Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

L'ecomostro di Vicenza

  • 22


vicenza_ecomostro.jpg

"Il nuovo tribunale di Vicenza, costruito su un'area che fu di Silvio Berlusconi, rischia di diventare un monumento nazionale al conflitto di interessi. Il governo Berlusconi bis concesse un finanziamento di ben 25 milioni di euro per una struttura che, unitamente ad una maxi speculazione edilizia, è finita nuovamente nel ciclone della polemica dopo un esposto di Legambiente in cui si denunciano presunti abusi edilizi (rispetto al quale la procura della repubblica si sta muovendo con una prudenza preoccupante). Il tutto per un affare che vale un centinaio di milioni di euro e che pone sul piano ambientale problemi idrogeologici che pesano come macigni. La partita è delicatissima perché per la realizzazione del palazzo di giustizia, ultimato da pochi mesi, e per la vicina lottizzazione (ancora in corso), sono interessati due pezzi da novanta delle costruzioni come Maltauro e Gruppo Gavio. I cittadini devono far sentire la loro voce: quella colata di cemento a pochi passi da villa La Rotonda e dal centro di Vicenza, una città con il riconoscimento dell'Unesco, sta già facendo venire il mal di pancia ai turisti che da tutto il mondo vengono a visitare la città di Andrea Palladio. Che forse si starà rivoltando nella tomba." M5S Vicenza

2 Dic 2013, 11:35 | Scrivi | Commenti (22) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 22


Tags: Berlusconi, ecomostro, Gavio, M5S Vicenza, Maltauro, Palladio, Unesco, Vicenza

Commenti

 

Non c'è DUE senza TRE

1) dopo la Mega base americana al Dal Molin
2) dopo l'ecomostro del Tribunale a Borgo Berga
ecco che:
3)
vogliono approvare in fretta e furia una variante alla TAV che buca le colline con un TUNNEL che sbuca sotto le ville del PALLADIO !!!
Cittadinanza tutta in piazza il 12 gennaio pomeriggio durante il consiglio comunale.
Vedi l'articolo:
http://www.vicenzatoday.it/politica/no-tav-vicenza-in-10-punti-html.html

Pierpaolo Chieregato, pierpaolo.chieregato@gmail.com Commentatore certificato 06.01.15 09:27| 
 |
Rispondi al commento

In confronto a quello che accade questo appare quasi insignificante, purtroppo siamo abituati al dramma ed al peggio in Italia, Vicenza non fa eccezione.

Vincenzo 18.12.13 15:34| 
 |
Rispondi al commento

Maltauro spa ed expo 2015 . La via dell'acqua contestata, inutile per la quale il comune di milano ha in biliancio una spesa di 89 Milioni di Euro, vede la Maltauro aggiudicarsi un opera facendo un offerta del con il 23% di sconto pur di aggiudicarsi l 'appalto.
Vi scrivo dal Quartiere Gallaratese periferia nord ovest di Milano dove questi signori del denaro stanno per distruggere il parco pertini, il parco di Trenno, il bosco in città , il parco delle Cave per fare un canale d'acqua !
Un opera inutile , onerosa che devesta quel poco di verde che è rimasto a Milano.
Siamo ufficialmente in lotta , contro L 'expo , contro questo canale , contro la devastazione del territorio , contro l'edilizia mafiosa!
Guerra Sia!!

sacco alessandro 03.12.13 15:29| 
 |
Rispondi al commento

Uniamoci per eleminare non solo le province ma anche le regioni, dove si annidano corruzione , malaffare ed inefficienza a discapito del denaro pubblico. Combattiamo invece per la creazione di un centro di ricerca e di studi sociali, culturali ed economici a livello nazionale. Ing Giuseppe Campagna www.ingcampagna.it

Giuseppe campagna, Riace Commentatore certificato 03.12.13 10:20| 
 |
Rispondi al commento

Sono in sintonia con l'articolo. Dissento nella tipologia di contestazione. Mi spiego. Qualsiasi opera, per ricevere i pareri di attuazione è stata per circa 12-36 mesi sottoposta al vaglio delle varie commissioni. Durante tale periodo bisogna verificare e denunciare anomalie o incongruenze, dopo l'esecuzione dei lavori, diventa quasi impossibile farlo abbattere e costoso per qualsiasi ricorso.
Cito il caso dell'eco mostro di Bari. Il comune nei primi giudizi ha ottenuto autorizzazione all'abbattimento della struttura, ma nel grado di giudizio definitivo, ha dovuto rimborsare tutti i costi dell'investimento. Se l'opposizione fosse stata fatta nei tempi, lunghissimi di autorizzazione, non ci sarebbe stato nessun danno economico per le casse del comune.
Tommaso Galtieri

tommaso galtieri Commentatore certificato 03.12.13 06:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

RIFKIN SENZA COMMENTI...Eppure scrive che chiunque può comunicare alla pari.
Non abbiamo trovato l'indice commenti al post passa parola di Rifkin, pertanto facciamo richiesta di asilo commenti in questo più modesto post.
Rifkin fa i conti senza oste, nel senso che la tecnologia rimane pur sempre al servizio del potere che, di certo, non lascia l'individuo autogestirsi, se no lo avrebbe fatto fin d'ora per quello ch'è possibile. Dicevano scienziati del livello di Valerio Tonini che la tecnologia avrebbe tolto l'uomo al duro lavoro, quale delle miniere, ma oggi vi si muore ancora. Insomma, occorre fare i conti con quanto temuto da A.Huxley; il progresso tecnologico affina anche il controllo sulla massa fino al singolo individuo tanto che si è passati a forme di prevenzione anche sulle intenzioni del cittadino. Non crediamo che oggi sia tanto diverso dai tempi di E. Mattei, che voleva un'Italia energeticamente autogestita ed è stato fatto fuori. Si pensi all'autogestione della ricerca, quale quella della fisico Gatti alla quale è stato tolto di mano lo strumento tecnologico d'avanguardia perché ha avuto successo a costo zero. Avremo tutto a costo zero ma...ci ritroveremo la targa con le lettere del nostro DNA nel posteriore e le videocamere (alla Orwell) assieme al satellite che ci regoleranno il traffico della "biomassa".
La natura deve riequilibrarsi...Ora è in ammollo il Sud Italia dove si è fatta la manifestazione contro le discariche...la natura sta lavando..è l'amara medicina.

Mare EXP 02.12.13 22:49| 
 |
Rispondi al commento

E ALESSANDRA MORETTI, avvocato a Vicenza ed ex vicesindaco della città, ne sa qualcosa?

Alberto R., Cagliari Commentatore certificato 02.12.13 20:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Carino il filo di arianna... terreno di Berlusconi (penso venduto più che bene) e opere pubbliche con soldi a fiume.

La procura indaga con prudenza preoccupante... a dimostrazione che non tutte lo toghe sono rosse.

Lello Marino (marins) Commentatore certificato 02.12.13 19:09| 
 |
Rispondi al commento

Il "blocco" di Borgo Berga è una vergogna per la città, già ferita dalla costruzione recente della più grande base americana (ops, Nato!) d'Europa, il Dal Molin. UN vero schifo.
Un bel regalo lasciato dalla giunta Hullweck & Co. (tribunale),e governi di dx e di sin (vedi governo Prodi e D'Alema x la base militare)
Il complesso del tribunale è uno scempio ... con quella vecchia ciminiera (con il simbolo della lanerossi) restaurata in ricordo della fabbrica precedente ... già, restaurata e ormai scomparsa perchè sommersa da altissimi muraglioni.
Concordo con ciò che è stato scritto nell'articolo ... lì sicuramente ci sono abusi di ogni tipo ... mi domando com'è possibile costruire così tanto in un punto in cui si incontrano due fiumi (Retrone e BAcchiglione), fiumi dalle portate assai variabili e imprevedibili (vedi alluvione di qualche anno fa). E quindi zone a rischio idrico. Un triangolo di terra largo una manciata di metri con un palazzone di cemento a pochi passi dal fiume. Ma com'è possibile???
Il M5S di Vicenza con i suoi consiglieri (già, il virus stellato è arrivato anche a vicenza!) ha chiesto delucidazioni alla giunta (ora di centrosinistra) da tempo in merito agli atti .... penso non abbiano ancora ricevuto una "cippa" a riguardo. (salvo news dell'ultima ora).
W la trasparenza predicata dal PD!
Quando il tribunale sarà finito, sarebbe bello srotolare dei drappi con tutti i nomi degli amministratori che hanno permesso questo abominio ... così ricorderemo che un tempo nei dintorni di Borgo Berga potevamo scorgere in lontanza anche le nostre montagne. Tempi passati ahimè!

niko d. Commentatore certificato 02.12.13 19:08| 
 |
Rispondi al commento

Il mostro cementifico è proprio lì in evidenza che si erige grigio e plumbeo sotto il cielo blu in un’estate che non c’è stata più e in un inverno fino ad ora schiantato da un sole che cala dolcezza e a cui lui fa ombra. Ci sono tante finestrelle che sembrano occhi senza né iridi, né pupille . A cosa serve non si sa visto che di edilizia residenziale e commerciale non si sa più che farne, bastava il tribunale. Potrebbe alloggiare il nuovo comune visto che pensano già di buttare giù nuove ondate di cemento per permetterlo o magari, che idea!, una cosa fuori moda tipo una scuola…

Vittoria 02.12.13 17:23| 
 |
Rispondi al commento

Innanzi tutto mi dispiace per eventuali errori, non sono italiano e non vivo in Italia da tanti anni.

Mi sento triste ogni volta che (accade molto spesso) qualche amico di sinistra mi dice che i parlamentari a 5S non fanno NULLA. I politici lo dicono tutto il tempo e i giornaloni sempre lo ripetono. Alla fine è diventata una "verità" per molte persone, che i 5S non fanno nulla o non sanno fare politica.

Secondo me manca al M5S elencare in maniera semplice e succinta e fare girare i più possibile tutte le proposte e mozioni portate in parlamento dai cittadini a 5 stelle e come l'hanno votate i vari partiti.

Oltre questo, sarebbe interessante fare un ranking di assiduità' in aula, perché' la gente vedesse che i fannulloni sono gli stessi cialtroni che votano da vent'anni.

Altre cose potrebbero anche essere elencate riguardo l'attività parlamentare, o riguardo le promesse prima dall'elezione, perché' gli elettori sia di destra che di sinistra potessero guardare come i suoi partiti "pensano il bene del paese".

Grazie,
Marcelo

Marcelo De Oliveira, St. Augustine, Florida, USA Commentatore certificato 02.12.13 16:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

nippur62
Volevo dire se ne è accorto.

nippur 6. Commentatore certificato 02.12.13 14:10| 
 |
Rispondi al commento

Nippur62
Altro passo per un finale già scritto
Hanno completamente militarizzato Vicenza.
La caserma del centro operativo in Europa del E.G.F. due caserme americane di cui una è in fine costruzione, adesso il tribunale.
Il puzzle si sta completando.
Se ci mettiamo che nella legge di stabilità hanno stanziato ulteriori 10 milioni di euro per un non specificato funzionamento logistico che sono andati all'arma dei C.C. in fase di scioglimento togliendole alle forze dell'ordine, è stato talmente palese che perfino il segretario del S.A.P. TANZI , dopo anni di fette di prosciutto sugli occhi, ho paura che le mie pessimistiche previsioni si stiano avverando.
Verificate e commentate.


nippur 6. Commentatore certificato 02.12.13 14:08| 
 |
Rispondi al commento

Le strane coincidenze delle truffe che conducono alla Ong.

Questa la situazione di 2 cantieri in Lombardia, la loro situazione non si discosta molto da quella del cantiere di Ravenna (Filetto) e di altri cantieri come Paderno Dugnano, Pieve Emanuele, Vimodrone, in provincia di Milano, di cui però non si hanno immagini.

Le immagini del cantiere di Trezzo sull'Adda (MI): http://bit.ly/16Wetk9

Il video del cantiere di Besana Brianza (MB), stesso progetto: http://bit.ly/13LmLvy

Anche a Brescia era stato avviato lo stesso progetto che però abbandonato come gli altri, nel 2012 ha visto addirittura l'abbattimento delle case.
A Cremona, nel comune di Casalmaggiore, le case sono abitate in condizioni da terzo mondo, senza illuminazione pubblica, asfalto sulla strada d'ingresso ai caseggiati e con ancora le macerie da portare via al posto del cortile.

Lo stesso progetto è attivo ora in Campania nei comuni di Villaricca e Piedimonte Matese.

L'8 ottobre scorso è stata depositata in Senato una interrogazione per chiedere spiegazioni sull'operato di Alisei ONG, nella gestione dei progetti di autocostruzione assistita (oltre 15 cantieri abbandonati, 200 famiglie truffate), e nei progetti umanitari mai consegnati con le recenti revoche di finanziamenti governativi:
http://matteo-equilibrio1.blogspot.com/2013/10/interrogazione-in-senato-su-alisei.html

matteo m. Commentatore certificato 02.12.13 14:00| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
L'ENNESIMO DANNO ALLA CITTA' DEL PALLADIO,GARZIE AI GORNI BERLUSCONI E CO
ALVISE

alvise fossa 02.12.13 13:09| 
 |
Rispondi al commento

Grazie a tutti! La "violenza" contro la città del Palladio deve essere conosciuta. Speculatori, affaristi della peggior stanno distruggendo un "Patrimonio Unesco"!
Enzino

enzo caneva 02.12.13 12:40| 
 |
Rispondi al commento

il popolo vuole la caduta del regime

napoli 1799 02.12.13 12:15| 
 |
Rispondi al commento


Intervista a Valeria Fedeli di Enrico Marro - Corriere della Sera

di Valeria Fedeli, pubblicato il 2 dicembre 2013 , 131 letture


inShare.

«Mi colpisce e mi sorprende che il sindacato nazionale non abbia ancora preso posizione su una tragedia come quella di Prato, dove finora sono morti sette lavoratori». Valeria Fedeli, vicepresidente del Senato, per molti anni al a guida dei tessili della Cgil e del sindacato europeo di categoria spera che Cgil, Cisl e Uil battano presto un colpo, «perché non è vero che il sindacato non ha fatto nulla per i lavoratori cinesi».


A vedere quello che è successo non si direbbe.


«Qualche anno fa, come tessili della Cgil promuovemmo un confronto a Prato che si concluse con un`intesa che doveva vedere la collaborazione tra istituzioni locali, forze dell`ordine, sindacati e associazioni imprenditoriali per contrastare i capannoni illegali e favorire l`emersione».


Evidentemente non ha funzionato.


«Quello che è successo testimonia che si è abbassata la guardia sul fronte dei controlli. Se si fa un monitoraggio serio, a partire per esempio dai consumi elettrici, si scoprono facilmente le attività clandestine, le fabbriche lager con i lavoratori schiavi che dormono nei capannoni».


Forse anche il sindacato ha abbassato la guardia.


«E difficile entrare in queste realtà perché sono illegali, è come non esistessero e ci troviamo davanti, in questi casi, a una comunità chiusa. Ma bisogna insistere».


Come?


«Partendo da un monitoraggio costante del territorio per chiudere le fabbriche illegali e occuparsi dei lavoratori e delle loro famiglie. E c`è bisogno di un accordo anche con la comunità cinese, coinvolgendo gli imprenditori corretti che ci sono».


Fonte: Corriere della Sera


Io ho 40 anni,e nel lavoro ho visto gli ispettori del lavoro solo Una volta a mergellina,durante l American s cup.I P O C R I S I A A L C U B O D I U N M A F I O P A R L A M E N T O.

Carlo D., Casoria(Na) Commentatore certificato 02.12.13 11:46| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori