Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Renzie e la trigonometria

  • 77


renzie_trigonometria.jpg

"Renzi(e, ndr) ha dichiarato: "Abbandoniamo gli slogan e facciamo un piano del lavoro a 360 gradi.". Il piano del Pd per il lavoro: neoassunti senza articolo 18. Un nuovo contratto per rilanciare l’occupazione: in caso di licenziamento indennizzo ma niente reintegro. Più che a 360 gradi è un piano a 90 gradi, ma ai piddini renzini la trigonometria è indigesta, come pure la sinistra." davide lak

19 Dic 2013, 12:36 | Scrivi | Commenti (77) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 77


Tags: articolo 18, lavoro, pd, Renzie, trigonometria

Commenti

 

Prove di un prestito da iserphilippe4@gmail.com
Signor ISER mi ha dato il sorriso alle labbra assegnandomi un prestito di 95000€ ad un tasso di 3%
vi ricordo che ho dovuto pagare un solo spese che sono le spese di contratto
Allora se avete bisogno di un prestito necessità di credito personale per realizzare i vostri progetti o rimborsare i vostri debiti,contattate

Ecco il suo indirizzo e-mail: iserphilippe4@gmail.com

gustavo ligui Commentatore certificato 08.10.16 15:18| 
 |
Rispondi al commento

E... ancora BLA... BLA.. BLA... BLA.

PIETÁ PER LE NOSTRE ORECHIE!
BASTAAAAAAAAAAAAAA!

Paola Zito 06.10.16 15:35| 
 |
Rispondi al commento

Costa meno il sussidio di disoccupazione che tenere in vita aziende non competitive. I contributi alle aziende non competitive vanno oltre che ai lavoratori anche al ciclo produttivo, che non è in grado di produrre utili e generare gettito fiscale. Bisogna uscire dalla mentalità socialista del diritto al lavoro. Il lavoro non è un diritto. Vivere è un diritto. Avere un reddito per mantenere la propria persona e la propria famiglia è un diritto. Pensate al lavoro statale improduttivo. Pagare lo stesso le persone tenendole a casa consentirebbe risparmi enormi di locazioni, utenze elettriche, idriche, telefoniche, ADSL, riscaldamento. Usciamo da questi mantra marxisti fallimentari se idioti. La gente deve campare non fare finta di lavorare se lavoro non c'è. I posto statali sono per i 4/5 sussidi di occupazione.

Marco Diaco 21.12.13 00:18| 
 |
Rispondi al commento

SONO DEI BUFFONI. LI ABBIAMO VISTI NELLA VICENDA DEL MPS DOVE STANNO PER ESSERE BTATI PER STRADA
1066 DIPENDENTI SENZA CHE I FAMOSI SINDACATI ABBIANO MOSSO UN DITO.DIPENDENTI CHE SONO COSTRETTI A RIVOLGERSI AL GIUDICE CON I PROPRI LEGALI, MENTRE I SINDACATI SONO SEDUTI AL TAVOLO
PER TRATTARE LA RESA DEI CONTI...VERGOGNA !!!
I DIFENSORI DEI LAVORATORI...!!!BRAVI, SSENZA DI
VOI CI SENTIAMO PERSI, INVECE CON VOI CSENTIAMO LICENZIATI !!! BRAVI I SINISTROIDI,BRAVI...

CRESCENZO D'ADDONA 20.12.13 18:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

anche la regola vigente non è un granchè visto che il giudice pbuò reintegrare è proprio quel puô che non va affatto bene perchè il giudice non deve avere alcun potere ma applicare una legge che in quanto uguale per tutti non deve dare la possibilitâ che due casi uguali abbiano due sentenze diverse.il giudice non deve esercitare alcun potere in quanto non eletto dal popolo

claudio masiello, roma Commentatore certificato 20.12.13 17:57| 
 |
Rispondi al commento

Ma ci sono ancore le aziende che si possono permettere di assumere alle condizioni (TASSE ALLE STELLE)

giuseppe grande 20.12.13 11:51| 
 |
Rispondi al commento

FATE VEDERE QUESTO VIDEO AI SOSTENITORI DI RENZIE LA STREGA

http://www.youtube.com/watch?v=8SQGAreRQAI

CREDO OGNI COMMENTO SIA SUPERFLUO

Antonio C. Commentatore certificato 20.12.13 10:40| 
 |
Rispondi al commento

Quanto a promesse mirate ed insostenibili sto renzi non deve certo andare a scuola dal nano testé decaduto. Che sia l'erede di sinistra dei concetti new-liberal del più grande truffatore degli ultimi vent'anni ???

Tukko67 aka (acronik-nauta) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 20.12.13 10:18| 
 |
Rispondi al commento

MATTEO RENZI BATTI UN COLPO ....
http://nonsoloilnero.blogspot.it/2013/12/matteo-renzi-batti-un-colpo.html

dario p., bologna Commentatore certificato 20.12.13 09:26| 
 |
Rispondi al commento

Forse Renzi non ha capito che il problema non è come assumere ma è che le aziende non ci sono più, ne chiudono 90 al giorno!!!

Lucia Girotto 20.12.13 09:08| 
 |
Rispondi al commento

piu che un piano a 360 gradi, mi sembra un piano per mettere a 90 gradi i lavoratori...

Giovanni G., Bergamo Commentatore certificato 20.12.13 08:18| 
 |
Rispondi al commento

Basta cassa integrazione per gli amici sfigati o mafiosi. Lo stato deve proteggere DIRETTAMENTE i lavoratori che hanno versato almeno 5 anni di tasse. Questo è il reddito minimo garantito, lo si prende dalla cassa integrazione, le aziende in crisi ricorrano alla settimana corta, in Germania funziona.

Marco Saggio 20.12.13 06:55| 
 |
Rispondi al commento

Matteo Renzi , ma si può sapere che stai dicendo, una frase che abbia un senso compiuto pare brutto?

Alessandro Pannaria 20.12.13 03:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

si potrebbe già incominciare da lui,visto che al suo posto di lavoro non cè mai.
(sindaco di firenze)licenziato con una buona uscita e mai più riassunto.

giorgio p., san vittore olona Commentatore certificato 20.12.13 00:19| 
 |
Rispondi al commento

...INSOMMA ...L'ENNESIMO SLOGAN FASULLO DI QUESTO QUAQUARAQUA E DEI SUOI COMPARI DI "PD+o-L ...E DIARREA SIMILE". FINALMENTE SONO RIUSCITI NELL'INTENTO DI TOGLIERE IL DIRITTO ALLA SERENITA' DEI LAVORATORI (E RENDERCI PIU' RICATTABILI) ...DIRITTI CHE SE NE VANNO A PUTTANE ...CHE POI E' DOVE SOVENTE, VANNO QUESTI ONORABILISSIMI MERDOSI!!!

Dario M., Lentini Commentatore certificato 20.12.13 00:02| 
 |
Rispondi al commento

Pur essendo, comunque sia, un accanito sostenitore del M5S, non capisco affatto il continuo prendere per i fondelli Renzi.
Trovo che questo sia solo ottusa demagogia di vecchia e pessima comunista memoria.
Evidentemente vi piace di più la vecchia nomenclatura che ha governato il PD fin'ora???
O siete così sicuri che il M5S vincerà le prossime elezioni e che il M5S riuscirà prossimamente a governare questo paese già distrutto???
In questo caso, secondo me siete, amici miei, degli illusi.
Non ce lo permetteranno mai.
Non solo non lo permetteranno le lobby dei poteri interni, ma non ce lo permetterà nemmeno questa nazista europa tadesca che deve ancora finire l'opera di distruzione di molti paesi per continuare ad ingrassare la propria economia.
Con Renzi dovremmo solo fare proposte concrete, anzichè giocare a rimpiattino. Anche per fargli scoprire le sue carte.
Meglio che chi risponde trovi argomentazioni (chè producono), rinunciando alle offese (che non producono nulla).

paolo boccali, sarteano Commentatore certificato 19.12.13 23:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

“Non abbiamo bisogno di manovre o aggiustamenti, quello che ci serve è un
cambio di orizzonte mentale, un nuovo paradigma economico, sociale e
politico che rompa con gli schemi del passato”. Yoram Gutgeld, israeliano,
ex McKinsey, presenta così il programma economico del nuovo PD targato
Matteo Renzi.

Penso che Renzi sia il solito, ma giovane paroliere al comando dei poteri
forti, il solo fatto che dei ex democristiani comandino la sinistra è
ridicolo"

Luca 19.12.13 22:13| 
 |
Rispondi al commento

volevo segnalarvi questo articolo che analizza criticamente le proposte di politica economica del "nuovo" pd renziano: http://ilconformistaonline.wordpress.com/2013/12/18/renzinomics-the-times-they-are-not-a-changin/
Che ne pensate?

Federico S. 19.12.13 21:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Renzi e Letta hanno una nuova strategia, vogliono vendere il monte Bianco ai congolesi attraverso la Keynge che da brava oculista, ci ha visto bene di fare una produzione di ghiaccioli a basso costo
la recessione è finita, basta ripeterlo
PD=PerdiamoDenaro

Luca 19.12.13 20:27| 
 |
Rispondi al commento

Renzi
Ho fatti na tak
Con una risonanza

Marco indelicato 19.12.13 20:17| 
 |
Rispondi al commento

sarà mica il figlio segreto di berlusconi?

patrizio balconi 19.12.13 20:14| 
 |
Rispondi al commento

Renzi vada in piazza a dirlo a quelli che per anni, come il sottoscritto, hanno lottato duramente ed in silenzio, contro soprusi di vario genere, senza nessuna tutela e garanzia, e che alla fine hanno perso. Renzo non ti voto!

Bruno Caravella 19.12.13 20:07| 
 |
Rispondi al commento

E rieccolo il Renzi che ripropone il suo vecchio cavallo di battaglia .
Credo che l' art. 18 sia stata la salvezza dalla fame per molte famiglie, in questi ultimi anni! Vorrei sapere quali risultati, numericamente parlando, porterebbe la sua soppressione . Oltre al Paese, anche le persone che ci vivono e ci lavorano hanno bisogno di stabilità . In questi ultimi vent'anni è stata creata solo precarietà . Di questo ringrazio di cuore i sindacati confederali, il governo Prodi, il governo Berlusconi, il governo Monti e ora il governo Letta . I giovani per sopravvivere, per creare una famiglia, per avere una casa hanno bisogno di contratti di lavoro a tempo indeterminato e protetti dall'art. 18. Basta a tutta la tipologia di contratti solo precari che non danno la possibilità di avere un futuro e in futuro nemmeno una misera pensione! Il lavoro non si crea togliendo l'art. 18 ma si toglie, resta solo per gli amici e per gli amici degli amici . Renzi, tu hai dichiarato di aver sempre lavorato senza bisogno dello statuto dei lavoratori , ne sono convinta

Lorena Andiollo 19.12.13 20:01| 
 |
Rispondi al commento

Se i renziani superano i 90° è solo perché sono ottusi!!

Andrea Caroli (elettrociccio), Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 19.12.13 20:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Godetevi Renzi. Io continuo a pensare che potrebbe fare la parte di Pinocchio nel prossimo film che si girerà sulla marionetta di Collodi. Altro non gli farei fare... Renzi comunista ahahahaha il comunismo non esiste più da tempo... Che Guevara per Renzi è una linea di magliette Toscana.

Luca 19.12.13 19:54| 
 |
Rispondi al commento

La ricetta è semplice: invece di estendere garanzie e tutele a chi oggi non le ha, si rendono precari e schiavizzati coloro che ancora un po' non lo sono. Una lotta per l'eguaglianza quella di Renzi, non c'è che dire. Una sinistra per i Diritti, sì. Quelli dei padroni, però.

Giorgio A., portici Commentatore certificato 19.12.13 19:48| 
 |
Rispondi al commento

Quando poche parole descrivono il tutto. Bravo Davide.

eleonora . Commentatore certificato 19.12.13 19:28| 
 |
Rispondi al commento

Attenzione niente articolo 18 =
nessuna tutela, nessuna possibilità di far valere propri diritti. Testa bassa e pedalare con stipendi da fame e orari assurdi .Nessuno può far valere le proprie ragioni se rischia di rimanere a casa. Perfetto per chi tifa x la guerra tra poveri.


Questi sono peggio di Berlusconi, Luciano Lama si starà rivoltando nella tomba. Tolgono i diritti per affrontare la "crisi". Questo, secondo il mio modesto parere, non farà altro che disimpegnare (con astuzia e forse il benestare dei sindacati) le forze lavoro più costose e con più diritti, per poi trovarci con ancor più cassintegrati e meno diritti. Tutto ciò non potrà che peggiorare la situazione attuale.

Carlo G. Commentatore certificato 19.12.13 18:30| 
 |
Rispondi al commento

Fatte pagà Davide!

Poi dicono...quelli del Blog so chattaroli!

Grande Davide, uno che il blog l'ha fatto.

Ciao

Nando Meliconi (in arte "l'americano"), roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 19.12.13 17:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Basta parlare di renzi...

Giuseppe 19.12.13 16:43| 
 |
Rispondi al commento

Questa è la mail che ho scritto a un renzieno convinto:

Informarsi ha un Senso e lo annovererei fra i diritti-doveri di ogni cittadino.
Sogno questa Costituzione:
Art. 1 - L'Italia è una Repubblica Democratica a Rappresentanza Parlamentare. Ogni cittadino ha il diritto-dovere di trascorrere due ore al giorno per informarsi e acculturarsi.
Art. 2 La Repubblica contribuisce economicamente alla celebrazione del Giorno della Verità,  quello in cui il Popolo Italiano capì che nessuno gli poteva salvare il culo, se non lui stesso.
Art. 3 La Repubblica non riconosce come propri figli, quanti, pur davanti alle evidenze e alla verità, hanno preferito continuare a credere ciecamente in pie illusioni, che li distoglievano dal dovere di cittadini attivi, che mettono sul tavolo, a beneficio di tutti, le proprie competenze.

Potrei continuare, ma non voglio essere così presuntuoso...

Credere ciecamente in un cosa, anche contro le evidenze e i fatti, scusatemi, ma è, oltre che autolesionistico, civilmente riprovevole e penalmente perseguibile, perché crea danni anche agli altri, che magari hanno la ricetta giusta ma non possono metterla a disposizione di tutti per l'annebbiamento di alcuni.

Ricordati l'art. 1, prima di rifiutarti di leggere il post linkato qui sotto!

http://www.beppegrillo.it/2013/12/renzie_e_la_trigonometria.html

Buone Feste anche a chi se la passa già bene!

Giuseppe Antonio Michele Romano Mancini, Reggio Calabria Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 19.12.13 16:38| 
 |
Rispondi al commento

Ai difensori dell'Art. 18 posso solo far notare questi dati usciti oggi in UK relativamente al settore piccole e medie imprese. Liberta' di licenziamento e reddito di cittadinanza subito!!

The NACFB's SME Growth Monitor also revealed that since 2011:

England is leading the SME revival with 4.6 per cent growth
SME growth outperforms large business growth by 0.9 per cent
Nine out of ten UK industries have seen SME growth
The professional, scientific and technical sector has seen the largest increase with 35,905 new businesses
The information and communication sector created 18,025 new SMEs.

Inoltre:

The UK unemployment rate has fallen to its lowest level since 2009, official figures show.

At 7.4%, this is the lowest rate since the February-to-April period in 2009, the Office for National Statistics (ONS) said.

Bin 19.12.13 15:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono molto felice che il presidente del consiglio dei ministri quest'anno ha mangiato il panettone e forse anche il pandoro; significa che tutti i problemi dsgli italiani esodati, disoccupati e pensionati saranno risolti.Tutta la mia solidarietà alla famiglia di quell'ITALIANO che oggi si è dato fuoco in piazza S. Pietro. Mi chiedo quanti di quei politici che dicono di rappresentarci l'anno sulla coscenza e se forse a qualcuno il panettone è andato di traverso.

Giuseppe 19.12.13 15:37| 
 |
Rispondi al commento

Dispiace ma l'art. 18 è un anacronismo, un reperto dell'era in cui il PIL faceva +5%, come Carosello. La vera riforma è abolirlo per tutti, non solo per i neoassunti e i disoccupati che in questo modo diventeranno i paria del mercato del lavoro: no tutele, no aumenti, no carriera, garantiscono la flessibilità alle imprese senza alcuna speranza per se stessi. In cambio un sistema di disoccupazione automatica (no intervento sindacale), per tutti, di lungo periodo (2-4 anni), rapportato all'ultimo stipendio, con obbligo di maturare nuove competenze. Se vogliamo difendere lavoratori pubblici e cassintegrati professionali, iscriviamoci pure al PD che lo fa più che bene, noi dobbiamo guardare ad altri ceti, quelli senza tutele perchè fuori dai carrozzoni politico sindacali.

marco e. Commentatore certificato 19.12.13 15:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I piani per il lavoro si fanno semplicemente governando con coscienza. Non serve pensare a come creare lavoro. Se si governa bene nasce spontaneo. Ecco perchè non ho speranza (non per me, io sono vecchio).

GIORGIO S., TS Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 19.12.13 15:31| 
 |
Rispondi al commento

Il pimpante Renzie ha la stessa autonomia o libertà che avevano una volta i cani che facevano da guardia nelle case rurali contadine: lungo filo di ferro legato e due estremità sicure, lunga catena che univa il suo collare ad un anello, anche questo di ferro, e che scorreva lungo il lungo filo fissato alle estremità: EVVIVA LA LIBERTA' !

terenzio eleuteri 19.12.13 15:20| 
 |
Rispondi al commento

AGGIORNAMENTO!
Sembra che Renzie la strega ci abbia ripensato e che adesso la proposta di contratti senza articolo 18 non sia più prioritaria.
"L'importante è creare lavoro" dice il ruttoamatore, ovviamente senza dire concretamente il come (poi dicono che le proposte del M5S sono vaghe....).
Si sarà emozionato dopo che Confindustria aveva appoggiato in pieno la sua proposta....e dimostra una grande chiarezza di intenti nello smentire il giorno dopo quello che dice il giorno prima.
Ce n'è stato un altro prima di lui che aveva l'abitudine di rimangiarsi quello che diceva a distanza di un giorno....mi pare facesse di nome Silvio, o mi sbaglio?
Vai Renzie continua così che ti rottami da solo.

Antonio C. Commentatore certificato 19.12.13 15:03| 
 |
Rispondi al commento

L'Italia dell'articolo 18 e dei militari lasciati a casa con l'80% dello stipendio con liberta' di fare altri lavori.

Spiegatemi perche' i militari che trovano un'altro lavoro percepiscono anche quello da militare, se non sono piu' militari???

Via l'articolo 18, eliminate sti sprechi ed assumete giovani invece. Introducete un reddito di cittadinanza per chi non ha volgia di lavorare, ma che sia basso.

Bin 19.12.13 14:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

HABEMUS RE....NZIE e la confusione é al suo parossismo

salvo ciciulla, Neuchâtel(svizzera) Commentatore certificato 19.12.13 14:48| 
 |
Rispondi al commento

Ma quali piddini questi sono pidduini !!!

guido guida 19.12.13 14:38| 
 |
Rispondi al commento

grandee davide!!!!!!

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 19.12.13 14:02| 
 |
Rispondi al commento

L'idea del contratto unico a garanzie crescenti nel tempo fu lanciata da Beppe gia' nel primo V-Day per cercare di eliminare lo sfruttamento degli apprendisti.

Io mi aspetto che il M5S guardi alle proposte in maniera logica e consistente con le campagne fatte dal movimento stesso.

Se si attaccano le proposte fatte dal movimento quando le propone un partito, allora diventiamo come loro.

Beppe coeranze please 19.12.13 13:59| 
 |
Rispondi al commento

Va bene soffrire ma proporre un vide di Renzi di 1 ora e 10 minuti chiedete troppo.

Alvaro Naannicini 19.12.13 13:56| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
RENZI ORAMAI SA' SOLO "SPARLARE" DI LAVORO,PER CUI A CASA ANCHE LUI (MAGARI RITORNANDO SERIAMENTE A FARE IL SINDACO A FIRENZE)
ALVISE

alvise fossa 19.12.13 13:45| 
 |
Rispondi al commento

tg di la7
ha appena citato il tuo post
attribuendolo a Beppe, però

barbara f. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 19.12.13 13:44| 
 |
Rispondi al commento

va bene cancelliamo l'articolo 18. ma si introduce il reddito minimo garantito o di cittadinanza. insomma chi rimane senza lavoro deve rimanere "Cittadino", appositamente con la C maiuscola, con il supporto dello stato!

l'articolo 18 non esiste in molti paesi, vedi i paesi anglosassoni, ma il controaltare è il reddito minimo garantito!

Cristiano C., Dublino Commentatore certificato 19.12.13 13:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Qeullo che dice Renzi mi fa venire in mente quello che scriveva anni fa uno dei suoi sostenitori e cioè il giuslavorista Pietro Ichino in uno dei suoi libri. Ichino invocava la possibilità di licenziare, ma all'atto del licenziamento doveva ev'essere riconosciuto al lavoratore una cifra pari a tot mensilità lavorative calcolate in base all'anzianità di servizio e alla difficoltà di trovare un nuovo lavoro. Che non poteva ne doveva essere una cifra simbolica ma di un certo spessore. Come avviene oggi in certe imprese pubblilche, tipo Alitalia, in modo da scoraggiare gli abusi.
Tutti, compreso Renzi, tralasciano di dire che il tutto dovrebbe essere supportato da un reddito di cittadinanza che entra in funzione nel frattempo. E non un semplice sussidio di disoccupazione che al contrario, verrebbe da questo assorbito. Poi per rimanere nel discorso di Ichino, si dovrebbero fare delle politiche di collocamento e di agevolazioni alle imprese che riducano a zero il tempo che un lavoratore trascorre fra un impiego e l'altro. Dico dovrebbe perchè in questo momento le aziende sono i bancomat dei politici, altro che politiche di agevolazioni.
Insomma prende un pezzo, lo estrapola, dal contesto, e lo usa per dare una ulteriore torchiata al popolo dei lavoratori.
Hai capito il vetero comunista?

Pantomima Rossa Commentatore certificato 19.12.13 13:27| 
 |
Rispondi al commento

Bravo giustissimo. Il termine renzini poi è perfetto, dá l'idea dell'inconsistenza degli adepti del sindaco fantasma di Firenze vendica l'abuso del termine "grillini" che la stampa di regime usa impunemente

Massimo Lafranconi, Lecco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 19.12.13 13:26| 
 |
Rispondi al commento

Renzi come tutto il PD e' un servo dei padroni,il PD e' uguale ad ogni altro partito il cui unico interesse e' schiacciare i lavoratori salariati. Infatti ha detto no alla patrimoniale e dà libero sfogo ad ogni sorta di schiavizzazione dei lavoratori. Renzi come gli altri è un lurido servo dei padroni.

Sergione 19.12.13 13:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Davide
i miei complimenti! ;)

barbara f. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 19.12.13 13:22| 
 |
Rispondi al commento

http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/2013/12/19/i-precari-e-il-resto-dopo-treu-e-fornero/#comments

Credo davvero che di tutto ci sia bisogno – in questa Italia impoverita e impaurita – tranne che di un nuovo scontro sul famoso articolo 18, quello che tutela circa otto milioni di lavoratori italiani: a meno che non si intenda vederli scendere in piazza furiosi anche loro, insieme ai forconi e ai precari, così abbiamo chiuso il cerchio e ciao.

Per fortuna pare che la polemica sia stata stroncata sul nascere dalle parole dei vari consiglieri renziani – Gutgeld, Taddei, Madia – i quali assicurano che si sta pensando ad altro, non a infierire sulla piaga ancora sanguinante per le coltellate della furbissima Fornero.

È quindi su questo altro che sarebbe opportuno discutere, cioè sui milioni di italiani che già nei nomi a loro affibbiati evidenziano la propria disomogeneità: precari, flessibili, somministrati, interinali, parasubordinati, stagisti, ditte individuali, consulenti, partite Ive, etc etc, fino ai semplici disoccupati e agli ormai famosi ‘neet’.

Nell’attesa del ‘job act’ annunciato da Taddei & company, conviene quindi che siano ricordati e ben sottolineati alcuni fari a cui questo si dovrebbe opportunamente ispirare:

Primo, l’incertezza sul futuro è inversamente proporzionalmente ai consumi, ormai lo sanno anche i bambini. Quindi non solo è indispensabile non diffondere nuovi timori sul futuro salario di chi al momento ha la fortuna di averlo, ma è indispensabile partire dal principio della continuità di reddito per tutti. Se volete chiamarla ‘flexsecurity’, la parola che piaceva tanto a Ichino, fate pure; se preferite definirlo ‘reddito minimo garantito’ come invece fanno Landini e Grillo, è okay lo stesso: quello che conta è stabilire un patto con il lavoratore in base al quale lui offre disponibilità al lavoro e all’aggiornamento dei suoi know-how, mentre la società gli offre garanzie reali di continuità del reddito. Queste garanzie hanno un

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 19.12.13 13:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Avrà mica voluto dire 90 gradi?

antonio d., Carrara Commentatore certificato 19.12.13 12:59| 
 |
Rispondi al commento

giusto abolire l'articolo 18, così com'è un relitto anacronistico.
MA NON SOLO PER I NEOASSUNTI !!!
PER TUTTI !!! anche i cosiddetti "lavoratori" che infestano banche, assicurazioni, etc.... già ora gli ESTERNI lavorano al posto loro con contratti precari mentre loro sono protetti dall'art. 18 ....
è l'articolo 18 che combatte la meritocrazia in Italia !!

will will 19.12.13 12:59| 
 |
Rispondi al commento

:) davide lak .. sei un grande !

Roberto B. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 19.12.13 12:52| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori