Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il M5S a Fabriano con gli operai Indesit #ParlamentoinMoVimento

  • 65


prendiescappa.jpg
"Prendi i soldi e scappa. Dal caso Indesit al caso Italia. La multinazionale degli elettrodomestici di Fabriano delocalizza in Polonia e Turchia, punta a chiudere tre stabilimenti nel nostro Paese e mette sul tavolo un piano da oltre 1.400 esuberi. Nonostante i bilanci floridi e i forti guadagni del titolo in Borsa nell’ultimo anno, Indesit Company decide di andar via e di depauperare il territorio italiano così duramente colpito dalla crisi industriale che dal 2008 ha eroso circa un quinto della base produttiva del Paese. Si moltiplicano i casi di aziende italiane che dopo aver ottenuto finanziamenti pubblici, incentivi e sgravi, decidono di fuggire all’estero, portandosi via brevetti, progetti e know-how che appartengono ai territori.
I parlamentari del MoVimento 5 Stelle inaugurano a Fabriano il “Parlamento in MoVimento”. Escono dal palazzo per dire no alla fuga della Indesit e a tutte le delocalizzazioni finalizzate solo a massimizzare i profitti. Con loro saranno in piazza operai di varie aziende, esperti di politiche industriali e imprenditori che hanno deciso di scommettere, nonostante tutto, sull’Italia." M5S Camera e Senato

27 Lug 2013, 14:18 | Scrivi | Commenti (65) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 65


Tags: delocalizzazione, Fabriano, M5S, M5S Camera, M5S Senato, Parlamento in MoVimento

Commenti

 

poveri italiani ancora credono in destra e sinistra con i figli disoccupati, un'istruzione
da terzo mondo, un'assistenza sanitaria fallita,
aziende che falliscono o chiudono. milioni e milioni di dipendenti publici, pensionati cassaintegrati e disoccupati poveri italiani che brutta fine che stiamo facendo non mettetevi davanti i cancelli delle aziende mettetevi davanti a montecitorio e prendetevela con chi vi ha rubato il futuro perche l'italia e fallita se ancora non l'avete capito.

TONINO RUSSO 25.09.13 09:53| 
 |
Rispondi al commento

Staccandomi un po' i giorni scorsi da tutto e da tutti sono salito su una montagna vicina al mio paese natio. Sono appena tornato e rituffandomi nei problemi quotidiani ho notato con ancora più sgomento quanto l'Italia si stia auto distruggendo. I nostri politici sono in prima linea con le loro chiacchiere inutili, i loro cattivo esempio e il loro facile impossessarsi di cose che appartengono a qualsiasi cittadino. I fatti però che mi hanno impressionato di più sono la faciloneria con cui lo Stato pratica la giustizia e l'insultare le persone che si credono inferiori. Per quello che riguarda il primo non sono più i magistrati a decidere se uno è colpevole o innocente, ma gli stessi giornalisti. Domani c'è la sentenza su Berlusconi. Tutte le persone interessate dovrebbero stare zitte per non inquinare le prove. Invece questa persona è descritta, non conoscendo bene forse neppure i fatti, oppure per partigianeria, come il Santo del secolo, il martire immolato alla politica dei partiti avversi e ho sentito una signora che ha detto ai giudici di mettere la mano sulla coscienza e di assolverlo. A questo punto è arrivata la giustizia? Il presidente del Colle sembra non interessi nulla dell'ingiustizia perpetrata dai suoi sudditi e interviene per mettere d'accordo tutti con lunghi e interminabili silenzi. Anche se fosse colpevole l'accusato è già stato assolto anticipatamente. Per quanto riguarda il secondo caso, i parlamentari che dovrebbero essere lo specchio dell'onestà e della pietas appena hanno sentito in parlamento balbettare il nostro deputato ammalato se non sbaglio di sla, hanno cominciato a deriderlo e canzonarlo. Ma non si vergognano? hanno profanato così il tempio del buon governo buttando all'aria il principio della costituzione che riguarda l'uguaglianza e la solidarietà. Se questi sono i parlamentari, povera Italia!

angelo viganò, Camparada Commentatore certificato 30.07.13 23:23| 
 |
Rispondi al commento

Ho sempre criticato e oggi ancor di più la grande idea di finanza creativa di chiedere l'anticipo delle tasse dovute. Da una piccola idea di finanza creativa pian piano siamo arrivati a pagare esattamente il doppio delle tasse dovute.
Ora tutto il nostro modo di convivere è il frutto di pura invenzione, se è questo è
vero proviamo ad inventare che almeno non si paghi il doppio di quanto dovuto.

Fabio Miconi 29.07.13 09:34| 
 |
Rispondi al commento

Non si possono condannare le aziende che portano fuori le loro produzioni e scappano loro stesse dall'italia. Io sono un piccolo imprenditore ho quasi 30anni (settore tessile) e nonostante tutto sono riuscito a costruire in circa tre anni un'azienda che fa un fatturato discreto e crea un pó di lavoro. Ma invece di avere aiuti ricevo solo calci tra tasse varie ed equitalia. Senza parlare di quelle aziende cosiddette grandi (S.p.a.)che riescono con vari intrallazzi a non pagare più nessuno e ti fregano,e nessuno ti tutela! Ci vogliono anni per capire quel credito che fine fa e intanto ci paghi su tasse,iva e avvocati!!!! Non funziona niente! Fate bene voi che potete ad andare via.....scappate più lontano che potete!!!

Ciro Ciardi 29.07.13 09:00| 
 |
Rispondi al commento

Manco messo questo post che un altra azienda passa la mano...Berloni..noto brand che opera nel campo dell'arredamento..ricordo che anche Natuzzi ha fatto fagotto...ricordo che i Brand si comprano e si vendono...e purtroppo visto l'attuale "caso italia" chi ha un "nome" cerca di "tutelare" la propria attività e mettere al sicuro i frutti del proprio lavoro e impegno..(io farei lo stesso)alla faccia dei discorsi sul "patriottismo"...inizierò a crederci quando non ci saranno più cittadini di serie A e serie B...(sfrattati,esodati,disabili,disoccupati)...quando una paese non riesce a prendersi cura dei propri cittadini e c'è una massa di fessi che continua a sostenere chi "affama" larghe fette di popolazione..conservando i propri privilegi..bene non mi si parli di patriottismo..!!!la mia patria è la mai famiglia...e il M5S!..il resto sono avversari..che vanno combattuti...!

napoleone ., Leghorn Commentatore certificato 29.07.13 08:24| 
 |
Rispondi al commento

Ci devono far lavorare. Basta burocrazia e basta pressione fiscale cosi' forte! Dimezzare questi massi che ci portiamo dietro e che ci costano tutto questo. Fateci Lavorare partiti Parassiti.
Grazie M5S continuate cosi'.

Marco Iascin 28.07.13 23:01| 
 |
Rispondi al commento

Scsate ma farsi restituire i finanziamenti pubblici no ???

Una piccola leggina che il made in italy lo si può mettere solo se si produce al 100% qui no??

nippur 6. Commentatore certificato 28.07.13 21:21| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

...ma gli operai dell'indesit erano solo una decina: la minaccia di 400 licenziamenti non fa paura...

Gabriele Alfano (gabriele alfano), Perugia Commentatore certificato 28.07.13 15:45| 
 |
Rispondi al commento

Non si può in incolpare un'azienda il cui scopo è fare profitti costruendo e vendendo elettrodomestici. Se in Italia la burocrazia e il fisco spolpano l'industria è logico che chi può scappa a produrre in mercati competitivi.

Massimo S. 28.07.13 14:04| 
 |
Rispondi al commento

quello che stanno tenendo le aziende è lo stesso comportamento dei giovani migliori, SE NE STANNO ANDANDO VIA. In Italia rimane solo la bassa manovalanza extra comunitaria e le industrie colluse con la malavita e la malapolitica. Sembra quasi ci siano un disegno malefico per far diventare l'Italia lo scarto d'europa. Un po come fanno le compagnie in difficoltà che per vendersi meglio formano una bad company dove li mettono tutti i debiti. Noi stiamo diventando la bad company europea. I politicanti e la dis-informazione sono complici di questo, basta solo dire che hanno definito "ostruzionismo" quello che ha fatto il MoVimento in parlamento. L'autunno è vicino, speriamo finisca l'effetto dell'anestetico di chi vota i partiti. Un elogio ai ragazzi in parlamento, quello che avete fatto questi giorni non ha eguali. M5S NON MOLLARE !!!!!!!!!!!!!!

beniamino miconi Commentatore certificato 28.07.13 13:11| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

*******************************************


http://www.keinpfusch.net/2013/07/aspettando-la-trojka.html


******************************************
Hanno appena varato un "DL del fare" che contiene di fatto solo ruberie e favori.Ricordate i 40 miliardi di debito fatti per poter liquidare le aziende fornitrici della PA? Beh, sinora hanno erogato si e no due miliardi. Il resto lo ha la CDP, gestita dalle banche che necessitavano di un salvataggio. Solo il 4% di quei soldi e' andato alle aziende. Cosa hanno fatto? Hanno indebitato la nazione per arricchire di liquidi i soci di CDP.

mario 28.07.13 12:12| 
 |
Rispondi al commento

Non me la sento di condannare le aziende che scappano all'estero:
anche considerando finanziamenti pubblici, incentivi e sgravi l'italia rimane un paese dove non conviene investire.... burocrazia e tasse si mangiano qualunque temporanea convenienza venga concessa dallo stato.
La politica europea punta a deindustrializzare l'Italia, i nostri politici ci hanno svenduti per pochi denari e noi continuiamo a farci fregare.
L'Europa NON vuole un'Italia competitiva!!!
L'Europa vuole un sud Europa debole e facile da dominare esattamente come la Grecia. Noi dobbiamo diventare come la Grecia e i nostri politici fanno di tutto per spingerci in quella direzione (morire per Maastricht).
Lentamente.... impercettibilmente... il governo lavora per aumentare pian piano la burocrazia e le tasse fino a strangolare le imprese per poter poi chiedere aiuti che ci schiavizzeranno fino alla morte esattamente come in Grecia;
il piano è perfetto e funziona benissimo perchè le vittime sono ignare di tutto, anestetizzate da talk show e da mass media compiacenti non sentono dolore mentre questi macellai estraggono gli organi vitali del tessuto aziendale produttivo per buttarli all'estero.

In ogni caso bisognerebbe fare una lista delle aziende italiane che delocalizzano pesantemente all'estero in modo tale da sfavorire con un po' di insano boicottaggio le eventuali fughe future (non è una cosa bella ma si tratta semplicemente di informare i consumatori che poi agiranno come vogliono).

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato 28.07.13 12:10| 
 |
Rispondi al commento

**********************************************


http://www.keinpfusch.net/2013/07/aspettando-la-trojka.html


******************************************
La situazione ha preso ormai la china greca. Le aziende italiane si vendono agli stranieri perche' sanno che e' l'unica ancora di salvezza; aggrapparsi a qualcuno che sembra piu' robusto.


Il Made in Italy ormai non sta fuggendo da tasse o balzelli, sta fuggendo da un disastro che si avvicina.

Il debito ha sforato il 130% , il PIL e' in crollo , e quel che e' peggio e' che il rapporto debito/pil si e' alzato per un crollo del PIL, e i consumi anche.

Il credito e' fermo e l'industria scappa o si "globalizza", altro modo per dire che scappa. E il disastro immobiliare e' ormai scoppiato. Il sistema pensionistico e' al collasso.

Di fatto, ormai e' tardi. Le poche eroiche imprese che ancora stanno a galla presto saranno troppo poche e non abbastanza forti per sostenere tutto.


dario f. 28.07.13 12:04| 
 |
Rispondi al commento

fate due conti: commenti in calo generale sul blog (ameno di sparate ben condite di contumelie) tira di piu un bel "vaffa" (ma già il vaffa è una carezza) e da ieri alle 14 ci sono 45 commenti la metà a giusticare gli imprenditori... fatti i conti? tornano? (controllate le pile della calcolatrice)

incerti giovanni 28.07.13 11:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

il movimento 5stelle ha rinunciato a 40 milioni di eur di rimborsi elettorali...
l inps ha restituito ai superpensionati d oro
40 milioni di eur...
sembra una storia gà sentita.

emi m., crema Commentatore certificato 28.07.13 11:48| 
 |
Rispondi al commento

Spero che serva come lezione, I finanziamenti pubblici di qualsiasi tipo devono finire! I soldi dei finanziamenti pubblici sono dello stato e cioe' di noi contribuenti. Perche' uno chiunque di noi deve alzarsi presto la mattina, andar lavorare e dare parte del suo stipendio per finanziamenti alla FIAT, a INDESIT, ai giornalisti, agli attori, alla RAI, ecc. !!!!!!!!!!!!!!

Sidney Jahnsen Medling, Milano Commentatore certificato 28.07.13 11:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Potreste pubblicare l'elenco delle aziende italiane che hanno de localizzato la produzione o inte tendono farlo? Ci aiuterebbe molto a scegliere quali prodotti comprare. Grazie

Blubibop 28.07.13 11:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fermiamo l'emorragia!

Rossa R., Chiusi (Siena). Tuscany Commentatore certificato 28.07.13 11:07| 
 |
Rispondi al commento

Si potrebbe sequestrargli gli impianti in Italia e con questi fargli concorrenza. Che ne dite ?

sandro s., Roma Commentatore certificato 28.07.13 09:52| 
 |
Rispondi al commento

Sbaglio o non vedo nessuna bandiera del sindacato a difendere i posti di lavoro !!!!!!!! CGIL - CISL - UIL non ditemi che state lavorando in silenzio, in Italia mancano i fatti, e tutto quello che sta succedendo è anche colpa VOSTRA !!!!!!!

RSU - FIOM

Fabio Stabelli 28.07.13 09:16| 
 |
Rispondi al commento

Cerchiamo di essere più "pragmatici".... l'imprenditori fanno calcoli molto chiari e semplici,ai quali purtroppo non ci si può sottrarre..piuttosto bisogna interrogarsi sulle ragioni della fuga..anzi nemmeno più di tanto...visto l'esodo di massa di molte piccole realtà della PMI...ormai strangolate e con scarse prospettive per il futuro specialmente se si guarda al mercato interno..non parliamo poi delle difficoltà operative delle aziende nel paese..(già di per se stesse legittimano la fuga!).
Nessuno è obbligato ad "impegnarsi" per tenere in piedi un attività, mentre c'è chi fa di tutto per metterti in difficoltà...quindi la responsabilità di questa situazione ha delle ragioni e responsabilità ben note..il 24 e 25 febbraio avevamo dato una possibilità agli italiotti...e se la sono giocata..amen!

napoleone ., Leghorn Commentatore certificato 28.07.13 09:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Va bene, se hanno il diritto di andarsene (grazie mercato globale!) che se ne vadano, ma il governo gli faccia risputare tutti - TUTTI- i soldi nostri che si sono presi negli anni, sotto tutte le forme. Rivoglio indietro i miei soldi! Ne ho diritto!Facciamo una class action come cittadini che hanno pagato con le loro tasse gli aiuti a questa gente senza onore e senza vergogna.

marta,firenze 28.07.13 08:43| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento

Ho fatto, tanti anni fa, un viaggio allucinante: una notte in treno al 22 o 23 i dicembre, da Torino a Napoli. Sopo della sfacchinata era quello di portare la documentazione per l'erogazione (il giorno successivo) di 32 miliardi di lire da parte dell'Isveimer: si trattava di "salvare" lo stabilimento di Teverola. Poi l'Indesit cambiò di mano (a quale costo sociale?) ed ora ricatta di nuovo lo stato! Non si può negare ad un imprenditore di decidere i destini e le strategie aziendali, ma si potrebbero penalizzare le attività che portano come conseguenza un danno sociale.
Questo in un paese civile non imbarbarito dai vari Prodi e sindacalisti in attesa di un seggio in Parlamento !
La pulizia dv'essere radicale.

antonio silvestre 28.07.13 08:40| 
 |
Rispondi al commento

GRAZIE RAGAZZI STATE ANDANDO VERAMENTE BENE,!
VOI APPELLATI COME FIGHETTI DEL PAD O DEL PHONE!!
SIAMO IN MOLTI AD ESSERE SEMPRE PIU' ORGOGLIOSI DI VOI!
NON SCORAGGIATEVI DIETRO DI VOI C'E' LA FOLLA!

poppy k., genova Commentatore certificato 28.07.13 08:30| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Forse voi sognate! Capitan Letta ha appena affermato che verranno ad investire in itaglia un sacco di aziende straniere e voi dite che le nostre aziende italiane se ne vanno all'estero? Ma sognate? Ma che film avete visto? Ma scherzate?

jazmin 28.07.13 07:31| 
 |
Rispondi al commento

Sono un insegnante; da sette anni ormai insegno il modello "Light city" che profeticamente si è rivelato un sistema estremamente interessante, specie se applicato nell'ambito della crisi odierna.
Il mio problema è che la sua diffusione è troppo lenta; so di pretendere troppo ma dovrei illustrarlo o a Grillo o a persona di sua fiducia.

Gaetano Maria Di Giorgio, Messina Commentatore certificato 28.07.13 01:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Avrei un modello di sviluppo sostenibile da proporre

Gaetano Maria Di Giorgio 28.07.13 01:19| 
 |
Rispondi al commento

abito in Brianza e anche qui molte aziende sono state delocalizate, tantissimi disoccupati io compresa e naturalmente i sindacati sono stati lì a guardare che ciò succedesse. Basta facciamola finita!!!!!!!!!!!!

Maria Marcianò 28.07.13 00:04| 
 
  • Currently 4.6/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Condivido il lavoro dei m5s, ma perchè prendersela sempre con chi i soldi li ha investi e ha dato lavoro a molte persone per moltissimi anni, e ora se ne vuole GIUSTAMENTE andare fuori dalle palle? Qui ti strozzano di tasse, mentre loro li buttano letteralmente nel cesso, e non volete che le aziende se ne vadano? Provateci voi allora! Tirate fuori i vostri dinè!!!

Paolo F. Commentatore certificato 27.07.13 21:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

«Incoscienti», urlava alla folla mentre spazzava le foglie cadute al suolo piangenti, vittime inconsapevoli di un feroce autunno. «Nutrite le menti», urlava, «incoscienti».

http://guidofabriziraccontibrevi.wordpress.com/2013/07/26/feroce-autunno/

guido fabrizi 27.07.13 21:03| 
 |
Rispondi al commento

NON COMPRATE PIU' PRODOTTI DELLA INDESIT

angelo f., milano Commentatore certificato 27.07.13 20:47| 
 |
Rispondi al commento

carissimo beppe sono un disoccupato napoletano anche elettore ti chiedo aiuto sono stato formato dalla regione campania nel 2007 come operatore socio sanitario figura fondamentale nella sanità ora il mio futuro e in mano al presidente Caldoro ,,,,assessore Nappi,istruzione e formazione sono stato discriminato da queste persone perchè non ho tessera del partito ................... intervieni il bando prima impresa operatore socio sanitario............ noi soggetti svantaggiati discriminati siamo tanti ,tutto e stato gestito da un sindacalista del monaldi infatti ci sono persone molto vicino alui selezionati nel bando indagate cittadini come faccio io ....................................................

napoli1799 27.07.13 20:36| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, lo sai che se non riacquistiamo la sovranità monetaria ovvero usciamo dall'EU (cosa prevista all'art. 50 del trattato di Lisbona) tutte le manifestazioni e proteste sono insufficienti. Producono solo un'illusoria speranza e una lenta agonia. Forza Beppe riprendi per favore il cavallo di battaglia della tua campagna elettorale! :)

adolfo p., givoletto Commentatore certificato 27.07.13 20:31| 
 |
Rispondi al commento

basta se vanno via devono ridare i soldi presi e poi col cacchio che dovrebbero potere vendere in italia se non con forti dazi,ma siamo matti, ma ci stanno governando dei criminali,sono solo criminali e se ne devono andare via subito,ma siamo veramente in mano alle mafie e sono in parlamento

anna q., pianborno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 27.07.13 20:11| 
 |
Rispondi al commento

Anche la Piaggio, azienda italiana conosciuta in tutto il mondo, è nelle stesse condizioni.
Per lumi chiedere a Colaninno Padre e Figlio; fermoposta PDL (meno L).

Andrea P., Lari Commentatore certificato 27.07.13 20:07| 
 |
Rispondi al commento

STO SOGNANDO AD OCCHIA APERTI, GRAZIE ALLA RETE SONO PIù INFORMATO. GRAZIE RAGAZZI M5S CONTINUATE COSI.

paolo bidoli 27.07.13 19:30| 
 |
Rispondi al commento

Il "luddismo" (o sua variante attuale) non funzionava allora e non funziona oggi. Per tenerci le fabbriche basta comprarle e metterle in funzione. O farne in concorrenza . Costruire elettrodomestici con le nostre maestranza ed i nostri tecnici si fa in tempi rapidissimi. Basta volerlo. E POI ? Si finisce come dice Angelo nel commento sotto. Al tempo di Gesu' in Palestina le tasse erano al 50% circa.
POI SUCCESSE....:
La “riforma” della tassazione dell’Imperatore Diocleziano alla fine del
terzo secolo fu così rigida che molta gente fu portata alla fame e alla
bancarotta. Lo stato era arrivato al punto di inseguire le vedove e i bambini
pur di raccogliere le tasse dovute.
Per il quarto secolo la struttura dell’economia e del sistema di tassazione
romano era diventato così pesante e lugubre che molti contadini furono indotti
ad abbandonare le loro terre ipertassate per vivere come indigenti sussidiati dall’elemosina
di stato.
A questo punto della gloriosa e secolare storia dell’impero il sistema di
governo spendeva la maggior parte delle sue entrate fra esercito e sussidi di
stato ai miserabili. Per un certo periodo, secondo lo storico Joseph Tainter, “il
numero delle persone che vivevano alle spalle del Tesoro arrive ad essere superior
al numero delle persone che pagavano lo alimentavano con le tasse.”
Ricorda niente?

originale qui: http://www.rischiocalcolato.it/2012/04/la-fine-delimpero-romano-la-lezione-di-storia-che-si-sono-dimenticati-di-farvi-a-scuola.html

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 27.07.13 19:02| 
 |
Rispondi al commento

Prima di delocalizzare DEVONO restituire tutti gli sgravi, i finanziamenti agevolati e a fondo perduto, gli incentivi e la cassa integrazione ricevuta

Vale anche e soprattutto per quell'azienda ottocentesca chiamata fiat.

luigi a., tortona Commentatore certificato 27.07.13 18:53| 
 |
Rispondi al commento

Se invece, si iniziassero a statalizzare le grandi aziende?
Quel che succede è questo: fanno morire le PMI, e nello stesso tempo fanno scappare le aziende che noi italiani abbiamo aiutato!

Monica O. 27.07.13 18:35| 
 |
Rispondi al commento

indesit
fatturato 2,8 miliardi di euro
dipendenti 16,000

ma come si fa a far portare via un'azienda cosi' all'estero?
chi difende il ns made in italy?
oppure basta produrre all'estero a bassi costi di manodopera e accorgimenti tecnici, portare i semilavorati in italia e metterci a fabriano una bella etichetta made in italy
con l'ok dei sindacati e di questa politica
che sta distruggendo fabbriche, posti di lavoro, sta esportando il ns know how non solo sul settore degli elettrodomestici, ma di tutti i settori?
con la tunisia, il marocco e la turchia che hanno le ns macchine tessili per produrre milioni di metri quadri di tessuti e la ns industria tessile e' a pezzi?

Alessio Santi, Vernio(PO) Commentatore certificato 27.07.13 18:20| 
 |
Rispondi al commento

Sono andato in agenzia All'Aeroporto di Fiumicino 1800 euro per una settimana,non sono Potuto andare ,che dici se metto una somma Per la causa di schiamazzi notturni,che mi tocca stare a Roma me la Rimborsano?Mi è sembrato di vedere molti mezzi del Parlamento,27/07/2013,Possibile mai che ancora stanno Lavorando.Ma sarà stata una visione.

Alessandro P., Roma Commentatore certificato 27.07.13 18:14| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
AVANTI COSI' SALVAIMO IL SALVABILE DA QUESTA CRISI E DAI PARTITI,OLTRE CHA DA NONNO B.
ALVISE

alvise fossa 27.07.13 17:59| 
 |
Rispondi al commento

Sono pienamente d'accordo che non puoi andare via da un paese che ti ha finanziato, ma capisco benissimo la voglia di abbandonare un paese corrotto, defunto, finito dove un popolo china la testa piegata dalle vessazioni assurde fatte da un governo di mafiosi.
La voglia di fuggire da qui l'hanno in molti, figuriamoci chi deve imprendere

Johnny Gaspari, Cepagatti Commentatore certificato 27.07.13 17:27| 
 |
Rispondi al commento

siamo alle solite l'Italia sara' un deserto come si fa a parlare di rilancio dell'economia? Stiamo andando su una brutta strada non tanto per me ma per i nostri figli ma quale futuro gli lasciamo. Molti giovani vanno via dall'Italia ma chi rimane? Solo anziani ed extra comunitari e' una schifezza, occorre che ci svegliamo o sara' troppo tardi

robertodandreis 27.07.13 17:11| 
 |
Rispondi al commento

Ho finito proprio ieri il bilancio della mia ditta : mi veniva fuori un reddito di 6000 euro e ho dovuto adeguarmi alli studi di settore dichiarando altri 4800 euro . lo stato dice che con 6000 euro non posso stare in piedi e quindi o chiudo o pag le tasse su un reddito minimo piu' alto. E' gia' quasto molto opinabile perche' io potrei aver guadagnato 200.000 euro l'anno scorso e quest'anno cercare di stare in piedi , pero' senza fare salti mortali posso dire che il mio reddito si e' abbassato di 15.000 euro a causa degli ammortamenti , cioe' 20 anni fa ho comprato un capannone (negli anni di vacche grasse) , lo stato non mi ha permesso di detrarlo dalle tasse ma mi ha detto di detrarlo in 30 anni (e gia' questo e' una truffa) , quindi io con 21.000 euro avrei potuto benissimo vivere. C'e' poi una cosa che IMU (6000 euro) ,IRAP (un migliaio) ,un sacco di gasolio e tasse automobilisiche e altre cose non sono detraibili per cui lo stato mi chiede le tasse sulle tasse pagate. Ho fatto il conto della serva , inserendo TUTTE le tasse pagate in un anno , cioe' inserendo IMU , bolli , marche da bollo , INPS. Inail ecc. insomma tutti quei soldi che vanno allo stato ma lo stato non li chiama tasse ma per me sono tasse. Bene: la somma totale ha fatto il 90% del mio reddito reale. Non ho mai avuto speranza nel cambiamento , ho aperto una ditta in russia che comincia a marciare bene , con una tassazione complessiva di circa il 20% . Ormai aspetto di finire gli ultimi lavoro in italia poi chiudo e mi trasferisco definitivamente all'estero. tanto se il 30% degli italiani continuano a votare per questa gente , hanno cio' che si meritano e quindi vadano a farsi fottere.
Tornando alle multinazionali , fino a un paio di anni da era possibile detrarre dalle tasse le rojalties sul marchio. Le multinazionali cosi' ovviavano alla tassazione da furto scorporando cifre elevate. adesso non e' piu' possibile e quindi anche a loro i conti non tornano e chiudono

angelo 27.07.13 15:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Made in Italy ( sinonomo di prodotti di alta qualita ,se se ne vanno non compriamo piu' articoli con quel marchio,lo stabilimento ritorni allo stato che lo dara a chi vuole investire avendo gratis il konw-how.Vietare al personale di andare all' estero a fare training su come produrre quel tipo di prodotto.

Antonio D., Avezzano Commentatore certificato 27.07.13 15:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ARRIVEDERCI A SETTEMBRE
Come qualche parlamentare pentastellato lascia intendere, ai primi di settembre occorrerebbe fare MASSA CRITICA, forse a Roma per stimolare l’avvio di vere riforme strutturali. La pressione fiscale ha raggiunto limiti intollerabili, causando ulteriori contrazioni di posti di lavoro nei settori produttivi. Nulla mutando, il collasso del Paese sarà inevitabile già a gennaio del prossimo anno. Il M5S deve dimostrare di essere un vero movimento di massa con una grande manifestazione nazionale. Questa manifestazione di popolo serve da stimolo a vere riforme strutturali che né il PD e né il PDL faranno mai. Al presente, la discussione di politica economica è incentrata solo sulle misure fiscali. Tra le riforme strutturali da avviare subito ci sono la legge anticorruzione, la liberalizzazione delle professioni, la riforma della pubblica amministrazione, la riforma della giustizia, la riforma universitaria e sanitaria. Buone vacanze.

Giuseppe C. Budetta 27.07.13 15:24| 
 |
Rispondi al commento

CLICCATE SOTTO PER VEDERE VIDEO SCHOCK

VIDEO SCHOCK:CLICCATE QUI 27.07.13 15:03| 
 |
Rispondi al commento

... È ora di uscire " allo scoperto!!". Intendo dire che è ora di prende parte ai vari talk show politici che tutte le tv ci propinano. Dobbiamo farcente una ragione gli italiani guardano la TV ed hanno pochissima confidenza con il web... Oppure, autofinanziandoci, potremmo creare una "TV 5... Stelle". Solo con internet non potremo Mai ottenere i risultati che ci prefiggiamo.

Claudio achilli 27.07.13 15:00| 
 |
Rispondi al commento

CHE DIO VI BENEDICA... AVANTI COSÌ!!!

giuseppe manes 27.07.13 14:55| 
 |
Rispondi al commento

siete una meraviglia!!!!

Luca M., Rho Commentatore certificato 27.07.13 14:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grandi Ragazzi!!! Sempre vicini ad Operai ed Imprenditori!!!

Mirko Zucca, Cagliari Commentatore certificato 27.07.13 14:38| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori