Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Verità e giustizia per Chico Forti

  • 40


chico_forti.jpg

"Venerdì siamo stati ricevuti dal Ministro degli Affari Esteri, Emma Bonino, per discutere il delicato caso di Enrico Forti detto Chico. Chico era un imprenditore, nato a Trento, ma cittadino del mondo. E’ stato condannato all'ergastolo negli Stati Uniti a seguito di un processo di soli 24 giorni e con molte ombre. E’ stato accusato d'essere prima l’autore e poi il mandante di un omicidio. A dodici anni dalla sua condanna è a tutt'oggi detenuto in un carcere della Florida. Chico Forti si è sempre proclamato innocente. Abbiamo anche presentato alcuni atti parlamentari per approfondire il caso. L'incontro di ieri al Ministero degli Esteri, è stato molto utile, anche grazie al supporto del Giudice Ferdinando Imposimato, già occupatosi del caso in passato e in possesso di elementi giuridici che potrebbero portare un importante contributo alla battaglia per ristabilire "giustizia e verità per Chico". In un momento in cui si pensa a distribuire indulti e amnistie per i soliti nomi eccellenti, riteniamo doveroso non dimenticare i cittadini italiani (più di 3000) detenuti all'estero. Chico è oggi un simbolo per tutti coloro che cercano la verità. Nessuno potrà restituirgli gli anni perduti lontano dai suoi cari e dalla sua vita, ma auspichiamo almeno di poter contribuire con il nostro impegno alla sua battaglia verso la "libertà"." Emanuela Corda e Carlo Sibilia, M5S Camera

13 Ott 2013, 21:10 | Scrivi | Commenti (40) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 40


Tags: Carlo Sibilia, Chico Forti, Emma Bonino, Ferdinando Imposimato, giustizia, Manuela Corda, USA, verità

Commenti

 

la Bonino ha scaricato Forti. Agli Esteri qualcuno ha letto i miei saggi

claudio giusti, Forlì Commentatore certificato 24.11.13 23:19| 
 |
Rispondi al commento

quale demone vi spinge a credere alle immonde frottole chicchiane ?????

claudio giusti, Forlì Commentatore certificato 03.11.13 16:06| 
 |
Rispondi al commento

rendere pubblico l'estratto conto della raccolta di fondi... e qualora non simpossa risprire il processo a Forti, destinarebquei fondi ad altri italiani ingiustamente detenuti all'estero http://www.giornalettismo.com/archives/750029/chico-forti-un-caso-pieno-di-ombre/

marco strano Commentatore certificato 29.10.13 20:36| 
 |
Rispondi al commento

Quello che colpisce è la qualità dell'informazione mostrata dai due deputati. Conoscono solo ed esclusivamente la versione chicchiana. Non si sono minimamente preoccupati di controllarne la veridicità e si affidano a due vecchie colonne del "vecchio regime". Che facciano così con tutto il resto del loro lavoro????

claudio giusti, Forlì Commentatore certificato 17.10.13 17:07| 
 |
Rispondi al commento

Segnalo un sito con tutte le news aggregate del M5S www.m5snews.it con tanto di applicazione android gratuita.

Inoltre linko anche una radio online che trasmette tutta l'attività parlamentare dei deputati del Movimento (oltre a bella musica free): www.moviradio.it
L'App gratuita per Android è su http://goo.gl/eG295z

Francesco Lisi Commentatore certificato 15.10.13 10:59| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe...urli sempre che la rete a te tanto cara é sinonimo di verità...democrazia...confronto...e poi posti notizie del genere..prese paro paro dagli innocentisti..nessuna spiegazione del perché sia innocente secondo te ma SOPRATTUTTO nessun contraddittorio..nulla sulle prove contro il Forti. Prove molte più che concrete..e che chi è appassionato di legge e casi conosce.dov'e' ora la tua democrazia???

dario Calanchini 15.10.13 09:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma la difesa degli ergastolani rinchiusi nelle carceri americane non era nel programma sottoscritto per le elezioni.
Se avessimo detto alla gente che volevamo difendere gli ergastolani, avremmo preso percentuali da prefisso telefonico.

Peppino Parcoli 15.10.13 05:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questo Paese non e' in grado di occuparsi della sorte di un solo cittadino, figuriamoci se puo' risolvere i problemi di tutti i cittadini, e' troppo impegnato a risolvere i problemi del resto del mondo ....

Daniela R., Roma Commentatore certificato 14.10.13 15:09| 
 |
Rispondi al commento

forse sbaglierò ma credo che in Italia, se non si comincia a fare una vera LEGGE SUL CONFLITTO D'INTERESSI, saranno sempre le GRANDI INTESE MASSONICHE a sfruttare le ormai misere risorse di questo nostro beneamato Paese, e ogni altra legge, di qualsiasi oggetto economico, ambientale o sociale si tenti di votare in Parlamento, subirà sempre il ricatto pubblicitario del CONFLITTO DI INTERESSI, compresa la legge elettorale

Paolo Besso, Vercelli Commentatore certificato 14.10.13 14:59| 
 |
Rispondi al commento

Se si tratta di un caso di malagiustizia sarebbe necessario postare un link agli atti processuali in inglese altrimenti si delegittima arbitrariamente il sistema giudiziario statunitense (che le sentenze non vadano tutte rispettate è possibile ma senza sentire entrambe le campane non si può esprimere alcun giudizio obiettivo).

p.s. ci lamentiamo che i processi durano anni e quando un processo dura qualche settimana ci lamentiamo ancora perchè è troppo corto? ma non ci va mai bene niente?

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato 14.10.13 14:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CIAO BEPPE,
CHICO FORTI NON MOLLARE,NON TI ABBIAMO DIMENTICATO QUI IN ITALIA
ALVISE

alvise fossa 14.10.13 13:29| 
 |
Rispondi al commento

Facendo una breve ricerca mi assale un dubbio .... http://www.giornalettismo.com/archives/404697/chico-forti-il-caso-e-le-bugie-dei-media-italiani/
ma prima di scrivere di certe iniziative non sarebbe meglio prima avere il conforto di dati certi con un indagine conoscitiva attendibile. Nella vostra posizione dovrebbe essere facile.
Perchè rischiare il ridicolo... di darsi la zappa su i piedi con argomenti cosi delicati e incassare, in caso di torto, l'ennesima accusa di giovani incompetenti creduloni. Nella vostra posizione un po di prudenza è doverosa. Approposito c'è un sito che chiede un contributo monetario per un nuovo processo per Chicco Forti, vi prego non usate i nostri soldi per aiutarlo. Magari non è nanche lui che li chiede.

Eva ., genvoa Commentatore certificato 14.10.13 11:54| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

ritengo che per un cittadino italiano essere recluso all'estero non sia di per sé un motivo per ritenere ingiusta la sua detenzione e che giustifichi quindi azioni ufficiali (del governo, piuttosto che di movimenti d'opinione) per ottenerne la liberazione, ovvero mutarne la situazione carceraria.
Questa riflessione vale naturalmente in senso inverso, per stranieri condannati e detenuti in Italia.

guido ligazzolo, merano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 14.10.13 11:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

scusate...con tutto il rispetto per voi e per Imposimato....ma sulla base di cosa decidete che è innocente???? il sistema americano è fallibile tanto quanto il nostro..ergo...dobbiamo mettere in discussione anche tutte le sentenza di condanna emesse qui (magari anche quella di Silvio che si continua a proclamare innocente :))?????...non vi pare di essere un pò fuori rotta? spiegate con quell'esattezza che solo il diritto può offrire il perchè del vostro intervento e magari saremo con voi...ma così...è solo cecità e forse potrebbe sembrare ai maligni un modo come un altro per agganciare i voti di chi ha problemi con la giustizia...

Rosanna Ravetto, gattinara Commentatore certificato 14.10.13 11:33| 
 |
Rispondi al commento

Ma!!!!
Cazzi nostri ultimamente mai!!!
Un post che non ha che vedere con i nostri problemi!!!
A si giusto per cambiare discorso...ms la storia degli emigrati clandestini che abete approvato rimane e la gente e incassata!!
Ma!!

Robertino Venturi, faenza Commentatore certificato 14.10.13 10:40| 
 |
Rispondi al commento

In un caso giudiziario ci sono molti modi di mentire e gli amici di Enrico “Chico” Forti li hanno usati tutti. Hanno nascosto i fatti, li hanno ignorati, distorti e inventati. Hanno ingigantito dettagli irrilevanti e creato un diritto penale americano immaginario. Hanno prodotto una gigantesca montagna di frottole dietro cui celare l’evidente colpevolezza del loro protetto. L’hanno potuto fare grazie all’incapacità della nostra classe dirigente. Non ci dobbiamo stupire se tanti sprovveduti incompetenti abbiano sposato le inconsistenti tesi innocentiste del Forti, ma dobbiamo chiederci come sia possibile che tanti politici e giornalisti non si siano minimamente informati prima di prenderne le difese: quando bastava fare una telefonata. Non pretendiamo certo che passino le nottate sui libri di diritto americano, ma ci interroghiamo sulla qualità delle informazioni che utilizzano quando prendono decisioni importanti: quelle in cui non vi sono risposte univoche come per Forti, ma in cui si scontrano teorie diverse e dove, dagli stessi fatti, si traggono conclusioni opposte. L’affare Forti illustra l’incompetenza della nostra classe dirigente e spiega molto più di tante analisi perché siamo finiti in guai così grandi

claudio giusti, Forlì Commentatore certificato 14.10.13 09:18| 
 |
Rispondi al commento

bravi

Marco C., roma Commentatore certificato 14.10.13 08:30| 
 |
Rispondi al commento

Siamo considerati servi USA ... Non potremmo mai ottenere giustizia ... No è solo la vicenda knox

Alberto Da Sabaudia 14.10.13 07:33| 
 |
Rispondi al commento

Assurdo, vicenda assolutamente da chiarire.

Ronzini Gabriele 14.10.13 02:59| 
 |
Rispondi al commento

bravi

Pol Picot (ubot), ROMA Commentatore certificato 14.10.13 02:19| 
 |
Rispondi al commento

Bravi!

Roberto Deretta 14.10.13 01:21| 
 |
Rispondi al commento

ma voi credete a qualsiasi fesseria ???????
forti è colpevole !!!!!!!!!!!!

claudio giusti 14.10.13 00:12| 
 |
Rispondi al commento

L'Italia in compenso ha permesso ad Amanda Knox di rientrare negli USA prima della sentenza definitiva della cassazione che poi ha annullato l'assoluzione in secondo grado.... Questa è l'Italia....

GiM 13.10.13 23:12| 
 |
Rispondi al commento

chico forti è colpevole come giuda e il resto son frottole

claudio giusti 13.10.13 23:03| 
 |
Rispondi al commento

pazzesco

http://www.chicoforti.com/index.php?q=la-doppia-storia-del-caso-forti

irakuenz Commentatore certificato 13.10.13 22:08| 
 |
Rispondi al commento

Una storia allucinante! Ragazzi aVanti così, come sempre nella storia di Beppe e di questo blog: gli unici a dare visibilità e parlare di casi di ingiustizia e sopraffazioni.

Marcello G., Milano Commentatore certificato 13.10.13 22:00| 
 |
Rispondi al commento

io non sono mai stato arrestato, chissà perchè.
vuoi proprio che stò tizio sia in galera perchè era antipatico?
ma pensate ai problemi dell'italia!

mister x, ravenna Commentatore certificato 13.10.13 21:54| 
 |
Rispondi al commento

Bravi Carlo, Emanuela e... Ferdinando. Una battaglia DOVEROSA, contro le storture, e i soprusi e l'evidente differenza di peso tra la giustizia USA e quella Italiana!

giuseppe ., Gonnesa Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 13.10.13 21:36| 
 |
Rispondi al commento

bravi. imposimato for president

immacolata ., genova Commentatore certificato 13.10.13 21:32| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori