Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Raiway, bene pubblico, non si svende!

  • 101


fico_raiway_renzie.jpg

"Il governo Renzi ha deciso di tagliare 150 milioni di euro alla RAI, misura prevista nel decreto Irpef. Questa improvvisa mancata erogazione di risorse (parliamo di circa il 10% del canone già versato dai cittadini per il 2014) non comporterà un'effettiva revisione di spesa interna per la Rai, ma avrà come unica conseguenza la vendita di quote minoritarie di Rai Way, la società, controllata da Viale Mazzini, che gestisce e possiede gli impianti di trasmissione del segnale radiotelevisivo. Con questo provvedimento il governo costringe l'azienda a fare cassa velocemente. Il taglio non porta a quella riforma di cui la Rai ha bisogno. Non esiste un progetto di modifica della governance, cosa che permetterebbe di allontanare l'influenza dei partiti dall'azienda. Non si andranno a colpire interessi consolidati. Non si interviene pretendendo più trasparenza tanto per le nomine quanto per il ricorso eccessivo agli appalti esterni. Si ha una sola conseguenza: la vendita, o rischiosa svendita, dell'ennesimo bene pubblico, quella rete di antenne e impianti, finora appunto saldamente in mano pubblica, che costituisce una delle infrastrutture strategiche del nostro Paese. E noi, a questo, ci opporremo." Roberto Fico

6 Giu 2014, 11:05 | Scrivi | Commenti (101) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 101


Tags: antenne, bene pubblico, Fico, infrastrutture, M5S, RAI, raiway, Renzi, svendita

Commenti

 

Non abbiamo più saputo se sono stati consegnati i documenti richiesti al C.d.A. RAI, da parte del Presidente della Commissione Fico, IN MERITO AI FAMOSI CONTRATTI DI CONSULENZE ESTERNE!
Solo eliminando queste assurde consulenze esterne e cacciando via i vari Tarantola, Vespa (pensionati) e altre carcasse, si risparmiano i 150 milioni e forse più e si ringiovanisce la RAI.
Fico medita e ed agisci.
G.Mazz.

Gianpiero Mazzoleni 09.06.14 19:12| 
 |
Rispondi al commento

raiway è la parte tecnologia dell'azienda: la vogliono svendere perchè fa gola.
Su però, almeno leggete fino in fondo!!!

Andrea Giusti 07.06.14 21:30| 
 |
Rispondi al commento

X ME LA RAI PUO' ANCHE FALLIRE!!

LORENA R., TRESCORE CREMASCO Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 07.06.14 18:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

la Rai non e'un bene pubbblico e'un carrozzone e farebbero bene a venderlo altro ke le kazzate e la disinformazione che ci danno

Enrico P., AMSTERDAM/Olanda Commentatore certificato 07.06.14 17:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao a tutti , provo ancora a lanciare la mia idea , " Cinema a 5 stelle " A cura dei gruppi M5S di tutte le citta' italiane , come durante la guerra c'era la settimana INCOM nei cinema perche' nessuno aveva la televisione a quei tempi. Il nostro piu' grande problema e' e rimane l'informazione , percio' non credo che sia difficilissimo affittare un cinema una o due volte al mese e fare vedere alle persone video "ufficiali" di camera e senato M5S , informazione vera sulle nostre proposte ,,e sulle "loro" votazioni . Portare il blog nei cinema ,,dalla gente . Grazie

marco e., reggio emilia Commentatore certificato 07.06.14 17:25| 
 |
Rispondi al commento

Converrebbe vendere fazio e floris ma chi se li compra!?

Luigi D., Formia Commentatore certificato 07.06.14 17:00| 
 |
Rispondi al commento

Innanzitutto grazie al movimento 5 stelle.
Poi questa è l'ennesima schifezza che è stata scoperta grazie a qualcuno onesto che si impegna per 1 società migliore, altrimenti è troppo difficile scoprire certe schifezze.
Il sistema dovrebbe cambiare in modo che si possa scoprire facilmente certe cose.
Come?
tutti devono essere controllati (chiunque), in proporzione al guadagno ed al lavoro che sta svolgendo.
ESEMPIO n°1: 1 operaio che guadagna mille euro al mese deve essere CONTROLLATO molto meno di 1 politico che "guadagna" 30mila euro al mese.
ESEMPIO n°2: 1 operaio che ha la responsabilità e il potere di portare dei sacchi di cemento, deve essere CONTROLLATO molto meno di 1 politico o imprenditore che hanno in mano il destino di tante persone.
Invece avviene tutto il contrario, perché le regole sono così ed giusto che seguiamo tutti le stesse regole, ma è anche giusto cercare sempre di migliorarle senza mai smettere nell'intento

maurizio d'orio 07.06.14 13:21| 
 |
Rispondi al commento

Basta difendere la rai!!! Venderla subito e meno tasse!!! Il settore pubblico sta affossando il paese lo vogliamo capire?

matteo v. 07.06.14 11:50| 
 |
Rispondi al commento

Come bene pubblico, mi spiace. Ma che lo stato ci ha preso il canone per anni, falsando le notizie, permettendo la politicizzazione, dei TG, dell' informazione, bene comune, propinandoci solo, donne mezze nude, facendo spettacolo di drammi e non per diritto di cronaca, ma più per sciacallaggio, inserendo pause pubblicitarie a livello di Mediaset, quindi guadagnando due, tre, cinque volte, non reinvestendo in programmi degni di essere trasmessi. Be', per questo, non sono affatto dispiaciuta, se la vendono, purché, sorga un qualcosa degno di essere chiamato "mezzo di informazione"!!!!!!!!!

fulvia pratesi, Pescia (pt) Commentatore certificato 07.06.14 04:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LA MAFIA E'AMORE PER CIO CHE E'BRUTTO

al a., pavia Commentatore certificato 07.06.14 04:18| 
 |
Rispondi al commento

SLC-CGIL, UILCOM–UIL, UGL–Telecomunicazioni, SNATER Sindacato Nazionale Autonomo Telecomunicazioni e Radiotelevisioni, LIBERSIND-CONFSAL Confederazione Sindacati Autonomi Lavoratori

Le rappresentanze sindacali nazionali hanno indetto per mercoledì 11/06/2014 uno sciopero dei lavoratori RAI.

"A scioperare saranno coloro che da sempre e prima di tutti hanno denunciato sprechi e privilegi della casta, i precari che non verranno più stabilizzati, i lavoratori che vedono il loro posto in pericolo insieme a coloro che credono ancora che il Servizio Pubblico sia un bene comune.
Fortemente pericolose sono: - a mancanza di un impegno ufficiale dell’esecutivo a presentare un piano di riforma del Servizio Pubblico radiotelevisivo sospendendo la decisione del prelievo forzoso di 150 milioni di euro a bilancio aperto, nonostante l’UER (Associazione delle TV Pubbliche) si sia rivolta al nostro capo di Stato, quale garante della Costituzione italiana, denunciando che questa operazione è pericolosa poiché ha un impatto diretto sulla libertà e l'indipendenza del Servizio Pubblico italiano che è garantita a livello europeo
- la cessione di quote di RaiWay, da asset strategico del paese a bene svenduto per far cassa ed avvantaggiare i soliti noti,
- le ricadute che il prelievo di 150 milioni di euro avrà sui livelli occupazionali."


Massimo O., Torino Commentatore certificato 07.06.14 00:39| 
 |
Rispondi al commento

SLC-CGIL, UILCOM–UIL, UGL–Telecomunicazioni, SNATER Sindacato Nazionale Autonomo Telecomunicazioni e Radiotelevisioni,
LIBERSIND-CONFSAL Confederazione Sindacati Autonomi Lavoratori

"Ci spiace deludere chi prova a fare della vicenda Rai una operazione mediatica "buttando in caciara" la protesta di chi sta provando a difendere servizio pubblico e posti di lavoro, ma l'11 giugno a scioperare non saranno i "mezzibusti sediziosi", guidati da un insieme variegato di sindacati corporativi, pronti a difendere "privilegi" mentre l'Italia tutta è chiamata a fare ancora sacrifici.
A scioperare saranno coloro che da sempre e prima di tutti hanno denunciato sprechi e privilegi perché non é assolutamente l'idea di fare la nostra parte che ci preoccupa. L’abbiamo già fatto in passato, contribuendo al risanamento del bilancio Rai e siamo pronti ancora oggi.
A preoccupare e' invece un taglio chirurgico che nasconde dietro la "nobile causa" della spending review un'operazione politica, toccando l'ennesimo asset strategico del paese, Raiway.
Nessun ragionamento d'insieme, nessuna visione strategica, solo un intervento mutilante che in nessun modo potrà produrre benefici al servizio pubblico, ma che con qualche probabilità avvantaggerà i soliti noti."

Massimo O., Torino Commentatore certificato 07.06.14 00:32| 
 |
Rispondi al commento

Bonanni (CISL) ha annunciato ufficialmente che non parteciperà allo sciopero Rai indetto per l'11 giugno.

"Non dobbiamo trasformare questa vertenza in un inutile braccio di ferro dal sapore politico con il Governo."

Massimo O., Torino Commentatore certificato 07.06.14 00:28| 
 |
Rispondi al commento

L'Usigrai, sigla sindacale dei giornalisti Rai, ha annunciato ufficialmente che non parteciperà allo sciopero indetto per l'11 giugno.

"La decisione -riferisce l'Usigrai- arriva dopo il voto a larghissima maggioranza delle assemblee tenute nelle ultime 48 ore in tutte le redazioni d'Italia, alle quali il sindacato dei giornalisti della Rai aveva chiesto il congelamento dello sciopero alla luce delle positive novità ottenute grazie all'iniziativa sindacale di queste settimane".

Massimo O., Torino Commentatore certificato 07.06.14 00:21| 
 |
Rispondi al commento

Ingrid Deltenre, Direttore Generale dell'UER (Unione Europea di Radiotelevisione), organismo fondato nel 1950 da RAI, BBC, France Télévisions,
ARO ed altri, scrive al Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, per esprimere la propria preoccupazione per l'impatto del Decreto legge n. 66 sulla RAI e, più in generale, sulla missione di Servizio Pubblico in Europa.

"Come lei sa, in tale decreto agli articoli 20 e 21, sono previste delle misure che impongono,
fra l'altro, un prelievo forzoso di 150 milioni di Euro sugli incassi già maturati del canone RAI
dell'anno 2014, oltre che altre misure accessorie che incidono fortemente sulla missione di
Servizio Pubblico. Noi siamo preoccupati perché questo prelievo forzoso viene effettuato sull'esercizio in corso, non lasciando praticamente nessun margine di manovra per il management dell'azienda per recuperare in corso d'opera. Mai qualcosa di simile era accaduto in un paese dell'Unione Europea e i soli precedenti da noi conosciuti sono avvenuti in paesi dei Balcani assolutamente non comparabili con la tradizione democratica dell'Italia.
Questa decisione ha un impatto diretto sulla libertà e l'indipendenza del Servizio Pubblico italiano, che é garantita, a livello europeo, dall'art. 10 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo, come ribadito nello studio condotto da alcuni eminenti studiosi di diritto di cui al documento allegato. Convenzione di cui la Repubblica italiana è fra i primi firmatari."

Massimo O., Torino Commentatore certificato 07.06.14 00:16| 
 |
Rispondi al commento

Federconsumatori, Adusbef, SLC CGIL e UILCOM UIL, hanno notificato una diffida al Ministro dello Sviluppo Economico con l’obiettivo di bloccare il taglio di 150 milioni di euro a carico della Rai che potrebbe condurre alla cessione di RaiWay.

"Prima di ridurre bisogna pagare quanto convenuto: questo è il senso della diffida, per intimare al Ministero dello sviluppo economico l’adempimento degli obblighi di copertura economica già pattuiti con il concessionario del servizio pubblico radiotelevisivo. Da anni il MISE non corrisponde quanto dovuto in relazione alle prestazioni richieste alla RAI. Una
situazione di sottocompensazione che si riflette pesantemente sugli utenti del servizio pubblico,
sull’occupazione e sui trattamenti normativi e retributivi dei dipendenti RAI. Il decreto legge n.66 del 2014 rischia di peggiorare irreversibilmente gli standard qualitativi ed economici stabiliti dall’AGCOM, nonché le prospettive occupazionali dei dipendenti RAI."

La diffida è il primo atto del procedimento disciplinato denominato "Ricorso per l’efficienza delle P.A.". Si tratta di uno strumento normativo che consente agli utenti una tutela giurisdizionale nei confronti delle pubbliche amministrazioni inadempienti. Trascorsi 90 giorni dalla ricezione della diffida e in caso di perdurante inerzia del MISE, sarà possibile proporre ricorso dinanzi al giudice amministrativo per violazione degli obblighi di corresponsione di quanto dovuto al servizio pubblico radiotelevisivo al fine di mantenere gli standard qualitativi concordati.

Massimo O., Torino Commentatore certificato 07.06.14 00:06| 
 |
Rispondi al commento

Con l`informazione al 69 posto, forse è meglio chiuderla x sempre la rai, almeno non continua a disinformare il popolo sovrano.

Franz M., Here&There Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 06.06.14 23:48| 
 |
Rispondi al commento

Proporrei ai dipendenti della rai,chi vuole, di comprare loro le quote che verranno vendute con il diritto di precedenza.

Forza M5S.

Luciano R., Abbiategrasso Commentatore certificato 06.06.14 23:34| 
 |
Rispondi al commento

Aspettarsi miracolistici provvedimenti di miglioramento della Funzionalità da parte dell'Amministrazione Pubblica di questo Paese, è come essere convinti di vedere asini che volano!
Sono convinto, al contrario, che bisogna avere la capacità di fare proposte in grado di cambiare, migliorandola, la Realtà di ciascuno e supportare coloro che sono capaci di fare tali proposte!
Di seguito, i link a quattro miei video con cui cerco di fare le mie proposte!
Grazie a tutti coloro che vorranno sostenermi!
Presentazione https://www.youtube.com/watch?v=0oaqST10zR8
Mal di Schiena Parte 1/3 https://www.youtube.com/watch?v=aqoR3JnCX7s
Mal di Schiena Parte 2/3 https://www.youtube.com/watch?v=_a6ytE-i_LA
Mal di Schiena Parte 3/3 https://www.youtube.com/watch?v=dMRHHyi66sQ

Ing_Alberto Costantini, Erto e Casso (PN) Commentatore certificato 06.06.14 20:57| 
 |
Rispondi al commento

Perché non va Fico nelle tre reti RAI a informare le persone di questo tutti i giorni? A spiegare che vogliono SVENDERE un bene pubblico a dei privati che (solo per esempio con la telefonia) guadagnerebbero più di 150 mila€!

Rossana P., Genova Commentatore certificato 06.06.14 20:05| 
 |
Rispondi al commento

Ma perché Fico non va a spiegare questo sulle tre
reti RAI tutti i giorni? Spiegando agli italiani che si svenderà a un privato un bene pubblico chi se utilizzato bene (per es. con la telefonia) potrebbe rendere allo allo stato molto di più de 150 milioni di euro; non contando che non ci sarebbero futuri licenziamenti!

Rossana P., Genova Commentatore certificato 06.06.14 18:36| 
 |
Rispondi al commento

Roberto, la rai ha troppo canali che nessuno se li fotte.Pochi canali(1) e niente canone pe veré quatt' strunzate e per sentire nefandezze sul MoVimento5 stelle, meglio quando era peggio, mo fa chiagnere o ca..

john f. 06.06.14 18:33| 
 |
Rispondi al commento

Rispondo al signor Claudio Berzacchio . Io non so quanti anni abbia lei, né quali siano le sue simpatie politiche, ma dai lapsus dei nostri ragazzi, non può giudicare il loro operato. Faccia uno sforzo , vada su you tube e si guardi tutti gli interventi che fanno in parlamento, a difesa di tutti i cittadini (anche di lei) e del nostro paese. Vada ad informarsi sulla rete e non sui giornali e non prenda per oro colato tutto quello che dice la tv, perché il loro interesse è solo quello di mantenere il loro status quo. Le ho voluto rispondere, perché io, che li seguo da tempo e so quanto sentimento e ardore ci mettono in quello che fanno, ho avuto la sensazione che avessero pugnalato i miei figli. Io sono anziana e quindi questi politicanti li conosco da anni, le posso assicurare che passano una mano di vernice, ma, sotto, il muro è completamente marcio, lo dimostrano ancora una volta i fatti di questi giorni. La saluto e spero che , dopo essersi informato un po' di più, mi dia ragione.

alfonsina p. Commentatore certificato 06.06.14 17:31| 
 |
Rispondi al commento

io lavoro a raiway.gli sprechi ci sono.ma raiway SPA è una costolina(n°dipendenti e costi d'esercizio) di rai.i veri sprechi e favori politici stanno in rai.chi di voi pensa che vendere raiway gli fara' risparmiare il costo del canone si sbaglia di grosso.il canone è incassato dallo stato non dalla rai.non è vero che mediaset guadagna.andate a vedervi i bilanci.come ormai tutti in sto paese è tenuto su dalle banche.ma che pensate?vendendo l'hardware il vostro software dove girera'?raiway non ha giornalisti strapagati amici dei politici,non ha dirigenti senza alcuna responsabilita'.siamo gente che lavora.come colleghi di trasmittenti private meno "fortunati" di noi,certo.ma vendere l'infrastuttura(raiway)per poi doverla noleggiare(tipo da berlusca..) per garantire il servizio pubblico OBBLIGATORIO a me sembra una caz....ata pazzesca.i giornalisti si sono salvati per altri 3 anni,infatti l'USIGRAI se ne stara' buono buono,chi rischia è il nostro posto di lavoro e le strutture pagate con le nostre tasse che non verranno vendute(che ci puo anche stare),ma REGALATE!!! vabbe'. regaliamo gli strumenti del 4° potere. tanto ormai in sto paese non ci scandalizza piu niente....... scusate del disturbo

francesco donadi 06.06.14 17:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A dirla tutta se si mette in vendita la rai,tout court,cioè senza regali a chi la compra,non se la sgamma nessuno.Manco rai sport.
Ma che bene strategico,che cazzo dici.
E' come la telecom ex sip :un conto sono le reti e un conto sono i gestori.Le reti,come acqua,gas luce,sanità,istruzione DEVONO ESSERE SOLO DELLO STATO,CIOE' DI TUTTI I CITTADINI.poi il privato(privato con i soldi suoi)le utilizza.E paga a tutti noi.

franco selmin, montegrotto terme Commentatore certificato 06.06.14 16:57| 
 |
Rispondi al commento

DA UNA PARTE C'E'SILVIO.DALL'ALTRA LA GRANDE FAMIGLIA RAI TUTTI IMPARENTATI FRA LORO.BISOGNA ACCONTENTARLI TUTTI.

al a., pavia Commentatore certificato 06.06.14 16:47| 
 |
Rispondi al commento

COSA DICI MATTEO.OBBEDISCO!....

al a., pavia Commentatore certificato 06.06.14 16:40| 
 |
Rispondi al commento

Questo taglio è semplicemente un ORDINE di BERLUSCONI a matteuccio .... !!!!!

greco nicolò 06.06.14 16:05| 
 |
Rispondi al commento

scommetto che una cordata di "capitani coraggiosi"è già pronta.

franco selmin, montegrotto terme Commentatore certificato 06.06.14 16:01| 
 |
Rispondi al commento

E' evidente che è una manovra ad arte fatta per accontentare Berlusconi in cambio dell'appoggio del suo partito a renzi. Infatti c'è da chiedersi come mai analoga richiesta non è stata fatta ad Eni, Enel, ecc. ma guarda caso solo alla rai e anche con la soluzione pronta. Non ha deciso il C.d.a. Rai come tirar fuori questi soldi ma già con la richiesta c'era anche la soluzione. E poi le spacciano come riforme.

danilo m., treviso Commentatore certificato 06.06.14 15:56| 
 |
Rispondi al commento

Gentile Claudio, qui tutti provano a farti ragionare, ma tu ti ostini a non volerlo fare. Prima tiri in ballo Berlinguer e dici che non c'entra nulla con M4S: può darsi ma è stato un signore di 73 anni, avvocato, amico di Berlinguer a dire di aver finanziato il Mov. perché erede, a suo avviso, del pensiero dell'illustre politico. Non ti piace? Prenditela con lui e non cercare rogne qui sul blog. Poi insisti per conoscere le nostre idee e lo fai con provocatoria insistenza proprio nel momento in cui, a fronte dei 42 milioni di euro restituiti dai 5S, si scopre che quei rimborsi elettorali non bastano mai ai signori dei partiti perché sono ingordi e lucrano su qualunque affare (Mose, expò). Ora, te lo dico bonariamente, cerca di non abusare della pazienza di chi ti legge e fai uno sforzo, da solo, per capire ... sennò vorrà dire che sei una causa persa.

Ada Martinelli, Vicchio Commentatore certificato 06.06.14 15:25| 
 |
Rispondi al commento

Chiedo a Roberto Fico, e come me milioni di italiani, di convocare con urgenza la direttrice di rainews24 e interrogarla della sua presenza al club bilderberg, e di cosa si siano detti. Sono dei fuorilegge e cospiratori. E ora di fare luce su questa SETTA

DG 06.06.14 15:25| 
 |
Rispondi al commento

Caro Roberto, ci puoi spiegare perchè Berlusconi con le sue televisioni guadagna soldi, mentre la RAI li perde?

massimo decimo meridio, roma Commentatore certificato 06.06.14 15:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ma, scusate tanto,
se quello che voi chiamate bene pubblico produce ogni anno una perdita per i cittadini e se questi in più son costretti a pagare, sotto forma di tassa, un canone che aumenta col passar degli anni,
allora questo bene anche se fosse regalato, produrrebbe un beneficio immediato per i cittadini sgravandoli da un importo minimo di 150 euri, ed io sono proprio uno di questi cittadini, che già vincemmo nel 1995 il referendum per la privatizzazione della rai, che passò ignorato da tutte le alte cariche che sempre noi cittadini paghiamo lautamente per far si che la costituzione venga rispettata.
Come mai che per il referendum sul finanziamento bubblico ai partiti vi siete tanto arrabbiati, mentre che invece sul referendum della privatizzazione della rai nun ve ne frega un gatzo?
Ma che niente niente ve volete pappà puro voi la rai mettendoce dentro cani e porci purchè siano parenti ed amici Vostri?

Fracatz 06.06.14 15:24| 
 |
Rispondi al commento

Grazie e vi prego, continuate a spiegarci quello che succede die tro la cortina. È un regime questo amici, e dei più subdoli. Grazie 5 stelle non mollate

Lella Bach 06.06.14 15:05| 
 |
Rispondi al commento

...ma che fine ha fatto la gara per le frequenze? .... Perché non ne parla piú nessuno?

Ciro Trotta 06.06.14 14:55| 
 |
Rispondi al commento

Nei toc sciò, sento spesso una frase, da esponenti dx e sx, di una idiozia allo stato puro e cioè che il M5S è rimasto fermo in parlamento, è congelato, è surgelato, è un blocco, etc.etc.

Tutta questa rabbia scaturisce dal fatto che i vari partiti non possono insozzare il M5S con alleanze spurie, in modo da poterlo accusare di qualsiasi decisione che potrebbe arrecare danno ai cittadini e per questo si accaniscono tanto contro di loro.

Il fatto che sx e dx siano in malafede, si evince dalle dichiarazioni dei pentastellati e cioè che non è importante fare alleanze a priori o a posteriori, ma votare insieme leggi giuste a favore di tutti i cittadini e non leggi ad personam del Caro Leader di turno.

egeria benvenuti 06.06.14 14:35| 
 |
Rispondi al commento

raiway non va venduta bensì dovrebbe andare "divisa" in due, come del resto tutte le infrastrutture pubbliche: proprietà della rete (società pubblica senza personale), proprietà gestionale ad azionariato diffuso ( 3% massimo di azioni degli operatori con compiti limitati).

PS si dovrebbe eliminare il canone, poi bisogna spostare le ciofeca del digitale sul satellite, ed inoltre vendere le sedi regionali della rai, abbassare gli stipeni dei giornalisti a 3000 euro lordi, abolire le esternalizzazioni, dimezzare i dirigenti, vendere i canali radio, togliere di mezzo i vari direttori e dirigenti, ecc.

Marcello C. 06.06.14 14:29| 
 |
Rispondi al commento

Scetate carulì
ROBE' mi sa che la pletora di fancazzisti RAI ti ha contaminato come le sirene con Ulisse.
Una cosa dovresti fare, gridare a voce alta che il 50% del personale è infiltrato ed inutile,NON INUTILIZZATO....
Quindi reddito di cittadinanza a questi, in primis dirigenti e risparmio enorme per le casse statali.
SCETATE CARULI'

AUGUSTO PALUMBO Commentatore certificato 06.06.14 14:26| 
 |
Rispondi al commento

Queste cose rimangono solo all'interno del blog.
Alla gente arriva solo il messaggio di renzusconi che annuncia tagli esemplari riforme epocali, e le pecorelle pendono dalle sue labbra

nives b. Commentatore certificato 06.06.14 14:23| 
 |
Rispondi al commento

Può darsi che i tagli siano pura demagogia, ma la Rai è il principale motivo per cui siamo al 67mo posto nella libertà di informazione al mondo.

La Rai andrebbe rifondata dalle basi, con licenziamenti in massa. E' come l'Alitalia. Chi vi lavora, è entrato solo per tessera di partito e raccomandazioni.

Un carrozzone nefasto , costosissimo, sulle spalle degli italiani. Se il M5S non cresce, grossa parte di colpa è proprio della Rai, che vi discrimina.

E voi la difendete? Autolesionismo puro. No, caro Fico, non ho capito affatto cosa abbia fatto sinora lei in Vigilanza, nè la vostra politica sulla Rai. "O si cambia, o si viene via" : questa dovrebbe essere la vostra posizione!

La Rai è nemico acerrimo della libertà di informazione. Cambiate politica!

Roberto Pannotti 06.06.14 14:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LA RAI LA STANNNO "SCANNNADO" PER I PROPI INTERESSI

alvise fossa 06.06.14 13:57| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei sapere chi la vuole comprare!!!
Forse qualche politico per AVERE IL POTERE ASSOLUTO sulle menti delle persone !??

ROSSANA I., ROMA Commentatore certificato 06.06.14 13:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Attenzione alle trappole che adotteranno: i motivi di urgenza (come quelli del mose, della tav, dell'expo....), la necessità di evitare situazioni difficili per lo stato dell'azienda...ecc.. ecc.. I soliti gorgoglii del "colon" di questo paese, di queste combriccole politiche. La rai va totalmente riformata, a partire dall'abominio dei compensi dei conduttori, allo spreco di tre testate politiche, nate durante i processi di spartizione passati, DC PSI PCI. Niente toppe a questo lerciume.

luxveniente 06.06.14 13:41| 
 |
Rispondi al commento

mi sembra giusto non svendere un bene pubblico italiano ma,cosa dobbiamo fare per arginare lo spreco ENORME della rai con le sue consulenze esterne, dei lavori dati esternamente lasciando
i lavoratori rai a rigirarsi i pollici delle dita,
le assurde cifre di stipendio dei presentatori, manager e tutti coloro che vivono a "babbo morto"
dentro la rai?
Fico, ti rispetto e ti ammiro e, considerando che non puoi fare gran che per resettare questo stato di cose, ti prego solamente di mettercela tutta
per fermare l'emorragia del NOSTRO denaro pagato
per mantenere questo carrozzone e fare in modo che la rai torni degli italiani e non dei politici.

..buon lavoro...

silvano s., milano Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 06.06.14 13:30| 
 |
Rispondi al commento

fico io che piglio 550 euro al mese,pagare 113,50 euro per vedere dementi e schifezze è troppo,con una tv gratis che ognuno si vede quello che vuole,la rai fa schifo, fico va privatizzata e un canale gratis di servizio, che vuol dire il tg che non sia cinema e vaticano a raffica e un monti,letta, renzi ecc, almeno come presidente metti ordine in rai news, cioè se quello è un tg 24 io sono la regina d'inghilterra, cioè pure te svegliati,la rai fa schifo

anna q., pianborno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 06.06.14 13:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

VENDO BAGNOLI CHI LA VUOL COMPRARE.VENDIAMO I POLITICI UN TANTO AL CHILO?

al a., pavia Commentatore certificato 06.06.14 13:21| 
 |
Rispondi al commento

Mi sorge un dubbio, chi comprerà queste quote?

Forza M5S.

Luciano R., Abbiategrasso Commentatore certificato 06.06.14 12:48| 
 |
Rispondi al commento

Queste antenne servono per l'uso di internet a banda larga . E come dire di vendere un qualcosa che domani e in futuro varrà miliardi di euro e non poche centinaia di milioni. Dove passera la famosa 4g e LTE .
oggi già paghiamo il tutto il doppio o il triplo in confronto ai paesi europei.
E una rete che se venduta per 150 milioni,, a chi la comprerà , porterà miliardi di ricavi , che non andranno più allo stato ma al fortunato privato che se la papperà.
Potrei anche fare i nomi , de benedetti,Berlusconi, e tutta la cricca di imprenditori che in 20 anni si sono appropriati di beni dello Stato . Come nelle passate privatizzazioni , la sinistra vende , la destra compra.
Dato che fra poco dovranno andarsene stanno pensando bene di investire i soldi fatti fin ora con corruzione e mazzette .
Ci sta anche un altro aspetto , il controllo anche delle future reti , come dire la televisione e giornali sono già nostri , manca solo il controllo della rete.

GIOVANNI I., Padova Commentatore certificato 06.06.14 12:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E se ci fosse stato un governo pd e 5 stelle forse si poteva fare di piu e mettere il pd con le spalle al muro e non avremmo perso tutti quei voti alle europer

emilio d'angelo 06.06.14 12:34| 
 |
Rispondi al commento

per fortuna che esiste il M5S e Grillo e Casaleggio contro i mentitori di professione ed i giornalisti, loro alleati nelle più sporche faccende... sentire gli ignoranti come santoro sparare le loro cavolate non ha più effetto sul 21% dei votanti... si sveglieranno ancora altre persone? vedremo...
a proposito di mentitori.. i verdi hanno promesso di battersi contro il TAV e poi a roma hanno votato con prodi a favore... non fatevi prendere in giro e documentatevi bene sulle battaglie di Farage per la libertà, non sul Falso Quotidiano, ma dalle fonti dirette, anche loro sono passati dall'altra sponda ormai, anzi, lo sono sempre stati, a parte Travaglio, che su questo ha le sue idee, discutibili, appunto perchè sono sue idee...

Silvio R. Commentatore certificato 06.06.14 12:33| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo di italiano è rimasto poco.... le grandi industrie, i grandi marchi, ora anche le televisioni, come i carburanti e l'energia sono in mano agli stranieri. Siamo colonizzati senza spargimento di snague. Ma finchè tutti non saremo indignati veramente e fortemente, i passi che faremo saranno davvero piccoli e con lo sforzo di pochi.

caterina n., firenze Commentatore certificato 06.06.14 12:25| 
 |
Rispondi al commento

Santoro ha parlato di colpo di genio di Renzi che avrebbe messo all'angolo Grillo. LOL

Al. P. Commentatore certificato 06.06.14 12:12| 
 |
Rispondi al commento

NELLA REALTA' IN CUI VIVIAMO OGGI MI CONSIDERO UNO SPROVVEDUTO IDEALISTA, TUTTAVIA HO CAPITO CHE STANNO TENTANDO L'ENNESIMO ATTACCO AL POCO CHE RESTA ANCORA DA RUBARE.
MA HO CAPITO ANCHE CHE STIAMO AVVICINANDOCI A UN PUNTO DI NON RITORNO OLTRE IL QUALE LE SOLUZIONI NON SARANNO NE PREVEDIBILI TANTO MENO CONTROLLABILI.

MASINI PAOLO 06.06.14 12:08| 
 |
Rispondi al commento

I brogli , l'alleanza con farage, il grano saraceno, le sirene , le biowashball, l esilarante "saró breve e circonciso", "i vaccini sono inutili" o"l'aids non esiste" etc etc(ce ne sono tante altre)
Ma non ci sentite un tantino ridicoli? State sorpassando i livelli di prodi, e berlusconi!
Non avete una linea politica, (avete il coraggio di di tirare in causa berlinguer, che di un partito come il vostro avrebbe solo riso?), cioe' prima berlinguer e poi andate a fare i patti con lo UKIP?
Cercate di tirare dentro tutti, ma poi dopo che fate?
Se riuscite a darmi una risposta convincente riguardo alla vostra linea politica , alle prossime elezioni avrete il mio voto! (Alle ultime non sono andato a votare)

Claudio berzacchio 06.06.14 11:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La rai come tv fa schifo privatizzatela pure! E poi se dv pagare pago quello che dico io

salvo gibella 06.06.14 11:54| 
 |
Rispondi al commento

Tutto giusto e vero quello che dice Fico.. ma come al solito il messaggio che "passa" e che tv e giornalisti fanno passare è che FICO e perciò il M5S non vuole tagliare gli sprechi in Rai.
Pertanto quanto scritto da Fico deve essere reso noto agli italiani in maniera chiara perchè altrimenti anche questa giustissima battaglia passerà come "il M5S sa solo dire NO".

Barbara 06.06.14 11:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

...il gatto ha visto il sorcio e se lo deve magnà...

Francesco Gulli 06.06.14 11:47| 
 |
Rispondi al commento

Fico spiegaci che cosa ci faceva la direttrice di rainews Monica Maggioni a Copenaghen, dal 29 maggio al primo giugno, all'hotel Marriot.

E' TUO DOVERE!

GIUSEPPE GALEONE 06.06.14 11:47| 
 |
Rispondi al commento

Al Cittadino Fico:
IN RAI CI SONO TROPPI CANALI!!
BISOGNA SFOLTIRE GLI SPRECHI ED UNIFICARE CANALI CON TEMATICHE SIMILI. ES.: RAI STORIA + RAI 5 + RAI + RAI SCUOLA.

john f. 06.06.14 11:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E basta. Questi hanno preso il paese e lo vogliono svendere come fosse di loro proprietà.

Non funziona niente perché niente deve funzionare e si deve privatizzare a prezzi stracciati.
Ci stanno rovinando "per il nostro bene".

F. Masciullo, daGrottaglie Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 06.06.14 11:42| 
 |
Rispondi al commento

Pare che il sindacato dei giornalisti Usigrai stia decidendo di sospendere lo sciopero dell'undici giugno.
La decisione avviene a seguito della rinuncia del governo a tagliare le sedi regionali, che accontenta i giornalisti, ma non risolve nessuna delle altre motivazioni per cui era previsto lo sciopero, tra cui la vendita di Raiway.
Servi del potere fino all'ultimo!

http://www.youtube.com/watch?v=PwYdZ0HFHMk

Luca 06.06.14 11:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

continua la svendita del bene pubblico ma ce lo chiedono i piddini!!!

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 06.06.14 11:22| 
 |
Rispondi al commento

ma quei 380 milioni di regalo da bankitalia alle banche private invece non si toccano!!!

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 06.06.14 11:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori