Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Lo Stato non paga le imprese e rischia la messa in mora

  • 38


italia_non_paga.jpg

"L’Italia è il peggior pagatore di tutta Europa. Lo ha affermato il commissario europeo all’Industria, nonché vicepresidente della Commissione europea Antonio Tajani, mettendo in guardia il Paese dai rischi che la circostanza sta producendo per i bilanci dello Stato. L’Italia ha tempo fino al 10 marzo per rispondere alla richiesta di informazioni da parte di Bruxelles in merito all’applicazione della direttiva che impone agli Stati membri di onorare i debiti con i fornitori entro 30 giorni e, in casi eccezionali, entro 60. In Italia, i tempi per ottenere un pagamento sono, mediamente, di 200 giorni, con punte di 1.200 -1.300. Il commissario ha lasciato intendere che sono ben poche le possibilità di risposta soddisfacente, dal momento che lo Stato italiano, solo nel 2012, ha accumulato debiti per 75 -80 miliardi di euro, a cui andranno sommati quelli che si sono aggiunti successivamente. L’intero ammontare del debito pregresso, secondo le stime del commissario ammonterebbero a circa l’1,2% del Pil. "Se la risposta non sarà soddisfacente - ha concluso Tajani - , come ahimè temo, sarò costretto a inviare una lettera di messa in mora." CGIA Mestre

5 Mar 2014, 12:57 | Scrivi | Commenti (38) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 38


Tags: crediti imprese, crediti PA, Italia, messa in mora, Stato, Tajani, UE

Commenti

 

Oggi tutti noi osserviamo quanto sta accadendo in Italia e ci domandiamo:
Perché i nostri governanti mirano solo alla loro ricchezza che è un accessorio?
Loro fanno mostra del diritto e della giustizia mentre tra loro non bramano forse solo ciò che sazia il loro ventre?
Ma così non si genera il conflitto con il popolo e la decadenza del Paese?
I beni che hanno così malamente accumulato in modo altrettanto malvagio saranno dispersi.
Ciò che si sta annunciando in questi ultimi tempi non indica forse di già l'inizio di un tracollo di questo loro anomalo sistema?
Per ottenere il rispetto della popolazione retta nell'agire è necessario allontanare i disonesti dalle loro blasfeme cattedre del potere istituzionale. Oggi i corrotti sono innalzati sulla loro scrannaccia calpestando la rettitudine e la giustizia.
Dalla corruzione si diffonde il male che si manifesta sempre più negli squilibri del tessuto sociale e quindi del lavoro.
Gli insegnamenti impartiti per secoli dai pulpiti delle cattedrali sono serviti solo a produrre questa abnorme bestemmia che è prima di tutto manifesta nella corruzione e poi nella diffusione della menzogna al popolo da parte dei governanti?
Ciò che sta accadendo in questi tempi ne è la drammatica conferma, come avremo la capacità di salvarci nell'oscuro futuro che ci si palesa ai sensi?
Quale diritto e quale giustizia regnano nel nostro attuale paese?
Se tutto questo putridume non sarà rimosso come si potrà risalire la china della produttività dell’Italia intesa come espressione del lavoro onesto svolto dal popolo?

Pier Luigi Tenci, Torino Commentatore certificato 07.03.14 22:28| 
 |
Rispondi al commento

YES THEY CAN!

Si, finalmente siamo arrivati sui binari (morti) della stazione finale "The End", dove cappeggia la scritta "Arbeit Macht Frei!" Ricordate la Stazione di Auschwitz?
Non vedo l'ora che salti la baracca, tanto alla fine si scoprirà nostro malgrado che è stata l'ennesima presa per il culo da parte di una banda di ricchi ladri verso dei coglioni cittadini.
Quello che è stato arraffato però non verrà restituito vero?? Salvo che non si faccia come in Zimbabwe, dove i "Poveri" Coloni Olandesi e Nord Europei hanno dovuto darsela a gambe per non finire affettati a colpa di Machete...
Tanto quando è ora di protestare non si presenta nessuno?
E allora vuol dire che vogliono stare ancora a 90° ancora?
Pare Di Si!!
Il barile si è sfasciato, il fondo è stato raschiato e ora siamo arrivati al dunque. Finalmente!

luca Paolino Commentatore certificato 07.03.14 13:11| 
 |
Rispondi al commento

L'idea- credo dettata dalla disperazione - che siano i governi a poter rilanciare l'economia, non ha alcun fondamento logico.
Piuttosto i governi dovrebbero togliere le zampe dall'economia e smetterla di favorire i ricchi e tassare i poveri.
Ma questo, l'abbiamo ben chiaro, non lo possono proprio fare di propria volontà scomparendo del tutto, cadono come frutti marci uno dopo l'altro e ne arrivano sempre di nuovi grazie alla grande alleanza tra ladri e imbecilli.
Se lo Stato non paga beni e servizi alle imprese dovrebbe fallire - e non pagare il debito pubblico - come qualsiasi altro soggetto insolvente.
E chi ha investito - incautamente! - nei titoli di Stato, la prossima volta investa nelle aziende ancora vive impedendo che chiudano o fuggano altrove.
In pratica noi cittadini siamo chiamati a garantire e pagare i debiti fatti a nome nostro da un branco di ladri incapaci vedendo intorno a noi la desertificazione economica ad opera proprio dello Stato insolvente!
Ci raccontano molte balle sapendo di aver ben seminato egoismo e ignoranza quanto basta, siamo governati (già questa sarebbe una disgrazia in se') e dai peggiori!
E questo, in qualche modo, ce lo siamo meritato noi, ciascuno di noi
No taxation without representation ... Dovremo ricorrere ad una radicale rivolta fiscale ... non vedo molte altre possibilità

Gilda Caronti, Milano Commentatore certificato 07.03.14 10:09| 
 |
Rispondi al commento

Ormai non è più il loro tempo e i denari a cui s'aggrappano nella corruzione si stanno volatilizzando tra l'ira dei popoli che non si curano più di quanto è scritto sui quotidiani o e trasmesso dalle televisioni. Quando un popolo rimette in funzione il proprio cervello avviene lo stravolgimento generale perché il pensiero è energia allo stato puro. Le “...istituzioni di potere di qualunque chiesa e nazione esse siano ...” non istruirono forse nei secoli gli “...adepti...” alla scuola della corruzione? Quale altra istituzione italiana s’avvide che la corruzione è la peggior bestemmia che l’uomo possa compiere secondo quanto fu scritto nei Testi Sacri di tutti i tempi? Oggi non sta forse emergendo tutto questo abominio rendendosi ben visibile e manifesto allo sguardo degli svegli?
La contingenza monetaria europea trascina i paesi corrotti e quindi moralmente deboli nel baratro dell’oscurantismo medievale.
Per contro, oggi si è in una riflessione temporale simile a quella che fu nel 1939 ma quella odierna, sembra possieda un carattere opposto assolutamente inaspettato e indesiderato dai potentati mondiali precostituiti in quanto, ciò che si sta verificando a livello planetario è come l’immagine riflessa in uno specchio di quelli che furono i prodromi del secondo conflitto mondiale. Gli eventi, già manifesti allo sguardo degli uomini attenti, sono iniziati da un quarantennio e stranamente oggi sfuggono al controllo dei potentati europei e mondiali proprio come fu agli albori del secondo conflitto mondiale.

Pier Luigi Tenci, Torino Commentatore certificato 06.03.14 21:40| 
 |
Rispondi al commento

Ho la sensazione che a ricevere i pagamenti in ritardo siano le piccole imprese... i grandi gruppi rappresentati dalle lobby probabilmente i soldi li incassano. Ma mi dicono che è normale e anzi giusto così.... Mah!!!!
Giorgio Marchetti

Giorgio Marchetti, pordenone Commentatore certificato 06.03.14 13:27| 
 |
Rispondi al commento

Beppe ci vuole lo sciopero fiscale. Fai questo sondaggio sul web e vediamo in quanti siamo ad aderire. Tutti quelli che non lo faranno dopo le europee gli togliamo la cittadinanza.

gennaro sansone 06.03.14 13:10| 
 |
Rispondi al commento

lo volete capire o no che non pagano le imprese perchè prima devono pagare l'esercito di occupati in politica, dagli onorevoli ai sottosegretari.
Basta tagliare il 30% degli stipendi oltre i 10.000 euro e con quei soldi pagare le imprese ma subito. Lo stesso va fatto per le pensioni, per i gettoni presenza e per tutte le varie indennità così come hanno fatto a tutti noi dipendenti normali. ( vedai prelievo dal conto corrente di notte dal miliardario Giuliano Amato )

dino f., Mantova Commentatore certificato 06.03.14 12:07| 
 |
Rispondi al commento

Il balletto di miliardi che ruota intorno al debito della pubblica amministrazione (PA) nei confronti delle Piccole e Medie Imprese (PMI) merita un approfondimento, perchè si è visto fin troppo spesso, nel recente passato, in che modo quella parte della politica collusa e profurbetti ha operato per arraffare i soldi degli italiani, non vorrei che approfittando della confusione ,sentendo arrivare il momento della sua dipartita, tentasse di arraffare il più possibile per poi andarsene ad Antigua o in alti posti esotici a coronare il "sciogno del imprenditore al toppe". leggi ancora su
http://www.vivereilvaldarno.it/Megafono/comments.asp?id=42

alfonso ruberti 06.03.14 11:18| 
 |
Rispondi al commento

Per me e' incomprensibile come il popolo italiano riesca ancora a credere alle favole che ci raccontano i politici.non se ne può' più di opinionisti,commentatori grandi saggi,non è così che si esce dalla palude solo una rivoluzione ormai può dare la svolta!!...Beppe sei un grande ma ancora troppo solo in questa palude di alligatori

anna del bello 06.03.14 11:18| 
 |
Rispondi al commento

la cgia la dovrebbe smettere di dare i soliti dati che ormai conoscono anche i sassi...!Bortulossi quando va nei TALK dovrebbe dire due cose:
la prima-A RAgione Beppe Grillo;
la seconda-Siamo FALLITI!!!;
domenica è stato contestato da alcuni imprenditori veneti-stufi di sentire il solito disco che s'incanta-siamo ormai arrivati ad un punto che ciascuno deve "prendere posizione"...anche nel mondo del SINDACATI-che fino ad oggi sono stati anticamera della politica!-.
Dite la verità..e cioè che siamo un paese FALLITOOOO!!!e voi imprenditori salvate le vostre attività, almeno un giorno avrete la possibilità di ritornare a fare impresa in questo paese..!!

napoleone ., Leghorn Commentatore certificato 06.03.14 08:13| 
 |
Rispondi al commento

Tutto questo grazie a chi ha votato PD - L. Avete rovinato questa nazione e le persone oneste!

Giovanni Faillaci 06.03.14 06:34| 
 |
Rispondi al commento

Non serve a nulla. Chiunque le metta in mora , le PA difendono solo se stesse ed i loro rappresentanti. Non pagano che dopo decenni e solo dopo sentenze di Cassazione . Tutte bugie. O paghi il pubblico funzionario o devi aspettare decenni .

Paolo C., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 06.03.14 01:42| 
 |
Rispondi al commento

Lo stato non c'è più,ora esiste solo una accozzaglia di incapaci,venduti ai poteri forti,alla massoneria,alla mafia,sono presi da una avidità animalesca di fama di soldi.vediamo continuamente figgete e fighetti in tv a parlare del niente,e riducchiano continuamente,nonostante la situazione che stiamo vivendo,e che è sotto gli occhi di tutti,anche dei suoi,questa è gentaglia della peggior specie.gente senza dio.e non si vergogneranno mai.il male li ha ingoiati ma noi li vomiteremo.forza Beppe,il bene e l'amore per le cose giuste,prima o poi vince.viva gli uomini di buona volontà.come te e come noi

Ssnilvano Guidotti Commentatore certificato 06.03.14 00:04| 
 |
Rispondi al commento

L?unica magrisima soddisfazione è quella di dire: Siete contenti itaglioti sostenitori del PD ??? Continuate, continuate a votare i ladri, continuate a dare soldi, date 2 € a gente che ride di voi e delle vostre disgrazie. Imbecilli.

Tukko67 aka (acronik-nauta) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 05.03.14 22:46| 
 |
Rispondi al commento

Tajani sbrigati ad inviare la lettera, così vediamo il grande renzie quale coniglio tira fuori da cappello. Un livornese dopo questa frase direbbe... "tirerà fuori ma la fava" solo che, essendo per i livornesi i fiorentini finocchi, concluderebbe con "si ma una fava moscia"

Federico T., roma Commentatore certificato 05.03.14 22:39| 
 |
Rispondi al commento

SE I DIPENDENTI PUBBLICI VENGONO MESSI IN GRADO DI LAVORARE E SE DECIDONO DI LAVORARE, SPECIE A ROMA, IL PROBLEMA NON ESISTEREBBE !!!

Della Rosa Franco 05.03.14 20:36| 
 |
Rispondi al commento

Messa in mora significa che rischiamo di pagare una multa sul debito che la casta non vuole pagare. Il nostro salvatore della casta fonzie ce la farà??.

Leonardo 05.03.14 20:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fuori i soldi dalle banche da subito e sciopero fiscale a oltranza affinché questi parassiti non potranno neppure avere i soldi x pagare le forze dell ordine che attualmente li scortano e difendono....solo un paese di rincoglioniti come questo poteva arrivare a toccare il fondo...ma non preoccupatevi si può ancora scavare.....proponiamo al movimento di mettere ai voti se fare o no uno sciopero fiscale mi sembra l'unica soluzione che resta in questo paese x tagliare il cordone ombelicale che separa chi paga da chi ruba.....

Carmine delle cave 05.03.14 19:49| 
 |
Rispondi al commento

STATO LADRONE

Paolo M5S, Palermo Commentatore certificato 05.03.14 19:36| 
 |
Rispondi al commento

E solo una questione di tempo
Tra poco non pagherà più nessuno questo stato di malfattori

Riccardo Garofoli 05.03.14 18:14| 
 |
Rispondi al commento

Senza contare che nessuno Sà veramente a quanto ammonta questo debito
La non obbligatorietà di registrazione delle fatture da parte dello stato equivale ad un omicidio fatture pagate più volte un furto
è tutto con il bene placido dei politici di ieri e quindi di oggi
L'organizzazione dello stato fa piangere in qualsiasi lato la si guardi in tutto fatto a posta in modo di lasciare spazio per la corruzione di qualsiasi tipo

Riccardo Garofoli 05.03.14 17:41| 
 |
Rispondi al commento

E' indubbio che lo Stato debba pagare i suoi debiti con i fornitori, come qualsiasi altro soggetto. Fa pero' impressione la velocita' di indebitamento di Comuni, Regioni e Amministrazioni centrali. Sono come rubinetti rotti che perdono acqua a non finire. Sarebbe necessario un maggior controllo sulla qualita' e la quantita' della spesa, sulla sua congruita', sulla sua necessita' e produttivita'. Piu' che sui Comuni, municipalizzate a parte, e' sulle regioni che vanno stretti i freni della spesa in attesa che una seria modifica costituzionale ponga riparo alla sciagurata revisione dell'art.5 decisa dal governo D'Alema. Altrimenti e' inutile l'esercizio della spending revieu, peraltro finora sterile.

adolfo treggiari 05.03.14 17:28| 
 |
Rispondi al commento

Infatti..tajani è italiano e fa la voce grossa per finta, tanto è di F.I. e fa la sua parte!
I partiti se ne fregano di tajani!

pier p., acqui terme Commentatore certificato 05.03.14 17:14| 
 |
Rispondi al commento

ma Tajani di forza italia e poi ecc. ecc. è affidabile ?

maurizio b., roma Commentatore certificato 05.03.14 16:31| 
 |
Rispondi al commento

Vogliamo liberarci da questi maiali

virgilio Veller 05.03.14 15:15| 
 |
Rispondi al commento

Secondo il mio parere, lo stato italiano man mano che son subentrati i governi è andato sempre peggio, basta vedere il n.dei suicidi. Per cui ci un cambiamento radicale come il M5 Stelle o un colpo di stato rapido e violento da spazzare i politicanti.domenico

nappi domenico 05.03.14 15:05| 
 |
Rispondi al commento

caro Beppe, ci siamo chiesti perchè lo stato non fa niente per le piccole e medie imprese? Dato che questi ultimi soggetti sono quelli che devono avere rimborsi, preferiscono la chiusura...Piu aziende chiudono meno soldi devono erogare....Un caro saluto a tutti.Avanti movimento 5 stelle...Vinciamo noi ovunque

loredana benedetti 05.03.14 14:46| 
 |
Rispondi al commento

Da come si è capito, prenderanno i soldi della cassa depositi e prestiti, che verranno chiesti principalmente dai comuni questi dovranno accendere dei mutui per restituirli, mutui finanziati vi lascio immaginare come...

Alla fine quindi questi 60/90 miliardi verranno pagati con nuove tasse degli enti locali.

cioè nuovi debiti, garantiti dai risparmi privati .... annamo bene !!!!!!!!!

..

ricordiamo che i soldi della Cassa Deposito Prestiti sono sostanzialmente i soldi delle persone depositati in posta.
Gli si è chiesto il permesso?
Qualche garanzia sul prestito (Bond aggiuntivi sul debito italiano)?

Nel caso di default, quei soldi che fine fanno?

Roberto B. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 05.03.14 14:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CARO BEPPE, SE IL GOVERNO PAGA LE AZIENDE, NON POSSONO FARE FESTE, BERE SCIAMPAGN, FESTINI, ECC.ECC. TANTO, SE L'ITALIA VA A ROTOLI MA CHI SE NE FREGA. BASTA CHE STANNO BENE LORO, TANTO LORO ALLA FINE DEL MESE CI ARRIVANO, HANNO AGEVOLAZIONI IN TUTTO, IN PIU HANNO UNO STIPENDIO STREPITOSO PER FAR ANDARE A ROTOLI L'ITALIA. NOI POVERI CRISTI, SIAMO TARTASSATI AL 100X100 NON ARRIVIAMO A FINE MESE, E SE SI SALTA QUALCHE RATA, CI SBATTONO FUORI DI CASA. NON SE NE PUO PIU DI QUESTA SITUAZIONE. VOGLIAMO ARIA PULITA FRESCA E NUOVA. CIAO BEPPE, W M⭐⭐⭐⭐⭐

cesarina alberti, cadorago Commentatore certificato 05.03.14 14:07| 
 |
Rispondi al commento

Pagare in tempo i fornitori e' buona gestione. E' una cosa da "buon padre di famiglia", da buon cittadino.
Con il rispetto dei termini di pagamento un sistema funziona. Senza quello funziona male o non funziona piu'.

Ovviamente se mandiamo in parlamento ed al governo indagati e condannati, gente senza qualifica ed al soldo delle lobby della casta, non possiamo aspettarci da loro azioni di buona gestione. Sarebbe troppo.

Che sia lo stato a dare il cattivo esempio la dice tutta di quanto l'Italia sia ridotta male.

Popolo votante, svegliatevi! C'e' una sola forza in questo momento che e' onesta ed ha possibilità' di mettere in pratica la buona gestione: i cittadini del M5S

Votare un vecchio partito, vuol dire accettare e volere il declino inesorabile.

Paolo S., Sterrebeek, Belgio Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 05.03.14 13:53| 
 |
Rispondi al commento

Pensate se non ci fosse l'Europa a controllarci compiti a casa... faremmo ancora peggio di così.

Quinto Stellone 05.03.14 13:49| 
 |
Rispondi al commento

mandate equitalia allo stato..

Giuseppe de luise (intergiuseppe), bari Commentatore certificato 05.03.14 13:48| 
 |
Rispondi al commento

Ma come no? Cerca di pagarle con i soldi dei risparmiatori di Poste Italiane

Vittorio E., Roma Commentatore certificato 05.03.14 13:35| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
ANDIAMO AVANTI COSI,SENZA PAGAGARE E NON CREDO CHE FAREMO MOLTA STRADA

alvise fossa 05.03.14 13:25| 
 |
Rispondi al commento

Ma renzie ha detto che paga subitissimo !!!!1
Hhahahahahah!

pier p., acqui terme Commentatore certificato 05.03.14 13:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori