Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

L'Italia chiusa per tasse

  • 70


italia_chiusa.jpg

La Cgia Mestre ha calcolato la pressione fiscale di fine anno per varie tipologie di aziende:
- un commerciante con un negozio di 71 mq (ditta individuale, nessun dipendente) tra novembre e dicembre dovrà versare 10.887 euro
- un artigiano con laboratorio e due dipendenti 18.181 euro
- una società di persone con 2 soci, 5 dipendenti e un capannone 36.895 euro
- una Srl con 2 soci lavoranti e 10 dipendenti sarà gravata da versamenti per 56.212.
Alcune notizie degli ultimi giorni: "Nei primi otto mesi di quest'anno hanno chiuso oltre 50mila aziende impegnate nei settori del commercio e del turismo". "In sei mesi a Thiene chiuse 112 imprese". "Crolla l'apprendistato nella Marca, a casa oltre 30mila persone. Tra luglio 2012 e giugno 2013 hanno chiuso in provincia di Treviso circa 1.500 aziende.". "Sciacca, chiuse 100 imprese dall’inizio dell’anno. La Cna lancia l’allarme: siamo al collasso."

9 Ott 2013, 12:08 | Scrivi | Commenti (70) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 70


Tags: artigianato, aziende chiuse, CGIA Mestre, crisi, piccole e medie imprese, Pmi, pressione fiscale, tasse, Thiene

Commenti

 

bellissimo argomento! complimenti!

Antonella Florin 04.11.13 12:02| 
 |
Rispondi al commento

Con le recriminazioni classiste non si va da nessuna parte. Cosi' come l'impero Romano ai tempi di Diocleziano , l'Italia di oggi non e' emendabile dagli stessi che ne traggono giovamento. Gli agenti delle tasse di allora rincorrevano le vedove e gli orfani per prendere la tassa sull'eredita'. Equitalia distrugge la ricchezza delle famiglie in nome di uno stato che ha perduto il rapporto etico con i suoi cittadini. Lo stato in tale condizione e' destinato a fallire.

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 11.10.13 21:07| 
 |
Rispondi al commento

ehm, l'euro non c'entra niente?
Che abbiamo una valuta sopravvalutata del 30% e' ininfluente?
Prendiamo ad esempio una azienda italiana ed una tedesca producono lo stesso identico prodotto, utilizzando gli stessi materiali e macchinari, consumando la stessa energia, con lo stesso numero di dipendenti, stessi sprechi e stesso grado di diligenza.
Risultato? Il prodotto tedesco costa il 30% di meno.
Perche' le aziende tedesche si finanziano a tassi piu' bassi delle nostre, perche' l'inflazione tedesca e' piu' bassa ecc... Tutti i motivi che conosciamo.

Se i nostri prodotti sono fuori dai mercati e' ovvio che le aziende chiudono, che aumenta la disoccupazione e esplode la spesa pubblica.
L'aumento delle tasse e' la CONSEGUENZA della chiusura delle aziende, non la causa.

Cristiano Streppa, Sant'Elpidio a Mare Commentatore certificato 10.10.13 18:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Spero che dopo aver visto anche il governo degli annunci sappiano tutti cosa votare e interagire con il mondo della politica in futuro...

Mi spiace per tutti quelli che avevano già scelto M5S e senza il più forte sostegno degli altri colleghi che hanno chiuso o stanno per farlo, hanno pagato comunque lo scotto delle "larghe intese", purtroppo sono dei loro.

Mi spiace, (un po meno) anche per chi non ha votato M5S ma, spero e mi auguro che prima per loro stessi e poi per tutti gli altri abbiano capito l'errore commesso e se ne ravvedano subito dando sostegno al Movimento in ogni modo possibile, non è mai troppo tardi per uscirne dal lettamaio.

Lello Marino (marins) Commentatore certificato 10.10.13 18:26| 
 |
Rispondi al commento

Peggio di così non potrebbe andare sia nel mondo che in Italia.
Albert Einstein diceva che ‘follia è fare sempre la stessa cosa e aspettare risultati diversi’. Invece chi governa le banche e l’economia continua sempre a fare gli stessi errori. Come stampare denaro in continuazione per comprare tempo e non risolvere i problemi ma solo ingigantirli, distorcerli o procrastinarli. Io ho un sogno nel cassetto. Prendere tutti i banchieri e politici ignoranti e confinarli in qualche posto in Australia per 20 anni togliendoli dalla circolazione. E sono sicuro che l’Italia né trarrebbe solo giovamento. So che magari è poco intuitivo e che tutti dicono ai politici e banchieri di fare qualcosa.
Ma sono arrivato alla considerazione che la vera salvezza è non far prendere loro alcun provvedimento.

Giuseppe S., Assemini Commentatore certificato 10.10.13 17:21| 
 |
Rispondi al commento

è una situazione ormai insostenibile, sono sinceramente addolorata per chi ha investito tutto in una attività e se la vede mangiare dalle tasse, ma non sono d'accordo inneggiare all'evasione perchè dall'altra parte ci sono i pensionati e i lavoratori dipendenti che non lo possono fare, le tredicesime vengono completamente inghiottite dalle tasse ed i soldi in busta paga sono sempre di meno. allora se si inneggia all'evasione, quella terapeutica naturalmente devono avere la possibilità anche gli stipendiati e i pensionati. è ora di farla finita con l'evasione e pagare tutti le tasse.

elvira marinelli 10.10.13 17:06| 
 |
Rispondi al commento

complimenti per aver contribuito ad abolire il reato di clandestinità..... adesso portateveli a casa !!!

Cecilia Giulia Camanni 10.10.13 13:46| 
 |
Rispondi al commento

La provincia di Varese ha ormai più saracinesche abbassate che alzate. 1/5 dei paesi è all asta o ci è già andato, le aziende che sopravvivono stanno andando in Svizzera dove sono aiutate a trasferirsi e riprendersi. Quelle in italia hanno la pistola dell agenzia delle entrate alla testa.Sono agente immobiliare i dati sono veri

Dave 10.10.13 13:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ecco in casi come questi un popolo deve unirsi e non pensare a dividersi

giuseppe lo presti 10.10.13 13:25| 
 |
Rispondi al commento

Io sinceramente invidio chi pagherà quelle tasse , perchè significa che ha i soldi per farlo.....io non me lo posso permettere , e trovo contronatura indebitarmi con la banca ( ammesso che mi diano i soldi) per pagare le tasse : è come se un ragazzo dovesse pagare per lavorare.....cose dell'altro mondo!

Biagio I. Commentatore certificato 10.10.13 13:23| 
 |
Rispondi al commento

Il ricco nord est ormai è con le pezze al culo ve lo garantisco io .

Astolfi m., Treviso Commentatore certificato 10.10.13 12:57| 
 |
Rispondi al commento

Ovvio,detassare invece di Sovvenzionare.Questa è la cosa piu importante da Portare avanti ad Oltranza.40 Miliardi per le imprese,con 2 Letta gia ci ha Pagato Berlusconi,per l'approvazione della sua carica Politica.Debbono togliere le Tasse non Agevolare.Questo gioco sporco deve terminare al piu Presto.

Alessandro P., Roma Commentatore certificato 10.10.13 09:45| 
 |
Rispondi al commento

Mi hanno preso tutti i beni,ora sono libero,nullatenente,con un stipendio...sto da dio,non pago più niente!!!!

Robertino Venturi, faenza Commentatore certificato 10.10.13 09:43| 
 |
Rispondi al commento

Bello lo sguardo en in America, perchè in Italia non è possibile fare la stessa cosa? In america i federali, in Italia gli statali... Tutti senza stipendi... :) quelli si che hanno capito come prendere per le palle il presidente!

Panfilo 10.10.13 09:01| 
 |
Rispondi al commento

Sii la CNA ha lanciato l'allarme, ma semplicemente perché non sanno più come mantenere i loro imboscati!
CNA non ha mai fatto un cazzo per i loro iscritti!

Tioli Stefano 09.10.13 21:38| 
 |
Rispondi al commento

e da dove li devono andare a prendere? e per che cosa poi? per mantenere i parassiti??? l'itaGlia è ogni giorno peggio1!!

Bruno Cinque (b5), Trieste Commentatore certificato 09.10.13 21:19| 
 |
Rispondi al commento

Ma davvero siamo arrivati a dare più importanza alle tasse che alla vita? Ci sentiamo così obbligati a pagarle X paura di "non so cosa", che preferiamo non comprare da mangiare x pagarle... Xke pure l'imu sulla prima casa adesso?E xke aumentare quella sulla seconda? Mio padre ha ricevuto in eredità una casa da mio nonno, xke deve pagare così tanto x un bel gesto del mio caro nonno? E la service tax a gennaio? E la Tarsu e la tares quest'anno? (Intanto il mio paese è sommerso dai rifiuti) Xke la corte costituzionale non dice niente su un governo votato da nessuno? Questo tipo di governo non si era neppure presentato alle elezioni, come fa ad essere lì? Mancano i soldi ed il debito è troppo alto, xke non stampare moneta? Possibile che una legge, un regolamento che "è l'astrazione allo stato puro" abbia più valore della vita e dello stare bene? Siamo vittime ma colpevoli xke di fronte a quanto sta accadendo non muoviamo un dito...prima si diceva che nessuno scendeva in campo xke mancava un leader, qualcuno che facesse il primo passo insomma, adesso che c'è addirittura un movimento quale scusa abbiamo x non scendere in piazza a riprenderci la nostra vita? Siamo vittime di noi stessi.
E' l'Italia che muore, calpestata dagli italiani che non sanno difenderla. Siamo la vergogna dei nostri nonni.

fabio lo iacono 09.10.13 20:13| 
 |
Rispondi al commento

l'unica cosa da fare adesso in Italia e' imbracciare le armi andare a Roma mettere a ferro e fuoco la città e riprendersi il potere rubato in mano ai mafiosi, ma i politici che brillano furbizia hanno già capito che l'italiano non lo farà mai perchè, l'essere italiano comporta fare la guerra con i propri fratelli, quindi non sarà mai che scenderemo in piazza insieme uniti per combattere i mafiosi politici, piuttosto di fare questo gesto coerente coraggioso, gli italioti emigrano......sic

ateologo1 09.10.13 19:53| 
 |
Rispondi al commento

Ma la Costituzione non dice forse che la Sovranità spetta al popolo? allucinanti questi hanno fatto un colpo di Stato nel nostro paese....mangiando e godendo con i soldi nostri!!! sono tutti perseguibili per attentato alla costituzione italiana!!! perchè si doveva tornare al voto senza inciucci vari!!!

Alessandro P. 09.10.13 19:38| 
 |
Rispondi al commento

Finchè ci sono i soldi per pagare gli statali non cambierà nulla...

Guido Lavoe 09.10.13 18:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il problema delle carceri è arrivato nei pensieri del presidente Napolitano. Ci sarà anche il problema delle produzioni e del commercio? Degli imprenditori e dei commercianti? e dei costi relativi oltre alle tasse nei pensieri di Costui?

luciana m. Commentatore certificato 09.10.13 17:58| 
 |
Rispondi al commento

oggi in italia aprire una attività con partita iva è una cosa della massima pericolosità per sè, per i propri cari e per i propri beni.
Nel caso si voglia aprirla farlo con la massima prudenza facendo attenzione di non avere alcun bene intestato (verrebbe pignorato o ipotecato inevitabilmente da equitalia); avere un conto corrente all'estero per ogni evenienza.
PRUDENZA!

romeo c. Commentatore certificato 09.10.13 17:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma come!. Quei bastardi si spartiscono i soldi degli italiani e sono anche i miei soldi, contro il volere del popolo che ha votato no al finanziamento dei partiti. Una parte di quei soldi mi servirebbero per mangiare ma non posso mangiare perché devo pagare le tasse e se non pago le tasse mi tolgono la casa che con sacrifici immensi mi sono fatto da quando avevo dieci anni. È ora di finirla,qualcuno faccia qualcosa. Siamo stremati e confusi da tanta burocrazia e da tante prese per il culo. Maledetti...non riesco a trovare parole migliori

moreno incazzato 09.10.13 17:06| 
 |
Rispondi al commento

Perfino Mediobanca, tempio della grande industria,si accorse e denunciò che le PMI pagavano imposte enormemente più alte dei concorrenti maggiori. Questo studio della Cgia di Mestre conferma che nulla è cambiato e che i tartassati restano sempre i piccoli. In questa logica malsana e incostituzionale si inserisce oggi anche il blocco dell'adeguamento istat delle pensioni lorde oltre i 3.000 euro, corrispondenti a circa 1.700 netti . E le pensioni d'oro da oltre 5.000 euro al mese ? Quelle sono intoccabili perfino per la Corte Costituzionale.

Paolo C., Roma Commentatore certificato 09.10.13 17:03| 
 |
Rispondi al commento

Recita un proverbio cinese:

"Siediti sulla riva del fiume e prima o poi vedrai passare il cadavere del tuo nemico"

Mi sono seduto e... fino ad ora ho visto solo cadaveri di amici ma visto che di rivoluzione armata non se ne parla "ancora" (...ma se va avanti così arriverà presto...) allora io aspetto perchè gli stronxi incravattati non se ne andranno MAI!

Che questo paese deve toccare veramente il fondo per far capire alla gente cosa sta succedendo?

Forse sì!

Mario Bottini, Castellanza (VA) Commentatore certificato 09.10.13 16:46| 
 |
Rispondi al commento

La Cgia di mestre e' bravissima a lanciare alti lai per i poveri commercianti, artigiani, piccoli imprenditori massacrati dalla crisi ed ha certamente ragione. Cosi' come e' vero che la crisi e' generale e per gran parte importata fraudolentamente dall'America. Ma una parte di responsabilita' se la crisi italiana e' peggiore di quella della maggior parte dei nostri vicini europei va riconosciuta proprio ai commercianti, agli artigiani, ai piccoli e grandi imprenditori. Ricordo benissimo cosa e' successo nel 1992-93, con la complicita' del governo Berlusconi succeduto a quello Prodi che aveva portato l'Italia nell'euro. In pochi mesi l'euro, che valeva duemila lire circa, fu svalutato nella pratica del 50 per cento. Cominciarono i commercianti col giochino truccato del doppio prezzo, seguiti poi da tutti gli altri produttori e partite IVA ( artigiani imprenditori, avvocati, medici e via dicendo). Il cambio reale a 1000 lire fece crollare il potere di ecquisto di tutti i lavoratori a reddito fisso (impiegati, operai, insegnanti,pensionati, statali). Per qualche anno si ando' avanti attingendo ai risparmi, poi indebitandosi, oggi vendendo ai comprooro. Finita l'argenteria il potere di acquisto dei redditi fissi crollera' ulteriormente e non ci saranno soldi nemmeno per commercianti, artigiani, imprenditori. Bel risultato vero? Senza contare lo sconvolgimento della classe media passata da uno all'altro gruppo sociale. Il signor professore e' stato sostituito dal signor elettricista. Percio' cara Cgia di Mestre, prima di pontificare sulla crisi, mettiti una mano sulla coscienza.

Adolfo Treggiari 09.10.13 16:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dobbiamo ripartire con delle regole di tassazione diverse.

Chiediamo una moratoria dei debiti con lo Stato
Una moratoria non un condono dove ci permetta di ripartire non pagando il doppio del dovuto.

Chiediamo di pagare le tasse entro anno lavorativo e non a scadenze prefissate

Chiediamo di togliere balzelli di qualsiasi tipo
tipo tasse insegne

Chiediamo di aprire alle Agenzia delle Entrate uno sportello dove ci possiamo recare e pagare le tasse direttamente onde evitare di pagare una terza persona che ci deve tenere i conti per voi.

Chiediamo una trasparenza di tassazione

Costruire qualunque cosa e' sempre piu' utile che girare delle carte. Aiutate a costruire ,possiamo ancora farcela .............un artigiano.

ROBERTO GHIDONI, ANDORA Commentatore certificato 09.10.13 16:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io non sono un evasore....contribuisco secondo le mie possibilita mz oltre ho doveri verso la mia famiglia e questi sono prioritari.del resto se pagassi tutto quello che mi si chiede avrei gia chiuso da un bel po. Fate come me. Stabilite voi la somma che potete e per il resto mandateli affanculo dopo aver fatto in modo da non essere ricattabili...

raffaello raffaelli, arezzo Commentatore certificato 09.10.13 15:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

per me dovrebbe essere dichiarato un vero e proprio stato di calamità naturale...
in base a questo cancellare tutto e sospendere il sospendibile
resettiamo tutto ( cartelle tasse studi di settore ) e ricominciamo daccapo
facciamo come se fosse successo un terremoto: eliminiamo le cartelle esattoriali, incentiviamo gli acquisti e le iniziative eliminando orpelli inutili e dannosi
soccorre semplificare tutte le procedure occorre fare ricorso alle autocertificazioni e alle auto dichiarazioni snelliamo questa burocrazia fatta di scatole cinesi: a capo nella scatola più grande ci sono sempre le stesse persone

maria rosaria ferrara 09.10.13 15:28| 
 |
Rispondi al commento

oggi, da bravo artigiano senza lavoro, ho ricevuto la notifica di inps ed inail che mi fanno gentilmente (si fa per dire) notare che non ho pagato l'ultima rata della loro, nel mio caso, trentennale estorsione.
Cari signori, credo proprio che vi toccherà andare a lavorare veramente, così imparerete cosa vuol dire!
da parte mia non vedrete più un euro. dopo 30 anni di contributi ora che non ho lavoro non ho diritto a NIENTE.
se capita faccio fattura, ma non presento la dichiarazione e non pago contributi. non ho più casa, auto, moglie, figli. cosa mi fate? mi mettete in galera? magari! in Italia i carcerati stanno meglio e sono più tutelati dei lavoratori.
nel porgere distinti saluti approfitto per mandarVi affanculo.

mister x, ravenna Commentatore certificato 09.10.13 15:15| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

CIAO BEPPE,
E'FINITA,PER I PARTITI,E' FINITA E SE NE DOVRANNO RENDERE CONTO
ALVISE

alvise fossa 09.10.13 15:15| 
 |
Rispondi al commento

ORMAI E' UN BOLLETTINO DI GUERRA I DATI CHE GIORNO DOPO GIORNO VENGONO PUBBLICATI FANNO CAPIRE CHE PER IL NOSTRO PAESE E' SOLO QUESTIONE DI TEMPO, MA IL FALLIMENTO E' IMMINENTE!

RINGRAZIAMO 40 ANNI DI POLITICA PRO CASTE, NEL ESCLUSIVO INTERESSE DI PARTITO A TOTALE SCAPITO DEL PAESE.

IL PROSSIMO PASSO DELLA TROICA SARA' L'INVIO DI UN NUOVO COMMISSARIO PER ESEGUIRE L'ENNESIMA MANOVRA LACRIME E SANGUE "PER IL NOSTRO BENE E PER RISPETTARE I PARAMETRI".

CONDIVIDIAMO A LIVELLO NAZIONALE SEMPRE DI PIU' LE VERE INFORMAZIONI ED INFORMIAMO GLI ALTRI CITTADINI CHE VEDONO GIORNALMENTE QUESTA CRISI INDOTTA MA ANCORA NON NE CAPISCONO I MECCANISMI.

Max P., BG Commentatore certificato 09.10.13 15:07| 
 |
Rispondi al commento

Ci stanno letteralmente dissanguando, per farsi la loro campagna elettorale e per pulire le loro coscienze usano i nostri soldi, 190 milioni di euro per gestire l'immigrazione, acconto delle tasse al 103%,tares doppia rispetto all'imu, guardate quanti tirapiedi e guardie del corpo hanno, anche personaggi che non hanno alcun incarico al governo, guardate con che auto blu viaggiano, non rinunciano a nulla, è ora di dire basta andiamo a prenderli a calci nel culo sotto il parlamento, Beppe organizza una marcia su Roma

Giuseppe Ilardi 09.10.13 15:06| 
 |
Rispondi al commento

bravi avete votato pdl o pd o lista (idiota ) monti ...continuate a votarli ......ahahahahahahahahahah

the1fabio 09.10.13 14:55| 
 |
Rispondi al commento

Del culo dobbiamo andare ! Ci vanno anche loro. Gli incravattati!!!

Livio giubergia 09.10.13 14:55| 
 |
Rispondi al commento

Aspettatevi la nuova manovrina carina carina. Irpef per i lavoratori dipendenti tutti da 101 a 103%.
Lo Stato, questo stato, porterà chi ha ancora un lavoro a morire di fame come chi non lo ha. Spero che finalmente gli italiani se ne stiano rendendo conto.

Luca 09.10.13 14:49| 
 |
Rispondi al commento

Se a una persona, oggi, gli venisse in mente di aprire una attività in Italia, è meglio che si dia una martellata in testa.
Così il cervello impara a non avere idee cretine.

giorgio peruffo Commentatore certificato 09.10.13 14:38| 
 |
Rispondi al commento

IL MIO PRESIDENTE ... è ...

LO DICO CON CORAGGIO E SPREZZO DEL PERICOLO ... ma ... A RAGION VEDUTA .

Il rispettabile e ... VOSTRO ! ... presidente della repubblica italiese ... DETTA ANCHE ... la repubblica delle banane ( Con tutto il GRAN rispetto per le VARIE ... repubblichette delle banane ... )

è un personaggio ... INDEGNO ! ... di presiedere ... una nazioncina ... ( In parte ! ... ) INDEGNA ! ... governata ... INDEGNAMENTE ! ... da personaggini ... INDEGNI ! ... di governare ... un piccolo paesucolo che ... UN Dì ! ... MOLTO LONTANO NEL TEMPO ! ... aveva ... FORZA & CULTURA ! ... FANTASIA & ORGOGLIO ! ... DECISIONE & CORAGGIO ! ... INTELLIGENZA CREATIVA ! ... che ORA ! ... NON HA PIù ! ... DA TANTO TEMPO ! ... personaggini ... INDEGNI ! ... messi lì da ... UNA PERSONA INDEGNA ! ... di farsi chiamare ... presidente ! ... palesando ... nei momenti topici ... poca ... DIGNITà ! ... facendo 60 ANNI ! ... di ... INDEGNA ! ... & ... sporca ... POLITICA ! ... ( Con innumerevoli ... BUCHI NERI ! ... & ... OSCURI ! ... del passato ... ) Accettando ... INDEGNAMENTE ! ... la proroga presidenziale ... per ... NON MIGLIORARE & DARE UN FUTURO al paese ! ... anche ... IL SUO ! ... paese ... ORA ! ... paesucolo senza futuro ... UNA PERSONA ... INDEGNA ! ... che si è sempre contornata di ... PERSONE ! ... altrettanto ... INDEGNE ! ... di farsi chiamare ... ITALIANI ! ... e ... che Dio ! ... mi sia testimone ... amen

Romy Beat, Pietrasanta Commentatore certificato 09.10.13 14:23| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Per chi cerca lavoro, qui ci sono 50 assunzioni...

http://www.umarcocali.com/2013/10/cinquanta-assunzioni-in-sapienza.html

Leopoldo Leopo Commentatore certificato 09.10.13 14:20| 
 |
Rispondi al commento

Le PMI sono al collasso e Letta si spertica per salvare i padroni di Alitalia con i soldi dei cittadini.

Paolo C., Roma Commentatore certificato 09.10.13 14:19| 
 |
Rispondi al commento

la borghesia italiana che ci ha condotto a questa catastrofe economica deve assumersi le sue responsabilità e ora che paghi lei la crisi patrimoniale subito sui capitali e sulle grandi proprietà fondiarie, domostrino il buonismo con l'attaccamento alla patria e al benessere sociale del paese non coi pochi spiccioli dati ai migranti e facendo pagare tutto a noi poveracci

luigi longo 09.10.13 14:18| 
 |
Rispondi al commento

Sono un artigiano e posso confermare che più o meno le cifre sono quelle alle quali però occorre aggiungere il 23 per cento di INPS sul reddito imponibile, quindi le cifre sono molto più alte senza contare INAIL, iscrizione a camera di commercio ecc. Voglio anche dire che non si parla di redditi da capogiro, ma che possono aggirarsi itorno ai 30/35000 euro lordi. ......e per arrivare a quelli bisogna lavorare 12 ore al giorno. ........ ciao a tutti !

mauro cavallino 09.10.13 14:04| 
 |
Rispondi al commento

I nostri problemi sono ben altri! (famoso benaltrismo)
Vuoi mettere il piccolo problema delle aziende che chiudono, delocalizzano, ancor meglio falliscono o scappano notte tempo all'estero, con la questione dei matrimoni gay, della cittadinanza agli immigrati? Su queste questioni bisogna legiferare ci vogliono leggi immediate sul femminicidio, (che cos'è il femminicidio? Se ammazzo una donna becco l'ergastolo e se invece ammazo un uomo mi danno una schiaffo sulla mano!?) La legge sull'omofobia? Cioè se dico brutto gay mi arrestano per diffamazione e se invece dico stronzo di un etero invece non corro nessun rischio?
E la legge che tutela quelli bassi di statura? O quelli troppo alti?
Ma vi rendete conto conto di cosa stiamo parlando?
Crimi ironizza sulla prostata di Berlusca, D'Alema ironizza sull'altezza di Brunetta, Berlusca ha da ridire sulla bruttezza della Rosibindi la quale domani si potrebbe svegliare male e dare del ciccione a Crimi
Facciamo subito una legge a tutela di tutti questi pagliacci?
Siamo un popolo già morto, ma ancora non lo sappiamo!!

Fabrizio tornado 09.10.13 13:55| 
 |
Rispondi al commento

Idem come il collega Marco Catone. A fine anno ci sarà il capolinea anche per la mia ditta individuale, quindi 12 anni circa buttati nel cesso....

Cristian Chessa 09.10.13 13:48| 
 |
Rispondi al commento

"Da noi in Svissera ci stiamo già accorgendo dell'immigrazione di massa
proveniente dall'Italia.

In Ticino, ad esempio ci sono 80.000 lavoratori indigeni o stranieri con
permesso C (cioè abitano e che pagano le tasse qui)
Oltre a loro ci sono oltre 60.000 frontalieri (cioè che abitano in Italia
e tutti i giorni vanno a lavorare in Ticino e rientrano la sera a casa). A
questi si trattengono le tasse direttamente ullo stipendio e poi si
ristorna una gran parte al governo Italiano che se li mangia tutti lui
invece di rendere la quota parte ai comuni di provenienza dei frontalieri.
Ecco non è che solo si licenzia l'indigeno e per lo stesso stipendio si
SFRUTTA due frontalieri, ma addirittura i possessori del permesso C vengono
eliminati a favore dei frontalieri (Italiano che spodesta un connazionale
alle dipendenze di una ditta italiana)...."

sandrolibertini 09.10.13 13:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma il paradosso è che le risorse ci potrebbero essere, oramai lo sappiamo tutti dove sono, anche loro lo sanno più che bene ma guai togliersi un cent che scherziamo, magari si affama un popolo (di dementi perchè altrimenti tutto questo non sarebbe successo), piuttosto,di tutti gli abnormi privileggi se ne togliessero una spilla, dico una.
Tanto la fine sarà come ce la insegna la storia, ci vorrà che scorra sangue per cacciar via gli approfittatori di turno perchè tanto questi non mollano sono oramai troppo innebriati dal potere che si sono presi con cinica astuzia.
La rivoluzione Francese, quella Russa, le guerre mondiali, tutti gli approfittatori storici dopo aver commesso scempi umani
Alla fine hanno pagato il loro abbominio, dovrà succedere anche quà, non c'è luogo a procedere.

iuri caputo 09.10.13 13:31| 
 |
Rispondi al commento

"Gli storici del futuro considereranno l'Italia come il caso paradigmatico di una nazione che in soli vent'anni è riuscita a precipitare dallo status di una prospera nazione industriale alla condizione di desertificazione industriale, collasso demografico, terzomondizzazione galoppante, produzione culturale in rotta e un completo caos politico-istituzionale."

Ecco quanto si legge su un blog della London School of Economics, ce n'è per tutti: http://blogs.lse.ac.uk/eurocrisispress/2013/10/08/the-demise-of-italy-and-the-rise-of-chaos/

Qui o succede un miracolo o il paese verrà completamente distrutto in meno di una generazione.

Manlio Pezzano 09.10.13 13:18| 
 |
Rispondi al commento

I nostri governanti pensano che si debbano aumentare le entrate per coprire i buchi: iva al 22%, aumento dei carburanti (che sono già aumentati grazie all'aumento IVA), aumento IRES ed IRAP..... SVEGLIA!!!!! così si contraggono sempre di più i consumi e quindi gli aumenti di aliquota non bastano per coprire il calo di entrate dovute alla contrazione della base imponibile. Ma il ministro dell'economia ha studiato un po' di Economia?

gp75 09.10.13 13:05| 
 |
Rispondi al commento

Ciao e la prima volta che commento siate pazienti. Napolitano dice che c e ne freghiamo dei carcerati.... ma lui e i suoi compari degli italiani se ne interessano??? Peccato io inizio a sentirmi per causa loro più itagliaccio che italiano... Un saluto a tutti..

francesco pomante 09.10.13 13:03| 
 |
Rispondi al commento

Ma scusate se l' Italia ha uno dei debiti pubblici piu' gravi del mondo i nostri politici da dove li prendono gli stipendi??? Cioe' se in un'azienda sei indebitato di 1 milione di euro come fai a prendere lo stipendio? INCANTESIMI

Giorgio Roma 09.10.13 12:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

:-0 ci vorrebbe un presidente della republica che facesse un messaggio alle camere per segnalare il problema

massimo x 09.10.13 12:36| 
 |
Rispondi al commento

come mai, il nostro emerito presidentuccio non fà un monito al parlamento su questa problema. sollecitando le camere ad abbassare le tasse?? visto che lui si preoccupa degli italiani........................................

lillo birillo 09.10.13 12:35| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna dimezzare i dipendenti e le spese statali, e spostare questi nella produzione reale.
Con metà tasse, le PMI potranno assorbire tutto questo.
Stanno facendo viceversa, fanno morire le Pmi , per racimolare il fondo, e poi dimezzeranno comunque, oppure tutto andrà perduto, e riprenderemo ad emigrare.
Le PMI stanno morendo, le grandi industrie sono gia svendute, e tutti sono concentrati su carcerati e carcerati.
Il futuro sarà cosi:
Gli italiani emigreranno in massa,
E ttutti i politici e comandanti, resteranno al loro posto, a gestire il cambio di razza.

Franco Losini 09.10.13 12:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bene ha fatto la CGIA di Mestre a dare la pressione fiscale individuale, in quanto, come sappiamo, spesso abbiamo come risultati la media del pollo di Trilussa.
Occorre fare delle precisazioni:
- la pressione fiscale è data da entrate fiscali/PIL.
Quest vuol dire che la pressione fiscale è ben maggiore perché le entrate fiscali sono quanto lo Stato incassa, non quanto chiede o vorrebbe. Il Pil è aumentato del 20% (lo chiede la UE) per tenere conto del sommerso, ma il sommerso non paga le tasse, quindi la pressione è ben maggiore.
Spesso i dati della pressione fiscale non sono complessivi, non tengono conto di quanto si versa per la previdenza (obbligatoria), per tributi comunali,altri tributi (bollo auto, canone tv, ecc) o impropri (autostrade, libri scolastici, ecc). L'evasione fiscale è diseguale, vi sono regioni con un tasso del 135 ed altre a cui arriva all'80%. Infine occorre ricordare che le imprese italiane pagano l'RC auto il doppio che in Francia o Germania, la luce, il gas, i telefoni dal 20 al 50% in più, che la benzina è la più cara del mondo, le spese bancarie molto elevate.
Con tutto questo oggi chi fa impresa (e con le banche che hanno tagliato i crediti per comperare titoli di Stato) è un eroe.
Da mesi leggo annunci sull'intollerabile, dannosa e stupida pressione fiscale italiana. Lo Stato italiano è l'unico che in questa crisi ha aumentato le tasse invece che tagliare la spesa pubblica. La CGIA farebbe meglio a suggerire ed organizzare lo sciopero fiscale dicendo ai propri iscritti "o lo fate o presto dovrete chiudere". Se tutte le organizzazioni, i cittadini, organizzassero lo sciopero fiscale ben presto il governo, qualunque governo sarebbe costretto a fare l'unico cosa giusta: tagliare pesantemente la spesa pubblica a partire da lussi, sprechi e privilegi.

Alessandro G. Commentatore certificato 09.10.13 12:24| 
 |
Rispondi al commento

Ma ma tanti a Roma che cazzo gliene frega senza soldi e lavoro ci stiamo noi bene

Ale.t 09.10.13 12:14| 
 |
Rispondi al commento

Anch'io chiuderò alla fine dell'anno....
Se ci arrivo.

Marco Catone (porcio), Roma Commentatore certificato 09.10.13 12:11| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori