Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Renzie in recessione

  • 72


renzie_recessione.jpg

Mentre Renzie il bamboccio va in giro per l'Italia a raccontare balle nonostante le continue contestazioni, l'economia italiana affonda.

"Nel primo trimestre il Pil dell'Italia ha registrato una contrazione pari a -0,1% rispetto al trimestre precedente (+0,1%). Il modestissimo anelito di crescita economica dell'ultimo trimestre del 2013 non e' stato dunque confermato. Anzi il dato del primo trimestre (-0,1%) e' ampiamente inferiore al consensus degli economisti che si aspettavano una crescita dello 0,2%. Male anche l'andamento tendenziale con una flessione pari a -0,5%. Peraltro la performance economica dell'Italia resta ancora molto inferiore a quelle della altre grandi economie dell'Eurozona. Nel primo trimestre la Francia ha tenuto con crescita zero, ma su anno +0,5%, la Germania ha, come sempre, ballato da sola: +0,8% su base trimestrale e +2,3% su base annuale. L'Italia ha gia' sperimentato, dalla fine del 2011, un ''double dip'', cioe' un secondo tuffo nella recessione, dopo la ripresa del 2010, successiva alla contrazione del 2008-09. Se, dopo la ripresa in miniatura del 4* trimestre del 2013, il Pil del prossimo trimestre dovesse ancora essere negativo, con due contrazioni negative consecutive della crescita economica, il Belpaese collezionerebbe il poco invidiabile record del ''triple dip'', cioe' di un terzo tuffo nella recessione." Affari Italiani

donazioni-europee.jpg

VINCIAMONOI! Scarica, stampa e diffondi i manifesti e il volantino del M5S per le elezioni europee:
manifesti_banner.jpg

15 Mag 2014, 16:01 | Scrivi | Commenti (72) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 72


Tags: affari italiani, balle, economia, pil, Renzi, Renzie

Commenti

 

Oggi Renzie ha anche detto che la crescita economica dell'Italia è in linea con quella della Francia (e vabbè è 0) e della Germania. Della Germania! -0,1 e +0,8 per l'ebetino sono la stessa cosa! ahahahahahahahaha

Davide R. Commentatore certificato 17.05.14 02:08| 
 |
Rispondi al commento

Da quando siamo entrati in europa il pil reale (quello senza inflazione) è fermo anzi leggermente sotto lo zero.
Inoltre bisognerebbe anche controllare se il pil che viene diffuso è vero oppure truccato: non mi stupirebbe se ci fosse mezzo punto in più nascosto nelle stime del nero che in quanto stime garantiscono la possibilità di pompare facilmente (... che il pil sia sempre stato metodicamente truccato è ovvio ma che adesso si provi a esagerare mi sembra assai probabile).

Il fatto che l'economia vada a puttane non dipende solo da Renzi che comunque non aiuta, ma dipende da una politica economica votata al fallimento volontario:
la globalizzazione dei paesi europei con l'appesantimento di una moneta unica a bassa svalutazione per compiacere la germania continuerà ad affossarci come sapevano benissimo tutti gli economisti e i politici che l'hanno decisa..... solo gli italiani non sanno un cazzo di economia perchè sono taaaaanto acculturati e pensano che una citazione in latino sia più utile di una bilancia commerciale.
Come curare l'ignoranza in economia? c'è la scuola.... dove si imparano derivate e integrali, ma neanche una parola sull'economia;
eppure un'acculturato che studi la storia non può prescindere dall'analisi economica che ha sempre dettato molte scelte dei grandi del passato:
'taliani 'gnoranti!
E che si può pretendere da una scuola che si ferma alla storia dell'ottocento? gli economisti importanti sono in gran parte degli inizi del novecento.....
E la tv? sono troppo impegnati a svendere gli impianti di trasmissione per ordine del loro sacro dittatore a cui hanno sempre leccato il culo (così imparano!).

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 16.05.14 22:01| 
 |
Rispondi al commento

Ma occorre trovare molte risorse, ed evitare che (siamo sempre in Italia) molti percepiscano il reddito di cittadinanza e poi lavorino in nero, potendo far così anche concorrenza – a basso prezzo – ai lavoratori onesti.
E’ per questo che occorre tracciare tutto: eliminare la moneta contante farà emergere le risorse finora occultate (nei grandi numeri che abbiamo spesso descritto in questo blog) ed impedirà abusi da parte delle imprese e dei percettori del reddito di cittadinanza. Reddito di cittadinanza ed eliminazione del contante devono andare a braccetto sin dall’inizio, altrimenti il sistema non funzionerà.
Fino a quando rifiuteremo di vedere che questo è l’unico modo per innescare un circolo virtuoso che ci porti oltre questa recessione?
Per quanto tempo ancora i nostri egoismi personali ci terranno nel tunnel?
Staremo ancora a parlare di privacy delle transazioni mentre il nostro treno deraglia?

Vogliamo finalmente parlarne?
abolizionecontante.blogspot.com

antonella m., napoli Commentatore certificato 16.05.14 11:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E che succede se sommi minore produzione e minore occupazione (e quindi minor reddito per lo Stato conseguente a minori ricavi dalla tassazione) a fronte di una conseguentemente aumentata necessità di spese sociali?
Indovina un pò: ottieni un maggior debito pubblico.
Et voilà…ecco che occorre una nuova manovra, nuove tasse, altrimenti i mercati non si fidano e salgono gli interessi sul debito…magari riduciamo gli stipendi nel pubblico impiego…e il circolo della recessione riparte e si moltiplica esponenzialmente.
E infatti è esattamente quello che sta accadendo. Già sono partite le prime voci sulla necessità di una nuova manovra.
Per quanto tempo ancora crederemo ai proclami sulla luce in fondo al tunnel e rifiuteremo di vedere invece l’enorme treno dell’ovvio?
Lo Stato – non le imprese, non è il loro ruolo - deve tutelare il lavoratore, il suo cittadino, e non il lavoro in sé. Anche perché la crescente incidenza della tecnologia nelle nostre vite ridurrà sempre di più il numero di posti di lavoro disponibili, e nessuna riconversione darà mai tanti posti di lavoro quanti ce n'erano prima delle varie rivoluzioni industriali.
Amiamo evitare le file in autostrada con il telepass, ma abbiamo bisogno di meno casellanti; risparmiamo con gli e-book ma servono meno lavori di stampa, distribuzione, librerie; abbiamo efficienti archivi elettronici, ma meno archivisti; avremo stampanti 3d per costruire case economiche per tutti, ma meno bisogno di muratori…la lista potrebbe, ed andrà, statene certi, avanti all’infinito.
Il futuro non può e non deve essere fermato: siamo noi a dover cambiare i nostri schemi così da coglierne tutte le opportunità.
Reddito di cittadinanza, allora, certo: redistribuire le risorse, far ripartire i consumi, dare la possibilità a tutti di vivere una vita dignitosa e non dover accettare lavori sottopagati.

antonella m., napoli Commentatore certificato 16.05.14 11:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma davvero qualcuno aveva creduto che la ripresa arrivasse così, per miracolo, senza fare nulla?
Davvero qualcuno ha creduto che gli 80 euro promessi da Renzi, destinati peraltro ai lavoratori dipendenti già in possesso di stipendio, innescassero un volano magico in virtù di una minore propensione al risparmio di questi contribuenti?
L’unica propensione che i lavoratori dipendenti non hanno è quella all’evasione fiscale, e questo semplicemente perché non possono.
E gli autonomi, le finte partite iva, i disoccupati di lungo periodo? Qualcuno ci ha pensato?
Pensavate forse che una maggiore flessibilità delle regole sul lavoro portasse più occupazione, come se gli imprenditori in crisi non volessero assumere per mera paura dei contratti a tempo indeterminato e non perché non hanno un mercato interno a cui vendere i propri prodotti? Un fallimento decennale delle politiche sul lavoro non vi ha insegnato proprio nulla?
Quanto tempo ancora vogliamo perdere aspettando che le cose si mettano a posto da sole?
Perché non lo faranno, sapete.
E – abbiatelo ben chiaro - andrà peggio.
Se il lavoro manca, non è giusto che i costi sociali siano a carico delle imprese. Imporre il tempo indeterminato significa che sono le imprese a doversi far carico dei lavoratori anche se del loro lavoro non c’è bisogno; flessibilizzare oltre misura significa al contrario trasformare i lavoratori in schiavi impossibilitati a programmare il proprio futuro. Infine, ovviamente, ci sono quelli che approfittano della crisi per aumentare i propri ricavi a spese dei lavoratori.
E siccome siamo tutti collegati, dall’incertezza sul futuro deriverà minore propensione alla spesa, dagli stipendi bassi minori possibilità di consumo; da minore propensione alla spesa e minori possibilità di consumo ovviamente deriveranno minori acquisti, minore produzione e, immaginate un po’, minore occupazione.

antonella m., napoli Commentatore certificato 16.05.14 11:04| 
 |
Rispondi al commento

Renzi promette che non farà una manovra correttiva...
Detto da chi prometteva:
- Che non sarebbe mai andato al governo senza elezioni.
- Che non avrebbe confermato Alfano ministro degli interni.
- La legge elettorale entro febbraio.
- Il Job Act entro il 2015.
- Il pagamento di 60 miliardi di debiti della PA entro 15 giorni.
- 3 miliardi da investire nell'edilizia scolastica.
- La riforma del fisco entro aprile.
- La riforma della PA entro maggio.
- 1 miliardo per i giovani...
Non mi fiderei più di tanto, anzi non mi fiderei affatto!

Lorenzo M. Commentatore certificato 16.05.14 10:51| 
 |
Rispondi al commento

Allora, in ordine sparso: Genovese (pd) in galera, pil -0,1%, debito pubblico record a 2120 miliardi di euro, borsa che continua a crollare anche oggi, notav terroristi presto saranno scarcerati, 80 euro per tutti... Vinciamo noi! Ora ci credo pure io!

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 16.05.14 10:51| 
 |
Rispondi al commento

.... ma quel che conta è parlare d'altro, far arrivare il messaggio che Beppe è deplorevole perchè li insulta, urla e dice parole volgari. Loro invece sono persone per bene, educate, civili e "moderate", le wquali da 20 anni governano onestmente nell'interesse di tutti gli italiani. L'economia italiana non l'hanno distrutta e depredata loro ... sono stati gli altri!

Paolo De_Sanctis Commentatore certificato 16.05.14 10:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://www.ildisonorevole.it/litalia-consuma-suolo-e-cemento-ma-non-sa-fare-una-casa/

Mentre vengono fuori tangenti e tangentine per tutto il cemento da riversare all'Expo, un paio di giorni fa è uscito uno studio di Legambiente sul consumo di suolo in Italia.

Ecco alcuni dati italiani raccapriccianti:

- 720 km quadrati di cemento negli ultimi 3 anni. L'Italia è il primo produttore e consumatore europeo di materiale;
- 30% di suolo cementificato adibito a case, buona parte delle quali rimangono vuote;
- 2,7 milioni di case disabitate;
- 650.000 famiglie che per reddito hanno diritto a una casa "popolare" e non gli viene concessa (assurdo);
- aumento consumo di suolo annuale pari a 255 km quadrati (1,5 il comune di Milano);
- consumati 432 kg pro capite di cemento (media europea pari a 314);
- totale di circa 750.000 costruzioni abusive;
- invenduto nel 2010 pari a 40.000 case, invenduto nel 2013 pari a 120.000 case;
- 311.000 sfratti negli ultimi 5 anni;
- livello di efficienza e di risparmio energetico arretrato agli anni '50 salvo qualche raro caso eccelso nel Nord Est.

Ricordo all'Italia e a Renzie che vige la EPBD Recast del 2010 e l'Italia, in qualità di membro europeo, dovrà costruire edifici NZEB (con consumo energetico vicino allo zero). Quale politica propone in merito?

#vinciamonoi (sennò espatrio)

Edoardo C., Chivasso (TO) Commentatore certificato 16.05.14 10:25| 
 |
Rispondi al commento

Guardate che l'economia Italiana è destinata ad andare peggio.
e chi dice il contrario racconta solo cazzate.
Stanno chiudendo troppe piccole aziende perché il dato si possa invertire.

antonio b., campegine Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 16.05.14 09:51| 
 |
Rispondi al commento

I DATI ISTAT SULL'ECONOMIA CONFERMANO CHE....

Renzie è davvero il ROTTAMATORE...dell'Italia.

Gianni B. 16.05.14 09:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il FQ parla di blocco della ripresa ...
si, per il sedere

Giancarlo G., Verona Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 16.05.14 09:08| 
 |
Rispondi al commento

Beh... il primo trimestre negativo, casualmente, segue l'ultimo appuntamento annuale con il fisco per la maggior parte degli italiani: l'Imu di dicembre. Che casualità.

Ora vedremo un timido dato non negativo (positivo sarebbe il massimo) per aprile-maggio, e poi di nuovo sotto terra perchè arriva il fisco con il 16 giugno: Imu e tasi. E così via fino a dicembre.

E continuano!

Hanno fallito con le loro paturnie economiche, sanno di non essere in grado, e ogni giorni riempiono con fiumi di parole tutti i media.

Gian A Commentatore certificato 16.05.14 08:47| 
 |
Rispondi al commento

Ugo La Malfa ( io c ero ! !) disse che prima o poi i nodi sarebbero venuti al pettine . Era contrario ad un uso improprio del "deficit spending" . Ricostituire la sovranita monetaria e' necessario ma non sufficiente. Va portata l efficienza dell'apparato pubblico a livelli "tedeschi" . Va inoltre valutato se il comportamento anomalo del presidente della repubblica nell appoggiare l attacco finanziario di Francia e Germania all Italia non sia stato piu dannoso che utile. Il governo Berlusconi e' stato sabotato da tutti , organi dello stato , imprenditori , governi europei, alleati politici. La colpa e' di molti ma la responsabilita' e' di Berlusconi.

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 16.05.14 08:38| 
 |
Rispondi al commento

Certo che la Merkel deve avere proprio la faccia da chi.ulo: con questo €uro lei paga interessi irrilevanti sul debito e cresce del 3%...gli altri pagano!!! meglio dei carri armati...ciao a tutti

annibale 51 16.05.14 08:16| 
 |
Rispondi al commento

La notizia del PIL negativo del 1º trim. in Italia è una cattiva notizia, una notizia drammatica. Chi capisce di economia sa che questo dato era preventivabile e sa anche che una notizia del genere si può interpretare solo in un modo: l'insuccesso totale, definitivo e certificato delle politiche della TROIKA della Merkel, Draghi & C.
Credo che ormai non ci siano più economisti disponibili a credere nella ricetta dei tagli indiscriminati che causano solo la caduta dei fattori produttivi e di conseguenza del PIL.
D'altra parte come è possible crearé una comunità dove alcuni sono responsabili e altri no? Come è possible pensaré che ammazzando un Paese si possa recuperare il benessere? Come è possible che in Germania non si controllino le banche dei lander e negli altri paesie si facciano le pulci anche a banche piccole?
I tedeschi si sa, vanno sempre verso una sola direzione, quella del tutto o niente, quella dell'autodistruzione. La Storia insegna.

claudio rizzo, Barcelona Commentatore certificato 16.05.14 08:16| 
 |
Rispondi al commento

oh...oh..MPS perde 6,0% in borsa..oh...oh..mediaset perde il 7,0%....oioi...più che parlano e più che ci mandano a rotoli...!

napoleone ., Leghorn Commentatore certificato 16.05.14 08:15| 
 |
Rispondi al commento

i bastardi politici delinquenti e tutta la associazione imprenditoriale mafiosa di questo paese di merda siano costretti a restituire IL MALTOLTO AGLI ITALIANI questo e' L'UNICA SOLUZIONE il resto sono solo chiacchere....prima lo facciamo e meglio E' !!!!!!!!

Gordon Freeman Commentatore certificato 16.05.14 07:45| 
 |
Rispondi al commento

Il 70 % di tasse e servizi da terzo mondo, ultimi come libertà di informazione, declino della gioventù italiana con emigrazione mai così alta da 40 anni a questa parte. Alla povera Italia non rimane che cambiare classe politica e soprattutto cambiare mentalità altrimenti la nostra prospettiva sarà fi fame e miseria, uno contro l'altro.

luigi severini 16.05.14 07:17| 
 |
Rispondi al commento

...come prendono bene per il culo gli Italiani....e poi i dati del PIL confermano che non abbiamo più un euro da spendere ....altro che ripresa dei consumi, paese che torna a crescere.....Sono dei patetici buffoni che debbono andare via......RENZI sopratutto!!!

Carmine Rullo 16.05.14 06:22| 
 |
Rispondi al commento

NEWS DI RENZI 80 EURO ANCHE ALLE RIVERGINI DA 1 ANNO....TUTTE A RICOSTRUIRSI L'IMENE......!

GIOVANNI L. Commentatore certificato 16.05.14 01:57| 
 |
Rispondi al commento

#a contar le palle # si affonda il pil#

Stefano Giovanni Bianchi, Milano Commentatore certificato 16.05.14 00:59| 
 |
Rispondi al commento

PROPRIO OGGI MENTRE ERO IO MACCHINA ASCOLTAVO UN TG CHE INORMAVA CHE GLI INDUSTRIALI ITALIANI, I COMMERCIANTI, GLI ARTIGIANI STANNO SUBENDO UNA TASSAZIONE SUL PROPRIO LAVORO DEL 70%.
QUALE EX DIPENDENTE DI UNA COMPAGNIA CHE OPERAVA SULLE ASSICURAZIONI DEL CREDITO INDUSTRIALE VENGO CONTINUAMENTE INFORMATO DI MIGLIAIA DI FALLIMENTI, MIGLIAIA DI DELOCALIZZAZIONI ALL'ESTERO, CENTINAIA DI AZIENDE DI GRANDI PRESTIGIO ACQUISTATE DA STRANIERI "MAGGIORMENTE SONO I FRANCESI E I TEDESCHI" INSOMMA UNO SMANTELLAMENTO E SVENDITA DELLA NOSTRA INDUSTRI CH PORTERA DI CONSEGUENZA TANTA POVERTA'
MA DI CHI E' LA COLPA DI TUTTO QUESTO???
DA POLITICI DISONESTI CHE HANNO GOVERNATO DISONESTAMENTE PER DECENNI E MOLTI DI LORO PERMANGONO NELLE LORO LUCROSE POLTRONE.
QUALI SONO??? NE CITIAMO QUALCUNO??? MAFIOSI: DELL'UTRI - CUFFARO - SCAIOLA- BERLUSCONI- PREVITI- ECC. ECC.
TANGENTISTI??? : DEL TURCO - PENATI - FIORITO - LUSI- BELSITO - BOSSI - "MA SAREBBE MOLTO LUNGO L'ELENCO"
MA TUTTO QUESTO PERCHE' E' AVVENUTO??? PERCHE' SI E' CREATA UNA ORGANIZZAZIONE CRIMINALE POLITICA CHE HA MIRATO SOLO AD ARRICCHIRSI A DANNO DELLA POPOLAZIONE ITALIANA PORTANDO IL NOSTRO PAESE AL FALLIMENTO.
CERTAMENTE TUTTO QUESTO E' AVVENUTO SOTTO L'AUSPICIO E L'INTERESSE DI ALCUNE NAZIONI EUROPEE CHE ASPIRAVANO ALLO SMANTELLAMENTO DELL'INDUSTRIA ITALIANA PER APPROPRIARSENE CON POCHI SOLDI " FRANCIA-GERMANIA-INGHILTARRA- E U.S.A. "
MA LA VERTICE IL NONSTRO PRESIDENTE CHE FA??? MA LUI E' UN 90 ENNE CHE A STENTO SI REGGE IN PIEDI E COMUNQUE RAPPRESENTA LA CLASSE POLITICA CHE NON HA MAI FATTO UN CAZZO. BASTA VEDERE CHE INVECE DI INTERVENIRE PER CREARE UN GOVERNO ELETTO DAL POIPOLO NOMINA 4 PRESIDENTI DEL CONSIGLIO CHE CON IL LORO OPERATO HANNO CONTRIBUITO ALL'IMPOVERIMENTO DELLA POPOLAZIONE. CHI SONO??
NE SONO 4 . MONTI"IL MASSACRATORE"- BERSANI"IL RINCOGLIONITO"- LETTA" IL MENDICANTE "- RENZI" IL COMICO CHE CON LE SUE BERZELLETTE PRENDE PER IL CULO LA POPOLAZIONE- CHE VERGOGNA - CHE VERGOGNA - CHE SCHIFO - DELINQUENTI.

GIAN GUTTI 16.05.14 00:54| 
 |
Rispondi al commento

L'ITALIA E' IN FALLIMENTO??? MA CI DOMANDIAMO PERCHE' L'ITALIA STA' SOPPORTANDO UNA CRISI DA NUMEROSI ANNI????
CERTAMENTE LA COLPA E' DEI POLITICI E DEI GOVERNI CHE HANNO GOVERNATO DA DECINE DI ANNI IN MODO DISONESTO E CRIMINALE.
LE CONSEGUENZE DI QUESTA CRIMINALITA' GOVERNATIVA LA STA' PAGANDO LA POPOLAZIONE CHE VIVE DI ONESTO LAVORO.
OGNI GIORNO LEGGIAMO SUI GIORNALI IL RIPETERSI DI AZIONI CRIMINALI E DISONESTE DI PERSONAGGI POLITICI CHE PUR CONDANNATI ALCUNE DECINE DI ANNI FA'SONO AI VERTICI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE E NON SMETTONO DI DERUBARE LA POPOLAZIONE.
CHE VERGOGNA ESSERE ITALIANO!!!! CHE UMILIAZIONE ESSERE DERUBATO DA CHI PUR NON ESSENDO ELETTO DAL POPOLO MA SOLO NOMINATO DA UN PARTITO OCCUPA UNA POLTRONA E IMPUNEMENTE DERUBA I CITTADINI.
E LO VEDIAMO TUTTI I GIORNI : SCAIOLA POVERINO NON GLI BASTAVA IL REGALO DI UN APPARTAMENTO CON VISTA SUL COLOSSEO, SI E' FATTO A CASA UN ARCHIVIO RIPORTANTE TUTTI I RIFERIMENTI DI UNA ORGANIZZAZIONE CRMINALE CHE SI APPROPRIAVA DI DENARO PUBBLICO, A CUI FA PARTE ANCHE UN ALTRO EX POLITICO IDENTIFICATO COME CAMORRISTA SCAPPATO IN UN PAESE ARABO AL QUALE LO SCAIOLA ASSICURAVA ALLA MOGLIE AUTO BLU CON SCORTA PER I SUOI SPOSTAMENTI A MONTECARLO. TANTO PAGANO I CITTADINI CHI SE NE FREAGA. DOMANDA MA SCAIOLA NON PIU' AL GOVERNO AVEVA DIRITTO ALL'AUTO BLU E SCORTA???-
E POI ALLA EXPO??? POLITICI GIA' CONDANNATI ANCORA IN GRADO DI PROCURARSI DENARO CON TANGENTI SUGLI APPALTI PUBBLICI.
RENZI DICE CHE SIAMO IN RIPRESA???? GLI PIACE DIRE LE BERZELLETTE E PRENDERE PER IL CULO GLI ITALIANI. BE RICORDIMOGLI LO SFALLELLO ECONOMICO:
IL 42% DI DISOCCUPAZIONE GIOVANILE - IL 13% DI QUELLA DI MEZZA ETA'- TANTA CASSA INTEGRAZIONE - TANTI ESODATI - TANTA PRECARIETA'CON STIPENDI DA MORTI DI FAME - INSOMMA TANTE FAMIGLIE CHE NON ARRIVANO ALLA FINE DEL MESE E DI CONSEGUENZA TANTA POVERTA'- E I POLITICI???? COME SPESSO INDICATO DALLA COMUNITA EUROPEA I NOSTRI SONO I PIU DISONESTI E I PIU' PAGATI D'EUROPA- QUANTA DISONESTA' POLITICA.

GIAN GUTTI 16.05.14 00:28| 
 |
Rispondi al commento

I provvedimenti presi dal governo sono utili? Si Conosce dalla teoria economica che dare soldi, in questo caso 80 euro,cioè agire con i trasferimenti è molto meno utile che agire con spesa pubblica tipo fare una strada o investimenti in tecnologia. I secondi andando alle imprese ,finirebbero ai dipendenti tramite il loro salario ,poi in consumi, poi in produzione per far fronte ai consumi per il noto effetto del moltiplicatore. Anche se la spesa pubblica fosse in parte poco efficiente ,tipo strade inutili, in parte gli effetti del moltiplicatore ci sarebbe comunque. Comunque meglio spesa pubblica utile. Ma agire solo con i trasferimenti, gli 80 euro, non stimola quasi nulla. In un periodo di depressione gli 80 euro,i trasferimenti vengono utilizzati in risparmio ,per prudenza ,oppure per pagare alcuni debiti. Solo dopo in consumi. E se fossero consumi di beni importati o alimentari ,sarebbero di poco aiuto verso la disoccupazione . Questa la realtà economica che Renzi fa finta di ignorare. Se effettivamente c'erano 80 euro pro capite da utilizzare ,se c'erano(?), meglio utilizzarli in spesa pubblica( utile) diretta che in trasferimenti

Francesco Felis 15.05.14 23:53| 
 |
Rispondi al commento

Usiamola per tutta la campagna elettorale restante...il pil scende , significa che il fiscal compact saraì ancora piu' duro ...e badate che il pd vuole governare con schultz che governa con la Merkel...che ha imposto i trattati...

alexander de filippo, bologna Commentatore certificato 15.05.14 23:50| 
 |
Rispondi al commento

Renzie bugiardo guardare qui https://pagellapolitica.it/politici vinciamo noi grande beppe

simone 15.05.14 23:17| 
 |
Rispondi al commento

Un commento piccolo piccolo: Chi non ha il problema è l'ultimo ad essere interessato a risolverlo. Insomma una classe politica che vive così bene, che voglia ha di fare funzionare il paese? Cosa gliene importa? E una amara riflessione: è indecente per come a volte sono aggrediti i parlamentari del movimento, sta venendo alla luce di che razza di gente é infestato parlamento e senato...si stanno scoprendo e il peggio deve ancora venire. Saluti da Berlino.

Felice L., estero Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 15.05.14 23:10| 
 |
Rispondi al commento

I fatti:
debito Stato Italia a febbraio 2.107 miliardi di €
debito Stato Italia a maggio 2.120 miliardi di €.
Totale 13 miliardi di € fumati dal governo Renzi in 3 mesi.
Il resto sono chiacchire e balle per gli allocchi.
Governare a debito ? Mio nipote di 10 anni farebbe meglio.
Ancora dieci giorni e la festa è finita. Tic,toc.

mabe 15.05.14 23:01| 
 |
Rispondi al commento

Povera Italia!!!

arazio mazza, agira Commentatore certificato 15.05.14 22:51| 
 |
Rispondi al commento

RENZIE=LOTA

FRANCESCO C., ROMA Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 15.05.14 22:37| 
 |
Rispondi al commento

Ormai non è più il loro tempo e i denari a cui s'aggrappano nella corruzione si stanno volatilizzando tra l'ira dei popoli che non si curano più di quanto è scritto sui quotidiani o e trasmesso dalle televisioni. Quando un popolo rimette in funzione il proprio cervello avviene lo stravolgimento generale perché il pensiero è energia allo stato puro. Le “...istituzioni di potere di qualunque chiesa e nazione esse siano ...” non istruirono forse nei secoli gli “...adepti...” alla scuola della corruzione? Quale altra istituzione italiana s’avvide che la corruzione è la peggior bestemmia che l’uomo possa compiere secondo quanto fu scritto nei Testi Sacri di tutti i tempi? Oggi non sta forse emergendo tutto questo abominio rendendosi ben visibile e manifesto allo sguardo degli svegli?

Pier Luigi Tenci, Torino Commentatore certificato 15.05.14 21:59| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe!!io sono ormai un uomo 47 anni che come tanti altri ha dovuto lasciare il propio paese"fatto di corruzione,ladri,politici,mafiosi,e pensionati e aggiungo di poveri cristi lavoratori che pagano le tasse per tutte queste gategorie" ho sempre sperato nella vita che qualcosa cambiasse!!ma in italia dopo l'impero romano si sono solo sentite grandi parole!forse con te queta volta c'è la possiamo fare!!io vivo in francia da ormai qusi 20anni!ma se tu pensi che io ti possa essere utilie per la nostra causa "l'italia come paese dignitoso libero e fondato sul lavoro en non sul l'inciuccio generico!!"io sono onorato di chiedere di potermi iscrivere al tuo movimento!
perche vorrei anche tornare un giorno a casa mia quella per cui i mie nonni anno fatto la guerra 15/18 mio padre 40/45 !per quella liberta che questi politici non sanno neanche cosè"al di fuori delle luride orge romane che omani sono note alla storia da 2000 anni!ti ringrazio per la tua attenzione!!
ripeto il moi mail g.moia@free.fr

moia giuseppe 15.05.14 20:07| 
 |
Rispondi al commento

A me Renzie sembra solo il re delle supercazzole !!!
Parole tantissime,fatti nisba ! Non sarebbe meglio che si ritirasse a Pontassieve ?

bruno marsili 15.05.14 20:05| 
 |
Rispondi al commento

Ecco l'ultima balla sul funzionamento della scuola :riporto un articolo..............
A voi il commento

COMUNICATO STAMPA – In Lombardia partono i licei brevi. Diploma in 4 anni. Meno tempo scuola, meno istruzione. L’esatto contrario di ciò che chiede l’Europa
Posted On sabato, ottobre 26, 2013 By Redazione. Under sindacati Tags: licei

Apprendo dagli organi di stampa della dichiarazione del Direttore generale dell’USR Lombardia, dott. Francesco de Sanctis, che in conseguenza all’autorizzazione definitiva, a firma del Ministro Carrozza, della sperimentazione per l’attivazione di percorsi liceali della durata di 4 anni, ne auspica una esportazione alle scuole pubbliche: «A Busto Arsizio ha chiesto l’autorizzazione anche lo scientifico statale Tosi. E il nostro obiettivo è arrivare alle scuole pubbliche», così ha dichiarato.
Tre le scuole paritarie coinvolte nella sperimentazione: il collegio San Carlo di Milano, il Guido Carli di Brescia e l’istituto Olga Fiorini di Busto Arsizio. La prima maturità «anticipata» sarà quella dei liceali milanesi, il prossimo anno. Nell’istituto religioso di corso Magenta il progetto era stato, infatti, avviato tre anni fa con l’autorizzazione dell’allora ministro Mariastella Gelmini.

Non siamo stupiti che per l’ennesima volta tocchi alla sola Lombardia fungere da “laboratorio” per sperimentare soluzioni legate ai percorsi d’istruzione. Lo hanno fatto per la Istruzione e Formazione Professionale con i diplomi scolastici regionali, ci hanno provato malamente con la “chiamata diretta” dei docenti da parte dei Dirigenti scolastici, altrettanto malamente con le graduatorie “lombarde” per docenti e personale scolastico, con l’obbligo scolastico a 15 anni e altro ancora.
Anche oggi la nostra denuncia continua ad essere sempre la stessa: tutte queste “voglie”, più o meno sperimentali, sono sorrette da un unico comune denominatore, ridurre il tempo scuola, ridurre l’istruzione e la sua organizzazione, per noi ciò non va ben

Chiara 15.05.14 20:00| 
 |
Rispondi al commento

Basta che all'AIA non comandi il gruppo Bilderberg

carla g., Padova Commentatore certificato 15.05.14 19:38| 
 |
Rispondi al commento

credo che alla fine ,questa gente ,dovra' essere processata all'AIA , per aver portato la nazione ITALIA al disastro..

marcello Tuzzato, reggio calabria Commentatore certificato 15.05.14 19:21| 
 |
Rispondi al commento

Un noto analista di borsa famoso per il suo genio ha messo a punti negli anni un sistema di previsione elettorale basato su titoli, obbligazioni e indici.
Un sistema che azzecca le previsioni da anni (l'ultimo esempio è quella del 2013 azzeccata quasi perfettamente) e che ora prevede un sorpasso del M5S!
http://www.borsari.it/Zona%20verde/covere1.gif

Il grafico è del 2 maggio, non oso immaginare a quanto siamo ora dopo le piazze piene in tutta Italia.

VINCIAMO NOI! VINCIAMO NOI! VINCIAMO NOI!

Italia ti voglio bene <3

Michele 15.05.14 19:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Da Monti in poi credo che questi siano i risultati per i quali questi non eletti lavorano.
Non può essere che un professorone di economia alla bocchini, nominato senatore a vita con presunzione di presidenza alla repubblica, non sapesse quello che faceva, bisognerebbe sapere per chi lavorano Monti Letta Renzi e regiorgio e a chi fanno fare affari

carla g., Padova Commentatore certificato 15.05.14 19:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io penso che forse un giorno questi scellerati che da 30 anni governano distruggendo questo paese verranno chiamati a rispondere dello scempio che hanno fatto, consegnando di fatto l'Italia alle altre nazioni forti del mondo che con due tozzi di pane ora vengono da noi a comprarsi pressochè tutto quello che possiamo offrire.

La cosa più preoccupante è che il baratro è appena iniziato, a meno che..., a buon intenditor...

emilio v., ekaterinburg Commentatore certificato 15.05.14 19:10| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo è solo la conferma che con l'aria fritta non si imbandisce la tavola, nessuna novità per chi è del M5S. Sono proprio curioso di vedere, alle elezioni EU se gli Italiani l'anno capita, se si rendono conto che sarebbe anche ora di smetterla con le mummie plastificate, gli gnomi fanfaroni e i 40 mila ladroni che li circondano. M5S VINCE !!!

Tukko67 aka (acronik-nauta) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 15.05.14 18:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CIAO BEPPPE,
RENZI NON HA PIU' VITA FACILE
ALVISE

alvise fossa 15.05.14 18:31| 
 |
Rispondi al commento

Via dall'europa e giù le tasse ci vuole piena sovranità per risolvere la questione

Robergo de Simone Commentatore certificato 15.05.14 18:09| 
 |
Rispondi al commento

Delusione Pil, gli investitori voltano le spalle all'Italia. Borsa in caduta 15/05/2014 17:58 - WS

15 maggio 2014, data da ricordare: è finita la luna di miele fra il governo italiano di Matteo Renzi e la selva impaziente degli investitori internazionali, che avevano scommesso sulla capacità del giovane premier di tirare fuori il Paese dalla palude. Dopo neanche tre mesi di governo, il mercato si imbizzarrisce per la manca crescita del Pil e butta a mare le belle speranze dell'Italia.
Il Pil italiano del primo trimestre ha deluso le attese, facendo segnare un calo dello 0,1% sul trimestre precedente, era attesa una crescita dello 0,2%. Anche la crescita francese ha fatto cilecca: Pil invariato contro attese di +0,1%. La Germania si conferma la locomotiva d'Europa con uno sviluppo dello 0,8%, superiore alle previsioni (+0,7%).

La frenata dell'economia italiana ha gelato le quotazioni dei Btp: il rendimento del titolo di Stato a 10 anni è salito al 3,09% dal 2,91% del giorno prima. Gli investitori sono scappati precipitosamente dai bond italiani e spagnoli per andare a comprare Bund tedeschi, il cui rendimento è sceso all'1,30%, dall'1,369% del giorno prima. Lo spread Btp/Bund si allarga di 24 punti e schizza a quota 178.

Paolo De_Sanctis Commentatore certificato 15.05.14 18:06| 
 |
Rispondi al commento

Oggi lo spred è risalito a 180 punti base

TANO SGROI, AGIRA Commentatore certificato 15.05.14 18:05| 
 |
Rispondi al commento

le sconfitte di Renzi arriveranno presto...le promesse che sta facendo vanno oltre le sue aspettative...la prima sconfitta è quella degli ottanta euri in busta paga, la seconda sconfitta è l'aver messo la faccia nella faccenda Expo dove sapendo della sconfitta ha incaricato un qualcuno con cui puo poi prendersela, la terza sconfitta è l'operazione marenostrum dove l'unica cosa che funziona è la macchina che sta dietro agli imbarchi dall'Africa...quì secondo me negli arrivi dei clandestini, la sinistra ci sguazza, in quanto se si pensa a quante persone stanno dietro alle varie operazioni di recupero, alloggiamento, trasporti, mense, sanitari quanti voti fanno arrivare nelle casse della sinistra???poi una cosa che non mi va giù di renzi e che è andato lì alla sua età, dove, a causa delle sue minchiate, verrà coinvolta un'intera generazione, la mia, che non ha nulla a che vedere con il suo soggetto in quanto lui è nato durante una luna piena a bordo di un mezzo in avaria poi finito su una montagna di letame...

francesco r., satriano Commentatore certificato 15.05.14 17:56| 
 |
Rispondi al commento

bombaaa...btp..in rialzo a 180..decennale a 3,20%..."mega pappina"...la borsa in caduta...-3,7%....quasi 5000 imprese hanno chiuso i battenti nel primo trimestre nel 2014...fallimenti +4,6 rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente in tutto sono 3811 attività...poniamo che ciascuna di queste avesse una media di 3 adetti...in pratica avrebbero perso il lavoro circa 11000 persone a spasso...senza reddito..poi bisogna considerare l'effetto domino che si ripercuoterà sui creditori..questo non è nulla...le voci che circolano sono da paura....

napoleone ., Leghorn Commentatore certificato 15.05.14 17:48| 
 |
Rispondi al commento

Gargamella, nella sua infinita mediocrità, rispetto a Renzi era una cima in materia economica. La nuova generazione di ciccioline e bamboccioni del PD è peggio delle squallide figure che le hanno precedute.

Paolo De_Sanctis Commentatore certificato 15.05.14 17:31| 
 |
Rispondi al commento

Se per rilanciare l'economia bastassero le balle e gli annunci con Renzi saremmo a posto. Purtroppo per tale fine le chiacchiere davanti alle telecamere sono solo una perdita di tempo. Non c'è nulla nell'opera di Renzi che possa risollevare l'economia.

Paolo De_Sanctis Commentatore certificato 15.05.14 17:27| 
 |
Rispondi al commento

E la Picierno esultava e gongolava per l'aumento del dato sulla fiducia. AHAHAHAHA che razza d'esperti d'economia che ci sono nel PD ...

Paolo De_Sanctis Commentatore certificato 15.05.14 17:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Stanno improvvisando questo è il problema, non sanno come tamponare la falla.
Hanno prima provato con lo sputo poi con la colla ora ci si sono seduti sopra e sentono il culo che si bagna, sono nel panico.
Ma levatevi da lì, branco d'inetti, tornate a fare i figli di papà dove stavate prima.
La nave sta affondando ,levatevi dai coglioni!

carlo petrini 15.05.14 17:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il collasso economico c'è anche senza che le nefaste scelte del bamboccio siano ancora entrate in circolo. Per ora dell'aumento della tassazione sui risparmi degli italiani c'è solo l'effetto psicologico ... quando arriverà anche quello reale, con l'assottigliamento del reddito da risparmio disponibile per le famiglie, ci sarà un'ulteriore decrescita e minori entrate nelle casse dello stato.
A CONFRONTO CON LE TASSE CHE COLPISCONO I RISPARMI DI TUTTI GLI ITALIANI L'OBOLO PROVVISORIO DI 80 EURO, PER ALCUNI, AVRà L'EFFETTO SULLA CRESCITA DI UNA SCORREGGINA!

Paolo De_Sanctis Commentatore certificato 15.05.14 17:14| 
 |
Rispondi al commento

Renzie, è finita, sono i vostri ultimi rantoli, siete morti politicamente!

Angelo e., Santa Maria Capua Vetere Commentatore certificato 15.05.14 17:10| 
 |
Rispondi al commento

Ciao non riesco a vedere il video :(

Antonio1 z., Milano Commentatore certificato 15.05.14 17:02| 
 |
Rispondi al commento

Buon giorno a tutti!
I cittadini questi dati li conosceva già!
E per noi cittadini questi non sono solo
Numeri e statistiche ma dramma quotidiano.

Renato lo cascio 15.05.14 16:26| 
 |
Rispondi al commento

OGGI IL TG di LA7 DELLE 13.30....

non ha trasmesso nessun servizio dedicato a Renzie....come mai se normalmente , oltre a dare notizia di quanto dice quotidianamente, di solito lo nomina in almeno altri 5 servizi "Ad Minchiam" pur di dire quel nome che gli piace tanto..Matteo?
Pareva brutto accostarlo al servizio sui pessimi dati dell'economia...e già!

Gianni B. 15.05.14 16:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Attenzione: NON E' VERO che il dato dell'andamento del PIL per il IV trimestre 2013 è stato +0,1%; quella è stata la stima preliminare fatta a inizio di febbraio. Se si va ora sul sito dell'ISTAT e si clicca, al centro, su "Prodotto interno lordo" si scopre che il dato è stato aggiornato a -0,9%!

Giuseppe Mastropietro 15.05.14 16:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Come previsto: loro già esultavano per i "primi incoraggianti segnali positivi dall'economia". Invece era solo quello che gli economisti chiamano il "rimbalzo del gatto morto".

Alessandro B., Torino Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 15.05.14 16:09| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori