Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

L'inceneritore segreto di Crocetta in Sicilia

  • 70


crocetta_inceneritore.jpg
"La Regione Sicilia vuole un inceneritore a Bellolampo, vicino a Palermo. In un verbale del 3 gennaio scorso, ottenuto grazie a una richiesta di accesso agli atti, si fa riferimento a "un’area per la localizzazione di un impianto di valorizzazione termica del rifiuto residuale da TMB". In sostanza un inceneritore. La Regione è in continuità naturale con l'ex governo Lombardo. Crocetta non può dire che non vuole l’inceneritore e demandare ad altri di procedere. Quando si parla di parte residuale ci si riferisce alla parte residua dopo la raccolta differenziata. A Palermo la raccolta differenziata però è pari SOLTANTO al 6%, quindi quasi tutto sarà trattato per produrre ecoballe. Non permetteremo mai la realizzazione di un inceneritore." M5S Sicilia

18 Lug 2013, 15:30 | Scrivi | Commenti (70) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 70


Tags: Bellolampo, Crocetta, inceneritore, M5S Sicilia, Palermo, Sicilia

Commenti

 

Quì troppa gente parla che non capisce niente o forse al contrario capisce anche troppo e mira ad altro. Voglio informare quì che ad oggi , dagli impianti più moderni, si separa al massimo il 30%. Il resto é CDR che deve essere smaltito in discarica (ma dove? a Bellolampo?) oppure tramite termovalorizzazione. Così infatti fanno i tedeschi e ci ringraziano anche tanto se pure paghiamo per portare là il nostro CDR ! Ma qualcuno si rende conto che se anche installassimo l'impianto di separazione e riciclo più moderno al mondo dovremmo comunque inviare una parte residua molto importante ai forni cosddetti inceneritori (inceneritori = forni di incenerimento ad alto rendimento di combustione)? Tanto vale produrre energia elettrica (che ci servirebbe anche molto) bruciando CDR selezionato (51% di biomassa !). L'impianto ottimizzato esiste già e lo produce un gruppo italiano di cui noi facciamo parte. Peraltro è stato presentato anche al convegno SINNOVA 2013 di Cagliari. Per info inviare email ing.gallarati@hotmail.com

Carlo Antonio Gallarati 03.08.13 17:39| 
 |
Rispondi al commento


INCENERITORE DI BELLOLAMPO - PALERMO
Negli anni 80 e primi anni 90, quando nella discarica di Bellolampo,sopra il monte omonimo che sovrasta Palermo, la spazzatura veniva bruciata a cielo aperto, il fumo prodotto, anziché innalzarsi e disperdersi nel cielo, come normalmente fà l’aria calda, si rovesciava nella valle coprendo tutti i quartieri sottostanti: Borgo Nuovo, C.E.P., Cruillas, ecc. di un denso fumo acre che toglieva il respiro. Specialmente di notte non si poteva uscire di casa, e d’estate, se si dormiva con le finestre aperte, ci si svegliava con bruciori alle vie respiratorie e agli occhi.
Nell’agosto del 1990 ho scattato alcune foto da M. Pellegrino che documentano questo fenomeno. Foto 1 scattata dalla strada che porta al belvedere di Santa Rosalia: si nota la colonna di fumo che dalla discarica và subito giù, senza il minimo accenno a salire verso il cielo.
foto 2 scattata nelle vicinanze del castello Utveggio: anche da questa foto si vede lo stesso fenomeno, ma da una distanza ravvicinata.
foto 3 scattata da sopra la fiera del Mediterraneo: si nota con molta evidenza il fumo che invade i quartieri di Bellolampo.
foto 4 scattata in via Giovanni Besio: le case sono immerse nel fumo.
Queste foto sono state scattate di mattina, quando con il calore del sole il fumo tende a disperdersi, per cui è facile immaginare quale doveva essere la consistenza della nube la sera e durante la notte. Una situazione simile ad un girone infernale.
All’epoca il problema fù risolto non bruciando più la spazzatura, ma interrandola. Ora però, se andrà in porto la costruzione dell’inceneritore, saremo punto e a capo con lo stesso problema. E anche se oggi lo chiamano termovalorizzatore per cui i fumi sono controllati e filtrati, occorre tener conto che i cittadini dei quartieri sotto Bellolampo vi starebbero immersi tutti i giorni dell’anno per tutto il resto della loro vita.
Finchè siamo in tempo fermiamo questo progetto contro la saluta nostra e dei nostri figli.

Bernardo Brusca 28.07.13 22:35| 
 |
Rispondi al commento

La vergogna continua ed i buffoni che ci governano saranno già con le chiappe a bagno a fianco delle loro amiche ed amichette. A Venezia, alla faccia di tutti i proponimenti e di tutti i solenni impegni assunti dai buffoni che si sono succeduti allo sgoverno del Paese, una squallida nave, segno del degrado estetico e morale del mondo, si permette ancora di mettere in grave pericolo una delle poche cose di vero valore ancora relativamente integre dell'Italia e per una questione di soldi e di mercato. Ma le sinistre sono impegnate in congressi, discussioni bizantine e di "portafoglio".
La cosa è tanto grave che si stenta a trovare le parole giuste per definirla.
Ma dove è il Ministro dei beni culturali ? Dove è il Presidente Letta? Sono allo stesso ridicolo livello di Boccia che ha detto che gli F35 possono anche servire per spegnere gli incendi di bosco? (Magari con una piccola piccola bombetta ad uranio impoverito.)Cari amici grillini, sicuramente arriveremo alla stanza dei bottoni ma c'è il grave rischio che le rovine siano così immani che l'impresa risulti, alla fine, inutile.
Bisogna che gli italiani capiscano presto e si decidano a difendere sia la meravigliosa Venezia, sia la favolosa Sicilia dagli inceneritori di Crocetta.
Persino la simbolica "stanza dei bottoni" verrà trovata invasa dai topi, dalle zecche ed assolutamente inutilizzabile.
Bisogna fare presto e spazzare via il letame che ci sta soffocando.
Lino C. Genova

Cavanna Lino 28.07.13 12:43| 
 |
Rispondi al commento

Crocetta è il presidente della Regione con l'appoggio del M5S, basta ritirarlo per vedere come fa subito l'alleanza con il PDL, per continuare l'agenda comune ovviamente.
C'è ancora qualcuno che sia convinto che bisogna allearsi con il PD?

Jorge Corona Commentatore certificato 20.07.13 21:46| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi, discariche no, inceneritori no. È la terza volta che chiedo lumi sul blog. Cosa facciamo dei rifiuti non riciclabili? Davvero non lo so spiegatemelo voi, la demagogia paralizza le azioni, a me pare che se si dice no a tutto si va avanti a decreti emergenziali che lasciano le discariche aperte. È quelle come noto inquinano le falde

Marco Diaco 20.07.13 12:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Troppa ideologia in ogni cosa, la verità è un treno con molti vagoni e da ognuno ne scopri un pezzetto, il petrolio del futuro sono i rifiuti, le mafie lo sanno da decenni ma lo usano male ed inquinano, ma se lavorato bene il rifiuto è una splendida opportunità per i comuni , specie i piccolini, di abbattere costi di conferimento e produrre energia elettrica e quindi incentivi per i cittadini. A brescia l'inceneritore è al centro della città...nessuno mi sembra ne possa parlar male o almeno io non ho mai sentito di epidemie o ambiente danneggiato...esistono impianti di gassificazione ad alto rendimento che abbattono completamente le diossine e restituiscono appena il 10% della materia immessa come combustibile, ergo una discarica che si completerebbe in 4 anni durerebbe 40 anni...troppo facile persuadere il cittadino col titolo rifiuti zero, una volta prodotto il rifiuto va smaltito e non seppellito o del tanto vituperato consumo di suolo le discariche saranno una componente sempre più grande...i tedeschi e gli olandesi prelevano il nostro indifferenziato e vi producono energia..sono paesi sempre citati in positivo per la loro civiltà e buon funzionamento..e allora?? cosa succede?? per i rifiuti sono degli incivili??
una discarica se mal gestita produce molto più inquinamento di qualsiasi inceneritore, anche i caminetti di casa sono dei veri e propri condotti impuri dove spesso finiscono materiali plastici e quant'altro senza controllo alcuno...se non impariamo prima a pulire noi stessi ed informarci tutti possono venderci il loro veleno come la miglior cura.

attenti al lupo..

Lucio Giardini, Silvi Commentatore certificato 19.07.13 15:34| 
 |
Rispondi al commento

Crocetta crocetta vorresti i voti del 5 stelle per fare come voleva bersani, tenerteli buoni e fare a modo tuo... crocetta crocetta dicevi di fare il bravo giurin giuretta, crocetta crocetta prepara la valigetta.

Lello Marino (marins) Commentatore certificato 19.07.13 15:13| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
L'INICENRITORE NON LO AVRANNO MIA,NON MOLLATE E NON DATEGLIELA VINTA A CROCETTA
ALVISE

alvise fossa 19.07.13 13:32| 
 |
Rispondi al commento

Salve, sono Nutrizionista, e voglio dare un consiglio per perdere peso in modo efficace, e sopratutto naturale, senza pillole e senza prodotti miracolosi, che non esistono e sono anche costosi.

Devi dimenticare tutte le diete che gia hai fatto in passato, devi capire che NON esitono prodotti Miracolosi che fanno Dimagrire,Non esistono attrezzi che fanno dimagrire, non esistono tisane miracolose.

nutrizionista 19.07.13 12:59| 
 |
Rispondi al commento

In Quanto a Crocetta Mi è simpatico.Perche è l'unico che in diretta televisiva,ha messo in discussione la Regione sicilia,dicendo che sulle spese c'èrano cifre assurde,come 400 milioni per gli uccellini di una Piazza,non ricordo bene.Per me è uno dei pochi che abbia dato trasparenza alle diciture assurde delle spese.Poi sotto non so ,ma nell'economia a reso visibile pubblicamente delle assurdita Economiche di Comune e Provincia.

Alessandro P., Roma Commentatore certificato 19.07.13 12:49| 
 |
Rispondi al commento

Perche non costruite un grande inceneritore al quirinale? meglio vicino alla finestra!
vergognatevi state portando l'italia alla rovina!


Se i Chimici Fisici,Ingegneri,inventassero un comignolo che producesse Corrente,ed eliminasse l'inquinamento non sarebbe Male.Scusate non hanno inventato la catalitica L'acqua combustibile senza Piombo,potrebbero pure inventarsi dei comignoli ecologici per gli inceneritori.

Alessandro P., Roma Commentatore certificato 19.07.13 12:44| 
 |
Rispondi al commento

Che l'inceneritore,con qualsiasi nome lo si chiami. è,evidentemente voluto dai "compagniucci" locali......che,come la solito gestiscono la politica e gli affari di sicilia...Povera Italia (specialmente del sud...)

mario vianello 19.07.13 10:21| 
 |
Rispondi al commento

Riuso e riciclo sono bestemmie per i politici siciliani (più spesso avvezzi al riciclaggio). Io abito vicino all'inceneritore Fenice di San Nicola di Melfi. Falde acquifere inquinate, i campi coltivati là intorno ormai danno prodotti incommestibili, e l'aria non è delle migliori.

Davide R. Commentatore certificato 19.07.13 02:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Insomma in Sicilia non è cambiato nulla:
se gli italiani votano sempre gli stessi ottengono sempre gli stessi risultati.

Progettare di nascosto un inceneritore è come il ladro che si nasconde nelle ombre per pugnalare alle spalle: nessuno sa nulla finchè non si vede uscire il fumo da una ciminiera e la gente inizia a morire di cancro.

Non si è ancora capito o non si vuol capire che i veleni uccidono: anche se emessi in piccola dose i loro effetti possono accumularsi nel tempo e provocare la morte specialmente nei soggetti più deboli. Purtroppo uccidere indirettamente è quasi legale, si rischia qualche piccolissima condanna ma a conti fatti gli unici a pagare sono quelli che ci rimettono la salute e per legge sono cazzi loro (il pagamento dei danni è un'utopia che comunque non faranno in tempa a vedere da vivi).

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato 19.07.13 00:31| 
 |
Rispondi al commento

Beppe per piacere organizza una manifestazione per chiedere scusa a Alma e a sua figlia. Diamo un segnale al mondo. Che gli Italiani non stanno con Alfano. E chiediamo scusa noi per lui.


ma crocetta no lo sostiene il m5stelle? allora basta togliere il sostegno...............Nel mio comune devo dividere in casa 6 tipi di rifiuti lo faccio da anni con scrupolo si potrebbe fare di più ma gli imballaggi di tutte le merci non seguono la logica del risparmio e nessuna legge ci ha mai pensato,ora perchè è cosi difficile a Napoli in Sicilia e in meridione in genere fare la stessa cosa?Senza questo sistema logico che tutti pensino a inceneritori.

silvano sotgiu 18.07.13 23:29| 
 |
Rispondi al commento

bravi ragazzi!!!!!!!!!!!!!siete grandi!!!

Luca M., Rho Commentatore certificato 18.07.13 20:47| 
 |
Rispondi al commento

Dopo la legge sul doppio voto di genere, che ha reintrodotto in Sicilia l'incubo del voto di scambio, un'altra grande delusione dal "rivoluzionario" presidente della Regione Siciliana.
Operazioni di facciata, hanno fin qui nascosto la vera natura di questo Governo: nulla di nuovo sotto il sole, un'altra occasione mancata. Pronti a continuare le nostre battaglie.
Francesco Spina, Giarre, Catania

Ciccio Spina, PIEDIMONTE ETNEO Commentatore certificato 18.07.13 20:19| 
 |
Rispondi al commento

le aliquote tares andrebbero proporzionate all'ammontare di rifuti differenziati che ogni città fa, maggiore differenziata minore tares, francamente messi come siamo messi chiedere di pagare i rifiuti mi pare proprio chiedere la luna.

FABER C., RIMINI Commentatore certificato 18.07.13 19:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Esistono moltissimi studi fatti da scienziati di fama mondiale, su come smaltire o produrne meno di "monnezza" in modo sostenibile. Morire se questi virtuosi della politica leggessero gratuitamente o chiedessero consiglio a qualcuno di questi. Solo l'interesse economico li guida e pure male! Sono arroganti, presuntuosi e non perdono occasione per fare figure vergognose. Nel blog, ho letto di gente contenta o soddisfatta relativamente agli inceneritori. Che dire: o li producono, o li gestiscono, o sono semplicemente lobotomizzati! Ancora oggi, in Vietnam, nascono bambini deformi grazie alla diossina buttata dagli Americani con il defogliante "Agente Orange" e gli inceneritori, almeno quelli nazionali, ne buttano in quantità. Incomincio a pensare che la stupidità sia causata in buona parte dalla dieta mediterranea. Lobotomizzati uniti, ricordatevi che ci vogliono moltissimi anni e relativi studi, non di parte questi ultimi, per avere un quadro rassicurante. Chissà per quale motivo terreni ed abitazioni perdono valore se in prossimità di questi ecomostri. Grazie al Movimento 5 Stelle riusciremo a "smaltire" la Casta e addirittura, senza inquinare!!!!!

Ezio Bigliazzi, Bedizzole Commentatore certificato 18.07.13 19:27| 
 |
Rispondi al commento

http://www.youtube.com/watch?v=CWXcy-xOKc8 IMPARATE DAGLI SVIZZERI COSA SIGNIFICA "RACCOLTA DIFFERENZIATA"!

salvatore giordano 18.07.13 19:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Scusate. tanto per capire come la pensate.
Per l'inceneritore forse avete ragione (intanto avete presentato una legge per ridurre gli imballaggi?) Ma secondo voi, posso bruciare la legna nel termocamino, oppure devo chiedere il permesso a Grillo?

giuseppe 18.07.13 19:00| 
 |
Rispondi al commento

basterebbe rimborsare i rifiuti e la differenziata raggiungerebbe il 100% in un lampo .
Per la copertura finanziaria ci sarebbe il cip6 , la vendita di materiali riciclati , la tassazione sui materiali non riciclabili ,il risparmio sulla sanità per il calo di tumori causati dagli inceneritori

norma . Commentatore certificato 18.07.13 18:26| 
 |
Rispondi al commento

VALENTINA SANNA SI E' DIMESSA DA PRESIDENTE DEL PD SARDO CON QUESTE PAROLE :
"Vergogna.Nella vasta gamma di sentimenti che ho provato in questi ultimi anni, e in special modo da quando ricopro un ruolo di primo piano nel Partito Democratico, questo mi mancava.Dalle primarie ritoccate per la scelta dei parlamentari, alla drammatica vicenda dell’elezione del Capo dello Stato come anticamera al calice ben più amaro del Governo “di scopo” con il PDL di Berlusconi; ai 101 parlamentari del Partito Democratico che, uccidendo politicamente Prodi, hanno gettato una prima pietra tombale sulla speranza di una qualsiasi decente prospettiva che si fondi sulla fiducia, la tensione ideale e i bisogni veri di un popolo tenuto e guardato a distanza......Sì, perché se gli eventi gravissimi che si sono succeduti dal giorno dopo le elezioni meritavano un forte e aperto dissenso verso il partito e questo governo, quelli di oggi ci consegnano il ritratto di una classe politica alla bancarotta morale e civile.Il mancato ridimensionamento dell’acquisto degli F35, promesso da Bersani e dal Pd, è il penultimo atto di arrogante noncuranza di fronte alle vere emergenze delle aziende che falliscono, di chi ha perso il lavoro, degli esodati, della scuola e dell’università che affondano sotto la scure dei tagli di bilancio.L’ultimo, è stato recapitare nelle mani di un dittatore al potere la moglie e la figlia di 6 anni del suo principale oppositore derubricandolo a imbarazzante incidente internazionale da risolversi con il prepensionamento di un opaco funzionario.Non è solo Alfano a doversene andare a casa, sia chiaro, ma tutto questo improbabile Governo e una bella quantità di Parlamentari che, equamente distribuiti tra la Camera e il Senato, sono stati nominati esclusivamente per garantire la sopravvivenza di un dannoso, pervasivo sistema di potere....Purtroppo, la nostra credibilità è andata perduta .....Lascio questo Pd ..proverò a seguire una strada più coerente.. E CROCETTA CHE FA ?

Paolo C., Roma Commentatore certificato 18.07.13 18:22| 
 |
Rispondi al commento

Bravissimi !!!! Grazie

Paolo C., Roma Commentatore certificato 18.07.13 18:06| 
 |
Rispondi al commento

Bravi ragazzi del movimento,qui per la vecchia politica fatta di appalti per lucrare abbondantemente trova più facile costruire invece di alimentare una risorsa contro lo spreco e riduzione della spazzatura.

Aldo Secco 18.07.13 18:04| 
 |
Rispondi al commento


chi vuole aderire?

https://docs.google.com/document/d/1NS5gFYtvYT3nzx9X0GuOuma4LUPXc5E60yDEh9rnpGU/edit

Aldo L., Montecretese Commentatore certificato 18.07.13 17:40| 
 |
Rispondi al commento

Ci si buttasse lui nell'inceneritore .La Sicilia deve tornare una terra incontaminata , bella e selvaggia .

Paola spagnolo, porto potenza picena Commentatore certificato 18.07.13 17:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beppe prepara l'ultima spallata , ci siamo quasi .

Davide Boccabella 18.07.13 17:29| 
 |
Rispondi al commento

si e cosa si potrebbe fare . ormai la mafia sono loro e sono peggiori , perchè possono contare su l appoggio di un intera classe politica mafiosa che sta a Montecitorio . Le stragi le ha sempre fatte lo stato , a differenza di prima si sospettava adesso è una certezza . Se vogliono l inceneritore lo avranno , usando sistemi che noi tutti sappiamo , giornali , diffamazioni e se non basta entrano in gioco i servizi segreti che fanno saltare per aria , per poi dare la colpa alla mafia è ha questo che serve Cosa Nostra specie in Sicilia che è stata per tutti questi anni usata come accumulo di tutte le malefatte fatte da chi detiene il vero potere e cioè le persone che dovrebbero servire lo stato .

GIOVANNI I., Padova Commentatore certificato 18.07.13 17:07| 
 |
Rispondi al commento

Perché no??? L'avete detto voi, a Palermo la differenziata "è pari SOLTANTO al 6%". Cosa dovremmo fare allora vivere tra i rifiuti o continuare ad incrementare delle discariche abusive gestite dalla malavita?? Per sensibilizzare realmente la gente e strutturare una città come si deve per la differenziata, oltre a tantissimi soldi (che non abbiamo) ci vogliono i TEMPI, che da NOI dire elefantiaci è eufemistico! Quindi la trovo una cosa corretta costruirlo, naturalmente dobbiamo monitorare la realizzazione dell'inceneritore secondo gli standard attuali, perché purtroppo da noi i buoni propositi finiscono nel marcio e nel disinteresse pubblico! Chiunque abbia una buona idea (attuabile) a impatto zero mi piacerebbe sentirla.

Tommaso Marchese 18.07.13 17:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Domandone.. con gli stessi soldi da investire in un inceneritore perché non costruire una filiera per la differenziata ed incentivarla al massimo, bruciando i residui di indifferenziata gia presente nel territorio in inceneritori gia esistenti? Non mi sembra una cosa assurda da fare, e mi sembra definitivo.

angelo t. 18.07.13 17:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A palermo la raccolta differenziata và con alti (pochi) e bassi (fin troppi) e fatta in zone di fascia sociale alta. che significa che la maggior parte dei cittadini non solo non sappia cos'è la differenziata ma ancora abbandona per strada di tutto, dagli elettrodomestici alle carcasse di motocicli per non parlare della carta che viene gettata dai singoli pur avendo il cestino a pochi passi.
In città la differenziata e la cultura per il passaggio ad essa è abbastanza lontana dall'essere realtà. come del resto altre cose che possono sembrare di base ma che qui sembrano chimere

francesco marras 18.07.13 16:56| 
 |
Rispondi al commento

Scusate tutti...
non ho certamente la verità assoluta, ma esistono metodi (tra l'altro ampiamente utilizzati in altre parti del mondo) che rendono GLI INCENERITORI ASSOLUTAMENTE INUTILI!
Spiegazione, molto base, ma molto pratica.
1- Intanto occorrerebbe fare delle leggi serie e univoche in tutto il paese per quanto concerne la raccolta differenziata, perché non è possibile che in lombardia ci siano 5 bidoni diversi e in sicilia 1 o al massimo 2;
2- raccolta differenziata: carta e cartone, plastica, vetro, alluminio possono essere riciclati (e in che modi...andate a cercarvi su internet www.redwave.at così per una volta facciamo vedere che oltre ad essere green siamo anche tecnologici), con bidoni differenti...non mi sembra così difficile distinguere le varie parti
3- raccolta differenziata2: l'umido, se trattato in maniera civile, può essere scaricato in apposite "vasche" create scavando per terra, e a mano a mano richiuse...la decomposizione della materia crea metano che può essere raccolto con convogliatori adatti (e facilmente smontabili), esaurita la riserva, il terreno può essere addirittura coltivabile, dopo aver tolto i convogliatori (ma scusate, il principio di creazione del compost non lo conosce nessuno?????)
4- rifiuto "secco": una volta che abbiamo già riciclato tutto quello che ho elencato, rimane davvero poco da smaltire, ovviamente da qualche parte, se non lanciarli nello spazio, tali rifiuti andranno posizionati...andate su questo sito www.matrix1.it e vedrete che abbiamo risolto in contemporanea anche un altro problema, che sta decisamente a cuore a noi 5 stelle: la cementificazione...

Ora, non credo di essere il salvatore della patria, ma dopo tutta questa manfrina che ho scritto, vorrei capire se c'è ancora qualcuno a favore degli inceneritori...(nemmeno come produttori di energia perché continuo a scrivere sul blog post in merito alle rinnovabili).

I nostri nipoti (e il pianeta) ce ne saranno grati!

Ciao!

Alberto Grimaldi 18.07.13 16:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Crocetta, la solita merda che spiega come non ci sia differenza tra i partiti, tutti, senza differenze.

Paolo B. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 18.07.13 16:48| 
 |
Rispondi al commento

Leggetelo con il cuore io ve lo scrivo nella speranza che capiate e che vi si aprano gli occhi
Ci sono delle nazioni e ce’ l’europa
I padri fondatori immaginavano un europa unita di nazioni
Popoli che si integravano tra di loro fino a formare un unico continente il continente europeo
Questo e’ stato fatto solo in parte
Si e’ provveduto infatti a fare come primo passo di unificazione europea quella monetaria che ha di fatto passato la sovranita’ finanziaria dei paesi firmatari del ‘ trattato alla bce e con lei alla finanza
Ecco che adesso e’ la finanza a dettare le regole
Il vero nemico del europa e’ la finanza e con lei l’euro
Se ogni nazione europea uscisse dal euro ogni rapporto con loro non avrebbe piu’ senso , visto che il commercio si sposterebbe sulle altre valute

filippo bacilieri, filo426@libero.it Commentatore certificato 18.07.13 16:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vivo a Palermo, non è per difendere Crocetta, io sono contraria agli inceneritori, ma Bellolampo è da anni una discarica a cielo aperto. Come dovrebbero essere smaltiti tutti questi rifiuti? Molti di noi non fanno la raccolta differenziata perchè sappiamo che tutti i rifiuti finiscono nella stessa discarica e non vengono riciclati affatto (mi riferisco al quel misero 6%).

Agnese Da Palermo 18.07.13 16:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

a busto arsizio lo abbiamo da decenni l'inceneritore, non siamo mica morti, spazzatura sulle strade non ce n'è e la vira media è tra le più alte d'italia, certo deve essere gestito bene

roberto garzeni 18.07.13 16:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

fra i diviedi sul p i coenti dovrebbe esseri anche il divieto acmmenti cretini

antonio presepi 18.07.13 16:15| 
 |
Rispondi al commento

Falsi fino alla fine,Crocetta il bacia mani.

Giovanni cococcia, cgdesigner@tiscali.it Commentatore certificato 18.07.13 16:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma stiamo scherzando?
Ma come la si vuole smaltire la spazzatura in questo mondo?La buttiamo a mare?O ce la teniamo per strada???
Se tutta la filiera è gestita a regola d'arte l'inceneritore è un'ottimo mezzo perche si produce energia!
Invece no, continuiamo a foraggiare gli inceneritori tedeschi, francesi, svizzeri che siano..oltrettutto a nostre spese!

Il pelvio 18.07.13 16:07| 
 
  • Currently 4.6/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quanta ingenuita'!
L'ideologia di questo signore prevede l'uso di ogni mezzo pur di raggiungere lo scopo. Davvero vi eravate illusi? Quell'deologia si e' solo adeguata ai tempi.
Ros

.

Rosella F., Cosenza Commentatore certificato 18.07.13 16:01| 
 |
Rispondi al commento

Io un inceneritore gli lo metterei dentro il comodino
E uno in bagno ed un altro in sala da pranzo uno in ingresso anche in cucina non sta male
Ma per l'Europa il 2020 no e la data limite per gli inceneritori ?

Riccardo Garofoli 18.07.13 15:47| 
 |
Rispondi al commento

Guarda, guarda chi lo avrebbe detto le eco-balle o meglio le balle senza eco di Crocetta il principe dell'inganno.

Riccardo Parodi, Recco Commentatore certificato 18.07.13 15:47| 
 |
Rispondi al commento

Da Crocetta non me lo aspettavo,ma mi sono sempre chiesto come mai non lo avessero ancora ucciso....... pero informiamoci bene e diamogli la possibilità di spiegare o magari di tornare sui suoi passi

Simone Alonzi, Perugia Commentatore certificato 18.07.13 15:45| 
 |
Rispondi al commento

Non lo permetteremo!!!Grazie...Beppe!!

rossella t., muggiò Commentatore certificato 18.07.13 15:43| 
 |
Rispondi al commento

Uno serve per incenerire la carogna politica di crocetta altrimenti puzza di piddino che appesta

Riccardo Garofoli 18.07.13 15:42| 
 |
Rispondi al commento

In Sicilia la maggioranza conta?
O Vi serve una lupara?
Fate i nomi e i cognomi degli infami.

Ivan I., Genova Commentatore certificato 18.07.13 15:40| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori