Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il M5S Lombardia per l'abolizione della legge Daccò

  • 22


formigoni_dacco.jpg
"Il MoVimento 5 Stelle ha proposto al Consiglio regionale di abrogare la cosiddetta "legge Daccò", dal nome del noto faccendiere della sanità privata lombarda, arrestato e condannato. Pierangelo Daccò per tre anni ha pagato vacanze di lusso all'ex governatore Formigoni. La legge, in soli tre anni, ha consentito l'erogazione di circa 180 milioni di euro alla sanità privata accreditata, la metà dei quali sono stati destinati alla Fondazione San Raffaele e alla Fondazione Maugeri da cui sono originati gli scandali con le note inchieste giudiziarie tuttora in corso. Da questa mattina abbiamo assistito ad un tira e molla degli uffici tecnici sull'ammissibilità, o meno, dell'emendamento. Il Consiglio regionale deve assumersi la responsabilità di approvare il nostro emendamento onde evitare di perpetrare il prolungarsi di pratiche illegali ai danni dei malati della sanita pubblica che si vede depauperata di ingenti risorse utilizzate per "dubbie" finalità private". M5S Lombardia

23 Lug 2013, 17:25 | Scrivi | Commenti (22) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 22


Tags: Daccò, Formigoni, legge Daccò, M5S Lombardia, Maugeri, San Raffaele, vacanze

Commenti

 

Dio non c'è e solo noi possiamo credere in qualcosa di migliore per questo mondo. Non hanno ancora capito in quanti siamo!

lorenzo lelli 24.07.13 23:10| 
 |
Rispondi al commento

parlano che il sud ITALIA sia corrotto ma loro non scherzami mica, pero' se il sud e in queste situazioni perchè voi continuate a dire che siamo di serie B tutta la
sporcizzia c'è la mondate voi i veri corrotti siete voi del nord che prendete i finanziamenti per smaltire i vostri rifiuti mettendolinei paradisi fiscali intanto il sud diventa sempre di piu' inquinato!!!!!!!!!!!!!!!

giuseppe grande 24.07.13 12:30| 
 |
Rispondi al commento

come si fa a votare formigoni in parlamento per salvarlo dalla Magistratura lombarda; eppure un esercito di nani e ballerine l'hanno salvato.
Secondo me non solo abbiamo toccato il fondo, ma lo abbiamo superato.
Ormai milioni di italiani non sono assopiti, sono anestetizzati e lobotomizzati.

piero l., tortona Commentatore certificato 24.07.13 09:47| 
 |
Rispondi al commento

Se fossi costretto a scegliere tra Formigoni e Casini, devo confessare che piuttosto, ma proprio tanto piuttosto... -mi vergogno a dirlo- ma, nel malaugurato caso che ciò succedesse, sceglierei Casini.

Hivon T., Spinea Commentatore certificato 24.07.13 01:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

il celeste solo in italia berlusconi ha dato incarico a una testa di c...che doveva essere arrestato non se ne ne puo piu un bel giorno spero che si organizzi una rivolta con firma m5s.

tommaso de rossi (jacl iosc) Commentatore certificato 23.07.13 23:31| 
 |
Rispondi al commento

Finalmente un'opposizione il Regione Lombardia degna di questo nome! Bravo M5S. Continuate su questa strada, arriveranno i risultati e la verità verrà tutta a galla.

Bruno L. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 23.07.13 23:24| 
 |
Rispondi al commento

FORMIGONI...

QUALCUNO GLI CREDE ANCORA ?

Matteo M. Commentatore certificato 23.07.13 22:20| 
 |
Rispondi al commento

Certo, chiamarla Legge Daccò richiama immediatamente alla memoria Formigoni che si trastulla a fare il Senatore.
Occorre però riflettere pensando ai Cittadini che, là dove sparisse la Convenzione della Regione Lombardia con alcune strutture private AUTORIZZATE, ACCREDITATE e CONVENZIONATE ( ossia hanno superato un rigido iter burocratico di controlli ) si trovano ad essere SENZA POSSIBILITA' DI PRESTAZIONE SANITARIA perché dove vi è l'attuale Convenzione significa che il Pubblico non è in grado di erogare il Servizio.
RIFLETTIAMO.
Occorre fare RISPETTARE la LEGGE attraverso rigorosi controlli, seri, sui contenuti, sulla sostanza.
Va COMBATTUTA ogni forma di disonestà, corruzione, ILLEGALITA'. Ma non vanno penalizzate Leggi giuste solo perché non si riesce a controllarne la trasparenza, la CORRETTA APPLICAZIONE !

carlo stassano (), casalmaggiore Commentatore certificato 23.07.13 22:10| 
 |
Rispondi al commento

I Formigoni, i Dacco', i Del Turco devono sparire...avanti così. Grazie!

donatella davanzo 23.07.13 22:07| 
 |
Rispondi al commento

via i mafiosi dal colletto bianco, via i corrotti e i corruttori! via le/i sanguiusuga che hanno violentato l'Italia e gli italiani.

Pippi P., Palermo Commentatore certificato 23.07.13 20:22| 
 |
Rispondi al commento

Avanti così ...buon lavoro.

SeVeRian 23.07.13 20:16| 
 |
Rispondi al commento

Siete entrati nei centri di comando. Non sara' breve ma sara' inevitabile. Il loro annientamento!!!!!!!!

fabio pesce 23.07.13 19:47| 
 |
Rispondi al commento

ragazziiii siete una meraviglia!!!vi sosteniamo tutti!!!!

Luca M., Rho Commentatore certificato 23.07.13 19:45| 
 |
Rispondi al commento

bravi avanti così!

guido ligazzolo, merano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 23.07.13 19:39| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
AVANTI COSI' MOVIMENTO 5 STELLE LOMBARDIA,ABOLITE QUELLA LEGGE
ALVISE

alvise fossa 23.07.13 18:55| 
 |
Rispondi al commento

cosa ci dovrebbe insegnare il caso Del Turco

Dopo una indecente attesa (5 anni per avere il primo grado di giudizio), la sentenza del Tribunale di Pescara condanna sia l’ex presidente della Regione Abruzzo, Ottaviano Del Turco, che il reo confesso Mario Angelini padrone di cliniche private, che distribuiva mazzette ai politici per risolvere i problemi che si creavano nel rapporto di convenzione tra la Regione e le sue cliniche private,
Malgrado il rapporto di convenzione tra Sanità pubblica e privata abbia sempre provocato corruzione e depredamento di pubblico denaro (il caso più famoso è quello del San Raffaele di Milano e degli amici di Formigoni), nessuno degli esponenti della Casta in Parlamento ha mai proposto di risolvere definitivamente il problema stabilendo un principio di salute pubblica in cui la Sanità pubblica e quella privata sono due cose distinte.

La Sanità Pubblica non è una azienda, non ha fini di lucro, è un servizio importantissimo per i cittadini, e la sola figura politica deve essere il ministro della Sanità che gestisce con i funzionari del ministero l’intera istituzione.
I medici che desiderano operare all’interno della Sanità Pubblica devono sottoscrivere l’impegno a non avere altri rapporti professionali, per usare il proprio tempo libero per aggiornamenti, convegni, esperienze internazionali, e i migliori di loro devono naturalmente essere assorbiti nel Ministero Sanità per far funzionare sempre meglio un organismo che ha bisogno di competenti, votati a una missione sociale, e non dei politicanti, ignoranti e corrotti.

Due sono i legami da recidere senza indugio: quello con la politica e quello con la sanità privata, che deve sopravvivere con le sue tariffe e i suoi clienti e se non ci riesce fallisce come tutte le aziende che hanno fatto male i conti.
Veronesi, quando era ministro della Sanità, schiacciato dagli interessi di politici e privati non riuscì a fare nulla, si ritirò per sempre ma non indicò la strada per il cambiamento

paolo de gregorio Commentatore certificato 23.07.13 18:28| 
 |
Rispondi al commento

Dopo una indecente attesa (5 anni per avere il primo grado di giudizio), la sentenza del Tribunale di Pescara condanna sia l’ex presidente della Regione Abruzzo, Ottaviano Del Turco, che il reo confesso Mario Angelini padrone di cliniche private, che distribuiva mazzette ai politici per risolvere i problemi che si creavano nel rapporto di convenzione tra la Regione e le sue cliniche private,
Malgrado il rapporto di convenzione tra Sanità pubblica e privata abbia sempre provocato corruzione e depredamento di pubblico denaro (il caso più famoso è quello del San Raffaele di Milano e degli amici di Formigoni), nessuno degli esponenti della Casta in Parlamento ha mai proposto di risolvere definitivamente il problema stabilendo un principio di salute pubblica in cui la Sanità pubblica e quella privata sono due cose distinte.

La Sanità Pubblica non è una azienda, non ha fini di lucro, è un servizio importantissimo per i cittadini, e la sola figura politica deve essere il ministro della Sanità che gestisce con i funzionari del ministero l’intera istituzione.
I medici che desiderano operare all’interno della Sanità Pubblica devono sottoscrivere l’impegno a non avere altri rapporti professionali, per usare il proprio tempo libero per aggiornamenti, convegni, esperienze internazionali, e i migliori di loro devono naturalmente essere assorbiti nel Ministero Sanità per far funzionare sempre meglio un organismo che ha bisogno di competenti, votati a una missione sociale, e non dei politicanti, ignoranti e corrotti.

Due sono i legami da recidere senza indugio: quello con la politica e quello con la sanità privata, che deve sopravvivere con le sue tariffe e i suoi clienti e se non ci riesce fallisce come tutte le aziende che hanno fatto male i conti.
Veronesi, quando era ministro della Sanità, schiacciato dagli interessi di politici e privati non riuscì a fare nulla, si ritirò per sempre dalla politica, ma non indicò la strada per il cambiamento.
Paolo De Gregorio

paolo de gregorio Commentatore certificato 23.07.13 18:25| 
 |
Rispondi al commento

siete dei grandi spero di vedere questa bella ITALIA onesta, gusta, con leggi che tutelano solo approfittatori disonesti senza scrupoli ripulitala tutta . che si possa essere orgogliosi di essere ITALIANI . GRAZIE !

dario & elsa campion 23.07.13 18:22| 
 |
Rispondi al commento

Gentilissimi Signori

avrei una proposta o chiamamola un aiutino per il futuro del movimento . la prossima volta che ci sara' da scegliere tra senatori e deputati , io previligerei la fascia di eta' tra i 50 / 55 enni , essendo questa la fascia di eta' piu' penalizzata , mazziata e quindi incazzata con codesti usurpatori del bene pubblico e quindi molto meno a rischio di trovarsi dei voltaggabana in seno al proprio movimento !!! Un saluto a tutto il movimento ( Marco Pagani )

MARCO PAGANI 23.07.13 18:05| 
 |
Rispondi al commento

buon pomeriggio

Arrigo L., Padova Commentatore certificato 23.07.13 17:42| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori