Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Le cause del declino economico dell'Italia

  • 82


declino_economico.jpg

Più di 80.000 persone hanno partecipato al sondaggio sulle cause del declino economico dell'Italia.
L'euro è indicato come causa principale dal 48% dei partecipanti, il 47% imputa il declino alla corruzione dilagante e il 44% ai partiti.
Per il 30% l'informazione ha grandi responsabilità, stessa percentuale per la criminalità organizzata. Seguono la burocrazia con il 28%, la lentezza della macchina della giustizia con il 26% e l'assenza di autorità di controllo con il 25%.
Il 13% ha indicato delle cause aggiuntive, tra le quali spiccano la degenerazione culturale, il conflitto d'interesse e il sistema di tassazione.
Grazie a tutti coloro che hanno partecipato.
Leggi tutte le risposte!

27 Gen 2014, 10:13 | Scrivi | Commenti (82) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 82


Tags: corruzione, declino, euro, Italia, mafia, media, partiti, sondaggio

Commenti

 

L'EURO E' IL VERO MALE!!!
TOGLIE SOVRANITA' AGLI STATI MEMBRI!!
USCIRE DALL'EURO E TORNARE SUBITO ALLA LIRA, CON IL PROGRAMMA DI SALVEZZA ECONOMICA ME-MMT.
INFORMATEVI!!!(Paolo barnad.info)
youtube: "come l'euro distrugge l'italia".

maurizio f., Rimini Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 28.01.14 23:00| 
 |
Rispondi al commento

il declino dell'italia è dovuto alla miopia di chi difende i propri privilegi, che non vuole le pari opportunità, grazie a grillo per la prima volta in parlamento vi sono svariate categorie rappresentate e non le solite professioni, avvocati, medici, ingegneri, notai, giornalisti,ricchi imprenditori.
grillo ha introdotto la vera democrazia ha scelto deputati e senatori quasi a sorteggio, sistema già in uso ad Atene 2000 anni fa, quando un previdente Clistene nella sua costituzione aveva previsto cariche elettive a sorteggio per evitare che le elezioni fossero comprate da chi aveva più soldi.

gerardo ., santa maria capua vetere Commentatore certificato 28.01.14 17:23| 
 |
Rispondi al commento

Io concluderei che la causa prima del persistere del declino e del perchè sia arrivato a questi livelli - ancora non è detto se peggiorerà - è dovuto alla mancata presa di coscienza dei cittadini - divenuti ormai sudditi - che non hanno la capacità di indignarsi e qiundi nemmeno di reagire. Su questo punto il regime fa leva a suo favore continuando a fregarsene e ad arraffare a destra e a manca, col silenzio e assenso della maggioranza degli italiani.

Stefano 28.01.14 15:00| 
 |
Rispondi al commento

L'euro non solo non ha unito i popoli ma li ha messi gli uni contro gli altri in una maniera mai sperimentata in Europa in 60 anni di storia, la moneta unica a parole serviva a far progredire l'unità europea ma in realtà l'euro è stato concepito solo per facilitare gli investimenti di capitali...
Purtroppo il dibattito a suo tempo in Italia fu totalmente assente, contrariamente a cio' che avvenne in Francia ad esempio dove la firma del trattato di Maastricht fu sottoposta a referendum popolare, il Si vinse di strettissima misura e ad opporsi al trattato che istituiva l'euro furono soprattutto i partiti di sinistra!! Ebbene si, non solo il partito comunista ma anche un largo fronte di socialisti ( da Laurent Fabius a Chevenement), ora in Italia purtroppo già dal 92 era passato il concetto che l'euro era di sinistra...cosa falsa arci falsa semmai è il contrario: l'euro costringe tutti i paesi ad attuare politiche liberiste per legge e PROPRIO LA SINISTRA AVREBBE DOVUTO OPPORSI A UN TALE PROGETTO!!! E del resto basta ricordarsi cosa pensava dello SME il PCI nella persona di Giorgio Napolitano nel 1978:

https://www.youtube.com/watch?v=VeO26zqkf2U&hd=1

La domanda sorge spontanea: non è che l'allora PDS nel 1992 per accreditarsi preso i poteri forti come alternativa politica "affidabile" rispetto ai vecchi partiti in via di smantellamento, abbia VENDUTO L'ANIMA AL DIAVOLO?...E che da allora sia imprigionato in questa logica?
Come è noto Enrico Letta alla fine degli anni 90 scrisse un libro dal titolo "morire per Maastricht". Ecco la ragione per cui il PD è il cane da guardia dell'eurismo è questa! Nel senso che il capitale di credibilità politica speso con il sostegno a Maastricht è di una portata tale da rendere politicamente IMPOSSIBILE qualsiasi tentativo di marcia indietro.
Insomma il PD difende l'euro non per difendere l'Europa ma per difendere se stesso.

diego r., Roma Commentatore certificato 28.01.14 14:42| 
 |
Rispondi al commento

non è che si stanno scatenando i 300 euro troll pagati dal PD? Pagati coi soldi nostri naturalmente...
Non sono neanche furbi, arrivano a valanga tutti assieme...e ripetono gli stessi argomenti terroristici triti e ritriti: i mutui, la benzina, l'inflazione...tutti argomenti smentiti da fior di economisti, basta farsi un giro in rete.

diego r., Roma Commentatore certificato 28.01.14 14:14| 
 |
Rispondi al commento

Veniamo al dunque euro, politici, mafia, corruzione ma il cittadino commune come si colloca?
Leggo questi post e mi cadono le cosidettte per terra e come se molti scrivessero in terza persona
EURO ricordo perfettamente che lo stesso giorno dell'entrata della moneta automaticamente tutto si era raddoppiato (esempio lampante il supermercato)
POLITICI che forse gli italiani medi sono meglio della loro classe polica?
MAFIA E CORRUZIONE non vedo non parlo non sento
l'importante che il mio giardino sia sempre fiorito
Ho lasciato l'Italia nel 2007 schifata da un modus vivendi che non condividevo
Tutti dobbiamo prenderci le nostre reponsabilita e farci un esame di coscienza e chiederci se tutti noi come cittadini abbiamo agito bene e nelle regole.
Troppo facile scaricare sullo stato NOI SIAMO LO STATO
Mi sono chiesta spesso come sia possibile che tanta corruzione sia cosi radicata nella nostra societa
BISOGNA PREDICARE BENE E RAZZOLARE MEGLIO
Nella famiglia nascono le prime distorsioni cosa non si fa per sti figli.....
Ho insegnato ai miei figli che qualsiesi forma di ruberia e'ingiustificabile
Ho insegnato ai miei figli che nella vita ci sono moltissimi doveri e che niente gli viene regalato
Ho insegnato ai miei figli che avere senso civico fa parte del nostro vivere bene
Ho insegnato ai miei figli il rispetto per se stessi
Io non ho mai rubato non ho mai chiesto favori ho rispetto percio che mi circonda e mi fa star bene pensare che non ho infierito sul mio prossimo
Sono solo semplici regole ma se applicate fanno meraviglie.
Si sa gli anni da bere ed il berlusconismo hanno dato di volta a tantissimi hanno vissuto di effimero e di egoismo ed ora piangete solo perche il paese e in braghe di tela ma ognuno di voi che ruolo ha avuto nel passato?
Percio che riguarda l'Euro a quelli scettisci direi di pensarci un attimino
la lira era considerata carta straccia
I prezzi sono raddopiati perche la furberia e insita nell'italiano ,piangono e fottono

rosellina 28.01.14 11:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

servirebbe la doppia moneta...una interna non valida all'estero.....ma le novità vere non passano...passa solo il dibolico perseverare camuffato da novità....anche il five stars è un fallimento....col senno di poi sono contento di starne fuori....e non per dir che è acerba... PROPRIO NON è UVA!

bruno.bassi.ex.iscritto.dissidente 28.01.14 08:21| 
 |
Rispondi al commento

Si è aperto un secolo nero nella storia del mondo .E' inutile girarci intorno e cercare presunti motivi "tecnici" qui e là . La causa principale della crisi,che è mondiale,e dalla quale tutte le altre discendono, è la mancanza di leaderships politiche autenticamente rappresentative. Non solo in Italia purtroppo, Paese dove con questo deficit siamo abituati da decenni a convivere,ma in tutti gli stati europei ed extraeuropei. E lo spazio lasciato libero dal potere politico democraticamente eletto, che è giunto ai minimi termini, è stato via via occupato da poteri economici e finanziari sempre più concentrati in poche mani. Sta scomparendo la classe media e, finita questa, ogni resistenza sarà domata. Tra meno di un decennio resteranno solo ricchi e poveri.Le residue resistenze rischiano di essere spazzate via da rivoluzioni, guerre e ribellioni.

Paolo C., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 28.01.14 00:20| 
 |
Rispondi al commento

Il tuo commento:
"con l'avvento dell'euro hanno venduto la nostra identita' nazionale , in
nome dell'unione europea stanno distruggendo le nazioni culle della
civilta' e della democrazia , in nome di un nuovo rdine mondiale stanno
distruggendo l'umanita' , l'istruzione e tutto cio' che fa di noi "uomini
liberi" . E' ORA DI DIRE BASTA E USCIRE DAL MATTATOIO EUROPEO PRIMA CHE LA
MATTANZA DELLA CIVILTA' VENGA COMPIUTA DEFINITIVAMENTE ...MATRIX NON SEMBRA
PIU' FANTASCIENZA"

claudia carti 28.01.14 00:12| 
 |
Rispondi al commento

con l'avvento dell'euro hanno venduto la nostra identita' nazionale , in nome dell'unione europea stanno distruggendo le nazioni culle della civilta' e della democrazia , in nome di un nuovo rdine mondiale stanno distruggendo l'umanita' , l'istruzione e tutto cio' che fa di noi "uomini liberi" . E' ORA DI DIRE BASTA E USCIRE DAL MATTATOIO EUROPEO PRIMA CHE LA MATTANZA DELLA CIVILTA' VENGA COMPIUTA DEFINITIVAMENTE ...MATRIX NON SEMBRA PIU' FANTASCIENZA

claudia carti 28.01.14 00:02| 
 |
Rispondi al commento

"Il problema viene da lontano...
Nei licei italiani si insegna latino ... Perchè?
Per cultura? No, magari
Per creare la casta di domani, persone piene di se e superbe che credono di
saperla lunga e di essere superiori tanto di avere diritto di vivere da
parassiti come avvocati, notai, medici della mutua, politici, presidenti
inps, insegnanti, giornalisti, preti ecc
L'Italia ha 2 facce: la cultura falso umanista (vedi sopra) e quella
tecnico scientifica (Leonardo, Galileo, Michelangelo, Brunelleschi, volta,
Marconi, Fermi... E migliaia di altri) sono solo questi ultimi che hanno
fatto in passato grande l'Italia, oggi il falso umanesimo ci sta
affossando, per sempre?

Marco Saggio 27.01.14 22:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La principale causa del declino è la Giustizia IL FISCO poi la Burocrazia ed infine la Corruzione. Ovviamente tutte quante Gestite dalla POLITICA. SE LA GIUSTIZIA NON FUNZIONA PERCHÉ I POLITICI NON VOGLIONO CHE FUNZIONI TUTTO IL RESTO SEGUE A CASCATA.

Luigi P. Commentatore certificato 27.01.14 21:51| 
 |
Rispondi al commento

Euro essere o Euro non essere. Questo dilemma accende gli animi. Sarebbe bello poter dire è tutta colpa dell'Euro e uscirne ponendo fine così alle proprie sofferenze, risolvendo così i propri problemi. O fosse più nobile sopportare i suoi oltraggi e i sassi e i dardi dell'iniqua fortuna resistervi.
E'probabile che la realtà sia più complicata.
In questi anni abbiamo assistito al saccheggio delle finanze pubbliche. Lo Stato, pessimo amministratore, ha dato concessioni e monopoli a destra e a manca in cambio di un piatto di lenticchie. I soldi pubblici sono stati dilapidati per il salvataggio di aziende decotte, vedi Alitalia, di opere inutili, vedi TAV, per incentivi controproducenti, vedi soldi alle aziende italiane che hanno aperto le sedi all'estero, in favoritismi come i 220 milioni a Sorgenia di recente ecc....Tutto questo con tutti noi spettatori impotenti testimoni di denunce in trasmissioni televisive tipo Report, senza che nulla cambiasse nei nostri atteggiamenti.
Il buco è fatto. L'Euro c'entra solo perchè forte e non manovrabile. Ora qualcuno dovrà pagare. Personalmente mi auguro che non siano gli italiani ma che al contrario saranno i reponsabili di tutto quanto descritto sopra, uno per uno.
Gli italiani sono stati spettatori passivi di un sistema in cui gli è stata tolta qualsiasi rappresentanza politica.
Ancora una volta le cose però sono cambiate.
Chissà se gli italiani se nè sono accorti o se anche questa volta hanno intenzione di fare i tonti, per non pagare il conto. Se fosse così si meriterrebero che il conto arrivasse a loro, correi come sono in questo saccheggio con il loro comportamento omissivo.

Pantomima Rossa Commentatore certificato 27.01.14 21:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il fatto che l'euro venga percepito come la causa del declino, non vuol dire nulla. Questa e' la percezione della gente non la realtà'. La realtà' e' tutta di natura economica e strutturale, non finanziaria. Il problema finanziario ha colpito duramente altre economie che avevano cambiato il core business verso i facili guadagni finanziari ma ha toccato solo marginalmente l'Italia, in quanto la sua finanza e' marginale e provinciale (la borsa di Milano e' poco più di uno scherzo). Quello che si raccogli oggi in Italia sono decenni di sonni beati degli imprenditori e della politica. I primi purtroppo inadeguati alle sfide moderne per 2 ragioni. Culturali e di collusione con la politica. Sulla politica , beh sappiamo in che condizioni siamo no ? Le ragioni culturali derivano da una assenza totale di cultura aziendale e di comprensione dei meccanismi dell'industria moderna. Non e' un caso che le piccole industrie italiane non hanno una crescita, restano sempre piccole, raramente riescono ad emergere ed essere quotate in borsa. Il fenomeno "start-up " e' totalmente assente mentre e' una componente enorme in USA (e non solo). Le aziende manifatturiere italiane hanno un contenuto tecnologico troppo basso, usano manodopera in settori dove l'automazione e' la regola ed ovviamente sul costo del lavoro non e' possibile competere con la Cina (ma nemmeno con la Polonia). Per aprire una azienda in Italia occorrono 10 - 20 volte più' adempimenti burocratici che in USA. In Cina creano uno stabilimento da 5000 posti di lavoro in 6 mesi , da zero fino alle assunzioni, macchine ,infrastrutture etc. Non mi dilungo, ma questa e' la causa del declino. Avendo una moneta autonoma, anche con una svalutazione del 90% non si arriverebbe neppure vicino alla Cina sul costo del lavoro e la lira non cambierebbe nulla sulla situazione delle aziende italiane. Se poi cominciamo a parlare delle infrastrutture , non la finiamo più'. Ma anche qui l'euro non c'entra proprio nulla.

Walter D., New York, USA Commentatore certificato 27.01.14 20:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Come ho già espresso in quel sondaggio, il problema del declino italico è difficile da stabilire con certezza. Certamente influiscono i partiti, la corruzione, la malavita, il sistema di tassazione, la lentezza della burocrazia e della giustizia ecc...
C'è però da chiedersi da dove nasca tutto questo. La corruzione è probabilmente il male peggiore, ma dove nasce la corruzione? Perché se da una parte c'è il corrotto (spesso un politico) dall'altra parte c'è un "corruttore" e raramente la corruzione avviene tra politici.

L'Italia è un paese in cui le regole hanno un valore relativo: in fila alle poste? No, salto davanti agli altri e faccio prima. I tempi di attesa all'ospedale? No, chiamo il mio amico dottore e salto davanti agli altri. Pagare le tasse? Beh, un po' di nero male non fa ecc... E questa è la base di partenza, perché poi questa è la base che sceglie i capi, capi che agendo come la base che li ha votati (solo ad un livello maggiore) porta corruzione, lentezza burocratica, mal governo, mal servizio e mal tassazione. E tutto questo non fa altro che rendere ancora più relativo il rispetto delle regole, in un circolo vizioso infinito.
La relatività delle regole è talmente pressante e presente nell'italiano medio che si fa fatica a credere che gli eletti di M5S facciano davvero quello che hanno promesso, è talmente presente che anche con le prove che loro mantengono le promesse, sotto sotto molti pensano che ci sia un trucco, uno stratagemma.
A questo si aggiunge una mancanza di pensiero sempre più forte (causata da tutto ciò di cui sopra), Einstein diceva "Europa ospita all’incirca una popolazione tre volte maggiore rispetto di quella di cento anni fa. Ma il numero di uomini dotati di temperamento geniale è diminuito senza proporzione. La penuria di personalità si fa sentire in politica che non solo manca di capi, ma sono nate dittature e sono state sopportate perché il sentimento della dignità e del diritto non è più sufficientemente vivo."

Nicola Dal Corso 27.01.14 20:07| 
 |
Rispondi al commento

Se si abbandonasse l'euro, con trionfale ritorno alla vecchia lira, le centinaia di migliaia di persone che hanno stipulato un mutuo anni fa che fine danno? Non sono 4 gatti, ma un sacco di giovani famiglie... Altro che recessione...

davide baini 27.01.14 20:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'ITALIA MARCIA DOVE IL MARCIUME DILAGA ANCHE DENTRO L'APPARATO GIUDIZIARIO CHE DOVREBBE GARANTIRE LA GIUSTIZIA. UN'ITALIA CHE CON QUESTA ZAVORRA NON POTRA' MAI RIPARTIRE. LEGGETE QUI SOTTO CIO' CHE VA OLTRE L'IMMAGINABILE E DI CUI NON SE NE PARLA IN NESSUN GIORNALE!!!

http://www.dagospia.com/rubrica-29/Cronache/giustizia-fallita-anzi-fallimentare-a-roma-c-un-posto-dove-tutto-ha-un-prezzo-70200.htm

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 27.01.14 17:29| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo, anch'io ho votato 'Euro', ma va inteso in senso lato: il motivo PRINCIPALE è l'Euro assieme a tutto ciò che presume e comporta l'adozione dell'euro. Il sistema della moneta unica comporta 1) l'impossibilità di mettere dazi 2) l'impossibilità di svalutare. In pratica le imprese non traggono più alcun vantaggio dal fatto di essere imprese italiane rispetto alle imprese straniere.
Il risultato è disastroso perché non è più possibile una politica economica nazionale. In pratica, non ha nemmeno più senso andare a votare alle prossime elezioni politiche: che importanza ha se vince Renzi o un altro?
Con questo non voglio dire che il ritorno alla moneta nazionale automaticamente SALVI la situazione. Se al governo continuano ad andare questi qui... Ricordiamo che, ad esempio, l'Olivetti è stata lasciata sostanzialmente morire quando ancora c'era una politica nazionale, o meglio quando era possibile (perché comunque non veniva applicata). Quando una azienda STRATEGICA (come è quella dei computer) è in difficoltà. lo Stato deve nazionalizzarla e
rilanciarla. Se il privato non riesce a farlo, allora se la prende lo Stato. Altrimenti è inevitabile la specializzazione mondiale dell'economia: basta essere UN POCO al di sotto delle aziende leader mondiali e si viene cancellati, quando invece sarebbe interesse nazionale mantenere certe attività.
La perdita di certe attività strategiche poi, non è mica detto che sia compensata da qualcos'altro. E' proprio quello che succede ora, ed è il perché siamo in declino.

Josef Dzugashvili (stalin) Commentatore certificato 27.01.14 14:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve, bella l'idea del sondaggio ma i risultati finali son presentati malissimo. Ogni utente poteva dare più risposte quindi alla fine la somma delle percentuali viene fuori ben più di 100%. I dati andavano normalizzati o presentati come numero di voti in assoluto se no non si capisce esattamente il loro significato.

Elia Gianotti, Sala Bolognese Commentatore certificato 27.01.14 14:07| 
 |
Rispondi al commento

L'euro ha distrutto l'economia italiana è ha drogato in maniera insensata quella tedesca.
La lira non era né una moneta debole né una monte forte, era semplicemente la moneta che rispecchiava l'esatto livello di competitività della nostra economia!
Le ragioni della crisi del 92 che sono assolutamente speculari a quelle dell'euro!
Nel 92 uscivamo da 5 anni di SME rigido ( con la lira gganciata al marco dal 1987...un quasi euro insomma). La differenza è che allora ci siamo potuti salvare perché avevamo ancora una banca centrale che emetteva LIRE, e con la svalutazione la nostra economia riparti' al galoppo ( nonostante i profeti di sventura...che anche allora pronosticavano la benzina alle stelle e l'inflazione a 2 cifre...tutte balle, svalutammo del 25% e l'inflazione scese e la benzina costava quanto prima).
Oggi purtroppo siamo nella merda peggio di allora perché non possiamo più riaggiustare il cambio all'esatto valore della nostra economia, dato che non abbiamo più sovranità monetaria e non controlliamo più la nostra banca centrale ( un'assurdità).
L'euro uno strumento? No, l'euro è il problema.

diego r., Roma Commentatore certificato 27.01.14 13:17| 
 |
Rispondi al commento

A dire il vero Berlusconi già da anni mugugnava contro l'euro marco e è stato fatto fuori dalla finanza internazionale che ci lucra abbondantemente sopra . Ricordate i sorrisi della Merkel e Sarkozy? L'esultanza del PD e l'imposizione di Napolitano al cavaliere di cedere il governo a Monti ci dimostrano chiaramente la collusione del PD con l'alta finanza , il grande capitale . L'ineffabile professore , ben collegato a Goldman Sachs , ha lavorato con energia per evitare ai suoi datori di lavoro il pericolo di un'Italia che ridiscutesse l'euro e ,per completare l'opera, salassò il Paese colpendo le masse con l'IMU e togliendo il futuro ai tanti famosi esodati facendoli piangere insieme alla Fornero che un po di coscienza l'aveva . Il tutto sotto lo sguardo benevolo e soddisfatto del PD che vedeva così protetto il popolo che festante per la mazzata li applaudiva riconoscente e sbeffeggiava il cavaliere che voleva rovinare il Paese ! Questo popolo merita di soffrire , è troppo stupido ! Abbiamo molte cose in comune con il PDL-ForzaItalia , avrammo potuto , turandoci il naso operare insieme per eliminare la vera fonte di tutti i nostri guai ma siamo stati preceduti dal furbo Renzi .


CIAO BEPPE,
LE CIFRE HANNO PARLATO CHIARO,AVANTI COSI' 5 STELLE, NON MOLLIAMO!!!!!!!
ALVISE

alvise fossa 27.01.14 13:04| 
 |
Rispondi al commento

APPELLO A TUTTI GLI ELETTORI DEL M5S:

E' SEMPLICISSIMO VINCERE, BASTA CHE OGNI ELETTORE M5S PORTI AL VOTO UN ELETTORE DI ALTRO PARTITO!!! NON SIETE CAPACI A CONVINCERE UNA SOLA ALTRA PERSONA????? NE' IN FAMIGLIA NE' FUORI????
SAPETE CHE SIGNIFICHEREBBE SE OGNUNO CHE HA VOTATO M5S PORTASSE UN VOTO ??? VORREBBE DIRE 19 MILIONI DI VOTI!!!! E VITTORIA DEI 5 STELLE!!!! PORTIAMO A CASA QUESTI VOTI!!!!!!!!!!!!!!

fabrizio r. Commentatore certificato 27.01.14 12:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tratto dal saggio di Carlo Maria Cipolla sulla stupidità umana: "In un paese in declino, la percentuale di individui stupidi è sempre uguale a k; tuttavia, nella restante popolazione, si nota, specialmente tra gli individui al potere, un'allarmante proliferazione di banditi con un'alta percentuale di stupidità e, fra quelli non al potere, una ugualmente allarmante crescita del numero degli sprovveduti. Tale cambiamento nella composizione della popolazione dei non stupidi, rafforza inevitabilmente il potere distruttivo della frazione k degli stupidi e porta il Paese alla rovina".

Giannini Massimo Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 27.01.14 12:55| 
 |
Rispondi al commento

Il sondaggio non va d'accordo con l'evoluzione. Il mondo, se non ce ne siamo accorti, è globalizzato e tutti gli studi dicono che le soluzioni arrivano dall'insieme. l'euro è parte di questo insieme così come ogni persona. purtroppo l'unico problema è l'uomo. abbiamo avuto tanti esempi tra cui uno dei più eclatanti come il giusto-giustiziere Di Pietro. La vera causa è la natura egoistica dell'uomo e finchè non si educherà l'uomo andremo sempre più in crisi. Ci vuole un patentino di educazione, per chi governa, in base alle più recenti evidenze scientifiche.Grillo ti consiglio di far formare i tuoi amici per capire come si stà veramente muovendo il mondo

david martino 27.01.14 12:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

il solito popolo bue ... che crede agli asini che volano ... anche se di poco ... vincono ancora ste teste di minkia !

ma già si era visto con l'altro sondaggio ...
" chi comanda in Italia "

questa generazione di 20-40enni è fottuta !


Sì, il sondaggio dice giusto, e se non credete al sondaggio potete sempre chiedere ai 7 premi Nobel (fra i quali Krugma e Stiglitz) che indicano l'euro come principale causa dei problemi di tutti i paesi, non solo del Sud Europa, che stanno affondando. Quindi basta cazzate, basta tergiversare, basta, basta, basta, USCIRE DALL'EURO IMMEDIATAMENTE SENZA SÈ, SENZA MA E SENZA REFERENDUM.

teresa 27.01.14 12:06| 
 |
Rispondi al commento

a chi dice che l'euro è solo un povero capro espiatorio
dico che
senza SOVRANITA' MONETARIA
non esiste uno Stato,
ma solo una organizzazione repressiva al servizio delle Banche Private e dei loro profitti usurai.

Carlo Pandolfini, Catania Commentatore certificato 27.01.14 11:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ALLA LUCE DELLA SENTENZA DELLA CONSULTA
SI POTREBBE INCRIMINARE TUTTO IL PARLAMENTO PER TRADIMENTO DELLA COSTITUZIONE?

WMV5* 27.01.14 11:43| 
 |
Rispondi al commento

nON POTREMMO SMETTERLA CON TUTTI QUESTI SONDAGGI CHE NON SERVONO A NULLA ANZI DEPRMONO?OGNI GIORNO DAI TELEGIORNALI SAPPIAMO SEMPRE IN QUALE PRIMATO NEGATIVO SIAMO I MIGLIORI....BASTA PER FAVORE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Renzo Doria Miglietta () Commentatore certificato 27.01.14 11:41| 
 |
Rispondi al commento

*SUPERPORCELLUM*

IL DOPPIO TURNO E' IL METODO PER NON FAR VINCERE IL M5S.
CON QUALSIASI SIMULAZIONE DI VOTO IL M5S NON VINCEREBBE MAI AL SECONDO TURNO!!!

L'UNICA SOLUZIONE PER LA VITTORIA DEL M5S SAREBBE DI PRENDERE PIU' DEL 35% AL PRIMO TURNO (IMPOSSIBILE).

QUESTA E' UNA LEGGE TRUFFA A DOPPIO TURNO, OSSIA UNA LEGGE TRUFFA DOPPIA!!!

INOLTRE ALLA LUCE DEGLI AGGIORNAMENTI SUL CASO SHALABAYEVA CHIEDIAMO NUOVAMENTE LA SFIDUCIA AL SENATO ANCHE DEL MIN. INTERNO CHE HA MENTITO ALL'AULA!!!
E CHIEDIAMO ONGI GIORNO LA SFIDUCIA AL SENATO PER IL MIN. DELLA GIUSTIZIA!!!

WMV5* 27.01.14 11:41| 
 |
Rispondi al commento

Se non si RINEGOZIA IL DEBITO ma seriamente saremo qui a parlare per anni.
Se non si inzia a parlare di nuovo di sovranità nazionale, confini e dazi nessuna moneta sarà in grado di tutelare quello che una volta era un continente florido e ora è ridotto alla fame.
Se non si cercano alleanze in europa ma per fare in modo di uscire da certi schemi perversi non si può creare un fronte comune che ostacoli l'operato di questi burocrati.

Mario S. Commentatore certificato 27.01.14 11:36| 
 |
Rispondi al commento

Gente che non Ama il propio Paese non a il diritto di stare al governo,pd,pdl tutti succhia sangue via dalle nostre vene e spalle criminali.

vincenzo stingone 27.01.14 11:19| 
 |
Rispondi al commento

Alla fine la verità salta fuori. L'euro è il problema principale di questo Paese..L'euro ha creato il debito REALE (che adesso c'è davvero) infatti prima dell'euro il debito pubblico era solo uno spauracchio che serviva intimidire la gente e a tenere a bada l'inflazione, infatti una nazione non può essere indebitata con se stessa, inflazione che ricordiamo negli anni 90 era al 25%. Oggi non è neanche all'1%. L'inflazione non è nient'altro che il denaro che circola nella nazione (quello in mano alle famiglie che possono spendere e risparmiare) quantificato in percentuale. Oggi con una percentuale più bassa oggi significa che denaro nn ne circola più. E questo per via dell'euro, una moneta NON ITALIANA che non viene emessa dalla banca d'italia ma dalla BCE che ci presta ogni singolo euro che spendiamo e ce lo chiede indietro con gli interessi (ECCO IL DEBITO VERO). Oggi l'italia con l'euro è ridotta come un povero cristo che va a chiedere i soldi per un mutuo. che poi è strozzato dagli interessi. Siamo schiavi dell'europa, che ci impone il pareggio di bilancio (O FISCAL COMPACT) che significa che le tasse che dovremo pagare d'ora in avanti saranno talmente alte che a noi non resterà un euro in mano. porterà l'inflazione e zero e noi saremo fottuti. CIOè SAREMO ALLA FAME!!!!!Chi ha permesso il fiscal compact in italia??innanzitutto Mario Monti che ce lo ha portato. E i partiti (PD e PDL che lo hanno votato all'unanimità).DOBBIAMO USCIRE DALL'EURO IMMEDIATAMENTE!!!il M5S deve assolutamente andare verso questa direzione. E' inutile fare tutto quello che stiamo facendo in Italia se prima non eliminiamo il problema dalla radice. VIA L'EURO E VIA DALL'EUROZONA!!. L'euro è un idea criminale disegnata appositamente per distruggere il sud europa che negli anni novanta era il fiore all'occhiello dell'europa. Guardate i grafici dell'econimia tedesca vent'anni fa e guardateli adesso. Si è capovolto tutto. Questo faccia riflettere su cosa sta facendo la germania..saluti..

Giulio Monni, Cagliari Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 27.01.14 11:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Finalmente la verità sull'euro sta venendo fuori. E adesso che i cittadini hanno espresso, on line, il loro parere che si fa? sempre a nascondersi dietro un referendum sull'uscita dall'euro che se va bene ci vorranno anni prima di farlo? oppure si ascoltano i cittadini e si agisce di conseguenza? Io sono a favore della democrazia diretta la applichiamo?

Alessio Ferrari 27.01.14 11:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ragazzi siamo sicuri delle percentuali...?
Sono per mille queste...o mancano delle virgole...

Marco Catone (porcio), Roma Commentatore certificato 27.01.14 11:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Finche'vedo i politici dire che il problema e' la corruzione e l'evasione posso tranquillmanete ritenere che non e' quello il problema.

Finche' non vedro' i politici dire che il problema e'la subordinazione della costituzione ai trattati europei e a politiche mercantilistiche posso obbiettivamente ritenere che e' quello il problema.

Interessante notare che scardinare l'impianto tecnocratico UE significherebbe - con l'adeguata informazione - debellare in un sol colpo tutta la partitocrazia che l'ha bellamente sostenuta (quindi tutto l'arco parlamentare m5s escluso).
In pratica ritornando alla nostra sovranita' potremo cancellare tutta la malapolitica esistente..e' troppo vero?

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 27.01.14 11:07| 
 |
Rispondi al commento

Il declino italiano causato da sprovvedute leggi fatte solamente per gli interessi di pochi.
Il costo energetico è una causa del declino Italiano, il paese del sole che importa gas a tutto spiano dato che i capi che comandano i partiti hanno messo le mani nella marmellata energetica.
Altro danno fatto all'Italia , la mancanza di una adeguata rete informatica.
Altro danno fatto all'Italia aver dato la ricchezza Italiana in mano alle banche , che la fanno girare con titoli e borsa che sono i primi carta straccia i secondi monete virtuali.
Se questi banchieri avessero investito non in bolle finanziarie ma in agricoltura e Made In Italy , noi avremmo fatto mangiare e vestire il mondo INTERO.

GIOVANNI I., Padova Commentatore certificato 27.01.14 11:03| 
 |
Rispondi al commento

Questo video di poco più di venti minuti può darvi un'idea del ruolo dell'euro nella crisi economica italiana

http://www.youtube.com/watch?v=xQZhdbyymrU

Luca 27.01.14 10:52| 
 |
Rispondi al commento

dispiace che ci sia tanta ignoranza tra i votanti: è l'INFORMAZIONE il problema principale non l'euro, ..finchè nessuno ve lo aveva fatto notare l'euro andava bene

Ayn Rand Commentatore certificato 27.01.14 10:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://www.ugobardi.blogspot.it/2014/01/laltro-lato-del-picco-il-collasso-del.html

Roberto Bellina 27.01.14 10:35| 
 |
Rispondi al commento

Anche noi cittadini italiani ci abbiamo messo del nostro

Quirino bracciale 27.01.14 10:34| 
 |
Rispondi al commento

Il meccanismo della creazione del debito insostenibile unito alle operazioni di Quantitative Easing e tutto ciò mixato dalle politiche di deflazione salariale stanno determinando il più grande trasferimento di ricchezza che sia mai avvenuto nella storia dell’umanità.

eleonora . Commentatore certificato 27.01.14 10:34| 
 |
Rispondi al commento

Sì però ci si è concentrati un po' troppo sui politici e la burocrazia. Tutte cose vere, ma che esistono da dopoguerra e nonostante le quali gli italiani sono sempre sopravvissuti, sebbene male. Pochissima attenzione è stata data invece al fenomeno sicuramente più importante di tutti: la globalizzazione, che ha aperto le frontiere alle multinazionali e consentito la devastazione di quella concorrenza un tempo garantita. Altro fattore: presenza sempre più massiccia e agevolata della Grande Distribuzione Organizzata, che ha distrutto il potere contrattuale di molti piccoli produttori , la scomparsa dei piccoli commercianti sostituiti da catene di ogni genere, con tutte le conseguenze che ne derivano, sia in termini di libertà d'impresa, sia in termini di scandali di ogni genere (basti pensare all'ambito alimentare, senza parlare dello sfruttamento di manodopera per la produzione agroalimentare destinata alla grande distribuzione). Non è un caso che il buon Monti abbia pensato di rilanciare il pil lasciando i centri commerciali aperti di domenica e chi lavora nel settore sa benissimo che questo non ha affatto comportato nuove assunzioni di personale. E le multinazionali ringraziano e continuano a produrre altrove oppure sottocosto per rifilare merce qui, mentre le nostre aziende falliscono e i nostri lavoratori devono sottostare a queste regole da far west degne del peggior capitalismo statunitense.
Se a questo panorama criminale aggiungiamo l'euro e la tassazione cui siamo sottoposti per rientrare in parametri posti da altri ci rendiamo conto che non c'è alcuna speranza, a meno di vere e proprie revisioni di un intero sistema che non può funzionare.

Mario S. Commentatore certificato 27.01.14 10:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non capisco come siano stati raccolti i voti. In ogni caso non si davano delle priorità né un peso alle cause. Non è corretto statisticamente quindi scrivere "causa principale".

Giannini Massimo Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 27.01.14 10:23| 
 |
Rispondi al commento

L'Euro è uno strumento.
Dare la colpa all'Euro è come un tennista che dia la colpa alla racchetta se sbaglia il colpo o lo scultore allo scalpello se l'opera d'arte non lo soddisfa.
Nel '92 non c'era l'Euro ma eravamo ugualmente sull'orlo del fallimento.
Dare la colpa all'Euro fa pensare che la gente sia molto male informata e che c'è bisogno di un capro espiatorio da sacrificare.

Pantomima Rossa Commentatore certificato 27.01.14 10:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori