Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La strage degli innocenti della Terra dei Fuochi

  • 221


strage_innocenti_terra_fuochi.jpg

Immagine: particolare della "Strage degli innocenti" di Giotto

In Italia non paga mai nessuno, ma per questi delitti, questa volta, qualcuno deve pagare

di Ilaria Puglia, pubblicato il 17 luglio su Parallelo 41, in occasione dell'imminente visita del ministro De Girolamo nella Terra dei Fuochi
"Caro ministro De Girolamo, che tra due giorni sarà qui, nella Terra dei Fuochi, vorrei raccontarle una storia, anzi, tre. Da donna a donna, da mamma a mamma. Vorrei spiegarle come l’assenza di controlli sui prodotti agricoli (perché in Campania i controlli non sono affatto capillari come dovrebbero) uccide. Come le mancate bonifiche uccidono. Come la dieta mediterranea (al veleno), da lei lodata, fatta a Caivano, Acerra, Giugliano, Orta di Atella, Succivo, Marcianise, e via dicendo, uccide. Le racconto la storia di Mesia, Francesco e Luca, 4, 8 e 19 anni. In genere i bambini e i ragazzi si descrivono per i tratti del viso o i giochi che amano di più, ma non stavolta. Stavolta glieli indico per quello che li ha portati alla morte: tumore, leucemia, inquinamento, Terra dei fuochi, follia. I loro genitori sono strani, sa? Sono intontiti dal dolore. Hanno una ruga profonda sul viso e occhi spenti. In quegli occhi, per quanti sorrisi possano venire dai figli rimasti, i fratelli, e dalla vita che ricorda ogni giorno che bisogna andare avanti, ci sarà per sempre un velo di opacità. Mai più trasparenza, mai più innocenza cristallina. L’innocenza, in quei genitori, è morta. Con Mesia, Francesco e Luca.
Antonella e Pasquale sono i genitori di Francesco De Crescenzo. Anzi, erano, perché Francesco non c’è più. È morto a 8 anni per un osteosarcoma con metastasi polmonari. Parole che suonano ancora più violente se associate a un bambino, parole che quel bambino non poteva capire. E che invece hanno dovuto capire, in qualche modo, i suoi genitori. Antonella e Pasquale hanno rispettivamente 36 e 40 anni, altre due figlie più grandi e la morte nel cuore. Abitano a Marcianise. Nella terra dove altre persone come loro hanno deciso di interrare rifiuti tossici, veleni e ogni porcheria che si possa immaginare. Francesco era un bimbo sorridente e gioioso, sa, uno di quelli vivacissimi che scendono le scale a due gradini alla volta perché sembra abbiano fretta di vivere.
Un giorno, a 6 anni e mezzo, Francesco si sveglia con un forte dolore alla gamba. I genitori, naturalmente, pensano subito a una botta, a uno strappo, perché il piccolo corre sempre, proprio non gli riesce di stare fermo. “Non avevamo idea”, dice Antonella. E come avrebbe potuto immaginare? Suona terribile anche solo a pensarla, una cosa simile. La pediatra quasi si infastidisce per tanta insistenza, da parte della mamma, a fargli fare una radiografia: “Disse che noi mamme siamo sempre troppo apprensive...”, racconta Antonella. E infatti gli prescrive una cura con una pomata e niente radiografia. Dopo 5 giorni, Francesco ancora si lamenta, non dorme più dal dolore. I genitori lo portano di nuovo dalla pediatra ma trovano la sua sostituta: la gamba di Francesco è gonfia e calda. “Ci disse di andare di corsa all’ospedale di Caserta – racconta Antonella – che avrebbe anche chiuso lo studio per accompagnarci, se volevamo”. A Caserta l’ortopedico lo capisce subito, appena vede l’orrore celato in quella gamba. Fanno finalmente la tanto desiderata radiografia e all’improvviso la dottoressa con la lastra in mano inizia a chiamare altri medici, tanti, nessuno parla. Tutti guardano la radiografia. Muti. L’ortopedico, alla fine, sentenzia: osteosarcoma con metastasi polmonari, il tumore più frequente in età pediatrica. Sa, ministro? Un’alta percentuale di casi di osteosarcoma si registra nelle aree altamente inquinate. “Era il 27 dicembre 2011 – continua Antonella – non dimenticherò mai quella data”. Francesco è morto per le metastasi, il 30 giugno scorso, dopo un anno e mezzo di calvario e 24 chemioterapie. A 700 metri da casa sua abita un’altra bambina malata. E non solo lei. Già, il caso. Colpisce sempre gli innocenti, il caso. Il medico del Pausillipon che li prende in cura durante la malattia di Francesco dice chiaramente ai genitori che la causa di questo orrore può essere l’inquinamento. “Francesco giocava e io preparavo la valigia per andare a fare le chemio – è questo il ricordo della mamma – Con lui non ho mai usato la parola ‘chemio’, la chiamavo solo ‘terapia’”. Per proteggerlo, come se potesse, Antonella. Aveva tanta voglia di vivere, Francesco: “Mica devo morire, mamma?” chiedeva a chi gli aveva dato la vita, come se solo lei potesse rispondere. Al papà, invece, chiedeva aiuto: “Papà, aiutami tu”, diceva. “E io mi sentivo un vigliacco impotente”, dice Pasquale. Ora Antonella e Pasquale sono rimasti con le loro due figlie e ogni volta che una delle due sta poco bene entrano in ansia. “Ultimamente mia figlia si lamentava per il mal di testa – racconta Antonella – le ho fatto fare la risonanza”. Pasquale non vuole andare via da Marcianise: “E perché devo andare via? Per fare spazio a chi ha ucciso mio figlio?”, domanda. E noi restiamo in silenzio.
In ospedale Francesco ha conosciuto Mesia Nasi, 4 anni, di Succivo. C’è una foto che li ritrae insieme mentre giocano sul lettino, senza capelli ma sorridenti. Imma, la mamma di Mesia, sembra una bambina. Ha occhiali dalla montatura sottile e occhi innocenti e puri: “Io la mia lotta l’ho persa – esordisce – vivo per proteggere l’altro mio figlio che ha 3 anni. Se non ci fosse stato lui io ora forse non sarei qua”. Quando ha 3 anni, nel 2012, Mesia inizia ad accusare un dolore nel fianco, tanto da chiedere di continuo al padre di portarla in ospedale perché si sente male. E così inizia il giro dei reparti e dei medici. Qualcuno le diagnostica un accumulo di feci: una massa di 12 centimetri sotto il rene liquidata come stitichezza. Ma il pediatra di famiglia si insospettisce e li manda all’ospedale di Caserta. Da lì al Pausillipon il passo è breve. La diagnosi è una rasoiata in faccia: neuroblastoma surrenale. Sa, ministro? Negli ultimi anni diversi casi di neuroblastoma si sono registrati in Puglia, nella zona di Margherita di Savoia, dov’è attiva un’azienda chimica. Mesia viene operata, ma dopo due giorni il male ricompare, più forte di prima. La massa si riforma: 8 cm in due giorni. Un’aggressività mai vista: normalmente ci vogliono 5 mesi per raggiungere una dimensione simile. “Non ce l’aveva quando la portavo in grembo – si arrabbia Imma – In gravidanza sono stata seguita da un genetista perché abortivo. Mia figlia era sana”. Imma è molto attenta all’alimentazione della sua piccola, come tutte le mamme: brodino con verdure fresche, minestrone, lenticchie. Si fa comprare sempre sedano, carote e pomodori da sua mamma per il brodino vegetale. E adesso non si perdona. “Ci mandano a morire come gli ebrei ad Auschwitz – dice – Quello che vorrei dire, in piazza, è che quello che ha respirato mia figlia l’hanno respirato anche i loro bambini. Ho accompagnato mia figlia in chiesa per il suo funerale, ma avrei dovuto accompagnarla per la prima comunione, o per sposarsi! Quello che vorrei si capisse è che può capitare a tutti: il brodo lo danno tutti ai propri figli. Quella è una cellula che parte, basta pochissimo”. Mesia è morta a 4 anni, il 26 febbraio 2013.
E poi c’è Luca Lampitelli, 19 anni, di Orta di Atella. Quando incontriamo sua madre Angela (occhi azzurro mare e una dignità che solo gli sconfitti silenziosi hanno) crediamo di aver già sentito tutto ciò che le nostre orecchie e il nostro cuore di genitori può sopportare. E invece no, ci sbagliamo. Il calvario di Luca è durato più di 2 anni. Una storia in cui il Natale ricorre come un incubo: “Sono anni che non festeggiamo neanche più”, racconta Angela. Inizia tutto quando Luca ha 16 anni: all’inizio di dicembre 2009 viene colpito da una febbre continua. Un ragazzo attivissimo, che non si ferma mai, grande tifoso del Milan. Al pronto soccorso di Frattamaggiore gli danno l’antibiotico, ma al terzo giorno Luca diventa verde: non ce la fa a camminare ed è sempre stanco. Lo trasportano d’urgenza al Cardarelli e lì gli diagnosticano la malattia: leucemia linfoblastica acuta, una patologia tra le cui cause c’è l’inquinamento. “Nel reparto vedevo tutti senza capelli e non capivo cosa mi aspettava – racconta Angela – Anche Luca si interrogava e le altre mamme mi abbracciavano e piangevano”. Le prime chemio iniziano alla vigilia di Natale. Luca risponde bene, non si abbatte, è lui a consolare sua madre. Passano le feste in ospedale. Ad Angela dicono che gli hanno applicato il protocollo dei bambini, più efficace, e che starà bene. Ad agosto 2010 completano il primo ciclo della terapia, con le radio. Al controllo, a settembre, risulta tutto in ordine, ma a novembre entra di nuovo in terapia. Prima di allora i medici non hanno mai parlato della necessità di un trapianto. Quando gli chiedono dove preferisca farlo, Luca sceglie il San Martino di Genova perché gli amici conosciuti in ospedale gliene hanno parlato bene. Capisce, ministro? Luca gli amici se li era fatti in ospedale, tanto passava più tempo lì che altrove. A 17 anni. Il primo trapianto glielo fanno il 24 febbraio, grazie al fratello. Restano a Genova per 5 mesi, affittano persino una casa, Angela e sua figlia Giusy: “Mi è stata sempre vicino, si è persa un sacco di tappe della sua vita”, racconta sorridendo. Luca perde 11 kg per le normali conseguenze del trapianto.
Il secondo trapianto glielo fanno il 7 maggio 2012, stavolta la donatrice è la sorella. Il 7 dicembre 2013 torna da un controllo in ospedale e racconta che la dottoressa lo ha trovato bene. “Allora decidemmo finalmente di festeggiare il Natale – racconta Angela – gli dissi ‘Luca, che dici, vogliamo fare il presepe?’. Ma mentre scendeva in cantina a prendere l’occorrente arrivò la telefonata da Genova. Era l’11 dicembre. La dottoressa gli disse che la malattia era riapparsa”. Lui resta muto al telefono, poi prende le chiavi della macchina e esce, per rimanere solo. Riprende le chemio al Policlinico di Napoli il 20 dicembre. Poi il dramma. Il 29 inizia a non sentirsi bene. Ha i decimi di febbre, ma la notte la febbre sale a 40. La mattina dopo sviene: non cammina più, non si regge in piedi, la leucemia ha attaccato i muscoli. Riprende le chemio, mentre i medici controllano di continuo tutti i suoi organi, irrimediabilmente compromessi. La notte di Capodanno la passano così. “Io pensavo fosse come le altre volte – racconta Angela – ma mio figlio non reggeva neanche più il telefono in mano”.
Il 2 gennaio, Luca inizia ad avere problemi di respirazione. Prima lo attaccano all’ossigeno, poi lo portano in terapia intensiva. Il dottore dice che le cose “sono molto molto peggiorate”. Alle 11 del mattino i medici dicono ad Angela che sono stati costretti a sedarlo: “Non ci hanno neanche avvisati prima di farlo”, si commuove Angela. Trascorrono così dieci giorni. Luca ha tre arresti cardiaci, ma resiste. Vuole vivere a tutti i costi. Poi, il 12 gennaio 2013, non ce la fa più e muore. “Noi eravamo in ospedale, in sala d’attesa e loro chiamarono mio marito a casa per avvertirlo. Non ebbero neppure pietà di una povera mamma. Me lo fecero vedere su un tavolaccio della sala mortuaria”, piange Angela. La sorella di Luca si è laureata ieri: “Ma io non ci sono andata, lei ha detto che non aveva voglia di festeggiare, il fratello non c’è più”, racconta la mamma.
Nell’ospedale di Genova c’erano tante persone dalla Campania. “La dottoressa ci chiese che diavolo avessimo nel nostro territorio da determinare uno spostamento di massa simile”, racconta Angela. A novembre è morta un’amica di Luca, una ragazza che era entrata in ospedale poco prima di lui. “Luca mi disse che così come erano entrati in ospedale ne stavano uscendo, morti”. Luca si era diplomato a pieni voti nonostante non avesse frequentato la scuola a causa della malattia. Voleva fare l’infermiere, dopo il diploma. Era diventato un esperto di medicinali, ormai. Ma non ne ha avuto il tempo: la dieta mediterranea (inquinata), e i veleni, e i composti chimici, e la sua terra lo hanno ucciso. “Mio marito non riesce a guardare le sue foto”, dice Angela.
Ecco, ministro, le guardi lei le foto di Francesco, Mesia e Luca. E non dimentichi mai più."

Potrebbero interessarti questi post:

Guardi i rifiuti, vedi l'inciucio
Erode non muore mai
Le mille ILVA della Campania

6 Ago 2013, 10:33 | Scrivi | Commenti (221) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 221


Tags: bambini, Campania, cancro, innocenti, inquinamento, Nunzia De Girolamo, Terra dei fuochi, tumore, veleni

Commenti

 

Premetto che non so se lo abbiano già fatto ma se così non fosse così mi chiedo come mai i rappresentanti al parlamento del movimento 5 stelle in parlamento non facciano una proposta concreta per risolvere questa problematica e comunque visto che sono l'unica forza sulla quale si possa fare minimamente affidamento che facciano più rumore e denunciano pubblicamente l'omertà e l'indifferenza delle istituzioni difronte ai mancati interventi a favore della difesa del territorio e dell'ambiente. La situazione è gravissima nella terra dei fuochi ma non solo lì!!!Bisogna vigilare denunciare manifestare e se nessuno si muove bisogna AGIRE!!!

ANDREA RICCI 25.09.13 12:30| 
 |
Rispondi al commento

COME COMPROVARE IL RUOLO DELL'ILVA NELL'EPIDEMIA DI TUMORI.

In un'istituto per la ricerca sul cancro a Cambridge hanno appena dimostrato che certi tipi di stimoli ambientali lasciano una "firma genetica" nel DNA delle cellule tumorali. Ovvero se un tumore presenta una determinata mutazione nel suo DNA ora si puo' dire che quel tumore e' stato causato dal fumo, per esempio or dai raggi UV, etc. Tuttavia hanno anche individuato una serie di altre "firme" di origine sconosciuta (ovvero non sanno di cosa siano la causa).

Ecco il link per il sito della BBC che spiega cosa succede (e' in inglese ahime' per chi non lo parla):
http://www.bbc.co.uk/news/heal...

L'articolo scientifico completo e' stato pubblicato su NATURE
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pu...

Per quanto ne capisco io, potrebbe essere utile contattare questo gruppo di ricerca per fornire campioni di tumori dalla zona di Taranto attorno all'ILVA perche' potrebbero essere interessati a vedere se ci sia una "firma" comune nei tumori di quella zona non presenti in tumori da una zona di controllo non esposta alle polveri dell'Ilva. Cio' proverebbe che i tumori della zona sono dovuti a una certa causa ambientale (senza necessariamente dire quale pero') e potrebbe essere usata per richiedere risarcimento da parte delle famiglie degli afflitti!

Non so se sia fattibile, ma credo che il gruppo di Cambridge possa essere interessato in futuro a identificare queste mutazioni e le loro cause ambientali e pertanto una situazione come quella dell'Ilva puo' aiutare non poco questa ricerca.

A chi passare questa informazione? (anche se probabilmente chi di dovere ci ha gia' pensato immagino?!)

Marco Duz, Glasgow Commentatore certificato 15.08.13 11:53| 
 |
Rispondi al commento

Cari Angeli, con la vostra vita avete dato testimonianza di quanto orrore possa esistere in questo mondo, siate felici ora e, vicini a Dio, convincetelo a fermare il MALE

lorella f., ceva Commentatore certificato 11.08.13 11:14| 
 |
Rispondi al commento

non diciamo sempre le stesse cose...per una rivoluziane occorre coscienza..e senza volerlo faccimo il lorogioco.. li favoriamo...bisogna capire studiare ...da cosa provine la malattia del (cangro) non solo l'inguinamento ,ma da tantissime cose di una socetà post moderna..per dirne una anche prodotti di pulizia della casa,per un respiro giornaliero..NON bisogna perdere un solo attimo della nostra vita per cose inuti!..boigottare sabot.re,sov.rtire,,sono le primarie di un campiamento senz'armi,per chi non sà usar.le..SPOSTATEVI ogni tanto non stiate sempre nei stessi luoghi,come futing trà le auto..TOGLIETEVI dalle cose che che vi faranno perdere tempo e denari..anche se (contro) dobbiamo fruttare questi PC, per il momento,e non per porni ,o stronzat..SIATE liberi da ogni cosa per decidere, informatevi!,niente prediche o condizinamenti rel.giosi..siate padroni di voi stessi!,il SIGNORE ha creato la libertà di capire,..non essere condizionati,tutto!ci hà regalato.., ad ogni domanda dovete chiedervi perchè...sappiate che in momenti difficili,anche un € SPESO male può essere importante..MA NON E DETTO ,che pure i soldi possono avere loro svalutazione...faccio esperienza con la filosofia.....by THE CROW (NA)

antonio frasccona 09.08.13 13:03| 
 |
Rispondi al commento

Richiamare i nostri militari dalle missioni "umanitarie e di pace" al soldo degli altri Stati, dislocarli lungo tutte le zone inquinate dal cancro MAFIA, rastrellamenti a tappeto di ogni piccola cellula legata alla criminalità organizzata, impegnarli in operazioni di BONIFICA TOTALE, via la merda dal nostro territorio, sia essa merda di sintesi o merda umana.

Nicola Coscia, Collegno Commentatore certificato 08.08.13 14:53| 
 |
Rispondi al commento

Evacuare le zone contaminate. Là è come Chernobyl. Non importa se sono milioni si persone. Militari e filo spinato. È i colpevoli, tutti i colpevoli, mafiosi, camorristi, politici ed altre istituzioni dello stato conniventi, lavori forzati a vita. È una guerra. Se lasciamo che facciano questo siamo come quelli che si giravano dall'altra parte mentre gli ebrei venivano sterminati.

Marco Diaco 08.08.13 05:15| 
 |
Rispondi al commento

In esilio forzato qui dall`Australia.....che cazzo vi devo scrivere...Gli esempi di questa assurda e orribile dissociazione, per cui la condotta del lavoratore e' sempre moralmente neutra rispetto a cio' che produce, potrebbero essere infinita: la fabbricazione di mine antiuomo o armi, nucleari e non; di mezzi di trasporto che inquinano; di cibi geneticamente modificati o contenenti additivi tossici; di farmaci pericolosi o inutili; oppure l'uccisione o lo sfruttamento di animali in massa; la costruzione di grattacieli, strade, tunnel, trafori, opere che devastano la natura...In tutti questi casi, anche laddove l'operaio sapesse cio' che fa (ed oggi, ahimè, nessuno, compreso l'ultimo operaio, puo' appellarsi all'ignoranza), il suo agire gli resterebbe indifferente: poiche' l'unica cosa che gli interessa e' solo guadagnarsi quella miseria che consente a lui e alla sua famiglia di arrivare alla fine del mese. Nient'altro.Anche l'impiegato naviga nelle stesse acque: puo' ignorare ad esempio un impiegato di banca che quest'ultima applica tassi usurari, anatocismi, oppure che propina derivati, fondi d'investimento o altra spazzatura per truffare i clienti? Certo che no: pero' deve tacere...Come deve tacere l'addetto al call center, costretto a truffare e mentire per la societa' in cui lavora.Poi abbiamo il libero professionista, l'arrivista per eccellenza: l'agente immobiliare, il giornalista, il promotore finanziario, l'avvocato che fa tornare in liberta' il mafioso o il delinquente grazie alla prescrizione, il commercialista che agevola l'evasore...E' evidente che in tutti questi esempi -e chissa' quanti altri se ne potrebbero fare!-la coscienza dell'uomo scompare o perche' l'alternativa sarebbe il licenziamento e il lastrico oppure perche' la cupidigia di denaro e posizioni sotterra in partenza ogni coscienza.La perdita della coscienza, della coscienza del bene e del male, del senso del proprio agire e del proprio volere, il conformismo dell'azione, producono alla fin

gio toscano, roma Commentatore certificato 08.08.13 02:44| 
 |
Rispondi al commento

"papa' aiutami tu",non so se avete figli, ma una frase del genere, in quelle circostanze, da parte di un figlio che muore, non so ......... non so' nemmeno immaginare, non so' con che forza un padre possa resistere......... uccideteli.... uccidete quelli che sotterrano i rifiuti, uccidete quelli che li bruciano, uccidete quelli che li aiutano, i sindaci, i politici, i vostri amici i vostri nemici, tutti........ fate in modo che gli imprenditori del mio nord tremino quando smaltiscono la loro merda tossica nelle Vostre campagne..... non c'e' altra soluzione.......non rivolgetevi allo stato, non e' possibile bonificare un tale inquinamento, se i bambini muoiono per una minestra, non c'e' speranza.... uccidete, bruciate le loro ville , bruciate i loro mezzi, non avete niente da perdere......tutti, ma proprio tutti vi assolveranno..... non e' possibile altra soluzione....... o forse si', ma io non riesco ad immaginarla, non ci sono sicuramente i fondi per bonificare una regione, non c'e' la volonta' politica, anche perche' uscirebbero troppi altarini, augurare che i loro figli muoiano come i vostri e' una speranza troppo remota....... uccidete o rassegnateVi.

federico piero 07.08.13 23:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E I MAGISTRATI, COSI' SENSIBILI ALLE LORO PREROGATIVE, ALLE LORO CARRIERE, AI LORO EMOLUMENTI, ALLA OBBLIGATORIETA' DELL'AZIONE PENALE, FORSE DA QUELLE PARTI SI SONO TAPPATI NASO, OCCHI ed ORECCHIE?
PENSANO FORSE CHE SONO INNOCUI FUOCHI FATUI , COME DICONO A ROMA, DELL'ANIMA DE LI MORTACCI LORO?
Poveri ragazzi, poveri genitori, ma soprattutto poveri noi che non riusciamo ad indignarci a sufficienza per liberarci di questi vili, pavidi assassini capaci solo di corteggiare il potere.

enzo tofani 07.08.13 17:29| 
 |
Rispondi al commento

Due giorni fa ad Acerra, si è spenta un altra persona che conoscevo.
Una donna di poco meno di 50 anni. Nel giro di un anno, scoperta, lotta con cure, e morte.
E con questo sono a 3 solo tra i miei conoscenti, sempre ad Acerra.
Prima di lei, lo scorso febbraio Gaetano ci aveva lasciato con un tumore ai polmoni.
E prima di lui, 6 anni fa, suo figlio di 21 anni, aveva perso la sua battaglia contor una leucemia.

Noi, con associazioni e movimenti, stiamo lottando in tutti i modi contro indifferenza, arroganza dei politici, istituzioni e mafie. Tutti coloro i quali fanno finta di non sentire, o peggio hanno interessi funesti, la dovranno pagare cara. Non ci arrendiamo.


Francesco, Napoli.

Francesco Di Serio (frank di serio), Grumo Nevano Commentatore certificato 07.08.13 16:37| 
 |
Rispondi al commento

Un ipotesi per difenderci come cittadini offesi, è quella di costituirsi in una class action, individuando dei sostenitori visibili ( in questo caso quelli di Lega Ambiente potrebbero essere coinvolti) strutturare meglio questo percorso, imparando a formulare meglio le accuse verso gli attori coinvolti nel danno subito. L'inquinamento ambientale può rientrare nei crimini contro l'umanità ,quando compromette la salute e la vita degli abitanti. E' un percorso faticoso , ci sono stati già casi eclatanti con sentenze definitive-farsa ma, se si continua su questa strada non potranna andare avanti in eterno così!. Il problema è serio e pesante da affrontare, quando il danno è fatto in aree degradate con la popolazione locale che subisce passivamente da tempo illimitato,pervasa da frustrazione e perdita totale di fiducia nelle istituzioni. Questa gente va aiutata e qui potrebbero rientrare i Leader del Movimento5S come già avviene ,senza mollare la presa stile pitt bull.

alessandra mammola 07.08.13 16:26| 
 |
Rispondi al commento

Ho provato tanto dolore , le storie toccanti che hai vissuto ,altre che hai descritto hanno rinnovato miei ricordi e medesimi tempi di dolore . Ti abbraccio forte : il mio cuore prova con te tanto dolore , e i miei occhi non sanno rimanere asciutti , mentre leggevo e mentre ti scrivo .
Malattie diffusissime : ognuno di noi ha avuto un congiunto fratello sorella genitore che ha percorso questa via crucis. Ognuno spera di non essere toccato , ognuno trema nel guardarsi addosso , nel toccarsi una stranezza addosso.
Lo stato deve riappropriarsi di qualsiasi decisione che impatta l’ambiente
e difendere,rispettando l’abitat , la vita di ogni essere vivente .
Queste gravissime decisioni non possono essere consegnate nelle mani di privati senza scrupoli.
Quando il mondo diventa invivibile succede anche questo. Inquinamento nano particelle nella terra nell’aria nell’acqua … ma che ci potremo aspettare se continua questa tirannia del Dio denaro? Ognuno vuole guadagnare ad ogni costo , in beffa a qualsiasi forma di inquinamento.
Chi è colpevole è un anche tanto , ma proprio tanto stupido , perché non vive sotto una bolla di Paradiso pulito , ma in mezzo alla medesima sporcizia ambientale.
E sono sicura che è stato già colpito molto vicino se non direttamente. Ma questo non mi consola.

paola b., roma Commentatore certificato 07.08.13 15:37| 
 |
Rispondi al commento

Il problema è stato denunciato ormai da anni , la camorra con i suoi boss ignoranti si butto a capofitto in questo traffico di morte . Si potevano fare tanti milioni , senza rischi e niente. La cosa grave e che le cose oggi si sanno , ma nessuno fa niente. Bisogna rivoluzionare il modo di controllare .Non si possono mandare impiegati magari anziani contro i clan malavitosi o contro aziende legate a dei clan. L'ignoranza la fa ancora da padrona , dato che anche i boss hanno i figli e che sicuramente toccherà anche a loro .

GIOVANNI I., Padova Commentatore certificato 07.08.13 13:41| 
 |
Rispondi al commento

Ministro De Girolamo:
presente solo per intervenire come ospite a Ballarò.
Per partecipare (e farsi pagare si presume) per servizi fotografici dalle riviste del Gruppo Mondadori.
Fa parte della squadra di accecati di Silvio.
(anche antipatica)
Spero se ne torni a casa presto.

ALESSANDRA C., GIUSSANO Commentatore certificato 07.08.13 13:32| 
 |
Rispondi al commento

GHIGLIOTTINE NELLE PUBBLICHE PIAZZE, 50 ESECUZIONI AL GIORNO IN OGNI PIAZZA (40 DI POLITICI E 10 DI MAFIOSI E FIANCHEGGIATORI).

Carmine s., caserta Commentatore certificato 07.08.13 13:13| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

E' davvero venuto il momento che i responsabili di questa orrenda devastazione, a tutti i livelli, paghino per le loro colpe.
Non si può accettare tutto questo come un ineluttabile destino. Una società civile deve ribellarsi, isolare ed espellere il cancro della malavita e della politica corrotta ed incompetente!

Virginio D'Amico, Roma Commentatore certificato 07.08.13 12:50| 
 |
Rispondi al commento

infatti Napolitano vive a Roma,ho fatto questa riflessione si fa eleggere e rieleggere per poter stare a Roma

maria t., potenza Commentatore certificato 07.08.13 12:33| 
 |
Rispondi al commento

Ho visto documentari che descrivono la ns presenza
negli scacchieri di guerra. Disponiamo di equipaggiamenti ed armamenti di prim'ordine per esportare una democrazia ipocrita e fellona, contro popolazioni che infine avranno la meglio. Giustamente.Sono presenti anche i militari delle forze dell'ordine (Carabinieri e finanzieri), che in Patria lamentano penuria di mezzi per contrastare il crimine organizzato. Perché non impieghiamo gli stessi mezzi per annientare il crimine dilagante nei ns territori ?. Perché non scoviamo nelle sezioni elettorali i sostenitori dei politici mafiosi e togliamo loro il voto ?.Iniziando dalla Scuola, occorrerebbe instaurare un "regime di guerra" per imporre radici culturali capaci di dar vita ad una società finalmente civile !!!.

giuseppe visalli 07.08.13 11:51| 
 |
Rispondi al commento

La Vita si difende in tutti modi compreso la violenza.

V L. Commentatore certificato 07.08.13 11:35| 
 |
Rispondi al commento

Che post. Mi son fatta un grande pianto , sono riemersi pure i miei dolori per esperienze simili.Non me la sento di entrare nel merito della mia esperienza per non caricare di altre emozioni questo post molto bello ma, di offrire la mia testimonianza come spunto di riflessione ulteriore se ce ne fosse bisogno.
Capisco perfettamente la rabbia che ti assale quando perdi una persona ,specie un figlio o un fratello , vittime innocenti per azioni scorrette di altri esseri umani;azioni che non potranno mai essere perseguibili dalla giustizia perché frutto di noncuranza, ignoranza, mancanza di senso civico e chi più ne ha più ne metta,anche se, nessuna giustizia potrà restituire una vita ma, la giustizia potrebbe...rendere giustizia alla memoria di vittime innocenti.
Se non fai un gran lavoro su te stesso per recuperare non dico la gioia di vivere perché è impossibile ma, a poterti alzare la mattina e ogni tanto sorridere per ...quelli che restano, ti verrebbe voglia di immolarti come kamikaze ma poi non sai veramente contro chi farlo.
La rabbia che ti assale per un bisogno di giustizia è feroce. Si può neutralizzare solo facendosi aiutare , magari trovando col tempo nuovi scopi di vita aiutando altre persone , sposando una causa ,senza diventare fanatici. Ci vuole molto tempo e un gran lavoro su se stessi per rientrare in connessione con la vita.
Un grande abbraccio a queste famiglie.

alessandra mammola 07.08.13 11:23| 
 |
Rispondi al commento

Siamo tutti colpevoli! Basta con sti cialtroni e criminali! Guerra civile pur di non morire in questo modo!

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato 07.08.13 10:53| 
 |
Rispondi al commento

Tutto questo passa nella "normale" indifferenza di tutti i giorni, sono inorridito! Questa situazione è più grave della crisi economica e di qualsiasi altra cosa! La vita delle persone è in pericolo! La vita dei bambini. MOV 5 stelle attivati, attiviamoci, c'è sempre un modo.

renato vaccaro Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 07.08.13 10:02| 
 |
Rispondi al commento

A proposito del problema dell'inquinamento in Campania, consiglio la visione di questo film, dal titolo "Una montagna di balle"

http://vimeo.com/6000381

Rosanna Gava Commentatore certificato 07.08.13 08:37| 
 |
Rispondi al commento

Cristo..............mi sto sentendo male, è forse è un bene.

Sandro Tieri, Popoli (PE) Commentatore certificato 07.08.13 07:04| 
 |
Rispondi al commento

Ma cosa aspettate ancora a dare il via ad una occupazione pacifica di tutte le piazze, se non si fará ci faråi la politica dei vecchi partiti collusi con la mafia ci fará morire tutti i figli. Basta soccombere alla paura fatta dagli zombi ormai è ora siamo tutti stanchi dei loro dictat per incuterci paura.
Forza ragazzi che tutto il popolo vi seguirá.
Roberto da Vigasio.

Roberto De Togni 07.08.13 06:50| 
 |
Rispondi al commento

Il Nano cerca scuse e grazia per non finire in galera appigliandosi ad una singolare personale opinione data da un magistrato fuori dall'aula!

Se questo fosse un reato allora tutti i giornali con i loro editoriali che esprimono o che espressero giudizi prima che la corte esprimesse giudizi per casi mafiosi, di evasione fiscale ecc devono considerarsi di aver violato la legge!

Qui e' cio che il Nano tramite i suoi giornali rivelo' prima che la Corte si esprimesse in merito:

Silvio Berlusconi Unipol: decisivo per pubblicazione telefonata Piero Fassino Giovanni Consorte [...]

http://tinyurl.com/k4rzgwj

__________________________________________________


Sentenza Unipol, Berlusconi ascoltò la telefonata di Fassino e la fece pubblicare [...]

http://tinyurl.com/khlw7x7

http://tinyurl.com/meusjpm


---------------------------------------------------

Signorini: «Mostrai il video di Marrazzo
al mio editore, Marina Berlusconi» [...]

http://tinyurl.com/lnbdopb

---------------------------------------------------

"Quel video non era pubblicabile, era una chiara violazione della privacy. Era mia dovere informare il mio editore, Marina Berlusconi a cui mostrai il video". Lo ha detto il direttore di 'Chi', Alfonso Signorini, testimone nel processo sul ricatto a Piero Marrazzo.

Il giornalista ha spiegato che parlare del video (girato dai carabinieri infedeli e nel quale si vede Marrazzo nell'abitazione del trans Natalie), con il suo editore e Maurizio Costa, amministratore delegato del gruppo Mondadori, "era una cosa obbligatoria per la delicatezza del caso e per il personaggio coinvolto. Marina - ha proseguito il direttore - mi disse che ne avrebbe parlato con il padre Silvio, allora premier"

http://tinyurl.com/l4dtl88


Ovviamente esistono molte altre violazioni da parte Del Nano che ora non ricordo!

john buatti Commentatore certificato 07.08.13 04:31| 
 |
Rispondi al commento

Quanti tossici dipendenti in comunita o evasori fiscali che hanno commesso crimini seri che conoscete che hanno chiesto al Presidente clemenza per i loro reati?

Mettiamo il caso che il Nano decida di scontare la pena optando per i servizi sociali, se questo fosse questa pena deve tener conto della riabilitazione del Nano cioe se la condanna e' per evasione fiscale non si puo permettere che sconti la pena facendo la massa per una pizzeria!

In parole povere , se sei un tossico e vieni condannato non credo che per riabilitare il tossico lo si manda a fare servizi sociali mandandolo a lavorare in farmacia, o se sei un evasore fiscale mandiamo il Nano a scontare la pena ad Equitalia?!

Il PD-L non candido' COSENTINO Nicola (Pdl) ed altri.

http://www.stopcensura.com/2010/08/ecco-la-lista-degli-indagaticondannati.html

Perche il Nano non viene cacciato?

john buatti Commentatore certificato 07.08.13 04:30| 
 |
Rispondi al commento

Perché ve la prendete con i politici? Li considerate come alieni avulsi dalla realtà, dal contesto sociale. Mentre in realtà sono la massima espressione delle insane, ambizioni, aspirazioni, desideri, …….. del loro elettorato che, non a caso li sceglie. Quindi ben radicati nella loro frazione di società. Complice anche l’indifferenza, l’apatia, l’indolenza di chi li critica. La democrazia impone a tutti di partecipare attivamente alla vita collettiva, esprimendo con vigore le proprie convinzioni e nel contempo operare legittimamente per affermarle. Ma quando la parte sana della società rinuncia al proprio ruolo questo è il risultato. Nella nostra società la passività e l’ignoranza sono una colpa, non una scusa. A proposito dell’ignoranza (in senso astratto, non riferita all’erudizione): è un lusso che la nostra società non si può più permettere.
P.S. vale l’equazione: società escrementosa = rappresentanti escrementosi!

Giuseppe STRINO 06.08.13 23:51| 
 |
Rispondi al commento

Una cosa da fare subito bonificare e fare analisi sui terreni a rischio e vietare la produzione di ortaggi e frutta finchè non vengono considerati sicuri e poi pene severissime per chi inquina i terreni che provocano morte,e poi fare la raccolta a RIFIUTI ZERO certo ci và un pò di tempo ma bisogna partire subito senza perdere altro tempo,per questo sono convinto che sia il M5S l'unica forza in grado di fare e attuare queste cose,e sapete perchè semplice sono ONESTI,e l'hanno ampiamente già dimostrato

roberto canina 06.08.13 23:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dimenticavo di dire alla ministra che in campania c'è un detto:NON SPUTARE IN CIELO, CHE IN FACCIA TI RITORNA.Attenzione , funziona sempre!

Giovi F. Commentatore certificato 06.08.13 23:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il ministro della salute ha detto che noi campani abbiamo uno stile di vita sbagliato e ci nutriamo male.Cara ministra in CAMPANIA E' NATA LA DIETA MEDITERRANEA, quella che fa lei per sentirsi bene, quindi non dica fesserie e SI ASSUMA LE SUE RESPONSABILITA E QUELLE DEI GOVERNI PRECEDENTI CHE SONO TUTTI UGUALI AL SUO, QUELLO DEL NANO GIUDICATO COLPEVOLE.Spero che questa schiavitù sotto berlusconi finisca e che si tolgano dai coglioni tutta la massa di politici che ci hanno governato da un ventennio a questa parte.

Giovi F. Commentatore certificato 06.08.13 23:30| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Sono indignato mi sento una rabbia addosso li odio tutti questi politici,questi grandi parlatori del pensiero questi ladri della vita altrui che con un comportamento indifferente e vigliacco invece di agire con fermezza, serietà e onestà fanno i loro porci interessi con la mafia per avere soldi e potere io li STRAMALEDICO,e se il paese avesse un'informazione seria tv e giornali talk show e quant'altro dovrebbero trasmettere tutti i giorni queste notizie,affinchè la coscienza di tutti anche di chi non ce là si smuova dall'indifferenza in cui è precipitata,e il paese la gente diventi una comunità,NON POSSIAMO E NON DOBBIAMO RIMANERE INERTI DAVANTI ALLO SCEMPIO DI QUESTE CONTINUE MORTI DI GIOVANI INNOCENTI,IL GRIDO DI DOLORE DI QUEL FIGLIO CHE DICE "PAPA AIUTAMI TU" deve fare riflettere tutti noi,e portarci a farci questa domanda e questa la società che vogliamo e questo che vogliamo per il futuro facciamoci tutti una domanda qual'è IL SENSO DELLA VITA. Sono altresì convinto che il M5S sia l'ultima speranza o l'ultima spiaggia per cambiare questa società malata che si occupa tanto di economia di banche di spread, e lascia indietro valori primari come la vita e la salute delle persone e come l'ambiente e la terra in cui viviamo e ci nutriamo diamo forza e voce ai ragazzi del M5S.

roberto canina 06.08.13 23:23| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'inquinamento uccide perchè nessuno uccide gli inquinatori.

Un po' più di rabbia reale verso gli assassini sarebbe preferibile a tante parole buttate al vento (anche perchè giustizia da parte dello stato in questo settore non esiste).

Il discorso è sempre lo stesso:
se faccio una strage con un mitra in un asilo vado in galera per vent'anni ma se avveleno l'ambiente e provoco la morte di dozzine di persone non mi succede nulla.... la legge predilige e approva gli avvelenatori (specialmente se uccidono a casaccio come un terrorista qualunque).


p.s. io non sono ecologista per amore dell'ambiente ma semplicemente perchè non mi va di morire di strane malattie.

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato 06.08.13 23:20| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Impossibile non condividere quanto rappresentato in queste righe! Però vi è da fare un’osservazione: tutto questo è accaduto con la complice indifferenza della collettività, a tutti i livelli, forse perché tutti ne traevano benefici, direttamente od indirettamente e, qualcuno era addirittura compiaciuto della cosa, pensando che si sarebbero guadagni infiniti seppellendo rifiuti all’infinito, rifiutandosi di guardare a quello che sarebbe successo in futuro. Questa, purtroppo, è la sintesi di quanto accaduto.

Giuseppe STRINO 06.08.13 23:17| 
 |
Rispondi al commento

L'articolo è di una semplicità disarmante, perchè dice la VERITA'; il problema è che dopo poche righe ti viene un groppo alla gola e non sai se smettere di leggere o farti forza e andare avanti. Quello che è accaduto e accade in quelle zone della Campania è semplicemente INCREDIBILE e quello che fa più incazzare ( si, incazzare ) è l'assoluta APATIA sia della gente che dei politicanti ( non politici ) locali. Ma perchè, quando si vede un interramento sospetto o un incendio, non si chiamano i CARABINIERI? Perchè aspettare che la situazione diventi IRREVERSIBILE ( e temo che ormai lo sia )? Perchè la gente continua a votare in un certo modo? Le domande sono tante, e purtroppo le risposte non ci sono...Speriamo in un futuro migliore, ma auguriamoci che anche questa non sia una inutile utopia. Intanto però, c'è gente che MUORE e molti fanno finta di non vedere. Si potrebbe però proporre il reato di inquinamento grave, assimilabile ad ALTO TRADIMENTO, con pena 30 anni di galera, forse anche i camorristi ci penserebbero due volte prima di fare quello che fanno.

Pino da Roma 06.08.13 23:15| 
 |
Rispondi al commento

sottolineo anche che oltre al dramma della malattia si aggiunge quello di una madre che non può essere vicina fisicamente al figlio perché in terapia intensiva...in rianimazione o quant'altro e le persone muoiono sole senza avere accanto a sè gli affetti più cari, penso sia una vergogna

Nodari Alberto 06.08.13 22:23| 
 |
Rispondi al commento

Amici campani, smettete di votare gli assassini dei vostri figli.
Se il Movimento avrà più voti voi avrete più speranza di una Campania pulita e giusta. Vi abbraccio forte con molta commozione.

Cristina C., Bologna Commentatore certificato 06.08.13 21:43| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

Come si fa a leggere questo articolo trattenendo le lacrime? Impossibile,! Ti stupisce il fatto che , come può l'essere umano arrivare a tanto?' Come può lo stato abbandonarci cosi? Il dolore di queste mamme mi affligge, e mi domando quanto manca???Quanto manca?? Quanto dobbiamo aspettare per riprenderci la nostra dignità e il nostro paese. La ministra de Girolamo e solo una foglia di fico e non farà un fico secco!!!!!!!

Monica L., RM Commentatore certificato 06.08.13 20:19| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

La politica stà diventando snervante e inconcludente sinceraamente inizia a stancare..anche l'm5s
Che cazzo si aspetta a organizzare una manifestazione nazionale con un solo slogan principale..
Berlusconi,Berlusconi fuori dai coglioni

michele ., rimini Commentatore certificato 06.08.13 20:07| 
 |
Rispondi al commento

Da vergognarsi di appartenere al genere umano. Cosa si riesce a distruggere per puro profitto! Gli animali hanno più anima di noi!

Antonio Citarella Commentatore certificato 06.08.13 19:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Leggere questo post ti distrugge ... credo nessuno lo possa fare senza risentirne a livello interiore ... però suscita dei pensieri ...

Io farei un distinguo netto tra 2 tipi di inquinamento che sono presenti nel nostro pianeta e di cui anche altri hanno parlato nei loro commenti ...

Sull'inquinamento da "bramosia di guadagno" dovuto ad azioni illegali ed omicide c'è poco da discutere: ad esempio se qualcuno nella propria attività (per non spendere) non adotta tutte le forme di prevenzione conosciute ... se qualcuno (per guadagnare) sotterra o annega rifiuti tossici ... una sola risposta ... pena capitale !!!

Sull'inquinamento da "bramosia di crescita economica" prodotto da parecchie nazioni nel mondo ... e
sull'inquinamento da "emissioni di ogni tipo" (elettromagnetiche, onde radio, radioattive, etc etc) ... e
sull'inquinamento dovuto all'utilizzo di "combustibili fossili " e loro "derivati" ... e
sull'inquinamento di ogni altro tipo vi venga in mente, il discorso si fa un po' più lungo e complesso ...

Si può racchiudere in un solo pensiero ... in milioni di anni la natura ha cambiato tantissimo la faccia della terra ed i suoi abitanti si sono adeguati ma sempre con EQUILIBRIO e LENTAMENTE... quello che è mancato negli ultimi 150 anni con la rivoluzione industriale. L'uomo si è messo a correre troppo velocemente e la natura non può sostenere questa velocità. E anche il corpo umano fa parte della natura (è fatto di cellule).

Capisco che nessuno voglia oggi rinunciare ad agi e comodità ma è un dato di fatto incontrovertibile: senza adeguata accortezza nelle scelte da intraprendere ... il PROGRESSO PRIMA O POI TI UCCIDERA' !!!

LO VEDIAMO TUTTI I GIORNI, MA GIRIAMO LA TESTA PER NON PENSARCI ... FACCIAMO FINTA CHE NON SIA COSI' ...

Segue nel sottocommento ...

Claudio C., Albavilla Commentatore certificato 06.08.13 19:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In questa "terra dei fuochi" quando votano dove la mettono la crocetta? Bisogna anche chiedersi questo, e non solo nella terra dei fuochi ma anche nel resto d'Italia.
Chiediamocelo tra di noi:
Ma questa classe politica, che puntualmente si fa l'autocritica ammettendo "in passato si sono fatti degli errori", che promette "faremo tutto il necessario stc. etc." chi è che la sostiene con il suo voto?

Jorge Corona Commentatore certificato 06.08.13 18:59| 
 |
Rispondi al commento

L'aumento delle neoplasie in Campania è dovuto allo stile di vita, all'alimentazione, al fumo. Dall' incontro con il ministro Renato Balduzzi, qualche mese fa ad Aversa, non emerse niente di nuovo. Ma quella volta le proteste furono molto violente. Il ministro, fortemente contestato, chiese ed ascoltò, alla fine domandò al bel gruppo dei suoi tecnici seduti in prima fila: ma perchè non me lo avete mai detto? Poi, si sa, le cose cambiano. Si fanno le elezioni, nuovi incarichi, nuovi ministri che è come se venissero da un altro pianeta. E allora si ricomincia tutto daccapo: inviti, incontri, denunce. E loro, i ministri sono lì con gli occhi sgranati, increduli che questo scempio possa accadere nel bel paese. Così è successo con il neo ministro dell'ambiente Andrea Orlando che, in visita nel triangolo della morte, ha chiesto scusa a nome dei suoi predecessori, ha promesso d'interessarsi, ecc. ecc. Poi è arrivata l'onor. Beatrice Lorenzin, ministro alla salute del governo Letta (quello delle larghe intese), che ha ripetuto il solito discorso sullo stile di vita dei campani, il fumo, l'alimentazione. Non c'è molto d'aggiungere, ma le parole di padre Maurizio Patriciello (nella foto) mi sembrano il modo più giusto per concludere. "Mentono sapendo di mentire. Si fanno complici del male. Mettono la loro illustre firma sulla condanna a morte decretata da camorristi, industriali criminali e politici corrotti."
http://graziellamazzoni2.blogspot.it/

maria grazia mazzoni 06.08.13 18:43| 
 |
Rispondi al commento

SO CHE NIENTE E NESSUNO PUO' RESTITUIRLE L'ARMONIA DELLA VITA CON I FIGLI, MA LE AUGURO SINCERAMENTE DI SUPERARE ALMENO I MOMENTI PIU' BRUTALI.
COMUNQUE AUGURO I MALI PEGGIORI A COLORO CHE DEL SANGUE E DELLE SOFFERENZE DEL POPOLO SI CIBANO.
ODIO CON TUTTE LE MIE FORZE POLITICI POLITICANTI BANCHIERI FINANZIERI E TUTTA LA NOMENCLATURA DELL'APPARATO CHE IN QUESTI ANNI HA PROLIFERATO IN RICCHEZZE BENESSERE.
ODIO ALLO STESSO MODO TUTTI COLORO CHE CHE NON E' CERTO CHE LòE MORTI DI TARANTO SIANO DA ADDEBITARE ALL' ILVA.

IMPARIAMO AD ODIARE BASTA CON IL FALSO BUONISMO TRASMESSOCI DA CHI CI FACEVA FESSI, NON SONO BUONO E VOGLIO ODIARE...ODIARE...ODIARE......

giorgio girolimoni, roma Commentatore certificato 06.08.13 17:24| 
 |
Rispondi al commento

Per l'ETERNIT, grazie alla costanza nella lotta dei cittadini di Alessandria, la proprietà ha pagato. Con risarcimenti abbastanza consisti.
Però, a dire il vero, li non c'era la mafia che governa lo smaltimento dei rifiuti pericolosi.
Al Sud è più difficile le coesione in massa dei cittadini ma, se le radio, le televisioni e i giornali, dessero voce a quei cittadini che soffrono, per le malattie e per i lutti avuti, sarebbe diverso.
Invece, questi invertebrati di giornalisti, si masturbano dietro un uomo che tiene, da vent'anni, in scacco l'Italia per trovargli un buco nella legge per perpetrargli lo stato d'impunità.
Ma quando non possono fare a meno di dare le notizie, lo fanno con una circospezione tale da far venire il voltastomaco.
Anche gli attacchi che riservano a qualche giornalista coraggioso e illuminato la dicono lunga sulla loro incapacità, quando non connivenza, con quei poteri occulti e criminali che provocano la morte di tanti innocenti, la dicono lunga. Vedi R. Saviano!
Finirà questo regime del malaffare che affoga l'Italia in una melma maleodorante e cancerogena aiutata da una classe politica, specializzata in inciuci, altrettanto cancerogeni?

pietro denisi, reggio cal. Commentatore certificato 06.08.13 16:44| 
 |
Rispondi al commento

Questi fatti che indignano e fanno salire una rabbia incontrollabile e un'orribile sensazione di impotenza sono la conseguenza di un sistema che non funziona.
Se è un dato di fatto che il sistema politico non funziona senz'altro bisogna sottolineare che anche e soprattutto l'Amministrazione della Giustizia a non funzionare.
Quest'ultima dovrebbe essere di contrasto a qualsiasi abuso di potere, sia che venga dalla politica che da organizzazioni criminali.
Invece abbiamo visto in tantissimi servizi giornalistici la denuncia di luoghi inquinati, ma mai si è sentito dire che la Magistratura sia prontamente intervenuta per colpire i responsabili.
I Sindaci nei comuni hanno poteri di polizia e incombe su di loro il controllo del territorio.
L'art 40 del codice penale al comma 2 recita " Non impedire un evento che si ha l'obbligo giuridico di impedire equivale a cagionarlo". Avete mai sentito parlare di un Sindaco finito sotto processo perché non si è attivato per impedire episodi di inquinamento?
Se poi si pensa che in molti casi le discariche vengono gestite da consorzi di Comuni che hanno anche il compito di controllare se stessi è facile immaginarsi il risultato.

massimo decimo meridio, roma Commentatore certificato 06.08.13 16:10| 
 |
Rispondi al commento

Ieri ho passato 2 volte sul'Autosole.

Alle ore 9:30 al'altezza del'area di servizio caserta Nord, c'era una nuvola nera da un'incendio.

Ho ripassato alle ore 20:30 ed ancora al 'altezza della stazione di Caserta Sud, un altro nuvola gigante da un incendio . Ogni giorno continua cosi e nessuno fa niente.

Stephen Howe 06.08.13 15:49| 
 |
Rispondi al commento

La camorra ti uccide guardandoti in faccia , i politici non ne hanno neppure il coraggio , ti uccidono e basta. Si credono uomini e sono solo "piezzi e merda". Se fossimo un paese normale saremmo tutti in piazza come in Egitto , come in Grecia , come in Argentina , come in Tunisia ed invece anche noi siamo "piezzi e merda".

giorgio roveda, genova Commentatore certificato 06.08.13 15:30| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento

Mi ha incuriosito il titolo di questo articolo, ho iniziato a leggerlo, non sono riuscito ad andare oltre un quarto dell' articolo stesso.
Poi mi sono chiesto, perchè?
Provavo un senso di disagio o paura.
Subito ho pensato che molte persone per avere consenso ,, ti portano a pensare che "gli altri" sono"cattivi", senza dio e mangiano i bambini. Tutto ciò è una delle "tattiche politiche " più antiche che l' uomo ha utilizzato fin dalla notte dei tempi. Insomma; mi sono messo il cuore in pace.
Poi, ad un tratto, ho pensato: - E SE FOSSE TUTTO VERO?

giordano 06.08.13 15:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

NON HO PAROLE di fronte a così devastanti sofferenze.

Mi viene solo voglia di continuare a lavorare con più tenacia per cambiare questo schifo che è diventata l'Italia.

Un abbraccio a tutti i sofferenti (come me), CORAGGIO, CE LA FACCIAMO SE STIAMO INSIEME E TIRIAMO DRITTO !! :-)

Silvia P. Commentatore certificato 06.08.13 15:12| 
 |
Rispondi al commento

pdl e pd-l vivono per loro natura di monnezza

roberto v., parma Commentatore certificato 06.08.13 15:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La Campania un tempo Campania Felix e oggi famosa per la terra dei fuochi, a leggere queste storie rivedo il calvario di mia nonna morta con un cancro al colon e quello di mio zio a cui pochi mesi fa è stata asportata prostata e vescica per un carcinoma. Ragazzi che conoscevo e che se li è portati via la leucemia...a volte penso chissà un giorno forse porterà via anche me... Sono un cittadino di Caivano, attivista 5 stelle, ogni giorno associazioni, cittadini, il gruppo attivisti di Caivano cercano di smuovere le coscienze delle persone, ad ammazzarci è l'impotenza, l'omertà, la malapolitica locale,provinciale e regionale. Uno Stato assente che non mette in condizione le forze dell'ordine di svolgere il loro lavoro, non ci sono mezzi, uomini e risorse per contrastare il fenomeno roghi e sversamenti a tal punto che abbiamo fatto un appello alla cittadinanza e alle associazioni chiedendo di sorvegliarci da soli il territorio perché molti attivisti pensano che questa ormai è una battaglia ed è meglio morire con un colpo di pistola in fronte che con il cancro!

Giovanni Vitale 06.08.13 15:04| 
 |
Rispondi al commento

Mi rendo conto che la tecnologia dei telefonini,e di internet,possa produrre questi tipi di mali.Mio nipote senza contatto alcuno con agenti inquinanti visibile,Calcinoma e metastasi in tutto il corpo,forse con la Kemio riuscira a guarire ,ma come gli è venuto,stando in un normale ambiente cittadino.

Alessandro P., Roma Commentatore certificato 06.08.13 14:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vorrei portare all'attenzione le dichiarazioni del ministro della salute Lorenzin quando morì il piccolo Francesco disse che la morte era dovuta alle cattivi abitudini in quanto in Campania si beve e si fuma!!! Tolto qualche giornale locale nessun telegiornale o quotidiano nazionale ne ha parlato !!!!!!! La commissione di inchiesta sul l'inquinamento in Campania è stata presieduta da un certo onorevole pecorella, difensore di tanti camorristi!!!! Esito dell'inchiesta tutta insabbiata!!!!!!!!!!! Ormai c'é tanta rassegnazione tra i campani chiunque in casa ha in familiare o un caro amico malato di tumore!!!!!! Se non iniziamo a fare una squadra numerosa di magistrati forze dell'ordine che si occupano di censire tutto il territorio e combattere penalmente chi inquina non ci resterà che ampliare i cimiteri!!!!

Italo palmieri 06.08.13 14:27| 
 |
Rispondi al commento

Che storia Lunga.Ho letto le prime tre righe,il funzionamento degli organi di controllo con attuazione delle pene riverse per le gestioni,è una cosa fondamentalissima in Italia.Prima degli accaduti, vanno messe per ogni settore tipologie di analisi dei funzionamenti.Gia esistenti ma non funzionanti per molti di questi.Non sono massimalista ma delle pene adeguate ,per la gestione degli organi di stato,non avrebbe determinato nessun tipo di disfacimento.Le pene ci sono,sono anche severe,ma se non vengono mai attuate e viene lasciato al caso il funzionamento di gestione,come puo produrre regolarità.IL Dispotismo Democratico,(Andava a suo tempo),forse ormai è troppo tardi,(Gestito),con il (rafforzamento )degli organi di( controllo),non con la vendita.Andrà fatto comunque per quello che ne rimane.Dell'Italia:...I al ...

Alessandro P., Roma Commentatore certificato 06.08.13 14:23| 
 |
Rispondi al commento

Ho solo pianto pianto... pianto.
Ho 5 figli e posso solo lontanamente immaginare.
Che Dio vi aiuti cari genitori e accolga nel suo cuore pieno d'amore i vostri angeli.

Stefano s., Piacenza Commentatore certificato 06.08.13 14:22| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

e tu che cazzo aspetti a sparare in testa all'autista di cammion che ti travasa i veleni nel tuo giardino ?, che cazzo aspetti a tagliare la gola del ruspista che scava e interra i fusti di veleno ? che cazzo aspetti a pintare un macete in faccia a quello che dà fuoco ogni notte ai cumuli di immondizia ?? sono tuoi conterranei, concittadini, tuoi amici, vicini e forse tu pure sei uno di loro..... E ALLORA CHE CAZZO STAI QUI A IMPLORARE MINISTRI CHE NON TI CAGHERANNO MAI ???? IL FATTO E' CHE SIETE VIGLIACCHI E TERONI !!! MA COME CAZZO FATE A NON RIBELLARVI AI CRIMINALI CHE VIVONO INSIEME A VOI !!! COME !!!!!!

ina ghigliot 06.08.13 13:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

non è al ministro che devi indirizzare questa lettera. Ma ai camorristi che da decenni stanno avvelendano queste terre e condannando migliaia di bambini. Credo sia arrivato il momento di combattere contro tutte le mafie e le camorre. Sono loro gli assassini di questi bambini.

gianni piras 06.08.13 13:27| 
 |
Rispondi al commento

alò nuovo post
Napolitano, un passo indietro

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 06.08.13 13:24| 
 |
Rispondi al commento

la competitività del nostro paese, il nostro made in italy non sono altro che fughe dalle regole per la tutela dell'ambiente e del lavoratore. Un paese a competitività zero a causa gli enormi costi ha dovuto sempre svicolare dalle norme e trovare sistemi abusivi ed inquinanti per poter competere e che hanno portato alla morte di migliaia di lavoratori e di persone innocenti. Altro che Cina e terzo mondo....questo paese ha una storia di cui vergognarsi e soprattutto il mito del buon italiano deve essere ridimensionato per non trovare scuse al nostro male

Manuele L. Commentatore certificato 06.08.13 13:21| 
 |
Rispondi al commento

Parole come Civilta' e Democrazia nel Sud non hanno senso d'essere.
La cosa piu' inquinata presente nella mia terra e' il pensiero della gente.
Parlare di Bene Comune qua equivale a coprirsi di RIDICOLO.
Provate a mettere da parte i vostri condizionamenti ideologici compenetrandovi nella gente che nel Sud subisce da una vita.
QUA CI VUOLE LA FORZA. La situazione e' insostenibile e l'Italia intera ne paghera' le conseguenze.
Per bonificare a tutto tondo il Sud necessitano leggi eccezionali. Che mandino qui l'esercito per una missione di civilizzazione!
Saluti
Ros

Rosella F., Cosenza Commentatore certificato 06.08.13 13:20| 
 |
Rispondi al commento

il commento mio dopo gli innumerevoli commenti qui anticipati, nn fa che girare la lama nella piaga, chiedere a questa pseudo ministro che nn sa quanto fa 2 + 2 di porre fine a questa strage, quanto lei sa benissimo chi ci guadagna su quei territori.

luigi pandolfi 06.08.13 13:18| 
 |
Rispondi al commento

nuovo post

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 06.08.13 13:11| 
 |
Rispondi al commento

Io credo che da questo tristissimo racconto questi innocenti bambini devono avere giustizia.
Non è possibile che nel 2013 si muoia per inquinamento. Il Ministro dell'ambiente e della Salute dove sono ?.
Con questa denuncia iniziare a fare delle indagini e monitorare il territorio con appositi strumenti. Se ci fosse materiale radio attivo ?.
Condoglianze a questi genitori che hanno perso i loro bimbi senza un perché.

Renzo Grillo 06.08.13 13:11| 
 |
Rispondi al commento

CLICCATE SOTTO!!CONDIVIDETE


non ci sono parole da poter dire
un abbraccio a voi, siate forti per i vostri angeli che vi amano da lassù

Marcello B. Commentatore certificato 06.08.13 13:08| 
 |
Rispondi al commento

E' quella ruga profonda sul viso di qesta madre, che adesso è incisa sul mio cuore, che rivela tanto dolore, ma tanta indifferenza, tanta menzogna nei cuori di pietra che tutto questo permettono.

Quel solco, quella ruga sono di una bellezza indescrivibile, sono l'amore autentico che lascia le sue tracce in eterno, sono il solco da dove rinascerà la vita autentica, L'Amore.

Marcello M., roma Commentatore certificato 06.08.13 13:02| 
 |
Rispondi al commento

Leggere questo articolo-denuncia di una realtà, mi ha fatto rizzare tutti i peli del mio corpo quelli visibili ed invisibili (lasciatemi passare questa volgarità,chiedo scusa).
Ho due nipotini di 4 e 2 anni che vivono a Napoli. non so aggiungere niente di più.

maria t., potenza Commentatore certificato 06.08.13 13:01| 
 |
Rispondi al commento

non possiamo più aspettare
convinti che non ci toccherà
non possiamo più campare
aspettando chi non ci aiuterà
non possiamo più restare
con la testa sotto terra
dopo un post così ho in mente
una sol parola... guerra!

carlo c., ar Commentatore certificato 06.08.13 12:59| 
 |
Rispondi al commento

In Campania hanno fatto tante guerre di cammorra..fate una guerra alla camorra.
Chi sono lo sapete..armatevi e fateli fuori

michele ., rimini Commentatore certificato 06.08.13 12:59| 
 |
Rispondi al commento

ASSASSINI
novelli Erode, assetati di potere,
insensibili alle grida di dolore,
verrà il giorno del giudizio
e non ci sarà pietà per voi.

Daniela M. Commentatore certificato 06.08.13 12:58| 
 |
Rispondi al commento

Mi viene da piangere, è brutto anche solo pensarlo,, ma vorrei che questa sorte infame toccasse ai figli di coloro che sono responsabili di queste tragedia, allora forse capirebbero che tutti gli sporchi soldi che hanno guadagnato non valgono un cazzo.

Gabriele Valerio 06.08.13 12:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

l'Italia è tutta una metastasi, dove il profitto e l'interesse privato la fanno da padrone, non resta che sperare alle prossime elezioni che ci saranno molto presto, che il M5S sia una potente idrovora per conseguire il massimo successo, e finalmente iniziare a prosiugare questo mare di melma e merda che ci circonda.!!

remo romeri 06.08.13 12:44| 
 |
Rispondi al commento

un'altra zona inquinata come le zone di cui si parla nell'articolo e' la zona di brescia e pronvincia.a carpenedolo in una via lunga 100 Corradini metri la mia ragazza ha avuto un osteosarcoma al femore,sua sorella lo ha avuto alla gamba(amputata),la loro nonna morta per tumore e al braccio,un vicino di casa di otto anni e' morto sempre un osteosarcoma..ditemi voi,se qualcuno di voi che legge questa cosa e' interessato e ha la possibilita' di interessarsi al caso e vedere cosa ci sia che fa ammalare e morire la gente

CHIARA GAFFORINI Commentatore certificato 06.08.13 12:44| 
 |
Rispondi al commento

per la merda del denaro e potere ,affanculo!Ma ci sarà quel giorno che pagheranno il conto salatissimo...

angelo.i 06.08.13 12:39| 
 |
Rispondi al commento

...

Davide G., Milano/Bari Commentatore certificato 06.08.13 12:38| 
 |
Rispondi al commento

Maledetti!!!! Gli auguro di fare la stessa fine

Isa rossi 06.08.13 12:37| 
 |
Rispondi al commento

Non do volentieri le mie poesie il perché lo scoprirete poi
Dedicò questa a tutti i bimbi sofferenti a causa degli inquinamenti e a questi genitori affinché in memoria dei loro angeli si impegnino a combattere questa piaga dell'umanità .
È giunto il tempo delle mele,
dorate sempre dal sole di agosto.
Dure , perlacee, come un cristallo di rhodonite .
È venuto il tempo dell'uomo ,
consapevole di appartenere alla terra .
Coloro che fanno fortuna ,
sulle miserie altrui,
ottenendo benedizioni e plausi anziché scomuniche .
Come nel giorno che vennero cacciati i mercanti .
Verranno dimenticati o maledetti.
Sarà un tempo lungo
dove la frutta lentamente matura
Non quella lustra e ingannevole
addentata dopo l'acquisto delude
Avremo mele
come quelle messe a maturare dentro a un antico comò di noce tarlato
avvolte con cura in una vecchia trapunta rossa
Ancora fragranti a Pasqua per loro natura
Non per una surrettizia conservazione
Profumeranno di miele e di rose
saranno sugose come se la rugiada le avesse sfiorate la sera innanzi
Oneste anche per i bachi
potremo allora ricominciare pazienti
come vediamo i frutti,al sole di agosto
tutte le male erbe saranno potate ,
estirpate, seccate dal gelo di un silenzioso inverno in cui si racconterà una favola
piccole mani solleveranno lo scrigno di trapunta rossa appariranno come gemme di rhodonite
Per imbandire una tavola in festa, dopo il solstizio d'inverno, avranno i colori delle antica pietra
Eternamente onesta
Alloggiate sulla vecchia fruttiera saranno
il trionfo delle bellezze dell'anima
Poesia Capodanno 2013

Rosa Anna Oioli 06.08.13 12:37| 
 |
Rispondi al commento

Responsabilità politica

Di chi è la colpa di queste morti?
Dobbiamo andare indietro negli anni, nel sud il consenso politico era legato, come lo è adesso (forse ancora di più), al voto di scambio.
Solo che i politici non si accontentavano di avere qualche voto ne volevano molti, e chi poteva procurali questi voti, la criminalità organizzata.
Una volta eletti questi politici hanno permesso alla criminalità di fare quello che voleva e questi avendo come padrone il dio denaro si sono buttati nello smaltimento dei rifiuti.
Solo che x smaltire rifiuti tossici costa molto
allora li seppelliamo così guadagniamo di più.
Chissà quanti ce ne sono in mare.
Morale per un vantaggio immediato ci vendiamo il futuro della terra, e l'ignoranza fa si che ce la mettiamo sotto ai piedi.
Il post è commovente ma mi fa venire una RABBIA dentro, e se penso alle responsabilità non so trovare altri colpevoli che i politici.
L'antibiotico è il M***** forza ragazzi bisogna cambiare e ci sono una montagna di cose da fare


saluti a tutti da nessun copy

nessun copy 06.08.13 12:36| 
 |
Rispondi al commento

Un giorno, tutti questi politicanti verranno condannati per "crimini contro l'umanità" al
pari dei nazisti, altro che frode fiscale!!!

cristian g., sarezzo (bs) 06.08.13 12:34|
----------------------------------------------

Se stiamo ad aspettare qual giorno, campacavallo.
Lo dobbiamo fare arrivare noi quel giorno.
Capisci a me!

Thorn Re Commentatore certificato 06.08.13 12:35| 
 |
Rispondi al commento

Un giorno, tutti questi politicanti verranno condannati per "crimini contro l'umanità" al
pari dei nazisti, altro che frode fiscale!!!

cristian g., sarezzo (bs) Commentatore certificato 06.08.13 12:34| 
 |
Rispondi al commento

MALEDETTI LURIDI BASTARDI!
DOVETE CREPARE.

Thorn Re Commentatore certificato 06.08.13 12:33| 
 |
Rispondi al commento

Son solo i Primi, purtroppo.
L'Iceberg.

Holocausto.
Nurnberg.

grethe garbus (white venus), stockolm Commentatore certificato 06.08.13 12:32| 
 |
Rispondi al commento

Che siate maledetti.... tutti....voi Politici, voi Camorristi, voi Mafiosi, voi Amministratori Pubblici e Ufficiali Sanitari..... vostra e' la responsabilita' di tutto cio', vostra e dei signorotti Industriali che vi han pagato e continuano a pagarvi, prima per interrare e tacere poi per negare o giustificare.
Siate maledetti tutti, tutti quanti, voi e le vostre famiglie, voi che vi tuffate dalle vostre barche costosissime pagate col denaro della monnezza, denaro sporco, puzzolente.
Voi che fate i regali alle vostre mogli o amanti con i soldi baganati di lacrime di dolore di tanti, troppi genitori.......che siate maledetti per l'eternita'.

Domenico Napoli, Dar Es Salaam Commentatore certificato 06.08.13 12:31| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

sono senza parole.
Le responsabilità di qualcuno sono enormi.

Paolo r., Padova Commentatore certificato 06.08.13 12:31| 
 |
Rispondi al commento

Dopo aver letto questo post non si può che rimanere
"interdetti"e con un nodo in gola.
E la domanda, che ronza in testa è, perchè permettono tutto questo?
Mi viene a mente quel prefetto arrogante che zittiva Don Maurizio Patriciello
E quella faccia di cazzo di Cosentino agli arresti domiciliari..in villa con piscina.
Oltre alla camorra è lì che si trovano le risposte

michele ., rimini Commentatore certificato 06.08.13 12:29| 
 |
Rispondi al commento

Ho finito di leggere con molta fatica. Non ho parole, semplicemente straziante!

Luca P. Commentatore certificato 06.08.13 12:29| 
 |
Rispondi al commento

di fronte a simili cose
non ho parole...
solo lacrime
unite a tanta rabbia !

dario del sogno, trieste Commentatore certificato 06.08.13 12:27| 
 |
Rispondi al commento

CLICCATE SOTTO !!!CLICCA E CONDIVIDI

NAPOLITANO SCHOCK:CLICCATE QUI 06.08.13 12:27| 
 |
Rispondi al commento

Sono una vigliacca, non ho retto emotivamente a leggere tutto l'articolo che completerò quando riuscirò a calmarmi! é una vergogna dobbiamo assolutamente fare qualcosa, dobbiamo difendere i nostri bambini!!!!

Fulvia F. Commentatore certificato 06.08.13 12:24| 
 |
Rispondi al commento

Giudice Esposito: "Nessuna fretta con B. Salvare il caso da prescrizione è dovere"

Peccato che tutto sto “dovere” nei casi di Bassolino, Penati & C. non si sia visto per niente.
Guarda un po'...

Care compagne eCare compagne e cari compagne di merende... cari compagne di merende... 06.08.13 12:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Berlusconi non poteva non sapere
Germini non capisco
Evviva
Facciamola interdire
Questi prendono ancora l'intero stipendio
Elezioni subito

Rosa Anna Oioli 06.08.13 12:23| 
 |
Rispondi al commento

SAREBBE IMMORALE FARE QUALSIASI TIPO DI ACCORDO CON QUESTI DELINQUENTI MALFATTORI...VERRA' IL GIORNO IN CUI LA GENTE, ANCHE I PIU' EBETI E LOBOTOMIZZATI,CAPIRA' CHE L'UNICO MODO CHE HA L'ITALIA PER USCIRE DA QUESTA MELMA E' VOTARE M5S...ED ALLORA SUONERA' LA CAMPANA DELLA GIUSTIZIA PER COLORO CHE HANNO COMMESSO QUESTI CRIMINI VERSO L'UMANITA'...DOVRANNO RISPONDERE DIRETTAMENTE AL POPOLO DELLE LORO NEFFANDEZZE ED INIQUITA'...VALE LA PENA ASPETTARE PER VEDERLI APPESI A TESTA IN GIU' INVECE CHE AI SERVIZI SOCIALI...L'UNICO SERVIZIO CHE I POLITICI DI QUESTO REGIME DIDATTORIALE POSSONO FARE ALLA SOCIETA' E' METTERLI IN UNA DISCARICA E FARNE DEL COMPOST...!!!! BEPPE NOI CHE SIAMO LO ZOCCOLO DURO DEL M5S ABBIAMO PAZIENZA..!! ASPETTEREMO.. LA PAZIENZA E LA CALMA SONO LA VIRTU' DEI FORTI..!! BASTERA' SOLO TENERE QUESTA MANDRIA DI MAIALI E PORCI NEL LORO RECINTO E LASCIARE KE SI SBRANERANNO LI UNI CON GLI ALTRI...!!!NOI SIAMO INVINCIBILI COME LE LEGIONI ROMANE...LENTI PROGRESSIVI INARRESTABILI..!!! W IL M5S W L'ITALIA LIBERA...!!!

Giovanni D., Bari Commentatore certificato 06.08.13 12:22| 
 |
Rispondi al commento

Queste sono responsabilità alle quali i nostri ministri non potranno sottrarsi!!
Andiamo al voto,deve assolutamente vincere il M5S
c'è bisogno di giustizia e di pulizia......e dev'essere il popolo a farla...ad ognuno la propria,
mettiamo nelle mani del popolo questi assassini!!!

gianna caviglia 06.08.13 12:22| 
 |
Rispondi al commento

In tutto questo, in Campania, il testo unico ambientale è violentato continuamente da regolamenti regionali dichiarati incostituzionali...sentenza n°28 del febbraio 2013 della corte costituzionale punto 1.9 dove c'è più o meno scritto: "la norma, inoltre sottrarrebbe alla vigente normativa in materia di valutazione di impatto ambientale......., intere categorie progettuali..." Allora, come poter resistere se le istituzioni marciano contro il diritto alla salute dei cittadini?????? Tutti in galera...consiglio regionale (tra l'altro indagato quasi per intero perché rubano i polli e anche le penne) provinciale e comunale....SIAMO DIVENTATI COSE è NIENTE IN MANO AI DELINQUENTI!!!!!!

achille ., napoli Commentatore certificato 06.08.13 12:18| 
 |
Rispondi al commento

Tra annunci e proclami nei talk show questi governanti ci hanno preso per il fondello per molto tempo. Ma la festa sta per finire, e alla fine tutti quelli che ci hanno creduto gli volteranno le spalle. Noi che abbiamo gia' votato M5S siamo solo la prima tranche, gli altri, quelli che alle ultime elezioni hanno ancora votato i vecchi partiti prima o poi capiranno anche loro e voteranno M5S, il cambiamento arrivera', teniamoci pronti a scendere in piazza a festeggiare.

Sidney Jahnsen Medling, Milano Commentatore certificato 06.08.13 12:17| 
 |
Rispondi al commento

Vivo nella bassa Bellunese,non ci sono fabbriche ,industrie di nessun genere ,gli alberi tra poco ci entrano in casa,quasi ogni famiglia ha un piccolo orticello,eppure....la mia famiglia sterminata dal cancro,e ,un incremento spaventoso di casi,che si verificano di anno in anno.......io non so proprio chi ringraziare, e con me migliaia di famiglie che hanno pianto e piangeranno, mamme ,papà figli ,ecc ecc.....pure i nostri animali non riescono più ad avere una morte naturale .... un bacio a chi non c'è più!

Lores Capolli 06.08.13 12:16| 
 |
Rispondi al commento

Non ho parole per questo scempio. Domandarsi chi sono i colpevoli di queste stragi e non sapere i nomi avrebbe un senzo. Brutto, ma ce l'avrebbe.
Invece noi sappiamo, nomi cognomi e posizione politica. Questo ci rende complici...tutti. Mi fa molto male tutto questo. Non riesco a capire quelli che ancora difendono i colpevoli e li votano. Ma come potete. Come?.....Silenzio per favore.....

Mario S., Firenze Commentatore certificato 06.08.13 12:08| 
 |
Rispondi al commento

Vivo da 7 anni all'estero ed ogni volta che vado a trovare i miei in campania....non sono sereno perche' sono sicuro di prendermi la mia dose di inquinamento con aria respirata cibo mangiato e acq bevuta.
Qui all'estero cerco sempre di comprare al supermercato i prodotti NO made in italy.

Alfredo Camera, glasgow Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 06.08.13 12:08| 
 |
Rispondi al commento

http://www.change.org/registrotumori

paoloest21 06.08.13 12:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questo paese fa schifo. E' marcio fin dentro al sottosuolo per colpa degli intrallazzi economico-politico-mafiosi. E a rimetterci sono sempre gli innocenti. Figurarsi che lavorone che ci attende: risanare il paese dalle istituzioni corrotte fino al sottosuolo. Ce n'è di marciume da togliere... Spero che presto ci libereremo di questo sistema, di questi farabutti e di questa Europa che nessuno vuole, apparte un pugno di individui che e' assetato di potere... Che schifo. Un abbraccio sincero a chi ha passato e sta passando questi incubi innominabili...

Max turco 06.08.13 12:04| 
 |
Rispondi al commento

Berlusconi insegna.
Scuola Berlusconiana

http://www.youtube.com/watch?v=RQ_FwDgcklo

Danilo_ R. Commentatore certificato 06.08.13 12:01| 
 |
Rispondi al commento

http://youmedia.fanpage.it/video/al/Uc4T2uSwGMkCwRQe


tre minuti, interessanti!

paoloest21 06.08.13 12:01| 
 |
Rispondi al commento

l'ipocrisia dei nostri parlamentari è per lo meno vergognosa,si affacciano sui luoghi dei disatri(come avvoltoi) fanno proclami,promettono aiuti immediati,promettono che non saranno lasciati soli,ma la realta' è che; per fortuna queste famiglie distrutte possono ancora contare sulla solidarieta' del popolo,la bonta' d'animo non potranno mai togliercela..terremotati ancora in baracche processi come quello di bologna che durano 20-30 anni e senza colpevoli la vergogna dei rifiuti in campania,chiesta l'archiviazione per decorrenza dei termini..ma guardandosi allo specchio non avranno la tentazione di sputarsi in faccia?

luciano passalacqua, adria (ro) Commentatore certificato 06.08.13 11:59| 
 |
Rispondi al commento

Poi uno dice che bisogna essere ghandiani, che non si deve ricorrere alla violenza, ma quando ti ammazzano un figlio così ...

Giorgio S. Commentatore certificato 06.08.13 11:58| 
 |
Rispondi al commento

Anche le guerre sono un bisnse:Morte,armi,ricostruzioni,feriti,medicine ecc...tutti elementi di una società sballata che ha perso i suoi principi di pace,di amore e di benessere per tutti.
In parte di si chiamao esportatori di democrazia.
In Italia si chiamano governanti che prima pensano alle proprie tasche facendole passare come "emergenza" poi si pensa al popolo(poco) di dare briciole di benessere.
In fatti anche in puglia(taranto) quando gli abitanti vedevano i muri rossi delle case erano solo dichiarare,dopo aver posto una mano,per verificare la sostanza:"ma che vernice schifosa che hanno adoperato".
L'Ilva da parte sua si è sempre guardata bene di dichiarare che tale colore era"inquinamento".
Tutti d'accordo Sindacati,politiici ed ASL.
Ecco questa è la società dei "fuochi"!

oreste m******, sp Commentatore certificato 06.08.13 11:58| 
 |
Rispondi al commento

Se uccidini un uomo sei un assassino.
Se ne uccidi migliaia uno statista.

Dino L. Commentatore certificato 06.08.13 11:56| 
 |
Rispondi al commento

Staff...ore 10.52 e ore 11.000 grande stronzo di clone della Vivarelli.
Fatelo sparire grazie!

oreste m******, sp Commentatore certificato 06.08.13 11:50| 
 |
Rispondi al commento

mia figlia è nata in quella zona.....anche se ci siamo trasferiti poco dopo la sua nascita.... mia figlia cresceva troppo velocemente...a 2 anni le compravo i vestiti per bimbi di 5.... a 7 anni per bambini di 12 anni...aveva sempre mal di testa... ogni volta che lo dicevo al pediatra mi diceva che io ero scema...che la mia apprensione avrebbe rovinato mia figlia.....a 7 anni e mezzo le hanno diagnosticato una malattia rara causata da un tumore all'ipofisi che le causa il gigantismo e altri problemi che non sto a specificare....forse i medici dovrebbero ascoltare di più i genitori....

maria 06.08.13 11:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

o.t.?

i problemi dell'italia sono spariti dalle tv,restano solo i problemi di silviuccio!

paoloest21 06.08.13 11:46| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un dolore come quello che ho letto ... i nostri politici hanno solo la capacita' di dare solidarieta' quando accadono certe cose, sempre dopo che accadono. Siamo in un paese finito e come lui sono finite le nostre speranze per i nostri figli. Un caro abbraccio ai genitori a cui e' stata privata la felicita' di vivere una vita con i propri figli.

Un sorriso.

Alessandro D., Gallarate Commentatore certificato 06.08.13 11:46| 
 |
Rispondi al commento

Una lettura da brividi.


Un abbraccio forte forte ad Antonella, Imma e Angela e i parenti delle vittime, tutti.

Sul fatto di trovare un responsabile, è ora che davvero si cambi marcia. Intollerabile che sia sempre, soltanto e unicamente il cittadino a pagare.
Tra l'altro, dovessero parlare di una eventuale "bonifica", sarebbe con il denaro pubblico, cioè noi contribuenti compreso anche le tasse pagate dalle vittime stesse.

Gian A Commentatore certificato 06.08.13 11:45| 
 |
Rispondi al commento

Per questi bastardi che inquinano e uccidono in modo lento e doloroso come la peggiori delle torture donne, uomini e soprattutto bambini bisognerebbe incriminarli tutti per crimini contro l'umanità e incarcerarli a vita in una cella piccola e stretta o fagli mangiare la merda che disperdono nell'ambiente per arricchirsi e arricchirsi, mentre la gente muore e i bambini soffrono e vedono la loro vita stroncata troppo e troppo presto.
Purtroppo questi criminali della peggior specie sono i più ricchi arricchitesi sulla vita degli innocenti e sono coloro che in un modo o nell'altro non vengono nemmeno indagati.
E tutto grazie a milioni d'italiani che se ne fregano e pensano solo al weekend fono a che non toccherà a loro a i loro figli e alla loro vita, ma sarà troppo tardi

Matteo Pietri Commentatore certificato 06.08.13 11:45| 
 |
Rispondi al commento

Silenzio perfavore.......

Mario S., Firenze Commentatore certificato 06.08.13 11:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In una società iperliberistica....si ha la libertà di ammalarci facilmente perchè la malattia è....un Bisness!
Il Profitto l'essenza del capitalismo.
Il profitto non guarda in faccia a nessuno...anche la morte è diventato un profitto.
Non si investe sul futuro...troppo distante,meglio investire sul presente immediato:soldi,soldi,soldi...anche sporchi ed infami!
Ecco di cosa vivono i maiali di tutto il mondo!
Il grande letta-maio si manifesta in ogni momento del quotidiano.
Per l'Italia poi siamo al massimo: il profitto pagato dai cittadini!

oreste m******, sp Commentatore certificato 06.08.13 11:43| 
 |
Rispondi al commento

purtroppo di luoghi come la terra dei fuochi in campania,l'italia ne è piena..colpa del sud? del nord? ora in questo momento non importa,la csa piu urgente,immediata ,sarebbe una bonifica generale,e pur cominciando subito la situazione non migliorerebbe prima di un ventennio,chi ha provocato questi scempi dovrebbe essere condannano come "omicidi contro l'umanita'e il patrimonio"ma sarebbe purtroppo una perdita di tempo,uno scarica barile che non porterebbe a nulla. ma in un sistema di tangenti e di corrotti,dove è vero tutto e anche il suo contrario vi è solo una speranza ,che i giovani d'oggi crescano con dei valori diversi,dove non esiste solo il dio denaro

luciano passalacqua, adria (ro) Commentatore certificato 06.08.13 11:43| 
 |
Rispondi al commento

OT

Che ci provino a salvare Berlusconi.
Che ci provino....

simone stellini Commentatore certificato 06.08.13 11:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho perso (leucemia) mio figlio Vieri nel lontano 1974. Anche stamani lo ricordavo, come fosse ora. Errori, impotenza. Ma questo calvario si è esteso, dilaga. Nessuno vuole fermarlo. Le multinazionali (dell'inquinamento) si sono impadronite del Paese e del mondo. SIM era la sigla usata dalle BR per indicare il nuovo ordine mondiale: Stato Imperialista delle Multinazionali. Accanto a loro, le multinazionali, i luogotenenti, Mafia, Camorra, 'Ndrangheta.

carlo carlucci 06.08.13 11:41| 
 |
Rispondi al commento

Ma i nostri governanti se ne fregano di noi, l'oro hanno buon cibo, belle case, non hanno problemi di bollette, migliori cure ospedaliere e gratis con i miglio medici.. noi siamo solo bestie da lavoro e poi morire anche a 4 a8 o 19 anni a ministro non gli ne fraga un cazzo... mandiamoli a casa tutti quelli della vecchia casta o con le buone o con le cattive..

RENZO D., riva presso chieri Commentatore certificato 06.08.13 11:39| 
 |
Rispondi al commento

Un grido di dolore questa lettera , da far venire i brividi ed anche tanta rabbia perchè le istituzioni ignorano sempre le responsabilità, alla luce di questo l'impegno del Movimento su questi temi assume un'importanza sempre più rilevante soprattutto nei territori locali, è li, oltre che al parlamento , che occorre battersi per fermare lo scempio ambientale di questo paese
utile ricordare le dichiarazioni del ministro Lorenzin
http://www.internapoli.it/articolo.asp?id=26772

Danila R., Porto San Giorgio Commentatore certificato 06.08.13 11:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

BASSOLINO SETTEBELLEZZE SINISTRONZO PIDDINO
Il 31 luglio 2007 è stato richiesto il rinvio a giudizio dalla Procura della Repubblica di Napoli per i presunti reati che avrebbe commesso durante il periodo tra il 2000 e il 2004 come commissario straordinario per l'emergenza rifiuti in Campania. Durante l'udienza preliminare.[1][2] In effetti i PM Noviello e Forleo hanno contestato che l'emergenza rifiuti è stata l'occasione per far guadagnare cifre «inimmaginabili » a chi lavorava negli anni scorsi al commissariato straordinario, dove durante la gestione Bassolino i subcommissari hanno ricevuto compensi pari anche a novantacinquemila euro al mese. I vertici di Impregilo e alcuni ex rappresentanti del commissariato si sarebbero letteralmente arricchiti: il subcommissario Vanoli percepiva un milione e cinquantamila euro all'anno, i subcommissari Paolucci e Facchi, compensi tra gli ottocento e i novecentomila euro.

La stessa situazione si sarebbe verificata anche quando commissario era il prefetto Corrado Catenacci, che in una intercettazione telefonica si lamentava con l'interlocutore, perché il suo stipendio era di cinquemila euro mensili, mentre due tecnici della struttura commissariale intascavano cifre pari a un miliardo di lire all'anno...ecc..eccc..

http://it.wikipedia.org/wiki/Antonio_Bassolino

"Il legale di Bassolino ha comunicato che il suo assistito ritiene infondate le accuse e che è già stato presentato ricorso alla sentenza che quindi attualmente è sospesa...."
AH!AH!AH!AH!AHAHAHAHAHA!!!! E TE PAREVA!
:))))


Aggiungo....Un giorno non lontano scopriremo che stiamo pagando con la vita l'inquinamento elettromagnetico generato da tutti i segnali trasmissivi di cui non possiamo più fare a meno. Tutti gli studi sugli impatti dell'inquinamento elettromagnetico sono secretati o screditati. Ma il nostro corpo è attraversato da una miriade di segnali elettrici a diverse frequenze. Siamo macchine elettriche, e certamente, non ci vuole Einstein per confermare che qualche mutamento genetico certamente viene fuori da un tale continuo e quotidiano bombardamento. Ma quale studioso sarebbe lasciato vivere dalle multinazionali una volta pubblicata una ricerca che dimostri il nesso tra l'inquinamento elettromagnetico e la mortalità infantile? La risposta è matematica: nessuno. Dobbiamo patire e basta. Tra monnezza tossica e onde tossiche.

Nino D'Errico (dedalus4), Somma Vesuviana (NA) Commentatore certificato 06.08.13 11:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Abbiamo una sola soluzione !! Compriamo un network tv nazionale e facciamo informazione vera. Le altre reti ad esclusione di Report fanno schifo, da qualche parte bisogna cominciare, in questo paese la differenza la fa ancora troppo la TV, il blog non basta, la vera rivoluzione pacifica arriva con la diffusione delle informazioni, sensibilizzando l'opinione pubblica.
Mi stringo al dolore di quelle famiglie ma basta piangere, è ora di agire è ora di cambiare !!!!

Luigi Azzariti 06.08.13 11:34| 
 |
Rispondi al commento

inquinare una terra fertile come quella della Campania (di origine vulcanica) è uno degli scempi più immani che « L'OMUS STRONZUS » che non ha diritto di vivere , potesse fare nella sua zozza vita di merda!

- non ci sarebbe nulla di "male" ... da parte di questi genitori , andare a prendere a mazzate in bocca quei politicanti locali e non locali corrotti che hanno permesso questo disastro!


intanto che stiam qua a parlare delle condanne del nano o delle banane da tirare alla kyenge lasciamo che ammazzano i nostri figli ,non sò se siamo peggio noi o loro.

Panino 06.08.13 11:33| 
 |
Rispondi al commento

Re Giorgio fare qualcosa per la tua terra?
Troppo difficicle o spartisci insieme al nano e compagnia bella i proventi delle ecomafie?
Vattene o suicidati grazie.

Dino L. Commentatore certificato 06.08.13 11:33| 
 |
Rispondi al commento

Basta essere sinistronzo piddino e la prescrizione funziona benissimo. In questo caso i giudici si fanno le ferie dormono il dovuto, non fanno straordinari e non usano i fax perchè “manca il toner”.

Rifiuti in Campania, il pm: “Bassolino colpevole, ma chiedo prescrizione”
(La prescrizione addirittura la chiede il PUBBLICO MINISTERO, non so se è chiaro in che paese di merde viviamo )
Il dibattimento doveva accertare i colpevoli di quella che il pubblico ministero ha definito 'l'immane tragedia campana' (è una strage ma lui la chiama “tragedia” come se fosse un evento naturale), ma si è chiuso con un COLPO DI SPUGNA, reati estinti per avvenuta prescrizione

“Ritengo che Antonio Bassolino abbia concorso nella perpetrazione dei reati”, ma “si chiede la pronuncia di prescrizione per tutti i capi di imputazione a lui attribuiti”. Il pubblico ministero Paolo Sirleo, dopo 20 ore di requisitoria alla terza udienza del maxi processo per il disastro rifiuti in Campania ha così concluso in merito alla posizione di Antonio Bassolino, ex governatore della regione e commissario straordinario per l’emergenza rifiuti dal 2000 al 2004. Il dibattimento doveva accertare i colpevoli di quella che il pm ha definito ‘l’immane tragedia campana’, ma si è chiuso con un colpo di spugna: reati estinti per avvenuta prescrizione.

Ovviamente la colpa ora sarà tutta di Caldoro che governa da tre anni e non è detto che il quarto non finisca in prigione.
State facendo il MonnezzaTour? Avete solo da passare per il CSM e la Cassazione.


.

cristian l. Commentatore certificato 06.08.13 11:28| 
 |
Rispondi al commento

questi parlamentari che su queste delicate e strazianti situazioni tacciono (e si che ne avrebbero da dire)sono i soliti che ci chiamavano dilettanti allo sbaraglio..si forse li siamo,ma ha noi è rimasto il cuore..e questi personaggi che hanno eletto,dovrebbero rappresentare il popolo italiano? no grazie, da dx a sx non si alza mai una voce se non per il loro tornaconto e per questo non potranno mai rappresentarci

luciano passalacqua, adria (ro) Commentatore certificato 06.08.13 11:27| 
 |
Rispondi al commento

Campania. Per un cittadino campano, meglio se abitante dell'hinterland napoletano o casertano, è facile orientarsi in notizie del genere per capire dove comincia il dramma e perché continua ad alimentarsi. Signori, da queste parti c'è un'ignoranza abnorme ed una coscienza del vivere comune totalmente assente. Fatto salvo per quei pochi onesti cittadini che fanno tenerezza nella loro volontà di cambiare le cose, totalmente disattesa. Li vedi con il loro sacchetto della plastica che sistematicamente devono poggiare sul cumulo di sacchetti "tal quale" depositati dalle bestie ignoranti che dominano ogni angolo di queste terre. Fosse solo questo. Visti gli individui che popolano questo "pianeta della monnezza", non ne dubito e sono convinto totalmente che non c'è speranza di salvare qualcosa, almeno non nei prossimi 100 anni. Perché se veramente si volesse bonificare, oggi ci vorrebbe una forza soprannaturale e non convenzionale per scovare tutti i ceppi maligni disseminati dalle mafie sul territorio, nei cibi, nei cementi, nell'aria, dappertutto. Nessuna macchina concepita dall'uomo è oggi in grado di bonificare questo pezzo di mondo e la sua gente. Credevo che con l'avvento di internet anche queste terre potessero erudirsi e la gente uscire dal tremendo stato di ignoranza e ignominia in cui vive da decenni, ma mi sbagliavo. Internet per questa gente è un altro modo per seguire il napoli calcio, scommettere sulle partite e chattare con i propri simili. E chi vive queste zone sa bene di cosa sto parlando. Smettiamola di nasconderci, siamo tutti colpevoli di azioni ed omissioni. Ora restano soltanto 2 possibilità: Andare via lontano o restare a combattere una guerra improbabile contro atroci malattie ed atroci ignoranze. Auguro a me stesso e la mia famiglia, ed a tanta gente onesta, di optare per la prima. Questa guerra, signori, è persa. Come questa parte di mondo. Bisogna essere realisti. E' finita. Hanno vinto. Lasciamoli morire nelle loro malefatte. Andiamo via...

Nino D'Errico (dedalus4), Somma Vesuviana (NA) Commentatore certificato 06.08.13 11:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Penso che se vogliamo limitare di inquinare il mondo dovremo fare a meno della tecnologia. Siamo tutti pronti e convinti a fare cio? Sapete che cosa vuol dire? Tornare indietro nel tempo di almeno 100 anni.

salvio manno, milano Commentatore certificato 06.08.13 11:24| 
 
  • Currently 2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Farei fare l'anno di servizi sociali al berlusca all'ospedale Pausillipon

Aldo L., Montecretese Commentatore certificato 06.08.13 11:23| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Certo, viene voglia solo di piangere. Ma non può essere solo l'inquinamento a distruggere queste vite, non ci credo, ci deve essere anche qualcosa d'altro! E penso che in molti, nel mondo, sappiano ma se ne stanno zitti perchè l'ammalato deve essere una mucca da mungere, deve ingoiare medicine a più non posso per alimentare questa sanità di merda, e mantenere i privilegi della casta medica e far gonfiare i bilanci delle multinazionali farmaceutiche. C'ho vissuto 35 anni in ospedale e ne ho viste di tutti i colori! Un forte abbraccio ai genitori di questi sfortunati bambini.

Coppa Gilberto 06.08.13 11:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ribelliamoci ci stanno uccidendo x i loro sporchi affari

Giuseppe Matteo 06.08.13 11:19| 
 |
Rispondi al commento

sarei stato impressionato favorevolmente se questo "pezzo" fosse passato sui vari giornali,che qualche altro partito lo avesse denunciato ,ma nulla.. anche qui,di fronte a tale sdegno ,vince l'omerta' e l'interesse

luciano passalacqua, adria (ro) Commentatore certificato 06.08.13 11:19| 
 |
Rispondi al commento

Questo intendo quando dico che in parlamento bisogna portare persone vere, con diverse sensibilità sociali.
In questo caso serve chi non riesce a controllare le lacrime quando si legge "Papà, aiutami tu". queste sono le parole peggiori difronte alle quali nulla può fermarci.
Situazioni di questo genere ne accadono continuamente e non solo in Italia.
Se non facciamo noi qualcosa e in fretta spiegatemi chi lo farà.
Non certo chi da decenni permette tutto ciò senza alzare un dito e che negli anni si è selezionato una classe dirigente vuota.

Roberto Gilli, Pino Torinese Commentatore certificato 06.08.13 11:17| 
 |
Rispondi al commento

Scrivere alla De Girolamo di queste problematiche è come parlare con un inutile ente dei tanti che ne esistono in Italia. Questi fanno finta di governare, di cavalcare l'emergenza, di legiferare. Questi pensano solo a conservare i loro privilegi ed hanno la preparazione di un lavapiatti (anzi lui è più bravo)!

Antonio ., Isola Gorgona - Livorno Commentatore certificato 06.08.13 11:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

giuro su dio che sarei pronto a combattere sino alla morte perchè certi fatti non accadano mai più.

Denis Monti, Bologna Commentatore certificato 06.08.13 11:16| 
 |
Rispondi al commento

Non dobbiamo piu' lasciare il ns. destino nelle mani di chi permette di ucciderci con qualunque cosa, a scapito solo del profitto e del maledetto guadagno. E' vero dobbiamo cambiare noi in prima persona, ma dobbiamo CAMBIARE TUTTO .
Via tutta la CORRUZZIONE!
A CASA chi ha permesso ciò e questo Paese rinascera'.
Movimento 5 Stelle per la tutela di tutti noi!
Col cuore a questo post!

a., padova Commentatore certificato 06.08.13 11:15| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
BISOGNA FERMARE IN UN MODO NELL'ALTRO QUESTA STRAGE,NON SI PUO' ANADARE AVANTI COSI'
ALVISE

alvise fossa 06.08.13 11:12| 
 |
Rispondi al commento

commozione e piena solidarieta'..e poi noi ci chiamiamo con orgoglio paese civilizzato???credo che a tutti venga voglia di dare la pena di morte a chi ti ruba un figlio in questa maniera,dobbiamo solo che vergognarsi,loro per quello che hanno fatto,noi per la nostra tacita indiffrenza(in generale)

luciano passalacqua, adria (ro) Commentatore certificato 06.08.13 11:09| 
 |
Rispondi al commento

perfetto adesso Viviana ha avviato la rubrica gay anche su questo sito. Che tristezza! Comunque ribadisco il mio rifiuto assoluta della mafia gay che cerca di conquistare cukturalmente tutte le leve del potere: gay non è bello e mai lo sarà!

guido ligazzolo, merano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 06.08.13 11:07| 
 
  • Currently 3.4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 10)
 |
Rispondi al commento
Discussione

buongiorno blog!
che tristezza questo post!
Non possiamo permettere una strage simile e quella zona e' solo una delle tante qui in Italia dove i tumori colpiscono cosi tanto.
Per esempio nella mia zona(dintorni di Milano) c'e' stata negli ultimi anni una impennata di casi di leucemia tra i bambini anche molto piccoli a causa dell'inquinamento atmosferico. Io credo che sia arrivato il momento di dire basta, si fanno piu' vittime che in guerra. Non possiamo piu' permettere queste cose, abbiamo il diritto di vivere in una societa' che ci tuteli in tutto, prima in assoluto nella salute, non chiediamo la luna chiediamo la possibilita' di vivere in un ambiente sano. Non so se ce la faremo a fare il passo indietro, a bonificare tutte le schifezze che abbimo intorno, non lo so....votando M5S credo che almeno la volonta' grande ci sia e forse...forse se arriviamo al governo tenteremo in tutti i modi a restituire una dignita' a questo paese che una politica sbagliata, delle amministrazioni sbagliate, tangenti, mafie e chi piu' ne ha piu' ne metta ha ridotto a un luogo ormai invivibile.
Mi associo al dolore di quelle povere mamme, capisco molto bene cosa si prova.


Anche l'ILVA a TARANTO ha seminato e semina morte, dolore, disperazione
E il ministro dice:sono state le sigarette

mariuccia rollo Commentatore certificato 06.08.13 11:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Francesco,Mesia e Luca siete anche nostri figli e coloro che vi hanno ucciso e dovevano vegliare sulla vostra salute non sanno neanche che siete morti.
Dio avrà dei nuovi angeli al suo fianco e non avrà nessuna pietà per loro.

bruno pirozzi, napoli Commentatore certificato 06.08.13 11:05| 
 |
Rispondi al commento

è impressionante...
lo sappiamo da decenni, eppure le nostre vite scorrono più o meno consapevolmente e, comunque, a prescindere....
Saviano ne ha fatto la propria dottrina.....
e come lui, tanti altri...ma sempre e soltanto con quella spada di Damocle che incombe....
l'indignazione non basta,
occorre AGIRE
perchè Mesia, Francesco e Luca, sono i nostri figli di oggi e di domani
perchè, come loro, anche a Taranto ed in altri luoghi si continua a morire e noi a guardare inerti
perchè la notte si possa riposare con la consapevolezza di aver fatto del proprio meglio
perchè la Dignità ce lo impone......

alnair gru, roma Commentatore certificato 06.08.13 11:03| 
 |
Rispondi al commento

Non c'è limite allo strazio, la nostra bella Italia era un fiore una stupenda orchidea, ora è stata trasformata in una pattumiera piena di veleni ed immondizia. A pagare sono sempre gli onesti, gli Italiani veri che vivono, lavorano e cercano di ridare dignità all'Italia. Non si possono dimenticare tutti i morti uccisi dalla sete di ricchezza che non si ferma neppure davanti alla vita dei bambini. Infondo il denaro cos'è solo carta, come si può scambiare una vita con della carta zuppa di sangue di innocenti. Continuerò per questo a sosetenere e votare il m5s perchè siete l'unica speranza, perchè senza di voi è l'oblio.

Annalisa Scian 06.08.13 11:03| 
 |
Rispondi al commento

GRAZIE PER ESSERE LA NS VOCE I NS OCCHI LE NS ORECCHIE LA NS COLLERA CERCO DI FARE PROSELITI CON LA VERITA' CON CHIAREZZA CON I VS DATI ANDATE AVANTI COSI' NOI SIAMO AL VS FIANCO

cardella giovanni 06.08.13 11:02| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
Io ho imparato che per pulire una cosa bisogna sempre sporcarne un'altra.. , e in questo paese dei miracoli non credo che questo concetto possa essere capito ancora adesso.
Si spera che la gente cresca ancora un pochino e forse allora qualcosa cambierà.
Un abbraccio a tutti

roby 06.08.13 11:02| 
 |
Rispondi al commento

non ho parole.

carlo c., ar Commentatore certificato 06.08.13 10:58| 
 |
Rispondi al commento

Sto piangendo

mariuccia rollo Commentatore certificato 06.08.13 10:57| 
 |
Rispondi al commento

queste storie non mi portano alla ricerca dei colpevoli, perchè colpevoli siamo tutti noi! Il nostro modello di vita la nostra concezione dell'accumulo capitalistico, il nostyro mancato rispetto per l'equilibrio dei cicli della natura, il nostro smodato desiderio di avere di possedere di essere di più, si concretizza anche in queste tragiche storie.
Per questo dico : o cambiamo radicalmenter o la nostra sorte è segnata e non ci resta che piangere su noi stessi, autori del nostro destino.
Equilibrio, francescana rinuncia, giustizia sociale, rispetto dell'esistente, rifiuto del nuovo.

guido ligazzolo, merano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 06.08.13 10:56| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
Io ho imparato che per pulire una cosa bisogna sempre sporcarne un'altra.. , e in questo paese dei miracoli non credo che questo concetto possa essere capito ancora adesso.
Si spera che la gente cresca ancora un pochino e forse allora qualcosa cambierà.
Un abbraccio a tutti

roberto 06.08.13 10:53| 
 |
Rispondi al commento

grazie a tutti i ragazzi del M5S, gli unici, nella storia della nostra nazione,ad aver preso a cuore questa situazione disastrosa che ci uccide lentamente in maniera subdola. Non ci abbandonate, la nostra vita, quella dei nostri figli dipende anche da voi. NOI continueremo a sostenervi e ad essere sempre attivi nella lotta contro chi ha permesso tutto ció. FRANCESCO ROMANO - QUARTO FLEGREO (Na)

FrancescoRomano 06.08.13 10:52| 
 |
Rispondi al commento

TUTTE LE SOCIETA' DI SMALTIMENTO RIFIUTI DEVONO ESSERE GESTITE DA ENTI PUBBLICI, STATO O REGIONI.
LA LOGICA DEL PROFITTO NON DEVE DECIDERE LA VITA E LA MORTE DELLE PERSONE.

Mino V., Brindisi Commentatore certificato 06.08.13 10:52| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno blog.a me vien solo da piangere e non credo si possa dire altro.solo una cosa:dobbiamo mandarli via tutti!!e farla pagare!!!non c'è più tempo e morire così in un Paese civile è inconcepibile.avere ministri così è inconcepibile.avere governi e partiti del genere è inconcepibile.dobbiamo riprenderci la dignità,la salute e il nostro territorio.tutto!il nostro Paese è in macerie.chi voterà e sosterrà ancora un partito sarà solo un miserabile schifoso!!!unica via è il M5S!!ora torno a piangere,perchè altrimenti ci sarebbe solo da prendere le armi e voglio ancora avere la speranza nella democrazia!!!

Luca M., Rho Commentatore certificato 06.08.13 10:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

INDULTO E' MEGLIO DARLO AI POVERI ARTIGIANI CHE NON CE LA FANNO PIU' PUR LAVORANDO 13 ORE AL GIORNO PER PAGARE POLITICI CHE VANNO A PUTTANE

daniela 06.08.13 10:48| 
 |
Rispondi al commento

Bastardi.

Andrea F. De Sanctis (dex1969), Ventimiglia Commentatore certificato 06.08.13 10:44| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori