Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La RAI censura la verità sulla tragedia in Sardegna #ForzaSardegna

  • 81


tragedia_sardegna.jpg

"La denuncia di Anthony W. Muroni (Direttore dell'Unione Sarda) così come riportata su Facebook:
"Mezz'ora fa ho registrato un intervento per il Tg2, nel quale ripetevo i concetti già espressi a Uno Mattina: serve solidarietà, servono interventi, servono aiuti, serve combattere l'emergenza, Ma serve anche interrogarsi sul perché i ponti crollano, sul perché i cantieri per la messa in sicurezza dei fiumi si bloccano per anni a causa di contenziosi tra Comuni e imprese appaltatrici. Ho detto anche: va bene la solidarietà del governo e gli stanziamenti, ma forse dovrebbero rendersi conto che c'è un intero sistema che non funziona. E che in Sardegna, dieci anni dopo Capoterra, stiamo ancora parlando delle stesse cose. Mi ha appena chiamato una collega della Rai: l'intervista non verrà mandata in onda: "Meglio non parlare di questa cose". Tanti saluti."
AGGIORNAMENTO - Grazie anche alla nostra denuncia, pare che qualcosa si sia mosso. Come scrive su Twitter lo stesso Muroni, l'intervista, dopo "un equivoco", andrà in onda questa sera (forse anche per merito nostro). Grazie a tutti coloro che hanno condiviso la notizia. Verificheremo se questa sera l'intervista verrà mandata in onda." Segnalazione da TzeTze

Tutte le informazioni su OLTRE V3day. Clicca il banner:
Vday3_oltre

Iscriviti all'evento Facebook e invita i tuoi amici!
Invia i tuoi video su youtube con il tag #OLTREv3day sul tema "Andiamo Oltre!". I migliori saranno pubblicati sul blog.
Partecipa su Twitter con #oltrev3day


19 Nov 2013, 13:45 | Scrivi | Commenti (81) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 81


Tags: alluvione, Anthony Muroni, RAI, Sardegna, tragedia

Commenti

 

SE SI VUOLE SAPERE COSA E' SUCCESSO AD OLBIA E .... PERCHE'..... BISOGNA GUARDARE I REPORT DELLE TELEVISIONI ... STRANIERE...... LI' SI SCOPRE CHE ... I POLITICI LOCALI (RIPETO LOCALI) ... HANNO COME MINIMO IL 90% DELLA RESPONSABILITA' DI TUTTI I MORTI... E' CHIARO CHE QUESTA VERITA' VERA NON PUO' E DEVE PASSARE IN RAI O NELLE RETI DEL "VITTIMA" (VITTIMA DI SE STESSO E DEL SUO DELIRIO DI ONNIPOTENZA E DELLA SUA CORTE DI LECCACULO)... PERCHE' ALLORA LA MAGGIORANZA DEI "SUDDITI" ITALIOTI CAPIREBBE COSA DEVE FARE.

Luigi P. Commentatore certificato 22.11.13 14:04| 
 |
Rispondi al commento

mi dispiace tanto per le vittime ma ho toccato con mano la burocrazia sarda per lavoro è una cosa vomitevole ,provincie spuntate come funghi assolutamente inutili se non per spremere altri milioni dai contribuenti , corruzione e incompetenza
mi dispiace ma vi meritate ciò che avete .

tommaso rabiti 22.11.13 09:35| 
 |
Rispondi al commento

Sono pienamente d'accordo con quello denunciato dal giornalista sardo... il sistema e' marcio dal micro al macro!E da buon Italia si interviene a catastrofe avvenuta cercando colpevoli o tali a cui dare le colpe...mentre povera gente ha pagato questo sistema sporco con la vita.
Finchè ci sara' collusione, dal comune alla provincia, alla regione, alle nazionali tra politica e cittadini con promesse di favori in cambio di voti.. non andremo mai da nessuna parte.
Chi fa' cio' deve marcire in galera...bisogna introdurre leggi che puniscano cio' con pene certe....la meritocrazia ci deve essere, no uno stato di pecore leccaculo dei potenti che fanno i loro interessi.
Basta con questo stato di diritto chi sbaglia deve pagare, non e' possibile vedere ancora chi ha rovinato questo bel paese galleggiare e far finta di trovare soluzioni.

MARCO ., CAVE Commentatore certificato 21.11.13 18:08| 
 |
Rispondi al commento

Bastano le regole di questo blog per capire che la democrazia è finita da vent'anni.Popolo piegati e paga.Per questo servi!ATRIMENTI offendi l'or signori dal pasto.L'epoca di Degasperi La Pira Terracini Dossetti è soterrata, ora che ci guidano abbiamo gli Illuminati,la Bildember,la Trilaterale ecc.Complimenti i nostri nonni e genitori hanno combattuto e lottato per darci un Italia migliore,L'oro l'hanno idebitata e svenduta.COMPLIMENTI IL VOSTRO INTESTINO HA FUNZIONATO MEGLIO del cervello.ma ricordate che chi tradisce il suo popolo o prima o dopo finisce anche lui per pagare il conto.Bravi continuate così.

Graziano Soave 20.11.13 17:21| 
 |
Rispondi al commento

La Sardegna è in mano a politici senza scrupoli, allineati perfettamente con il governo centrale.
Sardegna che d'estate è tutta un rogo, speculazioni edilizie sui territori incendiati anche per mano mafiosa, abusivismo imperante, tagli su l'utilizzo dei canadair ecc.. Una Sardegna abbandonata, avvelenata, sfruttata, trivellazioni di Moratti, centrali al carbone, rifiuti tossici, lobbies farmaceutiche, mafia, milioni e milioni di euro in mano a società partecipate, enti vari, agenzie regionali, ente foreste, asl, ecc. Un esercito di personale regionale di ruolo e di società esterne ma controlli niente... Il presidente della regione Cappellacci processato con l’accusa di aver organizzato la P3, eolico ecc.. vorrebbe vendere anche le spiagge , potrei continuare all’infinito… chi sconta le loro malefatte è sempre il popolo sardo.
Lo stato vuole sanare tutto con 20.000.000 euro, tutta campagna elettorale… anche per Letta. Dove vanno a finire tutti i soldi per la tutela del territorio, per i piani paesaggistici, per i piani idrogeologici ecc. , chi deve effettuare i controlli? I sindaci dei comuni, gli amministratori dove sono? Politici regionali, provinciali, comunali….. tutti uguali……….l’unica vera preoccupazione salvare la loro poltrona.. Poveri bambini, povera gente, (poveri anche gli animali) povero popolo sardo…….che muore per mano di questi farabutti….

libera p. Commentatore certificato 20.11.13 11:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2013/11/italia-disastri-innaturali.html#comment-form
Una cosa è certa: madre Natura non c'entra. Dopo aver colpito le Filippine, ora è toccato alla Sardegna. Un evento meteo straordinario per la sua potenza mirata contro questa magnifica isola ferita dall'uomo, ha ucciso 18 persone. Una cosa mai vista, appunto, artificiale nella sua genesi. Certo, in passato ci sono state abbondanti precipitazioni, ma mai di questa intensità e violenza concentrata verso un obiettivo terrestre.


La causa? Un impulso elettromagnetico lanciato per scatenare un ciclone telecomandato. La realtà ha superato la fantascienza da un pezzo. A rimetterci è solo povera gente.

Lo Stato tricolore non c'è, nonostante la visita di Letta (non dimentichiamolo, mai, affiliato alle organizzazioni terroristiche Bilderberg e Trilateral).
E come al solito va in onda la solita retorica del Belpaese, di tutti i servi velinari di stampa e tv, nonché dei negazionisti che si prostituiscono allo zio Sam o al potente di turno, mentre la popolazione affonda nell'ignoranza.
Una terra insensibile ai terremoti, in alternativa, puoi colpirla dall'alto con una terribile bomba d'acqua. Il tragico risultato non cambia: vittime umane e danni che lo Stato per decreto non risarcirà. E i morti nessuno può resuscitarli. Tutto previsto e prevedibile o meglio, ben pianificato dai nostri "alleati" (padroni).
Toc toc! La Protezione Civile che ci sta a fare? Ad incassare solo crassi stipendi e indennità? A chi è realmente subordinato questo ente della presidenza del consiglio dei ministri?
Sott'acqua anche parte della Calabria, della Campania e della Puglia. Certo lo Stivale è sempre più fragile, in preda alle crisi idrogeologiche, su cui però si applicano strategie di dominio. Qualcosa di impensabile per i comuni mortali italidioti, tutti tv spazzatura e congegni elettronici ormai protesi dell'identità.

eleonora . Commentatore certificato 20.11.13 11:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

20 milioni di euro è giusto per l'emergenza Olbia ma questa volta vogliamo sapere dove va a finire ogni euro

Luca 20.11.13 10:50| 
 |
Rispondi al commento

Ancora dissesto idrogeologico è non sarà l’ultimo
Faccio parte di quelle persone che alla notizia di morti e danni per dissesto idrogeologico rabbrividiscono doppiamente:come cittadino e come tecnico. Ma attenzione non come responsabile di una associazione ambientalista, come ingegnere, come architetto, come giornalista, … ma come geologo.
Perché avvengono queste eventi? Semplice, perché fuori e dentro i talk show chi parla di dissesto idrogeologico è quasi sempre un NON geologo e pure non si parla di dissesto idro-ingegneristico, idro-archietettonico, etc. Sento spesso imputare i danni all’abusivismo. Ma mi dispiace deludervi influisce davvero poco. Quello che influisce sono la cattiva realizzazione delle opere ed in particolare di quelle destinate al consolidamento. Quando arrivano questi eventi luttuosi arrivano anche i finanziamenti per la realizzazione delle opere di consolidamento. La loro impropria realizzazione è quella che crea i maggiori danni e sapete perchè?. So’che anche in questo caso vi deluderò. Ma vi devo dire che non è la corruzione o la famigerata “mazzetta”, ma bensì la semplice incompetenza di chi assegna gli incarichi di progettazione, di chi fa le gare, di chi controlla la corretta esecuzione degli studi, dei progetti e delle opere: politici che parlano di “bombe d’acqua; ingegneri, probabilmente chimici o elettrotecnici, che discutono di “assetto geologico del territorio”; ambientalisti che vogliono consolidare le falesie rocciose con alberelli e cespugli, etc. Allora cosa bisognerebbe fare per ridurre veramente il rischio connesso a tali eventi? Basterebbe far fare le cose a chi sa di cosa parla. SEMPLICE, MA SICUARAMENTE IRREALIZZABLE IN QUESTO PAESE dove si parla sempre della fragilità geologica del nostro paese ma, chi sa’ perché, gli iscritti alle facoltà di geologia sono sempre di meno (in diversi casi solo alcune decine) e,quindi, da qualche anno si assiste ad una chiusura di queste Facoltà. Biagio

Biagio Palma 20.11.13 10:41| 
 |
Rispondi al commento

Un commento sotto mi ha fatto riflettere....quanti forestali ci sono in Sardegna e in Calabria, tanto per fare un esempio?
Se "lavorano" solo Mentre i boschi bruciano e quando devono fare il rimboschimento é chiaro che, siccome sono italiani, quando hanno finito danno fuoco loro nuovamente....

Perché non spostarli in massa alla manutenzione del suolo??
Almeno farebbero un po' di prevenzione, ammesso che i politici sappiano di cosa si sta parlando.

Oddio, poi potrebbero sempre boicottare il lavoro appena fatto....

Non se ne esce

antonella g. Commentatore certificato 20.11.13 10:25| 
 |
Rispondi al commento

Quanto durerà ? Io credo che se ne riparlerà un'altra settimana un mese al massimo dell'alluvione in Sardegna come è già successo ad altri purtroppo innumerevoli disastri naturali che colpiscono periodicamente il "Bel paese". Un mese di parole ipocrite che poi non portano mai a nulla . Aumenteranno le sigarette l'iva la benzina eh si aspettatevi anche questo ma io vorrei capire le cause di questi sfaceli che puntualmente ci ricordano che sto paese è stato depauperato stuprato cementificato senza scrupoli ed è giusto che poi la natura si ribelli .Si è costruito dappertutto ,su colline a rischio frane ,sulle spiagge su letti di fiumi addirittura ,vedi Genova . E la colpa ? Si la colpa non è solo dei politici corrotti .La colpa è anche degli italiani che votano i suddetti per farsi dare la licenza edilizia per costruire in quelle zone a rischio e se non gliela danno ? aspetteranno il prossimo condono edilizio la prossima sanatoria ,tanto prima o poi ....,della malavita che per riciclare i soldi sporchi fa palazzi dappertutto usando tale metodo per lavare il loro denaro . E poi ? Niente ci ritroveremo qua a piangere le prossime vittime a cronacare il prossimo disastro è solo questione di tempo. A sentire sti pupazzi che poi in parlamento fanno lacrime di coccodrillo davanti ai morti.
QUANTO NON SOPPORTO L'IPOCRISIA !!!!!!

Roby R. Commentatore certificato 20.11.13 10:14| 
 |
Rispondi al commento

Muore tanta gente innocente e disperata, bambini ma mai un giornalista RAI. Che mondo ingiusto .... :-(

Marco 20.11.13 09:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il M5S deve, immediatamente, presentare una proposta di legge per l'utilizzo dei cass'integrati, del personale in mobilità e di tutte le risorse disponibili per:
-la riforestazione delle zone desertificate dalla incuria dalla devastazione per mano dell'uomo;
- per la cura dei beni archeologici e artistici;
- per la manutenzione delle scuole, dove i nostri bambini rischiano la vita;
- distaccare dirigenti e tecnici in forza delle regioni(Assunti per voto di scambio o per parentopoli) e delle province che non fanno, letteralmente, un CAZZO, per colpa dei politici che non danno direttive, perchè neanche loro hanno idea dei bisogni della gente e della capacità di questi tecnici e funzionari che paghiamo noi, molto bene;
-impiegare i beni sequestrati ai mafiosi, immediatamente, per finanziare progetti che vadano nel senso di prevenire le catastrofi che abbiamo sotto gli occhi. Sopratutto per bonificare la Campania e tutti quei siti dove la gente muore di tumore.
- inviare, precettandoli, i giornalisti della RAI pagati da noi, nei territori a rischio per documentare tutte quelle situazioni anormali. Creando un canale dedicato che affronti questi argomenti. Facendo i nomi di quei politici che per interessi o imbecillità, compiono atti contro i cittadini. Io,, per esempio, vorrei conoscere i nomi dei componenti della commissione che ha sentito Carmine Schiavone, sui rifiuti tossici a Napoli! Stupidi o conniventi?
Lasciate fottere la Cancellieri, tanto di personaggi come lei, il Parlamento è pieno: ne mandi via una e ne spuntano subito altri 10.
Da questo punto di vista, credo che Berlusconi abbia ragione: il PD vuole il suo "assassinio" politico per sostituirlo nel saccheggio della costituzione e della Nazione.

pietro denisi, reggio cal. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 20.11.13 09:28| 
 |
Rispondi al commento

Questa mattina a Rai 2, grazie a "Il ruggito del Coniglio", un interessante, pacato e davvero sconfortante intervento di Mario Tozzi sull'alluvione in Sardegna.

Non ripariamoci dietro "evento millenario": la Sardegna ha oltretutto in percentuale un alto numero di morti per questi eventi.
Le "bombe d'acqua" saranno sempre più frequenti (per il cambiamento climatico in atto).
C'è stata una disorganizzazione totale, perchè l'evento era stato correttamente previsto dall'Aeronautica.
Vedrete che adesso faranno come a Genova: non hanno provveduto al "tappo" del Fereggiano, ma appena c'è un'allerta meteo chiudono le scuole. Se ne lavano le mani in questo modo.

I sardi hanno una grande responsabilità: avevano l'esempio di quanto poco renda alla popolazione la cementificazione (v. altre regioni come la Liguria), eppure hanno creduto nel miraggio del cemento=soldi, anche votando chi favoriva quell'equazione. Sono addolorata perché conosco bene, come moltissimi liguri, la Sardegna. Me la ricordo bellissima ed in parte selvaggia. Dopo aver visto cosa hanno combinato a Palau ho preferito non farmi più del male e sono anni che non passo più le vacanze nell'isola.

antonella g. Commentatore certificato 20.11.13 09:05| 
 |
Rispondi al commento

Un primo effetto dello stanziamento di 20 milioni di euro dal governo si sono visti. Ieri hanno fatto evacuare tutto il complesso universitario di Monserrato (Cagliari) con un decreto del Magnifico Rettore per due (dico due) gocce di acqua. Pero' c'era tutta la protezione civile schierata a far defluire il traffico (in qualche modo bisognera' pur giustificare le spese...). In compenso i canali di scolo della 554 (una delle principali vie di viabilita' vicino a Cagliari) sono in uno stato pietoso ed ovviamente l'acqua defluisce nella strada ogni volta che le piogge sono intense. Al solito si aspettano i successivi morti per decretare la successiva emergenza e papparsi i soldi che, in questi casi, piovono che e' una meraviglia.

Samuele Salis 20.11.13 08:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro beppe ma vuoi buttare questi ignoranti fuori dal partito? Ma vi abbiamo votato per parlare di scie chimiche ma siamo scemi? Riporto un gran commento visto su fb

Voi guardate il dito e non la luna...Dissesto idreogelogico,no? Cementificazione selvaggia,no? riscaldamento globale,no? inquinamento e squilibrio ambientale,no?
Scie chimiche e guerra metereologica questa è la vostra risposta ai problemi. Naturalmente non siete voi che inquinate, sporcate, divorate energia, contribuite al disboscamento, gettate in mare la vostra immondizia, no no sono dei cattivoni che pigiano bottoni per incasinare il mondo.
Finche ci sarà gente così, che di fronte ai problemi che essa stessa ha contribuito a causare piuttosto indica un potere occulto come responsabile, allora mi sento di dire che non abbiamo speranza

Posso capire che la gente normale perda tempo con le bufale, ma non chi mandiamo in parlamento almeno voi studiate. Non vi votiamo solo per mancanze di alternative, continuate così piuttosto che mandare deficenti in parlamento non voto!! Sveglia m5s apritevi due libri ignoranti

gabriele85 20.11.13 08:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Esatto...finche' stampa e media saranno sponsorizzati dal denaro pubblico...sara' impossibile aspettarsi un servizio libero e imparziale. La stampa e' una garanzia di legalita' e liberta' solo se non ha vincoli e padrini....ne politici ne economici...quando diventa trumento politico finanziario ... non e' altro che uno strumento dittatoriale..propagandistico...diffamatorio...disinformativo...diseducativo.

valter novo 20.11.13 08:02| 
 |
Rispondi al commento

SCUSATE, VERAMENTE CHIEDO SCUSA,CREDO ORMAI SIA INUTILE LAMENTARSI PERCHE' QUESTI SIGNORI DA TRENT'ANNI HANNO PERSO L'UDITO . MI PIANGE IL CUORE PER I FRATELLI SARDI, UN ISOLA DIMENTICATA DA SEMPRE E LO DICE UN SICILIANO; QUINDI LAMENTARSI NON SERVE NON SUCCEDE NIENTE COME SEMPRE - PROMESSE, PROMESSE I CAPI DI STATO VENGONO A FARE PRESENZA E DOPO 2 GIORNI FINISCE TUTTO.BASTA LAMENTELE, BISOGNA MANDARE A CASA TUTTI PER RIFARE L'ITALIA- BASTA IDEOLOGIE POLITICHE NON CI INTERESSANO PIU' CI INTERESSANO UOMINI ONESTI CHE AMANO QUESTO PAESE.VIVA IL MOVIMENTO 5 STELLE E FORZA SARDEGNA

umberto balsamo 20.11.13 02:02| 
 |
Rispondi al commento

I giornali vivono col finanziamento pubblico e...
NON POSSONO SPUTARE NEL PIATTO DOVE MANGIANO!

La RAI gode di uno status particolare che la fa vivere con pubblicità, canone ed eventuali aiuti di stato! Le nomine interne direttamente o no, arrivano dai politici!
POTREBBE SOLO IMMAGINARE DI FAR LORO QUALCHE MINIMO TORTO?

Hivon T., Spinea Commentatore certificato 20.11.13 01:50| 
 |
Rispondi al commento

Questo e il risultato di sessantanni di politica economica dei partiti che sino ad oggi governano l'Italia.Siamo stuffi di questa politica economica vogliamo un'Italia piu giusta che pensa hai cittadini e non sperperare il denaro pubblico.

Giovanni Tola, Sassari Commentatore certificato 20.11.13 00:51| 
 |
Rispondi al commento

Il mondo della politica è il principale responsabile di questa immane tragedia.
Deve rispondere PERCHE' I NOSTRI INGEGNERI AMBIENTALI DEVONO EMIGRARE ALL'ESTERO, PUR ESSENDO I CERVELLI CHE PREVEDONO CATACLISMI DI QUESTO GENERE e quindi avvisano per tempo istituzioni e popolazione. In famiglia abbiamo un caso del genere: NON E' VERGOGNOSO PER CHI SI RIEMPIE LA BOCCA DI PATRIOTTISMO e LASCIA MORIRE LA SUA GENTE? A quando la prossima catastrofe?
E' veramente la REPUBBLICA DI SCHETTINO: VERGOGNA.

massimo 49 20.11.13 00:08| 
 |
Rispondi al commento

A BEPPE CON SIMPATIA
SONO MOLTO PREOCCUPATO E COME ME MOLTISSIMI ALTRI PENSIONATI,AL GOVERNO INIZIANO COL DIRE CHE I SOLDI SCARSEGGIANO, CHE I CONTI NON TORNANO, CHE SI TRATTA SOLTANTO DI ERRORI TECNICI DI CONTABILITA' MA LA VERITA' QUAL'E', NON E' CHE SIA UN ENNESIMO TENTATIVO PER ATTUARE UNA MANOVRA CHE MIRA ARIDURRE LE PENSIONI PER POI ARRIVARE GRADUALMENTE A TOGLIERLE DEFINITAMENTE,STIAMO IN GUARDIA CHI HA RUBATO DEVE PAGARE E RESTITUIRE QUANTO SI E' APPROPRIATO RIPREDIAMOCI IL MALLOPPO SUBITO!NON PERMETTIAMO A NESSUNO DI PRENDERCI PER I FONDELLI CON STORIE DI VARIA NATURA TENDENTI A GIUSTIFICARE IL BUCO DEL' IMPIDAP E INPS UN BUCO CHE E' STATO FATTO DA MANI LESTOFANTI.
con simpatia
Roberto

Roberto Masi Masi, Sesto Fiorentino (FI) Commentatore certificato 19.11.13 23:15| 
 |
Rispondi al commento

che pena...

https://www.facebook.com/groups/unabufala/permalink/646926908684258/

Walter Stucco 19.11.13 23:07| 
 |
Rispondi al commento

ragazzi è un anno che vi ho spedito i documenti e ancora non avete accettato la mia iscrizione al movimento.

fernando taccori 19.11.13 22:46| 
 |
Rispondi al commento

Prego per i fratelli Sardi, da Siciliano oggi più di ieri sono nel mio cuore.

Ma mi indigno per questi media, per questi giornalisti, per questi politici, per questi narratori delle calamità "naturali" credetemi di naturale non ce proprio niente, invece di spendere soldi per gli F35, per la tav, per il ponte sullo stretto, si pianificava o si faceva una politica per mette in sicurezza questa terra Italiana, maltrattata martoriata, bistrattata, da politicanti senza scrupoli, collusi con mafia, camorra, delinquenza amministrativa, oggi non piangeremmo questi fratelli morti non per cause naturali ma per l'inefficienza politica che da 50 anni ci governa.

Guido G., Catania Commentatore certificato 19.11.13 22:19| 
 |
Rispondi al commento

La Sardegna è una regione autonoma da soli 50 anni!!!!! Anche il Trentino e la Valle d'Aosta sono regioni autonome da 50 anni!!!! Perché solo in Sardegna e Sicilia accadono questi disastri e in Trentino e valle d' Aosta no???? Sarà forse colpa dei politici Locali???? Magari anche di qualche incendio estivo???? Non si potevano utilizzare tutti i disoccupati e cassaintegrati sardi per fare lavori di messa in sicurezza del suolo????

Luigi P. Commentatore certificato 19.11.13 21:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

non sarà che obama abbia inviato i sui guastatori del clima per vendicarsi della Sardegna ? e guarda caso letta invia venti milioni di euro per finti aiuti ! non sarà una tangente per gli americani per qualche indennizzo, o tangente ? per quelle famose antenne satellitari e per il porto dei sommergibili atomici ? pensar male non si sbaglia mai, chi sarà il prossimo !

Roberto Santi 19.11.13 21:34| 
 |
Rispondi al commento

VISTA ORA

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 19.11.13 20:55| 
 |
Rispondi al commento

Non riesco a pensare a colpe e colpevoli adesso, solo a quelle persone morte e capisco la disperazione dei vivi ,a loro le mie condoglianze.

ramona c., ferrara Commentatore certificato 19.11.13 20:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

serve identificare e punire i responsabili ! finchè nessuno paga per le proprie responsabilità, spesso lautamente rettribuite o almeno in modo ben oltre il proporzionale, in questo cazzo di paese nessuno si farà problemi a porre firme e passare tangenti che poi paghiamo noi !!! se il ministro aveva avvisato la regione sardegna ( i nomi please !!), chi è che non ha informato la gente ? non ha voluto seminare panico ? quanti sono i morti ?
ma possibile che mai nessuno fà il proprio mestiere ????? quel cazzo di ponte chi lo ha costruito sulla sabbia ??? MA COME CAZZO FATE ???!!!

ina ghigliot 19.11.13 20:03| 
 |
Rispondi al commento

quando napolitano visionerà questa notizia, sono sicuro che reagirà con sdegno e rivolgerà un monito alla RAI affinché non attui comportamenti omertosi della peggior mafia italica un vibrante monito in qualità di presidente di tutti gli italiani......ne sono certo.....attendo fiducioso il suo monito......

nazzario tomassetti 19.11.13 19:02| 
 |
Rispondi al commento

Con questo governo cosa ci si deve aspettare? Ci penserà bene Letta andando a far presenza in Sardegna! Mandate l'esercito a dare una mano a quei poveri disgraziati!

Ernesto Pizzolla 19.11.13 18:42| 
 |
Rispondi al commento

Ho visto il tg1 fare la lista delle alluvioni in Italia,la loro lista parte dal 2008!ma a Vibo valentia abbiamo avuto l'alluvione nel 2006,il 3 luglio x l'esattezza e tre morti.Non andava ricordata?anche da noi la messa in sicurezza nn c'è stata,ed ogni volta che piove non ci resta che pregare che simili tragedie non si ripetano!Solo chi l'ha provato in prima persona puo'capirne l'angoscia e la disperazione.prego x voi!


vergogna rai............ sardi non pagate il canoneee

salvatore marrocu 19.11.13 18:16| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
fino a quando avremo sulla testa un debito da pagare di oltre 2.000 miliardi di euro non avremo mai opere di prevenzione sul territorio e il popolo continuerà a morire a turno e a sbattersi per sopravvivere.

Anche volendo quel debito non si riuscirà mai ad estinguerlo, è il problema dei problemi, dobbiamo dire basta al debito ed investire quei denari per le opere di bonifica del territorio e le manutenzioni ordinarie e straordinarie di ponti, strade, dighe, canali ecc.

Mi viene in mente il disastro di Genova, di Sarno, di Capoterra dove vivo...è come una roulette russa...chi sarà il prossimo?

Diego Pinna 19.11.13 17:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

PROPRIO SICURO CHE COLPEVOLE E' L'ACQUA?
Il disastro è una manna per chi dovrà ricostruire. La Concordia è una manna per Piombino.
Il terremoto dell'Aquila per i noti pescecani
C'è qualcosa che non va in questi meccanismi
marcello

marcello giappichelli 19.11.13 17:52| 
 |
Rispondi al commento

vergognasomente rai i sardi si dovrebbero rifiutare di pagareil canone.

salvatore marrocu 19.11.13 17:48| 
 |
Rispondi al commento

io ancora non mi capacito della storia dell'acqua caduta , nella mia citta' anni fa' piovve' ci fu' un esondazione poi si scopri' che venne aperta una diga. in sardegna e' successo la stessa cosa? guardate che in abruzzo la notte del terremoto qualcuno rideva. ora stasera parleranno di priorita'pd e pdl non parleranno piu' di tav il tempo che passi qualche giorno e poi si riparte. la magistratura indaghi non e' possibile che il terremoto giustamente e difficile prevederlo , ma gli eventi atmosferici si basta qualcuno deve pagare. condoglianze per i morti

fabrizio.g 19.11.13 17:47| 
 |
Rispondi al commento

La "manna" dei disastri
Il disastro della Concordia può diventare una manna per Piombino.
Al momento i disastri sono una "grande" risorsa, come faceva notare quel tale dopo il terremoto dell'Aquila.
Non c'è -per caso - qualcosa che non va ??
marcello

marcello giappichelli 19.11.13 17:17| 
 |
Rispondi al commento

Meglio la cultura dell'emergenza continua, che quella della prevenzione?.Perchè eseguire la manutenzione dei canali, fiumi o di un ponte,o di uno scolmatore o di un opera di sistemazione idraulica, non è meglio aspettare gli eventi?. E' più razionale vedere i fiumi e i canali esondare per la scarsa pulizia del suo alvei e " non prevenirla per quanto possibile", con una pulizia preventiva almeno laddove gli eventi eccezionali si ripetono con una frequenza triennale?.. A che serve l'idraulica e le costruzioni idrauliche, se poi consideriamo che le strade cittadine possano fungere da canali scolmatori, invece di quelli realizzati a tale fine?. . Adesso puntualmente qualche dotto politico, dirà che erano disastri annnunciati,.. e ciò lo replicheranno l'anno prossimo nel 2014, e ancora nel 2015 ecc.. vuoi vedere che fosse colpa nostra "del popolo che non conta niente".

Vincent C. 19.11.13 17:06| 
 |
Rispondi al commento

MI ritengo fortunato, io abito in provincia di Sassari
Esprimo sincero cordoglio e solidarietà per il grande POPOLO SARDO.
Forza PARIS

Diego DellaVega, Sennori SS Commentatore certificato 19.11.13 16:48| 
 |
Rispondi al commento

Cercate in internet scie chimiche e vi renderete conto che tali disastri nel mondo vengono creati.....informatevi su come il clima viene pilotato a loro piacere e x quali motivi....e' scioccante sapere ciò che stanno facendo....cercate in internet Gianni lannes e' un giornalista ambientale che spiga perfettamente come ci stanno ammazzando

Carmine delle cave 19.11.13 16:40| 
 |
Rispondi al commento

Ai governi la bellissima Sardegna è interessata e interessa davvero solo come poligono militare (a vantaggio dell'alleato di cui siamo servi), come terreno di sperimentazione di ordigni all'uranio impoverito e altre schifezze immonde per la salute.
E poi agli amici degli amici permettono di speculare con la cementificazione selvaggia o con la vergogna del CIP6 (qui alludo a una famosa famiglia di petrolieri pallonari nonché avvelenatori di Sarroch, anche con mogli sedicenti "ecologiste" e "di sinistra").

La Sardegna dimostra che della salute delle persone, della loro incolumità e del diritto a un lavoro dignitoso lassù nei Palazzi non frega una cippa.
Che tristezza...

Tutta la solidarietà ai Cittadini sardi. Ma fino a quando continueremo in Italia ad accettare così docilmente tutto ciò?
Quando vedi che in Basilicata vince Pittella (figlio e fratello d'arte) ti cascano le braccia.

Alessandro B., Torino Commentatore certificato 19.11.13 16:38| 
 |
Rispondi al commento

La parola chiave e' manutenzione del territorio, proprio quella che proprio non ci entra in testa. In effetti la manutenzione e' lo spartiacque tra la civilta' e la barbarie. Se per caso andate in Danimarca, Olanda, Svezia, Germania troverete tutto in ordine, restaurato, pulito. Se andate in un qualunque Paese sottosviluppato troverete un casino dappertutto. L'Italia si trova nel mezzo e non si decide da quale parte andare e intanto scivola lentamente verso il sud del mondo. I disastri che stanno succedendo in questo mese di novembre sono piu' o meno gli stessi dello scorso anno e anche del prossimo. Grandi servizi televisivi e giornalistici, dichiarazioni commosse e sdegnate dei politici, soldi a perdere per tamponare le falle del sistema e la rabbia dei cittadini, promesse gratuite che mai verranno mantenute e svaniranno con il sole di primavera . Si puo' cambiare? Si, si puo' cambiare. Il reddito di cittadinanza e' una grande occasione se serve a un grande mobilitazione popolare per la difesa e la manutenzione del territorio e non viene ridotto a puro sussidio.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 19.11.13 16:33| 
 |
Rispondi al commento

RIPOSTO una mia preoccupazione.
Io DEGLI IBAN (senza controllo) che vengono APERTI dalle banche ogni qualvolta c'è una disgrazia come quella SARDA NON MI FIDO.
Ciò che versato in quei conti correnti NON VIENE CONTROLLATO DA NESSUNO ed alla fine ho paura che tante donazioni fatte dalle persone con il cuore per aiutare chi in difficoltà NON ARRIVINO e rimangano nelle tasche dei banchieri di turno.
M5S SARDO non ha un NUMERO di carta postepay, paypal e/o altro sulla quale poter versare permettendo così di far arrivare direttamente questi aiuti a chi e dove necessitano?

GRAZIE

mario 19.11.13 16:18| 
 |
Rispondi al commento

A me dispiace molto di quello che è successo in Sardegna, é ovvio,però mi viene da chiedere al popolo sardo:per chi avete votato nelle ultime elezioni?Chi ha votato sempre per gli stessi che da 20 anni stanno distruggendo l'Italia,non si può lamentare,come non si potranno lamentare i Lucani ,perché sapete benissimo che non cambierà mai niente.Nella vita ognuno è artefice del proprio destino.MEDITATE GENTE,MEDITATE.

alfonsina p. Commentatore certificato 19.11.13 16:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cosa volete che gli interessi della Sardegna alla rai e ai giornalisti della rai, loro devono parlare di chi gli riempie riccamente il portafoglio, i renzie i letta i berlusca i dalema i alfano,, gentaglia, che della gente onesta che muore, non gli interessa assolutamente un cavolo,,, ma non capisco nemmeno chi li sostiene ...e continua a votarli,, A CASA DEVONO ANDARE A CASA...

RENZO D., riva presso chieri Commentatore certificato 19.11.13 15:52| 
 |
Rispondi al commento

Io vorrei tanto partecipare economicamente per quello che posso.
Ma non trovo la possibilità di farlo, o meglio, dopo quello successo con i fondi raccolti via SMS ed altro per gli ultimi terremoti, NON MI FIDO.
NON MI FIDO PIU' di chi si fà promotore nella raccolta fondi visto che poi alla fine, di ciò che uno dona con tutto il cuore, si e no a chi ne ha bisogno arriva un misero 10%.
FORZA M5S aprite un canale dove poter versare, siete gli unici che mi danno la sicurezza che di ciò che verserò la quasi totalità (le spese ci sono sempre) arriveranno a coloro che ne hanno bisogno.

mario 19.11.13 15:41| 
 |
Rispondi al commento

se il movimento apre un conto corrente con benefit x la sardegna partecipo,, non do' denaro a compagnie telelfoniche o banche vedete come muovervi,, in bocca al lupo

gianfranco soro 19.11.13 15:37| 
 |
Rispondi al commento

O MIA PATRIA SI' BELLA E PERDUTA, sottolineo, perduta...nell'indifferenza delle masse ubriacate di progresso, incardinate nel regresso. Nel lasciar fare ai miti della desolazione... Non esistono miti, nessuno è un mito, ognuno è obbligato al proprio dovere, obbligato, perché spontaneamente non lo fa. E se coloro che dovrebbero richiamare l'obbligo se ne stanno accartocciati tra le grinfie dei miti, ecco, che nulla fuzionaaaaaaaaaaaaa...,

Maria Corriere 19.11.13 15:23| 
 |
Rispondi al commento

In Sardegna giusto in questi giorni di discute, e si litiga con le opposizioni e gli ambientalisti, di piano paesaggistico... L'altolà ce lo sta già imponendo la natura violata: non c'è bisogno di tanti esperti, solo di quell'antico buon senso che ci siamo persi dietro ai soldi e agli interessi "forti", quelli che non sono mai in sintonia con il bene pubblico e con la natura. RIBELLIAMOCI!!!!!

Maria B. Melis 19.11.13 15:16| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

fiato sul collo...denunciare i giornalisti ed i TG zerbini sempre! L'onestá tornerá di moda

Ivan Bentivegna, Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 19.11.13 15:09| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grazie M5S che state sempre attenti a scoprire i grandi misfatti gel governo. Andate avanti.....................

Rita Preite 19.11.13 14:54| 
 |
Rispondi al commento

...IN CORSICA DISASTRI DEL GENERE NON SUCCEDONO...
La Corsica è morfologicamente identica alla Sardegna eppure notizie di disastri non sono pervenute. Non ci vuole il miglior "Napolitano" per capire che la terra priva di alberi e radici "FRANA"; eppure ancora continuiamo a cementificare e spogliare il territorio...Italiani popolo di santi, navigatori, poeti, eroi,... una volta! Ora popolo di MINKIONI ...il sesso però non c'entra niente!

brunorev brunorev 19.11.13 14:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per favore, confermare che la notizia sia attendibile. Non c'è da meravigliarsi più di nulla ma pur di acchiappare qualche ingenuone sarebbero capaci di fare gli sciacalli anche su una tragedia di queste dimensioni.

Marco Berardi 19.11.13 14:43| 
 |
Rispondi al commento

Meglio non parlare di queste cose, la Sardegna non è abbastanza importante ora'? o è solo importante sfruttare i suoi territori per esperimenti militari o abusare sin dove si può arrivare?? è solo importante per venirci al mare per chi se lo può permettere?? lo Stato si deve vergognare nelle massime istituzioni, e dal consiglio regionale più investimenti con meno burocrazia, e le forze militari intervengano dove possono... o è solo importante contribuire alle missioni di pace??

edoardo mura 19.11.13 14:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CIAO BEPPE,
SIAMO DAVVERO ALLA "FOLLIA" IN RAI,ANCHE PER UNA CATASTROFE CHE HA COLPITO LA SARDEGNA
ALVISE

alvise fossa 19.11.13 14:28| 
 |
Rispondi al commento

Tutti zitti, mi raccomando.

franca s. Commentatore certificato 19.11.13 14:19| 
 |
Rispondi al commento

E se censurano queste notizie immaginiamoci le altre,quelle che danno più fastidio.Intanto però in Basilicata vince il pd-l di Pittella.Stiamo lottando contro i mulini a vento e le stelle non le vedremo mai,questo è certo.

maria a. 19.11.13 14:10| 
 |
Rispondi al commento

Solidarietà a tutte le vittime degli elementi naturali, dell'ingordaggine e stupidità umana. Abbiamo un paese che è un gioiello con pianure, colline, montagne, laghi e opere dell'ingegno umano lasciateci in eredità e, invece di preservarlo e, miglirarlo lasciamo che ci si sfaldi sotto i piedi. Continuo a chiedermi ma che razza di gente siamo?

Michela Tondato 19.11.13 14:05| 
 |
Rispondi al commento

Ma certo, meglio non parlare di queste cose: meglio che il popolino bue non sappia che urge un grande piano di messa in sicurezza del territorio (che darebbe anche parecchio lavoro diffuso).
Il popolino bue deve credere che le Grandi Opere infrastrutturali "ci portano verso la modernità", che la TAV Torino-Lione o il Terzo Valico sono "una grande opportunità per il Paese", assieme all'Expo 2015, agli F-35, agli Eurofighter, alle fregate dotate dei più sofisticati sistemi d'arma che ci rendono "all'altezza delle grandi sfide", tanto che Israele ci sceglie per esercitazioni belliche congiunte e gli USA per l'installazione strategica del MUOS a Niscemi.
Massì, andiamo avanti così, che intercettiamo la ripresa "non quest'anno ma nel secondo semestre del prossimo vedremo il segno più" (siccome ce lo ripetono DA ANNI sarà vero, no?). Meglio pochi centri di spesa, progetti "di largo respiro" (leggi: di lunga durata, i.e. anni di ossigeno per la Casta) l'intervento delle "banche di sistema" (Intesa Sanpaolo e Unicredit in primis) per il project financing, un grande afflusso di denaro pubblico ben controllabile e a bassa intensità di occupazione, così non rischiamo di "compromettere i sacrifici fatti fin'ora" prima con i tecnici di Monti e poi con Letta, che hanno perseguito con mirabile efficienza l'obiettivo (non dichiarato e inconfessabile) di generare scientemente DISOCCUPAZIONE, affinché terminato il saccheggio in atto, un'Italia di disperati disposti a ogni vessazione pur di sopravvivere sia finalmente "appetibile per GLI INVESTITORI INTERNAZIONALI".
Auguri e buona notte!

(...e poi c'è sempre il Monte dei Paschi da salvare e le responsabilità da insabbiare)

Alessandro B., Torino Commentatore certificato 19.11.13 14:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quando modificheremo questa omertà informativa, collusa con i poteri locali, fonte di voti, fonte di benefici, allora potremmo dire di aver fatto passi avanti. Nel frattempo piangiamo i morti e le inadempienze dei nostri amministratori. Le prossime elezioni sono il banco di prova. Grillo ha detto che abbandonerà la politica in caso di non affermazione, lo capisco e lo condivido. Beato lui che puo andarsene.

giangreco alessandro, fara in sabina Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 19.11.13 13:59| 
 |
Rispondi al commento

Mentre la Sardegna si inabissa e i Sardi muoiono, il vostro ministro degli Interni, Alf ano, invece di attivarsi per organizzare l'emergenza, sta a Porta a Porta sorridente a spiegare a quei 4 gatti gestiti da una vespa, l'importantissima questione del perchè e del percome si sono divisi per ricongiungersi. Questo è il paese dei Balocconi fatto a Bocconi.

giancarlo s., Taranto Commentatore certificato 19.11.13 13:57| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

gia' meglio non parlare di quanto e' vergognoso il non parlare di questa cosa, non basterebbero milioni di parole per descrivere il disgusto che provo di fronte a: meglio non parlare di questa cosa. Fico fa qualcosa per questo abietto fatto, rai di tutto e di piu', piu' sprechi e furti piu' omesse verita'.

monica c. Commentatore certificato 19.11.13 13:55| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori