Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

L'allarme di Giorgio Garuzzo: "Vogliono affossare le rinnovabili"

  • 98


garuzzo_rinnovabili.jpg

"Vi invito ad ascoltare questo messaggio di Giorgio Garuzzo, possibilmente fino alla fine, prestando particolare attenzione ai numeri, utili per sfatare dei falsi miti. Tra pochi giorni il ministro Guidi dirà come "tagliano" le bollette del 10% alle PMI. Saranno dei regali straordinari ai fossili. Tagliando retroattivamente gli incentivi al fotovoltaico colpiranno migliaia di aziende, agricole e industriali, che avevano trovato nel fotovoltaico un aiuto a tenere in questo periodo di crisi, in primis abbassando i costi delle loro bollette. Non potranno più ripagare i finanziamenti o, se potranno continuare a farlo, non avranno più alcun beneficio e ancora più rischi. Guardate fuori dalla finestra. Oggi è domenica e c’è il sole (sono a Oristano e la giornata è bella): un buon 60/70% dell'energia italiana che stiamo consumando è prodotta dal fotovoltaico. Vuol dire che decine di centrali a carbone, gas e petrolio sono ferme! Stiamo risparmiando milioni di tonnellate di metri cubi di gas, a vantaggio della bilancia dei pagamenti italiani e della sicurezza energetica del Paese, ma soprattutto nessuno ora sta respirando inquinanti che contribuiscono sostanzialmente all’insorgere dei tumori che uccidono più di un italiano su tre! Quando ho iniziato nel 1996 a lavorare nel fotovoltaico, questo era il mio obiettivo. Pensavo che fosse un obiettivo importante e utile alla collettività. Purtroppo ero ingenuo: non pensavo che gli interessi dei fossili (nel business e nello spirito) avrebbero fatto di tutto per tagliare le gambe al fotovoltaico e a me e a molti altri come imprenditori. Giusto il riferimento di Garuzzo a Mattei: sta succedendo la stessa cosa, anche se meno eclatante perché non si abbatte nessun aereo e, controllando i mass media, TV in testa, si evita di far sapere la verità." Paolo Rocco Viscontini

15 Giu 2014, 12:21 | Scrivi | Commenti (98) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 98


Tags: Alan Friedman, energia, energia solare, fossili, fotovoltaico, Giorgio Garuzzo, Paolo Rocco Viscontini, rinnovabili

Commenti

 

E' incredibile come la Banda Delle Energie Fossili+Guidi+Enel, sia riuscita a far credere che chi ha investito nel solare è solo uno speculatore che danneggia i cittadini con una bolletta più cara.E' una balla perché:
si evitano milioni di tonnellate di fumi inquinanti riversati in atmosfera
la differenza positiva tra tariffa pagata ai produttori e quella pagata dai consumatori è di oltre 60 euro MWH. Se a questo aggiungiamo tutte le imposte introdotte arbitrariamente, la vendita dei Certificati Verdi, il bilancio è ampiamente positivo.
In questo momento,con Guidi, i cosiddetti speculatori non solo non guadagnano, ma non riescono nemmeno a recuperare il capitale investito. E falliranno.
Ed è esattamente quello che vuole la Banda. Strozzare gli investitori, obbligarli alla cessione degli impianti a costo zero, dare in gestione gli impianti per pochi soldi a società specializzate, ritirare gratis l'energia che continueranno a vendere più cara.
Oltretutto lo Stato non onora i contratti stipulati con gli investitori dimostrando di non essere assolutamente credibile anche a livello internazionale.
Come l'Argentina

Antonia Schivardi 30.06.14 19:15| 
 |
Rispondi al commento

Tassare e ridurre gli incentivi dei grandi impianti fotovoltaici realizzati sui campi agricoli è una ottima cosa.
Il Movimento 5 Stelle dovrebbe essere sempre favorevole a tagliare i guadagni agli speculatori che devastano i territori.
Io mi aspetto che il Movimento 5 Stelle lotti contro gli speculatori, pure quelli delle rinnovabili.

marco galliano 23.06.14 21:47| 
 |
Rispondi al commento

State dando un messaggio incompleto e volutamente distorcente la realta’.

Il provvedimento riguarda gli impianti superiori ai 200 kwp, cioe’ gli impianti realizzati a scopo puramente speculativo !!!

Impianti non realizzati per soddisfare un fabbisogno energetico mediante il consumo istantaneo, bensi’ impianti realizzati per saccheggiare il paese (cioe’ tutti noi) pescando a man bassa negli incentivi dei conti energia.

Personalmente (io collaboro con aziende che propongono interventi di efficientamento energetico (tra cui il fotovoltaico) per il segmento residenziale), avrei preferito che per tali impianti (gli speculativi) fossero istantaneamente (da subito e possibilmente in modalita’ retroattiva) aboliti tutti gli incentivi erogati. !!!

Sergio 53 21.06.14 13:43| 
 |
Rispondi al commento

E' necessario mantenere gli incentivi per il fotovoltaico per le famiglie e per le imprese perchè è l'unico settore dove veramente ci sono imprese italiane che lavorano. Gli incentivi vanno tolti all'eolico

paola 18.06.14 19:51| 
 |
Rispondi al commento

Il problema è che finora si stanno spendendo per incentivi 12 miliardi annui di euro ed è ormai insostenibile per l'aggravio sulle famiglie e sulle imprese, visto che vengono caricati sulle bollette di tutti. Il settore delle rinnovabili non è immune da speculazione selvaggia e da vera e propria mafia e malaffare. Gli incentivi vanno elargiti solo per piccoli impianti e per le famiglie e per inserirli in costruzioni e non consumare ulteriore suolo agricolo e devastare il territorio italiano e il paesaggio.

paola 18.06.14 19:48| 
 |
Rispondi al commento

Come al solito,in ITALIA,quando si tratta di tagliare,si va ha toccare sempre le categorie più deboli,che quasi sempre è rappresentata dalla massa popolare,è mai i pochi privilegiati rappresentata dalle lobby del settore,legate ha politici molto influenti come quella dell'Eolico industriale.
Premesso che siamo a favore di un vero sviluppo compatibile,anche le rinnovabili devono essere integrabili con il territorio,con rispetto del paesaggio senza consumo del suolo agricolo.
Per questo sosteniamo,da tempo,che gli incentivi vanno dati solo per autoconsumo per piccoli impianti,come il fotovoltaico sui tetti delle case costruite dagli anni 60,edifici pubblici,capannoni industriali/agricoli,è solo alle famiglie e piccole imprese;è tolti agli speculatori tipo la lobby Eolica industriale,che hanno commesso abusi è deturpato i paesaggi del sud,con una tecnologia che senza incentivi non è sostenibile economicamente,perchè signori miei in ITALIA manca il vento( è questi "Signori" prendono i soldi anche con impianti fermi,soldini che paghiamo tutti noi con la bolletta della luce)
Purtroppo essendo lobby molto potenti,fanno passare il messaggio mediatico che si vuole fermare le rinnovabili(è fanno togliere gli incentivi solo hai piccoli è alla massa popolare,manovrano dietro le quinte senza esporsi)
CHI fà delle osservazioni,è subito classificato ho a favore del nucleare ho delle fossili,sia dalle lobby del settore che da pseudo associazioni ambientaliste,che sono delle vere società mascherate da onlus che fanno businnes con l'ecologia.
Dal M5S vogliamo che si faccia chiarezza in questo settore,si alle energie rinnovabili ,ma con regole è leggi che tutelino sia il paesaggio che gli uomini,leggi che devono vietare abusi è speculazioni che smascherano i falsi imprenditori,questi signori più che imprenditori sono solo dei "Prenditori" di finanziamenti pubblici è quindi solo dei degli speculatori.
Per eliminarli basta fare come in Spagna,Germania tagliare gli incentivi

flavio s. Commentatore certificato 17.06.14 21:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sicuramente sono favorevole alle rinnovabili, purchè non speculative. Il M5S deve fare una scelta chiara al riguardo. Non si può con la scusa della cosiddetta energia pulita distruggere l'ambiente. La corsa italiana alle rinnovabili di qualche anno fa ha causato danni enormi al paesaggio italiano, fonte di ricchezza per il Paese. La tutela del paesaggio è la tutela del BENE COMUNE. L'articolo 9 della Costituzione parla chiaro. Cercate sulla rete quanto dobbiamo spendere ogni anno in incentivi alle rinnovabili. Soldi benedetti sicuramente, ma se devo fare dei sacrifici in bolletta non li voglio fare per chi ha speculato ai danni dell'ambiente e dei territori. L'energia più pulita è quella non prodotta, perciò in una logica di progresso (e non di crescita o di sviluppo) servirebbero massicci incentivi per la riqualificazione del patrimonio edilizio del Paese. Abbiamo degli edifici che dal punto di vista energetico sono dei colabrodo. Fortunatamente in Italia ci sono attivisti del M5S che si impegnano in diversi comitati per fermare gli impianti da FER industriali. Io credo molto in queste persone che hanno a cuore i loro territori in particolare e l'ambiente in generale e non in chi specula solo perchè ci sono soldi pubblici. M5S fai una scelta e dicci con chi vuoi stare!

meris cenni 17.06.14 21:35| 
 |
Rispondi al commento

ATTENZIONE: anche il fotovoltaico è un business che deve VENDERE e come tutti i business se ne frega, al pari dei palazzinari, dei danni che può produrre al paesaggio storico italiano, proprietà di tutti i cittadini e fonte della quota di Pil connessa al turismo mondiale. Stante la ovvia bontà dell’idea in sé, si sta sviluppando nel M5S, in cui sono attivista, la sconsiderata visione di ricoprire i tetti dei centri storici o vaste aree di paesaggi meravigliosi con colate di pannelli solari o di parchi eolici. E’ la stessa ignoranza, nonché il successo di campagne di promozione di aziende private, che negli anni 70’ ha fatto sostituire infissi in legno con quelli famigerati in alluminio anodizzato oro. Fermiamoci e riflettiamo! Il M5S deve essere più attento alla specificità del nostro paesaggio storico e, in funzione di questo, essere più preciso sulla propria "Agenda Rinnovabili". La Stella Energia, ora che siamo dentro, deve prendere corpo nella maniera giusta.
PROPONGO: attivare campagna di informazione verso il M5S con questa agenda:
1)EFFICIENTAMENTO EDILIZIO/Edifici a consumo zero (un business enorme, anche per l’occupazione, condiviso dalla ANCE-Associazione Nazionale Costruttori Edili , nostro potenziale alleato)
2) RICERCA sulle rinnovabili, pretendendo fermamente questa azione rispetto alla pura installazione.
3) INSTALLAZIONE PIANIFICATA IMPIANTI per il controllo impatto ambientale e paesaggistico.
Il Governo francese, che fà pianificazione, è già su questa via (come già aveva annunciato il rallentamento investimenti sulla TAV in favore della mobilità ferroviaria locale, i Train Coraille).
Ecco l’agenda francese sulle rinnovabili, su Le Monde
http://www.lemonde.fr/planete/article/2014/06/07/transition-energetique-un-texte-a-hauts-risques_4434070_3244.html

Elio A., Roma Commentatore certificato 17.06.14 14:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dai dai!!! Dobbiamo tutti divulgare queste notizie in modo tale da subordinare e condizionare i media .
Grazie a tutti voi che date voce ai senza voce .

Domenico Ciciriello 16.06.14 22:40| 
 |
Rispondi al commento

mica solo quelle vogliono affossare..., tanto, ma tanto altro ancora obliano, falsificano, ecc., ecc., con un'incessante obbrobiosa lavatura di cervelli per mezzo dei tanti loro idioti criticatutto mercenari, mandati allo scoperto (superpagati con i nostri soldi, purtroppo) per dire fesserie e tante inutili controindicazioni contraddittorie... e per affossare ogni risorsa energetica alternativa, pulita, rinnovabile ed anche affossare ogni singolo tentativo di fare qualcosa di buono per il paese...-
In realtà, lo ammettono loro stessi di essere pagati per fare i matti nei mass media, taaanto il popolino idiota italiota viene facilmente abbabbuliato dalle falsità, a tal punto da negare anche l'evidenza.
Non sono un esperto in materia, ma, ma, è mai possibile che in questo paese di merda vengano sempre affossate le cose buone?
Allora GENTEEE, siamo veramente un popolo di schiavi, di lecchini, di vermi, di pecoroni, di stupidi che onorano coloro che ci mettono sulla croce..., e allora meritiamo senza ombra di dubbio di essere denigrati, infamati, schiavizzati, macellati...-
Ripeto, non sono un esperto (pago? Non pago? Pago?), anche se l'evidenza dei fatti (siamo sommersi dai pagamenti e dalla monnezza ed in essi moriamo ed anche in punta di morte onoriamo (votiamo) (che coglioni che siamo) i nostri aguzzini! I nostri carnefici, come ieri, anche oggi, cambiano i modi, le modalità, ma i risultati sono sempre gli stessi.
La scelta è: vogliamo continuare a morire ed a soffrire nella più completa ignoranza le pene del nostro attuale inferno???
O NO!? Peggio di così che cosa c'è?
Ognuno falsifica le stesse falsità di altri sbruffoni in un circolo senza fine di stupidità infinita... e alloraaaa? Che cosa vogliamo? Che cosa vogliano essere???
Sbruffoni nella merda.
E allora teniamoci la merda di sempre, la vecchia merda inquinante e puzzolente di sempre e..., stiamoci zitti...

Andrea Cammarota, Caserta Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 16.06.14 19:20| 
 |
Rispondi al commento

Noi intanto uccidiamo le rinnovabili

http://www.lastampa.it/2014/06/16/blogs/straneuropa/la-terza-guerra-del-gas-yvdHhFstYoAmkaNu7o9KyH/pagina.html

CArlo A 16.06.14 17:53| 
 |
Rispondi al commento

Ecco il testo di Legge assassino.
http://www.qualenergia.it/sites/default/files/articolo-doc/bozza%20decreto-legge%2012-06-2014_.pdf

Carlo A 16.06.14 17:29| 
 |
Rispondi al commento

@ ing. Tannasoli
Non è così, caro ingegnere.
Il fotovoltaico è ben lontano dal poter sopperire anche a una bassa percentuale del fabbisogno italiano. Diciamo 25%, o anche il 20%.
Più sotto leggo sui tetti che non tutti sono utilizzabili. Vero.
Spero non confonda la potenza di picco installata con l'energia prodotta.
Lei parla di accumulo. Fantasie, per ora almeno.
Ore di sole annue?
Orientamento a sud con o senza inseguitori del sole?
Ostacoli naturali? Alberi. altre case, colline che ritardano il sorgere o il calare del sole?
Neve residua?
Sabbia africana dopo le piogge?
Sporco da uccelli?
Certo, se si dovesse costruire un tetto unico sarebbero sufficienti 250 kmq per avere la potenza teorica necessaria.
Ma oltre al fatto che è impossibile, ci metta tutte le percentuali in detrazione alla resa effettiva e vedrà che la superficie da coprire si aggirerà sui 5.000 kmq almeno. Mezza Italia è montagnosa o alta collinare. Non vorrà mica mettere li i pannelli?
Zone protette, città, vicinanza strade dove i gas di scarico che sporcherebbero in breve, paesaggi e così via.
Quanto rimane? 100.000 kmq? Non credo nemmeno.
Per ora, e per parecchio tempo, purtroppo, senza il gas e senza il petrolio non si potrà fare nulla.
I nuovi edifici si devono costruire con criteri di risparmio energetico. Sui vecchi c'è ben poco da fare.


exalè exmagno, alto Commentatore certificato 16.06.14 15:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

QUESTO è QUELLO CHE HANNO FATTO E STANNO FACENDO, MA PERCHè NON LO DIFFONDETE?! è UN MESE CHE VE LO STO MANDANDO TRAMITE TUTTI I CANALI!!! http://social.i-sud.it/_P1768

Giuseppe S., Rocchetta Sant'Antonio (Fg) Commentatore certificato 16.06.14 13:21| 
 |
Rispondi al commento

Nel lontano 2004 quando parlavo e ho iniziato di installare veramente i primi impianti fotovoltaici in Italia tutti mi vedevano come extraterrestre ed era veramente difficile ...quando nei diversi seminari proponeva che il futuro di fotovoltaico devi essere portato avanti da nuovi produttori Italiani e gruppi finanzieri creando qui un polo di sviluppo come la China e Germania ...risultato e che la China ,Germania ,Spagna ,USA ,Giappone , India hanno venduto miliardi di pannelli e le più grandi investitori come WFW hanno insalati GW che alla fine gli pagaiamo NOI
QUESTA ERA LA PIU GRANDE TRUFFA ENERGETICA che i consumatori Italiani lo devono pagare per ancora diversi anni . Qui si incentiva non il sviluppo vero ma GLI AFFARI SPORCHI MAFIOSI DEL NAPOLITANO&BERLUSCONI&D'ALEMA GROUP SERENISSIMA ..io so qualcosa

Mynyr Nazaj , Treviso Commentatore certificato 16.06.14 13:08| 
 |
Rispondi al commento

Oggi il mondo sembra dividersi tra vincitori e vinti!
Tra chi ha accesso ai trionfi della Vittoria e chi è condannato ai disastri della Sconfitta.
Ma chi se ne frega della Vittoria o della Sconfitta!
In Realtà, ci si sta muovendo nell'ambito di alcuni casi, molto particolari, di "quel che funziona" e di "quel che non funziona". Vittoria e sconfitta ne sono soltanto aspetti molto particolari.
Per cultura di formazione scientifica, personalmente non posso che orientarmi verso lo studio dei casi più generali, senza perdermi in quelli particolari.
E non posso che guardare con sufficienza, sconforto e disprezzo a questo correre, vano, pazzo e disperatissimo, dietro ai casi particolarissimi, spesso costruiti "ad arte" di Vittorie e Sconfitte.
Nello sport, nella politica, nei rapporti tra persone, nella comunicazione, nella vita di ciascuno, tutto un rincorrere dietro a vane e disperate Vittorie e Sconfitte.
Sono appena passate le elezioni europee, tra un po' ci saranno i mondiali di calcio. In mezzo, gli scandali, le tangenti, i soldi, i disoccupati, le aziende che chiudono e i ristoranti pieni, la chirurgia plastica e le mode che passano. Tutti a vincere e dopo un po' a perdere.
Sembra che tutto si riduca a questo: il successo della Vittoria o il fallimento della Sconfitta.
Ma il semplice prendersi cura del far funzionare le cose proprio no!?

Presentazione https://www.youtube.com/watch?v=0oaqST10zR8
Mal di Schiena Parte 1/3 https://www.youtube.com/watch?v=aqoR3JnCX7s
Mal di Schiena Parte 2/3 https://www.youtube.com/watch?v=_a6ytE-i_LA
Mal di Schiena Parte 3/3 https://www.youtube.com/watch?v=dMRHHyi66sQ
email: alberto.costantini.std@gmail.com
sito web: https://www.sites.google.com/site/albertocostantinistudio
Per eventuale supporto:
https://www.sites.google.com/site/albertocostantinistudio/prestito-d-onore
https://www.sites.google.com/site/albertocostantinistudio/progetto-funzionalita
Grazie!

Ing_Alberto Costantini, Erto e Casso (PN) Commentatore certificato 16.06.14 11:01| 
 |
Rispondi al commento

2+2...

Obama ha affermato che è disposto ad "aumentare l’esportazione di gas verso l’Ue per soddisfare il suo fabbisogno", azione applicabile grazie ai negoziati TTIP già in corso.
Gli Usa recentemente sono diventati i primi esportatori mondiali di gas naturale...

E pur si muove, Bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 16.06.14 10:00| 
 |
Rispondi al commento

Da tre anni ho personalmente costruito e installato un impianto fotovoltaico da 3,6kw senza aver rubato ne terreno e ne spazio sul tetto ma semplicemente posizionando i pannelli su un palo infisso nel terreno vicino all`abitazione il quale gira seguendo la rotazione del sole,mentre l`inclinazione viene regolata stagionalmente.Dico questo,soltanto per rispondere a quanti criticano le rinnovabili anche esteticamente mentre ritengono cosa buona e giusta incentivare il nucleare o altre fonti dannose per la salute.Un caro saluto enzo menichetti

enzo menichetti 16.06.14 09:53| 
 |
Rispondi al commento

Anche io ero convinto che una interrogazione dovesse essere fatta...

Sarà interessante sentire la risposta.

Antonio Caracciolo 16.06.14 09:04| 
 |
Rispondi al commento

a oristano c'e' il sole per cui il 60/70% dell'energia consumata in italia e' prodotta dal fotovoltaco!

ma come si fa scrivere queste sciocchezze ed a pretendere di essere credibili.

giuseppe brambilla 1, Milano Commentatore certificato 16.06.14 08:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il problema, è stato anche che le imprese, venute su come funghi durante i primi conti energia, hanno fatto man bassa dei contributi statali facendo coincidere il costo del fotovoltaico esattamente all'incentivo statale, facendo esplodere l'offerta di impiantisti del settore spesso anche totalmente incapaci.
Adesso non essendoci più gli incentivi è ovvio che la manna è finita, stanno pagando i piccoli proprietari di impianti fotovoltaici domestici che pagheranno per almeno 10 anni finanziamenti e mutui senza aver nessun beneficio economico dal fotovoltaico, le imprese installatrici, i soldi li hanno presi subito e tanti, per cui potrebbero anche lamentarsi un po' meno.
Altro discorso per i grandi impianti che hanno avuto in proporzione enormi incentivi senza senso, tant'è che in questo business ci si è buttata a pesce la mafia e le multinazionali straniere, li magari sarebbe giusto dare un taglio.

Eddy B. Commentatore certificato 16.06.14 08:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il 60/70% dell'energia proviene dal fotovoltaico? A me non risulta, risulta una quota molto ma molto minore. C'è qualcuno che ha dati più precisi?

gilberto coppa 16.06.14 07:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Renzi e combriccola sono MARIONETTE MASSONICHE,

gli Italiani devono essere ridotti

a SERVI DELLA GLEBA,

ma questo al nuovo burattino, giunto ancora a un grado troppo basso della massoneria

è stato taciuto, lui pensa di operare
PER PORTARE L'ITALIA IN EUROPA!!!

idiota.

Carlo Pandolfini, Catania Commentatore certificato 16.06.14 07:10| 
 |
Rispondi al commento

Avete votato piddì?
Adesso pagate!

Carlo B. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 16.06.14 00:08| 
 |
Rispondi al commento

***** Modalità sarcastica: ON

Oh, ma che c'azzecca qui questo post???!! Ma come, non s'era poi deciso che dopo l'alleanza con l'UKIP di Nigel Farage il M5S diventava non solo XENOFOBO, OMOFOBO e MISOGINO ma pure CONTRARIO ALLE RINNOVABILI e A FAVORE DELLE FONTI FOSSILI (con una particolare predilezione per il carbone e lo shale gas) e A FAVORE DEL NUCLEARE?

***** Modalità sarcastica: OFF

Eeeeh, vi piacerebbe cari trolletti, trolloni, piddini, grecisti e Spartani, ma quella con Farage è un'alleanza un'alleanza tattica. Qui si vuol fare sul serio, mica come i Verdi con tanto fumo finto-ecologista e ancora più arrosto euroentusiasta, neoliberista, filoatlantico e guerrafondaio!

Solo che per fare sul serio anche sulle questioni ambientali ed energetiche occorre avere SOVRANITÀ (da non confondere col "nazionalismo"): quello è l'obiettivo comune tra M5S e UKIP, poi ognuno ne farà un uso differente, come le diverse componenti del CLN si separarono dopo la sconfitta del nazifascismo.

Assieme a gente come MONICA FRASSONI, DANIEL COHN-BENDIT, SKA KELLER, JOSCHKA FISCHER al massimo puoi deliziarti coi vincoli di Maastricht, trastullarti con la lettura del Trattato di Lisbona con tutti i suoi allegati, bagnarti le mutande immaginando gli effetti del Fiscal Compact, del MES, dell'ERF, del TTIP prossimi venturi. Se non ce la fai da solo ti mandano i care-givers della Banca Mondiale e del FMI ad aiutarti. E se sei fortunato ti portano anche alla guerra contro la Russia.
Altro che ecologia e fonti rinnovabili…

Alessandro B., Torino Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 15.06.14 23:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho sempre, nella mia vita, cercato di fare qualcosa per salvaguardare l'ambiente, questa immensa risorsa che ci permette di vivere sulla terra.
Tre anni fa ho installato un modesto impianto fotovoltaico sul mio tetto per l'autosufficienza energetica, produciamo circa 5000 kvh l'anno e ne consumiamo circa 4800/5000. L'impianto é stato realizzato con un finanziamento che lentamente sto pagando con gli incentivi.
Siamo stati felici di contribuire ad abbattere le emissioni nocive ma soprattutto il CO2 che tanti danni sta cominciando a produrre in questo mondo.
Chi ha l'interesse a eliminare le fonti rinnovabili? Non é difficile comprenderlo, dobbiamo assolutamente e democraticamente mobilitarci per impedire questo nuovo regalo ai combustibili fossili.
Propongo di scrivere migliaia, milioni di e-mail al signore che sta preparando l'ennesimo regalo alle lobby.
Purtroppo é sempre stato difficile proteggere qualcosa di ambientale sin dal 1973 quando iscritto al WWF insieme ai miei compagni del liceo ho cercato di salvare la laguna di Burano (Toscana).
Possibile che non si capisce che sovrapaghiamo enormemente l'energia quando i prezzi potrebbero essere calmierati senza altri trucchi contabili?
Grazie al nostro Movimento per informarci ma anche per sostenere la "sostenibilità".

Raniero B., Lausanne Svizzera Commentatore certificato 15.06.14 22:49| 
 |
Rispondi al commento

@ della rosa franco

tanta ignoranza in una persona sola è disarmante, spero che siate in un gruppetto a scrivere, almeno si divide.

ma dove cavolo ti informi su topolino..... ah già dimenticavo, bisogna sempre dare una mano agli amici... la tirreno power di Savona del vostro caro amico svizzero invece, operava nel pieno rispetto delle norme ambientali, vallo a dire alle famiglie di quelle 400 persone.

SCIACALLI

Dave F Commentatore certificato 15.06.14 22:45| 
 |
Rispondi al commento

Oggi tutto è in movimento e l’energia del pensiero di una significativa parte della collettività italiana e di altri popoli di molti altri stati europei si unisce in una sorta d’inconscio collettivo come avvenne agli albori del secondo conflitto mondiale. A complicare il quadro planetario v'è l'interesse corporativo di potentati che bramano ai loro programmi di arricchimento rapido e sicuro. Il Pianeta Terra segue la legge di natura e non s'arresta difronte alle folli decisioni dei vari potentati energetici.
Tanto si verificò palesemente già alla fine degli anni 70 come si può constatare da questi appunti leggibili al link:
http://www.tenci.it/media/flipbook/lachiusuracosmica/#p=100

Pier Luigi Tenci, Torino Commentatore certificato 15.06.14 22:36| 
 |
Rispondi al commento

Il fotovoltaico è un buon inizio per abbattere le immissioni di sostanze dannose in atmosfera ma è la soluzione? Chiedo questo perché i pannelli vengono realizzati in Coltan, una sabbia nera estratta da bambini in Congo la stessa che serve per realizzare i nostri cellulari, computer e quella che noi mammiferi occidentali chiamiamo tecnologia. Penso che per avere un mondo più sostenibile dovremmo realizzare il motore ad idrogeno di Stanley Meyers o il motore elettro-magnetico la bobina di Tesla. Creare un'enorme quantità di energia dal niente è possibile. Se non ci credete venite a chiederlo agli ingegneri di meccatronica che escono dall' università di Modena-Reggio, sono più di 10 anni che studiano queste soluzioni ma si trovano sempre delle scuse per non metterle in pratica. Basta dovrebbe essere la politica ad occuparsene e vorrei che a farlo fosse il M5S, per non fare la fine di Stanley Meyers (scomparso in maniera misteriosa) o Tesla (preso poco sul serio). Il problema è più grave di quanto ci raccontano perché abbiamo smesso di volere bene al nostro pianeta.

Marco Bigi 15.06.14 21:41| 
 |
Rispondi al commento

IL FOTOVOLTAICO STA PRODUCENDO I PIU GROSSI DANNI ALL'AMBIENTE RISPETTO A TANTE ALTRE FORME DI MANOMISSIONE DELL'INTERO TERRITORIO!!!
VA TOLTO AI PRIVATI E CONCENTRATO NEL PUBBLICO IN AREE AD ALTO RENDIMENTO E BASSO IMPATTO AMBIENTALE !!!
BASTA CON I TERRENI E LE CASE COPERTE DA QUESTI ORRIBILI PANNELLI E TUTTO QUESTO FRAZIONAMENTO DISPENDIOSO E RIDICOLO !!!
UN IMPIANTO PUBBLICO PUO' ESSERE ANCHE DIVISO IN AZIONI OFFERTE AI PRIVATI CHE VOGLIONO INVESTIRE IN ENERGIA RINNOVABILE, ECC. !!!
É UNA VERGOGNA QUELLO CHE SI STA FACENDO IN ITALIA !!!

Della Rosa Franco 15.06.14 21:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Come fai a fidarti del sistema Italia? Fanno un contratto con i cittadini e non lo rispettano. Ma pazienza per i piccoli produttori italiani( pure io ho due impianti di 13,8 e di 19 KW), noi italiani siamo dei pecoroni e sopportiamo tutto. Il brutto è che molti impianti fotovoltaici sono di proprietà di gruppi di investimento stranieri, ciò significa che, fregati con queste leggi, non porteranno più una lira in Italia per fare investimenti visto come sono di parola i nostri governi. Danno su danno. Invece di recuperare i soldi dalla corruzione ripuliscono le nostre tasche eppure molti li hanno ancora votati. No comment

luigi ercolini, civita castellana Commentatore certificato 15.06.14 21:20| 
 |
Rispondi al commento

Con tutti i mezzi boicottare qualsiasi lobby legata ai prodotti del fossile in modo da liberarci al più presto sia dalla dipendenza che dalle TASSE che sono legate alla benzina e agli altri prodotti petroliferi. L'attuale Governo deve modificare la mentalità a 360° in modo da, abbassando i costi della politica in maniera profonda e efficace tagliando gli sprechi, gli stipendi, le pensioni, le liquidazioni trovare altre fonti di entrate. Azzerando il lavoro in nero, far pagare le tasse a chi non le paga, controllare le attività commerciali e produttive gestite in maniera illecita, tassare chi espatria denaro lavorando in Italia, far pagare le tasse alle lobby delle slot machine. Tutto per salvare il territorio e la salute di tutti.

Renzo Grillo 15.06.14 21:15| 
 |
Rispondi al commento

... prosegue e conclude...

Fatte tutte queste premesse, che ripeto sono solo sommarie in quanto molto occorrerebbe aggiungere,prendetevi la briga di trovare la superficie coperta dagli insediamenti industriali e se volete anche dalle abitazioni. Considerate di utilizzare solo le esposizioni verso sud dividendo tale superficie per 4 (punti cardinali) dividete ancora per 10 in modo da essere ancora più cautelativi e scoprirete che:

con meno di 2000kmq di pannelli si ottiene quanto sopra
(cioè una superficie di 50km x 40 km di lato) pari a circa 1,5% della superficie totale.

Che dire...

Rimane il problema della notte...

In Italia i consumi elettrici notturni sono circa la metà di quelli diurni e le attuali centrali sono più che sufficienti per garantire il fabbisogno, al punto che diversi impianti sono 'fermi'. Ciò e' tanto più vero nella stagione estiva.

Bruno Gatti 15.06.14 20:15| 
 |
Rispondi al commento

Sul sito del GSE (Gestore Servizi Energetici) ho trovato la statistica di utilizzo delle fonti rinnovabili dell'anno 2011 che indica l'apporto delle stesse al fabbisogno elettrico nazionale per poco meno del 25% (strano che non siano disponibili dati più aggiornati).

Le rinnovabili non sono solo fotovoltaico, ma indicare nel 20% della superficie italiana la superficie necessaria per far fronte alle necessità italiane mi pare francamente eccessivo.

Poiche' non mi piacciano affermazioni non verificate, mi sono tolto la briga di effettuare dei semplici ed approssimativi calcoli, utilizzando quanto disponibile in letteratura. Dal sito PVGIS sono disponibili le tabelle che indicano la resa in kwh per metro quadro dei pannelli fotovoltaici (monocristallini, amorfo, ecc.).

Le indicazioni tengono conto di molteplici fattori quali inclinazione, posizionamento, orientamento cc..
Prudenzialmente ho utilizzato i valori minimi indicati per gli impianti fissi ubicati in pianura padana.
Un impianto da 5kwp installato su un tetto (con inclinazione non ottimale 15 gradi) fornisce circa 5500 kwh/annui, tale impianto occupa circa 32 metri quadrati.

Dal sito di Terna (ente distributore energia elettrica) ho ritrovato il dato relativo all'anno 2012 pari a 328.219,8 Gwh. Riporto il link ove recuperare anche altre utili informazioni:
http://www.terna.it/LinkClick.aspx?fileticket=gpQ6Uw0zSkw%3d&tabid=464&mid=2497.

Ricordiamo tutti che la superficie italiana e' di circa 301.000kmq e che ogni kilometro quadrato e' pari ad un milione di metri quadri da cui se ne deriva l'utilizzo se dovessimo veramente ottenere tutta l'energia elettrica dal fotovoltaico.

Mi direte si ma l'Italia e' composta da montagne, fiumi, campi (che non devono essere coperti) ecc…Inoltre durante la notte gli impianti fotovoltaici non producono, tutto corretto.

... continua ...

Bruno Gatti 15.06.14 20:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io credo nelle rinnovabili e non nel fossile, ma non mi sembra sia vero il fatto che le rinnovabili in questo momento producono il 60/70%dell'energia elettrica italiana, se arriviamo al 10/20% è già una buona cosa, d'altronde siamo già a conoscenza che questo governo da una parte da, e da due toglie, come si dice, il cetriolo prima o poi sempre in c.... all'ortolano finisce no?

Giovanni Frisina 15.06.14 20:06| 
 |
Rispondi al commento

Se è una tattica ok, ma se fosse un calarsi le brache proprio non lo capirei..

massimo vernier, villorba Commentatore certificato 15.06.14 19:28| 
 |
Rispondi al commento

LE RINNOVABILI SONO UNA STRAORDINARIA OPPORTUNITA' DI SVILUPPO PER TUTTO IL SUD ITALIA E LE ISOLE SPECIALMENTE PER IL MINI EOLICO AD ASSE VERTICALE (RESA DEL 90% PIU' ALTA DI QUELLO AD ASSE ORIZZONTALE) E FOTOVOLTAICO A TORRE DI ARCHIMEDE (O MEGLIO DEL PREMIO NOBEL PER LA FISICA CARLO RUBBIA CHE DA QUANDO L' HA INVENTATA E' STATO CANCELLATO DA TUTTE LE RETI TELEVISIVE).... SE ANDATE A COPENAGHEN VEDETE UN BELLISSIMO PARCO EOLICO IN MARE A CIRCA 10 KM DALLA CITTA'.... OVVIAMNTE NOI ITALIANI AFFOSSEREMO TOTALMENTE L' EOLICO E IL SOLARE A TORRE PER FAVORIRE IL SOTTOSVILUPPO DEL SUD E LE MAFIE DEL SUD E DEL NORD MA SOPRATUTTO PER FAVORIRE LA MASSONERIA

Luigi P. Commentatore certificato 15.06.14 19:28| 
 |
Rispondi al commento

Oltre agli svarioni sulle percentuali messi in evidenza da qualche altro post,giova ricordare sempre che ognuno porta l'acqua al suo molino.
Qualcuno di questi ecologisti sarà pure nadato da qualche politico a far inserire la norma,ad esempio,che se vuoi i punti per entrare in classifica dei vari PSR devi mettere giù,o su,il foovoltaico.Qualcuno di questi no-lobby del fossile,sarà andato a dire (dare,fare,baciare,
lettera e testamento)che occorre finanziare gli impianti a biogas(ergo bruciamo il mais nostro e importiamo mais OGM),qualcuno di questi "energia pulita" sarà andato da qualcuno a buttare giù pale eoliche in vari posti,ex-bellissimi d'Italia,e poi si scopre che non funzionano e che sono state messe giù solo per i contributi e pure da imprese a partecipazione pubblica.
Ma quanti Mose per la salvaguardia dovremo ancora ingurgitare ?

franco selmin, montegrotto terme Commentatore certificato 15.06.14 18:34| 
 |
Rispondi al commento

Ma perchè non si impedisce di commentare ai non iscritti? Non ci sono abbastanza provocatori su Tzè Tzè? Almeno qua, fateci respirare!

Daniele B., Tarcento Commentatore certificato 15.06.14 17:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io penso che, i rinnovabili non li vuole nessun governo, non tanto per non inquinare, ma per un discorso piu' profondo,
Questo e dato da, NUOVO ORDINE MONDIALE, nessun essere su questa terra puo' tenere qualcosa che potrebbe guadagnare, in quanto noi tutti saremo loro schiavi, vedi privatizzazione acqua potabile, vedi tutte le aziende che chiudono, voi direte c'e' crisi, certo la crisi e inventata e se le aziende chiudone non ne ne frega a nessuno, perche aprono grossi centri commerciali e i grossi centri commerciali sono controllati da loro e ci daranno il cibo che interessa a loro, carne avariata rigenerata, vino con tanti prodotti chimici all'interno, mozzarelle di plastica e cosi' via, fateci caso l' agricoltura l' anno distrutta, il contadino non puo' fare nulla se non e' controllato, le galline non si possono piu' tenere, perche' esistono le grosse distribuzioni che le fanno diventare adulte in 20 giorni piene di antibiotici e cosi via, NON FINIREI MAI DI DIRVI ALTRE COSE, noi stiamo contribuendo lentamente ai loro PIANI,
BEPPE LO SA E INIZIA CON METTNERE INSIEME I CITTADINI E NON SEPARARLI, QUESTO E IL LORO GIOCO SEPARARE LE MASSE, CON POLITICA,SPORT E VIA.
#vinciamopoi NESSUNO FARA' MAI IL VOSTRO INTERESSE,
SOLO IL M5* A CAPITO

antonio b., nibionno Commentatore certificato 15.06.14 17:18| 
 |
Rispondi al commento

salve sono del settore rinnovabili.
Manca il pilastro centrale e cioe' la legge che impedisce di costruire in modo energivoro .
Le dimore dovranno in futuro essere riciclabili e intercambili oltre che trasportabili.
Nessuno deve costruire in modo energivoro a partire da domani mattina e quindi stop alle licenze edilizie tradizionali che non prevedono l'energia al centro .
comunque un bell'articolo

prince

giò b., bergamo Commentatore certificato 15.06.14 16:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'ennesimo colpo di frusta alle aziende italiane che aspettano i soldi che questo governo promise di saldare a lavori ultimati,così facendo toglie doppiamente a quelle aziende che investendo nel fotovoltaico avrebbero potuto magari risparmiare euro per assunzioni!!!!!!!!!!!!!.Ma come al solito promesse tante e fatti zero!!!!!!!!!!!!!,ma gli stipendi vostri non sono sprechi è?.

gianfranco r., castel rozzone Commentatore certificato 15.06.14 16:32| 
 |
Rispondi al commento

GRAZIE A GIORGIO GARRULLO PER AVERCI AVVISATO DELLL'ENNNESIMO "SCEMPIO" DEL GOVERNO RENZI

alvise fossa 15.06.14 16:17| 
 |
Rispondi al commento

Sig Grillo Beppe lei dovrebbe dimettersi per il semplice motivo che le sue intenzioni hanno fallito (chiamarle politica e' gia' tanto) perche' gli italiani hanno dimostrato
piena maturita' nel distinguere ladri e onesti
votando lo stesso il pd mentre lei invece ne
voleva approfittare per trovare una scusa
per salire al potere mandando su quattro
novellini onesti ma incompetenti divenendone poi lider
incontrastato, cosa che non e' avvenuta per fortuna.

Con il voto gli italiani inoltre hanno chiarito che non
amano i contestatori di qualsiasi cosa essa sia, perche'
agli italiani non piace chi invece di governare (potendolo fare) se ne sottrae con la scusa di essere in contrasto ma
con in realta' il pensiero di tutti gli italiani la paura di non saperlo fare e di fare brutta figura col confronto

Adami

Antonio Adami 15.06.14 16:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E allora? Tanto si vota diversamente, i nostri europarlamentari avranno libertà di scelta: http://www.ukipworcester.org.uk/userfiles/downloads/sys/UKIP-Energy-Policy.pdf

andrea d'ambra 15.06.14 15:36| 
 |
Rispondi al commento

Lo hanno già fatto, attraverso il Decreto Legge numero 145 art. 1 comma 2 del 23 dic. 2013. Praticamente con un giro di parole hanno parificato il PREZZO MINIMO GARANTITO (PMG) al PREZZO ZONALE ORARIO (PZO). Io sono agricoltore e posseggo un piccolo impianto fotovoltaico (17 kw)sul tetto della mia fattoria. Con questo scherzetto mi tolgono circa 100 euro al mese sul prezzo dell' energia prodotta! Da 0,09 euro kw a 0,038!!! Prima firmano un contratto e poi lo cambiano. La prossima volta non mi fiderò più! Se avete intenzione di installare un impianto fotovoltaico ...pensateci bene!!! Questi a fottere le persone sono maestri. Ciao a tutti

annibale 51 15.06.14 15:33| 
 |
Rispondi al commento

Punto 2 dell'"European manifesto" dell UKIP:
Reducing Fuel Poverty:
• Outside the EU, we can abolish EU
laws that add hundreds of pounds to
household energy bills. EU rules keep
energy bills high by forcing taxpayers’
money into wasteful wind turbines and
solar arrays.

Luca P. 15.06.14 15:31| 
 |
Rispondi al commento

Rispondo al post di exmagno in quanto ricoprire il 20% dell'italia di moduli fotovoltaici ovvero un'area estesa quanto toscana, Umbria, lazio è in grado di coprire l'intero fabbisogno di energia mondiale in termini assoluti (elettrica+termica) si avete capito bene è sufficiente fare due conti da ragioniere per dimostrarlo!!!!!!!
Ovviamente di giorno se ne produce di più del fabbisogno che compensa la non produzione in assenza di sole e qui viene il bello ovvero la seconda gamba delle rinnovabili sono gli accumuli sia elettrici che termici che chissà perché i poteri forti hanno deciso ancora di non incentivare...o dirottare fondi di ricerca...... chissà perché forse perché avrebbe definitivamente risolto il problema dell'energia. ....ma questa è un'altra storia.
Nel frattempo dobbiamo intraprendere una lotta sebza quartiere per far valere i nostri diritti di democrazia energetica e dei nostri figli. ...
Un caro saluto a tutti.
Ing Alessio Iannascoli

Ps: per l'Italia è sufficiente solo lo 0, 4% del territorio ricoprto di moduli ovvero i tetti senzaa intaccare i nostri campi come la speculazione di leggi fatte dalle lobbies ha invece pernesso


D'accordo sulle rinnovabili, ma diamo un nome a chi versa gli incentivi di qualsiasi genere o per qualsiasi cosa, quando a PAGARLI SONO LE FAMIGLIE PIU POVERE A FAVORE DI CHI QUALCOSA DA SPENDERE C'è L'HA , fatico a capire chi o cosa stia aiutando.
Diamo chiarezza a tutti!!

Gino 15.06.14 14:39| 
 |
Rispondi al commento

Diciamolo chiaramente: gli incentivi al fotovoltaico erano troppo alti (in teoria chi installava pannelli si doveva riprendere tutti i soldi spesi e pure guadagnarci sopra parecchio).
Ma lo stato ha promesso e ora intende non mantenere la promessa così chi ha fatto il mutuo per installare il fotovoltaico adesso si ritrova a non aver fatto una scelta conveniente:
le promesse di parecchi incentivi spalmate su molti anni (invece di sconti subito) servivano ad avere immediatamente (a debito per la collettività) quella produzione rinnovabile che ci chiedeva l'Europa (e la Germania che produceva pannelli).
"Passata la festa gabbato lo santo" e ora le promesse vengono rimangiate.
Fidarsi dello stato non è economicamente corretto.
E dal mio punto di vista il problema rimane l'accumulo di energia e in alcuni casi la distribuzione, non la produzionei cui costi col fotovoltaico continuano a scendere.

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 15.06.14 14:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tutto vero...basta riguardare presa diretta (anno 2012) https://www.youtube.com/watch?v=tGEjNBSLbOw

Che triste paese...di mafiosi e di ignoranti....!!

Paolo C. Commentatore certificato 15.06.14 14:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La politica è ostaggio delle lobbies che pagano i nostri politici per fare i loro interessi. I peggiori, più corrotti e schifosi comandano e la gente per bene subisce.Non importa quanti mari sono stati inquinati, quanta aria ci rimane da respirare, quanti pesci sopravviveranno, quanti morti per il petrolio e per il nucleare. Il buseniness deve andare avanti ed il popolo non conta un cazzo. La casta, le lobbies che sfruttano i paesi ricchi e poveri impoverendo tutti. La chiesa e gli enti umanitari felici di avere più miseria e quindi più business perché per le lobbies del sociale la miseria è ricchezza ( il PD e la Chiesa insegnano ). E' giunto il momento di toglierci la benda e vedere la realtà per quella che è e quindi lottare per i nostri figli, le future generazioni, per un mondo migliore, giusto, umano dove i meriti vengano riconosciuti e non ci sia posto per clientelismo, nepotismo, corruzione, raccomandazione. Dove la parola democrazia abbia un senso e non sia una parola vuota.

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 15.06.14 14:24| 
 |
Rispondi al commento

io ho installato 3 kw l'anno scorso con il 5 conto energia,grazie al ex ministro clinex(quello che ha permesso all'ilva di continuare a inquinare devo pure pagare tasse su quel misero incentivo di 20 cent.per kw immesso in rete.
in germania il fotovoltaico stà dando lavoro a migliaia di persone.

giorgio p., san vittore olona Commentatore certificato 15.06.14 14:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

PER COPRIRE IL FABBISOGNO DI ENERGIA ELETTRICA CON IL FOTOVOLTAICO SI DOVREBBE RICOPRIRE ALMENO IL 20% DEL TERRITORIO ITALIANO (coprire letteralmente).
PANNELLI SEMPRE PULITI.
MAI NEVE.
MAI NUVOLE.
SENZA DIMENTICARSI CHE C'E' LA NOTTE.
W IL FOTOVOLTAICO MA I NUMERI DEVONO ESSERE DATI IN MODO CORRETTO.

exalè exmagno, alto Commentatore certificato 15.06.14 13:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tutto quanto vero.
Tutto quanto esposto con una chiarezza ed una pacatezza disarmante.

Tanto di cappello a questo signore mentre reputo che la nostra classe politica dirigente dovrebbe essere processata per alto tradimento.

Stanno tradendo il popolo, uccidendo gli spiriti, svendendoci a lobby e speculatori.

Devono assolutamente essere processati, l'impunitá li sta portando a compiere le peggior cose.
Sono servi, incompetenti e complici ... questo nella migliore delle ipotesi.

Non si devono vergognare, devono eclissarsi, sparire, dissolversi.
... ed un popolo, un popolo eccezionale, tornerá a vivere ... e sorridere.
Grazie ingegnere, questa intervista meriterebbe la copertina dei telegiornali, ... invece , ai TG, fa piu notizia la gastrite di dudu!

federico bacci, torino Commentatore certificato 15.06.14 13:44| 
 |
Rispondi al commento


Avrà pure ragione, ma per Dio che confusione, parla di questo e quello e alla fine non si capisce di che cosa parli, "degli incentivi"?
Invece di rubare terreni e verde, all'Itaglia, pensino per davvero alla "democratizzazione dell'energia", sull'argomento l'"imprenditore" è decisamente vago, non è che se ogni villetta, palazzina producesse fotovoltaico, il suo margine crollerebbe ad un misero 1% o meno? Un piagnisteo degno dei soliti italioti, furbetti e farabutti! E' ovvio che si dovranno incentivare fino al raggiungimento del 100% di energia elettrica attraverso le rinnovabili, ma prima vediamo di "democratizzare" estendendo e dando l'opportunità veramente a tutti per davvero di diventare produttori, e non come al solito a quelle 4/5 famiglie di merda italiote che si accaparrano tutto, grazie pure agli "incentivi", ma vaffanculo...

Jan Niedzielski, Gallarate Commentatore certificato 15.06.14 13:37| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei, da parte dell'estensore del post o da un tecnico, la conferma su quel 60/70%.

exalè exmagno, alto Commentatore certificato 15.06.14 13:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grazie ai verdi che amano la natura, come la multa di 2 MILIARDI e rotti che abbiamo pagato per la produzione di energia inquietante (trattato di Kyoto) alla comunità europea.

Forza M5S.

Luciano R., Abbiategrasso Commentatore certificato 15.06.14 13:19| 
 |
Rispondi al commento

Hanno creato un impero sulla morte, quotata in borsa.
Il fotovoltaico, l'eolico, l'idorelettrico, il geotermico, i soffioni boraciferi, le onde del mare, l'idrogeno...

Sono tutte fonti che potrebbero essere sfruttate, il problema sono i potenti azonisti, che controllano ogni fonte di informazione governativa e che tengono nell'oscurità le menti meno indipendenti.

Se la gente, di colpo, sapesse tutto, vedresti che rivolte.

Vero Vero 15.06.14 12:58| 
 |
Rispondi al commento

Gli onesti dimostrino di avere coraggio!
In qualsiasi partito militino, la loro onestà la rendano operativa.
Da qualche parte, nella Bibbia, ho letto che qualcuno ha affidato a tre persone distinte, una certa quantità di monete.
Una di queste persone, per custodirle bene, le ha sotterrate. Qualcun'altro le ha fatte fruttare.
I Cattolici italiani onesti che fanno? Preferiscono sotterrare la propria onestà?
Se non è così si adoperino a sostenere tutto ciò che serve a far avanzare la civiltà e un'economia rispettosa dell'uomo e del Creato!

pietro denisi, reggio cal. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 15.06.14 12:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://www.google.it/url?sa=t&source=web&cd=3&ved=0CCoQtwIwAg&url=http%3A%2F%2Fm.youtube.com%2Fwatch%3Fv%3Dv7JdNazLsRA&rct=j&q=renzi%20con%20la%20tegola%20fotovoltaico&ei=mnWdU9u8La-v7Aba5YH4Bg&usg=AFQjCNHjrMAN_TIKaVgl45vTbbSKRkfm5g&bvm=bv.68911936,d.ZGU

Giuseppe Razzanelli, firenze Commentatore certificato 15.06.14 12:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Hai detto bene , gli interessi di qualcuno sono prioritari rispetto al bene comune . Ne abbiamo decine di esempi tutti i giorni , ma cosi´ non so quanto lontano si possa andare... Bisognerebbe scendere in piazza a protestare per dare visibilita´ a questa ed altre cose , ma ormai non lo fa piu´ nessuno anche perché col controllo dell´ informazione ogni tipo di dissenso e´ depotenziato fino a farlo scomparire , senza spargimenti di sangue , che farebbero notizia .

alessandro diana 15.06.14 12:36| 
 |
Rispondi al commento

"un buon 60/70% dell'energia italiana che stiamo consumando è prodotta dal fotovoltaico".
La frase è tratta dal post.
Non vorrei sbagliarmi. Forse intendi il 6/7% ? (o molto meno)
Mi risulta, ma io sono solo un elettricista, che per sopperire all'energia elettrica italiana si dovrebbe ricoprire il 30% dell'Italia con pannelli fotovoltaici. Però con sole allo zenit.
Mi sbaglio di così tanto?

exalè exmagno, alto Commentatore certificato 15.06.14 12:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Facciamo una colletta per mettere dei pali eolici davanti casa dei traditori

Luca 15.06.14 12:25| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori