Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La Coldiretti contro l'inceneritore

  • 42


inceneritore_finito.jpg
"Si torna a parlare di inceneritore e Coldiretti ribadisce la sua totale contrarietà.
L’agroalimentare è sempre più strettamente connesso al territorio ed il prodotto tipico evoca nel consumatore valori, storia e tradizioni legati alle sua origini. Grazie all’opera di Coldiretti la qualità e la salubrità dei prodotti alimentari è tenuta sempre più in considerazione al momento dell’acquisto di alimenti.
Quale immagine volgiamo evocare mentre un giovane statunitense acquista una punta di Parmigiano Reggiano? quali emozioni vogliamo suscitare mentre una casalinga acquista una bottiglia di Lambrusco Reggiano Doc? quale rappresentazione del paesaggio vogliamo che accompagni il nostro aceto balsamico tradizionale o il prosciutto crudo Dop?
"Gli impatti della costruzione di un inceneritore sono notevoli - commenta Marino Zani, presidente della Coldiretti di Reggio Emilia - e vanno valutati con attenzione partendo dalla densità della popolazione, dal patrimonio culturale, dall’agricoltura e dalle sue produzioni, oltre agli aspetti tecnici. Nel compiere scelte legate all’ambiente si può aiutare o penalizzare tutto il comporto agroalimentare locale. È importante tenerlo sempre presente".
L’agricoltura ha riacquistato, negli ultimi anni, il valore che merita e l’attività degli imprenditori agricoli ottiene considerazione agli occhi della società e di consumatori.
La Coldiretti chiede quindi di non vanificare questi risultati collaborando con l’agricoltura per ridurre l’inquinamento e tutelare il nostro territorio per sostenere agli occhi dei consumatori e dei produttori le eccellenze reggiane.
"Ci dichiariamo avversi alla costruzione dell’inceneritore come possibile fonte di inquinamento e deturpamento della nostra terra - conlude Zani - ma siamo ben disposti verso alternative ecosostenibili, che prevedano adeguati accordi di filiera".
Fonte

1 Set 2013, 12:37 | Scrivi | Commenti (42) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 42


Tags: coldiretti, inceneritore, parma, parmiggiano

Commenti

 

dopo due settimane non collegato al mondo italiano leggo con piacere che la coldiretti sta aprendo la mente e rifiuta la logica del bruciare le cose e lo sfruttamento del territorio avanti cosi che si cambia M5S ORA E SEMPRE

Marco Barbanti, Scandiano Commentatore certificato 02.09.13 12:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

qui siamo al paradosso un sindaco ,i suoi cittadini non possono fermare una cosa che sarà pagata dai cittadini ,inquinante e controproducente per la sua comunità, ma quanto potere o quanto interesse affaristico esiste in questo paese!!!!!!!!!!!!!!!

andrea s., trieste Commentatore certificato 02.09.13 11:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E bravi i piddini emiliani... respirate a pieni polmoni mi raccomando il vostro beneamato piddì ringrazia.

Luca P., Roma Commentatore certificato 02.09.13 11:22| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno a tutti! Si fa per dire: abito a un chilometro da questo splendido inceneritore e questa mattina dopo avere aperto le finestre si sentiva un lezzo insopportabile che continua tuttora, qualcosa che entra nella gola e non ti libera, insalubre e orrendo, e che vorrei fare provare a coloro che hanno favorito e tutt'oggi appoggiano questa struttura. Maledetti criminali!

Gabriele 02.09.13 10:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi dispiace x Parma ma non comprerò mai più prodotti derivanti da Parma e limitrofi.

alessandro giglio, magenta Commentatore certificato 02.09.13 09:55| 
 |
Rispondi al commento

Alla coldiretti stanno molto a cuore le apparenze, penso che se si facesse un inceneritore invisibile non avrebbero nulla da eccepire. La coldiretti é complice dell'inquinamento del territorio, tutela i piccoli produttori ma sostenendoli anche nell'abuso di fitoterapia....almeno le grandi aziende sono soggettie a controlli. Fosse un'associazione seria stabilirebbe dei parametri di qualità e farebbe dei controlli sugli associati. '

gianfranco ., vimercate Commentatore certificato 02.09.13 07:23| 
 |
Rispondi al commento

Come si devono e dove di devono smaltire i rifiuti?
Grazie

Marco Diaco 02.09.13 01:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Intanto a Parma è già in funzione. Tra poco sarà inverno, senza un filo d'aria, pressione bassa e nebbia che si impasterà coi fumi dell'inceneritore. Dicano pure che Beppe è un incosciente, un terrorista, ma noi in famiglia, nel dubbio, preferiamo lasciare che le specialità della nostra rinomata "death valley" se le mangino gli altri. Visto che ci tocca di respirarlo sto "termovalorizzatore", almeno sugli alimenti cercheremo di schivarlo mangiando quello che proviene da fuori.

Luca D. 01.09.13 22:52| 
 |
Rispondi al commento

Le reazioni di campanile non sono l'optimum per uno Stato che deve salvaguardare gli interessi di tutti i propri cittadini. L'agricoltura è un tema, con tutte le sue sfaccettature, che riguarda tutti. Se giunge in Italia la cagliata già pronta l'argomento interessa tutti? Se il latte italiano ha difficoltà ad essere trasformato e remunerato perchè quello estero arriva a minor costo e già cagliato riguarda solo i produttori o i caseificatori? E se in alcune zone in Italia sono stati riscontrati batteri nocivi in qualche caseificio importa a tutti o soltanto a quelli che si ammalano per via delle cagliate importate? E il prosciutto è quello dei produttori o quello dei consumatori del supermercato? Bene è occuparsi di tutti i problemi indipendentemente da quelli che sono i territori coinvolti e cercare la soluzione che porti alla tutela di tutto il territorio nazionale senza usare due pesi e due misure secondo la convenienza del momento. E poi occorre vigilanza e lungimiranza sempre per evitare di dover affrontare i problemi quando si ingigantiscono come nel caso degli inceneritori laddove sono stati impiantati.

luciana m. Commentatore certificato 01.09.13 22:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Belle parole...che però si scontrano con gli interessi economici e di parte che concorrono a costruire un inceneritore e decadono nel vuoto.
Credo che ormai tutti abbiamo capito che quello che la politica caparbiamente "protegge" non è finalizzato al benessere o all'utilità collettiva ma SOLO, SOLO, SOLO agli interessi economici e a vantaggio di "qualcuno", cosa inconfutabilmente evidente se si considera che i cittadini non vengono assolutamente informati (o informati "astutamente" male) oppure non presi assolutamente in considerazione quando è proprio la collettività a non gradire quelle "opere" oppure, ancora, basta vedere come, la politica "pro tempore", blinda gli accordi fatti per qlsiasi tipo di opera con penali costosissime per chi rescinde (è il caso del Comune di Parma e del suo inceneritore).

Giovanni D., Nettuno Commentatore certificato 01.09.13 21:34| 
 |
Rispondi al commento

Basta una frase al telegiornale e un bell'articolo che dica che L'EVIDENTE non è vero e tutti credono a quello che gli viene imposto senza cercare minimamente di informarsi davvero, questo è il motivo per cui il nostro Movimento non governa il paese oggi.

Anna Canovi 01.09.13 21:30| 
 |
Rispondi al commento

A Parma entra in funzione l’ inceneritore. Pizzarotti sconfitto, gioiscono i politici del PD e PdL locali, ma forse non sono al corrente che gli inceneritori sono dannosi per la salute.
Difficile crederlo poiché oggi c’è internet; basta una breve ricerca e li le bugie vengono alla luce.
Basta un semplice “clic” ad esempio su:
http://www.iarc.fr/en/publications/pdfs-online/wcr/2008/wcr_2008_4.pdf
etiology of Cancer Chapter 2.14: environmental pollution – pag. 179

E’ in inglese. Non parli inglese,poco male con Google Traduttore; ecco fatto:
…. Inquinamento atmosferico localizzato può essere un pericolo in rapporto alla residenza vicino a fonti specifiche d'inquinamento, come le centrali a carbone di potenza, raffinerie di petrolio, impianti di produzione di metallo, ferro
fonderie, inceneritori e fonderie. In generale,
un aumentato rischio di cancro ai polmoni nel prossimità delle fonti di inquinamento è stata dimostrata….
La fonte è attendibile in quanto si tratta di un’ Agenzia dell’ Organizzazione Mondiale della Sanità. Che gli inceneritori facessero dannosi per la salute si sapeva da decenni ma ora è sicuro:
GLI INCENERITORI UCCIDONO. Io ho paura, per me, per mia moglie, per i miei figli, per i miei nipotini.
Ma questi politici di Parma del PD e PdL, respirano la stessa aria che respiriamo noi, a Parma ! Non hanno paura per le loro famiglie ? Certo, i dirigenti politici di Parma portano avanti le idee delle loro rispettive segreterie, sperando in futuro di avere incarichi più importanti; MAGARI A ROMA.
Tutto ciò è però comprensibile, ma è incomprensibile che gli elettori di Pd PdL ( ma anche altri schieramenti politici) accettino questa situazione: SI PUO’, IN NOME DEGLI INTERESSI DI UN PARTITO SACRIFICARE LA PROPRIA SALUTE , MA SOPRATTUTTO QUELLA DEI PROPRI FIGLI E FAMIGLIARI.

giordano 01.09.13 20:40| 
 |
Rispondi al commento

Saggie parole, fatti concreti, dati incontrovertibili.
O ci pensiamo prima di fare i danni oppure saranno i nostri figli a... sputarci in un occhio da grandi.

Aivoglia dopo a dire che berlusconi tutto sommato poteva pure essere innocente, napolitano un galantuomo e letta uno pieno di buone intenzioni...

Lello Marino (marins) Commentatore certificato 01.09.13 20:08| 
 |
Rispondi al commento


Michela Fabbrini
23 ore fa

Hanno ragione il ministro dell'agricoltura e il presidente del consorzio del prosciutto di Parma ad accusare Grillo di danneggiare i produttori della Food Valley. E' risaputo infatti che accendere un inceneritore, che brucia tonnellate di rifiuti indifferenziati, ha sempre valorizzato le zone di produzione agricola di qualità. Rendendo i cibi alla diossina più sani e gustosi. Lo dicono gli esperti della Iren, loro sono tutti piddini e se lo dicono loro, che in Toscana gestiscono discariche ed inceneritori da vent'anni, vuol dire che è vero. E allora W la Diossina e W il Piddì e abbasso quell'incosciente di Grillo che si preoccupa della salute dei cittadini e dell'aria che respireranno.
Buona serata "cancrovalorizzata" a tutti!

michela fabbrini, san giovanni valdarno Commentatore certificato 01.09.13 19:23| 
 
  • Currently 4.6/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Credo che per una legge sanitaria sia vietata la vendita di generi alimentari al aperto dove i fumo delle macchine si posano su fritte e verdure
Invece un inceneritore che è ben più del traffico cittadino , un inceneritore e continuo il traffico e alternato almeno la notte non c'è e alcuni giorni scema un inceneritore e sempre acceso i suoi cammini emettono sempre senza sosta e quel che esce lo assicurano loro che è balsamico emolliente ricostituente salvo poi scoprire che così non è

Riccardo Garofoli 01.09.13 17:20| 
 |
Rispondi al commento

Ho sempre apprezzato il Parmigiano Reggiano e il Prosciutto di Parma, ma adesso che so che sono prodotti avvelenati passerò al Grana Padano e al Prosciutto di San Daniele, meno buoni ma almeno non contaminati dalla diossina, come ci ha avvertito Beppe.

Invece di ringraziare Beppe Grillo per aver avvisato tutti gli italiani che a Parma vengono prodotti cibi avvelenati e pericolosi, la casta parmigiana sfrutta l'occasione per criticare il leader politico genovese.

BOICOTTIAMO TUTTI I PRODOTTI AVVELENATI DI PARMA COME DICE BEPPE!!!!!!!!

Marco Bologna 1976 Commentatore certificato 01.09.13 16:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

cari amici,io sono contento che in quest Italia,la Coldiretti abbia preso posizione contro l inceneritore,E vero direte ma perché non e stato fatto all inizio?quando si spartivano la torta?????farlo adeso puo sembrare solo strumentale,invece no andare contro gli interessi di una grande multi utility banche e varie sigle di partito non e sempre facile,brava la dirigenza che ha espresso questa decisione,ora si faccia pressione sui produttori agricoli ed i trasformatori alimentari per cercare di chiudere questo mostro.parma non si deve intossicare,non vogliamo diventare come brescia o napoli,i nostri esempi vengano da paesi free inceneritory

roberto v., parma Commentatore certificato 01.09.13 16:09| 
 |
Rispondi al commento

ReCall immediato per i transfughi accordisti...via dal M5s senza indugi!

Sergio Magugliani 01.09.13 16:07| 
 |
Rispondi al commento

cari italiani dovete sapere che vicino a questo inceneritore,vi e un grandissimo stabilimento che produce pasta italiana,il suo valore e conosciuto nell universo ,non tanto per il prodotto stesso,ma per l immaggine e la serieta dei Barilla,a me fa specie che questa ditta non sia riuscita a prendere una posizione pubblica contro questo obbrobbrio.mangiare pasta e scarichi di monnezza non so se sia salutare,ma come immaggine sicuramente no.Poiche riconosco un valore etico e morale nei figli del grande barilla,Vi chiedo di prendere posizione anche Voi e dire con un grande NO a questo inceneritore;fatelo fatelo apertamente e senza paura,capisco che oggi mettersi contro i partiti sia un problema,ma non esisteranno per tanto ancora.

roberto v., parma Commentatore certificato 01.09.13 15:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


basta che non venite a dirci che la coldiretti tutela la salute dei cittadini, a me, almeno per quel che riguarda il territorio di vimercate, sembra esattamente l'opposto: dietro la bufala del chilometro zero si vendono prodotti che arrivano anche da 1000 km di distanza, i campi sono irrorati da prodotti chimici per i quali una verdura dell'esselunga é certo meno tossica della loro, comprano e rivendono prodotti di altri e non loro, tra gli abitanti del circondario vi sono tumori e SLA, la sicurezza di chi abita intorno ai campi é del tutto disattesa in barba ad ogni normativa. Abito con la mia famiglia dentro al Parco Agricolo della Cavallera ma vi assicuro che qui subiamo un inquinamento peggiore del centro di Milano. Non mi facciano ridere questi della coldiretti, saranno credibili quando imporranno, anzichè difenderli a prescindere, qualche regola ai loro associati.

emme gieffe 01.09.13 15:48| 
 |
Rispondi al commento

quando cadde il muro di berlino,la popolazione abbattè il muro con mazze e martelli e con quella rabbia di cambiamento,cosi accadrà da noi,quest inceneritore verrà abbattuto quale simbolo della dittatura partitocratica,ma verranno da tutt europa a darci una mano.quando grillo vincerà le elezioni europee e ci libererà dal falso europeismo nascosto solo da interessi delle banche
la coldiretti sa perfettamente che in italia a breve la più grande risorsa verrà dall agricoltura,e dal made in italy,vogliamo prodotti sani e senza fitofarmaci conservanti e quanto di chimica,chi vorrà produrli pagherà un accisa per curare chi sta facendo ammalare
comunico inoltre io vivo in campagna ,una sparizione quasi totale dei passerotti che sono sempre stati stanziali,muoiono per l inquinamento dei fitofarmaci e altre schifezze che mettono nei campi.dobbiamo ribellarci a questo stato di cose.sta morendo la natura,presto moriremo anche noi dietro ad essa.grazie grillo e al m5s che ci date una ragione di vita e una speranza di vero cambiamento,non come dice il farlotto di bersani,che con le primarie si e portato a casa i 2 euro per un totale nelle tre votate di 10 mln di euro oltre il finanziamento pubblico,ecco il loro cambiamento scroccare a più non posso

roberto v., parma Commentatore certificato 01.09.13 15:45| 
 |
Rispondi al commento

sono completamente d'accordo con quanto sostiene la coldiretti ,purtroppo l'interesse dei politici va contro il bene del paese ed è x questo che le cose nel nostro paese non vanno affatto bene....con le nuove elezioni(speriamo presto)dobbiamo veramente mandarli tutti a casa, votando x il movimento eletto dai cittadini!!!

Francesco Pertici, San Miniato Commentatore certificato 01.09.13 15:19| 
 |
Rispondi al commento

CERTO CHE PER CHI ANDRA' ALLA FIERA DI PARMA E IN AUTOSTRADA VEDRA' IL "BIGLIETTO DA VISITA'" DELL'AVVELENATORE"...FURBI GLI EMILIANI/ROMAGNOLI

DOPO AVER DEVASTATO CEMENTIFICANDOLA LA COSTA, LE SUE DUNE E PINETE, ORA TOCCA ALL'ENTROTERRA.

NON DIMENTICHIAMO L'OPERA STRADALE IN COSTRUZIONE, UN OPERA INUTILE E DANNOSA, VERA CICATRICE ALLO SFREGIO, ENNESIMO AL TERRITORIO.

W M5S

marco ., milano Commentatore certificato 01.09.13 14:42| 
 |
Rispondi al commento

Ma ai nostri vecchi governanti, per primo, al nostro presidente della repubblica, con i suoi 88 anni, che cazzo glie ne frega della salute dei cittadini, eppure siamo un a nazione colta, possibile che la gente non capisca che questi ladroni che abbiamo al governo da decenni, ci stanno fottendo e dico fottendo il nostri sudori, ma quel che più conta, ci stanno fottendo la nostra salute e la nostra vita... DOBBIAMO MANDARLI TUTTI A CASA QUELLI DELLA VECCHIA CASTA ASSIEME A QUELLI DELLA RAI, MEDIASET E TUTTI I GIORNALI POLITICI, SOVVENZIONATI CON LE NOSTRE GIORNATE DI LAVORO E OPERARI MORTI SUL LAVORO.. TUTTI A CASA...

RENZO D., riva presso chieri Commentatore certificato 01.09.13 14:07| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
QUELL'INCENERITORE NON S'HA DA FARE E NON SI FARA'
ALVISE

alvise fossa 01.09.13 13:48| 
 |
Rispondi al commento

L'Italia è la terra del BELLO, BUONO E FATTO BENE! Non lasciamo che ignoranti senza idee e rispetto distruggano tutto!

Roberto Cazzaro 01.09.13 13:45| 
 |
Rispondi al commento

Queste persone meritano davvero http://www.ebay.it/itm/181201882447 basta cliccare su donazione e dargli anche 10 centesimi che non sono niente ma se le diamo tutti..lasciategli il vostro messaggio poi!vi risponderanno e ringrazieranno infinitamente!

Andrea T., Firenze Commentatore certificato 01.09.13 13:43| 
 |
Rispondi al commento

Sarebbe una vergogna se il voto degli italiani venisse annullato in questo modo didattoriale: eliminazione del 30% dei voti del pdl con una manovra ingiusta, altra eliminazione del 20% elettori dei 5 stelle con passaggio di parlamentari al pd, x formare un ulteriore governo di dittatura che la maggioranza degli italiani non vuole, come già successo con Monti. Adesso basta xó! Vogliamo democrazia e non dittatura. Tutelate il nostro voto.

Virginia Wolf 01.09.13 13:38| 
 |
Rispondi al commento

I 15 grillini pronti ad appoggiare il PD vanno identificati ed espulsi all'istante.


memomale che c'è ancora qualcuno, oltre al M5S, che riflette e si espone per tutelare la salute dei cittadini e l'insostituibile qualità di alcune nostre eccellenze alimentari.

mi auguro davvero che l'unione faccia la forza e che Coldiretti insieme a tutto il M5S riescano a farsi ascoltare da questo Governo Imposto (o impostore)che, tutto fa, meno che tutelare la salute dei cittadini né tantomeno tutela le potenzialità di questo settore economico.

Monica C. Commentatore certificato 01.09.13 12:50| 
 |
Rispondi al commento

circa 30 anni fa il prof Higa trovò, quasi per caso l'insieme ottimale di microorganismi in grado di risolvere moltissimi problemi ambientali, dall'ageicoltura all'allevamento ai rifiuti. la sua distribuzione avenne lentamente, eppure potrebbero contribuire non poco al problema ambientale, arrivandoa eliminare gli inceneritori. Grillo indormati, io sono uno e nullo ma tu adesso hai la possibilità. la sigla em la trovi via internet, Higa anche

fernando 01.09.13 12:49| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori