Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Legge elettorale M5S: Le soglie di sbarramento - Aldo Giannuli

  • 708


Guarda la lezione di Giannuli
(08:00)
sogliesbarramento.jpg

"C’è una polemica ricorrente che riguarda l’eccessivo numero dei partiti, si dice in Italia ci sono troppi partiti. Dobbiamo capirci che cosa significa troppi partiti. Facciamo un esempio, ci sono due Paesi, uno in cui c’è un partito che prende il 75% dei voti da solo e poi altri venti partiti che si suddividono il restante 25 per cento. Dall’altro lato invece abbiamo un Paese che ha tre partiti che grossomodo si dividono il 33 per cento ciascuno. Quale è il Paese con il maggiore livello di frammentazione? È evidente che è il secondo.
Nel primo caso c’è un partito che con il 75% è in grado di governare da solo, è in grado, se fossimo in Italia, addirittura di riformare la costituzione da solo, e gli altri partiti sono scarsamente influenti, se c’è un partito dominante che supera e in modo anche cospicuo il 50% gli altri partiti possono anche essere 40, ma questo non cambia niente. Viceversa un sistema politico in cui c’è un numero più limitato di partiti, ma sostanzialmente equivalenti, ha molti più problemi, perché deve realizzare delle coalizioni. Questo naturalmente se si è in un sistema di tipo parlamentare come quello italiano e non presidenziale, dove il discorso cambia.
Allora si pone il problema di come riusciamo a contenere il numero dei partiti? Beh, questo dipende anche molto dalle situazioni ambientali. Se la situazione è quella italiana un’eccessiva semplificazione può risultare negativa.
Ci sono vari sistemi, un sistema per contenere la frammentazione lo avete già scelto, è quello del proporzionale rettificato, del proporzionale corretto, che è stato scelto uno dei mezzi del proporzionale corretto, proprio con l’idea di dare più forza al partito di maggioranza relativa, ridimensionando, scoraggiando l’eccessiva frammentazione.
Ci sono poi altri due sistemi, uno è la clausola di sbarramento, per cui tutti i partiti che non raggiungono una certa soglia, che vedremo quale è, non sono ammessi in Parlamento. Poi c’è un altro sistema, che è quello dell’ampiezza dei collegi, non si dà luogo a collegio unico nazionale per recuperare i resti di quello che i partiti prendono nelle varie circoscrizioni, e si fanno collegi molto piccoli, nella consultazione, qui, è emersa l’idea di collegi intermedi, ma intermedio può significare tanto sette, otto, candidati per collegio quanto può significarne 40, 50, 60, e nella Prima Repubblica Milano e Roma superavano i 55 candidati.
Quindi ci sono due possibilità.
La clausola di sbarramento è quella del 5%, in realtà in Italia il 5% è una soglia piuttosto elevata, però potrebbe essere adottata. Nella prima Repubblica c’era una soglia di sbarramento, che era quella per cui era ammesso al riparto dei voti in sede nazionale il partito che avesse almeno 300 mila voti al livello nazionale e un quoziente pieno in una circoscrizione. Quindi la prima cosa da decidere è se mettere una clausola di sbarramento o meno. La seconda è decidere, adesso se la soglia di sbarramento deve essere minima, come può essere appunto 300 mila voti al livello nazionale, o media, e quindi possiamo prevedere un due o tre per cento o un milione di voti, per intendersi, o se deve essere invece alta.
L’alternativa sono i collegi piccoli, quindi nessun recupero in sede nazionale e collegi limitati di sei/sette deputati, per cui vengono premiati i partiti più forti e quelli territorialmente più concentrati. Queste sono le due opzioni base con le sotto opzioni, bisogna però tenere presente due cose in questo ragionamento: voi avete scelto, il sistema del proporzionale corretto, quindi già c’è un elemento di dis-rappresentatività, una correzione ulteriore con clausola di sbarramento aumenta, ulteriormente, il livello di dis-rappresentatività, perché poniamo un certo numero di partiti raccolga complessivamente il 10% dei voti, e non siano rappresentati. Quei seggi saranno presi dai partiti più grandi e il Parlamento risulterà ulteriormente dis-rappresentativo, quindi nel dosare l’equilibrio generale tenete presente questo aspetto.
Ultima questione: i sistemi elettorali devono avere una loro pulizia e trasparenza, devono essere comprensibili, non è consigliabile che abbiano troppe eccezioni, clausole, quindi se c’è, per esempio, una clausola di sbarramento è opportuno che sia uguale per tutti, non si può iniziare a dire no, il 4% se sei da solo, il 2% se sei in coalizione, che era il Porcellum, oppure sì, c’è lo sbarramento che però non si applica ai partiti con almeno tre circoscrizioni piene, che significa premiare un partito ben determinato, perché è quello che ha maggiore concentrazione locale. Quindi in questo senso suppongo sia opportuno, tra le opzioni proposte, tenere presente una certa linearità che non preveda eccezioni o ulteriori sottospecificazioni che rendano poi illeggibile il testo complessivo.
Quindi sostanzialmente il quesito è: primo nessuna clausola di sbarramento, secondo una clausola limitativa fissa, che può essere appunto il 5%, etc., oppure collegi relativamente piccoli, senza recupero in collegio nazionale. Optando per la scelta di una delle due clausole di limitazione bisogna poi decidere se la clausola di sbarramento deve essere minima, poniamo 300 mila voti, media, poniamo un milione di voti o alta, cioè 5 – 6 per cento. Nel caso si scelga la formula dei collegi limitati, bisogna decidere se si tratta di una restrizione forte, che parla di una media di 6 – 7 candidati per collegio o se invece optiamo per una formula più larga, che però preveda 25 – 20 deputati per collegio, per cui se un partito non ha il 4 – 5 % in una circoscrizione perde tutto in quella circoscrizione, però da qualche altra parte magari avrà una percentuale di 4 – 5 % e quindi una parte dei suoi voti riuscirà a utilizzarla." Aldo Giannuli

Potrebbero interessarti questi post:

Le correzioni al Proporzionale
Collegio uninominale, nazionale o intermedio
Proporzionale Puro o Corretto?

17 Feb 2014, 19:45 | Scrivi | Commenti (708) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 708


Tags: Aldo Giannuli, legge elettorale, partiti, partitini, soglie di sbarramento

Commenti

 

L'articolo ha un solo punto debole: parte dal presupposto della necessità dei partiti.

E' una delle formule politiche da sfatare.

Fino ai primi del '900 i partiti non c'erano.

In Italia, le liste bloccate (e quindi i partiti) sono state inserite nel '21.

Il che ha suggerito ai fasci (che erano dei sindacati) di organizzarsi in partito. DUe anni dopo, con la legge Acerbi, introdussero anche lo sbarramento ed il premio di maggioranza. E da lì è nato il "ventennio".
O meglio: il "novantennio".

Io sono per il plurinominale, senza liste, che dal punto di vista della democrazia non ha alcun difetto.

Per il problema della governabilità, basta separare esecutivo e legislativo. Anche il primo eletto direttamente. Niente più fiducia

Esattamemnte come nei cantoni svizzeri.
L'unica democrazia al mondo.
E funziona!

GIUSEPPE G., BOLOGNA Commentatore certificato 12.03.14 12:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono ormai trascorsi dei giorni dall'ultima consultazione relativa alle soglie di sbarramento. E sono giorni che non si conosce l'esito definitivo. Visto che per le altre consultazioni i risultati finali sono stati comunicati quasi in immediato mi chiedo perché ancora tardano a venire?

Certo di una vostra pronta risposta vi saluto

Vinciamo noi!!!!

Luca M., Napoli Commentatore certificato 08.03.14 13:50| 
 |
Rispondi al commento

Non posseggo i requisiti necessari (e non so perchè) quindi non posso votare.
Provo una grande gioia nel vedere colleghi concittadini che desiderano ardentemente come me, trasparenza, sincerità, coerenza.
Il Movimento diverrà Maggioranza. Presto.
Buon lavoro a tutti noi di M5S.

RICCARDO PERUCCACCI 04.03.14 23:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

No sono certificato e quindi non voto .
Provo un grande piacere nel vedere la democrazia diretta all'opera. Quando ero giovane la immaginavo ora e' realta'
Per i traditori "non mi curo di loro ma guardo e passo"
Il Pd e il PDL li metteranno come capi lista nelle prossime elezioni. Poveri illusi. Questi devono capire che in un paese
di bugiardi la verita' e' menzogna.

luigi di pietro, Montreal Commentatore certificato 04.03.14 17:16| 
 |
Rispondi al commento

non capisco come la gente continui a votare pd o pdl--ma sono proprio dei "camicaz"si vogliono proprio male---noi continuiamo del nostro passo e con gli esempi che diamo e che daremo--forza beppe e compani--siamo con voi

daniele rabitti 04.03.14 16:17| 
 |
Rispondi al commento

OK soglia di sbarramento al 5%

vincenzo ruggiero 04.03.14 12:43| 
 |
Rispondi al commento

Analizzando i governi "dittatoriali" degli ultimi 25 anni, considerando che se pur vero che i piccoli partiti "territoriali" possono essere buona cosa per la loro area geografica, rimane però, il problema che i grossi partiti coalizzati, possono fare compravendita degli eletti in queste piccole realtà per poi avere i numeri e poter governare come pare a loro. Una soglia di sbarramento sopra il 5% non guasterebbe, con la clausola che i partiti in coalizioni che non raggiungono la soglia di sbarramento restano a casa, In questa maniera ci leviamo anche il pensiero dei vari salva lega ecc.

pancrazio marasco Commentatore certificato 04.03.14 11:54| 
 |
Rispondi al commento

E' vero: In Italia ci sono troppi partiti". peccato che manchi l'unico che la farebbe cambiare : Il "partito del popolo, dal popolo, per il popolo". I resto non sono che vecchie alchimie che non hanno mai prodotto niente di buono.

Paolo Bonacchi 04.03.14 11:47| 
 |
Rispondi al commento

esilarante questo dibattito tra fini costituzionalisti...

franz cimitan Commentatore certificato 04.03.14 11:05| 
 |
Rispondi al commento

Perché introdurre sbarramenti e collegi limitati ed altre alchimie simili?
Chi può mai dire che un piccolo partito o movimento non abbia qualche buona idea, magari solo 1 su 100, ma ottima. Se questo partito o movimento fosse eliminato (poiché non supera la soglia di sbarramento), con esso verrebbe eliminata anche quella ottima idea e quindi verrebbe eliminata anche la democrazia e verrebbe introdotta una dittatura o, quantomeno, l'autocastrazione.
E chi può mai dire che un partito grande non possa anche avere delle cattive o pessime idee? Votando per quel partito si dovrà accettare anche le pessime idee. Vi sembra questa democrazia o autocastrazione?
La domanda è: vogliamo una governabilità retta dalla dittatura (come è avvenuta in questi ultimi 20 anni) o una governabilità retta dalla democrazia?
Io penso che, di ogni partito o movimento, ciascun cittadino, debba poter votare i punti di programma che gli sembrano utili e bocciare quelli che gli sembrano inutili o dannosi.
Come si fa?
Semplice:
Qualche mese prima delle elezioni, ciascun partito manda a casa di ogni cittadino (possibilmente, telematicamente) il suo programma fatto di tanti punti.
I cittadini analizzano tutti i punti di programma di tutti i partiti e votano quelli che ritengono utili e bocciano quelli che ritengono inutili.
Vince le elezioni chi prende più voti e più punti votati.
Il partito o movimento vincente coordinerà le azioni di governo assicurando e vigilando che tutti i punti maggiormente votati (anche quelli degli degli altri partiti o movimenti) siano realizzati dai partiti o movimenti proponenti. Il partito o movimento vincente assicurerà anche che non siano realizzati i punti poco votati (si dovrà mettere una soglia, ad es. almeno 1000000 di voti affinché un punto possa essere realizzato). Il partito o movimento vincente assicurerà anche che i punti siano realizzati in ordine decrescente, a partire dal più votato, anche se presentato da altro partito o movimento.
Rifletteteci.
Saluti.

gerry 27.02.14 17:47| 
 |
Rispondi al commento

Sono anch'io per il sistema con collegi piccoli senza recupero al nazionale, è quello più giusto, và in parlamento chi prende voti sopra una percentuale ragionevole.

Giancarlo F. 27.02.14 17:08| 
 |
Rispondi al commento

votare il proporzionale e poi metterci una soglia di sbarramento è come dichiararsi pacifista ma votare il partito nazionalsocialista...
i collegi piccoli hanno come pro la salvaguardia di realtà regionali e/o territoriali ed il fatto che si sposano meglio con la correzione maggioritaria scelta in precedenza..

Giuseppe L. Commentatore certificato 27.02.14 16:33| 
 |
Rispondi al commento

Una nuova formazione politica dovrebbe avere la possibilità di farsi conoscere ed apprezzare; quindi
per le nuove formazioni (nuove entità, e nuovi candidati): soglia all'1% alla prima consultazione elettorale e 4% alle successive.
Tutti, dalla seconda consultazione soglia del 4%.

enzo m. Commentatore certificato 27.02.14 16:27| 
 |
Rispondi al commento

Soglia di sbarramento al 5%.

Paolo.T Commentatore certificato 27.02.14 14:43| 
 |
Rispondi al commento

ormai e' LAMPANTE: il Prof Giannulli, pur se mi pare animato da buona volonta' e pazienza, IGNORA il sistema politico svizzero (che e' molto democratico):
Legislativo ed esecutivo svolgono mansioni diverse, per questo: SONO ELETTI IN MODO DIVERSO!
hai capito caro Prof Guannulli?
Legislativo: PROPORZIONALE PURO SENZA LA NESSUNA SOGLIA.
Esecutivo: voto diretto (per esempio: maggioritario a doppio turno), oppure: proporzionale al voto ai partiti maggiori.

Questo produce:

a) esecutivi STABILI (ma senza "governabilita'": che in questo paese ha i connotati del vocabolario mafioso)
b) gli esecutivi eseguono.
c) i legislativi legiferano.
d) Esecutiuvi cooperativi e non competitivi (come. presidente della repubblia e presidente deo consiglio: non hanno una "coalizione" ... non hanno un "programma di governo" ...si presume cooperino per il BENE DEL PAESE).
Pertanto:

= = =
Invito il Prof. Guannulli ad una visita di acculturamento nel paese di mia residenza.

Grazie per l'attenzione.

Leonello Zaquini

= = =
PS - pur con rincrescimento non posso esprimermi su una votazione che (dopo avere noi gia' scelto il PROPORZIONALE PURO) e' solo un penoso tentativo di "tornare indietro".

Leonello Zaquini 27.02.14 14:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

a me piacerebbe per salvaguardare anche le minoranze territoriali oltre che di un minimo livello di rappresentatività:
1. si presentano i partiti. Nessun vantaggio nel presentare coalizioni: se più partiti vogliono presentarsi insieme presentano un nuovo partito con ilproprio statuto etc.
2. sbarramento nazionale: almeno 4% degli aventi diritto (equivale a circa 2 milioni di aventi diritto circa il 6% di chi vota l'8% circa alle ultime regionali sarde)
2a. o sbarramenti territoriali. Se i collegi sono 26 almeno il 60% di collegio o almeno il 20% in tre collegi contigui.
Per questo Non voto oggi. Troppa variabilità a seconda della grandezza dei collegi e del numero di eletti per collegio (40 ora). Anche la possibilità di candidarsi in più collegi implica.
grazie
gian luigi

Gian Luigi Milandri 27.02.14 13:42| 
 |
Rispondi al commento

Piccoli collegi o soglie di sbarramento?
Ovvero, dare seggi a partiti piccoli a livello nazionale, ma molto forti localmente?
Da un punto di vista egoistico direi soglie di sbarramento. Farebbero fuori partiti come la lega. Il problema è: è giusto, in una nazione così variegata come l'Italia, porre simili limitazioni alle istanze locali? Non ne sono convinto.
In ogni modo, secondo me, più che restringere le dimensioni del seggio è bene giocare sui quozienti, altrimenti si rischia una prevalenza delle istanze locali a scapito di quelle nazionali.

Dario Fe, dario.fe_86@libero.it Commentatore certificato 27.02.14 13:41| 
 |
Rispondi al commento

Sto seguendo l'evolversi della legge elettorale M5s e partecipando alle votazioni. Quello che non mi piace è che è stata calata dall'alto senza un dibattito preliminare. I sistemi proposti sono quelli classici, senza nessuna "rivoluzione": es. numero eletti in proporzione agli effettivi votanti (e non a numero fisso); incandidabilità dopo due elezioni ottenute; incandidabilità per i pregiudicati; esclusione per conflitto di interessi nativo o estromissione se acquisito; divieto di passare ad altro partito o movimento una volta eletti (con obbligo di dimissioni se non si accettano più le linee del gruppo di cui si fa parte). Leggete in proposito una mia proposta articolata inserita mesi fa sul blog di Beppe Grillo.

verità vo cercando 27.02.14 13:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io solo per la eliminazione delle "coalizioni", quindi elezioni solo per i partiti/movimenti

Giovanni Artini (john hyde), Forlì Commentatore certificato 27.02.14 12:46| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Penso di votare per la soglia di sbarramento alta (per me va bene il 5%). Bisogna scoraggiare la corsa a formare un partitino qualsiasi per poi ottenere tutti i soldi e privilegi collegati al riconoscimento della forma partito: non solo rimborsi elettorali, ma possibilità di stampare giornali a sbafo anche se non venduti.. e poi tutto il resto.

Urbano Cipriani, Firenze Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 27.02.14 11:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ora posso votare con cognizione di causa,grazie Giannuli

vittorio spera, milano Commentatore certificato 27.02.14 11:40| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei un sistema elettorale che garantisse comunque la rappresentatività parlamentare anche ai piccolissimi partiti. Non vedo perchè cittadini capaci ed onesti come Ferrando o Ingroia non debbano sedere in parlamento

Eugenio Simonelli 27.02.14 11:37| 
 |
Rispondi al commento

Una soglia di sbarramento elimina la necessità dei rimborsi elettorali . dovrebbero servire ai piccoli , nuovi e non ricchi partiti di competere con i grossi ma se non riescono ad entrare in parlamento e non ricevono rimborsi, questi verranno suddivisi solo tra i soliti partiti che non ne hanno bisogno.

Ci pisciano in testa e ci dicono che piove!

imerio amadei, cesenatico Commentatore certificato 27.02.14 11:32| 
 |
Rispondi al commento

sono d'accordo con quanti chiedono l'abolizione delle coalizioni è tutto un sistema per dividersi i soldi dei rimborsi elettorali , se un partito non supera la soglia vuol dire che non è rappresentante del popolo italiano ma solo di una minoranza ,poi se passiamo aboliamo definitivamente questa porcata dei rimborsi , per me collegi con numero di candidati secchi o passi o vai a casa

elisa de fraia 27.02.14 11:10| 
 |
Rispondi al commento

Ciao, riflettete su una cosa: " il M5S su base territoriale è più debole dei partiti tradizionali", per un ragione molto semplice, non non siamo presenti nelle province, noi non elargiamo favori di nessun tipo, quindi su base territoriale "non possiamo competere" con i "metodi tradizionali" degli altri partiti. Quindi...meglio uno sbarramento a livello nazionale.

Stefano D'Onofrio, Zapponeta Commentatore certificato 27.02.14 10:50| 
 |
Rispondi al commento

HO VOTATO, COME SUGGERISCE IL PROF. GIANNULI PER I COLLEGI PICCOLI DI 5 CANDIDATI!
IN QUESTO MODO SI VIENE A CREARE UNA ALTA SOGLIA DI SBARRAMENTO NATURALE ED IMPLICITA AL 20%.
FATEVI DUE CALCOLI PER CAPIRE:
SE CI SONO 5 SEGGI PER COLLEGIO:
1 SEGGIO EQUIVALE AL 20% DEI VOTI.
2 SEGGI EQUIVALGONO AL 40% DEI VOTI.
3 SEGGI EQUIVALGONO AL 60% DEI VOTI.
4 SEGGI EQUIVALGONO AL 80% DEI VOTI.
5 SEGGI EQUIVALGONO AL 100% DEI VOTI.
SE UN PARTITO O COALIZIONE NON RAGGIUNGE ALMENO IL 20% IN UN COLLEGIO NON OTTIENE NEANCHE UN SEGGIO IN QUEL COLLEGIO E NON C'è NESSUN RIPESCAGGIO NEL COLLEGIO UNICO NAZIONALE.
QUESTO è L'UNICO MODO PROPORZIONALE E COSTITUZIONALE PER IL M5S DI RAGGIUNGERE IL 51% O OLTRE! :-)

M L Commentatore certificato 27.02.14 10:49| 
 |
Rispondi al commento

Sono per la soglia di sbarramento. Mi è difficle quantificare la soglia ma sarei ben felice che il numero di partiti candidabili fosse limitato a non più di 5-6 partiti. I piccoli partiti che non sarebbero in grado di superare la soglia di sbarramento devono, se lo vogliono, unirisi ad un partito maggiore e rispettarne almeno le linee generali e gli orientamenti. Capisco che possono esserci degli opportunisti in questa fase ma spetta ai partiti responsabili creare e far rispettare delle regoole di comportamento. L'opposizione non deve essere fatta da coalizioni di minuscoli partiti ma da uno o due partiti che raccolgono pero' una buona percentuale di voti che rappresentano gli elettori che sperano così di essere protetti da leggi, forzature, decreti, e e fiducia forzata contro il loro concetto di democrazia.

Gianni Nasazzi 25.02.14 08:51| 
 |
Rispondi al commento

Onestamente sono per il Proporzionale, perchè è il metodo più democratico, ma ho pensato ad una soluzione per evitare il frazionamento che crea l'ingovernabilità. 2 Turni, senza coalizioni. Al 1° turno proporzionale pura con 1 preferenza. Al 2° turno passano i 2 migliori partiti del 1° turno. Chi vince il ballottaggio prende esattamente la percentuale di seggi relativa alla percentuale ottenuta al ballottaggio (quindi governabilità assicurata decisa dal popolo, senza premi di maggioranza). Il restante dei seggi viene suddiviso sulla base delle percentuali ottenute al 1° turno su sutti gli altri partiti, compreso quello perdente del 2° turno. Mi sembra che con questo sistema si possa prendere capra e cavoli.

Marco Panzarini 24.02.14 13:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grazie M5S


Forza M5S

WORCOM forum Commentatore certificato 22.02.14 19:04| 
 |
Rispondi al commento

Una delucidazione. Ma avendo scelto il divisorio rettificato, non sarebbe opportuno avere una soglia di sbarramento la più bassa possibile? Per non ostacolare un frazionamento verso il basso che non contrasta con la governabilità.

Fabio R., Palermo Commentatore certificato 21.02.14 19:10| 
 |
Rispondi al commento

Nella legge elettorale è possibile inserire un numero massimo di partiti all'interno di una coalizione? Se fosse possibile, si eviterebbe la formazione di coalizioni troppo eterogenee la cui aggregazione ha il solo scopo del peso politico ma che di fatto creano una compagine ingovernabile e dalle troppe anime, dove partiti con bassissime percentuali sono l'ago della bilancia è possono permettersi di mettere in piedi veri e propri ricatti. Se si potesse prevedere questo "sbarramento di coalizione" si avrebbe maggior governabilità. Sarebbe inoltre un disincentivo alla formazione di piccoli partiti che si vedrebbero obbligati ad aggregarsi anziché scindersi come spesso accade. Attendo commenti.

Giovanni Niemiz, Udine Commentatore certificato 21.02.14 16:10| 
 |
Rispondi al commento

Lo sbarramento è contrario ai diritti sanciti dagli artt. 3 e 21 della nostra Costituzione e, in particolare, ai princìpi sanciti dagli artt. 49 e 51 che garantiscono la pari uguaglianza tra le associazioni politiche ed i cittadini che hanno intenzione di concorrere per accedere alle cariche elettive pubbliche. Le tesi addotte dai Signori della politica sono finalizzate a mantenere lo status quo, ossia una quasi dittatura elettorale e gestionale dei poteri, con grave nocumento delle libertà individuali di tutti i cittadini.

adriano de marco Commentatore certificato 21.02.14 15:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tutti i voti che sono andati ai "piccoli partiti" devono essere sommati e si avrà una percentuale: fatta questa percentuale 100, si avrà un certo numero di seggi che verranno ridistribuiti in maniera proporzionale (su base 100) a tutti i partiti che non hanno raggiunto il quorum

Vincenzo Antona 21.02.14 14:32| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo con la soglia di sbarramento al 4/5 % , al divieto di coalizioni, e al proporzionale. Secondo me dovrebbe essere necessaria la residenza di almeno due anni nel territorio dove ci si candida, e cosa più importante di tutto, una volta eletti in un partito o movimento, assoluto divieto di transitare in altro partito o coalizione o gruppo misto che sia. E se si viene sfiduciati dal partito di appartenenza si ritorni a casa!

natale anello 21.02.14 13:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://www.beppegrillo.it/2014/02/risutati_della_consultazione_m5s_soglie_di_sbarramento_si_o_no.html

Pasquale Cama Commentatore certificato 21.02.14 13:00| 
 |
Rispondi al commento

Scusate, ma si può sapere l'esito della votazione?
Sul Blog, non si riesce a capire nulla e la notizia non è in evidenza.
Grazie.

Nicola LARICCHIA 21.02.14 12:28| 
 |
Rispondi al commento

Questa volta non sono riuscito a votare, ma sento comunque il dovere di informarmi anche su questo passaggio. Questo metodo seppur ancora molo rudimentale, sicuramente invoglia le persone a capirne di più. Grazie al Professore per la sua disponibilità, se tutti i prof. donassero una piccola parte del loro tempo per dare delle lezioni come servizio civile, sarebbe sicuramente un mondo migliore.

Domenico Carì (), Sambuca Di Sicilia Commentatore certificato 21.02.14 00:00| 
 |
Rispondi al commento

La soglia di sbarramento non dovrebbe negare l'accesso al Parlamento, ma differenziare le facoltà degli eletti: attribuiti proporzionalmente i seggi, i parlamentari eletti in liste che abbiano ottenuto meno del tot% avranno, nelle aule parlamentari, diritto "di tribuna" ma non di voto (anche se poi cambiassero gruppo).

Ugo Franco 20.02.14 23:54| 
 |
Rispondi al commento

IO SONO PER LO SBARRAMENTO 5% E SE NON CI ARRIVI SEI FUORI E NIENTE COALIZIONE. SENZA TANTI GIRI DI PAROLE, SEMPLICE SEMPLICE

cesare muneghina (golpe), ladispoli Commentatore certificato 20.02.14 23:27| 
 
  • Currently 3.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Provo a riassumere. La questione centrale è evitare le coalizioni che determinano accordi più o meno legittimi tra le parti. Le coalizioni nascono dalla volontà dei piccoli partiti di entrare lo stesso i Parlamento Un limite lo abbiamo già messo con il proporzionale corretto deciso nelle precedenti consultazioni. Ora se scegliessimo "NESSUNA soglia di sbarramento" tutti potrebbero partecipare e non avrebbero bisogno di fare coalizioni: a destra si dividerebbero Forza Italia, Lega e NCD, e lo stesso potrebbe accadere a sinistra. O no?

Egidio Pozzi 20.02.14 18:22| 
 |
Rispondi al commento

Mi piace molto ciò che ha scritto Stefano ieri alle 19:23, l'ideale del M5S sarebbe la votazione dei programmi, non delle persone o dei partiti, questa sarebbe la vera rivoluzione; nuovamente ci troviamo a dover votare per il sistema che ci pare meno peggio, perché si vorrebbe una modifica radicale della Costituzione su questo tema, per che questo succeda prima dovremo votare delle leggi che includano il NO al finanziamento ai partiti, NO al conflitto d'interessi, NO ai privilegi dei parlamentari, NO ai condannati in parlamento, ecc. de maniera che con persone un po' degne di fare una modifica alla costituzione, si possa cambiare la legge elettorale. UTOPIA?. il M5S c'è la potrebbe fare, se riesce a vincere le elezioni, dobbiamo mettercela tutta per far entrare in ragione chi voterà, con qualunque legge elettorale, non c'è altro da fare! FORZA M5S!

Maria Y., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 20.02.14 17:34| 
 |
Rispondi al commento

Per prima cosa eliminare il potere delle coalizioni. Ogni coalizione si compone di più partiti senza logiche e ideologie con l'unico scopo di entrate nella grande sala dei bottoni. L'inserimento di soglie alte di sbarramento sia in coalizione sia fuori eliminebbe dai giochi semplicemente chi non è stato votato o comunque chi nella sua propaganda ha espresso contenuti poveri.
Basta con correzioni e manfrine si al proporzionale puro

ivana carrus 20.02.14 17:07| 
 |
Rispondi al commento

Credo che la soglia di sbarramento (bassa (es 3%), su base nazionale, e valida con o senza coalizioni) sia necessaria per impedire la proliferazione di partitini che per loro natura tendono a trasmigrare di qua e di là intessendo accordi ondivaghi con i partiti più grandi, così contravvenendo al principio della rappresentatività che il proporzionale puro vorrebbe garantire. C'è inoltre da considerare che i partiti piccoli tendono ad accrescere i costi diretti e indiretti della politica (maggior numero di gruppi parlamentari, difficoltà nella composizione delle commissioni, allungamento dei tempi di discussione delle leggi).

Rosario Nicoletti 20.02.14 16:53| 
 |
Rispondi al commento

Il vero problema sono le coalizioni, in Italia non abbiamo 3 partiti che si dividono il 33% ma abbiamo 2 coalizioni e 1 partito. E' possibile inserire il divieto di coalizioni? se così non fosse bisognerebbe trovare un disincentivo alla coalzione; ad esempio una soglia di sbarramento più alta in coalizione e più bassa fuori tipo 7% dentro e 4% fuori con la conseguenza che i voti al di sotto della soglia nella coalizione vengono persi dall'intera coalizione e non assegnati al maggiore come avviene nello schifezzelum (italicum). Chi è favorevole a questa idea può copiare e incollarlo come proprio commento. CIAO A TUTTI!

Cosimo D., Molfetta Commentatore certificato 20.02.14 16:35| 
 |
Rispondi al commento

Farei una domanda sciocca, negli altri paesi del mondo si cambia la legge elettorale ogni 5/6 anni?


Bisogna togliere le alleanze che sono una porcata!

angelo mason 20.02.14 15:14| 
 |
Rispondi al commento

TOGLIERE I FINANZIAMENTI PUBBLICI AI PARTITI PUNTO E BASTA, FERMO RESTANDO IL PROPORZIONALE E LA POSSIBILITA' DI SCEGLIERE IL CANDIDATO, LE ALTRE SONO ESCLUSIVAMENTE PIPPE MENTALI.

Marco De Lazzari 20.02.14 14:28| 
 |
Rispondi al commento

io metterei due soglie di sbarramento: una molto piccola 1/2 % da valere a livello nazionale. Per intenderci se una forza politica non prende almeno 1/2 per cento a livello nazionale è fuori. una seconda un po' più alta 4/5 % a valere per collegio. Per intenderci se una forza politica prende + dell'1/2 % a livello nazionale, poi potrà partecipare all'assegnazione dei seggi solo se supera il 4/5 % sul collegio. Potrà comunque recuperare nella ripartizione dei seggi nel collegio nazionale. L'unico problema potrebbe essere se non supera in nessun collegio la soglia di sbarramento. A questo punto può partecipare alla ripartizione dei seggi a livello nazionale?. Ritengo per non snaturare troppo il sistema proporzionale che possano partecipare e quindi garantire magari una rappresentatività seppur minima. Sono d'accordo che la soglia debba essere eguale sia per le forze politiche che si presentano da sole sia per quelle che si presentano in coalizione. ma in quest'ultimo caso non ho capito se i voti vanno comunque alla coalizioe o se invece defluiscono in quelli da utilizzare nel collegio nazionale.

Pierluigi c., Macerata Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 20.02.14 14:04| 
 |
Rispondi al commento

Gent.Prof., una domanda forse da ignorante: se abolissimo la soglia minima e quindi senza alcuno sbarramento non si eviterebbero le alleanze forzate che ci sono sempre per poter entrare in parlamento? (vedi Sel-Pd nell'ultima elezione)
Grazie

monica vigano' 20.02.14 13:56| 
 |
Rispondi al commento

Mettere in scheda anche il simbolo "nessun partito mi rappresenta"
Caro Prof. Giannuli, noi non dobbiamo ricadere negli stessi limiti, furbeschi delle precedenti leggi elettorali ma dobbiamo far partecipare acnhe chi è stanco dei partiti e non vuole neanche votare piu.

Noi a Cinisello abbiamo perso un seggio per via di una regola aritmetica del resto creata da un nordico e abbiamo perso 16 seggi per i voti non assegnati per la gente che non ha votato perché disinteressata sia alla destra che alla sinistra cone noi.

In qualità di rappresentante di lista in occasione delle ultime elezioni ho notato che manca nelle schede proprio il simbolo "nessun partito mo rappresenta".

Se proponessimo la riforma del Regolamento di assegnazione seggi all'interno della riforma della legge elettorale e poi anche un paragrafo nel nuovo disegno di legge in corso di preparazione che consideri i non votanti non come inesistenti ma con l'inserimento del simbolo in scheda che preveda proprio i non votanti nè a destra nè a sinistra solo coi quali noi potremmo dichiarare subito di coalizzarci ed anzi di co-rappresentare poichè essi fanno parte autopmaticamente dei NON VOTANTI A DESTRA O A SINISTRA MA VOTANTI SOLO UN NON PARTITO costituendo automaticamente un Movimento di Non partitici.

NOI IN QUALITA DI MOVIMENTO POTREMMO CREARE L'ASSOCIAZIONE DI TUTTI I MOVIMENTI E CON ESSI COALIZZARCI POICHE' NON PARTITI
.
Anzichè i 2 seggi ne avremmo presi più di 18.

Lei Che ne dice?


EF

Le condivido slide della teoria

guarda la presentazione

guarda il pdf

ermanno faccio, ermannofaccio@gmail.com Commentatore certificato 20.02.14 13:32| 
 |
Rispondi al commento

La soglia dovrebbe essere molto alta tra 8% e 10%, tale cifra stimolerebbe i diversi partiti o movimenti ad impegnarsi di più,cercando di guadagnarselo sul campo il voto con credibilità e coerenza.

Luca TC (glk), Roma Commentatore certificato 20.02.14 13:12| 
 |
Rispondi al commento

A me il Prof Giannuli è tanto simpatico, ma sono per il maggioritario.
E' vero che è quello che propone la casta, ma sostenere forzatamente il contrario mi farebbe sentire come condizionata, e quimdi limitata nel pensiero, dalla stessa.
Ros

Rosella F., Cosenza Commentatore certificato 20.02.14 13:09| 
 |
Rispondi al commento

perchè in Italia non potrebbe funzionare una uninominale secca un candidato per ogni collegio chi prende la percentuale più alta vince il collegio?

si formerebbero due coalizioni: destra sinistra, neri bianchi, scapoli ammogliati, in cui confluirebbero i "partiti" in modo dinamico, magari una volta Monti con gli scapoli la volta dopo con gli ammogliati... e si andrebbe verso un sistema tipo anglosassone che darebbe le maggiori garanzie di governabilità.

MrTitian 20.02.14 12:26| 
 |
Rispondi al commento

Se posso permettermi di chiedere una cosa vorrei domandare perchè non si abolisce la coalizione di più partiti? Ogni partito deve correre da solo.
Guardate SEL in coalizione insiema al PD e poi all'opposizione.
Ma cosè ci pigliano per il c...lo?
Grazie

Dario Franzin 20.02.14 12:25| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve ! secondo quello che penso, e meglio lo sbarramento di almeno il 10 %, per eliminare partitini ricattatori e in'utili, poi eliminare le coalizioni e renderle fuorilegge, ogni partito che prende piu' voti deve essere considerato solo ed unico vincitore. Un partito propone i suoi candidati al popolo online , il popolo sceglie o propone i suoi candidati, e da li si sceglie.
Tutto il resto non e molto democratico, perche' il popolo non puo' scegliere liberamente.
Con eliminazione delle provincie ed il senato, in piu' un numero limitato di parlamentari, che possono essere i presidenti di ogni regione, si snellisce la politica, Il presidente garante della costituzione deve essere eletto dal popolo !

luciano n., aprilia Commentatore certificato 20.02.14 12:15| 
 |
Rispondi al commento

Grazie al M5S stiamo riacquistando sovranità popolare che vuol dire ANCHE far sentire la propria voce. Ma per farla sentire è nostro DOVERE informarci, approfondire e divulgare. Costa un po' di sacrificio ma quello che abbiamo in cambio ha un valore inestimabile.

Andrea Rossi, Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 20.02.14 11:44| 
 |
Rispondi al commento

lo sbarramento non deve superare il 3% ma il conteggio dei seggi dovrà essere fatto sui voti presi e non sommarli ad altri partiti .
prende più seggi il partito singolo che ha totalizzato più voti con un premio non più grande del 10%

bruno ganciu 20.02.14 11:34| 
 |
Rispondi al commento

la soglia di sbarramento è indispensabile 4/5 /6 non di più troppi piccoli si frantumano per dare voce non a una minoranza ma ad una lobi... Io leverei di mezzo le coalizioni o sei da una parte o sei dall'altra con il divieto del salto sei stato eletto in quel partito li rimani o torni a casa hai promesso un programma quello devi portare avanti altrimenti torni a casa ... senza tanti giri di parole ......

costantino demuro, genova Commentatore certificato 20.02.14 11:25| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

almeno finchè ci saranno i rimborsi elettorali ad ogni elezione si presenteranno decine di micropartiti inutili inventati al solo scopo di papparsi i soldi pubblici: sono quindi a favore dello sbarramento.

gianluigi t., perugia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 20.02.14 11:12| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento

Bisogna andare subito al voto dopo che viene approvata la legge elettorale.
Anche se penso che la legge elettorale sarà approvata a fine legislatura.

Antonio G., Reggio Calabria Commentatore certificato 20.02.14 10:50| 
 |
Rispondi al commento

Chi è stato eletto nel M5S e non è d'accordo con la Politica del Movimento e vorrebbe mischiarsi con gli attuali politici che fano accordi con pregiudicati, deve essere espulso dal Movimento.

Antonio G., Reggio Calabria Commentatore certificato 20.02.14 10:47| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento

La soglia di sbarramento, fatta da chi è sicuro di superarla, non suona bene in "DEMOCRAZIA", dove, fino a prova contraria, deve essere garantita la rappresentanza di tutti i cittadini.
Per dare questa garanzia si potrebbe sì, mettere una soglia (4, 5, 6%), ma tutti i voti che sono stati presi dai partiti che non hanno superato tale soglia dovrebbero essere sommati e conteggiati per poi essere divisi in percentuale tra gli stessi partiti senza quorum.
Si avrebbe cosi anche una rappresentanza data dalla somma di tutti i voti dei cittadini che sono stati dati ai piccoli partiti.
Se non si da la rappresentanza ai "piccoli", chi supera la soglia beneficia anche del voto di chi si era espresso diversamente.

Vincenzo Antona 20.02.14 10:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A chi dice che con il proporzionale il M5S non darebbe mai al governo.... Dico che la legge elettorale non si fa cucita addosso a un partito ma si fa cucita addosso al Paese.

Per chi dice che si sta scegliendo un maggioritario...forse non ha capito che si è scelto un sistema proporzionale.

Io voterò per una soglia di sbarramento. Che sia almeno del 4%. Ok alla rappresentatività ma a tutto c'è un limite e i cittadini devono imparare a votare in modo intelligente.... Non si possono votare partiti nati sotto elezioni che sicuramente prederanno l'1%. Si dovrà andare verso partiti che più ci rappresentano che siano certi dal 4% in su.

Per i collegi piccoli lo vedo come fumo negli occhi perché in Italia ci sono le promesse elettorali locali: clientelismi.

Buona votazione a tutti!

Davide M., Milano Commentatore certificato 20.02.14 09:24| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

Ciao ha tutti,
ho fatto una simulazione di proporzionale corretto sulla base dei risultati delle elezioni 2013.
Correggendo il proporzionale col metodo del divisore. Contando prima 1,2,3 poi 1,1.5,2 e infine 1,1.33,1.66.2, ecc.
I risultati sono strabilianti non serve alcun sbarramento con gli step da 1/3 avremmo avuto una maggioranza parlamentare Bersani-Monti come previsto prima delle elezioni.

Lista %Voti Seggi Divisore Divisore Divisore
Porcellum (1,2,3,4) (1,1.5,2,2.5) (1,1.33,1.67,2)

PARTITI IN AULA 10 11 8 8

BERSANI 29.781% 345 200 210 306
BERLUSCONI 28.960% 125 182 177 257
GRILLO 25.270% 109 185 198 291
MONTI 18.850% 47 53 43 57
INGROIA 2.247% 0 6 0 0
GIANNINO 1.122% 0 1 0 0
ALTRI 2.398% 2 3 2 2

MAGGIORANZA 316

Ho utilizzato i collegi del Porcellum e i voti della Camera dei Deputati.

Robero Cerrato, La Loggia (TO) Commentatore certificato 19.02.14 22:58| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Poche settimane fa l'onorevole Carlo Giovanardi ha avuto il coraggio ancora di difendere Giulio Andreotti sulle pagine di un quotidiano di Roma che non voglio citare.

Perchè invece non ricordiamo seriamente il bravissimo giornalista Mino Pecorelli ?

Francesco Cagliari 19.02.14 21:00| 
 |
Rispondi al commento

anni fa al festival di Sanremo ANTOINE cantava pietre! ascoltatela! mi fa pensare a qualcosa: sela situazione è Fallimentare è colpa di Grillo! se non c'è democrazia è colpa di Grillo! se c'è corruzione è colpa di Grillo! se c'è disoccupazione è colpa di Grillo!se c'è disordine e burocrazia è colpa di Grillo! continuate l'elenco....perché Grillo è al potere da piu' di 30 anni! quindi ha enormi responsabilità!!!!

franco a., roma Commentatore certificato 19.02.14 20:32| 
 |
Rispondi al commento

COME SUGGERISCE IL PROF. GIANNULI VOTERO' PER I COLLEGI PICCOLI DI 5 CANDIDATI!
IN QUESTO MODO SI VIENE A CREARE UNA ALTA SOGLIA DI SBARRAMENTO NATURALE ED IMPLICITA AL 20%.
FATEVI DUE CALCOLI PER CAPIRE:
SE CI SONO 5 SEGGI PER COLLEGIO:
1 SEGGIO EQUIVALE AL 20% DEI VOTI.
2 SEGGI EQUIVALGONO AL 40% DEI VOTI.
3 SEGGI EQUIVALGONO AL 60% DEI VOTI.
4 SEGGI EQUIVALGONO AL 80% DEI VOTI.
5 SEGGI EQUIVALGONO AL 100% DEI VOTI.
SE UN PARTITO O COALIZIONE NON RAGGIUNGE ALMENO IL 20% IN UN COLLEGIO NON OTTIENE NEANCHE UN SEGGIO IN QUEL COLLEGIO E NON C'è NESSUN RIPESCAGGIO NEL COLLEGIO UNICO NAZIONALE.
QUESTO è L'UNICO MODO PROPORZIONALE E COSTITUZIONALE PER IL M5S DI RAGGIUNGERE IL 51% O OLTRE! :-)

M L Commentatore certificato 19.02.14 20:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Nessuna clausola di sbarramento-

Amelia Rosa Debernardi, Castiglione d'Adda (LO) Commentatore certificato 19.02.14 20:20| 
 |
Rispondi al commento

C'ho pensato a lungo e alla fine sono arrivato alla conclusione che forse la soluzione migliore di tutte e che rappresenta il futuro e' che non si votino piu' partiti o le persone ma direttamente le idee sui programmi operativi da applicare. Una volta definito quel che c'e' da fare si puo' nominare per elezione o per concorso coloro che sono chiamati ad attuare il programma. Ovviamente chi non fa il proprio lavoro va a casa e si chiama un altro ad operare al posto suo.

Saluti,
STEFANO

Stefano 19.02.14 19:23| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 9)
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'art. 49 della Costituzione stabilisce che "tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale".
Non mi sembra proprio che la Costituzione escluda dal Parlamento partiti o coalizioni con vari milioni di voti, come pretenderebbero gli autori della proposta Italicum.
Con l'applicazione di soglie di sbarramento eccessivamente alte, milioni di elettori rischierebbero di essere esclusi dalla rappresentanza in Parlamento e non potrebbero quindi "concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale" come invece stabilisce l'art. 49 della Costituzione.
Il diritto stabilito nell'art. 49 della Costituzione deve essere garantito a tutti, sia ai cittadini che votano per partiti interni ad una coalizione sia a quelli che votano per partiti non in coalizione.
Un'eventuale soglia di sbarramento deve essere molto bassa (1% o 2% circa) e uguale per tutti.

Carlo Rossi 19.02.14 18:58| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

5% con OBBLIGO di REsidenza (almeno 2 anni)---basta trasfughi--

wiwa la parre 19.02.14 18:51| 
 |
Rispondi al commento

se il sistema elettorale scelto, proporzionale, prevede il ballottaggio tra i primi due partiti che chi vince prende la maggioranza dei seggi (330/340) giusto per garantire la governabilità, tutti gli altri si dividono i seggi rimanenti senza bisogno di sbarramenti. A questo punto bisognerebbe agire sul regolamento camera per evitare nascita nuovi soggetti in parlamento e su costituzione in cui venga stabilito che il governo espresso dal partito che vince è "fiduciato" con il voto popolare, se decade si ritorna al voto, giusto per uscire da giochi di palazzo

stefano c., quinto di treviso Commentatore certificato 19.02.14 16:53| 
 |
Rispondi al commento

IO SONO PER I COLLEGI PICCOLI DI 5 CANDIDATI, COME SUGGERISCE IL PROF. GIANNULI!!!
IN QUESTO MODO SI VIENE A CREARE UNA ALTA SOGLIA DI SBARRAMENTO NATURALE ED IMPLICITA AL 20%.
FATEVI DUE CALCOLI PER CAPIRE:
SE CI SONO 5 SEGGI PER COLLEGIO:
1 SEGGIO EQUIVALE AL 20% DEI VOTI.
2 SEGGI EQUIVALGONO AL 40% DEI VOTI.
3 SEGGI EQUIVALGONO AL 60% DEI VOTI.
4 SEGGI EQUIVALGONO AL 80% DEI VOTI.
5 SEGGI EQUIVALGONO AL 100% DEI VOTI.
SE UN PARTITO O COALIZIONE NON RAGGIUNGE ALMENO IL 20% IN UN COLLEGIO NON OTTIENE NEANCHE UN SEGGIO IN QUEL COLLEGIO E NON C'è NESSUN RIPESCAGGIO NEL COLLEGIO UNICO NAZIONALE.
QUESTO è L'UNICO MODO PROPORZIONALE E COSTITUZIONALE PER IL M5S DI RAGGIUNGERE IL 51% O OLTRE! :-)

M L Commentatore certificato 19.02.14 13:38| 
 |
Rispondi al commento

concordo con la soglia intermedia tra il 5% ed il vecchio sistema dei 300.000 voti a livello nazionale, cioè con una soluzione intorno al 2/3 %. Va evitata invece l'idea dei collegi piccoli e delle soglie diverse se uno si presenta da solo o in coalizione: sono fonte di imbrogli localistici e di accordi sotto banco, meglio liste solitarie con programmi chiari e convergenze successive su tale base...

carlo d., roma Commentatore certificato 19.02.14 12:57| 
 |
Rispondi al commento

Collegi intermedi(forse si va per i piccolissimi a leggere commenti e anche il "consiglio" di Giannulli), difficile che qui vincerà "nessuna clausola di sbarramento", correzioni...

A questo punto tra Italicum e spagnolo a 5s preferiscono che non si faccia nulla in Parlamento e si vada al voto col Porcellum corretto dalla consulta.

Mi spiace, ma pensavo che sulla legge elettorale il m5s avrebbe osato e si sarebbe messo traverso all'ideologia della governabilità(che si confonde con la "stabilità degli esecutivi"; anche quando non fanno gli interessi della cittadinanza).

Alla Camera dei Deputati, almeno ad una Camera, la rappresentanza deve essere politica e quindi il più aderente alla realtà, purtroppo anche chi parla di "democrazia diretta" in fondo in fondo va verso il plebiscitarismo di setta e non verso la DD e tantomeno al riprestino di un più genuino rapporto cittadini-istituzioni, pensando alla rappresentanza e alla realtà.
Anche i 5s vogliono essere sovrastimati sulla pelle dei "partitini": Qual è la differenza su questo argomento con PD e PDL? Nessuna.

PROPORZIONALE PURO O BARBARIE!

Robb Stark, Winterfell Commentatore certificato 19.02.14 12:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il professore non ha certo il dono della chiarezza, ma su una cosa ha assolutamente ragione: le regole devono essere le piú lineari ed omogenee possibili, proprio per la necessitá che siano chiare per tutti.
In tale ottica penso che la clausola di sbarramento unica al 4% sia l'impostazione migliore: chi la supera é dentro, chi é al di sotto resta fuori e aspetta un giro.

guido ligazzolo, merano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 19.02.14 12:18| 
 |
Rispondi al commento

Considerando che purtroppo ci saranno ancora stipendi elevati per i parlamentari e proficui rimborsi elettorali, c'è il forte rischio della proliferazione delle liste che si presentano alle elezioni a scopo di lucro. Quindi se si mettono insieme 2 o 3 associazioni massoniche, sette religiose, paraculi vari (tipo Forza Roma, o Forza Lazio), o addirittura associazioni criminali, queste potrebbero fare delle liste ed entrare in parlamento grazie al voto di scambio. Pertanto io sono favorevole a una soglia di sbarramento medio-bassa dell'1-2%, che per semplicità potrebbe anche essere fissata a 1 milione di voti.

iocchi marco, roma Commentatore certificato 19.02.14 11:57| 
 |
Rispondi al commento

Bene la rete nell'approvare l'incontro con Renzi per dire no al suo governo. Ma sarebbe anche bene che i 5st dicessero a quali condizioni ci starebbero.
Malissimo invece la scelta del proporzionale. Con il proporzionale i 5st non andranno mai al governo. Mentre uno scontro PD 5st al ballotaggio oggi sarebbe più che possibile.La destra è allo sbando, con una accorta strategia, che passa anche per l'assunzione di qualche responsabilità, berlusconi sarebbe battibile al primo turno e poi al ballattaggio chissà..

francesco musella 19.02.14 10:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per quanto riguarda la dimensione dei collegi, mi pare che la rete si sia gia' espressa, quindi votiamo se vogliamo oppure no le quote di sbarramento e se si' in che percentuale. Non mi rimettete sulle opzioni le dimensioni dei collegi...
Sulle elezioni nazionali credo che abbia piu' senso agire con una quota di sbarramento che ridimensionare i collegi. Io preferisco favorire un partito che abbia rappresentativita'nazionale che locale. Per gli interessi locali ci sono le elezioni regionali...

Ruth B., Anguillara Sabazia Commentatore certificato 19.02.14 09:19| 
 |
Rispondi al commento

SENZA DUBBIO: COLLEGI PICCOLI DI 5 CANDIDATI COME SUGGERISCE IL PROF. GIANNULI!!!
IN QUESTO MODO SI VIENE A CREARE UNA ALTA SOGLIA DI SBARRAMENTO NATURALE ED IMPLICITA AL 20%.
FATEVI DUE CALCOLI PER CAPIRE:
SE CI SONO 5 SEGGI PER COLLEGIO:
1 SEGGIO EQUIVALE AL 20% DEI VOTI.
2 SEGGI EQUIVALGONO AL 40% DEI VOTI.
3 SEGGI EQUIVALGONO AL 60% DEI VOTI.
4 SEGGI EQUIVALGONO AL 80% DEI VOTI.
5 SEGGI EQUIVALGONO AL 100% DEI VOTI.
SE UN PARTITO O COALIZIONE NON RAGGIUNGE ALMENO IL 20% IN UN COLLEGIO NON OTTIENE NEANCHE UN SEGGIO IN QUEL COLLEGIO E NON C'è NESSUN RIPESCAGGIO NEL COLLEGIO UNICO NAZIONALE.

M L Commentatore certificato 19.02.14 00:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A Berlusconi gli sta bene. In Sardegna è stata votata una legge elettorale con Forza Italia simile a quella che B. ha contrattato con Renzi con il premio di maggioranza. Il risultato è che la sinistra con il 46% dei voti ha avuto 36 dei 60 consiglieri e Forza Italia (con alleati) il 39% si è preso inutilmente il resto dei seggi. Io mi sono presentato al seggio per non votare. E' stato messo a verbale che "rifiutavo la scheda perché non mi sentivo rappresentato da alcun partito e mancava la lista 5stelle. Il risultato miha dato ragione. Infatti ha votato solo il 52,2%. Se ci fosse stata la lista 5stelle non vi sarebbe stato tanto giusto assenteismo. Ma bisogna che Grillo si batta per il proporzionale perché queste due opposte coalizioni (pur con il suicidio di Berlusconi ridotto ad inutile minoranza con la legge elettorale italicum, meglio bastardellum) farebbero fuori 5 stelle anche se avesse il 30% dei voti se PD e FI con rispettivi alleati suprassero il 30%. Che ne direbbe Grillo di una dimissione i massa dei parlamentari di 5stelle in modo che questo parlamento sia costretto ad autosciogliersi andando a votare con l'ultima legge costituzionale che riprenderebbe automaticamente vigore perché questo parlamento è di composizione anticostituzionale a causa del porcellum? O anche molti parlamentari di 5stelle sono attaccati alle poltrone. Ma sicuramente andando ad elezioni con il proporzionale e senza pemio di maggioranza tutti gli attuali parlamentari meriterebbero di essere ricandidati e sicuramente verrebbero rieletti.

Pietro Melis, cagliari Commentatore certificato 18.02.14 22:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A risentirci alla prossima CONCRETEZZA.

teodora a Commentatore certificato 18.02.14 22:09| 
 |
Rispondi al commento

SAN REMO 2014:

Beppe Grillo davanti al Teatro Ariston
ha attaccato Berlusconi.

Francesco Cagliari 18.02.14 20:31| 
 |
Rispondi al commento

Io penso che sarebbe meglio dire il proprio punto di vista direttamente a Renzo

Vincenzo Ulli 18.02.14 20:13| 
 |
Rispondi al commento

ho letto con una certa difficoltà, anche morfo-linguistica , la riflessione del sig. Giannuli.
In questa platea di retinati, la linguistica dovrebbe essere la chiave di (s)volta per consentire ad una più ampia platea la possibilità di "capire" bene il problema e l'essenza di cui si parla.
Concordo con lui, in via preliminare, che bisogna eliminare tutti i pre-amboli di cui è circondata la discussione sulla riforma elettorale.
Al momento, ci sono molti distinguo sui quali evito di parlare perchè oramai stantii. Quando si parla di riforma elettorale, per dare concretezza alla parola "riforma", bisogna essere determinati(innanzitutto) e non guardare alla difesa del proprio orticello perché , così facendo, non si va da nessuna parte. L'accordo Renzi-Berlusconi è incappato in queste pastoie: salvo la lega, allora abbasso il quorum ; faccio le circoscrizioni piccole in modo da salvare i piccoli partiti all'interno delle rispettive coalizioni.
Mi sembra che si stia giocando. Quanto era più seria la proposta di premio di maggioranza del 1953 della Dc - solo il 10%- a chi raggiungeva il 40% del voto elettorale!
La legge elettorale, per superare la frammentazione dei partiti( potremmo anche nominarli associazioni, gruppi di opinioni, lobby,ecc.ecc...), potrebbe ricondursi ad un principio elementare: al Parlamento entrano e siedono i gruppi che raggiungono, aldilà dell'aggregazione a coalizioni o meno a (s)poli( che vergogna sentir parlare di poli quando oramai abbiamo visto e constatato che , dopo un mese, va tutto a carte quarantotto!) 5/& % del votanti effettivi. Per un motivo molto semplice: non può considerarsi gruppo portatore di interessi sociali e valoriali chi prende lo 0,9, l'1 %. Facciamo l'esempio della Meloni, dell'UDC e di altri.
Per sedere su quegli scranni devi rappresentare una signficativa porzione della popolazione.
La "tedesca" poteva essere una buona soluzione, con qualche piccolo ritocco.
Speranze? Al lumicino.Poveri noi!

Luigi M., lecce Commentatore certificato 18.02.14 18:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


Abbiamo un porto che ha dimostrato come si è comportata la sua dirigenza per sottrarre gli investimenti a fastidiose gare di appalto: il solito spezzatino sotto la cifra che imporrebbe una sana e onesta gara. Dopo venti anni è stato reso pubblico il disastro inimmaginabile e l'interessato "non controllo" sullo smaltimento di rifiuti tossici e velenosi a tutti i livelli e per tutta Italia. Siamo fruitori di una politica che al più alto livello ha secretato la confessione illuminante (per un Paese normale) di Carmine Schiavone su come si è, e probabilmente si sta ancora operando (forse ora in misura meno sfacciata... speriamo...) nello smaltimento "creato" dalla associazione della parte peggiore di industria politica e criminalità organizzata. Abbiamo dei compensi per manager, funzionari di Stato e ambasciatori, cifre per tutto il mondo moderno semplicemente esagerate, anche elargite da società che generano pubbliche perdite, e pensionamenti che solo per la casta riescono a raggiungere con vergognosi accumuli cifre che creerebbero vergogna anche nei paesi più arretrati. L' andazzo di questo modo di procedere genera inevitabilmente l' esigenza di ogni tipo di risparmio sulla spesa pubblica, purché non ricada sulla casta! Da non dimenticare i colpevoli risparmi sulle impegnative "pulizie" delle sale operatorie, che cominciano oltre che ad "abbattere" qualche sfortunato fruitore anche a non poter usufruire di una normale quantità di sale, perché contaminate; generando una snervante fuga verso altri ospedali. Per quanto riguarda le banche, i loro vertici sono stati spesso scoperti con le mani nella marmellata; ma la scoperta è stata fatta sempre e solo quando le loro gherminelle erano ormai rigorosamente prescritte. Il che significa che se i dirigenti sono giovani rientrano quasi sempre dalla finestra, e se non lo sono si godono pensioni milionarie senza che la società civile abbia la possibilità di chiedere conto del loro operato! Potenza del consociativismo: "Non

marco emilio grasso, genova Commentatore certificato 18.02.14 18:33| 
 |
Rispondi al commento

Tutto questo avviene mentre noi, comuni mortali, stiamo subendo controlli di tipo sovietico; imposizione di moneta digitale, il controllo sulle nostre spese per verificare se possibili con i nostri stipendi e non giustificabili con normali e sani risparmi. La conseguenza sarà, per gli attenti controllori, inevitabilmente frutto di una sicura evasione e quindi in quanto tale bisognerà ripagare! Mentre i nostri leader qui sono praticamente cittadini onorari, e quindi hanno ville incantevoli in tutti i paradisi fiscali. Psicologicamente a farci sentire peggio è l' incompatibilità di una forza politica che vuole o "il paradiso o niente" ma di provare a metter rimedio a questo imbarazzante presente, sia pure con le forze migliori del partito in questione non ci pensa neppure! L' esempio di Mandela che dopo 27 anni di carcere ha governato con i suoi carcerieri non dovrebbe servire a qualcosa? La cosa che non è riuscita a capire Grillo è che tutti saremmo andati in fila a ringraziarlo per aver comunque messo da parte Berlusconi,Verdini, Brunetta, Santanché, Capezzone e tutti gli altri che, grazie alla sua intransigenza e cecità sono risorti e ringiovaniti più belli e cattivi di prima! E se questo movimento fosse nato solo per urlare dando la semplice illusione dello sfogo per tenerci buoni, e poi quando si deve decidere su problemi importanti sembra colto dal panico? Un atroce sospetto

marco emilio grasso, genova Commentatore certificato 18.02.14 18:30| 
 |
Rispondi al commento

Per quanto mi riguarda, il proporzionale corretto con divisore rettificato e collegi "piccoli" ( intermedi ) è la strada che stavamo seguendo in maggioranza.

Mi pare che sia stato chiamato collegio piccolo e non intermedio, solo per presentare nelle opzioni la possibilità. E quindi di poter discutere in un secondo momento, su quanto vasto o limitato debba essere il numero di candidati. Se è così allora tutti quelli che volevano l' intermedio dovranno per forza votare per il piccolo non curandosi di sbarramento si/no. Altrimenti non avrebbe avuto senso scegliere nella 2^ consultazione sulla legge elettorale, l' intermedio.

corrado marinotto 18.02.14 18:16| 
 |
Rispondi al commento

Devo ammettere che sta diventando complicato seguire tutti i cavilli e le possibilitá proposte. Credo che il Prof. Giannulli sia chiarissimo nella sua esposizione ma poiché la materia é alquanto complessa per i non addetti ai lavori, propongo di fermarsi un attimo e riepilogare bene quali sono i punti giá definiti con le precedenti votazioni e che scenari si aprono applicando l'una o l'altra delle opzioni proposte con questo quesito. Una presentazione power point potrebbe aiutare.

Massimo Papale, Foggia Commentatore certificato 18.02.14 18:05| 
 |
Rispondi al commento

VOTERO' PER I COLLEGI PICCOLI DI 5 CANDIDATI COME SUGGERISCE IL PROF. GIANNULI!!!
IN QUESTO MODO SI VIENE A CREARE UNA ALTA SOGLIA DI SBARRAMENTO NATURALE ED IMPLICITA AL 20%.
FATEVI DUE CALCOLI PER CAPIRE:
SE CI SONO 5 SEGGI PER COLLEGIO:
1 SEGGIO EQUIVALE AL 20% DEI VOTI.
2 SEGGI EQUIVALGONO AL 40% DEI VOTI.
3 SEGGI EQUIVALGONO AL 60% DEI VOTI.
4 SEGGI EQUIVALGONO AL 80% DEI VOTI.
5 SEGGI EQUIVALGONO AL 100% DEI VOTI.
SE UN PARTITO O COALIZIONE NON RAGGIUNGE ALMENO IL 20% IN QUEL COLLEGIO NON OTTIENE NEANCHE UN SEGGIO.

M L Commentatore certificato 18.02.14 16:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Allora, veniamo al dunque perché essere irretito non mi piace.
La mia risposta al quesito posto da Giannuli è: NESSUNA clausola di sbarramento.

Spero che sia chiara la mia conferma per una scelta di fondo a favore di un sistema PROPORZIONALE che sia il meno corretto possibile in senso maggioritario.
Ricollegandomi all'esito della 4^ consultazione, chiederei un metodo del DIVISORE RETTIFICATO con ragione 0,9 (dove i divisori successivi sono quindi 1-1,9, 2,8, 3,7, 4.6 etc.).

Claudio Solarino, Milano Commentatore certificato 18.02.14 16:24| 
 |
Rispondi al commento

Giannuli: "L’alternativa sono i collegi piccoli".

Mia osservazione: in sede di 2^ consultazione sulla legge elettorale ci siamo già chiaramente espressi per i "COLLEGI INTERMEDI", non per quelli piccoli.
Noncisenti, forse? Intendi non tener conto della scelta già operata?
Vuoi forse manipolare le scelte della base M5S? A me pare proprio questo il tuo tentativo.

Claudio Solarino, Milano Commentatore certificato 18.02.14 16:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Giannuli, quante correzioni al proporzionale vuoi?
Posto che sulla materia la base M5S si è già chiaramente espressa a favore del PROPORZIONALE, in sede di 4^ cosultazione è stato già scelto il correttivo al proporzionale (metodo del divisore rettificato).
Apportare altre correzioni al proporzionale apparirebbe una operazione volta a sovvertire la scelta proporzionalistica già fatta. Non ti pare?

Claudio Solarino, Milano Commentatore certificato 18.02.14 16:01| 
 |
Rispondi al commento

COLLEGI PICCOLI DI 5 CANDIDATI COME SUGGERISCE IL PROF. GIANNULI!!!
IN QUESTO MODO SI VIENE A CREARE UNA ALTA SOGLIA DI SBARRAMENTO NATURALE ED IMPLICITA AL 20%. (FATEVI DUE CALCOLI PER CAPIRE)!

M L Commentatore certificato 18.02.14 15:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Domanda di Giannuli: "come riusciamo a contenere il numero dei partiti? ".
Mia personalissima risposta: per me il problema di contenere il numero dei partiti non si pone - e comunque è di modestissima importanza.
Per parte mia, quindi, nessuna soglia di sbarramento. Se proprio la volete l'1% è anche troppo.

Claudio Solarino, Milano Commentatore certificato 18.02.14 15:51| 
 |
Rispondi al commento

Le circoscrizioni, secondo me, devono essere piccole (7-10 candidati ciascuna), senza soglie di sbarramento prestabilite.
Ogni candidato deve essere residente nella circoscrizione in cui si presenta (e quindi nessuna candidatura multipla e ripescaggi vari).
Questo elimina piccoli partiti senza candidati forti a livello locale.
Inoltre permette di contenere molto il costo della campagna elettorale (non dovrà girare un grande territorio alla ricerca delle preferenze) e al tempo stesso garantirà un maggior legame col territorio.

iacopo z. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 18.02.14 15:44| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Renzie forse non hai capito... DEVI RIDURTI LO STIPENDIO
DEVI rinunciare a tutte le cariche: SINDACO, PRESIDENTE DEL PD.
DEVI rinunciare al finanziamento ai partiti.
DEVI rinunciare al VITALIZIO.
DEVI rinunciare alla DIARIA per stare a Roma.
DEVI pagarti da mangiare, da dormire, da viaggiare con il tuo stipendio.
Tutto il resto che DICI NON CONTA NIENTE...

ROSSANA I., ROMA Commentatore certificato 18.02.14 15:25| 
 |
Rispondi al commento

TRE PARTITI, NON DI PIÙ.
IL RESTO È MATERIA GRIGIA COMPLETAMENTE INUTILE, DANNOSA E DISPENDIOSA.
ITALIANI: RENDIAMOCI CONTO CHE QUESTI MAGNASOLDI CI PORTERANNO ALLA ROVINA.
A CASA, A CASA TUTTI.
PENSATE CHE SE RENZI AVESSE QUALCHE BUONA INTENZIONE GLIELA LASCHERANNO CONCRETIZZARE ???.
NON ILLUDETEVI: LA CASTA MAFIOSA GLIELO IMPEDIRÀ.
SENTIVO UN COMPONENTE DEL PD CHE INTERVISTATO DICEVA : SE LE SUE PROPOSTE SARANNO PER MIGLIORARE I PROBLEMI QUALI LAVORO, DISOCCUPAZIONE, ecc. ecc. LO APPOGGEREMO SICURAMENTE.
MA IO DICO CON CHE CORAGGIO CERTI PARLAMENTARI SEDUTI LA DA PIÙ DI 30 ANNI HANNO LA SFACCIATAGGINE DI DIRE QUALI SONO LE COSE GIUSTE DA FARE SE IN 30 ANNI NON HANNO FATTO UN CAZZO SE NON SUCCHIARE SANGUE AGLI ITALIANI.
VEDRETE...SARANNO GLI STESSI POLITICI DEL PARTITO DI RENZI A TAGLIARGLI LE GAMBE, PUR DI NON PERDERE LA POLTRONA.
MA POI PERCHÉ SI DEVE RISOLVERE UN PROBLEMA AL MESE COME DICE RENZI ?. QUANTO CI METTONO LORO AD ALZARSI LO STIPENDIO, AD AUMENTARE L'IVA O A METTERE L'IMU ???.
SONO TUTTI UN AMMASSO DI GENTE CORROTTA E MAFIOSA E SENZA SCRUPOLI VERSO IL POPOLO ITALIANO.
A LORO DEGLI ITALIANI NON INTERESSA UN BEL NIENTE.
A ME BASTEREBBERO TRE GIORNI PER RADRIZZARE L'ITALIA, LORO IN TRENT'ANNI L'ANNO SOLO ROVINATA.
A CASA, TUTTI A CASA.
TIENI DURO M5S TIENI DURO CON LE BUONE, PERCHÉ NON MANCA MOLTO
ALLA RESA DEI CONTI, E SE QUEGLI IGNOBILI SIGNORI NON SI RENDERANNO CONTO CHE IL CIBO AGLI ITALIANI COMINCIA A SCARSEGGIARE, PEGGIO PER LORO.

vaffan.... 18.02.14 13:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il vero problema sono le coalizioni, in Italia non abbiamo 3 partiti che si dividono il 33% ma abbiamo 2 coalizioni e 1 partito. E' possibile inserire il divieto di coalizioni? se così non fosse bisognerebbe trovare un disincentivo alla coalzione; ad esempio una soglia di sbarramento più alta in coalizione e più bassa fuori tipo 7% dentro e 4% fuori con la conseguenza che i voti al di sotto della soglia nella coalizione vengono persi dall'intera coalizione e non assegnati al maggiore come avviene nello schifezzelum (italicum). Chi è favorevole a questa idea può copiare e incollarlo come proprio commento. CIAO A TUTTI!

ANTONIO M., COMO Commentatore certificato 18.02.14 13:57| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non mi ricordo piu' quanto debbono essere lunghi gli zucchini, Qualcuno puo' aiutarmi?

spuseta 18.02.14 13:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Propongo una legge, con relativo regolamento, per stabilire come pulirci il cxxo con la scheda elettorale.( fare riferimento alla normativa comunitaria).

spuseta 18.02.14 12:58| 
 |
Rispondi al commento

http://perchiunquehacompreso.blogspot.it/2014/02/renzi-ci-confischera-i-depositi.html#comment-form
È chiaro il motivo della fretta con cui è stato rovesciato Letta e messo al suo posto Renzi senza passare per il voto popolare: l’ennesimo colpetto di Stato condotto con febbrile accelerazione. C’è bisogno di un «giovane» per applicare l’amarissima medicina ideata dai geni eurocratici. È così che ci verrà gabellata la confisca: contribuirete alla tanto attesa ripresa! Se ne avete, spendetene adesso un po’, anche in spese pazze. Sempre meglio che darli al Fisco.

«I risparmi dei 500 milioni di cittadini dell’Unione Europea saranno usati per finanziare investimenti a lungo termine per stimolare l’economia e contribuire a riempire il vuoto lasciato dalle banche dall’inizio della crisi finanziaria». Così si legge in un documento riservato della Commissione Europea, che però la Reuters ha potuto leggere.

Tradotto dalla lingua di legno, significa questo: la confisca dei risparmi depositati in banca. Ossia la «cura» usata per Cipro a danno dei depositanti, estesa all’Europa. Ma non alla Germania, ovviamente: soltanto a quella parte dell’Europa dove i privati hanno tanti soldi da parte, eppure non li investono nelle loro economie reali (perché le banche preferiscono mettere i soldi in titoli di Stato senza rischio); Paesi che, inoltre, nonostante questo tesoro in cassa, sono in stato di indebitamento astronomico.

Indovinate a quali paesi si alluda.

Naturalmente, non è una novità. Da tempo Angela Merkel ripete che gli italiani, in banca e in case, hanno più patrimonio dei suoi tedeschi. Eugenio Scalfari deve aver avuto più di qualche sentore di quel che si prepara, perché giusto qualche giorno fa – atteggiandosi a profeta o a manovratore – ha proposto «un’imposta patrimoniale sui beni immobili e anche mobili. Ma si dovrebbe applicare non solo ai ricchi ma anche agli agiati; per intendersi, non solo a chi ha redditi al di sopra della soglia di mezzo milione l'anno ma a par

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 18.02.14 12:53| 
 |
Rispondi al commento

Sono OT, ma volevo scriverlo anche qui.

Sarà la classica perdita di tempo, anzi lo sarà sicuramente visto il "nuovo che avanza". Però andate da Renzi alle consultazioni, per ribadire davanti agli Italiani e solo a loro, cosa veramente vogliamo per questo Paese. Glielo diciamo da almeno un anno, ma nel Palazzo nessuno ci ascolta: son tutti a difesa dell'Economia di qualcun altro e dei loro privilegi, come paga per i poteri forti e a scapito dei cittadini.

Fatelo sempre, continuate a dirlo a gran voce anche al "nuovo che avanza".

Loro sono il nulla, perchè nulla hanno fatto. Speriamo che l'Italia ci arrivi ancora viva alla loro sconfitta, alla nostra rivincita.

Forza M5S

Massimiliano Princigalli, Roma Commentatore certificato 18.02.14 12:49| 
 |
Rispondi al commento

http://mercatoliberotestimonianze.blogspot.it

di Nicoletta Forcheri

Paola Musu: esposto alla Procura Generale della Corte dei Conti di Roma (e alla Corte Costituzionale) sull’incostituzionalità dei vincoli europei e delle privatizzazioni degli ultimi vent’anni, ivi compreso il DL Bankitalia

Attraverso un articolato esposto, vengono sollevate molteplici eccezioni di incostituzionalità, aventi ad oggetto un complesso corpus di normativa europea (dai trattati, alle direttive, regolamenti e decisioni) che incidono sulla politica economica e monetaria, ivi incluse le relative cessioni di sovranità, sino a comprendere l’introduzione dell’euro, l’unificazione bancaria, le privatizzazioni degli ultimi vent’anni circa, incluse quelle del sistema bancario, per arrivare all’ultimo decreto “bankitalia”. Sulla base delle argomentazioni giuridiche formulate, viene chiesto al Procuratore della Corte dei Conti, previa rimessione, in via preliminare, degli atti alla Corte Costituzionale, perchè si pronunci sulla costituzionalità di tutta la normativa, nazionale e comunitaria, contestata, di valutare la sussitenza di un consistente danno arrecato all’erario per effetto della suddettta normativa e, qualora ravvisi profili di responsabilità contabile, si attivi al fine dell’accertamento della stessa e della refusione dei danni patiti a carico del bilancio dello Stato da parte dei soggetti eventualmente responsabili, con accesso, in base ai poteri propri della Procura della Corte dei Conti, anche a tutta una serie di atti (che vanno dagli ati relativi ai flussi monetari, a quelli relativi alla composizione del debito pubblico e sino agli atti preparatori delle decisioni del Consiglio europeo) a suo tempo coperti da divieto di accesso con decreto ministeriale del 1995. Nell’atto si richiamano anche a supporto, oltre alle argomentazioni giuridiche, le dichiarazioni del Senatore leghista Garavaglia sul “ricatto” subito ai fini del voto di fiducia al Governo “Monti”, le dichiarazioni ril

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 18.02.14 12:44| 
 |
Rispondi al commento

Beppe e Roberto ...stasera pare saranno insieme a San Remo...
boh...non riesco a immaginarmi...
??? hihihi...

http://www.youtube.com/watch?v=JZrT-uGxzts

^__*

Daniela M. Commentatore certificato 18.02.14 12:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

F.D.I.R.
FRONTE DISOCCUPATI INDIPENDENTI RIVOLUZIONARI

Non capisco di cosa dovremmo discutere, del modello prorzionale, dei piccoli o grandi collegi, dello sbarramento?
Ma di cosa stiamo parlando?

Cari amici disoccupati diversamenti cittadini, a me sembra che qui il problema sia la totale negazione del voto quale espressione democratica del Popolo sovrano, in qualsiasi salsa la si voglia comunque proporre, altro che teorie del prof.Giannuli e inutile retorica.
C'é un colpo di stato in atto, questo é il problema.
E noi di che stiamo a parlare?

Disoccupati diversamente cittadini unitevi la rivolta é iniziata con o senza M5S!

fra Dolcino

giorgio 18.02.14 12:35| 
 |
Rispondi al commento

Ho sentito che ieri sera il solito imbecille proponeva il Giudice Gratteri come Ministro della Giustizia .
No, Gratteri è splendido in quello che fa, e come si potrebbe non stimarlo? Ma il Ministro ideale ( che è carica politica), è quello che lo appoggia e gli triplica immediatamente lo stipendio!

Lady Dodi 18.02.14 12:34| 
 |
Rispondi al commento

ieri ho ascoltato certi giudizi della serracchiani sull'elettorato.ma quanti anni ha? non sarà per caso una vecchia totalmente rifatta?mi è sembrato di assistere a certe riunioni di partito di una cinquantina di anni fà.quando,alla fine,qualcuno concludeva con:va be.tanto gli elettori non capiscono niente.accidenti quanti danni fà la politica:cosi giovane e cosi fradicia.

vito asaro 18.02.14 12:33| 
 |
Rispondi al commento

Sbarramento al 5%. Efficace e chiara.

Ius Gravitas (), Catania Commentatore certificato 18.02.14 12:28| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi avete risposto che Orellana NON darà la fiducia a nessuno a scatola chiusa. Quand'è così, va benissimo.
E quel che il 5 Stelle ha sempre fatto, no?

Lady Dodi 18.02.14 12:28| 
 |
Rispondi al commento


o.t.


il ss

""«Niente scorta, mi protegge la gente»""

vedremo se sarà così fino alla fine...

scopiazza il m5s :))

ma se non hai idee proprie cosa ci fai li, aspetti che carletto ti tiri fuori le castagne dal fuoco?

paoloest21 18.02.14 12:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ricapitolando
Tot ministri Napolitano
Tot ministri De Benedetti
Tot ministri NCD
Tot ministri amici
Viva la meritocrazia.

Attilio Disario, R'dam Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 18.02.14 12:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

povera italia.quanti morti per farne una nazione.in breve tempo,pochi infami,sono riusciti a trasformarla in un terreno che appartiene a chi risce ad occuparlo.

vito asaro 18.02.14 12:23| 
 |
Rispondi al commento

PUNTINI SiGLI I

Fratelli coltelli del PD
Voi ,che siete assuefatti dalla termilogia politichese ,abituati come siete a non capire.La parola pacco non è un complimento.Da Roma in giù vuol dire sola ,fregatura,imbroglio.DaNapoli in poi se hai avuto un pacco oltre che fregato sei pure strunzo.Dache parte state?

Fabrizio 18.02.14 12:21| 
 |
Rispondi al commento

Io sinceramente mi sono stancato di votare per il GIANNULIUM quindi questa volta non voterò. Perchè, che ve ne siate accorti o meno, stiamo "facendo" una legge elettorale su "indicazione" del professore. Fino adesso io non ho sbagliato una previsione di voto. Sarà solo un caso? Anzi, a pensarci bene, sta venendo fuori esattamente la proposta di Toninelli...sarà un altro caso?? Io non credo molto alle coincidenze.

Comunque penso che ci stiamo facendo un sacco di seghe mentali. Ma che legge contorta verrà fuori? Ci avete pensato? Se tutto va bene sarà un proporzionale variamente corretto che non farebbe governare nessuno...e addio rivoluzione a 5 stelle. L'Italia così non la cambieremo mai!

Scusate ma io insisto a proporvi la legge elettorale che abbiamo già inviato ai nostri parlamentari che è semplice, intuitiva e permette a chi vince di governare per 5 anni (cosa non di poco conto) il PROPORZIONALE A DOPPIO TURNO CON DIVIETO DI COALIZIONE: https://drive.google.com/file/d/0B-fY8BXQpUGud0Y3QkUtMXUwbUE/edit?usp=sharing

Frank Ippolito (@spartacus_m5s), francesco.ippolito.mi@gmail.com Commentatore certificato 18.02.14 12:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Programma di Governo di Renzie..
febbraio..LEGGE ELETTORALE
marzo.....JOB ACT
aprile ...LEGGE sulla P.A
maggio....LEGGI riassetto ISTUZIONALE
giugno....LEGGE SULLA MIETITURA
luglio....LEGGE SULLA TREBBIATURA
agosto....LEGGE SULLE FERIE
settembre.LEGGE SULLA VENDEMMIA
ottobre...LEGGE SULLA RACCOLTA CASTAGNE

novembre..LEGGE SUI MORTI...tradotto...SE NE VANNO A CASA,chi vuole scommettere ?

f.g-torino.

franco graziani 18.02.14 12:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A me che fa andare in bestia è tutta questa gente disponibile a mantenere un falso governo formato da criminali di vario tipo. Renzi potrebbe essere uno dei tanti che si oppone al malaffare politico bancario, ed invece si scopre che anche lui giàprpima di entrare aveva altarini nascosti che a rigor di legge NON dovrebbero dargli il permesso di partecipare, sempre ammettendo che "la legge è uguale per tutti" (quali?). Credo sia un calcolo cheognuno di loro debba fare visto che una volta dentro al discorso, sono poi attaccati da tutti, e non fingano di non sapere che finiscono sotto il microscopio dell'opinione pubblica, perché allora sarebbe grave, bisognerebbe aggiungere altro!

Pertanto prevedo che non durerà a lungo, anche se sostenuto dal PD intero e da altri che hanno i loro interesis personali e di poltrona. Lui sta preparando in segreto con Verdini le elezioni per l'autunno, in modo da essere eletto a pieni voti...ma da chi se PD & soci non hanno forza e devono ogni volta ricorrere alle truffe dette "coalizioni".
Questo è il regno della Banda Bassotti!

3mendo 18.02.14 12:16| 
 |
Rispondi al commento

MASADA n° 1515 17-2-2014 DEFENESTRAZIONE IN STILE MAFIOSO
Blog di Viviana Vivarelli

L’atto di forza Renzi. Una sintesi degli ultimi gravissimi fatti – Incazzatura tranquilla – Lo Stato debitore – Comincia la rivolta all’euro - Le cifre della vergogna: i ricchi sempre più ricchi, i poveri sempre più poveri – La crisi che verrà - Ho visto cose che voi umani…- Quale futuro per un Pd di sx?- Euro o lira, questo è il dilemma- Cosa ha funzionato in 11 mesi di M5S in Parlamento

Chesterton
"Posso confidarvi un segreto? Il mondo è capovolto. Siamo tutti capovolti. Siamo delle mosche che strisciano su un soffitto, ed è soltanto per una incessante azione della Misericordia di Dio che non precipitiamo"
.
Foucault
«Perché si vede sorgere d'un tratto la sagoma della nave dei folli, e il suo equipaggio insensato che invade i paesaggi più familiari?"
.
UNA ESTROMISSIONE IN STILE MAFIOSO
Viviana Vivarelli

Il succedersi degli eventi è impressionante e sono contrassegnati tutti dal più brutale attacco alla democrazia mai visto in 60 anni.
Alla vigilia dell’impeachment di Grillo arriva il colpo del Financial Times a Napolitano, pubblicato, guarda caso, dal Corriere, uno che è sempre stato coi piedi in due staffe. Napolitano riceve Renzi, che non ha nessuna carica parlamentare o ministeriale. Non sente prima i partiti come richiede la Costituzione, no, viola la prassi costituzionale e chiama direttamente quello che ‘deve’ nominare. Non agisce da coordinatore delle scelte parlamentari come vuole la Costituzione, ‘nomina’ arbitrariamente chi gli pare, come ha già fatto con Monti e Letta!
...

Per leggerlo tutto clicca il mio nome
oppure vai a http://masadaweb.org

Viviana Vi, bologna Commentatore certificato 18.02.14 12:16| 
 |
Rispondi al commento

OT

La telefonata a Barca del falso Vendola ...

Da tutti è rimarcata (giustamente in senso negativo) l'ingerenza e le pressioni di Di Benedetti e bene fa il nostro Di Maio a dichiarare :
"In un Paese normale, la telefonata del finto Vendola di Radio 24 a Fabrizio Barca, in cui si ammette che i ministri di Renzi li stia scegliendo l’Ing De Benedetti del gruppo l’Espresso, avrebbe fatto fermare la nascita del nuovo Governo."

Ma io l'ho ascoltata e ritengo che altrettanto scalpore dovrebbero fare le cose che Barca (del PD) dice su Renzi, sul suo "fantomatico" programma politico, sui mezzi e sui modi con cui si stanno muovendo ed in ultimo sul futuro che lui vede di tutta questa "strana" manovra ...

... ASSOLUTAMENTE DA ASCOLTARE E DIVULGARE ...

Perchè svela chi è realmente Renzi e perchè sperare che i media lo facciano per noi (Italiani) è forse un po' troppo ottimistico ...

(^_^)

PS
... un grazie ad Enrico Montesano (che non ha parlato solo della restituzione dei 42 Milioni di euro ...) e di conseguenza è stato poi in un certo qual modo "zittito" ...

Claudio C., Albavilla Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 18.02.14 12:15| 
 |
Rispondi al commento

@ mariuccia rollo,
ho pulito tutte le pagine dalla pubblicità: togliendo i componenti aggiuntivi di Internet!
Ciaoooo ora sono mastrolindo!:-))

oreste m******, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 18.02.14 12:13| 
 |
Rispondi al commento

ho l'impressione che,appena mia madre scoprirà che hanno resuscitato quello che lei chiama "lu porcu"(berlusconi)farò fatica a tranerla.vi racconto questa:quando usci fuori lo scandalo delle olgettine,mi chiese:ma che fà "stu porcu"?beh,risposi:è un uomo anziano,ricco e potente e,si circonda di giovani ragazze moderne.lei,dopo un attimo di riflessione:un sù moderni.sù bbuttani(non sono ragazze moderne.sono prostitute.)ahahahah propongo mia madre per il quirinale.sarebbe mille volte meglio di napolitano e,molte cose,le risolverebbe in quattro e quattr'otto.

vito asaro 18.02.14 12:13| 
 |
Rispondi al commento

Uno sbarramento, per quanto minimo, è necessario. I piccoli partiti, con un proporzionale puro senza soglie, entrerebbero in Parlamento, chi con uno, chi con due o tre seggi. Dopodiché, quando ci sarà da votare mozioni, leggi, fiducie e via dicendo, si assisterebbe al tristemente famoso mercato delle vacche, con la solita miserabile conta di chi è "dei nostri" e chi no.
Una soglia di sbarramento pari al 4% degli aventi diritto (circa 50 milioni) potrebbe rappresentare un buon compromesso fra garanzia di democrazia e possibilità di gorvernabilità.

Giuseppe Antonio Michele Romano Mancini, Reggio Calabria Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 18.02.14 12:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

mi raccomando "no consultazione con Renzi"...!non prestiamoci al teatrino...di questa partitocrazia..!

napoleone ., Leghorn Commentatore certificato 18.02.14 12:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CAPORETTO 2008+6
Tramonti a Nordest


E LA PEPPA !

Barca smaschera De Benedetti: "Trama per scegliere i ministri di Renzi"


---------------------------------


Sardegna 2014

Votanti 52%

PD 22% ( 8 % dell'elettorato )

FI 18% ( .. 7.. 6.. )

^_^


.

epe pepe 18.02.14 12:09| 
 |
Rispondi al commento

guardate cosa scrive l'onorevole Anzaldi PD nella pagina facebook dei deputati pd..
una comicaaaaa ma come fa' la gente a credergli?
hanno tutte le tv e giornali,, vabbe' vi metto il link
https://www.facebook.com/pages/Deputati-PD/104652392900508

Gab Riele Commentatore certificato 18.02.14 12:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Te la do io l'Italia!

Caro Beppe,
non salire su quel palco! Non puoi, proprio tu, istituzionalizzare la buffonata italiana elevandola a luogo deputato alla protesta o, peggio, alla politica.
Non ti accorgi che già una tua ipotetica partecipazione alla manifestazione è servita a pubblicizzare il mercato dei raccomandati dalla casta ?
Ma poi, a chi dovresti rivolgerti? Agli organizzatori, ai partecipanti, o a quella parte di Italiani per cui la vita "scorre a tarallucci e vino" ?
Fermati, o Sole!
Ros

Rosella F., Cosenza Commentatore certificato 18.02.14 12:07| 
 |
Rispondi al commento

che azzo di Paese stiamo diventando???

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 18.02.14 12:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


o.t.

il piddi?

il confronto non abita più li!

""Bologna, segretario democratico minaccia i parlamentari: "Chi non vota fiducia è fuori"""

piddi preparati a dimezzare i tuoi voti!

guarda cosa hai ottenuto in sardegna!

paoloest21 18.02.14 12:04| 
 |
Rispondi al commento

Radioreset.net

diretta radio streaming conferenza

con
Windows Media Player: fate Ctrl+U, incollateci uno dei questo link http://resetdiretta.ns0.it:8064 oppure http://resetdiretta.ns0.it:8024 per ascoltare a qualità + basse

[11:44] : qualità - http://resetdiretta.ns0.it:8024/listen.pls (bassa per 2g o poco credito)

[11:44] : qualità - http://resetdiretta.ns0.it:8064/listen.pls (media per i 3g)

[11:44] : qualità - http://resetdiretta.ns0.it:8000/listen.pls (alta per wi-fi)

x android con poca memoria ram scaricare il player server_stream_all.apk

flash, mobile 18.02.14 12:00| 
 |
Rispondi al commento

Grosso guaio Sorgenia, De Benedetti spera in rapido accordo con le banche sul debito
Su richiesta della Consob l'editore di Repubblica fa il punto sulle trattative per congelare gli 1,86 miliardi di debiti della controllata per l'energia quasi a secco e arrivare tagliarne un terzo
==========
Cosa potrebbe salvare Sorgenia quindi?

Una cosa che si chiama capacity payment ed è spiegata qua:
Centrali elettriche a bassa intensità Il riassetto parte da Sorgenia e E.On
www.corriere.it
=======================
sorgenia in 20 mesi ha avuto perdite per 450 mln

perchè qua un certo giovanni spiega la cosa http://www.cobraf.com/forum/topicEconomia.php?topic_id=6342&reply_id=1235466

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 18.02.14 11:57| 
 |
Rispondi al commento

ieri sono andato a trovare mia madre,pensionata di 82 anni.un pò sorda.aveva la tv accesa.appena entrato mi ha detto indicando il televisore:ma cosa hanno combinato questi quà?questi chi mamma?questi renzi.hanno cacciato letta e ci è messo lui?praticamente si mamma.ma cosi senza dire niente a nessuno?beh,si.e la gente che aspetta a piogghiari lu marruggiu?(pigghiari-prendere.marruggiu-bastone.)ho avuto l'impressione che,se le avessi detto:comincia tu a prendere il bastone,non ci avrebbe pensato due volte.


come mai merdiaset cresce in borsa da quando renzie ha iniziato le sue manovre x conquistare le poltrone?

Questa è la dimostrazione che il miglior alleato della destra (destra vuol dire che la mettono in culo al cittadino senza vasellina)è la sinistra (che invece vuol dire che usano la vasellina nella speranza che non te ne accorgi) e viceversa.

In autunno al voto:
nessuno vuole il potere nel 2015!
renzie blatera nel dire fino al 2018

Paolo . Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 18.02.14 11:56| 
 |
Rispondi al commento

o.t.


matteuccio ha lanciato un nuovo hashtag

#comecaxxohofattoadarrivarefinqui!

paoloest21 18.02.14 11:55| 
 |
Rispondi al commento

Per la legge elettorale lascio fare a voi Ragazzi. Non me ne intendo e non ho più voglia di "studiare" alla mia età.
Vorrei chiedere a Grillo se è possibile avere l'elenco delle 500 cariche Pubbliche che stanno per essere rinnovate.
500 persone che prenderanno una "barca" di soldi dallo Stato e quindi da noi.
Saccomanni a dire il vero, aveva stabilito ALMENO che non si può più accedere a questi incarichi se si era stati condannati per reati contro la Pubblica Amministrazione.
Dal che ho dedotto che ci sarebbero PERSINO dei condannati, a gestire i nostri interessi nazionali!

Lady Dodi 18.02.14 11:54| 
 |
Rispondi al commento

Siano accesi i RIFLETTORI su Fabrizio Barca del PD, dopo quello che è successo ieri!
Chi è? Cosa fa? Lui ha detto di avere un importante "incarico ministeriale". Quanto guadagna?
E di cosa si occupa di preciso per conto dei Ministeri?
Per caso la sua è una di quelle cariche che andranno rinnovate in primavera?
Tipo Scaroni e Mastrapasqua?
Di lui ricordo che è scappato dalla Sardegna insieme a Passera. Erano scappati in elicottero fra le contumelie dei lavoratori del Sulcis.

Lady Dodi 18.02.14 11:48| 
 |
Rispondi al commento

Sono per lo sbarramento per 1.000.000 di voti

Giulio Riggio 18.02.14 11:46| 
 |
Rispondi al commento

Ho come l'impressione che stessimo procedendo a zig zag: prima in una direzione, poi si aggiusta il tiro e si va nell'altra, poi di nuovo nell'altra direzione e così via... :S

Federico Erario (heroquest), Aversa Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 18.02.14 11:45| 
 |
Rispondi al commento

Cos'è la dignità?

spuseta 18.02.14 11:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Deputato Martin shultz lei deve portare maggiore rispetto e spirito di servizio verso cittadini che non hanno il vostro denaro ma cio' non vuol dire che non abbiano cervello o meglio ancora che non abbiano memoria. Facciate molta attenzione alla storia, non voglio trascinarla in una odiosa dietrologia, certo le cattive amministrazioni locali non dipendono dal sogno perenne del primato umano, ma attenzione a non abusare dei privilegi ereditieri, appesantiscono... L'Autodeterminazione e' contraria ai monetarismi alle dipendenze di ogni genere ed ai sogni di conquista. L'Autodeterminazione produrra' una decrescita felice che dal basso avra' i numeri del piu' grande esercito del mondo, per la prima volta nella storia dell'uomo saremo uniti da un solo desiderio: IL PRESTITO E' ILLEGALE. I bisogni primari non possono essere oggetto di scambio, tutelare questo valore equivale a tutelare il diritto alla vita. La questione demografica ne trarra' enormi vantaggi perche' si tratta di accettare con COSCIENZA e TRASPARENZA i limiti che la vita ci oppone oggi. Tutto cio' che ci ha abituati alla monetarizzazione del diritto SPARIRA' DEFINITIVAMENTE DALLA CULTURA UMANA. Avete accumulato tante ricchezze per una supremazia che non avrete mai, di certo avrete piu' beni degli altri, sempre che oggi riusciate a trovare ancora qualcuno che definisce ancora ricchezza la QUANTITA' delle cose piuttosto che la QUALITA'. Deputato Martin Shultz basta un manipolo di cittadini onesti per ribaltare una storia tanto ambiziosa quanto stupida in questa nuova e frenetica corsa all'ORO.

Rodolfo Mazzagatti 18.02.14 11:40| 
 |
Rispondi al commento

Propongo crozza come unico elemento per formare la squadra di governo.
Con lui ci sarebbero tutti ( uno alla volta).

spuseta 18.02.14 11:40| 
 |
Rispondi al commento

lucia annunziata, una visione strabica nella vita, una molto più diretta e chiara nella politica: serva del pd-l e dei poteri forti, serva di de benedetti. Chi ti ha ordinato di manganellare oggi lo svizzerotto eh, SPORCA SERVA?

lucia annunziata VERGOGNATI

Giorgio Cigolotti Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 18.02.14 11:39| 
 |
Rispondi al commento


o.t.


ma fabrizio barca sta ancora nel piddì?

ma allora...la consecutio niente eh..

forse ha paura ad affrontar procelle..

non sembrerebbe, ma la militanza nel piddi fiacca
qualunque mente!!:))

paoloest21 18.02.14 11:38| 
 |
Rispondi al commento

I Numeri non contano niente

Contano le persone che compongono i numeri

Se il 100% delle persone sono corrotte o hai un partito che ha il 75% dei voti e 20 partitini o hai 3 partiti col 100% dei voti nessuna delle 2 formule aiutera' la societa' civile a ripulire se stessa

la speranza attuale e' solo il m5s che rappresenta il bene in eterna lotta contro il male

e non esagero

Fabrizio Centonze Commentatore certificato 18.02.14 11:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

c'è lìipotesi di saviano al ministero della cultura.no ti prego no,con renzi,saviano no!!!!!!!!!!

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 18.02.14 11:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Renzie crollerà con la stessa velocità con cui ha preso il potere. Prepariamoci alle elezioni con un bel programma economico da presentare agli italiani

Massimo Lafranconi, Lecco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 18.02.14 11:34| 
 |
Rispondi al commento

Spero che stasera Grillo non vada al festival di Sanremo, sarebbe una pagliacciata controproducente.

Franco M., Bergamo Commentatore certificato 18.02.14 11:31| 
 |
Rispondi al commento

Primo punto: proporzionale
Secondo punto: collegio intermedio
Terzo punto: proporzionale corretto
Quarto punto: metodo del divisore rettificato
A me pare "naturale" , viste le scelte fatte sino ad ora, che NON si debbano prevedere soglie di sbarramento, in quanto è insito nel metodo del divisore rettificato l'esclusione delle piccole formazioni politiche. Come, per me, è scontato che il metodo si applica a livello di collegio, semmai la scelta dovrebbe concentrarsi sull'ampiezza del collegio intermedio. Credo che una restrizione forte sia più adatta ( 6 o 7 o massimo 10 seggi per collegio) a coniugare le esigenze di pluralità, con la rappresentatività territoriale ed evitare un eccesso di frammentazione.

Giovanni Z., Assisi Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 18.02.14 11:29| 
 |
Rispondi al commento

Il problema stà nel manico.Non ci sono più i partiti intesi come gruppi di persone unite da una ideologia di base(cultura marxista,cultura mazziniana,cultura cattolica)e da conseguenti letture della società e risposte ai problemi sociali.
L'ho già detto e mi ripeto.Guardate le ultime elezioni nazionali: due coalizioni centro destra e centro sinistra e noi m5s.Si sapeva da prima del voto che l'accozzaglia di cdx e quella di csx il giorno dopo si facevano i loro gruppi parlamentari(in soldoni tanti soldini)e per il governo ognuno per sè.Della serie:ci mettiamo assieme solo per farci eleggere.
Se poi guardiamo le vicende successive al voto:
-Berluscaitalia si è divisa;
-sorMonti spaccato in tre;
-e il Pd ? uniti solo per non perdere lo scranno-il partito dell'eutanasia.Si son sparati la presidenza della republbica,si son sparati il loro capo del governo(e col prossimo idem con patate).
Io ho votato per il proporzionale puro nazionale e ne sono sempre più convinto viste le proposte di riforma della legge elettorale in campo.
Stabiliamo che se un "partito"(no coalizione:le coalizioni non hanno diritto di esistere per prova provata)non raggiunge il 5% non entra in parlamento.E stop con complicazioni elettorali .

franco selmin, montegrotto terme Commentatore certificato 18.02.14 11:26| 
 |
Rispondi al commento

E' inutile fare calcoli, perchè tutto viene deciso e scritto in Vaticano. Quando lo capirete sarò troppo tardi.
P.S.: Bergoglio, in arte "papa Francesco" non ha ancora scartato il bacio perugina quotidiano?

Valeria N 18.02.14 11:26| 
 |
Rispondi al commento

Renzie " RAIN MAN " dovrà chiamere MANDRAKE per poter risolvere il degrado totale di quest'italia ridotta al lumicino e sorretta ormai solo dai parassiti.
Chi vivrà vedrà.

spuseta 18.02.14 11:24| 
 |
Rispondi al commento

La serracchiani ha ragione nel dire che la maggioranza degli italiani che votano sono degli imbecilli!
Infatti lei è al potere!
Solo imbecilli possono continuare a votare pd-l o pdl (o quello che è)...

Paolo . Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 18.02.14 11:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


o.t.

@carletto

http://www.youtube.com/watch?v=UMXB2cfwdtU

vuoi redigere la lista dei ministri? fonda un partito e poi vediamo...

scusate , mi dicono che est il proprietario di un partito che si dichiara democratico et poi minaccia i propri eletti di espulsione se non votano la fiducia a #matteuccio...

un barzelletta...

paoloest21 18.02.14 11:15| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori