatizzare l'inutilità delle vetrine televisive alla Ballarò et similia, è opportuno però che l'elettorato del M5S sia debitamente informato e magari anche coinvolto nell'esprimere il proprio giudizio sulle iniziative dei "nostri" parlamentari. Ad esempio è vero che i politici del M5S hanno presentato un disegno di legge per l'ennesimo condono edilizio? Se risponde al vero dovreste darcene conto motivandone i presupposti in fatto ed in diritto. Se così fosse non avreste nulla da invidiare alle analoghe vergognse proposte di Nitto Palma che così ha potuto lucrare i propri consensi elettorali. Se non sarete in grado di dare fiato alle trombe della vostra presenza, allora dovrete assistere al progressivo martellamento di chi non ha digerito il successo del M5S ed alla erosione dei consensi elettorali con lo stesso caparbio attaccamento alle dorate poltrone e fregandosene delle reali necessità di chi riesce a sopravvivere nonostante politici inetti.
Dovete pretendere a gran voce la riforma elettorale: le altre fandonie sulla modifiche costituzionali sono solo la scusa per ritardare la modifica del Porcellum. Ne volete parlare o preferite seguire supinamente il carro con i buoi dei partiti che intendete, ma solo a chiacchiere finora, mandare a quel paese! Se ci siete battete un colpo e basta con le fregnacce!

italo fernando cilli 04.06.13 22:20| 
 |
Rispondi al commento

Ferdinando Imposimato: "Il presidenzialismo anticamera della dittatura".

mario45 massini, roma Commentatore certificato 04.06.13 21:58| 
 |
Rispondi al commento

c
Il sistema di votazione svizzero è unico,ogni cittadino può impugnare qualsiasi legge in ogni momento.Ci sono votazioni si verificano 4 volte l'anno su argomenti diversi e referendum, in cui le decisioni vengono direttamente votate dalla popolazione, poi le elezioni, in cui i cittadini eleggono i propri rappresentanti. Si può votare su scheda, per posta, con sms e per internet
I votanti oscillano dal 25 al 60% secondo l'argomento
Alcuni cantoni multano chi non vota
Ogni comune nomina con una procedura casuale un gruppo di cittadini che contano le schede ma siccome spesso il voto è sì o no, si usano contatori automatici come quelli con cui si contano in banca le banconote, si pesano anche le schede con bilance di precisione
I votanti non devono registrarsi come in Usa, siccome chi vive in Svizzera deve registrarsi nel comune di residenza entro due settimane,tutti sono registrati (Svizzeri e stranieri)

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 04.06.13 21:37| 
 |
Rispondi al commento

b
Le decisioni del consiglio federale vengono prese da tutti i 7 i ministri per voto di maggioranza
L'assemblea federale corrisponde al nostro Parlamento, ha due Camere: il Consiglio nazionale (200 seggi) e il Consiglio degli Stati (46 seggi). Le sedute si svolgono a Berna, almeno in 4 sessioni annuali di 3 settimane l'una.
Nel Consiglio nazionale i seggi sono distribuiti proporzionalmente alla popolazione dei vari cantoni; per il Consiglio degli Stati, ogni cantone ha a disposizione due seggi e i semicantoni 1
In nessun Paese al mondo il livello della democrazia è alto come in Svizzera
La Svizzera ha un sistema di democrazia diretta mediante continui referendum (dal 1848)
Ogni cittadino può,raccogliendo in 100 giorni 50.000 firme, richiedere un referendum a maggioranza semplice chiedendo se mantenere o no una legge
100.000 cittadini, mediante iniziativa popolare, possono richiedere anche la revisione totale o parziale della costituzione
Alcune materie devono comunque obbligatoriamente essere sottoposte al voto popolare
Gli strumenti di consultazione popolare (referendum,iniziativa legisl.,elezioni e revoca dell'esecutivo) sono diffusi

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 04.06.13 21:36| 
 |
Rispondi al commento

:Il direttorio, ovvero il consiglio federale svizzero, viene eletto ogni 4 anni dalla Assemblea federale ed è formato da 7 membri
Non può essere destituito (non esiste voto di sfiducia o almeno è molto raro)
I consiglieri federali hanno molto più potere dei nostri ministri
L'assemblea federale è formata da Consiglio nazionale e Consiglio degli Stati, elegge tra i 7 consiglieri federali il presidente e il vicepresidente per un anno e in genere si passa la carica via via ad ognuno dei membri del consiglio federale.
I 7 consiglieri sette consiglieri federali governano assieme su tutti gli affari del paese benché ognuno di loro presieda un dipartimento e sia così di fatto paragonabile a un ministro di un altro paese. L'assegnazione dei dipartimenti viene fatta dai consiglieri stessi dopo l'elezione del consiglio federale.

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 04.06.13 21:35| 
 |
Rispondi al commento

cari amici, Berlusconi ha provato con la bicamerale
e non è riuscito nei suoi propositi.Ora sono vent'anni che il nostro parlamento è impegnato a discutere delle sue immunità dei suoi processi.
La destra ha sempre vinto per l'insipienza della sinistra!!!!! Ora la destra e' riuscita a formare un governo con la sinistra per risolvere per sempre la posizione di Berlusconi.Tenterà di diventare presidente della Repubblica Italiana così avrà tutte le impunità e le immunità necessarie ad un pluriindagato come lui:Povera Italia !!!!!!!

mariano paolucci 04.06.13 20:41| 
 |
Rispondi al commento

2) Ma se l'azione, anziché "manu militari", appare pacifica, allora occorreva disporre di alcuni piani d'intervento (A, B, C., ecc.) da utilizzarsi alla bisogna o a seconda delle mutate esigenze, di una tattica e di strategie di breve/medio/lungo periodo.
Cosa che praticamente non c'è, continuo a ribadire, giacché dal "gran rifiuto" al pd-l (su cui in parte concordo), siamo al niet alle idee di Serracchiani, alla caccia alle streghe verso personaggi o testate che certo non sono contro e siamo al rischio dell'isolamento totale, con, in più, l'elaborazione di proposte come quella dell'abolizione "tout court" delle provincie senza pensare a cosa rimane e a cosa ci mettiamo in mezzo, fra Regioni (micro o macro) e comuni adeguatamente accorpati.
Sul centralismo, per favore, non si scherza: la sinistra ha cavalcato il decentramento per tanti anni, ci ho creduto pure io, ma alla fine si è ridotta a spremere il decentramento come una spugna, a lasciare tematiche di decentramento alla lega e ad abdicare da quelle che furono tante battaglie contro il dirigismo democristiano degli anni '70.
Risultato: lo sfacelo dei conti di una miriade di enti decentrati senza capo né coda che solo un controllo centralizzato e pregnante potrebbe riportare a uno stato accettabile.
Il problema, però, da come si è evoluto il ragionamento di V.V., è la dialettica tra realtà e desiderio, cioè tra cosa possiamo fare per "tacconare" questo sistema svuotato dal coma dei partiti, e cosa vorremmo che ci fosse al suo posto (e allora voto per l'estinzione dello stato, preceduto di poco dalla dittatura del proletariato).
Al di là del libro dei sogni, ciò che voglio dire è che se intendiamo ragionare sullo stato di cose presenti, allora si devono presentare precise e meditate proposte (se n'è discusso nel post sull'abolizione delle provincie tot settimane or sono) e creare gli strumenti e i mezzi per una reale e propositivi dialettica tra iscritti, simpatizzanti, parlamentari e leader.
Sennò non ne usciamo

FULVIO T., Paesana (CN) Commentatore certificato 04.06.13 18:09| 
 |
Rispondi al commento

Sono vent'anni che il berlu mira ad avere potere assoluto e perseverando con lungimiranza è riuscito a far eleggere quel lecca c...o di capitan findus che nn è altri che un suo scagnozzo, unendo finalmente tutto il suo grande partito che fin ora era ipocritamente scisso in due. Ora il merdaio lavora a pieno regime x modificare la costituzione a sua immagine e somiglianza. L'onnipotenza sta raggiungendo il culmine! Il problema è che molti italiani lo votano, lo appoggiano e nn si rendono conto di quanto stia rovinando il paese. Col nuovo esecutivo sta continuando quello che ha interrotto nel2011 fregandosene dei problemi del paese. Pensa solo ai suoi!!!

Maria farina 04.06.13 17:56| 
 |
Rispondi al commento

1) Cito Viviana V.: "Il M5S sta già operando nel senso di una democrazia dal basso attraverso i meet up che nascono addirittura 'prima' che Grillo li riunisca in un Movimento (...), per l'esigenza di una democrazia che nasce dal basso.
Per questo ritengo che sia distrattivo il problema dell'eliminazione di una Camera o di una progressiva centralizzazione o verticizzazione presidenzialista del potere ma che, al contrario, dobbiamo operare per un potere decentrato e diffuso con deleghe temporanee e circolanti che permettano al maggior numero di persone di avere potere decisionale e scelta, in nome di molte altre.
La delega non scompare, ma cambia profondamente il suo significato".
Il problema per come lo sta configurando V.V. si pone all'interno di un processo autenticamente e profondamente rivoluzionario, laddove il "popolo" si riprendere "manu militari" il potere e, in nome di taluni principi da tutti condivisi, le redistribuisce e si dota di un assetto politico adatto alla fase storica e che più reputa opportuno. Oppure si estingue lo stato con buona pace di Marx e nel segno di Bakunin e degli anarchici dell'800.
Concordando su tutto ciò che hai scritto, cara V.V., rimane il fatto che col 25% di consensi in discesa qualora dovessero indirsi nuove elezioni, non solo non si governa, ma non si riesce a organizzare una testa di ponte da utilizzarsi per la controffensiva finale, riducendosi ad attendere i cadaveri degli avversari col rischio di vedere il proprio "lungo le sponde del mio torrente".
Siamo sempre al "che fare?" e non si vuole capire, dopo tutte le analisi di V.V. qui comparse e di altri tutte giuste e corrette e condivisibilissime, che il colpo di stato già è in atto (ad es., con le reiterate fiduce), che il parlamento potrebbe essere tranquillamente sostituito dal berlusconiano manipolo di veline, e che l'intero assetto costituzionale è ormai lettera quasi morta preda del coma dei partiti e della crisi morale, economica, sociale, culturale, ecc.

FULVIO T., Paesana (CN) Commentatore certificato 04.06.13 17:54| 
 |
Rispondi al commento

....Spinoza

Alfano propone il semipresidenzialismo. Deve avere in mente un candidato molto basso.
.
Alfano propone il semipresidenzialismo.Il tribunale di Milano rilancia con la seminfermità mentale.
.
Berlusconi semipresidente della repubblica.
.
Sì, e Licio Gelli presidente del consiglio.
.
"Presidenzialismo sul modello francese".
Le president Burlesquon.
.
Berlusconi sogna il presidenzialismo alla francese.
Ma con scappellamento a destra...
.
Il PDL candida Berlusconi alla presidenza della Repubblica, ma rimangono forti dubbi sulla proposta delle corazziere in tanga.
.
Presidenzialismo alla francese.
Che bella perifrasi per spiegarci che ce lo vuole mettere ancora in quel posto.

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 04.06.13 16:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

EberEr 10

Berlusconi dice che così com'è la democrazia è imperfetta

Già, continuano a resisterne ancora vaghe tracce

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 04.06.13 16:39| 
 |
Rispondi al commento

:Sartori: “In passato il dittatore rovesciava la democrazia, il passaggio all'autocrazia era manifesto, rivoluzionario. Oggi questo processo avviene senza alcuna rivoluzione, senza neppure bisogno di riforme. Il caso più potente è la Russia di Putin: formalmente resta un sistema semipresidenziale, ma di fatto un uomo solo si è impadronito del potere e di tutti i contropoteri previsti per contrastarlo."

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 04.06.13 16:35| 
 |
Rispondi al commento

Una osservazione fra le tante.
Chi crede che il presidenzialismo sia una maggior apertura alla democrazia, rispondo dicendo che la prima prova di quale democrazia si stia delineando in Italia, l'abbiamo con il M5*. Nasce dalla gente comune (democrazia), ma è insultato, denigrato, additato, canzonato, messo da parte, isolato; nella condizione di "non nuocere".
La piazza non va "ascoltata", merita un dito alzato; una persona è contestata dai suoi elettori al ristorante, e viene eletta Ministro della Repubblica. La "piazza" nomina un candidato come Presidente della Repubblica e il sistema non lo considera neppure.
Il blog, frequentato da "fascisti, estremisti, di destra o di sinistra, sognatori, fomentatori della violenza, ecc.".

Mai che si dica "il blog, la situazione economica attuale, l'aveva prevista a novembre del 2011... le scelte del Governo Monti sono state criticate a gennaio 2012 e già allora si sostenevano le conseguenze (che si sono avverate)... "

Gian A Commentatore certificato 04.06.13 15:29| 
 |
Rispondi al commento

-Il M5S sta già operando nel senso di una democrazia dal basso attraverso i meet up che nascono addirittura 'prima' che Grillo li riunisca in un Movimento (vedi De Maio che inizia addirittura 5 anni fa col gruppo di Pomigliano d'Arco), per l'esigenza di una democrazia che nasce dal basso.
Per questo ritengo che sia distrattivo il problema dell'eliminazione di una Camera o di una progressiva centralizzazione o verticizzazione presidenzialista del potere ma che, al contrario, dobbiamo operare per un potere decentrato e diffuso con deleghe temporanee e circolanti che permettano al maggior numero di persone di avere potere decisionale e scelta, in nome di molte altre.
La delega non scompare, ma cambia profondamente il suo significato.

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 04.06.13 15:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Berlusconi è già un impunito, immunizzato dai suoi compagni comunisti che di cacciarlo dal parlamento applicando le leggi in vigore proprio non ci pensano.

Guardacaso è anche tesserato P2 e guardacaso vuole a tutti i costi il presidenzialismo.

Berlu vuole il presidenzialismo per risparmiare:
lui ci prova, se le cose vanno male deve corromperne solo uno e non smazzettare mezzo parlamento....
anche i ricchi ci tengono a risparmiare...
e il reato di corruzione commesso una sola volta è più facile da prescrivere rispetto alla corruzione di dozzine di parlamentari.

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato 04.06.13 15:03| 
 |
Rispondi al commento

-L'obiezione fissa è che in Italia la democrazia diretta non si può praticare perché gli Italiani non hanno sentimenti democratici

(Consiglio di leggere http://masadaweb.org/2011/04/30/masada-n%C2%B0-1287-30-3-2011-la-democrazia-diretta/)

ma è l'esercizio stesso della pratica democratica a farla crescere, mentre, al contrario, la disaffezione nasce quando il cittadino conta come il due di picche (vedi USA)
I poteri a cui il cittadino vuole partecipare sono 3: fare le leggi o cambiare quelle esistenti, gestire meglio la finanza pubblica, controllare l’operato delle istituzioni e poterne censurare i responsabili se non rispettano il loro mandato e le loro funzioni conseguendo il bene comune.

L’allontanamento dal voto e il disinteresse dei cittadini per la politica riguarda proprio le democrazie parlamentari, dove si raggiunge anche il 50% dell’astensionismo (Italia o USA o paesi europei), ma non riguarda affatto le democrazie partecipate o dirette dove i cittadini sono stimolati a dare il loro meglio e lo danno, crescendo in maturità e consapevolezza, proprio perché vedono che il loro intervento è importante e può modificare in meglio lo Stato.
La democrazia si impara esercitandola, mentre il cittadino che è considerato come un suddito, perde ogni stimolo, diventa abulico e incapace. Come vorrai imparare a nuotare se non nuotando? Potrai mai imparare a farlo se ti lasciano fuori dall’acqua?

Rimettere tutto nelle mani di un presidente che fa tutto lui non aumenterà il tasso di democratizzazione e di partecipazione civile degli Italiani. Li renderà ancora più sudditi.

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 04.06.13 15:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

..Il modello a cui guardiamo è quello svizzero, che è esattamente l’opposto di quello che si vuol fare in Italia.
La confederazione elvetica non è un sistema parlamentare né presidenziale ma ‘direttoriale’, nome che viene dal direttorio francese del 1791, cioè il Capo dello Stato e del Governo non è una persona ma un collegio composto da più persone.
All'apparenza il Consiglio federale svizzero potrebbe sembrare un tipico governo parlamentare ma non si tratta di una riunione di vari ministri, bensì di un collegio di Capi di Stato. Il Presidente di turno è pari agli altri, senza alcun potere né di direzione né di coordinamento dell'attività dei colleghi. I Governi cantonali sono eletti tutti direttamente dal Popolo. L’esecutivo federale non può contare su una maggioranza precostituita, la sua composizione infatti comprende esponenti dei diversi partiti politici, appartenenti tanto alla sx quanto alla dx, stanno in carica per un tempo predeterminato, e non sono quindi tenuti ad una responsabilità politica continuativa, per cui la Svizzera non conosce crisi di governo, né mozioni di sfiducia e il Governo non può sciogliere le Camere. Esiste poi un’ampia diffusione degli strumenti di democrazia diretta per cui le leggi derivano dal popolo.

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 04.06.13 14:55| 
 |
Rispondi al commento

Il modello a cui guardiamo è quello svizzero, che è esattamente l’opposto di quello che si vuol fare in Italia.
La confederazione elvetica non è un sistema parlamentare né presidenziale ma ‘direttoriale’, nome che viene dal direttorio francese del 1791, cioè il Capo dello Stato e del Governo non è una persona ma un collegio composto da più persone.
All'apparenza il Consiglio federale svizzero potrebbe sembrare un tipico governo parlamentare ma non si tratta di una riunione di vari ministri, bensì di un collegio di Capi di Stato. Il Presidente di turno è pari agli altri, senza alcun potere né di direzione né di coordinamento dell'attività dei colleghi. I Governi cantonali sono eletti tutti direttamente dal Popolo. L’esecutivo federale non può contare su una maggioranza precostituita, la sua composizione infatti comprende esponenti dei diversi partiti politici, appartenenti tanto alla sx quanto alla dx, stanno in carica per un tempo predeterminato, e non sono quindi tenuti ad una responsabilità politica continuativa, per cui la Svizzera non conosce crisi di governo, né mozioni di sfiducia e il Governo non può sciogliere le Camere. Esiste poi un’ampia diffusione degli strumenti di democrazia diretta per cui le leggi derivano dal popolo.

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 04.06.13 14:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ma non esiste il sistema perfetto, è questo il punto, le parole parlamentare, presidenziale e semipresidenziale sono vuote se non c'è la vera democrazia. Una volta scelta una forma, va costruita in modo da bilanciare i poteri (un check & balances USA per capirsi)... poi se il popolo ha la democrazia nel sangue bene, altrimenti non esiste forma di governo che tenga, le repubbliche dell'ex blocco est europeo erano parlamentari, non mi pare fossero democratiche. La sostanza non è la forma. La SVIZZERA è un buon esempio, ma la SVIZZERA è un paese piccolo e neutrale che non partecipa a molte organizzazioni internazionali. Voler copiare quel modello è fare lo stesso errore di copiare il modello Francese o Tedesco, o USA. Non credo sia possibile arrivare alla democrazia diretta assoluta, mentre auspico la democrazia partecipata ed estesa, questo sì. Ma la stessa parola è fuorviante, nemmeno i greci che l'avevano inventata erano democratici in senso assoluto, la "sottile" distinzione di chi era cittadino e chi non lo era era la distinzione di una "casta" verso schiavi e donne. Il punto che mi preme nuovamente sottolineare è che non è importante la forma di governo ma come il popolo esercita la sovranità, e mi spiace obiettare che la democrazia diretta assoluta è un'utopia, verso cui tendere per aumentare la partecipazione dei cittadini, ma rimane un'utopia, una forma di rappresentanza sarà sempre necessaria, anche i portavoce del M5S rappresentano qualcuno. C'est la vie :)

Robert Dragon Commentatore certificato 04.06.13 14:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cuneo, 4 giugno 2013
Una proposta di federalismo localistico (anti-presidenzialista e di acquisizione di una sovranità delle comunità locali (intrasferibile):

http://www.koonylabss.eu/945KlsSurnameIt/KlsSrIntrozziFrance20130516PetizBoldriniRfi_It.html

Grazie per l'attenzione.
Francesco Introzzi

Francesco Introzzi 04.06.13 14:33| 
 |
Rispondi al commento

Se vogliamo instaurare la democrazia,dobbiamo eliminare il capo dello stato e il capo del governo, altro che fare una repubblica semipresidenziale!
Dobbiamo eliminare la Casta, perché la Casta ha sottratto al popolo tutta la democrazia, riducendolo al mittente passivo delle scelte fatte da un comitato di affari
Guardiamo a Stati di democrazia consolidata come la Svizzera. La Svizzera non ha un Presidente della Repubblica come non ha un premier di Governo.
C’è un Presidente della Confederazione svizzera, ma non è (come il Cancelliere federale in Austria o quello tedesco) il capo del governo. Secondo la Costituzione elvetica, infatti, la Nazione non deve avere né un capo di Stato, né un capo del Governo. Tutte le funzioni che competono a questi due organi negli altri paesi sono svolte dal Consiglio federale come 'organo collegiale?!!
In quanto presidente del Consiglio federale, il suo voto è determinante in caso di parità durante una votazione.
Il sistema di democrazia elvetico mostra la divisione amministrativa del paese così che sia possibile prendere decisioni rapida dal basso secondo due modelli: i sondaggi con valore di legge che riguardano problemi locali e i sondaggi sempre con valore di legge che riguardano i problemi nazionali, senza veto alcuno nemmeno sul fisco o sulle relazioni internazionali.
Con internet e alcune correzioni possiamo ripetere questo sistema che la Svizzera usa da 30 anni, anche per l’Italia, con un federalismo certo molto diverso da quello secessionista e separativo propugnato dalla Lega ma con una realizzazione molto più allargata dei poteri alle regioni già previsti e mai attuati dalla Costituzione (poteri che l’attuale partitocrazia ha del tutto decapitato e che gli intenti di privatizzazione dei servizi con svendita delle municipalizzate e annientamento dei Comuni azzererebbero del tutto)
Questa è democrazia!
Non il sistema assoluto e verticistico che col semipresidenzialismo si rafforzerebbe ancora di più!

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 04.06.13 14:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Noi parliamo di democrazia diretta e partecipata
Diretta vuol dire che devono aumentare gli istituti attraverso i quali i cittadini vengono consultati direttamente con potere deliberativo senza deleghe ad altri,come avviene da 30 anni in Svizzera persino sui fisco e patti internazionali.Partecipata vuol dire che i cittadini hanno voce in capitolo su come usare le casse dello Stato
Se esistesse una simile democrazia,passerebbero subito le leggi per la riduzione del carrozzone parlamentare o delle armi o contro gli sprechi e abusi della partitocrazia,o istituti inutili come il Quirinale che ci costa 5 volte la regina di Inghilterra e impiega inutilmente 2000 persone per un Presidente poi che firma qualsiasi cosa anche esplicitamente anticostituzionale “perché tanto non può fare altro”.Passerebbero subito leggi per l’eliminazione dei vitalizi e degli assurdi benefit,delle impunità,delle autorizzazioni a procedere..come la legge europea anticorruzione.Sparirebbero subito le Province come i Comuni piccolissimi e gli enti inutili,i consulenti di troppo,le auto blu,gli aerei blu, gli elicotteri blu e tutte altre cianfrusaglie sfiziose che aggravano i costi dello stato e sparirebbero anche l’inutile TAV in Valsusa e le tre Multiutility autostrade del nord che il Pd vuol fare
Grillo dice:“se il cittadino non si occupa di politica,è la politica che si occupa di lui”
La democrazia non è solo una bella parola da sbandierare,occorre praticarla, anche se costa di fatica.Altrimenti lasciamo che i furbacchioni facciano i loro interessi e non saranno i nostri
La democrazia parlamentare è logora e in putrefazione.Il gap tra governanti e governati si è allargato fino ad essere intollerabile.O riusciamo a riformare la democrazia secondo nuovi modelli ‘dal basso’ o siamo finiti
In una democrazia vera dobbiamo eliminare tutte le cariche inutili che non servono gli interessi del popolo.Dobbiamo eliminare il presidente della repubblica e dobbiamo eliminare il capo del governo

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 04.06.13 14:20| 
 |
Rispondi al commento

Per chi crede che presidenz. sia maggiore democrazia
Quale è l'organo più importante di uno Stato?
20 anni fa era il Parlamento:aveva il potere di fare le leggi e controllava la loro esecuzione da parte del Governo. Derivava direttamente, anche in base al sistema proporzionale a base uninominale, dai cittadini, rispettando la sovranità popolare e i diritti democratici.
Oggi, dopo 20 anni di malgoverno, referendum violati, porcellum traditore e distruzione degli istituti democratici da parte equanime di Lega, Pdl e Pd, a poco a poco il Parlamento (organo delega della volontà popolare) è stato esautorato. Si è votato sempre più con decreti legge (atti del Governo, sempre più privi di necessità e urgenza) e voti alla fiducia imposti al Parlamento, senza discussione e col ricatto della caduta del governo
Monti in 8 mesi ha fatto 30 voti alla fiducia!
Il Parlamento ha smesso di fare le leggi, la discussione è sempre più stata relegata nelle commissioni, Camera e Senato sono diventati il passacarte del Governo. Berlusconi li ha addirittura sospesi! In più Napolitano, da garante della Costituzione, è diventato sempre più il capo effettivo del Governo, ha fatto e disfatto, ha comandato e ordinato, saltato turni elettorali, scelto comitati di saggi, bloccato le commissioni e alla fine ha venduto il Pd al grande Inciucio, come prima aveva venduto il Paese al Bilderberg di Monti e alla Bce della Merkel.
Il popolo ha contato sempre meno, il voto elettorale è stato rovesciato nel suo contrario, nelle grandi intese, le promesse elettorali calpestate, la costituzione derisa, le guerre prolungate, l'iniquità palese, in un progressivo rafforzamento della Casta.
A questo punto, l'elezione diretta del Capo dello Stato sarebbe un passo ulteriore verso il verticismo di stato, l'accentramento della sovranità dal popolo (che vota una volta sola e poi perde ogni potere) verso un potere supremo e assoluto.
E c'è chi chiede come mai questo non è un aumento di democrazia??? Mi pare evidente

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 04.06.13 14:11| 
 |
Rispondi al commento

.......PRESIDENZIALISMO??????
Ma non c'era l'URGENZA LAVORO - OCCUPAZIONE, LEGGE ELETTORALE - ECONOMIA??????
Invece di dare respiro all'economia con manovre urgenti per aiutare le famiglie italiane, ora ci prendono gusto e si dedicano a temi mai realizzati in anni passati che richiedono molta condivisione e tempi lunghi!!!
Non mi piace l'idea di troppi poteri nelle mani di una sola persona così come non mi è piaciuta la spinta di Napolitano al governo "tutti insieme appassionatamente".
.....la STORIA CI INSEGNA che è troppo pericoloso fidarsi delle idee di un solo uomo con troppo potere e poi in Italia abbiamo già un simile individuo e ne conosciamo molto bene le ambizioni, le frequentazioni nonchè le disastrose conseguenze sul paese.
L'Italia deve prima cambiare mentalità e sostituire tutta la generazione politica. Occorre una vera depurazione generale, scrollarsi di dosso quell'egoismo che il capitalismo ci ha inculcato.

Angela L., Torino Commentatore certificato 04.06.13 13:56| 
 |
Rispondi al commento


Prima di tutto ricordiamoci che fino al generale De Gaulle non c'era presidenzialismo in Francia
Poi consideriamo che il presidenzialismo francese è detto ‘ad assetto variabile’ in quanto il potere del presidente è temperato dal potere del primo ministro, sono due organi designati da due differenti consultazioni elettorali e possono essere in contrasto tra loro, in quale caso il potere del presidente diminuisce. Il Primo Ministro è nominato formalmente dal Presidente, ma richiede insieme tutto il governo la fiducia del parlamento.
Il Parlamento francese presentò una maggioranza di colore politico diverso da quello del presidente nel 1986 e nel 1993, quando era presidente Mitterrand, e nel 1997 con Chirac. In questo caso si ebbe la contemporaneità di un presidente e di un primo ministro di opposte tendenze. In quel caso prevale la legittimazione parlamentare. Ma non credo che Berlusconi vorrebbe un simile sistema. Questi tendono a un potere assoluto. E a un potere che rompa l’equilibrio dei poteri e dunque snaturi la democrazia e metta la Magistratura agli ordini dell’esecutivo.

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 04.06.13 13:52| 
 |
Rispondi al commento

Bah... leggo di Gelli, di piani trentennali, mancano gli asterodi impazziti e il nucleo della terra che si raffredda ed abbiamo fatto il pieno. Nessuno ha risposto alla domanda che avevo fatto prima e che ripropongo in altra forma: perchè è democratico che il Presidente della Repubblica venga scelto online da 4000 iscritti a questo blog, scelta poi obbligatoriamente ratificata dai grandi elettori (e guai se osano fare il contrario, sarebbe un golpe come è stato urlato ai 4 venti); invece è populista ed antidemocratico che tale scelta venga fatta da 40.000.000 di italiani nelle urne (quindi anche da chi non è iscritto al blog), tra i candidati che hanno passato severe misure per potervi accedere (vedasi serio conflitto d'interessi che proibiscano la corsa ai Berlusconi e similari).
C'è una spiegazione plausibile e raziocinante, oltre i complotti gelliani?

stefy c. Commentatore certificato 04.06.13 13:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

la Francia non è democratica? e che un sistema parlamentare è invece democratico? Bisogna capire cosa si intende per democrazia. Se parliamo di democrazia diretta, non esistono al mondo forme di Stati moderni e complessi con democrazia diretta totale, semmai sistemi di democrazia indiretta o rappresentativa incorporano meccanismi di democrazia diretta (ad esempio il referendum). In ogni caso non vanno confuse forma di stato e forma di governo: la seconda spiega come sono i rapporti tra organi dello stato (parlamento governo capo dello stato ecc) ed è in pratica la distinzione tra forma parlamentare e presidenziale o semipresidenziale, la prima indica come sono strutturati i rapporti tra gli elementi costitutivi dello stesso (territorio, popolo e come viene esercitata la sovranità) e quindi indica ad esempio se lo stato è democratico o assoluto. Quindi poco importa per la democrazia la forma di governo se la forma di Stato è non democratica, e come già scritto non è la carta come è scritta ma come viene percepita la democrazia dal popolo a fare la differenza (UK non ha costituzione scritta) e infatti tanto per controbattere, la Libia è una rep parlamentare e la Somalia ha la copia della nostra cost. Mentre il fatto che molti paesi in Africa adottino il semipres è da ascrivere al fatto che molti sono ex colonie francesi. L'Italia già adesso pecca di mancanza di democrazia, a nulla serve avere ad es. i referendum se poi non ne viene rispettato l'esito... e se il popolo a cui appartiene la sovranità, non la esercita, puoi avere tutti i sistemi di governo più belli al mondo, ma a poco serviranno...

Robert Dragon Commentatore certificato 04.06.13 13:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

questi delinquenti se ne andranno via tutti.
appena noi non avremo più un euro.
succederà presto.
non so se ridere o piangere...

mister x, ravenna Commentatore certificato 04.06.13 13:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La ipotesi di una riforma della costituzione che preveda la elezione diretta del capo dello stato, in mancanza di una seria legge sul conflitto di interessi consentirebbe la realizzazione del progeto politico della P2 alla quale berlusconi era iscritto.Il pd si sta scavando la fossa da solo.Finchè si scava la sua fossa,poco importa e interessa,ma sta scavando la fossa al paese e alla democrazia italiana,e la cosa mi preoccupa moltissimo.Se si dovesse arrivare alla elezione diretta del capo dello stato chi meglio di berlusconi potrebbe ambire a ricoprire questo ruolo.La democrazia italiana è davvero in grave pericolo. Saluti

ANTONIO B., Latina Commentatore certificato 04.06.13 13:19| 
 |
Rispondi al commento

Non si può confondere democrazia con populismo, almeno non con un populismo preso nel suo senso negativo.
I sistemi democratici sono diffusi un po’ ovunque nel mondo, ma in questi ultimi anni sono stati colpiti da una crescente disaffezione degli elettori, sia a causa della globalizzazione che ha cambiato i termini dell’economia, che per la formazione di centri di potere finanziario ed economico (organismi sovranazionali e multinazionali) che hanno indebolito l’autonomia e la sovranità degli stati nazionali, sia inoltre per la debolezza di una cultura democratica nei popoli per cui essi hanno cessato di difendere i loro diritti sovrani e le costituzioni che glieli garantivano.
Oggi si parla molto di populismo ma le accezioni di questo termine sono almeno due, una negativa: movimento fanatico di un popolo dietro un capo
e una positiva: movimento democratico che ripone il potere nel popolo e lotta per rendergli la sua sovranità. Oggi, in Italia, si spaccia per democrazia l’attaccamento assolutistico di una casta al potere e per populismo qualunque movimento di pensiero o di azione contrasti questo attaccamento totalitario.
Credere che ci sia un aumento di democrazia nel dare agli elettori il potere di nominare un presidente dello stato è una truffa.

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 04.06.13 13:15| 
 |
Rispondi al commento

Se non fossimo il paese che siamo potrebbe essere un sistema da prendere in considerazione, ma con la ns informazione e senza contrappesi, tutto quel potere decisionale nelle mani di uno é decisamente un esperimento da evitare.

Sergio Valentinis 04.06.13 13:08| 
 |
Rispondi al commento

Cercare eventuali discrepanze col testo originale di Gelli mi sembra un esercizio da TROLL. Il piano della P2 si è sviluppato un po' alla volta nell'arco di più di 31 anni
Fu sequestrato nel 1982 ma ovviamente era precedente ed era un piano della massoneria deviata italiana per distruggere dall'interno,via via,tutti gli strumenti democratici.In tutto questo tempo il Golpe si è ammodernato e migliorato,restando fermo l'intento di distruzione progressiva della democrazia
Per es.,Gelli aveva parlato dei media ma voleva una RAI privatizzata e non aveva capito l'enorme importanza di un controllo monopolistico sulla televisione italiana, come veicolo fondamentale del lavaggio del cervello e della disinformazione, come non aveva capito che la politica poteva essere ridotta a marketing e instillata come merce nella testa di 'elettori-consumatori',cosa che invece fu capita benissimo da Berlusconi
L'aggiunta del presidenzialismo, ugualmente si deve a Berlusconi(come a D'Alema),ma tende allo stesso scopo:distruggere la democrazia dal basso e accentrare il più possibile il potere in poche mani,meglio ancora nelle mani di un solo soggetto autocratico,trasformando i partiti in corti di sudditi e cortigiani
Il Piano di Gelli non va guardato come era 31 anni fa ma come si è sviluppato e variato nel tempo,pur tenendo costante il suo scopo di distruzione del sistema democratico.Attenersi alla lettura filologica del testo originale è puerile.Guardiamo a qual'è il suo scopo sostanziale:fa fuori la democrazia! E questo,con la mancanza di contrappesi che c'è in Italia,con i media ridotti a succubi e una magistratura che col semipresidenzialismo sarebbe soggetta al governo,è solo l'anticamera di una dittatura.
E chi crede che l'elezione diretta del capo dello Stato da parte degli elettori sia uno strumento democratico,si ricordi che non solo tale strumento viene usato (e manipolato) in tutte le dittature(vd la Russia di Putin),ma è il 1° passo per trasformare una democrazia in dittatura

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 04.06.13 13:02| 
 |
Rispondi al commento

--Il piano della P2 si è sviluppato un po' alla volta in questi 31 anni,
Fu sequestrato nel 1982 ma ovviamente era precedente ed era un piano della massoneria deviata italiana per distruggere dall'interno via via tutti gli strumenti democratici, in tutto questo tempo si è ammodernato e migliorato, restando fermo l'intento di fondo di distruzione graduale della democrazia. Per esempio, Gelli aveva parlato dei media ma voleva una tv privatizzata e non aveva capito l'enorme importanza di un controllo monopolistico sulla televisione italiana, come veicolo fondamentale del lavaggio del cervello e della disinformazione, come non aveva capito che la politica poteva essere ridotta a marketing e instillata come merce nella testa dei 'consumatori', cosa che invece fu capita benissimo da Silvio Berlusconi. L'aggiunta del presidenzialismo, ugualmente si deve a Berlusconi come a D'Alema, ma tende allo stesso scopo: distruggere la democrazia dal basso e accentrare il più possibile il potere in poche mani, meglio ancora in un solo soggetto autocratico, trasformando i partiti in corti di sudditi e cortigiani. Chi crede che parlare di elezioni diretta del capo dello Stato da parte degli elettori sia uno strumento democratico ricordi che non solo tale strumento viene usato (e manipolato) in tutte le dittature, ma è il primo passo per trasformare una democrazia in dittatura.

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 04.06.13 12:44| 
 |
Rispondi al commento

Il presidenzialismo è il regime dei peggiori paesi africani e non certo per far avanzare la democrazia, bensì per portare avanti pericolose forme di populismo che sono sfociate in dittature
se credi che la democrazia diretta sia la stessa cosa dell'accentramento del potere nelle mani di una sola persona hai un'idea di democrazia buona per il fascismo

Sono sistemi semipresidenziali:

Algeria
Burkina Faso
Congo
Gibuti
Egitto
Guinea
Guyana
Haiti
Kirghizistan
Madagascar
Mali
Mauritania
Niger
Russia
Romania
Senegal
Siria
Taiwan
Tagikistan
Tunisia
Ucraina
Zimbabwe

Credete che qua ci sia il massimo della democrazia?
.

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 04.06.13 12:32| 
 |
Rispondi al commento

Sono assolutamente d'accordo con Francesco Elia...inneggiare alla democrazia diretta e poi fare la guerra al Presidenzialismo, che ne rappresenta l'espressione più alta, è semplicemente demenziale...se il M5S, per il quale ho convintamente votato alle politiche di febbraio, intende non disperdere il suo consenso, forse è meglio che prima si metta d'accordo con se stesso, perchè la gente non è stupida, è capace di ragionare con la propria testa e magari, a volte, ne sa anche qualcosa di diritto!!! W il M5S, W la Repubblica Presidenziale!!!

Stefano G. Commentatore certificato 04.06.13 12:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

vi chiedo se e mai possibile che la fiat sisport metta in appalto lavori di multi servizi . e dia questo appalto a una ditta florovivaisti e questultima dia in subbapalto i lavori di pulizia all'interno del centro. noi operai che eravamo a tempo indeterminato ci ritroviamo a tempo determinato, e una vrgogna per risparmiare la fiat a permesso tutto questox risparmiare 100 mila euro , lo sconto lo stiamo facendo noi cavolo.

un dipendente 04.06.13 12:05| 
 |
Rispondi al commento

Si, daccordo caro Beppe, condivido pienamente la tua e la rabbia di tutti noi, il Governo dell'inciucio...il golpe...eccetera, ma porca miseria! Credi veramente che quelli se ne vadano solo in virtù del fatto che...glielo chiedi tu? Non ti pare che sia l'ora di instaurare una strategia ben precisa, mirata, combatterli con le loro stesse armi (Televisione, giornali, eccetera)? Anzichè inveire gratuitamente ed impulsivamente all'osservazione di Rodotà? A volte mi viene quasi in mente quel tizio che, dopo essere stato massacrato ed umiliato da un tale grande e grosso quanto prepotente, alla domanda: "Ma cosa ti è successo? Chi ti ha ridotto così?" Risponde;" Eh...mi hanno proprio ridotto male ma...sapessi quante gliene ho dette!"

Vittorio Mantovani, Castel maggiore (BO) Commentatore certificato 04.06.13 11:53| 
 |
Rispondi al commento

Non sono per niente d'accordo.
Questo post è demenziale: sembra che tutto in Italia deve essere visto se favorisca o meno Berlusconi.ma basta...
Il presidenzialismo ci vuole, serve come il pane a questa Italia disastrata. Basta accoppiare la proposta con una seria legge sul conflitto d'interessi, che impedisca la contesa al banana...
E poi ricicciare Gelli, ma siamo seri. A questo punto si può dire che Gelli abbia ispirato pure la V repubblica francese, visto che lì c'è il semipresidenzialismo.
Poi se qualcuno mi spiega come si possa sostenere la democrazia diretta e contemporaneamente fare la guerra all'espressione più alta di essa, ossia l'elezione diretta del capo dell'esecutivo, lo esponga in modo chiaro e comprensibile, che a me francamente sfugge...

stefy c. Commentatore certificato 04.06.13 11:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

GOLPE

SE LA CORTE

NON CONDANNA IL BANANA

E SE SUCCEDE

SAPPIAMO CHI CI HA MESSO LO ZAMPINO

SUBITO RICHIESTA DI IMPEACHMENT

PERCHE' LA MISURA SAREBBE COLMA !!!

francesco blu 04.06.13 11:45| 
 |
Rispondi al commento

se prendete il mio post e cercate su google, potete vedere che è stato copiato da quasi tutta la stampa
Questa gente non è nemmeno capace di scrivere un articolo in proprio e meno che mai di produrre una opinione personale!!
Davvero spregevole!!!
e poi la chiamano informazione!!!

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 04.06.13 11:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La più grande vittoria del diavolo

è far credere di non esistere!

Edmund Dantes 04.06.13 11:39| 
 |
Rispondi al commento

Questo è il tempo

http://www.iltempo.it/politica/2013/06/04/il-presidenzialismo-fara-rinascere-la-p2-1.1144937

«Stanno terminando il "piano di Rinascita" di Gelli». A Beppe Grillo il semipresidenzialismo non piace proprio. Lo dice su Facebook, dove rimanda a un post, firmato da Viviana Vi, sul suo blog. «Con il semipresidenzialismo, peraltro richiesto nel Piano di Licio Gelli della P2, Berlusconi fa un salto avanti nella sua ingiuriosa scalata al potere che gli darebbe impunità e immunità. Quello che non gli era riuscito con la bicamerale dalemiana del 1997 gli riesce oggi con questo vergognoso governo dell’inciucio».

Come al solito Grillo parla chiaro: «Il presidenzialismo è un’idea di Berlusconi, vuol farsi eleggere presidente-duce d’Italia con l’aiuto delle televisioni che il pdmenoelle gli ha graziosamente lasciato da vent’anni ignorando ogni conflitto di interessi». In serata, in un comizio a Piazza Armerina, in Sicilia, ha aggiunto: «Ora salveranno il culo anche a lui. Si parla ancora di presidenza della Repubblica per lui. Perché non lo mandano a casa?"

(Almeno non direte più che non leggono questo blog! mi pare che non facciano altro!)

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 04.06.13 11:38| 
 |
Rispondi al commento

E dopo il Corriere, questo copia parte del post qua sopra, che è mio, e lo attribuisce seduta stante a Grillo!!

http://www.agi.it/politica/notizie/201306031555-pol-rt10260-blog_grillo_con_presidenzialismo_piano_rinascita_p2_di_gelli

tanto varrebbe attribuirgli il militarismo dei blogger fascisti o il razzismo di Giovannino o gli sproloqui di Cetra!!

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 04.06.13 11:32| 
 |
Rispondi al commento

Tanto per dire la correttezza di certa stampa:
Il Corriere prende la mia frase: "Con il semipresidenzialismo, peraltro richiesto nel Piano di Licio Gelli della P2, Berlusconi fa un salto avanti nella sua ingiuriosa scalata al potere che gli darebbe impunità e immunità" e la attribuisce direttamente a Grillo
Eppure c'è la mia firma ed è la mia opinione. Ma costoro non sanno nemmeno leggere una firma? o credono che i post sul blog di Grillo se li scriva Grillo da solo??
ma che indecenza!!!

http://www.corriere.it/politica/13_giugno_03/grillo-berlusconi-vuole-diventare-presidente-duce_b1610554-cc42-11e2-baa8-7c6869fac9d2.shtml

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 04.06.13 11:30| 
 |
Rispondi al commento

Si lo so gia che alla fine lo salveranno come sempre. Fanno un po di teatrino, ci fanno sognare x un attimo con la magistratura che lo condanna a 4 anni e in cassazione scommetto che la sentenza si ribalta come sempre. E alla fine silvio sara di nuovo salvo. E' da 20 anni che è cosi. Girano, girano, girano, ma alla fine silvio stranamente si salva sempre. Non capisco solo una cosa, in un paese civile come mai questo personaggio che si chiama licio gelli lo lasciano a piede libero? questo qua comanda da sempre in gran segreto da qualche stanza oscura....bohhhh!!!

oltre 04.06.13 11:27| 
 |
Rispondi al commento

Tirare fuori il presidenzialismo proprio ora,con le urgenze drammatiche del Paese, è talmente paradossale che appare solo come un pretesto per fare delle chiacchiere, pretesto con cui una classe partitica vergognosa maschera la sua incapacità a gestire gli enormi problemi del Paese, problemi che dipendono non solo dai 20 anni sciagurati precedenti ma dal servilismo 2senza se e senza ma” a un iperliberismo sfrenato che col chiavistello del debito e dell’austerità sta rovinando l’Europa
Come ha scritto Luzi “è una scorciatoia che i partiti - soprattutto di cdx - vogliono imboccare perché non riescono a far funzionare lo strumento della politica. Ma la colpa è non solo di una pessima legge elettorale (che nonostante gli appelli di Napolitano in tutti questi anni non è stata cambiata), ma anche di una disastrosa classe politica. In questo contesto è difficile pensare che il semipresidenzialismo possa risolvere i problemi. Al massimo potrà spianare la strada verso nuove e più accentuate forme di populismo, di cesarismo. Non dimentichiamo che il sistema parlamentare in uso in Italia dal dopoguerra ha dato presidenti come Ciampi, Scalfaro e Pertini. Sempre presidenti super partes e custodi intransigenti della Costituzione. Poi, se proprio si volesse parlare di presidenzialismo, qualunque dibattito dovrebbe essere preceduto da una legge radicale e intransigente sul conflitto di interessi, che adesso il cdx dice di voler fare ma a cui non farà mai visti gli interessi imprenditoriali del suo leader e unico proprietario. E dalla rigorosa applicazione di un sistema di contrappesi al potere del Presidente.”

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 04.06.13 11:23| 
 |
Rispondi al commento

Noto una strana e nuova aria nella politica. Il PDL è certo che ci sarà il legittimo impedimento quindi il processo con le condanne sarà annullato il processo Ruby è ancora in alto mare e quindi Berlusconi tenta la carta del Presidente della Repubblica dopo Napolitano.
Per fare questo dovrà uscire da Mediaset e dai giornali mettendo qualche prestanome fedelissimo come la Santanchè cui è spuntata improvvisamente la voglia di fare l'editore.
Ecco perchè oggi il PDL sembra un gattone soriano invece del giaguaro, accorda su tutto e ora ha deciso di dare la presidenza della commissione Rai al M5s.
Bisogna alzare la guardia nei momenti di tregua perché è durante le tregue che si pianifica la guerra.

Giovanni M., Roma Commentatore certificato 04.06.13 11:13| 
 |
Rispondi al commento

ATTENZIONE A LILLI GRUBER

invita il M5S solo per SPACCARLO e convincere gli elettori del M5S a votare per il PD

è facile per un GIORNALISTA ESPERTO mettere i difficolta i nostri che sono ancora INESPERTI

LA GRUBER vuole solo che gli elettori del M5S votino il PD

QUESTO VALE PER TUTTE LE TV DI SINISTRA

FATE MOLTA ATTENZIONE

ATTENZIONE ATTENZIONE amolta attenzione

Monica 04.06.13 11:11| 
 |
Rispondi al commento

no sarà bello da dire ma:
10 100 1000 Preiti

Jim Tiberius Kirk, trofarello Commentatore certificato 04.06.13 11:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

PD e PDL = vergogna d'Italia!!!!

Francesco Elia1 () Commentatore certificato 04.06.13 10:40| 
 |
Rispondi al commento

Vogliamo sapere chi sta sponsorizzando l'ascesa delle lobby massonico-mafiose in parlamento!!!

con il presidenzialismo , non vogliamo essere governati dai massoni-lobbistico-mafiosi come negli USA!!!!

da noi deve decidere il popolo italiano!

Non voglio stampata, sulla moneta dell'euro la piramide delgi illuminati come accade negli USA!!!!

Francesco Elia1 () Commentatore certificato 04.06.13 10:37| 
 |
Rispondi al commento

Quello che dice Viviana non è corretto.
Il Piano di Rinascita Democratica di Licio Gelli proponeva non un sistema elettorale semipresidenziale, ma il sistema proporzionale con seggi uninominali alla tedesca, dove il presidente della repubblica viene eletto dell'assemblea federale.

Per essere precisi, il Piano dice testualmente:

"... a3) Ordinamento del Parlamento
I - nuove leggi elettorali, per la Camera, di tipo misto (uninominale e proporzionale secondo
il modello tedesco) riducendo il numero dei deputati a 450 e, per il Senato, di
rappresentanza di secondo grado, regionale, degli interessi economici, sociali e culturali,
diminuendo a 250 il numero dei senatori ed elevando da 5 a 25 quello dei senatori a vita di
nomina presidenziale"
"II - Presidente della Repubblica: ridurre a 5 anni il mandato, sancire l'ineleggibilita' ed
eliminare il semestre bianco;"
"I - ... il Presidente del Consiglio e' eletto dalla Camera all'inizio di ogni legislatura e puo' essere rovesciato soltanto attraverso le elezioni
del successore;"

Tra le altre cose, il Piano inoltre prevede la riduzione del numero dei parlamentari e l'abolizione delle provincie, per nulla attuate e previste nel programma M5S. Grillo, poi, vorrebbe eliminare i sindacati, che il piano di rinascita voleva drasticamente ridimensionare.

Ma io non vado a dire che il M5S vuole realizzare il Pino di Gelli. Se uno/una è in preda a furore ideologico, si finisce solo per fare sterile propaganda basata sulla menzogna. Io, da semplice elettore in balia di sproloquianti politici, posso solo dire che se Berlusconi è in sella, la responsabilità va equamente ripartita tra PD e M5S. Ognuno si prenda la sua parte di rogna.

Matteo D'Ambrosio Commentatore certificato 04.06.13 10:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

il popolo italiano vuole la verità!vogliamo che venga fatta luce seriamente!

- verità sulle stragi!
- verità sulla trattativa stato-mafia!
- verità sulle dichirazioni dei Graviano e Spatuzza!
- verità sulla nuova P3 e chi la ideata!
- verità sulla prostituzione minorile e di gruppo!
- verità sul presidenzialismo! chi lo sta commissionando realmente,e perchè tutta questa urgenza!
- verità sui poteri forti:Vogliamo inchieste su
Massoneria,Servizi deviati,Illuminati!!!!!!


su tutto questo schifo vogliamo la verità!!!che paghino i responsabili!!!!tutto questo schifo non centra niente con i problemi degli italiani!!!!!

tutto questo schifo l'avete creato voi politici,con le vostre scelte sulla nostra pelle!

questo schifo deve finire!!!!
PD e PDL Vergogna!!!!!

Francesco Elia1 () Commentatore certificato 04.06.13 10:35| 
 |
Rispondi al commento

O.T.
In molti qui hanno scritto che Grillo è solo un uomo, disarmato di fronte a tutti gli attacchi che gli arrivano. Io non trovo affatto che sia così. Dimostra invece di essere molto intelligente e di servirsi abilmente dei servi dell'informazione di stato tenendoli tutti lì sotto al palco ad elemosinare una sua parola. Si sostiene inoltre che ieri tutti i programmi tv hanno diffamato, ridicolizzato e reso impresentabile il movimento 5 stelle. Mi permetto di dire a costoro che il tentativo era quello ma così non è stato. Ieri ho seguito su "la 7" sia il programma della Gruber che ha seguito pari pari il canovaccio di quello dell'Annunziata, sia "Piazza Pulita" di Formigli. Ebbene le hanno tentate tutte, ma anche l'italiano più deficiente ha compreso dalle chiare e nette risposte degli esponenti 5 stelle che c'è stato un effetto boomerang su di loro. Il vero risultato è che il programma del movimento lo stanno conoscendo tutti e che tutti si chiedono perchè tanto accanimento contro Grillo e i nostri, quali ragioni sostengono tanta pervicace insistenza nel volerli mettere in cattiva luce. Per esempio Formigli ha intenzionalmente intervistato nel programma un attivista 5 stelle vestito in modo quantomeno bislacco per screditarci e assimilare i nostri sostenitori a persone strane o ambigue. L'intervento di questo ragazzo però si è rivelato un altro boomerang per il prode Formigli. Il ragazzo ha fatto una piccola premessa riconducendo il suo abbigliamento al fatto di essere un musicista e dunque un artista e poi ha esposto le ragioni del suo sostenere il movimento, risultando talmente convincente da strappare un caloroso applauso dei presenti in trasmissione. Inoltre ho trovato anche il senatore 5 stelle una persona colta, preparata e sicura delle proprie convinzioni.
Andiamo avanti così con onestà, trasparenza e forza nel perseguire il nostro programma di libertà di scelta dei cittadini sulle nostre vite, contro tutti. Chi la dura la vince! Ghandi insegna.

cristina cassetti 04.06.13 10:31| 
 |
Rispondi al commento

-Luigi di Maio,5stelle della Camera
dalla Gruber

http://www.youtube.com/watch?v=zksx7dSh2cQ

“A me il presidenzialismo sembra un’assicurazione sulla vita di questo governo.E’ un modo per tirare a campare,perché ci vorrà del tempo per mettere su una riforma del genere. Credo che ci sia ben altro da fare, attrarre investitori e imprenditori, sburocratizzare…(la Gruber insinua che questo sia un partito personale) e lui: “Il nostro MoVimento si fonda su tante persone. La strategia non la decide Grillo, ma la decidiamo nel gruppo parlamentare ad alzata di mano”
Su Berlusconi: “Non ha mai capito che per i suoi problemi giudiziari doveva ritirarsi, anzi: i suoi avvocati spettacolarizzano il processo. La questione morale viene al di là di quella giudiziaria. Ci sono paesi in cui i ministri si dimettono perché hanno copiato la tesi di laurea. Qui non succede nulla di tutto questo”. La Gruber gli chiede dei dissidenti. “Ci sono molti che votano contro la linea di maggioranza, ma non ci sono dissidenti e io non ho mai minacciato nessuno di espulsione. Le espulsioni devono essere votate sul portale del M5S, non decide una sola persona. E’ una speculazione giornalistica”. Su alleanze e strategie: “Questo movimento ha detto che non firma cambiali in bianco ai partiti, deve essere chiaro. L’importante è portare avanti la strategia del M5S, realizzare i 20 punti del nostro programma. Prima fra tutti la proposta di reddito di cittadinanza di cui, a differenza dei partiti,daremo le coperture economiche. E non serviranno 40 miliardi perché questo dipende da quante persone coinvolge e che tipo di copertura si intende dare.Stiamo aumentando la comunicazione e saremo un po’ più presenti in tv per mostrare quello che facciamo in Parlamento. Per essere qui stasera non ho chiesto il permesso a nessuno. Non esiste alcuna blacklist di giornalisti”

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 04.06.13 10:23| 
 |
Rispondi al commento

DOPO CENTINAIA DI LIBRI E DOCUMENTARI MANDATI IN TV ...SULLA MAFIA ...SU LICIO GELLI E LA PD2...SULLE ECOMAFIE E IL MALAFFARE...ETC ETC

COME BISOGNA SPIEGARLO E FARLO CAPIRE AGLI ITALIANI CHE ...IN QUESTO PAESE, C'E'IN ATTO UN PROGRAMMA PIDUISTA MASSONICO MAFIOSO, PER CONTROLLARE LA DEMOCRAZIA E IL NOSTRO LIBERO PENSIERO!a cominciare dalla scuola privatizzata!

PENSATE....PD ...PDL ...P2 ...P3 CHE BUFFA COINCIDENZA STI NOMI PERO'!!!!!!!!!! svegliamoci prima che sia troppo tardi ...svegliamoci!!!!!!!

Valter Gilenardi 04.06.13 10:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Così finalmente anche l'Italia potrà avere stampata su una moneta di un euro, la famosa "piramide degli illuminati" (connubio di MAFIA-MASSONERIA)che gli americani stampano sul biglietto da un dollaro già da un pò di tempo.

che schifo!

Francesco Elia1 () Commentatore certificato 04.06.13 10:13| 
 |
Rispondi al commento

4/5/13 bevilacqua.as@alice.it sinavisi
Caro Grillo, errare è umano, perseverare nell’errore è diabolico, tu stai perseverando imperterrito col tuo metodo autoritario, volgare, irrazionale, anche se hai potuto constatare che molti italiani ti hanno abbandonato. Pensi forse di ottenere la premiership di un paese in rovina? Pensi forse che il porcellum, mantenuto in vigore, possa giovare anche a te? Grazie al tuo rifiuto di collaborare con la sinistra, ora il Paese deve sottostare ai ricatti di Berlusconi, un uomo spaventato per l’esito dei processi, che, con gran fatica per gli impedimenti contrapposti, cercano di arrivare a sentenza. Almeno i tuoi eletti dovrebbero cercare di aiutare a fare una nuova legge elettorale subito, prima che si metta mano allo stravolgimento della Costistuzione in senso presidenzialista: ricorda che i Padri costituenti hanno diviso i tre poteri, legislativo, esecutivo e giudiziario, dando il solo potere legislativo al Parlamento elettivo, proprio per evitare di avere un nuovo Duce! Tu lo hai denunciato, ma poi non agisci di conseguenza: è solo una battuta da pagliaccio? L’attuale legge elettorale forse sarà dichiarata incostituzionale, quindi va subito cambiata, i tuoi eletti in Parlamento che fanno? Perché non si avvalgono dei loro voti per fare subito una riforma elettorale con quelli che ci stanno?
Pensi solo ai soldi, che sono importanti, ma non hai pensato che se tu rendi 4 milioni allo Stato non incassando i rimborsi elettorali e poi tieni il Paese in empasse per un determinato tempo il Paese spende per più di 4 milioni di interessi per l’aumento dello spread? Ma sai ragionare? Forse chi ti consiglia non ha neuroni efficaci ed efficienti nel cervello! Angiolina Bevilacqua

angiolina bevilacqua 04.06.13 10:11| 
 |
Rispondi al commento

Ormai siamo in loop perverso. Abbiamo capito che la politica è malaffare, che i giornalisti sono prezzolati e i loro giornali vivono di finanziamenti pubblici come i partiti. Abbiamo capito che i poteri forti in Italia hanno davvero il potere di fare quello che vogliono sulle spalle di milioni di cittadini. Abbiamo capito che i politici per 30 anni ci hanno ridotto in servi della gleba con pochi zuccherini e tanto bastone. Abbiamo capito che l'Italia è terra di raccomandazioni e poca meritocrazia. Che le parole e i concetti che esse esprimono possono essere manipolati in ogni modo e il messaggio che arriva è sempre distorto. Ed è per questo che bisogna andare avanti, ripetercelo continuamente tra di noi ormai ha poco senso. Noi che frequentiamo la rete e il blog l'abbiamo capito. (tralascio i cosiddetti Troll o intrusi o prezzolati o pennivendoli ecc....). Ma ora cosa vogliamo fare? Cosa dobbiamo fare? Avere i voti degli italiani, io ho votato e voterò M5S perché è l'unico movimento che mi da una speranza pur con tutti gli errori di questi mesi, e avere rappresentanti in parlamento a cosa serve? Sono state presentate leggi su leggi e sono state tutte bocciate. Quindi? Vogliamo continuare a dirci che Berlusconi è ineleggibile, che i finanziamenti pubblici aumenteranno, che il governo è una marionetta nelle mani di poche persone, ma che dobbiamo fare? A me sembra che ci siamo bloccati. I nostri voti, oltre che a riempire le pagine dei giornali, a cosa stanno servendo? Mi sembra di camminare sulle sabbie mobile e ad ogni passo si sprofonda nella melma. Le persone sono affamate di fatti, di azioni di movimento. Manifestazioni, cortei, creiamo delle condizioni diverse e che sia ogni giorno più visibile quello che vogliamo fare al di là delle sole parole alle quali ormai ci siamo abituati.

Origene 04.06.13 10:00| 
 |
Rispondi al commento

Eh si, ha proprio ragione sulla deriva obbrobriosa del PD che, ovviamente, vuol realizzare il piano Rinascita di Licio Gelli. L'unica obiezione sta nel fatto che, se ciò che ha detto è vero, e come potrebbe non esserlo, il m5s fa parte anche lui della deriva obbrobriosa in quanto, come immagino lei sappia benissimo, il piano prevedeva anche la diminuzione dei parlamentari. Ha visto che genio Licio Gelli?

franco 04.06.13 09:54| 
 |
Rispondi al commento

E' la solita tattica orwelliana
Accentrano sempre più il potere nelle mani di pochi, facendo scomparire anche le differenze tra destra e sinistra
E poi la chiamano 'democrazia'
La democrazia diretta è esattamente l'opposto

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 04.06.13 09:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grazie al M5S tutta Italia ha scoperto che pasta è fatto Berlusconi e ora non abbiamo più dubbi. Si sanno tutti i reati, e che con la legge del 57 non avrebbe mai potuto essere eletto. Insomma è un politico che non avrebbe mai potuto essere eletto. Insomma dobbiamo stare alla larga da questo stronzo, è un duce, e noi siamo schiavi del suo sistema monarchico e capitalista. Tuttavia, ora ha solamente un quarto dei voti Italiani quindi non è poi questa gran forza, anzi è piuttosto debole e insulsa ormai.

Riccardo D., Quistello Commentatore certificato 04.06.13 09:28| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo ed a malincuore devo affermare che il cavaliere ha rialzato la testa grazie alla pessima politica del M5S. Per il medesimo motivo sostengo che il movimento aveva la possibilità di diventare il più grande partito/movimento italiano ed invece, al contrario delle aspettative di chi lo ha votato, ha fatto riemergerte berlusconi e suoi adepti che, volente o dolente, detta legge. I proclami di minaccia a giornalisti e similari sono frutto di chi non è in grado di dire altro.

mimmo m.p. Commentatore certificato 04.06.13 08:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il presidenzialismo alla francese fa risparmiare al paese una montagna di euro, altrimenti sprecati perché il Presedente della repubblica serve solo a spendere soldi, non serve a nulla. Non possiamo negare una giusta legge perché potrebbe favorire Berlusconi che ha 77 anni, si deve governare per l'Italia e gli italiani, sono venti anni che i politici campano sulla lotta a Berlusconi dimenticandosi del paese e ci hanno anche rotto tutto, Berlusconi è forte perché nel suo programma non ci sono cose che gli Italiani non vogliono perché ci sono problemi molto più grossi che si ignorano, Grillo non fare lo stesso errore della sinistra riguardo a Berlusconi, iniziamo a pensare solo ai problemi degli italiani e vedrete che Berlusconi cade in disgrazia, nel dimenticatoio....focalizziamoci sui problemi e ignoriamo Berlusconi.... iniziamo anche a lavorare per risolvere sti cavoli di problemi ormai endemici....

Salvatore . Commentatore certificato 04.06.13 08:12| 
 |
Rispondi al commento

Caro beppe, con piacere ho letto della proposta di "pensione unica a 6000 €" cosa che condivido pienamente.. questa è una battaglia che si deve portare fino in fondo.. anche per rispetto di chi vive con 600€ al mese..inoltre a quando l' abolizionen delle varie "Liquidazioni d'ORO" date nela maggior parte a dirigenti statali.. anche qui c'è molto da fare inoltr mi chiedo a
cosa ci servono gli aerei che dobbiamo comprare... perchè siamo in Afganistan.. abbiamo + Generali( che paghiamo in modo esagerato in base ai risultati che ottengono) che uomini .. a quando l' unificazione delle varie armi... quanto ci costa l'esercito... servono ancora tutte le varie Branch di esso ecc ecc come mai non se ne sente parlare da nessuno di queste problematiche...

Donato O., Fossano Commentatore certificato 04.06.13 08:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

*Napolitano ha fissato 18 mesi come durata del governo.E,sembra,come termine del suo mandato.In questi 18 mesi abbiamo bisogno di riforme concrete che usino bene i 41 miliardi che l’Ue ci dà per la ripresa e che aiutino il Paese a rialzarsi dall’abisso.Abbiamo quasi 2 milioni di disoccupati che aumentano di giorno in giorno e i fallimenti di imprese crescono (3637 in 3 mesi;dall’inizio della crisi sono fallite 3637 imprese)come i suicidi (3048 nel 2012),ma Letta propone l’aumento dell’IVA e della Tares,con la contrazione dello stato sociale e senza un € tolto alle armi,agli evasori o al carrozzone politico,e non è certo la manovra migliore per risollevare chi ha già tasse al 45,3%,mentre l’IMU piomberà su di noi a settembre,perché in Italia quando una tassa viene messa,diventa inamovibile e a B non interessa mantenere le promesse quanto forzare il Capo dello Stato a dargli l’assoluzione perpetua e ricatta il Pd per questo
Abbiamo bisogno come il pane di leggi che diano fiato a questo Paese martoriato.E invece cosa fa il caro Letta?Ci propina la minaccia del semipresidenzialismo alla francese,come arma di distrazione di massa! Un altro passo di quel golpe voluto dalla P2,che farà parlare i giornali e terrà occupati i politicanti
E’ chiaro che questo è un pretesto per non affrontare i veri temi del Paese:la mafia (ignorata da Letta),la corruzione politica,la vergogna delle larghe intese,un elettore su 2 che non va a votare,gioiellieri che denunciano 1000 € al mese,politici che continuano a rubare, ospedali sempre più fatiscenti e stato sociale sempre più latitante,mentre ai giovani non viene promesso nessun futuro e si continua a rubare a chi non ha
Gli intenti del governo Letta finora sono stati:
-aumentare del 24% lo stipendio dei parlamentari, mentre si rimanda alle calende greche qualunque taglio alle spese della politica
-comprare altre 6.450 auto di stato
-fare leggi di censura del web
-fare leggi per buttare i Movimenti fuori dal Parlamento
E' questa la sx ???

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 04.06.13 08:01| 
 |
Rispondi al commento

Solo gli ignoranti, i mafiosi e chi non ha a cuore presente e futuro dell'Italia non capisce o fa finta di non capire che il Movimento5stelle e' PURO BUONSENSO. Cio' che si e' perso e di cui abbiamo bisogno come l'aria.

Silvio ., Bolzano Commentatore certificato 04.06.13 06:19| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Quando si pensa al comunismo mandarino, tutto diventa comprensibile...(v. la Cina comunista ed i suoi schiavi) siamo nel calderone unico dello sfruttamento globale. Chi ci può salare? Non si vede una terza via... è la disperazione totale.


Il pdl è sceso a livelli di indecenza bestiali e se è sceso così in basso è anche perchè i traditori fintosinistroidi hanno indecentemente assecondato la loro natura e quella del Vaticano. 5 stelle è il minimo della risposta. Ora vado a dormire e domattina scoprirò l'acqua calda.

paolo biglia, asti Commentatore certificato 04.06.13 03:49| 
 |
Rispondi al commento

la politica italiana dal dopoguerra in poi è sempre stata "indirizzata" e gestita da poteri occulti che ogni qual volta si è stati a un passo da un vero cambiamento hanno fatto in modo che quel cambiamento non avvenisse. ricordate il golpe borghese nel 1970? o il coinvolgimento di apparati dello stato nella strage di brescia del 1974?
gli apparati e i servizi segreti hanno da sempre fatto in modo che le cose andassero come dovevano andare perché i centri di potere economici e politici dovevano e devono continuare il loro corso.
oggi questa stessa situazione sta verificandosi a livello europeo, siamo in balia di personaggi che tra finanza e potere non possono correre rischi, ci indicano la strada da seguire, decidono le nostre politiche economiche, decidono che non possiamo investire nel rilancio del paese, decidono che dobbiamo rimanere ancorati all'euro pena la disfatta totale del nostro paese.
ecco perché hanno deciso che un governo lo si dovesse fare e che lo dovessero fare i soliti noti: per mantenere lo status quo che serve a loro per continuare a fare i loro interessi e a noi per rimanere nell'ignoranza.
il movimento 5 stelle deve crescere, maturare, essere pronto, individuare alcune personalità che sappiano reggere il confronto e che allo stesso tempo informino la gente e indichino una via.
di questo abbiamo bisogno e all'interno della legalità queste azioni devono essere forti e di rottura con il passato.
proposte? 1. cominciamo col dire che per un anno la pubblica amministrazione non può spendere un euro in più dell'ordinario/necessario (chi ha lavorato in un ente pubblico sa benissimo che gli sprechi da quello parti sono vergognosi)
2. cominciamo col dire che chi evade il fisco per cifre superiori ai 20000 si becca 10 anni di galera 3. cominciamo col dire che un datore di lavoro che viene trovato con personale "in nero" si becca 5 anni di galera 4. cominciamo col dire che chi assume personale non paga un euro di tasse. ...intanto cominciamo!

matteo r., venezia Commentatore certificato 04.06.13 02:44| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

PRESIDENZIALISMO, SEMIPRESIDENZIALISMO, FEDERALISMO CANCELLIERATO.....mentre il paese affonda economicamente abbiamo l'ennesima riprova di quanto cialtronesco esso sia assieme alla sua spompata (non)classe dirigente...adesso per addormentare il gioco il Federalismo non è più di moda. Andiamo ora a scimmiottare un modello adatto invece ad uno stato fortemente centralizzato come la Francia. Quando, semmai, il modello, seppur riveduto e corretto, dovrebbe essere, in uno stato come il nostro di relativamente recente formazione e dai cento poli e citta, quello di una realtà a noi più simile quale quella tedesca con due diverse camere (Bundestag, camera nazionale) e Bundesrat (camera dei Lander), con un sistema elettorale misto(parte maggioritario per garantire la governabilità e parte proporzionale per garantire la rappresentanza). Il problema è che in questo paese, a tutti i livelli, il politicante di turno non si chiede se un sistema costituzionale oppure una legge elettorale possano essere utili al Paese nel suo insieme, bensì se in primis possano essere utili a lui ed al suo partito di merda...non ne verremo mai fuori....

max walyer (max walyer) Commentatore certificato 04.06.13 02:31| 
 |
Rispondi al commento

.....e così abbiamo la conferma che su questo sito ci sono degli INFLUENCERS stabili tesi ad orientare il dibattito...

max walyer (max walyer) Commentatore certificato 04.06.13 02:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ragazzi , Grillo è solo un uomo.

E ora che non c'è più Di Pietro è SOLO contro un esercito di mafiosi,massoni , corrotti e i loro servi e raccomandati.

Oggi è stata un apocalisse.

Dal Tg3 a Quinta Colonna a Piazza Pulita TUTTI a diffamare /ridicolizzare / mistificare il vostro movimento

Grillo non può rovesciare da solo un intero sistema marcio e corrotto con un informazione asservita.

Siamo anche NOI CHE DOBBIAMO SVEGLIARCI.

In qualsiasi modo.

Ad essmpio andare sulle PAGINE FACEBOOK DI QUESTI LADRI E SERVI PAGATI PER RINCOGLIONIRE IL POPOLINO (pag. Facebook dei TALK SHOW o dei TG ad esempio)

e linkargli TUTTI I GIORNI QUESTO LINK


http://www.youtube.com/watch?v=IZ3qPCnH1MM

seguito dalla frase

"QUESTI SONO I VOSTRI PADRONI / SPONSOR CHE HANNO SACCHEGGIATO L'ITALIA PER 20 ANNI

E SONO ANCORA LI'. RICCHI E IMPUNITI

PERCHE' NON MOSTRATE / RICORDATE MAI LE LORO MALEFATTE ?

SERVI

----

Un altra proposta è venire tutti a ROMA il 21.06

https://www.facebook.com/pages/Questa-%C3%A8-L-Italia/240152065998077

NOI NON ABBIAMO PIU NIENTE DA PERDERE.

E VOI?

FLAVIO C 04.06.13 01:01| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

A parte il vostro più che evidente complesso di inferiorità e "paura" nei confronti del Berlusca che se non dal popolo votante, sarà presto messo fuori gioco dalla magistratura, il semi-presidenzialismo pur non recando sostanziali e risolutivi benefici al sistema politico, sicuramente comporterebbe un certo ridimensionamento del potere dei partiti a vantaggio di quello degli elettori e quindi non sarebbe pregiudizialmente da scartare, ove adeguatamente controbilanciato.
A livello di riforme istituzionali mi sembra comunque di maggior peso la soppressione di un ramo del Parlamento, senza la sopravvivenza di surrogati, tipo "senato federale o delle regioni", allo scopo di consentire l'approvazione delle leggi in tempi ragionevoli ed accettabili.
Sarebbe anche ora di piantarla di parlare genericamente di "diminuzione" del numero dei parlamentari: come minimo vanno dimezzati, se non ridotti alla cifra totale di trecento.

Enzo V., Reggio Emilia Commentatore certificato 04.06.13 00:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ci siamo, si parla di presidenzialismo, riassumendo, in Italia dove vige un governo di "larghe intese", promosso da alcuni e contestato da molti, in un paese dove il TERZO partito votato ha ministri in posizioni decisionali, in un paese dove viene denigrato dai media, che appartengono o comunque "ubbidiscono" a uno dei principali politici italiani, il primo partito votato, il m5s, in data odierna sondaggi mettono davanti a tutti il pdl e quindi chi sarebbe, parlando di presidenzialismo, il principale papabile e questo compito? Ebbene si sempre e proprio lui, colui che pur non essendo visibile in prima persona manovra in sordina e tiene in pugno la politica italiana.
L'unico barlume di senno che si vede il Italia è il M5S

Paolo D., Agrigento Commentatore certificato 04.06.13 00:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grande Di Pietro.

Anna Fideli, Olbia Commentatore certificato 04.06.13 00:06| 
 |
Rispondi al commento

Sig. Grillo lei per forza vuole scatenare la guerra tra poveri, una cosa è difendere una propria categoria di “ elettori “ un’altra è diffamare e criminalizzare le altre categorie.
Sono un dipendente pubblico se andrò in pensione con l’attuale legge, età a 64 anni con 43 anni di servizio, pensione sui 1400 euro, ho sempre cercato di lavorare degnamente, il mio lavoro iniziato nel 1975 era SCHIFATO DAL 80% DELLE PERSONE, molte mie conoscenze si sono dati al commercio all’impresa, ma solo il 20 % di questi avevano veramente delle competenze, gli altri lo hanno fatto solo per DENARO, per arricchirsi subito, Lei ha visto quanto dichiarano i commercianti ed imprenditori ?, pensi che all’ora molti non faceva nemmeno la dichiarazione dei redditi, belle case, bei abiti, donne, vacanze e lusso, poi viene la caccia all’evasore, poi la crisi e molti falliscono , per impreparazione e arrivismo come spiegato, ovviamente non tutti, quindi merito ai commercianti e imprenditori capaci e onesti. ma le tasse sicure le prelevano ogni mese dal NOSTRO stipendio.
Quindi per cortesia non facciamo un erba un fascio e non istighiamo le persone alla guerra dei poveri. Grazie.
P.S., tutti i signori economisti possono dare tutte le ricette che vogliono, ma se il mondo è cosi è colpa loro e del sistema speculativo economico-finanziario che hanno creato e che è in vigore e che per risolverò questo LORO sistema , stanno impoverendo milioni di persone .

antonio 03.06.13 23:58| 
 |
Rispondi al commento

Pigi battista, da formigli, cerca di smontare il M5S. Sembra un fesso che cerca di rimettere il dentifricio nel tubetto. Che pena.

Anna Fideli, Olbia Commentatore certificato 03.06.13 23:56| 
 |
Rispondi al commento

Condivido. Ma come MoVimento dobbiamo prenderci anche questa responsabilità. SIAMO l'ultimo baluardo per la Democrazia.
Per questo approvo, condivido ed apprezzo il "cambimento di rotta" posto in essere dal NOSTRO MoVimento.
In diversi altri post avevo evidenziato "l'errore" di pensare che bastasse "presentarsi onesti" per combattere il SISTEMA.
A nostre spese abbiamo verificato invece che il SISTEMA ci ha scatenato una vera e propria GUERRA MEDIATICA addosso.
Finalmente il MoVimento ha compreso ed ora ci siamo meglio predisposti ad una GUERRIGLIA MEDIATICA più puntuale, attenta, studiata ed organizzata.

Bene così.

AVANTI A TUTTA FORZA!!!!!

B E P P E - P R E M I E R - S U B I T O!

Hasta la victoria siempre!

Roberto Verrengia

Roberto V., Guidonia Montecelio Commentatore certificato 03.06.13 23:52| 
 |
Rispondi al commento

Abbiamo il debito pubblico al 140%, la disoccupazione reale al 20%, la recessione al -1,5%,
mezzo milione di giovani qualificati scappati in 12 anni, e quel vecchietto demente vuole andare al Quirinale?
Giappone e Stati Uniti stanno frenando la loro politica di espansione della massa monetaria e già i capitali generati dall'espansione si stanno ritirando dai mercati delle obbligazioni, facendo aumentare di nuovo la pressione sui nostri bot-carta igienica.
Berlusconi o un altro scagnozzo dei suoi durerebbe poche settimane, e del resto dopo lo smembramento di AN è scomparsa la massa dei militanti di centrodestra, per cui il PDL praticamente non esiste più e tutto il centrodestra è esaurito.

mario genovesi 03.06.13 23:46| 
 |
Rispondi al commento

Giovanni Guzzetta, costituzionalista
http://www.linkiesta.it/presidenzialismo-repubblica

da me riscritto.....

È proprio necessario passare al presidenzialismo?
no

ma perché proprio il presidenzialismo?
perchè i partiti sono stufi di avere troppi soldi e potere e quindi generosamente vogliono regalare tutto a un presidente che li metta in galera in quanto ladri.

Come è strutturata la vostra legge?
Alla francese. Doppio turno. così l'elezione può costare il doppio :)

Ma è proprio questa la risposta ai problemi più immediati del Paese?
è la soluzione ai problemi più immediati dei politici: fingere di fare qualcosa eccezionale per non fare un cazzo di buono

In molti, però temono che il presidenzialismo sia un modo per spianare la via all’autoritarismo dell’uomo forte.
No no, l'Europa è stufa di imporre le leggi vessatorie con il rischio di vedere i cittadini ribellarsi: meglio una sana dittatura che accompagni l'Italia verso l'economia greca

p.s. ma.. sul serio... che ca##o di qualifica è costituzionalista? la certificazione dello sparacazzate?

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato 03.06.13 23:45| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, anche a me il Presidenzialismo non piace, ma che problema c'é? Ti candidi e lo batti 'Abberluscone!!!

Su con la vita, che solo un anno fa non si era nemmeno in Parlamento!

Andrea 03.06.13 23:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Guarda Viviana, secondo me non c'è da preoccuparsi... le riforme da fare per far funzionare bene il parlamento sono poche e semplici, basta la volontà che in poche settimane sono fatte.

L'idea del semipresidenzialismo è solo per alzare la posta e renderla impossibile, creare una gran discussione su qualcosa che tanto, e lo sanno bene, non si riuscirà a fare; l'obiettivo è mantenere lo status quo: porcellum, 1.000 parlamentari, privilegi al top, ecc...

Vedrai che fra 18 mesi sarà tutto come ora. Tranne che l'Italia starà sempre più nel baratro.

Dai M5S... dobbiamo mandarli a casa a qualsiasi costo, non molliamo !

Ste Masca, Malonno (BS) Commentatore certificato 03.06.13 23:26| 
 |
Rispondi al commento

.....NO A BERLUSCONI PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA !!!!!!!!!!!!!!!!!!

Valerio A. Commentatore certificato 03.06.13 23:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se poi si aggiunge che il pdmenoelle, come antagonista (finto) del nano, candiderà una mezza cartuccia, la presidenza della repubblica per il nano, sarà un gioco da ragazzi.
Ma chi prendete per il culo, idioti!

Carlo B. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 03.06.13 23:16| 
 |
Rispondi al commento

Mi permetto di aggiungere ancora un paio di considerazioni a latere del mio intervento e di quelli ben più incisivi di Viviana V.
Il problema del bicameralismo è un problema in sé falso, nel senso che se è vero che è inutile che due camere si occupino delle stesse cose, è altresì vero che il cd. senato delle regioni trova la sua ragion d'essere nella crisi totale in cui dalle leggi bassanini in poi si sono trovate le autonomie locali, le regioni e tutta la congerie di enti intermedi di cui è zeppo il nostro paese. Incapaci di risollevarsi dal buco nero in cui sono sprofondati i partiti dal 1976 col decentramento amministrativo e dal 1990 con la costante revisione costituzionale e il rafforzamento dei poteri decentrati, dopo aver sperperato triliardi di lire nei mille rivoli delle realtà decentrate, ora si sono inventati il "senato delle regioni", ennesima bufala per far credere al centro che le periferie contano, aumentando il marasma e nel marasma dando libero sfogo alle turpitudini economiche più deliranti. Parlo di sprechi assurdi e di penosi rattoppi a un decentramento fallito praticamente dovunque e a tutti i livelli.
Secondo: l'inettitudine del sistema dei partiti ha trovato altra espressione della funzione di fatto sostitutiva della magistratura, nel senso che il potere giurisdizionale s'è trovato (di fronte a malversazioni d'ogni sorta e al totale dispregio di leggi e regolamenti in primo luogo dei politici, a tutti i livelli istituzionali) a dover dare le risposte che la classe politica marcescente era ed è incapace di fornire o trovare. Il livore d'un mister b. verso i magistrati a suo dire politicizzati esprime questo stato d'animo.
In tutto questo, quindi, non è stato tanto il cd. "proporzionale" a non funzionare ai fini della governabilità, quanto la crisi sistemica dei partiti, di questi partiti residui di quelli ante '92 e che ne hanno ereditato il peggio in tutti i sensi.
Ma resta sempre il nostro "che fare?".

FULVIO T., Paesana (CN) Commentatore certificato 03.06.13 23:15| 
 |
Rispondi al commento

Vivianaaaa ti adoro!!!leggerti è sempre e solo un piacere ed un dovere!!grazie!!!!

Luca M., Rho Commentatore certificato 03.06.13 23:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' con viva e vibrrrrante soddisfazione che desidero ringraziare il dr. formigli per averci regalato la sua ennesima figura del cavolo.

Anna Fideli, Olbia Commentatore certificato 03.06.13 23:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono avvilito, ma positivo, ma che blaterano! sono a corto di idee e nella confusione si lanciano in iperbole statiste, tra l'altro senza essere consapevoli delle implicazioni autolesionistiche, ma questo è chiedere troppo, non c'è risposta all'irrazionalità, la vita stessa porrà rimedio se non soccombe per non indispensabilità. Del resto la natura contempla il buco nero e lo strappo quantistico. Ma il gioco intrigante per noi è stimolante. Forse per eudemonia.

mario furno 03.06.13 23:10| 
 |
Rispondi al commento

Al massimo sarà non un semi- ma uno "scemi-presidenzialismo" ...

Graziano Priotto, Radolfzell Commentatore certificato 03.06.13 23:07| 
 |
Rispondi al commento

Semipresidenzialismo, presidenzialismo..in questo caso direi molto utile prestare attenzione alle indicazioni dei fascisti che con Alfano si sono dichiarati favorevoli quindi è ragionevole non esser favorevoli (per chi ha dubbi ovviamente).

paolo biglia, asti Commentatore certificato 03.06.13 23:05| 
 |
Rispondi al commento

Lucaaaaaaaaaaaa dove seiiiiiiiiiii, dov'è il caffè pentastellatooooooooooo

Anna Fideli, Olbia Commentatore certificato 03.06.13 23:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E stato il progetto del nano, fin dall'inizio, dato che il presidente è stato l'unico a stopparlo. Lu aggira il problema diventando il presidente........ E poi RUBY a volontà e se i magistrati "rompono" mi compro la magistratura! E Se la costituzione me lo impedisce io cambio anche quella. E MI SI CONSENTA, grazie italiani, per avermi votato!

Diego DellaVega, Sennori SS Commentatore certificato 03.06.13 22:59| 
 |
Rispondi al commento

Alcuni momenti della mia vita ho pensato che Berlusconi fosse una persona di rispetto, ma il mio pensiero è durato poco, ora vedo un vecchio di settantasette anni che stà rovinando l'Italia assieme ai suoi compari del pd.. Amici del M5S mandiamoli tutti a casa prima che sia troppo tardi...

RENZO D., riva presso chieri Commentatore certificato 03.06.13 22:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dopo i pregnanti interventi di Viviana V. di Bologna resta poco da aggiungere, dato che condivido in tutto e per tutto le sue analisi.
Ci troviamo di fronte alla crisi, speriamo irreversibile, di un sistema che, finché viveva sul dualismo Dc/Pci aveva una sua ragion d'essere (un po' come, sul piano internazionale, il dualismo tra Usa e Urss), che aveva trovato nella Costituzione del '47 una efficace sintesi.
La crisi di questi due partiti e di tutti gli altri (in primis il Psi craxiano) non ha fatto che accelerare una crisi politica già in atto e che ha trovato in "mani pulite" la sua massima espressione.
Incapaci di dare risposte sensate alla crisi di sistema e di regime, i partiti si sono dissolti e dalle loro ceneri sono rinati sotto altre vesti e con altre persone, trovando in FI di berlusconi la rappresentazione perfetta dei deliri partitici e del loro proporsi sempre più come mero centro di potere fine a se stesso e sganciato da una società sempre più alla deriva morale, economica, sociale, di partecipazione, culturale, ecc.
Non riuscendo/volendo trovare reali soluzioni ai troppi problemi dinanzi a loro, al sistema proporzionale si preferirono altre soluzioni elettorali, tutte tese al massimo consenso ma ad escludere il più possibile le ali estreme.
Il cd. "porcellum" fu l'ennesima trovata/puttanata di partiti e uomini di moralità e capacità degne d'una ameba e, ora, col cd. "semipresidenzialismo" si cerca di porre toppe alle troppe contraddizioni d'una società allo sfascio e di partiti non in grado di gestire il malcontento serpeggiante e alla disperata ricerca d'una legittimazione che ormai più non hanno.
E' ovvio che por mano così alla costituzione del '47 e successive modifiche è fatto delirante ma, come s'è visto, la faccia da culo non manca a costoro e la fretta di porsi al riparo da sommosse o ulteriori crisi è più importante del risultato ottenuto.
Il problema, però, è il nostro "che fare?" in tutto questo, cara Viviana V. e cari tutti, non vi pare?

FULVIO T., Paesana (CN) Commentatore certificato 03.06.13 22:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Spacceranno il presidenzialismo come una grande prova di democrazia diretta. Qualcuno si presterà alla farsa (serviranno almeno cinque o sei candidati) e il nostro amato gangster (sempre che non sia stato interdetto...) sarà eletto.
Comunque andrà, con o senza gangster, il presidenzialismo im Italia è un'avventura.

mario45 massini, roma Commentatore certificato 03.06.13 22:43| 
 |
Rispondi al commento

Sul presidenzialismo dovrebbero decidere gli italiani (opportunamente informati) e NON imporlo i politici.... poi in italia ci sono le due tifoserie di favorevoli e contrari ma di solito NESSUNO dei due sa come funzionino le cose in Francia da cui si vuole fare il copia e incolla di un frammento di legge fingendo che tutte le altre non esistano.
MA STI POLITICI NON HANNO PROPRIO UN CAZZO DA FARE??

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato 03.06.13 22:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Nicola Morra deve diventare capogruppo al Senato,ha smontato e tenuto botta a quel servo di giornalista di Formigli.

bruno manganiello 03.06.13 22:42| 
 |
Rispondi al commento

G

DellaVega Diego 03.06.13 22:42| 
 |
Rispondi al commento

Se il movimento vuole VIVERE ed avere un senso occorre capire come va il mondo REALE e come si muove POTERE quello vero che decide le SORTI di TUTTI NOI.

Purtroppo in un paese governato da oltre 30 anni dalla P2 dove continuano a dare da bere alla massa di cittadini (sia di destra che di sinistra ) una montagna di frottole tutti i giorni (E CI COSTA TANTISSIMO)…………..il M5S che FA?...

I cittadini sono oramai impotenti questo è vero ma occorre fare un analisi corretta senza fare processi.

DOBBIAMO CAPIRE dove vuol andare il M5S.

I giorno dopo le elezioni nel blog ho trovato la seguente LETTERA in 5 parti , forse è bene RILEGGERLA è più ATTUALE OGGI che 3 MESI FA.


E ‘ BENE RILEGGERLA per capire PERCHE’ SUCCEDONO CERTE COSE.

Il vero problema NON sono TUTTI I PARTITI ma il POTERE CHE LO USA…

Domandiamoci CHI E’?


Se MAI AVREMO UN'ALTRA OCCASIONE, la PROSSIMA VOLTA quando TOCCHERA’ AL M5S DECIDERE.

EVITEREMO CHE VINCANO QUEGLI IMBECILLI chiamiamoli pure gli ANTI-TROLL
e di fare una figura di M…… dicendo

CHE CI SEMBRA DI ESSERE A BALLARO’!

Simone B., Rimini Commentatore certificato 03.06.13 22:35| 
 |
Rispondi al commento

senza dimenticare che col finanziamento del due per mille si perde anche il voto segreto(osservazione di un mio amico virtuale (nick )potranno essere segnalati e abbattutti chi non vota in modo corretto per loro

mimmo ., domodossola Commentatore certificato 03.06.13 22:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tutti ci dicono che la cosa più importante è il metodo democratico , discutere civilmente , senza violenza...... In realtà vuol dire che chi non ha potere , mezzi , media , seguaci , inciuci , ha a facoltà di continuare a farsi fottere da tutti, democraticamente , di continuare a servire una casta di ladri di galline , servi , puttani , lenoni.......
Così va il mondo e non si può cambiare. Però si può prendere nota dei nomi ; per non dimenticare ; perché i venduti , oppressori , fascisti , comunisti , furbi ed oppressori di ogni tipo, questa volta non si possano riciclare.... Non dimentichiamo i nomi delle sanguisughe!

maresp 03.06.13 22:16| 
 |
Rispondi al commento

Noi ITALIANI non siamo pronti per aver un Presidente eletto dal popolo,
troppi poteri nascosti
troppe persone che votano solo per un bel sorriso troppi stupidi troppio potere dato ad una sola persona.

LINO RODARI, VARESE Commentatore certificato 03.06.13 22:14| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo, ti ho scrittgo più volte nei mesi passati ma non ti sei degnato nè di rispondere nè di prendere per b uoni i suggerimenti che mi permettevo di darti. Sei stato testardo come un mulo e hai rifiutato di dare la fiducia a Bersani e se oggi ci troviamo in questa merda la colpa è solo tua. Ora te la prendi con i tentativi di Berlusconi di arrivare al Presidenzialismo ma se avessi fatto come ti suggerivo ci saremmo liberati definitivamente di questo malefico essere ignobile. E invece continui ad essere testardo e non ti accorgi che il tuo movimento si sta sfaldando come neve al sole.Se dovesse cadere il governo fa che non si vada a votare con l'attuale legge elettorale.Vincerebbe ancora Berlusconi e si beccherebbe il premio di maggioranza. Sta soloi a te fermare questo scempio.Attendo una tua giustgificazione.

Francesco P., Roma Commentatore certificato 03.06.13 21:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

segnalo sito che tratta di una possibilità concreta del trattamento dei rifiuti organici.

francesco gangale 03.06.13 21:52| 
 |
Rispondi al commento

Si stanno preparando ad accentrare su di loro più potere. Sanno benissimo che i prossimi anni saranno difficili da gestire e quindi vogliono limare le unghie alle eventuali opposizioni. A questi signori della democrazia non gliene importa niente. Oggi pomeriggio facevo un conto: a Roma sono andati a votare 52 elettori su 100...togli 12 punti al 5 stelle restano 40 elettori votanti su 100 per i partiti tradizionali da dividere per 40% sx (16% degli elettori aventi diritto) e 30% dx (12% degli elettori aventi diritto); poi la chiamano vittoria....auguri! Ciao a tutti.

annibale 51 03.06.13 21:47| 
 |
Rispondi al commento

Il pensiero mi spinge a collaborare per il cambiamento di questo Paese, vecchio e remoto da questi vecchi malati del potere, non hanno mai visto i cittadini fuori del Palazzo, speculando sulla bontà dei cittadini, li abbiamo governati noi appropriandosi dei nostri soldi senza ricevere nulla, anzi siamo oggi nella miseria e depressione totale, dobbiamo essere uniti perchè oggi la nostra democrazia è a rischio con questi ladri e mafiosi. Oggi dobbiamo scendere in Piazza a difendere la Costituzione a tutti i costi. Dobbiamo manifestare. Buona fortuna ITALIANI.

guglielmo c., verona Commentatore certificato 03.06.13 21:39| 
 |
Rispondi al commento

Se questo fosse vero, allora sarebbe un crimine non cercare di far cadere il governo e formarne un altro con senatori "non-piduisti" o conniventi..

Non dimentichiamo i numeri: con i 54 senatori m5s, più magari 60 - 80 senatori del PD che dovrebbero ribellarsi, se ci aggiungete qualche altro senatore si puó governare senza tornare a votare e senza i Piduisti.

Senatori M5S, lavoratevi i potenziali ribelli pd, invece di perder tempo!!!

nikola 03.06.13 21:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Gruber professorina altezzosa e supponente!

Gabriele Garlasco 03.06.13 21:25| 
 |
Rispondi al commento

La forma di stato presidenziale e' una forma utilizzata in molti stati alcuni dei quali di alto livello democratico ed altri di scarso livello.
L'Italia purtroppo appartiene al secondo livello e non è matura, e forse non lo sarà mai, per questo tipo di stato.
Hai ragione quando evochi il programma di rinascita di Licio Gelli.
Io da 20 anni lo tengo a portata di mano ed ogni tanto lo rileggo per confrontarlo con la realtà e vi assicuro che siamo molto, troppo vicini al completamento.

Roberto Ortolani 03.06.13 21:25| 
 |
Rispondi al commento

La gruber sudava al solo pensiero di parlare di politica e del giusto modo di farla

Riccardo Garofoli 03.06.13 21:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dico NO a qualsiasi forma di repubblica presidenziale. NO ! Prima dobbiamo avere la GARANZIA di esserci liberati da mafia e logge massoniche !

Lucio M., UD Commentatore certificato 03.06.13 21:18| 
 |
Rispondi al commento

GRILLO, CERCA DI NON ESSERE ANCORA UNA VOLTA, INCONSAPEVOLMENTE, FUNZIONALE ALL'ATTUALE SISTEMA.
Una buona legge presidenzialista, garantita da un bicameralismo o monocameralismo ridotto al minimo e da un efficace istituto delle incompatibilità, ineleggibilità e incandidabilità potrebbe essere una buona legge.
Ad esempio una o due camere, dove l'opposizione possa essere rappresentata in modo proporzionale, potrebbe essere un'altra eventuale garanzia di trasparenza e di affidabilità.
Un presidenzialismo così, che terrebbe il popolo al centro del sistema, sono sicuro che non lo vorrebbe nessuno, ad inziare da chi oggi afferma di essere presidenzialista.
Per i due PD, il presidenzialismo è solo una scusa per non fare nulla oppure per cercare una legge che annulli del tutto la volontà popolare.
Grillo, il Duce non c'entra proprio nulla!
Stanno cercando di farti apparire come loro vorrebbero che tu fossi.
E sembra che tu ci stai cadendo dritto dritto.

Luigi Gioacchini, Sezze Commentatore certificato 03.06.13 21:15| 
 |
Rispondi al commento

Ma non eravamo per la democrazia diretta? Allora perché gli eletti sono contrari al presidenzialismo?

Riccardo D. Commentatore certificato 03.06.13 21:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Finalmente qualcuno lo dice, brava Viviana. Dovrebbe essere in prima pagina su ogni testata e invece nessuno che ne parli, come se la p2 non fosse mai esistita.

Sandra Mancini, Prato Commentatore certificato 03.06.13 20:45| 
 |
Rispondi al commento

Oggi in parlamento ci sei anche tu. Datti da fare.

Michelangelo Bacchion, Castelfranco Veneto Commentatore certificato 03.06.13 20:43| 
 |
Rispondi al commento

Agli ospiti
Siete duri di orecchie o non volete capire
Non c'è mai stata nessuna possibilità di far nascere un governo con il pd
Gli ultimi accadimenti stanno li a dimostrarlo
Vogliono modificare la costituzione i compari pd pdl e Napolitano
Se vi fate intortare dai mezzi di informazione stiamo bene

Riccardo Garofoli 03.06.13 20:31| 
 |
Rispondi al commento

Chiunque parla di presidenzialismo o semipresidenzialismo o è in malafede oppure non sa di cosa sta parlando.

Vi rendete conto che per fare il presidenzialismo bisogna riscrivere metà costituzione? Sono da rivedere completamente le figure del presidente della repubblica e del presidente del consiglio.

Fanno fatica a fare la legge elettorale e credete veramente che riusciranno in un impresa simile? Credete che riusciranno a mettersi d'accordo su così tanti articoli della costituzione?

Andrea D. Commentatore certificato 03.06.13 20:29| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

I tg non si possono guardare
Sono una iattura per l'italiano

Riccardo Garofoli 03.06.13 20:20| 
 |
Rispondi al commento

Mafia, Massoneria e Servizi deviati ovvero la Storia de La Repubblica italiana. Se avete letto l'intervista a Camilleri dovreste avere una idea chiara. Lo Stato italiano unitario nato col sopruso, l'invasione, l'occupazione, la truffa ed il furto non può altro che rinnovare se stesso. Gli anni del PCI di Enrico Berlinguer sono finiti da un pezzo. Dopo "mani pulite" e' solo stato "mani infangate". La favola del M5S e' come quella di Cappuccetto rosso ed il lupo, con la differenza che il lupo ora e' ancora più imbestialito e mangerà tutti quelli che avrà a portata di bocca. E meno male che il M5S ha avuto il 25% dei voti perché altrimenti ora già sarebbero agli arresti. Il regime non può arrestare 9milioni di persone e così cerca di far credere agli altri che ormai voi siete finiti. In realtà sono loro a percorrere l'ultimo giro di boa. Tenete duro ragazzi, c'è diceva una vecchia canzone: time is on my side, yes it is.

Gennaro De Mattia 03.06.13 20:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vabbè quindi in Francia sono P2isti? Non diciamo fesserie. Qual'è la vostra visione da qui ai prossimi 20 anni ? Quelli che volete mandare a casa non ne hanno ma voi idem.

Christian Nuvoli 03.06.13 20:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Scusa Viviana.
Ma se -invece di sbeffeggiare Bersani- il M5S avesse accettato di "sporcarsi le mani" con il PD: oggi Berlusconi non sarebbero finito finalmente fuori gioco?!? (se non in galera?).
E il M5S non avrebbe il PD stretto per le p... pardon: nelle sue mani, come ora ce l'ha il PDL?
Se tu vedessi una donna annegare nel fango, ti getteresti a salvarla, o no per non sporcarti?
Bene, quella donna era l'Italia, e il M5S si e' rifiutata di aiutarla, per non sporcarsi.
Coerenza tanta, ma miopia politica troppa.
(Per carità: è vero che poi il PD ha fatto stupidamente l'offesa, e non ha raccolto la proposta Rodotà: ma il primo a sbagliare e' stato il M5S: e si porterà dietro la responsabilita' storica della resurrezione di B.)

luigi Bartolo 03.06.13 20:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma quando l'80% dei parlamentari aderisce alla stessa organizzazione (esclusi i 5 stelle speriamo) ... ma per quale mai motivo non dovrebbero essere d'accordo quasi su tutto?
Ma poi scrivere sul blog servirà a qualcosa ... mah? speriamo di si! ... sicuramente serve a me ....

Fabrizio C., Pisa Commentatore certificato 03.06.13 20:09| 
 |
Rispondi al commento

IL CAOS
La vincita al superenalotto con sei punti ha una sola probabilità su seicento ventitré milioni. Secondo eminenti matematici non contano le statistiche. Si tratta di un sogno tassato: si pagano le tasse ad ogni puntata. In un sistema ingessato e corrotto, l’unica via di uscita è la speranza di una strabiliante vincita al superenalotto. E’ il trionfo dell’irrazionalità. In un mare di caos e di disperazione, ecco riemergere gli antichi dei e gli antichi regimi: medioevo prossimo venturo. AMEN.

Giuseppe C. Budetta 03.06.13 20:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il presidenzialismo, se fatto ora sarà sicuramente la rampa di lancio x l'innominato, e se dovesse riuscirci, avremo sempre più la conferma che in parlamento c'è un sistema mafioso da combattere.
L'unica speranza sono i giudici, ma con quello che fanno passare in tv, i delinquenti sono i magistrati, e gli inquisiti sono innocenti.
Mi devono spiegare, xchè in Italia un inquisito si va a difendere in tv? Non dovrebbe esserci una cosa simile, è chiaro che oltre agli avvocati questa gente ha anche gli amici degli amici e con questo ti saluto VERITA'.


saluti a tutti da nessun copy

nessun copy 03.06.13 19:59| 
 |
Rispondi al commento

Cara Viviana V., magari è solo un gioco ma ti vorrei far notare che le due "forze" tradizionali del nostro parlamento hanno cambiato spesso nome. DA FORZA ITALIA A PDL e DALL'ULIVO A PD. Se togliamo la L dal PDL otteniamo due PD e se la D è uguale a DUE il gioco è fatto, ricaviamo P2 ! :-)) Lo stesso risultato ottieni se ipotizzi che la "L" del PDL stia per Letta. Due "l" affiancate alla "p"! Insomma anche da un punto di vista simbologico e numerico i conti sembrerebbero tornare. Povera democrazia italiana, speriamo nei cittadini e nei nostri parlamentari a 5 Stelle!

Tullio Mucciolo, Quartucciu (CA) Commentatore certificato 03.06.13 19:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://it.wikipedia.org/wiki/Procedimenti_giudiziari_a_carico_di_Silvio_Berlusconi cos'altro aggiungere...

ROBERTO DEOLA Commentatore certificato 03.06.13 19:33| 
 |
Rispondi al commento

Questa gente è la vergogna del nostro Paese. Purtroppo, come io continuo a sostenere, c'è gente che insiste nel volerli votare alle elezioni. Credo che il popolo italiano (col basso livello culturale che abbiamo)o almeno una parte, si meriti gentaglia immonda di questo genere. Per fortuna, esiste il M5S, una comunità di cui sono orgogliosa di far parte.

lorenza m., lorenza m. Commentatore certificato 03.06.13 19:28| 
 |
Rispondi al commento

ormai lo abbiamo capito da molto tempo, "il PD è il predellino di Berlusconi, da questo predellino, si lancerà all'assalto della Costituzione e dell'Italia.!!

omero 03.06.13 19:22| 
 |
Rispondi al commento

Su TGCOM24 Lucio Malan (PDL) ha testé affermato che l'Italia alle elezioni "a corso il GRAVE RISCHIO di trovarsi Grillo con il M5S a capo delle istituzioni" il conduttore, che annuiva bonariamente, sorridendo gli ha pure fatto un paio di domande che gli servivano per affossare il lavoro fatto dal M5S. Che il PDL ci consideri un grave rischio per i loro piani mi può anche far piacere, ma sentire un telegiornalista fare la "spalla" ad un faziosissimo servo del nano mi inorridisce. Ogni volta che un giornalista deforma, spudoratamente, la verità sul nostro lavoro e intenti commette un reato morale, truffa la buona fede di chi, credendolo imparziale, forma la propria opinione su quanto ascolta. Siamo ben oltre la semplice faziosità, siamo alla diffamazione fatta di piccole omissioni, estrapolazioni di frasi ad arte, notizie da palazzo relegate a servizi di costume, isolate dalle opinioni dei politici per dare l'impressione che non ne facciamo parte. In Italia l'opinione pubblica si forma con i giornali e le TV, poiché lo sviluppo della rete è in ritardo, volutamente, di un decennio, perciò la figura del giornalista ha delle responsabilità cui non può sottrarsi perché "tiene famiglia e deve campà", agli eccessi si può anche dire NO !!! Non si può sempre trovare una scusa, hanno fatto così per 20 anni e guardate dove siamo finiti...

Tukko67 aka (acronik-nauta) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 03.06.13 19:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quello che scriveva Gelli l'ha REALIZZATO il PCI-PDS-PD da anni (e con gli interessi). E voi continuate a prendervela con Berlusconi?

Ve lo dico io dove ve la prendete, invece: NEL CULO.
Non avete capito un cazzo.

Io , Casa mia Commentatore certificato 03.06.13 19:18| 
 |
Rispondi al commento

Si sentono solo proclami, ma il lavoro per i giovani quando arriva? Questi politici devono smetterà di pensare solo a loro stessi..

A.c. Roma 03.06.13 19:09| 
 |
Rispondi al commento

Al di là di Licio Gelli, Berlusconi o coto-Letta, forse l’Italia (vedi stato vaticano) è il paese più adatto al presidenzialismo per essere governata. Ma a quello americano. Mi sà quello francese riporterebbe alla solita impasse di governo, che dal dopo guerra in poi ci ha condotto a questo caos partitocratico oramai istituzionalizzato.

Andrea Jagher 03.06.13 18:42| 
 |
Rispondi al commento

Sono STUPEFACENTI !
Nel senso chimico della parola.
Ma di che cosa si sono impasticcati ?
Ormai anche la terminologia è sotto un effetto narcolettico.
La PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA è un organo che ha come scopo la difesa della costituzione con il potere di sciogliere le camere in presenza di particolarissime condizioni !
(Invece questo superottuagenario si permette di mettere scadenze al potere esecutivo)
QUEL CHE CHIAMANO GOVERNO E' IN REALTA IL POTERE ESECUTIVO NEL NOSTRO ORDINAMENTO !
Per governo si intende infatti l'azione complessiva delle istituzioni (tutte), quelle locali e territoriali comprese.
IL PARLAMENTO E' SOVRANO. Un sovrano svilito, allo stato, delegittimato, ridotto, un pupazzo nelle mani del potere esecutivo. C'era da ammodernarlo ? Renderlo più efficace attraverso il taglio di una camera ?
Lo si faccia !
NON SI POSSONO LASCIARE LE RIFORME ISTITUZIONALI A QUESTI QUI !
Ne verrà fuori un mostro squilibrato nelle mani di un Nano megalomane e della sua corte dei miracoli PDinna e PDLina!

SIAMO TROPPO PACIFICI ! CI SONO CIRCOSTANZE NELLE QUALI ANCHE LA VIOLENZA E' LEGITTIMA !
Fino a quando abuseranno della pazienza popolare ?

Kasap Aia, Cifre, borgo virtuale Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 03.06.13 18:27| 
 |
Rispondi al commento

Lo scrivo da anni...
finche non combatteremo la massoneria non cambierà nulla in Italia...
il vero potere sono loro...
proponiamo una legge che " qualsiasi persona facente parte a una loggia massonica non può ricoprire nessuna carica pubblica o istituzionale.
Questo perchè come tutti sappiamo... in ogni punto di potere c'è un "Fratello Massone ". Quindi liberi di fare la loro scelta ma fuori dai coglioni istutizionalmente...
Viva Il M5S

randa V Commentatore certificato 03.06.13 18:25| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 9)
 |
Rispondi al commento
Discussione

CIAO BEPPE,
CHISSA' CHE LA GIAPONETTIZZAZIONE SI PORTI VIA BERLUSCONI PRIMA DI COPLETARE IL PIANO DELLA P2
ALVISE

alvise fossa 03.06.13 18:21| 
 |
Rispondi al commento

SU CON LA VITA RAGAZZI !!!

Beppe, Roberto, i ragazzi in Parlamento, VOI , io e tanti altri abbiamo molti nemici MA SONO TUTTI DI BASSA LEGA.

VINCEREMO! e sapete perché vinceremo?

PERCHE' TROPPI DI NOI HANNO IL FUOCO DENTRO mentre loro hanno tutti il cartellino del prezzo (più o meno esposto)


W IL M5S

giovanni d., avellino Commentatore certificato 03.06.13 18:19| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento

Questo nostro Paese sta prendendo sberle ogni giorno proprio perché è male governato, o, meglio ancora, non è affatto governato, bensì soltanto derubato. Figurarsi se Berlusconi fosse a capo dello Stato! Non lo permetteremo MAIIIIIIIIIIII.

vera m., roma Commentatore certificato 03.06.13 18:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

e allora ?

Pietro Quaglio Commentatore certificato 03.06.13 18:12| 
 |
Rispondi al commento

Io mi ripeto ancora è ancora, Beppe dirlo solo sul blog non cambierà mai le cose!

Luigi pica 03.06.13 18:11| 
 |
Rispondi al commento

Questo e' un motivo sufficiente per andare in piazza a protestare, ieri potevamo essere con gli altri in piazza a difesa della costituzione, e invece eravamo a far proclami di berlusconiana memoria, tipo, quando prendiamo la Rai vi facciamo il culo! Quando ci prenderemo la Rai, ma io non la voglio la Rai, e pretendo che quelle merde di politici piduisti mettano giu' le zampe dalla Rai.

Marco Ferrari 03.06.13 18:10| 
 |
Rispondi al commento

Viviana,
Tu stessa scrivi che nonostante tutto Berlusconi e' riuscito finora ad ottenere quello che voleva.
Perche' dai per scontata la sua vittoria?
Significa che sei certa della sconfitta del 5S?
O dobbiamo essere cosi' partigiani da rifiutare a priori quello che potrebbe far piacere all'uno o all'altro schieramento? Questo io lo chiamo condizionamento, chiusura. Casaleggio ha detto che esistono solo idee buone o cattive, o no?
Il Presidenzialismo non lo ha inventato Berlusconi! Perche' non dovremmo nemmeno discuterne?
Ho l'impressione che cosi' facendo gli si consegnera' davvero il Paese.
Ti dispiacerebbe argomentare un po' meglio?
Grazie
Ros

Rosella F., Cosenza Commentatore certificato 03.06.13 18:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Era già deciso
Cacciatevelo nella testa
Tutte le scelte effettuate sono in un unica direzione
I nomi presidenziali erano Marini Prodi e Rodota
Marini andava bene Prodi pure Rodota no
perché non avrebbe permesso di stravolgere la costituzione
Quello che abbiamo visto da parte di Bersani e un film un racconto che non si sarebbe mai realizzato
105 elettori che non votano Prodi o sono l ala contro rivoluzioni istituzionali o sono un favore a Berlusconi
Il pd non poteva fare il governo con il m5s perché si erano già accordati prima alle spalle degli italiani e per salvare la faccia del pd hanno tutti recitato la loro parte
Le ultime uscite pro presidenzialismo stanno a dimostrare quanto affermò
Se poi vi ostinate a non capire e non vedere
cosa pensate che domani la Bindi dica la verità !!
In questa storia hanno tutti da perdere e chi ci perde di più e il popolo italiano

Riccardo Garofoli 03.06.13 18:08| 
 |
Rispondi al commento

CARO GRILLO, NON TI PREOCCUPARE. A SETTEMBRE PARTIRA' LA RACCOLTA DELLE ADESIONI DEI CITTADINI CHE VOGLIONO ASSUMERE IL "GOVERNO" DEL PAESE SENZA PASSARE PER LE URNE, ESATTAMENTE COME HA GIA' FATTO MONTI. QUANDO RAGGIUNGEREMO 1 MILIONE DI ADESIONI, ANDREMO A FORMARE IL GOVERNO. CI SARANNO SOLTANTO 6 MINISTRI. SI GOVERNERA' CON DECRETI LEGGE. SI APPLICHERA' ALLA LETTERA L'ART.3 DELLA COSTITUZIONE. TUTTI I POLITICI CHE HANNO SUPERATO UNA LEGISLATURA SARANNO ESPROPRIATI DI TUTTO QUANTO HANNO RICEVUTO DALLO STATO. SARANNO DECURTATE TUTTE LE PENSIONI CHE SUPERANO I 4.000 EURO NETTI. SARANNO ABOLITI TUTTI I VARI CONTRATTI INTERINALI. RIMARRA' SOLTANTO L'ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO. SARA' POSSIBILE INTERROMPERE IL RAPPORTO PER MOTIVI ESCLUSIVAMENTE ECONOMICI. QUANDO SI VORRA' ASSUMERE NUOVI LAVORATORI BISOGNERA' OBBLIGATORIAMENTE RICHIEDERE A QUELLI PRECEDENTEMENTE LICENZIATI SE VOGLIONO RIOCCUPARE IL POSTO DI LAVORO. COSI' LART.18 NON SERVIRA' PIU'. ECC. ECC. PER INFORMAZIONI A SETTEMBRE LEGGERE SUL SITO MOVIMENTO PER LA COSTITUZIONE IL PROGRAMMA COMPLETO. SALUTI.

MOVIMENTO PER LA COSTITUZIONE 03.06.13 18:01| 
 |
Rispondi al commento

Chi ha dettato al governo monti il taglio delle pensioni, l'aumento dell'età pensionabile e altre misure di impoverimento ? berlusconi? o la lobby di cui fanno parte bernabè, il figlio di de benedetti (editoriale la repubblica!) e john elkann? come mai santoro/travaglio/grillo non parlano mai dei veri responsabili ma parlano sempre di berlusconi? la verità non si deve sapere perchè parlar male di berlusconi porta voti, continuate a leggere travaglio e guardar santoro

franco p. 03.06.13 17:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Peccato che nel "Piano di Rinascita Democratica" c'erano anche questi punti:
-dimezzamento dei parlamentari
-abolizione delle province
-abolizione del finanziamento pubblico a partiti e giornali
-abolizone del valore legale dei titoli di studio

Bombarolo 03.06.13 17:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Alle armi, cittadini!
Formate i vostri battaglioni! Marciamo, marciamo!

francesco r. Commentatore certificato 03.06.13 17:44| 
 |
Rispondi al commento

speriamo che se un giorno avremo al potere delle persone oneste(hai visto mai?), vengano cancellate non solo le leggi vergogna, ma anche le situazioni che queste hanno provocato, dato che sono state proposte ed approvate da dei delinquenti per loro uso e consumo.
Non è quindi detto che un berlusconi senatore a vita non possa in futuro essere riportato al rango di mafioso.

mister x, ravenna Commentatore certificato 03.06.13 17:32| 
 |
Rispondi al commento

http://www.youtube.com/watch?v=FoVxgR3CF5I&list=UUh-cyT_GSoBVd-Uezurkf6A&index=10

giovanni maganuco, cesena Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 03.06.13 17:23| 
 |
Rispondi al commento

Ormai usate la retorica della sinistra più estrema, quella sepolta dalle urne consecutivamente. Ma il Movimento non doveva essere concentrato sulle cose concrete? Tipo raccolta differenziata porta a porta, basta inceneritori, sostegno ai consumatori contro la finanza e le banche, educazione civica, traffico, fisco, ecc...? Invece, una volta entrato in Parlamento, ha abbandonato i motivi per cui lo abbiamo votato ed ha sostituito la sinistra espulsa dal Parlamento concentrandosi solo su antiberlusconismo, matrimoni gay, ed altre frescacce che non fregano a nessuno

serius landi Commentatore certificato 03.06.13 17:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cari e-lettori...io direi che il problema alla fine è uno soltanto...
la democrazia è soltanto quello che stiamo vivendo e vedendo: destra, sinistra, centro, lobby, combriccole, massonerie, maghi neri (...quanti ce ne sono...), cialtroni e mentecatti...Quando ci sono troppi galli a cantare non si fa mai giorno!!! non lo sapete?...eppure i proverbi non bisognerebbe dimenticarli! Che si può fare? Non tutti i lettori di questo blog sono disoccupati, penso...allora 1° togliere i soldini dalle banche, così un po' di combriccole restano a secco e magari i mercanti di armi non vengono più foraggiati con i vostri risparmi, 2° creare una rete/società parallela per abbattere le camorre sui consumi (il costo di 1 litro di latte aumenta di 4 volte dal produttore al consumatore...),
poi 3° una rete di informazione culturale su ciò che viene tenuto nascosto...per esempio questo:http://vigilantcitizen.com/vigilantreport/the-hidden-hand-that-changed-history/

luxveniente 03.06.13 17:00| 
 |
Rispondi al commento

Non fingiamo ancora di indignarci per le ignominie del pd. Sono sempre stati d'accordo col pdl, e ora più che mai.

Anna Fideli, Olbia Commentatore certificato 03.06.13 16:57| 
 |
Rispondi al commento

Se qualcuno accendesse il cervello ...prima di parlare ! Messaggio NON cifrato per Beppe Grillo!

Le proposte di nuove regole costituzionali, di nuove istituzione , di un nuovo clima politico, sono attese dagli italiani dal 1980 . scagliarsi contro snza una DISCUSSIONE, senza un dibattito....

Io sono IO e voi siete un KAZZO. No BEPPE mi dispiace , ma chi non capisce sei TU !

Il sottoscritto pensa che la peggio BUROCRAZIA , quella dello status quo, quella che comanda veramente, quella della CORRUZIONE PERENNE …. ci sguazza in questo sistema di merda.

Il sottoscritto pensa che le LEGGI FRANCESI siano da importare in Italia, addirittura senza modificare una virgola. Basta la sola traduzione, e la BUROCRAZIA IMPERANTE E LE CORPORAZIONI vengono messe all'angolo.

E' un mio pensiero, e vale uno ! Come il tuo ! Io lo metto sul blog perché se ne discuta, TU LO VUOI IMPORRE A TUTTI !

Non ci siamo, e ti avviti di nuovo alle tesi di pura CONSERVAZIONE che vengono dalla SINISTRA ESTREMA . Da quella sinistra INCAPACE di discutere , incapace di fare analisi , incapace di vedere lo stato dei cittadini italiani. TUTTI, MA PROPRIO TUTTI , insofferenti di vivere in questo KAZZO di medioevo.

Quindi io dico SI . Al PRESIDENZIALISMO O AL SEMIPRESIDENZIALISMO !

Purchè si avvicini alle leggi francesi, leggi che tengono la BUROCRAZIA nell'alveo che le leggi stesse disegnano, dove non ci sono straripamenti e invasioni , dove la politica si scrive con le lettere MAIUSCOLE !

Kazzo Beppe , ma vuoi proprio DISTRUGGERE IL MOVIMENTO ???????????????????

Claudio ., Sanremo Commentatore certificato 03.06.13 16:56| 
 |
Rispondi al commento

,rip
Com'è debole la verniciatura di democrazia di questo Paese! Abbiamo sopportato tutto, il monopolio della Democrazia Cristiana, la mai finita tangentopoli, gli scandali a catena, le ruberie, gli abusi, i privilegi dei partiti, la corruzione crescente, le violazioni alla Carta Costituzionale, il formarsi di una oligarchia partitica, la svendita a Bruxelles o agli USA, l'ignobile inciucio, le sottrazioni di diritti ai cittadini, ai lavoratori, ai giovani, ai malati, ai diversi...,la distruzione progressiva dello stato sociale, lo svuotamento degli organi di controllo, la casta sempre più abbarbicata a un potere feudale,.. e ora, per la regola che il peggio non è mai morto ecco Pd e Pdl tramare contro questo Paese per instaurare un regime presidenziale, che sarebbe un altro passo avanti verso la dittatura. Tutto ciò è peggio che orribile, è criminale! Poi si spaccia per antipolitica il tentativo di fermare questa deriva spaventosa che ci porta sempre più lontano dalla democrazia!

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 03.06.13 16:53| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

-rip
Il semipresidenzialismo non è un presidenzialismo attenuato, come si può pensare e non è confrontabile col sistema americano, perché anzi dà dei poteri in più al Presidente dello Stato.
Il Presidente americano, per es., non ha il diritto di consultazione popolare referendaria o l'iniziativa legislativa o lo scioglimento delle Camere. Si pensa al semipresidenzialismo quando in un Paese a regime partitocratico, nessun partito ha una maggioranza forte e tenta allora di aumentare i poteri del Presidenza che indirizzerebbe direttamente la politica del governo, cessando di essere un garante dei valori costituzionali che sta al di sopra delle parti. Ora, in tutta Europa è chiaro il calo dei partiti, ma non per questo essi cambiano la loro forma costituzionale.
.
Abbiamo 3 sistemi diversi: Presidenzialismo, Parlamentarismo e Semipresidenzialismo
Il Semipresidenzialismo alla francese ha al vertice un presidente eletto dal popolo che condivide la fiducia col Parlamento, anch’esso eletto dal popolo. Una volta eletto, il Pres. designa un Primo Ministro che deve avere la fiducia parlamentare. L'elezione del Pres. avviene con voto popolare distinto ed autonomo rispetto a quello del Parlamento
-il potere esecutivo è condiviso con il Primo Ministro che può essere scelto e revocato dal capo di Stato
-Il primo ministro ed il governo possono essere sfiduciati dal parlamento e revocati dal Pres. che non è sfiduciabile

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 03.06.13 16:50| 
 |
Rispondi al commento

Rip
Era ovvio che Berlusconi avrebbe offerto il suo sostegno all'insufficiente e traballante governo del Pd pretendendo in cambio il massimo dei poteri e dell'impunità. Ma ora la cambiale che il Pd si offre di pagare è veramente vergognosa e comporta addirittura il cambio del sistema da parlamentare a presidenziale, scalzando quell'organo parlamentare che era nato come consesso dei delegati del popolo, come portatore massimo della sovranità popolare e che B ha progressivamente defraudato. Così si dà il colpo fatale a questa fragile democrazia,già derubata da quell'ignobile porcellum che nemmeno in 8 anni i partiti si sono decisi a modificare e che rimette in pratica ogni candidatura e ogni nomina a una mezza dozzina di oligarchi.
Il Pd, attaccato a un potere che non gli spetta, non essendo in Italia nemmeno il partito che ha avuto il massimo dei voti e battendo il M5S solo grazie agli Italiani all'estero,è pronto a vendere l'intero Paese e l'intera democrazia pur di non perdere la poltrona e la velocità con cui Letta si è apprestato a fare l'ignobile proposta dà il senso della servitù vergognosa del Pd a Berlusconi.
Cosa sia rimasto di democratico e di repubblicano nonché di sinistra in un partito repellente come il Pd io lo chiedo a chi ancora lo vota.
Ma davvero voi volete tutto questo?
.

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 03.06.13 16:49| 
 |
Rispondi al commento

Silvio sta preparando il suo esercito privato. Mi ricorda qualcosa...

Anna Fideli, Olbia Commentatore certificato 03.06.13 16:49| 
 |
Rispondi al commento

*replay
Il Pres. della Corte Costituzionale Valerio Onida interviene a Milano per bocciare il presidenzialismo che “altera gli equilibri costituzionali e riduce le garanzie in favore dell'esecutivo.E' pericoloso e dobbiamo essere del tutto contrari.Non è nemmeno vero che riformare la costituzione sia un'urgenza.Sono le strutture,le leggi,le amministrazioni che vanno riformate,nel senso indicato dalla costituzione"
Anche Vendola si oppone:"Il fatto che noi parliamo di presidenzialismo o semipresidenzialismo in un Paese che non è riuscito nemmeno a fare la legge sul conflitto di interessi è segno di uno sbandamento culturale.Nei Paesi dove c'è il presidenzialismo ci sono straordinari contrappesi,assenti in Italia.Noi,invece,ci troviamo in una condizione in cui l'equilibrio tra i poteri è stato l'oggetto di un bombardamento quotidiano del berlusconismo per 20 anni.B ricatta il Pd. Siccome è lui che ha il coltello dalla parte del manico ogni giorno fa vedere chi comanda”
Anche Maroni è contrario:“Il capo dello Stato lo abbiamo appena eletto,mi pare francamente una riforma adesso assolutamente inutile"
Ovviamente B si propone come candidato premier,le tenta tutte per darsi potere e immunità.Ma anche l’ambiziosissimo Renzi ci prova
Sono fautori del presidenzialismo secondo il sistema francese Veltroni,Renzi,Prodi e Epifani. Tra i contrari la Bindi e l'ala sx del Pd.Ma esiste ancora qualcosa di sx in questo straccio di partito che ha svenduto se stesso?
Rifiutano assolutamente Rodotà,Zagrebelsky,Onida, Saviano e ovviamente Grillo:: "Il governo fa solo proclami e si balocca con il presidenzialismo: la legge elettorale che verrà sotto gli occhi vigili di Napolitano,la presa per il culo del falso taglio al finanziamento dei partiti,la legge per eliminare il M5S dal Parlamento,la nuova Costituzione e altre amenità".

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 03.06.13 16:46| 
 |
Rispondi al commento

Replay

Il presidenzialismo è l’ultima carognata proposta da questo indegno e antidemocratico governo Pd succube di Berlusconi. Fare paragoni con gli USA non ha alcun senso, vista la forza del congresso USA e invece il grado di debolezza del nostro parlamento, esautorato ormai di ogni potere (ci vogliamo ricordare che Berlusconi lo aveva persino sospeso?)
In Francia la magistratura è sotto il Ministro degli Interni e dunque è succube del potere esecutivo, cosa che crea una forte lesione dell'equilibrio dei poteri, da noi questo sarebbe letale.
Il presidenzialismo in Italia è fortemente voluto da Berlusconi e si capisce benissimo perché.
Le divisioni del cosiddetto csx favorirebbe la sua elezione essendo il cdx compatto mentre il cdx p diviso in correnti e preda di risse sanguinose.
Del resto Berlusconi ha sempre mirato al presidenzialismo, già dalla orrenda bicamerale che vide l'inciucio di D'Alema, poi con la mancanza di senno di Franceschini. Che il giorno del 60° anniversario della Repubblica riemerga questo spauracchio dà il senso di quanto siamo caduti in basso e dei rischi della nostra democrazia ridotta ormai a un fantoccio fatto a pezzi da chiunque.

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 03.06.13 16:45| 
 |
Rispondi al commento

non avete ancora capito
è tutto legittimo, hanno la maggioranza e il M5S è al 28%
ergo
il popolo capra italico vuole questo e questa si chiama democrazia, ovvero la maggioranza decide

alessandro 03.06.13 16:41| 
 |
Rispondi al commento

da Sempre Berlusconi vuole questo, per il semplice motivo che possiede i più importanti e decisivi mezzi di comunicazione ..

Roberto B. Commentatore certificato 03.06.13 16:33| 
 |
Rispondi al commento

ESISTE UN SOLO PARTITO DI GOVERNO ( UN AMMUCCHIATA DI PORCI INFAMI )

E UN SOLO PARTITO DI OPPOSIZIONE IL 5 STELLE

CHE SAREBBE AL GOVERNO SE CI FOSSE UN GARANTE DELLA COSTITUZIONE IN ITALIA INVECE DI UN GARANTE DELLA CASTA

VERGOGNA !!

francesco blu 03.06.13 16:29| 
 |
Rispondi al commento

No, caro Beppe, questa volta non ti seguo...il Presidenzialismo è presente in alcuni fra i Paesi a più alto tasso di democrazia del mondo...il modello semipresidenziale alla francese poi, più di quello americano, si sposa perfettamente, se accompagnato ad una legge elettorale maggioritaria a doppio turno a collegi uninominali, con la necessità di rispondere da un lato alla domanda di governabilità e di capacità decisionale degli Esecutivi, dall'altro al principio della rappresentatività proprio di un sistema multipartitico come il nostro, che non voglia rinunciare al bipolarismo dell'alternanza così faticosamente conquistato con i referendum Segni dell'inizio degli anni '90! Dare più potere ai cittadini, aumentare le opportunità di democrazia diretta che la nostra Costituzione ci permette di introdurre attraverso le modifiche di cui all'art.138, non è mai una scelta inopportuna!!!Stefano

Stefano G. Commentatore certificato 03.06.13 16:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' dalle prime battute del primo governo Berlusconi che lo vado ripetendo,ma nessuno mi credeva.Basta leggere il piano di rinascita e guardare cosa ha fatto Berlusconi in 20 anni per rendersene conto.Per leggerlo basta cercare in Google.Già che ci sono vi consiglio un Film(L'onda di Dennis Gansel).Facciamo attenzione.

alfonso . Commentatore certificato 03.06.13 16:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono d'accordo ma mancano sempre i perché. Il fine qual'è? Qual'è il grande piano? E' quello di un pazzo con smanie di dittatura? Oppure dietro c'è un piano più complesso che include chi? cosa?
E' la storia di un secondo stato che si chiama mafia?(http://pagliablog.blogspot.it/2013/06/si-scrive-stato-si-legge.html)
Scusate le mie domande da ignorante.

Giorgio Fiandrino , Buriasco Commentatore certificato 03.06.13 16:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

non è che il semipresidenzialismo è il demonio... la Francia e la Polonia sono semipresidenzialiste... gli USA hanno il presidente, UK il maggioritario puro e una regina... invece la SOMALIA ha la costituzione uguale a quella italiana... la democrazia non è un problema di carta... queste uscite sono proclami manichei e privi di senso, poiché la vita è complessa e lo sono le sue manifestazioni e la gestione dello stato, non è un reality dove votare se eliminare un'idea o tenersela...

Robert Dragon Commentatore certificato 03.06.13 16:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Una mattina
mi son svegliato
o bella ciao bella ciao bella ciao ciao ciao
una mattina
mi son svegliato
ed ho trovato l'invasor....

Ma quando si sveglieranno quelli che votano PD..ma anche il PDL !

Alessandro La Tessa 03.06.13 15:56| 
 |
Rispondi al commento

La politica è un virus. L'M5S è la cura..

Andrea Marzulli (), Roma Commentatore certificato 03.06.13 15:55| 
 |
Rispondi al commento

CON L ELEZIONE DIRETTA DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA BERLUSCONI AVRA' VIA LIBERA PER RENDERSI COSTITUZIONALMENTE INATTACCABILE DAI GIUDICI.GRAZIE ALLA PROPRIETA' DI GIORNALI E TELEVISIONI E' STATO L UOMO POLITICO PIU' VOTATO IN PARLAMENTO.SARA' QUINDI ELETTO.E LA SUA IMMUNITA' GLI SARA' GARANTITA.MI AUGURO CHE TALE OPPORTUNITA'NON VI VENGA MAI DATA.

carmelo riccardo maria giuffrida, catania Commentatore certificato 03.06.13 15:54| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe l'ago della bilancia è sempre il giudizio del popolo,il NS. Movimento attualmente è in un contesto sbagliato: ignoranza, menefreghismo, nessun senso della collettività, ipocrisia, frutto di una educazione ed indottrinamento di decenni.Il tuo sarà un compito arduo e pieno di insidie.Confido nella tua grande forza di combattente e nella costante lealtà di noi,tuoi sostenitori.Mi piacerebbe che tu scendessi in campo, cosa ne pensi?Un saluto affettuoso.

ivano cerrito 03.06.13 15:54| 
 |
Rispondi al commento

ma cosa vi aspettavate di più?...tutto é marcio

simone la macchia 03.06.13 15:54| 
 |
Rispondi al commento

DAI! Quelli del PD saranno SCEMI, ma mica fino a questo punto! E col doppio turno mi sembra alquanto improbabile che AL TAPPONE possa vincere le presidenziali! Invece io penso che il presidenzialismo con doppio turno sia l'unica soluzione -nel bene e nel male- per garantire la governabilità e finalmente fare le riforme che attendiamo da 25-50 anni! Insieme all'eliminazione di una camera, perchè il bicameralismo perfetto che abbiamo fa si che il parlamento non abbia poteri, e cosi fa tutto il governo.

Massimo Federico, Torino Commentatore certificato 03.06.13 15:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Accidenti e mesi che lo dico, questi stanno attuando il piano della P2 IL PD + PDL i poteri massonici si sono uniti ormai occupano tutti i posti di potere sara una dittatura soft metre pugnalano vi faranno un sorriso e vi sussereranno nello orechio lo faccio per il vostro bene. Re giorgio ne fa parte, anzi e il mandante .

henry venis 03.06.13 15:52| 
 |
Rispondi al commento

LO scopo finale era quello,la mafia è trasversale,un bel colpaccio,speriamo di riuscire a fermarlo in qualche modo,passare dalle parole ai fatti,buttarsi nella mischia altrimenti continuerà lo stallo, la guerra fredda che fanno ai cittadini, a loro interessa il denaro,tolgono la sopravvivenza a tanta gente,sono arrivati a colpire anche la borghesia e saliranno ancora fino a fagocitare tutto,torneremo al medioevo e questa è solo una piccola parte.

lucianalucarella 03.06.13 15:51| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Viviana.

Nagarjuna A., Italy Commentatore certificato 03.06.13 15:50| 
 |
Rispondi al commento

Appello ai parlamentari del movimento:
CONTATTATE IL GENERALE PAPPALARDO E CHI È COME LUI E PARLATECI.
AVETE IL DOVERE DI LIBERARE I PALAZZI DALLE MAFIE.
PARLATE CON LE FORZE DELL'ORDINE!
Questi non sono stati votati da nessuno, c'è stato un colpo di stato, dovete prende le dovute contromisure!

Johnny Gaspari, Cepagatti Commentatore certificato 03.06.13 15:49| 
 |
Rispondi al commento

Basterebbe che quello che sta lassu, guardasse giù e lo chiamasse a se, finirebbero tutte ste tragicomiche infarcite di nefandezze.

un'arrabbiata 03.06.13 15:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

FANNO DI TUTTO X SALVARE IL MALEDETTO NANO E COPRIRE SCANDALO MPS. DELINQUENTI,BASTARDI.

giuseppe g. 03.06.13 15:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

M5S FOREVE

luca Tegoni, parma Commentatore certificato 03.06.13 15:28| 
 |
Rispondi al commento

Ma non ce la faranno!!!!!!

Simone Benini, Forlì Commentatore certificato 03.06.13 15:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma quanta fatica difendersi ogni giorno dalla strategia spudorata di Berlusconi: diventare Presidente d'italia.
Ricordate un anno fa le discussioni sulla legge elettorare in pieno governo tecnico d'emergenza Monti? Alfano ci provò dichiarando che in 6 mesi c'era lo spazio per passare al presidenzialismo.
Inseguendo proprie piccole vittorie personali, non si sono accorti di diventare tutti complici di Berlusconi: da Alfano a Letta, da Monti e Napolitano...

emil v., roma Commentatore certificato 03.06.13 15:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grande Viviana !

come al solito attenta e precisa.

Roberto B. Commentatore certificato 03.06.13 15:16| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori