Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

#BastaSoldiAiGiornali: la proposta M5S in Commissione

  • 136


La proposta di legge M5S per abolire il finanziamento pubblico ai giornali
02:21
brescia_giornali.jpg

>>> Oggi 17 luglio presso la Camera dei Deputati alle ore 15.00 si terrà l'incontro tra la delegazione del M5S e quella del PD sulla legge elettorale. La diretta streaming sarà trasmessa sul blog e su La Cosa <<<

"Oggi nella VII Commissione “Cultura, Scienza e Istruzione”, si discuterà la prima proposta di legge scritta con i cittadini iscritti al M5S, quella sull'abolizione del finanziamento pubblico all'editoria. Facciamo una doverosa premessa ricordando che: “il dovere più pregnante del giornalista e caposaldo del diritto di cronaca è il dovere di verità, considerato sia dalla legge n. 69 del 1963 che dalla stessa Carta dei doveri quale "obbligo inderogabile". Gli organi di informazione sono l'anello di congiunzione tra il fatto e la collettività. Essi consentono alla collettività l'esercizio di quella sovranità che secondo l'art. 1 della Costituzione "appartiene al popolo". Un'informazione che occulta o distorce la realtà dei fatti impedisce alla collettività un "consapevole esercizio della sovranità”. La situazione in cui versa l’editoria “tradizionale” è drammatica e la politica è chiamata a trovare delle soluzioni per realizzare il necessario rinnovamento del sistema informativo del nostro Paese, per portarlo qualitativamente alla pari di altri grandi Paesi (ricordiamo che l’Italia si trova al 49° posto del ranking 2014 del Reporters senza frontiere sulla libertà di stampa dietro a paesi come Estonia, Giamaica, Costa Rica, Namibia, Capo Verde, Ghana), per agevolare il pluralismo informativo, per promuovere un corretto e concreto inserimento dei tanti giovani giornalisti che oggi sono costretti a lavorare nelle redazioni per pochi euro al pezzo. Anche negli altri Paesi europei lo Stato interviene per aiutare, in campo editoriale, ma lo fa per incentivare nuove iniziative, promuovere l’innovazione, aiutare i piccoli a crescere, insomma per aumentare il pluralismo e il ventaglio delle offerte, favorendo così l’allargamento del mercato e la stessa occupazione di settore. Invece, in Italia, il sistema del finanziamento pubblico all’editoria ha finito per trasformarsi in un mero strumento utilizzato dai partiti per favorire realtà editoriali ad essi collegate direttamente o indirettamente agevolando gli interessi dei grandi editori e tutelando le grandi firme a discapito di pluralismo, qualità dell’informazione e libertà di stampa. Se è vero che negli ultimi anni gli stanziamenti si sono ridotti, è pur vero che il flusso di denaro pubblico per il settore continua ad essere consistente. Qualche numero: per il 2014, il dipartimento per l'Editoria della presidenza del Consiglio ha a disposizione circa 140 milioni di euro. Stessa cifra per il 2015 e per il 2016. E oltre alla dotazione del dipartimento, l'ultima legge di Stabilità ha stanziato ulteriori risorse per il sostegno all'editoria: 50 milioni per il 2014, 40 milioni per il 2015 e 30 milioni per il 2016. Quindi, solo nel 2014, 190 milioni di euro di soldi pubblici andranno all’editoria. Di questi fondi una buona parte andrà in contributi diretti, quindi per intenderci sarà destinata anche a giornali di partito o ad altre testate come Avvenire (€ 4.355.324,42), Europa (€ 1.183.113,76), Il Foglio (€ 1.523.106,65), Italia Oggi (€ 3.904.773,62), Il Manifesto (€ 2.712.406,23), L’Unità (€ 3.615.894,65) [dati del 2012]. Ben più cospicui, anche se difficili da quantificare, sono invece i contributi indiretti: agevolazioni IVA, agevolazioni postali, obbligo di pubblicazione dei bandi pubblici, ecc.Ora chiediamo: a chi dovrebbe giovare tutto ciò? Per noi la risposta è banale: questo cospicuo ammontare di denaro non ha nulla a che vedere con quello che dovrebbe essere il fine ultimo di una buona politica, ossia tutelare l’art. 21 della Costituzione, bensì mira a gonfiare le casse degli editori che restituiranno il favore in termini di “riconoscenza” nei confronti del governo di turno.In questi giorni è vivacissimo anche il dibattito relativo alla tutela del diritto d’autore on-line, materia su cui è già intervenuta di recente AGCOM adottando un regolamento su cui siamo molto critici. A riguardo, il M5S ha presentato una relazione all’AGCOM dalla quale si evincono tutte le nostre perplessità ed una proposta di legge (Atto Camera: 1639) che invece contiene le nostre proposte. In sostanza noi vorremmo superare l’approccio che l’ordinamento italiano ha adottato finora in materia di diritto d’autore on-line, limitandosi ad una mera repressione delle condotte di condivisione abilitate dallo sviluppo della rete internet e vorremmo, al contrario, coglierele straordinarie possibilità offerte dalle reti di comunicazione in termini di accesso alle opere tutelate dal diritto d’autore- creazione e di condivisione di nuove opere- sviluppo di nuove iniziative imprenditoriali rese possibili dalla rivoluzione digitale. Indro Montanelli ha lasciato ad ogni giornalista tre semplici regole:
1) guadagnarsi la fiducia del lettore dicendo sempre tutta la verità e, se ci si sbaglia, chiedere scusa immediatamente;
2) scrivere con un linguaggio semplice, quello del lettore e non quello “dell’Accademia, peste e dannazione di una cultura”. Essere sempre al servizio del lettore;
3) non far mai sentire al lettore la propria opinione: “che te ne sia fatta qualcuna, è inevitabile; e chi lo nega, o è un imbecille o è un bugiardo. Ma non si può né si deve imporla al lettore; bisogna lasciargliela suggerire dai fatti secondo il modo in cui gli si raccontano”.
E invece cos'è il giornalismo oggi anche e soprattutto a causa di quei finanziamenti pubblici che oggi vogliamo abolire? L'intento del M5S è quello ambizioso di rinnovare l’informazione e liberarla dal giogo dei partiti e dei pochi editori che ne detengono il controllo nel nostro Paese. Parafrasando Enzo Biagi: “Credo nella libertà di espressione, cioè giornali e televisioni liberi di criticare il potere.“ Per raggiungere questo obiettivo, noi riteniamo si debba passare anche dall’abolizione del finanziamento pubblico all’editoria così com’è concepito oggi in favore di una nuova forma transitoria destinata alla realizzazione di una reale innovazione e che produca un reale pluralismo.
Dopo la giornata di oggi vi terrò aggiornati sull'iter della nostra proposta di legge."
Giuseppe Brescia, portavoce M5S Camera

Paolo Becchi parla a titolo personale, non è l'ideologo del M5S e non ne condivide assolutamente le valutazioni. Lo si prega di esternare solo a titolo personale


17 Lug 2014, 10:47 | Scrivi | Commenti (136) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 136


Tags: finanziamento pubblico giornali, giornali, giornalisti, Giuseppe Brescia, informazione di partito, l'Unità, M5S, media di regime, propaganda

Commenti

 

Non so se ancora sia come qualche anno fa.
La torta dei finanziamenti alla stampa andava anche alle riviste di gossip tipo Novella 2000.
Al di là di questi scandalosi finanziamenti, testate come Il Foglio (di Ferrara), Europa (di Dalema) che tiratura hanno?
Forse nelle grandi città, Roma, Milano, dove hanno le loro particolarissime clientele.

Non sono come gli Enti inutili?
Se mancassero ad un tratto sarebbe lutto nazionale?

Giuseppe Flavio, vicenza Commentatore certificato 20.07.14 21:14| 
 |
Rispondi al commento

4 DOMANDE 4 ad editori e giornalisti.

1) Come mai l'Europa condanna gli aiuti di stato, ma per i giornali eccepisce?
2) È un bene così primario questa informazione, specialmente in questi periodi di crisi, da dover essere sovvenzionata dallo stato e non imparare invece a camminare con le proprie gambe riuscendo a rendere appettibile il prodotto informazione in modo che venga pagato -coprendone i costi- da chi ne usufruisce direttamente?
3) Rispetto alla qualità ed all'imparzialità dell'informazione divulgata, meritano i giornali di essere sovvenzionati?
4) POTREMO ASPETTARCI, FACENDO UN MINIMO DI RAGIONAMENTO LOGICO, CHE L'EDITORE, IL DIRETTORE ED IL GIORNALISTA, ALL'OCCORENZA, MORDANO LA MANO DI CHI HA DATO LORO "DA MANGIARE"?

Quindi: NO ASSOLUTO al CONTROPRODUCENTE finanziamento ai giornali!
Non dimenticando anche che le sovvenzioni pubbliche, vanno anche a finanziare anche alcuni superstipendi !

Hivon T., Spinea Commentatore certificato 20.07.14 01:43| 
 |
Rispondi al commento

Mi sembra strano che nessuno abbia fatto notare che il finanziamento dell'editoria non è di per sé sbagliato. Proviamo ad immaginare cosa succede se nessun quotidiano riceve più il becco di un quattrino. Solo i poteri forti potrebbero permettersi di pubblicare un giornale a tiratura nazionale, perché la stampa dei quaotidiani nella maggioranza dei casi non produce utili, è in perdita. E' davvero questo che vogliamo? Pochi giornali ancora più di regime di come sono adesso, e un certo numero di testate quasi amatoriali, gestite con poche risorse, pochi giornalisti, stipendi che non attirerebbero nessuna penna di classe, insomma una situazione anche peggio di quella di adesso. Il finanziamento ai giornali dovrebbe garantire loro di sopravvivere e a noi di avere pluralità di opinioni, cioè democrazia. Ma invece come sempre in Italia anche i migliori propositi vengono pervertiti e diventano il contrario di quello che dovrebbero essere: per mancanza di partecipazione dei cittadini, che se ne sbattono, per mancanza di controllo, perché la politica, anzi la partitocrazia, ha inquinato tutto. Come sempre le leggi ci sono e non sono neanche male come principio, ma poi sono svuotate del loro significato originale e diventano delle farse.

Daniele Campagna 18.07.14 19:51| 
 |
Rispondi al commento

Sui contributi indiretti all'editoria si può discutere ma i contributi diretti sono vergognosi

Fabio Maria Agostinelli, Ancona Commentatore certificato 18.07.14 15:24| 
 |
Rispondi al commento

ANNI FA ABBIAMO FIRMATO, SU INIZIATIVA DEL MOVIMENTO DI GRILLO, PER TOGLIERE IL FINANZIAMENTO PUBBLICO ALLA STAMPA, MI SEMBRAVA POI CHE FOSSE STATO RAGGIUNTO AMPIAMENTE IL QUORUM, INSOMMA QUALCUNO POTREBBE DIRMI CHE FINE HANNO FATTO QUELLE FIRME?
LA CLASSIFICA POI SECONDO LA QUALE ABBIAMO UNA STAMPA PEGGIO DEI PAESI DEL TERZO MONDO, DOVE ESISTONO CONFLITTI RELIGIOSI, ETNICI, RAZZIALI, TRIBALI E CHI PIU' NE HA PIU' NE METTA, LA TROVO SEMPLICEMENTE RIDICOLA, BISOGNA SMETTERLA DI SCIORINARE CLASSIFICHE E STATISTICHE ASSURDE TENDENZIOSE FALSE,
IL PROBLEMA COMUNQUE ESISTE ED E' CHE UNA PLETORA DI GIORNALI (MA ANCHE PUBBLICAZIONI DI VARIO ORDINE E GRADO MA DI NESSUN INTERESSE)AL SOLDO DI PARTITI ASSOCIAZIONI, ENTI, RICEVONO SOLDI DEI CONTRIBUENTI DI QUELLI CHE, COME IL SOTTOSCRITTO, SONO STATI VESSATI O ROVINATI DA EQUITALIA SOLO PER RINPINGUARE IL PROPRIO CONTO IN BANCA E DARE IL POSTO AD UNA MASNADA DI RACCOMANDATI CHE NON SANNO NEMMENO SCRIVERE (NON SALVO NEMMENO LE INFINITE PUBBLICAZIONI CULTURALI ANCHE QUESTE IN MANO A CRICCHE CHE DIPENDONO DALLA POLITICA)

mario bulgarelli 18.07.14 14:58| 
 |
Rispondi al commento

La forza e il potere
della Casta,sta quantomai nei Media-Tv & Stampa di partito che essi posseggono in qualità del conflitto di interesse!
Colpire la Stampa è come colpire la linfa vitale dei partiti,quale loro strumento per la diffusione delle menzogne al popolo per manipolarlo .........
Basta! soldi ai giornali!!sarebbe buona!
ma sarà una gara dura!..........
per altro sarebbe utile parimenti
dar corso a una Buona! legge sul Conflitto di interesse!!

Morena ., ferrara Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 18.07.14 14:09| 
 |
Rispondi al commento

VIA I FINANZIAMENTI AI PADRONI DEI PENNIVENDOLI DE BENEDETTI E BERLUSCONI . RESET.

frank pit Commentatore certificato 18.07.14 13:51| 
 |
Rispondi al commento

La diffusione delle INFORMAZIONI deve essere sostenuta finanziariamente dallo stato, peccato che in Italia i giornali NON DIFFONDONO I FATTI ma li distorcono a vantaggio dei vari gruppi politici cui fanno capo. Viene a mancare, quindi, il presupposto fondamentale che autorizza un giornale a chiedere di essere sostenuto finanziariamente. In poche parole se racconti la TUA verità, pagatela !

Tukko67 aka (acronik-nauta) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 18.07.14 08:29| 
 |
Rispondi al commento

E' ora di finirla con questa schifezza tutta italiana ...è una professione come tante altre ,se vendi guadagni se non vendi cambi mestiere...e che cazz..

Stefano Buratti (bubupatti), Ravenna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 18.07.14 01:54| 
 |
Rispondi al commento

Condivido pienamente quanto detto dal m5s circa l'abolizione del finanziamento pubblico alla stampa, e,finalmente,fondare le notizie veritiere per il lettore,in modo che possa partecipare e contribuire ad una informazione"libera"e tendente ad un costume che non sia lesivo ma eticamente educativo.

Parlo con convinzione perchè sono stato un assiduo lettore della rivista "L'architettura" di Bruno Zevi sin dagli anni '70 fino al 2000 poi scomparsa perchè è defunto il Direttore B.ZEVI nello stesso anno.

Con Voi del m5s ho trovato quella stessa intensità e per questo vorrei partecipare a questa nuova iniziativa,ma oltre che lettore anche come editorialista che sappia sempre dare notizie veritiere come quelle dette da INDRO MONTANELLI,ENZO BIAGI e tanti altri che con tanta cordialità sanno informare i lettori e renderli responsabili civilmente.

Ho fiducia in questo perchè la rivista"mensile" di BRUNO ZEVI è iniziata nell'anno'55 ed è finita nel 2000,le notizie erano ottime e non cattedratiche ed a un costo alla portata di tutti:da un minimo di 100 lire ad un massimo di diecimilalire e senza finanziamento pubblico,e confermo che le notizie erano ricche di contenuto e veritiere.

Ebbene sono sicuro che il m5s vincerà e l'editoria sarà quella dei cittadini e non quella partitica o lottizzatrice.

Sono stanco(siamo stanchi)
delle spartizioni/lottizzazioni voglio che trionfi la libertà di stampa in modo che l'italia oggi al 40°posto raggiunga quei posti salutari da essere competitiva con l'editoria nazionale,europea e nel resto del mondo.

Avrò in seguito modo di partecipare e esprimermi per informare con semplicità e con dovizia anche quel lettore che dimostra insensibilità o dubbioso perchè privo di conoscenza utile per scoprire la vera,dico vera VERITA'.

Evviva il m5s anche per questo ramo del sapere che è doveroso dire che non è dottrinale ma partecipativo e nell'interesse comune.

franco dimasi, anzio Commentatore certificato 17.07.14 22:16| 
 |
Rispondi al commento

Scommettiamo che il partito unico non abolità alcun finanziamento all'editoria? Scommettiamo che ci prenderanno per il posteriore come al solito? Non voglia il cielo che una volta tanto passi una legge del M5S perché in tal caso sicuramente aspettiamoci come minimo un evento naturale di portata prodigiosa. Forza M5S non so quando li manderemo tutti a casa ma è certo che ce la faremo.

ROBERTO TORRESAN, PAESE Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 17.07.14 19:48| 
 |
Rispondi al commento

L'informazione oggi in Italia non è solo strumentalizzata, ma ridicolizzata; oramai viene trattata come se fosse qualcosa di scontato e, come purtroppo spesso accade quando le cose si danno per scontate, si finisce per metterle in un angolo senza dargli troppa importanza, specie quando si è italiani e si è impegnati a sbrogliarsi fra le difficoltà e le fatiche della vita quotidiana, ma questo, auguro a tutti gli italiani, non diventi un buon motivo per disinteressarsi al proprio Paese perché sarebbe terribile dal momento che siamo noi, il Paese. Per quanto riguarda chi l'informazione la fa, beh, la classifica parla chiaro: quarantanovesimo posto, è assurdo, siamo di fronte a speculazioni, falsità e l'unico obiettivo non è più il pubblico ma l'impressione che il giornalista dà al pubblico e con questo tutti gli interessi che si trascina dietro, vuoi del politico di turno, vuoi di se stesso. Come tutti i mestieri, credo, quello del giornalista dovrebbe esser fatto per vocazione, non solo per guadagno; mi chiedo che cosa succeda alle persone dopo che sono riusciti ad ottenere un posto nella società. O prima. Comunque, se il Movimento 5 Stelle da una parte è deciso a portare avanti il proprio progetto di rinnovare l'informazione attraverso il proprio progetto legge (buona fortuna ragazzi!)dall'altra deve esserci un'italia partecipativa, obiettiva, desiderosa di comprendere i problemi che l'affliggono, senza stancarsi, un dovere civile, un desiderio, quello che volete, ma costante, serio e proveniente dal profondo, quel profondo che fa di ognuno quello che è, nella vita lavorativa così come in quella privata.
Faccio tanti auguri al Movimento 5 Stelle! Buon lavoro!

Viola Banin (grillottina), Nettuno Commentatore certificato 17.07.14 19:15| 
 |
Rispondi al commento

SE SON ROSE FIORIRANNO…?

Ecco le 5 proposte presentate da M5S (Di Maio) a Renzi nel corso dell'incontro appena terminato:
1) SI alle preferenze
2) NO condannati in Parlamento
3) NO stesse candidature su più circoscrizioni
4) I° turno proporzionale e senza soglie di sbarramento.
5) Se nessuno supera il 50% dei voti, i primi 2 partiti (NO coalizioni) accedono al II° turno con premio di maggioranza al 52%
RISPOSTE di RenzI:
1) Personalmente preferisco le preferenze
2) Personalmente sono d'accordo
3) Personalmente sono d'accordo
4-5) OK , ma ridiscutere su soglie di sbarramento e 52%
Poiché su tutti i punti occorre una verifica all'interno del PD e, comunque, il soccorso con le altre forze politiche, verranno fornite risposte definitive PRIMA dell'inizio del dibattito parlamentare sul legge elettorale (previsto per il primo agosto).
Renzi conclude dicendo che "se son rose fioriranno" e Di Maio chiosa facendo presente che il tempo per discuterne con le altre forze politiche Renzi ce l'ha avuto (perché non l'ha fatto?) e che , comunque, "LE DUE FORZE CHE SI TROVANO AL TAVOLO (PD E M5S), AVREBBERO I VOTI SUFFICIENTI PER DECIDERE SU QUESTI PUNTI, COMPRESA ANCHE L'IMMUNITA' PARLAMENTARE, LA RIDUZIONE DEGLI STIPENDI E DEL NUMERO DEI DEPUTATI".

Albi 17.07.14 18:50| 
 |
Rispondi al commento

Si puo' finanziare l'inizio di un'impresa editoriale oppure fornirgli servizi per iniziare,ma poi devi arrangiarti come tutti noi del resto il mercato e' per tutti se non vendi chiudi caro mio,ci fate caso che ormai son tutti direttori di testate varie naturalmente alle ns. Spalle e'ora di finirla vai M5s siempre
...

Gabriele M., Aosta Commentatore certificato 17.07.14 17:32| 
 |
Rispondi al commento

Grande post.
Grazie Giuseppe Brescia.

Oggi ho pubblicamente difeso il M5S, dicendo che è molto meglio dell'astensione una bella crocetta sul simbolo, più un buon nome scelto dalla lista (compito molto più facile che per liste).

Fieramente orgoglioso di averlo fatto.

E di certo, anche dopo aver visto lo streaming, LO FARO' DI NUOVO.

Marco M. Commentatore certificato 17.07.14 16:52| 
 |
Rispondi al commento

Ho appena finito di vedere in streaming l'incontro sulla legge elettorale, ma ho notato una cosa: non era in DIRETTA streaming. Faccio notare che ci sono stati molti problemi di collegamento all'inizio e, ogni volta che il dibattito si interrompeva, riprendeva esattamente da dove si era interrotto, come nelle differite. Ovvero: lo streaming che si interrompe non riprende esattamente da dove si è interrotto, ma da dove si trovano le discussioni al momento della ripresa del collegamento. Era uno straming in differita, al di là di ogni ragionevole dubbio.
Di Maio sempre MAGICO, il migliore.
Cosa ne pensate della differita?

barbara berni 17.07.14 16:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

David Lak hai tutta la mia comprensione.

Il M5S si è ridotto a mercanteggiare con i furfanti ch, ripeto, hanno già deciso tutto, ma per farsi vedere belli e democratici ci fanno fare lo streaming.

Ale 69 Commentatore certificato 17.07.14 15:06| 
 |
Rispondi al commento

Molti giornalisti della carta stampata insistono sull'importanza di mantenere in vita i quotidiani cartacei, anche a colpi di sovvenzioni pubbliche, come strumento di difesa dell'informazione e della cultura. Poi leggi questo titolo de La Stampa di oggi e ti chiedi di quale cultura stiano parlando:

"MATURITA' AL LICEO SCIENTIFICO: ALTRI QUATTRO C'ENTRANO IL 100"

https://fbcdn-sphotos-f-a.akamaihd.net/hphotos-ak-xpf1/t1.0-9/p133x133/10442963_693090860761611_9011708746874996063_n.jpg

Vittorio Bertola
Movimento 5 Stelle, Torino

Vittorio Bertola, Torino Commentatore certificato 17.07.14 14:58| 
 |
Rispondi al commento

Ahhhhhhhhhhh...Benedetti sogni che si fanno !!!

renato de martino, California Commentatore certificato 17.07.14 14:58| 
 |
Rispondi al commento

SONO PASSATI TANTI MESI MA NON E' CAMBIATO NIENTE CHI RUBA CONTINUA A RUBARE CHI FA FINTA DI NIENTE MENTRE LA GENTE NON PUO' COMPRARE PIU' IL PANE .
QUINDI ANCORA UNA VOLTA NOI CITTADINI DOBBIAMO SUBIRE SEMPRE IL STRAPOTERE DI QUESTI LADRONI .

VIVIANA 17.07.14 14:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Oggi hanno pubblicato uno richiesto da tutti i giornali del mondo e anche nel nostro paese, promettendo loro che se li paghiamo a fondi avvoltoio, pioggia $ cadrà nella Repubblica Argentina. E questa storia, signori, ho sentito, non come Presidente, ho sentito come un membro del mio paese, come membro dell'opposizione seduto sulla mia panchina durante l'anno 2001, quando ci è stato detto dal fondo monetario internazionale che con il megacanje e lo scudo, dove ci ha fatto un distacco, che ci ha prestato $ 40 miliardi e aumentato il debito a $ 55 miliardi piùfinalmente finito di default, in estrema povertà, la mancanza di posti di lavoro per milioni di argentini.

Questa storia già ascoltato e hai già sentito e sofferto di esso, ciò che è molto peggio, milioni di argentini. (Tradotto da Bing)

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 17.07.14 14:43| 
 |
Rispondi al commento

ma che cazzo ci fa la SERRACCHIANI (che tra l'altro è una persona che mi fa ribrezzo) pure questa volta all'incontro con i 5 stelle?
ma se è presidente della regione Friuli, ma che cazzo c'entra in un incontro per discutere di una legge elettorale?
ma che stracazzo vuole?
a che titolo sta là???
che cazzo c'entra la serracchiani con il potere legislativo???
ma possibile che on c'è nessuno dei nostri che abbia speso una parola a riguardo???
ma ci stiamo proprio imborghesendo, porca di quella sbudellata!
la SERRACCHIANI del cazzo non ha nessun titolo per stare a quell'incontro e si permette pure di venirci a dire che "finalmente sono usciti dall'isolamento?????"...
ma un par de chili de cazzi sua se li vorrà fà?
le pagano lo stipendio da presidente di regione, oltre 10.000€ netti al mese e sta sempre a ROMA e in TV!!!

ci stiamo imborghesendo troppo!
qualche mese fa gliele avremmo cantate di tutti i colori!


vedo molti commenti di persone che leggo da anni i quali si mostrano perplessi sul fatto che questo blog si è desertificato.
0 parlamentari e 0 rappresentanti della comunicazione del braccio istituzionale del movimento.
ebbene si cari amici di anni di lotte.

i cari amanti della politica classica sono arrivati, si sono infilati con i vecchi metodi di scoutaggio e clientela, si sono candidati mettendo alla berlina chi magari era contrario a certi metodi coniando ad arte la parola talebano ed ora stanno mettendo fuori gioco la rete che dovrebbe controllare il tutto.

ripeto la mia previsione fatta gia da qualche mese:
1 anno ancora e stralceranno la regola dei due mandati
2 anni e stralceranno il non statuto sostituendolo con uno statuto vero e proprio e magari scritto da qualche avvocato con la scusante di darsi un'organizzazione perchè senza quella non si va da nessuna parte
3 anni e saremo un partito di sistema con gente nominata.
il tutto si capisce dal fatto che stanno accettando l'italicum facendo finta di volere le preferenze. Certo facendo finta, perchè sanno che con le preferenze non verrebbero mai rieletti.

il popolo del web con le webcam diceva una già vecchia canzone.
ora saremo il popolo dello streaming che invece di stare imbambolati avanti alla tv stanno imbambolati avanti al poc ma comunque solo per guardare.

accetto scommesse

Johnny Gaspari, Cepagatti Commentatore certificato 17.07.14 14:42| 
 |
Rispondi al commento

Certo che gestire un giornale con i soldi dei cittadini è una pacchia e con super stipendi. Anche i giornali devono lavorare come tutte le altre aziende e quindi con il proprio lavoro. E allora smetteranno di scrivere SUPERCAZZOLE e prendersi burla dei cittadini italiani,,, ELIMINARE LE SOVVENZIONI AI GIORNALI,, questa è democrazia,,, FORZA RAGAZZI DEL M5S, la vera democrazia è dalla nostra parte,,

RENZO D., riva presso chieri Commentatore certificato 17.07.14 14:41| 
 |
Rispondi al commento

@ marco spanu:

GUARDATI BENE DALL'INSULTARE LA GENTE.

1 - collega la mente alle dita,,
2 - collega le dita alla tastiera,
3 - collega la tastiera alla mente,
4 - circondati di un ecosistema favorevole,
5 - raccomando scandisk periodico.

Saludos.

Ernesto - La Habana Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 17.07.14 14:36| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi qualcuno riesce a trovare un link o un video della puntata millennium del giorno 15/07/2014...dive parla Romano di Fi.... grazie

giuseppe pollastro, maddaloni Commentatore certificato 17.07.14 14:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi " allaccio " , in parte, al commento sotto di Nando Meliconi, e totalmente, a un commento di Mariuccia Rollo di ieri.
RIGENERIAMO IL BLOG !
Perche' i " ragazzi dentro " ( quelli eletti da noi, entrati nella scatoletta...) non scrivono quasi mai sul blog ?
Perche' ,ogni tanto, non vengono sui commenti e rispondono personalmente a qualche domanda ? Oppure potrebbero commentare anche loro...
Perche' no ?
E' vietato ?
Pensate che non possa essere utile al blog ?
Ha ragione Mariuccia quando scrive che e' nato tutto dal blog !
Ci sono molti commenti che meritano la vosta attenzione cari eletti....venite sul blog, venite ( anche ) in rete. Grazie.

Roberto C., Parma Commentatore certificato 17.07.14 14:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

VENEZIA - La spiegazione non fa un grinza: sabato scorso Giancarlo Galan, a causa di problemi cardiologici legati al suo stato di stress, è stato ricoverato all'ospedale di Este, la struttura sanitaria più vicina a Cinto, dove risiede. Portarlo a Padova, che ha una delle cardiologie più affermate d'Italia, era un viaggio faticoso. Può apparire singolare che, a causa degli strani intrecci politica-affari, l'ospedale di Este ricada proprio sotto un socio di Galan, Giovanni Pavesi, manager veronese, che oltre ad essere direttore dell'Ulss 17 è uno degli azionisti della Ihlf, società della cosiddetta "galassia Galan" finita nel mirino della Gdf proprio nell'inchiesta sul Mose.

Tra i soci di Ihlf, insieme a manager veneti e lombardi, c'è Pavesi che detiene il 6,5% ed anche un altro "amico" entrato nell'inchiesta sul Mose: Giancarlo Ruscitti, ex direttore sanitario (epoca Galan), indagato per aver ricevuto dalla Coveco, su indicazione di Mazzacurati, 200mila euro per consulenze sul nuovo ospedale di Padova.

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 17.07.14 14:15| 
 |
Rispondi al commento

Occorre un radicale cambiamento del sistema informativo, basato su concorrenza e mercato.

In un paese civile l'informazione serve a criticare chi è al potere, da noi lo sostiene con le menzogne in cambio di sovvenzioni. Vergognoso!

Basta con il duopolio Rai-Mediaset: regolamentazione delle televisioni su base concorrenziale e pluralistica. Nessuna rendita di posizione.

Neanche un euro ai giornali.

Con l'attuale sistema informativo il M5S non potrà mai andare al governo. Mai.

Giornali nodinero 17.07.14 14:13| 
 |
Rispondi al commento

Con questa informazione collusa e allineata con il potere nessun cambiamento sarà possibile.
Quando il vice-premier si reca a casa di un imprenditore come De Benedetti e quando il premier si appresta a riformare la Costituzione con un imprenditore come Berlusconi significa che il Potere ha bisogno della stampa e di controllare il mondo dell'informazione per diffondere le loro menzogne.

"DIFFONDI LA MENZOGNA E QUESTA DIVENTERA' VERITÀ E PASSERA' ALLA
STORIA"
(George Orwell)

Massimo C., VERONA Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 17.07.14 14:13| 
 |
Rispondi al commento

Giulia Grillo Cittadina a 5 Stelle
32 minuti fa ·

‪#‎puzzadibavaglio‬
Non provate a togliere la parola al popolo italiano
C'è in atto un tentativo, nella conferenza dei capigruppo, di mettere la tagliola sulla discussione in aula delle riforme sulla costituzione. Oltre che distruggere la costituzione, vogliono anche impedirci di parlarne. Diffondete e informate. Il vostro aiuto è importante
Senato Cinque Stelle
Sappiamo che in queste ore il governo e la maggioranza stanno pensando alla possibilità di contingentare i tempi per l'esame in Aula della riforma costituzionale. Che tradotto significa: tagliare i tempi che da Regolamento sono garantiti per l'esame del testo. E' uno strappo inaccettabile, non giustificato da nessuna urgenza visto che il disegno di legge costituzionale non ha scadenza. Ma soprattutto è impensabile voler trattare con questa fretta la riforma della Costituzione, come se stessimo parlando di una legge ordinaria qualunque!

Il governo intende utilizzare l'urgenza dei decreti legge in scadenza a palazzo Madama per attuare un vero e proprio colpo di mano contro il Parlamento e la Costituzione. E' gravissimo pensare di voler concludere entro mercoledì prossimo la prima lettura della riforma: i nostri Padri Costituenti hanno impiegato tre anni per scrivere la nostra Carta, ora la maggioranza vuole stravolgerla in tre giorni, mettendo il bavaglio all'opposizione. Noi non lo permetteremo!!!
Vito Petrocelli - Capogruppo M5S Senato

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 17.07.14 14:08| 
 |
Rispondi al commento

Che ha combinato adesso Becchi per ricevere la terza (o quarta) scomunica?

fabbrii galli Commentatore certificato 17.07.14 14:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Diretta streaming incontro pd-M5S su La7.

maria s., ancona Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 17.07.14 14:03| 
 |
Rispondi al commento

Paola Taverna
6 minuti fa ·

Ragazzi, un'altra imperdibile perla dalla seduta di oggi: https://www.youtube.com/watch?v=jf1GLPrHKFU

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 17.07.14 14:00| 
 |
Rispondi al commento

Caro Giorgio, ti sfugge un concetto FONDAMENTALE: di queste iniziative, siamo a conoscienza solo noi del Blog. Buona giornata.


Ale 69 17.07.14 12:39|

Vota commento

-------------------------------------------------

Perdonami Giorgio avevo letto male! CONCORDO!se non si trova il modo di dare risalto a certe cose, non servono ed un emerito cazzo!

Ale 69 Commentatore certificato 17.07.14 13:54| 
 |
Rispondi al commento

Per quanto riguarda i finanziamenti all'editoria, l'Italia spende meno di tanti altri Paesi.

La Finlandia (dati 2013) è la nazione europea che investe più nei media, con una spesa annua pro-capite per tutto il settore che ammonta a 130,7 euro. Subito dopo viene la Germania (94,9 euro pro-capite), il Regno Unito (80,4 euro) e la Francia (68,5 euro). In Italia, la cui spesa annua pro-capite è di 43,3 euro.

Negli Stati Uniti (cioè il paese più liberal del mondo) l' editoria riceve provvidenze pubbliche consistenti sotto varie forme postali o fiscali, allo scopo di «diffondere un’informazione libera presso il maggior numero di persone possibili».

TUTTI COGLIONI?

Il problema non sono i soldi dati ai giornali (ché altrimenti anche all' estero la stampa sarebbe quello che è in Italia e invece non lo è), ma gli italiani in generale (i giornalisti, in italia, quando non sono marziani o rettiliani sono normalmente italiani) che sono quello che sono. TUTTI.

All' estero se un politico ruba si dimette subito non tanto perché è serio (una persona seria non ruba) ma perché se non lo fa se lo vedono per strada lo linciano.

In Italia se un politico ruba e la gente lo vede per strada... gli corrono dietro per chiedergli qualche briciola di quanto ha rubato.

Siamo quello che siamo e abbiamo i giornalisti che ci meritiamo, né si capisce perché dovrebbero essere migliori di noi. I finanziamenti ai giornali non c' entrano nulla.

e.g. 17.07.14 13:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

AFTE IL POSSIBILE PER ABOLIRE QUESTI INUTILI INTROITI AI GIORNALI E ALLA DISINFORMAZIONE DEL NOSTRO PAESE

alvise fossa 17.07.14 13:39| 
 |
Rispondi al commento

Alle 13.30 capigruppo!
Tenteranno di mettere la ghigliottina sulla riforma costituzione! Noi ci opporremo in ogni modo, ma voi tutti dateci una mano.
Italiani reagite!

Aggiornamento di stato
Di Montecitorio Cinque Stelle
"Allarme! Corre voce che nella conferenza dei capigruppo che avrà luogo fra un'ora, il governo e la maggioranza chiederanno un contingentamento dei tempi per chiudere la votazione delle nefaste riforme costituzionali renziane entro mercoledì!"
Maurizio Buccarella
Senato Cinque Stelle

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 17.07.14 13:37| 
 |
Rispondi al commento

Da quando siamo entrati nel PD sento un certo prurito anale

bernardo echevarria belgrano 17.07.14 13:30| 
 |
Rispondi al commento

"contributi indiretti: agevolazioni IVA, agevolazioni postali, obbligo di pubblicazione dei bandi pubblici" quindi li piglia anche il fatto quotidiano che dovrebbe precisare "non riceve alcun finanziamento DIRETTO".

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 17.07.14 13:29| 
 |
Rispondi al commento


Yeah

Mentre il Bloggo cade a pezzi
il Cubano ha tanti spazi
appartengono anche a te

Mentre il Bloggo cade a pezzi
non si smarca dagli scazzi
e dalle cattive abitudini

marco spanu Commentatore certificato 17.07.14 13:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

OT ;
ho guardato il commento di Farage,
è VERAMENTE UN GRANDE !
hai fatto benissimo Beppe a unirti a lui.
Forsa sempre M5S.

per quanto riguarda il finanziamento pubblico ai giornali, prima finisce e meglio è per la democrazia in Italia
Forsa sempre M5S.

Giuseppe C., Milano Commentatore certificato 17.07.14 13:09| 
 |
Rispondi al commento

piccola questionario per bimbiminkia :

1) perche l'Argentina , con stampanti rotative sovrane , moneta sovrana , banche sovrane con dirigenti sovrani , immense risorse naturali, pascoli immensi , popolazione giovane ( senza problemi demografici )
STA rifacendo DEFAULT di brutto per la seconda volta ?

2) perchè i paesi del terzo mondo non costruiscono zecche per stamparsi moneta e vivere da nababbi ?

3) perchè siamo il paese con più alta percentuale di case e capannoni di proprietà ... ma siamo l'ultimo a scuola in matematica ?

4) perchè se la colpa è dei rettiliani che ci hanno fatto indebitare .. se chiedi ad ogni italiano perchè , oltre ad essersi indebitato al 60/70% dello stipendio su mutui trentennali , su case ammuffite costruite 40 anni fa ( sperando in un'infinita rivalutazione dell'immobile che sarebbe piovuta dal cielo ) solo per poter dire di avere "casa di proprietà" , aggiungendoci finanziamenti per suv,TV lcd ,pay tv,abbonamenti e carta igienica ecc.., ...ti risponde che è VERO ?

5) perchè, dopo averli mandati a cagare e non restituirgli più i LORO SOLDI , ma stampando moneta nostra a raffica in un'economia di notai, avvocati e statali ... dovrebbero farci lo sconto sull'energia , sulle materie prime e RIDARCI ALTRI SOLDI per comprare le loro cose invece che QUADRUPLICARCI tutto ( se va bene )?

6 ) perchè negli anni di "boom" ( la più grossa stronzata mai sentita , boom si , ma di debito senza meritarselo con cui sono state create solomangiatoie ) .. la LIRA non era COMUNQUE accettata negli scambi internazionale ( e ci abbiamo firmato un contratto internazionale su questo ), a noi è stato sempre BENE fino al 2008 ?

7 ) perchè eravamo la 7° ( SETTIMA ) potenza su 7 ( SETTE )paesi industrializzati ... , non ce n'erano altre ( do per scontato che lo sappiate numeri alla mano ), e nello stesso tempo la 20° per REDDITO PRO CAPIE/PIL ?

Tms S. Commentatore certificato 17.07.14 13:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"Allarme! Corre voce che nella conferenza dei capigruppo che avrà luogo fra un'ora, il governo e la maggioranza chiederanno un contingentamento dei tempi per chiudere la votazione delle nefaste riforme costituzionali renziane entro mercoledì!"
Maurizio Buccarella
Senato Cinque Stelle

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 17.07.14 12:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

TUTTO E' IRRIMEDIABILMENTE CORROTTO SE DAVANTI AL QUADRO DI RUBERIE INIMMAGINABILI STRAMILIARDARIE....LE FORZE DELL'ORDINE DOVREBBERO INTERVENIRE DI SUO SENZA ORDINI A STERILIZZARE QUESTO STATO DI MAFIA CONTINUATO.....ma se non succede evidentemente la corruzione e' anche li altrimenti non saremmo mai arrivati a questo punto !!!!!

Gordon Freeman Commentatore certificato 17.07.14 12:50| 
 |
Rispondi al commento

Il 50% delle amministrazioni locali tedesche sono sull'orlo della bancarotta e stanno chiedendo di essere salvate dal governo federale. Lo scrive Martell Armstrong, che sul suo blog già a maggio aveva sollevato la questione. In questo contesto, però Angela Merkel è determinata a non permettere che si organizzi alcun referendum per paura che le persone voterebbero contro l'Ue.
...
Le autorità locali tedesche, più in generale, hanno bisogno di oltre 100 miliardi di euro per rinnovare le loro infrastrutture. "I politici non si accorgono ancora che questo sistema è fallito e l'unica cosa che riescono a prevedere è aumentare le tasse. Vedono solo quello che vogliono e procedono nella totale distruzione dell'economia: circa 350 aziende devono restituire 30 milioni di euro in sussidi ottenuti per gli incentivi alla green electricity dopo quello che ha deciso la Commissione europea", sostiene Armstrong.

I governi locali in Germania non si possono permettere gli investimenti per mantenere le scuole e costruire la strade: si tratta, conclude Armstrong, di entrare in un "abisso economico attraverso la contemplazione". E le persone si preoccupano dell'iperinflazione secondo voi?

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews.php?idx=11&pg=8364

http://armstrongeconomics.com/2014/05/12/german-municipalities-in-crisis/

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 17.07.14 12:42| 
 |
Rispondi al commento

O.T.

TOC, TOC...
...LA RETE BUSSA.

Perchè non si ricerca quella giusta sinergia tra Rete e Territorio?

Le due componenti non possono, e non devono percorrere strade diverse per ottenere la stessa cosa!

Attivista -Vs- Attivista da tastiera.

La forza del M5S è sempre stata la sinergia tra le due componenti + Beppe Grillo.

La rete è stata erroneamente lasciata fuori, era inevitabile che ci rimanesse male e che "raddoppiasse" i peli da fare.

Quando la rete ha cominciato a chiedere, controllare e denunciare le anomalie, è stata messa alla porta e tacciata di ostruzionismo.

Non parlo per sentito dire, parlo per esperienza personale.

Chi è tranquillo con se stesso, "non" può aver paura della rete, anzi, ne attinge a piene mani come rigenerante da quel marciume che lo circonda ogni giorno.

I ragazzi dentro hanno subìto un stress altissimo, ve lo posso garantire, gli hanno detto e fatto di tutto, non è un lavoro facile, ma anzichè isolarsi, perchè non hanno messo tutto in rete come s'era sempre detto?

I bagni di folla nelle agorà li ha spesso rigenerati, però li ha confinati sul territorio e quando si è votato per le Europee s'è visto, non è stata colpa di Beppe, lui col suo essere ci ha portati al 25%, è quella perdita di 4 punti che deve far riflettere, come minimo dovevamo "confermarci" al 25%.

Secondo me una parte si è persa in rete, perchè, se è vero che la rete "non" ha votato contro, è vero anche, che non è che abbia spinto come per le nazionali.

In sostanza la Rete è stata messa fuori e per questo je rode er cxlo, non è che se po' sta sempre zitti!

M5S = RETE + TERRITORIO + STAFF

A me, me manca un pezzo, non so a voi!

Dovevamo entrare come le cavallette, siamo entrati come i cavalletti... reggiamo i quadri!

La barca è la stessa, il mare pure, o si rema tutti dalla stessa parte, o non andiamo da nessuna parte!

Arrivederci e grazie, graziella e grazie alla rete che non c'è, ma esiste.

Nando da Roma.

Nando Meliconi (in arte "l'americano"), roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 17.07.14 12:41| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il Fatto Quotidiano è la dimostrazione che si può fare giornalismo senza contributi pubblici....solo che bisogna dire "le verità" non le menzogne!

oreste mori (5★), SP Commentatore certificato 17.07.14 12:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Continua la campagna di sputtanamento della casta . Noi facciamo proposte giuste e necessarie pur sapendo che saranno rifiutate in blocco e da tutti i partiti . A che pro ? Sembrerebbe una perdita di tempo , ma non è così . Il nostro intento è chiaro : far vedere al popolo che stiamo facendo e che loro , i castati , rifiutano tutto quello che proponiamo perchè contrario ai loro interessi . Sembrerebbe un'ottima idea se non fosse che tutto ciò non passa sugli organi di informazione e quindi , tranne noi del blog , pochi ne vengono a conoscenza . Dobbiamo trovare il modo di pubblicizzare le nostre iniziative per poter prendere l'ottanta per cento dei voti , che con i soliti brogli del PD diventerebbero il quaranta che ci farebbero governare il Paese . Comunque resta sempre in piedi la triste alternativa , con tutti i parametri sempre più negativi , presto l'Italia crollerà e noi dovremo raccoglierne i cocci ! I MARO' ?!


vincenzodigiorgio digiorgio, roma 17.07.14 12:21|

------------------------------------------------

Caro Giorgio, ti sfugge un concetto FONDAMENTALE: di queste iniziative, siamo a conoscienza solo noi del Blog. Buona giornata.

Ale 69 Commentatore certificato 17.07.14 12:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Prima vittoria in tribunale per i NO TAV francesi (he si ci sono anche li')

"Questo progetto non è solo un problema regionale, con la devastazione dei terreni agricoli“, ha detto Daniel Ibanez lasciando il tribunale, “Si tratta di un progetto pericoloso dal punto di vista economico per il prosciugamento delle finanze pubbliche, quando il governo sta cercando 50 miliardi per i contribuenti, mentre scuole e ospedali sono chiusi e la linea esistente non viene utilizzata".

Daniel Ibanez ha voluto esprimere la sua solidarietà agli attivisti italiani "vittime della repressione organizzata". Membri del movimento No Tav italiano sono infatti soggetti a un centinaio di procedure, alcuni di loro sono anche accusati di "terrorismo". "Siamo oggi al palazzo di giustizia Chambéry ma potremmo essere anche a Torino" , aggiunge Paolo Prieri, dell movimento No Tav. "Questa è una lotta per l'ambiente, la democrazia e il denaro pubblico". Un appello ad unirsi alle proteste in Val di Susa è stato lanciato per oggi, 17 luglio.

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews.php?idx=11&pg=8401

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 17.07.14 12:33| 
 |
Rispondi al commento

di sto passo ... tra un anno siamo a discutere se è meglio il pantalone o la gonna ..

stò perdendo le speranze

potevamo investire i soldi prestati per costruire un economia forte , sostenibile, competitiva, efficente e meritocratica fondata sulla scuola e sulla virtuiosità per un futuro prospero e ricco ..

invece ,

abbiamo usato i soldi per creare un'apparato economico ridicolo , fondato sull'indebitamento verso il mattone ( che nessuno vuole più ), con scuole che promuovevano tutti , clienterale, arrivista , egoista , del tutto e subito guadagnato con calma IMPRODUTTIVO e arruffatutto alla membro di segugio .... dando la COLPA alla GERMANIA ed al bildemberg del Dottor Male ,

ed ora ci stupiamo se gli altri paesi che hanno investito in sviluppo sostenibile e FUNZIONALITA' sostenibile, ci prendono per il culo ?

ma dai ..

visto che gli italiani ( che hanno votato la feccia politica e la rivotano tutt'ora ) credono ancora che basti togliere qualche privilegio ( sacrosanto eliminarli .. ma DOPO )
e che basti il reddito di cittadinanza per vivere felice in campi fioriti in un MERCATO MONDIALE .., magari costruendo auto di bamboo e lavorando 15 minuti al giorno ..

comincio a sperare che venga al più presto la Troika a tagliare 200 MLD di spesa statale IMPRODUTTIVA che da SOLA assorbe il 51% del reddito nazionale ,

perchè NOI NON RIUSCIAMO A FARLO,

così è solo allungare l'agonia

prima si CAMBIA MENTALITA' , e prima avremo qualche possibilità di ricominciare con un economia forte , non fondata sul facile e effimero mattone , ma sui cervelli e la VERA MERITOCRAZIA ..

tanto per cominciare

lo dite voi ai milioni di lavoratori che vivono proprio dell'INEFFICENZA di uno stato macchinoso con un apparato burocratico pachidermico dei 1000 permessi per ogni cosa ( notai, avv. , commercialisti ,bolli, bollini, fogli, stime,periti ecc.. ), che è solo un insieme di MANGIATOIE e non mestieri , che saranno i primi a scomparire .. e

che è finita la pacchia a DEBITO ?

hi

Tms S. Commentatore certificato 17.07.14 12:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Gentile Giuseppe,
ci tengo a precisare che citare l'Estonia come paese con un migliore ranking rispetto all'Italia non è un riferimento corretto.

L'Estonia è un una nazione molto più affine alla Finlandia che alla Russia che la invase nel 1940 (dal 1989 però l'Estonia ha riconquistato la propria indipendenza). Essendo la Finalndia al primo posto è normale aspettarsi che anche l'Estonia abbia un ranking molto alto in questa classifica.

Cito da Wikipedia: "Le Nazioni Unite indicano il suo indice di sviluppo umano, stimato nel 2010, come "Molto Alto" (34º) e si è anche classificata ad un livello alto per libertà di stampa, libertà economica, la democrazia e la libertà politica e nell'istruzione.
Il paese è uno dei primi al mondo per innovazione diffusione ed utilizzo delle nuove tecnologie, come Internet e l'e-commerce, tanto da guadagnarsi il soprannome di e-Stonia. Sul territorio sono presenti circa 1.140 punti Wi-Fi.[12]"

L'Estonia è il primo paese al mondo in cui è possibile votare elettronicamente da casa propria semplicemente con la propria carta d'identità.

Lorenzo Grilli 17.07.14 12:27| 
 |
Rispondi al commento

Claudio Cominardi - M5S ha aggiunto 3 nuove foto.

Questi sono i sanitari dei servizi igienici della Camera dei Deputati.
Sono tutti marchiati Ideal Standard.

A Orcenico, in Friuli Venezia Giulia, 400 lavoratori dell'Ideal Standard rischiano di rimanere in mezzo alla strada, grazie anche all'incapacità politica del Ministro Poletti e del Presidente di Regione Debora Serracchiani.

E' inaccettabile che un'azienda che ha beneficiato di innumerevoli fondi pubblici lasci a casa centinaia di lavoratori senza curarsene minimamente.

Spero che i politici che tutti i giorni poggiano le natiche sulle ceramiche dell'azienda friulana prendano in mano la situazione con provvedimenti e iniziative concrete.

Il M5S oggi ha fatto la sua parte con un Question Time in aula di @Walter Rizzetto.

Ecco l'intervista: http://goo.gl/krLu7b

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 17.07.14 12:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Pieczenik trascorse le sue giornate romane per lo più nell’ufficio di Cossiga, insieme a «uno psichiatra italiano» (probabilmente il criminologo Franco Ferracuti, iscritto alla Loggia P2 di Licio Gelli) e al giudice Renato Squillante, all’epoca consigliere del ministro dell’Interno. Il pm Palamara gli chiede che cosa ha fatto in concreto, e il testimone risponde: «Dovevo valutare che cosa era disponibile in termini di sicurezza, intelligence, capacità di attività di polizia, e la risposta è stata: niente. Ho chiesto a Cossiga cosa sapeva delle trattative con gli ostaggi e lui non sapeva niente; in terzo luogo dovevo assicurarmi che tutti gli elementi che negoziavamo dovevano diminuire la paura e la destabilizzazione dell’Italia; quarto: dovevamo valutare la capacità delle Br nelle trattive e sviluppare una strategia di non-negoziazione, non-concessioni».

Nella sostanza, Pieczenik voleva «costringere le Br a limitare le richieste in modo che avessero una sola cosa possibile da fare, rilasciare Moro». Andò al contrario, come il consigliere statunitense ha confidato in un libro scritto da un giornalista francese e crudamente intitolato «Abbiamo ucciso Aldo Moro». Ma adesso Pieczenik prova a fare marcia indietro: «Programmi tv e interviste per me sono solo spettacolo e finzione, ciò che dico alla stampa o nelle interviste è disinformazione». E dunque, quasi si spazientisce il pm Palamara, è vero o no che secondo Pieczenik lo Stato italiano ha lasciato morire il presidente dc? Risposta: «No, l’incompetenza dell’intero sistema ha permesso la morte di Aldo Moro. Nessuno era in grado di fare niente, né i politici, né i pubblici ministeri, né l’antiterrorismo. Tutte le istituzioni erano insufficienti e assenti».

http://www.corriere.it/cronache/14_luglio_17/americano-che-aiuto-cossiga-l-incompetenza-uccise-moro-0d77f9d8-0d74-11e4-9f11-cba0b313a927.shtml

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 17.07.14 12:24| 
 |
Rispondi al commento

Continua la campagna di sputtanamento della casta . Noi facciamo proposte giuste e necessarie pur sapendo che saranno rifiutate in blocco e da tutti i partiti . A che pro ? Sembrerebbe una perdita di tempo , ma non è così . Il nostro intento è chiaro : far vedere al popolo che stiamo facendo e che loro , i castati , rifiutano tutto quello che proponiamo perchè contrario ai loro interessi . Sembrerebbe un'ottima idea se non fosse che tutto ciò non passa sugli organi di informazione e quindi , tranne noi del blog , pochi ne vengono a conoscenza . Dobbiamo trovare il modo di pubblicizzare le nostre iniziative per poter prendere l'ottanta per cento dei voti , che con i soliti brogli del PD diventerebbero il quaranta che ci farebbero governare il Paese . Comunque resta sempre in piedi la triste alternativa , con tutti i parametri sempre più negativi , presto l'Italia crollerà e noi dovremo raccoglierne i cocci ! I MARO' ?!


i tempi degli agguati di mafia, camorra, terrorismo ai giornalisti è finito da un pezzo.
Oggi come oggi se finisci in pasto ai giornali di partito sei rovinato, ti seguono, ti pedinano, qualcosa su cui scrivere trovano sempre, anche dei calzini troppo colorati bastano al piddino medio pèr poter pensare che sono tutti uguali, in modo da giustificare il voto alla classe dirigente più inutile di sempre.
Comunque lettori affezionati ne hanno sempre meno, l'ignoranza dilaga e di giovani con i giornali ne vedi solo quando devono pitturare casa.
Ps: stai sereno Enrico che un posto papà te lo trova!:)

Fausto O., Alessandria Commentatore certificato 17.07.14 12:20| 
 |
Rispondi al commento

“Un'informazione che occulta o distorce la realtà dei fatti impedisce alla collettività un "consapevole esercizio della sovranità”.

Mi domandavo se Roberto Fico volesse intervenire...

http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/07/15/agcom-vade-retro-par-condicio/1061367

^-^

Daniela M. Commentatore certificato 17.07.14 12:20| 
 |
Rispondi al commento

Luigi Di Maio
18 minuti fa ·

Il Pd ha chiesto di spostare alle 15:00 l'incontro ‪#‎chefatica‬

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 17.07.14 12:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Errata corrige:

"... oggi 17 luglio 2014... "

Saludos.
================================

Ernesto - La Habana Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 17.07.14 12:07| 
 |
Rispondi al commento

¡¡¡HOLA Base & p.c. Mov✩✩✩✩✩!!!

Tanto per ricordare!

Si ringrazia la gentile e numerosa platèa del Blog per aver suggerito
tutto il possibile e l'impossibile affinchè l'incontro di domani "M5S vs. pd"
possa naufragare miseramente, nel peggiore dei modi.

Beppe Grillo, GianRoberto Casaleggio,
il Movimento Cinque Stelle unitamente a
Matteo Renzi
e la Delegazione di Governo
sentitamente ringraziano per la preziosa nonchè coraggiosa collaborazione.

Le esequie si terranno domani 17 luglio 2014
presso la sede legalmente deputata in Roma - Ytaglya.

Hasta? Pronto!

Ernesto - La Habana Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 17.07.14 12:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La proposta non passerà mai e non lo diranno nemmeno in TV. (i bastardi)...COSÌ NESSUNO SE NE ACCORGE E CONTINUERANNO A DIRE CHE IL M5S NON FA NIENTE, CONGELA I VOTI, FA' OSTRUZIONISMO !
Come vedrete nulla sarà concesso dal RENZUSCONISMO!

pier p., acqui terme Commentatore certificato 17.07.14 12:03| 
 |
Rispondi al commento

LE NOTIZIE CHE NON VI DICONO
Dal prossimo anno le bollette dell'energia elettrica saranno inviate mensilmente e non piu' bimestralmente per adeguarci alla Germania e all' Europa.
Avremmo 12 bolette all'anno con aumento di costi di riscossione da parte delle banche e Poste Italiane (costo poste 1,3 a bolettino x 12 = 15,6 al posto di 7,8 ad oggi).
Chiedete conferma quando vengono a proporvi un nuovo contratto elettrico di questa notizia che pochi sanno e non viene menzionata da nessuna parte.

alberto martini, noale Commentatore certificato 17.07.14 11:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bravi. Mi rallegta...anche in seguito a mia segnalazione. Interessatevi anche del doppio lavoro nelle scuole pubbliche di chi insegna e svolge attività professionale di avvocato medico ingegnere architetto commercialista..... del finanziamento alla chiesa del 5 e 8 per mille da abolire in quanto modo di ungere lelettorato.... bravi

Bruno Tedeschi, spadola Commentatore certificato 17.07.14 11:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

non solo bocciata, ma anche oscurata, come non ci fosse mai stata.

e comunque la soluzione non è nemmeno stare fermi, caro mio: se la bocciano, sarà l'ennesima prova che non si vuole cambiare e si dovrà pure farlo presente con un post, tanto da rinfrancare chi propone e chi dice 'no' a prescindere.

Lorenzo M., Piacenza 17.07.14 11:36 |

-----------------------------------------------

Perchè pensi ancora che questi vogliano cambiare lo status quo? dai su

Ale 69 Commentatore certificato 17.07.14 11:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

OT ma sempre attuale di 'sti tempi ...

potremmo organizzare

il rifugio dei BANNATI

http://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=uHB8p5DQTe4#t=131

per le adesioni rivolgersi a .... (a chi ... boh!)

luci da Alcyone () Commentatore certificato 17.07.14 11:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ormai e' diventata una regola, io , Stato, ti do i soldi ( pubblici...), tu " giornale " , " giornalista " ti occupi tutto l' anno della mia propaganda politica, facendomi diventare , agli occhi dei lettori, un' eroe pronto al sacrificio per la mia amata patria.
I miei avversari politici ? Tutti fascisti, rivoluzionari, incompetenti, alcuni persino potenziali stupratori.
In fondo , credo sia chiaro ormai, che questi giornali siano minacciati da un ' velato ' ricatto :
SE MUOIO IO MUORI ANCHE TU !
Forse possiamo parlare di informazione ricattata e non solo venduta.
Non mi spiego , altrimenti, tante ' ottuse puttane '

Roberto C., Parma Commentatore certificato 17.07.14 11:40| 
 
  • Currently 4.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento

Scusate se non sono in argomento ma analizzate queste 3 notizie e dite cosa ne pensate.
1. Possibile evasione slot machine 98 Mld
2. Etech (leader in Italia delle slot machine) acquista la Las Vegas Slotmachine per 6,9 Mld
3. Las Vegas patria della mafia italo-americana.


Non lo permetteranno mai .
Il re non va visto nudo se no si denudano anche i cortigiani di palazzo .
E se il re può avere anche qualche pregio , i cortigiani invece sono tutti dei vigliacchi .
Amen

Aldo Conte 17.07.14 11:28| 
 |
Rispondi al commento

Che ci faceva ieri mattina Del Rio a casa di De Benedetti, un pellegrinaggio con il cappello in mano durato più di un'ora? Come mai uno dei più alti funzionari dello Stato si reca ad un incontro con un privato cittadino senza dare la minima spiegazione sul motivo, come trasparenza vorrebbe? Non è che dopo il patto del Nazareno esiste anche il patto di Sankt Moritz che Renzie deve rispettare per continuare ad avere il supporto propagandistico del gruppo editoriale Espresso al suo fragile governo che si appresta a fare cruciali riforme non condivise dalla maggioranza degli italiani? Queste cosidette "riforme" sono così indigeste e vergognose che, oltre alle Tv di Berlusconi, al premier servono anche i giornali prezzolati della tessera numero 1 del Pd per continuare ad ingannare il popolo italiano, già abbondantemente distratto dal miraggio degli 80 euro, i Mondiali di calcio e dalle vacanze estive. Panem et circentes conditi con salsa d'informazione di regime, ecco come si fanno digerire ad un popolo prostato dalla crisi riforme autoritarie, illiberali e che nemmeno Mussolini osò imporre

Massimo Lafranconi, Lecco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 17.07.14 11:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per me bisognerebbe che ogni giornalista, accanto alla firma, dicesse, dopo un attento esame di coscienza, le simpatie e le antipatie. Perlomeno se è un giornalista che scrive di economia, politica...
Paolo TV

Paolo_ Zanchetta (), Crocetta Commentatore certificato 17.07.14 11:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Coscienze in rete

"Il ritorno alle monete nazionali ed alla piena sovranità degli Stati risolleverebbe l'Europa, un'Europa confederale non "centralizzata" e, tuttavia, portatrice di progetti intercontinentali, di valori di civiltà e quant'altro." ...

Leggi tutto: http://coscienzeinrete.net/economia/item/2013-nino-galloni-spiega-perche-la-valuta-a-correre-i-maggiori-rischi-non-e-il-dollaro,-ma-l-euro

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 17.07.14 11:24| 
 |
Rispondi al commento

Non passerà mai. Se venisse meno il finanziamento pubblico all'editoria, crollerebbe la finzione messa in piedi per la conservazione del sistema, che sia marcio o meno marcio.
Sarebbe una rivoluzione senza fare la rivoluzione.

M. Mazzini 17.07.14 11:21| 
 
  • Currently 4.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento

UAAR Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti

‪#‎clericalata‬ della settimana: il Ministero dell'economia e delle finanze con un decreto ha di fatto esentato scuole e cliniche private cattoliche dal pagamento di Imu e Tasi.
Le altre segnalazioni sul nostro blog: http://go.uaar.it/1zjiTzt

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 17.07.14 11:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La cosa più esilaranteè che questa proposta verrà semplicemente bocciata.

E tutto rimarrà come è.

Quindi? cosa se ne deduce?

CHE NON SI CAMBIA UN CAZZO LI DENTRO CON LE PROPOSTE.

Poi farete il Post che l'hanno bocciata e sarete incazzati?

Dai su

Ale 69 Commentatore certificato 17.07.14 11:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Concordo e approvo!!

stefano alimonti, roma Commentatore certificato 17.07.14 11:17| 
 |
Rispondi al commento

Con un'informazione libera le persone dovranno prendere coscienza dell'importanza della loro scelta nel voto. Cittadini consapevoli possono cambiare la deriva di questo Paese e assumersi la responsabilità anzichè nascondere(come fanno in troppi)la testa sotto la sabbia.
Avanti così M5S ! Tutto il mio supporto !

Monica C. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 17.07.14 11:12| 
 |
Rispondi al commento

I giornali sono attività lavorative come altre, negozi, fabbriche, aziende.

A queste ultime i soldi li tolgono, invece ai giornali danno i soldi tolti alle seconde.

Ma chi produce ricchezza e PIL non sono i giornali sono le aziende che stanno morendo.

QUESTA E'INGIUSTIZIA!

Vero Vero 17.07.14 11:01| 
 |
Rispondi al commento

La Verita' e' Cristo. Liberalizzate la Industria Spaziale Privata per la libera impresa nel Cosmo, dai piccoli laboratori alle multinazionali italiane nello spazio. Liberalizzate e privatizzate per il libero accesso allo spazio cosmico, per scienza e affari. Costituzionalizzate la norma. Per la vera Crescita.

Nicola F., Teramo Commentatore certificato 17.07.14 11:00| 
 |
Rispondi al commento

GIUSTO---BASTA SOLDI AI GIORNALI --AI PARTITI----AI MANAGER MILIARDARI----ALLE PENSIONI D'ORO---------------- ANDIAMO IN PIAZZA A PROTESTARE------

giuseppe p., villafranca Commentatore certificato 17.07.14 10:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Biagi - Montanelli

dinosauri - tempi passati

dove la deontologia aveva ancora un senso

dove ancora vigeva la giusta convinzione che il vero "padrone" del giornalista è il suo lettore

ora non è più così

ora i padroni sono altri

in un modo o in un altro ... sono altri

luci da Alcyone () Commentatore certificato 17.07.14 10:58| 
 |
Rispondi al commento

la vedo dura con tutti i lecca lecca ...da mantenere ....comunque avanti tutta

FABRIZIO P., PARMA Commentatore certificato 17.07.14 10:55| 
 |
Rispondi al commento

1° ?

luci da Alcyone () Commentatore certificato 17.07.14 10:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori