Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La Grecia alla fame

  • 22


grecia_malnutrita.jpg

"Cinque anni di crisi economica e sei di recessione in Grecia stanno avendo i loro tragici effetti anche sulla popolazione scolastica: gli studenti di quasi 1.000 scuole greche, a circa 145.000 tra bambini e ragazzi, infatti sono malnutriti. L'allarmante dato è riferito dal sito GreekReporter che cita una recente statistica dell’Istituto Statistico ellenico (Elstat) secondo cui numerore fra le 975 scuole colpite dal fenomeno hanno richiesto assistenza alimentare allo Stato. Questa cifra è il triplo dei circa 50.000 scolari che il "Programma di aiuto alimentare e promozione di un’alimentazione sana" portato avanti dall'Istituto di Medicina preventiva e di salute ambientale e del lavoro "Prolepsis" di Atene. Il fenomeno degli scolari affamati continua ad estendersi nelle scuole greche mentre le domande di assistenza alimentare da parte degli istituti scolastici sono raddoppiate, passando a quasi 1.000 dalle 500 del primo anno del programma." Ansa

19 Gen 2014, 12:47 | Scrivi | Commenti (22) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 22


Tags: crisi, fame, Grecia, malnutrizione, scuola, studenti, studio, Troika

Commenti

 

Mi meraviglia, che i midia italiani non parlano della situaZione negativa in Grecia ,del vero fallimento europeo

Savastano Giovanni 25.01.14 11:44| 
 |
Rispondi al commento

E' la prima volta che scrivo in in blog, non so se è la sezione giusta per scrivere questa mia riflessione. Ho votato il movimento perchè sono nauseato della nostra classe dirigente a tutti i livelli....ma oggi ho sentito che i senatori del movimento (che col mio voto ho contribuito a far elegere) hanno votato a favore dell'abolizione del reato di clandestinità, pur sapendo che con le leggi stra-garantiste per i delinquenti e procedure penali degne del paese delle banane che abbiamo in Italia. Qui arriverà la feccia che nei loro paese starebbe in galera a tormentare, massacrare, uccidere rubare agli inermi cittadini italiani.
Prima bisognerebbe pensare alle migliaia di italiani disperati e abbandonati.
Cari "onorevoli" vi siete dimenticati cosa significa vivere in questa guingla? Sento che non non mi rappresentate e non vi voterò più....
Anche voi siete un'occarione sprecata per il riscatto dell'italia. Forse non ve ne siete accorti ma già siamo come la Grecia

Claudio Z., Roma Commentatore certificato 21.01.14 20:33| 
 |
Rispondi al commento

Ma state notando come della situazione reale in Grecia non si occupi NES-SU-NO?
Tutte le tv asservite tra programmi di cucina e cretinate varie non trasmettono MAI un serio reportage sulla situazione greca. Com'è possibile, dico...va bene essere asserviti al potere, ma possibile che non ci sia mezzo cronista che vada, documenti e trasmetta ciò che sta accadendo in quel paese e di cui veniamo tenuti praticamente all'oscuro?

Mario S. Commentatore certificato 20.01.14 16:38| 
 |
Rispondi al commento

Siamo in rotta verso la Grecia già da un po'.
Chi non si ribella ai soprusi ha un grave problema di autodeterminazione come popolo, è inconcepibile che nel 2014 subisca tutto questo per l'interesse di pochi.
Così come è inconcepibile che gli italiani continuino imperterriti a dar credito ai soliti noti senza fare nulla.
Una cosa per cambiare possiamo farla tutti: votare M5S. Se non lo si capisce la Grecia sarà solo l'anticamera. Gli italiani saranno fautori del loro destino.

Magda Cacciatore (lameghy), Marino (Rm) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 20.01.14 07:07| 
 |
Rispondi al commento

I commenti oramai sono inutili... c'è gente che muore di fame nel cuore stesso dell'Europa, che è la Grecia non certo i bancherettisti tedeschi.
Proposta: una nave parte da Genova dove inizia a raccogliere tutto ciò che il Popolo Italiano vuole e può regalare al Fratello Popolo Greco, e così per tutti i Porti del Tirreno, lo stesso a partire da Venezia e lungo tutto l'Adriatico. Le due navi insieme al Porto del Pireo scaricano tutto il raccolto con gli auguri e gli abbracci di tutti Noi.
N.B.= le città non dotate di porto organizzano raccolte e trasporti con TIR ai porti più vicini.
Si può integrare con i fondi risparmiati dai Cittadini Deputati e Senatori.
Attivando su questo la Rete dei Meetup dovremmo riuscire facilmente nella cosa.
Facciamoci aiutare anche da Emergency, Medici Senza Frontiere e Organizzazioni simili presenti in Grecia.

Giovanni Pizzi 19.01.14 22:42| 
 |
Rispondi al commento

Quando a salvataggio interviene il Fondo Monetario Internazionale, euro o non euro, sono cavoli amari. Il FMI, infatti, agisce come un curatore fallimentare che si preoccupa solo dei creditori e se ne strafotte di tutto il resto.

GIUSEPPE V. Commentatore certificato 19.01.14 21:16| 
 |
Rispondi al commento

Di che cazzo dobbiamo parlare e' un anno che dico di organizzarci noi italiani il popolo greco il sud europa andiamo a strasburgo e sfondiamogli il culo parlo e ci fosse stato un iscritto che mi avesse risposto! Intanto ai nostri governi non gli importa nulla se il popolo e' distrutto con le chiacchiere nessuno risolve niente

frank pit Commentatore certificato 19.01.14 19:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grazie M5S


Forza M5S

WORCOM forum Commentatore certificato 19.01.14 16:35| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
GRAZIE EURO,ANZI GRAZIE EUROPA PER SAVER RIDOTTO COSI' L'EUROPA
ALVISE

alvise fossa 19.01.14 16:05| 
 |
Rispondi al commento

La Grecia, bellissimo paese e questa Europa sta distruggendo tutto, tranne la Germania, pensate e riflettete, dobbiamo aiutare un paese come la Grecia bene dell' umanita' non possiamo assistere inermi a questi linciaggi, sono delinquenti a partire dalla Troika, e il NUOVO ORDINE MONDIALE IN ATTO, le Tv, e tutti i canali d' informazione isolano i paesi e tutto un sistema ben calcolato e raggionato a tavolino, dobbiamo aiutarli, presto accadra' anche in Italia
M5* parlatene mettevi in comunicazione con qualche esponente della Grecia scambiamoci informazioni, per me e peggio di quello che dicono.

antonio b., nibionno Commentatore certificato 19.01.14 15:01| 
 |
Rispondi al commento

Approfitto di questo spazio per affermare con forza la necessitá di ripensare il ruolo delle autonomie in Italia. Non è possibile insistere sulla abolizione delle Province senza accorgersi dei mostri Regioni, i cui sperperi e inefficienze sono addirittura coperti e giustificati con le leggi regionali, spesso in contrasto con lo stato e la costituzione. Sará giunta l'ora di aprire gli occhi? O facciamo finta di niente ?

amedeo f., parma Commentatore certificato 19.01.14 14:59| 
 |
Rispondi al commento

Il problema e che non gliene può fregar di meno...vorrei tanto una giustizia divina!!letta,merkel,holland ecc...siete delle merde!!!!

giuseppe surano 19.01.14 14:56| 
 |
Rispondi al commento

Cominciamo noi in Italia a far pulizia di tutti questi corrotti,mandiamoli tutti a casa,andiamoci noi in Europa,vedrete che tanti altri seguiranno il nostro esempio. Europa a 5 Stelle

Andrea guidarelli 19.01.14 14:47| 
 |
Rispondi al commento

questa notizia, come tutte le altre di tenore simile che vengono dalla Grecia, dimostra che la faccenda delle scie chimiche deve essere vera!
come si spiega che la gente non insorga ammazzando tutti i politici se non col fatto che vengono irrorati dall'alto con dosi massicce di psicofarmaci?


Io chiedo a tutti, questa e l' Europa??? Italiani , italiani!! Italiani!! Salviamoci, da questi faccendieri o non ci sarà più tempo rivolto sopratutto a chi la sera rientra a casa dopo una giornata di lavoro chiude lA porta e se ne frega tanto a me non succederà mai!! Anch'io pensavo così ...... Buona fortuna.... Italia buona fortuna italiani!!! Umberto da Roma legionary69

Umberto 19.01.14 13:52| 
 |
Rispondi al commento

Lo volete capire che la Germania ma soprattutto i tedeschi non cambiano mai e' nel loro DNA ... Quello che non sono riusciti a fare nella seconda guerra mondiale con la violenza lo stanno facendo con le banche . Mi spiegate la differenza tra un campo di concentramento e la Grecia attuale ?

Roberto 19.01.14 13:43| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se i singoli cittadini che subiscono questa situazione non sono disponibili a dare finanche la vita per combattere chi affama i propri figli od i propri nipoti MERITANO DI SOPRAVVIVERE NELL'INDIGENZA.

LA DIGNITA' HA UN PREZZO. E NON SOLO IN GRECIA.

W IL M5S
GRAZIE BEPPE

giovanni d., avellino Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 19.01.14 13:15| 
 |
Rispondi al commento

A mio modesto parere ci arriveremo anche noi a quei livelli se già non ci siamo arrivati! Dobbiamo fare fare qualcosa da ora altrimenti...io da qui non me ne voglio andare ma la mia fine,sarà questa

Matteo D'Alonzo, Pescara Commentatore certificato 19.01.14 13:11| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori