Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Una rettifica necessaria, di Aldo Giannuli

  • 42


rettifica_giannuli.jpg

"Mi segnalano articoli e note d’agenzia a seguito di una mia intervista a Radio Città Futura che contengono delle inesattezze dovute probabilmente ad un fraintendimento. Richiesto del perché non ci sia stata una consultazione on line sulla questione della legge elettorale, io ho risposto pensando al fatto che, dopo la consultazione su ogni singolo punto, non c’è stata la consultazione del testo definitivo della proposta, idea originaria che però venne ritenuta non praticabile perché, nel frattempo di era in piena campagna elettorale, in cui ed attivisti ed iscritti erano pienamente impegnati ed, inoltre, erano già stati consultati anche per altre materie, per cui c’era una sorta di effetto saturazione. In effetti si parlò brevemente dell’ipotesi di fare la consultazione, ma di intesa con chi gestisce il sito, si ritenne di poter superare questo step. D’altro canto, si trattava di un passaggio non necessario dato che, appunto, la proposta assorbiva ogni singola indicazione scaturita dalla consultazione che, cosa da non dimenticare mai, aveva coinvolto ben 30.000 persone e per diverse puntate settimanali (caso unico in tutti i partiti italiani). Il giornalista, invece, si riferiva (come si ricava da note ed articoli di cui si diceva) ad una consultazione sull’apertura al Pd. Su questo mi era parso di essere stato chiaro dicendo che non era affatto necessaria la consultazione, in quanto è nell’ordine delle cose che, se una formazione politica elabora una proposta di legge elettorale, lo fa per sottoporla alla discussione con le altre, anche perché diversamente non avrebbe alcuna probabilità di vederla accolta. Dunque, un passo che è nella stessa logica dell’azione e, pertanto, si immagina accettata da chi partecipa alla consultazione punto per punto. Dunque, le deduzioni su un preteso ruolo censorio di Casaleggio, Grillo o altri, sulla questione dell’incontro con il Pd si basano solo su un equivoco e, come tali, non hanno fondamento." Aldo Giannuli

Ps: dopo questa rettifica si prega Vanity Fair e in particolare Francesco Oggiano di recepirla nell'articolo dal titolo "Giannuli: "Il voto online su Renzi? Bocciato da Grillo e Casaleggio". In ogni caso ci si riserva ogni azione legale nei confronti della testata e di Oggiano. Lo staff.

16 Giu 2014, 17:29 | Scrivi | Commenti (42) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 42


Tags: Aldo Giannuli, Casaleggio, democratellum, Grillo, incontro renzi, legge elettorale, M5S, Renzi

Commenti

 

Ho letto quanto scrive Aldo Giannuli sul blog di Grillo ed il post scriptum dello staff:
" Ps: dopo questa rettifica si prega Vanity Fair e in particolare Francesco Oggiano di recepirla nell'articolo dal titolo "Giannuli: "Il voto online su Renzi? Bocciato da Grillo e Casaleggio". In ogni caso ci si riserva ogni azione legale nei confronti della testata e di Oggiano. Lo staff. "

e penso che nessuno abbia mai chiesto, dopo la notizia di dialogare con Renzi ( ora bisogna fare anche la distinzione se si sta parlando di Renzi "ebetino" o di Renzi "capo del governo") che fosse indetta una "consultazione sull'apertura al PD".
Qui si diceva -e si dice- che, averci sbattuto il piatto della minestra già pronto in faccia, senza esserci stata una preventiva consultazione tra gli scritti- come dovrebbe sempre avvenire- è considerata una presa per i fondelli!
Ci vuole tanto a capirlo?
La stessa cosa non accadde quando il senatore Buccarella presentò la proposta per l'abrogazione del reato di clandestinità e, dopo l'incazzatura di Grillo, fummo chiamati in fretta e furia ad esprimerci on line, ma dopo il fattaccio?
Perché deve accadere DOPO e non PRIMA?

Vittorio Reho, Noicattaro Commentatore certificato 17.06.14 10:25| 
 |
Rispondi al commento

In effetti sulla legge elettorale la consultazione della base era già molto ampia, non così è stata per la questione "verdi" per le europee.
A volte troppo a volte niente, una bella via di mezzo?

Eddy B. Commentatore certificato 17.06.14 10:18| 
 |
Rispondi al commento

Ma perché Vanity Fair si mette a trattare anche su fatti esterni alle cazzate di moda o altro? Consigliategli di ritornare al loro target originario

Federico T., roma Commentatore certificato 16.06.14 23:54| 
 |
Rispondi al commento

questa e' diretta ai parlamentari 5 stelle,mentre vi state riposizionando vi chiedo:perche' con i 40 milioni di euro non avete fondato una banca etica?perche non c'e' stata nessuna campagna di sensibilizzazione e autoriduzione sull'aqcua pubblica?la leggeelettorale e' una farsa e lo sapete bene,ci siete cascati pure voi,e quello stare in giacca e cravatta sempre anche in tv lo trovo cosi nauseante,questi bravi e brave ragazze comantati dal web,se mi dovessi sbagliare ne saro' felice,ma questo riposizionamento insieme al nulla che avete fatto mi fa sperare nell'umilta' di una risposta che cove vostro elettore pretendo.

swami ., terni Commentatore certificato 16.06.14 22:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se volevo legittimare RENZIE e trattare con lui votavo Berlusconi invece di farmi 4mesi di banchetti

Flavio Ranalli 16.06.14 21:24| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Il problema a questo punto é sapere chi sta decidendo, cosa, quando e come mettere delle cose in votazione o fare dei post sul blog.

E' vero che una media di 30000 hanno votato quando interpellati ma fare click non si sa da chi e da dove su un portale non ha niente a che fare con democrazia diretta e partecipata.

PS: ancora non si sanno quanti sono gli iscritti potenziali votanti, età o in che regione sono. Insomma fare una legge elettorale a suon di click non mi pare gran che anche se io stesso vi ho partecipato.

gigi 16.06.14 20:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho scritto delle critiche che sono state
amplificate dalls tv in centinaia di volte.
Io non voglio essere strumentalizzato come a
favore o contrario, quello che ho in mente
io non e' quello che ha in mente il giornalista
o il poliziotto che stanno spiando quello
che scrivo,.
Per questo motivo dico che quelli che stanno controllando quello che si scrive qui dico
che non va bene
Dico tutti insieme coloro che inseriscono
commenti sul sito di Beppe Grillo devono
segnalare questa cosa a chi gestisce ogni
singola parte della rete
Coloro che ci spiano devono essere isolati
dalla rete, perche' la rete siamo noi che
scriviamo e non loro che controllano
Chi non scrive e non partecipa e' semplicemente
un intruso che deve essere estromesso
La rete siamo noi e se noi non vogliamo
essere spiati non dobbiamo esserlo.
Se non c'e' questa cosa allora il sito
stesso di Beppe Grillo deve essere
segnalato come un sito che accetta lo sniffering , lo spying e che non rispetta ne' privacy ne garantisce
la sicurezza di chi ci scrive ed e' quindi un sito
libero ma un sito che si presta alla strumentalizzazione politica e non libero.
Quindi invito tutti a fare segnalazione di spying
e sniffering e a chiedere la disattivazione
del sito www.beppegrillo.it
Se non e' cosi' voglio vedere nome e cognome di chi minspia come loro vedono il mio nome e cognome

Adami

Antonio Adami 16.06.14 20:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ladri, puttanieri e corruttori senza escludere i mafiosi ma se il M5S o qualcuno vicino a lui si permette solo una piccola scorreggina dio ci fulmini, scoppiano casi, teorie pazzesche, teoremi su fascimo e nazismo.

Ma una passeggiata affanculo non sarebbe una buona idea per questi grandi pensatori tipo giusto per fare un esempio scalfari o lerner????


Renzi deve tutto a Grillo e il M5S perché se non ci fossero stati lui non sarebbe mai diventato segretario e ancor più presidente del consiglio. A lui interessa il dialogo con il M5S ma farà valere il suo 40,8 % anche in questa apertura, e metterà sul piatto le sue proposte e non credo accetterà la legge elettorale, ma è una manna insperata per lui, la userà contro Berlusconi per costringerlo ad accettare alle sue condizioni. Renzi è furbo, lui avrà due scelte a sua disposizione, per usarle a suo vantaggio: lui è il banco, purtroppo vincerà qualunque scelta farà.

bruno franchi 16.06.14 20:19| 
 |
Rispondi al commento

C.V.D.
come direbbero in molti , me compreso , come volevasi dimostrare.
sentiremo delle balle magagalattiche su sta storia .
la via ci e ' stata insegnata : teniamo a portata di mano il maalox :-)

massimo x 16.06.14 19:25| 
 |
Rispondi al commento

Cari Italioti che continuate a criticare il m5*****, ma dove ca**o siete stati in questi 20/30 anni? A farvi distruggere da questa classe politica,che una volta eletta, non vi riconosceva più e spariva dalla circolazione per fare i porci comodi loro. Ora che c'è, finalmente,chi vi ascolta e cerca di lavorare VERAMENTE per i cittadini, state a guardare anche le virgole. Mi dispiace che, in questo paese, ci vivo anch 'io, altrimenti sarei ben contenta di tutto quello che sta capitando,( terra dei fuochi, Ilva, amianto,mari inquinati,opere d'arte lasciate all'incuria,ruberie dei politici,malaffare etc.),perché,nonostante lo scempio, votate sempre quelli che, in una mano hanno la carota, ma, nel'altra, un bel CETRIOLO.

alfonsina p. Commentatore certificato 16.06.14 18:48| 
 |
Rispondi al commento

Questa storia della consultazione online riempie la bocca a troppi col pretesto di criticare il metodo sia che lo si usi, sia che non lo si usi: "ma perchè non avete consultato la rete per questo", "ma perchè la consultate", ecc... Trai i giornalai è la raccomandazione maggiore dell'editore per scrivere l'articolo.

Costruiamo, come abbiamo fatto con la legge elettorale, delle regole chiare sul quando, come e su cosa fare consultare la rete.

Ital Rolando, Nizza Monferrato Commentatore certificato 16.06.14 18:18| 
 |
Rispondi al commento

Il ricorso alla rete viene visto dai più non come una novità ma come una sorta di ricorso a piacere. Certamente è auspicabile che tale ricorso sia il più ampio possibile, si può migliorare certo che si, ma non dall'oggi al domani.

vincenzo rosciano, potenza Commentatore certificato 16.06.14 18:13| 
 |
Rispondi al commento

Grazie della precisazione. E' rivolta a chi finge di non intendere i passi fatti. Avanti così.

Ius Gravitas (), Catania Commentatore certificato 16.06.14 18:10| 
 |
Rispondi al commento

Grazie prof. Aldo per la precisazione: questo si chiama parlare con "lingua diritta"!

Silvio ., Bolzano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 16.06.14 18:04| 
 |
Rispondi al commento

Sig. Giannuli, grazie per la precisazione.
Purtroppo c'è sempre e ci sarà sempre quello a cui non va bene mai niente.

Alessandro L. 16.06.14 17:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

per me non fa differenza tanto son 3 mesi che aspetto che venga verificato il mio documento di identità per completare l'iscrizione... questa cosa del sito doveva essere una cosa pratica ed accessibile a tutti, ma QUANDO?

Matteo M. Commentatore certificato 16.06.14 17:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'impressione però è che Grillo e Casaleggio non credano veramente nella democrazia diretta, anzi abbiano proprio paura, altrimenti non si spiegherebbe come mai non facciano votare da quasi un anno chi si è iscritto dopo il 30 giugno 2013.

Tommaso B 16.06.14 17:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cosi è (se vi pare).

L. Pirandello


Jambo Bwana (habari gani) Commentatore certificato 16.06.14 17:44| 
 |
Rispondi al commento

perfetto e chiaro Giannuli!!!bene così!!

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 16.06.14 17:41| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori