Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Abolire l'Irap: il M5S sta con le Pmi

  • 23


irap_pmi_m5s.jpg

"Il governo degli spot dice di voler tagliare il 10% dell’Irap a tutti. Senza discriminare, ad esempio, tra imprese da un lato e banche e assicurazioni dall’altro. Mentre la proposta depositata un anno fa dal M5S, a prima firma Fantinati, si concentra proprio sulle microimprese con meno di 10 dipendenti e un fatturato annuo oppure un totale di bilancio annuo non superiore a 2 milioni di euro. Per loro l’Irap non viene tagliata, ma sparisce del tutto grazie alla nostra legge. Stiamo parlando di circa il 95% delle aziende attive, che occupano poco meno della metà della forza lavoro impegnata in Italia e rappresentano un terzo del valore aggiunto nazionale. La legge del M5S costa 3,5 miliardi, soldi recuperati con una soppressione di circa il 10% della mangiatoia clientelare dei trasferimenti pubblici alle imprese. La proposta Irap del MoVimento consente una forte riallocazione di risorse fondata su una vera riduzione di sprechi e clientele, un taglio che può condurre in porto solo chi, come noi, non ha cointeressenze con lobby e potentati. Il M5S sta con le Pmi e con chi si batte ogni giorno per mandare avanti questo Paese." M5S Camera

5 Giu 2014, 08:51 | Scrivi | Commenti (23) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 23


Tags: imprenditori, IRAP, M5S, piccole imprese, piccole medie imprese, piccoli imprenditori, PMI

Commenti

 

Caro beppe una settimana fa sono stato alla banca unicredit a chiedere come fare per usufruire de fondo di garanzia per le piccole e medie imprese ma loro non sapevano nulla mi hanno detto che mi chiamavano per darmi informazioni ma non lo hanno fatto. Adesso se tu puoi fare qualcosa te ne sono grato grazie

Michele Valentino 06.06.14 00:24| 
 |
Rispondi al commento

In molti hanno riempito le piazze per divertirsi con lo spettacolo offerto gratuitamente da Beppe Grillo, ma non certo pensando di votare il M5S. Questo modo d'incedere è il frutto degli insegnamenti ricevuti dal popolo italiano sin dai secoli che furono.
Però i cicli del tempo si sono evoluti e i conti per costoro non tornano più come era nel tempo addietro. Infatti ciò che sta accadendo a livello planetario non è un divertente spettacolo gratuito di piazza bensì, per molti, non è forse molto...dura la salita quotidiana?
Oggi vediamo se alcune verità incominceranno a scalfire la corazza che ricopre una moltitudine di italiani formatasi chi per convenienza e chi per stoltezza.
La bestemmia della corruzione è travestita da fata turchina ma... chi fu la sarta che creò quella maschera? Chi scoprirà questo sarà un uomo libero e felice!
Ognuno di noi deve spegnere il frastuono esterno che lo pervade e domandarsi: tutto quanto è accaduto nei secoli e sta ancora accadendo sotto mentite spoglie, è soltanto il frutto di una visione schizofrenica collettiva o è proprio realtà?
Chi illumina la popolazione con l’informazione di verità fornisce il primo vero segno del cambiamento che sta avvenendo nel nostro Paese per il bene della comunità!

Pier Luigi Tenci, Torino Commentatore certificato 05.06.14 22:20| 
 |
Rispondi al commento

È giusto abbassare la pressione fiscale ma cosi aumenta il debito pubblico sarebbe giusto prima tagliare gli sprechi ma da questo punto i vecchi politici non ci sentono.

Forza M5S.

Luciano R., Abbiategrasso Commentatore certificato 05.06.14 18:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi sembra un ottima idea, banche e assicurazioni non e il caso di fargli altri regali bravi 5 stelle

Sebastiano V., Andora Commentatore certificato 05.06.14 17:58| 
 |
Rispondi al commento

Io invece metterei l'IRAP inversamente proporzionale alle assunzioni e allo stipendio (al contrario di adesso) più assumi personale meno IRAP, più licenziamenti più aumenta IRAP e quindi più lo stipendio del dipendente è alto meno IRAP paghi.

Carlo M., Rimini Commentatore certificato 05.06.14 15:17| 
 |
Rispondi al commento

Personalmente sono convinto che, concetti come rottamare, asfaltare, gufare (solo per citarne alcuni) non facciano parte della cultura, ma al contrario dovrebbero far inorridire ogni autentico democratico.
Ormai, quasi a sessant'anni, posso dire con soddisfazione di aver visto passare tante culture cialtrone ed i loro stessi ideologi. Ho visto passare i Fanfani, gli Andreotti, i Craxi, i Berluskoni. Se ci saranno altri 40 anni di Renzismo, francamente non ho voglia di aspettare per vederne la fine.
Sarà quello che sarà!
Come facciano le persone a dare il proprio consenso, in questo Paese, verso quei comportamenti collettivi che procurano soltanto danni a loro stessi ed alle persone a loro vicine, resta francamente, per me, un problema insolubile.
Facciano pure! E si tengano appieno le conseguenze delle loro scelte!
D'altronde, cosa ci si può aspettare al giorno d'oggi?
Oltre centocinquanta anni fa ci furono 1'000 persone disposte a dare la vita per costruire il proprio Paese, l'Italia!
Oggi, al contrario, non si riescono a trovare 1'000 persone pronte a mettere a disposizione 80 euro per costruire un'Impresa in grado di cambiare il mondo!
Certamente i tempi sono cambiati! Ma in peggio, con un imbarbarimento collettivo e complessivo delle coscienze!
Ad ogni modo, in direzione ostinata e contraria, io continuo a portare avanti le mie proposte e denunce con cui cercare di far funzionare meglio il mondo e resto a disposizione di quanti vorranno apprezzarle!
Grazie!


Presentazione https://www.youtube.com/watch?v=0oaqST10zR8
Mal di Schiena Parte 1/3 https://www.youtube.com/watch?v=aqoR3JnCX7s
Mal di Schiena Parte 2/3 https://www.youtube.com/watch?v=_a6ytE-i_LA
Mal di Schiena Parte 3/3 https://www.youtube.com/watch?v=dMRHHyi66sQ

Ing_Alberto Costantini, Erto e Casso (PN) Commentatore certificato 05.06.14 14:30| 
 |
Rispondi al commento

ELEZIONI POLITICHE SUBITO . Metodi di voto da cambiare , no matita, urne trasparenti. Osservatori Internazionali .
Prima che il popolo si ribelli.
La POLITICA non esiste più è solo aria fritta che serve a gente corrotta e depravata abusi di ogni tipo.
L'Italia invasa nei secoli non ha mai avuto nemici cosi terribili come lo sono i Politici di oggi.

GIOVANNI I., Padova Commentatore certificato 05.06.14 14:17| 
 |
Rispondi al commento

RIFORME NO.MEGLIO.DEFORME.

al a., pavia Commentatore certificato 05.06.14 14:06| 
 |
Rispondi al commento

P D
Partito Detenuti

frank pit Commentatore certificato 05.06.14 14:01| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe
Ammiro e ringrazio te e tutti i tuoi collaboratori da quando avete fondato il M5S.
Trovo che queste informazioni date troppe volte prima delle elezioni, riducano il loro effetto in quanto scopiazzate come alle ultime elezioni dalla maggior parte dei partiti. Oltretutto aiutiamo a correggerli rendendoli più forti.
Voglio con ciò cntribuire a non commettere più gli stessi errori.
Ti auguro tanta forza e salute
FRANCESCO

Francesco Carlino 05.06.14 13:09| 
 |
Rispondi al commento

ciao BEPPE vai avanti così,si cagheranno addosso e ci daranno la svranita'

antonino moscatello, palazzolo acreide (siracusa) Commentatore certificato 05.06.14 12:43| 
 |
Rispondi al commento

MA SI TI DO 80 EURI POI TI AUMENTO LE TASSE SULLA CASA TI TOLGO IL DIECI PER CENTO.....SONO QUESTE LE RIFORME .MA.PERCHE'ME LO METTETE DAVANTI.VA BENE USERO UN RITO VOODOO.

al a., pavia Commentatore certificato 05.06.14 11:32| 
 |
Rispondi al commento

L'imposta regionale sulle attività produttive, nota anche con l'acronimo IRAP, è stata istituita con il decreto legislativo 15 dicembre 1997 n.446 dal governo Prodi, dall'allora ministro delle finanze Vincenzo Visco. Con la Finanziaria 2008 assume la natura di imposta propria della Regione e, nella sua applicazione più comune, colpisce il valore della produzione netto delle imprese, ossia, in termini generali, il reddito prodotto al lordo dei costi per il personale e degli oneri e dei proventi di natura finanziaria.

È l'unica imposta a carico delle imprese che è proporzionale al fatturato e non applicata all'utile di esercizio. La legge che l'ha istituita prevede che il 90% del gettito ottenuto sia attribuito alle regioni allo scopo di finanziare il Fondo sanitario nazionale, come quota parte della spesa pubblica. Nel 2011 il gettito dell'IRAP ha finanziato il 30% della spesa sanitaria italiana.
Solo un referendum abrogativo o legge modificante , può determinare la decaduta della medesima legge. Essendo divenuta legge regionale niente può il parlamento per rimuovere tale imposta. Nessuna regione rinuncerebbe a tale gettito basato sul fatturato prodotto e non sull'utile d'esercizio.

valerio buonanno 05.06.14 10:52| 
 |
Rispondi al commento

Bisognerebbe fare conferenze stampa per spiegare e far conoscere le nostre proposte

Mirko Melis, Torino Commentatore certificato 05.06.14 10:25| 
 |
Rispondi al commento

La battaglia, aggiungo populista, sull'irap è il tipico esempio di quanta ignoranza in materia irap dilaghi tra i deputati a cinque stelle in parlamento. L'irap principalmente odiata per il meccanismo di calcolo complicato è l'ultimo dei problemi degli imprenditori italiani. Se volete cambiare l'irap o abolirla, dovete essere in grado di impedire che regioni e comuni aumentino la tassazione locale ( regione lombardia ad esempio ha compensato il minor gettito irap alzando l'addizionale regionale ). Per impedirlo è necessario conquistare le regioni e i comuni. Per conquistare le regioni è necessario avere idee concrete e persone qualificate o se preferite gruppi di studio di gente esperta nelle varie materie che possano confrontarsi in rete e dialogare con i portavoce eletti spesso ignoranti in problematiche specifiche. Per il confronto serve questa benedetta piattaforma che dal 2009 è stata promessa ma che non abbiamo ancora visto. Solo cosi il movimento sarà in grado di governare questo paese in cui tutti si fanno i cavoli loro e se ne fottono del bene comune e del futuro dei loro figli.

TAXADVISOR 05.06.14 10:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CIAO BEPPE,
AVANTI COSI' 5 STELLE,DALLA PARTE DELLLE PMI

alvise fossa 05.06.14 10:19| 
 |
Rispondi al commento

Sono le PMI che hanno l'acqua alla gola.E'giustissimo l'abolizione dell'IRAP per loro soltanto.Avanti con questa proposta di legge.
Bravi.

Raffaele Catena 05.06.14 09:59| 
 |
Rispondi al commento

pinocchietto.renzie ,detto mister 80 euro ,detto anche rottamatore , tra poco avrà poco da rottamare,i magistrati gli stanno dando un buon aiuto, li stanno arrestando tutti,a breve dovrà chiedere asilo politico al m5s.

vittorio c., frosinone Commentatore certificato 05.06.14 09:55| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi in campagna elettorale la gente anziana vuole sentirsi dire cose alla Wanna Marchi, allora il mio consiglio e' di proporre si cose giuste e sensate ma anche di rilanciare agli Slogan di Renzie o Berlusconi

Marco Vicentini 05.06.14 09:52| 
 |
Rispondi al commento

Io modesto ragioniere di 74 anni ho sempre pensato che l'Istituzione dell'IRAP sia stata una malefica trovata del governo di allora e sempre per recuperare soldi da dissipare inutilmente.
Bene la nostra proposta per ABOLIRLA per le MICROIMPRESE e rendere le aziende competitive a livello internazionale; se le aziende non sono competitive non ci possono essere assunzioni e la disoccupazione non potrà diminuire. Difficile capirlo? M5S avanti tutta fino alla vittoria.

Bruno Z., Roma Commentatore certificato 05.06.14 09:45| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori