Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il Governo continua a comprare armi

  • 52


spese-militari.jpg
"Le spese militari continuano ad aumentare in modo spaventoso. Ma nessuno sembra accorgersene perché sono nascoste nelle voci di bilancio che ricadono sullo Sviluppo Economico e non sul Ministero della Difesa. L'inchiesta sul numero de "l'Espresso" in edicola oggi" Paolo M.

23 Ago 2013, 15:10 | Scrivi | Commenti (52) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 52


Tags: Afghanistan, Di Battista, Di Stefano, Espresso, F35, Letta, spese militari

Commenti

 

Ho un dubbio.A cosa ci servono i sottomarini acquistati dalla Germania,per salvare i naufraghi al largo di Pantelleria o per attaccare la Siria ?
Invece non ho nessun dubbio sull'uso che vogliono fare PD+PDL+SCELTA CIVICA degli F35, infatti per salvare i naufraghi ci vorrebbero degli idrovolanti non dei caccia bombardieri.

Paolo C., Roma Commentatore certificato 26.08.13 17:32| 
 |
Rispondi al commento

Li vogliamo per le nostre strade i Militari per avere la libertà' di uscire tranquilli anche di notte,e non come oggi avere paura anche di giorno.

Fonzy o Milionario 24.08.13 18:44| 
 |
Rispondi al commento

Rispondo a : Vit Ferrar (uolverin) Non so Lei di dove è'. Io sono dell'IRPINIA e il Terremoto del 1980 lo ricordo molto bene,e ricordo anche che se non veniva il giorno dopo il PRESIDENTE DI TUTTI GLI ITALIANI IL GRANDE PERTINI. Che fece un Discorso Molto Pesante nei confronti di tutte le Forze dell'Ordine che non avevano ancora organizzato i soccorsi.Pensa che arrivarono prima i Soccorritori Stranieri e poi i Nostri.I nostri erano in Missione ?


Fonzy o Milionario 24.08.13 18:24| 
 |
Rispondi al commento

Se non fossero degli IPOCRITI anziché occultare le spese militari sotto il tappeto dello "Sviluppo Economico" avrebbero già istituito un bel MINISTERO DELLA GUERRA, perché alla fine questo si fa, da bravi servi della NATO. Ma non si ha il coraggio di chiamare le cose col loro vero nome.

Alessandro B., Torino Commentatore certificato 24.08.13 18:18| 
 |
Rispondi al commento

Ricordatevene ogni volta che vi sentirete "responsabilmente" rispondere: "MA MANCANO LE RISORSE".
Chissà come mai, crisi o non crisi per la spesa bellica le risorse si trovano sempre.

Alessandro B., Torino Commentatore certificato 24.08.13 18:13| 
 |
Rispondi al commento

i soliti slogan... nel video si parla di 25 miliardi l'anno, su 800 che costa il barraccone Italia.. io faccio una piccola proporzione, voi?
Se poi pensiamo che internet, navigatori satellitari, cellulari, e migliaia di diavolerie che usiamo tutti i giorni sono solo delle "civilizzazioni" di prodotti militari, mi chiedo senza quelle spese, il m5s esisterebbe?
La guerra èsbagliata, ma bisogna prepararci ad affrontarla, nel 1980 in irpinia dopo poche ore dalla scossa che uccise centinaia di persone, reparti dell'esercito erano lì ad aiutare, e questo accade ancora oggi, ogni volta che succede una calamità loro ci sono, sempre, nn come i volontari che possono dire di no... pensateci prima di parlare a vanfera, perchè è facile parlare, il difficile è agire.
per ultimo il m5s nn ha una polita estera....che volete fare, come i talebani? overo chiudere le frontiere? isolarci dal mondo? se nn si hanno alternative come possono dire che cio che si fa è sbagliato?
io rimango sempre più deluso...

Vit Ferrar (uolverin) Commentatore certificato 24.08.13 14:48| 
 |
Rispondi al commento

.....è per quello che devono andare a casa tutti!!! Solo così si potranno attuare i cambiamenti veri della politica italiana!!!
A CASA ...FUORI DAI COGLIONI!!!!

Belle'Luciano 24.08.13 11:28| 
 |
Rispondi al commento

Le spese improduttive sono solo quelle militari. Il personale FAO, ONICHRIM e delle ONG, che distribuiscono decidendo il denaro dato dagli stati, sono pagati meno. E se parifichiamo le spese dei mezzi e delle strutture in relazione alla capacità, siamo sicuri di chi costi meno. I volontari sono effettivamente sempre volontari, oppure si sono create strutture che vanno a sostituire l'intervento dello stato, necessarie, ma non abbassandone i costi. Ricordate le due ragazze, pagato il riscatto dallo stato, giustamente, dopo un mese sono ritornate sul posto a prendersi il loro abbondante stipendio come riportato dai giornali. Il M5S non ha una onivoca politica estera e lo dimostra con le varie anime interne. Chiudiamo le missioni militari estere, ora che la crisi economica é assillante e se l'intervento lo chiede l'ONU per motivi umanitari, rifiutiamo! I primi soccorsi a seguito di catastrofi, sono fatti dai militari. Risparmiato il denaro delle missioni e dell'apparato militare, decretate dalla politica di governo-parlamentare, anche con il voto di minoranze, lo destiniamo alle esigenze economiche interne, quali sviluppo, assegno minimo, politiche sanitarie, sicurezza, oppure supportare sul posto i bisognosi a seguito del ritiro delle truppe, per evitare le emigrazioni-immigrazioni, i respingimenti o le accettazioni a tutto campo è una via da percorrere. Riequilibrare le spese in ragione delle esigenze-emergenze é sempre bene, ma nessuna categoria di lavoratori e di dipendenti civili o militari é da considerarsi parassita, se non a seguito del personale comportamento. Chi disprezza, sia almeno cosciente che l'uomo militare e non l'apparato-stato-politico di turno, ha dato la vita affinché possa esprimere la sua opinione. Le distorsioni hanno radici diverse, ma si rifanno sempre all'uomo di e al potere, di qualunque estrazione politica sia.

flavio daniele 24.08.13 09:34| 
 |
Rispondi al commento

Siamo nella NATO. Soprattutto usciamo sconfitti dalla seconda guerra mondiale. Quando perdi la guerra perdi la sovranità, che rimane di facciata e vuota di sostanza. Tant'è che 70 anni dopo oltre 60.000 soldati americani sono sul nostro territorio. Per difenderci? Da chi? È molto semplice anche se nessuno lo dirà mai: noi siamo obbligati ad avere la politica estera che abbiamo, a partecipare alle cosiddette missioni di pace, a comprare un quantitativo previsto di armamenti. Non c'è scelta. Prendetene atto e rassegnatevi. Gli equilibri delle guerre passate si sposteranno con le guerre future. Mi auguro di non vederle mai.

Marco Diaco 24.08.13 09:01| 
 |
Rispondi al commento

La guerra alla Siria è alle porte Assad stava vincendo e provvidenziale arrivano le immagini di morti al gas nervino (mossad?), gli stati uniti già ammassano navi sul mediterraneo, poi toccherà all'iran...intanto della libia non si sa più niente sbarchi a ripetizione ma tanto secondo la propaganda li adesso senza gheddafi è il bengodi un pò come in iraq senza saddam

Massimo P., Sinnai Commentatore certificato 24.08.13 08:17| 
 |
Rispondi al commento

VERGOGNA!

mara b., Castiglione delle Stiviere Commentatore certificato 24.08.13 01:23| 
 |
Rispondi al commento

l'esercito è come il cane da guardia che ci si mette in casa per proteggersi dai ladri,se non gli dai da mangiare tutti i giorni può succedere che ti morde.

giorgio p., san vittore olona Commentatore certificato 24.08.13 00:02| 
 |
Rispondi al commento

é una dittatura!!!!!!!!!!!

Maria Marcianò 23.08.13 23:35| 
 |
Rispondi al commento

senza spese militari il buon senso direbbe che in effetti non sta in piedi l’idea di avere un esercito, e l’idea di non avere un esercito è meravigliosa (guardate il Costa Rica fa certo molta invidia!) finché non si coglie il fatto ovvio che se si toglie l’esercito a protezione dei confini, anche lo Stato perde di senso e di significato.
Tutta l’economia reale dallo Stato riceve solo diktat e prelievi fiscali senza poterne mai avere il controllo di spesa, lo Stato è diventato il padrone e il padre, eroga sanità, scuola, lavoro, pensioni ma non riesce a salvaguardare i monopoli delle reti di trasporto e di comunicazione, o delle public utilities, perché essendo occupato dalle mafie e dalle cricche cede ciò che vale ai privati per poi portare al bilancio pubblico le perdite (Alitalia, Telecom, Eni e Enel)
In ogni ambito delle attività che tutti svolgiamo è chiaro quale risparmio immenso sarebbe ricondurre tutte queste attività alle sole attività produttive, vedendo tramontare in un attimo tutte quelle oggettivamente inutili e parassitarie come sono anche le spese militari che, come si comprende bene, servono solo a giustificare l’esistenza dello Stato stesso.

qui il post completo:

http://barraventopensiero.blogspot.it/2013/07/il-popolo-ignorante-non-capisce-perche.html

Gilda Caronti, Milano Commentatore certificato 23.08.13 23:03| 
 |
Rispondi al commento

E abbiamo le scuole pubbliche che cadono a pezzi, una vergogna!

E questi dicono di pensare al bene del paese, a voi le conclusioni!

Alex, MB 23.08.13 22:17| 
 |
Rispondi al commento

LO SPANDING REVIEW
Gradiremmo un resoconto di Massimo Artini in proposito, visto che è vicepresidente della commissione difesa alla camera e dovrebbe avere libero accesso a tutti i documenti. Spero che non ci sia una secretazione sulla parte economica come su quella delle strategie militari, che nel caso italiano fanno solo che ridere e piangere tante famiglie di nostri connazionali militari dislocati all'estero. Nei punti cruciali devono andarci i graduati di alto lignaggio, invece di starsene dietro una scrivania ministeriale.

Massimo C., Roma Commentatore certificato 23.08.13 22:05| 
 |
Rispondi al commento

Per non parlare che quando c e una missione sia militari, g di f, cc, ecc ecc si fanno raccomandare per andare in quanto prendono più soldi in media quello non graduato guadagna a fine mese quasi 5.000€ pensate i graduati . Bisogna togliere le indennità di missione in quanto questi signori quando fanno il concorso sanno che non vanno a fare gli operai ed allora non vedo giusto che prendano soldi in più x andare in missione , se vogliono i soldi di missione quando stanno in caserma e tutto il giorno allo spaccio senza fare nulla e pagati da noi non devono prendere lo stipendio

massimiliano o., roma Commentatore certificato 23.08.13 21:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi ricorda qualcosa, una notizia di un anno fà, cerco su internet ecco dei titoli a caso :

"i greci sono alla fame, ma hanno gli arsenali bellici pieni. E continuano a comprare armi.

" La Grecia costretta a comprare armi da Germania e Francia. Come lo vogliamo chiamare, ricatto? "

Da chi acquistiamo le armi noi ?

caterina c. Commentatore certificato 23.08.13 20:52| 
 |
Rispondi al commento

Dal bilancio Statale del 2012, sommando le voci delle spese relative alla sola difesa spendiamo 62.724.646.460 di Euro ripartiti nel:
Ministero della difesa (19.962.131.128)
Ministero dell'economia e delle finanze (4.553.929.312)
Ministero degli affari esteri (474.890.944)
Ministero infrastrutture e trasporti (721.559.639)
Ministero dell'Interno (29.410.011.326)
Ministero della Giustizia (7.372.564.153)
Ai quasi 63 miliardi bisogna aggiungere altre spese, sempre relative alla difesa sostenute da comuni, province, regioni.

Giusy Romano Commentatore certificato 23.08.13 20:49| 
 |
Rispondi al commento

Questo governo non lo reggo più..non tagliano uno spreco e un privilegio nemmeno a morire...
Invece per la scuola ancora tagli,infatti tutti i risparmi fatti con stipendi bloccati e con tagli di personale, invece di investirli in formazione e personale ( le classi ormai sono di 30 bambini)...li hanno presi per fare altro dirottati in altri settori forse per la loro tredicesima o per pagare qualche pensione d'oro. Vergogna.

caterina c. Commentatore certificato 23.08.13 20:46| 
 |
Rispondi al commento

vogliono attaccare l'IRAN.MA QUESTA VOLTA SI FARANNO MALE MOLTO MALE!

massimiliano marzini, cecina (livorno) Commentatore certificato 23.08.13 20:22| 
 |
Rispondi al commento

è un falso problema, l'importante è che i soldi vengano dati in stipendi oppure spesi per comprare prodotti italiani, in questo modo favoriscono la ripresa dei consumi.
Se poi sono cifre non sostenibili, allora basterà inventasse quarche nuova tassa od aumentà quelle esistenti.
il problema attuale sono i miliardi di euri pagati come interessi sui titoli di stato in mano a finanziarie e banche estere, ma se il bobbolo taiano fosse educato dalla televisione a comprare prodotti ESCLUSIVAMENTE made in italy, potremmo superare alla grande questa recessione

fracatz 23.08.13 19:41| 
 |
Rispondi al commento

Come in Grecia; ci ridurranno come dei pezzenti. Pezzenti fuori naturalmente, non pezzenti dentro come loro: canaglie, cariatidi putrefatte, carogne puzzolenti. baffetto, amato(quandomai), napisan, dini, rigor montis, mortadella, scalfaro, demichelis, fini, maroni... Non avreste il coraggio di salire in un pullman come i grillini veroooo? Paura di andare a trovare craxi, padoaschioppato, andreotti e cossiga via appennini veroooo?
Vi auguro di vivere quotidianamente nel terrore di tutto e di tutti. Non meritate altro.

Vittorio DIncaLevis, Pordenone Commentatore certificato 23.08.13 19:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vogliamo parlare dell'efficenza dei militari?
Luglio e agosto tutti in ferie, caserme semideserte.. Sperando che nessuno decida di invaderci! Imparate un mestiere và..

Michele Crosato Commentatore certificato 23.08.13 19:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Secondo me fan bene perchè, come da ladra disse la minestra nera del governo barzel-Letta, la terra è di chi la sà difendere dai troppi sbavanti taglia-gola che vorebbero "espropriare" la nostra casa: l'Italia.

Andrea Jagher 23.08.13 19:11| 
 |
Rispondi al commento

Un esempio di quello che dico nel commento precedente qui sotto:
Olof Palme, fu Primo Ministro in Svezia.
Condusse una vita politica coraggiosa e rischiosa in chiave internazionale, opponendosi alla guerra nel Vietnam, all'apartheid e alla proliferazione delle armi nucleari.
Fu ucciso nel 1986 mentre era in carica,
si ipotizza un coinvolgimento della CIA e della P2.

http://it.wikipedia.org/wiki/Olof_Palme

Nicola Nicolini Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 23.08.13 18:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questo post si mette giustamente di traverso rispetto a poteri forti che influenzano pesantemente le scelte di governi di centro-destra-sinistra e chi più ne ha più ne metta.
Dietro le quinte le lobbies delle armi comandano a bacchetta Primi Ministri e non solo in Italia, imponendo spese faraoniche contro il volere della maggioranza dei cittadini.
Vedi il caso F35 in Italia.

Per vincere una battaglia del genere contro questi poteri ci vuole molta consapevolezza e sostegno da parte dell'opinione pubblica.
Consapevolezza che queste lobbies hanno usato tutte le strategie per imporre politiche pro-armamenti, fino ad arrivare a colpi di Stato e omicidi eccellenti.
Non è proprio una passeggiata.
Contro questi si vince solo con un grande sostegno popolare.
Più di quello che ci servirà per mandare a casa
Berlusconi-D'Alema(Renzi)-Monti.

Nicola Nicolini Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 23.08.13 18:45| 
 |
Rispondi al commento

Siamo all'ennesimo acquisto...
ad ogni famiglia viene estorto una parte dei suoi guadagni per armamenti e aerei F35, gli italiani rimangono zitti in silenzio mentre avviene il tutto alla luce del sole, anche se non sotto i riflettori dell'informazione.
Proprio in questo periodo di tirare la cinghia e risparmiare, ogni padre di famiglia è disposto a sacrificarsi per una sorta TANGENTE LEGALIZZATA che serve a ingrassare le industrie belliche e produrre morte, oltre a tutti gli altri soprusi, questo è il più grande scandalo del cittadino italiano, non quello che stanno facendo i già conclamati malfattori della casta.
Un popolo che intercede ai capricci di un manipolo di farabutti che in qualsiasi altro paese civile non avrebbero modo di sopravvivere.

sergios g Commentatore certificato 23.08.13 18:10| 
 |
Rispondi al commento

E' e rimane una farsa trita e ritrita. Da una parte coloro che non vogliono un esercito e dall'altra coloro che lo vogliono per svariati motivi, non ultimo quello economico! Personalmente ritengo che l'Italia debba aborrire la guerra inogni sua forma ed in tal senso eliminare esercito, marina ed aviazione! In ogni caso rimarrebbero sempre piu' di 500mila in armi raprresentanti delle molteplici forze di polizia........ anch'esse da riformare e ridimensionare in specialmodo i dirigenti superpagati e con innumerevoli favoritismi sia in servizio che inpensione!!! Insomma c'e' da lavorare parecchio per rendere questo paese civile e degno di viverci per noi e per i nosti figli e nipoti!!!!

Giorgio D., Roma Commentatore certificato 23.08.13 17:35| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
DEVONO FINIRLA DI FARE I "GIOCHETTI" CON I NOSTRI SOLDI,FEMATELI E PUBBLICATE
ALVISE

alvise fossa 23.08.13 17:20| 
 |
Rispondi al commento

MANCA LA COPERTURA PER ABOLIRE L'IMU SULLA PRIMA CASA: A DICEMBRE SI RISCHIA DI PAGARE
Ma per queste porcate da MAFIOSI i soldi li trovano sempre.
SPEZZEREMO LE RENI A QUALCUNO! SPESA RECORD PER LA DIFESA: 14,4 MILIARDI NEL 2013 (+800 MILIONI RISPETTO AL 2012) -
Pensioni da fame? Tasse alle stelle? Per gli armamenti l’Italia non bada a spese! Nel 2013 i fondi stanziati per la Difesa saranno 14,4 miliardi - Mistero sui costi del caccia Eurofighter: costeranno 21,1 miliardi - Pioggia di miliardi anche per droni, blindati, satelliti e ogni altra diavoleria
Tagli alla Difesa italiana? Non pervenuti. Anzi, quest'anno i fondi per l'acquisto di armamenti aumentano in modo clamoroso rispetto al 2012: complessivamente saranno 5,5 miliardi di euro, grazie al contributo del ministero dello Sviluppo Economico che mette a disposizione 2.182 milioni per comprare sistemi militari. Lo rivela un'inchiesta sul numero de "l'Espresso" in edicola domani.
Gran parte di questi soldi servono per finanziare l'acquisto dei caccia europei Eurofighter.


http://funsalto.blogspot.it/2013/08/tappeto-elastico-funsalto-trampolino.html#comment-form


faccio conoscere il mio blog premettendo che sono del movimento......


D'Alema: "Vinciamo con Renzi, ma italiani amano pregiudicati come Grillo e Berlusconi".

http://www.today.it/rassegna/dalema-cuperlo-segretario-renzi-premier.html

Giorgio Fiandrino , Buriasco Commentatore certificato 23.08.13 17:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

dal nr dei commenti si capisce quanto questo problema interessi gli italioti. Siamo proprio un popolo di pecore!

pier b. Commentatore certificato 23.08.13 17:02| 
 |
Rispondi al commento

Salve,
fermatevi un attimo a riflettere....immaginate un mondo senza armi. Come può un essere umano costruire e produrre i mezzi per distruggersi ! per distruggere se stesso ! Assurdo.... Nel 2013 con una società giunta ad un certo livello di sviluppo produciamo armi per distruggere la nostra stessa specie. E' impensabile per chi ha cervello per pensare. Bisogna battersi per il disarmo mondiale e quindi la chiusura o trasformazione delle imprese che producono tali armi.

domenico laurenza 23.08.13 16:58| 
 |
Rispondi al commento

Raga qua ragioniamo sempre di miliardi...gli diamo una mano a questi?
Se non fate offerte almeno divulgate!! :) un sorriso non si nega a nessuno

http://www.ebay.it/itm/181201882447

Andrea 23.08.13 16:46| 
 |
Rispondi al commento

A parte la consapevolezza di essere governati da degli animali, (spero che gli animali mi perdoneranno per questo paragone) in questo commento voglio solo ringraziare i nostri cittadini in parlamento. Quando vi arrabbiate e li prendete per il c..o, vi voglio talmente bene che arrivano quasi sempre le lacrime. Vi ringrazio con tutto il cuore per questi momenti. Siete la mia scelta, le mie parole, il mio futuro, la mia speranza. Grazie.

Susanna Sbragi, Arezzo Commentatore certificato 23.08.13 16:37| 
 |
Rispondi al commento

Ci sono delle parole che non legano assolutamente ne con l'Italia ne con gli italiani . Una di queste e la guerra giustamente ripudiata in costituzione
Un altra e armamenti che in mano a noi sono una CALAMITÀ naturale ,altra spendere abbiamo un buco finanziario immenso un altra e generali ammiragli e tutto lo stato maggiore altri soldi e bocche da sfamare
Il peggio e la nostra considerazione internazionale che non migliora con le missioni militari anzi sono peggiorative
Spesso i generali fanno accordi sotto banco con i Rais locali per tenerli tranquilli con una dazzione di prebende che comprendono
tutto Gino Strada me conosce alcune
E gli alleati che si lamentano per i compromessi fatti , quando c'è il cambio di guardia chi va al posto degli italiani trova cose invereconde

Riccardo Garofoli 23.08.13 16:01| 
 |
Rispondi al commento

In questo paese dove non funziona nulla e nessuno controlla nulla
Un paese in stato confusionale acquistare armi aerei sommergibili e quant'altro e un idiozia
Chiudono ospedali per fare un accertamento clinico ci sono liste d'attesa epocali
Loro comprano i giocattoli per quella pletora di politici e alti ufficiali
Il dipartimento della difesa deve andare al minimo regime possibile quello che occorre per sopravvivere e ridimensionare tutto l'apparato inutile soprattutto dannoso in mano a degli politici falsi e ipocriti
Ma anche il gran capo è di idea diventa nel consiglio di guerra

Riccardo Garofoli 23.08.13 15:45| 
 |
Rispondi al commento

Noi vogliamo il disarmo globale! anche perchè sta scritto nella Costituzione a chiare lettere almeno per quello che riguarda l'italia... bravi!

Filippo D., roma Commentatore certificato 23.08.13 15:36| 
 |
Rispondi al commento

certo, gli aerei per rilasciare le scie chimiche costano. carburante, personale, sostanze chimiche.... chi dice che le scie chimiche non esistono, è esattamente colui che aiuta questi criminali a continuare.

gion el vazzor 23.08.13 15:29| 
 |
Rispondi al commento

Li vojo vede affoga in un mare de sputi
Che ve pjasse un corpo secco morti stecchiti
So peggio de na zecca succhiano sempre sangue aumentano tutto pe annasse a compra li fucili le armi
Li mortacci vostri e de chi ve tiene in vita

Riccardo Garofoli 23.08.13 15:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori