Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Pdl e pdmenoelle insieme contro la scuola pubblica

  • 76


pdl_pd_scuola.jpg
A fine maggio i cittadini bolognesi hanno partecipato al referendum sulla scuola e hanno deciso che i soldi pubblici devono finanziare solo la scuola pubblica. Buon senso. L'amministrazione pdmenoelle, con il sostegno del pdl, non se ne cura e vuole finanziare ugualmente la scuola privata nonostante la volontà dei cittadini

"Voi avete dato degli "schiocchini" a chi ha votato a favore della scuola pubblica ovvero al 60% delle persone che sono andate a votare. Questa è una cosa orrenda. Al pdl non ho niente da dire: sono coerenti con quanto affermano in campagna elettorale su questi temi, ma voi! Voi siete di sinistra. Smettete di fare gli alfieri della scuola pubblica e scrivete chiaramente che volete finanziare le scuole private. Il riformismo sulla scuola pubblica da quando ci siete voi non esiste più. I cittadini vi hanno detto cosa dovete fare. Prendetene atto e basta. Sembrate come quei tennisti che quando perdono e' colpa del campo, della palla che non ha girato bene, dell'arbitro, della racchetta... basta. Avete perso, ora dovete fare quello che hanno chiesto i cittadini." Massimo Bugani in consiglio comunale a Bologna

4 Ago 2013, 14:41 | Scrivi | Commenti (76) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 76


Tags: Bologna, M5S, Max Bugani, pdl, pdmenoelle, scuola pubblica

Commenti

 

Ecco Sono realmente disgustato nel leggere i post di alcuni soloni che pontificano senza avere la benché minima esperienza lavorativa diretta nella scuola come il sottoscritto che vi opera da precario da soli 15 anni. La disinformazione o peggio l ignoranza di chi pontifica e insulta i precari è vergognosa al limite dello squadrismo. Ma il ventennio è finito da 70 anni e non tornerà più anche se alcuni di questi soloni lo vorrebbero con tutte le proprie forze. Ho insegnato per 2 anni in una scuola paritaria (meglio chiamarla diploma fico) dove il giorno prima dell inizio delle lezioni il Preside convocò tutti i supplenti dicendo loro che la Proprietà (di quella e altre 8 sedi sparse per lo stivale) Consigliava di utilizzare voti NON Inferiori al 5!!!!! Ovviamente CONSIGLIAVA era un suggerimento. Per rinforzare ulteriormente il Consiglio il Preside aggiunse che i voti andavano messi a Matita e poi fatti visionare a lui. La retta annua per gli sventurati alunni di tale Draconiano istito Paritario era di soli 6.000 erurini annui. Ovviamente nella classe terminale vi erano dei 20-21 enni già Espulsi da scuole Statali per vari atti di teppismo oltre che per la totale mancanza di studio delle varie materie. Vi erano alcuni piccoli spacciatori e consumatori di sostanze varie. Ma soprattutto vi erano alunni e alunne che provenivano da contesti famigliari con disponibilità economiche per Milioni di eurini. Naturalmente i supplenti precari che non si adeguavano ai Consigli della Proprietà saltavano. Gli altri oltre a tenere la bocca chiusa si dovevano far bastare i favolosi 7 euro netti di paga oraria previsti dal contratto a Progetto di cui dovevano ringraziare l esistenza. Tutto questo in una Paritaria del Nord mentre al Sud mi hanno riferito e riferiscono i colleghi si lavora Gratis per fare il punteggio!!!!

Luigi Previtera 08.08.13 16:57| 
 |
Rispondi al commento

Quanti non sono andati a votare?

Marco Diaco 08.08.13 04:48| 
 |
Rispondi al commento

Attenzione a non confondere scuola privata con scuola paritaria! Il referendum di Bologna aveva purtroppo come oggetto il finanziamento di scuole paritarie, che sono ben altra cosa: le scuole paritarie svolgono un ruolo insostituibile a costi molto più bassi rispetto alla scuola statale. Se quest'ultima dovesse farsi carico anche degli studenti che frequentano la scuola paritaria, lo stato spenderebbe di più e non ce la farebbe. Lavoro nella scuola pubblica da 24 anni ed è umiliante vederne il degrado per i tagli e la confusione in atto, ma non voglio cadere nella trappola di chi tenta di mettere poveri contro poveri.
A Milano persino l'AGE (Associazione genitori della scuola statale) ha sfilato assieme ai genitori delle scuole paritarie.
“Se aboliscono i finanziamenti si alzano le rette. Così noi suore invece che occuparci
dei poveri, ci occuperemo solo dei ricchi”.
A Bologna, peraltro, il referendum ha avuto una scarsissima affluenza, ma il rischio di fare ulteriori danni c'è stato. Leggetevi senza pregiudizi l'intervista a Suor Anna Monia Alfieri su La nuova bussola quotidiana (giornale on line). Attenzione! Approfondite prima di gridare al lupo, quello sta da un'altra parte...

Alessandro Stefanelli 07.08.13 08:53| 
 |
Rispondi al commento

E' già tutto scritto nei trattati europei che Mr Letta vuole perseguire a tutti i costi. E' capo del governo perchè voluto dalla commissione europea, così come per Monti. E via dicendo.. L'Obiettivo, e quindi la strada maestra, è di privatizzare l'istruzione (vedi il trattato di lisbona). Il governo da 20anni riforma e taglia fondi per delegittimare la scuola pubblica e renderla inefficiente. Nonostante l'impegno del persnale, tutto,in parte ci sono riusciti,ma se non fermiamo prima il processo europeo, a livello nazionale si potrà fare ben poco. Ogni provvedimento viene dettato dall'illegittima oligarchia europea. Da non dimenticare e sottovalutare che i provvedimenti e le leggi sull'autonomia che hanno segnato l'inizio del declino della scuola pubblica è frutto dei governi di sx. Può, il mancato rispetto di un referendum, meravigliare? Non hanno rispettato il referendum nazionale sul finanziamento ai partiti. Non tagliano gli sprechi della politica, le province, gli stipendi dei manager pubblici, hanno votato contro il taglio delle pensioni d'oro, le agevolazioni alle imprese che assumono disoccupati. Se ne fregano se famiglie intere dormono nelle macchine e hanno lasciato al loro destino i terremotati dell'Abbruzzo e dell'Emilia! Potrei continuare all'infinito, ma la soluzione è una sola. ELEZIONI SUBITO E LI MANDIAMO A TUTTI CASA PER RIPRENDERCI FINALMENTE IL PAESE, LA SOVRANITà E LA DEMOCRAZIA!

Francesca V., Ragusa Commentatore certificato 06.08.13 23:37| 
 |
Rispondi al commento


mi piacerebbe che chi parla e straparla di scuola

avesse,anche su questo blog, una qualche


concreta esperienza di insegnamento e di rudimenti

culturali.Io che ho trascorso 37 anni nella scuola

pubblica ho potuto avvertire il degrado e il disin

teresse che la classe politica ha praticato verso

quella che,amio avviso,è la più importante struttu

ra della vita civile.Il taglio drastico e sistema

tico di risorse(miliardi)della scuola pubblica ha

significato classi "pollaio" di 37 alunni per clas

se nelle superiori ed edifici scolastici a rischio

perchè privi delle necessarie opere per metterli

in sicurezza(molti risalgono agli anni cinquanta).

Addirittura in molte scuole primarie le famiglie

hanno dovuto autotassarsi per l'acquisto di carta

igienica edi materiali per la didattica: mentre si

perpetrava questo"scempio" della scuola pubblica

sono state foraggiati generosamente gli istituti

privati,molti dei quali di stampo confessionale,e

questo si può considerare il primo strappo nei

confronti della Costituzione agli art.33 e34:lo

stesso art.33 comma3 aggiunge che enti privati

hanno diritto di istituire scuole di educazione,

ma senza oneri per lo Stato.Il primo cambiamento

per contrastare l'ondata di barbarie culturale e

civile che sta sommergendo l'Italia non può che

partire dal sistema educativo pubblico che va

consolidato e rinnovato,ciò che non può essere fatto

dagli "sfascisti" che oggi appestano il Paese.

mario morra 06.08.13 16:00| 
 |
Rispondi al commento

CARI COMMENTATORI CHE TRAVISANO LE RAGIONI DEL POST. QUI' NON SI PARLA A PROPOSITO DELL'ESISTENZA DELLE SCUOLE PRIVATE, CHE E' GIUSTO CHE VI SIANO E CHE STANNO FACENDO SICURAMENTE DELL'OTTIMO E MERITORIO LAVORO. IL POST AFFERMA SOLO CHE SE LA VOLONTA' POPOLARE SI E' ESPRESSA IN UN CERTO MODO NON PUO' ESSERE IGNORATA. L'ESITO DEI REFERENDUM DEVE ESSERE ACCETTATO. QUALUNQUE ESSO SIA. PUNTO E BASTA

Lamberto Zingarini 06.08.13 13:37| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo: la scuola pubblica non si tocca e la scuola privata se la paghi chi la vuole.
Da parte di un'insegnantge della scuola primaria pubblica che lotta ogni giorno per avere dignità per sè e per i suoi alunni, pur avendo 64 anni.
Io ci credo nella scuola e amo i miei ragazzi.
Saluti cordiali
maria giancola

maria giancola 06.08.13 11:33| 
 |
Rispondi al commento

Ho provato a postare quanto di seguito sul "Fatto Quotidiano" quanto di seguito, purtroppo non è stato pubblicato, e non ho capito cosa c'è di scandaloso:" Spero che a qualcuno venga in mente di tentare di fare qualche calcoletto di quante opere pubbliche si potevano fare con la sola evasione fiscale di Silvio. E chissa' quale incisione può avere sull'IMU o sull'iva".

56vinci 05.08.13 13:15| 
 |
Rispondi al commento

CLICCATE SOTTO PER VEDERE VIDEO BERLUSCONI


Continuate a parlare di sinistra. Ma cos'è la sinistra? Continuate a dire che quelli di destra sono merde ma quelli di sinistra sono da meno? Il m5s e di sinistra, di destra o di centro? Per me non siamo ne destra ne sinistra. Siamo movimento e perciò a me non interessa sapere cosa fa il pd o il pdl a me interessa come dice lo stesso motto del m5s che una idea buona è buona a prescindere da chi la dice.

salvio manno, milano Commentatore certificato 05.08.13 12:16| 
 |
Rispondi al commento

Questo M5S non è ne di dx nè di sx. E’ di estrema sx. Ed è CONRO gli interessi dei cittadini.
TUTTI gli apparati dello Stato devono essere perfettamente correttamente dimenisionati, costosi, produttivi. Questo è l’interesse dei cittadini. E le scuole devono essere costruite a misura degli studenti e non a gratificazione di insegnanti che sono almeno il doppio di quelli che servono, con orari ridicoli e soprattutto spesso impreparati, inadatti, invalutabili, inamovibili, illicenziabili. E almeno in buona metà improduttivi. I paesi ex comunisti sono falliti. Ed i loro stipendi erano e sono tuttora di circa 80 euro mensili. A questo vuole portarci questo M5S contro l’Europa e contro l’Euro ed a favore del mantenimento e peggioramento di tutte le improduttività statali, di tutti i parassitismi ed assistenzialismi stracostosi ed insostenibili. Ed a favore anche delle varie FIOM ed improduttività sindacali. Questi insegnanti, che si mettano insieme ad aprire scuole private, e questi FIOM, che si mettano insieme e costituiscano imprese a produrre auto e trattori. Ed allora, solo allora, si renderanno conto delle difficoltà del fare imprenditoria e delle necessità di essere produttivi e graditi. O tutti gli apparati statali vengono riscritti a misura di cittadini e divengono produttivi ed efficienti, o TUTTO PRIVATO. Dalle ruberie di dx e sx storiche, ai comunismi di M5S...povera Italia... e parafrasando Battiato, povera, povera Patria...Quello che non capisco è come Casaleggio continui a sopportare questi continui sogni ed operatività IMPRODUTTIVE.

han van, monaco Commentatore certificato 05.08.13 12:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

BASTA! E' ora di finirla! La volontà popolare deve essere rispettata.

Ben Monaco 05.08.13 07:21| 
 |
Rispondi al commento

PDl/PD-l devono sparire, in quanto sono corrotti(anche nelle idee) fino al midollo. Spero che la gente si renda conto di quanto sta accadendo e alla prima occasione di voto sappia chi votare. M5S naturalmente!

GiuseppeGio G., Acqui Terme Commentatore certificato 05.08.13 06:48| 
 |
Rispondi al commento

http://www.youtube.com/watch?v=AsoYXIDVQQw COSA MI DITE DI QUESTO ?

GINO ZORZI 05.08.13 02:01| 
 |
Rispondi al commento

STIAMO SUL PEZZO
Legge elettorale
Reddito di cittadinanza
Conflitto di interessi
Pagamento crediti imprese

Danyda bologna Commentatore certificato 05.08.13 01:59| 
 |
Rispondi al commento

Indegni buffoni, ladri di democrazia. Non c'è referendum popolare che non abbiano violato. Chiamarsi Democratici è una truffa, altro che PD, dovrebbero chiamarsi P , Partito , e basta.

Paolo C., Roma Commentatore certificato 05.08.13 00:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono completamente d'accordo con quanto affermato. Aggiungo che la scuola dovrebbe dare al cittadino, insieme all'istruzione, la cultura civica, o religio civis come diceva Machiavelli, necessaria per essere responsabili e corretti in tutte le nostre attività compresa la volontà di farsi rispettare.
La scuola attuale non fornisce al cittadino la capacità di analisi per sapersi difendere dalla manipolazione dei poteri che gestiscono la vita della nazione. Infatti un popolo ignorante è più facilmente gestibile di uno preparato. L'unico mezzo a nostra disposizione è individuare, tra chi si presenta alle elezioni, quelli che in modo credibile propongono un serio programma educativo nella scuola.

Romano Giulianetti 04.08.13 22:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

berlusconi ha detto io resto qua.. e certo gli hanno ritirato il passaporto + ci valida per l'espatrio .. ha ha ha
m5s deve avere una tv

felix 04.08.13 21:58| 
 |
Rispondi al commento

ho letto i commenti "contro" al mio commento....

Non necessariamente si deve essere ricchi per mandare i figli alle scuole private, ma vi capisco, anch'io la pensavo esattamente come voi !!
(aggiungo che noi per qualche anno abbiamo fatto le ferie A CASA)

NON E' VERO che uno studente di scuola privata costa 10 volte quello della pubblica, è vero che costa almeno la metà!!!

Ho menzionato le Suore Sacramentine perché ho avuto esperienza con le loro scuole elementari e medie.
Delle superiori private non posso dire niente riguardo costi/rette e preparazione degli studenti perché i miei figli hanno frequentato le pubbliche.

Ripeto: è un argomento di cui parlare con serenità e senza pregiudizi, tenendo presente la cosa fondamentale: il meglio della formazione e della crescita culturale (ora chiamata in sede europea CITTADINANZA ATTIVA)dei ragazzi/e !!

Silvia P. Commentatore certificato 04.08.13 21:50| 
 |
Rispondi al commento

Premesso che PD e PD-L possono andare dove tutti noi desideriamo, resto allibito che un Movimento così moderno, innovatore e con la pretesa di rispondere ai bisogni concreti di noi tutti affronti con una simile sciatteria ideologica questo problema così delicato senza ancora considerare nessun esempio virtuoso dal resto del pianeta. In Gran Bretagna il sistema di finanziamento pubblico alle private c'è dagli anni Cinquanta è ben disciplinato e nessuno se ne lamenta perché lo si vede come un servizio reso comunque alla società. In Germania (disciplinatissimo) nessuno se lamenta. Altrove: la Spagna ha stabilito la perfetta equiparazione economica con Zapatero; in Giappone: nessuno vede dove sia il problema e si potrebbe continuare all'infinito.
Ma siamo impazziti che si mantengono i soldi pubblici per mantenere i Circoli della Caccia, ai Dopolavoro Ministeriali, alla Lega ecc. e si negano a chi fa un servizio meritevole con i giovani con la piena disponibilità a rispettare tutte le norme vigenti, anche le più assurde?
Per favore, meno banalizzazione e stereotipi su questo tema. Inoltre, i votanti al referendum ricordo che furono pochissimi (ed era Bologna ...).

Roberto Fusco 04.08.13 21:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

nessuno dice quanto costa in più la scuola pubblica e quanto spreco c'è in più di quella privata? tutti quei bidelli che lavorano circa un'ora al giorno e gli applicati che passano il loro tempo su internet.....purtroppo sono pubblici dipendenti....

Kaled Ramson 04.08.13 21:15| 
 
  • Currently 3.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma quando mai faranno le cose per i cittadini!!!!!!! Votateli e otterrete sempre le stesse false promesse. Cambiate e votate m5 stelle

Aldo Secco 04.08.13 20:07| 
 |
Rispondi al commento

Cari amici il banana è stato condannato,quindi dovete lavorare per togliere al banana la sua presensa in televisione ora basta di fare propaganda si deve togliere dai coglioni,non è possibile se apri la tv continui a vedere il banana condannato bastaaaaaaaa altrimenti è tutto inùtile.vi saluto

cesare sesticedsare.sesti@libero.it 04.08.13 20:06| 
 |
Rispondi al commento

E'LA FINE:
Da una parte un nanodittatore che usa come propria la cosa pubblica che sbeffeggia lo stato che a meno chè non intervenga l'ONU non riusciremo a far sloggiare dall'italia

dall'altra una sinistraschik che sta insieme solo per abbattere il nanodittatore,che si abbraccia il neosindacomarinoderoma che pedonalizza il colosseo(che sforzo)ma non si occupa di scuola monnezza delinquenza e si fa fare ditutto dal popolodelle liberta per una manifestazione (a proposito chi paga i danni?)TROPPE CANNE E MARIJUANA HANNO LOGORATO CERVELLI LIBERI E PULITI

MA CHI VOTIAMO ALLE PROSSIME ELEZIONI A OTTOBRE???
SU FORZA CHI VOTIAMO ???RISPONDETE!!!!

pelli v., roma Commentatore certificato 04.08.13 19:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

GENI DI QUA E GENI DI LA

Markus Gabriel è un ventinovenne professore ordinario all’università di Bonn, molto noto per alcune sue rivoluzionarie ricerche. Sarebbe interessante un valido paragone coi ventinovenni. nostrani ordinari. Per esempio, controllare il curriculum dell’ordinario d’oltralpe con quello di alcuni conterranei nostrani. A primo acchito, non emergerebbero grossolane differenze e potrebbe darsi che il curriculum di Markus Gabriel sia al di sotto della media di quelli degl’italiani di pari grado. Sono certo che ad un esame più attento effettuato da esperti del settore, le differenze di merito intellettivo emergerebbero. C’è il sospetto che molti saggi scientifici e letterari dei nostri ventinovenni ordinari dalle fulminanti carriere siano stati copiati, o riportino concetti trapassati, ma presentati come novelle idee.

Giuseppe C. Budetta 04.08.13 19:36| 
 |
Rispondi al commento

I baroni della scuole e gli intoccabili, sai come sono contenti. Scuola pubblica, politica di pochi.

Pasquale Messali 04.08.13 19:26| 
 |
Rispondi al commento

Se la rivoluzione non violenta deve partire da un cambio di mentalità della gente è evidente che bisogna iniziare da una riforma radicale della scuola e quindi dalle basi non dall'università o dalle superiori ( dove lì le basi bisogna averle e ci si spiega come mai tanti giovani non riescano a finirla ); quindi bisogna ritornare ad insegnare l'italiano e a far di conto ed invece dell'inglese alle elementari sarebbe meglio insegnare educazione civica di cui si è persa memoria nel corso degli anni...

antonella b., Cremona Commentatore certificato 04.08.13 19:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Chiedo scusa, voleva dire una riqualificazione della scuola pubblica. Avv. Claudio Cagnoli-L'Aquila

claudio cagnoli 04.08.13 19:02| 
 |
Rispondi al commento

Se in questo paese non si riparte dall'annientamento totale della scuola privata, di tutte indistintamente le scuole private, e da una riqualificazione della scuola privata a partire dalla media inferiore, che deve tornare ad essere divisa in due tronconi, uno di indirizzo classico ed un altro tecnico manuale, non si uscirà mai e poi mai dalla crisi, che è dovuta in primo luogo proprio dalla inflazione e dequalificazione subìta dai titoli di studio. Avv. Claudio Cagnoli-L'Aquila

claudio cagnoli 04.08.13 19:00| 
 |
Rispondi al commento

E' la solita zolfa. I cittadini chiedono una cosa e i politici fanno il contrario. Comunque c'era da aspettarselo visto che il referndum di Bologna era solo consultativo e non c'era obbligo per il Consiglio comunale di seguirlo. Occorre cambiare le regole istituzionali; solo cosi' i cittadini avranno voce in capitolo nelle decisioni importanti. Fino a quel giorno si potra' chiedere qualunque cosa ma se non e' nella corda dei politici, i cittadini rimarranno sempre a bocca asciutta.

Cristina Molinari 04.08.13 18:48| 
 |
Rispondi al commento

(null)

Antonio Botti 04.08.13 18:32| 
 |
Rispondi al commento

Attualmente la scuola pubblica è il principale bacino di ingiustizie e iniquità della società italiana. La sua unica funzione è ormai quella di garantire voti al pd che è il primo responsabile del disastro nazionale

speriamo bene Commentatore certificato 04.08.13 18:27| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

MA IL CITTADINO LEGGE LA COSTITUZIONE QUALCHE VOLTA

chiara m., milano Commentatore certificato 04.08.13 17:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

EMILIA REGIONE ROSSA X TRADIZIONE. MA ANCORA NON HA CAPITO CHE TUTTO E' CAMBIATO DA TEMPO, COLORO CHE SONO AL POTERE PD HANNO PENSATO SOLO AI PROPRI INTERESSI DEI LORO FAMIGLIARI E PORTABORSE. AI CITTADINI BOLOGNESI SVEGLIATEVI...........GIOVANNIFRA

rossetti giovanni francesco 04.08.13 17:30| 
 |
Rispondi al commento

ART 33 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA ,QUANDO INTERVERRÀ IL PRESIDENTE DATO CHE NE È IL GARANTE .QUANDO I CITTADINI CHIEDERANNO L ' INTERVENTO DELLA CORTE COSTITUZIONALE PERCHÉ SI RISPETTI LA COSTITUZIONE
MEDITATE , MEDITATE

chiara m., milano Commentatore certificato 04.08.13 17:27| 
 |
Rispondi al commento

SONO COMPLETAMENTE D'ACCORDO CON SILVIA P. ( ORE 14,28 ). SCUOLA STATALE: 1)MALEDUCAZIONE,2) MENEFREGHISMO DI PROFESSORI PRECARI-FRUSTATI,3) OCCUPAZIONI,4) ASSEMBLEE SCOLASTICHE CHE SONO UNA BOLGIA INFERNALE, 5)INSEGNAMENTO AI MINIMI TERMINI....
SONNO STATO SEMPRE STRAFAVOREVOLE ALLA SCUOLA PUBBLICA; MA, PURTROPPO, LE CARATTERISTICHE SONO QUELLE SOPRA RIPORTATE, SENZA CALCOLARE L'INDISPENSABILE RUOLO CHE DOVREBBE AVERE, IN UNA REALTA' DOVE I RAGAZZI SONO SEMPRE PIU'SOLI,GIA' IN GIOVANE ETA' IN PREDA A NEVROSI E CRISI D'ANSIA, DAVANTI AL COMPUTER O, PEGGIO, PER STRADA CHISSA' DOVE E CON CHI; CON I GENITORI CHE, PER LAVORARE, HANNO BISOGNO DI STARE MOLTO TEMPO FUORI CASA E SENZA NESSUNO CHE LI AIUTI.
NELLE SCUOLE PRIVATE C'E' UN AMBIENTE PIU' DISTESO, L'INSEGNAMENTO E' MOLTO PIU' EFFICACE PER LO STESSO MOTIVO,QUINDI,I RAGAZZI SONO MENO STRESSATI E STUDIANO CON MAGGIOR PROFITTO.
DICO QUESTO PER ESPERIENZA PERSONALE E POSSO TRANQUILLAMENTE CONCLUDERE DICENDO CHE LA SCUOLA PUBBLICA VA BENE ( IN FAMIGLIA SIAMO DUE LAUREATI E UN DIPLOMATO TUTTO ALLA SCUOLA PUBBLICA), MA NON IN QUESTA MANIERA E, PER FORTUNA CHE ESISTONO LE SCUOLE PRIVATE.
N.B.- SIAMO UNA FAMIGLIA CHE PAGA REGOLARMENTE LE TASSE E AVREMMO PREFERITO CHE LA SCUOLA PUBBLICA FUNZIONASSE BENE E NON ESSERE "COSTRETTO " A PAGARLA DUE VOLTE (ANCHE LA PRIVATA),DAL MOMENTO CHE LE SPESE NON POSSO RECUPERARLE) . SAPESTE QUANTO MI "RODE"!!!

CESARE DE ANGELIS 04.08.13 17:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se nessuno mandasse i figli nelle scuole private, ci sarebbero molti più studenti nelle scuole pubbliche, e visto che è molto più alto il costo per studente pubblico rispetto al contributo che si da alle scuole private lo stato spenderebbe di più se non ci fossero le scuole private. Il problema il numero di ore fatto dai prof nelle scuole pubbliche che è veramente basso e poi il problema numero uno è che molti hanno scelto la carriera di professori per trovare un posto e non per vocazione quindi non sanno insegnare, e visto che i dipendenti pubblici non si possono licenziare ne se rubano ne se vengono beccati a cazzeggiare figuriamoci.

FABER C., RIMINI Commentatore certificato 04.08.13 16:49| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

I referendum in Italia sono fatti così, il popolo comanda ma i suoi dipendenti se ne fottono beatamente.
Come per il referendum sui finanziamenti pubblici ai partiti anche il referendum sul finanziamento alle scuole private verrà completamente ignorato:
l'amministrazione chiede un parere ai cittadini, ma se questo è diverso dai piani precostituiti allora non esiste.
Ma se i cittadini avessero votato per il finanziamento della scuola pubblica?
grande festa e propaganda mediatica con servili leccate di culo ai cittadini maturi che hanno capito il senso della vita: pagare le tasse per sostenere le scuole cattolico-private (in culo alla Costituzione e al laicismo dello stato).

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato 04.08.13 16:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

questi di you tube abbassano le visualizzazioni, perchè pure loro sono i papponi del del sistema, quindi occhio alla penna.

rino desideri 04.08.13 16:19| 
 |
Rispondi al commento

Io ho paura che nelle scuole private si regalino i diplomi per mantenere lo status quo. Le iene insegnano

alfonsina palladino 04.08.13 15:59| 
 |
Rispondi al commento

Dato il livello di ignoranza crassa che si riscontra in Italia, dove ci sono laureati che hanno perfino insegnato, come precari, nelle università, che non sanno scrivere in italiano (ne conosco personalmente alcuni), temo che la questione sia: quand'è che facciamo fuori la scuola pubblica piena com'è di incompetenti? E spostiamo la faccenda sul WEB? DOve i ragazzi potrebbero avere il fior fiore dei docenti?
Homeschoolig for ever
p.s. Stendo un velo di pietoso silenzio sui programmi scolastici decisi dagli asini del governo. Un popolo ignorante rende il governo più forte.

nk 04.08.13 15:58| 
 |
Rispondi al commento

Una mutazione genetica del genere, lascia sbigottiti; vien da pensare che questi siano assai più pericolosi di certe teste di cazzo conclamate.

harry haller Commentatore certificato 04.08.13 15:48| 
 |
Rispondi al commento

sono u8na dittatura e bisogna farla finire in fretta

anna q., pianborno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.08.13 15:25| 
 |
Rispondi al commento

Il problema di noi italiani è che siamo ignoranti quindi qui non si tratta del finanziamento alla scuola privata o pubblica: dobbiamo studiare meglio e di più, poi dove si vada, per me non è importante: in uno stato veramente interessato alla salute mentale dei propri cittadini si dovrebbe valorizzare la scuola sopra ogni cosa,si dovrebbe avere l'istruzione come primo problema perchè dei cittadini colti ed istruiti un domani saranno bravi amministratori! Un esempio? : la Francia ha una scuola statale che prepara i manager pubblici abbiamo qualche esempio da noi?
E' dal '68 che hanno affossato la scuola e da allora non hanno mai smesso perchè è più facile gestire gli ignoranti che gli istruiti, non vi pare?

antonella b., Cremona Commentatore certificato 04.08.13 14:43| 
 |
Rispondi al commento

Ma il PD ha ancora qualcosa di sinistra ? A me pare sia diventato più che altro "sinistro" !

Alessandro La Tessa 04.08.13 14:36| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

ma un pò di sana manomissione dei ripetitori tv e e radio? Secondo voi chi è quel salame che vedendo non capirebbe?! Dove sono i miei mille uomini? Dov'è la gioventù, gli incursori in pensione, i marescialli, i capitani, gli agenti speciali? Quando li vedremo arrivare a stroncare questi pifferai?! Avanti!

Simone C., Liguria Commentatore certificato 04.08.13 14:09| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
CONTINUA L'IGNORANZA POLITICA,ANCHE PER LA SCUOLA
ALVISE

alvise fossa 04.08.13 14:05| 
 |
Rispondi al commento

credo che il discorso scuola pubblica-scuola privata (che cmq è per tutti senza distinzione di classe, razza, ecc ecc ecc) debba essere fatto con molta onestà intellettuale e di coscienza.

Io sono convinta che le scelte educative e quindi scolastiche dei genitori devono essere salvaguardate e rispettate.

Il discorso economico, per gli amministratori pubblici, deve pure essere affrontato con chiarezza: uno studente di scuola pubblica, a parità di ordine e grado, costa 2 volte e mezza quello di una scuola privata !! (questo dato più volte è stato scritto sui mezzi di stampa e anch'io l?ho constatato con i miei figli).

Io non ero a favore di scuole private e di finanziamenti pubblici a tali scuole, finché non ho avuto i miei due figli che alle pubbliche si annoiavano, venivano lasciati fare quello che volevano ed erano poco motivati perché loro non trovavano differenza qualitativa tra l'asilo e la scuola.
Così, dopo due anni di elementari nella pubblica, ho provato con le scuole delle Suore Sacramentine: il massimo dei risultati, i bambini gratificati e maturati (un conto è la scuola, un conto è l'asilo o il gioco) e alle superiori (pubbliche) hanno dimostrato di avere ottime basi ed hanno vissuto un po' di rendita.

Silvia P. Commentatore certificato 04.08.13 13:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

il pdl si sa che difende la sccuola privata ma il pd sono dei falsi che fanno finta di difendere la scuola pubblica e poi sono d'accordo col pdl a finanziare la scuola privata io a pd.pdl. gli volevo ricordare primo che sono stipendiati da noi cittadini con dei buoni stipendi e poi il popolo e' sovrano e se adeciso di tagliare i fondi a la scuola privata si taglino e basta perche noi cittadini siamo i datori di lavoro che gli diamo un bel stipendio e il pd e pdl sono i nostri operai e non devono discutere devono fare quello che dice il popolo se no io li licenzierei e li metterei a lavorare veramente tipo a asfaltare una strada.

roberto fiaschi, tavarnelle val di pesa Commentatore certificato 04.08.13 13:27| 
 |
Rispondi al commento

Non Vi sebra sia giunta l'ora di mandare a
casa Berlusconi e i Berlusconiani acefali.
Non è possibile che i due terzi del Paese ha
votato contro Berlusconi. Ma una politica di
chiusura tra le parti anti berlusconiane han-
no rimesso in gioco un signore che l'elet-
torato aveva mandato a casa. Non vi sembra di finirla ?

Giuseppe De Mizio 04.08.13 13:20| 
 |
Rispondi al commento

un grandeeeeee bugani!!!pd,la feccia del Paese ormai!!!ma dovranno sparire tutti!!miserabili!!!e miserabili quelli che li votano ancora!!

Luca M., Rho Commentatore certificato 04.08.13 13:10| 
 |
Rispondi al commento

http://youtu.be/y_pDRxt5NKk

Non ci fregate piu!!! Facciamo girare!

grillini 04.08.13 12:46| 
 |
Rispondi al commento

Ma non si pò impugnare questo referendum e costringere PD/PDL ad attuarlo?

marco sesti 04.08.13 12:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un po come con le elezioni "mai con Berlusconi" e poi ....

cristian l. Commentatore certificato 04.08.13 12:45| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori