Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Morire d'infarto, davanti a un ospedale

  • 68


ambulanza_trapani.jpg

"Leggo su Internet che "Un turista israeliano, colpito da infarto, è morto nell'attesa dei soccorsi del 118. Fin qui, si potrebbe parlare di una tragica fatalità, ma il paradosso è che l'uomo, mentre si sentiva male, si trovava a pochi metri dall'ingresso dell'ospedale Sant'Antonio Abate di Trapani e i dipendenti della struttura non l'hanno fatto entrare. Motivo? Doveva chiamare il 118, attendere l'arrivo dell'ambulanza, percorrere quei cento metri sul mezzo di soccorso e poi entrare nell'edificio". Ecco, mi chiedo che razza di Paese è questo. Che razza di Sanità ci hanno costruito i nostri politici. Dov'è finito l'articolo 32 della Costituzione che sancisce il diritto alla Salute quale diritto fondamentale dell’individuo e interesse della collettività. Poveri noi".
Alessandro P.

25 Mag 2014, 10:22 | Scrivi | Commenti (68) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 68


Tags: diritto alla salute, infarto, ospedale, sanità, trapani

Commenti

 

bisogna conoscere di persona cosa è successo quel giorno prima di parlare e dare sentenze....non tramite quello che scrivono i giornali!!!!

tony tony 27.05.14 14:55| 
 |
Rispondi al commento

Una Sanità costruita ed organizzata ad arte perché non funzioni così da poter privatizzare con il beneplacito dei cittadini che ignari non sanno cosa accadrà una volta che sarà privatizzata!!

Giovanna V., Pistoia Commentatore certificato 26.05.14 15:53| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo è vero, il mio vicino per lo stesso motivo è in stato vegetativo da qualche anno.... magari lo sarebbe stato anche se lo avessero soccorso prontamente. Lui è riuscito, con la macchina, ad arrivare nel parcheggio del pronto soccorso ma non lo hanno soccorso perché doveva andare a fare l'accettazione, poi ha perso i sensi e la moglie che era con lui ha dovuto spostarlo di peso dal posto guida al posto passeggero e fare i 5 metri che mancavano dal parcheggio all'ingresso del pronto soccorso.... e intanto i medici si riempiono la bocca con la parola "prevenzione".

Gian Franco Tibaldini 26.05.14 14:27| 
 |
Rispondi al commento

non voglio credere che ciò è successo,spero tanto che gli israliani gli fanno un culo quanto una casa ai responsabili

DOMENICA G., Palermo Commentatore certificato 25.05.14 21:52| 
 |
Rispondi al commento

Ma era già successo o mi sbaglio? E allora quando uno va al pronto soccorso con i suoi mezzi, dovrebbero rimandarlo indietro?

Anna50 25.05.14 20:05| 
 |
Rispondi al commento

altro che medici come li fanno vedere nelle fiction, i nostri sono dei fancazzisti boriosi e incapaci, non tutti ma troppi

maurizio LIBRI, BRISSOGNE Commentatore certificato 25.05.14 19:44| 
 |
Rispondi al commento

MA CHE OSPEDALE E' QUESTO'? denuncia x omissione di soccorso.. a milano e provincia non sarebbe accaduto, si da priorita' alle cose urgenti sano in ambulanza o a piedi non cambia nulla.. denunciateli ..

Antonietta Di Pisa, pieve emanuele Commentatore certificato 25.05.14 19:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

questa è difficile da credersi perchè gli ospedali sono sempre aperti ed in genere i malati arrivano su automobili private a clackson schiacciato ed anche a piedi si entra e si va al pronto soccorso.
Certo se invece si chiama il 118 allora poi bisogna aspettare che arrivi

Fracatz 25.05.14 18:56| 
 |
Rispondi al commento

Era sionista?

freegaza 25.05.14 18:17| 
 |
Rispondi al commento

Spero con tutto il cuore che gli israeliani si incazzino di brutto e facciano il culo a tutti i responsabili utilizzando il Mossad, che sa come agire.

Federico T., roma Commentatore certificato 25.05.14 17:44| 
 |
Rispondi al commento

Finché l'indifferenza degli italiani persiste, saremo costretti a vivere in un'Italia che non vogliamo. Ne abbiamo già sentito di tutto e di peggio e chissà per quanto tempo ancora durerà questo scellerato sistema politico in cui anche la sanità ben lo rappresente. D'altronde questo s-governo è lo specchio della maggioranza dei cittadini o meglio dei propri sudditi !!!
A quanto pare, i medici del presidio del pronto soccorso trapanese, ancora non si rendono conto del loro celarsi dietro la "burocrazia", potevano benissimo scendere 2 infermieri ed un medico, giù in strada con la barella ben munita di 4 ruote, ci sono appena 100 metri.

Stefano 25.05.14 17:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CIAO BEPPE,
VERAMENTE INCREDIBILE,L'EPISODIO
ALVISE

alvise fossa 25.05.14 17:10| 
 |
Rispondi al commento

io non ho votato, non piu' un cent in tasca.... sono un ottimo elettrotecnico ed un autista di autobus turistici, il probelma e' che ho piu' di 50 anni , sono in forma e capace ma, vecchio.... trovo solo piu' porte chiuse.
posso solo ringraziare tutti e sperare che almeno alla caritas mi accettino....

paolo rossi 25.05.14 17:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Terificante si , assurdo no. Tutto nasce dalle cause di responsabilita' portate avanti da molti contro tutti quelli che possono pagare . Chi si espone ad aiutare un'altro al di fuori delle regole burocratiche stabilite, rischia una causa e rischia di perderla. Se aiuti un infartuato con qualsiasi pratica e non sei medico e quello muore ti addebitano la responsabilita' . Se lo sollevi e lo porti per 100 metri la responsabilita' e' tua che lo hai mosso.

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 25.05.14 16:43| 
 |
Rispondi al commento

,,,,,,ho appena votatooooooo,,,,,,te l ho datooo beppe,,,ma stavolta nn lasciare che il pd e pdl facciano quello che vuole berluscaaaa,,,,,,vai al governo e prendi i voti della sinistra ,,,,,,,

Grazia De nunzio , Guastalla Commentatore certificato 25.05.14 16:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il problema non sono gli infermieri o i medici ma le REGOLE DEL CAZZO che esistono in Italia...io invece di risparmiare sulla sanità risparmierei sui MAGISTRATI quelli si che sono soldi buttati....e magari avremmo 4 soldi per pagare qualche paramedico in più...una mamma che vota 5 STELLE

valeria oldoni 25.05.14 16:00| 
 |
Rispondi al commento

Oltre alla classe politica da sostituire c'e' anche e soprattutto la categoria dei dirigenti burocrati inetti da cancellare. Avanti come una ruspa.

Marco F., Brunico Commentatore certificato 25.05.14 16:00| 
 |
Rispondi al commento

Ecco perchè mi vergogno...non sono...non mi sento....e NON VOGLIO essere italiano

ELIA ORTU 25.05.14 15:47| 
 |
Rispondi al commento

Una volta c'era il giuramento di Ippocrate ora invece si sono fatti le nuove regolette, perchè in questo paese vige la regola: "fatti i cazzi tuoi". La sanità è un'altro pozzo di San Patrizio dove lobby, malaffare e politica banchettano allegramente sulla pelle dei cittadini che in caso di necessità si devono rivolgere solo alla fortuna. Non si può fare di tutta l'erba un fascio ma quando si semina in campo il seme geneticamente modificato tutte le piante verranno modificate ed in modo irreversibile.

Nadia V. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 25.05.14 15:43| 
 |
Rispondi al commento

Io penso e dico che questa marmaglia di occupa posti a sbafo al di del regolamento delle balle ,potevano salvare la vita al quel poveretto!poi dico ancora che io ho visto cose.negli ospedali che fanno paura ,da parte di questi che.ti dovrebbero salvare la vita ho quasi non mi voglio dilunguare ancora .perche ho perso la moglie in circostanze misteriose dentro un ospedale.

angelo faldini 25.05.14 15:30| 
 |
Rispondi al commento

Allora mettiamola così: io arrivo in P.S. Con un mio parente che sta male non trovo nessuno mi dicono che il medico è andato a soccorrere fuori una persona e nel frattempo il mio parente muore in P.S. senza che nessun medico lo abbia visto perché non c'era come sarebbe stato il titolo dell'articolo?

Rossana P., Genova Commentatore certificato 25.05.14 15:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questo è quello che sono riusciti a organizzare questa massa di politicanti balordi negli ultimi 30 anni,Ma un infarto ai soliti noti no eeeeh!
Io non farei del male nemmeno ad una formica ma stì balordi.........

Luigi Carboni 25.05.14 15:07| 
 |
Rispondi al commento

ho votato due ore fa. 300 km di auto ben spesi (spero). buon lavoro a tutti, in bocca al lupo

marco panizza 25.05.14 14:52| 
 |
Rispondi al commento

Salve sono un infermiere e vi confermo che è proprio così i dipendenti di un ospedale non possono uscire dalla struttura perché non sono tutelati dal punto di vista assicurativo e perché abbandonano un posto presidiato (pronto soccorso) la risposta è chiamare il 118.

Francesco DIrenzo 25.05.14 14:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Evidentemente sei giovane e non hai vissuto gli anni che vanno dal dopoguerra al 1992 . Erano anni d'oro , tutti potevano trovare lavoro stabile e pagarsi un mutuo , certo che i politici di allora rubavano , entro limiti fisiologici è naturale . Chi amministra amminestra ! Così recita un antico detto . Siamo realisti ! I problemi sono nati dalla operazione politica chiamata mani pulite , che era solo il tentativo dell'ex PCI di trovarsi una nuova collocazione dopo la caduta del comunismo . Se non si capisce questo , non si va da nessuna parte ! Con mani pulite si destabilizzò totalmente il Paese , si buttò sabbia negli ingranaggi della macchina dello Stato che da allora non è stato più possibile governare efficacemente . Le conseguenze le sappiamo tutti : impoverimento generalizzato del Paese , arricchimento di quel 5 per cento di politici di tutte la taglie e dei loro amici e amici degli amici ! Il disordine favorisce le ruberie , infatti l'Italia passò dal normale tasso di corruzione del 5- 10 per cento , all'attuale 60-70 per cento . Alla greppia ci mangiano in tanti e tanto , mai sazi e incuranti delle sofferenze del popolo bue stanno scarnificando fino all'osso il corpo morente dell'Italia , spalleggiati da equitalia e simili mandano in cmpleta rovina milioni di persone spingendo al suicidio centinaia di padri di famiglia ! A noi il grande compito di risanare il Paese iniziando da tutti , o quasi gli attuali politici e soci , con un chhio di riguardo allo pseudo partito democratico di sinistra che oltre che i soldi ci ha derubato della stabilità e legalità politica .

vincenzo di giorgio 25.05.14 14:14| 
 |
Rispondi al commento

É uno scandalo! E dire che al sud la sanità costa di più!
Speriamo di vincere e spezzare questo circolo mafioso che hanno impegnato ogni occupazione pubblica con gente ignorante analfabeta e incompetente! Si meriterebbero tutti la gogna!

Marco lotti 25.05.14 14:11| 
 |
Rispondi al commento

Mettere sotto processo i deficenti che non hanno prestato soccorso e chi ha voluto quelle regole!


A questo punto è DOVEROSA una denuncia per omissione di soccorso.

Andrea Romano 25.05.14 13:31| 
 |
Rispondi al commento

Avete toccato in settore dove nonostante la mia innata gentilezza posso solo commentare cosi.MERDA.
Curiamoci in tutte le nostre parti e speriamo di non avere mai bisogno di loro.

al aveto, pavia Commentatore certificato 25.05.14 12:56| 
 |
Rispondi al commento

Mo vediamo chi è A' CAROGNA in questo paese.

genni acarogna (g_ac) Commentatore certificato 25.05.14 12:30| 
 |
Rispondi al commento

Ho appena votato 5 stelle! Credo di aver votato un movimento fatto di persone intelligenti. Avete ragione quello che è successo è assurdo ma abbandonare l'ospedale è interruzione di pubblico servizio e la legge prevede che intervenga il 118! Basta puntare il dito contro i sanitari che fronteggiano emergenze di ogni genere in ospedale e sono spesso costretti a pagare come i cittadini per i tagli della politica e per regole dettate da incompetenti. Indubbiamente il buon senso prevede che il personale sanitario si attivi sempre per salvaguardare una vita umana, ma in un paese come l'Italia dove quando fai tutto a tutti per evitare problemi medico legali verrebbe da dire che i sanitari hanno seguito la procedura prevista dalla legge! Spesso si punta il dito contro i medici perché si muore in sala d'attesa dopo ore al triage ma se i sanitari vengono continuamente ridotti di numero in pronto soccorso sapete dirmi di chi è la colpa. Io ho lavorato come medico in un grosso ospedale con anche sei ore di attesa per i pazienti e vi giuro che iniziando il turno alle venti sono riuscito ad andare in bagno alle sette del mattino qualche volta. E come me tanti professionisti sanitari, dal l'operatore socio sanitario al primario, beh forse il primario non proprio,... Tutta gente che costa allo stato meno di un carcerato e che Da il massimo per senso civico e per amore verso il prossimo più che per attaccamento al proprio posto di lavoro. Per questo invito il movimento ad evitare processi sommari contro persone che ogni giorno svolgono il proprio lavoro con umanità e caparbietà lottando contro il sottoorganico e contro il taglio scellerato dei posto letto che è immorale. Spesso guardando gli anziani costretti dai tagli dei posti letto e non dai medici ad attendere un posto letto anche 24 ore ci chiediamo se sia in trattamento adeguato ad un onesto cittadino che ha pagato le tasse per sostenere un sistema sanitario che alla fine non tutela la dignità individuale del cittadino.

Vincenzo guarino 25.05.14 12:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi viene da pensare che gli addetti all'ospedale , prendano percentuali o peggio costretti a chiamare le ambulanze . Che pratica è questa ? E come per i decessi , gli addetti a gli obitori prendevano le percentuali sulle ditte di Onoranze funebri . Se funzionasse cosi siamo alle solite , speculazioni e sperperi ai danni dei cittadini , e i dirigenti che prendono lauti stipendi su che cosa vigilano ??? O magari sono loro a cui vanno certe percentuali ??

GIOVANNI I., Padova Commentatore certificato 25.05.14 11:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

è questo sarebbe un paese civile?

luigi olivieri 25.05.14 11:48| 
 |
Rispondi al commento

No, chi sta male non deve chiamare il 118 (specialmente se non ne è in grado), inoltre è vero che il trasporto fuori dall'ospedale richiede l'ambulanza ma anche in mancanza di questa il personale può comunque prestare i primi soccorsi che in caso di infarto sono vitali (è reato penale non farlo a prescindere dai regolamenti interni, omissione di soccorso).

Un infarto richiede qualche minuto per uccidere e purtroppo se le persone accanto non hanno la prontezza di spirito di praticare immediatamente la respirazione artificiale le speranze di sopravvivenza sono quasi zero.

Ho trovato diverse versioni di questa notizia su internet (e in diverse lingue) e la totale mancanza di nomi o foto la rende assai improbabile (bufala).

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 25.05.14 11:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Queste sono le cose assurde che accadono in Italia perché nessun dirigente pubblico è responsabile di quello che fa, non è punibile, non deve rendere conto a nessuno, non deve produrre niente.
MA LE COSE CAMBIERANNO ! ECCOME SE CAMBIERANNO!

POPULATION BOMB Commentatore certificato 25.05.14 11:33| 
 |
Rispondi al commento

Una domanda nasce spontanea. Un'onorevole (onorevole...)sarebbe sopravvissuto?

Gennaro Corsini 25.05.14 11:27| 
 |
Rispondi al commento

Probabilmente se i nostri cari amici politici hanno inventato una pseudo-legge che prevede di chiamare un ambulanza anche a pochi metri da un ospedale è probabilmente perché in qualche modo hanno un rientro economico...giocatevi pure le palle che è così !!!

Mc Brillant 25.05.14 11:26| 
 |
Rispondi al commento

E' il paese di Matteo Messina Denaro, ma non Trapani, ma l'Italia intera. http://malgradotuttoblog.blogspot.it/

MALGRADOTUTTO BLOG 25.05.14 11:17| 
 |
Rispondi al commento

Qua non è questione di politica. E' capitato anche a me mentre mi trovavo di gurdia in P.S. (sono medico) alcuni anni fa. Ai primi accenni di resistenza (non ci compete, deve andare questo o quell'altro, ecc.) con un infermiere ed un portantino uscii dal P.S. con una barella e andai a fare il soccorso ad un tale che abuìitava a fianco all'ingresso del P.S. (50 metri di distanza). Non fate di ogni cosa che succede una questione politica. Molto spesso è questione di unomini ...

Carmine Sanseverino 25.05.14 11:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Come hanno ridotto questo paese!!! Riprendiamocelo per favore!!!!!!

Michele T., Bitonto - Reggio Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 25.05.14 11:01| 
 |
Rispondi al commento

E'una questione di umanità soccorrere un uomo che sta avendo un infarto, ma poi la cosa che non ha logica è il perché i medici ribadiscono al malcapitato di chiamare il 118, cioè io mi trovo a 2 metri dall'ospedale, devo chiamare l'ambulanza nel mentre che mi sento male da accasciarmi a terra che non ho la forza di alzare un dito dal dolore figuriamoci tenere un cellulare per le mani, per avere le prestazioni di primo soccorso che in questo caso servono a ben poco, per mettermi in ambulanza fare 2 metri, farmi passare dal pronto soccorso, se va bene li per caso si trova un cardiologo, mandarmi in sala rianimazione e che dio me la mandi buona, Beppe parliamoci chiaro i politi attuali è vero che sono comandati dai massoni? è vero che loro hanno deciso le sorti dell'umanità per decimare migliaia di persone nel mondo ed è per questo che dicono alle marionette di applicare queste leggi? Io penso di si perché è la pura realtà di fatto!, pensaci tu domani

alfredo c., Lamezia Terme Commentatore certificato 25.05.14 11:00| 
 |
Rispondi al commento

Mah, in questi casi dovrebbe avere la precedenza la logica più che il regolamento.

Maccheccacchio, uno rischia la vita, si trova fortunosamente davanti a un'ospedale, cavolo prendetelo a mano o in barella e dategli la prima assistenza il prima possibile.

Ma davanti alla morte fanculo il regolamento!

Ci voleva qualche medico con le palle che lo dicesse e mettesse in pratica quello che aveva giurato davanti a Ippocrate.

Come si vede che siamo in Italia!

Tails70 25.05.14 10:58| 
 |
Rispondi al commento

É capitato anche a noi è fortunatamente io ho saputo cosa fare nell'attesa.
Però è davvero uno schifo.
VINCIAMONOI.

Ambra Marco 25.05.14 10:51| 
 |
Rispondi al commento

E successo a Düsseldorf in Germania! !!
Non un Italia !!!!!

albinomanca 25.05.14 10:51| 
 |
Rispondi al commento

No, non sono d'accordo. In questo caso doveva essere fatta la cosa piú ragionevole, giusta e di buon senso. La responsabilità è di tutte le persone che pur avendo avuto la possibilità non si sono attivate, come avrebbero voluto se fosse capitato a loro, ed hanno lasciato morire una persona. Non c'è regolamento che tenga...

paolo patriarca 25.05.14 10:43| 
 |
Rispondi al commento

Solo pura cattiveria e menefreghismo, difronte a una persona in difficoltà, c'è solo una cosa da fare, lasciare alle spalle regole, e fare il bene per la persona.

valerio c., roma Commentatore certificato 25.05.14 10:43| 
 |
Rispondi al commento

Salve!
Mi permetto di indicare i link a tre miei video, con cui cerco di presentare un mio progetto di Iniziativa Imprenditoriale per una Attrezzatura di Riabilitazione dal Mal di Schiena.
Vorrei sapere che cosa ne pensate, e se possibile vi chiedo di sostenere il Progetto mediante adesione e condivisione o comunque riterrete meglio.
Ho già inviato email simili anche ad altre figure istituzionali, personaggi e Realtà più o meno noti.
Sono convinto che maggiore sarà la diffusione che verrà data a questa mia iniziativa, maggiori potranno essere le probabilità che si possa realizzare qualcosa di utile e di valido.
Sarebbe un peccato se, dopo aver messo a punto un'idea così importante, a seguito di tante sofferenze e fatiche, non se ne facesse nulla!
Sono a disposizione per ogni eventuale approfondimento.
Grazie!

Parte 1/3 https://www.youtube.com/watch?v=aqoR3JnCX7s
Parte 2/3 https://www.youtube.com/watch?v=_a6ytE-i_LA
Parte 3/3 https://www.youtube.com/watch?v=dMRHHyi66sQ

PS - Nelle pagine Youtube di presentazione dei video è possibile trovare i link a ulteriori pagine di approfondimento!

Ing_Alberto Costantini, Erto e Casso (PN) Commentatore certificato 25.05.14 10:42| 
 |
Rispondi al commento

Per quanto possa sembrare assurdo il fatto che i dipendenti del PS non escano è un fatto corretto: il PS è ipso facto un posto presidiato, non può essere abbandonato in ogni caso e non ci sono alternative. Se mentre qualcuno usciva fuori per soccorrere il malcapitato, qualcun altro moriva in PS che succedeva? Ci mettevamo a piangere per la malasanità e il morto in PS? Non facciamo populismo di bassa lega. Che invece la sicurezza intorno all'ospedale e anche in ospedale sia un problema da gestire non c'è dubbio. Il 118 è una risposta? dovrebbe esserlo. In genere non si muore di infarto in 5 minuti, perche il 118 non è riuscito ad intervenire in tempo? Che stava facendo l'ambulanza? Le risorse allocate all'assistenza sono sufficienti? Queste sono le domande da farsi, e non perchè il personale di PS non è intervenuto!

Sergio Malandrin 25.05.14 10:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

questa è soltanto la punta dell'iceberg.....purtroppo non basterà togliere tutta la spazzatura dal governo....ma bisognerà capovolgere la mente di una gran parte di persone che per puro egoismo e misero tornaconto personale continua a pensare ai propri eesclusivi interessi e fregarsene del prossimo......e purtroppo sarà dura....

Renato B., Genova Commentatore certificato 25.05.14 10:40| 
 |
Rispondi al commento

...... terrificante, assurdo, inconcepibile. Ma dalla mia esperienza di PS non mi meraviglio......io ancora mi chiedo come sono sopravvissuta

Giuseppina Giunta 25.05.14 10:30| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori