Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Le parole del Dalai Lama in Italia

  • 112


dalai_lama_immigrazione.jpg

"Se si chiamano rifugiati vuol dire che fuggono da qualcosa ma il buon cuore per accoglierli non basta e bisogna avere il coraggio di dire quando sono troppi e di intervenire nei loro Paesi per costruire lì una società migliore". Lo ha detto a Pomaia il Dalai Lama rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano un commento sull’emergenza migranti nel Mediterraneo. "Non è possibile pensare - ha aggiunto - che sia sufficiente l’accoglienza a risolvere il problema. Gli italiani, e i siciliani soprattutto, stanno dimostrando un gran cuore ma per risolvere il problema dei profughi è necessario intervenire in quei Paesi, impegnarsi per superare le guerre, spesso a sfondo religioso, che provocano gli esodi e superare anche il grande divario tra ricchi e poveri per costruire una società migliore. Serve quindi un pensiero a lunga scadenza per ottenere un risultato davvero efficace". L’importante è non assuefarsi, ma denunciare "La corruzione non è presente solo in Italia ma purtroppo c’è anche in molte altre parti del mondo, l’importante è non assuefarsi ad essa e denunciarla, soprattutto da parte dei mass media". Ha detto poi il Dalai Lama commentando i recenti scandali italiani. "Nel mondo siamo 7 miliardi di fratelli e sorelle e ciascuno deve aiutare l’altro per raggiungere il benessere qualunque sia la religione o la nazione di appartenenza ma siccome i problemi dell’umanità sono creati dagli uomini non ho molta fiducia nelle vecchie generazioni, ma nei giovani che sono nati nel ventunesimo secolo e che ragionano senza i vecchi schemi". da gonews.it

14 Giu 2014, 09:58 | Scrivi | Commenti (112) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 112


Tags: Dalai Lama, guerre, immigrati, immigrazione, Italia, rifugiati, società

Commenti

 

Purtroppo tante guerre sono provocate dagli occidentali, vedi l'Iraq con la scusa delle armi chimiche ricercate dagli USA per ben altri scopi, l'attacco alla Libia che sta tuttora provocando fughe da quel paese, la guerra in-civile in Siria che fa comodo a chi vuole destabilizzare il Medio Oriente. A rimetterci siamo noi italiani, dato che il nostro territorio è una immensa portaerei nel Mar Mediterraneo, e così facendo le super potenze/corporations prendono tanti piccioni con una fava: guadagnano vendendo armi; destabilizzano un territorio ed una società, italiani, che hanno già deciso di spolpare; dividono gli altri popoli creando odi e terrore, distogliendo l'attenzione da chi è il vero colpevole; impoveriscono quelli che sono già poveri, impedendogli di rialzare la testa per costruirsi una vita migliore. Insomma, in mezzo al caos le superpotenze/corporations vivono benissimo, per loro l'importante è prosciugare le risorse del pianeta senza essere disturbati.

Lisetta Sperindei 17.06.14 10:10| 
 |
Rispondi al commento

IO C'ERO DAL DALAI LAMA, E TU GRILLO? NON TI SEI NEANCHE FATTO 10 MINUTI DI AUTOSTRADA DALLA TUA MEGAVILLA DI MARINA DI BIBBONA PER VENIRE AD ASCOLTARLO A LIVORNO E POI? FACILE DISINFORMARE ESTRAPOLANDO FRASI DA DISCORSI CHE VANNO IN TUTT'ALTRA DIREZIONE! VERGOGNATI! (ammesso che tu sappia cos'è la vergogna: pare di no...)

IO ERO DAL DALAI LAMA E TU? 16.06.14 15:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ok, e dopo questa manipolazione di notizie... cosa distingue questo blog da quelli che chiamate "giornalai"?
E i commenti... noto che quasi tutta l'ala progressista del m5s ha mollato il colpo, salvo rarissimi casi il grosso dei commenti è di un reazionario da dar la nausea.
Moderatori di parte o l'm5s sta mostrando la sua faccia?
In ogni caso: addio.

Giancarlo Fontana Commentatore certificato 16.06.14 10:48| 
 |
Rispondi al commento

Grillo cerca di salvarsi in corner...prima vota per la legge sull'abolizione del reato di clandestinità che ci ha fatto invadere e ha provocato l'indignazione del blog....poi riporta l'opinione del dalai lama, come a dire, beh io la penso uguale.
Prima perde una valanga di voti, poi cerca l'appoggio di Farage per riacquistare elettorato.
Poi però ennesima rivolta web, gente di sinistra incazzata nera. E allora che si fa? proviamo a riconquistarla con l'accordo con renzi, fino a ieri un imbecille adesso un interlocutore..
Oltre a prenderci per il culo tutti, sul blog, gente di destra e sinistra che crede di votare, alla lunga è un movimento che potrebbe sciogliersi come neve al sole, perchè non è nè carne nè pesce e non fa contenti proprio nessuno.
Deve stare molto attento a quanto farà in europa, grillo, perchè stavolta la gente non sarà qua ad aspettare il guru.

Mario S. Commentatore certificato 16.06.14 10:33| 
 |
Rispondi al commento

Lo spiegava molto bene anche Giacinto Auriti (Come l'acqua per i pesci,immigrazione e moneta a debito): https://www.youtube.com/watch?v=MffbICb2-MI

Laura Danesi 16.06.14 08:17| 
 |
Rispondi al commento

Forse vi sfugge un particolare: lo stesso Dalai Lama è un rifugiato e accoglie a Dharamsala, in India, tutti i tibetani che scappano dal Tibet occupato dai cinesi.
Quello che il Dalai Lama vuole dire è proprio che "bisogna aiutarli a casa loro". E intende che bisogna aiutarli veramente. Quelli di destra (e ce ne sono molti che scrivono su questo Blog) dicono questa frase tanto per dire, ma bisognerebbe attuarla davvero. Vogliamo meno senegalesi? Cooperiamo con il Senegal, aiutiamoli a creare lì posti di lavoro. Vogliamo meno tunisini? Idem. Vogliamo meno eritrei? Facciamo pressione sul dittatore eritreo. Questo vuole dire il Dalai Lama.
Ci sono troppi tibetani in India? Facciamo pressione sulla Cina perché non perseguiti i tibetani. Questo vuole dire il Dalai Lama.


Belli i commenti, ma dite veramente che qualche anno fa il Dalai Lama non votava la sua Lega Tibetana?

carla g., Padova Commentatore certificato 15.06.14 16:59| 
 |
Rispondi al commento

E' da molto tempo che affermo queste cose, che non è possibile far entrare questa massa di persone nel nostro Paese, che non è in grado di dare loro un modo di vivere civile. In Italia già moltissimi italiani non hanno la possibilità di vivere in modo civile. Bisogna che gli Stati europei si impegnino per fare in modo che questa gente possa vivere nel proprio Paese.

angelo v., carrara Commentatore certificato 15.06.14 14:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

se accorto di avere fatto una Gaffe e se aggiustato verso il finale..
L'italia Ripudia La guerra,ed anche gli stati uniti..
l'italia spende diversi milioni di euro per costruire diversi aerei da guerre ed armi,gli stati uniti privatizzano l'esercito!
e quindi cosa succede?
che essendo che hai comprato delle armi,ed essendo che adesso hai un spa come esercito,il tuo scopo diventa quello di usare le armi che produci,e contro chi? non hai un nemico,e poi ripudi la guerra! e allora?
cambi la parola Guerra,in Missione!
quindi gli eserciti non sono impegnati nella guerra,ma in missione!! capite? e addirittura gli americani sono fieri di partecipare attivamente a queste missioni,perché giustamente una società deve produrre per guadagnare,deve produrre la pace ammazzando tutti e vendendo le armi a quelli che sopravvivono!
ma dietro agli emigranti cosa c'è esattamente?
Niente!
solo propagande,solo traffici illeciti,solo imbrogli,solo speculazioni di questi gruppi di spa,che sono coperture per cose bene peggiori,allora certe guerre,e certi disagi finiranno quando la gente smetterà di dare retta a certi farabutti e inizierà a dedicarsi a cose veramente concrete.

Domenico G., cardito Commentatore certificato 15.06.14 12:03| 
 |
Rispondi al commento

Oneste parole. D'altronde penso che sia giusto aiutare chi fugge dalla guerra e dalla miseria.
A noi fare in modo che non siano poi sfruttati (anche da noi!).
Ricordo che qualcuno ha detto:"è quasi inutile dargli ogni giorno pane e pesci da mangiare; sarebbe più utile insegnargli come ottenerli nel proprio paese.
Proposta: perchè, anzichè tenerli nei centri raccolta come prigionieri, non organizzare corsi di formazione per insegnargli i mestieri da svolgere nel loro paese e così dargli un futuro dignitoso?

carlo giardina 15.06.14 12:00| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi, il sant'uomo o ha ragione, o ha solo paura che gli invadiamo il Tibet......

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 15.06.14 11:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Bebbe . ..io e te dovremmo parlare . Probabilmente non mi prenderai nemmeno in considerazione ora . Ma credo che ci incontreremo . Magari vicino al Dalai Lama o a qualche Maestro . Buona giornata

Mariarita cala' 15.06.14 10:38| 
 |
Rispondi al commento

il problema è uno solo...
1-non esiste una politica estera europa;
2-l'onu ormai ha fallito i suoi obbiettivi;
questa è la mia opinione...
poi bisogna porci una domanda:...è legittimo interferire con le questioni politiche dei paesi dove ci sono anche guerre di carattere religioso o altro..?
la democrazia non si esporta con le armi..e questo l'abbiamo ormai costatato in 20 anni di guerre per la pace..inutili....d'accordo con il dalai lama..

napoleone ., Leghorn Commentatore certificato 15.06.14 08:57| 
 |
Rispondi al commento

Parole credibili perché il Dalai Lama e CREDIBILE, prima di essere il Dalai Lama non era un comico, gradisce molto sorridere mi auguro che Grillo lo abbia fatto divertire.

giuseppe berardinelli 15.06.14 00:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Con l'accoglienza i soliti noti ci campano e alla grande. Anche quello è un affare. Penso addirittura che i viaggi siano organizzati dall'Italia. Come fanno questi immigrati ad avere il denaro per pagarsi il viaggio?

airoldo airoldo Commentatore certificato 15.06.14 00:34| 
 |
Rispondi al commento

Tutte le religioni sono nate per soggiogare le menti degli uomini deboli , il vero cancro dell 'umanità.Poi chi muove veramente i fili del potere , chi detiene la stampa e il controllo del denaro con queste masse di pecore genuflesse ci va a nozze senza farsi il minimo scrupolo!
No alle religioni si allo spirito critico e all ' informazione libera!

andrea vianello (democrazia diretta), ca' savio Commentatore certificato 14.06.14 22:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


Grande Uomo.
...in Italia, era pentastellato ...ooOOOhhh come vedello.

Comunque chi pensa di risolvere il problema con le barriere ..non ha a mio avviso capito la portata e l'entità dell'evento ...sono troppi, affamati, disperati, sono in cerca di un futuro ..e hanno pure ragione. Occorre che la Politica esporti un po' meno "Democrazia" e un po' più cultura e rispetto.
Devastiamo il loro territorio per scopi nostri e poi pretendano che restino pure a casa.
Siamo veramente curiosi.

Marco67 B., Pisa Commentatore certificato 14.06.14 22:23| 
 |
Rispondi al commento

parole piu' realistiche di queste, difficile trovarle!! anche perche' visto la grandezza dell'africa e la piccolezza dell'italia, mica ci stanno in italia tutti gli africani!!!

Loris Nicoletti, Vicenza Commentatore certificato 14.06.14 21:39| 
 |
Rispondi al commento

La bestemmia della corruzione è travestita da fata turchina ma... chi fu la sarta che creò quella maschera? Chi scoprirà questo sarà un uomo libero e felice!
Ognuno di noi deve spegnere il frastuono esterno che lo pervade e domandarsi: tutto quanto è accaduto nei secoli e sta ancora accadendo sotto mentite spoglie, è soltanto il frutto di una visione schizofrenica collettiva o è proprio realtà?
Chi illumina la popolazione con l’informazione di verità fornisce il primo vero segno del cambiamento che sta avvenendo nel nostro Paese per il bene della comunità!

Pier Luigi Tenci, Torino Commentatore certificato 14.06.14 21:25| 
 |
Rispondi al commento

Ogni paese ha le sue croci.
Chi se ne va dal propio non ama il suo paese.
Per quanto sia marcio il mio io combatto per esso.
Ognuno al suo paese e poche SEGHE!!!
Ognuno al suo paese perche ci sono anche usanze diverse!
Se per esempio il mussulmano non vuole il crocifisso e lo vuole togliere in Italia,cristiana è gisto dire va al tuo paese.
Il fatto è che passi come razzista che invece è quello che lo vuol togliere a casa d altri!
Morale:
FUORI DAL CAZZO TUTTI QUESTI EXTRACOMUNITARI CHE INVADONO I NOSTI USI,COSTUMI,USANZE PRETENDENDO VOLENDO E PER DI PIU PAGATI DALLO STATO!

MI SONO ROTTO IL CAZZO!!

BEPPE SE CONTINUI A FAVOREGGIARE CHI TI INVADE LA PROSSIMA VOLTA VOTO LEGA SOLO PER QUESTO......MOLTI LO HANNO GIA FATTO!!!!

Robertino Venturi, faenza Commentatore certificato 14.06.14 20:43| 
 
  • Currently 4.2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 11)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Verita'

Piera D'Ambrogio, Catanzaro Commentatore certificato 14.06.14 20:42| 
 |
Rispondi al commento

Vi invito a guardare il problema della immigazione da due punti di vista.
1.- Migliaia di italiani continuano ad emigrare all'estero in cerca di lavoro che da noi c'è.
2.- Gli Stati da cui provengono i migranti sono oggetto di destabilizzazione da parte dell'occidente e della Nato.
3.- Che quindi anche l'Italia e l'Europa vi hanno contribuito, come la Cina ed altri ancora.
Stefano Antuofermo,Rutigliano.

STEFANO A. Commentatore certificato 14.06.14 19:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


LA RELIGIONE DI OGGI E DI SEMPRE
E'IL POTERE E IL DANARO -
OGNI RELIGIONE HA REGOLE E TI ESIME DALLA COSCIENZA CHE HA GIA' LE SUE -
LA PRIMA RELIGIONE E' STATA IN EDEM COPRENDO CON UNA FOGLIA DI FICO LA NUDITA' DAVANTI ALLA VERITA' -
E' UN CONCETTO DI COSCIENZA NON DI RELIGIONE -
O MANGI VITA O MANGI CONOSCENZA CHE EQUIVALE A RELIGIONE REGOLE POTERE DANARO E DETENZIONE DELLA VERITA'-
TUTTO PUO' ANCHE ESSERE COM'E' OGGI MA TUTTO AVREBBE UN' ALTRA FORMA -
E SOPRATUTTO LA NOSTRA AUTODISTRUZIONE O CORRUZIONE SAREBBE PULITA NEL NOSTRO MODO DI VIVERE E DI CREARE -
ANCHE LUCIFERO AMBIVA A CREARE E CI RIUSCI STABILENDOSI IN TERRA - AZZ SE NON C'E' -

ope 14.06.14 19:08| 
 |
Rispondi al commento

si parla di religioni e non di interessi. E' la radice della disinformazione. Le religioni sono utilizzate dal potere di tutto il mondo per persuadere i popoli, influenzarne le opinioni e forzarli nelle proprie scelte.

Un Meccanismo che funziona egregiamente, in special modo nelle aree disadattate, li' dove l'alzare gli occhi verso il cielo e' la sola speranza che hanno quei popoli, coatti nella loro miseria proprio dalla strumentalizzazione di quelle stesse religioni verso cui appellano le proprie speranze.

I gestori di questo strumento di persuasione non hanno molto a che vedere con le religioni in se ed agiscono per interessi personali, economici e di potere, contravvenendo ai loro stessi credo.

L'occidente ha un interesse preciso nel mantenere questo stato di cose. Oltre ad essere fonte di manodopera a basso costo, territorio da sfruttare logisticamente e mercato in cui vendere armamenti, sarebbe controproducente per l'occidente favorire lo sviluppo di queste aree che potrebbero diventare, successivamente, dei forti concorrenti sul mercato internazionale, in special modo in quanto esse sono ricchissime di risorse geologiche, minerarie e di forza di lavoro.

Questo non cambiera' mai, o almeno fino a quando non avverranno le stesse rivoluzioni interne, culturali e di conflitto, che hanno, in seguito, causato la crescita in Europa e nell'occidente in generale.

Ci vorra' molto tempo affinche' cio' avvenga, e l'occidente fara' del suo meglio per ritardare questa evoluzione, sfruttare la situazione nel frattempo e, in fine, nell'eventualita' in cui cio' avvenisse, consolidare quella rete di interessi che ha maturato negli anni e di cui ormai avra' il controllo.

Il potere amministra il mondo sotto forma di numeri in un consiglio di amministrazione, mai sul piano umano. Un principio che non va dimenticato.

Inca Tsato 14.06.14 19:03| 
 |
Rispondi al commento

quest'anno sulla dichiarazione dei redditi c'è la novità della nuova casella in cui destinare l'8 per mille e tra le altre fedi anche l'unione buddisti italiani.
sono stata molto contenta della novità e di aver firmato nella loro casella.
è stata una grande esperienza, come cristiana, aver conosciuto la meditazione buddista (vipassana) che mi migliora come essere umano.
che tutti gli esseri siano felici in pace e liberati da ogni avversione, avidità e ignoranza.

loretta pasquini, senigallia Commentatore certificato 14.06.14 18:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

-------------------------------------------------
Per costruire una società migliore nel loro paese bisogna prima costruire una società migliore in occidente. Non possiamo essere così stupidi da pensare che non sia così, li bombardiamo, gli rubiamo le loro risorse e le loro terre, poi quando sono costretti ad abbandonare le loro case diciamo che non c'è posto da noi? Come minimo dobbiamo ciucciarceli tutti per amore del giusto. Che queste mie parole non facciano presa nell'opinione pubblica e che quindi non fanno voti ma anzi ne fanno perdere, non vuol dire però che debba essere negata l'evidenza. Forse ad essere troppi, e anche cinici, maleducati, egoisti e ciechi siamo noi occidentali. Che sia il Dalai Lama, il Papa o Gesù Cristo ad aver detto ciò che è scritto nel post non mi interessa, ormai viviamo in un mondo troppo piccolo, troppe formiche nel formicaio, e stiamo iniziando una guerra al poveraccio, da ricacciare al suo posto perchè da noi non ci stiamo neanche noi, da voi invece, giù in Africa dove c'è la povertà e tanto spazio non li non andiamo ad abitarci, però siamo molto felici di darvi fabbriche che inquinano dove voi poveracci potete essere sfruttati per la causa del benessere occidentale. Volete il bene di chi va via dal loro paese? allora mandate via gli eserciti di militari e di affaristi Americani,Europei, Russi,Cinesi dalle loro terre, e vedrete che non avranno più interesse di abbandonare le loro case e di venir a vivere qui da noi.

Giorgio Fiandrino , Buriasco Commentatore certificato 14.06.14 18:20| 
 |
Rispondi al commento

Chi non vuole che termini questo esodo dai paesi africani verso l'Italia e poi nell'Europa?:

Ho sempre pensato che per interrompere questo fuggi,fuggi,perche costretti dalle situazioni terrificanti nei loro paesi,tutti scapperebbero,anche io se non ho un presente e un futuro dignitoso nel mio paese,per me e i miei famigliari,quindi le colpe le hanno tutti,l'Europa compreso l'America,se volessero questi due soggetti in quattro e quattrotto con dei bliz militari, soccomberebbero quei governi che in quei paesi fanno patire questa povera gente,li fanno morire di fame e non solo,dove hanno loro tolto qualsiasi possibilità di vivere in pace,come dicevo tolto di mezzo questi governanti farabutti che si mangiano tutto il prodotto che quel paese produce senza dare nulla al popolo e poi aiutarli a far nascere un governo democratico facendo ripartire la produzione interna e dividerla con tutta la gente di quello stato, Ma questo non si fà,perche non conviene a qualcuno......ma ormai lo abbiamo capito,anche il Dalai Lama lo dice cosa fare,ma tutti pregano compreso il Papa,ma nessuno fà niente.....

SE IO VIVO DEGNAMENTE NEL MIO PAESE,PERCHE SCAPPARE ?......

franco p. Commentatore certificato 14.06.14 18:16| 
 |
Rispondi al commento

E i nostri pseudogovernanti non lo incontrano ufficialmente per paura delle reazioni cinesi...solo questo dovrebbe bastare per ripudiare sta gentaglia!

Silvio ., Bolzano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 14.06.14 18:09| 
 |
Rispondi al commento

Per costruire una società migliore nel loro paese bisogna prima costruire una società migliore in occidente. Non possiamo essere così stupidi da pensare che non sia così, li bombardiamo, gli rubiamo le loro risorse e le loro terre, poi quando se ne vanno diciamo che non c'è posto da noi? Come minimo dobbiamo ciucciarceli tutti. Che queste mie parole non facciano presa nell'opinione pubblica e che quindi non fanno voti ma anzi ne fanno perdere, non vuol dire però che debba essere negata l'evidenza. Forse ad essere troppi, e anche cinici, maleducati, egoisti e ciechi siamo noi occidentali.

Giorgio Fiandrino , Buriasco Commentatore certificato 14.06.14 18:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Anche il Dalai Lama vota M5S?

Luciano Bosi, Roma Commentatore certificato 14.06.14 17:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

il problema mondiale è che l'industrializzazione non è più sostenibile e che le macchine hanno sostituito l'uomo. Quindi abbiamo da una parte un occidente che è tutto automazione, efficienza e sempre meno risorse umane, dall'altra un insieme di paesi poveri che chiedono oggi il conto di quello che gli squilibri dell'industrializzazione e sfruttamento selvaggio di risorse di un secolo hanno comportato.
In occidente c'è la disoccupazione perchè si è spinto talmente tanto sull'efficienza e l'innovazione che alla fine sempre meno uomini forza lavoro vengono impiegati. E' tutto un macchine a controllo numerico, robotica.. l'uomo non serve più. Ci sono storture che ci obbligano a buttare via la sovraproduzione alimentare per soddisfare regole imposte, mentre altrove la gente muore di fame.
E' un sistema intero, che non va. E non va da troppo tempo, le origini di questi problemi affondano all'inizio del '900. Allo sviluppo incontrollato c'è un limite, alla disumanizzazione del lavoro, alla delocalizzazione ed automazione in vista del profitto c'è un limite, alle disparità tra popoli c'è un limite. Prima o poi bisogna pagare il conto.
Secondo me bisogna interrogarsi, ma a livello europeo e globale ed iniziare a parlare seriamente di un ritorno al passato, di sostenibilità, di centralità dell'uomo. Il futuro è guardare indietro, nell'energia e anche nell'industria.

giuseppe d. Commentatore certificato 14.06.14 17:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il Dalai Lama non è il capo o una sorta di papa del buddismo, nemmeno tibetano, e senza nessuna autorità spirituale per farlo ha vietato la pratica di Dorje Shugden, tramandata per oltre quattrocento anni da molti dei maestri buddisti più apprezzati, tra cui proprio gli insegnanti del Dalai Lama. Monaci, monache, uomini, donne e bambini che rifiutano il giuramento contro questa pratica vengono espulsi dalle scuole e dai monasteri, perdono i posti di lavoro pubblici, non possono entrare in certi negozi, non possono ottenere documenti di viaggio e rischiano aggressioni alle loro case, persone e familiari. Il divieto illegale del Dalai Lama (contravvenendo alla Dichiarazione ONU dei Diritti Umani e alla Costituzione indiana) ha creato divisione e disarmonia senza precedenti nel mondo buddista. È comunemente riconosciuto che questo fa parte del suo piano per fondere insieme le quattro grandi tradizioni del buddhismo tibetano e di posizionarsi come leader supremo.

Fabio L. Commentatore certificato 14.06.14 17:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono parole saggie: l'immigrazione deve essere contrastata e l'unico modo per farlo è aiutare gli immigrati nei loro paesi, dare loro una speranza di vita, spartirci un pezzo di pane, eliminare il divario tra I paesi ricchi e quelli poveri, ridistribuire in modo equo le ricchezze e le risorse. io sono contro l'immigrazione ma per l'immigrato.

Ferdinando C. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 14.06.14 17:00| 
 |
Rispondi al commento

Gentilissimi,
Scrivo questa mail per informarvi e denunciare una situazione sconosciuta dalla maggior parte delle persone che si cela dietro la figura del Dailai Lama.
Sono una seguace del Dorje Shugden e sono Budista. Da piû di 18 anni il 14° Dalai Lama, in collaborazione con l'amministrazione Tibetana, ha proibito la pratica di Dorje Shugden, diviso la comunità buddista, espulso monaci e monache dai templi, negato l'accesso ai servizi medici ed educativi ai suoi seguaci, stimolato la discriminazione nei negozi, luoghi di culto e nella comunità intera.
https://www.youtube.com/watch?v=0eTFXgVKQi4
http://www.dorjeshugden.com/all-articles/the-controversy/religious-apartheid-in-tibetan-communities/
Il 22 di maggio 2014, l'Amministazione Centrale Tibetana ha pubblicato foto e informazioni personali di 20 seguaci di Dorje Shugden (http://tibet.net/2014/05/22/list-of-dolgyal-followers-who-protested-against-his-holiness-the-dalai-lama-in-us-and-europe/), il 30 Maggio ne sono state aggiunte altre 14. (http://tibet.net/2014/05/30/list-of-dolgyal-followers-who-protested-against-his-holiness-the-dalai-lama-in-us-and-europe-updated/)
Questa lista non solo invade la privacy di 34 tibetani, ma è un vero e proprio attentato contro i diritti umani, che espone le persone ad attacchi personali, minacce di morte, violenze fisiche e verbali; un comportamento che va contro i pricipi stessi della costituzione Tibetana che dichiara: "fondandosi sui principi della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo, questo paragrafo garantisce a tutti i tibetani uguaglianza dinanzi alla legge e il rispetto di tutti i diritti e le libertà senza nessun tipo di discriminazione di sesso, religione, razza, lingua e provenienza."
http://tibet.net/about-cta/constitution/
Il 14 e il 15 di giugno, in occasione della visita a Livorno del Dalai Lama, in sala
Modigliani Forum, Via Veterani dello Sport, 8 - Livorno, 8 a 17:00 ore, rappresentanti della fede buddista di Dorje Shugden saranno lì per manifestar

Fabio L. Commentatore certificato 14.06.14 16:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il Dalai Lama va contro i diritti umani di milioni di persone... guardate il video e informatevi
https://www.youtube.com/watch?v=0eTFXgVKQi4

Fabio L. Commentatore certificato 14.06.14 16:57| 
 |
Rispondi al commento

mitico...

ENZO D., BARI Commentatore certificato 14.06.14 16:42| 
 |
Rispondi al commento

Non fa una piega quello che dice il Dalai Lama, ma nel frattempo che si fa? Lasciamo affogare queste persone nel Mediterraneo ? Le lasciamo nelle prigioni della Libia, che sta messa male pure lei in questo momento? Per ora 'mare nostrum' ci vuole, il problema è che poi tutti se ne lavano le mani, soprattutto l'Europa. Magari si cominciasse a fare qualcosa di serio per queste popolazioni, per aiutarle a superare la miseria e le guerre !! E intanto voi vorreste mantenere il reato di clandestinità precedente, per che cosa ? Per un pugno di voti e lasciare questa gente affogare o morire nelle prigioni di regimi infami ? Complimenti. Io sono la prima a voler fermare questo tipo di 'invasione' , ma ci vorrà tempo e soprattutto la volontà di farlo, non tanto dell'Italia, quanto dell'Europa, auguri! Magari riuscissimo a smuovere l'Europa e non solo ! Il voler mantenere la clandestinita' o eliminare mare nostrum sono meschinità.

Silvia C. 14.06.14 16:36| 
 |
Rispondi al commento

sant'uomo si rivolge ai giovani

anna m., Celano (aq) Commentatore certificato 14.06.14 16:23| 
 |
Rispondi al commento

http://nwo-truthresearch.blogspot.it/2010/10/dalai-lama-un-altro-mito-della-cia.html

Antonio Orsi 14.06.14 15:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

D'altra parte il Dalai Lama conosce bene le vicende del suo Tibet, dove il governo comunista di Pechino sta usando l'immigrazione in massa di cinesi provenienti da altre regioni per distruggere l'identità storica culturale e linguistica del popolo tibetano.
Dunque Sua Santità il Dalai Lama quando parla di "immigrazione", parla con cognizione di causa.

diego r., Roma Commentatore certificato 14.06.14 15:48| 
 |
Rispondi al commento

Grande come sempre.

mic fan 14.06.14 15:37| 
 |
Rispondi al commento

Hanno dato il Premio Nobel per la Pace a Barack Bluff Obama e non al Dalai Lama?....capisci amme'

Massimo C., VERONA Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 14.06.14 15:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Purtroppo questa generazione ha le orecchie tappate con la cera d'api,speriamo che il loro petrolio sciolga il tappo.....

Vttorio Re, Ravenna Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 14.06.14 15:16| 
 |
Rispondi al commento

Accoglienza e responsabilità di A.B., pag. 11, mese di giugno, tratto dal il Messaggero di S.Antonio. Articolo che in parte ha risposto alle angoscie ed alla pietà dei credenti ed alla razionalità e paura dei cittadini. “...La recente visita del Papa a Lampedusa voleva rimarcare la responsabilità comune verso il grande problema dell'immigrazione... ...purtroppo, un Pastore non può risolvere un grave problema politico. L'Italia in effetti, non può permettersi un'immigrazione senza limiti e senza regole. Piangere i morti in mare può, infatti, diventare una grande ipocrisia collettiva se non si agisce in maniera concreta e lungimirante. La coesione sociale deve andare d'accordo con il tema dell'accoglienza e della legalità. Gli sbarchi sulle nostre coste continuano e il nostro sistema di accoglienza è al collasso: si calcola... ….l'europa si rende disponibile di fornire circa 6 mila euro per rifugiato. Un passo in avanti ma non risolutivo. ...cercare di aprire più canali di immigrazione regolare... ...può essere un modo per lottare contro il traffico umano. ...l'impegno di reisediamento a livello europeo...” Come la maggiore, ci si fa trasportare dall'emozione degli eventi-accadimenti, piccoli o grandi che siano, mancando di una prospettiva ampia. Ma, ci possiamo autoescludere, devolvendo ad altri, non assumendo la responsabilità del nostro pensiero, qualsiasi esso sia.

f.d. 14.06.14 15:09| 
 |
Rispondi al commento

Eh però a gennaio M5S ha votato per mare nostrum...
una perdita di voti pazzesca, lo hanno capito e adesso è tutto un postare Farage e il Dalai Lama.
Peccato che anche molta gente di sinistra di M5S avesse da tempo considerato l'immigrazione nient'altro che un modo per distruggere i diritti sindacali.
E che dopo anni di favorire "i poveri immigrati che vengono a fare i lavori scartati dagli italiani" avesse capito che il figlio ce l'hai disoccupato e non te lo assumono ma l'immigrato lavora e gli danno pure la casa popolare...principio di uguaglianza.
Tutti questi che avevano capito non sono stati molto contenti del voto di Grillo.
Non so quanto potranno credergli adesso.

Mario S. Commentatore certificato 14.06.14 15:02| 
 |
Rispondi al commento

Bellissimo post.

Terry E. (), Mi Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 14.06.14 14:50| 
 |
Rispondi al commento

Sante parole.

Daniele C., Ascoli Piceno Commentatore certificato 14.06.14 14:44| 
 |
Rispondi al commento

E' più credibile il dalai lama che il papa.
La chiesa che una volta predicava le crociate oggi è tutta un'ipocrita "accoglienza" e un benedire la Nato e l'ue.
E dire che per esempio l'Islam è sempre quello, con gli stessi pericoli e infatti basta guardarsi in giro per il mondo.
Una chiesa che anzichè parlare di difesa dei confini da questa orda di gentaglia (indiani, pakistani, rumeni, cinesi, arabi) parla di accoglierli e non dice nemmeno nulla sul fatto che siano di altri fedi e spesso aperti nemici loro chissà che chiesa strana è.
Almeno dicessero qualcosa sull'aiutarli nei loro paesi...invece no, è solo accoglienza e rispetto. Una volta andavano ad evangelizzare, oggi si vede che si fanno istruire loro dagli imam.

Aurelio t. Commentatore certificato 14.06.14 14:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La prima uscita ufficiale del neo-sindaco di Livorno, il Cinque Stelle Filippo Nogarin, e' l'incontro di oggi con il Dalai Lama! Se non e' di buon auspicio questo... :-)

Ecco la news:

Questa sera alle ore 9, prima di conferire gli insegnamenti "La saggezza della compassione", S.S. il Dalai Lama riceverà sul palco del Modigliani Forum la pergamena con la cittadinanza onoraria e le chiavi della città di Livorno. A consegnare la pergamena sarà il sindaco di Livorno a Cinque Stelle Filippo Nogarin. La consegna della pergamena sarà preceduta da un breve saluto del sindaco e seguita da un intervento di S.S. Dalai Lama.

cecilia c. Commentatore certificato 14.06.14 14:31| 
 |
Rispondi al commento

Per fortuna nessuno dà del rozzo ecc.ecc. al Dalai Lama.

carla g., Padova Commentatore certificato 14.06.14 14:16| 
 |
Rispondi al commento

L'immigrazione è solo l'ennesimo strumento usato dalle lobby della finanza e del grande capitale internazionale per distruggere il mercato del lavoro nei paesi cosiddetti "ricchi", importando masse di schiavi e riducendo in questo modo il costo del lavoro.
Non è una questione di tutele sindacali o meno...se arriva una massa incontrollata di persone in un contesto dove già manca il lavoro l'unico risultato sarà far diminuire il prezzo del lavoratore stesso, ovvero diminuire il salario! E' la semplice legge del mercato...ed è per questo che le istituzioni dell'unione europea ( ulraliberiste per definizione) non fanno nulla contro l'immigrazione clandestina...per questo vengono fatti arivare senz problemi, non certo per solidarietà...ma solo perché fanno comodo alle classi più abbienti...mentre sono la rovina per i più poveri e per i giovani disoccupati e sotto occupati.
La vera solidarietà, quella di cui parla sua Santità il Dalai Lama, quella che farebbe progredire sia noi che loro, è quella di aiutare quei paesi a svilupparsi, quella di non fomentare più le guerre, quella di non privare quei paesi dei loro giovani e del loro futuro.
Grazie Sua Santità,
che la pace e la consapevolezza sia in tutti voi.

diego r., Roma Commentatore certificato 14.06.14 14:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il fatto che noi abbiamo un regnante di 90 che nessuno ha eletto, nemmeno il nome che porta , lascia capire a che livello siamo anche nei confronti del Dalai Lama che invoca "largo ai giovani".

carla g., Padova Commentatore certificato 14.06.14 14:13| 
 |
Rispondi al commento

il DALAI LAMA, secondo me in assoluta buona fede dice:
"bisogna avere il coraggio di dire quando sono troppi e di intervenire nei loro Paesi per costruire lì una società migliore"

Santità il problema nasce proprio da lì, invece.
dall'ingerenza che l'occidente opulento e avido ha esercitato sui paesi che ora chiamiamo del terzo mondo, ma che non erano secondi a nessuno quanto a cultura e ricchezza finchè noi occidentali non ci abbiamo ficcato il naso.
all'inizio del '900 solo l'1% della popolazione africana, ad esempio, pativa problemi di malnutrizione.

se dall'oggi al domani i governi occidentali ponessero fine a tutti i loro interessi in quei paesi, nel giro di pochi anni i popoli avrebbero modo di ristabilire l'equilibrio biologico e sociale e quelle nazioni che oggi ci invadono con flussi migratori pilotati da volontà ben superiori da quello che immagina la massa, inizierebbero a fiorire e prosperare.

la storia devono tornare a farla le genti in casa loro, senza pelose supervisioni di alcun genere.
men che mai di tipo pseudoumanitario.

davide lak (davlak) Commentatore certificato 14.06.14 14:13| 
 |
Rispondi al commento

Brava Luisa Galimberti, condivido pienamente, ai tempi miei si diceva maternità e paternità responsabile e oggi con la globalizzazione non saprei che altro aggiungere.

carla g., Padova Commentatore certificato 14.06.14 14:10| 
 |
Rispondi al commento

Ben detto!!!!! Doveva venire il Dalai per ribadire uno stato di fatto ormai radicato da secoli! La verità è' che ci siamo dimenticate le guerre che ci hanno dato una libertà apparente!

Salvo Torre 14.06.14 14:09| 
 |
Rispondi al commento

Il dalai lama ha detto che i cambiamenti non avvengono in un secondo ma richiedono programmazione w lavoro. Ho l'impressione che tu voglia leggerlo come programmazione e lavoro tuoi ma prendi in considerazione la possibilità che si riferisse alla programmazione e lavoro degli altri perché ognuno può lavorare solo su se stesso. E parla di comprensione per 7 miliardi di fratelli w sorelle. Magari smettiamo di chiamare con nomignoli questo e quell'altro. A dissentire, a stimolare per un loro lavoro personale su stessi e sul loto agito sugli altri lavorando in quello stimolo anche su noi stessi! :-)

Efstathios Varvarigos Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 14.06.14 13:55| 
 |
Rispondi al commento

nei paesi confinanti da cui scappano i profughi non c'è accoglienza e questo è il vero problema: nessuno viaggia per 1000 km se può cavarsela con 100.
Fermo restando il diritto di asilo per i rifugiati (che sono una sparuta minoranza dei clandestini) sono contrario alla prigione per gli altri ma non per ideologia o buonismo ma semplicemente perchè il remimpatrio forzato, SE ESISTESSE, sarebbe molto più economico ed efficiente (meno di 10000 euro a testa contro i costi carcerari di 12000 euro al mese - http://www.vita.it/societa/giustizia/osapp-costo-mensile-di-un-detenuto-stipendio-parlamentare.html ).
Il dalai lama parla di guerre (a cui noi partecipiamo attivamente) e di divario economico fra ricchi e poveri (che noi aumentiamo non solo nei paesi che attacchiamo ma pure in Italia):

LE GUERRE E L'ECONOMIA NON SI VOTANO!

Gli italiani NON hanno mai espresso il loro voto su un impegno bellico o sulla politica economica, ma solo eletto rappresentanti che hanno puntualmente disatteso i loro impegni di pace o crescita.

p.s. io eviterei di dare spazio a religiosi anche quando parlano bene e razzolano decentemente.

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 14.06.14 13:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

buon giorno lettori o letto larticolo del dalai lama ede una persona saggia a ragione a dire di fidarsi dei giovani daltra parte il futuro e'loro ed io spero che portino piu'giustizzia sociale...

roberto fiaschi, tavarnelle val di pesa Commentatore certificato 14.06.14 13:40| 
 |
Rispondi al commento

i conti non tornano, ora non ricordo con precisione le cifre, sarebbe buona cosa che un esponente del M5* ci si dedicasse a tempo pieno, per scoprire come vengono impiegati i soldi per accogliere questi poveri cristi. Sono convinto che più della metà degli aiuti che vengono dal nostro stato e dall'europa vadano nelle tasche di qualche disonesto.
Come diceva un grane della lotta alla mafia : seguire il denaro per trovare i colpevoli. Spero in un interessamento da parte di qualche bravo deputato pentastellato.

Roberto U. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 14.06.14 13:34| 
 |
Rispondi al commento

Io credo che ai politici da strapazzo convenga che arrivino tutti questi migranti, perché, poi, gli italioti sono costretti ad accettare il lavoro a basso costo. Mi danno fastidio quei politici che dicono"non possiamo farli morire in mare". Ma chi li vuole far morire! Non ho capito, perché spendono tanti soldi per il viaggio e non si comprano un giubbotto salvagente, tanto lo sanno che dopo un po' arrivano i nostri a salvarli. E poi mi da' fastidio sentire gli scafisti che, sfacciatamente, dicono che" tanto in Italia non rischiamo niente"e i migranti che dicono "partiamo, tanto ci salvano gli italiani".Tutto questo l'ho letto da qualche parte, non me lo sono inventato io.Aggiungo un'altra cosa, chiamatemi pure razzista,ma quando c'è stata la guerra in Iitalia, nessuno si è mosso di qui.Se siete così buonisti, portateli a casa vostra. Nei piccoli centri della mia zona, da quando sono arrivati loro, ci sono furti ogni giorno,anche di attrezzi agricoli( ovviamente commissionati). La domanda che faccio a queste persone"buone": ma, secondo voi, una persona che non ha niente, come fa a vivere? Deve, per forza rubare.Vorrei fare un sondaggio per vedere quanti di questi "buonisti "accoglierebbero uno di loro in casa.

alfonsina p. Commentatore certificato 14.06.14 13:30| 
 |
Rispondi al commento

IO DICO BASTA !

GIUSEPPE B., siena Commentatore certificato 14.06.14 13:11| 
 |
Rispondi al commento

Dalai Lama for President

Armando ., Milano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 14.06.14 12:04| 
 |
Rispondi al commento

Io amo quest'uomo, namastè.

stefano 14.06.14 11:55| 
 |
Rispondi al commento

ma allora perchè i parlamentari del 5 stelle il giorno dopo le parole del dalai lama hanno fatto una mozione e votato per far continuare mare nostrum, facendo di fatto l'opposto????
MA SI VUOLE UNA VOLTA PER TUTTE DECIDERE UNA LINEA SULL'IMMIGRAZIONE!!!!

Luca M 14.06.14 11:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

se le dice il Dalai Lama e' giusto se lo diciamo noi siamo razzisti!!! io credo che serva come in utte le cose equilibrio e buon senso! chi non capisce che non si possono accogliere migliaia di profughi ha solo interessi !

Claudio T 14.06.14 11:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E ora i giornalai daranno del razzista anche al Dalai Lama....?

Susanna Sbragi, Arezzo Commentatore certificato 14.06.14 11:17| 
 |
Rispondi al commento

IL DALAI LAMA VEDE SEMPRE GIUSTO

alvise fossa 14.06.14 11:12| 
 |
Rispondi al commento

Egregio giornalista è evidente la tua incontinente idea di affibiare agli altri ciò che in realtà, è lei. Quella di essere schierato e di stare sempre dalla parte del più forte, e una sua prerogativa e non la nostra. Eppure la storia avrebbe dovuto insegnarle qualcosa, cioè che si ripete, e lo fa sempre con le stesse modalità. Il nazismo è venuto fuori da una crisi economica altrettanto grave, quanto quella odierna. Solo che all'epoca gli stati teorizzavano una riduzione della popolazione mondiale attraverso la guerra tra stati. Oggi ciò non è più possibile, in quanto non abbiamo più solo "a disposizione armi convenzionali", ma ci sono quelle non convenzionali che porterebbero alla distruzione totale del genere umano. La Germania ha perso il vizio ma non il pelo, e mi sarei aspettato da lei, discorsi opposti a ciò che oggi lei fà, il nazismo proprio per la ragione espressa è stato ripudiato dalla Germania, non per ragioni etiche-morali come penso dovrebbe essere, ma semplicemente non perseguibile. I teutonici hanno lo stesso istinto di allora, e lo dimostra la forzosa austerità imposta a tutti gli stati membri europei. Se avessero voluto un unione politica, non avrebbero dovuto chiederci "di fare solo i compiti a casa economici", ma avrebbero dovuto censurare "tutti i governi succedutisi,dall'entrata in vigore dell'€ ad oggi, e chiedere loro di conformarsi a regole e leggi più omogneee e coeve a quelle di maggiore onestà. In particolare, il riferimento va alle leggi sul conflitto d'interesse e falso in bilancio, a quelle sulla libera informazione, ed alle leggi sulla gestione dei governi nazionali. Così facendo avrebbero dato l'input di voler andare verso un'idea di governo federale con l'impianto governativo simile, e la corruzzione ed il malaffare epurati. Invece ci hanno dettato solo agende politiche austere, e sanzioni. Ora comprendo che lei pensi solo al suo particulare, ma noi poveri mortali con quale reddito dovremmo vivere, di aria fritta.

Vincent C. 14.06.14 11:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sante parole quelle del Dalai Lama,Io la penso esattamente come Lui.In Italia I politici,finti buonisti,sfruttano l'ondata migratoria per I propri interessi.

maria c. Commentatore certificato 14.06.14 10:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Siamo sette miliardi, e' questo il vero problema. Non c'e' piu' spazio, non c'e' piu' terra coltivabile, non ci sono piu' risorse sufficienti. E anche se ci fossero una economia fondata sul profitto individuale non permetterebbe una equa distribuzione delle stesse.
In questa logica conviene piu' distruggere derrate alimentari, per mantenere alti i prezzi piuttosto che dirottarle verso quelle aree dove ce ne sarebbe bisogno.
Aggiungiamoci i cambiamenti climatici che noi umani stiamo provocando, le guerre di religione o di profitto che ancora combattiamo in giro per il mondo, le inique disparita' sociali o addirittura di casta. Il risultato e' un pianeta sempre piu' povero, sempre piu' ingiusto, sempre piu' insicuro.
I ricchi che vivono in Europa e nel Nord America pensano di essere al sicuro, di potersi godere il loro benessere mentre tre quarti del mondo soffre la fame.
Non e' cosi'. I barconi che attraversano il Mediterraneo, gli automezzi carichi di fuggiaschi che attraversano le frontiere europee, le invasioni di disperati che premono alle frontiere meridionali degli USA, sono tutte avanguardie di un esodo di massa che finira' per sommergerci e distruggerci proprio come accadde negli ultimi secoli dell'impero romano.
La disperazione non si combatte con le barriere, il filo spinato e nemmeno con le armi.
E' necessaria una politica solidale di produzione e distribuzione delle risorse, una concezione del potere volta ad includere e non ad escludere, un approccio diverso alla poverta' e ai bisogni non per sfruttarli ma per attenuarli e soddisfarli.
In sintesi, occorrerebbe una umanita' diversa. Ma questo e' solo un sogno.
Che almeno le inutili Nazioni Unite e le altre organizzazioni internazionali comincino a porsi il problema e ad avviare soluzioni prima che la diga si rompa e ci travolga tutti.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 14.06.14 10:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

una verità pura e semplice quella esposta dal dalai lama,illustrata con parole chiare ed una visione globale che ti dà piacere,perchè ha saputo trovare le parole giuste .

giovanni papa 14.06.14 10:26| 
 |
Rispondi al commento

Grazie al Dalai Lama mi riappacificato con la miacoscienza. La penso esattamente come lui e ho sempre ammirato i missionari anche laici di frontiera proprio per la realtà che cercano di migliorare.
Che serve sradicare famiglie intere dalla loro terra?
Ben lo sappiamo noi italiani e venti figli di disperati migranti per tutto il mondo, ma sempre legati alla paese natio.
Certo che per arrivare alla conclusione del Dalai Lama non serve un master o una laurea ad Harvard,ma i ns. politici devono soprattutto procurare braccia e altro di disperati/e alla delinquenza che foraggia i voti.

carla g., Padova Commentatore certificato 14.06.14 10:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori