Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Quarta domanda a De Benedetti

  • 53


debenedetti_repubblica.jpg

Continua il ciclo di dieci domande all'ingegner Carlo De Benedetti, tessera numero uno del pdmenoelle.
Quarta domanda: "Può dirci perché dei 491,3 milioni di euro percepiti in seguito alla sentenza definitiva sul Lodo Mondadori non un euro è stato impiegato per salvare gli 81 dipendenti del suo giornale, che invece sono stati licenziati in tronco a causa di un piano di ristrutturazione definito "irricevibile" dal comitato di redazione? Risponda per cortesia anche se si trova in Svizzera."

Prima domanda a De Benedetti
Seconda domanda a De Benedetti
Terza domanda a De Benedetti

4 Nov 2013, 14:33 | Scrivi | Commenti (53) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 53


Tags: 10 domande a De Benedetti, Berlusconi, De Benedetti, dipendenti, giornalisti, Lodo Mondadori, Repubblica

Commenti

 

Manca la quinta domanda : ha mai avuto vantaggi,anche leciti,dalla Sua amicizia con Monti e Napolitano ?

Paolo C., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 11.02.14 02:57| 
 |
Rispondi al commento

7 domanda per il 7 comandamento non rubare
dal corriere della sera del 3 novembre 1993.ARRESTATO DE BENEDETTI. Ore 11.40. Arriva al carcere il giudice per le indagini preliminari Augusta Iannini, Alla presenza dei due avvocati il giudice inizia l' interrogatorio dell' imputato, che si e' messo il principe di Galles, una camicia blu, una cravatta rosso azzurra. Quando la Iannini entra nella stanza del colloquio De Benedetti si alza e le bacia galantemente la mano. Ore 12.10. Arriva a Regina Coeli anche il Pm Maria Cordova. De Benedetti ripete il baciamano, l' interrogatorio entra nel vivo. Ore 14.30. I due magistrati escono dal carcere, termina la prima parte dell' interrogatorio. De Benedetti viene condotto in una cella del primo braccio, in isolamento. Gli portano la dotazione prevista: una gavetta e un piatto d' alluminio, una forchetta e un cucchiaio, una saponetta, una coperta. Arriva anche il pranzo. Lui assaggia di tutto. Ore 17.30. Riprende l' interrogatorio, che dura fino a tarda sera. Il maresciallo del primo braccio mette sulla brandina di De Benedetti, nella cella d' isolamento, un materassino nuovo. "Un piccolo riguardo" dice.ma non lo utilizzerà in quanto mandato subito nella sua villa agli arresti domiciliari. testo integrale http://archiviostorico.corriere.it/1993/novembre/03/Benedetti_agli_arresti_domiciliari_co_0_9311038846.shtml

giorgio 10.02.14 22:44| 
 |
Rispondi al commento

Grazie M5S


Forza M5S

WORCOM forum Commentatore certificato 10.02.14 14:40| 
 |
Rispondi al commento

Mi da veramente fastidio che sul blog ci siano delle pubblicità delle varie forex e dei siti quasi porno. Io capisco che di aria non si vive però si potrebbe dare una moderatina. Già che ci sono: un restyling grafico al blog non farebbe male perché sempre secondo me c'è troppa confusione. Sempre vostro...

Vanja K., feltre Commentatore certificato 10.02.14 14:38| 
 |
Rispondi al commento

Me gusta mucho, sapere che ci sono amici Spagnoli che non soffrono del disturbo di molti Italiani: la smemoratezza.
Aggiungo che DB è capace di fare il gallo solo con le galline. Quando si misura con altri galli (non nazionali) ci rimette le penne: L'unica volta che ha tentato un grande colpo al di fuori del paese dei pulcinella, cioè in Belgio con la Societè Generale,
gli hanno fatto fare la figura del peracottaro.
Ed è questa forse la sua dimensione, ma poi intervengono gli amici, gli amici degli amici...
Su una cosa Ricucci (il furbetto di Zagarolo) aveva ragione: In questo paese son tutti capaci di
fare i finocchi col culo degli altri. (e qui l'omofobia non c'entra niente).
Federico Rampini,editorialista di Repubblica, in un suo libro "Capitalismo Opaco" scrive:
Una economia di relazioni è una economia mafiosa in cui un capitalismo malato e incapace di competere si salva grazie alla solidarietò dei clan e alle protezioni politiche"
Commento: MI COJONI!

Alfredo Ercole, mjlano Commentatore certificato 07.11.13 19:17| 
 |
Rispondi al commento

A Ivrea purtroppo lo conosciamo molto bene

Massetto pier 05.11.13 19:21| 
 |
Rispondi al commento

mi dispiace saro´ qualunquista ma per me i giornalisti sono tutti dei parassiti della societa , hanno un potere enorme e pensano di stare al bar a fare quattro chicchiere . il giornalismo in italia e´ morto

tommaso RABITI Commentatore certificato 05.11.13 09:55| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti.

Era un po che non scrivevo, e mi scuso
se quello che dico non centra niente
con il tema.

Parentopoli, Spese pazze, No diretta streaming, prime pagine di tutti I
giornali che vi insultano,come al solito,
e che non vedevano l ora di buttarvi
tanta merda sopra.

Ma che cavolo state a combina!!!!

Svegliaaaaaaaaa!!!!!

Paolo da Londra.

Paolo Cotini, ilterzino@yahoo.it Commentatore certificato 05.11.13 09:41| 
 |
Rispondi al commento

Pido desculpa si me voy a expresar en Castellano. Primero quiero felicitar al blog para levantar preguntas muy importantes sobre la actividad financiera de carácter especulativo del Señor De Benedetti una especie de director escondido y protegido por la izquierda judío torinese y por muchos años. Quizás entre las 6 preguntas que aún faltan por publicar, esté también otra operación especulativa del "Ingegnere" que fue en los años 80 la rapida compra-venta de la histórica fabrica Buitoni-Perugina justamente vendida 2 años después por creo el doble si no más a la multinacional Nestlé con sede justamente en Suiza. Muchas gracias y felicidades a Beppe Grillo e a todos sus colaboradores del M5S.

Andrés de Vera 05.11.13 09:09| 
 |
Rispondi al commento

La risposta è molto semplice, se li è messi in tasca De Benedetti, che è in Svizzera a pagare meno tasse e godere di un sistema meno corrotto.

Mentre la Mondadori, che è santa quanto lo è un diavoletto, che ha seminato cicloni per raccogliere uragani, deve fare tagli al personale.
Il Gruppo Mondadori ha creato un vero e proprio CARTELLO di editori, cacciando dal mercato i piccoli, per rimanere con i grossi e poter dettare legge.
Alla fine pubblicazioni gratuite come quelle di Amazon li hanno trasformati in una pista di rullaggio battuta giorno per giorno.
Aggiungeteci il fatto che gli italiani al massimo leggono la gazzetta dello sport, e il gioco è fatto.

I tempi stanno cambiando.
Ho pubblicato anche io dei romanzi su Amazon. E ne vado fiero.
Sono i miei lavori. Vendo poco, ma ci ho lavorato tantissimo, per passione, come facevano gli scrittori del 1800, o quelli del 1500, che non avevano editor in mezzo ai coglioni. Che non dovevano sorbirsi quelle lettere ingrate (quando arrivano eh, spesso ti ignorano, oppure la Mondadori ti lascia un numero di telefono da chiamare dalle 9 alle 10 e se hai culo parli con uno che ascolta le tue sciocchezze per telefono). Che non dovevano per forza di cose vedere un gruppo di sciocchi che "ne sa più di te" cambiare il tuo lavoro e trasformarlo in qualcosa di commerciale.
Capiamoci bene: non sono Lorenzo De' Medici. La Mondadori è un COMMERCIANTE.
Non favorisce l'arte, favorisce l'oggetto di consumo.

Me ne seggo in disparte, a vederli affondare come il Titanic, per la loro stessa avidità e miopia. Con gioia e soddisfazione.

A chi lavora in Mondadori: cercatevi un altro lavoro e finitela di farvi sfruttare.
Se no prendete spunto dal telefilm Breaking Bad, può esserci un Heisenberg in tutti voi.

Andrea F. Commentatore certificato 05.11.13 01:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

chissà come mai quando scoppia qualche casino spunta sempre lo zampino di un ebreo.
per fortuna che non sono razzista.

levo levi levati 05.11.13 01:17| 
 |
Rispondi al commento

prima domanda a Beppe.
cosa ne pensi delle senatrici che hanno assunto loro congiunti in qualità di assistenti?
è un modo per recuperare lo stipendio dimezzato?

mister x, ravenna Commentatore certificato 04.11.13 22:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cari Signori, il DeBenedetti (il distruttore smascherato) ha un debito con Mister Saputo (uno degli uomini più ricchi del pianeta) di 400 Milioni di dollari. Aveva cercato di sputtanarlo dandogli del mafioso. Saputo è un siciliano andato in Canada, chiamato Mister Mozzarella perché la Sua è una delle più grandi aziende del settore di tutta l'America. Il Saputo aveva denunciato DB e chissà perché proprio uno degli avvocati del Saputo (Avv. Fragalà di Palermo) è stato brutalmente ASSASSINATO proprio in quel periodo.
Come fù assassinato Adriano Olivetti (morto avvelenato) e Mario Tchou (inventore del primo computer; dipendente Olivetti ed amico di Adriano).

Riccardo FE 04.11.13 22:26| 
 |
Rispondi al commento

Se questi 81 giornalisti avessero fatto i giornalisti per davvero, Repubblica non sarebbe diventata Repubblichella 2000, buona solo per compiacere l'editore. Che, grato, ha poi cacciato i suoi stessi killers.
Quanti post a favore del M5S avete censurato ? quante verità avete alterato, quante notizie scomode non avete pubblicato ? e potrei continuare all'infinito.
Si dice a Roma: chi sputa in cielo in bocca ci ricasca.
Ed è quello che avete fatto voi.
Alla fine la gente si è stancata di accedere ad un sito inaffidabile e vi ha mollato, la pubblicità è diminuita e adesso voi ANDATE A CASA.
QUANTA gente INCOLPEVOLE è andata a casa grazie ai governi scellerati che avete spalleggiato ? ecco, adesso, molto semplicemente, TOCCA A VOI.

la tua coscienza 04.11.13 21:44| 
 |
Rispondi al commento

Quante persone lavorano oltre i 65 anni nello stato italiano e nelle aziende collegate? Devono essere mandate in pensione è sostituite con i giovani ovvio anche i parlamentari.

Bono giangiacomo 04.11.13 21:28| 
 |
Rispondi al commento

Mi risulta che in quel di Ivrea lo chiamino tutt ora Ing De Maledettis. Sarà vero???? Ogni commento è superfluo.

Luigi P. Commentatore certificato 04.11.13 20:45| 
 |
Rispondi al commento

Ci sono Signori che sono dappertutto, non solo qui o lì. E non sarà un po' imprudente rivolgere domande che non avranno mai una risposta?

loris cusano 04.11.13 20:43| 
 |
Rispondi al commento

Ma cosa volete che siano poche decine di lavoratori, vicino al grande disastro che ha fatto anni fà con l'OLIVETTI?
Questi sono i nostri grandi industriali. SI' con i soldi della gente comune!!

adriano 04.11.13 20:42| 
 |
Rispondi al commento

La risposta è più semplice di quanto si pensi. Come vale per gran parte dei suoi compagni di partito, la comunione della ricchezza finisce all'ora di mangiare....... quello che è tuo e di tutti, quindi anche mio e quello che è mio è mio.
Anche questo personaggio è solo demagogia e bugie.
Leggete la storia della famiglia e della società Olivetti, vedrete che molte delle vostre domande troveranno risposte.

andrea c., valbrembo Commentatore certificato 04.11.13 20:22| 
 |
Rispondi al commento

Perché questa merda non risponde anche se si trova in svizzera?

Michele santoro 04.11.13 20:16| 
 |
Rispondi al commento

L'ANCI si è sperticata nel propinare il limite dei 30Kmh quale incommensurabile contributo alla sicurezza stradale. A parte il fatto che, con la mobilità pubblica che abbiamo in Italia, non mi sembra il provvedimento più liberale.
Uno studio condotto a Torino dice che il percorso medio in ambito urbano cresce di appena 20min. che sarà mai?
Che sarà mai? Avete mai provato a correre per portare il bimbo al nido prima di precipitarvi in ufficio dove il capo aspetta battendo il piedino? Sono una giornata lavorativa a fine mese, due settimane a fine anno. Niente male eh?
Ma questo provvedimento, supportato da quegli enti che si sono visti tagliare fondi dal governo e sono a caccia di nuove entrate per pagare consulenze agli amici degli amici, sa poco di sicurezza stradale e puzza molto di nuovo salasso.
Che so, già mi vedo una nuova schiera di velox imboscati nel cespuglio dietro al cartello del limite coperto da una frasca.
Se i comuni sono così desiderosi di migliorare la sicurezza stradale propongo un piccolo emendamento al provvedimento:
"Tutti i proventi derivanti da contravvenzioni elevate con strumenti elettronici di controllo del traffico devono confluire nelle casse dello Stato, non sono pertanto escutibili dai Comuni".
"Qui si parrà la vostra virtude" cari sindaci, se siete veramente interessati alla sola sicurezza dei cittadini e non al loro portafoglio, gioirete comunque del provvedimento, altrimenti si paleseranno le vostre vere intenzioni e verrete additati come gli ennesimi parassiti sociali.

Marco Bussi 04.11.13 20:13| 
 |
Rispondi al commento

NON CI SONO COMMENTI SU QUESTO PERSONAGGIO SENZA VERGOGNA. HA FATTO CHIUDERE UNA DELLE PIU' IMPORTANTI AZIENDE IN ITALIA LA OLIVETTI DI IVREA.
HANNO MANDATO IN ONDA RECENTEMENTE LA FICTION CON L'ATTORE CHE IMPERSONAVA OLIVETTI, IL FRATELLO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE LAZIO (ZINGARETTI).
LA NUORA, MOGLIE DI QUEL ROSPO DEL FIGLIO, CONDUCE DA ANNI LA DOMENICA SPORTIVA.A VEDERLA SEMBRA UNA MUMMIA RIFATTA.
QUESTI PERSONAGGI ESISTONO GRAZIE ALLE LOBBY DI POTERE A CUI APPARTENGONO.
DIVERSAMENTE COME POTREBBERO ,SFACCIATAMENTE, FARE QUESTE COSE?

MASSIMO DI FRANCESCO, ROMA Commentatore certificato 04.11.13 19:41| 
 |
Rispondi al commento

MI PIACEREBBE CHE QUALCUNO MI DICESSE PERCHE' SI FANNO FICTION PER ESEMPIO SU OLIVETT, PERSONA RISPETTABILISSIMA, LA STORIA CE LO INSEGNA E NON SU DE BENEDETTI. DE BENEDETTI LA STORIA CI INSEGNA CHE HA SMEMBRATO E SVENDUTO L'OLIVETTI SENZA CHE DALLO STATO CI FOSSE STATO UN CONTROLLO. HA DIMENTICAVO CHE ANCHE ALLORA VI ERANO MANIPOLAZIONI E GUADAGNI A SFAVORE DEI LAVORATORI. GIOVANNIFRA

rossetti giovanni francesco 04.11.13 19:18| 
 |
Rispondi al commento

In realtà hanno distrutto quello che di più potente ha uno stato democratico: la sovranità monetaria. Solo alzando il tetto del debito pubblico ( un fantasma inesistente) si può gestire il bene sociale di un Paese.
Il Movimento deve battersi per un referendum popolare propositivo senza quorum per restare con questi Criminali Europeisti o tornare alla nostra sacrosanta sovranità monetaria.
Ps
il debito pubblico è un' invenzione se la moneta unica ha cambiato le cose è perché qualcuno ci sta guadagnando. Controlla chi negli ultimi vent'anni in Italia si è comprato "servizi essenziali"!!

Roberto Burini 04.11.13 19:14| 
 |
Rispondi al commento

Non provo nessuna compassione per queste 81 famiglie.
Questi redattori che finiranno in mezzo a una strada....hanno sempre fatto parte del meccanismo di manipolazione del consenso e ne sono sempre stati consapevoli....
Sono esattamente come i militari dell'esercito nei regimi dittatoriali...solo che questi invece dei corpi tengono schiavi i cervelli delle persone

davide ranieri 04.11.13 19:09| 
 |
Rispondi al commento

Nessuno di loro risponderà, ma la risposta giusta a tutte le domande è questa: mafia, politica e imprenditoria in Italia sono un tutt'uno indissolubile; l'imprenditore ha bisogno della mafia e della politica per arrivare ai propri scopi: assegnazione appalti truccati, mega opere inutili, incarichi direzionali e manageriali pilotati, creazione di società per l’elusione e l’evasione fiscale, espatrio di soldi puliti e sporchi, rimpatrio di soldi sporchi a costo zero; il politico ha logicamente bisogno della mafia e dell’imprenditoria per rimanere il più possibile sulla poltrona; la mafia è il prodotto stesso del connubio politica-imprenditoria.

Francis Banks 04.11.13 19:08| 
 |
Rispondi al commento

nonostante sia palese la struttura di menzogna dell'impero mediatico di de benedetti ancora molti ingenuotti pure parlamentari M5S credono ancora alle propagande di repubblica.
ne abbiamo avuto una prova allorquando si è dovuto votare il presidente del senato grasso: dipinto dalla propaganda mediatica come il nuovo, l'onesto, portatore di legalità e cazzate simili.
e buona parte del movimento 5S abboccava all'amo!
Del procuratore antimafia grasso, oltre ai legami con la politica più sporca, non potrò mai dimenticare le insinuazioni schifose in stile mafioso che fece contro il movimento dei forconi ... disse: "...non posso escludere qualche legame dei forconi con ambienti mafiosi ...." un vero e proprio procurato falso allarme per bloccare un movimento genuino di popolo ..... che pezzo di m.....!!!

romeo c. Commentatore certificato 04.11.13 18:39| 
 |
Rispondi al commento

Il nano rispetto a questo e' un santo.
Proposta: facciamoli santi, cosi' ce li
togliamo per sempre dalle Palle!
Forse...

Zurigo 04.11.13 18:37| 
 |
Rispondi al commento

De Benedetti è una di quelle persone che rendono sicuramente il mondo un posto peggiore con la loro nefasta esistenza.
Umili con i potenti, spietati con i poveracci.
Guarda caso lo svizzero ha scelto proprio l'Italia come teatro delle sue scorribande dove questo giochetto piace a molti altri, che non hanno mai mancato di assecondarlo. In Italia anche il genere di furbizia che incarna il nostro è particolarmente apprezzata.
Penso che nella motivazione del licenzimento ci sia qualche cosa che ha a che fare con la libertà di pensiero visto la bassezza del personaggio.

Pantomima Rossa Commentatore certificato 04.11.13 18:27| 
 |
Rispondi al commento

Si salvi chi puo'con questi imprenditori senza scrupoli ricchi sfondati e senza dignità'.

rubino antonio 04.11.13 17:47| 
 |
Rispondi al commento

al sig. de benedetti mi può dire cosa ne ha fatto dell' olivetti, cirio?

marco Bonanome 04.11.13 17:31| 
 |
Rispondi al commento

i politici preferiscono i salotti dei ricchi anche quelli che dicono a parole(PD-L SEL) di rappresentare il proletariato sindacati compresi preferiscono i salotti dei ricchi.questi sono i peggiori di tutti perchè preferiscono gli extracomunitari agli italiani e a chiacchiere difendono i proletari. cosa vuoi che gli frega a de benedetti di 80 operai quando ha distrutto l'economia di una città intera (IVREA)morale della favola i ricchi in italia sono aumentati e sono aumentati anche i poveri.IL GOVERNO CHE FA? STA COI RICCHI.COROLLARIO : LA CANCELLIERI STA COI RICCHI.

Eugenio Percossi 04.11.13 17:30| 
 |
Rispondi al commento

De Benedetti è uno che si è preso la residenza in Svizzera e che dal pulpito del suo giornale filogovernativo consiglia ricette fiscali a base di tasse da far gravare sui cittadini italiani. Magari per finanziare regali fiscali ai lobbisti di confindustria, di cui lo stesso De Benedetti fa parte. Guarda caso i satrapi di confindustria sono i beneficiari della manovra di Letta di questi giorni. Sappiamo bene chi paga. Dopo aver fatto "impresa" ricevendo concessioni (vedi omnitel) e regali dalla politica, De Benedetti ha pensato bene di rifugiarsi in Svizzera per evitare quelle tasse che lui invece caldeggia ogni giorno per i semplici cittadini italiani. Per conto mio De Benedetti ha seri problemi psicologici se non si accorge di fare schifo. E d'altra parte è la stessa cosa che diceva di lui lo stesso Passera: "ha problemi psicologici".

andrea mincato 04.11.13 17:29| 
 |
Rispondi al commento

RISPONDO IO PER LUI! PERCHÉ È UN GRANDISSIMO FIGLIO DI ZOCCOLA E DEVE CREPARE MISERO COME IL PIÙ GRANDE MISERO DI TUTTI I TEMPI!!! AH CORRADO LUCIANI MA BAFFANCULO!!!! FORZA M5S

Mauro 04.11.13 17:18| 
 |
Rispondi al commento

Altra domanda per De Benedetti: ma la residenza in Svizzera l'hai presa perché consigliato dalla società a cui tanta pubblicità fa il nostro Beppe? Domanda anche a Beppe: ti ostini a far pubblicità alle società di consulenza per esportare capitali in paradisi fiscali nell'interesse degli italiani? Se questa è l'alternativa al finanziamento pubblico mi sa che cadiamo dalla padella alla brace.

Corrado Luciani 04.11.13 17:11| 
 |
Rispondi al commento

saranno già stati dirottati in qualche isola felice.

lorenzo ciccarone 04.11.13 17:09| 
 |
Rispondi al commento

La cancellieri deve andare via, se così non è allora non resta che, dopo tutto quello che sta succedendo, la rivoluzione. Altro non c'è.
W il risorgimento

Giuseppe garibaldi 04.11.13 16:39| 
 |
Rispondi al commento

Io ne farei solo una d domanda a questa faccia da mortadella (cm Prrodi) supponente cm poki..per andare d corpo te magni le prugne o t basta leggere ql ke scrive Scalfari su REpubblica? ^_^

Manuele V., Marche Commentatore certificato 04.11.13 15:58| 
 |
Rispondi al commento

La risposta è semplice, perchè De Benedetti racchiude, quegli odiosi stereotipi, che si hanno sugli ebrei.

E' l'eccezione che fa purtroppo da regola e luogo comune.

De Benedetti è AVIDO.

lucifero 04.11.13 15:33| 
 |
Rispondi al commento

Esula dal posto ma mi permetto di dare un consiglio spassionato a Beppe, al suo staff e al MoVimento intero. Fate molta attenzione a Nichi Vendola perchè, mi duole dirlo, ma la maggioranza di quelli che non avrà più il coraggio di votare il PD (menoelle) si affideranno, anima e corpo, a SEL. Non avranno le palle di votare per noi, non lo faranno.
E quindi se si vuole veramente vincere bisogna far capire che Vendola e SEL non sono assolutamente la soluzione e che non cambieranno mai nulla.
Vi prego, non sottovalutatelo e fate in modo di "distruggerlo" politicamente.
Se si riuscirà a "conquistare" chi vorrà astenersi e chi vorrà votare Vendola pur di non votare M5S, allora sarà veramente un trionfo.
Tenetelo a mente vi prego, sono troppe le persone che ho sentito pronunciare questa frase "Alle prossime voto Vendola che è l'unico nuovo e contro Berlusconi". FERMATELI!

Un abbraccio.

Edoardo C., Chivasso (TO) Commentatore certificato 04.11.13 15:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

MA IL CAPO DEL PD è LA TESSERA NUMERO 1 ????

Marco Folli, Bologna Commentatore certificato 04.11.13 15:04| 
 |
Rispondi al commento

La risposta in svizzero non la immagino ma in napoletano direbbe:
pecchè cà nisciune è fesse!
in romano: sticazzi!!

e chi vuole continua con la risposta in altri dialetti...

Lello Marino (marins) Commentatore certificato 04.11.13 15:03| 
 |
Rispondi al commento

#DEBENEDETTI_RISPONDIALLA4


Marco Folli, Bologna Commentatore certificato 04.11.13 15:02| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
DE BENEDETTI RISPONDI,DE BENEDETTI RISPONDI
ALVISE!!!!!!!!
ALVISE

alvise fossa 04.11.13 14:52| 
 |
Rispondi al commento

FIRMA LA PETIZIONE PER ABOLIRE LE DISPARITA' DI TRATTAMENTO ECONOMICO NELLA P.A.

BASTA DISUGUAGLIANZE! BASTA INGIUSTIZIE E PRIVILEGI!
BASTA LAVORATORI DI SERIE "A" E LAVORATORI DI SERIE "B"!
BASTA STIPENDI D'ORO!
A PARITA' DI REQUISITI, PARITA' DI RETRIBUZIONE IN TUTTA LA P.A.!

NON E' PIU' ACCETTABILE CHE UN DIPENDENTE DEL QUIRINALE, DELLA CAMERA O DEL SENATO GUADAGNI SEI VOLTE DI PIU' DI UN IMPIEGATO DEL CATASTO CON PARI REQUISITI.

E' INACCETTABILE PER GLI STESSI DIPENDENTI PUBBLICI. E' INACCETTABILE PER I CITTADINI CHE LI PAGANO A FRONTE DI TASSE SEMPRE IN AUMENTO.
RIDUCIAMO GLI SPRECHI.

MIGLIORIAMO L'EFFICIENZA E L'EFFICACIA DELLA PUBBLICA AMM.NE.
FIRMA ANCHE TU LA PETIZIONE PER UN'ITALIA PIU' GIUSTA, EQUA E SOLIDALE. PER UNO STATO AL SERVIZIO DEI CITTADINI.

www.freeskipper.it

Free Skipper, Roma Commentatore certificato 04.11.13 14:42| 
 |
Rispondi al commento

mi secca dirlo ma con i soldi suoi ci può fare quello che vuole lui, e dell'occupazione dovrebbe occuparsene il governo con cui lui è ammanicato non i privati

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 04.11.13 14:36| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori