Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

No al Pirogassificatore di Borgofranco

  • 124


Guarda il video denuncia!
(04:45)
no_pirogassificatore_borgofranco.jpg

Il comune Borgofranco di Ivrea, un'area prevalentemente agricola del Piemonte, è stato vittima per 80 anni dei residui pericolosi prodotti dalla lavorazione dell'alluminio e ora si vuole costruire un pirogassificatore per bruciare rifiuti. Non ce n'è alcun bisogno e di fronte alle denunce dei cittadini su possibili danni alla salute si risponde che "prima si sperimenta, poi si vedrà". I cittadini sono usati come cavie.

Intervista a Fabrizio ed Elisa di Dora Baltea in MoVimento

Fabrizio: Ciao, amici del Blog di Beppe Grillo, io sono Fabrizio..
Elisa: E io sono Elisa Di Dora Baltea in Movimento, siamo qui per l’ennesimo caso di pirogassificazione.
Fabrizio: Siamo qui nell’area industriale di Borgofranco, dove per 80 anni Alcan prima e Novelis poi hanno prodotto alluminio. Questo è il sito scelto dalla provincia per la sperimentazione che Comimet porterà avanti sul pirogassificatore che appunto brucerà rifiuti della filiera industriale.
Elisa: Di che tipo di rifiuti parliamo?
Fabrizio: Parliamo di rifiuti speciali, della filiera industriale, quindi parliamo di Pollina, di Pulper, che è il residuo delle cartiere e anche di tutta un’altra serie di rifiuti per pericolosi industriali.
Elisa: Perché qui a Borgofranco e non altrove?
Fabrizio: Elisa la questione è molto semplice, in questo sito da 80 anni si è prodotto alluminio e quindi in questo sito prima Alcan, che è una multinazionale canadese dell’alluminio, fino circa agli anni 2000, ha lavorato e la prodotto alluminio, dopodiché ha ceduto la sua attività a un’altra società, sempre multinazionale, perché sempre tra loro si fanno le cose, una multinazionale canadese che si chiama Novelis. Novelis ha lavorato in questa zona più o meno fino a verso il 2006, anno in cui ha chiuso la attività…
Elisa: E che cosa facevano?
Fabrizio: Ecco, la cosa interessante è che questa attività di produzione alluminino piano piano si è trasformata anche in qualche cosa d’altro, in pratica questi signori hanno visto che dai rifiuti potevano ricavarci soldi, hanno avviato un impianto che si chiama Decoater, in cui bruciavano delle balle che non sono le eco balle, ma è un’altra cosa peggiore, che sono del packaging, quindi diciamo delle plastica con un filo di alluminio, quindi per anni qui c’è già stato un pirogassificatore attivo e ha bruciato e sparso in giro nell’ambiente residui di questa combustione e quindi residui pericolosi.
Elisa: Qui in zona ci sono già stati casi evidenti, delle incidenze di questi gas? Al livello di salute più che altro.
Fabrizio: Sì Elisa, guarda, in tutto il territorio, in tutta questa zona sono numerosi i casi in cui la gente si ammala, a causa anche di queste… emissioni. Questo Decoater è stato in funzione fino a circa un anno e mezzo fa, anche perché la Novelis ha ceduto la attività a un gruppo della zona che si chiama Dora Baltea Investimenti, il quale ha provveduto anche a lasciare ancora aperto questo impianto per continuare a smaltire le scorie saline, che sono questi residui di produzione alluminio, e quindi diciamo che questo impianto ha continuato a emettere le sue emissioni, ma è anche interessante capire perché in questa area è particolarmente vocata per questi impianti.
Elisa: Non sarebbe meglio dire basta?
Fabrizio: Sarebbe auspicabile dire basta, sarebbe interessante che non solo noi cittadini ci attivassimo per dire basta a queste cose, ma che si mobilitasse di più tutta la comunità, quindi intendiamo anche i sindaci, anche i comuni e anche tutti i cittadini che oggi magari sono silenti e aspettano che qualcuno si muova.
Elisa: Chi è interessato a questo progetto? E soprattutto da quanto tempo è che si sta muovendo e noi non lo sappiamo?
Fabrizio: Allora il diretto interessato adesso di questo impianto è la Comimet, una società di Avigliana, e è una società di carpenteria pesante, quindi che non ha competenze specifiche in impianti di questo tipo, ma soprattutto è una azienda che ha già un suo sito produttivo e quindi difficilmente verrà qui a costruire impianti di questo genere, ma li farà a casa sua magari. Dietro a questa vicenda c’è la provincia che ha già dato la autorizzazione per la sperimentazione e in realtà le prime domande, questa società Comimet, le ha fatte nel 2011. Ha presentato un primo impianto, che era molto più grande rispetto a questo, e è stato stoppato inizialmente dalla provincia, perché si sono accorti che in questo sito c’è già una autorizzazione per bruciare rifiuti e non potevano averne due. E quindi la Comimet, insieme… adesso l’altro interessato è anche il comune di Borgofranco, perché il comune di Borgofranco ha accettato questa sperimentazione, partecipando alla Conferenza dei servizi che ha dato il via a questa operazione. Diciamo che anche gli altri amministratori della zona hanno fino a ora avuto un atteggiamento molto ambiguo, perché c’è chi lo sa anche lui da circa due anni, e non ha mai detto niente a nessuno, adesso gli altri amministratori che lo sanno hanno avuto un primo confronto con noi e hanno fatto una delibera che diciamo non è pienamente rispondente, secondo noi, a quello che noi ci aspettiamo da una Amministrazione comunale pubblica, perché si limitano a chiedere dati all’Arpa del monitoraggio, di che cosa succederà, diciamo che noi avremmo auspicato che loro avessero detto un no deciso a questo tipo di impianti.
Elisa: E perché hanno detto sì?
Fabrizio: Hanno detto sì perché probabilmente hanno paura a esporsi direttamente con quelli che adesso stanno portando avanti la questione.
Il problema dei sindaci, probabilmente, è il problema del consenso, loro hanno bisogno di consenso e quindi di non esporsi troppo nel cose.
Elisa: Ma il consenso pubblico?
Fabrizio: Brava, loro hanno bisogno del consenso dei cittadini e quindi se noi riusciamo a movimentare i cittadini avremo dei nuovi sindaci.
Elisa: I cittadini come hanno reagito a tutto questo?
Fabrizio: Allora diciamo noi di Dora Baltea in Movimento abbiamo iniziato circa due mesi fa, a marzo, quando abbiamo saputo della autorizzazione alla Commimet per avviare la sperimentazione e abbiamo organizzato una prima biciclettata, la adesione è stata buona, i cittadini hanno iniziato diciamo a capire e sapere che cosa stava accadendo in questa zona. Di fatti la biciclettata ha toccato tutti i comuni della zona, noi ci siamo fermati ogni comune a fare volantinaggio per fare informazione, questo secondo me è stato importante, un primo segno di informazione sul territorio di che cosa stava accadendo. Dopodiché insieme a altri cittadini e al gruppo Lega Ambiente che opera in zona abbiamo deciso di avviare un comitato, il comitato secondo noi è importante, perché potrebbe essere un mezzo forte di pressione su chi in questo momento sta portando avanti questa vicenda e nel comitato secondo noi dovremmo esserci cittadini, come siamo noi, amministratori e dei tecnici, perché noi dovremmo essere in qualche modo anche supportati da tecnici in questa vicenda.
Elisa: Ci sono già stati incontri a Borgofranco, uno venerdì 5 luglio, dove un esperto in medicina molecolare ha dato un suo tracciato tecnico sull’influsso dei fumi, sull’ambiente, sul territorio, sulla natura e sulla salute, chiaramente, che ha illuminato i presenti. C’è stata una grande affluenza, è stata una serata molto costruttiva perché abbiamo trovato cittadinanza, amministratori e tecnici a confronto, su temi davvero particolari. Varrà la pena di riproporre serate di questo tipo, per informare la gente, soprattutto coloro che sono ignari di quanto accade.
Fabrizio: Sì, un elemento secondo me anche particolare durante la serata che è emerso è stato quello del lavoro. Purtroppo anche questo impianto è visto come strumento di ricatto per promettere lavoro. Noi vogliamo dire no a questi ricatti, anche perché non è questo il lavoro che meritiamo di avere e che dobbiamo avere in questa zona, quindi è un ricatto questo che respingiamo direttamente al mittente.
Elisa: Ci troviamo a Settimo Vittone, giusto? E da qui, da questo bel panorama notiamo l’area in toto, nella sua complessità, dove ci sono delle zone abbandonate e zone invece in uso. Fabrizio, la sperimentazione dove si terrà?
Fabrizio: Per adesso verrà avviata non capannone dentro l’area della Alcan, quello che è da notare subito è che affianco a questa area c’è già un impianto che lavora le noccioline e quindi è già un impianto industriale, ma di industria alimentare, quindi bisognerà anche quello verificare se la provincia quando ha dato autorizzazione lo sapeva.
Poi da notare è che è una area anche abitata e quindi ci sono case molto vicine e anche questi saranno i primi che si prenderanno in toto le emissioni dell’impianto.
Elisa: Emissioni di che cosa?
Fabrizio: La tipologia di rifiuti industriali autorizzata è la pollina, che sono le deiezioni dei polli, poi bruceranno scarti di lavorazione delle cartiere, plastiche, legno intriso con oli e vernici varie, ma quello che è più importante capire Elisa è che questa area non è che risolva la filiera industriale della nostra zona, perché ormai la nostra zona è completamente svuotata di industrie, quindi saranno rifiuti industriali che proverranno da altri posti.
Elisa: Ma il progetto si limita alla sperimentazione, quindi è un piccolo apparecchio o c’è dell’altro?
Fabrizio: No, ovviamente c’è molto dell’altro! Perché la sperimentazione attuale è stata in qualche modo forzata dalla provincia, perché un impianto grosso per ora non poteva essere autorizzato, ma ovviamente dietro a questo piccolo impianto di sperimentazione ci sarà un impianto molto molto più grosso. E noi vogliamo dire no da subito già alla sperimentazione, perché questo tipo di impianti, cioè bruciare materia è da dementi, diciamolo chiaramente. Ma soprattutto diremo no con una forza maggiore all’impianto quello grosso, quello vero, che dovranno fare. Questa area industriale dell’Alcan di Borgofranco è al livello di dimensioni alla delle più grandi della provincia di Torino.
Elisa: Quindi le potenzialità di ampliamento sono grandi.
Fabrizio: Le potenzialità sono grandi e i cittadini come noi si chiedono perché questa area industriale debba essere lasciata per esperimenti di questo tipo.
Elisa: Perché nel paese dove ci sono i Balmetti e c’è la montagna che respira dobbiamo mettere qualche cosa d’altro?
Fabrizio: Mah, noi vogliamo mettere qualche cosa d’altro, perché il nostro territorio, come potete vedere, è un territorio prettamente turistico, che si presta al turismo e è sempre stato un territorio agricolo, la vocazione del territorio nostra è questa, Borgofranco come hai detto è il paese della montagna che respira, perché ci sono appunto questi Balmetti, queste cantine, dove c’è questo flusso di aria costante che mantiene una temperatura ideale per la conservazione, famoso in tutto il mondo, unico, è famoso e unico in tutto il mondo. Oltre a questo dove siamo oggi a Settimo Vittone, è famosa per gli ulivi, ci sono ulivi secolari in questa zona, 4 chilometri più avanti c’è Carema, dove è famoso un Doc, c’è un nebbiolo, che è un vino particolarmente pregiato della nostra zona, è uno dei Doc del Piemonte.
Elisa: Tutto questo potrebbe influire su questa nostra economia?
Fabrizio: La viticultura che si fa in questa zona è una viticoltura che definiamo eroica, perché ovvio ci sono tutti i balmetti, tutti questi terrazzamenti coltivati a vite, e questo impianto sicuramente non farà una bella pubblicità a tutto il nostro territorio.
Elisa: Cosa possiamo dire ai cittadini che chiaramente con ragione dicono fino a ieri qualche cosa bruciava.
Fabrizio: Questi cittadini hanno ragione, fino a ieri questo impianto ha bruciato rifiuti e sparso emissioni ovunque, ma gli stessi cittadini sanno anche che in questo nostro territorio c’è anche l’autostrada, che anche questo è un veicolo di emissioni per tutta la zona, noi dobbiamo dire a questi cittadini che è ora di iniziare a cambiare marcia, noi vogliamo migliorare il nostro territorio, non dobbiamo mettere un impianto in più e quindi peggiorare la situazione, dobbiamo iniziare a volerlo migliorare, dobbiamo iniziare a volere bene al nostro territorio!
Elisa: Vi invitiamo a seguirci su facebook, su Dora Baltea in MoVimento, dove troverete tutti i link delle nostre serate e tutte le promozioni che faremo in futuro,su questo argomento e altri.
Fabrizio: Ciao amici del blog.
Elisa: Ciao.

Potrebbero interessarti questi post:

Il pirogassificatore sperimentale di Borgofranco
La Valle d'Aosta pietrificata e pirogassificata
Il grosso, grasso spreco di gas italiano

9 Ago 2013, 10:30 | Scrivi | Commenti (124) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 124


Tags: Alcan, Avigliana, Borgofranco, Comimet, Decoater, Dora Baltea, Novelis, pirogassificatore, Settimo Vittone

Commenti

 

Salve,
io non so' come fare per dare voce a uno scempio che si stà perpetrando ormai da molto tempo a Tor San Lorenzo (Ardea), stanno distruggendo i Pini Marittimi, molti li hanno tagliati senza motivo altri li hanno deturpati con tagli alle chiome che sono un insulto al creato! Se c'è qualcuno in rete che ci può aiutare VI PREGO fate circolare questa notizia altrimenti della nostra macchia mediterranea non rimarrà più nulla!
AIUTOOOOO!!!!!!!!!!!!!!

gianna rossetti 14.08.13 08:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il pirogassificatore emette fumo.
Chi fuma avvelena anche te, digli di smettere!
Se non smette muori avvelenato.
Lavoro sicuro il becchino......

ok deiezioni dei polli e materiali organici, ok alcune plastiche ma per gli scarti di lavorazione e addirittura le vernici? chimicamente può uscire veleno.... e non capisco perchè non utilizzare i materiali organici direttamente per l'agricoltura (ad es. le deiezioni dei polli possono passare attraverso insetti per produrre fertilizzanti di alta qualità):
ovviamente è tutto un trucco per prendere soldi alla collettività, da che mondo è mondo i materiali organici sono sempre tornati tranquillamente nel ciclo naturale e nessuno ne ha mai fatto una tragedia.

Il problema è che i pirogassificatori verranno usati per "bruciare" tutto esattamente come degli inceneritori poichè nessuno controlla niente e i soldi fanno gola, in particolare gli INCENTIVI statali (con certificati verdi) poichè in regime di libero mercato si tratta di processi antieconomici.

Se i pirogassificatori venissero usati solo per i materiali consentiti e non si fregassero incentivi statali... non saremmo in Italia :(

http://it.wikipedia.org/wiki/Gassificatore

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato 09.08.13 23:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Chi non si fiderebbe di una ditta di carpenetria per la sperimentazione di un pirogassificatore industriale!
Ma in canavese solo più discariche, inceneritori e impianti a biomasse?
E ci hanno provato a Vidracco, a Pavone, sotto il castello di Masino una discarica per inerti...BASTA!!! E soprattutto basta con l' ignobile comportamento di alcune amministrazioni locali conniventi con questi businness e disinteressate dei propri cittadini!!

Luca vailetta 09.08.13 20:55| 
 |
Rispondi al commento

...evitate commenti inutili, GRAZIE, qui c'è gente che inizia a non avere più una vita privata per cercare di ostacolare la costruzione del Pirogassificatore. Non lo facciamo solo per noi stessi, ma per la comunità intera, anche per quegli individui che ci rispondono che l'unica soluzione è bruciare i rifiuti, ma li capisco perchè la sera si fanno ingozzare di notizie nocive dalla TV e dalla stampa.

massimo p., borgofranco d'ivrea Commentatore certificato 09.08.13 14:26| 
 |
Rispondi al commento

Ma a pollina che è? Io sapevo un concime....

luis p., roma Commentatore certificato 09.08.13 13:55| 
 |
Rispondi al commento

In generale in Italia piace la sperimentazione. Spesso purtroppo in Italia la sperimentazione e' un modo per bocciare qualcosa che magari in altri paesi e' gia' all' avanguardia. Non sono entrato per il momento nel merito del sistema qui proposto, ma presto lo faro' dopo essermi adeguatamente documentato. Pero' voglio segnalare un sistema di smaltimento dei rifiuti che e' fa anni all'avanguardia per essere un metodo efficiente di smaltimento con basso se non nullo impatto ambiente e con reale riconversione di energia. Esso viene definiti dissociazione molecolare e gia' l' onorevole di Pietro lo inseri' anni fa nei punti della campagna elettorade de l' Italia dei valori. Se desiderate approfondite, facendo riferimento principalmente all'impianto di Husavik in Islanda.

Marco S., Napoli Commentatore certificato 09.08.13 13:36| 
 |
Rispondi al commento

Certo che la Mammografia fa male.
Cosa credevate?
Che fosse un Developer?
La Pappografia fa invece Pene.
Vero Silvio?
Tutto quello che finisce con grafia, è una perversione.
Grafia, la somma...

Amate.
Imparate dagli Animali.
Non da Salvietta.
Un aroma alla Silva, alla Salvia, all'aLetta...
BAsta, vado per impazzir del tutto...

grethe garbus (white venus), stockolm Commentatore certificato 09.08.13 13:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Nella Classifica Libertà di stampa 2013: Mappa del Mondo veniamo contrassegnati in arancione :problemi sensibili.

Pippo Depapero Commentatore certificato 09.08.13 13:04| 
 |
Rispondi al commento

PRODURRE CONSUMARE DISTRUGGERE, questo è il sistema
attuale, dobbiamo cambiarlo in:
PRODURRE CONSUMARE RICICLARE, sempre tenendo conto
delle esigenze ambientali e della qualità della vita.

il futurista 09.08.13 13:03| 
 |
Rispondi al commento

Tutto quello che leggiamo giornalmente nel blog, sono argomenti importanti, fatti che raccontano ingiustizie fatte normalmente ai più deboli.
Ricordo precisamente che Grillo conquistò una piccola parte dei suoi sostenitori quando cominciò a parlare della proprietà della moneta. Se tutta la storia della proprietà della moneta, cominciò circa ottocento anni fa tra Venezia e Genova, (300 anni dopo l'Inghilterra diede il colpo di grazia) non sarebbe bello che la fine di questa era è l'inizio di una nuova, cominciasse proprio da qui?

Flick Mcintosh, Lorenz Commentatore certificato 09.08.13 13:00| 
 |
Rispondi al commento

o.t.

la grecia è un laboratorio?

"""Grecia: e ora la troika vuole confisca delle case

Tutto per le lobby, ovvero le banche, che troverebbero fondi per ricapitalizzarsi. Mentre il mercato immobiliare crollerebbe fino a -21%."""

http://www.wallstreetitalia.com/article/1613286/debiti/grecia-e-ora-la-troika-vuole-confisca-delle-case.aspx

paoloest21 09.08.13 12:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

cari ragazzi
vi scrivo per invitare i consigleri comunali di Roma a protrestare con i cittadini contro il progetto di realizzazione di una discarica in località Ardeatina.

NON POSSIAMO PERMETTERLO

cristiano rocchi Commentatore certificato 09.08.13 12:56| 
 |
Rispondi al commento

Tutti i politici si riempiono la bocca dicendo che paghiamo troppe tasse per colpa degli evasori.
Pansione di Gamberale 40,000 al mese
Malaschini 45,000
Sentinelli 90,000!

Sidney Jahnsen Medling, Milano Commentatore certificato 09.08.13 12:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

SVEGLIATEVI

Bisogna bombardare con la bomba H i "mercati" e ritornare alla gente normale in carne e ossa.

Bisogna cancellare pensioni e liquidazioni d'oro.

Bisogna cancellare la rendita che campa a sbafo su chi viene dopo...

Bisogna annichilire i mercati che hanno rotto il cazzo come entità anonima astratta che sta per le banche che fanno quel che cazzo gli pare.

La legislazione sulle banche e sulle multinazionali glielo permette, rende anonimi e schermati i manager e gli amministratori delegati, che diventano irresponsabili e sconosciuti alla massa.

Occorre rendere responsabili le persone. Cancellare la legislazione delle corporation che vanifica la democrazia popolare.

La pena di morte è disumana meno della morte sociale e fisica di persone anonimE che rientrano come numeri nelle statistiche, anche se hanno sofferto molto più di un condannato a morte, in forza di legge.

Chi ruba una gallina è meno colpevole di chi si fa corrompere, gestendo la cosa pubblica o evade le tasse. Sulla base del danno alla collettività occorre quantificare la pena: sino all'ergastolo e all'isolamento del 41 bis. Il dolore cagionato agli altri dev'essere l'unico metro di misura!

Quando si accetta una iniquità per gli altri, in realtà la si sta accettando per sé stessi, non avendo il coltello dalla parte del manico, ovvero non essendo nominati di fiducia di B e del PD né manager, né percettori di pensioni d'oro. Ergo, occorre essere intolleranti sempre, per le ingiustizie e le iniquità sociali. Se teniamo alla nostra integrità psicofisica.

Senza un reddito minimo di cittadinanza, nessuno può pagare tasse di cittadinanza, se non al prezzo della sua salute, e del suo equilibrio psichico, che i sociologi chiamano anomia, e i criminologi analizzano, "dopo", COME crimine sociale.

Dobbiamo ragionare avendo presente un tetto minimo per la condizione di vita del cittadino, se vogliamo ridurre il malessere sociale. I ricchi, si salvano con... i soldi, gli altri con la giustizia sociale!

gennaro esposito 09.08.13 12:51| 
 |
Rispondi al commento

Topi Agitati.

Henry Laborit.

grethe garbus (white venus), stockolm Commentatore certificato 09.08.13 12:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi piange il cuore... In questo paese è permesso barattare come se fosse cosa normale, la salute delle persone per gli interessi economici dei soliti noti. Per fortuna qualcuno ancora si fa sentire... Grazie M5S

Giorgi G., Lecce Commentatore certificato 09.08.13 12:46| 
 |
Rispondi al commento

Ricetta Pd

Come fare per spremere il cittadino, bazzicare in affari con le banche e le imprese, fare politiche di destra, mantenere i privilegi della casta, mantenere in piedi un apparato di partito costoso e nel contempo fare anche finta di essere di sinistra?
Metti una congolese per ministro che baltera di ius soli, fai pressioni sulla Rai perchè si faccia un reality tra i progughi africani, fai le riverenze alla Merkel .... e poi fai politiche come quelle che farebbero a destra, perchè gli interessi sono uguali a quelli del Pdl.

Risultato, sei di sinistra e continui ad avere il portafoglio a destra, che tanto gli italiani sono abituati ad essere tartassati.

Danilo_ R. Commentatore certificato 09.08.13 12:40| 
 |
Rispondi al commento

O.T.
HO SOPPORTATO LA FESTA DELLA DONNA.
HO SOPPORTATO LE QUOTE ROSA.
HO SOPPORTATO IL MINISTERO DELLE PARI OPPORTUNITA.
BASTA! NON CHIEDEVO UNA LEGGE SUL FEMMICIDIO.
SONO UNA SICILIANA DI 65 ANNI CRESCIUTA IN UNA FAMIGLIA MATRIARCALE DA GENERAZIONI.
SIGNORE DEPUTATE NON VI SIETE ACCORTE CHE CI AVETE GHETTIZZATO FACENDOCI SENTIRE INFERIORI AGLI UOMINI ED UMILIATE.
NON VI ACCORGETE CHE SONO LE DONNE CHE SI FANNO SFRUTTARE PER FACILI GUADAGNI O PER POCO CARATTERE.
CI SONO NELLA STORIA O NELLA VITA NORMALE DONNE CHE SI SONO FATTE VALERE IN TEMPI DOVE GLI UOMINI AVEVANO TUTTI I POTERI VEDI
AGRIPPINA CATERINA DEI MEDICI, CATERINA DI RUSSIA, ELISABETTA I,GOLDMAYER, MARGARET THATCHER.
SE VALI, VALI DONNA O UOMO, NON ABBIAMO BISOGNO DI UNA LEGGE PER FARCI VALERE.
VERGOGNATEVI NELL'ESULTARE PER QUESTA LEGGE OSCENA E INUTILE.
P.S LE QUOTE ROSA HANNO FAVORITO L'ASCESA IN POLITICA DI DONNE INUTILI A DISCAPITO DI DONNE E UOMINI INTELLIGENTI.


abbiamo le telecomunicazioni italiane equiparate a fondiaria sai in termini di giudizio

perchè allora gli amministratori di telecom non stanno in galera ?


vogliono anche approfondire l'argomento, quelli di moody's hanno messo sotto osservazione il rating di telecom per declassarli a spazzatura,
mmmmmmm... ma come sono bravi i nostri ministri

Alex Scantalmassi Commentatore certificato 09.08.13 12:33| 
 |
Rispondi al commento

Scusate se sono fuori tema ma non so dove postarmi e l'argomento è gravissimo:
Gravemente offensive dei torinesi le dichiarazioni della presidente della Camera Boldrini: Torino città razzista.
E il vicesindaco e assessore alle Politiche Sociali della Città di Torino, Elide Tisi, ribatte seccata: "Torino ha fatto sempre dell'accoglienza una delle caratteristiche del proprio tessuto sociale e produttivo fin dagli anni del dopoguerra con migrazioni prima interne al territorio nazionale, poi di stranieri. Oggi i residenti a Torino sono stranieri per circa il 15 per cento, comunitari e non. L'integrazione asse fondamentale del lavoro dell'amministrazione, tanto che da almeno otto anni esiste un assessorato dedicato, che lavora e si appoggia a una rete fittissima di associazioni e di organizzazioni orientate alle politiche di integrazione. Le politiche di integrazione sono una priorità sulla quale il Comune orienta le sue politiche generali e lavora per coinvolgere l'intera città".
Molte le lettere e comunicazioni ai media da parte dei cittadini torinesi infuriati. Alcuni chiedono le scuse e le dimissioni.

elio vivalda Commentatore certificato 09.08.13 12:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non san neppur piu' quel che dicono...

Dall'Orlo
del Precipizio.

Letta: rischio ripresa
senza lavoro
La fiducia tornata sui mercati, dimostrata dallo spread «ai minimi», è «figlia della stabilità», ha detto il premier in conferenza stampa a Palazzo Chigi, sottolineando che «questa fiducia ci deve spingere a non fermarci, ma a spingere» perché continui.

2 casi:
Comprate Vaselina e lasciate Spingere
oppure, cominciate a Spingere...

:)

( Confidenza raccolta da Teresa, sull'Orlo di Ski...)
http://www.youtube.com/watch?v=ZvsiRdDrbWI

grethe garbus (white venus), stockolm Commentatore certificato 09.08.13 12:28| 
 |
Rispondi al commento

cosa c'abbiamo guadagnato ?
poi me lo direte, una parte dei soldi stanno in egitto, una parte in svizzera, una parte a honk kong e un'altra a londra

qui in italia ci sono rimaste solo le preoccupazioni

Alex Scantalmassi Commentatore certificato 09.08.13 12:28| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno può regalare a Thorn Re una pistola.. che poi ne faccia quel che vuole ma almeno la smette di metterer sempre gli stessi commenti, farciti di parolacce, insulti e progetti rivoluzionari imparati dai film :)

il blog serve per discutere non per sfogare la propria aggressività.... thorn.... rilassati


Federico 09.08.13 11:58|
------------------------------------------------

Se stiam qui a discutere come fai te, campa cavallo. Di sicuro cambieremo le cose, di sicuro.

PS: Io ho fatto il servizio civile, ma questi FDP di governanti mi han fatto cambiare idea.

Federico, buone discussioni! Potresti candidarti con PD-L che sono dei maestri di discussione.

ROBE DA MATTI

Thorn Re Commentatore certificato 09.08.13 12:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un cantautore in una sua canzone con un pizzico di amarezza dice... Glielo permetti tu, glielo permetto io, e sono reo confesso del mio essere plebeo... Io non so quando il popolo italiano sarà pronto a fermare tutto questo con ogni mezzo. Quand'è che ci sarà una forte presa di coscienza in modo da fermare tutto questo. In passato è successo, voglio credere che succederà ancora...

Giorgi G., Lecce Commentatore certificato 09.08.13 12:24| 
 |
Rispondi al commento

se i contratti del mobile costano il doppio degli altri lo posso pensare che si siano spolpati le nostre telecomunicazioni con l'appoggio dell'antitrust o penso male ?
no penso benissimo, altro che palle

Alex Scantalmassi Commentatore certificato 09.08.13 12:22| 
 |
Rispondi al commento

Non facciamo terrorismo,l'impianto a pirogassificazione può essere un'ottima soluzione per lo smaltimento per organico e umido.
Certo, se ci trattano plastica e materiale inquinante derivato da industrie sono d'accordo con voi che bisogna fermarli immediatamente.
Guardatevi alcuni video su YT sulla pirolisi,è davvero una buona tecnologia.
https://www.youtube.com/watch?v=8KlLQ6n1Rjc
https://www.youtube.com/watch?v=IrmD1Ph7Jp4

Riccardo Coma 09.08.13 12:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

...su dove va sto paese di merda.

Alex Scantalmassi Commentatore certificato 09.08.13 12:18| 
 |
Rispondi al commento

tELECOM STA A UN PASSO DAL LIVELLO JUNK o meglio
spazzatura, ed è tutto un dire


Caro coetaneo c'è poco da dire
L'unione europea è un dato di fatto : ESISTE
CON 9000000. NOVEMILIONI DI VOTI
o giù di li
Più della popolazione di Olanda -
Norvegia e Finlandia assommate
Un pochino meno del Belgio o della Grecia
Devo proseguire l'elenco ? ta ta ta
Ci dobbiamo presentare con i cittadini onesti la prossima primavera. Freschi come. PRIMULE profumati come VIOLETTE
Chiedendo un po' di cose
PRIMO. LEGGE PER REFERENDUM UNIVERSALE
PER UNA BANCA SOVRANA EUROPEA
SECONDO UN ESERCITO EUROPEO NON AL SERVIZIO DI NATO
TERZO AUTONOMIE LOCALI IN AGRICOLTURA proteggendo le eccellenze dei territori dall'Alsazia alla Sicilia Della Andalusia o del fiordo di Narvik
È discutere oggettivamente della impossibile compatibilità degli OGM in un territorio così articolato e qualificato
QUARTO DIMINUIRE L'APPARATO BUROCRATICO DI BRUXELLES
QUNTO DARE PIÙ POTERE L PARLAMENTO STRASBURGO Di legiferare come il senato degli stati uniti americani
Beppe prepariamo bene la campagna elettorale che scegliamo le donne e gli uomini giusti per picchiare i pugni sul tavolo, se necessario !
ps risolveremo anche il problema di Borgofranco
È perché non quello di Borgoseia ?

Rosa Anna Oioli 09.08.13 12:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CIAO BEPPE,
FERMATELI,E FERMATE QUESTO INUTILE PIROGASSIFICATORE MOVIMENTO 5 STELLE DORA BALTEA,FERMATELI
ALVISE

alvise fossa 09.08.13 12:15| 
 |
Rispondi al commento

eeeeeeeeeeee....

BG

(BUona Giornataaaaaaaaaaaaaaaaa !!! )

Alex Scantalmassi Commentatore certificato 09.08.13 12:14| 
 |
Rispondi al commento

chissà perchè quando si parla di inceneritori e rigassificatori si tralasciano sempre gli effetti positivi sul territorio in termini di nuova occupazione,
forse perchè, ma è solo una mia idea, perchè la salute è più importante del lavoro,
ma mi posso sbagliare, ovvio


Si possono chiedere tasse di cittadinanza a chi non percepisce reddito? Si può chiedere obbligatoriamente il canone rai, la tassa sulla spazzatura e sulle acque reflue a chi non ha un reddito di cittadinanza?

Si può chiedere a qualcuno qualcosa che no n ha, anzi, si può chiedergli di vedere la sua casa per pagare le tassa sulla casa, l'imu?
Il buon senso e l'equità dicono di no, lo stato delle caste e dei parassiti nominati di fiducia al parlamento, dicono di si.

Se anche un tizio è un non violento, legalista, pacifista, può accettare che lo stato gli si imponga con equitalia o la forza pubblica per esproopriargli i mezzi basilari di sussistenza. Nel medioevo siamo? Solo che il potere si promana dal duopolio mediatico del conflitto d'interessi?

Chi non vuole essere gettato per strada da equitalia è un criminale o un resistente? Un cittadino che dice no all'ingiustizia sociale o un delinquente per vocazione? Lo stato italiano è criminogeno, se mi fa arrivare a sperare un piazzale loreto per la classe politica e manageriale dirigente. Ora fottono, domani piangeranno lacrime amare!

gennaro esposito 09.08.13 12:07| 
 |
Rispondi al commento


Nessun abolizione IMU
"Per la riforma Imu il Tesoro boccia l'esenzione totale per l'abitazione principale, promuove invece la strada che conduce a una service tax (un unico tributo che comprenda tutte le imposte sulla casa, comprese Imu e Tares)"
CHE BELLA TROVATA PAGARE UN UNICA ENORME TASSA!
ALTRIMENTI PIGNORAMENTI .

Pippo Depapero Commentatore certificato 09.08.13 12:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Qualcuno può regalare a Thorn Re una pistola.. che poi ne faccia quel che vuole ma almeno la smette di metterer sempre gli stessi commenti, farciti di parolacce, insulti e progetti rivoluzionari imparati dai film :)

il blog serve per discutere non per sfogare la propria aggressività.... thorn.... rilassati

federico 09.08.13 11:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


STAMANI SIAM MENO BELLE ....il convento passa....ragni e bagarozzi

Er ragno socialista e er bagarozzo democratico-cristiano


Un povero Ragno

parlanno cor Bacco

je disse: - Compagno,

sei matto o imbriaco?

Perché, scusa er termine,

sei tanto minchione

da crede’ a un padrone

che vive sur vermine?

Nun sai che li fiocchi

che fai te li cambia

co’ tanti bajocchi?

Che mentre tu sudi

magnano la foja

quer boja guadambia

mijara de scudi?

Bisogna aprì’ l’occhi

chè ormai la questione

se basa sur detto

Né Dio , né padrone!


- Stà in guardia, fratello!

Stà in guardia da quello!

- Strillò un Bagarozzo

che usciva da un pozzo.

Che quela carogna

t’imbroja e nun vede

che invece bisogna

ridatte la fede!

Sortanto cor crede’

che c’è un Padreterno,

che c’è un Paradiso,

ch’esiste un Inferno,

sortanto co’ questo

io credo che presto

ciavremo un Governo

più bono e più onesto!


- Va via! disse er Ragno -

se no me te magno!


- Te strozzo! Te sfagno! -

Strillò er Bagarozzo

- Vijacco! Scagnozzo!

- Buffone! - Compagno!...


Er Baco, scocciato,

ner vedè in pericolo

la casa e la seta

ch’aveva filato,

- Qua, - disse l’affare

comincia a imbrojasse:

è mejo a fa’ sciopero

è mejo a squajasse;

fintanto che sento

che tira ‘sto vento,

starò co’ la lega

der chi se ne frega.


E chiuse bottega.

Vittorio Gassman recita Trilussa
http://www.youtube.com/watch?v=nUoOf4Xn2K4

Daniela M. Commentatore certificato 09.08.13 11:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Scusatemi,

la deputata VEZZALI la paghiamo noi se non erro no?

La paghiamo per fare cosa, porca di quella puttana eva schifosa?

Quante volte è stata in parlamento???????????

QUANTE?????????????????????????????????????

Thorn Re Commentatore certificato 09.08.13 11:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ollalla'.
Cos'è tutto sto Mortorio?
Allegria!
Mica ci metton dentro Silvio, no?
Se lo fanno, scoppia tutto...
:)

grethe garbus (white venus), stockolm Commentatore certificato 09.08.13 11:51| 
 |
Rispondi al commento

Ci Ammaleremo, moriremo.
Faran la Convenzione col Comune et voila!
Pirogassificati!
I Benestanti, no.
Avran il lor bel loculo.
Su cui Pagheranno l'Imu, in quanto Abitazione di Lusso.
:)
Un circolo Virtuoso; piu' Malati, piu' Morti, piu' Energia Rinnovabile...
E poi dicon che in Italia siam senza risorse.
Camperem sulla Pelle dei Pidocchi.
Ormai manca poco che ci cucian la stella gialla, nera, rossa, viola, azzurra, al seno e ci chiamin Tali.
( La smetto di mettervi paura, adesso, promesso).

grethe garbus (white venus), stockolm Commentatore certificato 09.08.13 11:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Apriremo il parlamento comne una scatoletta di tonno.

QUESTA ERA l'UNICA COSA DA FARE.
Ma non metaforicamente.

Porca puttana!

Thorn Re Commentatore certificato 09.08.13 11:39| 
 |
Rispondi al commento

E' una Battaglia di Civilta'.
Il Meglio è Destinato a Soccombere, Svanire.
E' una Legge di Natura: l'Esperienza storica, insegna.

Il Brutto, l'Osceno spadroneggia.

Guardiamoci allo specchio.
Ieri sera, eravam piu' Belle!
( Esclamazione raccolta da una stella nella polvere, verso le 11, 33).
;)

grethe garbus (white venus), stockolm Commentatore certificato 09.08.13 11:33| 
 |
Rispondi al commento

1. NO, NON E’ GIUSTIZIA! SOTTO IL FALSO NOME DI “GIRO DI VITE SUL FEMMINICIDIO” E “SVUOTA-CARCERI”, SONO NASCOSTI VERI OBBROBRI GIURIDICI COME: L’IMPOSSIBILITÀ DI RITIRARE LA QUERELA DA PARTE DELLE DONNE; LA MILITARIZZAZIONE DEI CANTIERI SOTTO LA VAGA DIZIONE DI “INTERESSI STRATEGICI”; UN’ESTENSIONE INDEFINITA DELL’UTILIZZO DELL’ESERCITO PER COMPITI DI ORDINE PUBBLICO; L’ESTENSIONE A TRE ANNI DELLA POSSIBILITÀ DI “ARRESTO DIFFERITO” (GIÀ IL NOME DOVREBBE FAR RIFLETTERE…FLAGRANZA DIFFERITA!?), OGGI PER I TIFOSI VIOLENTI, DOMANI CHISSÀ PER QUANTI ALTRI - 2. LE CARCERI, POI, MERITEREBBERO UN CAPITOLO A SÉ SIA COME FILOSOFIA (COSTRUIRNE DI NUOVE!) SIA COME PARACULATE AD PERSONAM (C’È UNA NORMA SU RECIDIVA E BENEFICI DI PENA CHE SEMBRA FATTA PER IL BANANA) SIA COME CONTRASTO ALLA MAFIA (C’È UN CODICILLO “GARANTISTA” SU CAUTELARE E FAVOREGGIAMENTO MAFIOSO) -

dagospia

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 09.08.13 11:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ma come mai non lo spostano nemmeno a cannonate?
da chi dipende? cosa sta facendo e soprattutto cosa sta per fare? chi ha dato questa parola d'ordine? perchè PD e PDl obbediscono?


http://coscienzeinrete.net/politica/item/1482-non-disturbate-lo-svenditore-letta-l-intoccabile

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 09.08.13 11:31| 
 |
Rispondi al commento

MA di che cazzo parliamo?

In un paese dove si discute se far passare o meno le navi da crociera a 200 metri dalla Basilica di San Marco a Venezia, che cazzo volete che gliene freghi a questi?

Non lo avete ancora capito che a comandare è solo il Dio Denaro, la mafia, le mazzette?

E' ORA DI MANDARLI FUORI DA LI, ma non a parole!

Thorn Re Commentatore certificato 09.08.13 11:24| 
 |
Rispondi al commento

http://lonesto.it/lonesto09-08-2013.pdf

ema dell Commentatore certificato 09.08.13 11:19| 
 |
Rispondi al commento

ho visto diverse proteste per discariche, parchi sostituiti da palazzi, chiusure di ospedali, privatizzazioni di spiaggie.... TUTTE le volte gira e rigira si è fatto precisamente quanto deciso dall'amministrazione, almeno dalle mie parti. al max dicono: "sono disposto a discuterne, ma poi si fa come dico io"
non contiamo un caXXo. le manifestazioni pacifice non servono. tenere il broncio non funziona.

mister x, ravenna Commentatore certificato 09.08.13 11:15| 
 |
Rispondi al commento

La popolazione è Ammalata?
Allora, non resta che Pregare, se agire fa ancor piu' male...
Trovate un Euro ciascuno, collettateli e fate un Gemellaggio con Lourdes.
Vi inviera' un Flacone d'Acqua Benedetta, fresca di Fonte.
MAgari un ritorno Mediatico.
Accendete tanti ceri la Sera e qualche Veglia di Preghiera.

A volte funziona.
Giusto un Miracolo vi puo' salvare.
Il Cielo vi Osserva.
Gli uomini, no, proprio non cagano gli abitanti di un paesino sperduto nella Galassia.
E' poco, lo so, par che vi prenda in giro, me n'avvedo.
Ma di Voi, nessuno si Cura.

Evidente.
Altrimenti, non sareste in questa Situazione.
Guardate i No Tav cos'han ottenuto.
Botte da orbi, arresti, Leggi Aniterrorismo, Militarizzazione...
Ciao, mi spezzate il cuore, debbo staccare.

grethe garbus (white venus), stockolm Commentatore certificato 09.08.13 11:14| 
 |
Rispondi al commento

referendum consultivo, con parere vincolante...

se gli indigeni vogliono, si fa, altrimenti nisba!!!

paoloest21 09.08.13 11:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Differenziata porta a porta come fossimo un paese civile

Luigi Lucca 09.08.13 11:05| 
 |
Rispondi al commento

da Il fatto quotidiano :
Pdl, Mara Carfagna litiga con Bianca Berlinguer e lascia lo studio
video :
http://tv.ilfattoquotidiano.it/2013/08/08/pdl-mara-carfagna-litiga-con-bianca-berlinguer-e-lascia-studio/241953/

Pippo Depapero Commentatore certificato 09.08.13 10:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Unica via per ridurre inceneritori discariche pirogassificatori montagne di immondizia per le strade e' la consapevolezza di ridurre i rifiuti da noi prodotti, il riuso di alcune categorie di rifiuti, eliminazione di imballaggi inutili(non si puo' comperare un telefono ed avere un imballo grosso come un frigorifero),eliminazione della pubblicita' porta a porta che provoca una montagna di cartacce.
Con un po' piu' di civilta da parte di ognuno di noi e questi problemi spariranno da soli.

Dino L.. Commentatore certificato 09.08.13 10:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma porcozzio!

Tutto sul pirogassificatore di un paesello e dell'ennesima discarica a Roma non una riga?

Paolo Castagno 09.08.13 10:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho l'impressione che le discussioni di questo Blog ,

((... invece di dibattere tra Noi come possiamo fare per liberarci di questa Casta dei politici e di Partitocrazia Che Ci stanno spellando Vivi tra tasse e balzelli vari ...)) ,
sta diventando una sorta di "Striscia la Notizia" !!!.

Lino Viotti Commentatore certificato 09.08.13 10:52| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 8)
 |
Rispondi al commento
Discussione

la cosa piu' schifosa e' il ricatto, facciamo sperimentazione in cambio di posti di lavoro!!
Intanto la gente respira schifezze e i prodotti doc del territorio vanno a quel paese!
bella scoperta davvero. Un po' come per l'Expo, si si distruggiamo mezzo hinterland milanese ma nessun problema arriveranno posti di lavoro!! ma dove???
Finito questo baraccone tutti a casa e montagne di tonnellate di cemento, che ci faranno? centri commerciali? Ok, benissimo, peccato che non compra piu' niente nessuno perche' non girano soldi, un piccolo particolare irrilevante, vero???
Complimenti ragazzi, non mollate e difendete la vostra terra! Sono con voi.

ema dell Commentatore certificato 09.08.13 10:47| 
 |
Rispondi al commento

Piro
gas
si
ficate
vi...

grethe garbus (white venus), stockolm Commentatore certificato 09.08.13 10:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

NON ABBIAMO I SOLDI PER I CANADAIR PER SPEGNERE GLI INCENDI, MA ABBIAMO I SOLDI PER GLI F-35 DA MANDARE IN AFGHANISTAN

maurizio urbano 09.08.13 10:43| 
 |
Rispondi al commento

grazie del vostro impegno ragazzi!!!siete una meraviglia!!

Luca M., Rho Commentatore certificato 09.08.13 10:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Qualcuno sa come posso fare per inviare una mail alla redazione del blog?

stefano punesi, roma Commentatore certificato 09.08.13 10:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Primo!!!'mmnnmm

Dino L.. Commentatore certificato 09.08.13 10:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori