Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Le balle di Repubblica sul M5S Lazio

  • 35


m5s_lazio_esposto.jpg

"Il 18 ottobre l’edizione romana di Repubblica ha pubblicato un articolo in cui si accusa lo staff legale del gruppo consiliare M5S LAZIO di un presunto conflitto d’interesse perché, secondo il consigliere Vincenzi e l’autore del testo, i nostri avvocati sarebbero dipendenti del consiglio regionale e non potrebbero presentare esposti contro l’istituzione per cui lavorano. In un mondo normale il giornalista si informerebbe prima di scrivere e vedrebbe che i contratti sono firmati con il gruppo consiliare e non con il consiglio regionale del Lazio e capirebbe che parlare di conflitto d’interesse non ha senso. Tutto questo perché il nostro staff legale ha presentato un paio di esposti alla Corte dei Conti ed al Tar in cui si denunciano le violazioni sistematiche di norme di legge sulle molteplici assunzioni di dirigenti, consulenti esterni e collaboratori della giunta Zingaretti. Questi attacchi ci lusingano perché sintomo del nostro aver centrato il bersaglio. Avanti così!" M5S Lazio

24 Ott 2013, 16:40 | Scrivi | Commenti (35) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 35


Tags: Davide Barillari, esposto, M5S Lazio, Repubblica, TAR, Zingaretti

Commenti

 

Via la 7 dai telecomandi
Passa parola

Riccardo Garofoli 25.10.13 22:26| 
 |
Rispondi al commento

Bravi andate avanti a testa altaaaa

Aldo Secco 25.10.13 21:58| 
 |
Rispondi al commento

CONTINUATE COSI'!!!!!!!!!!!!!!!!!

Samuele Angeletti 25.10.13 16:48| 
 |
Rispondi al commento

Come ormai noto e a conoscenza di ogni casalinga, il quotidiano "la repubblica" non e" buono nemmeno per pulire i vetri...data la carta oleosa di cui e' fatto. Resta il caminetto, ma ricordiamo di pulire gli immondi resti, a fine falo', onde evitare contaminazione...

Titti malaki 25.10.13 16:37| 
 |
Rispondi al commento

Repubblica (o qualsiasi altro quotidiano nazionale) costa €. 1,20
In un anno sono 438 EURO!
Dopo averlo letto, lo si getta.
Eppure con la stessa cifra, si potrebbe acquistare un Tablet HD con abbonamento Internet incluso.
Basterebbe poi istallare NewsRepublic e si avrebbe GRATUITAMENTE tutta l'informazione di questo mondo personalizzabile in base ai propri interessi (e non a quelli degli editori).
E il Tablet non lo butti via ne dopo un giorno ne dopo un anno!

P.S. Prima che qualcuno possa contestarmi che la tecnologia è difficile da usare, che un anziano diciamo di 60 anni non riuscirebbe, vi prego di considerare che nel resto d'europa (specialmente nel Nord Europa) anche chi ha più di 70 anni usa regolarmente internet. In Svezia, Paesi Bassi, Lussemburgo e Danimarca a utilizzare un computer e a utilizzare Internet sono almeno nove abitanti su dieci!

Filippo D'Amico, Ispica Commentatore certificato 25.10.13 11:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per Cosimo Neviano Napoli. A me non appare nessuna pubblicità forse perché ho sempre negato l'invio di budge suoni avvisi e altro. Prova a farlo anche tu. Ciao

Francesco Rutigliano 25.10.13 10:01| 
 |
Rispondi al commento

Va bene...tutto giusto... ma questa pubblicità del dentista di Roma sotto ogni post "politico" mi sembra un vero pugno nell'occhio di chi legge... per cortesia mettete tale pubblicità dove stanno tutte le altre, senza fare delle vere e proprie preferenze o speculazioni politiche.

Cosimo Napoli, Neviano Commentatore certificato 25.10.13 09:53| 
 |
Rispondi al commento

I commenti sulla faziosita' e tendenziosita' di "Repubblica" ormai sono scontati. A volte mi prendo la briga di smentire bufale di questo tipo o titoli fuorvianti ecc. contro il M5S, ma si puo' facilmente immaginare che il "filtro" (censura) che applicano ai messaggi e' particolarmente forte quando si usano delle paroline come "de benedetti".

Samuele Salis 25.10.13 08:10| 
 |
Rispondi al commento

Magistratura o amministrazione???

Giovanna Pellegrini 24.10.13 23:01| 
 |
Rispondi al commento

Un ere dei nostri tempi: RAFFAELE PENNACCHIO
Pietro Micca, Salvo D'Acquisto, Eroi che la nostra Storia Italiana pare stia ormai dimendicando. Al giorno d'oggi chi sacrifica la propria vita per un ideale? Ideale, sob! che mai sarà? Eppure oggi un martire ce l'abbiamo, eccome! RAFFAELE PENNACCHIO. Sì un Italiano vero. Uno che sapeva cosa rischiava, lottando ogni giorno contro la SLA. Un dottore che in piazza, davanti al palazzo del, sic!, potere reclamava da tempo il diritto di assistenza che questi ultimi Governi hanno ignorato. Diritto che l'art. 32 della Costituzione Italiana cita a chiare lettere! Il "diritto alla salute". La prima parola che mi è venuta spontanea è: VERGOGNA! VERGOGNA! VERGOGNA e poi VERGOGNA ancora! Niente tagli ai servi del potere, nessun segno di solidarietà! VERGOGNA!
Ritengo che RAFFAELE PENNACCHIO sia citato in tutte le "squole" del regno d'Italia, pardon, di Re Giorgio. Esempi come quello di RAFFAELE non può essere liquidato solo dalle citazioni dei media nazionali. È un eroe dell'Italia del XXI secolo a cui come minimo vanno dedicate vie, giardinetti, piazze, padiglioni ospedalieri e ricordato le sue Gesta. Un Italiano vittima sacrificale di uno stato che ha messo da parte i principi morali, la solidarietà e continuato ad ignorare l'esistenza di una bellissima Costituzione anteponendo quelli dell'egoismo, della trasgressione, dell'AVERE e non più dell'ESSERE, mandando a morire fuori dalla Patria ( dico giusto Giorgio Napolitano?) giovani in cerca di lavoro perché gli interessi di pochi siano tutelati a danno di chi paga involontariamente le Scelte egocentriche ed egoistiche di un settantenne pluriindagato e accertato pregiudicato, che ha fatto terra bruciata attorno a se all'insegna di quale Libertà (forse la sua, deduco).
ONORE a Raffaele PENNACCHIO!

NUCCIO N., MONZA Commentatore certificato 24.10.13 21:12| 
 |
Rispondi al commento

ma qualche denuncia per calunnia non si puo fare ?

franco bertocci, taranto Commentatore certificato 24.10.13 20:42| 
 |
Rispondi al commento

Bravi continuate cosi! la grande banda bassoti ed i suoi giornalisti a busta paga si sta innervosendo. State cogliendo nel segno.
Long way to go. Ma sicuramente nella direzione giusta.
A milioni, vi supportiamo!

Paolo S., Sterrebeek, Belgio Commentatore certificato 24.10.13 20:09| 
 |
Rispondi al commento

Articolo del 18/5/2009, molto interessante...

http://eccocosavedo.blogspot.it/2009/05/giornalisti-europei-situazione-grave-in.html

anib roma Commentatore certificato 24.10.13 20:01| 
 |
Rispondi al commento

ah ah ah hanno i giorni contati ah ah ah, si stanno cagando in mano

Dario 24.10.13 19:36| 
 |
Rispondi al commento

Ma Voi sapete chi sono io?
Io sono importante.
Io sono uno del popolo, di quel popolo svilito che deve stare zitto quando parla il mio servo del Parlamento.
Il popolo è sovrano e non il Parlamento.
Il Parlamento deve essere Rappresentante del Popolo SOVRANO.
Lo scrivo anche qui.
Resto stupito!
I Robin Hood alla rovescia che rubano ai poveri per donare ai ricchi!
Sti KAZ.Zi di 5 Stelle che fanno?
Dicono ai ladri.
"Ringraziate che ci siamo noi, altrimenti arriva Alba Dorata"
Alba Dorata deve venire.
Toglietevi dai marr.roni oppure buttateli fuori questi sugasangue dal Parlamento "eccetera2 (non lo dico Vimi o Quiri...nale)
Nove milioni di impotenti che sono contenti di una mer.da di Presidenza alla Commissione RAI?
COG.LIONE IOOOO, che vi ho votato.
O cambiate registro Voi o andate AFAN. CU.Lo insieme agli altri, tipo PD. LEGA, SEL, PDL SCIOLTA Civica, Fuori lista e altre porcate che nessuno sa chi sono in Parlamento.
In Parlamento ci devono andare altri, non questi arrampicatori che sono entrati con venticinque voti di parenti, amici e colleghi.

Ivan I., Genova Commentatore certificato 24.10.13 19:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

i soliti giornalai servi del potere. pensano che tutti siano porci come i loro padroni. è più forte di loro, non riescono a concepire che possa esserci qualcuno che fa del bene per gli altri senza pretendere niente in cambio ma solo perché sa che è giusto farlo. loro questo concetto, da bravi sinistroidi lo sventolano nella teoria, ma non riescono a credere che qualcuno lo metta in pratica. non c'è dittatura che abbia fatto lo schifo che state facendo voi. giornalai (con tutto il rispetto per coloro che lavorano onestamente in una edicola) avanti m5s lotta pacifica ad oltranza.

giovanninom 24.10.13 19:08| 
 |
Rispondi al commento

Forza ragazzi denunciate tutte le malefatte!!

Lello Marino (marins) Commentatore certificato 24.10.13 19:00| 
 |
Rispondi al commento

"La repubblica" giornale di privati finanziato con soldi pubblici per 16 milioni di euro
il m5s chiede la fine di questo ladrocinio, la disinformazione di pseudo giornalisti è legittima difesa lo capisco, ma la nostra quando comincia?

Gerardo T., Senigallia Commentatore certificato 24.10.13 18:58| 
 |
Rispondi al commento

Erano tre mesi che non leggevo i commenti sul blog. Il livello è rimasto lo stesso, fascistoidi repressi che si attaccano al dittatorello di turno e usano un linguaggio da pappagallini sfigati.
Patetici

Giorgio F. 24.10.13 18:51| 
 |
Rispondi al commento

Ma xchè Repubblica non ha mai fatto un'inchiesta sugli avvocati del condannato che stanno comodamente in parlamento a spese nostre.

C'è o non c'è il conflitto di interesse?

saluti a tutti

nessun copy 24.10.13 18:46| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe
ti invito a non fare promesse da marinaio, sbraita di meno, meno parole e più fatti. Cosa ne è della promessa del Diritti di cittadinanza a sostegno anche delle persone senza lavoro e senza sussidi (quelli dai 50 anni in su?) oppure vogliamo allungare la lista dei suicidi o di coloro che più giustamente dovrebbe far fuori -uccidere- un poco dei tanti, dei troppi parassiti che ci succhiano l'anima? La tua nobile partecipazione e leadership a capo del movimento 5 stelle insieme al mormone, nel medio lungo termine è destinata a diventare l'ennesimo presa per il culo a scapito del popolo. Se vuoi, se pensi di poter fare ancor qualcosa devi correggere il tiro e propendere per l'affermazione di una Repubblica Federale nella quale ogni Regione si assume l'amministrazione e il LOCAL GOVERNEMENT con una amministrazione che sappia fare di conto e che risponda agli abitanti del proprio territorio. BASTA CON I PARTITI, I MOVIMENTI, LA MINCHIA DI BABBO NATALE!!
In proposito potrei anch'io darti il mio modesto contributo ma anche tu caro Beppe, piano piano stai salendo sugli altari dei MAMMASANTISSIMI!!
E per i 10 euro purtroppo non te li posso mandare perchè non ho neppure i soldi per comperarmi una bombola del gas per cucinare e una per scaldarmi; come presidente dell'A.I.R.L. ho dato molti fastidi e mi hanno chiuso nel silenzio + totale la mia radio che ora cerca di andare avanti nella clandestinità o via web. Altro che art.21.
Lo sai per esempio che le radio concessionarie non hanno mai fruito malgrado sia previsto dalla ex legge Mammì 223/90 delle frequenze indispensabili previste e da oltre 20 anni esse sono in perenne conflitto per interferenze tra esse e ancora più grave con i paesi stranieri confinanti? Lo sai che per quel pezzo di carta chiamato concessione che non è buono neppure per pulirsi il deretano ogni radio paga fior di quattrini allo Stato? Nessuno ci ha mai dedicato attenzione perché anche noi "piccoli editori" come i malati di Sla non contiamo nul

Alessandro Rampani 24.10.13 18:45| 
 |
Rispondi al commento

E morto il primo vero eroe della rivoluzione dei diritti del Popolo Sovrano; senza chiasso, senza spaccare vetrine, senza imprecare, offrendo e sacrificando la propria vita sull'altare del Napolitano, dei partiti, della mafia legalizzata, delle chiese sordo mute! Viva la rivoluzione del Popolo che pensa di avere una dignità da far rispettare! Viva Raffaele Pennacchio, 55 anni affetto da SLA, era una delle anime del direttivo del ‘Comitato 16 novembre onlus’; l’ultima sua battaglia è stato il presidio a Roma del 22 ottobre sotto il ministero dell’Economia. Chiedeva, come tanti, sostegno, maggiori fondi per l’assistenza domiciliare dei malati gravi e gravissimi, il nomenclatore tariffario aggiornato (l’elenco di ausili e protesi per disabili). Poi l’incontro con il governo rappresentato dal viceministro del Lavoro e delle politiche sociali Maria Cecilia Guerra, dal sottosegretario all’Economia e alle Finanze Pier Paolo Baretta e dal Sottosegretario alla Salute Paolo Fadda, Raffaele Pennacchio continuava a dire, “fate presto, noi non abbiamo più tempo”. Ieri sera al rientro in albergo una complicazione polmonare lo ha portato via.

“Il dottor Pennacchio non è morto a Roma perchè era in vacanza, ma per lottare per i diritti dei malati gravi“ ha detto Mariangela Lamanna, portavoce del Comitato 16 Novembre, ricordando Raffaele Pennacchio, malato di Sla, da sempre impegnato nei presidi e nelle proteste per chiedere l’aumento dei fondi per la non autosufficienza e l’assistenza domiciliare per i malati gravi. La sua ultima battaglia ieri. “Dopo aver passato la notte sotto il Ministero dell’Economia insieme a tanti altri malati – “Noi – denuncia Lamanna - addebitiamo questa morte ai politici che hanno scelto di rappresentarci dimenticandosi i diritti dei più deboli. Dopo anni di lotta nessuno ci venga a dire che non si sente responsabile”

Signor Napolitano, lei che non rappresenta volutamante tutti gli italiani, si vergogni!! "Partiti di merda" voi non rappresentate il Popol

Alessandro Rampani 24.10.13 18:35| 
 |
Rispondi al commento

I media sinistrati scavano come i cani da riporto
Questa volta portano un po' di merda
I sinistrati sono alla canna del gas

Riccardo Garofoli 24.10.13 18:33| 
 |
Rispondi al commento

Hanno sempre più paura e questo è un buon segno. Avanti tutta

Armando ., Milano Commentatore certificato 24.10.13 18:31| 
 |
Rispondi al commento

La regione Lazio e un verminaio
C'è stata una gestione combinata
In regione Lazio le larghe intese sono prassi normale da decenni e ZINGARETTI il culo per tutte le poltrone e quello che mentre pensava di candidarsi a sindaco di Roma in provincia spendeva oltre i 200 milioni per una nuova sede della provincia , proprio quando il governo monti parlava di abrogarle
Sono sinistrati dentro e hanno sinistrato tutto quello che hanno toccato
ZINGARETTI un uomo tre culi

Riccardo Garofoli 24.10.13 18:29| 
 |
Rispondi al commento

BRAVISSIMI!!

E speriamo che le condanne della corte dei conti non finiscano nel dimenticatoio come sta succedendo con Renzi!

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato 24.10.13 18:18| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
REPUBBLICA DEI "VENDUTI",NON SI SMENTISCE MAI
ALVISE

alvise fossa 24.10.13 18:07| 
 |
Rispondi al commento

Avanti così !

Paolo C., Roma Commentatore certificato 24.10.13 17:35| 
 |
Rispondi al commento

Il punto è che se fossero veri giornalisti non lavorerebbero certo per Repubblica dominio del PD che da sempre ama rimpinguare di leccapiedi le proprie fila, non ci si deve quindi stupire se questi scribacchini si dilettano nel dileggiare l'unico vero nemico del padrone, vale a dire il M5S. In alto i cuori il giorno è giunto li spazzeremo via, loro lo sanno e nascondono il terrore dietro l'aggressività, tipico di chi non ha argomenti.

Riccardo Parodi, Recco Commentatore certificato 24.10.13 17:25| 
 |
Rispondi al commento

Grandi!!! Avanti così. Sempre e solo M5S

Franco R, Aulla (MS) Commentatore certificato 24.10.13 17:13| 
 |
Rispondi al commento

è notorio a tutti che i giornalisti di Repubblica sono dei fantasisti fanatici...e non è un caso che la maggior parte dei lettori siano così affezionati a quella sottospecie di quotidiano poiché leggono proprio ciò che gli piace nel "profondo"; a mio avviso, l'unico pregio che ha quel giornale è il comodo e maneggevole formato.

Paolo G., Roma Commentatore certificato 24.10.13 16:57| 
 |
Rispondi al commento

Aaaaaah! il quarto potere! :)

Fausto G., Roma Commentatore certificato 24.10.13 16:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori