Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Salviamo Bosa dal cemento

  • 52


bosatentizzos.jpg
Nel territorio di Bosa, cittadina medievale classificata come uno dei borghi più belli d'Italia e situata in provincia di Oristano, nella parte Occidentale della Sardegna, si sta progettando un intervento di modifica del paesaggio che da alcuni mesi incontra la resistenza di parte dei residenti locali. La società Condotte Immobiliare, controllata dalla Holding Ferfina, ha progettato un intervento in cemento di 250mila metri cubi da rovesciare su trecentotrenta ettari in uno dei litorali più incontaminati e ancora sconosciuti al turismo di massa. Per aggirare le leggi di tutela ambientale e paesaggistica, si è pensato a una Legge Regionale, la numero 19 del 2011 con cui la giunta guidata dal Centrodestra di Ugo Cappellacci riconosce al golfo un ruolo strategico nello sviluppo dell'econimia dell'Isola. Questa legge prevede che la Giunta Regionale possa modificare il Piano di Tutela Paesaggistica per per individuare nuove aree da dedicare a impianti golfistici consentendo di costruire alberghi, centri benessere e spa, e strutture turistiche di vario tipo tra cui, appunto, campi da golf.

24 Ago 2013, 13:50 | Scrivi | Commenti (52) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 52


Tags: Bosa, Cappellacci, cemento, Sardegna

Commenti

 

Bisogna comperare un'azione della società, andare in assemblea e far mettere a verbale l'opposizione della gente. Occorre non dare tregua a Cappellacci il quale, secondo me, con il ricatto del lavoro fa passare porcherie rifiutate in tutti i posti civili del mondo. Basta guardare poi a cosa è successo di tutte le aziende che con i contributi regionali si erano insediate a Suni (tessile, elettronico etc.)
tutte chiuse dopo aver incassato i contributi.

Antioco Claudio Ledda 27.08.13 18:37| 
 |
Rispondi al commento

Il mio apporto artistico per la costa dei grifoni - Tentizzos (Litorale Bosa-Alghero):www.youtube.com/watch?v=WcX_S2vsBbQ‎

MARIO FRAGIACOMO 26.08.13 18:55| 
 |
Rispondi al commento

Se in Sardegna, non risolvono il problema dei trasporti" nasceranno solo cattedrali nel deserto,senza alcun ritorno economico per la popolazione locale che langue e vive di stenti. Tutto inutile, solo cemento. Noi ci scanniamo per ostacolare a cementificazione, mentre dovremmo batterci con le unghie e con i denti, perchè il turismo venga e porti economia! E dovremmo soprattutto lottare per ridurre la nostra condizione di insulartà. . . Ma pare che questo non interessi a nessuno. . . Neppure a noi sardi!

Ignazia Farina, Ozieri SS Commentatore certificato 26.08.13 12:25| 
 |
Rispondi al commento

Conosco perfettamente la zona essendo di un paese vicino a bosa, se autorizzassero questi sciacalli sarebbe uno scempio gravissimo, nell'articolo non è' riportato ma quella parte di costa sopratutto verso bosa nidificano i grifoni!! Chi ha percorso la litoranea bosa/Alghero non può non rimanere affascinato dal paesaggio meraviglioso,con costoni rocciosi molto alti e dalla folta vegetazione ricca di flora e fauna. A questi di condotte immobiliari dico di lavarsi gentilmente dalle palle, al comune di bosa di non farsi infinocchiare, con tutte le cose che si possono fare eco sostenibili, si continua a parlare di cemento, a quel pupazzo del cappella, quando ti Levi dalle palle burattini berlusconiano? Ai miei concittadini dico di svegliarsi dal torpore e dal rincoglionimento , salviamo ciò che di più bello abbiamo, il mare e le nostre meravigliose coste....svegliatevi caxxo!!!

Giorgio M., Oristano Commentatore certificato 25.08.13 14:40| 
 |
Rispondi al commento

Altri campi da golf, altro cemento. E' davvero questo che cerca il turista? E' veramente questo che serve a noi sardi e alla sardegna? Le persone che vengono nella mia terra cercano paesaggi ancora incontaminati, ospitalità, sapori autentici. Se cercano stabilimenti balneari, piscine e maxi residence che vadano a Rimini.

giannicola 25.08.13 12:23| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti. Non conosco il progetto e quindi non mi esprimo in merito. Spero che i Bosani scelgano per il meglio. Ma vi chiedo se sapete dove ha trascorso un periodo di vacanze Beppe: a Porto Cervo che è la località simbolo della cementificazione in Sardegna! Ecco, si cementifica perchè c'è tantissima gente che come Beppe frequenta questi posti!
Forza Beppe! Ma attenzione, anche tu non sei infallibile.

DARIO C., CAGLIARI Commentatore certificato 25.08.13 11:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Facciamo una bella manifestazione aRoma.
BERLUSCONI - LEVATI DAI COGLIONI

Francesco Fenudi 25.08.13 10:46| 
 |
Rispondi al commento

BASTA CEMENTO! BASTA!!

Vivo in Valle d'Aosta e anche qui è tutto ricoperto di cemento e non se ne può più!

Devono smetterla di fare soldi devastando i paesaggi della nostra anima...ogni giorno mi alzo sperando che questi signori si estinguano una volta per tutte e con loro questo orribile modo di vedere il progresso.

VERGOGNA.

James G. 25.08.13 10:37| 
 |
Rispondi al commento

Ho avuto la fortuna di andare,anni fa,da alghero a bosa in pulman : E' UN VERO VERO VERO PARADISO !!! (saluti a Giuseppe Spada).

luciano emme 25.08.13 10:35| 
 |
Rispondi al commento

Tra un po' ci saranno le primarie in Sardegna. Non essendoci candidati del Movimento, credo che l'unica alternativa valida per scongiurare questo e altri scempi sia la candidata indipendentista M.Murgia. Altrimenti tutto, stavolta, finirà nelle mani del PD.

gabrié p. 25.08.13 10:18| 
 |
Rispondi al commento

La massoneria e la mafia sono i veri partiti della Sardegna.
I dipendenti regionali sardi di ruolo,anche quelli del corpo forestale e delle società esterne, formano un immenso esercito di persone che non vedono, non sentono, non parlano. Quanti di questi dipendenti, dirigenti compresi sono corrotti e collusi? Basta guardare la Sardegna per sapere come opera questa gente. I politici non vogliono controlli e i dirigenti tutti piegano il capo, altrimenti come farebbero poverini a fare carriera? La Guardia di Finanza cosa aspetta ad intervenire?

paoletta a. Commentatore certificato 25.08.13 10:08| 
 |
Rispondi al commento

Meglio sarebbe che il tutto fosse realizzato da una cooperativa di tutti i cittadini di Bosa che ne trarrebbero notevole beneficio anche economico e con possibilità di controllo delle modalità di realizzazione delle opere.
Si vincoli la realizzazione del campo alla cessione delle sue quote ad una Cooperativa compartecipata da tutte le famiglie di Bosa.

Ugo 25.08.13 09:50| 
 |
Rispondi al commento

Non so dove scrivervi, così vi scrivo qui
andate a leggere questo articolo su come siamo arrivati a questa crisi. Fa paura. I nostri politici sono stati i lacché, ma se volete veramente cambiare le cose, per favore, leggetelo
http://www.vice.com/en_uk/read/larry-summers-and-the-secret-end-game-memo

nk 25.08.13 09:33| 
 |
Rispondi al commento

I tempi sono cambiati, cittadini Sardi alzate la testa, prendete esempio dai cittadini No Tav. Resistete, avete, ed abbiamo la concreta possibilità di modificare questo andazzo. Ogni voto M5S sarà un calcio in culo.

Ezio Bigliazzi, Bedizzole Commentatore certificato 25.08.13 08:58| 
 |
Rispondi al commento

Tranquilli, amici della Sardegna: non passeranno. Oltre all'opposizione di gran parte dei cittadini, c'è una piccola, agguerrita e meravigliosa associazione che da tempo se ne occupa dal punto di vista giuridico. Combatterli legalmente è l'unica chance. http://gruppodinterventogiuridicoweb.wordpress.com/2013/08/21/dalla-parte-del-grifone-anche-il-sole-24-ore/

Mara T., Oristano Commentatore certificato 25.08.13 08:36| 
 |
Rispondi al commento

Perlomeno,se non si riesce a Fermare questo eco Mostro,si Potrebbe,intimargli,di non adempiere al Compimento se non con Progettazione Fognaria riversa All'interno e non all'esterno.Il Mare non è una Latrina. Lo volete capire si o no.

Alessandro P., Roma Commentatore certificato 25.08.13 07:36| 
 |
Rispondi al commento

CITTADINI SARDI,chiedete l'annessione a l'olanda ,oppure votate movimento 5 stelle.

NICOLA DELIGUORI, massa marittima Commentatore certificato 25.08.13 01:32| 
 |
Rispondi al commento

Sono mostri, senza scrupolo, Cappellacci ne inventa sempre una più del diavolo, non per niente è moooolto amico del berlusca. I Politici sardi non amano la Sardegna l'hanno venduta già da tempo alla mafia. Si cementifica anche nei territori incendiati, il destino della Sardegna è studiato a tavolino, è anarchia assoluta, i politici, questi ultimi soprattutto, fanno il bello e il cattivo tempo indisturbati. Non vi è alcun controllo da parte degli organi preposti. Se la Finanza iniziasse a controllare "seriamente" gli assessorati della regione Sardegna troverebbe senza alcuna difficoltà tante cosette "interessanti" tali da poter dire basta al governo di Cappellacci. Beppe aiuta la Sardegna, sputtana quei bastardi.

paoletta a. Commentatore certificato 25.08.13 01:00| 
 |
Rispondi al commento

NUove Leggi e Modifiche per non cambiare NULLA, e il "guadagno solo per pochi, agli abitanti della Sardega solo il Nocciolo la polpa alle solite persone per "BENE" del Momento... poi vengono condannate per Frode condite dalla più svariate situazioni... coraggio vediamo di cambiare - il benessere deve essere per gli abitanti e NON per i POLITICI! & Soci

Rip Kirby, Castelleto d'Orba AL Commentatore certificato 25.08.13 00:14| 
 |
Rispondi al commento

qualunque intervento contro il cemento va portato avanti.L'Italia dovrebbe essereil piu' grande parco naturale d'Europa!!!!!!!!!!!!!!!

cristina parodi 24.08.13 23:56| 
 |
Rispondi al commento

CEMENTIFICHIAMO LORO!

serena pietri 24.08.13 23:45| 
 |
Rispondi al commento

salviamo l'ambiente, il cemento non è una soluzione!!!!!!!!!!!!!

Maria Marcianò 24.08.13 23:44| 
 |
Rispondi al commento

Urge immediata bonifica,il peggio del peggio (intendo ladri farabutti mangiapaneatradimento) si trova propio alla regione Sardegna i soldi che questi signori hanno sperperato e mangiato in nome dello sviluppo improbabiledella nostra amata Sardegna nell'arco di 50 anni e' incalcolabile Sono da cacciare via a calci nel culo!!Sardi svegliatevi!!!

luca spano 24.08.13 23:12| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto tutti i commenti....ma in concreto che cosa possiamo fare per evitare l'ennesimo scempio...

eli 24.08.13 21:53| 
 |
Rispondi al commento

caro Beppe io penso che comunque in Italia si pensi solo a far soldi sulla pelle della povera gente. Bisognerebbe stroncare chi abusa del potere che temporaneamente uno ha per fare ciò che che gli pare prevaricando tutto e tutti per il proprio e altrui tornaconto però quando questa gente viene smascherata con annessi i collusi mandarli ai lavori socialmente utili con grossa fatica per fargli capire la fatica che una persona normale e senza privilegi fà per un pezzo di pane, e fargli tirar fuori i denari in contanti che hanno sottratto alla comunità.
Per quanto riguarda il borgo di Bosa io sono favorevole ad impedire a queste persone di trasformare questo borgo in un lago di cemento ed impoverire quanto di naturale esiste

Gilberto Vitelli () Commentatore certificato 24.08.13 21:52| 
 |
Rispondi al commento

Popolo Sardo, il valore non è nel cemento e nemmeno l'occupazione. Il valore è la terra dove affondi le radici; trova il tuo futuro in una prospettiva di sfruttamento ecologico del tuo magnifico territorio. Opponiti alle scorciatoie dei palazzinari, salva la bellezza della terra che ti ha partorito. Non lasciare che vengano da fuori ad insegnarti la strada!
Ciao!

garimba garimba 24.08.13 19:15| 
 |
Rispondi al commento

Gli immobili sono difronte ad una crisi epocale gettare ancora del cemento e da stupidi e spericolati speculatori
Continuare a stuprare l'ambiente per residenze estive è un crimine
Un governo serio del paese lo avrebbe fermato serve la riqualificazione degli immobili devono consumare meno ed essere sicuri al livello strutturale
Di lavoro per l'edilizia c'e ne sarebbe anche tanto ma serve una politica che abbia le mani pulite e libere e non abbia convissuto da sempre con i speculatori sia edili che finanziari
Qui invece si continua a consumare territorio privatizzando di fatto le perle naturali del paese
Questo e il risultato di una politica senza futuro

Riccardo Garofoli 24.08.13 18:53| 
 |
Rispondi al commento

Stop al decisionisti dall'alto.
Purtroppo lo scempio dell'incuria e della cementificazione selvaggia impera in questo sfortunato paese.
È finito il tempo del decisionismo dall'alto dai vari politici e lobby da strapazzo, senza consultare e far decidere alla popolazione locale le scelte: occorre una democrazia maggiore e partecipativa dal basso, tanto più su decisioni important che attengono al vivere comune.
Il territorio non è di qualcuno, ma appartiene a tutti: ed è una risorsa preziosa.
Quindi ben venga che si costituiscono comitati a difesa, con tutte le forme democratiche possibili, e se necessario, qualora non vengono rispettate o aggirate con varie leggine di comodo (sempre a favore di qualcuno) devono essere contrastate fortemente.
( vedi Tav). Non basta protestare, ma occorre anche agire ed essere solidali con chi, giustamente, contrasta gli interessi di poche a scapito della collettività.
a)Costituzione di un comitato
b)Ricerca e informazione dettagliata di chi c'è dietro e perché, denuncia dei mandanti.
c)Pressione sui comuni interessati, con liste civiche alle elezioni, e con appoggio del M5S.
Insomma lottare e resistere: "Chi non fa niente e gira la testa dall'altra
parte, non può lamentarsi poi se altri decidono". Dipende da noi, se vogliamo un paese migliore.
I.R.

Ivan Reichmuth 24.08.13 18:32| 
 |
Rispondi al commento

La sardegna è tutta bellissima e meravigliosa, purtroppo il turismo, quello vero che porta i soldi, è solo nella costa nord. In un isola dove non c'è il lavoro e i giovani sono costretti ad immigrare per avere un futuro credo che il cemento non sia il male assoluto, anzi può essere un ancora di salvezza e sviluppo turistico. La cosa essenziale è che ci siano degli accordi programmatici affinché gli imprenditori che vogliono investire in sardegna assumano sardi.

Gianluca Olla 24.08.13 18:25| 
 |
Rispondi al commento

Bosa, una vera perla così com'è. Da lasciare stare. Come sempre, Beppe: parole sante. Ma attenzione al territorio: lì le cose non vanno come dovrebbero. Molte assembelee locali M5S soffrono dell'effetto Itaca senza Ulisse, e sono afflitte da bande di proci. Beppe, fai qualcosa. E' una preghiera urgente.

Sergio2 Bevilacqua, Venezia Commentatore certificato 24.08.13 18:22| 
 |
Rispondi al commento

Invece di gettare metri cubi di cemento per il cazzo, vedete di diminuire del 90% i prezzi dei traghetti per la Sardegna, amministratori politici dei miei cojoni!!!

Fabiano M., Quero Commentatore certificato 24.08.13 18:21| 
 |
Rispondi al commento

ma questi amministratori cialtroni che svendono il ns.territorio e feriscono la ns.terra possiamo vedere le loro sembianze oppure non hanno forma e non hanno nenche le palle da farsi vedere in faccia!!!!

fabfour 24.08.13 18:04| 
 |
Rispondi al commento

Sono stata in vacanza a Bosa nel 2007 e la ricordo bellissima e selvaggia. Per questo motivo ho sempre pensato con profondo dispiacere che prima o poi qualcuno ci avrebbe messo sopra le sgrinfie. Non mi sbagliavo dunque. Nell'associarmi a Claudio che denuncia l'analogo scempio previsto in Veneto, ti chiedo di divulgare uma eventuale petizione, grazie.Patrizia
Renier attivista M5S Terme Euganee
Patriza

patrizia renier 24.08.13 18:01| 
 |
Rispondi al commento

Continuiamo a cementare,quel po' di turismo che ci rimane cesserà e dovremo dire mea culpa.

Giuseppe V. Commentatore certificato 24.08.13 17:58| 
 |
Rispondi al commento

Fortunatamente in quel stupendo angolo di Sardegna c'e gente che e' ancora capace di farsi rispettare. Speriamo che qualcuno abbia il coraggio di fermarli

roberto.c 24.08.13 17:56| 
 |
Rispondi al commento

Piccola rettifica: Bosa e' in provincia di Nuoro.

roberto.c 24.08.13 17:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La colpa è dei sardi, di noi sardi,sappiamo che ci stanno depredando di tutto e continuiamo a votare i soliti quando lo fai notare ti dicono sono tutti così ,ma siamo matti o scemi . Sappiamo con certezza perchè è alla luce del sole ciò che ci fanno e noi continuiamo ad andare ad inneggiare ai peggiori .Se qualcuno ci difende lo prendono per matto e non lo votano . Prima o poi impareremmo e sarà troppo tardi.

Francesco Piu 24.08.13 17:45| 
 |
Rispondi al commento

bosa nn e olbia svenduta,li esistono ancora i pallettoni

giovanni sechi 24.08.13 17:00| 
 |
Rispondi al commento

AIUTOOO! Continuano a massacrare la Sardegna con i poligoni militari e con il cemento! E' di oggi la notizia che alcuni antichi stazzi della Gallura, classificati come bene identitario dal Piano Paesaggistico Regionale, saranno trasformati in megaville di superlusso da una società legata a no so quale emiro. La soprintendenza ha solo fatto finta di opporsi, ma poi ha dato l'autorizzazione alla modifica agli stazzi "purché non vengano modificati". Che accidenti vuol dire?
Basta! Basta! Bastaaaaa!!!!

Francesco 24.08.13 16:53| 
 |
Rispondi al commento

Gentile Beppe Grillo

Già alle scuole medie è stato insegnato a tutti noi che il metro cubo è unità di misura internazionale.
Mi chiedo, e domando a lei e a quanti come me avversano anche il centimetro cubo del cemento, ancorchè fuorilegge, se anche in Sardegna ci si debba attenere a questa misurazione nel volume sia quando la minaccia riguarda Bosa, la costa dei grifoni (e, aggiungerei, degli esseri umani) e sia quando riguarda la Costa Smeralda. L'indignazione per metro cubo è anch'essa per tutti una unità di misura internazionale? Mi interesserebbe conoscere il suo parere (valutato in metri cubi di sofferenza morale e politica)sul viaggio che in questi giorni sta impegando il presidente della Regione Sardegna negli Emirati.

giampaolo melon i 24.08.13 16:42| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
FERMATELI,LA TERRA NON REGGEREBBE L'ENNSIMO SCEMPIO
ALVISE

alvise fossa 24.08.13 16:07| 
 |
Rispondi al commento

Raga qua ragioniamo sempre di miliardi...gli diamo una mano a questi?
Se non fate offerte almeno divulgate!! :) un sorriso non si nega a nessuno

http://www.ebay.it/itm/181201882447

Andrea 24.08.13 15:47| 
 |
Rispondi al commento

Stessa cosa sta accadendo in Veneto, dove un manipolo di capitalisti da strapazzo appoggiati dai soliti politici, vuole distruggere centinaia di ettari di campagna per creare un nuovo(e inutile)mega centro direzionale e commerciale, pomposamente definito VenetoCity. Usano le armi del ricatto lavorativo dicendo che porterà centinaia di posti di lavoro(falso)distruggendone altrettanti(vero).
baci atutti voi del M5S

claudio 24.08.13 15:40| 
 |
Rispondi al commento

Impediteglielo con la forza. Non cè altra soluzione contro questi delinquenti cronici! Voi sardi siete gente forte e determinata, difendete il vs territorio con tutti i mezzi...tutti!
aguri

mario bottoni 24.08.13 15:34| 
 |
Rispondi al commento

Poche parole....basta rovinare il territorio x creare dei MOMENTENEI posti di lavoro!!
Se c'è una petizione x fermare questo ennesimo scempio alla natura fatemi sapere.
Daniele

Daniele Nicola 24.08.13 15:08| 
 |
Rispondi al commento

Solita FOLLIA!!! il turismo si incrementa mantenendo il territorio così come è ristrutturando le vecchie case intorno e creando dei B&B come in ogni parte del mondo....
Quando si distrugge il territorio rimane tutto invenduto e la gente in una Rimini2 non va più!!!!

Anna Canovi 24.08.13 14:34| 
 |
Rispondi al commento

Cappellacci, fa' il bravo...

Roberto 24.08.13 14:19| 
 |
Rispondi al commento

Vado a Bosa più o meno ogni anno, consiglierei a chi vuole fare del turismo a Bosa di usare/ammodernare le strutture che già esistono, visto e considerato che il turismo che c'era negli anni '90 è drasticamente calato.

ehia82 24.08.13 14:00| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori