Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

L'esercito degli sfigati delle partite IVA

  • 157


fine_partivaiva.jpg

"Purtroppo faccio parte di quella categoria di sfigati, che è composta dall'esercito delle partite IVA. In Italia paghiamo le tasse non in rapporto a quanto si guadagna, ma in funzione di quanti soldi servono per far muovere la macchina pubblica compresa l'elargizione di maxi stipendi a parassiti, per lo più incapaci fino ad arrivare alle spese pazze, fatte con tributi "estorti" ai cittadini.
Io quest'anno non sono riuscito a pagare né l'acconto IRPEF di novembre né quello IVA di dicembre. Purtroppo i guadagni si riducono sempre di più a fronte di costi che aumentano in maniera sistematica. Se proprio devo essere sincero non ho perso il sonno per questo, visto che mi sento a posto con la mia coscienza. Dovrebbero invece cominciare a preoccuparsi i nostri politici visto che le casse statali si stanno progressivamente svuotando, che è poi quanto accaduto ai nostri cugini Greci. Meditate, meditate." Marcio24

15 Gen 2014, 14:52 | Scrivi | Commenti (157) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 157


Tags: anticipi, INPS, IRPEF, partita iva, tasse

Commenti

 

salve ho letto di tutto e mi viene da piangere...ho un negozio ebay professionale un po' iniziato per gioco ma dopo un anno penso che qualcosina ho guadagnato...forse ora stavo pensando di aprire la partita iva ma per tutelarmi...i miei guadagni pero' non sono tali da poterla mantenere...ma come mai in italia anche per aprire una partita iva tutte queste tasse...ma non si può fare nulla???

Pamela Rossi 18.11.14 13:14| 
 |
Rispondi al commento

Chi sopravvive a questa crisi diventa un Highlander!

GIUSEPPE V. Commentatore certificato 18.01.14 23:03| 
 |
Rispondi al commento

Dai Gracchi in poi Roma aveva sempre lottato per ricostruire e puntellare quella società contadina di coltivatori diretti che davano i migliori soldati all'esercito e i migliori funzionari. Ma il sistema fiscale del basso impero l'aveva definitivamente rovinata. La Tributaria era talmente corrotta e prevaricatrice che, stando a Salviano, per la prima volta nel terzo secolo, si videro dei cittadini romani fuggire, per sottrarvisi, oltre la cortina di ferro del limes, e rifugiarsi presso i barbari. L'imperatore Valentiniano I ne fu così colpito che istituì una nuova professione: quella dei "Difensori della città" cui erano affidati i reclami contro il fisco. Ma nessun rimedio di legge è valido quando il costume si corrompe. I memorialisti del tempo hanno lasciato scritto che coloro che vivevano di tasse erano più numerosi di quelli che dovevano pagarle. Ed era la conseguenza di due fenomeni ugualmente deleteri e che si sviluppavano sempre di pari passo: da una parte il proliferare della burocrazia e dall'altra l'assottigliamento dei contribuenti. I quali incapaci di far fronte al fisco sempre più vorace, vendevano il podere o la piccola fattoria al latifondista, facendosene assumenre in qualità di coloni.

Giovanni Rusciano 17.01.14 17:05| 
 |
Rispondi al commento

Voglio dare la mia solidarietà a Andrea Scamoni
Capisco e vivo la tua stessa disperazione con la differenza che non ho nessuno che mi può aiutare ma devo crescere tre figli... Gente dobbiamo fare qualcosa abbiamo bisogno di sperare altrimenti siamo morti viventi
Abbiamo bisogno di persone che si mettano al sevizio per gli altri nel quotidiano in funzione delle proprie conoscenze con il solo interesse di aiutare e difendere concretamente gli altri .... Sarebbe una grande rivoluzione
Cri

Cri. 17.01.14 14:48| 
 |
Rispondi al commento

quanti bei post, alcuni idioti, la maggioranza sensati e giusti, ma a che servono? a piangerci addosso, tra l' altro tutti questi discorsi sono seguiti dalla polizia postale (parassiti) e dai non meno curiosi della digos (parassiti) al servizio di questi bastardi che abbiamo non al governo, ma più precisamente in politica, pronti a far morire sul nascere un eventuale rivolta, che a mio avviso per chiamarsi tale, deve essere armata, molto ben armata, se si vuole cambiare qualcosa.
oppure ci rimane la seconda opportunità, forse più intelligente ed anche più sottile, organizziamoci, siamo in molti e di più:
da una certa data decidiamo di non versare più alcuna tassa, per fare questo dobbiamo essere compatti e cominciare all' unisono, per fare ciò ovviamente serve una regia, cioè qualcuno che si faccia carico di ricevere nella propria mail l' aderenza di tutti coloro che ci stanno, in tal modo si può fissare con esattezza, una volta ricevute tutte le mail, la partenza di questa protesta.
la stessa dovrà essere pubblicizzata sui mass media purtroppo (parassiti), dovrà essere fatta ad oltranza, in tal modo si fermerà questo stillicidio perpetrato dallo stato nei ns confronti, così eviteremo la sconfitta ottenuta dal movimento dei forconi (purtroppo) poichè lo faremo comodamente da casa e senza perdere tempo per il nostro lavoro di sostentamento.
la protesta dovrà essere studiata, ovviamente nei minimi termini con gente esperta, onde evitare che questi quattro coglio-ni possano denunciarci per omesso pagamento delle tasse (pizzo mafioso)
se siete d' accordo io sono pronto a ricevere tutte le proposte, se poi qualcuno riesce a coadiuvarmi tanto meglio, ma finchè parleremo del nulla, tutto rimarrà immutato, noi alla fame e loro a gozzovigliare con il nostro sudore e sangue.
Onore alle vittime delle partite iva e non.

francesco paladin 17.01.14 11:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il popolo delle partite IVA è costituito da persone molto capaci, molto spesso spinte dal desiderio di veder crescere la propria idea piuttosto che da quello di arricchirsi. In genere provano soddisfazione quando riescono a dar lavoro ad altre persone e sostenere quindi delle famiglie.
E' il popolo che ha fatto crescere questa nazione, che ha pagato milioni di euro di tasse, che ha rimesso in circolo il denaro, che ha fatto investimenti che hanno fatto lavorare altre aziende.
C'è un evidente disegno che vuole stroncare questa economia a favore delle multinazionali ed impoverire a dismisura questo paese. Questo anche accompagnato da campagne mediatiche costruite per mettere il popolo contro il popolo additando il possessore di partita IVA come l'evasore di professione causa di tutti i mali della società.
Se in una popolazione ci sono persone capaci che si sentono di aprire una azienda ben vengano, le aziende sane creano vera ricchezza e danno lavoro ad altre persone. Gli imprenditori andrebbero aiutati piuttosto che bastonati. Nella peggiore delle ipotesi che l'azienda non assumerà, l'imprenditore pagherà le imposte, si auto-sosterrà e lascerà nel mercato un posto di lavoro libero in più.
Non è difficile capire che l'inasprimento fiscale a livelli insopportabile è fatto per distruggere il tessuto economico italiano che era fino a poco tempo fa uno dei più forti al mondo grazie proprio alla diversificazione della piccola e media impresa. Era indispensabile un cancro così grosso, come adempimenti assurdi e una pressione fiscale esorbitante per poterlo distruggere e purtroppo ci stanno riuscendo.
Sono già stati fatti danni irreversibili, non abbiamo più tempo per salvare questo paese, ma gli italiani, che hanno in mano il potere per cambiare le cose, quando saranno nell'urna cosa faranno, opteranno per l'auto-distruzione o per il cambiamento?

Sandro S., Peccioli Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 17.01.14 00:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Volevo rispondere a Fabio, che mi
"sconsiglia" di dormire tranquillo visto
che sull'IVA non versata all'erario, le
sanzioni sono "toste".
Ovviamente, è mia intenzione pagare appena possibile, tramite un ravvedimento operoso, ma quella degli acconti è "una
cattivissima abitudine" che il M5S, spero
riesca a interrompere rendendo in po' di giustizia ai "sudditi delle partite iva".......

Marcio24 16.01.14 22:24| 
 |
Rispondi al commento

Se non si organizza una rivoluzione seria come nella primavera araba non cambierà assolutamente nulla.
C'è una massa di dipendenti statali garantiti e un'altra di privati impossibilitati a svolgere il loro lavoro, qualunque lavoro.
Quindi si cerca di reinventarsi, ma come fare quando in nessun settore è possibile, quando le merci si producono tutte altrove e quando la concorrenza della grande distribuzione ucciderebbe qualunque piccola idea imprenditoriale? In dieci anni l'incremento di queste realtà è stato spaventoso, la concorrenza straniera al limite dell'indecenza.
Ed ecco allora l'idea colpevolizzante, quella propinataci negli ultimi anni: bisogna essere più competitivi, bisogna affrontare le sfide globali concentrandoci sui settori di nicchia.
Come se l'economia di un paese potesse reggersi veramente su questo.
Come se quando non c'erano frontiere aperte l'alta moda o i settori del lusso non esistessero, non sopravvivessero alla grande anche con l'export.
Senza far capire alla gente che la nicchia è per definizione nicchia ed è provato che non ha portato affatto al benessere diffuso.
Si sta pianificando un commercio mondiale tra oligarchi, in cui tutti dobbiamo essere asserviti, anzi fare il possibile per compiacere i gusti del magnate russo o del cinese che sfrutta a sua volta manovalanza.
L'Italia è un paese manifatturiero. Non c'è petrolio, non c'è gas, non abbiamo altro che ingegno. ma se le regole della concorrenza non ci sono, se reinventarsi è impossibile anche per gli imprenditori che chiudono, cosa si fa se non organizzare una rivoluzione per modificare il sistema?

Mario S. Commentatore certificato 16.01.14 19:12| 
 |
Rispondi al commento

Su una cosa non sono d'accordo e cioè sul l'essere incapaci. Queste persone per fregare il prossimo non le batte nessuno. Che miseria hanno dentro di loro.

Sandro Ginosa 16.01.14 15:31| 
 |
Rispondi al commento

Finiti i soldi prenderanno i beni, meditate, meditate.

Massimiliano C., Nuoro Commentatore certificato 16.01.14 11:20| 
 |
Rispondi al commento

....e di farsi venire l'artrite alle dita, bisognerebbe andare a fermare questo schifo di persone direttamente scendendo in piazza in migliaia o meglio in milioni!

Oreste G. Daniele 16.01.14 11:00| 
 |
Rispondi al commento

E' finita,per cercare di salvare la mia attivita ho in questi anni speso tutto cio' che avevo,ho ipotecato la casa e fatto debiti con i fornitori.Ora non solo non riesco piu' a pagare i debiti ma nemmeno il commercialista per poter chiudere tutte le pratiche.Io ho rinunciato a vivere la mia vita,mangio ancora perche' vivo da mia madre che prende 600 euro di pensione ma presto o la banca o equitalia ci porteranno via la casa e a quel punto non so' cosa faro',se avessi il coraggio mi butterei sotto un treno ma nemmeno quello mi e' rimasto.

andrea scamoni 16.01.14 10:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

PERCHE' PAGARE L'ACCONTO?

CHI OGGI IN ITALIA HA UNA PARTITA IVA, PURTROPPO SEMPRE MENO, E' SOTTOPOSTO A TASSAZIONI E ADEMPIMENTI BUROCRATICI (SEMPRE A PAGAMENTO) DI OGNI TIPO.
A MIO AVVISO E' ANCHE INCOSTITUZIONALE L' ACCONTO DELLE TASSE DA PAGARE SUGLI IPOTETICI GUADAGNI DELL' ANNO SUCCESSIVO, CHE IL NIPOTE DI GIANNI HA ELEVATO SINO AL 102%, PER MANTENERE I PRIVILEGI DEI VARI PARASSITI CON STIPENDI MILIONARI O LE INNUMEREVOLI E INUTILI SOCIETA' PUBBLICHE CHE CREANO QUOTIDIANAMENTE DEBITO DI STATO!
IL PAGAMENTO OBBLIGATORIO DI TALE ACCONTO CREA, INFATTI, UNA PALESE DISPARITA' CON CHI QUESTA TANGENTE DI STATO NON E' TENUTO A PAGARLA!
PROPONGO DI RACCOGLIERE LE FIRME PER UNA CLASS-ACTION PRESSO IL PARLAMENTO EUROPEO, VOLTO ALL' ABOLIZIONE DI TALE STORTURA (PENSO CHE PROPORLO IN ITALIA SIA INUTILE, VISTO CHE DOVREBBERO VOTARNE L' ABOLIZIONE TUTTI I PARASSITI CHE NE BENEFICIANO)!

VIVA L' ITALIA!

ANTONINO CRISCUOLO, TORINO Commentatore certificato 16.01.14 09:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

fare impresa in Italia e'da folli
uno si chiede come mai gli stranieri non investono , domanda che mi fa sorridere, come quella di Letta che vuole attrarre ditte straniere ad investire nel bel paese.
A parte che la giustizia sappiamo tutti come funziona ed e' gia' un deterrente per ogni ditta straniera ma vi faccio l'esempio di come funziona in nord Europa.
Io inizio un'impresa mi iscrivo alla camera di commercio tempo due giorni e posso iniziare , per fare in modo di favorire le imprese piccole come la mia per i primi 3 anni ho facilitazioni fiscali, cioe' oltre ai normali 7mila e passa come lavoratore autonomo altri 2mila e passa come inizio attivita' per 3 anni, se si inizia l'attivita' in due le detrazioni diventano doppie.
Iva la paghi in base agli accordi di solito 3 mesi dopo che hai fatturato o ogni mese , irpef manco esiste.
Paghi le tasse sugli stipendi dei lavoratori ogni mese .
Capitolo guadagno: ci sono quattro categorie, quando hai tolto tutte le voci che puoi scalare tipo , assicurazione spese mediche accumulo pensione etc. , fino a 19.645 siamo al 36.25%, oltre e fino a 33.363 42%, fino 56.531 ulteriore 42% sulla somma eccedente per arrivare al Massimo del 52% dalle somme di 56.532 in poi .
Rimborsi da parte del fisco vengono effettuati di regola dopo un mese dalla richiesta.

Attilio Disario, R'dam Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 16.01.14 09:48| 
 |
Rispondi al commento

Sono anch'io una partita IVA per di più agricola che vive quindi in funzione del tempo e del benessere dei miei animali
Io vivo e come me tanti altri miei colleghi la disperazione della diminuzione degli incassi e l'aumento dei costi a cui dobbiamo aggiungere la continua richiesta di adeguarci a richieste burocratiche che implicano spese inutili consorzi obbligatori ...ecc questo comporta diminuzione di liquidità anzi scomparsa totale ...non siamo riusciti a onorare i contributi ... E così non ci pagano nemmeno gli assegni famigliari anzi bloccano addirittura anche i buoni scuola ... Io è la mia famiglia non sappiamo più come fare siamo veramente disperati ... e non abbiamo nemmeno il lusso di dire non lavoriamo più io tutte le mattine devo prima di tutto dare da mangiare agli animali
Non vediamo vie di uscita chi ci aiuta...

Cri. 16.01.14 09:25| 
 |
Rispondi al commento

La parola corretta e' incoscienti, si i politici sono incoscienti, cechi e irresponsabili.

Ci porteranno, anzi ci siamo già, nel baratro del fallimento paese!!!!!

La cosa triste e' che continuano e continueranno a sostenere che la colpa non e' loro......

FabriGi 16.01.14 08:15| 
 |
Rispondi al commento

Fai attenzione! Il sonno dovresti perderlo invece perchè se non paghi arriverà Equitalia. Le sanzioni sull'IVA mettono in ginocchio. In bocca al lupo

Fabio 16.01.14 07:52| 
 |
Rispondi al commento

Occorre abolire gli studi di settore. Ormai l'adeguamento alla miseria è alla portata di tutti.

giuseppe raffaele Piemonte Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 16.01.14 07:48| 
 |
Rispondi al commento

bhe ancora non si e' scesi in piazza perche' ci sono ancora i vecchi con le pensioni che fanno lavoretti qua e la, vivono con i figli mantenendoli,tenendo i nipoti,facendo la spesa,pagando gli affitti...Voglio vedere quando l inps non sara piu in grado di pagare le pensioni...voglio proprio vedere...

cristina P., Savona Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 16.01.14 03:51| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento
Discussione

io non pago più l'Inps tanto sappiamo tutti che fra 20 anni non prenderemo più la pensione e perchè devo pagarla a chi ne prende 90 mila al mese ?.troveremo il modo per sbarcare il lunario me li spendo ora non scavando nell'immondizia la dignità è il mio oggi domani chissà ...

maurizio v., milano Commentatore certificato 16.01.14 03:21| 
 |
Rispondi al commento

mi spiace ma a me non prendono più nulla , dopo aver pagato per anni ora non mi è rimasto più nulla..andato il lavoro la casa e la famiglia ora si possono attaccare solo dove non sorge il sole.. ma una cosa mi é rimasta la dignità e la voglia di lottare..mi hanno piegato ma col cazzotti che mi spezzano...

francesco Pescheta 16.01.14 03:07| 
 |
Rispondi al commento

Popolo di pecore e' ora di estrarre i coglioni e smetterla di lacrimarvi addosso....cominciamo a boicottare tutto ciò che alimenta questi pezzi di merda...in primis togliete i vostri soldi dalle banche....spegnete sta cazzo di TV che vi gonfia il cervello di merda mediatica appositamente defecata x un popolo curvo a 90 gradi dedito a ricevere senza vasellina copiose inculate....non pagate più niente x mesi e poi vediamo come faranno a pagare i poliziotti o le forze dell ordine che devono difenderli.....finché paghiamo questi sono salvi grazie ad un popolo di storditi.....la realtà e' che c'è gente che non mette in gioco nulla di suo x il semplice fatto che siamo un popolo di egoisti e questo e' il risultato.....mi accorgo parlando con la gente che sono x la maggior parte rassegnati e mi chiedo se esiste ancora qualcuno che abbia ancora le palle x dire basta a un sistema mafioso.....penso sia arrivato il momento x tutti di smettere di piagnucolare e cominciare a usare clave e bastoni....sveglia italiani tiriamo fuori i coglioni e non paghiamo più niente da subitoooooooo.....altrimenti asciugatevi le lacrime e non rompete più i coglioni....viva l Italia

Carmine delle cave 16.01.14 02:20| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tutti a casa .... Andiamo in tv a sputtanarli!!!!

Gerardo p. 16.01.14 01:47| 
 |
Rispondi al commento

Il sistema è un'IDIOZIA

***************************

abbiamo sforato i 2100 miliardi di debito

SONO INESIGIBILI

Che smettano di prestarceli....

Ma perchè pagare interessi a privati che prestano moneta ?

Che si stampi moneta NOSTRA

Parte va per lo stato sociale

Parte per il lavoro che fai, il commercio, servizi

Ma perchè pagare tasse ?

per un sistema CONCEPITO DA IDIOZIA ?

Che porta al suicidio e al fallimento sociale ?

E' quello che vogliono e allora RESET

Non sappiamo fare e rifare una riforma elettorale

Sapremno mai fare o rifare una riforma Fiscale ?

Da quando è stato privatizzato tutto, tutto si è moltiplicato senza senso. Tutto e continuano

Capisco ora come è nato il NAZISMO

Ti ci portano anche se non vuoi.

BASTA CON LA DEMOCRAZIA RAPPRESENTATIVA

RAPPRESENTANO SOLO UN SISTEMA A DEBITO

INESIGIBILE - AL COLLASSO - DA DISTRUGGERE AL VOTO

.


Marco Folli, Bologna Commentatore certificato 16.01.14 01:10| 
 |
Rispondi al commento

sono degli IDIOTI

e li votano

.

Marco Folli, Bologna Commentatore certificato 16.01.14 00:47| 
 |
Rispondi al commento

problema risolto!
niente più casa intestata, niente auto, niente di niente.
dopo 30 anni passati a pagare tasse e balzelli a fondo perduto (e chi la vede la pensione?) ora finalmente sono sereno, rifiuto allegramente le raccomandate di inps, inail ed equitalia, e quando mi telefonano li invito ad andare a lavorare, invece di perseguitare chi lo fa.
certo, bisogna non avere famiglia....

mister x, ravenna Commentatore certificato 16.01.14 00:44| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

c'era una volta un villaggio
di creature che vivevano nel fondo di un gran fiume di cristallo.
12. "La corrente del fiume scorreva silenziosamente su tutte le creature, giovani e vecchi, ricche e povere, buone e malvagi e, in quanto la corrente seguiva il suo corso, conscia soltanto della propria essenza
di cristallo.
13. "Ogni creatura sia avvinghiava strettamente, come poteva, alle radici e ai sassi del letto del fiume, poiché avvinghiarsi era il loro modo di vivere, e opporre resistenza
alla corrente era ciò che ognuna
di esse aveva imparato sin dalla nascita.
14. "Ma finalmente una delle creature disse: "sono stanca di
avvinghiarmi. Poiché, anche se non posso vederlo con i miei occhi, sono certa che la corrente sappia dove
sta andando, lascerò la presa e consentirò che mi conduca dove vorrà. Continuando ad avvinghiarmi
morirò di noia ".
15. "Le altre creature risero e dissero: "sciocca! Lasciati andare e la
corrente che tu adori di scaraventerà rotolandoti fracassata contro le rocce, e tu morirai più rapidamente che per la noia ".

Luca 16.01.14 00:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ragazzi, chi ne avesse la possibilità si riguardi la trasmissione "la gabbia". A parte che c'è la dichiarazione di un massone che ha indicato re giorgio, monti, saccomanni e draghi per citarne alcuni tra gli adepti demandati a rovinarci ( letta e renzie sarebbero invece solo maggiordomi al servizio dei poteri forti) ma in particolare c'è il servizio di "nessuno" sull' ebetino di firenze. È da guardare specialmemte per quegli idioti.del pd. Vedrete in mano a che.personaggio ci hanno messi.

Max Teramo 15.01.14 23:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Anche io ormai sono alla canna del gas... tasse acconti tasse arretrate che non sono riuscito a pagare l'anno scorso.. ed ora l'obbligo di autocertificazione per i pagamenti di contributi ed iva, che se non riesci a pagarli , i clienti sono obbligati a bloccarti i pagamenti delle fatture.. ma anche loro tardano a pagare e quindi le date per i pagamenti saltano... un circolo senza fine... possibile che non capiscono che se fanno bloccare i pagamenti noi non possiamo piu metterci in regola? Non ne posso piu... non so piu come andare avanti.. come far mangiare la mia famiglia...

marco di cri 15.01.14 23:48| 
 |
Rispondi al commento

Grazie M5S


Forza M5S

WORCOM forum Commentatore certificato 15.01.14 23:38| 
 |
Rispondi al commento

Le parole sono al termine.....

Vito Mango (v.mango), Torino Commentatore certificato 15.01.14 23:33| 
 |
Rispondi al commento

Sto leggendo i commenti e sono tanti e chissà quanti non ne o visti allora organizziamoci e andiamo a Roma prendiamo una data e andiamo

Ale.t 15.01.14 23:25| 
 |
Rispondi al commento

Ultima caso le uniche partite iva che vanno bene sono i cinesi che aprono con teste di legno cinesi e la compiacenza di commercialisti italiani, lavorano in Italia nel tessile/ristoranti/bar/bazar/parrucchieri insomma fanno cassa e dopo 2 massimo 3 anni quando dovresti iniziare seriamente a pagare tasse contributi su di loro e dei propri dipendenti il testa di legno torna in Cina e ne arriva un altro pronto a prenderci per il culo.
Siamo messi male.

Giuseppe D. Commentatore certificato 15.01.14 23:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

anch'io sono una sfigata delle partite iva, non sono riuscita a pagare gli acconti e ho dovuto dare il buon anno a diverse aziende, purtroppo... perchè i nostri politici al vertice invece di dare potere d'acquisto alla gente comune che viene poi a spendere nei piccoli negozi,se li tengono nelle loro tasche per andarli poi a spenderli nei grandi marchi griffati. Complimenti state regalando la NOSTRA ITALIA ALLA CINA E AGLI EXTRA-COMUNITARI.

NADIA MN 15.01.14 23:14| 
 |
Rispondi al commento

Video dei parassiti:

http://www.youtube.com/watch?v=-N16bAxj7kA

Sidney Jahnsen Medling, Milano Commentatore certificato 15.01.14 23:13| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti sono un consulente con regime dei super minimi fatture emesse nel 2012 per 20 mila euro totale da pagare nel 2013 9 mila euro tra tasse inps. (Ti chiedono il saldo e l' acconto)
E secondo il fisco io con 11 mila euro in 1 anno potrei sostenere una famiglia con mutuo spese auto spese casa spesa per mangiare. Pagare il 27 % di contributi inps per prendere tra 30 anni 400 euro al mese ?

Giuseppe D. Commentatore certificato 15.01.14 23:07| 
 |
Rispondi al commento

"Quando le api scompariranno, all'uomo resteranno circa quattro anni di vita".

Albert Einstein

Bob C., Rieti Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 15.01.14 23:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

non ci facciamo massacrare impunemente,per favore!!!

Luciana Lucarellai 15.01.14 22:54| 
 |
Rispondi al commento

Mi dispiace per chi è costretto a chiudere l'attività. Il libero mercato è fatto dall'incontro della domanda e dell'offerta. L'Offerta abbonda (milioni di partite Iva vere e tarocche). E' la domanda che è SPARITA. Avete voluto il Liberismo? Il liberismo non guarda in faccia a nessuno...

bonifacio caetani, anagni Commentatore certificato 15.01.14 22:50| 
 |
Rispondi al commento

Credo che il sistema fiscale italiano sia pesante, sia per chi vende, ma anche per chi compra; sia per chi emette fattura , ma anche per chi la riceve.
Infatti, chi emette fattura, ad es.per un servizio , deve considerare oltre le tasse da pagare allo Stato anche le spese varie; se tutto va bene gli restera' solo il 30% di quanto incassato, ad es €1000.
Chi paga, vede solo i soldi che esce dalla propria tasca e col riferimento di prima, vede solo i 1000 €
e non pensa che nella realta' sta dando solo 300€ netti al fornitore e ben 700€ per tasse allo Stato e per spese del fornitore.
Che meccanismo infernale!

ETTORE L. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 15.01.14 22:37| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi miei capisco i vostri sfoghi e vi comprendo pur essendo io un dipendente ma avendo un caso di partita iva in famiglia (mia moglie). Ma riflettevo su quello che dicevano stasera alla gabbia (una giornalista tedesca e oliviero beha): essi hanno affermato:"ma che devono fargli agli italiani per farli scendere in piazza" e, aggiungo io, ad arrivare a Roma e cacciarli a calci nel culo? S V E G L I A M O CI! !!!

Max Teramo 15.01.14 22:35| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Che nervosoooo.... Passo da momenti dove dico avanti tutta a momenti dove mi dico siamo vicini alla fine al fallimento. E pensare all inizio quanto carico ero e quanto mi ripetevo si dai si può fare testo we can! Non so che dire non voglio che tutto vada srotolo il amo ancora il mio paese.. Ma la voglia di andare e tanta

MM 15.01.14 22:30| 
 |
Rispondi al commento

ce la siamo sempre cavata da soli, senza mai ricevere nulla dallo stato (nessuna cassa integrazione, nessuna tutela in caso di malattia, nessuna indennità per le donne in gravidanza - niente!).
Nessun sindacato ha mai fatto una protesta di piazza per noi, per farci riconoscere la tutela almeno minima.
Ma non ci siamo mai lamentati perchè siamo abituati a cavarcela da soli.
Ciò fino a quando il fisco, per quanto oppressivo, ci lasciava almeno un piccolo margine per sopravvivere.
Ora il fisco ci ha tolto anche ques'ultimo piccolo margine di sopravvivenza.
E allora è meglio abbandonare tutto.

romeo c. Commentatore certificato 15.01.14 22:21| 
 |
Rispondi al commento

Dopo 4 anni che non riesco a lavorare per mancanza durc mi e arrivato da pagare una cartella esattoriale più impis e inail mi sono recato da loro dicendogli che senza durc non posso lavorare e che non ho fatturato niente mi anno risposto che a loro non interessa e che la legge dice che avendo una partita iva vanno pagate le tasse guadagni o no ma in che paese viviamo?Rivoluzione? io ci sono!

Piscitello Giuseppe 15.01.14 22:16| 
 |
Rispondi al commento

Nuova mail. ( prova)

Massimo giancamilli 15.01.14 21:18| 
 |
Rispondi al commento

Mi aggrego anch'io agli "sfigati" della p.iva....ancora un paio di mesi di autonomia,poi bye bye. 5STELLE ultima speranza.

Alfio antico 15.01.14 21:05| 
 |
Rispondi al commento

In breve: ho chiuso la mia partita IVA il 31 ottobre 2013 perchè è economicamente impossibile mantenerla se si ha una piccola attività individuale, che pure funzionava e mi permetteva di vivere, sia pure in modo modesto, ma onestamente. Ho fatto le valigie e ricomincio in Germania, ho detto tutto.

mauro56 15.01.14 21:01| 
 |
Rispondi al commento

A beppe con simpatia
Tutti i giorni ci martellano in maniera continua ed ossesiva inculcadoci che c’è la crisi,ma chi l’ha provvovata?
Non ne possiamo più , con la scusa della crisi ci aumentano le tasse, operano tagli al pubblico imèpiego,alla scuola,alla snità,e riducono i salari, aumentano i licenziamenti e la disoccupazione giovanile,nel contempo continuano a operare scelte economiche sbagliate,mentre la classe dirigente continua ad avere comportamenti quanto meno ambigui se non addirittura illeciti: dobbiamo mandare a casa tutti quelli che non operano con trasparenza.
In quanto alla legge elettorale dobbiamo permettere alla popolazione di poter scegliere i propri rappresentanti,qualunque sia la legge che verrà applicata,questa deve rispecchiare le volntà dei cittadini tutti indistintamente pertanto è opportuno optare per una legge che veda eprimere tutte le forze politiche come si conviene in una vera democrazia : il metodo proporzionale mi pare sia il più attinente alla realtà.
Non arrendiamoci,la lotta continua.
Con simpatia
Roberto

Roberto Masi Masi, Sesto Fiorentino (FI) Commentatore certificato 15.01.14 20:42| 
 |
Rispondi al commento

È chiaro che c'è un disegno per far sparire le piccole imprese:
Supermercati centri commerciali al posto dei negozi.
Catene fast food al posto dei ritoranti,
Mentre i piccoli artigiani sono attratti all'estero, per servire le aziende strniere direttamente nel loro paese
Anche i cervelli sono espatriati .
Terra bruciata,
Terra di facile conquista,
Anzi si apre la strada ai capitali stranieri, che ci comprano anche le piazze e l'acqua.
Italiano desaparecido, togli la testa dalla sabbia, siamo ancora in tempo, abbiamo 2 mesi.

Franco Losini 15.01.14 20:11| 
 |
Rispondi al commento

Bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla

Fabry 15.01.14 20:06| 
 |
Rispondi al commento

Certo chiudere mi deprime. Ora non sono molto in vena
Che fare ?? Provo anche vergogna un senso di vuoto .
Sentire che i Proci a Itaca si divertono spendono e spandono
ULISSE TORNA
SCUDATE LO SFOGO

piva.chiudesi 15.01.14 19:25| 
 |
Rispondi al commento

Ci sono 2 grossi problemi in questo paese.

Il primo è la mafia istituzionalizzata, con ministri della giustizia con frequentazioni inaccettabili in un paese decente.

Il secondo è il problema dei sindacati che difendono la classe dei fannulloni: vedono le cose in modo statico, la grande impresa, e pensano di poterla saccheggiare senza pudore. Invece, se fossero minimamente onesti, dovrebbereo vedere la dinamica delle cose, come le imprese si stanno sempre più frammentizzando fino ad arrivare al lavorore autonomo, iperschiavizzato per mantenere il resto del carrozzone.

paolo montiverdi, milano Commentatore certificato 15.01.14 19:24| 
 |
Rispondi al commento

E stato trovato il sistema a dei farabutti che fanno parte del governo di rubare le tasse dei cittadini,
Questi fanno parte di quelle società che si sono aggiudicate le concessioni per la riscossione dei tributi statali LO STATO CON TANTI DIPENDENTI DA A CONCESSIONARIE DEL TUTTO DISCUTIBILI LA RISCOSSIONE TRIBUTI .
Dove nessuno controlla.

GIOVANNI I., Padova Commentatore certificato 15.01.14 19:14| 
 |
Rispondi al commento

Presente, anche io sono possessore di partita e devo dire che per il momento mi va ancora grassa perché appartengo a quelli con contributo minimo, che pero scade a meta 2016, e poi? poi mi vedrò costretto ad andare sulla partita iva quella classica quella vincolata alla boiata degli studi di settore dove devi pagare le tasse prima di aver incassato i soldi. siamo in un paese demenziale, e quindi io mi trovero alla tenera età di 52anni a decidere se passare ad una partita iva che probabilmente non potrò permettermi, o chiudere e cercare una alternativa che vi lascio immaginare .E come me ne sento tanti .E' cosi difficile fare partite iva più giuste specie per chi non vende prodotti ma servizi? io non credo basterebbe volerlo.

Gian Luca Burini 15.01.14 19:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quando la classe dirigente delll'unione sovietica fallí, lasció campo libero alle orgnizzazioni mafiose.
L'italia non sarà come la Grecia......

Franco Losini 15.01.14 19:08| 
 |
Rispondi al commento

io ho un attività e spero che altri chiudono x lavorare di più e non licenziare....è vita questa? su,ditecelo voi se è possibile tremare davanti ad una busta?

rabaiolo stefania 15.01.14 19:06| 
 |
Rispondi al commento

Sfigato delle partite IVA: presente!
Anche io faccio parte di questo sgangherato esercito.

Diciamocelo chiaro: in Italia è stato operato un lavaggio del cervello di massa che ha mutato il significato della imposizione fiscale. Infatti in uno Stato serio, monetariamente sovrano e con una vera Banca Centrale capace di fare -di concerto col Tesoro- una politica monetaria funzionale al bene comune, le tasse NON SERVONO A PAGARE LA SPESA PUBBLICA (siano servizi o, deplorevolmente, sprechi) ma a governare l'inflazione: viene operato un DRENAGGIO FISCALE nella misura in cui la massa monetaria circolante non sia eccessiva, dato che un eccesso di domanda rispetto all'offerta farebbe schizzare alle stelle i prezzi al consumo, non permettendo più alle persone comuni l'acquisto di beni e servizi necessari. Coerentemente, anche la nostra Costituzione sancisce la proporzionalità del prelievo fiscale in base al reddito.
Ma, si badi, stiamo parlando di "massa monetaria circolante eccessiva", cioè L'ESATTO OPPOSTO di quanto sta avvenendo oggi, dove circola meno denaro di quanto occorrerebbe, dove un fornitore non riesce a farsi pagare i beni o servizi erogati al cliente (nemmeno se il cliente è la P.A.), dove però la pressione fiscale aumenta in modo spropositato, dove lavoro autonomo e PMI sono demonizzati, dove Equitalia opera per distruggere interi settori produttivi.
Il problema è che il LAVAGGIO DEL CERVELLO a cui accennavo prima ha fatto sì che gli italiani accettassero come ragionevole la DEMONIZZAZIONE DEL DEFICIT (vedi Sacro Inviolabile Vincolo UE del 3% deficit/PIL). E, con FALSI MITI, ha creato il falso problema del DEBITO PUBBLICO ECCESSIVO: 120% di rapporto debito/PIL (quando arrivarono i tecnici di Monti) non è un dramma, ma ora dopo 3 anni di FEROCE RIGORE ha sforato il 130%, che non è un dramma ma dimostra che CURARE IL MALE CON LA MALATTIA STESSA UCCIDE IL MALATO.
E ora abbiamo pure il FISCAL COMPACT che incombe!!!

Per un fisco umano OCCORRE SOVRANITÀ MONETARIA!!!

Alessandro B., Torino Commentatore certificato 15.01.14 18:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

nel 2008 l'azienda per la quale lavoravo, ha suggerito a molti di noi "vecchi" di accomodarsi, rendendo questa nostra dipartita più o meno facile. Ho aperto una partita iva e mi sono messo a fare quello che facevo da dipendente. La mia piccola agenzia vende contratti di telefonia per le aziende. Di mese in mese assisto ad un ecatombe, tra disdette per chiusura e disdette per contenimento dei costi, quest'anno il mio parco clienti è diminuito del 30%, il mio fatturato invece è calato di al meno il 50%, ma in compenso sono aumentate le spese per poter lavorare e le tasse. Non ho pagato l'anticipo di novembre ne tanto meno quello dell'iva di dicembre, perché devo pur pagare i dipendenti e cercare di sopravvivere .... non so cosa aspettarmi da questo 2014, ma una cosa è certa, se continuiamo a restare schiavi di un sistema che poco ci appartiene, e mi riferisco all'Euro, arriveremo molto presto al collasso, e verremmo definitivamente colonizzati dalle banche europee diventando il terzo mondo dell'Europa .... perché è così che ci vogliono. Riprendiamoci la nostra dignità mandiamo tutti questi schifosi a casa, usciamo dall'Euro e risorgeremo sicuramente

stefano ciuffa 15.01.14 18:41| 
 |
Rispondi al commento

dopo aver letto con molta attenzione tutti i vari sfoghi dei possessori di p. iva ,non posso che sentirmi indignato e offeso ,per come si stanno comportando i vari ministri dello stato ITALIANO.Aspetto con la santa pazienza che i signori dello stato risolvano le loro beghe , e ci facciano andare al voto ,allora ITALIANI potremo finalmente dire anche la nostra ,per ora non posso che aiutare moralmente il nostro alfiere GRILLO !con tutta la mia graditudine per lui gli chiedo a nome di tutti gli ITALIANI ,FORZA GRILLO MANDIAMOLI A CASA QUESTI LADRI E AFFAMATORI!!!

LIA ROBERTO 15.01.14 18:28| 
 |
Rispondi al commento

IO QUA VEDO PROPOSTE, NON SERVONO A NULLA, NON ABBIAMO I COGLIONI E' QUESTA LA VERITA' PERO' PER I MONDIALI ANDIAMO TUTTI PER STRADA... DOVE CAZZO SIETE TUTTI PER LA VOSTRA VITA? PIU IMPORTANTE IL CALCIO? FATTI NON PAROLE W M5S

paolo terzi (paolo3), bergamo Commentatore certificato 15.01.14 18:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

fino a quando non capiremo che il nemico numero 1 del popolo sono le tasse, ed è il cancro che sta divorando il nostro paese non ce ne verremo mai fuori.. le tasse che i lavoratori pagano diventano immediatamente costi per le imprese... ricordiamo sempre che per uno stipendio netto mensile di 1.500 euro (che diventano 1.000 circa spendibili) il datore di lavoro spende 45.000 euro all'anno.. questi sono i VERI numeri della nostra imposizione fiscale.. ooops scusate!! la nostra OPPRESSIONE fiscale..

capitan spaventa Commentatore certificato 15.01.14 18:07| 
 |
Rispondi al commento

Cari fratelli delle P.I., non siete solo voi ad avere problemi. Li abbiamo anche noi che lavoriamo con contratti a termine. Basterebbe che, come in tanti altri paesi civili, si pagassero EQUE tasse sui guadagni effettivi. In molti di questi paesi le tasse si pagano una volta all'anno sul guadagno effettivo senza acconti, basandosi sul C/C bancario: tolgono l'80% del movimento annuale e tassano il 20% sul rimanente, cioè sul 20%. Il tutto senza far perdere tempo: la banca manda il modulo e si paga! In Italia quando? Mai!!!! Troppi banditi e troppa burocrazia per far lavorare i burocrati!!! Di cosa stiamo parlando? Con un paese così arretrato non si va da nessuna parte! L'unica parola d'ordine per far funzionare e prosperare un paese è l'ONESTA'! Nelle leggi e nei cittadini! Lo stato legifera in assoluta malafede! Alcuni italiani fregano gli altri italiani. Semplice e perverso!

Stefano Bembi 15.01.14 18:06| 
 |
Rispondi al commento

Io ho una proposta: chiudiamo all'unisono la partita iva e l'indomani andiamo a Roma a chiedere un lavoro e una casa popolare. Ci rispetterebbero senz'altro di più visto che al momento noi siamo ricchi evasori per lo stato e poveracci per le banche.

Claudio Cento, clace@simail.it Commentatore certificato 15.01.14 18:03| 
 |
Rispondi al commento

Io pero mi sono stancato di pagare le tasse anche per te

William carloni 15.01.14 17:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bisogna fare una rivoluzione del voto, diamo al movimento 5 stelle il potere di far crescere questa italia malata da tutti sti virus di gente.

Aldo Secco 15.01.14 17:52| 
 |
Rispondi al commento

Il problema è che si svuotano le casse dello stato,non i loro mega conti correnti....per loro la crisi non è mai cominciata...

luca menichetti 15.01.14 17:49| 
 |
Rispondi al commento

Eccomi!!!!!! Anch'io tra poco chiudo... non ho pagato l'acconto di novembre e nemmeno il saldo del 2012... mi faccio mandare i soldi dalla famiglia che vive all'estero e che presto raggiungo... loro sono in pieno sviluppo per fortuna!!!! Sono 30 anni che lavoro e da 15 ho un negozio... andava bene fino all'anno scorso... dal 2013 è in caduta libera...

GLORIA C. Commentatore certificato 15.01.14 17:42| 
 |
Rispondi al commento

uno stato(noi) che si chiama italia non può essere governato da chi non ha mai lavorato siamo esemplari per il mondo

saro divi 15.01.14 17:40| 
 |
Rispondi al commento

sto per seguirti

Egle Ninello 15.01.14 17:37| 
 |
Rispondi al commento

FATTI NON PAROLE

paolo terzi (paolo3), bergamo Commentatore certificato 15.01.14 17:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Poi hanno il coraggio di dire che il problema è il nero. E' il sistema ad essere criminogeno, la gente tende ad essere onesta per natura, non disonesta.

Vorrei vedere lorsignori, se dovessero scegliere tra essere onesti e vedere i propri figli con le pezze al culo, o lavorare in nero per riuscire ad avere ancora luce, acqua, gas e qualcosa in frigo a fine mese.

Non durerebbero dieci minuti a fare la vita di un cittadino qualunque. Che Dio li stramaledica.

L V 15.01.14 17:35| 
 |
Rispondi al commento

Signori lo STATO ha 4 fonti per finanziarsi:

1) Le TASSE sulla produzione
2) La Stampa di moneta (che genera inflazione)
3) Le Esportazioni
4) La creazione di DEBITO PUBBLICO.

L'italia usava tutte e 4 queste fonti.

MA ADESSO C'E' L'EURO ed abbiamo avuto politici lungimiranti che hanno ammazzato la PRODUZIONE e hanno REGALATO la sovranità monetaria in cambio di niente (ed in maniera anticostituzionale). Se prima spendevano 1000 adesso spendono 1000 lo stesso ma li caricano su TASSE e DEBITO -> se voi non potete più pagare le tasse loro FARANNO DEBITO perché con la "credibilità" delle palle d'acciaio è facile facile, come in Grecia.

Adesso cercatevi un po il grafico del debito pubblico italiano dall'entrata nell'euro e fatevi due domande (suggerimento: ieri è stato fatto il nuovo record).

Enrico I., Rome Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 15.01.14 17:32| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

A tal proposito voglio aggiungere che io, per la mia azienda, non ho pagato l'IMU ne intendo pagarla in futuro.
1) non ho il denaro per farlo, non avendolo guadagnato con la mia attività.
2) ritengo del tutto incostituzionale una imposta che non rispetti appieno il dettato costituzionale art. 53, non essendo rapportata alla "capacità contributiva" ma ad una mera presunzione di possibilità di guadagno derivante dalla proprietà di un immobile. Lo stesso criterio, questo ultimo, adottato dalla camorra per estorcere il pizzo. Per questo il Governo ed il Parlamento, nonché il Presidente della Repubblica dovrebbero essere perseguiti per attività mafiosa poiché solo in tale ambito si realizzano questi sistemi di imposizione.
3) aggiungo ancora a che l'art. 4 della costituzione recita: La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizione che rendano effettivo questo diritto. Una imposta su un capannone industriale che prescinda dalla redditività dell'impresa stessa risponde al dettato di questo articolo oppure lo sovverte?

Alberto Mauri 15.01.14 17:26| 
 |
Rispondi al commento

Si certo siamo in una situazione difficile e sarà sempre peggio ma sento molti di voi che continuano a dire che dobbiamo fare qualcosa prima che sia troppo tardi o che quando ci renderemo conto di essere arrivati alla fine non ci sarà più niente da fare. Ebbene, concordo con voi, ma una domandi mi tormenta, cosa possiamo fare? Intendo realmente, materialmente, cioé qualcosa di concreto che io e ognuno di voi possa fare per influenzare e cambiare realmente l'andamento del sistema italiano? Io credo di averla fatta votando M5S e credo e spero che solo continuando nell'appoggiare il movimento si possa cambiare qualcosa, anche se la strada sarà lunga e faticosa.

Elia Savino 15.01.14 17:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io sono stato costretto a chiudere, oggi, chi crede di aprire una partita iva deve sapere che si mette in debito con l'ho stato, le tasse che si pagano e come un pizzo che va'pagato a tutti i miserabili che ci governano. Mafia e Stato sono la stessa cosa, lo stato chiede il pizzo l'egalmente, la mafia lo chiede illegalmente.Stramaledetti tutti i politici e stramaledetti chi li vota.W.M5S

giuseppe lizzi 15.01.14 17:15| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo con te, i parassiti vanno eliminati come chi li produce.

Se l'organismo non produce gli anticorpi, ci dobbiamo pensare noi... All'estero si chiedono cosa aspettiamo!

Ale , Mi 15.01.14 17:08| 
 |
Rispondi al commento

il titolare di partita iva come pure il dipendente devono essere incentivati a collaborare con il sistema.
quando l utile netto o lo stipendio netto di benzina auto autostrada e parcheggio panino a pranzo dcc non giustifica più il sistema tanti decidono di starsene a casa.
non tutti falliscono o non trovano lavoro. andare a lavorare per trovarsi in tasca forse netti 30 eur al giorno che bastano per due coca cole e 2 quattrostagioni.
possono scegliere e fanno altro. invece di lavorare 3 mesi per pagare il metano o il gasolio di riscaldamento usano la legna e possono permettersi di stare a casa 3 mesi su 12. si coltivano l orto e così via… facendo meno km l auto va bene quella vecchia e non devono usare lo stipendio di 10 mesi (se bastassero) per comprarsene un altra nuova.
ecco che improvvisamente la gente usa la bicicletta, e tanti i giovani non sono nemmeno iscritti nella ricerca di un lavoro scandalizzando i ministri ladri che vorrebbero che tutti lavorassero per mantenere la casta.
meditate gente meditate. ci obbligano a transazioni bancarie per ogni acquisto.. va bene ma io non compro più cose inutili (dal crollo dei consumi non credo di essere l unico evidentemente) e non faccio più redditi alti tanto vanno solo in imposte.
pagare il 41 % di irpef + il 23% di inps dico va benissimo stare a casa oggi. tanto alla fine lavorerei per mantenere casta, case automobilistiche e autostrade spa. l italia non cresce.. ma signori chi se ne frega. il buon giulietto chiesa dice che in un mondo con risorse limitate una crescita infinita è impossibile. (infatti cominciano a dire che avremo la necessità di andare su marte per ovviare alle scarsità di risorse..) io rimango sdraiato a prendere il sole sul balcone.. chi vuole andare su marte prenda pure il mio posto.
andrea b

andrea balatti 15.01.14 17:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Due giorni fa sul wall street journal e' uscito un articolo riguardo ai pozzi petroliferi in Basilicata.
In base a quanto riportato dal WSJ, il governo italiano sarebbe in procinto di agevolare l'ingresso di ENI e altri colossi internazionali, tra i quali SHELL, per trivellazioni nell'area in questione.
Può darsi che mi sia sfuggito un articolo sul blog a riguardo, ma è possibile che una notizia del genere sia passata inosservata su tutti i mezzi di comunicazione nazionali e soprattutto non diffusa dal nostro Governo?
Se ciò che scrive WSJ fosse vero, il governo, avrebbe un eccezionale fonte di introiti tale da reperire fondi altrimenti prelevati dalle tasche dei cittadini, oltre al fatto che il prezzo dei derivati del petrolio, benzina, gas naturale e quant'altro, potrebbero subire una notevole diminuzione.
Da una ricerca su web ho trovato notizie a riguardo sul sito formiche.net del quale le allego il link.

Manlio Sternini

http://www.formiche.net/2014/01/14/italia-petrolio-crisi-basilicata-governo-letta-wsj/

Manlio Sternini 15.01.14 17:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

vorrei tanto reinvestire i soldi che ho duramente lavorato , per migliorare la mia impresa invece acconti iva contributi e quant'altro mi continuano a strozzare spero si vada a votare presto e la facciamo finita con sta farsa, mo si sono comrati pure i forconi come è prassi, confidiamo solo nei 5 stelle, tenete duro ragazzi e un augurio a tutti i colleghi si salvi chi può.

giosuè imperiale 15.01.14 17:02| 
 |
Rispondi al commento

Io credo che presto ci sarà una rivolta.
Quando il malcontento è crescente, non c'è lavoro, non c'è credito, le famiglie sono sempre più monoreddito ma i costi stazionari, anche chi normalmente era considerato non certo povero inizia ad ingrossare le fila dei disagiati allora se la politica non prende provvedimenti si ritornerà a respirare clima da estremismo armato. Ma non si è ancora capito che non è un'ipotesi utopica, è la realtà.

Mario S. Commentatore certificato 15.01.14 16:55| 
 |
Rispondi al commento

cari colleghi di partita iva, io dopo anni chiudo la mia attività di ristoratore. non so dove andrò e cosa farò, ma ho una famiglia da mantenere e in questa vita di merda è difficile, mi hanno portato alla fine di un sogno, maledetti.

fabrizio di renzo 15.01.14 16:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Concordo completamente con tutti i commenti presenti, come voi anche io c'ho la maledetta partita iva...
Prometto 'solennemente' che appena trovo il modo di chiudere il mutuo chiudo anche la partita iva e lo stato italiano da me non vede più manco un centesimo. Ladri.

Forrest Gump Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 15.01.14 16:53| 
 |
Rispondi al commento

Pure io faccio parte di questo popolo, agente di commercio dal 2009. Nel 2013 non sono riuscito a pagare un cent di iva e solo una rata INPS
-che caxxo vuoi pagare con una media di 2500 €/mese, 4 in famiglia-
il mio è uno SCIOPERO FISCALE al quale sono costretto (se devo scegliere scelgo di pagare le bollette ed il cibo piuttosto che le tasse). Un giorno arriverà la cartella esattoriale di equitalia, nel frattempo cerco di tutelarmi come posso

Bruno Lombardi 15.01.14 16:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non sarebbe possibile ideare la regolamentazione fiscale per delle "microimprese"?

In fondo, in tanti stanno chiudendo perchè gli introiti sono inferiori alle tasse, non perchè la gente non ha voglia o non sappia lavorare.

Non mi sto riferendo a vecchie ditte con "contabilità semplificata", ma a delle "microimprese" che consentano a chi svolge piccoli lavori o attività, anche part time, a non restare o finire nell'illegalità del "nero".

Non sono bravo nelle questioni fiscali, quindi non saprei definirla in tali termini, ma si potrebbe ideare qualcosa che consenta di aprire piccole attività con "tasse" minime e direttamente proporzionali agli introiti.

Ad esempio, una nuova piccola attività (ad esempio un piccolo artigianato artistico/creativo o piccole attività online), svolto anche part-time che rende all'inizio un reddito "micro" (400-800 euro al mese)... non troverebbe una collocazione possibile nell'attuale sistema.

Perchè non fare in modo che invece possano essere regolarizzate e fornire un minimo di contributo allo stato? Oltre a potere essere regolarmente pubblicizzate in "chiaro".

Io non saprei come strutturare la faccenda dal punto di vista fiscale... però... lancio l'idea.

Fabio B. Commentatore certificato 15.01.14 16:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ME NE FREGO.........
sono esattamente 32 anni che lavoro in proprio come "PARTITA IVA".. ho costruito qualcosa... lasciato qualcosa a qualcuno. e cio' che mi rimane e' A DISPOSIZIONE......mi spiego qui in ABSURDISTAN e' impossibile fare impresa.... vedi tasse etc etc.. per i NUOVI SCHIAVI: GLI ITALIANI solo bastonate.. agli altri valutino i pseudosinistrorsi dipendenti di questo STATO VAMPIRO.. a me non interessa piu'. ritengono che mi possono levare tutto in base a leggi da cravattari.. facciano pure..alla fine non aver NULLA e' ritrovare la felicita' e la speranza.. si mangino tutto..senza alcun rimpianto e' solo ROBA ...dopo di che' saro' un simpatico peso per questa societa' di merda... che ha sempre difeso i manigoldi e bastonato le persone che lavorano... o peggio se la son presa con chi veramente DOVEVA ESSERE AIUTATO.La filosofia aiuta, questo e' solo un passaggio ed abbarbicarsi all'inutile non serve, se questo e' il prezzo della liberta', bene! niente ho..niente pago.Diventeranno i piu' ricchi del cimitero poiche' le fortune rubate non riusciranno mai a spenderle...io ancora sorrido per intima soddisfazione... loro anche se coperti d'oro conducono una vita di merda.. tanti tanti auguri.. tassate l'anima se ci riuscite... buona fortuna.

paolo morando 15.01.14 16:46| 
 |
Rispondi al commento

purtroppo gli sfigati non sono solo quelli della partita iva, ma tutto il ceto medio che hanno mandato avanti per decenni questo paese.
Cosa dire degli insegnanti che hanno il contratto e gli scatti bloccati da più di 5 anni e che hanno visto il potere d'acquisto assottigliare il proprio stipendio e che sono di anno in anno sballottati a diverse decine di km di distanza perchè nel frattempo si perdono cattedre, si diminuiscono gli organici e quant'altro?

Salvatore Romeo 15.01.14 16:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io sono un possessore di p.iva e capisco l'indignazione dei signori prima d i me ....... cosa fareste voi se vi chiamassero per aiutare a spingere un' auto in panne e vi accorgete che state faticando solo voi ? Bene questo è lo spirito che abbiamo quasi tutti noi ....per questo si sta alimentando un mercato sommerso . Se non fate la vostra parte Polici cari ci sarà solo una Italia in difesa poi ci rifaremo l'orto i n casa ma per voi so' cazzi amari .

marco di gennaro 15.01.14 16:35| 
 |
Rispondi al commento

L'ESERCITO DEGLI SFIGATI DELLE PARTITE IVA.

Eccomi, presente!

Sono io la causa del disseto economico dell'Italia, sono pronto a chiudere, poi vojo vedè ndo caxxo annate a prende i soldi!

Propongo una cosa:

Noi cittadini ve menamo prima che facciate leggi del caxxo, poi ve medicamo co sale e aceto.

Ce state?

Nando da Roma.

Nando Meliconi (in arte "l'americano"), roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 15.01.14 16:35| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

continuamo a votare avanti così e poi lamentarsi e piangere come i bambini ...

armando sovic 15.01.14 16:30| 
 |
Rispondi al commento

dopo anni chiusa il 31 dicembre la partita iva

Carlo P. Commentatore certificato 15.01.14 16:25| 
 |
Rispondi al commento


Paolo Piconi

fiscaleSCIOPERO fiscaleSCIOPERO fiscaleSCIOPERO fiscaleSCIOPERO fiscaleSCIOPERO fiscaleSCIOPERO fiscaleSCIOPERO fiscaleSCIOPERO fiscaleSCIOPERO fiscaleSCIOPERO fiscaleSCIOPERO fiscaleSCIOPERO fiscaleSCIOPERO fiscaleSCIOPERO fiscaleSCIOPERO fiscaleSCIOPERO fiscaleSCIOPERO fiscaleSCIOPERO fiscaleSCIOPERO fiscaleSCIOPERO fiscaleSCIOPERO fiscaleSCIOPERO fiscaleSCIOPERO fiscale

Pol Picot (ubot), ROMA Commentatore certificato 15.01.14 16:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

due mesi di autonomia. poi ciao

Re S., Firenze Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 15.01.14 16:22| 
 |
Rispondi al commento

BeHH anch'io posso dire che non ce la faccio piu' avere la partita iva in ITALIA è come camminare con il cappello d'asino, cioè solo gli asini continuano ad avere partita iva.

Pol Picot (ubot), ROMA Commentatore certificato 15.01.14 16:20| 
 |
Rispondi al commento

non si vive più decorosamente in Italia, noi eravamo una famiglia discreta,dico eravamo perchè si viveva con due stipendi e tre figli da crescere:
poi il crollo un marito esodato, ed io con una malattia degenerativa, ma sono costretta a lavorare
anzi come premio verrò trasferita e all'età di 60 anni e con il morbo di p......on dovrò farmi 100 km
al giorno x il mio ufficio (ufficio del Giudice di Pace) è uno di quei uffici giudiziari che chiuderanno entro il 2014. e la pensione ed i figli ma quale prospettiva ci sara' per noi e per tanti peggio ancora di noi facciamo qualcosa insieme di giusto non possiamo ridurci così senza dignità e senza speranza .

pasquinotti graziella 15.01.14 16:20| 
 |
Rispondi al commento

Carissimi tutti, noto con piacere che comincia a scorrere il sangue delle partite IVA e le piccole imprese artigianali, io che sono uno di voi, voglio aggiungere che per quel poco di lavoro che si riesce ancora a fare le fatture non vengono più pagate non solo dallo stato "Canaglia" ma tantomeno dalle aziende private dal 2008 a oggi i ritardi sono andati dai 3 mesi fino ormai ad un anno ed oltre, non c'è pace per nessuno chi vuole sopravvivere la parola d'ordine è "la mazzetta" solo pagando la "mazzetta" si riesce a portare a casa qualcosa da mangiare il resto va tutto allo stato e a quei dirigenti che nelle società private fanno ormai da padrone. Capisco che molti di voi hanno paura a dichiarare questa realtà ma che ci resta ormai? io sono 3 mesi che non prendo un euro e mi sono dovuto prestare i soldi per pagare tasse e fornitori, a mezzoggiorno abbiamo mangiato un po' di brodo e un po' di frutta marcia, il colmo è che lavoro tutti i santi giorni!

Francesco Crigna 15.01.14 16:20| 
 |
Rispondi al commento

Prova 1

Paolo Martelli 15.01.14 16:19| 
 |
Rispondi al commento

Io vivo in Norvegia, sono dovuto andare via perché tutto questo parlare di crisi mi stava facendo perdere la giovinezza. Scendo solo quando c'è da votare. Ho una casa lì in Sicilia, tornerò quando saliranno al governo quelli del M5S. Ho bisogno di gente che si occupa di me, non posso occuparmi io di loro. Sono come bambini capricciosi: tu hai la macchina la voglio anche io, tu hai la pensione d'oro la voglio anche io. Devo già occuparmi dei miei familiari che manco ce l'hanno una macchina. Eppure pensavo che la dignità fosse insita nella parola governo, che vuol dire "reggere il timone". Ma qui ci stanno facendo annegare tutti schiantandoci contro ogni roccia che luccica per un raggio di solo: "Orooooo". Sbam.
Ma non provano neanche un po' di vergogna?

alessandro 15.01.14 16:13| 
 |
Rispondi al commento

nemmeno io ho pagato delle tasse e in seguito ho chiuso la p.iva. prima o poi mi arriverà una cartella esattoriale e per un bel po di tempo mi son sempre preoccupato. ora semplicemente non mi preoccupo perché se un giorno mi presenteranno la cartella e mi intimeranno a pagare altrimenti mi pignorano i beni, possono venire tranquillamente a cercarmi, perché non ho proprio nulla di pignorabile, a meno che non vogliono prendersi le mie mutande

Fabrizio D'Amore (ufotizio) Commentatore certificato 15.01.14 16:11| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi, il commento è amaro. Duro, crudo...ma così deve essere.

Continuiamo a dire la verità, a lottare aspramente per lo Stato che vogliamo (ed io ringrazio ogni santissimo giorno i rappresentanti 5 Stelle in parlamento per ciò che quotidianamente fanno, li sento spesso e volentieri alla radio e LO FANNO).

Ma molti son sordi, fanno finta di non sentire, non "stillano". Se non aumentiamo l'incazzatura e sopratutto il numero degli incazzati (ed io non capisco davvero cosa la gente mai aspetta e di cosa avrà mai paura) Letta e co. avranno ancora vita facile.

Forza M5S

Massimiliano Princigalli, Roma Commentatore certificato 15.01.14 16:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

hai mille volte ragione ; in piu le televisioni ci martellano in modo indecente di politica politica e politica .
Aprono i tg con la politica e vanno avanti 20 minuti , ma di noi comuni mortali neanche un rigo, bisogna suicidarsi per 8 forse ) avere una comparsata in tv.
Vergognatevi , ma spero venga anche il Vs turno, e se mi chiamano in piazza con un bastone per stanarVi, io ci sarò !!
Prima di suicidarmi io , vengo a cercare Voi per chiedervi conto ( politici e giornalisti )
Corrado Vada

Corrado Vada 15.01.14 16:09| 
 |
Rispondi al commento

ciao a tutti anche io sono una partita IVA che chiude x nn farsi divorare dallo stato inefficiente quello che guadagno ,se ne accorgeranno dopo tutte queste chiusure chi portava avanti l'italia saluti .

domenico merlino 15.01.14 16:05| 
 |
Rispondi al commento

il popolo delle partite iva spesso ignora che per gli acconti di imposta e per quelli iva si può optare sia per il metodo previsionale ( se prevedo di guadagnare meno, verso meno ) o per il ravvedimento operoso che permette di versare gli acconti entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi con una piccola sanzione e nei casi più disperati non versando nulla in attesa di un avviso bonario che può essere poi rateizzato
Il popolo delle partite iva spesso confonde tasse con i contributi obbligatori previdenziali che oggi pagano la pensione ai loro genitori e che domani daranno diritto ( si spera ) ad una pensione
Il popolo delle partite iva spesso non capisce quando è ora di chiudere bottega e dedicarsi ad altro.

Claudio 15.01.14 15:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I nostri soldi servono per le tette e i labbri nuove della minetti per fare meglio le pompe a questa massa di stronzo !!!!!

Luca schiavo 15.01.14 15:12| 
 |
Rispondi al commento

Noi del "tapino"popolo delle artite IVA dobbiamo anche e soprattutto ringraziare quei deficienti che si sono inventati i famosi "STUDI DI SETTORE" dove sembrava che tutti fossimo miliardari ed evasori.
Andrà di moda "L'ONESTA'".
Ci vediamo alle prossime elezioni.
Dovete andare a casa!!!!!!

Curto Salvatore 15.01.14 15:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori