Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Legge Elettorale M5S: Sistema Proporzionale Puro o Corretto?- Aldo Giannuli

  • 957


Guarda la lezione di Giannuli
(05:00)
giannuli-purocorretto.jpg

>>> A partire dalle 10.30 sul blog verrà trasmessa la diretta streaming della conferenza stampa del M5S sul decreto svuotacarceri, l'indulto mascherato <<<

"Dopo il risultato della consultazione da cui è venuta fuori la netta preferenza per il sistema proporzionale, ci occuperemo della questione successiva: quale sistema proporzionale? Puro o corretto?
La logica del proporzionale puro è della pura rappresentanza: il Parlamento deve rispecchiare la società così come è. Le correzioni, che possono essere più o meno accentuate, servono a evitare che la rappresentanza si frammenti troppo e che sia garantita, in qualche modo, la governabilità.
Ci sono essenzialmente due sistemi per stabilire la formula che trasforma i voti popolari in seggi, il “metodo del quoziente”, naturale o corretto, il “metodo del divisore” e il cosiddetto “numero o quoziente fisso” che non si può utilizzare per incompatibilità con la nostra Costituzione.

Nel “metodo del quoziente” si divide la sommatoria dei voti di ciascuna lista per il numero di seggi da attribuire e si ottiene il quoziente. Poniamo di avere 1.010 voti e che dobbiamo attribuire 10 seggi, il quoziente sarà allora 101. Dopodiché si prendono i voti di ciascuna lista e si dividono per il quoziente e si ottiene il numero di seggi.
Un esempio.
La lista A ha 400 voti, la lista B 230, la lista C 210, la lista D 170.
Vediamo diviso 101 che cosa succede.
La lista A ha 3 seggi, c’è un resto di 97 voti.
La lista B ha 2 seggi, c’è un resto di 28 voti.
La lista C ha 2 seggi, c’è un resto di 8 voti.
La lista D ha 1 seggio, c’è un resto di 69 voti.
In questo modo abbiamo distribuito otto seggi (3+2+2+1).
Però ci sono ancora due seggi da attribuire sui resti e si usa, di solito, il sistema dei resti più alti. In questo caso i resti più alti sono della lista A, che ne ha 97 e della lista D che ne ha 69. Quindi alla fine avremo 4 seggi alla lista A, 2 alla lista B, 2 alla lista C, 2 alla lista D. Come vedete c’è per effetto dei resti un relativo effetto distorsivo, per cui le liste B e D, con 230 la B e 170 la D, hanno lo stesso numero di seggi. Se invece di 10 seggi ne avessimo distribuiti di più, probabilmente avremmo avuto una divisione più aderente alla realtà.

Non sempre il quoziente è quello naturale. Ci sono effetti manipolativi, come il cosiddetto “metodo di Hagenbach-Bischoff”, un matematico austriaco, in cui il quoziente, il numero dei seggi, è aumentato di uno. Tornando all’esempio precedente dovremmo dividere 1.010 voti non per dieci, ma per 11, ottenendo un quoziente più basso. Questo ha l’effetto di agevolare i partiti maggiori, perché i partiti più piccoli i seggi di solito non li acquisiscono nelle circoscrizioni, dove raramente hanno un quoziente pieno, ma con i resti nel collegio unico nazionale. C’è inoltre il cosiddetto quoziente “Imperiali”, adottato in Italia fino al 1993, che è il quoziente più due, quindi non 1.010 diviso 10 o 11, ma diviso 12. Ed era ancora più accentuato l’effetto premio per i partiti maggiori. Poi c’è il metodo più tre e così via.
Veniamo al “metodo del divisore”, utilizzato in Italia per il Senato sino al 1993, dove si dividono i voti di ciascuna lista per uno, per due, per tre, per quattro, fino a copertura dei seggi, e si confrontano i risultati. Le liste hanno sempre gli stessi voti di prima: 400, 230, 210 e 170. Vediamo i quozienti più alti e li confrontiamo. Primo A con 400, il secondo è B, 230, il terzo è C, 210, il quarto, attenzione, è 200 di A, che prevale sui 170 di D (il divisore due di A prevale sul divisore uno di D, ndr) . Dopodiché il quinto quoziente è A con 133,3, quindi B, 115, C,105, A, 100 e D, 85. Risultato 4, 2, 2, 2.

C’è infine il “metodo del divisore rettificato”, anziché dividere per 1, per 2, per 3, con intervalli pari all’unità, si divide con intervalli inferiori all’unità. Per esempio 1 - 1,5 – 2 - 2,5. Facciamo la stessa operazione di divisione. La lista A guadagna un seggio in più, la lista D lo perde. Quanto più l’intervallo tra i divisori diminuisce, tanto più viene premiato il partito maggiore. Questo sistema è una specie di Robin Hood all’incontrario, toglie ai piccoli per dare ai grandi. In questo senso favorisce aggregazioni e la governabilità, però a differenza dei metodi maggioritari puri o delle clausole di sbarramento, che brutalmente escludono i piccoli partiti. Un partito riduce i suoi seggi, però mantiene il diritto di tribuna, un suo rappresentante è comunque dentro il Parlamento. Questo sistema ha l’effetto di dinamizzatore.

I sistemi proporzionali hanno un problema, sono molto statici, di solito a ogni spostamento di voti corrisponde lo stesso spostamento percentuale di seggi. In questo senso questo è un effetto dinamizzatore tipico dei sistemi corretti e agisce su tutto l’arco della distribuzione dei voti in seggi, ha un effetto su tutto lo schieramento di adeguamento. Spinge verso aggregazioni, però evitando aggregazioni troppo eterogenee.

Quindi attenzione, il quesito si pone in questi termini vogliamo un proporzionale puro o corretto? Nel caso sia scelta l’opzione proporzionale corretto, si procederà a una votazione sul metodo da applicare." Aldo Giannuli

Potrebbero interessarti questi post:

Proporzionale o maggioritario?
Collegio uninominale, nazionale o intermedio
Legge elettorale: non farti fregare

4 Feb 2014, 17:55 | Scrivi | Commenti (957) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 957


Tags: Aldo Giannuli, legge elettorale M5S, maggioritario, proporzionale, proporzionale corretto

Commenti

 

Occorrerebbe trattare in una ipotesi di riforma elettorale anche quella di modificare il metodo di scrutinio delle schede elettorali. Sembrerebbe qualcosa di sciocco quello che ho detto, ma spiego perché non lo è. Quando parlo di controllo del voto , mi riferisco sia a quello adottato dal mafioso , fatto per favorire il proprio referente, sia quello fatto dal politico , per controllare i voti che dovrebbero arrivargli da un determinata zona, per potere elargire o per avere elargito prebende o clientele. Se si toglie questa possibilità di controllo , si raggiungono tre importanti obiettivi:
1) Eliminazione del condizionamento e più libertà di espressione del voto;
2) Maggiore partecipazione dell’elettorato alle varie competizioni,(oggi quasi il 50% degli aventi diritto non votano)
3) Meno ingerenza della mafia e della “politica” , nel momento più alto e rappresentativo della Democrazia, che è la consultazione elettorale.
PROPOSTA DA INSERIRE NELLA LEGGE ELETTORALE:
1) UTILIZZARE NUOVE URNE IN PLEXIGLASS TRASPARENTE E ELIMINARE GLI SCATOLONI USATI ANCORA OGGI , DI VECCHIA REPUBBLICA MEMORIA.
2) CON IL SISTEMA PROPORZIONALE , CREARE DELLE SALE DI SCRUTINIO, DOVE FAR CONFLUIRE LE URNE TRASPARENTI DELLE SCHEDE VOTATE. ALLA FINE DELLA CONSULTAZIONE, UNA VOLTA VERIFICATE LE NORMALI PROCEDURE DEL VOTO, CONTEGGIATE LE SCHEDE E REDATTI I VERBALI, SVUOTARE TUTTE LE SCHEDE IN UN’UNICA URNA E QUINDI PROCEDERE ALLO SPOGLIO DELLA SCHEDE.
A TAL PROPOSITO ANDREBBERO CREATE DELLE SALE DI SCRUTINIO, CONSIDERANDO IL TOTALE DELLE SEZIONI PER OGNI PAESE O CITTA’, SUDDIVIDENDO LA CREAZIONE DELLE SALE COME RIPORTATO SOTTO:
SALE DI SCRUTINIO:
1 OGNI 5 SEZIONI NEI PAESI FINO A 7.000 VOTANTI-
1 OGNI 8 SEZIONI NEI PAESI FINO A 10.000 VOTANTI- 1 OGNI 10 SEZIONI NEI PAESI FINO A 20.000 VOTANTI 1 OGNI CIRCOSCRIZIONE NELLE CITTA CON OLTRE 20.000 VOTANTI

eugenio capalbo 04.03.14 19:10| 
 |
Rispondi al commento

Grazie M5S


Forza M5S

WORCOM forum Commentatore certificato 04.03.14 15:13| 
 |
Rispondi al commento

Soglia di sbarramento. Non ho idea quale valore debba avere questa soglia ma non vorrei più votare su un lenzuolo e non capire che cosa sto facendo.....Anche perchè le coalizioni che poi verranno fatte NON sono percepibili al momento del voto e SONO una sorpesa amara dopo.

Gianni Nasazzi 25.02.14 08:59| 
 |
Rispondi al commento

Personalmente, anch'io proporzionalista convinto, penso che andrebbe bene quello corretto nel seguente modo per consentire la presenza di rappresentanza delle forze minori: 80% dei seggi al sistema proporzionale puro, il restante 20% al proporzionale corretto, diviso, però a livello di 4 macro-circoscrizioni: nord, centro, sud,isole. Come per le europee. In questo modo, secondo me, si garantiscono due dati: la presenza testimoniale delle forze minori e la stabilità.

Luigi M., lecce Commentatore certificato 20.02.14 13:41| 
 |
Rispondi al commento

Grillo, the ads popping up on your blog are totally inappropriate with the movement. Oil piping, bank ads, even one about impeaching Obama....some adjusting needs to be made here

Leo Vinci 13.02.14 07:46| 
 |
Rispondi al commento

Questo invito l'ho ricevuto oggi, con 4 giorni di ritardo.
Non sono ancora iscritto al M5S, non per mancanza di volontà, ma perchè non è stata accettta la mia carta d'identità a causa di chissà chè. Trè volte l'ho rispedita, e ogni volta mi viene risposto che la foto non è quella della ID card. Roba da matti ragazzi. Ho chiesto spiegazioni, ma non ho avuto risposta. Se non provvedete a mettere in ordine in queste cose, sarà un caos!!!

Pietro Polic 10.02.14 20:23| 
 |
Rispondi al commento

Ma i risultati del puro o corretto dove sono???

Maurizio Surico Commentatore certificato 09.02.14 14:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

semplicissimi:
i partiti concorrono singolarmente.
sbarramento al 3%.
ogni partito presenta il proprio programma e il proprio premier.
lista con tre preferenze già indicate dal partito e altre tre a scelta dell'elettore.
il partito che vince (anche con solo 1 voto di maggioranza) prende la medaglia d'oro e un minimo del 52% in parlamento e governa per 5 anni.
(il Premier può essere rieletto solo per altri 5 anni.)
il 48% dei seggi rimanenti, va diviso in proporzione ai voti ottenuti, tra i partiti che hanno superato lo sbarramento del 3%.
E' CHIARO, CHE NON DEVONO ESSISTERE COALIZIONI (sono truffe!).

laura perin 08.02.14 17:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Riguardo al post precedente:
Se la Camera delle Minoranze non approva al primo passaggio la legge ricevuta dalla Camera di Maggioranza (è richiesta alla Camera delle Minoranze il 50% dei voti favorevoli), la Camera stessa può emendare la legge ricevuta e rinviarla alla Camera della Maggioranza, che ha l'obbligo di riformulare la prima proposta e rinviare la legge alla Camera delle Minoranza. Dopo questo secondo passaggio, alla Camera delle Minoranza viene chiesto il solo 40%(o meno) dei consensi per approvare la legge già emendata.

Qualche limatura sulle percentuali di assenso o dissenso e la cosa può funzionare, rispettando il diritto della Maggioranza e delle Minoranze, contemporaneamente.

Il governo dovrebbe essere formato da esponenti della Maggioranza, nelle figure dei Ministri e da esponenti delle Minoranze in quelle dei sottoministri.

Viene eletto Presidente della Repubblica (Ad ogni elezione del nuovo Parlamento) l'esponente che riceve il 50% dei voti della Maggioranza e il maggior numero dei voti dalla Camera delle Minoranze.

pasquale m., Avellino Commentatore certificato 08.02.14 15:43| 
 |
Rispondi al commento

Una nuova legge elettorale?

Ebbene, a cosa mai servirebbe un Senato Federale?

Si può fare in questo modo: Una camera spetta alla Maggioranza, una alla Minoranza.

Si vota in due turni: Il primo turno stabilisce i due partiti (non coalizioni) che entreranno a formare la camera della Maggioranza (necessariamente un partito deterrà la maggioranza). Il secondo turno stabilirà la composizione della Camera delle Minoranze.

Le due Camere possono promuovere indipendentemente delle leggi. Passano quelle leggi votate dalla Camera di Maggioranza (Con una percentuale superiore al 50%) e dal 50% dei deputati favorevoli della Camera di Minoranza.

Semplice no?

pasquale m., Avellino Commentatore certificato 08.02.14 15:20| 
 |
Rispondi al commento

La mia visione
Prima o poi arrivano le elezioni, e come stanno le cose adesso, Berlusconi già si è alleato con Casini e se trova qualcun altro e facile che il M5S sarà di nuovo all'opposizione e non potrà fare più di tanto per cambiare le cose, sarà semplicemente alla opposizione.
Perchè Beppe non prova a parlare con Renzi in modo aperto e semplice, non un approccio formale, ma tipo padre-figlio, cercando di tirare fuori la parte migliore di lui. Credo che Renzi sotto sotto e una persona semplice, che sta in un ambiente ed in una posizione dove tutti lo lusingano e lodano, insomma fanno i leccapiedi e paraculi e quindi a volte chi si trova lì, può perdere le giuste angolazioni per avere un quadro chiaro e soprattutto corretto.
Penso che se Beppe gli parlasse nel modo giusto e gli parlasse in modo semplice e diretto riuscirebbero a mettersi d'accordo ed anche Renzi potrebbe cercare di portarsi dietro le persone giuste per rinnovare il quadro dei politici.
Parlo di persone giovani che non siano solo avidi di soldi e di potere, ragazzi che credono di poter fare meglio di chi adesso governa.
Ci sono ragazzi così anche nel PD. Renzi è giovane a volte anche lui dice delle minchiate, come tutti, ma credo che se lo prendi per il giusto verso riesci a tirare fuori da lui, la parte buona, la parte che sa cosa e giusto fare e cosa non.
Ora vedi tu Beppe se vuoi rimanere solo e rischiare di restare all'opposizione un'altra volta oppure magari allearti e vincere e fare ste cavolo di riforme, rimanendo però con i piedi per terra, basta le ca... sull'Euro che deve sparire, ecc.
ed altre idee che sono troppo utopistiche, cerchiamo invece di essere un po più pratici e realistici.
Berlusconi sa come si fanno le alleanze e le farà ad ogni costo, cerchera di vincere giocando anche sporco.
Ricordiamoci di "L'arte della guerra" di SunTzu.

giuseppe dragani Commentatore certificato 07.02.14 17:29| 
 |
Rispondi al commento

Un aiutino dallo Staff !!!!
I primi due avvisi di votazione sulla legge elettorale mi sono giunti
per posta con sufficiente anticipo. Il terzo non mi è proprio arrivato nonostante l'indirizzo abbia una casella destinata esclusivamente a questi avvisi.
Niente di grave visto che nella consultazione risulta vincente il maggioritario corretto, in linea con la scelta che avrei fatto. A questo punto considerato che non arriva più la "chiama" diretta come posso evitare di perdere il treno le prossime volte?
grazie.

Paolo Galante 07.02.14 03:39| 
 |
Rispondi al commento

Ma possibile che non esista al mondo un sistema elettorale semplice e limpido? Chi alle elezioni raggiunge la maggioranza relativa, anche del 10-12%, dovrebbe avere il diritto-dovere di governare; gli altri partiti che non hanno fatto preventivamente la “macedonia”, quindi non che superano questa percentuale, hanno solo il diritto di fare l’opposizione dentro e/o fuori dal Parlamento. Devono essere le idee che si mettono in atto, come quelle del M5S, a fare avere consensi e far sedere in Parlamento, non come è avvenuto fino ad ora tutto ste ammucchiate di lestofanti che hanno ridotto l’Italia in questo stato pietoso.

Pasquale Paura, Mottafollone (cs) Commentatore certificato 06.02.14 23:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Anche questa volta non sono riuscito a votare. Purtroppo. Fortunatamente, la prima volta (la più importante, direi) andò bene. Poi, più nulla. Dopo una prima incazzatura, compresi le giuste ragioni per cui le votazioni sono comunicate a brevissimo termine e si svolgono per poche ore. Però il problema è che le ore corrispondono a quelle lavorative (compreso il ritorno a casa e il normale tempo per prendere qualcosa da mangiare a cena...). Insomma, io arrivo a accendere il PC sempre mezz'ora dopo che le votazioni si sono concluse. Non sono fornito di un valido smartphone (ho un vecchio ed economico Simbiam...) e non godo dell'utilizzo privato in ufficio. Sono l'unico? Forse no. Mi permetto, quindi, di chiedere se è possibile spostare le votazioni avanti di un ora. Grazie. :-D

Walter Veltri, Reggio Calabria Commentatore certificato 06.02.14 22:07| 
 |
Rispondi al commento

Scusate l'apparente divagazione, ma ormai la votazione è finita e bisogna guardare avanti. Anche se sarà impossibile farsi promuovere al primo tentativo una legge elettorale che preveda il VINCOLO DI MANDATO, sarebbe quanto meno carino poter inserire qualche regoletta nel nostro regolamento interno, della serie: "Qualora dovesse verificarsi una situazione tale per cui il parlamentare del M5S, per qualunque motivo, non si ritrovasse più d'accordo con la linea del M5S, con i metodi e/o con il programma precedentemente abbracciato e sposato, egli si impegna a ritirarsi dalla carica di parlamentare rinunciando a qualunque tipo di indennizzo, rimborso o forma di pensionamento derivantegli da norme o leggi dello stato e a farsi semplicemente sostituire da un altro cittadino candidato scelto come da regolamento interno. E si impegna a rispettare tale prassi in qualunque momento dovesse verificarsi la suddetta divergenza di opinioni con il M5S dopo la sua avvenuta elezione". Firmato con tanto di ceralacca siglata da 12 notai. Si parla di elezioni, giusto? A me non sta bene mandare in parlamento gente che può permettersi legalmente di passare al gruppo misto e fottersi 15 mila euro al mese, assegno di fine mandato e chissà quali altri bonus, magari derivanti da accordi semi illeciti con chissà chi e per chissà cosa. Gentaglia che va quindi ad infoltire l'esercito degli infami, alla faccia di noi poveracci che abbiamo votato un'idea e non una persona e che continuiamo a combattere in trincea contro la crisi. Non possiamo permetterci di vederci ridotto il numero di parlamentari perché qualche furbo è riuscito ad infiltrarsi. Una volta ok, eravamo inesperti e tutto quello che volete. Ma Lasciarmi fregare due volte da questi "pezzenti dentro" non lo accetto.

Riccardo R., Torino Commentatore certificato 06.02.14 21:01| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, io stamattina sono uscito di casa per andare a lavorare, stasera sono tornato a casa e ho visto che la votazione era chiusa...la mail che invitava a votare dalle 10 alle 19 era delle 10.01...no dico, ma mandarla la sera prima no???
E comunque ribadisco il mio concetto: secondo me fare la legge elettorale per step in questo modo non va bene, e sono convinto che verrà fuori una porcata, magari non pessima come quella attuale ma di sicuro non buona. Sarebbe stato molto meglio presentare 4-5 leggi elettorali diverse, invitare il prof Giannulli a spiegare pregi e difetti di tutte e poi votare.

Alessandro Torresi 06.02.14 19:34| 
 |
Rispondi al commento

Secondo me il video del professore questa volta è stato tagliato troppo, si fa fatica a capire il senso.

andrea pagani 06.02.14 18:44| 
 |
Rispondi al commento

Mi dispiace di essere solo un iscritto non ancora accreditato del m5s per poter esprimere la mia posizione sulla legge elettorale!

GIULIANO G., Pinasca Commentatore certificato 06.02.14 18:41| 
 |
Rispondi al commento

spero siano abolite le alleanze prima delle elezioni... gli accordi si fanno dopo in parlamento sui provvedimenti da discutere ! spero sia introdotto anche uno sbarramento adeguato 4/5% che scremi da subito le minutaglie !

Massimiliano Sardelli, Ponsacco Commentatore certificato 06.02.14 18:29| 
 |
Rispondi al commento

Io voterò per il PROPORZIONALE CORRETTO! In particolare propendo per il metodo del quoziente +3 (o Imperiali +2) per eliminare la frammentarietà politica e garantire costituzionalmente la governabilità pur mantenendo la rappresentatività di tutte le minoranze politiche!
Divieto assoluto di coalizioni pre-elettorali! Gli accordi di governo si fanno dopo le elezioni su punti programmatici comuni!

M L Commentatore certificato 06.02.14 17:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La GOVERNABILITA'.
L'ultimo Governo Berlusconi aveva una maggioranza SCHIACCIANTE, ma la legislatura è terminata prima.
Il Governo Prodi 2006 eletto con la stessa legge elettorale non ha terminato la legislatura.
La legge elettorale "Mattarellum" ha sostituito la precedente proporzionale perché questa non garantiva la governabilità, ma poi neanche quella.
Gli artt. 56, 57 e 58 della Costituzione, mi sembra che prescrivano il proporzionale e il massimo di rappresentatività per le formazioni sociali che sono in minoranza nella società.
NESSUN PREMIO per le parti sociali maggioritarie.
A tutti i partiti deve essere garantito un finanziamento proporzionale alla rappresentanza con sbarramento al 5% di rappresentanza per impedire che diventi una manna per i soliti furbi.
PROPORZIONALE PURO.
Sbarramento al finanziamento, il cui ammontare è corrispondente al reddito dichiarato nazionale.

Ezio D'Alessandro, Avezzano Commentatore certificato 06.02.14 17:05| 
 |
Rispondi al commento

premetto che non ho effettuato l'accesso sul blog in quanto non mi carica i commenti certificati nonostante sia registrata... sia al blog che al movimento. Poi riguardo al sistema proporzionale puro o corretto non ho ben capito qual'è differenza, ho letto e riletto ma sono perplessa e ho ascoltato il video e riascoltato ma non ho capito ... qualcuno gentilmente mi dica, in parole semplici, che vuol dire di modo che possa votare grazie :)

valentina lorenzini 06.02.14 17:01| 
 |
Rispondi al commento

A mio parere l'unica legge veramente democratica è il PROPORZIONALE PURO a TURNO UNICO.
I PARTITI prendono un numero di seggi ESATTAMENTE PROPORZIONALE al numero di voti. Il partito che avrà ricevuto la MAGGIORANZA RELATIVA, avrà l'onere di GOVERNARE per almeno TRE anni, durante i quali NON E' SFIDUCIABILE (quale che sia il numero di seggi che abbia preso) ovvero di esprimere i ministri (che potranno appartenere anche a partiti diversi da quello di maggioranza relativa o alla società civile). In questo modo le MAGGIORANZE da raggiungere per l'approvazione di una legge [che potranno essere di iniziativa governativa, parlamentare o popolare) andranno cercate IN PARLAMENTO di volta in volta sul TESTO delle leggi, e, anche se leggi di proposta governativa verranno respinte da maggioranze trasversali, il governo non rischia di cadere perché NON E' SFIDUCIABILE prima dei tre anni di durata del suo mandato (a meno di una sfiducia posta dal Capo dello Stato, dalla Corte dei Conti, o dalla Corte Costituzionale e su cui dovrà concordare la MAGGIORANZA QUALIFICATA del Parlamento) .

Giuseppe Pipino 06.02.14 16:50| 
 |
Rispondi al commento

Guardate qui:

http://it.wikipedia.org/wiki/Metodo_dei_pi%C3%B9_alti_resti

Davide B. Commentatore certificato 06.02.14 15:46| 
 |
Rispondi al commento

se non sbaglio è lo stesso sistema che ci ha impedito di entrare in consiglio comunale nel 2012 e questi calcoli mi hanno fatto arrabbiare molto.

domenico C., Chivasso Commentatore certificato 06.02.14 15:14| 
 |
Rispondi al commento

Non riesco mai a vedere i video neanche questo delle lezioni!!!! Si apre solo una pagina con spots pubblicitari!!
Qualcuno cortesemente mi sa dire come risolvere il problema????
Grazie a tutti

Andrea Celea, Gatteo Commentatore certificato 06.02.14 15:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bel dlemma.
L'optimum sarebbe il proporzionale puro, fotografia speculare delle preferenze degli elettori, ma sappiamo bene che ciò comporterebbe (ed ha sempre comportato) una ingovernabilità perchè è sempre venuto a mancare il senso di responsabilità verso il Paese. L'opposizione ha praticamente sempre votato CONTRO, anche se la proposta era condivisa, per il semplice motivo che "non era partita da loro". Ho votato il proporzionale corretto e, al pari di qualcun altro, auspicherei un ballottaggio dopo il primo turno. I due schieramenti maggioritari si scontrano ed in tal modo si avrebbe una chiara maggioranza.

Yurivigo Vigo, Fiesole Commentatore certificato 06.02.14 14:53| 
 |
Rispondi al commento

ATTENZIONE, DA CONSIDERARE PER LE PROPOSTE FUTURE

Proporzionale corretto ma poi i suggerimenti potrebbero essere diversi:

Direi comunque 2 turni!

Si potrebbe distorcere di poco a favore dei grandi al primo turno,
se nessuno raggiunge la soglia del 50% +1, assegnare diciamo 2/3 (o 1/2) dei seggi con coefficiente tipo proporzionale "moderatamente" corretto,
assegnare i restanti seggi al secondo turno
tra i primi 3 (o 2) arrivati con proporzionale a forte correzione verso il vincitore.

Così ci sarebbe più possibilità di governare ma allo stesso tempo lasciando rappresentanza agli altri.
Una specie di "premio" ma non di maggioranza e acquistato più concretamente sul campo

In sintesi:
Se uno raggiunge 50%+1 dei votanti, proporzionale puro (tutela la democrazia)
altrimenti:

# primo turno assegnazione 2/3 (o 1/2) dei seggi
con proporzionale "moderatamente distorto"
# secondo turno assegnazione ai 3 (o 2)
maggiormente rappresentati dei restanti seggi
con proporzionale "discretamente distorto"

PS
Se uno volesse fare un pò il matematico, e non è molto complicato da capire, e ricordo la cultura fà sempre bene,
il grado di distorsione al secondo turno potrebbe addirittura essere tabellato in funzione della percentuale ottenuta dal maggior partito/movimento
con lo scopo (aihmè) di cercare di dare comunque una maggioranza più solida.
(in caso di estrema frammentazione, è giusto che cmq qualcuno si assuma l'incarico, sebbene con buonissima rappresentanza delle opposizioni)

PENSATECI PERCHE' SI POTREBBERO BILANCIARE
BENE I 2 REQUISITI DI "GOVERNABILITA'" CONTROLLATA E MODERATA, E RAPPRESENTANZA DEL PAESE

Alessandro PA -APA 06.02.14 14:53| 
 |
Rispondi al commento

Naturalmente, il numero di voti necessari per vincere un seggio varia a seconda dell'affluenza alle urne. Le coalizioni pre-elettorali non sono ammesse. Le coalizioni possono essere concordate solo una volta entrati in parlamento. Purtroppo non ho avuto il tempo di finire il mio intervento in tempo per la votazione online. Spero tanto che vinca il proporzionale puro.

Alberto Mastro 06.02.14 14:50| 
 |
Rispondi al commento

positivo per il paese? Quindi la mia conclusione e' che la priorita' di una legge elettorale e' di rispecchiare il piu' fedelmente possibile le scelte dei votanti. Se alla fine c'e' una frammentazione, ben venga, perche' significa che il parlamento avra' una maggioranza fluida, che si comporra' a seconda del tema trattato. Tutto questo favorira' il confronto ed il dialogo.
Quando il cittadino va a votare, vuole essere sicuro che il suo voto raggiunga la destinazione voluta: la forza politica preferita. L'ultima cosa che vuole e' il suo voto disperdersi in complicati calcoli di quozienti e moltiplicatori ed essere sacrificato sull'altare di questa famigerata governabilita'. Tutti questi conteggi complicati finiranno inevitabilmente per alienare molte persone dalla partecipazione al voto, perche' si renderanno conto che il loro voto potrebbe diventare un voto di seconda classe, dimenticato, non conteggiato, e soppiantato dal voto che conta di piu' per salvaguardare la governabilita'.
Nel parlamento siedono 630 deputati e 315 senatori. I cittadini italiani aventi diritto al voto alle ultime elezioni del febbraio 2013 furono 50 milioni e mezzo per la camera e 42 milioni e 300 mila per il senato. Per vedere quanti voti occorrono per eleggere ogni singolo deputato dividiamo il numero degli aventi diritto al voto per il numero di deputati da eleggere: ci vogliono 80.159 voti per eleggere un deputato. Per il senato invece, seguendo lo stesso procedimento, occorrono 134.285 voti per ogni singolo seggio. Si fa questo conteggio a livello nazionale e poi i seggi si ripartiscono a livello regionale tenendo conto dei voti prodotti da ogni regione, non dalla grandezza della regione stessa. Viene premiata la partecipazione al voto. Al parlamento tutti i voti devono essere palesi. I seggi che non sono assegnati dal numero di voti necessari, vanno al partito che ha il numero di voti restanti piu' alto. Naturalmente, il numero di voti necessari per vincere un seggio varia a second

Alberto Mastro 06.02.14 14:45| 
 |
Rispondi al commento

Mi sono informato sulle differenze e le implicazioni tra il proporzionale puro e corretto. Ho pensato a lungo anche alla storia politica italiana recente ed attuale, caratterizzata da continue cadute di governo o da alleanze fittizie create con il solo fine di entrare in parlamento. Giustamente, tutti siamo preoccupati di trovare una legge elettorale che garantisca o che favorisca la governabilita'. A questo proposito, vorrei riprendere il pensiero del cittadino Alessandro Di Battista - che condivido pienamente - il quale ha recentemente affermato che non esiste una legge elettorale perfetta e che il valore piu' importante nel parlamento deve essere l'onesta', che a sua volta garantisce la governabilita'. Infatti - vorrei aggiungere - quando c'e' onesta' e senso di giustizia, le idee in linea di massima convergono quando si lavora e si prendono delle decisioni per il bene della collettivita'. La nostra linea (M5S) e' di rendere il parlamento pulito con l'applicazione delle regole che conosciamo tutti; quindi i criminali sono tenuti lontano dalle istituzioni. Con la democrazia diretta a tutti i livelli istituzionali, gli avidi di potere non vengono piu' attratti dalla politica. Con la riduzione degli stipendi, gli avidi di denaro non vengono piu' attratti dalla politica. Con il limite dei 2 mandati, le persone che vogliono avere il posto fisso a vita non vengono piu' attratti dalla politica. Alla fine, le persone che si candidano sono solo quelle oneste che veramente vogliono impegnarsi per il bene comune. Purtroppo questa e' una realta' solo nel mondo M5S; diventera' una realta' per tutto il paese quando vinceremo le elezioni.
Purtroppo abbiamo constatato che l'onesta' e la giustizia sociale non caratterizzano la maggioranza del parlamento odierno. E' per questo che qualsiasi legge elettorale che garantisca la governabilita', non garantisce la governabilita' giusta ed onesta. Per esempio, l'italia ha vissuto un periodo di governabilita' con Berlusconi, ma e' stato

Alberto Mastro 06.02.14 14:43| 
 |
Rispondi al commento


PROPORZIONALE PURO, affinché dei GRANDI ELETTORI POSSANO ELEGGERE dei VERI ELETTI!
Sono d’accordo con l’idea che UNO vale UNO. Dunque ho votato proporzionale puro. UNO vale UNO significa che il mio voto indirizzato ad un partito giunge pienamente a destinazione solo quando contribuisce ad eleggere una persona che io ho scelto. La via volontà è di votare Antonio, per esempio, che è candidato in una lista di un partito a cui do’ fiducia. Ebbeno voglio che il mio voto serva ad eleggere Antonio e non l’infiltrato Silvio. La mia volontà elettorale, ovvero elettiva cioè volta a conferire un’elezione ad una persona, ad elevarla al di sopra del comune cittadino, conferendogli un potere politico immenso, è cosa molto delicata. Io voglio poter votare prima del partito la persona per la sua singolarità che evinco dal suo discorso politico, dalla sua parola. UN voto vale UNO, e UN ELETTO raccoglie un consenso a partire dalla sua UNICITA’, singolarità; un consenso fatto di voti che provengono da ELETTORI singoli, da personalità la cui delega non è generica e cieca, ma è specifica e attenta. Questi elettori attenti sono GRANDI ELETTORI che posseggono un’OPINIONE (pubblica) e non sono strumento della pubblicità elettorale.

Democrazia O., Parigi Commentatore certificato 06.02.14 13:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non ha il minimo senso tornare al proporzionale da prima repubblica, che delusione... Il motivo più grande per cui attualmente serviva una legge elettorale era la STABILITÀ di governo che col proporzionale è altro che garantita... Tutto tranne la prima repubblica!

Giovanni B. Commentatore certificato 06.02.14 13:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Al di là dei sistemi, ciò che conta di più per i cittadini è :
-l' informazione. Se non si sa di preciso ciò che fanno coloro che hai eletto il problema rimane.
- La trasparenza quindi e la responsabilità degli eletti.
-Sapere prima programmi, tempi di realizzazione e squadra di governo.

Daniele Ventrella 06.02.14 13:33| 
 |
Rispondi al commento

I frequenti cambi di legge elettorale disorientano il cittadino che vota. La casta lo sa bene e se ne serve. Non è casuale anche il frequente cambio dei nomi dei partiti. È opportuno che l'elettore distratto non associ ad es. una legge-vergogna fatta da un partito-vergogna a quello stesso nome presente sulla scheda elettorale. Meglio un nuovo nome.
M5S sceglierà la legge elettorale perchè è nel programma e voterò, ma non mi aspetto particolari vantaggi da questo o quel sistema. Mi resta il piacere di poter vedere dei deputati in parlamento che fanno ciò per cui li ho mandati là, per la prima volta, a 61 anni. Bravi, siete davvero onorevoli.

lucio p., massa Commentatore certificato 06.02.14 13:11| 
 |
Rispondi al commento

Io voterò proporzionale puro perchè è giusto che ci siano delle opposizioni e se riusciamo a cambiare il modo di fare politica si voteranno le idee non le ideologie quindi un governo variegato potrebbe essere molto rappresentativo, allo stesso tempo sarebbe necessario abolire le coalizioni tra i partiti sono una cosa ingiusta e assurda dovrebbe essere vietata. Ognuno deve correre per se.

mirco Tirocchi, Grosseto Commentatore certificato 06.02.14 13:11| 
 |
Rispondi al commento

Leggendo i commenti mi rendo conto ancor di piu che le consultazioni di massa per questioni "tecnico-legislative" sono un obbrobrio, come lo erano tanti referendum (la maggior parte dei radicali) degli ultimi due decenni, che chiamavano i cittadini ad esprimersi su questioni spesso incomprensibili ai più. Il popolo deve essere consultato per questioni di principio, di alta levatura. Altrimenti si snatura e oziosa la pseudo-consultazione. Infatti i referendum ad un certo punto sono stati disertati (tranne gli ultimi del 2011, che invece erano su questioni di principio!). La difficoltà è insita nella materia, che è decisamente più complessa, nelle formule tecniche e negli effetti politici. Inoltre non si può fare un legge elettorale (coerente e che stia in piedi, per i porcellum vari sono capaci tutti) con una logica a consultazione "binaria", scegli A o B? Bianco o Nero? E così via all'infinito... o quasi. Scusate se lo dico proprio fuori dai denti, perché mi fa rabbia: se davvero riusciranno a fare una legge elettorale in breve, non sarà quella che verrà fuori dalle nostre consultazioni online, ma nel frattempo non ci sarà neanche la possibilità di far "pesare" le scelte per lo meno dei nostri rappresentanti o portavoce, come volete chiamarli e farli lavorare alla stesura di quella legge, magari anche con le delucidazioni più approfondite e i consigli del prof. Giannuli. E quindi ancora una volta saremo fuori da ogni scelta, le scelte e i veti le abbiamo lasciate fare agli altri, pregiudicati compresi, e purtroppo i nostri rappresentanti si dovranno limitare a fare anche su questo opposizione ed ostruzionismo (spero con toni sì accesi, ma "consoni" della democrazia) ma a non ottenere nulla. Anche stavolta! Mi chiedo se i nostri "capi" è proprio questo che vogliono, non entrare mai nelle decisioni... per arrivare dove e a cosa??? Se riusciste a farmi comprendere questo, mi sarebbe più chiaro decidere se continuare a starci anch'io o no. Grazie.

Enzo Mastropasqua, Bari-Milano Commentatore certificato 06.02.14 13:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per me non ha molta importanza il sistema in cui si vota, anche se VOTO PER IL PROPORZIONALE PURO. Importante sarebbe che il popolo potesse fare da sé le sue leggi,ovvero potesse AUTO-GOVERNARSI in modo da controllare gli eletti nelle sitituzioni. In questo caso qualunque tipo di rappresentanza andrebbe bene, perché i cittadini a maggioranza farebbero quello che i politici non possono o non vogliono fare e potrebbero abrogare o modificare le leggi esistenti.

Paolo Bonacchi 06.02.14 12:46| 
 |
Rispondi al commento

Secondo me qualunque legge elettorale scegliamo, la cosa più importante è escludere tassativamente le alleanze ed i cambi di appartenenza … altrimenti non ne usciremo mai

Serenella B. Commentatore certificato 06.02.14 12:34| 
 |
Rispondi al commento

io sono per il proporzionale corretto,anche se non è del tutto chiaro,ma visto che bisogna votare una delle 2 leggi voto x questa
Con la speranza che il M5S possa governare e rimettere a posto questa legge elettorale,senza proporzioni,quozienti,dividendi,eccc
Si vota un partito chi vince governa,senza aggiunti di altri partiti,come sta avvenendo attualmente
Grazie x l'attenzione

vincenzo ruggiero 06.02.14 12:33| 
 |
Rispondi al commento

Premesso che ho capito in linea di massima le spiegazioni del prof,la prima cosa che intendo sottolineare e che la parola "GoVERNABILITA?"nasconde la parola "REGIME" per farci sorbire tutto quello che ai politici farabutti conviene prendere dell'euroa,nello specifico della legge elettorale, ritengo che basterebbe vincolare il mandato dei partiti al programma pre-elettorale (quindi con responsabilita' vincolante nei confronti degli elettori)e che i dissidenti che fuoriescono dalle liste in cui sono eletti decadono,venendo rimpiazzati da chi li segue nelle liste di appartenenza pre-elettorale.Ormai per quello che si sente la nostra cara COSTTUZIONE non ha piu' senso di esistere visto che tutti stanno cercando di cambiarla.

mario casillo, napoli Commentatore certificato 06.02.14 12:26| 
 |
Rispondi al commento

Bellissima la serie di votazioni online ma, secondo me, le spiegazioni del professore sono troppo complesse e vanno ben oltre il set minimo di informazioni necessarie per decidere.

Forse era meglio fare:
- prop. corretto: pregi e difetti
- prop. puro: pregi e difetti
- prop corretto: cosa succede se si sceglie
- prop. puro: cosa succede se si sceglie

Nic V., Milano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 06.02.14 12:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In Italia c'è la cattiva abitudine di vedere la politica come un lavoro redditizio, questo favorisce partiti di entità minori semplicemente per ottenere una poltrona e non per una idea differente; o meglio l'idea se la creano e vengono votati per essa, ma nel momento in cui devono decidere la loro priorità sarà mantenere la poltrona( e questa prassi si è vista negli ultimi 20 anni). La mia opinione é la strada sicuramente piú difficile di adottare un sistema proporzionale puro e garantire le uniformità delle necessità di tutti i cittadini rappresentate in parlamento. ( Anche attraverso democrazie dirette referendum condivisione di pensiero, opinioni LE TECNOLOGIE CI SONO). Nella realtà dei fatti se non si trova un metodo sicuro per impedire le formazioni politiche solo a scopo lucrativo,(Tipo: riduzione drastica degli stipendi e privilegi, il sistema RECALL per togliere il mandato, un controllo con pene VERE per il conflitto di interesse, etc...) sarà meglio un sistema proporzionale corretto. La ragione o il cuore. Io ho votato M5S per cambiare ed aiutare il popolo a partecipare, io sceglierò il cuore rischiando di più per qualcosa di giusto.

Stefano Li Puma 06.02.14 11:55| 
 |
Rispondi al commento

Voto proporzionale puro

1 vale 1

Se non credevo in questo tanto valeva esprimersi per il maggioritario

e a chi si preoccupa della governbilita dico il parlamento deve essere sovrano: qualunque forza parlamentare anche con un solo eletto deve avere la possibilita' di migliorare le leggi e far ragionare le forze parlamentari piu' numerose

Questa e' la democrazia

IMPORTANTISSIMO VORREI CHE ALLA FINE CI ESPRIMESSIMO ANCHE SU

VOLETE IL VOTO ELETTRONICO
O IL SISTEMA ATTUALE CON LE MATITE, LA CARTA COPIATIVA, I PRESIDENTI DI SEGGIO CHE FANNO I BROGLI

Fabrizio Centonze Commentatore certificato 06.02.14 11:48| 
 |
Rispondi al commento

Secondo me basterebbe vietare le alleanze, indipendentemente dalla formula scelta. In questo modo i partiti sarebbero costretti ad aggregarsi o dividersi solo sulle singole proposte. Vietato, pena la decadenza, ovviamente, anche il cambio di casacca

kar Ma, avezzano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 06.02.14 11:36| 
 |
Rispondi al commento

Ci sono essenzialmente tre sistemi e non due !
C'è un errore nella trascrizione dal video al testo !!!!!
Ciao !

Maurizo Rossi (m5smilano), Milano Commentatore certificato 06.02.14 11:35| 
 |
Rispondi al commento

Scusate ma mi sono rotto il cervelo a leggere non li porto mai capire questi spiegazioni cervelotiche fatte apposta per ingannare;inoltre vi quanto mai è successo che un partito ha vintole 50%+1 in PARLAMENTO.Forse una volta, dopo la guerra quando le finte sinistre si sono venduto per dare posto ai Democristiani!Secondo me tanti partiti ci sono tanti volti valgono: Che ha più voti-governa! altrimenti saranno ETERNI AGGREGAZIONI-ETERNI INCUCCI!!Specie Berlusconi-Casini,o Renzi-Berlusconi o Stocazzo con quel'altro, per poi LITIGARE su tutto e dissolversi dopo poco mesi di governo. Se qualcuno mi spiega meglio senza clip pubblicati su Blog che ti fanno scaricare pure i virus, ASK, TAB, e altre porcherie che scombinano PC e nient'altro.

marina stepanova 06.02.14 11:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il proporzionale puro è l'unico sistema "onesto" e non manipolabile per non distruggere milioni di voi di italiani "onesti". Per "costituzione" tutti i voti devono avere lo stesso valore. Quindi Non deve esserci nessuna soglia di sbarramento!!! ...tranne quella matematica di raggiungere un minimo di voti per guadagnare almeno un seggio. Es. 50 milioni di votanti per eleggere 500 deputati significa raggiungere almeno 500 mila voti a livello "nazionale" per avere diritto a un seggio. Poi, per i resti, si applica la ridistribuzione "matematicamente onesta" (anche tra chi per esempio ha raggiunto solo 490.000 voti nell'esempio precedente.
la governabilità si ottiene con altre "regole": obbligo di presentazione del programma, obbligo di non passare da una coalizione all'altra,ecc. (questo è un altro argomento). Vorrei ricordare a tutti i cittadini italiani (e al "professore") che dovrebbe esistere una sola circoscrizione elettorale che si chiama ITALIA.

giuseppe Iurilli 06.02.14 11:30| 
 |
Rispondi al commento

Ottima lezione. Pur essendo piuttosto breve credo che abbia trasmesso efficacemente i concetti chiave. SIcuramente un passo da gigante rispetto al precedente video sulla dimensione dei collegi (terribile e sostanzialmente inutile).
Credo che un ultimo passo per migliorare ancora di più il servizio sarebbe raccogliere in slide il materiale esposto e pubblicarlo a corredo del video, magari con indicazioni dello stesso professore sui eventuali fonti per approfondire (chiaramente se tutto ciò non è troppo dispendioso in termini di tempo per lo staff e per il professore).

Maurizio R. 06.02.14 11:27| 
 |
Rispondi al commento

Sarebbe meglio un proporzionale puro..
stabilendo però una soglia di sbarramento (in modo che i vari SEL, Lega, FI, etc non possano fare alleanze successive al voto con PD e PDL)

Flavio 06.02.14 11:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non sarebbe bello non dover parlare di governabilità perché tutti i parlamentari sono li e "combattono" per uno scopo comune?
Fanculo a quei colori ormai antichi di sinistra e di destra, fascismo e comunismo, cose che hanno sempre diviso la gente, basta!! Le persone sono più facili da gestire nella loro individualità, sono le idee che contano e se lo scopo è comune per tutti non possono che esistere solo idee giuste e idee sbagliate, quindi condivisibili da tutti quelli che hanno a cuore il futuro nostro e del nostro paese, parlamentari in primis, ma quale governabilità ??
Certo, se ognuno guarda al proprio orticello si continuerà a parlare di governabilità e a vedere questa gente fuori dal tempo nelle istituzioni....per cambiare le cose non basta cambiare la legge elettorale..va cambiata la mentalità cazzo...va cambiato il modo di vedere le cose.
Ci spero davvero!! Un abbraccio, finalmente gli italiani possono dire di sentirsi veramente rappresentati da gente nuova e che ha voglia di fare...siete grandi!!

Luca ., La Spezia Commentatore certificato 06.02.14 11:04| 
 |
Rispondi al commento

Ho votato per il proporzionale puro. Spero che una delle prossime tornate preveda anche l'eventualità del doppio turno. Infatti a mio parere, più che il proporzionale corretto, avrebbe senso (per ogni elezione, incluso il parlamento) il collegio uninominale assegnato con un proporzionale puro al primo turno: se nessuno raggiunge il 51% si va al ballottaggio tra i primi due. In questo modo si avrebbe un parlamento tutto composto da eletti che nel proprio collegio hanno avuto la maggioranza dei voti, al primo turno o al ballottaggio.

Graziano Frigeri, Sala Baganza Commentatore certificato 06.02.14 10:56| 
 |
Rispondi al commento

Peccato che le opzioni per questa votazione siano state solo due, io avrei preferito una terza ipotesi 'proporzionale corretto con sbarramento al 10% .
ps.: sarebbe azione gradita se per le votazioni si potesse essere avvisati con un pò di anticipo anzichè a votazione avviata, ... non tutti stiamo la a controllare che dalla posta ci vengano le soluzioni ai nostri quotidiani problemi.

alfonso ruberti 06.02.14 10:54| 
 |
Rispondi al commento

Nel testo di Giannuli c'è un errore, quando parla del "metodo del divisore" e scrive "Dopodiché il quinto quoziente è A" in realtà il quinto è di D ed il sesto di A.

Comunque secondo me questi sono tecnicismi. Sarei tentato di dire proporzionale puro, ma SOLTANTO se dopo si sceglierà di far confrontare le prime due forze in un ballottaggio per il governo, dando un PREMIO DI MAGGIORANZA a chi vince. Se così fosse i sistemi correttivi sono inutili.

E' fondamentale per la democrazia avere un secondo turno, (da eliminare solo se una forza politica prende più del 50% dei voti al primo turno) perché permetti di far scegliere il governo del paese anche a chi al primo turno ha votato non per i primi due schieramenti e in quelle due settimane si parlerà solo del governo della nazione. Questa è la vera democrazia 1) proporzionale 2) ballottaggio con premio di maggioranza per la governabilità

Roberto Di Palma 06.02.14 10:50| 
 |
Rispondi al commento

Detto in due parole se si applica il proporzionale puro si ha piu' adesione alla rappresentanza e quindi i seggi vengono distribuiti effettivamente in maniera proporzionale ai voti ricevuti dalla lista.
In un proporzionale corretto si va' un po' piu' verso la governabilita', poiche' i voti vengono sempre distribuiti in maniera proporzionale ai voti, ma con un vantaggio piu' o meno leggero (dipende dalla correzione) per i partiti che prendono piu' voti.
I metodi che espone il prof. Giannulli non sono altro che l'espressione matematica di queste idee.
Saluti.

Ps: mi dispiace non poter votare perche' mi sono iscritto dopo Giugno, avrei votato un proporzionale leggermente corretto.

Angelo D., Milano Commentatore certificato 06.02.14 10:44| 
 |
Rispondi al commento

Io ho perso i miei 2 sondaggi, io sono per uninominale, vabbe' al 3° sondaggio voterò il proporzionale puro e poi voglio vedere cosa succede al prossimo 4°.
N.B.Mi sembra un gioco della ricerca del tesoro ma voglio vedere cosa c'è nella cassa...

Luigi D., Bra (CN) Commentatore certificato 06.02.14 10:30| 
 |
Rispondi al commento

Proporzionale corretto pure io. E mi permetto di lanciare il concetto delle maggioranze variabili per l'approvazione di certe categorie di votazioni ...

Andrea Michelon Prosdocimi (mike3rd), Carmignano di Brenta Commentatore certificato 06.02.14 09:44| 
 |
Rispondi al commento

Chiedo eh. Si può fare un proporzionale puro e chi vince, con qualsiasi risultato, governa senza fiducia? Vietate le coalizioni.

Massimiliano R., Lodi Commentatore certificato 06.02.14 09:42| 
 |
Rispondi al commento

io sono del parere di un sistema di legge "puro" e non corretto. mi sembra l'ipotesi migliore

carlo collina 06.02.14 09:19| 
 |
Rispondi al commento

Il proporzionale puro offre la massima rappresentatività della società civile, ma a mio avviso è necessario formalizzare per legge anche la presentazione di un programma: si votino le persone E le idee in modo esplicito. Bisognerebbe inoltre trovare il modo di legare a livello legislativo il gruppo parlamentare al suo programma, quello per cui gli elettori lo hanno votato. E in base alla convergenza dei programmi poi creare i governi.

Michele Fiori 06.02.14 09:16| 
 |
Rispondi al commento

credo che il sistema proporzionale corretto sia un buon compromesso tra rappresentativita' e governabìlita';
Ed un campione di 30000 votanti è piu' che sufficiente a determinare il pensiero della maggioranza.
Io lo votero'!
auguri a tutti e viva la democrazia.
ricordo che fino ad oggi per noi hanno deciso pochi in stanze private!


Stefano Dorillo, Perugia Commentatore certificato 06.02.14 08:47| 
 |
Rispondi al commento

Prima Partiti Puri , Poi Proporzionale Puro


Basta con Quelli messi LI

wiwa la parre 06.02.14 06:36| 
 |
Rispondi al commento

Evitando qualora fosse possibile tutte queste formule algebriche e' cosi' complesso partorire un sistema che dia la maggioranza dei seggi (cinquantacinquepercento) e quindi governabilita' a chi prende più voti almeno il quaranta per cento,e tutto il resto assegnato in base a i voti percepiti con sbarramento al quattro per cento e non con ripescaggi di vario tipo o formule chimiche,basta siamo stufi. Penso che un sistema simile garantirebbe la rappresentativita' della maggioranza dei cittadini in parlamento.Il cittadini non hanno bisogno solo della legge elettorale!!!!!!.

Stefano 06.02.14 05:51| 
 |
Rispondi al commento

Scusate se ve lo dico, cari amici del Movimento 5 Stelle, ma vi aspettate troppo dagli italiani. Io per esempio non ho ancora capito perché le elezioni non possano vincerle semplicemente quelli che prendono più voti, e gli altri a seguire, senza premi di maggioranza, senza proporzionali, senza tutti questi calcoli algebrici che sanno tanto di inculata...
E allora dico che vi aspettate troppo perché non credo che siano tante le persone in grado di scegliere con lucidità e con cognizione di causa fra proporzionale e maggioritario, fra collegio uninominale o intermedio, fra proporzionale puro o corretto. Ma stiamo scherzando? Questa è roba da politici di professione, cioè gente che ha perso il contatto con la realtà...

Giorgio Pozzi65 Commentatore certificato 06.02.14 00:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sarò diretto e duro, non importa se mi tirerete una valanga di insulti. Far "decidere" la legge elettorale a 30.000 persone in una votazione online, nella quale perciò non sono rappresentati la stragrande maggioranza dei cittadini che hanno dato fiducia al M5S - cioè quelli che non sono certificati, che non hanno un efficace accesso al web, eccetera; la nostra è, volenti o nolenti, una popolazione di vecchi, che però hanno diritto di voto e di parola esattamente come i giovani - il risultato poi ha dello sconcertante. Proporzionale corretto? Alla smmbuca o al mistral?
L'Italia, la nostra grande nazione, ha bisogno di un governo che governi, per 5 anni, senza tante storie. Siamo indietro ai grandi paesi occidentali soprattutto per questo, per finanziarie votate e emendate da centinaia di parlamentari.
Le persone questo pensano, per cui le idee di queste 30.000 persone non possono interferire con una realtà che notoriamente è contro il proporzionale. L'Italia si è espressa 2 volte contro la legge proporzionale a schiacciante maggioranza, ve lo ricordate. Percentuali bulgare, oltre il 90%, solo che la seconda volta fu il quorum a salvare i piccoli partiti, e di un soffio.
Chi vince piglia tutto e governa per 5 anni, poi va a casa e torna se è stato bravo e viene un altro che forse è più bravo.
I deputati M5S sono bravissimi ma non capisco questa pantomima di democrazia di questo sondaggio.
Oltretutto il M5S vincerà le prossime elezioni e così governerà per 5 anni senza doversi alleare con nessuno.
Direi di finire questa storia della votazione della legge elettorale, non per mancanza di rispetto agli iscritti - ci mancherebbe - ma perché è abbastanza evidentemente contro le tendenze e le idee degli Italiani, che anche adesso - moltissimi sondaggi lo indicano - voglio no 2 grandi partiti che si fronteggiano. Gli altri a casa! Se poi qualcuno vuole sostenere che i sondaggi sono falsati, lo faccia pure, ma poi dimostri che 30.000 Italiani possono votare per tutti.

Michelangelo Di Stefano 05.02.14 23:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma, a parte il fatto, che già solo la forma di governo così come esiste adesso mi sembra una pazzia. Se si volesse veramente creare la stabilità di governo, non ci sarebbe bisogno di nessun intruglio pseudo matematico a confondere le carte. I governi devono essere il risultato di ciò che i cittadini hanno votato. Per fare questo bisognerebbe abolire il voto di fiducia, e sopratutto bisognerebbero abolire i decreti legge. Le leggi da portare in parlamento dovrebbero essere in primordine, le promesse elettorali fatte dai partiti, e quindi tali promesse andrebbero certificate dal governo uscente. Abolizione del voto segreto, e registrazione dei voti dei parlamentari su tutte le questioni, con la pubblicazione dei parlamentari che hanno dichiarato una cosa in campagna elettorale e che poi ne hanno votata un altra in parlamento. E già quà si impedirebbe a falsi e ipocriti di sedere in quei tavoli, a suon di bugie. Abolire totalmente la possibilità di fare raggruppamenti o coalizioni. Le proposte di legge non possono contenere norme o articoli che non centrano niente con la legge in oggetto. Il parlamento vota, se passa, passa, se non passa, avanti un altro. Ma con gli appositi strumenti si renderà ufficiale e noto a tutti i cittadini, chi ha votato cosa. Il presidente del consiglio e i ministri dovranno avere il mandato dai parlamentari. Qesta secondo mè è la solizione per dei governi veri e stabili. La legge elettorale nel senso come normalmente esposta non ha in nessun modo garanzia di stabilità, a meno di non creare un mostro antidemocratico come è il premio di maggioranza. Per quanto riguarda i voti cosi detti di "resto" o "decimali" il concetto di dividere i seggi tra coloro che hanno i "resti" o "decimali" piu' alti mi sembra ragionevole. Che poi se facciamo i conti è la stessa cosa del così detto "metodo del quoziente".

Enzo C., Lodi Commentatore certificato 05.02.14 22:57| 
 |
Rispondi al commento

CI VUOLE UNA LEGGE EUROPEA COME IL TRIBUNALE DELL'AJA, CHE ABBIA EFFETTI SUI CORROTTI IN ITALIA TUTTI SIA POLITICI CHE ..NON,CHE COSTANO ALL'ITALIA 60 MILIARDI L'ANNO, SOLO IN ITALIA SI VEDONO QUESTE COSE VERGOGNOSE!! ECCO LA NOSTRA CRISI, VIEN TUTTA DA LI'!
PERCHE’ MI E’ DISPIACIUTO VEDER FISCHIATO NAPOLITANO ALLA COMMISSIONE EUROPEA….LOL!!

Stefano SUDANO 05.02.14 21:57| 
 |
Rispondi al commento

Per me il punto fondamentale è che la legge elettorale dovrebbe proibire le coalizioni pre-elettorali (che poi vengono sistematicamente rotte dopo le elezioni!!!). Ogni partito dovrebbe essere valutato per sé: ognuno si prende i seggi che effettivamente gli spettano! L'altro punto è che bisognerebbe limitare il numero di partiti attraverso una soglia di sbarramento, altrimenti in Italia ci troveremmo con 600 partiti su 600 deputati! Infine, non si dovrebbe cambiare squadra dopo le elezioni (mica siamo nel campionato di calcio!): se hai promesso una cosa prima delle elezioni, devi mantenere le promesse! Troppo difficile per i politici italiani?

Gabriele Martello 05.02.14 21:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A me sembra così inverosimile. Non c’è un sistema più semplice? Ti ci vuole un commercialista.

Pasquale Paura, Mottafollone (cs) Commentatore certificato 05.02.14 20:15| 
 |
Rispondi al commento

Proporzionale puro. Nessun possibilità di manipolazione e correzione.

Gianni Nasazzi 05.02.14 20:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma che pagliacciata è questa, o il proporzionale è puro oppure non è proporzionale. Io non vi voto, sia chiaro, ma se i vostri iscritti hanno scelto il proporzionale, quello deve essere. Ho la vaga sensazione che, come in altre votazioni, il tutto è diretto verso un risultato già definito..


Il proporzionale senza correzioni e con soglia di sbarramento per evitare il proliferare dei piccoli partitini nati solo per accaparrarsi qualche poltrona (Basta a questo proposito un 2-3% su base nazionale e un 5% su base locale per salvaguardare le minoranze).

Pasquale Zuppala 05.02.14 19:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Riporto qui il mio commento che viene continuamente rimosso su Disqus.

Riepilogando: il sistema proporzionale puro fotografa la reale rappresentanza dell'elettorato.
Quello corretto, manipola il voto assegnando attraverso vari correttivi più seggi ai partiti maggiori a scapito dei piccoli.
Il metodo D'hondt (divisori all'unità) è quello associabile al primo sistema seguito dal metodo del quoziente naturale coi resti più alti (Hare-Niemeyer). Le manipolazioni per il proporzionale corretto, sono attuabili attraverso gli altri metodi (Hagenbach-Bischoff, Imperiale, Metodo Sainte-Laguë, ecc).

Questo è un punto molto importante su cui invito tutti a riflettere e documentarsi (allego vari link per farsi un'idea). La propaganda di regime ci ha bombardato per anni sul falso mito della Governabilità a tutti i costi a scapito della rappresentanza. Alle elezioni tutti noi contribuiamo ad eleggere i nostri RAPPRESENTANTI in PARLAMENTO. NON ELEGGIAMO IL GOVERNO. Non possiamo farlo perchè la nostra amata COSTITUZIONE non lo prevede. E non è un caso nè una mancanza: tutto l'impianto costituzionale si basa su pesi e contrappesi che se rimossi portano
a conseguenze devastanti per la vita democratica nel Paese. Dall'art. 48: Il voto è personale ed EGUALE, libero e segreto. Riflettiamo su questa importantissima parola utilizzata dai Padri Costituenti: EGUALE. Ed informiamoci, approfondendo il concetto di uguaglianza del voto.

http://it.wikipedia.org/wiki/Legge_elettorale
http://goo.gl/2LmOXD
http://goo.gl/4xqjnL
http://goo.gl/oNujJr
http://goo.gl/zQOOMR
http://goo.gl/nA3gPA
http://goo.gl/ysq8Fj
http://goo.gl/rbCQDJ

Savio Chiariello Commentatore certificato 05.02.14 19:27| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento

mi sembra ineressante il proporzionale corretto con il metodo del divisore rettificato, perché garantisce a tutti la rappresentatività ma si evita di disperdere troppi seggi verso i piccolissimi partiti che altrimenti verrebbero creati anche ad hoc dai soliti noti. Con questo sistema si potrebbe così anche evitare di introdurre sbarramenti o (peggio ancora) premi di maggioranza che trovo poco democratici.

Fabio Sclosa Commentatore certificato 05.02.14 19:23| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi stiamo CALMI.

Io voterò il PROPORZIONALE CORRETTO.

il puro è un suicidio. Bisogna compensare la poca governabilità.

Tra l'altro molti di voi che dicono PURO fanno confusione tra il maggioritario e il proporzionale. Infatti parlate di soglie di sbarramento 1 2 3% e premi che non ci sono nel proporzionale. Nel proporzionale c'è un DISTORTORE per distribuire i seggi in maniera meno proporzionale ma più a vantaggiosa per i GRANDI PARTITI. (Come il buon senso vuole).

Scegliere il metodo di distribuzione serve a capire quanto si vogliono favorire i grandi partiti.

Io direi di favorirli ma non troppo.

Faccio notare che questa legge, così come sta venendo fuori, NON FAVORISCE nell'immediato il M5S ma condanna PD e PDL alle larghe intese per governare. Quindi il M5S sarà di fatto l'embrione della nuova sinistra riformatrice e che cura gli interessi delle fasce piu basse e PD e PDL si uniranno per difendere da buoni conservatori gli interessi del sistema.

dario garofalo 05.02.14 19:11| 
 
  • Currently 2.6/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Avrei una domanda.
Facciamo finta che il "proporzionale corretto" vinca la consultazione. Poi tra quale "proporzionale corretto" bisognerà scegliere?

Francesco Caterino Commentatore certificato 05.02.14 19:09| 
 |
Rispondi al commento

Proporzionale = pura rappresentanza: il Parlamento deve rispecchiare la società così come è.
Le correzioni, che possono essere più o meno accentuate, servono a evitare che la rappresentanza si frammenti troppo e che sia garantita, in qualche modo, la governabilità :la formula che trasforma i voti popolari in seggi è il “metodo del quoziente”, naturale o corretto con arrotondamento fino all'ultimo decimale per eccesso o per difetto come ci insegnano in aritmetica fin dalle scuole elementari.

Davide Pollastri 05.02.14 19:02| 
 |
Rispondi al commento

PROPORZIONALE PURO, chiaro limpido e trasparente. bisogna vederli in faccia chi andremo a votare. grazie e buonasera

salvatore russo 05.02.14 18:54| 
 |
Rispondi al commento

Io sono per il proporzionale corretto, per evitare la proliferazione di tanti piccoli partiti e assicurare una certa governabilità.

Maria R., Carbonia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 05.02.14 18:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il proporzionale puro privilegia la rappresentanza, ma anche la proliferazione di tanti piccoli partiti e gruppi che spinti dal finanziamento pubblico porterebbero alla paralisi, perché poi per fare un governo stabile ci vogliono dieci partiti che lo sorreggono, è chiaro quindi che il capo del governo per durare dovrà trasformarsi in quello che vogliono i vari partitini, promettendo una cosa e facendo l'opposto, il trasformismo dilagherebbe, però è anche vero che le leggi sarebbero più rappresentative e quindi più elaborate, ma teniamo presente che la gente protesta sempre per i troppi partiti e quindi ci dovrebbe essere l'abolizione contestuale del finanziamento pubblico ai medesimi - e questo ci va bene - due mandati e poi fuori, ma anche una sola camera, perchè se i provvedimenti rimbalzano da una camera all'altra è più facile che muoia il papa che a fare una legge.

GIANCARLO SARTORETTO, Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 05.02.14 18:42| 
 |
Rispondi al commento

Puro potrebbe servire in questo momento in cui dobbiamo riscrivere le regole, perchè occorre interpellare il giudizio di tutti, ma poi la governabilità andrebbe a farsi benedire, ma, che dire, devo pensarci, comunque un sistema con un forte sbarramento o un premio di maggioranza (Non insieme solo gli stupidi e i dittatori lo vorrebbero insieme) potrebbe aiutare il nostro paese.

Moreno Ruozzi, Reggio Emilia Commentatore certificato 05.02.14 18:34| 
 |
Rispondi al commento

Proporzionale corretto.
Vero che il puro è sicuramente più democratico ma dobbiamo pur tenere conto che siamo in Italia ed abbiamo una naturale tendenza al frazionamento, al trovare più le cose che dividono che non quelle che uniscono.
E poi il proliferare di partitini è stato spesso utilizzato proprio per raccimolare più seggi da "regalare" poi ai soliti noti partiti maggiori.

Lucaz R., Rubiera RE Commentatore certificato 05.02.14 18:34| 
 |
Rispondi al commento

Voglio il proporzionale fino all'ultimo centesimo.

luigi francia, luigi@francia.dk Commentatore certificato 05.02.14 18:09| 
 |
Rispondi al commento

Sono un simpatizzante del M5S; non mi sono iscritto ma nemmeno l'ho mai fatto per altri partiti.
Seguo da anni il blog e, qualche volta, invio dei commenti.
Anche in questo caso, quasi certo della non risposta mi permetto di dire quanto segue:
se non erro il partito degli indecisi e di quelli che dichiarano che non andranno a votare è il primo in Italia.
Ogni partito tradizionale ha uno "zoccolo duro" inattaccabile nel breve periodo; anche questo partito del non voto ce l'ha.
Ma, a differenza degli altri partiti questo è la sommatoria di persone deluse o arrabbiate con la politica e quindi penso molto più aperte, se opportunamente sollecitate, a ritornare a votare.
Per chi? Per dei movimenti che rappresentano abbastanza il loro stato d'animo, critico e severo nei confronti dei partiti che li hanno delusi.
Quale può essere un movimento che li soddisfi se non voi?
Io avrei diverse idee di alcune cose da fare in proposito.

vito pallotti 05.02.14 17:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il metodo del divisore rettificato lo vedo il più giusto, perchè chi prende meno voti non deve essere favorito, ma il premio al limite deve andare a chi ne riceve di più piuttosto, visto che riesce a catalizzare più persone. Come pure nell esempio non è giusto che chi prende 230 voti abbia gli stessi seggi di chi ne prende 170. È giusto che tutti i soggetti con una certa forza di voti siano rappresentati e per far ció basta avere uno sbarramento basso come in Germania, anche 2-3%. 
Per questo bisogna puntare al proporzionale corretto per dare più consistenza a chi riceve il mandato e garantire contemporaneamente rappresentanza alle reali forze del paese. 

Gaetano Cervino 05.02.14 17:37| 
 |
Rispondi al commento

Proporzionale corretto, il puro è ideologia e non permette ad un paese di essere BEN governato, e noi solo sappiamo quanto ne abbiamo bisogno.
Chiaramente vanno inserite tutte le clausole che impediscano i cambi di casacca repentini dei nostri parlamentari piegati dalle prime brezze primaverili, massimo due mandati parlamentari, etc...

Erwin Cipriano 05.02.14 17:33| 
 |
Rispondi al commento

Sistema Proporzionale Puro....

Mauro Benivegna, Trapani Commentatore certificato 05.02.14 17:30| 
 |
Rispondi al commento

La questione di fondo è se privilegiare la cosiddetta governabilità oppure la pura rappresentanza.E' venuto il momento di demistificare il mito della governabilità ad ogni costo che non è in se un valore se non nell'accezione dei sistemi autoritari e dittatoriali.E' sicuramente meglio per i cittadini avere regole che possano fare immediatamente far decadere un governo quando questo viene meno al patto sociale stabilito con essi.Il mercimonio al quale quotidianamente assistiamo e contro il quale è nato il m5s è proprio figlio del sistema ove la governabilità ha preso il posto della rappresentatività riducendo il parlamento a sede notarile delle decisioni "governative" prese magari durante cenette tra i potenti o nei salotti "buoni" della finanza.Ogni forma che deforma volutamente la rappresentanza a favore della governabilità è un errore se non un orrore per cui il proporzionale puro risponde di più ad una forma di democrazia più alta ove ad ogni voto corrisponde una testa.Ogni altro tipo di deformazione della rappresentanza è solo un tentativo di stravolgere il concetto di democrazia.

carlo 1., torre annunziata Commentatore certificato 05.02.14 17:27| 
 |
Rispondi al commento

Proporzionale PURO COME IL M5S

angelo c., roma Commentatore certificato 05.02.14 17:23| 
 |
Rispondi al commento

Proporzionale Puro...E questa volta VINCIAMO! ^__^

Vincenzo C., Roma Commentatore certificato 05.02.14 16:56| 
 |
Rispondi al commento

Buon giorno,
io dico assolutamente proporzionale PURO e mettiamoci in testa una cosa, se una legge che riguarda il bene comune di TUTTI i cittadini italiani verso un miglioramento della vita di tutti i giorni, se qualche parlamentare o una parte politica fa saltare il tavolo, è evidente che ci sono conflitti di interessi, quindi una volta fatta la legge elettorale, si iniziano a fare le leggi contro conflitti di interesse, e che i parlamentari firmino tutti indiscriminatamente un documento che garantisca l'etica e la morale nel voler perseguire SOLO il BENE dell'ITALIA. Fuori i lobbisti, i corrotti, fuori i DISONOREVOLI. Non è Utopia, è M5S !!

Andrea Zaramella, Chieri Commentatore certificato 05.02.14 16:24| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

Siamo d'accordo sul fatto che la governabilità non la garantisce né il sistema elettorale né le coalizioni preelettorali né i premi di maggioranza o il numero di partiti che formano l'arco parlamentare (l'"omogeneità" del pd mi pare sia la dimostrazione lampante del fatto che anche un parlamento formato da un'unica forza politica potrebbe non garantire un bel niente...).
Detto questo, il sistema politico che ha preceduto l'ultimo deprecato ventennio era caratterizzato da parlamenti dov'erano rappresentati quasi tutti, e questo aspetto di rappresentatività, che sicuramente garantisce maggiormente il desiderio di corrispondenza di posizioni e aspirazioni dell'elettorato, non era privo di contropartite negative.
Una di queste era la brevità dei governi.
Un'altra era la formazione postelettorale di alleanze di governo tra i partiti di centro, che relegavano destra e sinistra, sistematicamente, all'opposizione.
E non c'era possibilità di alternanza: la dc, con stampelle varie, ha governato per quasi 50 anni.
Robb, giovane lupo, non so quanto tu sia giovane, ma da un proporzionale puro potrebbe anche derivare una nuova barbarie.
sul premio:
Quanto potrebbe raggiungere il m5s in termini di consenso? il 35%, il 40%? Con un proporzionale puro non avrebbe la maggioranza dei seggi.
Supponiamo che abbia la maggioranza relativa e che vengano fatte consultazioni e dato un mandato esplorativo: si raggiungerebbe un'intesa per un governo? no. Ci sarebbe la fiducia? no.
Sotto un altro aspetto, sullo sbarramento:
con un gran numero di partitini solo ufficialmente all'opposizione, e in realtà asserviti e pertanto addomesticati, l'opposizione di un eventuale m5s in minoranza sarebbe facilitata? no (scatterebbero i trucchi di questi 20 anni: astensioni, assenze... e per altro verso strumentalizzazioni mediatiche su "come si deve fare un'opposizione responsabile e corretta"...)
Ripeto, sono disponibile a ogni idea e critica, ma dobbiamo essere concreti e realistici.

maurizio alferi 05.02.14 16:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Una sola parola... PURO!
Altre 2 parole... VINCIAMO NOI!

Francesco C., Caltagirone Commentatore certificato 05.02.14 16:15| 
 |
Rispondi al commento

1) sistema proporzionale puro

2) NO coalizioni

3) collegi intermedi

4) liste corte, con parlamentarie-primarie volontarie (non per legge)

5) una sola preferenza, che interferisca solo sull'ordine dei candidati eleggibili

6) una sola soglia di sbarramento 4% per l'accesso ai seggi

7) la percentuale dei seggi conferiti a ciascun partito corrisponda esattamente alla percentuale dei voti ottenuti.

giuseppe maria 05.02.14 15:58| 
 |
Rispondi al commento

proporzionale puro senza possibilità di staccarsi dal partito con cui sei stato eletto....se non sei più d'accordo vai a casa! tra quelli che sono transitati di noi nel gruppo misto c'è chi va in televisione a dire che comunque sono ancora 5 stelle, è veramente vergognoso, non sei un 5 stelle ma un ladro come tutti quelli che fanno come te! stai lì a sbafo....traditori delle speranze degli elettori....fate in modo che dalle prossime elezioni tutto ciò non possa più succedere!!!

donatella f. Commentatore certificato 05.02.14 15:57| 
 |
Rispondi al commento

Proporzionale corretto! Come in Finlandia!!!!!

Paolo Potorti, paopa1985@gmail.com Commentatore certificato 05.02.14 15:51| 
 
  • Currently 3.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Proporzionale puro! Chi vince comanda e gli altri aspettano 5 anni! ...a meno che non si verifichi una una VERA crisi e la Corte Costituzionale non decida di mandare tutti a casa per incapacità manifesta, la legislatura, dovrebbe arrivare a fine mandato.

Walter Zaccagnini 05.02.14 15:19| 
 |
Rispondi al commento

Facciamo chiarezza.

Soglia sbarramento, premio maggioranza, doppio turno sono tutti accorgimenti che determinano un proporzionale CORRETTO, NON PURO.

Nel PROPORZIONALE PURO il Parlamento rispecchia la reale divisione politica del paese senza NESSUNA ALTERAZIONE! Rende l'elettore più libero di votare, scardina l'ideologia del "voto utile", della logica maggioritaria.

"E il governo?"
"E così non si hanno sempre le larghe intese?"

Il Governo si forma nel modo più canonico, consultazioni delle forze politiche, incarico ad un Presidente a formare governo e incassare fiducia (o anche in questi lidi ormai si è interiorizzata la renzata: "bisogna sapere chi vince lo stesso giorno delle elezioni" ?)

Le larghe intese dipendono dagli uomini, possono essere le nostre italiche larghe intese o accordi programmatici seri e ben definiti; se c'è una forza con la maggioranza relativa(ad esempio proprio il m5s) a quel punto le larghe intese tra gli altri per fermare la forza di maggioranza relativa, rispetto ad un appoggio esterno AL m5s di uno degli altri, sarebbe la loro sconfitta definitiva.

Insomma io speravo ci fossero meno grillini attenti a sta cavolo di governabilità(che poi a dir il vero il sistema mentre dice una cosa ne intende un'altra e cioè la stabilità degli esecutivi anche quando non fanno nulla).

L'Italia è un paese frammentato politicamente, lo era a inizio 900, lo è stato subito dopo il fascismo, durante la Prima Repubblica, a nulla sono serviti i tentativi di forzare un bipolarismo che non esiste (il successo del m5s ne è l'ennesima prova)...quindi qualsiasi CORRETTIVO a distorcere questa frammentazione per raggiungere una governabilità che dipende semmai di più da altri fattori(qualità ceto politico, congegni istituzionali relativi all'esecutivo) che leggi elettori io lo reputo non democratico e poco in linea con il concetto di democrazia radicale che il m5s vuole portare avanti.

PROPORZIONALE PURO O BARBARIE

Robb Stark, Winterfell Commentatore certificato 05.02.14 15:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Proporzionale puro e ripartizione con il "metodo del quoziente" perchè la Sovranità deve rimanere del Popolo ed avere una rappresentanza non falsata da correttivi e tanto meno da sbarramenti. La "governabilità" non è una priorità in un sistema corrotto e squilibrato sotto il profilo del rispetto dei Diritti. Abbiamo già sperimentato l'imbroglio sotteso alla proclamata esigenza di "governabilità" e quali siano le implicazioni nefaste di sottomissione del Parlamento e della Costituzione alla tirannia dei governi eterodiretti dai "mercati finanziari".

Paolo Alesse 05.02.14 14:45| 
 |
Rispondi al commento

Puro! non immaginavo che c'erano tanti adattamenti ad una cosa secondo me che deve rispecchiare esattamente la volontà popolare. (La storia insegna: Neanche i sistemi maggioritari garantiscono la governabilità, quindi, tanto vale non rovinare la volontà popolare con architetture umane che possono essere affette da volontà unilaterali)

Francesco C. Commentatore certificato 05.02.14 14:41| 
 |
Rispondi al commento

Chi vince prende tutto.
Se perdo faccio opposizione e aspetto 5 anni.
Se chi governa lo fa bene rivincerà, altrimenti perderà.

GIORGIO S., TS Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 05.02.14 14:34| 
 |
Rispondi al commento

Mi sembra una gran perdita di tempo, pur capendo che possa servre per far capire alla gente come funzionano le leggi elettorali. Si sa già che la legge elettorale la faranno forza italia e pd-l. e che questa legislatura andrà avanti fino alla sua scadenza naturale : 4 anni. Nel frattempo noi saremo completamente logorati. Grillo sarebbe stato meglio se avessi fatto l'accordo con Bersani.

pazzi gilberto, genova Commentatore certificato 05.02.14 14:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

io avrei una proposta,visto la poca conoscenza e l'ingarbuglio della spiegazione,o di quello che uno intende o pensa
FACCIAMOLO SUGGERIRE DAGLI ADDETTI,CON UN VOTO CHE SERVA AL M5S PER GOVERNARE SENZA IMPICCI E VARI CORROTTI

vincenzo ruggiero 05.02.14 14:25| 
 |
Rispondi al commento

Se si persiste a prendere tempo con questi mini quesiti, la nostra proposta di legge elettorale la presenteremo nel 2050. Speriamo contenga le preferenze, le liste pulite e il vincolo dei due mandati con l'impegno poi di tornare a lavorare nell'economia reale privata. Personalmente aggiungerei anche il valutare l'opportunità di candidare persone dipendenti del pubblico impiego, visto e considerato che sono indirettamente complici di questo sistema allo sfascio.

CLAUDIO 05.02.14 14:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Gentile sig. Biagio I. così si firma nella discussione sottoscritta al mio messaggio di ieri sera alle 20.30, non sò come poterle rispondere direttamente quindi lo faccio qui pubblicamente: io , al contrario di quello che lei afferma, sono registrata ed autenticata da mesi al M5S, ed ho potuto partecipare sia alle votazioni on line sia alla stesura delle leggi , in particolare a quella sul reddito di cittadinanza. Quindi non capisco cosa c'entri questa sua risposta col quesito e suggerimento che ho invece scritto io!!! mi potete rispondere in merito??? se no riscrivo all'infinito e non solo a voi stavolta!! Ma perchè mi cadete sempre su queste semplici prove di democrazia e trasparenza??!

marianna tebaldi 05.02.14 14:07| 
 |
Rispondi al commento

oltre che su questo blog ho scritto sulla pagina fb del prof. Giannuli, spero ci spieghi meglio, se decidiamo il proporzionale puro, cosa succede DOPO... doppio turno? oppure niente (il che vuol dire nuovamente larghe intese e che siamo punto e a capo.....)?

JACK A., BOLOGNA Commentatore certificato 05.02.14 14:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

in linea di massima sarei per un proporzionale con piccola correzione però ho dei dubbi che sia la scelta migliore; avrei bisogno di avere un quadro generale di come poi si concretizzano le varie scelte.

Giuseppina G. Commentatore certificato 05.02.14 13:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beppe, lascia che questi ragazzi di gestiscano da soli. Stanno dimostrando che possono farcela senza ordini dall'alto, devono lasciare da parte improperi vari, apodi discreditivi diretti agli avversari (si discreditano da soli) i metodi di neuro-comunicazione aggressivi forse funzionano in altri stati come gli Stati Uniti d'America ma da noi credo proprio di no... in una popolazione dove i giovani sotto i 30 anni rappresentano solo il 25% dei quali un 10% sotto i 18 anni vi vuole un linguaggio più adatto ad una fascia adulta e anziana. Con questo senza nulla togliere all'entusiasmo nelle parole dei parlamentari 5 stelle che piacciono a tutti

Massimo S. 05.02.14 13:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per me cosa importantissima riguardo legge elettorale e' la eliminazione delle coalizioni,i partiti devono vincere con i soli propri voti e non con accordi tra mille partitini......w M5S

Alessandro Stiffi 05.02.14 13:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Credo che sarebbe stato necessario un post più preciso, così chi non è avvezzo in sistemi elettorali e/o matematica potrebbe avere qualche difficoltà. Sarebbe stato logico spiegare tutti i metodi esistenti (tutti i divisori e tutti i quozienti) e poi far votare uno di quelli! Detto questo io sono per uno dei seguenti metodi:

-metodo Sainte-Lague;
-metodo Hagenbach-Bischoff;
-metodo di Droop, con il voto singolo trasferibile.

Per chi parla di doppio turno e governabilità, faccio notare che nessun Paese considerato democratico adotta un doppio turno DI LISTA e chi usa il maggioritario (Francia, GB, USA) lo fa con i collegi uninominali. Da nessuna parte c'è la garanzia di avere la maggioranza assoluta al termine del voto. In GB si verifica spesso il caso del "Parlamento Appeso", negli USA ci sono le elezioni di mid-term che possono sconvolgere la composizione del Senato rispetto alla Camera, in Francia si è dovuto ricorrere ad alleanze. Persino in Germania, nota per la stabilità del governo, non ha mai avuto maggioranze assolute monocolore. Quindi seguiamo questa strada del proporzionale, ma chi parla di doppio turno di lista sappia che è una vera boiata!

Manuel Meles, Savona Commentatore certificato 05.02.14 13:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CIAO BEPPPE,
MEGLIO ELETTORALE PURO CHE CORRROTTTO
ALVISE

alvise fossa 05.02.14 12:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

il prof. Giannuli nella sua esposizione ha parlato troppo del prop. puro e nessun riferimento alla possibilità di un doppio turno che assicurerebbe governabilità. forse dovrebbe spendere qualche altra parola!!

JACK A., BOLOGNA Commentatore certificato 05.02.14 12:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Notizia:
Lunedì 10 febbraio 2014 inizia il Processo per la compravendita di senatori da parte di Berlusconi (caso De Gregorio) cioè periodo 2006-2008 quando cadde poi il governo Prodi.

Francesco da Modena 05.02.14 12:54| 
 |
Rispondi al commento

proporzionale puro, una testa un voto, ed eletti in proporzione ai voti ottenuti, questa è democrazia!; tutto il resto è truffa!

roberto grienti 05.02.14 12:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

visto e rivisto!! solito atteggiamento della vecchia e dittatoriale guardia..
allora visto che la nostra democrazia è in comodato d'uso al nostro caro vecchissimo presidente,leviamogli la fodera di prosciutto: COMINCIAMO A NON FORNIRCI PIù DI BENZINA O ALTRO DALLA ENI O QUALUNQUE ALTRO FORNITORE E DISTRIBUTORE ITALIANO ..SAPETE CHE SUCCEDE SE TUTTO IL POPOLO ANCHE SOLO GRILLINO APPLICASSE UNA POLITICA DI FATTO ,ESECUTIVO DEL GENERE?? IL PREZZO DEL CARBURANTE ALLA LUNGA SCENDE ..LO HANNO GIA' FATTO IN FRANCIA E FUNZIONA DAVVERO.OVVIAMENTE PIU' E' GROSSO IL LOCO DEL DISTRIBUTORE E PIU' E FORTE IL DANNO. PROPONGO IL MESE DEL CONSUMO CONTROLLATO. CHE NE DITE ??
FACCIAMOCI SENTIRE ANCHE CON QUESTI MEZZI CHE SONO DEL TUTTO LEGALI.

peyman azemoon, Morlupo (RM) Commentatore certificato 05.02.14 12:47| 
 |
Rispondi al commento

Decreto svuota carceri, Politometro driblato alla grande…. La Bignardi…. I “potenziali” stupratori…
Ma non sarà che vogliono distinguersi dal MoVimento 5 Stelle?
Comunque non sono tranquilli, all’Europa facciamo paura, e non tralasceranno nulla per convincere la gente che certe opposizioni vanno debellate come un ceppo virale…. Con una legge elettorale o l’altra.

Scusate, torno nel mio bosco di larici…. C’è buona musica laggiù

http://www.youtube.com/watch?v=qoktesLkHy8

Lone Wolf Commentatore certificato 05.02.14 12:35| 
 |
Rispondi al commento

OT

ciao Ema

a quanto sembra niente di nuovo sotto il sole una domanda come quella che hai ricevuto tu me l'hanno fatta ai tempi della battaglia sul divorzio.

"ah lei vota radicale" dico si perché è una battaglia giusta

"non lo avrei mai detto"

Xchè lei chi vota

"democrazia cristiana" ed io, ho capito.

Quindi vedi passano gli anni ma ci sono persone che riescono a capire quando una battaglia è utile al paese ed altre no.

ma noi in direzione ostinata e contraria guardiamo solo il bene del paese quindi siamo nel giusto perciò questa battaglia va combattuta.

un saluto a te ed anche a tutto il blog

da nessun copy
prossimo elettore ✩✩✩✩✩

nessun copy 05.02.14 12:35| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Ragazzi..potreste indicarmi il link dove poter votare? sono registrato ed i dati sono stati riconosciuti.grazie mille

salvatore sileci 05.02.14 12:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ultim'ora:
Berlusconi fa chiedere a Enrico Letta una verifica di Governo. Berlusconi vorrebbe come premier il SUO Matteo Renzi.

Francesco Cagliari 05.02.14 12:33| 
 |
Rispondi al commento

:)

nessun copy 05.02.14 12:25| 
 |
Rispondi al commento

Sistema proporzionale puro. Due turni. Al primo sbarramento al 4-5%. Secondo turno con ballottaggio tra i primi due, con premio di seggi a chi vince, per evere maggioranza netta in parlamento. Nessuna coalizione dopo il primo turno. Chi lascia la forza politica che lo ha presentato, decade ed è sostituito dal primo dei non eletti nella stessa circoscrizione. Auspicabile un parlamento monocamerale. Se richiesto, posso postare e spiegare meglio sul web un esempio pratico.

Giovanni M., Lazzate Commentatore certificato 05.02.14 12:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


Decreto svuota carceri, Politometro driblato alla grande…. La Bignardi…. I “potenziali” stupratori…
Ma non sarà che vogliono distinguersi dal MoVimento 5 Stelle?
Comunque stiano tranquilli, all’Europa facciamo paura, e non tralasceranno nulla per convincere la gente che certe opposizioni vanno debellate come un ceppo virale.

Scusate, torno nel mio bosco di larici… C’è buona musica laggiù

http://www.youtube.com/watch?v=qoktesLkHy8

Lone Wolf Commentatore certificato 05.02.14 12:20| 
 |
Rispondi al commento

CON LETTA, RENZIE & TRUFOLO + I LORO MANUTENGOLI PER NOI ITALIANI NON CI SARA' NESSUN FUTURO. PROPRIO NESSUNO.

Marco R. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 05.02.14 12:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Da quanto mi ricordo, negli anni '90, fatto da Segni, gli italiani hanno fatto un referendum sul sistema di voto. E vinse Segni col 85% o più. Era previsto che la legge elettorale, fino ad allora proporzionale, sarebbe diventata maggioritaria. Allora, gli italiani si erano resi conto cosa voleva dire proporzionale con le preferenza: addirittura più corruzione di adesso ( vedi scandalo montedison, PSI che il segretario diceva “il convento [il partito] è povero, ma i frati [ gli eletti dal comune fino al parlamento del PSI ] sono ricchi , ecc.). Purtroppo il tempo cancella tutto, o forse la maggioranza dei partecipanti del blog è, giustamente, giovane.
Mi rendo conto che i partiti continuano a essere corrotti.
Ma il proporzionale in salsa italiana i partiti saranno più corrotti, ed esposti alle mafie .

Paolo Zanchetta 05.02.14 12:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

o.t.

si era detto che a fine gennaio
veniva calendarizzata la messa
in stato di arresti domiciliari o
lavori socialmente utili
per l'innominabile.......

siamo all'inizio di febbraio, quindi??

Path Walker Commentatore certificato 05.02.14 12:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A proposito del decreto "Svuota carceri" e dei braccialetti inutili (perché non hanno mai funzionato)che però continueranno ad essere gestiti dalla Telecom mediante il figlio della Cancellieri. Il Ministro di Grazia e Giustizia in nome e per conto del Popolo italiano infatti non solo è amica intima di illustri delinquenti come ben sappiamo ma come se ciò non bastasse è dunque anche in un leggero conflitto d'interessi. La Cancellieri avrebbe dovuto dimettersi per prima a suo tempo ma è l'unica che invece è rimasta ben inchiodata alla poltrona. Chissà perché..?!
Con il decreto svuota carceri Letta, Cancellieri e Napolitano non pagheranno un centesimo delle ammende promessegli dall'Europa. Questo è l'unico motivo dello svuotamento oltre a quello dei braccialetti. Ma per regalare miliardi alle banche le casse dello Stato, dopo aver spennato i cittadini, le piccole e medie imprese ed aver costretto molti persino a suicidarsi per essere finiti in miseria, non possono infatti provvedere a che siano ultimati i lavori alle attuali carceri esistenti tuttora vuote, a costruirne di nuove e a riformare il nostro ordinamento giudiziario che è diventato una mostruosità solo per permettere ai delinquenti amministrativi di continuare a rubare e a votare chi li tutela.
Per quanto tempo dovremmo ancora sopportare che questa gente ci governi? Hanno svenduto il nostro paese pezzo a pezzo ed in pezzi infatti ormai è ridotto. Ora che è non esiste più neppure la Fiat uno degli ultimi colossi italiani e che sta per andarsene pure l'Alitalia, questo paese svuotato di ricchezza lo stanno riempiendo di mafiosi e pericolosi criminali. Insomma nessuno s'è ancora accorto che se lo sono già mangiato quasi tutto e si stanno dando giusto il tempo strettamente necessario per compiere l'opera?
Quando riusciremo a portare questi "signori" e loro seguaci davanti ad un Tribunale del Popolo, uno vero, prima che l'Italia sia completamente devastata? Quante generazioni ci vorranno per ricostruirla?

rino lagomarino Commentatore certificato 05.02.14 12:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

o.t.

casini

un cognome e un'azione politica
che si somigliano molto.....

......ma a parte la famiglia chi sono i suoi elettori?

Path Walker Commentatore certificato 05.02.14 12:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono per il proporzionale puro, però deve essere eliminato il voto di sfiducia, un Presidente del Consiglio, una volta eletto, deve governare per 5 anni, in Svizzera è così e il sistema funziona da 200 anni.


Suuuu...fate la carità,per cortesia fate la carità...ho un aeroplanino mezzo rotto...ve lo regalo,ma fate la carità,se ritorno a casa senza un soldino,papà mi picchia!
fate la carità...fate la carità!
hihihihiih....evvai!
★★★★★ *.^

oreste m******, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 05.02.14 12:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

SIAMO una NAZIONE alla vergogna senza precedenti...
ANZI all'indifferenza...
VOGLIAMO aiutare genti o paesi a noi lontani e non siamo capaci di dare
una vita serena ai nostri anziani in gravi difficoltà...
ANZIANI, che nel bene nel male con ognuno le proprie forze o sapere,
risollevò
questa nazione dalle macerie del 2^ CONFLITTO MONDIALE...

NOI DOVREMMO AVERE RISPETTO, con un impegno morale di gratitudine
verso ogni anziano
non solo per la caratteristica psico fisica ma bensì dal capire i sacrifici
in termini psico fisici
che questi dovettero affrontare per portarci fuori dal conflitto.

A PRESCINDERE, che uno abbia versato più o meno contributi, tutti hanno
contribuito al progresso di questa NAZIONE passando il testimone
ai loro figli.
DI fatto dovrebbero avere un sostentamento in termini economici
adeguati a quest'epoca... SENZA DOVER raccattare RIFIUTI nei cassonetti
o cibi scaduti... e questi fatti si verificano anche in EUROPA

CHAPEAU bellissima questa EUROPA DEI POPOLI...

ALL'ultimo stadio della tua vita ti ritrovi in un "VORTICE SPAZIO-TEMPORALE"
cioè nelle stesse condizione che hanno caratterizzato la tua infanzia...
(mi riferivo AGLI anziani essendo un quasi 50enne.)
CHE disperazione vedere TUTTO... questo... avvolte mi vergogno di essere un
cristiano cattolico...
JOYKEY

JOY-KEY 05.02.14 11:57| 
 |
Rispondi al commento

Sono un simpatizzante certificato, ho già espresso la mio opinione sui precedenti quesiti, indipendentemente da quale sistema prevarrà, è importante il fatto che finalmente (ho 55 anni)una parte politica è disposta a conoscere la mia idea.
In precedenza i vari partiti si ricordavano di me, innondandomi la buca delle lettere con le loro banalità solo prima di una elezione.
Grazie

Domenico BECCHIO 05.02.14 11:54| 
 |
Rispondi al commento

Il proporzionale puro, in un Paese come l'Italia dove i partiti proliferano - anche soltanto per creare specchietti per le allodole (quanti voti ha perso il m5s con giannino, fratelli d'italia, ingroia?) - frammenterebbe troppo la rappresentanza parlamentare. Quindi è necessario un correttivo, che potrebbe essere una soglia di sbarramento non eccessiva, uguale per tutti ed indipendentemente dalla rappresentanza locale (diverso potrebbe essere al Senato, se la rappresentanza regionale avesse un senso in ottica di diverse competenze... ma sarebbe necessaria una riforma costituzionale e non è il momento).
Ribadisco che le coalizioni elettorali non dovrebbero essere permesse, e pertanto non ha nemmeno senso soffermarsi sull'assurdità della soglia di sbarramento differente in caso di lista unica o di coalizione, e sui dubbi di costituzionalità anche di una simile previsione.
Potrebbe anche ipotizzarsi un premio di maggioranza non eccessivo, accompagnato o meno allo sbarramento, per rafforzare la rappresentanza del partito di maggioranza.
Il metodo del quoziente potrebbe rappresentare un'alternativa più vicina al proporzionale puro.
Ovviamente, se da un lato l'elettore deve autoresponsabilizzarsi ed essere consapevole che di fronte al rischio di ingovernabilità la Legge preferisce sacrificare il voto ultraminoritario, dall'altro lato deve essere garantita la conoscenza effettiva e senza filtri mediatici dell'attività degli eletti, in modo che l'elettore possa giudicare i parlamentari: si devono garantire i diritti dell'elettore alla sanzione dell'eletto che non rispetta gli impegni assunti, ed al premio dell'eletto che li rispetta!

Maurizio Alferi 05.02.14 11:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sto notando che al governo , partendo dal partito più disordinato come il PD ed altri... sono in un totale stato confusionario fino al punto tale che sarebbe giusto di portarli da un psicologo per riordinargli un'attimo la mente dato che parlano in questi giorni di problemi come quello delle carceri quando quelli più importanti come quello delle fabbriche e il discorso dell'euro li mettono in un secondo piano .
Lo sappiamo molto bene che tutto quello che accade al governo ha molta puzza di bruciato...

giovanni.p(vicenza) 05.02.14 11:52| 
 |
Rispondi al commento

Mi sembra di aver capito che in fondo dipende tutto da quanti collegi si faranno.
Infine il "corretto" se corregge solo nell'interesse degli schieramenti non mi sembra democratico,perchè giustificarlo per la governabilità non mi sembra giusto.
I resti non dovrebbero determinare una maggioranza.
Può essere con non abbia capito il problema,se qualcuno più dentro al problema potrebbe semplificare questo post e renderlo più comprensibile.
Grazie e buona giornata alle mie stelline!
★★★★★ ^.^

oreste m******, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 05.02.14 11:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A Beppe Con Simpatia
Approposito del sistema elettorale, credo che il metodo più rispondente alla rappresentanza dell'espressione popolare sia, a mio modo di vedere, quello proporzionale puro, solo così si puo tutelare la democrazia,inoltre sono contrario alla riduzione delle camere e dei parlamentari. il vero problema e quello di creare meccanismi di controllo anticorruzione sempre più efficenti,per quanto concerne il comportamento all'interno del parlamento è opportuno evitare atteggiamenti inadeguati che possono dare adito a delle trappole provvocatorie dietro le quali con la scusa di attacchi alle istituzioni c'è chi in modo strumentale si nasconde deviando il dibattito dai veri contenuti ad una questione di solo forma, distogliendo l'attenzione da quelli che sono i veri problemi del paese.
E' opprtuno continuare l'azione di denuncia delle malefatte e delle corruzioni varie, ma senza insulti ed offese,ma semplicemente con la documentazione oggettiva dei fatti, solo cosi si
può sperare in unna possibile presa di coscienza della realtà da parte della popolazione e conquistare credibilità e consenso.
Con Simpatia
Roberto

Roberto Masi Masi, Sesto Fiorentino (FI) Commentatore certificato 05.02.14 11:46| 
 |
Rispondi al commento

domanda alla sofri-bignardi
cosa prova enrico letta ad avere uno zio come gianni letta '
e cosa prova daria bignardi ad avere un padre fascisyta, visto che lei stessa in una sua autobiografia ha confessato di aver avuto un padre fascista ed un suocero assassino?
e letta dal deserto interviene per difendere la bignardi, il trastullo non capisce che i cittadini lo mandano a fanculo ogni ora

Ottaviano Augusto Commentatore certificato 05.02.14 11:44| 
 |
Rispondi al commento

A Beppe Con Simpatia
Approèposito del sistema elettorale credo che il metodo più rispondente alla rappresentanza dell'espressione popolare sia a mio modo di vedere quello proporzionale puro, solo cosi si puo tutelare la democrazia,inoltre sono contrario alla riduzione delle camere e dei parlamentari. il vero problema e quello di creare meccanismi di controllo anticorruzione sempre più efficenti,per quanto concerne il comportamento all'interno del parlamento è opportuno evitare atteggiamenti inadeguati che possono dare adito a delle trappole provvocatorie dietro le quali con la scusa di attacchi alle istituzioni c'è chi in modo strumentale si nasconde deviando il dibattito dai veri contenuti ad una questione di solo forma distogliendo l'attenzione da quelli che sono i veri problemi del paese.
E' opprtuno continuare l'azione di denuncia delle malefatte e delle corruzioni varie ma senza insulti ed offese,ma semplicemente con la documentazione oggettiva dei fatti, solo cosi si
sperare in unna possibile presa di coscienza della realtà da parte della popolazione e conquistare credibilità e consenso.
Con Simpatia
Roberto

Roberto Masi Masi, Sesto Fiorentino (FI) Commentatore certificato 05.02.14 11:42| 
 |
Rispondi al commento

Io sono per proporzionale puro, lo sbarramento sarebbe solo legato al numero dei parlamentari (ad esempio con 200 parlamentari la soglia di accesso sarebbe lo 0,5%).

D'altronde ritengo sia fortemente necessario il doppio turno: con la seconda votazione gli elettori decidono chi governa assegnandogli la maggioranza dei seggi

Assolutamente no coalizioni! Partiti che vogliono governare insieme facciano una lista unica con i loro candidati. Saranno poi gli elettori, indicando le preferenze, a scegliere i loro rappresentanti.

W il M5S!!!

luca m., roma Commentatore certificato 05.02.14 11:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

alla disonestà si risponde con l'onestà, alla immoralità con la morigeratezza, alla incapacità con la professionalità, all'arroganza con l'umiltà, all'egoismo con la solidarietà, allo spreco con la parsimonia, all'irrazionalità con la ragione, all'ignoranza con la cultura, all'odio con l'amore.

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 05.02.14 11:39| 
 |
Rispondi al commento

io sarei per il proporzionale puro, ma qui in Italia penso sia di difficile applicazione perché i partiti fanno soltanto l'interesse delle lobby e non dei cittadini.
E quindi sono in difficoltà nel scegliere.

Paolo Hidalgo Commentatore certificato 05.02.14 11:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per me corretto!!!
A grappa!!! ;-)

WMV5* 05.02.14 11:34| 
 |
Rispondi al commento

ma chi cazzo è questo GIORGIO S., TS ???

Paolo Hidalgo Commentatore certificato 05.02.14 11:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bye Bye Snam e Terna.

WMV5* 05.02.14 11:33| 
 |
Rispondi al commento

Sono comici e ignorantelli, questi servitori dei banchieri.
Un Presidente del Consiglio, che dagli Emirati fa una conferenza stampa per dire due cose: 1) difesa di Daria Bignardi e del figlio di Sofri, suo congiunto (con i giornalisti arabi alla febbrile caccia di informazioni su chi fosse tal " Daria Bignardi", i più hanno pensatofosse la nipote di Napolitano o di Pacifici; 2) La decisione di fare un Museo Islamico a Venezia ...( abbiamo gran parte dei musei italiani alla malora e un 70-80% del nostro patrimonio artistico negli scantinati, ma la realtà è
fuori portata di chi dichiara che siamogià fuori dalla crisi...).


Una Presidente della Camera, che, da Fazio, si butta in una tirata da peripatetica contro i 5 Stelle, straparlando di fascismo, stupratori, ...e chi più ne ha più ne metta.


Un segretario del maggior conglomerato bipolare, che sulla opposizione dei 5 stelle verso il regalo miliardario alle banche (forse a nome del MdP) dichiara: “roba da squadristi al limite se non oltre il codice penale”. Poi, forse frutto della simbiosi con il Cavaliere che ha portato alla Renzusconi (nuova legge elettorale) avverte l'avvio della campagna acquistidei parlamentari 5 stelle: " Ma vedrete che quest'ultima mossa gli si ritorcerà contro e gli creerà problemi perfino nei suoi gruppi parlamentari”........http://dadietroilsipario.blogspot.it/2014/02/letta-una-comica-continua-ma-per-noi.html#comment-form

eleonora . Commentatore certificato 05.02.14 11:32| 
 |
Rispondi al commento

Carissimi, mi giunge voce che in Sardegna vi vogliono votare in massa.
Gli ho detto: "Ma non si presentano!"
E loro: "Non ci importa votiamo 5 Stelle lo stesso!"
Vi vorrei segnalare Michela Murgia, persona meravigliosa.
Date indicazione di votare lei, se potete.
Può essere la Sesta Stella.
Ma che dico sesta! La seicentoseiesima, visto che avete un centinaio di Ragazzi meravigliosi!

Lady Dodi 05.02.14 11:31| 
 |
Rispondi al commento

ecco i manager pubblici miliardari: noi diventiamo poveri per pagare i lussi di questi papponi spesso ladri ed incapaci che hanno solo il merito di essere affiliati alla casta ed alle lobbies:

http://www.quifinanza.it/8381/soldi/carriere-di-stato-nomi-cognomi-redditi-nel-rapporto-governo.html

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 05.02.14 11:30| 
 |
Rispondi al commento

io voglio il sistema uninominale anglosassone, il resto saranno solo schifezze

Francesco D., Bologna Commentatore certificato 05.02.14 11:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ricordatevi la petizione di avaaz sulle dimissioni della Boldrini grazie


CHI VOLESSE IL PROPORZIONALE PURO DOVREBBE ANCHE SPIEGARE IL SEGUITO:
CHI GOVERNEREBBE?
Non ha importanza se noi o altri. Ma con quale criterio?

GIORGIO S., TS Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 05.02.14 11:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se vogliamo renderci realmente partecipi di un cambiamento, dovremo fare almeno lo sforzo di comprendere cosa stiamo votando. Quindi nessuna scusa e troviamo tempo e voglia per approfondire questo argomento
Nel presente video, all'inizio appare la suddivisione in 

QUOZIENTE (a sua volta suddiviso in Naturale e Corretto)
DIVISORE (alias divisore rettificato)

e un altro che non è applicabile (quindi tralasciamo)

Alla fine del video, il Prof. termina con la seguente domanda: vogliamo un metodo puro o corretto?
Per quanta mi riguarda lo preferisco corretto (poiché offre una migliore governabilità) e credo che la mia opzione ricadrà su Divisore rettificato

Paolo G., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 05.02.14 11:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il finanziere pro Renzi
"Rimpasto? Prima la
nuova legge elettorale"
Il finanziere pro Renzi "Rimpasto? Prima la nuova legge elettorale"

Davide Serra, in un incontro a Londra, conferma il suo sostegno al leader Pd. E su Fiat dice: "Grandi profitti da Usa. Quartier generale a Torino? Anacronistico"

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 05.02.14 11:27| 
 |
Rispondi al commento

orgoglioso di essere un 5 stelle
grazie ragazzi per quello che fate
continuate così!
papy&pyppy

pierangelo bottarelli, 20133 Commentatore certificato 05.02.14 11:27| 
 |
Rispondi al commento

Ho più volte dichiarato di accettare il parere che esprimerà il Movimento***** circa le regole elettorali da adottarsi.

Ho infatti un rifiuto "inconscio" ad impegnare il mio tempo per dipanare tutta una serie di formule,
regole (chiamiamole piuttosto alchimie) messe in atto, preventivamente, dalla maggioranza di turno per cercare di trarne un vantaggio.
Uniamo a ciò, l'assenza dello Stato in molte regioni (soprattutto al Sud), che permette il mercato indecente del voto di scambio.
Poi, chi vuole, si vada a studiare i dati che permettono di stabilire quali partiti e quali politici "pescano" voti solo in certe zone circoscritte del Paese.

Anche in questo caso, il pensiero "antico" ci aiuta, non con la soluzione, ma nel cercare un
METODO per pervenire alla soluzione.

Guglielmo di Ockham stabilì una regola preventiva
per regolare molti ragionamenti. Tale metodo è passato alla Storia come. IL RASOIO DI OCCAM

ENTIA NON SUNT MULTIPLICANDA PRAETER NECESSITATEM
(non moltiplicare gli elementi più del necessario)

PLURALITAS NON EST PONENDA SINE NECESSITATE
(non considerare la pluralità se non è necessario)


Quindi, a parità di fattori la spiegazione più semplice è da preferire.


Augh!!!

www.beppe.siempre

Alfredo E., Milano Commentatore certificato 05.02.14 11:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao pentastellati... ancora a farvi le seghe con la legge elettorale ?

Ma non ve l'hanno detto che è stata già decisa ?
State facendo "ginnastica" ? Vi allenate per quando vi faranno decidere qualcosa ?

Continuate così... opponetevi sterilmente a ciò che non potete arrestare ed evitate di cambiare ciò che potreste affrontare... belli pavidi ed incoerenti... BRAVI, state crescendo... ancora qualche mese e sarete un partito perfetto !

I "capi" ce li avete... le "pecore" anche... chi vi ferma più ?

Ah... bella la tattica di fare solo opposizione... così non si vede che le proposte non ci sono. E chi ci avrebbe mai pensato se non una vecchia volpe PNL come il casalexxx.

Sì sì lo so... io sono un troll... voto pdl o pd... la mia mamma fa tanti mestieri ma sopratutto VOI non tollerate il confronto e la critica.
Io neppure, VAFFANCULO.


Il premier che implora i sauditi di "comprarci". Non riesce nemmeno a mantenere i posti di lavoro in Italia di quelli che ci hanno investito, vedi Electrolux, vedi FIAT (qui ci ha investito il contribuente italiano) e chiede ai monarchi arabi di "illuminarci" il cammino. Magari verso la sharia. Se al Real Madrid è stata fatta rimuovere la croce per godere del favore del pubblico musulmano, vi immaginate investimenti arabi in un paese cattolico? Sappiamo che nel selvaggio regno della finanza è chi mette i soldi che detta le regole.....Sarebbe la gioia degli strani laici nostrani (si perché detestano il cristianesimo ma adorano i jahidisti, salafiti e wahabiti) veder sparire ogni traccia di religione cristiana, secondo quelli che predicano il rispetto delle diversità dei culti, quelli altrui naturalmente. Sono reputati barbari dall'Occidente solo gli iraniani, forse perché lì, solo lì, si impiccano i banchieri. Fino a che esisterà la globalizzazione, NESSUNO potrà mantenere posti di lavoro nel proprio paese. Senza dazi né barriere, il capitale va dove vi è maggior rendita. Ci dicono che questo è il miglior mondo possibile e guai, seri guai, colga chi osi pensare diversamente.
http://dadietroilsipario.blogspot.it/2014/02/letta-una-comica-continua-ma-per-noi.html#comment-form

eleonora . Commentatore certificato 05.02.14 11:22| 
 |
Rispondi al commento

E il M5S
su Berlusconi.
Che uccise Letta
Che bevve Casini
Che spense fratelli d'Italia
Che bruciò Monti
Che picchio' la lega che morse sel
Che si mangiò Renzi
Che al mercato Napolitano comprò.
Alla Fiera dell'est per due soldi
Un ebetino Napolitano comprò.

Anna Fideli, Olbia Commentatore certificato 05.02.14 11:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

buon giorno amici del blog.
come molti non sanno sono 18 mesi che sono in cassa integrazione,per ristrutturazione. Bene sono 18 mesi che aspettiamo che l'autorità portuale di Taranto dia il via ai lavori di consolidamento della banchina (vi ricordo che Prete nonché presidente dell'autorità portuale e commissario speciale)doveva garantire che i lavori sarebbero partiti a maggio 2012 e completati a maggio 2014.Bene siamo quasi giunti al termine dei stabilito dei lavori, peccato che ancora ad oggi non sono iniziati. Un tempo si diceva sai quando inizi ma non sai quando finisci, noi invece sappiamo che finiranno i lavori a dicembre 2015 ma ancora non sappiamo quando inizieranno. Chiedo a voi deputati M5S di aiutarci perché tra non molto ci saranno altre 600 famiglie senza un reddito poiché abbiamo già esaurito la cassa integrazione. Ciao ragazzi state facendo un bellissimo lavoro continuate così

conte ngelo 05.02.14 11:20| 
 |
Rispondi al commento

Vedo che stamattina c'è aria di musica.....

http://www.youtube.com/watch?v=BqvUkmnDVkM

Sarebbe ora di scendere in pista e smuovere le chiappe!!!!

Altro che barbe
:)))

Dedicata a chi ama MUOVERSI

Lone Wolf Commentatore certificato 05.02.14 11:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

e delle soglie di sbarramento non parliamo? io sarei x il proporzionale puro ma con soglia di sbarramento del 4% sia dentro che fuori delle coalizioni. si può fare?

JACK A., BOLOGNA Commentatore certificato 05.02.14 11:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fate qualcosa per bloccare questa legge di merda che libera i delinquenti che puntualmente mi ritrovo sotto casa.
Ma che c...o ci fa ancora li la Cancellieri !?!?
NON VEDO L'ORA DI ANDARE A VOTARE COSI FACCIAMO I CONTI CON QUESTI BASTARDI.

Marcello P. 05.02.14 11:18| 
 |
Rispondi al commento

.
ho provato a guardarmi un po' in giro ed a cercare commenti sull'intervento del Presidente a Bruxelles...
il nulla.
eppure non ricordo si sia mai verficato un fatto del genere...
potrebbe sembrare a prima vista una di quelle noiose manifestazioni di retorica...
non penso.
il succo del discorso e': l'unita' dell'Europa bla bla ma bisogna elargire qualche carotina altrimenti alle prossime elezioni qua si rischia di avere un nutrito numero di "infiltrati".
make up nei confronti dell'opinione pubblica, messa in guardia nei confronti delle lobbies che purtroppo governano questa Europa.
.

se ra 05.02.14 11:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grillini (tale sono io e lo sarò per sempre) cosa ce ne facciamo di una vittoria eventuale con il proporzionale puro?
O becchiamo il 51 (aritmeticamente impossibile) o dobbiamo allearci. Figuriamoci. Col 49 il mandato dopo di noi verrà dato al secondo. A noi la fiducia non la darebbero nemmeno se garantissimo al vita eterna. E così saremmo vincitori mazziati.
Ma qualche proporzionalista puro ci pensa?

GIORGIO S., TS Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 05.02.14 11:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buon giorno Blog!
Leggo sotto il commento di Ema e delle sue vicissitudini con un detrattore; io invece ieri sera ho avuto la bella soddisfazione di parlare con una mia amica che mi ha confermato come la gente stia aprendo gli occhi e si stia accorgendo quanta e quale sia la disinformazione intorno al movimento,che viene visto con estrema simpatia e gradimento!
Speriamo perchè noi a maggio abbiamo le amministrative!

antonella b., Cremona Commentatore certificato 05.02.14 11:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Puro. E non in coalizione. Le coalizioni sono state la rovina di questo paese. Se entrambi i partiti che si vogliono coalizzare passano, si coalizzeranno dopo.

Valentina B., Grosseto Commentatore certificato 05.02.14 11:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

buongiorno Blog!!

stamattina mi sono presa la mia bella badilata di fango, ma ormai ho impermeabile e scivola via tutto :)

ahh lei vota M5S? si perche'?
Pensavo fosse una persona per bene!!!!
Scusi ma le per chi vota?
Pd

ah ecco....tutto chiaro allora!!


PROPORZIONALE PURO O BARBARIE!

Rispettiamo le scelte dei padri costituenti.


Il proporzionale puro è l'unico sistema che garantisce la REALE rappresentanzione politica del paese, toglie ai piddini l'arma del "voto utile".

Il proporzionale corretto è solo la più piccola delle mistificazione che si può fare ad una legge elettorale proporzionale.

LA governabilità la fanno gli uomini che siedono nelle istituzioni, non alchimie elettorali.

PROPORZIONALE PURO O BARBARIE!

Robb Stark, Winterfell Commentatore certificato 05.02.14 10:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mo nonno mi ha raccontato che una volta de mita andò a prendere il caffè a casa sua(Montemiletto) prov.AV, per chiedere il voto,mio nonno gli disse: io posso dire che che voterò per lei, poi in cabina voto chi mi pare, come può avere la certezza che ho votato per lei? Un accenno di sorriso sulle labbra del de mita smorfia descritta minuziosamente dal nonno ascoltandolo mi fece gelare il sangue,Il conto è presto fatto disse de mita mettendo il segno sul simbolo metti anche le preferenze in questo ordine. Morale della favola mio nonno disse: per prendere un caffè era sempre il benvenuto ma per il voto non ci doveva contare, perciò la legge elettorale non deve dare spazio a questi giochi, ma deve darci la possibilità di sceglierci il candidato.

Maurizio Giannattasio, Vado-Monzuno Commentatore certificato 05.02.14 10:53| 
 |
Rispondi al commento

Diciamocelo in faccia:

La situazione è ormai complicatissima, l' OUT-OUT machiavellico è ormai impossibile da appliocare a ragion veduta.
Chi vota d'ora in poi lo farà SOLO di pancia, perchè la scelta ha basi così tecniche, matematiche e complicate, che la maggior parte le rifiuterà a prescindere (sono tentato anche io, lo ammetto -__-).

O trovate il modo di chiarire ancora di più, o prevedo una marea di voti dati senza discernimento.

Per dire, se votassi ora, io voterei per il proporzionale "puro", solo ed esclusivamente perchè mi eviterebbe di cercare di capire le macchinosità del "corretto". :(

Fabio G., Genova Commentatore certificato 05.02.14 10:51| 
 |
Rispondi al commento

Sono per il proporzionale puro perché quello che va cambiata è la mentalità. Le legge vanno fatte per il bene di tutti e non una volta per qui di destra e un altra per qui di sinistra. Con la proporzionale puro obbliga i deputati a riflettere sulle materie in coscienza. Una legge non può essere buona se non tiene conto de tutte le parte.Tanto che ci sarà una sfida alla maggioranze non ci sarà una propria preoccupazione per le cose essenziale.

ML Piette 05.02.14 10:48| 
 |
Rispondi al commento

Quando si parlerà di turno singolo o doppio?

Questa scelta non avrebbe dovuto essere preliminare rispetto alla scelta tra proporzionale puro o corretto?

Alberto Fontanella Solimena 05.02.14 10:43| 
 |
Rispondi al commento

Il metodo del quoziente naturale [Quoziente = n° voti/n° seggi] e il metodo del divisore d'Hondt [lui lo chiama semplicemente metodo del divisore, cioè il metodo in cui si divide secondo intervalli pari a 1] sono metodi di proporzionale puro.

Il metodo del quoziente rettificato [Quoziente = n° voti/(n° seggi + 1) oppure Quoziente = n° voti/(n° seggi + 2), cioè Hagenbach-Bischoff e Imperiali] ed il metodo del divisore rettificato , sono metodi di proporzionale corretto.

Alberto C. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 05.02.14 10:42| 
 |
Rispondi al commento

o t

rilegete commento di monica delle 9.32
così sarà infatti!!!!
brava monica!!!!

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 05.02.14 10:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

EVERSIONE!?

Se eversione vuol dire salvare il proprio paese dai partiti e dalle lobby siamo eversivi.
Se eversione vuol dire amare il proprio paese siamo eversivi.
Se eversione vuol dire difendere i diritti dei cittadini contro chi stupra la democrazia siamo eversivi.
Se eversivi vuol dire essere impopolari perchè si dice la verità alla collettività su quello che il governo sta facendo siamo eversivi.
Se eversivi vuol dire portare avanti dei modelli di crescita e sviluppo economico che portino beneficio alla collettività e non ai protettorati dei partiti siamo eversivi.
Se eversione vuol dire rinunciare ai rimborsi elettorali e tagliarsi gli stipendi siamo non solo eversivi ma anche rivoluzionari.
Se facciamo una opposizione democratica siamo eversivi.
Se pretendiamo una legge elettorale che rappresenti il maggior numero di Italiani siamo eversivi.
Se vogliamo un pdr che sia davvero imparziale siamo eversivi.
Se vogliamo impedire scempi ambientali e territoriali siamo eversivi.
Se diciamo le cose senza ipocrisia siamo degli eversivi.
Se vogliamo una vera legge anti corruzione siamo eversivi.
Se portiamo avanti la voce delle piccole imprese siamo eversivi.
Se diciamo che i partiti sono un'appendice delle fondazioni e delle multinazionali siamo eversivi.
Se diciamo che non vogliamo avere nulla a che fare con chi ha distrutto il paese siamo eversivi.
Se non vogliamo più guerre e missioni di pace siamo eversivi.
Se auspichiamo il merito nelle istituzioni contro le nomine dei partiti siamo eversivi.
Se vogliamo che i partiti tornino a fare i partiti e non le corporazioni siamo eversivi.
Se vogliamo un'Europa diversa e più solidale siamo eversivi.
Se denunciamo di continuo il potere delle banche e della finanza spregiudicata siamo eversivi.

La vera eversione è chi di continuo mente agli Italiani e lo fa tramite gli strumenti che appartengono agli stessi cittadini.
Eversione è tirare a campare intascando un lauto stipendio mentre la gente soffre la miseria.

bruno pirozzi, napoli Commentatore certificato 05.02.14 10:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma la legge elettorale 5 stelle non è già in parlamento da mesi o avete presentato un fake ?

Sebastiano Tilloca, Alghero Commentatore certificato 05.02.14 10:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

o.t.

il deputato 5 stelle De Rosa
rinuncia all'immunità

un'altra lezione di onestà
per questa politica corrotta


Path Walker Commentatore certificato 05.02.14 10:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Da molti commenti che si riferiscono al post noto che si tende a preferire un sistema proporzionale puro. Bene. Io credo che tra gli iscritti ci siano infiltrati dei piccoli partiti mangiamangia che non vogliono essere tagliati fuori. Non ho altra spiegazione per una scelta tanto sciagurata. A meno che non sia seguita da un ballottaggio tra i due vincitori. Ma non credo vogliano questo.

GIORGIO S., TS Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 05.02.14 10:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Diretta conferenza stampa noindulto

http://www.beppegrillo.it/2014/02/diretta_-_conferenza_stampa_sul_decreto_svuotacarceri_noindulto.html

anib roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 05.02.14 10:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A sud proporzionale senza preferenze con sbarramento del 3%.
A nord proporzionale con 5 preferenze e sbarramento del 3%.

filippo t., lugo Commentatore certificato 05.02.14 10:26| 
 |
Rispondi al commento

Proporzionale puro o corretto... Non si capisce quale, tra gli esempi fatti, sia il puro e quale il corretto.

Alberto Fontanella Solimena 05.02.14 10:26| 
 |
Rispondi al commento

Naturalmente, io sono per il proporzionale puro.

cettina* d., sicilia Commentatore certificato 05.02.14 10:25| 
 |
Rispondi al commento

RAGAZZI!!
Bisogna fare ogni giorno azioni eclatanti motivate sopratutto considerando il peso elettorale delle donne.

bernardo echevarria belgrano delgray del panganela che tra poco arriva 05.02.14 10:25| 
 |
Rispondi al commento

Il proporzionale puro è troppo statico.
Io sono per il proporzionale corretto

vittorio spera, milano Commentatore certificato 05.02.14 10:23| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto che il nostro Massimo DE ROSA rinuncia all' " impunità " parlamentare ,in vero stile 5 Stelle. Onore a lui e che non si parli più di espulsione ! Approfitto per ringraziare quanti, e sono sempre in aumento, davanti ai visibilmente contrariati e delusi Formigli e Greco, osano proclamare la verità sui fatti degli ultimi giorni . Voglio fare i loro nomi : Bordon, Freccero, Gomez, Travaglio , Caporale,Padellaro, Scanzi ed altri che non avrei mai immaginato. Grazie di cuore. La VERITA' vi è riconoscente.

giuseppe satriano, potenza Commentatore certificato 05.02.14 10:23| 
 |
Rispondi al commento

Day 5 Stelle a tutti,ciao Luciano.P...Proporzionale puro,credo sia la migliore scelta,la Rete ha scelto il Collegio
Naz.le Intermedio,per cui c'e'gia' una contemperazione tra i vari interessi ( partitini e partitoni )...passando ad altro,perche'E.Letta
E'DOVUTO ANDARE FUORI DALL'EUROPA,a chiedere un prestito,perche'di questo si tratta e nulla c'entrano gli scambi economico-commerciali con Paesi extra-UE che sono tutt'altra cosa ?...non poteva chiedere qui in Europa ????...questo la dice lunga sulla volonta'della classe politica al Governo di ridiscutere i trattati europei...gia'
costoro sono europeisti convinti...VERO SIG.PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ?...
una sola speranza,un solo auspicio di cuore..CHE VE NE ANDIATE AL PIU'PRESTO E PER SEMPRE,state facendo fallire un'intera nazione !!!!!!

f.g-torino.

franco graziani 05.02.14 10:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

buongiorno blog e caffè a 5 stelle qui!!la lega in aula ora sta urlando contro renzi e il pd,bene!!mandiamoli a casa tutti ma partiamo dal pd!!!

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 05.02.14 10:20| 
 |
Rispondi al commento

RICORDATEVI CHE QUALSIASI LEGGE DEVE CONTEMPLARE LA POSSIBILITA' DI CACCIARE CHI NON TIENE FEDE
AL MANDATO RICEVUTO DAL CITTADINO ELETTORE .
MAI PIU'DELEGHE IN BIANCO PER FARE I PORCI COMODI-
L'ELETTO E' RAPPRESENTANTE DI CHI SE VA CONTRO
GLI INTERESSI DEL RAPPRESENTATO?

angelo dv 05.02.14 10:18| 
 |
Rispondi al commento

Per compensare la "tetraggine" di Fruttarolo :))
dedico questa a tutto il Blog, con infinito affetto:

http://www.youtube.com/watch?v=xs-p1oEvuGg

Monica R., PR Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 05.02.14 10:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Adesso cianciano di fare un governo con renzie presidente del consiglio senza passare dalle elezioni. Ormai a me è chiara una cosa: alle elezioni non ci andremo più finche non ci libereremo di questa dittatura. Quando mai una dittatura è caduta con libere elezioni? Prima si nascondevano dietro alle elezioni farsa, ora mostreranno sempre di più il loro volto perchè sono stati in parte smascherati e sarà sempre più repressione. Mi fanno ridere quelli che rispondono a Beppe: quale colpo di stato? Io i carri armati non li vedo. LI VEDRAI! Quando sarà il momento!

Anna W. Commentatore certificato 05.02.14 10:15| 
 |
Rispondi al commento

CHISSA' PERCHE' COLORO CHE SONO CONTRO IL M5S SONO QUELLI CHE TRAGGONO VANTAGGIO DALL'ATTUALE SITUAZIONE DI VESSAZIONE FISCALE DEI LAVORATORI PIU' POVERI.

CHISSA' PERCHE'COLORO CHE DIFENDONO LO STATU QUO SONO PROPRIO COLORO CHE UNA VOLTA SI DEFINIVANO DIFENSORI DEL POPOLO.

CHISSA' PERCHE' COLORO CHE SI DEFINIVANO ANTIBERLUSCONIANI ORA SONO DIVENUTI ALLEATI DI BERLUSCONI.

CHISSA' PERCHE' DOVREMO FIRMARE UNA CAMBIALE IN BIANCO A COLORO CHE CI HANNO PORTATO IN QUESTA SITUAZIONE PER RISANARLA?

CHISSA' PERCHE' DOVREMO ESSERE D'ACCORDO CON COLORO CHHE DICONO DI DIFENDERE LE DONNE VANNO POI A LECCARE IL DERETANO AGLI ARABI CHE CONSIDERANO LE DONNE ESSERI UMANI DI SECONDA CATEGORIA.

bernardo echevarria belgrano delgray del panganela che tra poco arriva 05.02.14 10:14| 
 |
Rispondi al commento

Sulla delega fiscale.

Si parla di garantire l'invarianza del gettito delle singole imposte. Con un meccanismo di monitoraggio verranno monitorate ogni sei mesi le entrate derivanti dai nuovi valori catastali. La formula scelta non sembra, tuttavia, tener conto della complessità del meccanismo impositivo immobiliare (primi commenti di stampa).

Se il gettito fiscale è invariato, a cosa serve variare i valori catastali? A rovinare ancora di più una nazione? A favore di chi? Di quel 10% di italiani che vorranno avere il 99% della ricchezza nazionale?
E poi se si fa opposizione si scandalizzano. Certo, vorrebbero fare e disfare indisturbati. Come da un bel po' di tempo ad oggi.

Gian A Commentatore certificato 05.02.14 10:14| 
 |
Rispondi al commento

Da un pò di tempo ho rafforzato la mia idea e giorno dopo giorno è diventata così grande che ha preso uno spazio infinito. Cari Italiani si è consegnato questo piccolo Paese ad una triade in ordine alfabetico: ABR, questa triade si spartirà tutto a seconda di quello che li interessa. Se questa legge passerà le opposizioni, i sindacati spariranno, gli operai pagheranno e i ricchi si arricchiranno e aumenteranno il loro potere come Marchionne, gli arabi e poi altri ariverranno acquistando i nostri beni, le banche diverranno contenitori di quattrini e a noi ci daranno gli 0,0000000...% sui nostri risparmi da fame.
Se il porcellum era porcellum l'Italicum cos'è? Il M5S è vero non si è comportato bene, ma cosa doveva fare?
Accettare delle leggi a sfavore del cittadino?
Vedo, prevedo e stravedo un periodo di molto buio. Cosa fare?
Stare compatti e soprattutto abbassare le manifestazioni e parole contro, discutere con più calma facendo apprendere concretamente a tutti (soprattutto agli anziani col paraocchi)le proposte da proporre in Parlamento, cose concrete,utili a tutti e comprensibili solo così si può riguadagnare la fiducia dell'elettorato e spezzare una nuova, ma vecchia era dell'ABR. Riproporre in Parlamento persone di diverso ceto sociale è una cosa buona, anche se ho notato che tutti non ci sono, manca la scelta a doc, ma questo la prossima volta spero che sarà affinata.

marcoc 05.02.14 10:14| 
 |
Rispondi al commento

Secondo me l'ideale sarebbe un proporzionale corretto, ma senza la possibilità di presentarsi in coalizione.
Ogni partito dovrebbe presentarsi da solo o, diversamente, ogni coalizione dovrebbe necessariamente restare unita dopo le votazioni, senza voltafaccia.
In tal modo finirebbe il solito giochetto di coalizzarsi solo per prendere seggi e poi... chi s'è visto s'è visto...

Alessandro R., Termoli Commentatore certificato 05.02.14 10:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cari iscritti al Movimento, scrivo in questo post per comodità, e vorrei parlare di democrazia nel M5S: credo sia giunta l'ora di far presente a BEPPE e a CASALEGGIO un enorme vizio di forma nella loro organizzazione , che ci porta spesso a doverci difendere in discussioni CONTRO il M5S senza avere come controbattere. Mi spiego : nel sistema di votazione on line di leggi o altro, che io ovviamente condivido e a cui ho partecipato, non c'è però modo di controllare i voti, se son reali intendo. Mi chiedo se non si possa far sì che ogni iscritto sia contraddistinto da un codice che solo lui e il sistema informatico conoscono così che i giorno dopo la votazione si possano pubblicare i voti uno per uno e poter quindi aver una controprova! sarebbe molto utile a far tacere e ad umiliare chi ancora continua a chiamarci FASCISTI! grazie

marianna tebaldi 05.02.14 10:10| 
 |
Rispondi al commento

anche ieri tg 2 e 8 1/2 disinformazione a secchiate....La Saccente Boschi che addirittura quasi credeva a quello che diceva ...i nostri devono andare in tv davanti a queste persone e sputtanarli come si deve.

simone stellini Commentatore certificato 05.02.14 10:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Gentile sig. Biagio I. così si firma nella discussione sottoscritta al mio messaggio di ieri sera alle 20.30, non sò come poterle rispondere direttamente quindi lo faccio qui pubblicamente: io , al contrario di quello che lei afferma, sono registrata ed autenticata da mesi al M5S, ed ho potuto partecipare sia alle votazioni on line sia alla stesura delle leggi , in particolare a quella sul reddito di cittadinanza. Quindi non capisco cosa c'entri questa sua rusposta col quesito e suggerimento che ho invece scritto io!!! mi potete rispondere in merito??? se no riscrivo all'infinito e non solo a voi stavolta!! Ma perchè mi cadete sempre su queste semplici prove di democrazia e trasparenza??!

marianna tebaldi 05.02.14 10:06| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto con attenzione il pezzo di Aldo Giannuli
ma non mi è molto chiaro il “metodo del divisore”
E già questo mi basta per escluderlo
Io farei un proporzionale con sbarramento al 5%
con metodo del "quoziente naturale" e "sistema dei resti più alti"
Poi mi spiegate a casa serve il
"collegio unico nazionale"?

Sulle preferenze vorrei dire questo:
vanno sicuramente reintrodotte, ma riducendo in numero dei candidati, perché su di una lista ci debbono essere 20/30 candidati.
Una lista deve presentare un numero di candidati pari al 2/3 dei seggi disponibili
Il restante terzo deve essere assicurato per l'opposizione (chi perde)

Stefano

Stefano G., BOLOGNA Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 05.02.14 10:06| 
 |
Rispondi al commento

Prof. Giannuli,
mi sono sempre piaciute le cose semplici e comprensibili.
Il sistema proporzionale PURO è quello che più mi pare garantire il principio della RAPPRESENTANZ ed in particolare quello dell'EGUAGLIANZA del voto (art. 48 c.2 Costituzione: "Il voto è personale ed uguale").
In particolare il METODO DEL QUOZIENTE è quello che mi sembra realizzare e garantire meglio il sistema proporzionale.

Claudio Solarino, Milano Commentatore certificato 05.02.14 10:03| 
 |
Rispondi al commento

Cari Grillo e Casaleggio ,
E mai possibile che in tutto il M5S non ne troviamo uno buono , uno capace che si annota tutto quello che succede e ribalta questo castello di fango dalle fondamenta di argilla perché basate su falsità e strumentalizzazioni ? I telecucuzzari stanno servendo da una settimana al M5S un assist grandioso , ma nessuno fino adesso dei 5S riesce a spingere in rete un pallone docile ad un metro dalla linea di porta. Ci sono innumerevoli prove incontestabili per abbattere il loro castello facendo ricadere tutto il fango su di loro seppellendoli definitivamente , ma nessuno trova la lucidità e l’equilibrio per farlo . E inaudito , potreste distruggerli a mani basse ed invece permettete al buon uomo Becchi ,di andare a balbettare quattro cose , per carità pure giuste ,ma prive di mordente è soprattutto di argomenti forti e dilanianti che pure ci sono in abbondanza ,dando così un’immagine superficiale e approssimativa del Movimento. IL buon Travaglio , ha riempito quasi tre pagine del FQ con tutte le offese e minacce di ogni genere che sono state fatte a Grillo ai parlamentari 5S nell’ultimo anno , offese molto più gravi di quelli di De Rosa : Basterebbe ricordarne solo alcune in diretta per dimostrare la loro malafede , ma niente continuate a consentire il linciaggio mediatico di questi giorni . Allla Boldrini alla quale viene dato uno spazio televisivo che neppure Papa Francesco si sogna chiederei :
-Dove era quando Angelo Cera, Scelta Civica, al deputato M5S Angelo Tofalo,il 19-6-13 gridò in parlamento “Mezzo coglione, mo’ se non te ne vai t’appizzo un pugno che t’ammazzo” e a Di Battista “Coglione intero”? .
-Dove era quando i deputati Pd e Pdl ai 5Stelle, Montecitorio, 10-9-13 gridarono “Stronzo, coglione, venite fuori, quattro pezzi di merda, moralisti del cazzo” ?
( continua nei sottocommneti)

ciro r., napoli Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 05.02.14 10:02| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono contento di non aver avuto il professor Giannuli come insegnante. Non ha il dono della chiarezza, secondo me. A parte il primo esempio gli altri non li capisco proprio.
Proporzionale: il sistema che ha rovinato l'Italia. Nessun responsabile, tutti complici. Dal partito maggiore a quello più piccolo ma determinante.
Ma una volta scelto si ponga uno sbarramento forte, non inferiore al 6/7%. E una volta votato che vadano al ballottaggio i due partiti con più voti e chi vince governa.
Altrimenti avanti con inciuci per sempre.
Non ho capito la scelta che abbiamo fatto con le votazioni.
Se non ci sarà uno sbarramento e un ballottaggio, pur restando grillino/casaleggiano per sempre, spero che approvino una legge dove chi vince governa. Ma vedo che già si pentono e vogliono dare spazio ai partitucoli. In Italia non si vuole governare, si vuole stare in torta.

GIORGIO S., TS Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 05.02.14 10:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ABOLIZIONE HIC ET NUNC DEL CANONE RAI.
MANDIAMO A CASA I LACCHE' DEL REGIME EGREGI GIGNORI CONDUTTORI ONOREVOLE VESPA BRUNO, FAZIO FABIO, FLORIS GIOVANNI.

giorgio

giorgio 05.02.14 09:58| 
 |
Rispondi al commento

ieri sera ho visto degli stralci di ballaro
e bravo il prof, Becchi, li ha messi a tacere soprattutto la spocchiosa pdina che a parte la sua persona dall'apparente belta non offriva nientaltro e lo sputtanamento a letta x i 500 mil, avuti dagli arabi ( Al greci 1 miliardo ) soldi che x il fondo del kuwait sono spiccioli e per l'italia anche

graziano ., pisa Commentatore certificato 05.02.14 09:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

PROPORZIONALE PURO.
BENE.. AVANTI COSì.. CHE SI PARLI DI CONTENUTI. OTTIMO LAVORO! GRAZIE

umberto schirosi 05.02.14 09:55| 
 |
Rispondi al commento

Al “Movimento 5 Stelle”
VII Commissione (Cultura, Scienza e Istruzione)
I Commissione ( Affari Costituzionali, Della Presidenza del Consiglio e Interni)

Oggetto: Richiesta di presentazione alle Camere di n. 2 interrogazioni parlamentari contenenti i seguenti argomenti :

- Integrazione nell’ordinamento scolastico della materia scolastica (Storia delle Religioni), escluse le Università, da affidare a docenti provenienti da formazione universitaria in ambito teologico- storico-filosofico.
(Attualmente in virtù degli accordi tra la Repubblica Italiana e la Santa Sede,l’insegnamento di detta materia non esiste, e l’insegnamento della cosiddetta “Religione” è appaltato alla Chiesa Cattolica che
tramite le Curie Vescovili diocesane provvede alla formazione, gestione e collocazione del personale “ insegnante”.
Detta situazione fà sì che di fatto la catechesi confessionale si sostituisca all’insegnamento pubblico garantito dall’ art. 33 della Costituzione, con i gravi pregiudizi per la cultura ed il pluralismo che ne derivano).

- Commissione parlamentare Vigilanza RAI
Apertura di indagine sulla sperequazione inerente alla visibilità e spazi televisivi offerti dalle reti televisive pubbliche, in materia di Confessioni Religiose riconosciute, volta a garantire parità di diritti a tutte le confessioni religiose e dunque pluralità di informazione ed ampliamento orizzonti culturali.


Colgo l’occasione per porgere i migliori saluti

giorgio


o.t.

@ presidente della camera laura boldrini

a luglio 2013 quando i piddini davano della bagascia
alla deputata 5 stelle, non mi pare sia avvenuto
tutto questo putiferio

ormai è chiaro lei è faziosa e in malafede
ovviamente oltre che incapace

http://www.liberoquotidiano.it/news/politica/1272074/M5S--le-deputate---I-colleghi-ci-insultano-in-aula-.html

Path Walker Commentatore certificato 05.02.14 09:52| 
 |
Rispondi al commento

bravo letta 500 milioni di investimenti dal Kuwait....cosi 250 milioni ve li mangiate in mazzette e bustarelle tanto solo quello sapete fare voi....ladri

mario futuro, bologna Commentatore certificato 05.02.14 09:52| 
 |
Rispondi al commento

http://vocidallestero.blogspot.it/2013/12/abbandonate-leuro-parola-di-premio.html

L'intervento alla London School of Economics del premio Nobel per l'economia Pissarides il quale da previo sostenitore dell'euro 'e diventato
uno strenuo assertore della assoluta necessita' di uscire dall'euro -
Che dire " errare umanum est, perseverare autem diabolicum"
e Pissarides si e' ravveduto in tempo

maria ., como Commentatore certificato 05.02.14 09:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Legge elettorale

allora in breve questi saranno gli scenari possibili alle prossime elezioni politiche (sempre anmmesso che ce le concedano naturalmente): Come da manuale (antigrillo) con questa legge elettorale (se passa alle Camere), bene che vada il Movimento 5 Stelle é fuori gioco in ogni caso. Perchè anche se dovesse arrivare al ballotaggio con Renzi, cosa tutto da dimostrare, secondo voi quali saranno gli apparentamenti (anche solo sottobanco) e dichiarazione di voto di Berlusconi e a favore di chi?
Ricordiamoci le “affinità elettive” che Berlusconi riassume in Renzi sono notevoli , e poi non dimentichiamo nemmeno le sue numerose pendenze in corso con la magistratuta e dei benifici derivanti da un suo eventuale accordo con il PD.
Non é un caso che, per esseri sicuri di togliere di mezzo una eventuale vittoria al primo turno del M5S, abbiano alzato l'asticella del premio al 37% della serie togliamoci pure sto' pensiero.


MOBILITIAMOCI ci stanno fottendo.

giorgio

giorgio 05.02.14 09:49| 
 |
Rispondi al commento

O. T.

Ho sentito parlare di ripresa e, per rubare lo slogan coniato da qualcun altro prima di me, con qualche aggiustatina, aggiungo che:
dovrebbe essere la "quattordicesima" volta dall'inizio di legislatura, che lo sentiamo?

Se così è, perchè continuare con l'iter della delega fiscale che porterà nuova tasse e impoverimento (cioè, più miseria) ai cittadini? Riduciamo il prelievo fiscale dato che ci sarà la ripresa.
E intanto quei 500 mln ci serviranno per pagare la prima trance della multa (di circa 10 volte tanto) che l'Ue ci affibierà per i tardivi pagameti della PA.

Gian A Commentatore certificato 05.02.14 09:48| 
 |
Rispondi al commento

Proporzionale misto con divisore molto alto (2,5). In circoscrizioni medio/piccole i partitini verranno rappresentati e non scompariranno ma il loro potere "ricattatorio" sarebbe fortemente ridimensionato su base nazionale. Sel, Lega e compagnia che con uno sbarramento del 5% sarebbero cancellati arriverebbero in parlamento ma con 4/5 seggi, sarebbero irrilevanti ma comunque democraticamente rappresentanza di una minoranza.
Rimango convinto che sia meglio questo rispetto ad un premio maggioritario fisso, piuttosto se nessuno raggiunge una certa percentuale si va ad un doppio turno per assegnare una percentuale di seggi limitata ma fondamentale per governare tra i due partiti più votati. No alle coalizioni, i partiti si fondano in modo indissolubile PRIMA delle elezioni, la tendenza purtroppo quando c'è un premio di maggioranza è l'aggregazione per formare coalizioni che però devono essere fatte preventivamente, se si scioglie la coalizione decade anche il premio di maggioranza

Massimo Lafranconi, Lecco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 05.02.14 09:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


...avvisaglia di Missione di pace...???!!!.....


Ministro esteri Germania: ‘Democrazia mette pace a rischio’

“L’ascesa di gruppi euroscettici ostacola la ‘pace’”, è l’incresciosa dichiarazione del ministro degli Esteri della Germania, Steinmeier, durante una visita a Londra per colloqui con William Hague, il suo omologo britannico.

Steinmeier ha detto di essere preoccupato per la deriva verso lo scetticismo che ha aiutato la crescita dei partiti anti-Ue.
Invece di pensare alla propria sovranità, secondo lui, le nazioni europee dovrebbero cooperare sempre più strettamente, ha detto, aggiungendo che “la storia prima della prima guerra mondiale, dimostra che i nazionalismi non possonono più essere domati dalla ragione “. In realtà, dimostra solo che, ogni qualche decennio, la Germania ha pruriti di egemonia sugli altri, e, per questo, gli altri devono difendersi.

Ma quello del ministro tedesco è un vero e proprio attacco al cuore stesso della democrazia: “Abbiamo euroscettici che si riuniscono in partiti – addirittura, osano creare partiti! – ottengono l’attenzione del pubblico mentre l’Europa è in crisi”. ha detto, aggiungendo che l’Unione europea è stata “una delle ragioni per la pace” sul continente. Semmai ne è stata, inizialmente, una espressione. Poi involutasi in qualcosa di diverso da una ‘collaborazione’, con un vero e proprio dominio della burocrazia.

http://voxnews.info/2014/02/05/ministro-esteri-germania-democrazia-mette-pace-a-rischio/

anib roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 05.02.14 09:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fratelli grillini
l’Italia s’è desta
della rivoluzione di Grillo
s’è cinta la testa.
D’ovè la vittoria?
Le porga la chioma
siam schiavi di Roma
Grillo ci liberò.
Stringiamoci forte
siam pronti alla morte
la rivoluzione chiamò.


Noi siamo da secoli
calpestati, derisi
perché non siam liberi
perché siam divisi.
Raccolgaci un’unica
rivoluzione, una speme
di combattere insieme
già l’ora suonò.
Stringiamoci forte
siam pronti alla morte
la rivoluzione chiamò.


Uniamoci,ascoltiamoci,
l’Europa corrotta
rivela al popolo
la via della lotta;
Giuriamo far libero
Il suolo natio
uniti con Grillo
chi vincer ci può?
Stringiamoci forte
siam pronti alla morte
la rivoluzione chiamò.

Dall’Alpi alla Sicilia
dovunque è Legnano
ogn’uomo di Grillo
ha il core, ha la mano,
i rivoluzionari d’Italia
si chiaman grillini
fuori gli aguzzini
la battaglia infuriò.
Stringiamoci forte
siam pronti alla morte
la rivoluzione chiamò.

Son "fiori" che piegano
le spade vendute
già Strasburgo e Berlino
le penne han perdute.
Il sangue rivoluzionario
Il sangue grillino
non sia speso in vano
l’Italia liberò.
Stringiamoci forte
siam pronti alla morte
la rivoluzione chiamò.

giorgio

giorgio 05.02.14 09:45| 
 |
Rispondi al commento

Corrado Augias : il Pd schiera in campo i pezzi da novanta.


Il PD mette un argine al dilagare del populismo con la famosa intervista su la7 di uno dei migliori intellettuali del nostro tempo o almeno così ritenuti tali.
Corrado Augias, tra un sorriso ammiccante ed un garbatissimo apprezzamento estetico all’esponente del m5s Alessandro Di Battista che lo ha preceduto, dice di lui: “un bravo ragazzo, io se fossi un datore di lavoro lo assumerei”, stimolato dall’intervistatrice, parte in quarta con un durissimo attacco al movimento pentastellato, la cui sintesi é riassunta nell’equazione esemplificativa movimento5 stelle uguale a dittatura fascista.
Ora c’e’ da dire che il buon Augias, pure riconoscendogli tutte le attenuanti generiche, dimostra di non conoscere il movimento che Grillo rappresenta e soprattutto dimostra di non capire le istanze e le attese popolari che esso interpreta.
Augias, convinto com’è (manca un po’ dall’Italia) che la “sinistra” italiana rappresenti ancora le istanze popolari più genuine di eguaglianza sociale, di difesa dei salari, e sia sinonimo di libertà, si schiera incautamente dalla parte dei più forti, del potere costituito, dimostrando di vivere come un novello Guglielmo di Ockham isolato dal “mondo corruttibile” in una sua turrita cittadella medievale tra cavalieri e candide principessine, al riparo dai turbamenti che un popolo tumultuoso e in rivolta può rappresentare al suo aristocratico ed imperturbabile distacco.

giorgio

giorgio 05.02.14 09:43| 
 |
Rispondi al commento

CAPORETTO 2008+6
Tramonti a Nordest


BUONGIORNO ITALIA

SONDAGGI FRIULANI HI-TEC


A scattare la foto - ricavata da un campione di duemila cittadini residenti in Italia e disaggregati per sesso, età e area di residenza - è la Ipr Marketing

----------------------------------------------

11/1/2013 : PD 30% - M5S 16%

17/1/2013 : PD 33,4% - M5S 12,5%

23/1/2013 : PD 31,8% - M5S 12,8%

30/1/2013 : PD 31 - M5S 13,5%

04/2/2013 : PD 33% - M5S 18%

08/2/2013 : PD 29,5 - M5S 18,8%

25/2/2013 : PD 25 - M5S 25,5%


OGGI:


PD : 27,6 %

M5S : 25,4 %


Se tanto mi da tanto fra 3 mesi giriamo al 40%.


^_^


Mandi

.

epe pepe 05.02.14 09:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un nuovo Umanesimo

Nei giorni scorsi Letta in visita negli Emirati ha espresso valutazioni positive e fiduciose sul futuro economico dell'Itlia, effettuando un esercizio funambolico azzardato, privo di oggettivi riscontri, che anche agli astanti deve essere apparso pericoloso.
L'economia geme sotto le temperie economiche che sembrano sempre più non ascrivibili a contingenze stagionali "sfortunate", ma piuttosto l'aggravarsi di una malattia terminale.
Si avvicinano le elezioni europee, e pertanto ci attende nelle prossime settimane l'avvio di una campagna mediatica di disinformazione, patrocinata dalle forze di regime, allo scopo di omaggiare e rendere credibili le poliche economiche europee fin qui imposte e adottate dagli ultimi governi del paese.
Ma se vogliamo riportare il tema del dibattito politico al centro dell'interesse degli italiani, le questioni da affrontare sono quelle dell'Europa, dell'euro e del modello di scocietà post-capitalista che vogliamo realizzare.
Attenzione perché il tentativo messo in campo da questo regime illegittimo sorretto ideologicamente da Renzi e Berlusconi é un modello di governo antipopolare volto solo a salvare un modello economico agonizzante non più attuale e condivisibile.
Questo modello di capitalismo ha finito per fagocitare se stesso (Marx). Ma forse un nuovo Umanesimo che veda al centro l'uomo e le sue esigenze é ancora possibile.

giorgio

giorgio 05.02.14 09:41| 
 |
Rispondi al commento

Il paese che vorrei

Vorrei vivere in un paese libero, dove non vi é stato, né giurisdizione né polizia alcuna, perché gli uomini sono giusti e retti. Né vi sono leggi, perché l’unica legge conosciuta è quella di madre natura. Un paese dove non vi sono eserciti né guerre, perché gli uomini sono saggi e vivono in pace. Dove non vi sono tasse da pagare, perché non esiste denaro, in quanto del tutto inutile. Un paese dove non esiste corruzione perché nulla è corruttibile.

Vorrei vivere in un paese dove gli uomini sono tutti uguali, dove non esistono né classi sociali, né differenza alcuna. Dove il “mio” e il “tuo” scompaiono, e non esiste proprietà privata perché causa di invidie e sopraffazione, ed é origine di ogni male. Un paese dove tutto è in comune, e dove non vi sono recinzioni, perché nulla esiste di ciò che non puoi avere, e non esiste cosa che non ti sia data. Dove tutto ti è concesso perché tutto devi dare.

Vorrei vivere in un paese dove non esiste lavoro comandato, né organizzazione del lavoro alcuna, né il suo sfruttamento. Dove non esistono padroni né servi, perché non esistono uomini che non siano liberi. Un paese dove non esiste ricchezza né povertà, in quanto non vi alberga cupidigia ed inganno.
Un paese dove non vi sono guerre di religione, né religione rivelata alcuna, perché dio è natura. Dove l’uomo non teme sorella morte perché é utile e necessaria. Dove la natura è buona e feconda, e genera grano per il pane della vita e scaturisce acqua che è fresca casta e pura.

Vorrei vivere in un paese, dove uomini e donne possono piacersi e amarsi liberamente. Dove posso baciare ed essere baciato, amare ed essere amato, da tutte le donne che incrocio per strada. E così felicemente essere ricambiato di tanto ardore in ogni istante della mia vita.
Vorrei vivere un paese dove tutti sono felici, quando sognano di vivere in un paese che non c’è.

giorgio

giorgio 05.02.14 09:39| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno bella gente
sarei per il puro ma visto che voto solo per le politiche mi astengo ancora una volta.
Stamattina leggendo i quotidiani locali stando a un sondaggio pare che la maggioranza degli Olandesi sia per l'uscita dall'Euro.
Saluti.

Attilio Disario, R'dam Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 05.02.14 09:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E pensa' che,prima,nun ce nominavano mai...
Musica??

http://youtu.be/c4l9P-zgykE

er fruttarolo Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 05.02.14 09:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buongiorno a tutti,
stamattina ascoltando RDS, pare che la Boldrini abbia affermato che la faccenda degli insulti in parlamento e sul blog sia chiusa e dimenticata.

Chi glielo dice a questa che invece noi, popolo italiano, non dimentichiamo e non chiudiamo proprio un bel niente, ma che anzi stiamo preparando il conto da presentare?

Monica R., PR Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 05.02.14 09:32| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Premetto che secondo me, con il Pregiudicatellum il Movimento, a meno di brogli, ha discrete probabilità di successo.

Lo ha detto anche ieri Mieli a Ballarò: "se pensate di poter vincere, perchè osteggiate la proposta Renzusconi?"

La risposta è evidente a chiunque non ragioni come Mieli. Perchè il sistema elettorale deve essere anzitutto equo, e non certo ritagliato su misura per questo o quel partito. E' questa caratteristica costitutiva che, prima di ogni punto di merito, squalifica in partenza l'ignobile proposta Renzusconi. E purtroppo, quest'idea "Spartiamoce i sordi" è alla base dell'attuale corpo legislativo della Repubblica (o forse Reprivata, dovremmo dire...), che infatti è da rigettare in blocco (sembra esagerato, ma è purtroppo così...)

Detto ciò, la legge più equa, che darebbe probabilmente meno seggi al Movimento ma anche meno seggi al partito Maxilobby Renzusconi, consentendo di avere un parlamento con meno rappresentanti di sè stessi e più rappresentanti dei cittadini, è il propozionale puro.

Un invito all'ottimo Aldo:
Risparmiati pure di chiedere se preferiamo le liste bloccate o la scelta dei candidati, perchè la risposta è evidente.

Molti saluti
Grazie di aver letto sin qui

Stefano P

Stefano P., Torino Commentatore certificato 05.02.14 09:31| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno a tutti, mi dovete capire, ma con tutti i problemi di lavoro, di povertà, di ipocrisia dei partiti e delle false persone che lo compongono, trovo che sia una lotta impari tra di "noi" e le altre forze politiche a causa della scarsa presenza nel circuito mediatico. Serve un organo ufficiale di comunicazione che sia un quotidiano o meglio ancora una TV, senza accantonare la Rete.

Massimo Turchetti 05.02.14 09:26| 
 |
Rispondi al commento

Ma perché non commentate il quesito suesposto e lasciate altri commenti su altre pagine???
Comunque, come sottolineato da alcuni commentatori, il resto dei voti della lista B diviso 101 dà 28 e non 48; inoltre non si capisce la differenza fra puro e corretto: qual è il puro?

Simona Mosca 05.02.14 09:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ipr marketing , in un sondaggio pubblicato su repubblica online, rivela che il movimento 5 stelle e' al 25,4 per cento.
e la campagna elettorale non e' ancora nel pieno.
inoltre il sondaggio e' stato fatto durante i giorni dello scontro fra le opposizioni ed i partiti di regime, segno che l'Italia e' con noi.
avanti ragazzi, non molliamo, vi vogliamo bene

Ottaviano Augusto Commentatore certificato 05.02.14 09:23| 
 |
Rispondi al commento

Buogiorno a Tutti!!!!!!!

Non passa giorno sia a livelo nazionale che locale che i sinistri sbraitano e si siempiono la bocca col termine fassisti buttato li in modo compulsivo, patologico da apparire ormai come sintomo evidente di una forma morbosa talmente acclarata e grave da voler esorcizzare, negare anche a se stessi di esserne invece pericolosamente colpiti, ammalati e come una dipendenza...diabolicamente attratti...

"""Episodio gravissimo a Como dove il sindaco del Pd Mario Lucini ha raccolto l’appello dei neofascisti di Militia vietando all’Anpi una sala della circoscrizione per parlare dei crimini italiani in Jugoslavia."""

http://www.tribunodelpopolo.it/a-como-il-sindaco-pd-caccia-lanpi/

anib roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 05.02.14 09:23| 
 |
Rispondi al commento

Ieri, per impegni personali, non ho partecipato al blog. Questa mattina mi sono svegliato molto presto, per leggere tutti commenti, condivisibili e non. Unisco a ciò tutta la comunicazione mass-mediatica, quella para-politica, quella mistificatoria, quella isterica, quella sub-culturale, quella semplicemente demenziale e mi domando: perché dovrei stancarmi ad elaborare una montagna di dati (tutti da verificare), giudicare analisi politiche espresse pomposamente da personaggi che hanno una sprovvedutezza imbarazzante, adirarmi per certe affermazioni chiaramente tendenziose, manipolatorie, vedere
una intellighentia all'amatriciana prestarsi in maniera vergognosa al tentativo di ridicolizzare
(ma il termine più attinente sarebbe sputtanare)
la parte che cerca di ribellarsi ad un sistema para-mafioso che ha FALLITO e che sta portando il paese verso il baratro???

Non ho una risposta razionale da darmi; so solo che la mia intelligenza, la mia coscienza, la mia anima si ribella e non c'è modo di tacitarle.

Quindi mi schiero, mi spendo cercando di fare testimonianza, esprimendo i miei punti di vista,
mettendo a disposizione le mie conoscenze, cercando di dare spunti di riflessione che, a mio
parere, devono anteporsi a qualsiasi facile tentativo di esprimere giudizi definitivi su una situazione che si è andata incancrenendo con la complicità, più o meno consapevole, di tutti.

Ed è sempre la saggezza antica che ci può aiutare:


NON, QUICQUID TURBIDA ROMA ELEVET, ACCEDAS, EXAMENQUE IMPROBUM IN ILLA CASTIGES TRUTINA: NEC
TE QUAESIVERIS EXTRA

(Non seguire i giudizi della turbolenta Roma, e non raddrizzare l'ago inesatto della sua bilancia:
non cercarti fuori da te stesso.

- Persio -

Buna giornata blog

www.beppe.siempre

Alfredo E., Milano Commentatore certificato 05.02.14 09:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://icebergfinanza.finanza.com/2014/02/05/la-megaballa-dei-60-miliardi-di-corruzione-in-italia/

se poi volete crederci dovete credere anche questo:

Corruzione in Germania, un macigno sull’economia da 250 miliardi di euro

http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/03/18/corruzione-germania-macigno-sulleconomia-miliardi-euro/198453/

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 05.02.14 09:19| 
 |
Rispondi al commento

Nel metodo del quoziente noto che:
il resto di B non è 48 ma 28, il che mi sembra non cambi molto i risultati.

Però, mi si corregga se sbaglio i conti, potrebbe presentarsi un paradosso.
Cambiando i numeri dell'esempio:
A 405 voti
B 360 voti
C 140 voti
D 105 voti

Con lo stesso divisore avremmo:
A con 4 seggi e 1 di resto
B con 3 seggi e 77 di resto
C con 1 seggi e 39 di resto
D con 1 seggio e 4 di resto

Il seggio restante, andrebbe, per i resti più alti, a B con complessivamente un numero di seggi pari ad A.
In sostanza, a B, avendo preso 45 preferenze in meno, ha tanti seggi quanti A. Mi sembra zoppicante la rappresentanza.

E' così?


Gian A Commentatore certificato 05.02.14 09:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Che vergogna!!!!
Andare a mendicare 500 mln!
Quelli pur di toglierselo dai coxxxoni gli hanno dato la mancia poi l'hanno cacciato.
Figure di merda!!!!
Made in iltay del caxxo!!!!

bernardo echevarria belgrano delgray del panganela 05.02.14 09:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

vi segnalo questo terrificante episodio di cronaca avvenuto a poca distanza da casa mia.

http://roma.corriere.it/roma/notizie/cronaca/14_febbraio_04/ostia-ragazza-19-anni-coma-le-botte-arrestato-fidanzato-c2ea9a22-8d78-11e3-9737-22dadb171b02.shtml

una ragazza di 19 anni affetta da disturbi cognitivi, e quindi maggiormente indifesa, è stata massacrata a calci e pugni dal suo "fidanzato" di 35 anni e ridotta in fin di vita.
i particolari in cronaca sono agghiaccianti.

di queste tragedie ne avvengono tante, e in tutto il mondo, ma mi sono voluto soffermare su un particolare dell'articolo.
nel video il padre della vittima viene intervistato dopo aver saputo che se la figlia sopravvive condurrà un'esistenza da vegetale, e dichiara di pregare per la sua morte.
ma il vero colpo di grazia a ogni forma di pietas umana è la constatazione che siamo immersi in un humus "culturale" che prevede che prima di un video del genere venga trasmessa la pubblicità di un profumo, di un'auto, o di un bikini.
e la mia convinzione che il genere umano, confrontato alle altre specie del mondo animale, sia un orrendo sbaglio della Natura, si rafforza sempre di più.

naturalmente il mostro che ha compiuto tale vigliacca efferatezza godrà di tutti i benefici previsti dal Decreto Legge a cui ieri la Camera presieduta dalla Boldrini ha concesso la "fiducia".
con buona pace di Chiara, che presto sarà solo un numero per compilare statistiche, e di suo padre che prega per la sua morte, forse ignorando, in un momento di così acuto dolore, che l'eventuale morte di sua figlia sarà non solo un fatto di pietà, ma anche di giustizia, perché l'accusa diventerebbe di omicidio e quel mostro pagherà per l'orrore commesso.
forse...

davide lak (davlak) Commentatore certificato 05.02.14 09:10| 
 |
Rispondi al commento

...quando i mass media divulgano esagerazioni da parte dei 5***** MENTONO .
Non ascoltiamoli...ed andiamo a cercarci la VERITA' NEGATA...da divulgare a ns volta ...a sostegno di un'informazione VERA.

*****

Eposmail ,. Commentatore certificato 05.02.14 09:06| 
 |
Rispondi al commento

http://it.wikipedia.org/wiki/Politica_dell%27acqua
l'art.5° della costituzione è per questo
ricordate che sono li a spolpare con la politica del fare

tino p. Commentatore certificato 05.02.14 09:00|