Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Tartassati e abbandonati

  • 101


tartassati.jpg

"Sulle micro imprese la pressione fiscale media viaggia attorno al 50 per cento. Le cause della protesta di questi giorni sono molteplici, tra queste vi è la situazione di criticità che attanaglia il lavoro autonomo. Le difficoltà che hanno colpito il mondo delle partite Iva emergono in maniera evidentissima da un semplice confronto: tra il 2008 (inizio della crisi) e il settembre di quest’anno (ultimo dato disponibile) hanno chiuso l’attività ben 415.000 partite Iva. I più colpiti sono stati i lavoratori in proprio, ovvero gli artigiani, i commercianti e gli agricoltori. In quasi sei anni di crisi, la variazione dell’occupazione degli indipendenti è stata del -7%. Ogni cento lavoratori autonomi, quasi 8 hanno chiuso i battenti. A differenza dei lavoratori dipendenti quando un autonomo chiude l’attività non dispone di alcuna misura di sostegno al reddito." CGIA Mestre

Per scaricare il calendario Santi Laici 2014 clicca il banner:
santi_2014_banne.gif

11 Dic 2013, 11:10 | Scrivi | Commenti (101) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 101


Tags: agricoltori, artigiani, autonomi, commercianti, microimprese, pressione fiscale

Commenti

 

BUONGIORNO A TUTTI!! Sono nuovo e questo è il mio primo commento. Voglio parlare di EUROPA, visto che siamo alle porte con i sassi (elettorali).
Ragazzi, possiamo urlare, insultarli, battere i piedi per terra e vivere un nostro frustrato sogno (o realtà) d'impotenza, ma in sostanza ci manca qualcosa: IL POTERE. The others (loro, gli altri)sono posizionati ovunque, a tutti i livelli della società, con l'arma più letale che esista: LA LEGGE. Avendo prodotto nei lunghissimi anni della loro presenza al potere qualcosa a cui siamo vincolati, ci possono stangare come e quando vogliono. Oltre che per mezzo della legge, agiscono anche attraverso il controllo dei nostri comportamenti, mettendoci gli uni contro gli altri attraverso l'odio sociale che, dall'inizio della crisi, si respira a pieni polmoni.
Ritengo che le prossime elezioni europee siano l'occasione (l'ultima) per poter incidere sul necessario CAMBIO DI REGOLE, e per questo occorre proporre, a LIVELLO CONTINENTALE, un piano di azione comune a tutti i movimenti non allineati, AL FINE DI CREARE UNA MASSA CRITICA TALE DA INCIDERE SUL PIANO LEGISLATIVO COMUNITARIO.
Diversamente ci aspetteranno indicibili sofferenze, tipiche di un luogo, come disse Metternich: "puramente espressione geografica".

gualtiero l., firenze Commentatore certificato 12.12.13 11:21| 
 |
Rispondi al commento

****Le difficoltà che hanno colpito il mondo delle partite Iva emergono in maniera evidentissima da un semplice confronto: tra il 2008 (inizio della crisi) e il settembre di quest’anno (ultimo dato disponibile) hanno chiuso l’attività ben 415.000 partite Iva***
Quante erano di collaboratori e quante di imprese vere e proprie?
La pressione per le micro imprese è del 50%, ma quanto evadono?
Non facciamo finta di non sapere che lo scontrino continua ad essere qualcosa che si fa ogni tanto.

Enrico F., Torino Commentatore certificato 11.12.13 22:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E per quanto riguarda la vecchia Lira, coglioni che non capite una beata minchia, la potevi portare dove cazzo ti pareva, tanto aveva valore solo in Italia (moneta sovrana). Anzi se la portavi all'estero a noi conveniva,il Paese che l'accettava voleva dire che si fidava di noi.

Carlo G. Commentatore certificato 11.12.13 21:27| 
 |
Rispondi al commento

Mr. Letta asshole, why don't you take your false promises and shove'em up your ass?! You're selling our country on cheap price, to all of those friends of yours. You son of an indecent mother.

Carlo G. Commentatore certificato 11.12.13 21:16| 
 |
Rispondi al commento

Imprenditori di merda, incapaci che hanno guadagnato tanto danaro da portare in svizzera pagando stipendi da fame,evadendo le tasse e attuando una concorrenza sleale grazie alla svalutazione della lira. Quella moneta di merda che non valeva un cazzo.magari si suicidassero tutti.

Dim12 11.12.13 20:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

150 euri al nero se sono bravi altrimenti c'è tanta di quella concorrenza di extracomunitari, pensionati, cassaintegrati, impiegati statali con voglia di lavorare per se stessi.
Comunque prima di parlare occorre anche esser informati, orbene 4 anni orsono quando iniziarono con i primi furti ai danni dei loro sudditi io tenevo una piccola contabilità e ti posso garantire che un operaio dipendente da un artigiano, un elettricista, costava 140 euri netti al giorno, sommando tutti i contributi, le tasse, le visite mediche, i corsi sulla sicurezza, le ferie, la tredicesima, la liquidazione e dividendo per i giorni lavorativi di un anno. Il tutto per infilargli in tasca 1000 euri netti al mese, straordinari in fuori busta per agevolare.
Tieni presente che il governo sta in società al 50% col lavoratore, allora quanto deve fatturare lelettricista ogni volta che fa spostare l'operaio, aggiungendo il costo del furgone, degli attrezzi, materiali a parte? Come minimo 300 euri, tenendo presente che l'operaio mica lavora tutti i giorni dell'anno, non sempre c'è lavoro.
Ed è così che l'operaio viene licenziato anche se dolorosamente, perchè l'elettricista ci si era affezionato e poi l'elettricista stesso starà pensando di chiudere la partita iva e mettersi al livello degli extracomunitari.
150euri al nero li puoi pagare volentieri, stai tranquillo, non ti rubano niente, tieni conto al minio di attrezzatura, al magazzino, al furgone

fracatz 11.12.13 20:05| 
 |
Rispondi al commento

finiti i grandi lavori, dove si corre il rischio dei controlli, agli artigiani conviene chiudere la partita iva e mettersi a lavorare in nero, così possono essere concorrenziali con i prezzi degli extracomunitari, dei pensionati, degli impiegati statali che hanno voglia di lavorare e che si accaparrano tutti i piccoli lavori di restauro appartamenti, magazzini, negozietti etc.
E' solo una questione di sopravvivenza

fracatz 11.12.13 19:45| 
 |
Rispondi al commento

WWWWWW I TIFOSI DELL'AIAX gli unici che hanno le palle in Italia . Il comportamento del Ministero dell'interno in questo momento è semplicemente "non conforme alla necessità" e al "dovere" direi a "Sua Insaputa"!!!cazzo cosa aspettano ?caro Grillo questi sono nostri competitors , imitatori che ci provano!ripeto SVEGLIA. iL loro leader a Genova se ne va via in Jaguar

ferdy cavallero Commentatore certificato 11.12.13 18:57| 
 |
Rispondi al commento

Si però elettricisti, idraulici, muratori,.... continuano bellamente a lavorare in nero, sopratutto quando svolgono lavori per privati cittadini, a 150 euro al giorno minimo. Vogliamo parlare anche di questo? E quanti di quelli che hanno chiuso l'attività, imprese individuali, continuano a lavorare IN NERO? Vogliamo parlare anche di questo? Certo non c'è paragone fra l'evasione fiscale perpretata dal piccolo imprenditore e quello che conosciamo essere il fenomeno macro dell'evasione e dell'elusione fiscale.Ma per avere un Paese normale occorre che tutte le persone stiano alle regole. Il motivo per cui la tassazione sta al 50% è anche dovuto al fatto che molti, forse moltissimi, non pagano le tasse perchè non fatturano. Naturalmente ci sono dentro anche i cosidetti professionisti: avvocati, medici... Vogliamo parlare anche di questo? O si pensa che solo i politici rubino? O si pensa che solo i parlamentari devono ridursi lo stipendio e le prebende. Facciamo una domanda ai simpatizzanti del Movimento cinque stelle: "Chi ritieni che in Italia paghi le tasse sul suo lavoro e lo faccia veramente?". Escludiamo dal computo i lavoratori dipendenti e vediamo cosa esce fuori. Meno demagogia e più attenzione alla realtà vera del Paese.

Giuseppe 11.12.13 18:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La pressione fiscale sugli autonomo e il 68% lo ha dichiarato anche il ministro di confindustria oggi sull intervista sul sole 24ore

Simone Penazzi 11.12.13 18:46| 
 |
Rispondi al commento

Questa sera su radia 24, ascoltavo la discussione tra Ferri (credo) rappresentante dei così detti "Forconi" , e Barizone della radio.Si trattava anche e accanitamente sui maiali provenienti dalla Russia e poi etichettati e trasformati in Parmensi puro sangue. Barizone giustificava l'andazzo con la scarsità nostra di materia prima. Orbene ad esempio, nei lontani primi anni sessanta navi commerciali dirette negli Stati Uniti, sostavano a Porto Torres, porto allora semi sconosciuto, per caricare gli incomparabili formaggi sardi diretti a New York. Recentemente i pastori sardi scesi a Civitavecchia per recarsi a Roma a dimostrare le loro misere condizioni, sono stati presi a manganellate e rispediti nell'isola. Ho sempre creduto che la nostra culinaria, una delle migliori del mondo (forse la migliore) ,dovesse essere aggregata al turismo. Noi abbiamo tutti prodotti di nicchia sui quali potremmo campare e invece abbiamo distrutto tutto. Dei veri barbari autolesionisti. L'episodio quasi storico sopra riportato è un piccolo esempio al quale potrei aggiungerne tanti altri. Il premio per i bovini uccisi ecc.ecc. Come diceva Bartali : l'è tutto da rifare ".

carlo mancuso 11.12.13 18:37| 
 |
Rispondi al commento

Ma mica era una promessa, era un pesce d'aprile

Paolo C., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 11.12.13 18:36| 
 |
Rispondi al commento

Altro che 50% siamo ben oltre!!!!!!!

Enrico Francolini 11.12.13 18:14| 
 |
Rispondi al commento

Tutte le volte che si parla di partite Iva che chiudono od in difficoltà non si citano mai i professionisti. Io gli ammortizzatori sociali non so cosa siano, non ho mai avuto un lavoro degno di questo nome, non mai avuto una certezza, ho fatto anni di tirocinio gratuito non pagato e perfino il precariato mi pareva un sogno. Ho superato un esame durissimo e sono diventato avvocato: essendo figlio di nessuno (cioè di persone umili e comuni) non ho studi avviate alle spalle ed ho poco lavoro.
Se mollo tutto e decido di chiudere nessuno mi sosterrà e magari continuerò nell'immaginario collettivo ad appartenere ad una categoria di privilegiati.
Della dignità della nostra professione non rimane che un "avv" davanti al nome ed una targhetta davanti ad un portone. Tutto il resto non c'è più.

Mauro Magagnoli, Viareggio Commentatore certificato 11.12.13 17:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' ovvio che il tessuto economico italiano è la piccola e media impresa, ivi incluso il popolo delle partite iva, che ormai stanno diventando razza in estinzione e che, a differenza degli animali, non è neppure meritevole di essere una "specie protetta" ("...tanto ormai sono quasi estinti...").

Ma guai a criticare giornalisti e informazione.
Anzi, qualcuno si lamenta se si critica la stampa.

ma se si leggono 'ste cose qua (è uno stile conosciuto?)

http://www.adnkronos.com/IGN/News/Economia/Outlet-Italia-in-quattro-anni-finiti-allestero-437-marchi-made-in-Italy_32976717477.html

...come si fa a non criticare??
Noi lo dicevamo qui qualche anno fa come sarebbero andate le cose. Anzi, si parlava di "svendita dell'Italia agli stranieri".

Parole inascoltate. E ora? Tutto prestigio andato via. E non si è feramto per nulla.

E poi sento parlare di ri-presa...si per i fondelli.

Gian A Commentatore certificato 11.12.13 17:25| 
 |
Rispondi al commento

È evidente che esiste da anni un piano deciso nelle Segrete Stanze dei think tank per distruggere materialmente l'economia dell'Europa del Sud, Italia in primis.
Questo ECONOMICIDIO passa necessariamente attraverso la distruzione delle PMI, che dell'Italia erano il vero nerbo produttivo.
Mentre la nostra intoccabile SuperCasta e gli amici degli amici saccheggiano ciò che resta, l'inconfessabile piano economicida, con la scusa del RIGORE, procede come un panzer (nell'eterna promessa della "ripresa", sempre vicina come premio per i "dolorosi ma necessari sacrifici"... una ripresa che però arriverà solo dopo Godot).
L'obiettivo ultimo è ridurre l'Italia a un paese di DISPERATI, massimamente attrattivo per i famosi INVESTITORI INTERNAZIONALI che troveranno forza lavoro anche qualificata disposta a qualsiasi vessazione pur di sopravvivere.

Ma perché mai dovremmo volere attrarre gli "investitori internazionali" anziché permettere di lavorare a tanti imprenditori e lavoratori italiani?

Alessandro B., Torino Commentatore certificato 11.12.13 17:03| 
 |
Rispondi al commento

Smettila di pensare a cosa succederà dopo. Ti hanno ridotto una larva terrorizzandoti sul “cosa sarà dopo“. Di che hai paura? Di rimanere senza lavoro? Di non avere quattrini per comprare una casa? Del fatto che i tuoi figli non troveranno lavoro? Di perdere la tua postazione in cuffia al call center? Di non avere una pensione? Sveglia coglione! E’ già così, con l’aggravante che in questa enorme macchina del nullismo tu non conti un beneamato cazzo, vieni ultimo nella fila dopo lo stato, le regioni, le province, i comuni, le circoscrizioni, l’amministratore del tuo palazzo, le macchine blu, le consulenze, i gemellaggi, il finanziamento pubblico dei partiti, il finanziamento dei giornali, i vitalizi, la chiesa, il sindacato, le banche, l’Europa, le troie bocchinare di Silvio, Barbara D’Urso, Rutelli, la moglie di Rutelli, il cognato di Fini, i viaggi per rilassarsi di Fiorito, il figlio di Bossi, il figlio di Di Pietro, il figlio di Lombardo, la figlia della Fornero, il figlio della seconda moglie di Bondi, Martone il viceministro, Sallusti, la nipote di Mubarak, la figlia dell’autista di Craxi, il figlio di Craxi, la figlia di Craxi, la moglie di Mastella, Mastella, la moglie di Fassino e altre 17.426.528 voci che non ti elenco per non farti venire la voglia di metterti un tubo di gas nel culo e crepare scoppiando come un palloncino del cazzo.
Che hai da perdere merda? La panza che ti sei fatto stando seduto come un ficus davanti a uomini e donne di Maria de Filippi? Hai paura che Berlusconi non ti compri il tuo calciatore preferito? Pensi che il tuo capoufficio illuminato, quello che una volta votava democrazia cristiana e oggi fa la propaganda per le primarie del PD, si possa adontare? Hai paura che ti graffino la macchina o, più semplicemente, hai il terrore di cambiare, di non vedere più le solite facce di cazzo che ti spiegano cosa pensare, come dirlo e a che ora fare la cacca la mattina? [da un articolo online]

F. T., Firenze Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 11.12.13 16:59| 
 |
Rispondi al commento

Mentre nel resto di Italia si protesta, quì in Sicilia, dove il vero Movimento dei Forconi nacque, tutto sembra tacere.
E' un silenzio assordante, sospetto.
E' come se una forma di estrema rassegnazione si fosse imposessata dell'intera popolazione siciliana che di gran lunga sta pagando gli effetti di una crisi che oltre che economica,è anche morale, etica, culturale.
Quante imprese agricole stanno chiudendo, strozzate dalle politiche agricole miopi ed inefficaci, quante imprese industriali non riescono più a competere, e quante altre non riescono più a competere nel mercato.
Potevamo essere il fulcro dello sviluppo agricolo e turistico, ci siamo invece ridotti ad elemosinare qualche Fondo Europeo che, peraltro, non viene neanche speso.
La primavera Siciliana sembra essersi trasformata in un nuovo autunno del quale però non si vede la fine.
Sembra che protestare non giovi più a nessuno, forse sappiamo che anche noi con la nostra ignoranza, la nostra cultura del voto di scambio, la nostra aspirazione all'assistenzialismo più bieco, ci siamo giocati il nostro futuro..
Lasciamo così il campo agli arraffoni che siedono gli scranni di PALAZZO DEI NORMANNI al modico stipendio di 18.000 euro, senza che siano in grado di produrre uno straccio di misura per lo sviluppo di questa maledetta regione.
Chiedo a tutti i Siciliani di URLARE, di RIBELLARSI, di fare sentire la propria VOCE, di provare a ritagliarsi un pezzettino di futuro, dal quale stiamo ormai per essere definitivamente estromessi.
IN ALTO I CUORI SICILIA.....

GIUSEPPE R., SIRACUSA Commentatore certificato 11.12.13 16:58| 
 |
Rispondi al commento

E pensare ke le PMI, piccole e medie imprese, ke prima della crisi erano la FORZA produttiva dell'Italia (ke tutti ci invidiavano)..ora si stanno rivelando il punto debole dell'economia ma BADABENE non per colpa loro (Ok, forse per gli scarsi investimenti in innovazione dei prodotti.. ^-^) ma di una tassazione ai limiti dell'estorsione..ke logicamente è meglio ammortizzabile da una grande impresa (quotata in borsa..ke fattura mln d €) rispetto ad una piccola ke invece è costretta a kiudere o cassintegrare i dipendenti (nella migliore delle ipotesi)! -.-
qst tassazione abnorme è una palla al piede ke, con la selvaggia competizione globale (vedi Cina..ma anke Germania ecc), le ditte italiane nn possono più sopportare..nn dico per essere competitive ma neanke x sopravvivere!
Se continua d questo passo..tra delocalizzazione e kiusura delle piccole imprese l'Italia si avvierà verso una rapida deindustrializzazione..ke in una società consumistica = impoverimento! e anke i sassi capiscono come sia facile passare dalla miseria all'opulenza..ma sia molto difficile costringere la popolazione d un paese al percorso contrario (in modo indolore)! vero MONTImer? ^_^

Manuele V., Marche Commentatore certificato 11.12.13 16:51| 
 |
Rispondi al commento

Ripeto, perché l'ho già scritto: delle proteste di questi giorni la cosa che più mi colpisce sono i volti attoniti e sinceramente sconcertati dei PIDDINI, nei cui occhi vedo LO STUPORE DI MARIA ANTONIETTA.

Come potrebbe essere diverso in una protesta di persone esasperate dal RIGORE in cui trovi tutti e tutto... ECCETTO LA SINISTRA?

Del resto l'emblema del PD, secondo me, sono le vacanze del sindaco della mia città, PIERO FASSINO, in compagnia del banchiere Giovanni Bazòli sulla sua barca... battente bandiera monegasca.

La sinistra dei due euro, della "bellissima festa democratica delle primarie" è fatta da sedicenti intellettuali (accademici e gente di ottime letture, per carità!), rampanti, wannabe e bimbiminkia. La sinistra è sorda e cieca di fronte ai problemi delle persone, ama parlare di "eccellenze", ama le "storie di successo", disprezza perdenti e sfigati. È passata dalla lotta di classe al classismo: ora disprezza il popolo. Il borioso Renzie ne è lo sbocco naturale.

Alessandro B., Torino Commentatore certificato 11.12.13 16:46| 
 |
Rispondi al commento

Oggi ero in banca per pagare l'IMU, sto aspettando il mio turno. Dietro di me due uomini si scambiano i saluti: Come stai dice uno, rivolto all'altro. Quest'altro risponde, come vuoi che sto, ho dovuto chiudere la mia ditta e licenziare tutti i miei operai, le tasse mi hanno distrutto. Buon Natale. Buon Natale a tutti quelli che hanno dovuto chiudere le loro attività, a chi deve pagare tasse spropositate, ha chi non riesce a mangiare, a chi viene tollerato (in quanto cinese) a sfruttare e fare morire propri simili come schiavi. Speriamo che questo Natale Babbo Natale ci porti l'unico regalo che vogliamo: la sparizione di Napolitano, Letta, Renzi, Alfano. l'Europa....per sempre. Così saremo felici.

angelo v., carrara Commentatore certificato 11.12.13 16:19| 
 |
Rispondi al commento

Per esperienza personale non posso far altro che confermare.
Chi ha sofferto di più per la crisi sono stati i piccoli commercianti che, in difficoltà, sono stati abbandonati a loro stessi ed, una volta arrivati alla chiusura dell'attività per disperazione, non hanno nemmeno potuto godere di un minimo degli ammortizzatori sociali.
Non solo, l'essere stato in proprio, è stato anche valutato negativamente nella ricerca di un altro lavoro, perchè gli imprenditori di se stessi, soprattutto quando finiti, sono considerati solo degli incapaci indegni di qualsiasi lavoro.

antonella b., Cremona Commentatore certificato 11.12.13 16:07| 
 |
Rispondi al commento

Testing!

Roberto Duvallo 11.12.13 16:03| 
 |
Rispondi al commento

Sputtanarli e' il minimo:
Il nuovo regolamento interno del M5S Alto Adige
Ultimo aggiornamento: 2 ore fa
Scritto e votato in segreto,
ecco qui il nuovo regolamento del M5S Alto Adige. Il presidente nomina il consiglio e non il contrario come avviene normalmente nelle associazioni. Quindi nessuno spazio per le minoranze e le voci critiche. I consiglieri portavoce sono intoccabili. Chiunque "attacca" pubblicamente (critica?) viene espulso immediatamente e l'espulsione comunicata a livello nazionale.
Come si concilia la nuova struttura di un partito palesemente antidemocratico che non ammette dissenso interno con il non-statuto del M5S nazionale che non prevede strutture intermedie di tipo partitico?
Mi piace · Commenta
1

Mi piace · Commenta

Mi piace · Commenta

Mi piace · Commenta

Mi piace · Commenta

Mi piace · Commenta

Mi piace · Commenta

Mi piace · · Condividi
Commenti più in vista
Salvatore Grilletto

Salvatore Grilletto vi sputtano
Mi piace · Rispondi · pochi secondi fa

Salvatore Grilletto ne fanno uso?
Mi piace · Rispondi · pochi secondi fa

Alto Adige in MoVimento stupefacenti ..
Mi piace · Rispondi · pochi secondi fa tramite cellulare

Grilletto Salvatore 11.12.13 15:33| 
 |
Rispondi al commento

C'E UNA COMPLETA CONNIVENZA FRA ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA E SINDACATI CHE HANNO CREATO UNA CUPOLA PER TENERCI TUTTI A BADA AD OBBEDIRE

COSTAN 11.12.13 15:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

siamo nelle grinfie di loschi figuri- incapaci frustrati psicopatici schizzofrenici- pericolosi per loro stessi e per gli altri
si stanno materiallizando le condizioni di cio', che non si sarebbe mai dovuto neanche arrivare ad evocare

FABIO B., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 11.12.13 15:22| 
 |
Rispondi al commento

e i sindacati se ne fottono, anzi ci godono
sono troppo impegnati nelle- loro- di botteghe

FABIO B., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 11.12.13 15:15| 
 |
Rispondi al commento

lavoro da un commercialista e devo dire che si ci sono partite IVA che non riescono a pagare, ma dovevano pagare anche prima della crisi, ma non hanno i soldi perchè li hanno investiti nei SUV o altri beni materiali del tipo.
Poi ci sono quelli che fanno veramente fatica.

un'arrabbiata 11.12.13 15:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Una delle cause della crisi è anche questa considerare le microimprese solo come evasione o come controparte del lavoro dipedente.
L'economia deve partire dalla microimpresa, che se non adeguatamente sostenuta non diventerà mai ne media e ne grande.
Le start-up di oggi sono questo, ma senza una regolamentazione semplice moriranno prima di crescere.
Tutti quelli che sono eletti; e che hano avuto il tempo di farsi eleggere (quindi non lavoravano) non hanno l'esperienza di chi lavora senza orario e senza tutele.
Per questo le proposte si limitano a sgravi per assunzioni o sull'irap ma senza capire che solo
un adeguato guadagno potra risollevare le imprese

L'imposizione fiscale in effetti è oltre il 50% con anticipi assurdi o studi di settore fatti al computer.
La ricettà la puo dare solo chi lavora e chi protesta per i posti di lavoro deve iniziare a pensare che se non sostiene la micro e la piccola impresa a produrre richezza difficilmente sarà possibile sopravvivere alle spalle dello stato e di tutti i cittadini.
La nostra costituzione dice dice che siamo una repubblica sul Lavoro, ma molti la intendono come l'obligo per lo stato di dare un posto fisso di lavoro a tutti !
La repubblica si dovrebbe basare sulla libertà di lavoro; che vuol dire possibilità di creare lavoro e richezza con sistemi fiscali semplicie.
Io provo ad andare avanti, ma ancora per poco, non ne vale la pena.
In alto i cuori

grillone123@gmail.com 11.12.13 15:02| 
 |
Rispondi al commento

Ho chiuso la mia piccola azienda, nonostante il lavoro non mi mancasse anzi!
MI SONO STANCATO DI LAVORARE PER PAGARE SOLO LE TASSE (STUDI DI SETTORE...). ADESSO DATEGLIELO VOI UN LAVORO AI MIEI EX COLLABORATORI!
Adesso LAVORO IL MINIMO INDISPENSABILE, CONSUMO IL MINIMO INDISPENSABILE E VOI VI ATTACCATE AL C...

Ferdinando 11.12.13 14:44| 
 |
Rispondi al commento

CIECHI, SORDI E FIDUCIOSI. Se, anziché studiare strategia politica alle scuole della democrazia cristiana, i politici ora sul mercato avessero osservato con attenzione i processi che anno date svolte importanti ai corsi storici, si renderebbero conto di quanto sottile sia il limite che sottende al sorpasso che la piazza sa effettuando su parlamento ed le varie istituzioni. Chiedere la fiducia in parlamento allo stesso gruppo di persone che ci hanno portato alla situazione in cui siamo è come auto certificarsi. Vada il signor presidente del consiglio a chiedere la fiducia ai "forconi" che non sono più disposti ad attendere tutte le sofisticate procedure per rivoltare la situazione in favore delle masse popolari. Giocano sull'equivoco che ribellarsi a questi poteri è populista e antidemocratico. Ribellarsi in situazioni simili a quella che vive la nostra società è un sacrosanto diritto invocato da tutti i filosofi. E la natura della protesta non può non essere adeguata alla tragedia delle vite delle famiglie Italiane. Caro Grillo, è sbagliato pretendere solidarietà dai militi delle forze dell'ordine. Essi sono stati arruolati per difendere chi li arruola. Rivolgi invece la tua voce a tutto il popolo degli oppressi e umiliati che diano appoggio e partecipazione a chi scende in piazza contro il governo dei privilegi. Privilegi che costituiscono il collante utile per rimanere saldi nelle poltrone dorate di Napolitano, di Mastropasqua,dei presidenti di regione delle sinistre facce dei Fassina, dei Franceschini, della Finocchiaro, di Letta, della Camusso, di Angeletti, di Epifani, di D'Alema e tutti quei burattinai la massima occupazione dei quali è la carriera, guadagnata con le menzogne. Ora arriva enfant prodige Matteo Renzi. L'imbonitore che vorrebbe farci credere che "Cristo sia morto di sonno anziché di raffreddore". Qualunque cosa ci possa essere di sincero in lui arriva in ritardo. Ora la voce è alla piazza. La "sorpresa" del tuo successo sarà nulla al confronto.

ANNIBALE BERNARDESCHI 11.12.13 14:32| 
 |
Rispondi al commento

Onore al movimento 5 stelle , onore a beppe grillo nominato invano da parassiti che hanno contribuito al declino di un paese con le potenzialità di una bomba atomica.
Solo i peggiori amministratori e anti.patrioti potevano sprecare una simile potenziale.
Andatevene tutti a casa.

GIOVANNI I., Padova Commentatore certificato 11.12.13 14:30| 
 |
Rispondi al commento

FINALMENTE TUTTE LE PORCHERIE CHE LA CASTA HA FATTO FINO AD OGGI, SI STANNO SCOPRENDO PROGRESSIVAMENTE, MOSTRANDOCI GIOCHI DI POTERE E UN ENORME SPERPERO DI DENARO PUBBLICO SENZA CONTROLLO CHE STA' FACENDO SPROFONDARE IL PAESE. QUESTA NON SARA' UNA GUERRA CIVILE, MA UNA GUERRA CONTRO LA CASTA ED IL MAL-POTERE. I PRIMI FOCOLAI DI PROTESTA SONO GIA' ACCESI, MA LA CASTA LI IGNORA ANCORA....PARLA, PARLA, PARLA, MA DI FATTI CONCRETI NON SE NE VEDONO.
DI QUESTO PASSO, LA CASTA SI FARA' MOLTO MALE: GIA' TROPPE MORTI DI IMPRENDITORI SONO ACCADUTE E SPERO CHE NON NE ACCADANO ALTRETTANTE NEI CONFRONTI DELLA CASTA; LA GENTE VUOLE I FATTI; DI PAROLE NE HA GIA' SENTITE ABBASTANZA !

Mario Vitalli 11.12.13 14:15| 
 |
Rispondi al commento

Li votiamo sempre? E allora vietato lamentarci. Paese di poveri bigotti e creduloni.

Simone I. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 11.12.13 14:05| 
 |
Rispondi al commento

Una proposta di legge per il M5S.
Prevedere una legge che introduca il sostegno al reddito anche per gli autonomi e dica come.
Il problema è dove si trovano i soldi.
La sola via è una nuova IRPEF che ridistribuisca la ricchezza con eliminazione di quasi tutte le altre tasse e lotta totale e senza quartiere agli evasori e ai corruttori.

Mau 11.12.13 13:42| 
 |
Rispondi al commento

Ma non dovevano dare una mano alle imprese???
Ma non dovevano dare posti di lavoro ai giovani???
Ma non dovevano abbassare le spese politiche???
Ma non dovevano abbassare le tasse???
Ma non dovevano togliere l'imu??
Ma non dovevano eliminare i finanziamenti ai partiti???
Ma non dovevano...ecc. ecc....
Ci stanno prendendo per il culo.
Perché allo stato maledetto dobbiamo pagare gli anticipi senza sapere se quei soldi serviranno per il bene degli italiani
E' come andare a fare la spesa, passare direttamente in cassa e pagare senza sapere cosa acquistare.
Basta non ne possiamo più.
Ci vogliono monopolizzare, renderci schiavi striscianti ai loro piedi, solo pochi bastardi che comandano i fili delle marionette.
La casta è incostituzionale e non ha i diritti per ridurci a dei miserabili.
ATTENTA CASTA I FUOCHI SI STANNO ACCENDENDO.

basta... 11.12.13 13:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

c'e' un solo modo per toglierci dalle scatole questa casta abbiamo avuto nella storia grandi maestri ,Gandi,Mandela ,malcom x ecc ecc ed e' il sistema piu' semplice , stop a tutto dal pagamento tasse al lavoro (che non c'e') tutti a casa a riposare meditare con un solo grido signori se' non ve' ne' andate qui non si muove piu' nessuno, senza di noi loro non vanno da nessuna parte.

umberto c., carsoli (aq) Commentatore certificato 11.12.13 13:36| 
 |
Rispondi al commento

ALICE CASCOOOOOO, queste cose Grillo e tutto il M5S lo hanno già detto e raccontato svariate volte!!!!

Claudio bonaffini 11.12.13 13:24| 
 |
Rispondi al commento

ieri sera in una trasmissione televisiva dei soliti giornalisti leccaculo (non fanno mai una domanda intelligente)il sig. renzi nelle sue solite stupide ricette per risolvere i problemi dell'occupazione proponeva di modificare i contratti di lavoro,nessuno gli ha obbiettato che negli ultimi anni una infinita di volte sono intervenuti e solo per peggiorare i diritti dei lavoratori e cosa che nessuno gli ha spiegato che per creare lavoro l'unico modo e' abbassre le tasse sul lavoro e specificamente sui lavori non esportabili, turismo, pesca ecc.. . il resto e' aria fritta.

vittorio c., frosinone Commentatore certificato 11.12.13 13:11| 
 |
Rispondi al commento

La crisi la dovrebbe pagare chi l'ha creata.

Invece le caste politiche, burocratiche e finanziarie l'hanno scaricata sulla parte migliore del paese.

La scomparsa delle partite Iva prelude alla fine dell'Italia.

Tutto orrribile e tragico. Spero che tutti i soldi che estorcono ai cittadini onesti con le tasse li impieghino in medicine.

Governo ladro 11.12.13 13:08| 
 |
Rispondi al commento

Risolto il problema di tutti i ” salvatori ” dell’Italia: mandiamoli tutti nella Korea del Nord, e mettere le loro tesi in pratica, credo che dopo 3 mesi, la BBC ci mostrerà il video delle fucilazioni di MASSA :) Credo che se l’Europa dell’EURO, fosse parte degli USA, della Russia, della Cina o del Giappone, come minimo tutti i politici di Bruxelles e quelli ” tradizionali nazionali ” sarebbero mandati a Guantanamo, in Siberia o in qualche posto a passare gli ultimi giorni a spaccare le pietre a pane e acqua con l’accusa di ALTO TRADIMENTO.

ALTO TRADIMENTO 11.12.13 13:08| 
 |
Rispondi al commento

Grillo. GRIIIIIILLLOOOOOOOO!!!!
Mi legga! La prego mi legga.
VOGLIO SAPERE PERCHE ANZICHE CONCENTRARSI SULLE PICCOLE CAZZATE DI QUESTO PAESE NON RACCONTA AI SUOI PARGOLI IN PARLAMENTO E IN GIRO IN TUTTA L'ITALIA CHE L'ISLANDA HA DECISO DI NON ACCETTARE LE IMPOSIZIONI DI FMI E BCE ED È USCITA DALLA CRISI A FURIA DI RIVOLTE POPOLARI, IL 93% DELLA POPOLAZIONE HA VOTATO PER NON ACCETTARE PRESTITI DALLA BCE CHE SAREBBERO RICADUTI SUI CITTADINI STESSI ED È STATA SCRITTA UNA NUOVA COSTITUZIONE. L'ISLANDA OGGI È UNO DEI PAESI PIU PROLIFICI AL MONDO ED HA SUPERATO LA CRISI. LEI CHE HA LA VISIBILITA' MEDIATICA PER RACCONTARE LA VERITA' PERCHE NON LA DICE?! E VOI CHE LEGGETE IL BLOG DI GRILLO PERCHE ANZICHE FARE LE PECORE CIRCUITE DAL LUPO NON ANDATE A CERCARE QUESTE INFO E COMINCIATE A PENSARE A COME SALVARVI LA VITA?!

Alice Casco 11.12.13 13:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe è mio dovere informarti di questo: io sono uno di quegli imprenditori di micro imprese (10 dipendenti e tutti diretti, no part-time, no precari)e conti alla mano fatti con commercialista, tra tasse tassettine denuncia redditi imu ici irap tarsu e altre infinite, il peso fiscale dell'erario sulla mia impresa è pari al 67% e sarebbe come dire che: visto che il 95% della mia settimana fatta da 6 giorni lavorativi (salvo le domeniche che sono a casa ma studio come lavorare il lunedì in azienda)dedico il 67% del tempo della mia vita a fare da schiavo a quei maledetti stronzi, che conosciamo entrambi.

Paoo C., cancian.paolo@fastwebnet.it Commentatore certificato 11.12.13 13:02| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
IL BRUTTO E',CHE TRANNE QUALCHE TELEGIORNALE LOCALE E LA RETE,TUTTI,AI TG,CONTINUANO A RACCONATARE "BALLE",AGLI ITALIANI,LA PROTESTA NON SI FERMERA' FINCHE' QUESTO GOVERNO,NON ANDARA' A CASA
ALVISE

alvise fossa 11.12.13 12:56| 
 |
Rispondi al commento

In Italia è in atto una protesta volutamente trascurata dai media. Portare qualcosa in dono a chi sta al freddo non sarebbe una cattiva idea,in fondo stanno manifestando contro una classe di parassiti che ha portato il paese allo sfascio.Una piccola somma x qualche panino o una bottiglia di vino, magari evitando di pagare la quota annuale di certe associazioni di categoria che poco o nulla hanno fatto in questi anni per tutelare chi ora è sulla strada a protestare. ...

Angelo Bozzoni 11.12.13 12:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve,
correggete immediatamente le percentuali da 50 a 72% di tasse, questo calcolo è stato fatto dall'associazione Artigiani di Rimini.
Bisogna confrontare i risultati con più studi (tanto saranno sempre volti al peggio....).

Luca Paolino 11.12.13 12:51| 
 |
Rispondi al commento

Tanto nessuno farà nulla.
Anche fra le nostre fila molti sono anche felici che il "padrone" soffra e muoia di fame, diciamoci la verità.
L'unica strada è quella di non contribuire più a pagare gli agi di 3 milioni e mezzo di dipendenti pubblici.
Vi ricordate quando il regime ha incolpato i commercianti tramite stampa che la colpa della caduta del potere d'acquisto all'ingrasso nell'euro era perchè i commercianti e gli autonomi avevano raddoppiato i prezzi?
Be, anche qua ne ho lette di cotte e di crude.
RIPETO, NOI SIAMO CARNE DA MACELLO, NESSUNO FARÀ MAI NULLA E MOLTI GODONO NEL VEDERE IL PROFESSIONISTA DEL SUO PAESE ANDARE IN MEZZO A UNA STRADA.
IO NON CI STO PIÙ.

Johnny Gaspari, Cepagatti Commentatore certificato 11.12.13 12:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vi segnalo un interessante pezzo sulla crisi in atto e sul tramonto della democrazia che ho trovato su un blog della London School of Economics, dove si legge:

"Il fallimento dell'economia europea non è un disastro "naturale", né il risultato di pressioni esterne, e neppure l'ineluttabile risultato del ciclo economico. Esso è in massima parte l'esito di pessima gestione (mismanagement), mancanza di una visione politica e del fallimento d'immaginazione, che ha indotto le élite occidentali a ignorare le inflessibilità e le deficienze strutturali di un modello economico e sociale decadente".

http://blogs.lse.ac.uk/eurocrisispress/2013/12/10/democracy-nomen-nudum/

Manlio Pezzano 11.12.13 12:40| 
 |
Rispondi al commento

Aggiungo che lo stato "itaglia" è il socio di maggioranza della tua azienda per la quale non fa una mazza! Basterebbe che TUTTI non versassimo l'iva per un trimestre per dare un segnale forte al sistema marcio!

Diego C., Vicenza Commentatore certificato 11.12.13 12:29| 
 |
Rispondi al commento

Mi permetto di correggere i dati: le piccole imprese subiscono una tassazione pari al 70%! Questa è la verità!

Diego C., Vicenza Commentatore certificato 11.12.13 12:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

una cosa a cui pare non fregare niente a nessuno, nemmeno ai pentastellati, troppo occupati a curarsi di zingari e kazaki: se un artigiano si trova senza lavoro, quindi senza alcun reddito, si ritrova l'inps che COMUNQUE pretende oltre 800 euro a trimestre. sommando inail, camera di commercio e altre mille cazzate si parla di 3500 euro annui di "contributi fissi". (le tasse sono a parte)
ma nella costituzione non è scritto che il cittadino deve pagare le tasse in base al proprio reddito?

PS
cara equitalia, è inutile che mi mandi 3 raccomandate a settimana... non ho un euro!

mister x, ravenna Commentatore certificato 11.12.13 12:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io di studi di economia non ne ho mai fatti.
ma una cosa la capisco
SE IL GOVERNO TASSA IL LAVORO AL 50% che è l'unica forza dell'Italia e toglie le tasse su beni che non producono niente (immobili) mi dite come possa far funzionare uno stato che oltre a non funzionare sperpera una marea di soldi pubblici per costruire infrastrutture che non serviranno alla gente ma solo a qualche lobby.
Ci hanno tolto l'imu solo per far contento berlusconi che possiede mezza Italia tra ville , castelli e interi centri commerciali. Facendo passare la grande beffa che l'Italiano non doveva pagare la tassa sulla casa.
Un governo che per non far pagare il giusto a Berlusconi, è andato a tassare l'unica cosa che ci poteva salvare è cioè il LAVORO.
Pensate , sia la destra che la sinistra fanno leggi da criminali senza guardare quali catastrofiche conseguenze queste leggi abbiano su una popolazione di 60 milioni e di uno stato.
Adesso ho capito come funzionava il meccanismo.
Se prendiamo ogni singola legge approvata da questo governo , si vede come siano state progettate esclusivamente o per la destra capeggiata dal clan Berlusconi o per la sinistra capeggiata dal clan De Benedetti.
Un esempio di quello che dico
no tasse ai giochi ( tutte e due i clan hanno interessi)
tap-nuovo gasdotto dato che quello in Libia va a singhiozzo(anche qui tutti e due i clan hanno interessi.
Expo 2015(tutti e due i clan o almeno uno ha interessi).
Privatizzazioni (tutti e due i clan hanno interessi)
La lista è lunga , ma la verità se vista è molto semplice.

GIOVANNI I., Padova Commentatore certificato 11.12.13 12:22| 
 |
Rispondi al commento

Basta con i privilegi con i tributi dei lavoratori!!a casa devono restituire il maltolto questi pseudo amministatori strapagati inefficenti fraudolenti sequestro preventivo dei beni.

antinio rubino 11.12.13 12:17| 
 |
Rispondi al commento

Stamattina ad Agoràrai CARBONE,del PD ha detto che l'85% di quelli che in questi giorni stanno manifestando sono dei criminali.
Il nuovo che avanza

Carlo 11.12.13 12:14| 
 |
Rispondi al commento

Non è da ieri, sveglia !
Ricordate, "siamo tutti imprenditori" !
Sono almeno 18 anni che le partite iva, più o meno vere, patiscono.
E patiscono perchè sono nate per patire !
Sono i figli di nessuno, i non appartenenti, cittadini di serie B, immigrati nel loro stesso paese, generati dalla mota, utensili a vario titolo.
Figli di un modo malato di intendere la concorrenza dove chi non ce la fa, e sono tanti, semplicemente muore senza responsabilità di alcuno, una società feroce ma politicamente corretta, cinica ma tanto tanto educatina, una jungla organizzata in vitro per nascondere dietro una patina di "democrazia" una selezione "innaturale" darwiniana.
Solo il fatto che al governo ci sia Letta, il nipote di suo zio, è uno sputo in facccia a questa gente.
Si ha ragione a ribellarsi !
(resta solo da capire perchè non si è capito prima).

Kasap Aia, Cifre, borgo virtuale Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 11.12.13 12:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Scusate lo sfogo a tutto il blog: a tutti gli amanti di questo merdosissimo governo pregasi non bombardare di telefonate dall'alaba al tramonto le impiegate dei commercialisti per imu pregasi contattare direttamente i vostri beneamati idoli. A tutti gli amanti di questo merdosissimo governo pregasi andare a versare lacrime ipocrite e amare per tares e imposte varie direttamente a casa dei vostri beneamati beniamini in quanto, le impiegate dei vostri commercialisti, non sono in grado e nemmeno ne hanno la voglia di rincuorarvi per questpo scempio alle vostre tasche, xche' le nostre sono talmente misere da far divertire pure un pollo spennato, pregasi inoltre lasciarcialmeno il tempo di andare al bagno a fare pipi'. Ringrazio per l'attenzione e cordialmente andate a fare in cu...o.( non al blog ovviamente). Per tutti coloro che invece disprezzano questo merdosissimo governo come me allora sappiate che capisco cosa significa saltare i pasti e le notti x pagare imu tares mutui bancari irpef irap contributi dipendeti e cartele esattoriali da fuori di testa.

monica c. Commentatore certificato 11.12.13 12:07| 
 |
Rispondi al commento

consideriamo che la tassazione diretta è al 50%, ma la burocrazia (corsi obbligatori, continue modifiche legislative, imposte di bollo etc.etc.) alza la percentuale sicuramente di un 20%.-
Arriviamo a fine anno con anticipi di imposte al 102.50 % per cui la liquidità manca...
bel modo di far riprendere l'economia alle loro tasche...

barbara bernardino, udine Commentatore certificato 11.12.13 12:06| 
 |
Rispondi al commento

Dirò di più : oltre alla pressione che mi attanaglia, c'è anche un problema la cui entità è tutta italiana: l'evasione fiscale, che non è solo di sopravvivenza (discorso a parte) , è proprio una mentalità! Se tutti avessero pagato le tasse e se sti incompetenti in malafede non avessero sciupato i soldi degli italiani, noi saremmo in tutt'altra situazione!!!

Paolo Savarino 11.12.13 12:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Penso che fino a quando si facciano delle manovre solo ed esclusivamente per un 4% della popolazione mondiale, il restante 96% sarà sempre vessato e spremuto, chi più chi meno...e la cosa che mi lascia stupito è che il 96% della popolazione non ha ancora capito che l'economia la facciamo noi, siamo noi che possiamo cambiarla.
Forza lavoro , sporcarsi le mani, noi siamo quelli che sono in campo loro non hanno idea di cosa voglia dire lavorare, noi abbiamo il potere e Sembra assurdo pensare che quel 4% riesca a farci credere il contrario.

Lorenzo G., Genova Commentatore certificato 11.12.13 11:47| 
 |
Rispondi al commento

Mi e arrivata la tares e l imu....Ho casa di proprietà...Equitaia e in agguato.Disoccupato con prole,da un anno....B A S T A,abbassiamo gli stipendi a tutti,dal presidente Napolitano a ll ultimo bidello,uguale per le pensioni,e distribuiamo in reddito di cittadinanza.Basta finto made in italy taroccato e di contrabbando,dazi doganali e più consumo inferno.Mi vengono a dire che dobbia.o importate prosciutto e rivenderli clone made in Italy....Ecco il fallimento Italia....M A F I O P A R L A M E N T O . . ...

Carlo D., Casoria(Na) Commentatore certificato 11.12.13 11:42| 
 |
Rispondi al commento

Perchè dovrei manifestare a fianco di un negoziante od un artigiano fascistoide che si è sempre strafatto alla grande i cazzi suoi lasciando le tasse a noi dipendenti ed ai pensionati ed, ora che gli brucia il culo, abbaia alla luna senza arte nè parte ?!?
Almeno metà di quella gente nella merda ha vissuto alla giornata fino ad ora votando come un tifoso il nanodimmerda nell'ignoranza e pressapochismo più totale.

Le classi sociali, piaccia o no, esistono ancora e ciò non si può negare...

Gianmaria Valente (cu chulaìnn) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 11.12.13 11:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"""A differenza dei lavoratori dipendenti quando un autonomo chiude l’attività non dispone di alcuna misura di sostegno al reddito."""

Solo una parte dei lavoratori dipendenti possono contare su qualche sostegno al reddito..
per coloro che operano nelle piccole aziende praticamente non esistono ammortizzatori..

isaia g., udine Commentatore certificato 11.12.13 11:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Aiuto il popolo ha fame,non ha il pane e non può neanche protestare perché quando protesta la colpa di queste manifestazioni anche rabbiose,viene data alla mafia,alla criminalità organizzata e a quel delinquente di Grillo.Chi protesta non è criminale,non è mafioso ma è affamato e Grillo e' l'unico che l'ha capito.

giuseppe d., cagliari Commentatore certificato 11.12.13 11:22| 
 |
Rispondi al commento

Stato governato da approfittatori senza scrupoli che guardano solo i propri interessi.

Aldo Secco 11.12.13 11:19| 
 |
Rispondi al commento

"Se mille uomini non pagassero quest'anno le tasse, ciò non sarebbe una misura tanto violenta e sanguinaria quanto lo sarebbe pagarle."
Henry David Thoreau

arnaldo ., roma Commentatore certificato 11.12.13 11:19| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori