Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La cultura è la vera politica

  • 245


La cultura si mangia - Dario Fo
(08:10)
dario_fo_cultura.jpg

di Leonardo Rubini

"A pochi mesi dall'ingresso dei deputati del M5S in Parlamento, vorrei fare un passo indietro, prima di andare avanti. Il MoVimento 5 Stelle è evidentemente nato con l'intento di cambiare una cultura antimeritocratica e parassitaria, di cui tutti abbiamo evidenza da anni. Praticamente a nessuno di noi mancano esempi nel quotidiano di come siano quasi sempre le persone meno dotate e capaci a occupare posti di comando, dai quali si gioca il destino di tante persone. Per cui, se provate per un attimo a concentrarvi e a sostituire la parola "politica" con la parola "cultura", ecco che magicamente troverete una spiegazione a tutto ciò che Grillo, Casaleggio, lo staff, gli eletti, gli attivisti e i simpatizzanti hanno fatto finora. Certo, non tutti, perché alcuni di questi non hanno ancora capito da dove nasce il tutto, cioè non gli è chiaro che il M5S è dovuto nascere ed è dovuto entrare in politica solo dopo aver tristemente constatato che tutti i messaggi e gli stimoli che mandava all'allora (e, purtroppo, ancora attuale) politica non venivano recepiti, ma anzi repressi e osteggiati. A questo punto è nata l'esigenza di sostituire una classe dirigente palesemente antidemocratica e sottosviluppata, affarista e priva di un qualunque senso di responsabilità verso il popolo che governa.
Nelle fila del M5S ci sono state delle epurazioni, come ben sappiamo. Ecco, anche in questo caso, è evidente che quelle persone non stavano lavorando per contribuire a cambiare una cultura, ma stavano facendo politica. Qualcuno dirà che la vera Politica è cultura. Siamo perfettamente d'accordo, ma non è così oggi in Italia. Per questo, mi preme porre l'accento sulla parola "cultura" e insisto nel cercare di far capire a chi non è dentro al M5S oppure a chi c'è, ma ancora non ne ha colto il senso profondo, che prima di riuscire ad arrivare ad avere una classe dirigente all'altezza e un Paese che funzioni, dobbiamo rifondare la nostra cultura. Ognuno di noi, prima di chiedere miracoli a quei coraggiosi e a quelle coraggiose che sono nelle istituzioni, dovrebbe cominciare a domandarsi se sta lavorando su sé stesso per cambiare in meglio la propria cultura. È necessario uscire dagli schemi per farlo!
La mia vita è cambiata quando ho dovuto guardare la mia esistenza da un'altra prospettiva. Da malato cronico, ho dovuto cercare un'altra strada, che la medicina oggi in atto non considera e osteggia. E vi assicuro che non è affatto diverso da quanto sta accadendo in politica. Quando indichi a tutti il re nudo, nel mio caso rendi nota la cosa più ovvia del mondo e cioè che noi siamo ciò che mangiamo, l'establishment che ha basato e basa la propria esistenza su una serie di bugie, userà tutte le armi in proprio potere per farti sparire o per non farti emergere. E così come, con il mio blog, io non faccio medicina, ma cultura, allo stesso modo il M5S nelle istituzioni non fa politica, ma anch'esso cultura.
Concludo con una semplice osservazione: ciò che è stato messo in moto negli ultimi decenni sta arrivando alla sua conclusione e lo farà in modo eclatante e non privo di conseguenze spiacevoli. Nessuno si illuda che il M5S possa fermare questo meccanismo, è ormai un sasso partito dalla cima dell'Everest e giunto quasi a valle in forma di valanga. È triste doverlo dire, ma il M5S servirà soprattutto per raccogliere i pezzi e ricominciare da capo. Quanto sarà veloce la ripresa, però, dipende tutto da quale appoggio tutti i cittadini daranno in questa fase e nel day after. Nulla accade da solo, ma può succedere di tutto se nessuno si interessa al futuro in comune e in troppi pensano solo al proprio." Leonardo Rubini

Potrebbero interessarti questi post:

Siamo cio' che mangiamo
Dalla malattia alla salute con l'alimentazione
Bersani non è mica matto!

9 Lug 2013, 11:00 | Scrivi | Commenti (245) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 245


Tags: crisi, cultura, Leonardo Rubini, M5S, macerie, meritocrazia, politica, rivoluzione

Commenti

 

Il problema vero e' uno solo

BISOGNA EPURARE BEPPE GRILLO

Sta portando il movimento 5 Stelle

ALLA ROVINA.....

SVEGLIATEVI PENTASTELLATI

Claudio G., 40068 - San Lazzaro di Savena - Bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 07.03.14 11:33| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe,
hai illuso tanti elettori compreso me perchè potevi cambiare le cose, ma non hai fatto altro che salvare il famigerato b. e la sua gang di distruttori dell'italia, stai all'opposizione cosa puoi fare? niente di niente perchè non vali niente, purtroppo oggi il popolo aveva bisogno che qualcuno come il m5s potesse aiutarli ma tu come gli altri li hai traditi e a mio avviso sei peggio degli altri.
Perciò ti esorto a cambiare strada e parlare poco
e fare di più, solo così potrai ottenere di nuovo
la fiducia del vero popolo italiano.
come ti avevo detto in precedenza devi ascoltare il popolo se non lo fai sei come gli altri e forse peggio come diceva mio nonno predichi bene e razzoli male.
spero che tu legga questo lamento del popolo che soffre e ne trai le conseguenze perchè sparirai come tanti altri TUTTO FUMO E NIENTE ARROSTO.
se cambi rotta noi torneremo.
VIVA IL POPOLO ITALIANO QUELLO CHE SOFFRE PER CAUSA VOSTRA

rosolino agricola 18.07.13 11:51| 
 |
Rispondi al commento

Quanta verità in queste parole.

Purtroppo le parole chiave sono: Caduta dell'Impero Galattico della Trilogia di Asimov e l'Uomo di Atlantide della Ryan.

Le scialuppe sono già partite, speriamo.

Sauro Pellerucci, Terni Commentatore certificato 18.07.13 10:00| 
 |
Rispondi al commento

COSA SUCCEDE SE I CITTADINI RIFIUTANO DI RISPONDERE AI SONDAGGI?
Più passa il tempo più mi sembra di vivere nel paese delle chiacchiere siamo come nel calcio tutti tecnici con la formazione ideale in tasca, in tv la pseudopolitica imperversa dall'alba a notte fonda e credo che moltissimi ormai saranno le persone con sintomi di nausea dovuta a questa overdose di chiacchiere inconcludenti di facce di bronzo che negano quello che hanno affermato il giorno prima, di menzogne evidenti esibite con una naturalezza che ti fa chiedere che razza di droga usano x rimanere seri.Credo che la loro spavalderia derivi dalla certezza di continuare a farla franca, cosa gli da la certezza? semplice i sondaggi, sparo una balla, una promessa oggi e vedo domani che effetto farà, e si continua così di teatrino in teatrino con pseudogiornalisti servi che hanno come i politici soltanto il loro tornaconto personale i dibattiti quotidiani sui fatti gli scandali le balle e le promesse quotidiane e immancabili i sondaggi subito dopo.
La domanda che mi frulla nella testa da un pò è questa:COSA SUCCEDE SE I CITTADINI RIFIUTANO DI RISPONDERE AI SONDAGGI? Ho provato a immaginarlo e credo che avremmo soltanto dei grossi vantaggi, si passerebbe inevitabilmente dallo sparar balle e promesse a dover fare concretamente le cose temendo di non avere il consenso nell'ora X cioè le elezioni.Io sono soltanto un infermiere e non ho mai scritto un post, forse sto scrivendo un'idiozia, ma credo che non rispondere ai sondaggi sia una potente arma per fagli togliere quel sorrisetto del c.... di chi sa che ti ha in pugno....che facciamo? la usiamo? o continuiamo a farci prendere x il culo?
Rispondere ai loro sondaggi a mio parere equivale ad indicare loro che tipo di balla debbono raccontarci domani.

calogero burgio 17.07.13 10:40| 
 |
Rispondi al commento

Proprio ieri sera su Sky Arte Mario Monicelli concludeva una sua lunga intervista sulla storia del cinema e del nostro Paese affermando che se gli altri Paesi sviluppati hanno avuto dalla loro, la forza, l'organizzazione, la determinazione economica, per emergere nello scenario mondiale, anche noi siamo sempre, purtuttavia, emersi grazie alla nostra CULTURA connaturata in un popolo che a subito tutte, ma proprio tutte, le influenze possibili.

Ottorino Sollazzo Commentatore certificato 15.07.13 22:59| 
 |
Rispondi al commento

In Italia c'è bisogno di una rivoluzione culturale nella mentalità della gente.
Se ognuno mette al primo posto i suoi comodi contro quelli degli altri "perché tanto è così", se non si ragiona da cittadini ma da ingordi individualisti, se non si distruuge un certo patologico familismo, non si esce dall'impasse in ui ci si trova.
Roma è il modello di riferimento culturale dell'Italia di oggi: una città fondata sulla corruzione, dove i posti statali e parastatali si tramandano da padre (o madre) a figli, dove chi ha il compito di controllare non lo fa, ricevendo ricompense, dove tutto è di proposito approssimato, dove tutto si gioca sottobanco. Per viverci bisogna abituarsi tenere almeno le mani nella cloaca.

paolo1 f., parma Commentatore certificato 14.07.13 22:15| 
 |
Rispondi al commento

Io che scrivo commenti, tra l'altro, sono un musicista e collaboro con Peppe Barra attore, cantante e uno dei massimi esponenti della cultura popolare partenopea...e dopo aver donato, dal palco, tanto amore e tanta passione, finiamo sempre i concerti dicendo che l'unica arma per combattere qualsiasi forma di oppressione, è la spada della cultura!!

Luca Urciuolo 11.07.13 17:27| 
 |
Rispondi al commento

Nel 1998 fui fatto fuori da un comitato di massoni in un concorso per Oncologo medico in Calabria.Avevo scoperto un antisistema sanitario fatto di clientelismo politico deviato .In mia difesa una associazione di volontariato Pina Simone e diversi infermieri della struttura ospedaliera successivamente fatti fuori.Una relazione interna del prof.Preda dell'Istituto dei Tumori di Milano confermava l'incapacita'dell'attuale primario.Dopo 12 anni ho registrato un audio dove si documenta chiaramente un sistema fatto di procedure deviate e clientelari che dovrebbero far riflettere.3473307706
dr.Pasquale Montilla

pasquale montilla 11.07.13 09:55| 
 |
Rispondi al commento

ho ascoltato la conferenza stampa di Grillo una cosa eccezionale, da libro dei sogni,100 miliardi da spendere poi Grillo dice dove prendere le risorse a fatica con le proposte che ha detto se ne recuperano 20ml.Solo al pensare di portare le pensioni ad un massimo di 5000£ al mese si innescano una serie di ricorsi che non finiranno mai eliminiamo i costi della politica 10 ml e il resto circa 70 ml dove li prendiamo. Abbiamo già avuto un parolaio non ne abbiamo bisogno di altri.

bolognina 10.07.13 22:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Immaginate...OGGI...senza il M5S...solo a pensarci mi viene il volta stomaco.

davide a., rovito Commentatore certificato 10.07.13 16:38| 
 |
Rispondi al commento

Sono bellissimi concetti e sono perfettamente in accordo. In più aggiungo che bisogna rassegnarsi a perdere anche quel poco di buono che abbiamo. La bomba quando esplode non fa differenze e questa che stiamo vivendo è una situazione analoga. E' duro accettare che tutto verrà devastato, ma è ancora più duro accettare che fino ad oggi " ognuno di noi " ha collaborato al processo di " Marcificazione " ( lasciatemi passare il termine ) che potrebbe, e ribadisco potrebbe, essere arrestata solo se il sistema salta per intero. Non vedo alternative, a meno che non si voglia avviare il solito
"processodiripresavoltoapartiredaciòcheabbiamoperchénonètuttodabuttaremal'italianocelafaràperchésiamounpopolodalleradicilontaneequandositrattadicombattereedivenirfuorisiamosemprestatiprontiebastaconquestipopulismidiunacertapartediantipoliticaperchénoisiamostanchielavedremo" ... e mò bast'!!!!!

Sergio C., Napoli Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 10.07.13 13:52| 
 |
Rispondi al commento

La cultura è la vera politica. Si! è così.

ADELE L., cesena Commentatore certificato 10.07.13 13:48| 
 |
Rispondi al commento

…caro Beppe, non siamo poi tanto lontani dal Fahrenheit 451, anzi ci stiamo dentro fino al collo. E poi la chiamano fantascienza! Solo il MoVimento potrà sovvertire questa angoscia…

NICOLINO D., acquaviva delle fonti Commentatore certificato 10.07.13 12:59| 
 |
Rispondi al commento

Tukko67 aka

La polizia postale ha fatto il proprio dovere.
Tu continua a fare l'insulso buffone. M5S, con te, crescerà!

teodora i. Commentatore certificato 10.07.13 12:46| 
 |
Rispondi al commento

collusi

teodora i. Commentatore certificato 10.07.13 12:38| 
 |
Rispondi al commento

Bellissimo post e bellissime parole, il fatto è che purtroppo il come dovrebbe essere non corrisponde al come è. Nel m5s ci sono atteggiamenti sfascisti molto pericolosi e senza alcun senso che non hanno nulla a che vedere con la parola cultura. Affermazioni passate come per esempio -la storia non esiste - i diritti acquisiti non esistono più- la democrazia è già morta- e potrei elencarne, possono essere dette in un bar, lascerebberoil tempo che trovano, ma dette qua, l'effetto sociale è devastante. Per questo motivo, l'affermazione che il m5s dovrebbe rimettere insieme i pezzi, a me fa un po storcere il naso perchè credo che più di rimettere i pezzi, se continua così, gli toccherà spalare le macerie di tutto ciò che è stato insieme a tutti noi, anche della parte buona, da esso stesso causate. Grillo, pur dicendo la verità dei fatti, accende miccie sul malcontento estremamente esplosivo, senza nessun criterio, e lo lascia poi andare al proprio destino. Questo fa di tutta l'erba un fascio su lavoratori pubblici pensionati politici sindacati giornalisti corporazioni, penalizzando sopratutto gli elementi buoni indebolendo di più il sistema democratico che ha il proprio fulcro e scopo nel consenso, se si incolpano tout court i suoi strumenti vitali. Il nostro è il migliore sistema che si conosca, e la storia "che esiste e serve" insegna. Già se si scrive una critica su questo blog si è attaccati da asini inferociti e maleducati che si arrogano il diritto di giudicare chi non si conosce, parte di un movimento che non sentono come strumento di confronto e cambiamento culturale, ma come vera e propria arma con la quale distruggere abbattere zittire e subito catalogare. Questa non è cultura, ma controcultura. E' però vero, a Grillo servono anche gli asini, ma se poi fallisce e lo sostituisce uno più incazzato e cattiv dove andiamo a finire? Quei balordi al potere da decenni li abbiamo nutriti tutti noi, quindi sono d'accordo,Grillo permettendo :" cambiamo prima noi stessi"

brigante libero Commentatore certificato 10.07.13 11:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bravo, proprio così: LA CULTURA è quella che distingue un'accozzaglia di individui da una società. Punto centrale, bersaglio centrato!

E' la cultura a impedire di parcheggiare in seconda fila, usare la bicicletta, consumare eticamente e riciclare, rispettare le leggi, il prossimo e avere cura della cosa comune, nonché di lavorare essendo fieri di fare ciò che si fa a prescindere dalla posizione, è la cultura a isolare i comportamenti antisociali(contrari alla morale e all'ordinamento condivisi che la società si dà) e a garantire la tutela dei diritti e la possibilità per gli esseri umani di svilupparsi

Robert Dragon Commentatore certificato 10.07.13 10:29| 
 |
Rispondi al commento

VIGEVANO. Ancora mensa scolastica negata a bambini italiani e stranieri. Tolta la fascia di esenzione della retta anche alle famiglie bisognose. NON PAGHI? NON MANGI.
L'amministrazione locale esclude bambini dalla mensa scolastica.
https://www.facebook.com/Larticolo3ValeAnchePerMe?fref=ts

Franca Resegotti Borroni 10.07.13 09:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Correggo errori di tastiera

Da sempre leggo commenti oltraggiosi ed offensivi nei confronti dei dipendenti pubblici. Luoghi comuni e pappagalleschi che non sanno discernere dal fascio d'erba.
Il tono arrogante e stupido con il quale ti spediscono da un partito all'altro è veramente indegno. Se questo è il movimento rivoluzionario che si vuole alimentare, caro Beppe, chiariscilo tu, ma impedisci a questi maleducati di offendere tutti e tutto senza distinzione.
Non volete i dipendenti pubblici nel Movimento? Lo si dica chiaro e il Movemento certamente perderà quota. Ma sia ben chiaro che non potete insultare a sbafo. La cultura?!
Ora veramente si è esagerato oltre ogni tolleranza. Se fossi abituata al turpiloquio, vi manderei volentieri a..... e non spenderei - esponendomi - più con nessuno una sola parola d'incoraggiamento a sostenere il Movimento. Maleducati e imbecilli, che Beppe vi dia una buona tirata d'orecchie. ADESSO VERAMENTE BASTA! I PUBBLICI DIPENDENTI E SOPRATTUTTO I DOCENTI CHE ADERISCONO AL MOVIMENTO SI FACCIANO SENTIRE, perchè, davvero, di questi fanfaroni che non sanno trattenersi dal parlare a vanvera, ne abbiamo piene le tasche e la loro stupidità mi fa soltanto pena.

teodora i. Commentatore certificato 10.07.13 04:41| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Da sempre leggo commenti oltraggiosi ed offensivi nei confronti dei dipendi pubblici. Luoghi comuni e papagalleschi che non sanno discernere dal fascio d'erba.
Il tono arrogante e stupido con il quale ti spediscono da un partito all'altro è veramente indegno. Se questo è il movimento rivoluzionario che si vuole alimentare, caro Beppe, dillo tu, ma impedisci a questi maleducati di offendere tutti e tutto senza distinzione.
Non volete i dipendenti pubblici nel Movimento? Lo si dica chiaro e il Movemento certamente perderà quota. Ma sia ben chiaro che non potete insultare a sbafo. La cultura?!
Ora veramente si è esagerato oltre ogni tolleranza. Se fossi abituata al turpiloquio, vi manderei volentieri a..... e non spenderei più con nessuno una sola parola d'incoraggiamento a sostenere il Movimento. Maleducati e imbecilli, che Beppe vi dia una buona tirata d'orecchie. ADESSO VERAMENTE BASTA! I PUBBLICI DIPENDENTI E SOPRATTUTTO I DOCENTI CHE ADERISCONO AL MOVIMENTO SI FACCIANO SENTIRE, perchè, davvero, di questi fanfaroni che non sanno trattenersi dal parlare a vanvera, ne abbiamo piena la pancia e la loro stupidità mi fa soltanto pena.

teodora i. Commentatore certificato 10.07.13 04:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

perchè non pubblicate più i miei commenti. Eppure ricevo i post. Che significa?
Devo avvertire la polizia postale?

todora iuliano 10.07.13 03:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Rubini: Bravo. Hai colto nel segno; ovvero hai sviluppato ciò che altri, in altro contesto e in altro modo hanno stigmatizzato. Prima di tutto Machiavelli. Inascoltato INCULTURALMENTE. Si è sempe sentito parlare di 'cultura politica' ma mai di 'politica culturale', soprattutto applicata a quell'obbrobrio di politica che è in realtà 'PARTITICA'. Cioè è DISCORSO POLITICO che sfrutta, parassita la cultura per i propri fini. E' esattamente uno sfruttamento (nel senso più deteriore del termine) funzionale a ottenere scopi di scarso beneficio per il cittadino e di cospicuo beneficio per i..manovratori. Insomma è 'il fine giustifica i mezzi'. Una cosa che Machiavelli non ha MAI scritto.

michele marin 10.07.13 00:56| 
 |
Rispondi al commento

il problema è che l'incoerenza dei capetti m5s non è coerente con l'alto principio di cultura che io stessa ho e che perseguo invece con coerenza ed onestà intellettuale:anche quest'ultima carente nel m5s

Paola Bernetti 09.07.13 23:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro maestro Dario,
sono felice che Lei abbia posto l'accento (con le sue solite lucidità e forza) sulla cruciale importanza della Cultura e quindi del recupero di monumenti, musei, siti archeologici, teatri. Sono talmente d'accordo con Lei che da almeno 1 anno propongo l'aggiunta della stella "Arte, Cultura e Turismo" al programma del M5S, in modo da raccogliere tutte le proposte specifiche attorno a questa stella. Purtroppo, ad oggi, non sono stato ascoltato, ma rimango fiducioso che alla fine ci si renda conto della necessità di riconoscere ad Arte, Cultura e Turismo la dignità di una stella tutta loro.
Pensate a quanti posti di lavoro si creerebbero con una gestione intelligente dell'enorme patrimonio artistico, monumentale e naturalistico dell'Italia e quanto turismo si attrarrebbe.
Pensateci per favore.

Carlo B. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 09.07.13 23:53| 
 |
Rispondi al commento

e' sempre un piacere leggere di e con Dario Fo

FABIO B., bologna Commentatore certificato 09.07.13 23:04| 
 |
Rispondi al commento

e' sempre un piacere leggere di e con Dario Fo'

FABIO B., bologna Commentatore certificato 09.07.13 23:03| 
 |
Rispondi al commento

Libertà!! libertà!!libertà!!andiamo in piazza e togliamo le catene.W beppe

NANDO C 09.07.13 23:01| 
 |
Rispondi al commento

Senza il Movimento 5 stelle avrei perso la forza per vivere!

Maurizio Maiello 09.07.13 22:17| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

La crescita ci sarà ,solo dopo aver toccato il fondo....ma quanto è lungo sto fondo? Altro che scarpata,questo è un burrone e si continua a scendere,poveri noi e pare che dai sondaggi,(per me falsi),c' è gente che ancora voterebbe al PD e PDL,be ,ci meritiamo quello che abbiamo ed il merito è sempre di quella gente che vota con il paraocchi

Daniele M. Commentatore certificato 09.07.13 21:27| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

il problema che da qui si fa solo scrittura a vuoto!!

bisogna scendere in piazza, le leggi come al solito le varano a natale pasqua ferragosto domeniche e festivita', cosi come i terremoti programmati...

scendiamo nelle piazze!!
scendiamo nelle piazze!!
scendiamo nelle piazze!!
scendiamo nelle piazze!!
scendiamo nelle piazze!!
scendiamo nelle piazze!!
scendiamo nelle piazze!!

popolo lobotomizzato!!

sandro bunkel Commentatore certificato 09.07.13 20:53| 
 |
Rispondi al commento

A NAPOLITANO, FAI CAMBIARE QUESTA òEGGE, LA COSTITUZIONE NON SI TOCCA!!!

AMDATE ANCHE A COMMEMORARE I CADUTI CHE VERGOGNA!!
ED IL PAPA ANZICCHE OCCUPARSI DEGLI EMIGRANTI PER CONTINUARE IL CASINO CHE LA GENTE HA GIA IN TESTA, SI OCCUPI DEI PROBLEMI INTERNI!!

Francia : 321 senatori eletti per 9 anni. Dopo questa data, il termine è stato ridotto a 6 anni mentre il numero di senatori aumenterà progressivamente a 346 nel 2010. I Senatori sono eletti a suffragio indiretto da circa 150.000 grandi elettori: sindaci, consiglieri comunali, delegati dei consigli comunali, consiglieri regionali e deputati.

L'Assemblea Nazionale è formata da 577 membri noti col nome di deputati, eletti in un collegio elettorale uninominale a doppio turno, con la seguete distribuzione:

USA numero di componenti dell'assemblea di tipo parlamentare- attualmente è di 435
Il Senato è invece formato da 100 membri (2 per ogni Stato federato).

in germania:

La prima camera, il "Bundestag", ha 614 deputati (ma il numero può variare da una elezione all'altra) che sono eletti dal popolo ogni 4 anni. Nella sua funzione corrisponde alla "Camera dei deputati" in Italia. Qui vengono elaborato, discusso e approvato tutte le leggi.
La seconda camera, il "Bundesrat", è invece una rappresentanza delle regioni. Questa camera ha solo 68 deputati che non sono eletti dal popolo, ma sono delegati dai governi delle regioni.
IN ITALIA??

945 PARLAMENTARI???
QUANDO LA CAMBIATE QUANDO SFOLTITE QUESTI STIPENDI??
ALLORA??
QUESTA LEGGE QUANDO VIENE CAMBIATA? (PIANO PIANO) PERCHE NELL'EUROZONA NON CI AVETE PORTATO (PIANO PIANO) A PROPOSTIO CE LO AVETE CHIESTO?

sandro bunkel Commentatore certificato 09.07.13 20:52| 
 |
Rispondi al commento

E' secondo voi:

se il movimento cinquestelle non fosse li adesso,
chi difenderebbe i nostri diritti??
il buon senso e andato perso e chiedo, tutti i fedeli che in massa sono devoti a questa altra menzogna che e la chiesa attuale, chi votano???


cosa centra la politica con la religione??
con la chiesa sicuramente, ma la RELIGIONE DI DIO??

TUTTO PROGRAMMATO PER PAURA DI PERDERE IL POTERE??

mi viene il vomito!!

http://www.youtube.com/watch?v=Ktw5OJUPIUc

http://www.youtube.com/watch?v=Ktw5OJUPIUc

sandro bunkel Commentatore certificato 09.07.13 20:51| 
 |
Rispondi al commento

Voglio darvi una notizia che creerà un immenso vuoto nelle coscienze di tutti. Berlusconi non esiste. Vi siete chiesti come mai un uomo da tutti considerato potente sta rischiando seriamente di essere messo fuori gioco dalla politica, dalla finanza, dalla vita di tutti i giorni? Berlusconi non è più il garante di questo sistema corrotto, non è più capace di mantenere lo status quo. I poteri forti non gli riconoscono più questo ruolo e stanno cercando di sostituirlo in tutti i modi con le buone o con le cattive. Il PDmenoelle sta abbracciando forte il suo leader e con esso sta affondando insieme al paese. Cercasi nuovo garante dei poteri forti. Al momento il più titolato a ricoprire il ruolo che fu da prima di Andreotti, poi Craxi ed in fine Berlusconi è RENZI. Però i poteri forti (la grande finanza) sono incappati in una cellula impazzita del sistema, un Virus. Il M5S, noi tutti cittadini finalmente svegliati dal lungo sonno, sono questo Virus. Oserei fare un parallelo con il 1992: Falcone e Borsellino furono il M5S, come in un racconto di Asimov misero un piede nel futuro. Furono uccisi perchè avrebbero rovesciato la clessidra, facendo scorrere il tempo veloce verso la verità. Oggi il M5S è e tutti i cittadini che credono in questo progetto sono nel mirino. Berlusconi non esiste.

Giuseppe 09.07.13 20:44| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

>.
http://fabdrbor.blogspot.it/2013/03/consana-consulenza-anarchica.html

Fabrizio Bortolon Commentatore certificato 09.07.13 20:19| 
 |
Rispondi al commento

SE e' come è vero che gli individui dipendono al 99% dall'opinione della casta a cui appartengono, non ci dobbiamo meravigliare del comportamento della classe politica che abbiamo. Direi puittosto che ci mancano persone illuminate tra loro, perchè è da essi che possiamo trarre miglioramenti.
RIVOLGERSI AL SINGOLO INDIVIDUO è RIVOLGERSI ALLE MASSE.
NON PERDIAMO FEDE E SPERANZA, ARMIAMOCI DI PAZIENZA, LA PRIMAVERA ARRIVERA'.
CORAGGIO.

cosma d., Bitonto Commentatore certificato 09.07.13 20:01| 
 |
Rispondi al commento

Occorre che sempre piu' gente apra gli occhi sulla propria "agonia" e per farlo occorre tanto coraggio, umiltà e una levatura morale non facili.. per come ci siamo "ingabbiati". Ma insieme ce la possiamo fare. Avanti 5 stelle e grazie Beppe che fai il guardiano del faro! E grazie anche a tutti quelli che vedono Lontano

Luciana P. Commentatore certificato 09.07.13 19:23| 
 |
Rispondi al commento

E' proprio quello che credo ,e sopratutto spero !!! Purtroppo noi Italiani cambiamo spesso opinione e sopratutto dimentichiamo e perdoniamo anche le cose piu' abiette. L'informazione e' complice. Con i nostri (sudatissimi ) soldi comprano proprio tutto ... compreso il silenzio. Unica voce fuori dal coro M5STELLE DI BEPPE !!!

ETTORE CASTELLINI 09.07.13 19:00| 
 |
Rispondi al commento

tav, muos, F35, stravolgimenti della costituzione....forse è il caso di imparare dagli egiziani e trovare il modo di costringere governo e presidente della repubblica alle dimissioni. riprendere le piazze, in ogni provincia presidiare le prefetture che sono la rappresentanza dello stato e del governo. con pacifica fermezza. l'errore in cui siamo caduti sta nel non vedere altro che l'aspetto parlamentare della questione politica. in realtà un movimento è tale se si muove nella società a sostegno o in contrapposizione ad un dato progetto politico ANCHE E NON ESCLUSIVAMENTE sul piano parlamentare, allo stato attuale i nostri portavoce sono isolati perché manca la necessaria spinta dal basso. l'onda di malcontento che finora si esprime attraverso l'assenteismo della disillusione prima o poi sarà incontenibile e solo se saremo stati fin da subito capaci e reattivi potremo cavalcarla, oppure ne saremo travolti perché accomunati a chi quel parlamento lo ha svilito e svenduto.

luca de guercio 09.07.13 19:00| 
 |
Rispondi al commento

MA VOLETE LEVA' STA CAZZO DE SPAM DAL BLOG TZETZE!!!

umberto senese 09.07.13 18:37| 
 |
Rispondi al commento

La buona politica non replica da altri modelli politici. Fare buona politica, significa poggiarne le basi su un elemento fondamentale: l'etica. Affinché si possa parlare di buona politica e di buone prassi etiche, però, ci deve essere un altro elemento portante: la condivisione.
Condivisione di valori, di sacrifici, di consapevolezze e responsabilità. Fare buona politica non significa fare buone prOmesse.. ma creare buone prEmesse per un percorso collettivo che porti a uno sviluppo civile, sociale ed economico. Un percorso da costruire INSIEME perché noi siamo persone e non solo individui.

ninive usala, sassari Commentatore certificato 09.07.13 17:54| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il M5S è nato sicuramente per cambiare il nostro paese. Alle elezioni politiche ha raggiunto un buon risultato. Alle elezioni amministrative ha raggiunto la maggioranza solo in pochi comuni. Come mai? Forse perché non ha voluto allearsi con nessun partito ed non è riuscito ad entrare in parlamento.

Margherita Rossini 09.07.13 17:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

GRANDE, GRANDISSIMO POST!!! Il nostro problema è proprio questo, la mancanza di cultura! Ci hanno insegnato da tempo ormai che studiare, impegnarsi, conoscere non è importante perchè per raggiungere certi obbiettivi basta la forza di volontà,basta sgomitare...ma dove, ma quando... se non si conosce nemmeno il significato delle parole! Dopo non ci si può stupire se i rappresentanti del popolo italiano sono quelli che ci hanno governato per 40 anni facendo i disastri che hanno portato a questo sfascio!Ognuno di loro era lì solo per fare i suoi interessi perchè hanno considerato la politica solo a scopo di lucro!!! E' verissimo, ormai la valanga diventa inarrestabile e quando arriverà al fondo lascerà alle sue spalle solo macerie...
( non è detto che per ricostruire bisogna per forza distruggere, ma tant'è...)
Bisognerà quindi, per forza, ricostruire e se avremo le basi il prodotto finito sarà solido altrimenti... ( io credo fermamente che se dovesse cadere un meteorite e sterminare una parte dell'umanità i superstiti tornerebbero all'età della pietra...)
La cultura è di fondamentale importanza e lo dimostriamo quotidianamente perchè non siamo capaci di uscire dall'empasse perchè siamo troppo impreparati, imprecisi, faciloni e superficiali e ci hanno portati tutti a bere in un fosso asciutto! e sono totalmente d'accordo sulla disanima che il movimento non ha raccolto ancora più consensi perchè non è stato capito appieno fino in fondo anche da coloro che sono stati votati e che, combinazione, adesso sono in dissidio.
Io credo fermamente che l'unica possibilità che abbiamo di cambiare le cose sia con il movimento 5 stelle; orgogliosa di averlo votato, di farne parte e prontissima a rivotarlo.

antonella b., Cremona Commentatore certificato 09.07.13 17:32| 
 |
Rispondi al commento

La cultura fa paura ai padroni , il popolo deve rimanere oppresso nella propria ignoranza.Non deve capire che esistela coscienza di classe, guai! Il clero e la classe borghese vanno a braccetto per custodire la cultura per gli eredi della nobilta', perche' solo loro dovranno avere in mano le chiavi per capire come opprimere.

Giovi F. Commentatore certificato 09.07.13 17:23| 
 |
Rispondi al commento

La sottocultura è un prodotto mafioso

Dalla nascita dell'Italia (153 anni fa, la Mafia c'era già) la politica si è insediata nei punti cardine delle istituzioni, nei posti giusti ha messo per convenienza perlopiù uomini sbagliati (poche le eccezioni) pronti ad atteggiamenti accondiscendenti e mai critici di fronte alle risposte sconclusionate giunte dall'alto. Così, anno dopo anno, decenni dopo decenni, si sono succeduti questori, prefetti, giudici, magistrati, altograduati militari, presidi, insegnanti
banchieri....succubi del potere centrale, pur cogliendone le distorsioni..
I concorsi poi sono un perfetto esempio di come prosegue questa saga delle nomine e in generale dei "selezionati" .
Il Potere politico poi si è accasato nell'Economia, anzi, prima si è fidanzato e poi sposato, tra poco le prime nozze del 25esimo...
Da quel momento lì, ogni sede ancora "libera" è stata occupata dal colore di turno, e così tv, giornali e quant'altro potesse rappresentare il libero pensiero è stato fagocitato senza remissione.
Cultura dite?
Quando i Musei fanno acqua, crollano i muri etruschi e romani o le tele dei Grandi si screpolano?
Quando le biblioteche vengono svendute a privati?
Quando i teatri boccheggiano per scarse risorse?
Quando alle scuole viene impedito l'ingresso alle persone capaci?
Quando nelle università vige l'usanza del nepotismo? (Fornero figlia docet)..
Cultura?
Naaaaaaaaaaaaaaaaaa!
Oggi tutti ai talk-show o allo stadio..
...basta e avanza..al popolo reso bue

P. S. (ilmionomeènessuno27) Commentatore certificato 09.07.13 16:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La cultura è il sapere e questo dovrebbe essere un passaparola generale senza confini, né interessi. Il cinema e le arti in genere sono il mezzo per diffonderla in maniera intimistica e chi ha l’uso di questi linguaggi, possiede un tesoro. Ci hanno indicato che sapere si può, socializzando in maniera superficiale e spettegolando. Entriamo veramente in un’idea più aderente alla nostra intelligenza e alla nostra esperienza e esigenza umana. Anche gli strumenti tecnologici costosi, ora tanto propagandati, valgono solo se in primis trasmettono sostanza, la cultura appunto, altrimenti sono solo perdite di tempo.

Vittoria 09.07.13 16:01| 
 |
Rispondi al commento

PURTROPPO in troppi pensano solo al proprio interesse, non lo si può negare. Negare la realtà produce solo illusioni che non producono risultati.

Alberto da Pra Commentatore certificato 09.07.13 15:43| 
 |
Rispondi al commento

Qui se non ci diamo da fare a protestare come M5S per una informazione libera,ci accuseranno che la colpa è nostra perchè abbiamo la presidenza RAI con R.Fico e non la utilizziamo al meglio. Io chiedo al Pres. Vigilanza RAI, Roberto Fico del M5S, di domandare ai direttori dei TG Rai, perchè non danno mai notizia dell'operato del M5S e degli interventi dei suoi parlamentari alle camere. Dovranno pure rispondere, dato che anche noi del M5S paghiamo il canone. Noi, in ogni caso dobbiamo pretendere uno spazio televisivo come maggiore opposizione. Chiedeteci di manifestare per ottenere questo diritto.

givanni p. 09.07.13 15:28| 
 |
Rispondi al commento

.... allora siamo messi male!

Ales 09.07.13 15:14| 
 |
Rispondi al commento

assolutamente d'accordo!
Io ci sono!

nerella sala, modena Commentatore certificato 09.07.13 15:07| 
 |
Rispondi al commento

Salve,
ebbene si, purtroppo è così.... da almeno un trentennio a questa parte il politico si è rivestito, oltre al ruolo istituzionale che ricopre per legge, di una figura potente in grado di fare tutto ciò che vuole perchè capace di muoversi in ogni direzione grazie alle lobby che egli stesso ha creato.Ovviamente i dipendenti pubblici si sentono garantiti e guai se qualcuno cerca di intaccare il loro sogno profondo.La politica, anche se avrebbe tutte le carte per poterlo fare, non vuole intaccarli rischio perdita di voti e sopratutto rischio rivolta. Questa è la spirale che i politicanti con la complicità dei media hanno creato. Forza M5S

Domenico Laurenza 09.07.13 15:03| 
 |
Rispondi al commento

Ho fatto leggere questo post ad una amica, dirigente in una pubblica amministrazione. Una voce da una prospettiva estremamente interessante. Mi dice: "Ovvio che condivido il succo del discorso, vivendo quotidianamente sul lavoro le scollature tra i politici/amminsitratori e noi tecnici che cerchiamo di mettere la nostra cultura al servizio dei cittadini e che spesso per fare questo veniamo cazziati e puniti dai politici perché quello che facciamo non corrisponde a quello che loro vorrebbero che noi facessimo.
Il "bene comune" è una cosa del tutto astratta: ognuno di noi tende per propria natura all'egoismo, per cui quando si tratta di riempirsi la pancia, del bene comune non gliene importa più niente a nessuno.
Il mondo è pieno di "figli d'arte" che occupano posizioni di rilievo solo perché qualcuno, in cambio di qualcosa, li ha collocati. Sapessi quanti ne ho visti vincere gli stessi concorsi ai quali partecipavo, quanti ce ne sono in giro che non hanno la minima capacità di gestire le proprie vite e che invece gestiscono anche quelle degli altri.
Far nascere una politica che sia veramente concepita come SERVIZIO per la comunità e non come CARRIERA per arrivare alla PENSIONE non credo riuscirà nemmeno al M5S, però apprezzo lo sforzo e, come dicevo all'inizio, condivido la necessità di ripartire da una diversa cultura, della politica e della società.
Io però sono di quelli che tiene duro e che non si tira indietro di un passo: non so se per tigna o è la mia cultura a farmi comportare in un certo modo. Dobbiamo fare proseliti in questo senso, dobbiamo essere portatori di esempi sani e condivisibili, soprattutto noi che percepiamo soldi pubblici come stipendio e che spendiamo soldi pubblici in lavori e servizi." Una testimonianza importante, un segno che anche tra coloro che ogni giorno fanno muovere la macchina amministrativa statale esistano già persone che hanno terminati ideali come carburante del loro fare quotidiano, pur non riconoscendosi in toto nel M5S.

Stefano Carella 09.07.13 14:56| 
 |
Rispondi al commento

Messaggio chiaro e lungimirante,complimenti.....

Giuseppe Missorici Commentatore certificato 09.07.13 14:55| 
 |
Rispondi al commento

Sono perfettamente d'accordo e ringrazio per questo post!
D'altra parte mi rendo conto che ci vorranno anni, decenni per mettere lì, in alto, sul piedistallo, la cultura, da cui nasce la civiltà.
Nel frattempo l'ingiustizia quotidiana, la dismisura tra essere e avere, ci sbranerà l'anima.

Tanti auguri a tutti, in attesa di quel giorno...
Probabilmente si potrebbe fondare una religione nel frattempo..Almeno i nostri pronipoti si ricorderanno da dove vengono.

Uno di quelli che ha mollato sto paese

Don Skynet 09.07.13 14:45| 
 |
Rispondi al commento

Bel post, non v'è dubbio.
Ma non è un problema solo italiano ma internazionale.
I "potenti" hanno cercato sempre di tenere a freno la conoscenza e gettato fumo negli occhi del popolo. Gli egoarchi hanno sempre utilizzato l'arma del bastone e la carota. Come ha cercato di spiegare Di Battista in un suo video.... i luoghi di potere sono micidiali, quando sei dentro è facile essere ammaliati... difficile è rimanere quello che eri prima di entrarvi.
La mia compagna dice che la fine del mondo (2012 dei Maya, Nostradamus, la Bibbia) altro non è che il risveglio delle coscenze.
Sarà dura ma si iniziano ad intravedere i risvegli in ogni parte del pianeta ed ogni popolo farà la sua parte (lo spero).

Ben Monaco 09.07.13 14:37| 
 |
Rispondi al commento

o.t.


M5S: Grillo, gli espulsi? Se n'e' andato chi non aveva capito nostra novita'

Roma, 9 lug. (Adnkronos) - "Sono contento di come stanno andando le cose per il nostro Movimento 5 Stelle. Abbiamo dato indietro un milione e mezzo di euro fra stipendi e diarie non spese. Se lo facessero tutti i parlamentari, sarebbero quaranta milioni risparmiati all'anno". Lo dice Beppe Grillo, intervistato da 'Oggi'.

p@olostracizzato ! Commentatore certificato 09.07.13 14:14| 
 |
Rispondi al commento

Che bel regalo. Sono davvero grata a Leonardo Rubini per questo post che descrive mirabilmente quale sia lo stato attuale della “politica”, quale sia l’importanza della cultura e come quest’ultima permei tutti gli aspetti della nostra esistenza. Ecco, per riprendere il filo del discorso iniziato ieri con il post di Agosti, è proprio la cultura che fa scaturire nell’uomo il “giusto” desiderio, è la cultura che ci aiuta ad uscire dal nostro essere meramente animali. E’ la cultura (non il nozionismo) che ci aiuta a prendere coscienza che il privilegio di uno e non di tutti crea una soddisfazione momentanea ma sterile. Dal desiderio egoistico non nasce nulla! La cultura esige la condivisione, il confronto con le altrui opinioni, fa nascere nuovi progetti e l’opportunità di cambiare l’ottica con cui abbiamo visto il mondo fino ad un determinato momento. E’ la cultura che accende la fiamma del “divino” che è in noi. Iniziando tutti insieme a cambiare il nostro micro-cosmo avremo più possibilità di migliorare, insieme, il macro-cosmo che contiene il Tutto (uomini, animali, piante, acqua, aria e….anima). Grazie Leonardo.

Patrizia C., Milano Commentatore certificato 09.07.13 14:08| 
 |
Rispondi al commento

Chi crede che siano sufficienti pochi mesi per cambiare una nazione, chi crede che sia sufficiente votare per cambiare tutto, non ha capito che per cambiare bisogna cambiare tutti, sono i comportamenti, le abitudini, la socialità di ognuno di noi che determina il presente e prepara il futuro. I cittadini che sono all'interno del parlamento non possono fare nulla, sono bloccati da politici ammuffiti e corrotti, da un'informazione scorretta che si impegna H24 a ribaltare le informazioni o a nasconderne, se poi a tutto questa mafiosità dello Stato si aggiunge anche il credere che in poche settimane un movimento con il 25% di voti possa cambiare il paese avendo tutti contro, evidentemente ci si preclude la possibilità di migliorare questo paese sono con uno sbuffo di impazienza, una paura di fascismo inculcata da un'informazione fascista, da sentimenti rivoluzionari apparentemente non corrisposti.
Il cambiamento è un operazione radicale, coinvolge tutto e tutti, ogni persona deve atteggiarsi in modo propositivo con abitudini di vita coerenti con un pianeta che nel 2050 potrebbe contare 10.000.000.000 di anime, tutte con gli stessi diritti e doveri, tutte con il sogno di vivere una vita dignitosa. Il cambiamento sei tu che leggi questo post, non è solo il M5S. Per capire e saper leggere fra le righe di ciò che sto scrivendo serve innanzi tutto informarsi, non dico attraverso il M5S, ma attraverso una quantità enorme di informazioni che si possono trovare su internet che non sono legate direttamente alla politica, informarsi per un futuro che può essere sicuramente migliore, per un futuro che si chiama con il nome ti tuo figlio.
http://pagliablog.blogspot.it/

Giorgio Fiandrino , Buriasco Commentatore certificato 09.07.13 14:05| 
 |
Rispondi al commento

stamo a raschià er barile....!!


"""Sconti per chi paga prima le multe stradali
Il Governo apre alla proposta di legge
Il ministro dei trasporti Maurizio Lupi :«La misura «porterebbe immediatamente risorse certe» nelle casse""


mah, sperem....

p@olostracizzato ! Commentatore certificato 09.07.13 14:04| 
 |
Rispondi al commento

condivido e approvo quasi tutto ma aggiungo che politica non e' necessariamente cultura ma si spera che faccio politica chi ha una cultura sufficiente ,non ritengo ci sia niente di culturale se non nella parte della creazione dei presupposti in quello che molti politici hanno fatto in italiae stanno facendo tuttora

Veris Briccoli 09.07.13 14:01| 
 |
Rispondi al commento

sto cercando un ossimoro..accidenti....


ah! ecco trovato!!

cultura-politici italiani.

e sono stato buono! ho usato tre parole:)))

p@olostracizzato ! Commentatore certificato 09.07.13 14:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

attenzione: Squinzi è un grande, molto ingiusto accomunarlo con i politici.
Tra l'altro ricopre un incarico che comunque qualcuno deve avere.
Mai fare delle erbe un unico fascio ! attenzione...

Silvia P. Commentatore certificato 09.07.13 13:56| 
 |
Rispondi al commento

Ricordo che domani il Beppe sale al Colle alle 12: cercate di venire al Quirinale, il Paese deve sapere che non lasciamo sola quella Delegazione.

A quelli di Roma e dintorni:
C'è gente che viene da lontano proprio per questo, accogliamola come fossero sorelle e fratelli che non vediamo da millenni!!!

Marcello M., roma Commentatore certificato 09.07.13 13:55| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Davvero pensato e scritto in perfetto accordo con le mie idee! Spero che la pietruzza partita dall'Everest, giunga a valle come valanga al più presto, sono/siamo stanchi di aspettare e che travolga chi ha fatto sì che tutto ciò accadesse!
Grazie di esistere ...
W M5S W L'ITALIA

Leo A., Ancona Commentatore certificato 09.07.13 13:51| 
 |
Rispondi al commento

bravissimooooooo fico a rifiutare l'invito di squinzi!!!così si fa!!!miserabili!!!vogliono fare le riunioni ristrette alla faccia nostra!!bastardi!!!noi vogliamo trasparenza,schifosi maledetti!!!è finita l'era del voto segreto e delle riunioni nascoste!!!
certo è che da quando ci siamo noi,questo Paese comincia a cambiare e cambiano tutti noi!!!

Luca M., Rho Commentatore certificato 09.07.13 13:37| 
 |
Rispondi al commento

CONDIVIDO.
Complimenti Leonardo per la chiarezza e profondità del tuo discorso.

Silvia P. Commentatore certificato 09.07.13 13:31| 
 |
Rispondi al commento

E' esattamente quello che ho sempre sostenuto...

Le parole di rubini sono fantastiche e calzano perfettamente con l'idea che ho sempre avuto del M5S... e prima ancora, da quando seguo il blog, di quello che serve ad un paese democratico, ed in particolare al nostro, per essere davvero funzionale e garantire che tutti abbiano dei diritti e collaborino al funzionamento dello Stato.

salvatore d'urso 09.07.13 13:30| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
NON C'E POLITICA SENZA CULTURA,L'ATTUALE CLASSEDIRIGENTE (SALVO I NOSTRI 5 STELLE) E' E SONO DELLE ANTRE ZOPPE SENZA FUTURO
ALVISE

alvise fossa 09.07.13 13:26| 
 |
Rispondi al commento

...è una vita che lo grido a squarciagola !

L'IGNORANZA E' LA MORTE DEI POPOLI !

Francesco I., Catania Commentatore certificato 09.07.13 13:24| 
 |
Rispondi al commento

C'è cultura e cultura. Non prendiamoci i giro. Il nostro cinema e in genere il nostro spettacolo vive di sovvenzioni Statali e quindi produce pane solo per i pochi fortunati sponsorizzati dai partiti politici che reggono tutto il carrozzone. Lo spettacolo e la cultura dovrebbero vivere con i propri mezzi e anzi produrre ricchezza vera e non appropriarsi della ricchezza dello Stato. Tutto li. Il resto e demagogia truffaldina per spillare altri soldi alla comunità

ferdnando gallozzi 09.07.13 13:23| 
 |
Rispondi al commento

Leggo sto post e mi domando se c'è la posso fare... Poi guardo i miei figli e penso "ecco , questa e ciò che cerco per voi un paese che vi dia l'opportunità di fare ciò che vi riesce meglio ! Che vi dia l'opportunità di crescere e meritarvi ciò che avete! Cambiare si puo

Yuri b 09.07.13 13:21| 
 |
Rispondi al commento

Cari amci
. molti uomini in passato hanno dato la vita per i propri ideali.il più famoso per noi é Gesù Cristo,ma in poco tempo i loro insegnamenti sono stati cambiati,come Lui Buddha,Maometto e Caitanya posero alla base di tutto la non -violenza verso ogni forma di vita.Questo impone un radicale cambiamento nel vivere quotidiano;basta carne,basta verdura,frutta e fibre tessili coltivate con prodotti chimici devastanti!sapete che i fiumi di tutto il mondo sono morti per darci questa forza in più (l' elettricità)?
Ora più che combattere ,credo,dovremmo disubbidire,dissociandoci.
Il ritorno a buoi e cavalli alla zappa e alla falce é improcrastinabile per il presente che verrà.
Se questo lo riterrete cosa buona ditemelo,e poiché mi trovo sui monti dello Spluga nell'alpe Teggiate con la mia mandria di mucche e buoi che muoiono di vecchiaia,potreste venirmi a trovare e magari presentare quello che sogno definire
IL PROTOCOLLO DI ARARE
Scritto tanti anni fa non so dirvi come,lo trovate sul sito wwwarare.it "il ritorno al paradiso terrestre" grazie

eugenio nonini 09.07.13 13:20| 
 |
Rispondi al commento

Vi riporto queste informazioni!!!


Prima tappa del Tour di U. Marco Calì "ECCO COME AZZERARE LA DISOCCUPAZIONE IN ITALIA IN 5 ANNI", Brescia, presso Birreria Pizzeria Bierhaus, Via Triumplina, 103, ore 20,45: ingresso libero. Mercoledì 10 luglio.

http://www.umarcocali.com/2013/07/le-donne-avranno-una-sorpresa-pazzesca.html

P.S. Palermo, giovedì 25 luglio, si tiene la seconda tappa del Tour di U. Marco Calì "ECCO COME AZZERARE LA DISOCCUPAZIONE IN ITALIA IN 5 ANNI".

L'evento si tiene presso la Discoteca Exes che si trova a Villafrati (Palermo), sulla Strada Statale Palermo Agrigento

Giovanni A. Commentatore certificato 09.07.13 13:19| 
 |
Rispondi al commento

Il vero problema nelle caratteristiche del cittadino Italiano è l'individualismo, come già è stato ben specificato da Rubini.
La filosofia Politica si domanda da secoli, se tali aspetti nell'essere umano, siano dovuti dalla sua stessa natura, o se pure sia la società a condizionare ed educare la Popolazione ad avere un atteggiamento di continua competizione ed oppressione nei confronti del prossimo.
Riguardo a tali domande, il Popolo Italiano risponde con una realtà pesante e rimarcata. L'individuo nutre stima per chi ha ottenuto potere seppure nell'oppressione. "E abile, io lo stimo" questo si sente, persino da gente che non ha pane nella tavola o da giovani che non hanno futuro.
La disperazione la si percepisce più in tali frangenti che in altri molto più discussi, ed è nei medesimi momenti che si può rilevare quanto siano scarse le possibilità di sperare in una Rivoluzione "culturale".
Io credo comunque, credo che prima o poi possa avvenire, e credo anche che il MoVimento rappresenti una buona base nel quale possono essere riposte le speranze di un cambiamento culturale ed educativo.

Daniele Sassuu, Mores Commentatore certificato 09.07.13 13:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma basta !!
Cultura, politica , religione ...
Bastaaa!!
La verità è che ci vuole una "Primavera Italiana" .
Non se ne può più di parole, parole ... e parole.
Basta !!

Stefano 09.07.13 13:18| 
 |
Rispondi al commento

... Le persone che hanno capito il senso di questa vita, arrivano tutte alla stessa conclusione ..

Il M5S è, sempre più, un agglomerato di esseri umani che hanno colto lo scopo di questa esistenza.

Grazie Dario Fo .. che meraviglia sarebbe se Lei fosse il nostro Presidente della Repubblica !

Monica C. Commentatore certificato 09.07.13 13:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

dissacrante.. ma di una efficacia illuminante.. certo forse sono di parte..ma oggi cos'è sacro e cos'è profano.. è sacro il verbo postcomunista ,profano il verbo cinquestelle? .. Nella biologia evoluzionistica la popolazione tende a migliorare le sue chance allargando i propri orizondi adattativi ma c'è anche un caso che i genetisti chiamano evoluzione "a collo di bottiglia " il flusso genico in una grande pololazione si restringe e seleziona ,attraverso vari fattori incluso l'isolamento ,solo determinati geni che servono a conservare le caratteristiche della specie ..la popolazione si riduce e si isola sempre piu dando vita una nuova specie non piu in grado di riprendere i rapporti con la popolazione originaria.. mi sembra la storia evolutica Ex PCI di berliguer e quella PDmenoelle di bersani

Pierluigi c., carbonia Commentatore certificato 09.07.13 13:13| 
 |
Rispondi al commento

La cultura fà paura perchè non la condizioni alla demagogia, una volta tipica delle sinistre che si basavano sulle masse da trascinare, ma oggi diffusa da destra a sinistra senza esclusioni!
Ricordate il dilemma della democrazia? Meglio 100 intelligenti, colti e preparati o un milione di ignoranti?
Purtroppo la democrazia porta alla seconda ipotesi e conduce al governo i rappresentanti del "popolo bue"!
Questi pensieri portano ineluttabilmente a dire che paesi, come il nostro e come i paesi nordafricani di cui siamo parenti,possono solo avere una dittatura!
Del resto si vede chi ci governa e la mandria di presidenti, amministratori ecc di nomina politica sono esclusivamente dediti al ladrocinio e alla manipolazione delle masse in vista dei voti....comunali regionali e politici!

giuseppe zingoni 09.07.13 13:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Accordo pienamente. Grazie Rubini.

Bruno L. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 09.07.13 13:11| 
 |
Rispondi al commento

Ritengo le sue parole non fanno una piega. Voglio anch'io credere che siamo arrivati ad una svolta che ci farà finalmente prendere la strada giusta .Vedo ancora molte persone assuefatte da interessi a proseguire su questa strada. Gli interessi in gioco sono molto alti e non credo che chi ne beneficia stia con le mani in mano. Le sue ultime frasi racchiudono la verità sul futuro. Il popolo deve abbandonare la nave che li ha portati alla deriva solo così si potrà pensare che siamo giunti davvero ad una svolta. Mi auguro che questa consapevolezza da parte delle persone arrivi presto. Noemi Del Nero

Noemi Del Nero 09.07.13 13:09| 
 |
Rispondi al commento

Comunque stiamo tranquilli che alla cena di stasera in Confindustria sicuramente discuteranno e metteranno le basi per far ripartire il paese. Grande Fico, hai fatto bene a rinunciare, ti sei risparmiato dei conati di vomito. Sempre più orgoglioso del mio voto. Sempre e solo M5S

http://www.tzetze.it/redazione/2013/07/il_rifiuto_del_movimento_5_stelle/index.html

Franco R, Aulla (MS) Commentatore certificato 09.07.13 13:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

eppure le provocazioni sono forti ma il piddino non reagisce
meglio cosi , vuol dire che ci sono pochi trolli

se siamo solo fra di noi vi abbraccio tutti , figli delle stelle.
qui a maratea si prepara un forte temporale.
ho gettato l'ancora. vado a pranzo.
pasta con le alici e peperoni....anguria e poi mi stravcco sul divano e suono il sax
devo rifare un pezzo suonato da charlie parker: summer time

Ottaviano Augusto Commentatore certificato 09.07.13 13:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"La cultura rende un popolo facile da guidare, ma difficile da trascinare,
facile da governare, ma impossibile a ridursi in schiavitu'"

H. Brougham discorso alla camera dei comuni 1828

ema d. Commentatore certificato 09.07.13 12:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

cicchittto bacchetta il PAPA:
un conto è predicare un conto è governare.
bravo, se invece di farvi gli affari vostri
e quelli del B, governavate bene, l'ITALIA non
sarebbe ridotta in queste condizioni.


italiano realista 09.07.13 12:59| 
 |
Rispondi al commento

Il cambiamento vero e duraturo è quello della cultura. Tuttavia i vari media sembrano ignorare (o almeno fanno finta come oggi ha fatto Gomez sul fatto) che le defezioni e le espulsioni (decretate dalla rete e non da Grillo) sono da imputare all'allontanamento di quei traditori dalla cultura dell'onestà, della trasparenza, dell'equità e della meritocrazia che vogliamo instaurare nel nostro paese attraverso regole democratiche da loro sottoscritte "convintamente" solo qualche mese fa. Allontanamento maturato entro quel covo di sfruttatori della res publica dove oggi risiedono non certo per i loro meriti, ma grazie al nostro voto. Ed è a noi che devono rispondere delle loro ignobili azioni!

cristina cassetti 09.07.13 12:57| 
 |
Rispondi al commento

Condivido in pieno il post aggiungendo che la valanga può incontrare una foresta che la rallenti e comunque già si sente il rombo delle pietre e si sente nell'aria la polvere di caduta. Nel fondo-valle "metaforicamente" dovrebbero trovarsi i cittadini ma i responsabili si sposterebbero con i loro elicotteri per poi atterrare dopo il disastro venendo a dirci che si deve ricostruire e così il ciclo della morte e della vita riprenderebbe da capo. E' necessaria una memoria storica che fissi il chi, il come ed il perchè. Il M5s è la base di registrazione.

Franco Rattone, Biella Commentatore certificato 09.07.13 12:56| 
 |
Rispondi al commento

Da molti giorni non ci sono più i "commenti più votati"...sono stati tolti con votazione online?! Con un referendum?! pecoroni dietro al pastore....

Luca G 09.07.13 12:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

se tutti siamo quello che magiamo allora il piddino mangia letame dunque il piddino e' un porco
mi pare un buon sillogismo aristotelico.....

ad ogni modo complimenti a rubini

Ottaviano Augusto Commentatore certificato 09.07.13 12:55| 
 |
Rispondi al commento

finalmnte ci voleva quacuno col buon senso,amiro beppe grillo a cuando faccva il comico e tutti I politici o snobbavano fino oscuraro negli spazii tv perche scomodo per tutti I partiti, sia da destra che da sinistra via discorrendo I sono in "ESIIO " sono spatriato " seza lavoroa 50 anniche faccio mi suicide??? mando dei bonifici al banco allamia mamma e la banc se tatiene una percentuale??????? le mando di regali tramite posta ordinaria , le poste italiane non consegnano come mai ? sono aziende di racapiti e si fanno pagare molto caro??? chi c'e' dietro chi ci guadagna???? grazie Avanti tutta future me voglio inscrivere al movimento distinti saluti

roerto riera 09.07.13 12:53| 
 |
Rispondi al commento

se con tranquillità vuoi governare
il popolo ignorante deve restare.

italiano realista 09.07.13 12:50| 
 |
Rispondi al commento

Sacrosante parole!

Dario C. Commentatore certificato 09.07.13 12:46| 
 |
Rispondi al commento

Il nipote Letta aveva detto chiaramente in una delle sue prime uscite. "Se ci saranno altri tagli alla cultura mi dimetto !". -58% delle risorse per gli interventi di tutela del patrimoni; -5,3% dei contributi diretti (FUS) ai teatri; -100 milioni al bilancio del MIBAC; -50 milioni di credit tax per il cinema; 14,6 milioni stanziati per istituti culturali e musicali (-18%in quattro anni).
Cosa aspettano certi intellettuali, sempre pronti a firmare appelli e petizioni, a presentare un appello al nipote Letta per fargli mantenere la promessa?

walter bassani 09.07.13 12:44| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti.
Domani Beppe è da Napolitano. Confermato per le 10?
Oggi prenoto il treno, vorrei capire quanti di noi saranno a fargli un po' di corteo. Chi viene?

Monica R., PR Commentatore certificato 09.07.13 12:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

primo post di un certo spessore politico da parecchio tempo a questa parte cmq..


speriamo di impiegarci meno di 30 anni caro Rubini, questo palleggio di responsabilità storiche certo non promette bene sui tempi,
uno ha sbagliato strappando una tessera, l'altro legandosela al dito
uno ha posto le premesse perchè tutto avvenisse in tre anni, l'altro non si sa.. vedremo, ma vacillano.. sarà lunga ci certo e durissima,

UN'IMPRESA TITANICA, COME SEMPRE !


Ps: siamo a discutere di alleanza ? mi pareva che fosse una parola tabù a prescindere, cosi tanto per dire la mia ...

BG

(Buona Giornata)

Alex Scantalmassi Commentatore certificato 09.07.13 12:35| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti, bisogna cambiare marcia..... i soldi della propaganda elettorale non devono essere restituiti a ki non è in grado di spenderli bene. Quindi, sarebbe opportuno che venissero usati dal Movimento 5 stelle per avere una rete televisiva propria.... dove tutti i cittadini compresi gli anziani possano vedere e sentire cosa succede in Italia. Il web non basta e solo per i giovani e molti cittadini non sanno neppure cosa è... cambiamo marcia.... e staiamo sempre da soli ma con una diffusione di notizie più ampia... Grazie.

filar filiberto Argenio 09.07.13 12:34| 
 |
Rispondi al commento

LA SOTTOCULTURA DEL CONDONO

Il governo per far cassa è disposto a fare uno sconto del 20-30% sulle multe se pagate subito.
Ecco un altro esempio di iniquità poichè solo chi ha più soldi a disposizione avrà lo sconto.
E' successo per tutti gli altri condoni fiscali,per lo scudo fiscale,per i condoni edili e su tutti i condoni che il governo destra/sinistra ha appoggiato alla faccia di tutti i contribuenti onesti.
Il condono,infatti,di per se è incostituzionale perchè danneggia una classe di cittadini a vantaggio di un altra e quella classe che ha accesso agli sconti non sempre è la parte migliore della società,anzi.
Ma che caxxo di stato è questo?
Chi non può permettersi di pagare subito sarà un tartassato a vita con rate ed interessi mentre chi può pagare ha lo sconto.
Uno schiaffo a coloro che si sono suicidati sommersi dai debiti,li i condoni non esistono.

bruno pirozzi, napoli Commentatore certificato 09.07.13 12:32| 
 |
Rispondi al commento

La CULTURA della generazione del ventennio dell'inciucio politico si basa sulla teledipendenza accellerata. La cultura del bello e del brutto, la cultura del drive-in e delle jene. La cultura del tatuaggio e del piercing. La cultura del tronista e delle veline. Questi sono gli ingredienti che hanno creato una generazione "bruciata" culturalmente sul nascere. Un danno irreparabile che le vecchie generazioni dovranno impegnarsi a rimodellare..........ma quanta fatica!!!!!

stefano m. Commentatore certificato 09.07.13 12:31| 
 |
Rispondi al commento

Se è vero che la chioma di un albero è grande quanto sono profonde le sue radici, ci sarà presto un'epoca meravigliosa.
Spero tanto di riuscire a vederla...spero tanto che mia figlia possa viverla appieno.

Davide G., Milano/Bari Commentatore certificato 09.07.13 12:30| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

NON MI SENTO PER NIENTE RAPPRESENTATO DA QUEL PERSONAGGIO CHE STA AL COLLE E PDINI E PDL SVEGLIATEVI LE LARGHE INTESE (come le chiamano loro per farci credere di non prenderlo in quel posto) È 3 MESI CHE GOVERNANO È CI SONO STATI SOLO PEGGIORAMENTI E CE NE SARANNO ANCORA VEDESI ARTICOLO 138 (LA COSTITUZIONE CHE STA X ESSERE CAMBIATA A MODO LORO MENTRE TUTTI SONO IN FERIE) GLI F35 CHE DEVONO ACQUISTARSI X FORZA DI COSA IL CAVALLO DI BATTAGLIA DEL BERLUSKA CHE AVREBBE TOLTO L'IMU E ADDIRITTURA RIMBORSATA E POI HANNO VOTATO CONTRO MA QUANTI CALCI NEL CULO DOVRETE ANCORA PRENDERE PER CAPIRE CHE QUESTI ELEMENTI DEVONO ESSERE ELIMINATI? SVEGLIATEVI!!!!!!!!!!

Mauro 09.07.13 12:28| 
 |
Rispondi al commento

Cari amici a 5 stelle, stamani il sangue bolliva e ribolliva . Facendo zapping mi sono ritrovato Fassino , quello con 3 miliardi di debito.

Proprio NON ci riescono a capire perché gli elettori a 5 stelle sono stati 9 milioni e diventeranno 18 milioni alle prossime.

Bene provo a spiegarglielo io.

Si parlava d'investimento (sik?) nella metro cittadina. Parto da questo esempio per spiegare il perché il treno DEL DEBITO PUBBLICO E' ANDATO A SBATTERE !

Per fare la Metro di Torino i pseudo-politicanti hanno speso una cifra ( condita di appalti e ruberie varie) . Questa cifra è tutta a debito pubblico che chiameremo X.

Poi una volta messa in esercizio la Metro , con una gestione terza, la famosa MUNICIPALIZZATA, si ritrovano ai piani alti le stesse figurine politiche , che si fanno stipendi e privilegi dorati, e che presentano bilanci in rosso, TUTTI GLI ANNI !

Alla voce entrate di questi enti figurano 2 voci : i biglietti della metro e i contributi pubblici per mantenere sostenibili i prezzi bassi della metro.

Con che si finanziano i contributi pubblici per spingere i treni della Metro di Torino?
CON ALTRO DEBITO PUBBLICO ! Che chiameremo Y.

Quindi X più Y . Adesso moltiplicate tutte le X e le Y di tutta Italia e capirete perché il debito pubblico sia passato da un anno da 1950 miliardi a 2050 .
E continuerà in automatico per gli anni a venire !

Cosa chiedeva il DEBITOR FASSINO ? Altri soldi pubblici presi in prestito per le infrastrutture pubbliche! UNA PAZZIA PAZZESCA !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

IL TRENO, caro Fassino è già andato a sbattere , e i giovani italiani prendono la via dell'estero , e tanti se la squagliano in Germania , perché lì il debito pubblico è sotto controllo, non solo:
I TRENI PARTONO E ARRIVANO IN ORARIO !

Claudio ., Sanremo Commentatore certificato 09.07.13 12:26| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Domani Beppe incontra Napolitano, cercherà di fargli capire che il parlamento non conta più nulla, se Napolitano non capisce o non vuole capire potremmo aspettarci che il m5s si ritiri da parlamento e dal senato, conseguenze che vorrei evitare,certo creerà la più grande mobilità di persone mai viste in talia, con conseguenze inaspettate, e sicuramente mai volute da Beppe, prepariamoci.

loris gherardi 09.07.13 12:25| 
 |
Rispondi al commento

potevate allearvi con bersani...

BASTA - NON SE NE PUO' PIU' !!!

ma quale sarà il vero motivo
per cui tutti gli sfigati piddini
credono che sarebbe stato giusto per noi
allearsi con loro (ai tempi di gargamella)
ed invece a nessuno di noi
passa neppure lontanamente in testa
l'idea di allearsi con quella lurida feccia
né ieri,né oggi,né mai ?

chissà - magari avranno
qualche problemino con la propria coscienza
ora che governano alla luce del sole
insieme al loro sodale-padrone naturale ?

VERGOGNATEVI
ed abbiate almeno la decenza di STARE ZITTI !

allearsi col pd-L / mamma mia ...
ma dove le trovano certe idiozie ?

dario del sogno, trieste Commentatore certificato 09.07.13 12:20| 
 |
Rispondi al commento

l'arretramentro culturale accelerato dal ventennio berlusconiano è visibile in una casta politica autoreferenziale ed in una platea di elettori che continua a scegliere i propri rappresentanti su base solo emotiva. Cultura nasce da una sinergia tra l'aspetto emozionale e creativo e quello razionale cui è affidato il compito di tradurre dall'invisibile al visibile.

Cinzia C., Verona Commentatore certificato 09.07.13 12:20| 
 
  • Currently 4.4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 8)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro ERMANNO B......

è vero, basterebbe un click. Ma stamani ho i coglioni girati, e quindi, brutta merda testa di cazzo di un troll schifoso, smettila di frantumare i coglioni con la NOSTRA DEMOCRAZIA e pensa alla vostra, PD-L di merda. Hai voglia di confrontarti? Divi dovo come e quando così ti spacco la faccia.

Oramai voi che avete rovinato questo paese con il vostro voto alla merda, non meritate altro che essere presi a bastonate!

VAFFANCULO!

Scusatemi lo sfogo, ma non li reggo più!

Thorn Re Commentatore certificato 09.07.13 12:20| 
 
  • Currently 4.4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento
Discussione

provate a sostituire la parola "cultura" con "capacità" o con "intelligenza"... capirete perchè una valanga di laureati oggi non sono capaci nemmeno di mandare una lettera raccomandata...

alessandro 09.07.13 12:18| 
 |
Rispondi al commento

1. Come recentemente denunciato da Giorgio La Malfa su Il Sole, nel governo e nel paese appare emergere una mesta rassegnazione a un futuro in cui ci si dovrà adeguare a standard di vita sempre più modesti e in cui l’emigrazione sarà il premio per i più bravi. Le contorsioni della politica, dalle fumosità di Enrico Letta, alle sparate di Berlusconi, testimoniano un mix d'impotenza e d'ignoranza, i polli di Renzo che si beccano fra di loro. Gli elettori percepiscono questo senso d’impotenza della politica e di qui l’esteso sentimento di anti-politica. Finché la politica aveva risorse da distribuire gli elettori italiani non si erano sentiti così diffusamente Soloni. Ma errato sarebbe concluderne, come si fa spesso soprattutto in area PD, che troppo si è sperperato nel passato per cui la crescita potrà solo tornare quando avremo tutti imparato a scialare meno. E’ un moralismo pernicioso che non porta da nessuna parte. Sostenere che se fossimo stati virtuosi come la Germania ora non saremmo nei guai è un ragionamento da “se mio nonno avesse le ruote”. E trascura il fatto che se tutti i paesi si comportassero come la mercantilista Germania solo l’apertura di mercati su Marte consentirebbe un generalizzato sviluppo export-led. Le vere occasioni il nostro paese le ha probabilmente perdute quando mezzo secolo fa, per inadeguatezza della classe dirigente, i frutti del boom economico non furono utilizzati per indirizzarlo su un sentiero di sviluppo moderno e socialmente equo ma per costruire un elite burocratica al servizio della politica , un elite onnivora e ingorda che ha saccheggiato e rapinato in ogni dove , il famoso " ABBIAMO UNA BANCA " di Fassinoria memoria è l'emblema di quello che è diventato il paese............

alberto paci, alberto_paci@libero.it Commentatore certificato 09.07.13 12:18| 
 |
Rispondi al commento

Noi abbiamo Giorgio gli altri Francesco.
Napolitano la casta fatta persona.
Un uomo di 88 anni che dopo 60 anni in politica 7 da PDR,senatore a vita in pectore,vitalizi vari,non rinuncia a nulla...
Intoccabile,i PM di Palermo lo sanno benissimo e 22 blogger anche...
Giura e spergiura che non si farà rieleggere e ovviamente lo fà...
Motivo ?
L'emergenza.
Risultato ?
Cacciabombardieri,2x1000,tav,irpef,ires,irap il resto? a babbo morto !!!
Comunica al mondo ormai solo con messaggi trasversali,peggio di una sibilla cumana necessita di traduttori ed esegeti...
Per vederlo bisogna espletare mille formalità,il M5S che rappresenta il 25% degli italiani,unica forza di opposizione andrebbe chiamato ogni momento...
Ma se sei un "Agnello" telefoni quando ti pare e piace,sempre a disssssposizione dottò !!!
Non possiamo fare a cambio con il Vaticano ?
Noi ci pigliamo Francesco e a loro spediamo Giorgio.
Sarebbe un Papone perfetto mentre a noi serve un uomo che sa guardare in faccia i problemi che parla chiaro che sa fare rinunce e denunce....
Beppe,amici eletti che ci andate a fare al Quirinale domani.
Date retta,lasciate perdere,a che serve.
Andate piuttosto a San Pietro già che siete a Roma almeno lì qualcuno una preghiera per il paese la dice.....

dario rulli, aosta Commentatore certificato 09.07.13 12:17| 
 
  • Currently 4.6/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 10)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tutti i partiti politici parlano e sparlano di far crescere l'Italia, di creare posti di lavoro, di fare le tanto travagliate riforme : il fisco, la burocrazia, il turismo, la legge elettorale e mille altre necessità. Basta scegliere a piacere l'argomento e qualsiasi comizio di crescita, di sviluppo, di ammodernamento si adatta benissimo. Tanto è tutto da rifare !! La realtà invece è diversa. Tutti vogliono fare ciò che il M5S dice da anni e che ora faticosamente mette in atto, nonostante le avversioni nel parlamento. Nessuno ha il coraggio di confermare la positività del pensiero culturale del M5S, l'azione democratica e pacifica del M5S, la sua azione di bonifica sulla corruzione e sul degrado materiale e culturale del Paese. Nessuno ha il coraggio di ammettere le proprie colpe perchè così facendo vorrebbe dire condannare la gestione politica e i loro stessi partiti e la loro stessa ragione di esistere come partiti. Convertitevi al M5S. La politica dei partiti è senza anima fatta di soli numeri che servono per una stagione, per far contento qualcuno, per far vincere le elezioni in qualche comune, ma non guardano al futuro del nostro Paese. Una parte del futuro è fatto dalla somma delle azioni oneste, quotidiane che le persone di uno stesso Stato trasformano in bene comune, in fatti concreti dove il benessere cresce continuamente, per tutti, alimentando altri settori in una contaminazione inarrestabile. Lo sviluppo necessità di un pensiero positivo, in un processo continuo di innovazione ancorato alla realtà. Non prevede conflitti, azioni di furbi per tornaconto personale, il concetto soggettivo di essere il migliore, ma confronto e ricerca, fino al risultato più utile per la comunità. Ma se le persone che ci governano sono sbagliate, incapaci, senza idee e progetti ma propongono solo illusioni e corruzione allora bisogna cambiarle, subito, continuano a minare la base di quello che noi intendiamo come sviluppo.

davide di noia, Torino Commentatore certificato 09.07.13 12:16| 
 |
Rispondi al commento

Il problema non è la cultura. E' inutile continuare a tentare di sanare una situazione insanabile, parlando di cose collaterali, le Province, il numero di Parlamentari, i loro emolumenti, il Porcellum, ecc come se da li poi si potesse sanare il tutto.
Una casa costruita sulla roccia è solida, una casa costruita sulla sabbia è destinata a crollare, inutile darle mano di vernici, sostituire qualche tegola e sperare che tutto vada a posto.
La sabbia su cui è costruita la casa italia è la Costituzione. L'origine di tutti i mali. Ed è anche inutile sperare che i quattro rubagalline che non vedono oltre il loro conto in banca possano metterci le mani e cambiarla a beneficio della popolazione ( e non strettamente personale).
L'unica soluzione è copiare e copiare la Costituzione giusta. Ne esiste una, scritta in italiano, collaudata, che funziona, nel cui paese i cittadini godono di democrazia diretta, referendum propositivi (e non solo abrogativi), rispetto per l'ambiente, benessere economico: la Costituzione Svizzera. Che si copi (senza cambiare alcunché) la sua Costituzione, il suo codice penale, civile, tributario, degli Enti locali, si copi la sua fiscalità, la sua legge bancaria e la si applichi in Italia. Poi dopo 5/10 anni di sperimentazione si valuterà (solo con referendum ovviamente) se cambiare qualcosa.

Alessandro G. Commentatore certificato 09.07.13 12:12| 
 |
Rispondi al commento

buongiorno blog!!qui caffè a 5 Stelle per tutti!!
un post bellissimo!!grazie!!condivido in tutto la necessità di aprirsi alla cultura e al rinnovamento!!e lo dico anche io,con una malattia cronica e la voglia di arrivare ad un senso di comunità che ancora non esiste.e purtroppo vedo bene anche io che davvero dovremo ricominciare dalle macerie ma saremo più forti.passate parola,tutti.dobbiamo riprendere un cammino diverso dove la parola politica abbia davvero un significato.e non sia solo la scusa per uccidere le persone e gli stati!!!un abbraccio a tutti gli stellati del mondo!!!
M5S senza se e senza ma!!!!

Luca M., Rho Commentatore certificato 09.07.13 12:10| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

LA CULTURA DELL'UNO VALE UNO

Quante volte nel blog è stato fatto riferimento a questa frase ma quante volte ne abbiamo davvero colto il suo profondo significato?
La prima cosa su cui bisogna riflettere è che non siamo soli su questa terra ed ogni azione che espletiamo nell'ambiente circostante innesca una catena di eventi che influenzano gli altri e noi stessi.
Anche se sembro ispirarmi alla Bibbia o alla legge del taglione ogni cosa che fai torna indietro nel bene e nel male ed anche se ci vuole tempo e pazienza se fai del bene quest'ultimo ti ritorna con gli interessi.
Il merito nelle amministrazioni segue lo stesso principio poichè una persona onesta e preparata per un determinato compito migliorerà la qualità di vita di altre persone viceversa se non sei all'altezza del compito.
La vita sociale non è una piramide di privilegi ma al contrario è la capacità di incastrare tutte le figure al posto giusto per rendere lo stato più efficiente.
La politica Italiana è l'esempio più avvilente di stato sociale poichè ha innescato un processo distruttivo del merito e più volte ha calamitato figure criminali che hanno messo in discussione l'esistenza stessa dello stato che è dovuto ricorrere a patti con la mafia pur di continuare ad esistere con tutte le sue storture.
La politica Italiana ha delle colpe che qualcuno dovrà pagare e che per ora stiamo espiando noi cittadini onesti ma non è detto che sia per sempre.
L'affermazione di una cultura di insieme che metta in primo piano l'individuo stesso e le sue responsabilità può fermare ed invertire questo ciclo negativo.
La giustizia,l'equità sociale,la sfera lavorativa e le sue responsabilità sono tutte leve per investire in un futuro più accettabile.
Ognuno deve fare i compiti a casa ed ogni lavoro deve essere un tassello di una visione più ampia in cui ogni mansione ha la propria dignità e la propria importanza che deve essere armonicamente inserita nell' utilità collettiva.
Chi distrugge paga chi frutta è premiato.

bruno pirozzi, napoli Commentatore certificato 09.07.13 12:09| 
 |
Rispondi al commento

Io non ci sto !
Alla mattanza della nostra costituzione
Da parte di questi politici autoreferenziati
mafiopoliticovenduti
Io non ci sto !
Chi è d accordo mi voti

alessandro giglio, magenta Commentatore certificato 09.07.13 12:08| 
 
  • Currently 4.4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 8)
 |
Rispondi al commento

PICCOLO PRONTUARIO PER RICONOSCERE IL TROLL :
Vi ho votato ma sono pentito...
Io non capisco...
La formula "uno vale uno" è una delle più nominate e incomprese sebbene semplice da capire...
Avete perso un'occasione.... (noi?)
Porterete l'Italia in rovina ...(noi?)
(ah!! intendevate dire che vi stiamo rovinando)
Siccome non avete dato la fiducia al PD siete degli irresponsabili e alle prossime elezioni prenderete al massimo il 5%...(il mondo siete solo voi)
Non sono un troll...(infantile dissimulazione)
Sono un vostro elettore ma non vi voterò più perchè dite troppe parolacce...(alta moralità e dignità)
Dov'è la democrazia in questo blog....?(meglio i vostri di blog in effetti)
Avete aiutato il nano a riprendersi il paese....(noi?)
Fate qualcosa cazzo...fate qualcosa non state lì fermi...(fermi noi? ma il vostro partito che fa?)
Dite sempre NO....(a voi diremo sempre NO)

IGNORATELI, NON RISPONDETE ALLE INSULSE PROVOCAZIONI E RICORDATEVI SEMPRE CHE BASTA UN....CLICK.

marco beato, scorzè - venezia Commentatore certificato 09.07.13 12:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono perfettamente d'accordo con quanto scritto nel post.
Il M5S vuole solo mettere al servizio dei cittadini un modo nuovo di pensare, di ricreare i rapporti tra i cittadini, le istituzioni e le entità che definiscono lo Stato Italiano.

Non comprendere che il cambiamento politico è solo l'inizio della nuova Italia.

Un'Italia dove il merito, la vision per il futuro, il controllo del presente e del futuro, permetteranno al Paese di rinascere.

Qui ce la stiamo giocando noi tutti un'opportunità di rifondare il Paese.

Per cambiare c'è bisogno della volonta della maggioranza.

Tutti noi sappiamo che il Paese è fallito, ma c'è l'ancient regime che si ostina a darsi pacche sulle spalle e diffondere l'ottimismo sui media convinto di poter sopravvivere alla fine della vecchia Italia.

Le responsabilità sono evidenti ed hanno nomi e cognomi

Cacciamoli a calci in culo, togliamoli tutto e rifondiamo il Paese come fecero i nostri nonni appena dopo la fine della seconda guerra mondiale.

La riappacificazione con chi egoisticamente ha sottratto beni, denari, servizi ai cittadini avverrà ma questo sarà un passo successivo legato a quanto personaggi discutibili oggi metteranno in campo risorse condividendole e non usandole per riprendere il controllo sulla nuova Italia.

Questo non dovrà accadere, perchè ci ritrasforemmmo nella vecchia Italia.

Occhio ai burattini o i figli di quelli che oggi dominano le scene.

Evitiamo di rifondare un Paese per poi darlo in gestione alle stesse oligarchie. Anzi creiamo una legge di alto tradimento alla nazione per condannarli ai lavori forzati se ciò venisse a galla.

Avanti così nella ricostruzione.

Prepariamoci al grande boom, quello che il Paese farà nella dichiarazione di fallimento (già avvenuta) mentre i politici e imprenditori con le pezze al culo hanno già spostato i loro emoluenti all'estero e si preparano a scappare con gli elicotteri...

Il Rinascimento a breve potrà avere inizio con sacrifici e lavoro

Vincenzo Mazzotta 09.07.13 12:02| 
 |
Rispondi al commento

La cultura è la vera politica !

assolutamente vero
ma come fare per riuscire a spiegarlo
a quel vigliacco gregge di carneadi
che malgrado e nonostante tutto
continuano a votare
PD-L-PD ?

CON UN RUGGITO ?

Le tigri della rabbia sono più sagge dei cavalli dell'istruzione -(William Blake)

CON MILLE RUGGITI !!!

dario del sogno, trieste Commentatore certificato 09.07.13 11:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho visto Becchi e De Vito ad Agorà. Il M5S si è allineato ai politici, ma il M5S è onesto, quindi perde il confronto televisivo.
SI ALLA TELEVISIONE, NO AI TALK SHOW!!!SI ALLA TELEVISIONE, NO AI TALK SHOW!!!SI ALLA TELEVISIONE, NO AI TALK SHOW!!!SI ALLA TELEVISIONE, NO AI TALK SHOW!!!SI ALLA TELEVISIONE, NO AI TALK SHOW!!!SI ALLA TELEVISIONE, NO AI TALK SHOW!!!SI ALLA TELEVISIONE, NO AI TALK SHOW!!!SI ALLA TELEVISIONE, NO AI TALK SHOW!!!SI ALLA TELEVISIONE, NO AI TALK SHOW!!!SI ALLA TELEVISIONE, NO AI TALK SHOW!!!SI ALLA TELEVISIONE, NO AI TALK SHOW!!!SI ALLA TELEVISIONE, NO AI TALK SHOW!!!SI ALLA TELEVISIONE, NO AI TALK SHOW!!!SI ALLA TELEVISIONE, NO AI TALK SHOW!!!SI ALLA TELEVISIONE, NO AI TALK SHOW!!!SI ALLA TELEVISIONE, NO AI TALK SHOW!!!SI ALLA TELEVISIONE, NO AI TALK SHOW!!!SI ALLA TELEVISIONE, NO AI TALK SHOW!!!SI ALLA TELEVISIONE, NO AI TALK SHOW!!!SI ALLA TELEVISIONE, NO AI TALK SHOW!!!SI ALLA TELEVISIONE, NO AI TALK SHOW!!!SI ALLA TELEVISIONE, NO AI TALK SHOW!!!SI ALLA TELEVISIONE, NO AI TALK SHOW!!!SI ALLA TELEVISIONE, NO AI TALK SHOW!!!

bulba p. Commentatore certificato 09.07.13 11:55| 
 |
Rispondi al commento

LA PROTEZIONE CIVILE

A giudicare dalla ferocia con cui tentano di sbranare chi non è come loro, il corpo estraneo M5S, si capisce bene quale sia la cultura dominante di questa classe politica.
L'inciucio, l'orrida mescolanza di interessi criminali e di ricatti incrociati. Il servilismo verso i potentati delle banche e delle multinazionali. L'individualismo selvaggio che poggia sulla totale assenza di valori democratici, di linee guida, di progetti concreti per il bene del territorio e dei cittadini.
Ecco a cosa è ridotto oggi in nostro parlamento: la scatola di tonno vuota. E il nostro paese: la scatola di tonno in vendita al ribasso.
Credo anch'io però che questi gaglioffi e tutto il loro sistema, basato solo sul bieco profitto a discapito dei cittadini, non durerà ancora molto. Il paese è ormai allo stremo, le risorse (tasse e privilegi) su cui hanno basato la loro politica di sprechi, di ruberie, di tangenti sono quasi esaurite.
Dovremo pensare a ricostruire, ad aiutare le persone, sopratutto quelle più deboli e quindi più succubi, a tenere duro e a non suicidarsi, facendo il loro gioco. Dovremo attraverso il nostro impegno ed esempio ridare un poco di speranza.
Quando il castello di carte crollerà saremo pronti non a raccoglierne i pezzi e a rabberciarli un po' alla meglio, ma a ricostruirne uno completamente diverso: basato sull'onestà, la competenza, la trasparenza e l'onore.
Chi altri se non il MoVimento 5 Stelle potrà farlo? Chi sacrificherà sull'altare del bene pubblico ogni interesse personale, lobbistico e finanziario?
Certo non coloro che hanno provocato questa inarrestabile emorragia economica, sociale e culturale negli ultimi decenni. Sono troppo coinvolti, avvinghiati uno all'altro, hanno tutti le mani in pasta, le mani sporche.
Noi saremo la protezione civile che dovrà lentamente ma inesorabilmente rivoluzionare il sistema dalle fondamenta e stavolta non saranno gli ultimi, i più deboli, i più indifesi a pagare.
In MoVimento sempre!

michela fabbrini, san giovanni valdarno Commentatore certificato 09.07.13 11:53| 
 |
Rispondi al commento

Questo è veramente un'ottimo post....

Giacomo Ciulla, Palermo Commentatore certificato 09.07.13 11:53| 
 
  • Currently 4.6/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 9)
 |
Rispondi al commento

TOTALMENTE D'ACCORDO

Gerardo Di Cola Commentatore certificato 09.07.13 11:51| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 8)
 |
Rispondi al commento

Dovremo lavorare per un Paese migliore costruendolo con le macerie che ci lasceranno, ma non perdiamo la voglia di cambiare!!!!!

Maurizio Rizzi 09.07.13 11:45| 
 |
Rispondi al commento

Parole sante

Oliotoscano 09.07.13 11:45| 
 |
Rispondi al commento

IL FMI E' GIA' A CASA NOSTRA
Di "spedizioni" della troika abbiamo scritto praticamente ogni settimana in merito alla Grecia, ma anche alla Spagna e al Portogallo. Senza grosso clamore mediatico, ora, è la volta di una nuova tornata di "controlli". E questa volta riguardano l'Italia. Il Fondo Monetario Internazionale è a Roma, e i suoi emissari si muovono tra il Tesoro, la Banca d'Italia, Palazzo Chigi e varie authority di vigilanza. Passano in rassegna i nostri compiti, come gli ispettori del Ministero dell'Istruzione di volta in volta nelle scuole pubbliche. Solo che questa volta si parla in lingua anglofona, cioè straniera.
Il Ribelle
Ci apriamo al nemico insomma. O meglio, ci lasciamo invadere, occupare e controllare da chi di fatto è all'origine della crisi nella quale siamo. L'Fmi viene a verificare che dopo i proclami di Letta, in merito a Imu, Iva e Lavoro, in ogni caso non si sgarri da quanto a suo tempo prescritto. E noi non solo li facciamo entrare, ma gli stendiamo il tappeto rosso dinnanzi a ogni passo.
Il punto di attualità, al centro di questo viaggio d'ispezione dell'Fmi, è chiaro: vuole vedere da dove prendiamo la copertura per le manovrine rilanciate dal Governo Letta. Anche gli italiani vorrebbero saperlo, ma mentre noi ce ne stiamo calmi ad aspettare Godot, l'Fmi invece non perde tempo, pretende di vedere i libri contabili e ci fa le pulci.

http://www.vocidallastrada.com/2013/07/il-fmi-e-gia-casa-nostra.html

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 09.07.13 11:44| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

su quasi 60 milioni di italiani il concetto di cultura lo si può applicare forse ad un 10-15%.

Il resto è ignoranza allo stato puro. Ignoranza, maleducazione, narcisismo, etc. etc. etc.
Questo è l'italiano.

Thorn Re Commentatore certificato 09.07.13 11:41| 
 
  • Currently 4.4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 8)
 |
Rispondi al commento

Ve lo ricordate vero cosa avevano promesso i coglioni del PDL in campagna elettorale?

ELIMINAZIONE IMU E RESTITUZIONE DELLA RATA PAGATA LO SCORSO ANNO.

Secondo voi, quanti dei coglioni che li hanno votati se lo ricordano?

Thorn Re Commentatore certificato 09.07.13 11:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Come faccio ad occuparmi del bene comune se questo non esiste? Dove lo trovo questo bene comune? Io lo cerco quando passeggio e mi guardo in giro ma non mi capita mai di sorprenderlo. Si nasconde il disgraziato. Quando non ho soldi in tasca sembra che il bene comune mi verra` a prendere di sorpresa e mi arrestera` per vagabondaggio. Non e` certo possibile che uno squattrinato possa andare in giro a fissare ovunque. Per il bene comune quello che posso dunque fare e stare a casa e scrivere due righe su qualche blog tanto per distrarmi un po`.

M. Usiamartini Commentatore certificato 09.07.13 11:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Pd=Amministrazione pubblica.Gli sta bene tutto,basta che non gli toccate il posto e lo stipendio
Pdl=Impresa ed imprenditori,gli va bene tutto,basta che li fate fare quelo che vogliono(finto made in itali,lavoro nero,lavoro a chiamata,evasione fiscale).
Sel e monti=avanti cosi basta che si magna.
m5s=Cultura del risparmio,della buona politica ambientale,del rispetto delle regole del buon vivere civile..ansa
Nazione fallita,e inutile ogni idea ,dobbiamo fallire....

Carlo D., Casoria(Na) Commentatore certificato 09.07.13 11:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La cultura rende l'uomo etico.

""L'istruzione è l'arte di rendere l'uomo etico.""
Georg Hegel

p@olostracizzato ! Commentatore certificato 09.07.13 11:34| 
 |
Rispondi al commento

La Cultura è consapevolezza.
Ragazzi, vi lascio per ora, vi ringrazio per i contributi davvero ineguagliabili.

Marcello M., roma Commentatore certificato 09.07.13 11:32| 
 
  • Currently 4.2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

D'accordo, ma qualche piccola responsabilità' il M5S se lo poteva prendere per far nascere un governo Bersani. Lo so che non serve a niente parlare di ciò' che è' passato, ma dato che anche risiedendo all'estero vi ho votato mi aspettavo qualcosina in più' Ora alle prossime elezioni non saprò' proprio chi votare , ma vi assicuro che sto' attenta a ciò' che mangiò.

Rosalia Paoletti 09.07.13 11:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Temo che tu abbia ragione Beppe, il pensiero, la cultura degli italiani sono stati plagiati da decenni di una politica di interessi, affarista. Serve tempo per cambiare tutto questo in meglio.

Dimitri C. Commentatore certificato 09.07.13 11:30| 
 |
Rispondi al commento

Il ministro Passera, il ministro del " confermo che.." in data 08/01/2012 affermava : " «Confermo che non vedo ragioni per andare avanti con le concessioni gratuite, per regalare questi beni pubblici nel nuovo contesto tecnologico e di mercato. Trasformeremo la questione - afferma - in un'opportunità per ammodernare il sistema di telecomunicazioni». Bisognerebbe revocare la decisione di assegnare gratis le frequenze tv a mediaset.. Siamo in crisi e servono soldi allo Stato. Gli Italiani sono vessati da equitalia per il pagamento di multe e altro che da pochi euro passano a migliaia di euro fino al pignoramento dei beni, mentre altri ricevano gratis beni per qualche miliardo di euro. Beni che generano ancora profitti !! Questo non è giusto. La Corte di Giustizia Europea, il Presidente della Repubblica e La Corte dei Conti dovrebbero farsi garante dei diritti e della giustizia verso i cittadini. Quello che è successo, compreso l'operato del ministro, non è chiaro. Non possiamo far pagare il conto solo i cittadini. Da oggi non chiamate gli italiani evasori, quando nel governo ci sono i ladri certificati. Poi ci vengono a raccontare che mancano i soldi !!!!! I villini !!! Vergognatevi; usurai.

davide di noia, Torino Commentatore certificato 09.07.13 11:29| 
 |
Rispondi al commento

Esatto.Manca la cultura del bene comune.Chi lavora nelle istituzioni lo fa solo per uno stipendio.Perche siamo arrivati ad essere tatmrtassati,ad avere un debito cosi alto?Un esempio semplice.In Campania abbiamo i nostri litorali malmessi ed inquinati.Non si potrebbero tenere bene ed essere sfruttati per turismo? Parliamo di Pompei,Ercolano,siti archeologici che cadono a pezzi.Poi si fa la tav,costosissimi che nemmeno i francesi si possono permettere, l hanno spostata al 2013.La cultura ci impone di cambiare.....Vogliamo parlare degli sprechi della pubblica amministrazione?Di tutte le fondazioni politiche che mangiano soldiManca la cultura del risparmio,del fare bene,di tenersi bene le risorse e di saperle sfruttare.L Italia,fallira.E inutile,fin quando l intero sistema non cambierà mentalità,non avrà la cultura del bene cmune,con la dissipazione relè risorse,non ci riprenderemo.Fallimento...Nn ci sono alternative...

Carlo D., Casoria(Na) Commentatore certificato 09.07.13 11:26| 
 |
Rispondi al commento

Al tempo della foto di questo post, al tempo di Tienanmen, ero in Cina in viaggio di nozze. Nessuno della popolazione locale sapeva cosa stesse succedendo a Pechino, l'informazione non lo consentiva.
Avevamo qualche stralcio di notizia dalle scarse telefonate che riuscivamo a fare a casa.
Senza sapere nulla, il giorno dopo gli scontri di piazza, abbiamo preso un treno per Pechino.
I contadini che incontravamo lungo la ferrovia mimando lo sparare cercavano di farci capire quello che era successo. Io pensavo scherzassero e "rispondevo" al fuoco. Arrivati a Pechino abbiamo trovato una città devastata.

Mi chiedo, oggi in Italia viaggiando in treno dovremmo trovare i contadini che si coprono occhi, orecchie e bocca?.

Lucaz R., Rubiera RE Commentatore certificato 09.07.13 11:25| 
 |
Rispondi al commento

complimenti per il post, la cultura in Italia sta sparendo anche quella di base che ci insegnavano a scuola, prova è se parli con uno studente a caso. Causa di tutto ciò è il mancato cambiamento nei vertici della politica, solo una persona ignorante può ancora votare il berlusca o Bersani e purtroppo mi trovo daccordo anche con il fatto che il botto finale sarà catastrofico anche se fanno di tutto per tenerci all'oscura. Buona fortuna a tutti e forza M5s

franco brunello, malnate Commentatore certificato 09.07.13 11:24| 
 |
Rispondi al commento

concordo pienamente

Marco A., Napoli Commentatore certificato 09.07.13 11:24| 
 |
Rispondi al commento

"Nelle fila del M5S ci sono state delle epurazioni, come ben sappiamo. Ecco, anche in questo caso, è evidente che quelle persone non stavano lavorando per contribuire a cambiare una cultura, ma stavano facendo politica."

Attribuire oggettività al soggettivo è uno degli aspetti culturali da cambiare.
Quelle persone forse erano troppo avanti, e la massa del M5S ci arriverà pian piano. O forse erano solo interessati.

Lasciamo a Stalin le epurazioni e concentriamoci sulla democrazia diretta, che richiede il più grande cambiamento culturale della storia moderna.

Emanuele Romano 09.07.13 11:22| 
 |
Rispondi al commento

Non può non essersi pienamente d'accordo con Leonardo Rubini. La cultura e' frutto di studio e i nostri politici di rilievo sono pressoché tutti ex sindacalisti o ex portaborse di partiti che non hanno impiegato alcun tempo della loro giovinezza a studiare.

E.I. 09.07.13 11:20| 
 |
Rispondi al commento

Il continuo ed incessante rosario quotidiano dei tg su IMU ed IVA é la dimostrazione piú evidente del livello medievale in cui la classe dirigente che ha governato negli ultimi dieci anni si trova.

Secondo me il danno piú grave che ha subito l'Italia é proprio quello alla cultura con reiterati colpi di scure che hanno colpito settori vitali come la scuola.

Sará tremendamente duro cercare di riprendersi, specie se ci troveremo soli contro il mondo globalizzato finanziariamente.

Ma chi lo sa... si dice che Dio riserva le prove piú dure ai piú capaci.

Giacomo B. Commentatore certificato 09.07.13 11:17| 
 |
Rispondi al commento

Prima tappa del Tour di U. Marco Calì "ECCO COME AZZERARE LA DISOCCUPAZIONE IN ITALIA IN 5 ANNI", Brescia, presso Birreria Pizzeria Bierhaus, Via Triumplina, 103, ore 20,45: ingresso libero. Mercoledì 10 luglio.

http://www.umarcocali.com/2013/07/le-donne-avranno-una-sorpresa-pazzesca.html

P.S. Palermo, giovedì 25 luglio, si tiene la seconda tappa del Tour di U. Marco Calì "ECCO COME AZZERARE LA DISOCCUPAZIONE IN ITALIA IN 5 ANNI".

L'evento si tiene presso la Discoteca Exes che si trova a Villafrati (Palermo), sulla Strada Statale Palermo Agrigento

Calì Marco (sapienzafinanziaria), Monselice Commentatore certificato 09.07.13 11:16| 
 |
Rispondi al commento

Gli elettori del PD-L sono veramente un branco di cerebrolesi.

Gli si può rifilare qualsiasi cosa, si bevono di tutto.

Due esempi?

1) Bersani ed il mancato accordo con il M5S.

2) La commedia dell'abolizione IMU del PDL, abolizione che mai avverrà.

Ma loro, i cerebrolesi, adorano prenderlo nel c...o e imperterriti li votano.

Sono senza parole, rimango sempre più esterefatto da quanti coglioni vivono in questo paese.

Thorn Re Commentatore certificato 09.07.13 11:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

.

p@olostracizzato ! Commentatore certificato 09.07.13 11:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori