Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Lavorare meno per guadagnare di più, di Serge Latouche

  • 863

New Twitter Gallery

Guarda il video
(10:00)
latouche.jpg

I dati diffusi oggi sulla disoccupazione in Italia sono devastanti. Il tasso di disoccupazione italiano a settembre era al 12,5%, in aumento dell'1,6% rispetto all'anno scorso. La disoccupazione giovanile è salita al 40,4%. Le persone son sempre più scoraggiate. Il governo, i partiti, i sindacati non offrono nessuna risposta e sono incapaci di agire. La verità è che un modello economico e di sviluppo è al declino e il lavoro va completamente ripensato. L'economista Serge Latouche spiega come si è giunti all'apice della crisi, svela il falso mito della produttività e indica il suo percorso per una nuova economia a servizio delle persone e dei popoli.

"E' un paradosso affermare che siamo in crisi. Nel 1972 c'era una crisi ecologica, prima ancora nel maggio 1968 c'era stata una crisi culturale e i giovani sono ancora oggi in questo tipo di crisi. Venne il tempo della Thatcher e di Ronald Regan, una controrivoluzione neoliberista che ci ha portato a questa situazione. Siamo in una crisi sociale e, con il fallimento della Lehman Brothers, dal 15 settembre 2008 ci troviamo in una crisi economica. Tutte queste crisi si mescolano e generano una crisi di civiltà, la crisi della civiltà occidentale. Siamo solo all'inizio, la situazione peggiorerà nei prossimi mesi e anni.
Aveva ragione il vecchio Marx, non Karl, ma Groucho Marx, che diceva: "un bambino di 5 anni lo capirebbe già!". Sicuramente i nostri governi avrebbero bisogno di un bambino di 5 anni, perché capirebbe immediatamente che una crescita infinita è incompatibile con un pianeta finito. Un bambino lo capisce, ma noi no. In Francia, nel 2007, il nostro Presidente si è fatto eleggere con questo mantra: "lavorare di più per guadagnare di più". Questo slogan è di una stupidità totale! È totalmente contrario alla logica elementare e economica. Per tutti gli economisti la legge sacrosanta è la legge del mercato, dell'offerta e domanda, e allora se si lavora di più si fa aumentare l'offerta del lavoro e, siccome la domanda non è abbastanza forte, questo fa crollare il prezzo del lavoro, che si chiama stipendio. Non si dice di guadagnare di più, ma si dice che si deve lavorare di più! E l'Unione Europea chiede alla Francia di spostare l'età della pensione e il risultato è che lo stipendio è sempre più basso. Al contrario si potrebbe dire "lavorare di meno per guadagnare di più", ed effettivamente molti periodi nella storia sono stati così. Nel XIV secolo, dopo la peste nera, il numero di operai è crollato e gli stipendi sono aumentati notevolmente. Oggi ci sono milioni e milioni di disoccupati. Viviamo in un mondo (che qualcuno chiamava "l'Assurdistan") dove milioni di lavoratori lavorano sempre di più, troppo, impazziscono, si stressano, si suicidano, e altri milioni di persone invece non lavorano affatto. Lavorare meno è una delle misure per risolvere la disoccupazione, ma non è l'unica. Altre sono la rilocalizzazione e la riconversione ecologica, ma allora immediatamente l'economista dirà "ma come produrre"? Oggi la parola sacra nella Unione Europea, è "produttività" perché la nostra produttività è troppo bassa di fronte alla concorrenza cinese. "Dobbiamo congelare la concorrenza cinese" direbbe il bambino di 5 anni, purtroppo non abbiamo al governo un bambino di 5 anni. Userò una parola che fa scandalo sempre in Italia, ma che dobbiamo usare perché siamo in crisi, la parola è: "protezionismo". Dobbiamo essere protezionisti in modo intelligente: un protezionismo sociale per permettere a tutti di lavorare, un protezionismo ecologico, per salvare il pianeta, un protezionismo anche fiscale. Mettere la concorrenza, il libero scambio, è una forma di protezionismo, ma è il protezionismo più feroce dei predatori. Dobbiamo proteggere i deboli, il popolo! Non i predatori, non gli speculatori, non i finanzieri, non le banche, ma il popolo! E poveri imprenditori! Soprattutto in Italia, dove ogni settimana alcuni si uccidono perché sono strangolati e se fanno un lavoro eticamente corretto sono ancora più strangolati!
La crisi può essere il momento di opportunità per portare avanti un progetto alternativo. La sinistra, come è istituzionalizzata non ha più nessuna speranza. Sono sempre stato un uomo di sinistra, ma penso che soltanto un movimento dal basso può reinventare la politica, che non ci si può salvare con questi partiti corrotti e che non si sa se la politica di domani dovrà passare attraverso dei partiti.
La cosa importante è avere un orizzonte di senso e l'orizzonte di senso deve essere uscire dall'economia e introdurre lo spirito del dono." Serge Latouche

Ringraziamo per la collaborazione Jaca Book, casa editrice di Incontri di un «obiettore di coscienza» di Serge Latouche

Tutte le informazioni su OLTRE V3day. Clicca il banner:
Vday3_oltre

Iscriviti all'evento Facebook e invita i tuoi amici!
Invia i tuoi video su youtube con il tag #OLTREv3day sul tema "Andiamo Oltre!". I migliori saranno pubblicati sul blog.
Partecipa su Twitter con #oltrev3day

Potrebbero interessarti questi post:

Passaparola - Il lavoro rende poveri
Eliminare l'IRAP, salvare le PMI
Il piccolo e medio imprenditore uomo dell'anno

31 Ott 2013, 15:40 | Scrivi | Commenti (863) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 863


Tags: crisi, disoccupazione, Francia, imprenditori, Italia, lavoro, PMI, Serge Latouche, sviluppo, UE

Commenti

 

ottimo articolo

thomas ellen, milano Commentatore certificato 27.11.15 16:10| 
 |
Rispondi al commento

Meno male che qualcuno ogni tanto fa anche delle riflessioni intelligenti sulla ricchezza e i soldi! Non solo lamentele sulla crisi economica...

Fabio R., Roma Commentatore certificato 07.09.15 14:02| 
 |
Rispondi al commento

Bonjour
J’octroie des prêts aux particuliers et petites entreprises étant
dans le besoin en leurs offrants de crédit de 2.000€ à 3.800.000€.Le taux d'intérêt est très agréable de 3% a partir d' un an quelque soit la somme demandée, la durée de remboursement est de 2ans à 20 ans bien sur selon la somme prêtée.si vous êtes interdit bancaire ou dans le besoin d'un prêt ou d'une aide financière pour mettre vos ou votre projet(s) en exécution n'hésiter pas .
Mail:marieelisabethmargareteitti20@gmail.com

marie 11.11.14 09:13| 
 |
Rispondi al commento

Sono completamente d’accordo con quanto dice Latouche. La crescita, che ha causato immensi guai, sta per finire. La locuzione “sviluppo sostenibile” è la più colossale truffa inventata per imbrogliare la gente. Se un modello di società è “sostenibile”, deve essere stazionario, perché così vive l’Ecosistema, cioè l’Organismo di cui facciamo parte. www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=47111). Tutte queste crisi sono aspetti di una crisi unica: la fine di questa civiltà, forse la fine dell’Occidente. Invece cosa dicono i politicanti? “State tranquilli, ci sarà la “ripresa”, tutto tornerà come prima. Cioè continuerà il processo che distrugge 100.000 Kmq di foreste all’anno, fa aumentare la CO2 di 3 ppm all’anno, “divora” immense estensioni di territorio, fa aumentare in numero di 90 milioni all’anno un Primate di 80 Kg che pretende anche di mangiare carne, fa sparire trenta specie al giorno… La crescita economica è una terribile patologia della Terra. Sostituisce materia inerte a sostanza vivente, si porta via la biovarietà, unica garanzia di Vita del Pianeta. L’origine lontana di tutto questo è la visione ideologica che fa l’uomo “metafisicamente” diverso dagli altri esseri senzienti: un curioso delirio di grandezza.

Guido Dalla Casa 20.02.14 19:02| 
 |
Rispondi al commento

UN APPELLO A PAPA FRANCESCO, ATTRAVERSO IL PROGETTO SOCIALE ARCOBALENO - TERAPIA DELL’AMORE E DEL SORRISO -

E’ dedicato: ad Emanuela Orlandi, ad Antonio de Curtis, “Totò“, al costruttore venezuelano
di origine italiana, Filippo Gagliardi “lo zio d’America”, all'artista poliedrico e fraterno amico Salvatore Avveduto, all'attore Arnaldo Ninchi, al pittore del Vaticano, Irio Ottavio Fantini, alle giovanissime Camilla Barba ed Elisabetta Pocaterra, a Luciana Iorio, a Diana de Curtis, al Dott. Giancarlo Lombardi e al Dott. Annibale Martino, Vice Questore di Trieste, che nel corso della loro vita con le opere e con i loro scritti, hanno permeato nel cuore degli uomini, un arcobaleno con colori indelebili, alimentando la speranza,che un giorno si potrà vivere in un mondo migliore. Per queste gemme preziose dell’arcobaleno, il vincolo di sangue dimostra soltanto la fraternità apparente, quella reale si manifesta con l’affetto sincero e disinteressato, scevro dagli egoismi familiari, soprattutto avendo manifestato nel
corso della propria vita un intenso ed infinito amore per il prossimo, ciò che rappresenta la vera pietra miliare e la linfa vitale che pregnano i nostri cuori e li lasciano pulsare all'unisono, mentre illuminano la nostra vita terrena. In un’ottica di riflessione cristiana ed ispirandoci; alle parole di Papa Francesco, rivolte in un occasionale incontro a Pietro Orlandi, il quale sollecitava la verità sulla scomparsa di Emanuela, il Santo Padre esternava:“…che Emanuela era in cielo”. Tuttavia, ha però aggiunto,“… non bisogna perdere la speranza”. Stimolati dai valori cristiani di giustizia e di verità,e soprattutto desiderosi di trasparenza,auspichiamo in un fraterno incontro tra il Santo Pontefice ed i familiari di Emanuela.

Alberto De Marco 09.11.13 15:46| 
 |
Rispondi al commento

lavorare di meno!!! ma come si fà, è un anno che non lavoro non riesco a trovare niente nel vero senso della parola. ho 36 anni ho famiglia 2 bambini, per fortuna con sacrificio ho acquistato casa, al comune non gli interessa che sono disoccupato mi è arrivata di tares 300 euro che per fortuna o trovato chi mi a prestato,non sono un benestante appartamento popolare,messo peggio di stare sotto ad un ponte. comunque a proposito di lavoro, ovunque sono andato a fare i colloqui di lavoro sapete cosa mi anno chiesto cosa sai fare, spiegato il mio stato lavorativo si perfetto mi servirebbe uno come te bene. ORA PASSIAMO AL SERIO QUANTI ANNI AI ? IO 36,.... SIAMO FUORI, DA QUANTO TEMPO SEI DISOCCUPATO UN ANNO,..NON HAI I REQUISITI PER LAVORARE,... COME MI SPIEGATE NON HAI NESSUNA AGEVOLAZIONE FISCALE, MI DISPIACE MA SI PAGANO TROPPE TASSE DI CONTRIBUTI,NON RIUSCIAMO AD ASSUMERTI.
TUTTI LA STESSA COSA E SONO PARECCHI, IO MI CHIEDO UN COME ME DEVE MORIRE DALLA FAME è UNA DOMANDA CHE MI SONO POSTO, ANCHE DAL FATTO CHE SE ANCHE RIUSCISSI A TROVARE DEL LAVORO IN NERO COSA CHE è ANCHE DIFFICILE,LA GARANZIA CHE POSSO DARE ALLA MIA FAMIGLIA E UNA SOLA I VERBALI CHE PORTO A CASA CON LA SICUREZZA DI DOVERLI PAGARE HO IN ALTERNATIVA MAGARI UN PIGNORAMENTO DA PARTE DELL'AGENZIA DELL'ENTRATE. COME COSA BISOGNA FARE PER VIVERE IN REGOLA ( LEGGE ) IN UNO STATO CHE SI FA SOLO LE PROPRIE LEGGI MA IO NON SO PIù CHE FARE....VERAMENTE.

piero 08.11.13 15:36| 
 |
Rispondi al commento

Prova...scusate
Grande Beppe Grillo e il M5S !!!

Claudio P., Roma Commentatore certificato 06.11.13 15:37| 
 |
Rispondi al commento

Prendano atto del fallimento globale delle politiche ultraliberiste, se vogliono uscire dalla crisi dei popoli. Il filosofo che viene sottolineato in rosso ha pienamente ragione.

almagemme 06.11.13 06:36| 
 |
Rispondi al commento

LA ESISTENZA DI UNA CLASSE CHE NON POSSIEDE ALTRO CHE LA CAPACITà DI LAVORARE, E' UNA PREMESSA NECESSARIA AL CAPITALISMO.

Teresa J., Milano Commentatore certificato 05.11.13 22:29| 
 |
Rispondi al commento

Casaleggio 2
Condivido l'articolo di Serge Latouche.
L'attuale crisi è un'assurdità.
E' un controsenso.
Dopo la Seconda Guerra Mondiale,dopo più di sessanta anni di lavoro che ha creato crescita e benessere,oggi,che i negozi sono pieni di qualsiasi merce che aspetta solo di essere acquistata,parlano di crisi.
La crisi e lo star male era giustificata durante la guerra o subito dopo la guerra,ma non adesso.
Adesso,se crisi c'è,è dovuta solo alla crisi dei cervelli.
Questi fatti mostrano che questo sistema economico sociale deve essere modificato perchè non funziona più ed accanirsi con le stesse soluzioni sbagliate non può che peggiorare la situazione.
Mi sembra proprio strano che i nostri politici,grandi cervelloni,non capiscano queste cose,che capirebbe anche un bambino di cinque anni.
Forse sono sordi e ciechi?

Amedeo De Francisci, Messina Commentatore certificato 05.11.13 14:28| 
 |
Rispondi al commento

A me risulta che il lavoro in italia si è fermato ...lavorare meno di cosi...potrebbe essere un idea a livello globale ma non realizzabile.

carlo f. Commentatore certificato 05.11.13 12:44| 
 |
Rispondi al commento

Ci sono persone che fanno succedere le cose, altre che si aspettano che succeda qualcosa e troppi che non sanno mai quello che sta succedendo. Quindi per tutti noi la parola d'ordine deve essere una sola: WAKE UP !!!

Alfredo Ercole, mjlano Commentatore certificato 04.11.13 21:04| 
 |
Rispondi al commento

Ecco che arriva la ricerca scientifica a comprovare quello che già stiamo sperimentanto ogni giorno, un cambiamento climatico epocale con carestia globale incorporata.
http://arstechnica.com/science/2013/11/climate-change-is-already-affecting-food-supplies/

Michelangelo M., Nurmo - Finlandia Commentatore certificato 04.11.13 16:53| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo con Latouche, e qualche tempo fa mi è sovvenuto pressoché lo stesso pensiero: “Lavorare meno, lavorare tutti”, il primo impegno della politica, il primo passo per la dignità http://www.lundici.it/2013/02/lavorare-meno-lavorare-tutti-il-primo-impegno-della-politica-il-primo-passo-per-la-dignita/

Antonio Capolongo 04.11.13 16:50| 
 |
Rispondi al commento

Ma perché si pubblicano queste panzane sul blog?
Pubblichiamo allora anche il documentario sulle sirene, tanto a cuore a Tatiana...
Stiamo sputtanando tutto

Al Cos 04.11.13 12:50| 
 |
Rispondi al commento

Lavorando sempre di meno e con sempre più persone alla fine lavoreranno per un tozzo di pane e moriranno tutti di fame. Inoltre un Paese non è finito. Un metro si può dividere a metà e ogni metà a metà all'infinito. Un metro è una distanza infinita e coì lo è un Paese. Le cose da scoprire sono parimenti infinite come è infinito l'universo. La crescita deve tendere all'infinito e si incontrano momentanei percorsi di crisi vanno superati riducendo le nascite e non con formule palesemente infantili come lavorare meno e lavorare tutti. Tutti può significare infinitamente troppi e il sistema collasserebbe.

ferdinando gallozzi 03.11.13 12:32| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Lavorare meno per guadagnare di più?
Questa è una strategia poco conveniente per gli imprenditori e i banchieri... e indovina chi comanda!?
Questi sono discorsi utopici al momento. Mi dispiace perché all'estero se ne sta parlando, in Italia invece (come in Grecia) la gente accetta stipendi da fame per di lavorare. Chi è che dice che l'Italia non fa parte del terzo mondo? Chi è che diceva che l'Italia non poteva finire come la Grecia perché "abbiamo il made in Italy" (in mano agli stranieri) ed abbiamo un "tessuto produttivo straordinario" (che è stato smantellato per il 25% e il restante non è competitivo, delocalizza o è in mano all'imprenditoria estera)?
Su dai, siamo realisti, l'Italia non ha speranze.

Marco D. Commentatore certificato 03.11.13 10:19| 
 |
Rispondi al commento

Latouche è simpaticissimo. E basta.

Marco Diaco 02.11.13 19:40| 
 |
Rispondi al commento

Non essendo io leghista ben mi ricordo quando la lega mirò a inserire misure protezioniste. io stesso proposi tramite il pro Firmani misure che, in trentino sarebbero suonate come protezioniste. ovvio che l'idea fu accantonata. qui c'era ancora la senazione del bengodi. in realtà si trattava semplicemente di inserire, per i contratti pubblici, l'obbligo di valutazione delle esternalità. niente di eccezzionale, una semplice revisione di Pigou, utile ad apprezzare le esternalità positive e valutare l'impatto di quelle negative. Quanto lei prevede è corretto, il dubbio atroce è che la germania abbia chiesto il rientro del proprio oro dagli usa, e questi facciano orecchi da mercante. Quanto alle banche, gli usa stanno cominciando a chiedere loro il rimborso dei danni sofferti per la bolla finanziaria. Quante banche resisteranno non è dato prevedere, ma il danno lo ripianeranno con i nostri soldi. dubbio che giustifica le sue previsioni. L'ultima spè è che un partito avulso dagli schemi truffaldini abituali, forì quella coltre di impermeabilità che hanno posto i vecchi

fernando savorana 02.11.13 17:30| 
 |
Rispondi al commento

E i manager dove li mettiamo ? Mastrapasqua in primis, l'unico vero padrone dell'italia ? Quando proporrete il referendum come in svizzera ? "Il 24 novembre in Svizzera si voterà un referendum per limitare il divario tra lo stipendio più alto e quello più basso in una stessa azienda. Il referendum vorrebbe introdurre delle modifiche nella Costituzione basate sul principio dell’1:12: e cioè che nessuno possa guadagnare in un mese più di quanto in un anno guadagnano i dipendenti meno pagati nello stesso ente o stessa azienda, sia pubblica che privata. Il divario tra i salari in Svizzera è cresciuto negli ultimi anni in modo vertiginoso, spiega il testo di presentazione della campagna “1:12 per salari più equi”. Nel 1984 il rapporto tra lo stipendio minimo percepito e quello massimo era di 1:6, nel 1998 di 1:13, nel 2011 è arrivato in media a 1:43. Vengono fatti anche alcuni esempi sui casi di disuguaglianza più vistosi. Secondo la classifica annuale fatta dal sindacato Travail.Suisse, nel 2012 il maggior divario salariale in Svizzera è stato registrato alla Roche, dove l’amministratore delegato Severin Schwan con 15.791 milioni di franchi ha guadagnato 261 volte più del dipendente meno pagato del gruppo farmaceutico. Al secondo posto la Nestlé, il cui Ceo Paul Bulcke ha guadagnato 12.608 milioni, pari a 238 volte lo stipendio più basso. Al terzo posto c’è la multinazionale ABB dove la remunerazione di 10.158 milioni di franchi del Ceo Joe Hogan equivale a 225 volte quella del dipendente meno pagato" E, INOLTRE, PER IL SALARIO GARANTITO :E in ottobre un comitato svizzero ha presentato le oltre 100mila firme necessarie per indire un referendum sull’introduzione del reddito di cittadinanza: la proposta, che comunque , prevede che la Svizzera conceda 2500 franchi svizzeri al mese (pari a circa 2000 euro) a ogni cittadino maggiorenne e l’equivalente di 500 euro mensili a chi non ha ancora compiuto 18 anni". E VOI COSA FATE BACCALA' ?

Luciano Nicola Casalino 02.11.13 17:18| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Purtroppo la bella utopia di Latouche si potrà realizzare dopo la guerra mondiale (facciamo gli scongiuri ) preconizzata da Casaleggio e che nel lungo termine non è davvero da escludere, cioè con un governo mondiale in stile grande fratello. Proporre adesso queste cose al dibattito espone il Grillo pensiero alla critica di inconsistenza per gli aspetti economici di attualità. Mentre condivido l’azione di martellamento della casta e di concreta riduzione dei costi della politica, sono molto perplesso sull’ammiccamento contro l’euro, perché , anche se fosse una finzione da pancia come quella dell’impeachment, potrebbe avere conseguenze letali nelle teste meno attrezzate.
Quanto al protezionismo, da un lato mi ricorda che Tremonti stesso lo predicava, dall’altra ritengo che ora vi sia solo un sistema efficace di protezionismo fai da te: COMPRARE ITALIANO, guardare l’etichetta e selezionare gli acquisti, anche se ci si rimette un poco in qualità. In un mercato globale i governi non lo possono dire apertamente, ma nei blog sì.

Felice B., Bergamo Commentatore certificato 02.11.13 16:27| 
 |
Rispondi al commento

proviamo a metterla cosí ed ecco che cambia il mondo:
il lavoro non é un diritto individuale ma un dovere sociale:
Noi lavoriamo perché ce lo chiede la nostra comunitá e non perché ci inventiamo noi il lavoro: la comunitá é responsabile del nostro sostentamento e gli scioperi per il lavoro non ci sono piú.
Il lavoro non é piú un mezzo ( per arricchirsi , per dominare, per sconfiggere l'altro), bensí un fine ( lavoro perché me lo chiede la comunitá, niente di piú, niente di meno, perché per la mia vita ci pensa la comunitá!

guido ligazzolo, merano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 02.11.13 15:57| 
 |
Rispondi al commento

Cari amici del M5S e caro Beppe, sono un rappresentante di commercio nel settore alimentare con tre aziende al seguito e per esperienza di chi dalla mattina alla sera si trova sulla strada a piedi o con i mezzi pubblici qui a Napoli, per spostarsi da un quartiere all' altro, poiché l' auto privata è diventata un lusso di questi tempi e che utilizzo solo un po' il sabato e la domenica per recarmi al più vicino centro commerciale con la mia famiglia per guardare solo le vetrine beninteso, poiché anche questa divagazione resta un lusso, voglio chiarire che è diventato un miraggio arrivare ad uno stipendio normale di un impiegato, per uno come me che oggi esegue questo tipo di lavoro e la fortuna ha voluto che mia moglie fosse un' impiegata statale, altrimenti saremmo andati a dormire io ed i miei congiunti sotto i ponti. Quello che voglio dire è semplicissimo e cioè che rispetto a venti anni fa, quando i rappresentanti guadagnavano migliaia di euro/mese, poiché ad un offerta di lavoro, corrispondeva una domanda strepitosa di prodotti, oggi si guadagnano poche centinaia di euro/mese essendosi rovesciata la situazione, trovandoti davanti a commercianti che non hanno neanche la forza di commissionarti un centinaio di euro di prodotti, per mancanza di soldi o che pagano le commissioni al vettore, ma ritirando una parte degli articoli mentre il resto è destinato a tornare indietro.E allora Beppe, non ne possiamo più, dobbiamo rovesciare questo regime, alle prossime elezioni e mandare a quel paese, questa banda di delinquenti che dovrebbe essere messa in galera, per quello che sta facendo. Vi auguro tutto il mio appoggio, poiché dovunque mi trovo porto in alto il nome M5S e sono a vostra disposizione per qualsiasi iniziativa da quella locale a manifestazioni di respiro nazionale su tante questioni che i nostri bravi parlamentari, tutti i giorni sollevano al Senato ed alla Camera, facendosi onore per il lavoro svolto, per questo paese.Ciao Carlo Alaia Napoli cell 3664587483.

Carlo Alaia 02.11.13 15:07| 
 |
Rispondi al commento

Meglio sarebbe lavorare poco e guadagnare tanto. Ma si può!!!!??

pazzi gilberto, genova Commentatore certificato 02.11.13 14:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dovesse succedere un giorno che si arrivi ad uscire dall’euro, mi auguro che Beppe consigli almeno ai suoi elettori dotati di patrimonio in euro ( diciamo da 20000 euro in su ) di attivarsi per trasferirli per tempo legalmente all’estero ( tramite modulo RW del 740 ) per evitare una probabile svalutazione del 30% il giorno dopo , cioè Nuove lire equivalenti pari a 14000 euro.
A Beppe non c’è bisogno di dire cosa deve fare con i suoi .

Felice B., Bergamo Commentatore certificato 02.11.13 11:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I francesi dicono:"dentro ogni tedesco c'è un piccolo Hitler che dorme". Io mi chiedo? Ma fa che "dentro ogni italiano c'è un piccolo Berlusconi che dorme". Le continue "scampate" del Silvio han fatto si che ogni italiota accarezzasse l'idea di veder realizzato il sogno dell'italiano medio.
Quale ometto di media cultura e con due soldi in tasca non desidera avere rapporti con bambine senza essere chiamato pervertito?
Quale donnetta di media posizione sociale non desidera vedere la propria figlia in tv o al braccio di qualche pezzo grosso senza che gliela chiamino puttana?
Quale imprenditore arricchito non spera di evadere quanto più può senza finire in galera per frode.
Berlusconi ha legittimato l'immoralita', e non capisco come mai in un paese, che altro non è che il Vaticano con l'Italia intorno, dove è immorale divorziare, abortire, tradire; vietato, addirittura civilmente, sposarsi fra omosessuali, Silvio prende milioni di voti. Parafrasando il grande Faber: ecco come gli italioti dimostrano "... la differenza fra idea e azione". Il nostro Nano è riuscito a svegliare gran parte dei micronani che dormono in noi e dubito molto che la gente non capisca cio che capisce un bambino di 5 anni, bensi' sono più propensa a credere che non ci sia alcun interesse a capire visto che siamo a solo un passo dal dividere la torta e veder finalmente la realizzazione del paese dei balocchi. E si che Collodi ha cercato di avvertirci! Ora se non ascoltiamo il Grillo che è in noi dubito in un lieto fine.

g 02.11.13 08:32| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Parole condivisibili.

Brevio fosco 02.11.13 08:11| 
 |
Rispondi al commento

Sono favorevole al post, è necessario lavorare meno, il sistema industriale e dei servizi va riorganizzato secondo criteri sostenibili per affrontare un futuro che ci riavvicini a madre-terra. Una grande sfida per il movimento 5*, gli unici che hanno una rotta chiara fra tanto oscurantismo contornato spesso da pessimismo!In fondo lo sappiamo tutti che siamo in un mare di guai, meglio pensare nuove strade, l'era del consumismo sta naturalmente esaurendo la sua spinta ed è necessario comprendere bene questo altrimenti pagheremo per anni gli errori programmatici promossi oggi.

paolo cordoni, arezzo Commentatore certificato 01.11.13 22:05| 
 |
Rispondi al commento

farei vivere gli amministratori Italiani e gli imprenditori irresponsabili a 10 metri da questo

http://www.youtube.com/watch?v=3_U8zh-7TpI

antonello c., pescara Commentatore certificato 01.11.13 21:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

censurato:
----------
censuradura 5 ore fa

censurato:
----------
Lucio P. 3 ore fa
POST CENSURATO DUE VOLTE (21:30 e 22:42)

“Noi parliamo alla pancia della gente. SIAMO POPULISTI VERI. Non dobbiamo mica vergognarci. Quelli che ci giudicano hanno bisogno di situazioni chiare. Ad esempio prendete L’IMPEACHMENT DI NAPOLITANO. Molti di voi forse non sono d’accordo, lo capisco. Ma È UNA FINZIONE POLITICA. E BASTA. NON POSSIAMO DIRE CHE HA TRADITO LA COSTITUZIONE. Però diamo una direttiva precisa contro una persona che non rappresenta più la totalità degli italiani. NOI SIAMO LA PANCIA DELLA GENTE.

www.ilfattoquotidiano.it/2013/10/30/grillo-confessione-a-porte-chiuse-napolitano-sotto-accusa-e-finzione-politica/760888/

Se questa frase di Beppe non è vera allora serve una smentita ufficiale, visto che la fonte da cui proviene è molto attendibile.

Se invece questa frase è vera allora Beppe deve dare delle spiegazioni a tutti gli iscritti e militanti: io non sono nella pancia di nessuno, il termine populista non vuol dire nulla e non mi va di essere trattato come un minorato a cui si da d’intendere che si voglia fare una cosa seria, doverosa e giusta come l’impeachment, mentre in realtà sarebbe solo una finzione per tenere buone le persone.

Sono 50 anni che veniamo trattati in questo modo da DC, PCI, PSI prima Forza Italia e PD poi: non ho scelto il M5S per essere di nuovo ingannato, usato e manipolato.

E’ questa la “trasparenza del M5S”? Un verità per i pochi eletti e menzogne per il “volgo”?
………………………………………
Viviana Vi 2 ore fa
IFQ ha estrapolato delle parole e le ha modificate
è una pratica ormai consueta su tutti i giornali
Grillo non ha mai usato queste parole
è stato detto e ridetto da molti che erano presenti se poi ti ci vuoi attaccare per fare delle fuffa, accomodati ma c'è ben di peggio in giro di cui occuparsi+ questi sono post del tutto sterili
Grillo ha detto "Questo (vedi discussione)

censura dura 01.11.13 21:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In questo paese non sarà mai applicabile il principio "lavorare meno per guadagnare di più".

La vita lavorativa delle persone "normali", di regola, ha senso solo per raggiungere delle rendite di posizione. Nel pubblico come nel privato.

L'unico principio è: non fare nulla a meno che non si faccia per sbarcare in lunario.
Con buona pace del merito e della produttività.
E se devo dare il deretano chissenefrega.

Basti osservare come per ogni carica a direttore generale, consigliere di amministrazione, carica politica o posizione apicale in aziende municipalizzate, quante decine di migliaia di persone "aspirino" con ogni mezzo, potere e "capacità", vendendosi, se necessario, anche la madre.
Infischiandosene altamente di ciò che dovrebbero o potrebbero fare in qualità di poveri peones che altrimenti vivrebbero condannati all'oblio.

Per una che ci riesce mille restano al palo.
Il danno vero non è lo stipendio che percepiscono, ma il lavoro non svolto da quanti auspicano a quella posizione. E sono tanti. Mille ogni uno.

In questo paese il "lavoro" non è qualcosa sulla cui base si possa costruire una società, non è un principio fondante di una carta costituzionale.

E' solo un effetto collaterale.

I sindacati gestiscono questo effetto collaterale, come fossero stewart di una compagnia aerea allo sfascio che non riesce a far partire coloro che non possono permettersi la business class. Ti danno il craker ed il succo di frutta stantio, al limite.
Al massimo le arachidi, ma solo se rompi i coglioni.

Il rapporto stipendiale dei dipendenti e dei manager che in giappone è uno a tre e nei paesi anglosassoni arriva al massimo ad uno e cinque, o sei, da noi giunge fino a uno e cinquanta.
E passa per intelligente colui che propone di portarlo uno a dieci, tipo Vendola.

La domanda non è dove andremo, ma "chi" ci andrà.
Chi saranno gli "italiani" del futuro?
Sarai TU uno di questi? Oppure sarà uno che dovrà ancora sbarcare?

fabio martello Commentatore certificato 01.11.13 20:04| 
 |
Rispondi al commento

Io sogno un paese in cui l'art 1 della costituzione e' garantito dai parlamentari e dai sindacati nel senso che si garantisce a tutti il lavoro. chi non l'ha o lo perde viene preso in carico dallo stato che fa corsi professionali di introduzione al lavoro e fa lavorare queste persone senza lavoro e che hanno perso il lavoro nelle pubbliche amministrazioni. Perche' lo stato non deve far perdere la dignita' ai propri cittadini e deve aiutare chi e' rimasto indietro, perche' questa comunita' non puo' chiamarsi stato se nega un reddito minimo di cittadinanza a chi oggi e' nella disperazione piu' completa. Lo stato deve garantire questi redditi minimi e non farsi garante, anche attraverso le sentenze della corte costituzionale, delle pensioni d'oro e dei redditi massimi: con mastropasqua presidente inps che prende 1,2 milioni di euro l'anno e ha 25 incarichi. Con befera che prende 700,000 euro l'anno attraverso il lavoro sporco dell'agenzia dell'entrate che mette in vendita le case dei cittadini che non hanno lavoro ma hanno debiti di qualche centinaio o migliaio di euro con lo stato. A quando queste riforme? quando si svegliera' la maggioranza dei cittadini? quando i non garantiti dal sistema supereranno i garantiti da queste mafie e da questi politicanti?

Alessio Santi, Vernio(PO) Commentatore certificato 01.11.13 18:45| 
 |
Rispondi al commento

prima in una famiglia lavorava il capofamiglia e la mamma accudiva alla famiglia, ai figli e avanzano soldi, c'era speranza nel futuro... oggi si lavora in due e se si hanno figli e' una spesa immane da sostenere, coi figli oggi la famiglia fa la fame... e poi lo chiamano progresso

Alessio Santi, Vernio(PO) Commentatore certificato 01.11.13 18:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Perche' i sindacati non fanno proposte che garantiscano la piena occupazione? perche' le persone per andare a lavorare devono essere raccomandate da politici di dx o politici di sx? perche' se l'italia e' una repubblica che e' fondata sul lavoro, loro hanno creato il lavoratore di serie a ipergarantito e i lavoratori di serie b c d ...z che non hanno diritti? che sono precari a vita? ricattati, usati, umiliati? chi sono questi sindacati? sono in mano ai politici e alla politica? con la camusso che siede allo stesso tavolo dei boss del pd e con quelli della cisl che ammiccano ai democristiani di dx e di sx dentro questo governo dei rinvii e delle non decisioni? perche' l'italia e' divisa in corporazioni chiuse, con l'ordine dei giornalisti, i bancari, i chimici, i ferrovieri, quelli della sanita', quelli della pubblica amministrazione dentro i ministeri, ognuno a compartimenti stagno, ognuno guidato da un gruppo di sindacalisti che pensa solo all'orticello di casa' a far assumere il figlio, il nipote, l'amico, il compagno? a far far carriera a quelli piu' fedeli e mettere in un angolo quelli che meritano di piu' ma che, siccome non appartengono a nessun cerchio magico, vengono cestinati e rottamati....

Alessio Santi, Vernio(PO) Commentatore certificato 01.11.13 18:36| 
 |
Rispondi al commento

a i sindacati che tutelano il la
voro e i lavoratori che ci stanno a fare in italia? perche' non scioperano compatti contro questo governo che si e' venduto anima e corpo alle lobbies estere per svendere l'italia definitivamente? Perche' non dicono nulla sulla svendita di enel eni e finmeccanica? perche' ieri erano compatti contro B. e oggi sono a favore di questo governo democristiano dei rinvvi e delle larghe intese?

Alessio Santi, Vernio(PO) Commentatore certificato 01.11.13 18:29| 
 |
Rispondi al commento

renzi vorrebbe aumentare di 100 euro al mese la busta paga netta dei lavoratori, che sono 15 milioni di dipendenti.
Ci costerebbe 20 miliardi di euro l'anno circa, quasi come il reddito di cittadinanza di 700 euro dato a chi non ha occupazione... fra le due io preferisco il reddito di cittadinanza portato a 800 euro ed esteso a tutti i disoccupati e inoccupati, a 6 milioni di persone, perche' le persone hanno una dignita' e un'autonomia che deve essere garantita dalla costituzione e se la costituzione non tutela il lavoro, deve tutelare il reddito che viene da questo lavoro. Un reddito di cittadinanza fatto sulla falsariga del reddito minimo garantito in europa, con lo stato che interviene sui piu' deboli, sugli esclusi e gli fa fare corsi di introduzione al lavoro, e intanto gli fa lavorare per la pubblica amministrazione e non come ora questi cassintegrati che fanno i lavori a nero o vanno al bar.....

Alessio Santi, Vernio(PO) Commentatore certificato 01.11.13 18:25| 
 |
Rispondi al commento

Infatti, anche analizzando i dati del passato, matematicamente la produttivita' cresce sempre piu' rapidamente della produzione, quindi si producono piu' prodotti con meno lavoratori ma si vende uguale o meno... il sistema cosi' com'e' e' destinato necessariamente a divergere. In molti Stati del nord europa c'e' liberta' di passare al part time (meta' orario di lavoro) come e quando si vuole (da parte del lavoratore), in modo di avere piu' tempo per la propria famiglia (quando serve) e dare modo a piu' persone di lavorare. E comunque non e' la soluzione definitiva, bisogna cambiare modello, spostarsi dalla produzione di beni materiali (che tanto non potra' mai essere infinita) a quella dei servizi e dell'assistenza alle persone e della difesa ambientale e produzione energetica rinnovabile ed agricola locale. Va riprogettato il modello da capo. Non e' impossibile, ma molti devono ancora capirlo e per farlo aspettano di rimanere col culo per terra.

Saluti,
Stefano

Stefano 01.11.13 17:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

PER LAVORARE TUTTI IMMAGINIAMO CHE LA TREDICESIMA NON SIA MAI ESISTITA (CHE TANTO SI TRATTA DI SOLDI IN AGGIUNTA)... COSA? NON SIETE DACCORDO?
E ALLORA CHI HA UN LAVORO IMMAGINI DI NON AVERLO PIU' E DI NON AVERE PIU' UNO STIPENDIO O UN SALARIO.
VISTO CHE SI PUO' LAVORARE TUTTI SENZA PERCEPIRE LA TREDICESIMA?
(a parte la grossa fetta dei vitalizi regalati a chi non ha versato contributi adeguati)

luciana m. Commentatore certificato 01.11.13 16:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

censurato:
-------
duracensura 1 ora fa

censurato:
--------
aaldo 1 ora fa


Allora … ricapitoliamo.


Prima la strizzatina d’occhio a Bossi (non abolizione del reato di clandestinità ), poi quella a Brunetta ( Fazio guadagna troppo ) e adesso la telefonata tra Berlusconi e Becchi.


Dove sta andando grillo? Magari si potrebbe chiedere agli iscritti cosa ne pensano, votando con il ‘sistema operativo (?)’


---
…GIORGIO S. 20 minuti fa
senti capisciame, sei troppo perfetto per essere grillino. A me va bene così.
---
Antonio* °Cataldi (capisc'a me) 39 minuti fa
Sono stato grillino prima ancora di Beppe, in molti lo sanno, e anch'io sarei d'accordo con un post di chiarimento.
Tanto per eliminare malintesi....
---
Capisc'a meGIORGIO S. 46 minuti fa
più che sufficiente per votare pd/pdl/sc ecc.
Vai che vai bene. Sai però dove, vero?
---
Luca M. 1 ora fa
ahahaha ahahahaha wee trolloneeeeeeeeeeeeee,,anche in giornata festiva sei in servizio???ahahhahahahah
seriamente,vai affanculo!!!!!!!!!!
-----

duracensura 01.11.13 15:21| 
 |
Rispondi al commento

http://www.youtube.com/watch?v=yg5uY5IL2a4

qualcuno fa il furbo...

poi dice di me

paoloest21 01.11.13 14:16| 
 |
Rispondi al commento

nuovo post cinquegiorniacinquestelle

ciaolucio...

paoloest21 01.11.13 14:07| 
 |
Rispondi al commento

Quello che mi chiedo è dove stai andando tu

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 01.11.13 13:49| 
 |
Rispondi al commento

i “Five Eyes” dello Spionaggio, i Cinque Occhi (Gran Bretagna, Canada, Australia e Nuova Zelanda)

Datagate,Australia spia in Asia per Nsa

fonte http://tiny.cc/cudv5w

8.53 Le ambasciate australiane in almeno 8 Paesi dell'Asia sono usate segretamente,all'insaputa degli stessi diplomatici, per intercettare telefonate e dati, condividendo le informazioni con l'Nsa, l'agenzia al centro delle rivelazioni dell'ex agente Snowden, ora in Russia. Lo conferma un ex funzionario dei servizi australiani,come riporta il quotidiano Sydney Morning Herald.Il programma di raccolta dati,in base a un accordo di scambio tra Usa,Australia,Canada, N.Zelanda e Regno Unito,era stato rivelato da un documento diffuso da Snowden

e questo
fonte http://tiny.cc/nydv5w
-----------------

fonte http://tiny.cc/v3dv5w

Caso Nsa, media: Ambasciate Usa e Australia basi per spiare in Asia

-----------------

fonte http://tiny.cc/j8dv5w

La testata australiana Fairfax ha riferito che le ambasciate australiane coinvolte sono quelle di Giacarta, Bangkok, Hanoi, Pechino, Dili a Timor Est.

----------------------

fonte http://tiny.cc/8dev5w


Echelon è il risultato finale del patto UKUSA sancito nel 1947 tra USA e Gran Bretagna, a cui si aggiunsero in seguito Canada, Nuova Zelanda e Australia, per continuare la collaborazione nello spionaggio internazionale intrapresa nel corso della Seconda Guerra Mondiale. Negli anni Sessanta, nel pieno della Guerra Fredda, il sistema viene perfezionato: 120 satelliti spia in orbita nello spazio mandano i dati a 11 stazioni a terra per poi essere analizzati dai centri di elaborazione di Menwith Hill (Inghilterra), Pine Gap (Australia) e Misawa Air Base (Honshū, Giappone).

Tramite la ricerca di parole chiave e il riconoscimento vocale, vengono raccolti milioni e milioni di dati da tutto il mondo. Echelon si attiva anche pronunciando o scrivendo la parola “Echelon”, quindi in questo momento siamo tutti intercettati, sia voi che leggete che noi della redazio

john buatti 01.11.13 13:35| 
 |
Rispondi al commento

letta si dice ottimista sulla durata del governo.

anch'io sono ottimista sulla durata del governo,credo duri ancora poco.......o forse è solo una speranza


buona festa agli amici stellari

paga doppia per i troll oggi?

Path Walker Commentatore certificato 01.11.13 13:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

se dico:sono tutti uguali,sono populista?mah.nella mia lunga vita,ho conosciuto politici di tutti i partiti e,di tutti i livelli.sempre,il loro operato,era retto da tre parole:potere,poltrona,denaro.quindi ho dedotto che erano tutti uguali.aspetto di vedere un politico che dopo un paio di anni di attività(un paio non sessanta)dica:signori,io il mio dovere l'ho fatto.adesso ho necessità di occuparmi delle mie cose quindi,qualcuno si faccia avanti per prendere il mio posto.allora dirò che non sono tutti uguali e la smetterò di essere "populista".


o.t.

dal corriere

""I VERBALI DELL’INCHIESTA FONSAI
Cancellieri, le telefonate coi Ligresti
«Non è giusto, contate pure su di me» ""

ma lo sanno che possono essere intercettati...

quindi i casi sono uno, son st....

paoloest21 01.11.13 13:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

cosi' dopo la fine della seconda guerra mondiale siamo ancora li'. ci vogliono nuovamente gli alleati per liberarci dallo strapotere germanico grazie al datagate ore incominciamo ad accorgersìci che stavolta ci vogliono strangolare finanziariamente, sarebbe l'ora di non essere collusi con questo stato di cose perché dopo e' facile prendere le distanze a cose fatte fuori subito da questa vessazione farsa politica finanziaria fuori subito dall'euro dall'europa g.b che l'inse

giobatta d. Commentatore certificato 01.11.13 13:17| 
 |
Rispondi al commento

esiodo:prima era il kaos poi,arrivarono gli dei e crearono il kosmos.caro esiodo,abbiamo "assaporato"il kosmos creato dagli dei adesso,rivogliamo il kaos e,stavolta,saranno gli umani a creare il kosmos.


In una scuola Italiana , una maestra notoriamente di FORZA ITALIA , intimorisce i suoi alunni:
- TU!!! Per che partito tieni?
E il bambino impaurito:
- Per FORZA ITALIA , signora maestra!
La maestra indicando un altro bambino:
- TU! Per che partito tieni?
- Per FORZA ITALIA, signora maestra!
Poi indicando un altro bambino ancora:
- TU!!! Per che partito tieni?
- Per il FORZA , signora maestra!
La maestra indicando un bambino seminascosto in fondo alla classe:
- TU! Per che partito tieni?
- Per... per il movimento 5 stelle, signora maestra!
- Per il movimento 5 stelle ??? Com'è possibile una sciocchezza simile? Dammi una ragione valida!
- Beh... Mio papà tiene per il movimento 5 stelle , mia mamma tiene per il movimento 5 stelle , mio fratello tiene per il movimento 5 stelle ... Tengo per il movimento 5 stelle anch'io anch'io.
- E ti sembra una una motivazione valida? E se tua mamma era una mignotta, tuo papà un ladro e tuo fratello un drogato che facevi?
- Ero dI FORZA ITALIA, signora maestra...

salvatore ., palermo Commentatore certificato 01.11.13 13:06| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non riesco a entrare nella piattaforma programmatica quindi lo scrivo qui fra i commenti il m5s dovrebbe proporre per i lavoratori turnisti le 36 ore di lavoro settimanali in ferrovia l'ultimo contratto ha portato l'orario di lavoro a 38 ore moltiplicando le notti e riducendo i riposi roba da pazzi grazie

Rodolfo L., Santo Stefano di Magra Commentatore certificato 01.11.13 12:57| 
 |
Rispondi al commento

...se la stanno facendo...indovinate dove...ahahah


Letta: "Fermiamo i nemici dell'Europa"

L'allarme del Presidente del Consiglio: serve una grande battaglia europeista. Poi avverte: senza riforme il Movimento Cinque Stelle potrebbe diventare primo partito alle Europee


http://www.rainews24.rai.it/it/news.php?newsid=183496

anib roma Commentatore certificato 01.11.13 12:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buongiorno!!!!
e AUGURI ai santi e meno santi
mi chiedo, ma in questo paese dove si lavora tanto
e si guadagna poco,
solo io nei giorni festivi trascorro almeno 3 ore in cucina...senza contare il resto?????
:)))

alnair gru, roma Commentatore certificato 01.11.13 12:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il ministro mauro ha detto che il paese è come una petroliera, od una corrazzata (direi un cargo di monnezza, ma tantè)se il timone sterza prima della virata passa del tempo.
Non è come il motoscafo che appena sterzi vira all'istante.
La realtà però è che stiamo facendo l'inchino davanti a quella chiattona della merkel ed al comando c'è schettino.

fabio martello Commentatore certificato 01.11.13 12:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dodici Lucciolette ereno scese
co' le lanterne accese
a illuminà li broccoli d'un orto.
Uno Scorpione che se n'era accorto
arzò la testa e chiese: — Ch'è successo?
Séte venute qui per un'inchiesta
o avete da imbastì quarche processo?
Perché so' brutti tempi,
e doppo certi esempi nun vorrei
che quarche bestia fosse scivolata
fra le pallette de li Scarabbei...
Cercate, forse, un Baco camorista
ch'ha filato la seta a tradimento?
O quarche Lumacone ch'ha venduto
lo sputo per argento?
C'è forse una Cecala, fra de noi,
che prima canta l'inni eppoi s'imbosca
aspettanno che tornino l'eroi?
O avete messo l'occhio su la Mosca
ch'ha portato li fiji in bocca ar Ragno
a scopo de guadagno?
— No, nun avé paura:
— je rispose una Lucciola — per voi
nun c'è nessun mandato de cattura.
Unitamente a le sorelle mie
faccio la luce su le cose belle,
ma nu' la faccio su le porcherie.
Nojantre semo un po' come le stelle
che mandeno quer tanto de chiarore
giusto pe' fa' l'amore.
Infatti starno qui pe' regge er moccolo
ar Vermine che bacia la Farfalla
tra le foje d'un broccolo...

"Poesiola" - Le lucciole e lo scorpione -
di Trilussa

Daniela M. Commentatore certificato 01.11.13 12:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La realtà sociale ed economica del paese è che chiudono le agenzie immobiliari ed al loro posto nascono agenzie di pompe funebri.

fabio martello Commentatore certificato 01.11.13 12:38| 
 |
Rispondi al commento

Io non solo ha letto, ma metto in pratica le tesi di Serge Lautoche;autoproduzione,autosufficienza Pero ho la fortuna di vivere e lavorare in campagna

mariuccia rollo Commentatore certificato 01.11.13 12:31| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

scusate ma per le europee come funzia il sistema delle candidature??qualcuno m ha notizie precise??chi si può candidare e quando e dove??oppure si sceglie tra chi già è in parlamento?

Luca M., Rho Commentatore certificato 01.11.13 12:29| 
 |
Rispondi al commento

o.t.

urgente

siete pregati di non postare più nulla in modo da dare a lucio di jesi tutta la visibilità che chiede.

:))))

lucio ma ti leggi?????

paoloest21 01.11.13 12:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


o.t.

il fatto grave della ministra , penso , non est che abbia fatto qualcosa ma la sua giustificazione:"un atto umanitario"

ora, per me chi commette un reato dovrebbe scontare la sua equa pena.

però vedo che di questioni umanitarie nelle carceri italiane ce ne sono a migliaia.

la minostra si est attivata con la stessa celerità?

se si, i mie complimenti..

se no, dovrebbe andare a casa. punto

paoloest21 01.11.13 12:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

buongiorno blog!
e buon 1° novembre
Intanto che commentiamo il post mettiamo un sottofondo musicale :))

http://www.youtube.com/watch?v=8SbUC-UaAxE


Condivido in pieno le semplici e profonde osservazioni di Serge Latouche, filosofo illuminista del XXI° secolo.

M.P. 01.11.13 12:12| 
 |
Rispondi al commento

ovviamente in qualsiasi altro Paese il problema cancellieri non si sarebbe posto!!sarebbe stata inquisita e dimessa in 30 secondi!!tutto qui.ma se qualcuno vorrà ancora votare i vecchi partiti si accomodi e poii vada affanculo,senza lamentele!!!
la cosa che più mi fa incazzare e rattristare è pensare ai tanti parenti di gente che è morta in carcere o che ancora passa anni di vita in carcere,dimenticata da tutti e in condizioni ormai disumane!cosa penseranno della cancellieri??mi piacerebbe il blog facesse qualche intervista da pubblicare!!

Luca M., Rho Commentatore certificato 01.11.13 12:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ma non c'è un tasto che ti fa accedere direttamente al portale dal blog o il sito del 5s? ho dovuto fare la ricerca tramite google, forse non visto bene io...

roberto b. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 01.11.13 11:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho pensato che potremmo fare una rivoluzione e rimettere a posto tutto! pero'... educata, gentile, non violenta,rispettosa di tutte le regole, rispettando i diritti acquisiti e sopratutto rispettando il programma di governo.
Hanno aderito immediatamente: topolino, minnie, qui quo qua, pluto ed alti personaggi in vista!!

spuseta torino 01.11.13 11:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La Cancellieri nella bufera, sembra si sia adoperata per per favorire la scarcerazione di Giulia Ligresti. La Cancellieri si difende adducendo tale scelta a una situazione umanitaria!
L'IRA dei paladini della giustizia e della legalita' a 5 Stelle non s'è fatta attendere e imputano alla Ministra, una evidente collusione e omerta' fra "privilegiati", che dimenticano la PLEBE, "ignorata", che non riceve lo stesso trattamento:
PRETENDONO le dimissioni! Subito!
Correva il mese di Agosto, del giorno 23 quando Io, anonimo blogger imputava a grillo le stesse medesime cose e accusava Grillo di ESALTARE un "caso", tacciandolo di atteggiamento Borghese, tralasciando il sottobosco sociale fatto di persone comuni: Disperati, disgraziati che pur vivendo gli stessi drammi, "umani", non hanno voce, o difensori (o pochissimi)!
Non so se il post di grillo abbia influenzato la cancellieri ma m'interesserebbe sapere da che parte si schiera grillo:
Dalla cancellieri o dai politici 5 Stelle che giustamente hanno rimarcato una posizione "castista"!
La politica del tartufo?
http://www.beppegrillo.it/2013/08/giulia_ligresti_unica_colpevole.html

Game Over @reloaded 01.11.13 11:55| 
 |
Rispondi al commento

certo che se possiamo fare TRADING sul FOREX possiamo diventare ricchi tutti e sbattercene della crisi.
Che sia il mago othelma?

spuseta torino 01.11.13 11:47| 
 |
Rispondi al commento

*Lo sport non si guarda,si pratica
Alla democrazia non si assiste,si esercita
Ci sono muscoli mentali come ci sono muscoli corporei
Intelligenti si può anche nascere ma se la tua intelligenza non la eserciti si atrofizza
Ogni cosa si impara
Si impara a stare i piedi,a parlare,a confrontarci,a viaggiare.Si impara a pensare
Nessuno nasce con la democrazia incorporata
Democratici si diventa
Chi vede un popolo che da secoli è stato tenuto lontano dalla pratica della democrazia non può permettersi di dire che quel popolo non potrà mai diventare democratico
Sarebbe come dire a un ragazzo che non potrà mai crescere, o studiare o imparare un lavoro, o farsi un futuro
Io dico: proviamo! Non saremo meno intelligenti, meno capaci, meno perspicaci degli Svizzeri che la democrazia la praticano da 30 anni e che sono più disomogenei di noi e hanno dato al mondo molte meno menti eccellenti di noi
Non saremo meno in gamba dei tedeschi dell'Est che sono arrivati alla democrazia da poco, uscendo da una dittatura brutale,e che hanno subito imparato ad esercitarla,perché ciò che è bene lo si impara presto perché c'è un interesse naturale a comprenderlo
Non saremo meno democratici dell'Uruguay o di altri Paese del terzo mondo che alla democrazia sono arrivati solo adesso
Non sopporto quelli che dicono che non diventeremo mai democratici.Sarebbe come tagliare le gambe a un bambino che sta imparando a camminare. Niente come la denigrazione e la negazione possono essere nocivi a un popolo.
Noi dobbiamo essere ben decisi e convinti che con le nostre forze e le nostre teste saremo migliori di loro, del resto sarà difficile fare peggio di quello che hanno fatto.
Per ora, ogni volta che ci hanno dato qualche spiraglio per esercitare una scelta con il referendum, ci siamo comportati con una intelligenza e una serietà che fanno ben sperare e siamo assolutamente certi che tante leggi perverse che i vari governi ci hanno voluto imporre non sarebbero passate se fosse dipeso da noi.

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 01.11.13 11:44| 
 |
Rispondi al commento

GRANDE SERGE!!! NON SERVE AGGIUNGERE ALTRO!

marco bollin Commentatore certificato 01.11.13 11:44| 
 |
Rispondi al commento

Scusate l'ardire! ma il PD è di sinistra?

spuseta torino 01.11.13 11:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Incredibilmente vero ,hanno affossato il lavoro rendendoci schiavi del capitalismo delle banche . Solo una rivoluzione sociale ,culturale di massa potrà aiutarci a cambiare questo paese .

Antonino arena, roma Commentatore certificato 01.11.13 11:41| 
 |
Rispondi al commento

A tutti quelli che a gran voce chiedono di andare in TV.Nelle proposte di cambiamento vi e una cosa piccola che è sfuggita ad alcuni, "abolizione dei finanziamenti alla stampa", quando un 5 stelle si presenta davanti a un giornalista e come provare a spruzzare l'acqua santa al diavolo, un bambino di 5 anni lo capirebbe, chi lo chiede forse e un troll o non ha capito una beata minchia di come si fanno le rivoluzioni.

Maurizio Giannattasio, Vado-Monzuno Commentatore certificato 01.11.13 11:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho sentito bene?
berlusconi vuole un incontro col prof. Becchis?

spuseta torino 01.11.13 11:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buongiorno blog e caffè a 5 stelle per tutti!!

Luca M., Rho Commentatore certificato 01.11.13 11:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

li gresti-cucchi:io sono io e,voi,non siete un cazzo.vi riporto una colorita frase del"grande" massimino:c'è chi può e chi non può.io può.io aggiungo:se chi non può continua,come me,a stare dietro al pc,beh,c'è solo da sperare di non finire in galera.nessun ministro verrebbe a salvarmi.p.s.i malati di sla non erano casi umamitari?

vito asaro 01.11.13 11:23| 
 |
Rispondi al commento

Questo non è più un Paese, è un cimitero
Questi non sono più partiti, sono becchini
E noi siamo viventi, ma, nelle intenzioni di costoro, solo per poco
Ci guardano come un gregge, una mandria, un pollaio, non un popolo
Come dice intelligentemente Ricci: "Ha ragione Napolitano: tutti, chiunque vinca, dovranno fare la stessa cosa, a prescindere (quello che è stato deciso dai grandi organismi internazionali che vigilano affinché la cappa oscura del neoliberismo si estenda su tutto il mondo). E lui, il superrealista (ex migliorista, ma mai mai di sinistra) vigilerà affinché a nessuno venga lo schiribizzo di mettere in discussione gli accordi. Questo hanno detto a Cernobbio banchieri e grand commis. Il PD aderisce e pure Vendola. Ma la massa dei riottosi e dei non votanti (40 o 50%) ricorda che la sovranità appartiene al popolo e che la Repubblica è fondata sul lavoro.
(e 9 milioni di Italiani che hanno votato M5S possono ancora ricordare e gridare che la democrazia è un'altra cosa!)

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 01.11.13 11:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

...ok il lavorare meno e guadagnare di più per tutti...ok lottare per migliorare questo mondo...ok essere tutti più leali e sinceri...ok tutto quello che volete...ma coma cazzo si può immaginare tutto questo se permettiamo che esistano persone del genere...e come pesiamo di combatterle...con le manifestazioni pacifiche?!?!?!?:

http://napoli.repubblica.it/cronaca/2013/10/31/news/i_verbali_del_pentito_schiavone_tra_vent_anni_rischiano_tutti_di_morire-69969374/?ref=HREC1-3

...o forse sono io che non sono una persona mentalmente sana...ma mi sono rotto i coglioni delle chiacchiere che permettono a queste merde ( perché non trovo altro modo per descriverle) di esistere cazzo!!!!

Procopio Bertolini (nuke' em all), Roma Commentatore certificato 01.11.13 11:21| 
 |
Rispondi al commento

RODOLFO RICCI
In Italia il populismo torna con la Lega.E a finanza e Confindustria piace che si parli di competitività locale e di gabbie salariali.Che B sia un populista non ci piove.Ma il Pd finge di non vederlo e dice che combatterlo porta male.Con l’inizio della grande crisi va in agonia il berlusconismo come patto sociale che teneva insieme grande e piccola borghesia,poteri finanziari,mafie e poteri paralleli(P2),e il populismo si sposta mentre cresce l’idea che l’Italia possa privatizzarsi e ammazzare i diritti del lavoro(vd Renzi che elogia Marchionne),Ichino difende la flessibilità sfrenata,il csx la benedice
Poi arriva Grillo,pericoloso perché rischia di far saltare il patto di Napolitano con i vari Monti,Letta,Draghi,Bce e alta finanza,tutta gente che difende i privilegi del nuovo Potere finanziario contro la classe produttiva e le classi medie e ovviamente si devono uccidere i valori del lavoro,che scompare dalle scelte politiche,perché la finanza i soldi li fa senza i lavoratori.Il Pd si associa,più neoliberista dei neoliberisti.Per l’alta finanza si sacrifica tutto,democrazia compresa.I referendum sono aborriti come mai nella storia repubblicana
Giustamente Grillo dice che ha salvato l’Italia da un’Alba Dorata.La riforma elettorale non si farà,per minimizzare ogni rischio.Dal canto loro i partiti non hanno la più pallida alternativa al rigore recessivo liberista.Ne sono i becchini. Negli ultimi 30 anni la sx italiana si è intenzionalmente suicidata.Crescono intanto le menzogne concertate coi i media,la demagogia pura propinata in campagna elettorale da PDL,UDC, PD e SEL,supportate da un impressionante apparato mediatico che deve convincerci che sono uno contro l’altro,che vogliono governare il paese e sanno come farlo.
(Nella realtà stanno attuando un vero golpe di Stato,una deriva infame della democrazia a una dx squallida,mercatista,finanziaria,come una notte dove tutte le vacche sono nere.E questa è la notte del nuovo NAZISMO TURBOCAPITALISTA)

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 01.11.13 11:18| 
 |
Rispondi al commento

La "prova" che Serge Latouche ha RAGIONE l'abbiamo nel DISASTRO sociale, fatto con il DILAGARE dei Giochi, soprattutto delle slot-machines.

Il modello economico occidentale ha pensato di SFRUTTARE anche la "tendenza naturale" umana" ed INFANTILE "a giocare", pensando di poterne ricavare ANCHE un "gettito fiscale" !!
Quello che è accaduto è DISASTROSO : decine di migliaia di famiglie ROVINATE, centinaia di persone suicidate, incremento MICIDIALE dell'usura e delle VIOLENZE per "trovare soldi da giocare", nascita ESPONENZIALE delle ludopatie, per curare le quali, occorrerà "usare" quasi tutto il "ricavato fiscale", disastri "urbanistico-ambientali-sociali" per il dilagare delle "sale-giochi", ecc....
E, naturalmente, un Governo e partiti che, invece di "rendere DURA l'esistenza" alle società concessionarie, hanno lasciato che GUADAGNASSERO sempre di più, "aiutandole" a
NON PAGARE nemmeno i 98 miliardi di euro
che la Guardia di Finanza aveva loro accertato, su richiesta della Corte dei Conti !
Il Parlamento del 2008 è riuscito addirittura a "condizionare" la Corte dei Conti con "direttive parlamentari" RETROATTIVE che sono andate a "bloccare" l'accertamento di 98 miliardi !!!
Se "questa" è la "cultura economica OCCIDENTALE", dobbiamo sempre di più APPLICARE le idee di Serge Latouche che sono anche, sempre di più, "dentro" al MoVimento 5 Stelle !!!!!!

www.comitato98miliardi.altervista.org

vincenzo matteucci 01.11.13 11:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

RODOLFO RICCI
Dicono che il neoliberismo è realista e chi si oppone è populista.Se parla è velleitario, se ha qualche risultato come Grillo ecco che diventa populista.Grillo appartiene a un altro mondo: anzi è fuori dal mondo,o forse vuole creare un altro mondo. Dunque è altamente sovversivo e da impalare
Era populista Kirchner,che dopo il default argentino prodotto dai realisti decise di non pagare buona parte del debito estero,ritenendolo illegittimo.La moglie Cristina rinazionalizzò sistema pensionistico,banca centrale e imprese energetiche
In Venezuela Chavez,riconfermato 10 volte,cadde per pochi giorni per un golpe,nel tripudio di Repubblica, Corriere della Sera e L’Unità che lo tacciano di populismo.Ma proprio il popolo lo salva.E lui nazionalizza la 4a impresa mondiale del petrolio,introducendo royalties elevate per le compagnie estere.Sono gesti come questo che confermano ai reazionari(DS compresi) che è un feroce populista
Poi arriva Lula e ovviamente la sx di D’Alema gli preferisce Cardoso.Ma Lula rivince e tira fuori dalla miseria 50 milioni di poveri
Non va meglio a Morales,per giunta indio, sindacalista dei raccoglitori di coca,che diventa populista quando nazionalizza le immense risorse di gas e di altri minerali.Nella poverissima Bolivia le tentano tutte per abbatterlo ma lui resiste
Come l’ecuadoregno Correa,ma siccome questo è un noto economista,si trattengono dal chiamarlo populista,per rispolverarlo quando dà accoglienza ad Assange
Pericoloso populista è il peruviano Umala,altro indio,il quale però apre alle pretese delle multinazionali minerarie dell’occidente,quindi ora se ne parla come un leader equilibrato,come Piñera,simil-berlusconiano,grande imprenditore della tv,succeduto alla socialista Bachelet
Evidentemente,nel Cile dell’esperimento sul campo di Milton Friedmann e di Henry Kissinger,che portò al potere Pinochet e all’assassinio di Allende,il populismo stenta ad attecchire.Per questo si è lodato lestimatore di Pinochet, Piñera

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 01.11.13 11:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Monti dichiarò a Cernobbio:“L’Europa sta attraversando una fase pericolosa rappresentata da populismi che mirano alla disgregazione»
Letta,in un intervista al New York Times disse: “Il populismo rappresenta una minaccia alla stabilità dell'Unione europea,che corre il rischio di avere nelle prossime elezioni un Parlamento il più anti-europeo di sempre
E ancora:“La sfida dell'Europa deve essere quella di sconfiggere il populismo e la demagogia e far sì che dopo l'Europa dell'austerity si passi a quella della crescita”
Peccato che noi vediamo solo l’Europa della distruzione e che nulla,nemmeno nell’ultima Finanziaria,chiamata paradossalmente ‘Legge di stabilità’(quale stabilità? la loro?)ci sia un timido accenno a qualcosa che produca crescita mentre ci sono pesanti passaggi di distruzione delle nostre vite.
Parlano un linguaggio orwelliano,usano le parole in modo paradossale,vogliono creare il caso dei cervelli
Hanno preso un termine bellissimo come POPULISMO, che vuol dire ‘cura degli interessi del popolo’ e lo hanno rovesciato nel suo contrario,facendone un sinonimo di disgregazione civile.
Ma cosa hanno paura che si disgreghi?Il loro potere finanziario?La dittatura di un mercato dominato da pochi squali?Le roulette disumane degli speculatori di Borsa?
Così nel 2013 uno spettro si aggira per l’Europa:lo spettro del populismo.Cosa sia nessun lo sa,ma il termine prolifera come una cupa minaccia soprattutto in Repubblica e L’Unità
Scalfari,che è il servo zelante del Pd,dice che il populismo è demagogia,promette ai popoli ciò che è irrealizzabile. Ma non abbiamo visto in questi 20 anni proprio promesse mai realizzate presentate dal Pdl e da quel Pd che Scalfari continua a venerare,mentre l'evidenza era che il Pd le sue promesse le continua a violare?
Dunque lo dicano chiaro: che il populismo è la democrazia! E che quello che tutti costoro e questa pessima Europa teme come la morte è proprio LA DEMOCRAZIA!!

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 01.11.13 10:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

niente da fare nonostante io sia registrato ormai da anni quando scrivo non mi certifica i commenti,però posso votare...cosa devo fare?


I Bilderberg non possono pretendere di risolvere il problema sociale FUORI DALLA SFERA SOCIALE cioe' non rendendo partecipi i cittadini del mondo. L'AUTODETERMINAZIONE SOCIALE non nasce per distruggere questa borghesia finta inconsistente arrogante ed irresponsabile, i cittadini del mondo non sono ESALTATI come voi cari signori della piramide. Il poligono aureo nefasto sono secoli che cambia pelle con le proprie vittime. La saggezza non ama tutta questa luce, ed il buono della cultura umana trova riparo nelle tradizioni e nei sentimenti veri e sinceri. La rivoluzione ci sara' e passera' alla storia come una delle rivoluzioni piu' pacifiche dell'umanita'. Cari signori del Bilderberg, dovete fare solo una cosa adesso, scostarvi un pochino e lasciarci passare, siamo tanti, tantissimi, siamo miliardi, ed abbiamo miliardi di cose da insegnarvi.

Rodolfo Mazzagatti 01.11.13 10:54| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno Blog, un piccolo ma doveroso o.t. sulle lobby del gioco d'azzardo AVVERTENZA PER LE PERSONE ONESTE dal servizio delle Iene(Filippo Roma) sul "Bingo, Hotel, e politica":

Indaghiamo a fondo, chi ha contatti con queste persone(citate nel servizio) ed è una persona onesta, sarebbe meglio che le allontani questi contatti dalla proria vita, onde evitare la propria credibilità nonchè la propria fedina penale, perchè se poco poco 2 giudici si mettono in testa la vera onestà, allora ci sarà da ridere, dovanno far costruire più di un carcere per contenerli tutti, forza M5S la scatola si sta aprendo!!
Mi scuso per l'o.t. mi sembrava doveroso avvertire qualunque persona onesta di non avere contatti con queste persone.

Politocrate 01.11.13 10:53| 
 |
Rispondi al commento

ri provo..

roberto m. 01.11.13 10:46| 
 |
Rispondi al commento

Se Berlusconi finalmente decadrà dopo questa interminabile e sconcia pagliacciata e se per rivalsa farà cadere il Governo dall'alto del sup ricatto abominevole, avremo forse un altro Letta bis. Ma Monti, Letta, Letta bis o uno simile a lui saranno sempre creature nominate e scelte da Napolitano, che continuerà a calpestare ogni principio di democrazia, col supporto di una casta che ha il terrore di andare a nuove elezioni o di eliminare quel maledetto porcellum che, solo, dà loro un potere esagerato e immotivato, tant'è che malgrado le promesse elettorali in 6 anni non hanno voluto minimamente eliminarlo, perché giovava a questi farabutti, dx e sx compresa, aver trasformato una repubblica in una oligarchia dove 6 o anche solo due capipartito nominano tutte le massime cariche italiane.
Monti è il governante paradossale, tanto quanto Letta, salito al potere senza elezione e dunque senza l’intermediazione elettorale, entrambi sono ectoplasmi del grande capitalismo del sistema bancario americano, della Bce, del Fondo Monetario internazionale, della Banda mondiale. Entrambi diffidano dal popolo, demonizzano la volontà democratica chiamandola populismo, concepiscono il potere solo come accordo tra i partiti, come si fanno accordi tra bande, per mutue spartizioni e con ricatti reciproci per una comune governance oligarchica, che escluda il popolo da ogni rappresentanza o intervento.
Entrambi simili, cinici, freddi, sordi alle istanze popolari e al grido di dolore che sale dal Paese per le maggiori sofferenze delle famiglie, il fallimento delle imprese, l’aumento smisurato dei disoccupati, i giovani senza lavoro, agiscono come telecomandati, creature disumane sorde e cieche agli ordini di organismi internazionali per i quali il nostro paese è solo una pedina da muovere per massimare gli interessi capitalisti di pochi magnati nella devastazione di tutti e nella distruzione dei diritti consolidati di una democrazia.

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 01.11.13 10:44| 
 |
Rispondi al commento

--------------- POPULISTI PER CASO ---------------

Se 70 anni fa avessero fatto scegliere al "popolo": "volete l'obbligo scolastico per i vostri figli o volete che vi aiutino nei campi? il "popolo" probabilmente avrebbe "votato" per l'aiuto nei campi... ed oggi avremmo un'intera generazione semi-analfabeta.

...l'idea che il "popolo" sia in grado di autodeterminare da solo la propria "evoluzione" è pura utopia e sarà così fin quando il livello culturale medio del paese rimarrà quello attuale: ben al di sotto della mediocrità. Se dopo tutto quello che è accaduto in questi anni c'è gente che vota sempre le stesse persone, e se c'è gente che crede di essersi svegliata pur continuando ad idolatrare in maniera acritica al grido di "con te senza se e senza ma" il guru di turno, e se c'è una fetta enorme del paese (compresi i laureati) che hanno difficoltà nella comprensione di un testo (per non parlare di coloro che a stento sanno scrivere il proprio nome)... come si può pensare che questo "popolo" possa trovare da solo la strada verso il "riscatto sociale". È evidente che serve una guida "onesta" in grado di fornire una visione non della madonna ma del futuro, che sia dalla parte del popolo e non "populista", che parli alla testa delle persone e non alla pancia.

Se tu, Grillo, ritieni di essere "populista" e te ne vanti... rientri tra coloro che hanno bisogno di essere guidati... non puoi essere di certo un guida.

...e la scelta finale fu lasciata al popolo: "Chi volete che vi rilasci: Barabba o Gesù chiamato il Cristo?". ...i sommi sacerdoti e gli anziani persuasero la folla a richiedere Barabba e a far morire Gesù. Allora il governatore domandò: "Chi dei due volete che vi rilasci?". Quelli risposero: "Barabba!". Disse loro Pilato: "Che farò dunque di Gesù, chiamato il Cristo?". Tutti gli risposero: "Sia crocifisso!". Ed egli aggiunse: "Ma che male ha fatto?". Essi allora urlarono: "Sia crocifisso!" (come a dire "senza se e senza ma"...)

Chi vuol capire capisce...

Mago Merlino 01.11.13 10:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

un saluto a tutti ...volevo vedere se cè il simboletto della donazione.....


La Resistenza e la Difesa della Terra e del Territorio

Per noi, popoli del Mondo, la terra è la madre, la vita, la memoria ed il riposo di nostri antenati, la casa della nostra cultura e del nostro modo. La terra è la nostra identità. In lei, da lei e per lei siamo. Senza lei moriamo, anche se ancora vivi.
La terra per noi non è solamente il suolo che calpestiamo, seminiamo e sul quale crescono i nostri discendenti. La terra è anche l'aria che, fatta vento, scende e sale per le nostre montagne; l'acqua che come sorgenti, fiumi, lagune e piogge, si fa vita nelle nostre semine; gli alberi e le foreste che creano frutti ed ombra; gli uccelli che ballano nel vento e cantano tra i rami; gli animali che con noi crescono, vivono e si alimentano. La terra è tutto ciò che viviamo e moriamo.
La terra per noi non è una merce, nello stesso modo in cui non sono merce né gli esseri umani né i ricordi né i saluti che diamo e riceviamo dai nostri morti. La terra non ci appartiene, apparteniamo a lei. Abbiamo ricevuto l'incarico di essere suoi guardiani, di averne cura, di proteggerla, così come lei ci ha curato e protetto in questi anni di dolore e resistenza.
Noi siamo guerrieri. Non per vincere e soggiogare il diverso, che vive in un altro luogo, che ha altri modi. Siamo guerrieri per difendere la terra, nostra madre, la nostra vita. Per noi questa è la battaglia finale. Se la terra muore, noi moriamo. Non c'è domani senza la terra.

continua...

anib roma Commentatore certificato 01.11.13 10:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mettiamoci pure il cuore in pace :

"Niente è più inconcepibile del fatto che tra gli uomini possa emergere un impulso onesto e puro verso la verità." (F.W.N.)

NON CI COMPRENDERANNO MAI !

Buona domenica al Blog :)

dario del sogno, trieste Commentatore certificato 01.11.13 10:38| 
 
  • Currently 2.1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Antonio V
(Letta prosegue imperterrito il programma neoliberista di Monti comandato dal Bilderberg e dalla J. Morgan) e Monti è stato un fenomeno pazzesco, dritto cinicamente con totale faccia di bronzo per la sua strada di distruzione, coerente fino all’ultimo.. nega, trasforma e confina verità, giustizia, democrazia in una bolla populista, un male da sconfiggere.(Con loro il populismo si è trasformato da servizio al popolo e dura del popolo, nel primo nemico mondiale. In ciò si legge il loro disprezzo alla democrazia)
(Nel loro universo perverso)i cittadini non hanno minimamente alcun diritto di appello né di espressione o di disapprovazione sul governo e sul suo operato, e rappresentano per il potere un’anomalia, un disturbo, e, presentandosi costoro come rappresentanti (mai eletti) del popolo (per quanto solo nominati dall'illegittimo Napolitano) creano il paradosso che il popolo attraverso costoro dovrebbe essere nemico di se stesso.
Più che la distruzione dell’Europa auspico al più presto la distruzione del suo mandato.

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 01.11.13 10:36| 
 |
Rispondi al commento

Lavorare di meno e guadagnare moltissimo? La politica italiana

mariuccia rollo Commentatore certificato 01.11.13 10:33| 
 
  • Currently 2.6/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Giuseppe Sica
La rivoluzione culturale che è in atto in sud America ci fa capire che se il popolo non si sveglia dal suo torpore non potrà mai fare niente perché quelli che ci comandano, i finanzieri, i banchieri, la malavita organizzata, i politici corrotti non ci permetteranno mai di cambiare le carte in tavola. Ma questo non sarà vero per sempre e ce lo insegnano proprio quei popoli latino-americani che hanno sovvertito il modello del capitalismo sfrenato che li sovrastava e l’hanno trasformato in un modello a misura d’uomo. Il popolo non lo sa, ma è la maggioranza su questa terra e non si riduce a quella piccola schiera di finanzieri che hanno dalla loro parte i soldi. Solo se riusciremo a prendere consapevolezza di questo, potremo dire che la rivoluzione culturale è cominciata anche in questo paese e ci riapproprieremo del nostro futuro. “

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 01.11.13 10:32| 
 |
Rispondi al commento

Il Simplicissimus
Sappiatelo, i 3,6 milioni presi dal figlio di Cancellieri per un anno di lavoro da Ligresti sono anch'essi "un atto di solidarietà umana"

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 01.11.13 10:32| 
 |
Rispondi al commento

“Nelle discussioni sul sistema capitalistico, coloro che sostengono la necessità di distribuire la ricchezza dimenticano l’importanza di crearla.”
David Sarnoff

Ma nel sistema finanziario di oggi quelli che speculano sulla ricchezza non sanno né distribuirla né crearla.
Viviana
.
Vito Asara
“Il loro progetto è evidente: i banchieri veri padroni, Monti dittatore, Letta esecutore, e una folta schiera di farabutti per dare una parvenza di democrazia.”
.
Parsec
Violante??? D’Alema? Bersani? Fassino? Marino?
“Con tutti quei dinosauri che si ritrova il Pd…vi consiglio di diventare dei paleontologi..”

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 01.11.13 10:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Marco Travaglio, lo so che la cosa ti lascia un po' interdetto, ma io ho stima del Diapside imprenditore e non politico. Il Cavaliere ha avuto ben 20 anni di tempo per rivoluzionare il nostro paese, non e' stato capace, non solo, e' sceso a patti con uomini di cui sapeva della natura triviale e subdola, alla fine il suo destino era prevedibilissimo ed il Politico ha perso. Per il sottoscritto non ci sara' mai un accordo tra istituzioni e contribuenti fin quando le istituzioni saranno sempre economicamente privilegiate rispetto ai privati cittadini. In tutte le democrazie occidentali le istituzioni sono al servizio del cittadino in Italia succede il contrario, Napolitano e' l'esempio piu' recente ma la storia recente ne colleziona tantissimi e non sto qui ad elencarli. Il PENSIERO UNICO (agenda bilderberg) altro non e' che la creazione di moneta virtuale (ricchezza depressiva) da contrapporre a quella reale dei paesi emergenti che hanno un tasso di sviluppo ormai incontrollabile. Il talento commerciale e comunicativo del Diapside discernono dal PENSIERO UNICO e fanno si che il cavaliere venga odiato da tutti gli altri della casta in quanto PRIVI DI ALCUN TALENTO. Scrivo queste cose per chiarirti una volta per tutte la mia posizione riguardo il nostro Cavaliere che, non dimentichiamocelo, e' un uomo importante per la nostra economia e per qualche migliaio di famiglie, siamo tutti d'accordo che e' stato un pessimo politico e che ha scelto gli uomini sbagliati per creare il suo modello di borghesia "che non e' fatto di sola finanza". Caro Marco, spero che dopo tutti questi anni tu sia riuscito a trovare la risposta alla mia domanda: Secondo te come possiamo risolvere la questione meridionale in italia?

Rodolfo Mazzagatti 01.11.13 10:31| 
 |
Rispondi al commento

Sparito il Cammello inculato!Phuff...scoreggia di cammello!

oreste m******, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 01.11.13 10:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma adesso avete voi il potere,
adesso avete voi supremazia, diritto e Polizia,
gli dei, i comandamenti ed il dovere,
purtroppo, non so come, siete in tanti
e molti qui davanti ignorano
quel tarlo mai sincero
che chiamano “Pensiero”…

Guccini
.

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 01.11.13 10:31| 
 |
Rispondi al commento

Localizzazione, sviluppo sostenibile e decrescita "felice"(?) non sono la stessa cosa!
I fautori della decrescita (come scritto nel commento di ieri) non dicono come scavalcare il sistema capitalista, della globalizzazione, "pretendendo" di delegare ai singoli individui questo processo di transizione, come se la "domanda" fosse gestita dal popolino e l'offerta una naturale conseguenza, dimenticando(?) di dire che cio' avviene secondo una logica capitalista che manovra la produzione stessa, che decide il "valore" di una MERCE:
Quindi smettiamo di comprare e abbiamo risolto il problema...e se intanto tutti si adoperano per comprarsi il pezzetto di terra, la "rivoluzione" è bella e pronta e l'epitaffio sugli ultimi cent'anni di storia economica e rivoluzione industriale...è servito!
Nella visione socialista si parla di una diversa crescita e non di decrescita: Punto essenziale infatti dell’organizzazione socialista dell’economia è l’abolizione del mercato delle merci, ovvero delle merci stesse e dell’accumulazione di capitale.
Il lavoro salariale, la gestione dei mezzi di produzione che determina il profitto, lo sfruttamento dell'uomo sull'uomo:
Smantellare il sistema e non cavalcarlo con paroloni inutili che tendono di far passare un processo "reazionario" per rivoluzionario: Un'illusione riformista, quando si pretende di far passare questi comportamenti individuali come una rivoluzione, senza comprendere quanto limitata sia la nostra possibilità di "scelta"!
Il cesso è sempre in fondo a destra...l'uscita sempre a sinistra, e non dimentichiamo di acquistare i libri e il materiale "indispensabile" per migliorare la qualita' della nostra vita:
E dall'attico di Maison a Parigi o di un podere nel senese...ce la racconteranno ancora meglio...e sempre dove il concetto attecchisca meglio:
Nei paesi "mezzoggiornizzati" che vanno dalla cintola in giu' dell'Europa, dove il sistema "decrescita si coniuga col sistema "austerity" che è la stessa cosa ma piu' political correct!

Game Over @reloaded 01.11.13 10:30| 
 |
Rispondi al commento

Massimo Simonini
“Il fascismo del nostro tempo non poteva che indossare la falsa maschera della “democrazia meramente procedurale”.
.
Quando la repubblica muore
La gettano nella fossa
E l’ultima cosa che vede è il falso amico
Qualche volta lo chiamano commissario
Altre volte uomo della provvidenza
Spesso opposizione di governo
Ma è sempre e solo il suo becchino

Viviana

Leo
“La differenza tra il Movimento e i partiti tradizionali è una sola, per noi l’adesione è condividere idee, per i partiti l’adesione è restare attaccati alle poltrone.”

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 01.11.13 10:30| 
 |
Rispondi al commento

o.t.

buondì!... vabbè, est un riflesso condizionato:))

""Fisco: con la Tari aumenti fino a +680%""

""Gli effetti della nuova tariffa sui rifiuti e l'allarme di Confcommercio. La grande beffa della legge di stabilità. ""

""
ROMA (WSI)- Con il passaggio dalla Tarsu alla Tari , la nuova tariffa sui rifiuti, nel 2014 l'incremento medio dei costi per il servizio urbano dei rifiuti sara' pari al 290% e, per alcune tipologie di impresa, sara' ancora piu' salato. Questi, in sintesi, i principali risultati che emergono da un'analisi di Confcommercio sugli effetti per le imprese nel 2014 derivanti dal nuovo tributo Tari introdotto dalla Legge di Stabilita'.

Per un bar, spiega Confcommercio, l'aumento sara' di oltre il 300%, fino ad arrivare ad una maggiorazione di circa sei volte per un ristorante,(+480%) e, addirittura, di quasi otto volte per un negozio di ortofrutta (+650%) o una discoteca (+680%); incrementi molto rilevanti e ingiustificati che derivano essenzialmente dall'adozione di criteri presuntivi e potenziali e non dalla reale quantita' di rifiuti prodotta.

"Una pesante penalizzazione per il sistema delle imprese della distribuzione e dei servizi di mercato - aggiunge Confcommercio - che impone la necessità di rivedere al più presto la struttura dell'attuale sistema di prelievo sulla base del principio 'chi inquina paga' e ridefinire con maggiore puntualità coefficienti e voci di costo distinguendo, in particolare, tra utenze domestiche e non domestiche e tenendo conto anche degli aspetti riguardanti la stagionalità delle attività economiche".

Questi, in sintesi, i principali risultati che emergono da un'analisi di Confcommercio sugli effetti per le imprese nel 2014 derivanti dal nuovo tributo TARI introdotto. (ASCA)""


legge di stabilità????

ma se ne sentono di ogni...

enricoooooo quando ne trarrà le conseguenze?

non mi risponda:VEDRO'!!!!

per favore eh!!

paoloest21 01.11.13 10:30| 
 |
Rispondi al commento

Io spero che di tutta questa gentaglia,tra un po',non si parli piu', sono tutti degli ominicchi senza arte nè parte, incapaci e incompetenti.
Non credano comunque di cavarsela a buon mercato, dovremo avere una buona memoria dei danni che hanno causato, facendogliela pagare con gli interessi.
E' solo questione di tempo, peccato che nell'aspettativa qualcuno di noi cesserà di esistere.

spuseta torino 01.11.13 10:30| 
 |
Rispondi al commento

Mario Luzi

Muore ignominiosamente la repubblica.
Ignominiosamente la spiano
i suoi molti bastardi nei suoi ultimi tormenti.
Arrotano ignominiosamente il becco i corvi nella stanza accanto.
Ignominiosamente si azzuffano i suoi orfani,
si sbranano ignominiosamente tra di loro i suoi sciacalli.
Tutto accade ignominiosamente, tutto
meno la morte medesima – cerco di farmi intendere
dinanzi a non so che tribunale
di che sognata equità. E l’udienza è tolta.

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 01.11.13 10:29| 
 |
Rispondi al commento

Un'anarchica pentastellata... pro "domo" sua.

Un bloggher ha scritto che gli anarchici hanno strane idee...
ecco, forse le troverebbe un po' meno strane comparandole un attimo a quelle del M5S

^__^
http://it.wikipedia.org/wiki/Anarchia

Daniela M. Commentatore certificato 01.11.13 10:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma sentitelo il presidente del coniglio!Vergogna! non sanno più ascoltare oramai da tempo i richiami della gente, e come li chiamano? Populisti!, non sanno più riconoscere la presa di coscienza e la responsabilità delle persone. Assurdo,mi chiedo se sia populista un ministro (guardasigilli) che chiama per interessarsi dell'arresto di chi ha rubato i soldi della gente. Il tutto perché i Ligresti avevano dato da lavorare al figlio della Cancellieri come dirigente alla Fondiaria Sai (cose di casa nostra. Lo ha fatto dice per "umanità", e allora? tutti gli altri stronzi che stanno in carcere loro non meritano Umanita'? VERGOGNA, IN QUESTO PAESE SCHIFOSO CI TOCCA SENTIRE ANCHE QUESTE COSE, CHE SI CHIAMI PER UMANITÀ' CHI HA RUBATO I SOLDI DEI RISPARMIATORI FACENDO LA BELLA VITA E GIRANDO CON GLI ELICOTTERI.CHE SQUALLORE!!!!

VINCENZO PATERA, Bologna Commentatore certificato 01.11.13 10:28| 
 |
Rispondi al commento

ciao Orè

GIORGIO S., TS Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 01.11.13 10:22| 
 
  • Currently 2.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento

Buon giorno Blog!
Oggi festa di Tutti i Santi.
Beppe auguri,sei un Santo perché riesci a sopportare il Mantovano tutti i Santi Giorni nonostante a noi rompa i coglioni con le sue farneticazioni.

oreste m******, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 01.11.13 10:20| 
 
  • Currently 3.4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Si faccia una mappatura delle società di IMPORT_EXPORT per scoprire da chi sono formati i loro CDA. Sapete quante sorprese?
I cinesi sino entrati in Italia cosi massicciamente grazie a uomini della finanza collegati ai politici di spicco e a ministri dei vari governi.
Sarebbe istruttivo, no?
Pero ci vuole coraggio, non trasversalismo.

pietro denisi, reggio cal. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 01.11.13 10:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La mafia al confronto dello stato è molto piu' onesta, questi prendono il "PIZZO" da qualsiasi cosa, anche dagli ammalati di cancro terminali

spuseta torino 01.11.13 10:15| 
 |
Rispondi al commento

Scusate l'O.T.:
Si stanno preparando per le elezioni europee:
"L'Italia non è più in recessione"
"Saremo il paese in europa più virtuoso"
"Non dobbiamo dare retta a coloro che vogliono uscire dall'euro"
"La crisi è alle spalle"
"La merkel sta plaudendo alle nostre politiche economiche"
"Obama plaude al nostro impegno in medioriente"
"Gli USA dicono che siamo gli alleati più leali al mondo"
"La mafia e la sicurezza dell'Italia passa attraverso la Gendarmerie"
"Il debito pubblico sta diminuendo"
°°°°°°°° evvai a fandonie siamo i migliori al mondo,l'importante che gli Italioti ci credano...come al solito!°°°°°°°° ^.^

oreste m******, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 01.11.13 10:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Oggi abbiamo un troll che mi fa tenerezza. L'hanno messo di turno in un giorno festivo.

GIORGIO S., TS Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 01.11.13 10:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sul sito della Stampa di oggi 1/11/2013 c'è una intervista a Enrico Letta che fa venire i brividi.

Renzo Grillo 01.11.13 10:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



“SIAMO FALLITI, ARRANGIATEVI”

300 pendolari lasciati improvvisamente a piedi:
“la Cumana è fallita, prendete mezzi alternativi e arrangiatevi”.

http://www.freebacoli.net/2013/11/siamo-falliti-arrangitevi-la-cumana-lascia-piedi-300-pendolari.html

...e, il Fallimento di Tutto il Paese
quando, come e chi l'annuncerà??!!????????!!!


anib roma Commentatore certificato 01.11.13 10:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

..smettetela di rognare.
..La PERFEZIONE ASSOLUTA non è roba di questo mondo...e forse neanche dell'altro.
Se qualcuno è in cerca della PERFEZIONE assoluta...è pregato di ricercarla su un'altra galassia.
Andromeda per esempio......

Paolo B.

Eposmail ,. Commentatore certificato 01.11.13 10:04| 
 |
Rispondi al commento

Ma quanto si agita il carmelino. Cosa vuoi ottenere ciccio? Che cambiamo idea e seguiamo i tuoi? Prova a dirmi chi segui tu. Dai, che forse mi convinci.

GIORGIO S., TS Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 01.11.13 10:02| 
 |
Rispondi al commento

L'ITALIA DEVE PRENDERE AL PIÙ PRESTO LA DECISIONE DI SVALUTARE L'EURO, UNILATERALMENTE

claudio rizzo, Barcelona Commentatore certificato 01.11.13 09:57| 
 |
Rispondi al commento

belle queste disquisizioni filosofiche, formulate in salotti radical chic, aventi alle spalle consistenti patrimoni, creati grazie allo sfruttamento di imponenti masse, ma da che mondo è mondo, l'uomo come gli altri esseri viventi, e per sua disgrazia ha bisogno di nutrirsi, e sempre e comunque alle spalle di qualcun altro sia il regno vegetale sia il regno animale, e la fame non ha fine, oltre al cibo, la casa, ai vestiti, al riscaldamento, depredando popolazioni più disagiate, aquistando macchine sempre più grosse, utilizzando aerei per recarci in localita amene, sempre alle spalle di popolazioni povere, cercando si di lavorare meno, ma sempre e comunque alle spalle di altre popolazioni, ci scandaliziamo quando qualche media divulga notizie allo sfruttamento di minori, poi il giorno dopo prenotiamo un biglietto tutto compreso per la Tailandia dove ragazini e ragazine si prostituiscono con turisti, dove la popolazione è asservita al benessere del turista le più volte radical chic,
meglio sarebbe che queste energie cerebrali fossero al servizio dell'umanità soprattutto la più emarginata, e non sparare cazzate inutili e improduttive

graziano ., pisa Commentatore certificato 01.11.13 09:56| 
 |
Rispondi al commento

A QUANDO UNA CAMPAGNA MEDIATICA ANTI GERMANIA?

L'Italia che viene obbligata ad aumentare l'IVA, nuove tasse esorbitanti sulla casa (una vera e propria arma letale) senza lavoro senza, speranza con dei politici che sono delle autentiche nullità (un esempio su tutti: Letta)cosa a spetta a scendere in piazza e ribellarsi???

claudio rizzo, Barcelona Commentatore certificato 01.11.13 09:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi piacciono molto i commenti di Cammello Inculonato.

spuseta torino 01.11.13 09:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'energia in italia costa troppo.
lo dice lo stato
è come se il fruttivendolo vendesse le mele a 10€ al kg comprandole a 1 € al kg.
Costa troppo a noi, non a lui.
L'energia costa ( di vendita 0,07 € al kW )
perchè l'utente la paga € 0,35 al kW?
Ben 5 volte di piu', un ricarico del 500%
Tutti prezzi autorizzati dallo stato.

spuseta torino 01.11.13 09:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Era Web

Crescera' ancora e determinera' chi sale e chi scende. E quindi chi DOMINERA'.
Qualita'/prezzo su scala globale.
Le frontiere degli stati funzionano meno sul web.

Molti ancora non ci capiscono nulla, e purtroppo sono in posti decisionali.
Attaccati alle loro vecchie librerie come ostriche.
Come gli AMANUENSI non capirono niente di Gutemberg.
E continuarono a DISCUTERE DEL SESSO DEGLI ANGELI...

Andate a spiegare ai teenager di oggi con i loro mobiles tomi inpolverati di 1000 pagine...

Fabrizio Salvini 01.11.13 09:43| 
 |
Rispondi al commento

In attesa che i governi capiscano ( mai fino alla catastrofe ), funziona così. "Io sono un imprenditore poco efficiente , i miei costi non sono competitivi ( anche perché l’energia mi costa, il cuneo pure,le tasse, etc. ) , ma non sono innovatore, ho poca voglia di rischiare e non voglio spostarmi in Slovenia. Se arriva la nuova Lira penso che farò concorrenza ai prodotti cinesi o vietnaminiti , ma mi occorre un bel 30 % o più di svalutazione rispetto ai miei prezzi in euro, anzi, ogni tot anni devo avere una nuova svalutazione, perché gli asiatici migliorano la produttività costantemente. Vabbè, ci penseranno i miei eredi. Poi devo prima portare all’estero i miei capitali in euro, così non si svalutano. Vabbè, se i 20mila euro in banca del pensionato di svalutano, non è un problema mio. Se il debito pubblico aumenta , i tassi si alzano e gli interessi sul debito si mangiano la spesa sociale, mi tocca poco, perché io esporto e sono un benefattore perché ho fatto qualche assunzione . E se il prezzo della benzina dei miei dipendenti aumenta , cosa ci posso fare, almeno hanno un lavoro. Poi la Fiat è contenta perché può vendere le sue macchinette di bassa qualità agli italiani, visto che il ceto medio non può comprare più le Golf…..costano troppo.

Felice B., Bergamo Commentatore certificato 01.11.13 09:36| 
 |
Rispondi al commento

Siamo tutti in attesa che succeda qualcosa, chi ha il paraculo puo' aspettare indefinitamente.
Chi non è paraculato che fa? rimane in attesa della morte?

spuseta torino 01.11.13 09:28| 
 |
Rispondi al commento

*'Sta stronza della Boldrini, vera figlia del sistema 'regale' che governa l'Italia, voleva penalizzare i 12 deputati 5 stelle per essere stati sul tetto del Parlamento per qualche ora notturna in protesta contro l'intento di violentare mezza Costituzione e chiedeva loro 3.795 euro di danni allo Stato, misurati non si sa come dalla sua testa bacata. I questori avevano presentato una lunga lista di danni surreali causati dalla bravata: gli straordinari di 60 impiegati (!), il presidio del 118 (?), le attività tecniche (??), la sicurezza (!?), l'illuminazione (AhAhAh)...Poi la buffonata di Sua Regalità si è risolta in 5 giorni di sospensione.
Ma quando si tratta delle spese particolari per la Boldrini stessa, ecco che il danno allo Stato non esiste. La presunzione e l'arroganza di questa donnetta non hanno confini. La siepe ordinata per la villa del fratello della Boldrini con funzioni di oscuramento affinché nessuno possa vederla quando lo va a trovare sarà pagata dagli Italiani 4.360 euro. Peccato che dopo tre mesi lo Stato non abbia nemmeno provveduto a pagare i lavori! Li metterà in conto assieme agli altri 90 miliardi di debito che ha nei confronti delle aziende italiane.
E ringraziamo il cielo che di fratelli da andare a trovare ne ha uno solo, sennò dovevamo oscurare le ville di mezza Italia!
Io pagherei per farglielo alla Boldini un oscuramento, ma totale!!!

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 01.11.13 09:20| 
 
  • Currently 2.1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Viva L'Italia - Monologo Finale

https://www.youtube.com/watch?v=kphWftZYpL4

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 01.11.13 09:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cacia',er sogno mio...circondato da erba sintetica...de sintesi,dai...

er fruttarolo Commentatore certificato 01.11.13 09:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tenendo conto peraltro che per aver criticato la gestione dell'ENEL del governo D'Alema/Bersani sono stata prima espulsa dalla FNLE/CGIL eppoi licenziata da quegli stessi vertici introdotti con la "LORO" getione. Inoltre siccome ritengo che alle prossime elezioni lo scontro più duro sarà proprio tra il PD (di Renzi o Cuperlo fa poca differenza visto che poi sugli interessi si ricompattano tutti e troveranno un compromesso per una "serena" convivenza come usano fare da sempre) ed il movimento 5 Stelle (ricordi quando il "grande" Berlinguer dava dei FASCISTI ai radicali che, anche loro, volevano contendergli la leadership a sinistra o almeno sui diritti civili? DA SEMPRE rispetto a chi sentono competitor sul loro stesso campo lo trattano in questo modo) a me sembra che bisognerebbe chieder conto proprio a LORO (PCI/DS/PD) di quello che hanno fatto quando hanno potuto decidere direttamente stando al governo dissolvendo prima la Telecom e tentando di farlo con l'ENEL se gli elettori alle regionali non avessero dato un sonoro calcio in culo a l governo D'Alema obbligandolo a dimettersi....
Anche perché non so se è vero che tu abbia detto che se vi buttate a sinistra siete rovinati... io invece la penso all'opposto perché temo che credendo di racimolare "DI PANCIA" il voto di cenro destra e dell'ex PdL fareste l'erore fatto da molti. Primo perché c'è un "blocco" moderato che non sarà facile conquistare solo "di pancia" se non rappresentando i loro interessi in modo corposo. E se questo lo faceste voi, secondo me, abbandonando quella che Sylos Labini chiamava LA PRATERIA dei delusi del centrosinistra, dei loro non-votanticol PD soprattutto di Renzi sarà, sarà veramente una debacle.... Il campo del centro dopo Berlusconi pullulerà di pr4etendenti decisamente più credibili di te. Ed io al contrario di te non credo affatto che l'elettore sia un cretino. Ha anche "MEMORIA" e alla fine, facendosi "i cuont" distingue benissimo che ha una storia nel loro proprio campo...

Bruna Gazzelloni 01.11.13 09:02| 
 |
Rispondi al commento

" La «sicurezza» è la parola d’ordine. Garantire la protezione del presidente della Camera dei deputati Laura Boldrini è l’obiettivo primario del Dipartimento della pubblica sicurezza. Quindi? La siepe installata nella casa del fratello della terza carica dello Stato, a Mergo, nelle Marche, sarà pagata dal Viminale. Dunque, dagli italiani. Quel po’ di «erba» sintetica che circonda l’abitazione della famiglia Boldrini è un’opera necessaria per proteggere la parlamentare quando, saltuariamanente, va a trovare i parenti. Ed evitare, così, che qualcuno (la casa è in cima a una collina dove non transita quasi mai nessuno) possa violare con lo sguardo la vita privata della Boldrini. E del fratello.

Fatto sta, che il vivaio che ha svolto i lavori per circondare la casa, con chiesa annessa, del parente della Boldrini, dallo scorso agosto ancora sta aspettanto di essere pagato: dei 4.360 euro ancora neanche l’ombra. "

Er caciara..... Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 01.11.13 08:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beppe, ma perché su questa cosa non apri un contenzioso così ciome hai saputo fare per la Parmalat e la Telecom? Stamattina ho fatto questa domanda a Cuperlo:
uperlo che mii risponde rispetto alla possibilità che durante la gestione del governo di Massimo D'Alema e di Bersani dell'ENEL si sia drenato notevole valore dal gruppo elettrico con l'espediente delle società off shore/scatole cinesi e con la complicità delle più note agenzie di rating? Io ho avanzato l'ipotesi che si sia utilizzata l'ENEL a tale scopo e per "rifondere di fondi" quegli immobiliaristi (Coppola via vendite immobiliari ENEL a Zunino) ai quali sarebbero stati utili eper scalare la BNL.... raccontata questa "IPOTESI" al vostro Leonrdo Dini mi son vista rispondere che più che una ipotesi era storia.... Dunque lei che ne pensa visto che tutti i vertici PD, lo stesso vertice ENEL pur se ampiamente informati di questa accusa fatta da un ispettore centrale ENEL e sindacalista FLAEI/CISL mai nulla hanno risposto?

https://www.facebook.com/notes/bruna-gazzelloni/se-i-ladri-sono-i-loro-quante-coccole/10151901034089806

Bruna Gazzelloni 01.11.13 08:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

(Fuori tema)Ancora una volta, la dimostrazione, come se c'è ne fosse bisogno, che fanno quello che vogliono, IN TOTALE DRISPREZZO DI TUTTE LE LEGGI !!!! "Nel caso di Giulia Ligresti - scrive il Guardasigilli - avverto l'esigenza di precisare il senso e i limiti del mio intervento, non appena avuta conoscenza, per via diretta, delle condizioni psicofisiche della ragazza.
Era mio dovere trasferire questa notizia agli organi competenti dell'Amministrazione Penitenziaria per invitarli a porre in essere gli interventi tesi ad impedire eventuali gesti autolesivi»."
W. l'Italia delle banane, dei ladri, dei banditi, DEGLI INDUSTRIALI CON LE PEZZE AL CULO, dei D'alema, etc... Per la legge propongo un giorno all'anno il LUTTO NAZIONALE !
Il Sole 24 Ore - leggi su http://24o.it/GNynf.

Giuseppe L. 01.11.13 08:43| 
 |
Rispondi al commento

letta : " nel 2014 l' italia sara tra i paesi piu virtuosi ".
mancando il secondo termine di paragone si puo provare ad immaginarlo : del terzo mondo ?.
vi chiedo se ci sono gli estremi per il reato di abuso di credulita' popolare e se cosi fosse agite di conseguenza.
oggi tutti i santi e' la nostra festa
domani tutti i morti e' la loro.

massimo x 01.11.13 08:34| 
 |
Rispondi al commento

FINALMENTE un intervento che torna a parlare dei problemi veri, di chi lavora troppo per poco e di chi non può lavorare affatto. D'accordo quasi su tutta la linea, sì a barriere per proteggerci dal dumping sociale ed ecologico delle produzioni che sfruttano gli schiavi di fatto in altri paesi. Ma la decrescita deve essere nel consumo di risorse, non nella qualità della vita. Molto si può fare con investimenti in innovazione: sì a auto che consumino meno 1 lt/100 km, meglio se ad idrogeno o elettriche, come mostrava Beppe già diversi anni fa nei suoi spettacoli. E' su quello che dobbiamo insistere. Nuovi prodotti a favore dell'uomo e dell'ambiente che diano lavoro all'industria italiana. Piano energetico per avere autosufficienza elettricità da fonti rinnovabili in italia, con tecniche e prodotti made in italy e non in cina (se non ci si riesce, va bene anche il pannello solare cinese).

franco parisi 01.11.13 08:31| 
 |
Rispondi al commento

Dice Latouche: il genocidio degli ebrei, ma anche il massacro dei pellerossa del Nord America furono realizzati nella perfetta legalità. Non per questo erano giusti.
E le guerre che gli USA hanno voluto imporre al Medio Oriente saranno state anche legali in quanto votate dal Congresso e volute da un presidente eletto, ma a quale criterio di giustizia corrispondono?
E che giustizia può esserci nei 35 miliardi che i governi (di csx) italiani hanno deciso di spendere in armi, mettendoci ai primi posti nella spesa in armi del mondo, mentre si dicono 'costretti' ad aumentare le tasse e a tagliare gli ospedali, gli aiuti ai poveri, il lavoro ai giovani, i tribunali e le forze di polizia, per mancanza di soldi e per onorare il famoso Pil?
E che giustizia può esserci nel volersi accanire nella costruzione (legalissima) della Tav in Valsusa, ormai respinta sia dall’Europa che dalla Francia come opera inutile, ma che governi faziosi vogliono a tutti i costi costruire per le laute tangenti che possono prendersi sopra e per gli interessi di cooperative del cemento di sx o di società di trasporto camorriste?

Una rivoluzione culturale non parte da ciò che è legale, parte da ciò che è giusto e trova i mezzi per imporlo al Potere, così da modificare l’impianto stesso dello Stato e le sue leggi, finalizzandole finalmente non al vantaggio utilitaristico di pochi ma al bene comune di tutti.
Decrescita significa anche questo: rivoluzionare il nostro modo di pensare, uscire dall’ipnosi che ha imposto alle nostre menti delle divinità fittizie, che sono solo inganni per renderci succubi a quei pochi che hanno il Potere e che non ci pensano nemmeno a fare cambiamenti per realizzare una vera democrazia del basso, ma continueranno a perpetrare inganni e a fare leggi e faziosi cambiamenti della Costituzione solo per rafforzare il loro potere di pochi su tutti.

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 01.11.13 08:25| 
 |
Rispondi al commento

ragionamenti sani e logici guidati dalla natural coscienza,volenterosi di risolvere il problema senza impattare o uccidere il prossimo.un movimento dal basso,m5s,vuol agire in tal modo quindi occorre scardinare lo stupido,mortale ed inconcludente sistema partitico,ormai diventate top industrie del voto,e finalizzare gli sforzi a/per il popolo,dopotutto la storia la fa il popolo e non 6/700 politicanti ladri.

mario di genova, orbetello Commentatore certificato 01.11.13 08:24| 
 |
Rispondi al commento

No al contributo per gli affitti....sì alla realizzazione di alloggi popolari..bisogna rispondere "picche" al ministro Lupi...il contributo finirebbe per continuare a "drogare" il mercato delle Locazioni..mantenendo i costi delle pigioni altissimi..vedendo sfumare milioni di euro di soldi pubblici a favore dei proprietari immobiliari,senza affrontare il problema in modo strutturale.
Abbiamo edifici pubblici in dismissione..urge riconvertirli in alloggi popolari,oltre a procedere al recupero delle periferie degradate e delle aree dismesse dei centri urbani.
Come diceva Beppe attingere anche dal mercato immobiliare privato, attraverso cartolarizzazioni..come stanno facendo in SPAGNA, le Banche che hanno sul "gozzo" le case le vendono a lotti a prezzi competitivi..
Ci sono molti cantieri "bloccati" causa crisi...potrebbero essere rilevati anche quelli!
non solo canone sociale, ma anche la vendita a "riscatto"...!
Questa classe politica è "inetta"...e incapace..vanno cacciati a pedate nel culo..sono loro che creano i problemi al paese...!!

napoleone ., Leghorn Commentatore certificato 01.11.13 08:23| 
 |
Rispondi al commento

In un mondo deve l’economia (e dunque il potere dei potentati economici) domina tutto, anche la giustizia diventa ingiusta perché le leggi sono fatte o interpretate o violate da chi può permettersi di farlo da una posizione di forza economica.
Ma ci fanno credere che ciò che è legale sia giusto. Niente di più falso.
In un Paese dove è il potere economico a fare le leggi, chi è povero avrà sempre torto e chi è ricco resterà sempre impunito. Legale non equivale a giusto.

La decadenza di Berlusconi può anche essere scansata da un cavillo legale, ma sarebbe giusto?

La Cancellieri può mandare ai domiciliari la figlia di Ligresti in base a criteri legali, ma è giusto?

Napolitano è diventato presidente per la seconda volta in base a una strana interpretazione della Costituzione che si pretende sia legale e impone governi scelti da lui e ha nominato lui 32 persone che dovrebbero storpiare mezza Costituzione. Dice che ciò è legale, ma è giusto?

Dopo 6 anni continuiamo a votare col porcellum antidemocratico e golpista, ciò è legale, ma è giusto?

Possono modificare l’articolo 139 della Costituzione, continuare a privatizzate l’acqua, assolversi con prescrizioni ad usum potenti, tagliare lo stato sociale, applicare il sistema Marchionne, evadere le tasse senza finire in galera, pagare i partiti e i giornali contro il volere del popolo. Ciò è legale, ma è giusto?

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 01.11.13 08:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Latouche dice che i neoliberisti che imperversano da quando è iniziata la civiltà industriale hanno ‘colonizzato’ i nostri cervelli, cioè ci hanno indotto a credere a dei presunti valori come se fossero indiscutibili e assoluti.
per es. “Tutto è mercato” “La globalizzazione è bene” “Tutto si misura col PIL” “L’economia è il fine ultimo della vita umana”
Questi ‘dogmi’ vanno abbattuti. Non è vero che tutto è mercato, perché significherebbe che ogni cosa, persona o valore è una merce. Non è vero che tutto deve essere globalizzato. Ci sono valori e qualità e beni e modi di vivere che sono locali e hanno un valore intrinseco che deve essere rispettato. Non è vero che tutto si misura col Pil. Il Pil è il prodotto interno lordo e misura anche le spese per un terremoto, una strage, un cataclisma, una guerra, ma non misura il volontariato, gli atti non profit, le infinite cose che facciamo ogni giorno per amore, per amicizia, per aiuto umano. E non è affatto vero che ogni cosa esistente deve avere come fine ultimo l’economia neoliberista. Ci sono valori umani superiori, come la partecipazione, la solidarietà, il rispetto reciproco, gli ideali, i progetti di vita non utilitaristici. L’economia è un semplice mezzo della vita umana e non potrà mai essere il suo fine ultimo o divorerà l’uomo sull’altare del lucro di pochi potenti.

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 01.11.13 08:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grande...decrescita..... sola via d'uscita.

Alberto 01.11.13 07:59| 
 |
Rispondi al commento

Rivalutare
I valori borghesi del secolo scorso un poco alla volta si sono prosciugati,lasciando soltanto dei gusci vuoti: megalomania individualistica, rifiuto della morale,egoismo. La società della decrescita dovrà poggiare su un sistema rovesciato di valori. “Amore della verità, senso della giustizia, responsabilità, rispetto della democrazia, elogio della differenza, dovere di solidarietà, uso dell’intelligenza”.

Riconcettualizzare
Diventa necessario ripensare alcuni concetti fondamentali come quelli di ricchezza e povertà, “ma anche il binomio infernale, fondatore dell’immaginario economico, rarità/abbondanza”.

Ristrutturare
“Ristrutturare significa adeguare l’apparato produttivo e i rapporti sociali al cambiamento dei valori”. Per es. si potrebbero riconvertire le fabbriche automobilistiche in fabbriche di macchinari per il recupero di energia attraverso la cogenerazione.

Rilocalizzare
Quello della località è uno dei concetti cardine di tutto il paradigma della decrescita e anche uno dei più anti moderni. “Se le idee devono ignorare le frontiere, al contrario i movimenti di merci e di capitali devono essere limitati all’indispensabile”. La cultura, la politica e il senso della vita devono ritrovare un “ancoraggio territoriale”

Ridurre
Ridurre significa innanzitutto ridurre gli sprechi, in modo da gravare di meno sulla nostra povera biosfera. È inaccettabile che oggi i paesi ricchi producano 4 miliardi di tonnellate di rifiuti l’anno. Altre cose da ridurre urgentemente sono gli orari di lavoro, per restituire il tempo a tutto quello che rende la vita degna di essere vissuto e il turismo di massa, con le sue gravose conseguenze, come l’inquinamento e la distruzione delle destinazioni che subiscono questo turismo.

Riutilizzare/riciclare
Forse la più scontata delle “R”, è un concetto ormai dato per acquisito, allora come mai le amministrazioni e la politica non lo hanno ancora trasformato in un cardine del nostro sistema produttivo?


Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 01.11.13 07:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il problema è che ci hanno condizionati mentalmente a credere che la crescita sia un bene e che da essa dipenda il nostro lavoro e il nostro benessere. Ma qui stiamo parlando di 'crescita economica', e di un modello di crescita economica che è stato imposto al mondo da una ristretta cricca di capitalisti che per benessere e per sviluppo intende solo il proprio, usando per massimario sistemi cinici di totale disprezzo per il pianeta e per chi lo abita. Per questo Latouche dice che ci hanno ‘colonizzato’ il cervello, cioè ci hanno abituato a pensare in un certo modo, e la vera rivoluzione consiste nel 'decolonizzare i cervelli', cioè nel liberarli dal condizionamento pavloviano che li porta ad essere servi consenzienti del sistema.
Ci dicono che dobbiamo per forza aumentare il Pil, tutto gira attorno al Pil, le tasse, i tagli allo stato sociale, le riduzioni dei diritti del lavoro, ma ci ingannano.
Se il Pil aumentasse del 3,5 % l’anno, in un secolo aumenterebbe di 31 volte, col tasso di crescita cinese del 10% addirittura di 736 volte. Sarebbe il paradiso. Ma è così? Niente affatto. Il mondo non va affatto verso il paradiso, va verso l’inferno. I popoli sono stati sacrificati in nome di paradigmi economici divinizzati e indiscutibili e vanno verso una miseria crescente in nome del Pil e dei suoi sacerdoti. Non si può continuare ad avere governi che sacrificano i diritti e il futuro dei popoli in nome del Pil, che è diventato la nuova divinità astratta che esige sacrifici umani. Occorre una rivoluzione culturale che abbatta i criteri del neoliberismo in nome di una vita più umana, che valorizzi l’uomo, non il Pil, perché deve essere l'uomo il centro del sistema e non il lucro o il potere di una ristretta cricca di oligarchi che pensa solo al proprio interesse personale uccidendo il mondo.

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 01.11.13 07:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tutti a casa è l'unica soluzione.

Nicola ., Venezia Commentatore certificato 01.11.13 07:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

seguito

RIDISTRIBUIRE. Garantire a tutti gli abitanti del pianeta l’accesso alle risorse naturali e ad un’equa distribuzione della ricchezza, assicurando un lavoro soddisfacente e condizioni di vita dignitose per tutti. Predare meno piuttosto che “dare di più”.

RIDURRE. Sia l’impatto sulla biosfera dei nostri modi di produrre e consumare che gli orari di lavoro. Il consumo di risorse va ridotto sino a tornare ad un’impronta ecologica pari ad un pianeta. La potenza energetica necessaria ad un tenore di vita decoroso (riscaldamento, igiene personale, illuminazione, trasporti, produzione dei beni materiali fondamentali) equivale circa a quella richiesta da un piccolo radiatore acceso di continuo (1 kw). Oggi il Nord America consuma dodici volte tanto, l’Europa occidentale cinque, mentre un terzo dell’umanità resta ben sotto questa soglia. Questo consumo eccessivo va ridotto per assicurare a tutti condizioni di vita eque e dignitose.

RIUTILIZZARE. Riparare le apparecchiature e i beni d’uso anziché gettarli in una discarica, superando così l’ossessione, funzionale alla società dei consumi, dell’obsolescenza degli oggetti e la continua “tensione al nuovo”.

RICICLARE. Recuperare tutti gli scarti non decomponibili derivanti dalle nostre attività.

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 01.11.13 07:42| 
 |
Rispondi al commento

Le 8 R di Latouche

RIVALUTARE. Rivedere i valori in cui crediamo e in base a cui organizziamo la nostra vita. L’altruismo dovrà prevalere sull’egoismo, la cooperazione sulla concorrenza, il piacere del tempo libero sull’ossessione del lavoro, la cura della vita sociale sul consumo illimitato, il locale sul globale, il bello sull’efficiente, il ragionevole sul razionale. Dobbiamo cambiare il nostro immaginario che guida la nostra azione e i nostri desideri.

RICONTESTUALIZZARE. Occorre modificare il contesto concettuale ed emozionale di una situazione, o il punto di vista secondo cui essa è vissuta, così da mutarne completamente il senso. Questo cambiamento si impone, ad es., per i concetti di ricchezza e di povertà e ancor più urgentemente per scarsità e abbondanza, la “diabolica coppia” fondatrice dell’immaginario economico. L’economia attuale, infatti, trasforma l’abbondanza naturale in scarsità, creando artificialmente mancanza e bisogno, attraverso l’appropriazione della natura e la sua mercificazione.

RISTRUTTURARE. Adattare in funzione del cambiamento dei valori le strutture economico-produttive, i modelli di consumo, i rapporti sociali, gli stili di vita, così da orientarli verso una società di decrescita. Quanto più questa ristrutturazione sarà radicale, tanto più il carattere sistemico dei valori dominanti verrà sradicato.

RILOCALIZZARE. Consumare essenzialmente prodotti locali, prodotti da aziende sostenute dall’economia locale. Di conseguenza, ogni decisione di natura economica va presa su scala locale, per bisogni locali. Inoltre, se le idee devono ignorare le frontiere, i movimenti di merci e capitali devono invece essere ridotti al minimo, evitando i costi legati ai trasporti (infrastrutture, ma anche inquinamento, effetto serra e cambiamento climatico).


segue

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 01.11.13 07:41| 
 |
Rispondi al commento

Nemico del consumismo e della razionalità strumentale, Latouche è un intellettuale molto originale che per certi versi piace sia alla dx radicale che alla sx antagonista e dovrebbe piacere anche alla Lega, ma è diventato uno dei leader intellettuali del movimento no global mondiale per il suo attacco al neoliberismo e alla sua sfrenata avidità di capitale e di potere.
Latouche indica gli effetti perversi dello sviluppo economico neoliberista, che hanno portato alla distruzione del pianeta e al saccheggio della biosfera, peggiorando la vita di miliardi di persone. Alla società della crescita convulsa e forzata che ha portato inquinamento, sfruttamento, aumento della miseria e dell’ingiustizia economica e sociale, Latouche contrappone un nuovo stile di vita, che chiama “decrescita”.

“Continuando come adesso dove andiamo? Dritti contro un muro. Siamo a bordo di un bolide senza pilota, senza marcia indietro e senza freni, che sta andando a fracassarsi contro i limiti del pianeta”.

Occorre abbandonare l’obiettivo fideistico della crescita illimitata ad ogni costo, orientata ad un crescente profitto da parte di un ristretto gruppo di capitalisti che tentano di sottomettere ai loro voleri tutto il mondo, fregandosene delle conseguenze disastrose per l’ambiente e per l'umanità. Essi hanno ridotto la società intera a puro strumento e mezzo della loro avidità di lucro e hanno fatto dell’uomo “lo scarto di un sistema che punta a renderlo inutile e a farne a meno”.
Consumiamo troppo, mangiamo troppo, buttiamo troppo. Soprattutto viviamo nella convinzione che sia possibile una crescita infinita in un luogo, quale è il nostro pianeta, finito, ignorando limiti ed entropia.
Dunque che fare per cambiare le cose? Bisogna cambiare paradigma. Ma quello neoliberista ce lo hanno infilato talmente bene in capo che è come cambiare religione. Bisogna abbandonare l’idolatria della crescita che ormai, è chiaro, è solo crescita di capitale per alcuni e crescita di miseria per tutti altri.

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 01.11.13 07:37| 
 |
Rispondi al commento

quella calcolata è la quantità di risorse necessaria a un un anno di vita del pianeta in assenza di risorse fossili, perciò sono poche risorse, ce ne vorrebbero il doppio per generare in un anno un anno di riserve fossili

1698421 01.11.13 07:34| 
 |
Rispondi al commento

OT:

Cancellieri fuori dalle palle: "interessarsi" per la sorte di una ladra miliardaria, lo lasci fare alle dame di carità: un Ministro non deve mettere becco nelle faccende che non le competono; è stato un atto gravissimo, l'ennesimo esempio che smentisce quel "la legge è uguale per tutti" scritto in tutti i Tribunali: facciamolo almeno seguire da "a meno che...".

harry haller Commentatore certificato 01.11.13 07:22| 
 
  • Currently 2.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 8)
 |
Rispondi al commento

Latouche è un economista e filosofo francese
Animatore della Revue du MAUSS, presid. dell'associazione «La ligne d'horizon»,prof. emerito di Scienze economiche all'Università di Parigi XI e all'Istituto di studi sullo sviluppo economico e sociale di Parigi.È tra gli avversari più noti dell'occidentalizzazione del pianeta e sostenitore della decrescita conviviale e del localismo.Conosciuto per i suoi lavori di antropologia economica,critica il concetto di economia intesa come attività di mera scelta tra mezzi scarsi per poter raggiungere un fine.Si rifà alla definizione di economia sostanziale, attività in grado di fornire i mezzi materiali per soddisfare i bisogni delle persone.Critica il concetto di sviluppo e di razionalità ed efficacia economica,che appartengono ad una visione del mondo che mette al 1°posto il fattore economico; per Latouche invece si deve decolonizzare l'immaginario occidentale, colonizzato dall'economicismo sviluppista
Critica anche lo sviluppo sostenibile,estremo tentativo di far sopravvivere lo sviluppo,cioè la crescita economica,facendo credere che da essa dipenda il benessere dei popoli quando i maggiori problemi ambientali e sociali del nostro tempo sono dovuti proprio alla crescita ed ai suoi effetti collaterali;per cui occorre una strategia di decrescita,incentrata sulla sobrietà,sulle
"8 R": rivalutare,ricontestualizzare, ristrutturare,rilocalizzare,ridistribuire, ridurre,riutilizzare,riciclare
Essendo un difensore delle realtà locali,è stato tacciato di relativismo.Lui obietta che il preteso universalismo è solo il tentativo della 'tribù occidentale' di imporre il proprio modello al mondo.Occorre invece rispettare le diversità e farle dialogare tra loro in un quadro di coesistenza.

Nemico del consumismo e della razionalità strumentale, Latouche è un intellettuale che presenta tratti assai personali ed è stato introdotto nel dibattito italiano da gruppi culturali sia della destra radicale che della sinistra antagonista

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 01.11.13 07:20| 
 |
Rispondi al commento

ottimo, condivido in pieno , dobbiamo ricominciare a pensare diversamente ,basta corrore, che ci sia dignità per tutti ,con l'equità sociale.

angelo.i 01.11.13 07:02| 
 |
Rispondi al commento

Lavorare meno e guadagnare di più, una casa per tutti, un titolo di studio da scegliera da un ricco catalogo inviato per posta a tutti gli italiani e perchè no, dato che non ci costa niente a tutto il pianeta sofferente. Per quanto nutra non poca simpatia per chi anima il blog, non posso negere che si omette sempre il ruolo complice che abbiamo avuto e che abbiamo nel produrre la situazione ingessato del paese in cui ci troviamo a vivere. Se vogliamo a vere una qualche speranza le cose vanno cambiate, ma in questo cambiamento non ci può essere spazio per tutti. Progressivamente ci siamo sempre più abituati a fare sempre meno e ad aumentareble aspirazioni personali a dismisura. Il paese reale non è così virtuoso come andiamo raccontando. Ci sono troppi laureati semianalfabeti, troppi dipendenti pubblici fancazzisti, troppi commerccianti truffaldini, troppi imprenditori che voglio far profitto senza rischiare nulla, troppe madre che proteggono oltre misura il figlio imbecille che hanno prodotto, troppi padri preoccupati a mantenere le posizioni di vantaggio a scapito del futuro dei figli. Queste persone sono tra noi e non sono una minoranza e anche loro oggi gridano al cambiamento. Se domani per effetto di un intervento magico o divino, per chi ci creda, ci svegliassimo nel paese giusto che invochiamo, per troppi di noi in quel paese non ci sarebbe spazio. Purtroppo è solo una sparuta minoranza che meriterebbe e ne avrebbe giovamento se vivesse in un paese giusto, per gli altri c'è da augurasi che non si sveglino mai in paese del genere...e tu che mi leggi da che parte stai? Sei cosí sicuro che ti convenga l'avvento di un paese giusto?

Luca F., Napoli Commentatore certificato 01.11.13 06:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

tutti siamo ignoranti, ma sto tizio lo è un po' più degli altri, il ché non sarebbe un problema se ci risparmiasse le sue prediche

claudio petrachi 01.11.13 06:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Siete solo uno sfogatoio per disperati e sfigati.


Alessandro 01.11.13 03:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://www.articolotre.com/2013/06/equitalia-non-riscuote-545-miliardi-evasi-da-contribuenti-top-secret/183067

Matteo S., Roma Commentatore certificato 01.11.13 02:39| 
 |
Rispondi al commento

ho un amico che si racconta un sacco di bugie per se stesso riguardo al suo lavoro...alle sue faccende domestiche ecc. ecc. ecc.... tanto per sentirsi meglio... tirarsi un po su.... il problema è che poi le vuole raccontare anche a me e mi tocca far finta di credere per non rovinare l'amicizia.

bruno bassi ex iscritto dissidente 01.11.13 02:07| 
 |
Rispondi al commento

Ingegneri che viaggiano ogni giorno tre ore per raggiungere l’open space dove lavorano dialogando via mail perfino con sé stessi, progettano lavatrici, aspirapolvere, navigatori satellitari, telefonini.
Agenti sclerati fanno milioni di chilometri in auto per piazzare questi prodotti presso i centri commerciali.
Prodotti che immancabilmente si guastano nel giro di un paio d’anni, e allora milioni di clienti cominciano a chiamare l’esercito di schiavi nei call center, che a loro volta fanno tre ore di viaggio al giorno per raggiungere le cuffie attraverso le quali beccarsi gli insulti dei clienti incazzati.
Clienti furiosi che alla fine decidono di tornare al centro commerciale e acquistare (a rate) il nuovo modello di aspirapolvere, mentre quello che si era guastato piano piano si deposita in pezzettini piccoli nei loro polmoni attraverso il fumo nero dell’inceneritore più vicino. Polvere eri, e polvere ritornerai. Aspirapolvere.

“You load sixteen tons, what do you get
Another day older and deeper in debt
Saint Peter don't you call me 'cause I can't go
I owe my soul to the company store”

http://www.youtube.com/watch?v=uM9Lv1XKP80

Francesca B., Ovada Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 01.11.13 01:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Santoro e Travaglio a volte possono anche non piacere, ma restano mille volte meglio del SERVIZIO PUBICO della rai...

fabio martello Commentatore certificato 01.11.13 01:46| 
 |
Rispondi al commento

E' tutto inutile, ormai la fine è vicina....

uno qualsiasi 01.11.13 01:36| 
 |
Rispondi al commento

BEPPE METTI QUALCOSA ANCHE SU NIGEL FARAGE. FALLO CONOSCERE AGLI ITALIANI.

Salvatore Di Leo (ture919), Paternò (CT) Commentatore certificato 01.11.13 01:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

...E l'ALITALIA ? Non c'è nessuno dei soloni
dei peggiori quotidiani del mondo,che ci dica
o ricordi qqsa sulla ex compagnia di bandiera ?

Nessuno che ci ricordi che fu proprio il Nano
ad impedire, a suo tempo,la vendita alla Compa=
gnia AIR FRANCE...Lui la impedì solo per far una
bella figura e ovviamente per grande incompetenza,
come sempre...Adesso credo la situazione sia anche
peggiorata grazie al Nano.
Il grande collezionista di fallimenti a carico
degli altri però...


Maurizio Tesei

maurizio tesei, catania Commentatore certificato 01.11.13 01:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

PRE-COMUNICATO STAMPA
Conferenza
del Professor Serge Latouche

20 Novembre 2013 ore 9.30 - ROMA

Aula Magna Facoltà di Lettere e Filosofia, via Ostiense 234 -238
Università degli Studi Roma Tre

sul tema:

Un futuro possibile solo ritrovando il senso del limite

Lo scandalo del’’obsolescenza programmata

Il Professor Serge Latouche, economista e filosofo francese, emerito dell’Università di Parigi, sarà ospite della Facoltà di Lettere e Filosofia per una conferenza
sull’ossimoro della nostra cultura, che chiamiamo “sviluppo sostenibile”


La decrescita non è né una strategia, né un programma.

E l’antidoto naturale messo in atto dalla terra contro un sistema culturale suicida.
Sono stati fatti più danni dagli uomini e dalle sue tecnologie, molti dei quali irreparabili, negli ultimi due secoli che nei milioni di anni dell’evoluzione dell’essere umano.
Solo riscoprendo il senso del limite, il futuro dell’uomo sarà possibile sul pianeta Terra.
La cultura della iperproduttività ha esasperato i consumi ed invece di produrre strumenti durevoli siamo costretti a sottostare alla legge dell’obsolescenza programmata.
Serge Latouche svilupperà i temi che indicano la sola strada per poter consegnare un mondo accettabile a chi verrà dopo di noi.
Ciò di cui ci si deve preoccupare ora è “gestire” la decrescita reinventando i diritti dell’uomo e dell’ambiente per un possibile futuro.


Si invita chi, nell’ambito universitario, desideri prenotare un intervento a sintetizzarne il contenuto tramite mail a:
Segreteria di Scienze della Comunicazione: comunicazione@uniroma3.it
Carlo Castorina: toblach50@hotmail.com

Carlo Castorina 01.11.13 01:12| 
 |
Rispondi al commento


'round midnight


Morire, dormire........forse sognare ….

P. S. (ilmionomeènessuno27) Commentatore certificato 01.11.13 01:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Si...introdurre lo spirito del dono, mmmm, ma CHI comincerà? Siamo diffidenti l'uno dell'altro, da millenni...e giustamente perchè conosciamo che razza di scimmie traditrici siamo. Come ti volti poco poco te lo introducono si...però non è lo "spirito"!

Arjuna , Madras Commentatore certificato 01.11.13 00:55| 
 
  • Currently 1.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento

l'unica speranza ormai per gli italiani è il movimento.
porcellum o no le elezioni sono l'unica speranza. Andiamo al voto e rovesciamo queste intese ipocrite e inconcludenti........hasta siempre

liana f., bogliasco Commentatore certificato 01.11.13 00:53| 
 |
Rispondi al commento

I partiti non hanno più nulla da dire,caro Beppe, quello che voglio dirti è che i lupi si sono rimessi a caccia. Se questo movimento non vuole fare la fine dei partiti deve essere ben distante da loro. Non dovete farvi ammaliare dalle sirene. Il passato è come se non esistesse, SI DEVE RIVOLTARE QUESTO PAESE COME UN CALZINO. MAI,MAI con chi ci ha portato in questo baratro, compreso l'entrata nella UE; ma ora poterne uscire è tardi quindi Unica alternativa, RICONTRATTARE TUTTI I VINCOLI IMPOSTICI E DA NOI(LORO)ACCETTATI. un saluto sergio

Sergio I., Pineto Commentatore certificato 01.11.13 00:24| 
 |
Rispondi al commento

Se tutti volessero...!
se tutto il popolo volesse...!
tutto non sarebbe così......!
United please!!

Morena ., ferrara Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 01.11.13 00:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Schegge di vita

Luci abbacinanti, a volte confuse
ombre lunghe o distese a fianco di un vetro
parole schioccanti in un forte brusio
assieme al tintinnar di bicchieri in festosi ricordi
alla sera tanta gente accalcata nel consueto rituale
fuori da pub, bar e affini, mille parole solo tra sordi
scorrer di sguardi sicuri, veloci ma incerti
molti sconosciuti tra i mille amici
maschere di vita che la vita ci ha offerto
un continuo nascondiglio per non mostrare se stessi
nessuna cura e attenzione per chi ha già sofferto
Soli, in una solitudine senza più sbocchi
soldi che corrono facili solo per bicchieri su bicchieri
annullamento forse, oggi di più, mai come ieri.
Identità nascoste, mai realmente rivelate
una farsa continua nel ciclo della vita
Forse solo una morte, ancora in vita

P. S. (ilmionomeènessuno27) Commentatore certificato 01.11.13 00:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

...Questa sera Santoro tende, inaspettatamente

e contrariamente a tutte le altre volte, verso

una misurata ma precisa attenzione nei confronti

del Movimento 5 Stelle ...Probabilmente si sarà

chiesto, che se non cambia atteggiamento forse i

suoi 100.000 amici potrebbero diventare 100.000...

...Mosche !


Maurizio Tesei

maurizio tesei, catania Commentatore certificato 01.11.13 00:11| 
 |
Rispondi al commento

Buonanotte amici del blog!

Ornella M., Uzzano Pistoia Commentatore certificato 01.11.13 00:09| 
 |
Rispondi al commento

Beppe. Sei proprio glande!

Enzo Carraro ( il rosso mandrino ) 31.10.13 23:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

buonanotte blog!!!

Luca M., Rho Commentatore certificato 31.10.13 23:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

_______?????????______?????????
_____??????????????___?????????????
_____???????????????_???????????????
_____???????????????????????????????
______?????????????????????????????
_______???????????????????????????
_________???????????????????????
____________?????????????????
_______________????????????
________________?????????
__________________??????
___________________????
___________________???
__________________??


A tutte le breve persone del blog...

Dino Colombo Commentatore certificato 31.10.13 23:51| 
 
  • Currently 1.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Nel 2008 ha avuto avvio la crisi in tutto il mondo in seguito ad una crisi di natura finanziaria, partita dagli Stati Uniti;e allo stesso tempo,in Italia Berlusconi negava la crisi!
Allora,come si può sopperire alla crisi negandola?
La crisi di grosso calibro l'hanno gli Italiani nel cervello che hanno permesso a un menomato di governarli!

Morena ., ferrara Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 31.10.13 23:40| 
 |
Rispondi al commento

"Lavorare meno per guadagnare di più" è purtroppo l'esempio più eclatante e l'insegnamento culturale più dannoso messo in pratica da certi filibustieri della politica in primis! Si dovrebbe invece diffondere il verbo (anzichè quest'ultima illusione) del lavorare meno, ma lavorare un po' tutti; guadagnare un po' meno, una vita più sobria, ma più felice e senza vizi inutili. Una vita consapevole insomma. Solo per noi, quelli che "non si sanno limitare"..; assistiamo oggi al paradosso di una forbice che si divarica sempre di più : da un lato ci sono quelli che lavorano e lavorano sempre di più : guadagnano anche un po' di più, ma non sono poi così contenti, perchè si sbattono dalla mattina alla sera, il lavoro monopolizza completamente la loro vita, che quindi perde di significato; in sostanza non sono contenti perchè non hanno più una vita propria, pur avendo il lavoro. Dall'altra ci sono quelli che non lavorano e non sono certamente contenti, perchè non hanno i soldi per sopravvivere e pure a loro nullafacenti la vita perde via via di significato, si sentono inutili, non si realizzano e quasi tutto il tempo che passa è per loro tempo perso inutilmente. Bisognerebbe poter dare a tutti un po' di lavoro, un part-time, una occupazione che dia una certa soddisfazione per semplice e modesta che sia, ma che allo stesso tempo lasci tempo per se stessi per la propria Vita, per gli affetti, per la cura della Società e della politica... e certo che a parità di ricchezza totale prodotta tutti lavorando un po' avrebbero una retribuzione mediata : chi lavorava tantissimo guadagnerà un po' meno, ma avrà in cambio un po' più di tempo libero, mentre chi non lavorava affatto avrà ora una pur piccola occupazione il cui reddito prodotto gli garantirà una vita un po' meno precaria di prima e meno assistenzializzata. Insomma è il vecchio ma sempre attuale tema dell'equità, che poi fa rima con società civile e fraternità, cioè la solita roba trita e ritrita, quasi uno dei mali del Mondo.

Davide Pollastri 31.10.13 23:38| 
 |
Rispondi al commento

HALLOWEEN ...FALLOWEEN ...?!

Perchè dedicarci una festa (neppure non nostra,

esclusivamente consumistica) quando a noi FALLOWEEN

ci fa la "festa" per 365 giorni all'an(n)o...???

P. S. (ilmionomeènessuno27) Commentatore certificato 31.10.13 23:37| 
 |
Rispondi al commento

....e l'orizzonte di senso deve essere uscire dall'economia e introdurre lo spirito del dono." Serge Latouche

Che significa.
Tutto gratis?
Scambio di merce a pari valore?
Piu' altruismo?

Palmiro P., Pontedassio (IM) Commentatore certificato 31.10.13 23:36| 
 |
Rispondi al commento

A Santoro interessa palesemente solo avere qualcuno dei nostri nella sua trasmissione di venduti, per questo attacca Beppe e il movimento spesso è volentieri.

Non converrebbe mandarci un Di Maio? Un Di Battista? Rigorosamente collegati fuori studio e non nel mezzo del pollaio Pd - Pdl.

Se arriva qualche colpo basso c'è sempre Travaglio in studio che può replicare, perché non provarci? Sempre meglio di subire un attacco sistematico senza potersi difendere

Massimo Lafranconi, Lecco Commentatore certificato 31.10.13 23:32| 
 |
Rispondi al commento

A me Servizio Pubblico non è dispiaciuto. Ricordate che non devono esistere giornalisti amici e ce ne sono di ben peggiori. E poi ognuno ha un cervello per pensare, basta usarlo.

GIORGIO S., TS Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 31.10.13 23:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

BUONANOTTE STELLATA BLOG!

Paola L., Verona Commentatore certificato 31.10.13 23:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Le minacce del Nano Delinquente?

+++++++++++++++++++
+++++++++++++++++++
+++++++++++++++++++
+++++
+++++
+++++
+++++
+++++
+++++
+++++
+++++
+++++
++++++++++++++++++++
++++++++++++++++++++
++++++++++++++++++++ AZZATE!!!!!

Dino Colombo Commentatore certificato 31.10.13 23:19| 
 |
Rispondi al commento

INTERVISTA DI BEPPE A SERVIZIO PUBBLICO

Paola L., Verona Commentatore certificato 31.10.13 23:18| 
 |
Rispondi al commento

Buonanotte Blog!
sogni stellati agli amici
a domani

ema dell Commentatore certificato 31.10.13 23:14| 
 
  • Currently 1.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento
Discussione

...Se ti trovi in un tavolo di signori,
di comporti parimenti...!

...Se invece ti ritrovi in un tavolo di
"bari"o comunque gente scorretta...?

...In tal caso sarebbe opportuno, forse,
cambiare strategia...

...Sto cercando di dire che è ormai chiaro
che nelle camere non ci ritroviamo insieme
a dei "signori", mi pare.

Di conseguenza, vorrei rimettere in discus=
sione la questione dei"rimborsi elettorali":

CIOE',QUEI 42MILIONI DI EURO CHE ABBIAMO NOI

TUTTI LASCIATO NELLE CASSE DELLO STATO,MA IN

MANO ALLA PEGGIORE CLASSE POLITICA, IN ASSO=

LUTO DI QUESTO PAESE, TALE AFFERMAZIONE NON

PUO', CREDO, ESSERE SMENTITA...


NON DICO DI PRENDERLI,E SPERPERARLI COME FANNO

QUELLI DELLA CASTA. MA USARLI CON INTELLIGENZA

IN UTILITA' PER IL PAESE.


MOLTI HANNO SUGGERITO D'USARLI PER LA CREAZIONE

DI UNA BANCA ETICA 5 STELLE, IN AGGIUNTA AI 42

MILIONI SI POTREBBE IPOTIZZARE APERTURA CONTI DA

PARTE DI TUTTI GLI ADERENTI AL MOVIMENTO,POTREBBE

ANCHE DIVENTARE UNA COSA MOLTO GROSSA MA GESTITA

DAL M5S E NON DALLA CASTA E LORO AMICI BANCHIERI

CHE CONOSCIAMO BENE TUTTI. OPPURE"UNA TV 5

STELLE"!(STRATEGICAMENTE INTERESSANTE)...

PENSIAMOCI, SEMPRE CHE FOSSE UN'IPOTESI

ANCORA PERCORRIBILE...!

Maurizio Tesei

maurizio tesei, catania Commentatore certificato 31.10.13 23:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Le larghe intese hanno avuto l'effetto di dare dignitá allo sputare sul piatto in cui si mangia.

Ashoka il Grande, México Commentatore certificato 31.10.13 23:07| 
 |
Rispondi al commento

.....oooO...................
....(......)...Oooo........
.....).../. ...(.....).........
.....(_/.......).../..........
.............. (_/.............
.........Passato.............
.......... di Qui! .............
.....oooO....................
....(......)...Oooo.........
.....).../. ...(.....)..........
.....(_/.......).../...........
............... (_/............
................................

Dino Colombo Commentatore certificato 31.10.13 23:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

C'è un modo facile facile per liberarci di servizio pubblico. Non seguirlo più.

Ferdinando S., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 31.10.13 22:55| 
 |
Rispondi al commento

per favore blog...togliete quella foto qua di fianco col "cavaliere steso " Perché volete ispirare?

Paola L., Verona Commentatore certificato 31.10.13 22:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un Popolo senza Sovranità di rappresentanza la voto non è un popolo e neppure una nazione, sono solo un numero di persone da sfruttare, chi più e chi meno, ma solo da "Sfruttare" per i loro politici e potenti
Le Vera DemoCrazia “Compiuta” ha quale suo primo
presupposto, per esser appunto “Reale e Compiuta”, la Sovranità di un Popolo.

La Sovranità non può essere rappresentata, per la stessa ragione per cui non può essere alienata; essa consiste essenzialmente nella volontà generale, e la volontà non si rappresenta: o è quella stessa, o è un'altra; non c'è via di mezzo. 
I deputati del popolo non sono dunque né possono essere suoi rappresentanti; non sono che i suoi commissari: non possono concludere (decidere da soli) nulla in modo
definitivo. 
Ogni legge che non sia stata ratificata direttamente dal popolo è nulla; non è una legge. 
Il popolo crede di essere libero, ma si sbaglia di grosso; lo è soltanto durante l'elezione dei membri del parlamento; appena questi sono eletti, esso diventa schiavo, non è più niente. 
Nei brevi momenti della sua libertà, l'uso che ne fa il popolo ( e le inevitabili conseguenze) lo porta a meritare di fargliela perdere."

Questo esempio corretto di democrazia è stato esposto nel 1792 da Jean-Jacques Rousseau nel suo "Contratto Sociale"!

Quante volte cadremo nella Trappola dei “Contratti – Truffa” con gli italiani come quelli del caimano B.?

Per capire ancora meglio come e perché abiamo perso la nostra Sovranità Nazionale consiglio a tutti di leggere il libro inchiesta di Stefania Limiti “Doppio Livello”, nel quale ricostruisce la “storia nascosta”
dell’Italia: dalla strage di “Portella della Ginestra”, passando per la “trattativa stato mafia”, sino alla sua finale e naturale evoluzione nella rielezione di Napolitano, .. anche se ha difeso pubblicamente uno degli attori più importanti di quella trattativa stao mafia, cioè l’allora Ministro dell'Interno che fu anche l'ultimo esponente dello Stato italiano ...

franco Vero (sat cit ananda) Commentatore certificato 31.10.13 22:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

O.T.:

¡¡¡HOLA BASE!!!

Yahoo mail è bloccata! Non si può inviare!

NSA docet! Barak dàye 'na mossa!!!

Next time!

Ernesto - La Habana Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 31.10.13 22:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

BEPPONE, NON MOLLARE MAIIIII!!!!!!!!!!
TU E TUTTI QUEI RAGAZZI CHE STANNO LÌ PER CERCARE DI MIGLIORARE QUESTO PAESE!!
Grazie

Claudia L. Commentatore certificato 31.10.13 22:41| 
 |
Rispondi al commento

"Un leggero tanfo di urina e lisoformio non destino preoccupazione, trattasi di SERVIZIO PIBBLICO"

G. F. Commentatore certificato 31.10.13 22:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

DICE BENE ORNELLA:
Gli Italiani
sono ipnotizzati dall'informazione di regime.
quindi cari Onorevoli cittadini 5stelle ,andate, battete le mani,alzate la voce e svegliateli!!!!

Paola L., Verona Commentatore certificato 31.10.13 22:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Peccato che nelle aziende ti fanno lavorare di più pagandoti sempre meno. Il welfare è saltato.
La realtà nel mondo lavorativo è ben diversa, indipendentemente se è assurdo il principio sul quale basano le loro regole, qualunque sia l'età del lavoratore.
In assenza di lavoro made in italy, si vedono sempre più spesso italiani che lavorano per... attività cinesi, altro che protezionismo in modo intelligente, tanto nel commercio quanto nelle imprese ma, purtroppo ,non si va a lavorare solo per i cinesi ,qui non c' è più lavoro, e non si va tanto per il sottile, bisogna pure essere riconoscenti se vieni essunto da una società o impresa straniere. Gli ideali e le buone intenzioni vanno bene per chi può permetterseli ,diversamente ,si fanno scelte... diverse . La coerenza professionale è compromessa sempre.E' inutile negarlo.
Non c'è volontà di assumersi responsabilità collettive a riguardo.

Alessandra Mammola Commentatore certificato 31.10.13 22:34| 
 |
Rispondi al commento

Una politica protezionistica, dal punto di vista economico, può essere utile a combattere la crisi, anche se da sola non sufficiente a sconfiggerla perché altri sono i motivi che hanno portato ad essa. Una politica protezionistica è in genere deleteria se troppo prolungata perché porta a un calo della qualità dei beni e servizi prodotti, in quanto un'azienda non dovendosi confrontare con molti concorrenti ha comunque una quota di domanda assicurata, pertanto investirà di meno in ricerca e sviluppo per migliorare la qualità, trovandosi poi in svantaggio rispetto ad altre aziende che invece sono rimaste in un mercato concorrenziale. Era per esempio la situazione della Fiat fino a qualche decennio fa: monopolistica in Italia e pertanto produceva auto di bassa qualità, quando poi ha dovuto confrontarsi con la concorrenza europea ha subito duri colpi e per non fallire ha dovuto essere finanziata dai cittadini italiani attraverso le tasse. Solo quando furono vietati gli aiuti di Stato l'azienda automobilistica ha iniziato a investire in ricerca aumentando la qualità dei suoi prodotti, ma ormai era tardi. Lo stesso dicasi per le aziende italiane che producevano apparecchi televisivi. L'arma del protezionismo può essere usata ma con criterio, magari non verso gli stati membri dell'Unione, ma verso gli stati asiatici. Questo in teoria. Il grosso problema non è in ambito economico, ma: colossi come Cina, India e Russia probabilmente farebbero sentire il loro peso politico e alla fine l'Italietta si farebbe sovrastare. In conclusione potrebbe essere una buona idea se usata con criterio, ma molto difficile da realizzare.

Stefano Ricciuti, Milano Commentatore certificato 31.10.13 22:32| 
 |
Rispondi al commento

Beh.. il mio progetto alternativo lo sto realizzando. Fotovoltaico e legna per luce, apparecchi e riscaldamento; orto, frutteto e qualche gallina(uova)per non morire di fame,acqua potabile dal pozzo.

Il prossimo veicolo che comprerò sarà elettrico...
Quello che mi mancherà potrò procurarmelo con il baratto. A questo punto sarà sufficiente solo un lavoro part time...per pagare le TASSE,ovviamente.


Perchè vi incazzate con Santoro?
Basta che tantissimi di noi 5S, non lo guardino più, e lui può anche chiudere.
E' ora di passare ai fatti. Questi personaggi tagliamoli fuori, senza perdono. Ormai è chiaro che è diventata una guerra.
Scrivo perchè sono uno dei centomila che hanno versato l'obolo, ma è dall'altro anno che non lo guardo più.

adriano 31.10.13 22:25| 
 
  • Currently 2.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 8)
 |
Rispondi al commento
Discussione

se per lavorare meno si intende ridistribuire la disoccupazione allora è una soluzione solo parziale, e il tempo in eccesso andrebbe impiegato per riqualificazione;
invece il protezionismo offre la soluzione completa che garantisce piena occupazione ma difficilmente l'efficienza e la competitività.
Protezionismo è un po' l'opposto di liberismo e come al solito la soluzione sta nel giusto mezzo:
esistono fasce dell'economia che vanno protette (ad es l'agricoltura) e altre che non ne hanno bisogno.
È interessante notare come i più grandi liberisti del mondo siano tutti dei monopolisti straricchi corruttori e megaevasori:
son buoni tutti a fare i liberisti coi settori economici altrui tenendosi stretti il proprio monopolio.
Le multinazionali non vogliono mai più concorrenza ma sempre più concorrenza sleale e monopolista, non vogliono tasse più basse per tutti ma tasse più basse solo per la loro sede legale, non libero scambio per tutti ma solo per i loro prodotti:
il commercio spietato si basa sull'egoismo esattamente come il furto e non è strano che i confini fra i due settori siano spesso vaghi.

p.s. devo dire che la Cina NON sarebbe competitiva se avesse il regime fiscale italiano (se i prodotti industriali cinesi costassero il 30% in più non li comprerebbe nessuno).

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 31.10.13 22:24| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei dare una sorta di suggerimento alla nostra Corte Costituzionale in supporto dell'incostituzionalità del "Porcellum".

E chiedo 'scusa' per l' 'ardire'...

Il Porcellum è INCOSTITUZIONALE a prescindere da ogni altra valutazione di merito per un semplice motivo:

Per IPOTESI...i NOMINATI DAI PARTITI POTREBBERO RESTARE DEPUTATI E SENATORI IN ETERNO.

Mettiamo, ancora per ipotesi, che i segretari dei Partiti restino SEMPRE GLI STESSI PER CENTO ANNI...ok...difficile ma per 'logica' plausibile.

E che ogni Segretario di Partito abbia il suo Clan di 'aficionados' che gli sono SEMPRE FEDELI e sempre pronti a sostenerlo.

E che questo Segretario per assicurarsi l'eternità del suo potere assicuri anche L'ELEZIONE IN PARLAMENTO SOLO E SOLTANTO a quelli del suo Clan.

E così di legislatura in legislatura...QUESTI sarebbero in Parlamento in ETERNO. A prescindere dalla volontà del Popolo che forse vorrebbe cambiarli.

In pratica, ,sempre TEORICAMENTE, il popolo si ritroverebbe SEMPRE E SOLTANTO LE STESSE PERSONE IN PARLAMENTO per CENTO ANNI.

Pensiamoci un attimo.

Dino Colombo Commentatore certificato 31.10.13 22:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

- Commedia atto unico ventennale;
Attori:...

Lui = iL nAnO
Loro = lA cAsTa (pD+pDl E cOcCi VaRi...):...

...Lui ricatta tutti, Loro ricattano Lui,
nel mentre, Lui e Loro provvedono da sem=
pre a fare i loro affari per dotarsi ciò
di cui hanno bisogno per il loro onorato
sostentamento...

Frattanto l'Europa della Finanza pressa a
Loro per accellerare rientro loro crediti
(che sono tanti),contemporaneamente copre
e protegge il loro operato da tutto,spread
e fallimento Paese, già tecnicamente avve=
nuto da più di 1 anno...

A questo punto Loro,simulano,ripeto"simulano"
il finto abbandono e sganciamento dal nAnO,
ma tutto con molta dolcezza camuffata da un
putiferio senza fine,ma senza danno per loro...

...Ovviamente non si andrà mai a votare finchè
il 90% del debito (Europeo)non sarà rientrato.
Perchè se si andasse a votare, potrebbe anche
vincere il Movimento 5 Stelle...E poichè dal
Giugno 2014 inizierà il Semestre Italiano in
Europa, capite bene che la Finanza Europea
non potrà mai accettare che per 6 Mesi possa
comandare in Europa un...GRILLINO !
-----------------

SE C'E' ANCORA QUALCUNO CHE PENSA CHE LA
PRESENZA DEL MOVIMENTO 5 STELLE NON ABBIA
PORTATO A NULLA...SI SBAGLIA...SEMBRA COSI'
MA IN REALTA' HA STRAVOLTO TUTTO...

...LA NOSTRA SFORTUNA E' CHE QUESTA FOGNA DI
UOMINI, PALESEMENTE INCAPACI E REI CONCUSSI,
HANNO IL POTERE EUROPEO CHE LI PROTEGGE A
DANNO NOSTRO, PER I MOTIVI SOPRA ESPRESSI...

...ALTRIMENTI SIGNORI QUESTO FINTO GOVERNO
SAREBBE GIA' CADUTO E AVREMMO GIA' RIVOTATO,
E PROBABILMENTE AVREMMO GIA' INIZIATO LA NS/
RESTAURAZIONE DEL PAESE....

Maurizio Tesei


maurizio tesei, catania Commentatore certificato 31.10.13 22:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

scongiurati i giochetti a 5***** a favore dell'immunità di B.
Ma quando si è trattato di cambiare il presidente della repubblica...chi era più garantista nei confronti di B. il pd confermando Nabuledano o il M5***** che sosteneva altri...non certamente a favore di B. ???

Paolo B.

Eposmail ,. Commentatore certificato 31.10.13 22:12| 
 |
Rispondi al commento

OT
concedetemi questo omaggio a F.Rame e poi siamo in tema con la serata


Sono Strega perché sono diversa, sono unica, sono un’altra, sono me stessa, sono fuori dalle righe, sono fuori dagli schemi, sono a-normale… sono io!
Sono Strega perché sono fiera del mio essere animale-donna-zingara-artista e … folle ingegnere della mia vita.
Sono Strega perché so usare la testa, perché dico sempre ciò che penso, perché non ho paura della parola pericolosa e pruriginosa, della parola potente e possente.
Sono Strega perché spesso dò fastidio alle Sante Inquisizioni di questo strano millennio, di questo Medioevo di tribunali mediatici e apatici.
Sono Strega perché i roghi esistono ancora e io – prima o poi – potrei finirci dentro."
Franca Rame


TroppO AvantI! celentano , a verona, lo fischiarono perchè invece di cantare presentò il latouche-pensiero.latouche è veramente interessante e..avanti rispetto al modo consueto di ragionare.nessuno pensa di lavorar meno per mantenere il proprio livello sociale ed economico anzi.....ho un trascorso esperenziale militante con un partitucolo degli anni70/80: democrazia proletaria, tra i suoi slogan aveva "lavorare meno lavorare tutti" ( stessi salario e diritti).
utopie?


Michele, cazzo, è vero, ti ho mandato solo dieci euro, ma non si trovava niente di meglio che Nitto Prescritto?......

harry haller Commentatore certificato 31.10.13 22:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Nitto Palma stasera da sant'oro:
"meglio il voto palese, così sono scongiurati gli scherzetti del MoV5Stelle che avrebbero votato a favore dell'immunità di B.".
Questi del PDL pensano che il MoV5Stelle fa come quel marito che per far dispetto alla moglie si taglia il pistolino; che furbacchioni , che volpi nel PDL.

G. F. Commentatore certificato 31.10.13 22:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Luca com era la vignetta che nn l ho vista?

Paola L., Verona Commentatore certificato 31.10.13 22:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

..Santo Toro , stasera è poco santo e molto toro.
Sta dando i numeri...sarà halloween ?
Servizio pubblico ??? mmhhàà!!!

Paolo B.

Eposmail ,. Commentatore certificato 31.10.13 21:59| 
 |
Rispondi al commento

By Servizio pubblico: il Pd d'accordo con il voto palese per impedire i giochini del M5S... ??? E chi li ha fatti i "giochini" quando è stato silurato Prodi? Che facce da tolla!


Servizio pubblico?
Che schifo ho chiuso....me ne vado a nanna!
Nitto paola.....ex magistrato...ex..ex... ma per favore...Santoro..invita la cicciolina che è meglio!
Buona notte
stelline a domani a riveder...le stelle!^.^

oreste m******, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 31.10.13 21:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Halloween!
Per questa sera vedere servizio pubblico ha un senso.

Noè SulVortice Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 31.10.13 21:55| 
 
  • Currently 1.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quello che mi spaventa è che nonostante questa situazione devastante,la gente non reagisce Cè gente che è alla fame e resta sottomessa
Mi chiedo com è possibile,mi chiedo perché..

Paola L., Verona Commentatore certificato 31.10.13 21:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Andrew McAfee: Are droids taking our jobs?

http://goo.gl/6XxhHr

id &as Commentatore certificato 31.10.13 21:51| 
 |
Rispondi al commento

E COSÌ L'ENNESIMA MERDA, LA MANGIASIGILLI..... DOVREBBE CAMMINARE A CALCI NEL CULO, punto!

pillolo 31.10.13 21:48| 
 
  • Currently 2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento

scusate come si fa a fare apparire la scritta OLTRE accanto al nome?
lo so sono imbranata

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 31.10.13 21:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"E' un paradosso affermare che siamo in crisi" scrive questo economista Latouche.

Vero, non siamo in crisi...siamo sotto una dittatura finanziaria criminale!!!

Il parlamento greco ha approvato una norma di legge che prevede dal 24 ottobre l'entrata in vigore del reato di "contestazione alla UE".
Quindi adesso in Grecia chi protesta, manifesta o critica i rappresentanti dell' unione europea, i trattati o le sanzioni imposte compie un reato punito con due anni di carcere.

Il popolo greco è stato ridotto dalle misure di austerità, alla disperazione e alla fame al punto che nei supermercati possono vendere cibo scaduto a prezzo ribassato.
E se protestano finiscono in galera!!!

Sotto ogni dittatura chi critica il regime finisce in carcere...più chiaro di così.

E gli italioti aspettano di finire come la Grecia prima di svegliarsi???

Ornella M., Uzzano Pistoia Commentatore certificato 31.10.13 21:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

o t

un dolcetto a tutte le stellate del blog!!!!!!!!

Luca M., Rho Commentatore certificato 31.10.13 21:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se le piccole e medie imprese chiudono,e altre de-localizzano,ci sarà un perchè?
tutti lo sanno,chissà chi è che lo ignora?!!!

Morena ., ferrara Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 31.10.13 21:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione