Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Assunzioni anomale in RAI

  • 43


gubitosi_a_casa.jpg

"La Rai ha assunto prima dell’estate 35 giovani giornalisti destinati alle redazioni regionali. Ottima notizia di questi tempi. Una piccola anomalia però c’è. I nuovi redattori provengono tutti dalla Scuola di Giornalismo di Perugia, fondata dalla Rai con l’Università degli Studi di Perugia. Le altre realtà formative del settore, pur riconosciute dall'Ordine dei Giornalisti, non sono state prese in considerazione. Perché si tratta di un’anomalia. Esiste un accordo del 28 giugno 2013 firmato da Rai e Usigrai, assistita dalla Federazione Nazionale della Stampa, che ha come oggetto le misure sulla gestione delle “risorse umane al centro delle politiche di rinnovamento e di sviluppo della RAI”. In questo documento si programmano procedure di reclutamento di personale giornalistico esterno e misure di riassetto delle competenze tecnico professionali. Nell'accordo si legge che “l’Azienda si dichiara disponibile ad utilizzare n. 35 nuove risorse qualificate provenienti dalle Scuole di giornalismo, secondo prassi aziendale”. Il plurale di Scuole è significativo. Sembrava che Viale Mazzini intendesse ingaggiare cronisti formatisi in tutte le scuole di giornalismo, non privilegiando una realtà piuttosto che un’altra. Ma così non è andata, come è evidente: “per prassi aziendale”, la Rai si affida a Perugia. Allora quella di Perugia si viene a configurare come una scuola aziendale? Perché se così fosse l’Ordine dei Giornalisti non potrebbe riconoscerle il praticantato giornalistico, ovvero la possibilità offerta agli studenti, a fine corso di studi, di sostenere l’esame di Stato per iscriversi all’Albo dei Giornalisti Professionisti. Dobbiamo, quindi, pensare che esiste realmente una corsia preferenziale per gli studenti della scuola umbra? Se questa “prassi”, che premia Perugia e non altre, è universalmente conosciuta e trasparente, perché non è stata resa palese nell'accordo? Ho portato la questione all’attenzione del Direttore Generale Gubitosi e del Segretario dell’Usigrai Vittorio Di Trapani ricevendo risposte che non chiariscono in fondo la vicenda. Su una cosa si sono tutti dimostrati d’accordo e cioè che la necessità di chiamare in tempi brevi gli ex studenti di Perugia nelle testate regionali era dettata dall’urgenza di fare fronte al piano esodi che avrebbe lasciato il deserto nelle redazioni e messo a serio rischio la messa in onda dei notiziari. Ma un piano presupporrebbe una programmazione di interventi proprio per lavorare nell’ordinario ed evitare le emergenze, o no? Ovviamente in Commissione Vigilanza Rai insisteremo sulla vicenda. Mi preme ottenere spiegazioni per capire se si è realizzata o meno una disparità di trattamento tra giovani che hanno effettuato lo stesso percorso formativo, quello cioè delle scuole riconosciute dall’Ordine dei Giornalisti, e che con questa operazione non avrebbero avuto le stesse possibilità di ingresso in Rai che, ricordiamolo, rimane un’azienda pubblica."
Roberto Fico

Tutte le informazioni su OLTRE V3day. Clicca il banner:
Vday3_oltre

Iscriviti all'evento Facebook e invita i tuoi amici!
Invia i tuoi video su youtube con il tag #OLTREv3day sul tema "Andiamo Oltre!". I migliori saranno pubblicati sul blog.
Partecipa su Twitter con #oltrev3day

23 Nov 2013, 11:28 | Scrivi | Commenti (43) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 43


Tags: fico, giornalisti, rai, scuola giornalismo perugia

Commenti

 

Buona o cattiva la RAI e' un peso per le nostre tasche. Un odioso balzello il canone. Le altre sono gratis e a caval donato non si guarda in bocca. Casomai si cambia canale o si spegne la TV e si legge un buon libro.

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 26.11.13 17:51| 
 |
Rispondi al commento

Dovunque e cosi.Lo abbiamo sappiamo bene.Cosi si spiega il debito pubblico.Tanti pagnottisti,bel POSTO il pubblico.M A F I O P A R L A M E N T O .

Carlo D., Casoria(Na) Commentatore certificato 25.11.13 11:13| 
 |
Rispondi al commento

si ce lo ha detto l'europa per ragion di stato salviamo un ministro poi la rai ma scusate tutte le volte che viene toccata dice chei compensi li pagano con la pubblicita' allora va bene io dico per il 2014 perché il canone nn lo devoliamo dove ce ne e' necessita' intanto possiamo fare incrementare il tetto pubblicitario e quell'importo che viene pagato viene destinato dove ce ne e' bisogno poi sanremo ed altre manifestazioni tutto con la pubblicita' intanto a conforto di quanto scrivo ho visto la lttizetto che non so per quale evento si e' presentata con un bracciale dove diceva compenso euro 0.00 giovanni battista genova che l'inse

giobatta d. Commentatore certificato 24.11.13 13:52| 
 |
Rispondi al commento

Ma queste persone si rendono conto che come libera informazioni siamo messi peggio di alcune dittature africane o sud americane o Asiatiche.
Che senso ha avere delle strutture dove si insegna alle nuove leve , come prendere per il culo 60 milioni di Italiani.
Con i costi e i privilegi che questi animali che si spacciano per giornalisti hanno.

GIOVANNI I., Padova Commentatore certificato 24.11.13 11:55| 
 |
Rispondi al commento

Caro Roberto, sono un giornalista e conosco bene il fenomeno che descrivi. Quella di cui parli è vera e propria discriminazione. La differenza è che invece di iniziare dall'assunzione in rai, la discriminazione è fatta su chi deve partecipare alla scuola di giornalismo di Perugia. C'è un accordo, sempre tra gòi stessi partiti, per prendere quelli di questa scuola e non da altre, sembre su base di lottizzazione, facendo credere che quelli di Perugia siano migliori di altri. Invece sonbo solo degli studenti lottizzati. Puoi immaginare che tipo di informazione avremo poi nella rai!

Antonio ., Isola Gorgona - Livorno Commentatore certificato 24.11.13 11:34| 
 |
Rispondi al commento

Caro Fico,
il suo intervento da presidente di organo politico su un concessionario di servizio pubblico viola i principi di non ingerenza nella gestione "industriale" del servizio stabiliti dal Consiglio d'Europa.
A mio avviso con la Rai l'unico rimedio possibile e' l'applicazione del metodo Samaras.
Facciamolo noi prima che ce lo imponga l'Europa.

Giuseppe Leuzzi 24.11.13 11:11| 
 |
Rispondi al commento

Oramai la sinistra non si vergogna più di niente fa le sue porcherie nei confronti del popolo italiano alla luce del sole.

GIUSEPPE D. 24.11.13 09:39| 
 |
Rispondi al commento

C'é un aspetto di questo intervento che non mi quadra. Il M5S ha sempre sostenuto che l'Ordine dei Giornalisti andrebbe ABOLITO , mentre qui si fa appello al suo ruolo di Garante e di riconoscimento della professionalitá dei giornalisti usciti dalla Scuola di Perugia. Bisogna decidersi: o l'Ordine dei Giornalisti serve e allora bisogna difenderlo, o non si puó tirarlo per la giacca solo quando fa comodo.

Alberto Giachi G Commentatore certificato 24.11.13 09:33| 
 |
Rispondi al commento

Complimenti siete sempre attenti e presenti a smascherare ogni irregolarità, grazie

Massimiliano ceccaroni 24.11.13 07:39| 
 |
Rispondi al commento

Sono 50 anni che le assunzioni in Rai sono indicate dai partiti. Non ci meraviglia più. L'unica soluzione possibile è venderla

Paolo C., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 24.11.13 00:29| 
 |
Rispondi al commento

il lavoro di giornalista io non lo considero un lavoro e sopratutto non lo considero oggetto di laurea breve ne tanto meno specialistica....

bruno bassi ex iscritto dissidente 23.11.13 21:41| 
 |
Rispondi al commento

Presidente Fico
Mi chiamo Domenico Marasco ho un curriculum di una certa rilevanza sul fronte della raccolta pubblicitaria. Ho lavorato in Mondadori e mi sono occupato del fatturato infera gruppo tra Mediaset e Mondadori. Ho poi avuto un ruolo importante nella nascita del gruppo di Urbano Cairo. Se vuole sapere come stanno distruggendo la Rai attraverso la svendita degli spazi da parte della concessionaria Sipra adesso Rai pubblicità mi ricevi a Roma. Proprio il 3 dicembre sono in Rai .Non è possibile cedere dei dilettanti allo sbaraglio che perdono clienti a favore di publitalia. La Rai può fatturare almeno il doppio di pubblicità ma sembra che i competenti la Sipra li lasci alla porta. Quello che ha la Rai ha ė la qualità del break pubblicitario con pochi spot. Non posso crederci che con tutti i canali e le radio e le professionalità chiude l'anno a 600 milioni contro 1,5 miliardi di Mediaset . Ecco si occupi di Rai pubblicità e vedrà che l'azienda starà meglio. Sono disponibile a darle una consulenza gratis per il bene comune della Rai. Mi pare invece che il dg Gubitosi nonostante il flop della raccolta stia facendo un buon lavoro e lo lascerei lavorare sodo sui numeri. Almeno voi che siete nuovi cercate di premiare le competenze. Domenico Marasco


Raccomandazioni a parte che non fanno novità, tutti ci auguriamo di avere in tv giornalisti in grado di discernere ciò che va reso noto ai cittadini invece di obbedire a poteri superiori perchè ci raccontino le storielle di quel personaggio o di quell'altra tizia della politica, chissà se in cambio di quali compensi che vanno ad aggiungersi allo stipendio. E le notizie che ci cambiano la vita di cittadini quelle restano nascoste in ombra!

luciana m. Commentatore certificato 23.11.13 19:38| 
 |
Rispondi al commento

Caro Roberto volevo chiederti di investigare anche se la RAI in questa vicenda di assunzioni anomale abbia perlomeno rispettato la legge 68/99 che in questo caso prevede l'assunzione di n.3 unita di iovani giornalisti portatori di handhap iscritti alle categorie protette!!visto il numero di 35 assunti, la l. 68/99 prevede appunto l'obbligo per le aziende publiche e private di assumere 1 unita ogni 15.gradirei una risposta

giudeppe antonio calafati, pinocalafati@gmail.com Commentatore certificato 23.11.13 18:24| 
 |
Rispondi al commento

in quale paese civile la televisione pubblica darebbe la diretta ad un pregiudicato che arringa i giovani, raccontando la propria versione fallace e per sé assolutoria della realtà? Sta accadendo a RaiNews24

Cinzia C., Verona Commentatore certificato 23.11.13 18:11| 
 |
Rispondi al commento

Caro Roberto Fico,
ho avuto modo di ascoltare la tua conversazione radiofonica a radio 24, con tal Minoli.
Ti ringrazio per il tuo comportamento educato ed efficace nei confronti di un aggressione maleducata, incalzante e saccente e ti faccio i complimenti.
Minoli un raccomandato di ferro in RAI, un mangia pane e socialismo nell'epoca del Craxismo, un aggressivamente debole e minuto di residuale ingegno.
Con una stazza fisica inversamente proporzionale alla sua residua credibilità.
Finge di non sapere molte cose, come per esempio la lottizzazione, i suoi effetti e le sue regole. Tuttora vigenti. Ed inoltre finge di ignorare che, alla RAI a Roma, esiste la palazzina dei trombati: dirigenti lautamente pagati, senza incarico, con segretaria e ufficio con pianta.
Potremmo fare una “dismissione” regalandoli alla concorrenza ...
Altro esempio, repetita iuvant, perché non vendere una rete (quella più indebitata opportunamente infarcita con tutte le aliquote dei raccomandati)): sarebbe forse una brutta idea ?
Potremmo ridurre il ripianamento dei debiti !
Cordialmente
GFP

Gianfilippo P., Arese Commentatore certificato 23.11.13 17:59| 
 |
Rispondi al commento

"assunzioni anomale" è una perifrasi per "raccomandati e lecchini".
Assumere da una sola scuola significa DISCRIMINARE, inoltre vien da chiedere quando e come si sono svolte le selezioni....
Mi duole far notare che per diventare giornalisti iscritti all'albo è necessario iscriversi a scuole con rette superiori a 8000 euro (perugia 12000) e solo un paio erano a costi minimi ma si sono recentemente adeguate.
Il problema rimane l'esistenza stessa dell'albo che di fatto crea una casta impedendo a molti cittadini di diventare giornalisti (non per niente siamo ultimi nella classifica per la libertà di informazione).

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 23.11.13 17:41| 
 |
Rispondi al commento


Già, la scuola di Perugia. Chi la dirige? Quale è l'organigramma? Vuoi vedere che c'è una relazione fra le assunzioni e il gruppo dirigente e gestionale della scuola? Aspettiamo di sapere anche questo perchè nel post si danno delle informazioni ma altre ne mancano. Fiduciosi...

Giuseppe 23.11.13 17:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In Cina imponevano il " LIBRETTO ROSSO " di MAO!
In Libia il " LIBRETTO VERDE " di Gheddafi
In Cile il " LIBRETTO BLU' " di Pinochet
In Uganda il " LIBRETTO NERO " di Amin Dada
In Russia il " LIBRETTO ROSSO-SANGUE " di Stalin
In Argentina il "LIBRETTO DESAPARESIDOS" di Videla

In ITALIA,fra poco,i TESTI OBBLIGATORI di studio
di EDUCAZIONE INCIVILE e ANTICOSTITUZIONALE nelle
scuole saranno:

-"Il LIBRETTO DELL'ARTE DI DITTATURA DEMOCRATICA"
del 90enne bi-eletto: Napulitane 'o zar!
-"Il LIBRETTO DELL'ARTE DEL SERVILISMO POLITICO A
MAFIA E MASSONERIA" del duo VeDrò: Letta/Alfano!
-"Il LIBRETTO DELL'ARTE DEI PRIVILEGI DELLE CASTE!
del trio Mummie Egizie: Amato/D'Alema/Prodi!
-"Il LIBRETTO DELL'ARTE AMATORIA DEI DISONOREVOLI
POLITICANTI ITALICI! del trio Sodomo-Gomorrico:
Berluska/Marrazzo/Vendola!
ed infine "Il libretto dell'ARTE DELLA CRESCITA
DEI GIGANTI IMMOBILIARISTI" del trio Furbetti:
Brunetta/Scaiola/Fini!

Ma anche studiando su questi testi, si può pensare
che le future generazioni di politicanti italici
possano diventare più delinquenti,più corrotti,
più vermi parassiti, più ladri, più prostituti e
più INCAPACI ED ARROGANTI degli attuali???
AI POSTERI L'ARDUA SENTENZA!
Solo il M5* potrebbe MORALIZZARE e FAR RINASCERE
l'attuale distrutta,corrotta,immorale e vile serva
ITALIA!
Meditate gente,meditate!

peppino . Commentatore certificato 23.11.13 17:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

più passa il tempo più il tarlo mi dice che cominciate ad assomigliare un po' troppo ai vari ciarlatani che ci governano e ci hanno governato fino ad oggi.
Da tecnico quale sono sempre stato, si ripara un problema e poi si passa a riparare il successivo.
La RAI l'abbiamo già sistemata, la dovete da vendere TUTTA ed invece continuate a rompere er gatso co' sti servizietti.
Quello che trovo di anomalo invece sono i cosiddetti praticantati, laddove il figliol del professionista li svolge nello studio scorzellatti-sfrangiolini e quello del morto di fame non trova nessuno disposto ad accoglerlo:
Ecco allora ditemi voi a cosa servono 5 + 3 anni di studi universicari,
(Problem 1) il praticantato che lo svolgessero negli atenei invece di studiare tonnellate di materie che non riguardano la professione od al limite pagare i professori universicari facendoli lavorare nel loro ambito coadiuvati dai discepoli.
(Problem 2) E poi aboliamoli questi ordini professionali e l'esame di stato lo fornisce l'università dopo i 3 anni di master
Ecco, visto che il trouble RAI has been fixed, now We (Me and You) should start to fix these 2 new problems

fracatz 23.11.13 17:18| 
 |
Rispondi al commento

Avanti Rorberto, non ti fermare, non sei, anzi, non siete soli. Dietro di voi siamo in milioni, che se lo mettano bene in testa e che facciano in fretta a capirlo.

Giap 23.11.13 16:57| 
 |
Rispondi al commento

io abito a perugia...e lo schifo delle mazzette che bisogna pagare e raccomandazioni per entrare nella scuola di giornalismo è rinomato in tutta la città...ovviamente pagando tanto avranno un impiego in cambio!!!

MARIAGRAZIA 23.11.13 16:51| 
 |
Rispondi al commento

Grandissimo continua così.

Aldo Secco 23.11.13 16:46| 
 |
Rispondi al commento

mi vien male a pensare a quante porcherie hanno combinato alla Rai negli anni passati senza che niiu cittadini sapessimo nulla. Grazie M5S!

Claudio ., Verona Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 23.11.13 16:36| 
 |
Rispondi al commento

Se non sbaglio Perugia si trova in Umbria che viene ancora considerata una regione "rossa". Non sara' per caso questa la spiegazione che cercavi?

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 23.11.13 16:26| 
 |
Rispondi al commento

Assunzioni "ANOMALI" ? Ma quando mai ? Ma perché mai ? Tutta la RAI é "anomala".. E quindi rientrano nella assoluta normalità.. Debito annuale colmato dallo Stato: non é anomalo ? Trasmettere sulle reti principali programmi "codificati" ma esigere i canoni pagati in chiaro ? Non é anomalo ? Ritrasmettere vecchie serie, vecchi programmi, non é anomalo ? Ma cuccarsi gli euro originali e nuovi di pacca e non in fotocopie, non é anomalo ?
Comprare le produzioni confezionate sempre dagli stessi fornitori e non usare qualche maniciata di qualche esiguo centinaio di dipendenti ben pagati non é anomalo ? Una troupe davanti ad un citofono per un'intervista fantasma quanto costa fra trasferta, pernottamento e viaggio ? Ma non é anomalo ? Ma che bello se, in modo del tutto anomalo, venissero tutti dismessi ! la RAI é una stupenda anomalia italiana. Perché scandalizzarsi per qualche assunto "anomalo" ? Mi stupisco , e vi assicuro che non é anomalo.


!

giorgio c., milano Commentatore certificato 23.11.13 16:20| 
 |
Rispondi al commento

Privatizziamo la Rai.

rubino antonio 23.11.13 15:30| 
 |
Rispondi al commento

Andate a vedere i nomi e vedrette con chi sono imparentati!

Giuseppe L. 23.11.13 14:36| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Roberto, continua così! Se vi avessero dato il Copasir si era già riandati a votare! Politici di merda!
Forza ragazzi non mollate!

Gianluca T. 23.11.13 14:05| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
LA "RAI" NON SI SMENTISCE MAI,ANCHE IN FATTO DI ASSUNZIONI "RACCOMANDATE". E TROPPO CHIEDE UNA TELEVISIONE/INFORMAZIONE "DECENTE"?
ROBERTO FICO SIAMO CON TE' NON MOLLARE
ALVISE

alvise fossa 23.11.13 13:30| 
 |
Rispondi al commento

odio gli enti pseudo privati che sono privati solo nella veste giuridica peer poter assumere chi vogliono e con lo stipendio che vogliono senza vincoli particolari, ma i soldi che entrano sono soldi pubblici. Liberiamoci di queste vergogne. Quando ci sono soldi pubblici le regole devono essere trasparenti e rese pubbliche con gli stessi criteri delle imprese pubbliche.

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 23.11.13 13:15| 
 |
Rispondi al commento

Grande Roberto a Skytg24! vinciamo noi

Mattia Cupioli 23.11.13 13:08| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo,caro roberto,dovrai combattere contro i mulini a vento..e la partita si dimostra persa...purtroppo.
Forse dovresti interpellare l'autority,come fa brunetta...o meglio..alla magistratura!!!!

silvana rocca, genova Commentatore certificato 23.11.13 12:51| 
 |
Rispondi al commento

Roberto, siamo tutti con te e speriamo che riuscirai a cancellare raccomandazioni e corsie privilegiate ;queste cose sono state la vera rovina del nostro martoriato paese .

giuseppe satriano, potenza Commentatore certificato 23.11.13 12:44| 
 |
Rispondi al commento

Il Movimento sta scoperchiando la rai e non solo... quello che ne viene fuori è soltanto un odore nauseabondo. Roberto Fico non mollare l'osso. GRAZIE!

Christian Mariucci, Ascoli Piceno Commentatore certificato 23.11.13 12:25| 
 |
Rispondi al commento

Ma non abbiamo la presidenza sulla vigilanza RAI???
Allora esercitiamo i poteri che abbiamo e obblighiamo la RAI a fare assunzioni con Bandi pubblici anche per la determinazione di una short list per gli incarichi temporanei.
La RAI si deve comportare come ogni Pubblica Amministrazione... inoltre fate un serio controllo sugli spazi nei Tg alle forze presenti in parlamento credo che il M5S sia ai minimi termini in fatto di minuti/presenza.

Cosimo Napoli, Neviano Commentatore certificato 23.11.13 12:06| 
 |
Rispondi al commento

Perfetto il ragionamento di Fico non fa una grinza, e Gubitosi si è pure contraddetto se c'è un piano non ci può mai essere l'urgenza, e poi nei contratti pubblici è la classica giustificazione per fare la trattativa privata diretta che il più delle volte è la prassi per far lavorare gli amici. Quindi le scuole al plurale devono essere tutte coinvolte per dare la possibilità a tutti. Fino adesso però questo non è mai successo soprattutto alla Rai dove ogni assunzione dipende dalla tessera di partito. Ce la farà a creare un po' di trasparenza anche lì?




Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori