Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Gaza o mai più!

  • 126


distefano_Gaza.jpg

"A Gaza nelle ultime ore il bilancio è salito ad oltre 1.000 vittime, di cui 150 bambini. Circa 17 mila gli sfollati, mentre i raid dell'esercito israeliano continuano a piovere sulla Striscia colpendo indiscriminatamente scuole, ospedali e ambulanze. La Croce rossa palestinese ha parlato di gravi violazioni del diritto internazionale umanitario. E la realtà è che l’Operazione Margine protettivo si sta presentando come la replica dell’Operazione Piombo Fuso, ma la supererà presto in termini di orrore. Genocidio.
Non è un caso che il Consiglio Onu per i diritti umani abbia deciso di avviare un'inchiesta per accertare eventuali violazioni che potrebbero essere state compiute dall'inizio della crisi. Un’inchiesta che lo stesso premier Netanyahu non ha esitato a definire una parodia, delegittimando così l’autorità della più importante ed estesa organizzazione intergovernativa preposta al mantenimento della pace e della sicurezza internazionale.
La nuova escalation di violenze ci ha spinto dunque a sollecitare l’azione del governo affinchè richiami il nostro ambasciatore a Tel Aviv Francesco Maria Talò, come gesto formale per esprimere la condanna dell’Italia all’uso sproporzionato della forza da parte dello Stato d’Israele. #PerCessareIlFuoco.
Abbiamo formulato 7 proposte, tra cui il blocco immediato di tutte le commesse di armi italiane nei confronti di Israele, lo stop immediato degli accordi commerciali con le aziende israeliane che operano nei territori occupati e l’obbligo per l’Ue di identificare l’origine di ogni prodotto importato dallo Stato israeliano con lo scopo di bloccare le merci fabbricate nei territori confiscati illegalmente. Infine abbiamo chiesto al governo italiano di trovare il modo di essere risarcito quando Hamas o Israele si appropriano indebitamente o distruggono aiuti e sostegni umanitari rivolti alla popolazione, com’è accaduto la scorsa settimana con il Centro per l’infanzia di Um al Nasser “La terra dei Bambini”, struttura finanziata dalla Cooperazione italiana e rasa al suolo dall’esercito israeliano.
Ciò non giustifica in alcun modo gli atti efferati portati avanti da Hamas nella Striscia e il lancio (altrettanto) indiscriminato di razzi su Israele, che deploriamo con fermezza. Ma i raid scanditi a Gaza, per il MoVimento 5 Stelle, rappresentano oggi una chiara vendetta del governo Netanyahu al sacrosanto rifiuto dei palestinesi di accettare di vivere in un Paese militarmente occupato.
Mentre in questi giorni si rincorrono le voci per l'estensione di una tregua umanitaria nella Striscia, dobbiamo infatti ricordarci che, seppur si arrivasse ad un cessate il fuoco permanente, per Gaza un ritorno alla "calma" significherebbe un ritorno all'ottavo anno di embargo, un ritorno a un tasso di disoccupazione oltre il 50 per cento, un ritorno alla chiusura dei mercati esteri, all'occupazione, alla mancanza di un sistema sanitario efficiente. Prigionia.
Israele può continuare a distruggere i razzi di Hamas, ma Hamas finirà per ricostruire le proprie basi di lancio trovando tra i parenti e gli amici dei palestinesi uccisi nuove reclute disposte al martirio. Israele può rovesciare Hamas ed occupare anche la Striscia, ma si ritroverà a combattere uno scenario ostile nel proprio territorio. Può rovesciare Hamas e provare ad interloquire con Al-Fatah, ma non otterrà alcunché, perché ogni fazione che cavalcherà verso Gaza in cima a un carro armato israeliano perderà per sempre la sua legittimità tra il popolo arabo. Israele può.
Può, se vuole, lei stessa limitare la corsa di Hamas, ad esempio revocando l'inumano blocco delle esportazioni da Gaza verso la regione, dando così nuova linfa all'economia della Striscia. L'unico modo per impedire che vi siano ulteriori vittime è aprire i confini e lasciare che i palestinesi riprendano i contatti con il mondo. Liberarli dalla dolorosa scelta di dover lavorare con Hamas per sopravvivere, o sperare al massimo nell'arrivo di un nuovo cargo di aiuti umanitari, è il primo passo da compiere per giungere a una soluzione pacifica del conflitto. La migliore strategia a lungo termine dello Stato ebraico è riservare speranza nel popolo palestinese, non annientarlo come sta facendo dall'8 luglio scorso.
Il nostro governo, che di fronte alla richiesta del Consiglio Onu per i diritti umani di aprire una commissione d'inchiesta sulle violenze ha deciso di astenersi, si faccia dunque un profondo esame di coscienza. Perché di fronte alle vittime, invece, noi ci siamo assunti oggi la responsabilità di prendere una posizione chiara a favore della pace. In attesa che il ministro Mogherini svolgesse la sua informativa urgente. Così urgente da essere presentata ben 21 giorno dopo la ripresa delle ostilità. Che tempismo".
M5S Camera

29 Lug 2014, 09:52 | Scrivi | Commenti (126) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 126


Tags: gaza, mogherini

Commenti

 

Nel 2009 a Stoccolma non c’hanno azzeccato, ora possiamo dirlo. Hanno precocemente assegnato il Nobel per la pace ad un appena eletto presidente degli Stati Uniti d’America, che ha poi ritardato di due anni il promesso ritiro delle truppe Usa dall’Iraq. L’abbiamo visto a marzo di quest’anno fare il giro dell’Europa per vendere li suo Gas di scisto (di cui ha scoperto di averne scorte per 100 anni) e per convincere i capi di stato che gli F35 sono degli ottimi oggettini, come il peggior venditore di auto usate o come un irritante informatore scientifico, in mise formale e sorrisi di plastica. Ora, dopo le bombe sulla scuola dell’Onu e sull’ospedale di Rafah per un totale di 229 bambini uccisi dagli attacchi israeliani, tutto quello che ha fatto l’uomo più potente del mondo e premio Nobel per la pace è stata una telefonata a Netanyahu, senza far finta di minacciare neanche un embargo e senza sfiorare le potenti lobby ebraiche americane. Barack Obama, è il primo nobel della pace nella storia, che ha tutto il potere necessario per disarmare gli assassini che stanno facendo stragi di donne e bambini. Spero almeno che l’unica telefonata che ha fatto l’abbia fatta a carico del destinatario.

Gianmarco S. Commentatore certificato 02.08.14 14:20| 
 |
Rispondi al commento

Va grande merito ai parlamentari del M5S di aver protestato per il genocidio in atto a Gaza e di aver formulato alcune soluzioni di impegno per la diplomazia italiana.
Che nel suo complesso assieme al governicchio renziano è solo un pupazzetto in mano agli Usa e a Israele.

mario45 massini, roma Commentatore certificato 01.08.14 14:31| 
 |
Rispondi al commento

Salve!
Mi permetto di indicare i link a tre miei video, con cui cerco di presentare un mio progetto di Iniziativa Imprenditoriale per una Attrezzatura di Riabilitazione dal Mal di Schiena.
Vorrei sapere che cosa ne pensate, e se possibile vi chiedo di sostenere il Progetto mediante adesione e condivisione o comunque riterrete meglio.
Ho già inviato email simili anche ad altre figure istituzionali, personaggi e Realtà più o meno noti.
Sono convinto che maggiore sarà la diffusione che verrà data a questa mia iniziativa, maggiori potranno essere le probabilità che si possa realizzare qualcosa di utile e di valido.
Sarebbe un peccato se, dopo aver messo a punto un'idea così importante, a seguito di tante sofferenze e fatiche, non se ne facesse nulla!
Sono a disposizione per ogni eventuale approfondimento.
Grazie!

Parte 1/3 https://www.youtube.com/watch?v=aqoR3JnCX7s
Parte 2/3 https://www.youtube.com/watch?v=_a6ytE-i_LA
Parte 3/3 https://www.youtube.com/watch?v=dMRHHyi66sQ

email: alberto.costantini.std@gmail.com
Presentazione https://www.youtube.com/watch?v=0oaqST10zR8

PS - Nelle pagine Youtube di presentazione dei video è possibile trovare i link a ulteriori pagine di approfondimento!

Ing_Alberto Costantini, Erto e Casso (PN) Commentatore certificato 31.07.14 15:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Perché non si dica che faccio il “copia e incolla” semplicemente, segnalo un essenziale intervento di Ilan Pappe:

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=13718&mode=&order=0&thold=0

Sul quale faccio un minimo commento. A mio avviso Pappe, pur essendo una punta avanzata nella documentazione della "pulizia etnica”, non riesce ancora a capire ciò che invece Gilad Atzmon ha ben compreso: che il “sionismo è una forma di primatismo razziale a carattere globale”. Il fatto che perfino in questo blog io mi debba misurare con agenti sionisti dimostra quanto sia importante per il sionismo che anche in paesi come il nostro vi sia chi DEBBA per forza credere nel “sacrosanto diritto” dello «Stato ebraico di Israele». Infatti, la forza del sionismo non è in Palestina o in Medio Oriente, ma in paesi come il nostro che da decenni offrono sostegno politico all’insediamento razzista e genocidario di coloni ebrei (inizio: 1882!)…

A proposito. Pochi sanno che il coniatore della formula "due stati per due popoli” fu Mussolini, per i cui rapporti con il sionismo è appena uscito un libro (Spinelli) che sto leggendo e che fa giustizia di tanti moduli della propaganda israeliana.

A proposito di “indottrinamento” di cui proprio io sono stato tacciato metto in evidenza questo brano di Pappe:

«La mia vecchia Università, ad Haifa, ha RECLUTATO i suoi studenti per diffondere via internet un mare di bugie israeliane in tutto il mondo; ma oggi siamo nel 2014 e una propaganda di questo genere non funzionerà.»

Quanti Italkim di Haifa si trovano qui fra di noi?
Raccomando la lettura di tutto l’articolo di Ilan Pappe, che contiene informazioni essenziali:

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=13718&mode=&order=0&thold=0

Il limite dei 2000 caratteri di questo commento non mi consente un ulteriore commento critico dell’articolo segnalato, che è assolutamente pertinente con il tema del post qui da noi discusso.

Antonio 31.07.14 13:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono decenni che gli israeliani stanno e intendono estendre il loro territorio ai danni degli arabi.
Ad ogni costo e ogni menzo!
E tutti stanno a guardare!
ba ba ba ba ba ba ba ba ba ba ba ......

gerryl 31.07.14 12:56| 
 |
Rispondi al commento

Certi crimini contro l'uomo non potranno mai essere cancellati. Se Israele non risponderà agli uomini (troppo codardi per fermare il boia), di sicuro dovrà rispondere a quel Dio che pensa dalla sua parte. Da popolo eletto siete diventati lo sterco del mondo. Confido nel figlio dell'Uomo (Gesù Cristo) colui che avete rinnegato e che sa perfettamente cosa fare con voi e con tutti coloro che hanno guardato mentre donne e bambini innocenti e indifesi venivano massacrati.
Guai a voi!

Carlo B. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 30.07.14 23:51| 
 |
Rispondi al commento

Forza M5S


"il suo giudizio morale per quanto riguarda la sua coscienza individuale, ed etico-politico per quanto riguarda la sua condotta come cittadino." Oh si, ma scrivendo falsità come comuni pennivendoli è facile sviare la mente delle persone. Ma no problem, io chiudo qui. Continua a tappezzare muri, bacheche, social, di insulti agli ebrei, di copia-incolla e di ogni altro link per cercare in tutti i modi di dare la colpa a Israele per qualsiasi evento, per i complotti (anzi, i Gomblotti), e per ogni altra evenienza... nella speranza che qualcuno ti legga e prenda tutto per vero. Roba da tipico indottrinamento da centro sociale. Per fortuna in questo mondo ancora qualcuno che ragione c'è. Adieu

Marco M. Commentatore certificato 30.07.14 20:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono stato disturbato, purtroppo, da tal Marco, al quale ho appena finito di scrivere una articolata replica dentro i 2000 caratteri.

Sono davvero byte questi "sprecati”, che mi hanno distolto mentre stavo articolando una mia riflessione a conclusione di miei precedenti interventi.

Ancora in questo momento mi giungono i notiziari di nuovi massacri, di un "genocidio” che va definito come tale in senso proprio...

Invito a leggere le pagine iniziali di Ilan Pappe, sulla "Pulizia etnica della Palestina”, dove si cita la recente normativa internazionale che equipara la "pulizia etnica” al "genocidio”.
Non è dunque una "iperbole” ciò che si sta compiendo in tempo reale sotto i nostri occhi: non è "massacro”, ma "genocidio”! Con il permesso di Marco, ritornerò su questo aspetto per documentarlo e argomentarlo sempre meglio.

La riflessione che volevo svolgere e che adesso, dopo il boicottaggio di Marco, mi devo solo limitare a enunciare è la seguente:

tutti noi, ognuno di noi che segue quanto accade con retta coscienza morale e sana ragione, ha una sua arma di cui può disporre sempre:

- il suo giudizio morale per quanto riguarda la sua coscienza individuale, ed etico-politico per quanto riguarda la sua condotta come cittadino.

Per quanto mi riguarda, ma credo anche per moltissime altre persone, come già era successo per "Piombo Fuso”, DOPO Gaza non sarà più la stessa cosa...

Se lo «Stato ebraico di Israele» riuscirà o non riuscirà nei suoi intenti, non è cosa che possa minimamente influire nella mia coscienza etico-politica che ha già adottato le sue risoluzioni che sono di netta, assoluta condanna per ciò che «lo Stato ebraico di Israele» ha compiuto e condanna pure per tutti quelli che dicono di "stare con Israele”, in qualsiasi luogo o tempo si trovino...

Avrei voluto meglio articolare il concetto, ma sono stato disturbato, e qui e ora posso solo enunciarlo...

Non sono fisicamente a Gaza, dove mi aveva invitato una volta Arrigoni, ma vivo con le vittime...

Antonio 30.07.14 20:17| 
 |
Rispondi al commento

@ Marco

Le avevo scritto una replica assai più energica, ma purtroppo è andata persa…
1°) Lei a me NON si deve permettere di dare a me nessun consiglio… (omissis) Ha capito?
2°) Ancora meno si permetta neppure lontanamente di dire dove io mi debba trasferire. Sa dove io l’ho già mandata?… (omissis) Lo immagini!
3°) Come io debba vivere, se “sereno” o no, non è cosa che la riguarda in alcun modo..... (omissis).
4°) Di "legge islamica” non so nulla, non mi interessa, non è il mio discorso e lei è semplicemente un disonesto che vuole sviare un discorso assai chiaro e pertinente, per chi ha senso morale e retta ragione.
5°) "sprecare byte”: che carità pelosa! È Lei l’amministratore del mio tempo? E quando mai Le ho affidato questo incarico? Tanta confidenza chi gliela ha mai concessa? Se à capitato sotto la mia attenzione è soltanto per i byte che lei ha "sprecato", non io! Ed io considero un simile “spreco” solo in quanto a me rivolto… Per il resto dei suoi "sprechi" a me non interessa assolutamente nulla.
6°) "Copia-incolla”, “non leggo”… Ma che dice, babbeo? Io ho fatto puntuale citazione di testi che ho analizzato e criticato in ogni loro aspetto. Ha mai sentito parlare di filologia? Conosce il mestiere del filologo? Direi proprio di no! Ed ancora una volta la sua tecnica è quella della provocazione che distoglie dal tema, cioè il genocidio in atto, che insulta e offende per produrre reazioni da poter poi strumentalizzare… Vecchia tecnica! Certo, la coscienza morale è fortemente indignata e scossa da un genocidio in atto... Solo uno psicopatico ne trae godimento.

7°) "Castronerie”: chi lo dice? Lei! E sono "castronerie” perché lo dice Lei , e dicendolo Lei sono "castronerie”. Ma "castronerie” per chi? Per Lei! Affar tuo! Non cerco il suo plauso! Per me non lo sono… tanto più che ci continuo a ragionare, se mi fai la cortesia di levarti dai piedi e lasciarmi continuare nel commento conclusivo dei mei precedenti interventi, che non sono rivolti a lei.

Antonio 30.07.14 20:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quando leggo certi post mi sembra di sentire gli ex esponenti di RC o quell'altro figuro no global. Ma ci si rende conto della realtà dei fatti o si continua ad andare avanti con stereotipi defecati ai tempi del muro di Berlino! Israele ha il sacrosanto diritto di difendersi dal l'aggressione di una organizzazione terroristica il cui unico scopo è la distruzione di Israele ed al quale non interessa nulla dello stato della popolazione che sta probabilmente opprimendo con le armi!

Silvano G. 30.07.14 19:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Antonio, le dò un consiglio: si trasferisca in qualche stato dove vige legge islamica, e viva sereno. Invece di sprecare byte facendo degli inutili copia-incolla di testi che manco legge, capirà sulla sua pelle le castronerie che va scrivendo.

Marco M. Commentatore certificato 30.07.14 18:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Stessa lurida e fetida fonte, ripresa da «Informazione Scorreggia», che imputa ad altri un “odio” che è tutto ed esclusivamente nella sua natura permanente, come aveva già spiegato nel Seicento Baruch Spinoza:
---
«Con il pretesto di esprimere una posizione ragionevole - commenta il portavoce dell’ambasciata Amit Zarouk - l’onorevole Di Stefano ha sostenuto posizioni che negano il diritto fondamentale di Israele ad esistere, nonché di proteggersi davanti ad attacchi terroristici».
-------

Karl Jaspers si sbagliava ad individuare nello stato nazista il modello dello «Stato criminale», quando aveva già davanti ai suoi occhi lo «Stato ebraico di Israele», uscito nel 1948 da una “pulizia etnica”, da un “genocidio” del popolo palestinese, che come documento altro storico ebreo, Ilan Pappe, era già da tempo premeditato… Altro che eserciti arabi e fandonie a ripetizione.

Uno stato simile, per la sua natura “criminale”, non ha diritto di “esistere”, ma deve essere “smantellato”, molto più di quanto non lo meritassero l’Iraq di Saddam o la Libia di Geddafi, che ad appena qualche anno dalla sua barbara “occidentale” uccisione, splende con l’aureola della santità….

Antonio 30.07.14 18:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sempre dal Corriere di Sion, nella fonte già citata:

«La responsabile della Farnesina aveva appena finito di lanciare un appello «a tutti in quest’aula e all’opinione pubblica italiana a non cedere alla logica della partigianeria, all’idea che ci si debba dividere tra amici di Israele e amici della Palestina».

NON si può essere "amici di Israele” come non lo sono gli autentici religiosi ebrei di Neturei Karta, rabbini tutti votati alla loro religione e che da sempre hanno espresso la più ferma e netta condanna contro l’empio stato di Israele.

Questa vergogna nella politica estera italiana nasce dal servilismo già denunciato da Vittorio Emanuele Orlando.

Giovani come Manlio Di Stefano hanno il grande merito di essere del tutto estranei al lerciume politico che ci ha governato, anzi oppresso da oltre mezzo secolo.

Hamas è un fulgido esempio di eroismo che deve esserci di ammaestramento…

Questa la risposta da dare all’Ambasciatore israeliano prima di invitarlo a lasciare al più presto il "nostro” paese...

Antonio 30.07.14 17:58| 
 |
Rispondi al commento

Dal “Corriere di Sion”:

Il pentastellato Manlio Di Stefano attacca Israele: «A Gaza è in atto un genocidio». Immediata la replica dalla sede diplomatica dello Stato ebraico: «Siamo di fronte a un pericoloso antisemitismo contemporaneo».

Fonte: http://www.informazionecorretta.it/main.php?mediaId=2&sez=120&id=54544

Che faccia!

Occorre cacciare a pedate l’ambasciatore israeliano.

Occorre derubricare da ogni valenza penale l’accusa di "antisemitismo”.

Sono più che mai convinto che il sionismo è una forma di psicopatia.

Gli psicopatici uccidono le loro vittime, ma si sentono loro stessi vittime perseguitate.
Hanno una capacità infinita di inganno e autoinganno. Non hanno nessuna empatia con le loro vittime...

Stanno massacrando davanti agli occhi del mondo intero donne, bambini, uomini, un’intera popolazione chiusa in un lager senza uscita e si permettono di dare dell’«antisemita» perfino a un parlamento di questo paese di merda, senza più dignità e onore, che è l’Italia, così ridotta da un ceto politico ogni giorno più infame e impunito. Un paese istupidito da giornali sotto pieno controllo di Israele stesso.

Occorre abrogare la Legge Mancino-Taradash-Modigliani concepita per impedire qualsiasi critica più che fondata e legittima contro lo stato “ebraico” di Israele, il sionismo, l’ebraismo, la religione ebraica, la cultura ebraica, il potere ebraico…

Mi è capitato di inorridire sentendo in una delle solite solenni cerimonie trasmesse dalla RAI che ci dobbiamo “inginocchiare davanti agli ebrei”…

È ora di finirla, di alzarci in piedi e di recuperare tutta la nostra dignità, la dignità perduta, la dignità incatenata per colpa di politici venduti, corrotti, traditori...

Basta! È ora di ribellarsi e insorgere!
Ora o mai più!

Antonio 30.07.14 17:47| 
 
  • Currently 2.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ecco la contro-offensiva sionista:
http://www.informazionecorretta.it/main.php?mediaId=2&sez=120&id=54544
l’ambasciatore israeliano che butta fuori dalla bocca le sue consuete porcherie.

Bisogna aver più coraggio, se no cosa ci sta a fare il Movimento?

Ad esempio:
- Non solo ritirare il nostro ambasciatore da Israele, ma cacciare in malo modo quell’israeliano dall’Italia;
- far trangugiare loro i moduli principali della loro propaganda, dando voce ai principi più elementari del buon senso e del senso di giustizia ed umanità dicendo a questo signore che sulla terra non ha diritto di esistere nessuno stato che sia fondato sulla pulizia etnica, come è indubbiamente il caso dello «Stato ebraico di Israele»;
- più giudizio e senso della giustizia ha avuto l’ambasciatore iraniano che ha parlato di referendum, di tutti gli abitanti della Palestina, inclusi i profughi, per stabilire la forma di governo:
http://www.informazionecorretta.it/main.php?mediaId=16&sez=120&id=54526

Ma figuriamoci se gli "ebrei sionisti” accettano di convivere in pari dignità con i palestinesi. Chi appena un poco studia la storia del sionismo sa che assai prima del 1948 obiettivo fondamentale era il raggiungimento della "maggioranza ebraica”: ci sono riusciti solo con la pulizia etnica del 1948 e con il regime attuale di occupazione e di angherie.

Se il Signor Ambasciatore, come credo, leggerà questo commento, vale la pena ricordargli quelle pagine dell’ex ebreo israeliano Gilad Atzmon, dove mette in guardia gli ebrei odierni sul mutamento della percezione temporale nella gente:
- se oggi gli ebrei sono quel che sono, in Israele e fuori di Israele, ed hanno incominciato a dimostrare il loro “amore” per il palestinesi non solo prima dell’avvento di fascismo e nazismo, ma ancor prima della stessa nascita di Mussolini e di Hitler, non sono forse diversi da quelli del passato... e forse non meritano tutta la compassione che pretendono, dimostrando di non averne loro nessuna per le loro vittime...

Antonio 30.07.14 17:27| 
 |
Rispondi al commento

L'ultimo commento è la dimostrazione di che pasta sono fatti i palestinesi. Chi in realtà vuole eliminare e sterminare popoli, sono loro. I "teppisti" israeliani accettano tregue, mentre Hamas continua a sparare razzi.

Marco M. Commentatore certificato 30.07.14 16:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Noi palestinese non abbiamo occupato nessun popolo , noi stati invasi e occupati abbiamo il diritto di ribellarci e lottare per l'indipendenza , Israele l'unico popolo che si da il diritto di difendersi dalle sue vittime , una assurdità perchè sono loro gli occupanti sono loro i colonizzatori , dalla fondazione dello stato di Israele nel 1948 hanno conseguito 3 obbiettivi quali ;occidente i palestinesi demolire le case con e senza i loro abitanti e costruire le colonie , e il mondo occidentale gli giustifica e gli arma e gli finanzia senza vergogniamo .
Un giorno sarà fatta giustizia e Palestina tornerà ai legittimi proprietari cioè i Palestinesi perchè Israele uno uno stato artificiale come una pianta senza radice destinata a morire

Paleye 30.07.14 15:16| 
 
  • Currently 2.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Il comportamento del nostro governo è disgustoso e improntato al totale disinteresse nei confronti della realtà oggettiva.

Il nostro governo illegittimo è una bolla esposta al vento,oppure,una palla con sopra il barone di Munchausen.

maria cristina veronesi 30.07.14 14:28| 
 |
Rispondi al commento

A Gaza è l’inferno !!!! Continuano i bombardamenti aerei, aumentano di giorno in giorno le vittime civili tra le quali sempre tantissimi bambini, e in uno dei bombardamenti di ieri è stata distrutta anche l’unica centrale elettrica che portava la luce nel paese, aggravando in maniera sconcertante la situazione già devastante e disumana in cui sta versando la popolazione !!!! Senza luce, con ridottissima possibilità di accesso all’acqua e di procurarsi cibo, con la quasi totale impossibilità ormai di portare anche soccorso alle vittime, come chiamarlo se non INFERNO ??!! Un intero popolo soffocato all’interno di una strettissima lingua di terra circoscritta interamente da recinzioni di filo spinato, pali, sensori e zone cuscinetto lungo tutti i terreni confinanti con Israele, muri di acciaio e cemento armato lungo i terreni confinanti con l’Egitto e il restante confine lo fa il mar Mediterraneo…… quale assurda probabilità avrebbe la popolazione civile di proteggersi o addirittura (cosa ancora più assurda) di evacuare (dove e come??) per non essere sicuro bersaglio dei reiterati bombardamenti israeliani?! E' doveroso ricordare anche le parole della mamma di Neftali Frenkel uno dei tre ragazzi ebrei rapiti e barbaramente uccisi, la quale ha fermamente condannato l’immediato e brutale assassinio (bruciato vivo) del ragazzo palestinese, dicendo: “Se un ragazzo arabo è stato veramente ammazzato per motivi nazionalisti è una cosa orribile e scioccante. NON C'E' DIFFERENZA TRA SANGUE E SANGUE. Non c’è giustificazione, espiazione né perdono per un omicidio!” leggo, in queste toccanti parole, il chiaro accorato messaggio di monito a non farsi scudo dietro la disumana uccisione del proprio figlio, per giustificare e perpetrare lo scorrere del sangue di altre vittime innocenti poiché questa spirale di violenza e di morte non vendica la barbara morte del suo ragazzo e dei suoi amici ma al contrario glielo stanno uccidendo mille altre volte.

Mara C. 30.07.14 12:41| 
 |
Rispondi al commento

Quindi secondo voi gli israeliani godono nel farsi prendere di mira dalla stampa di qualsiasi paese e dall'opinione pubblica bombardando varie strutture? AVVISANO PRIMA DI SPARARE, IN MODO TALE CHE I CIVILI POSSANO SCAPPARE, BOMBARDANO I LUOGHI PUBBLICI DOVE I TEPPISTI ISLAMICI SI FANNO SCUDO CON BAMBINI E CIVILI PER NASCONDERE LE LORO ARMERIE E I LORO LANCIARAZZI. Gli israeliani non si fermeranno fino a che ogni tunnel sotterraneo che porta al loro territorio non sarà distrutto. Agli amanti di Hamas, agli strenui difensori degli integralisti islamici dico: andate ad abitare nei loro paesi, andate in Palestina o nei paesi dove vige la legge islamica... andate a vedere cosa fanno i campioni di diritti umani. Mi fa venire il vomito questa presa di posizione contro Israele, perchè al di là delle chiacchiere di circostanza si finisce per difendere una associazione criminale. La guerra non è mai bella, gli israeliani saranno più forti, ma si chiama legittima difesa. Se il mio paese venisse attaccato da chi vuole la distruzione del mio paese, sarei il primo a volere riservare al mio persecutore un trattamento del genere, perchè tengo alla vita dei miei figli.

Marco M. Commentatore certificato 30.07.14 12:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Adesso devo fare un commento che vorrei facesse riflettere molti di voi.
Da troppo tempo si discute così ampiamente di una sola guerra, come se l'intero Pianeta non abbia orrori maggiori.
Ventiduemila bambini al giorno muoiono di fame, MUOIONO DI FAME...FAME.....FAME.
(L' O.N.U. promette, con cadenza ventennale, che sconfiggerà questa tremenda piaga, ogni 20 anni ripete la promessa).
Conflitti sparsi un po' ovunque mietono vittime che sono, inevitabilmente, donne e bambini.
Bambini che muoiono sotto le esplosioni di bombe fabbricate da quei paesi che più si indignano.
Bambini violentati, sfruttati e uccisi nella più completa indifferenza mondiale.
Bambine che scoprono fin da piccole cosa voglia dire nascer donne in determinati contesti.
E ancora….......ancora..............ancora...............................................
La domanda che vorrei rivolgervi è questa:
Perchè i bambini palestinesi sono diversi dagli altri?
Perchè i morti provocati dagli Israeliani sono diversi dagli altri?
La guerra non deve esistere perchè dal momento in cui inizia fino alla sua conclusione provocherà infinito dolore.
Provate a digitare 20 Ottobre 1944 su un motore di ricerca e vedete cosa accadde quel giorno a Gorla, quello che leggerete è uno dei tanti, innumerevoli aspetti della guerra.
La guerra è sempre possibile evitarla, ma assolutamente impossibile controllarla.
Concentriamo le nostre forze su quest'ultimo concetto, la sua risoluzione eviterà tutta questa indegna e spesso spregevole ipocrisia che accompagna la guerra in Medio Oriente e non solo, ormai da decenni.
Antoni Mariano
Presidente “M'AMO” Org. Onlus

Mariano Antoni (mamo-org), Lucca Commentatore certificato 30.07.14 11:55| 
 |
Rispondi al commento

Ebbene siamo giunti ai "bombardamenti umanitari" da parte della potentissima aviazione israeliana contro centri abitati: infatti secondo la stampa e la TV "bene orientati" basta avvertire per telefono gli abitanti "dieci minuti prima" dell' arrivo di una bomba per cui possano allontanarsi ( e se vi è un paralitico, dei vecchi, una donna in stato interessante, dei bambini? in questi casi pare che vadano bene i volantini come dicono soddisfatte "la Repubblica" e "la Stampa"). La "guerra giusta"del governo e delle forze armate israeliani contro la striscia di Gaza fa il paio con altre guerre dell' occidente: ricordiamoci che la prima guerra contro l' Irak fece 42 morti (spesso da fuoco amico") nelle forze occidentali e 120.000 morti tra i militari irakeni (che guerra è una con tali proporzioni?)e ad essa seguirono oltre 700.000 morti tra i civili. Adesso l' operazione Gaza ha fatto 43 morti tra i militari israeliani e oltre 1000 morti tra i civili di Gaza tra cui ci sarebbero "terroristi di Hamas". La giustificazione? prima hanno parlato di "razzi" lanciati da Gaza che "piovevano" su tutto il territorio israeliano (razzi eccezionali superiori a qualsiasi missile esistente); poi li hanno traformati in "missili"( non vi è alcuna prova di rampe di lancio, sistemi di guida radar, etc.); poi si è ricorsi alla "ricerca di bunker e tunnel sotterranei" per giustificare l' uso di artiglierie e carri armati.Ricordiamoci che in occasione della crisi del Kossovo vennero bombardati dagli USA/NATO uffici postali, pompe di benzina e impianti di potabilizzazione di Belgrado definiti come "strutture strategiche" dell' esercito serbo e in Afghanistan bombardamenti furono giustificati come fatti su "centri di guerra elettronica"(sic!) e "accademie militari"(sic!) dei Talebani. Insomma la menzogna elevata a sistema per mascherare azioni aggressive indiscriminate, di vera natura terroristica secondo la definizione ONU, che non potranno che produrre odio e altro terrorismo.

antonello usai 30.07.14 10:58| 
 
  • Currently 4.2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

Quello che si sta verificando in Palestina da oltre 60 anni é un genocidio organizzato che viene perpetrato dallo Stato di Israele nei confronti del Popolo Palestinese.
Ciò é sotto gli occhi di tutti ma, grazie alla propaganda (ed alla protezione) USA e dei suoi sodali europei (Italia inclusa) la verità non viene mai detta o, quando emerge evidente, viene mistificata da balle tipo "Hamas usa scudi umani" per giustificare la strage di civili.... ma, non era la stessa cosa che gli USA dicevano di Milosevich in Serbia o di Saddam in Irak, quando, secondo la migliore tradizione USA venivano uccisi civili inermi?
Smettiamola anche con questa favola dell'"antisemitismo", nessuno sano di mente ce l'ha con il Popolo Ebraico, io ce l'ho con il Governo estremista di Israele ("antisionismo", quindi) che, protetto ed armato dagli USA, porta avanti questa politica di sterminio.
Basta con l'Olocausto Palestinese e bravo il 5Stelle a sollevare la questione.

Fabrizio M., Brindisi Commentatore certificato 30.07.14 10:57| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Ora vorrei che i molti nazi-sionisti che difendono il governo israeliano in questa mattanza dicessero cosa pensano dei 200 e più bambini palestinesi massacrati in questi giorni.

Vittorio Feltrin 30.07.14 10:23| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Il mio sostegno e la mia ammirazione per la lotta che i Parlamentari del M5S conducono in Parlamento contro la disinformazione e le malefatte messe in atto dai Politici dei Partiti al Governo in Italia e nell'Unione Europea, nei riguardi della situazione politico-economica, sono incondizionati.

Per quanto riguarda, invece, l'atteggiamento di alcuni esponenti parlamentari del M5S nei riguardi del conflitto Arabo-Israeliano, è, ad essere gentili, frutto solo di DISINFORMAZIONE.
Questi esponenti Parlamentari danno credito, senza verificare l'attendibilità delle notizie, esclusivamente alle fonti delle organizzazioni militari palestinesi, che sono finanziate dagli Emiri, dagli Sceicchi e dai vari Despoti di turno arabo-musulmani.

L'odio antisemita di alcuni di questi esponenti parlamentari del M5S che trapela dai loro comunicati, è del tutto identico a quello dei notiziari e articoli che escono da Euronews, l'organo d'informazione dell'Unione Europea, dall'Osservatore Romano, l'organo ufficiale della Chiesa Cattolica, e da RaiNews24, il Tg del Servizio Pubblico della RAI.

Questi tre organi d'informazione hanno un comune denominatore: l'istigazione all'odio contro gli Ebrei. Euronews per motivi finanziari, in quanto i Padroni della Finanza dell'U.E fanno affari d'oro con i regimi feudali arabi; l'Osservatore Romano, per motivi religiosi, perché perseguitano gli Ebrei da 2000 anni; RaiNews24, per motivi che hanno origine dalla vecchia politica filoaraba dell'ex Unione Sovietica.

E' bene che i nostri esponenti parlamentari del M5S, quando ascoltano i notiziari sul conflitto arabo-israeliano, si attappino la loro bocca spalancata, altrimenti gli entrano dentro le mosche!

Gli altri nostri parlametari M5S, invece, è bene che ricordino che lo Stato d'Israele, è l'unico stato democratico della regione, dove i suoi cittadini godono degli stessi Diritti e Doveri e dove la Libertà d'Informazione è sacra.

Aldo Vagata 30.07.14 08:48| 
 |
Rispondi al commento

che pena in generale questi commenti

alex 30.07.14 01:24| 
 |
Rispondi al commento

Sono d’accordo con l’Ambasciatore Israeliano : le dichiarazioni di Di Stefano riflettono un pericoloso « antisemitismo contemporaneo » legato ad una totale incomprensione della storia del XX secolo e alla « negazione » della realtà dei fatti, in Israele, in Palestina e nel Medio Oriente. Israele vuole poter esistere in pace dentro confini certi, senza tuttavia essere minacciato di annientamento, e senza essere colpito ogni giorno da missili Scud che si fanno sempre più numerosi, più precisi e pericolosi per la popolazione.
Israele ha imparato dalla seconda Guerra Mondiale che nessun paese al Mondo, in caso di minaccia, alzerà un dito per salvare il Paese, né per salvare gli ebrei nel Mondo. Ecco allora perché Lo Stato d’Israele è un Paese Democratico e nel
contempo militarizzato. Non succederà più che un Hitler di turno possa mettere in atto un’altra Soluzione finale, senza che il popolo ebraico reagisca con la diplomazia e se necessario con la forza.
Gli ebrei non stanno più a guardare i missili che arrivano dalla striscia di Gaza, non staranno più a guardare con orrore e con distacco l’ascesa di nuovi fascismi antisemiti, non taceranno, quando un qualsiasi Di Stefano di turno, farà la sua impennata acritica e antisemita contro lo Stato
d’Israele. Israele ha diritto di esistere, questo diritto deriva non solo dalla storia, ma anche dalla sua determinazione.

Esiste, tuttavia, in Israele e in Palestina un movimento che lavora per una pace durevole e giusta, tra i due Paesi. Una pace che è quotidianamente minata da forze fondamentaliste, nei due campi. Esse fanno di Gaza un deposito di armi, e un vivaio di soldati adolescenti, e di Israele uno Stato militarizzato. L’antisemitismo come il razzismo anti arabo sono degli atteggiamenti di tipo manicheo : da una parte il bene (noi) e dall’altra il male (loro). Fare di un popolo il capro espiatorio, renderlo colpevole di ogni male nel Mondo è un atteggiamento utile a certi equilibri politici e strategici, ma anche ...

Democrazia O., Parigi Commentatore certificato 30.07.14 00:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

basta parlare di troll, parlare di sionisti... E' possibile che quando uno la pensa diversamente da un altro venga tacciato di essere un troll, un piddino, o altro? Smettetela di difendere Hamas....terroristi e integralisti islamici, incompatibili con qualsiasi democrazia e con qualsiasi società civile.

Marco M. Commentatore certificato 30.07.14 00:33| 
 |
Rispondi al commento

Mmm. Vedo che i sionisti sono in gran spolvero, e si danno man forte mentre vomitano stupidaggini e odio sul blog.

Cari i miei sionisti, avete le mani sporche del sangue di centinaia di bambini innocenti. Il mondo ha visto l'immondizia morale di cui siete capaci. Voi lobbisti del progetto sionista, voi alfieri della violenza, dell'ignoranza, del genocidio, dell'etnocidio, del razzismo più becero, della paura e del pregiudizio, siete quanto di peggio l'occidente abbia prodotto.

Che Israele si pieghi all'imperativo morale, di non tenere in un GHETTO un intero popolo. È IMMORALE uccidere civili. D'altronde, la resistenza palestinese ha finora ucciso 53 soldati, un volontario che lavorava con le truppe, e due civili. I militari sono obiettivi legittimi per un popolo sotto occupazione, vittima di incarcerazioni arbitrarie, tortura, affamato e umiliato.

Avanti cosí, M5S, ignorate questi troll sionisti, prezzolati o sempliciotti, che si stracciano le vesti per chi semplicemente osa giudicare Israele, mentre i palestinesi, chiuso in un ghetto, possono essere sterminati bellamente. Andate avanti, nel senso del progresso, dell'umanità, della storia.

Federico C., Roma Commentatore certificato 29.07.14 23:11| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Rispolvero la mia "soluzione finale" 1) mettere i palestinesi e gli ebrei in due parti del mondo una agli antipodi dell'altra. 2) mettere i luoghi santi sotto il controllo di un controllo internazionale 3) distruggere i centri abitati palestinesi ed ebraici non santi, e "salare" i terreni pompando l'acqua marina, così la terra è bruciata e nessuno verrà a viverci. Altrimenti continueranno ad ammazzarsi

Federico T., roma Commentatore certificato 29.07.14 21:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non esiste pericolo più grande dell'integralismo islamico. Consiglio a tutti i filo-terroristi questa lettura: http://www.oriana-fallaci.com/la-forza-della-ragione/libro.html
Oriana Fallaci, una donna che quando era viva alcuni spernacchiavano... ora forse iniziano a ricordarsi quello che diceva... e a capire che aveva perfettamente ragione.

Marco M. Commentatore certificato 29.07.14 18:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

perche non chiedere di vietare l'esportazione di capi di abbigliamento verso israele? anch'essi vestono i militari,
CITTADINI SVEGLIATEVI NON SIETE IN PARLAMENTO X SFORNAR CAZZATE!!!!

andrea i., antibes Commentatore certificato 29.07.14 17:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grazie. Mi sento completamente in linea con lo spirito di questo intervento. Su questi temi dirimenti per la mia coscienza il movimento resta sempre fedele al suo spirito fondativo. Quello che si sta consumando è un genocidio, in questo momento più chiaro ed evidente, ma non diverso dal tenere 1,6 milioni di persone in un grande campo di concentramento a morire. Gli animi si sono così esacerbati ed i cuori si sono così induriti che neppure la morte dei bambini riesce a toccare i cuori degli israeliani come dei palestinesi. Anzi, la follia è tale da gioire dei lutti altrui, come se potesse essere tangibile il dolore,lo strazio di un padre mentre raccoglie suo figlio, mentre un eterno di intimità di quotidianità implode in un attimo. E' necessario, si sente ripetere dalla retorica della guerra, da questi pazzi lucidi a cui i popoli hanno messo le armi in mano, dobbiamo andare in fondo, andare lontano da noi stessi, per giungere alla meta, lontano lontano.... Alla fine questo succederà, se anche Israele raggiungerà tutti i suoi obbiettivi, il prezzo sul tavolo sarà la perdita della propria umanità, già ormai a brandelli. In questi momenti bui, in queste notti della ragione siamo disarmati. Credo che le persone, gli altri da me siano la cosa più bella, amo il popolo di Israele ma mi impegno a non comprare nessun prodotto israeliano fino all'8 luglio 2015. E' poco, è un segno un grido per dirvi tornate alla vostra umanità.

Ivan Solinas, Scandicci Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 29.07.14 17:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Israele ha subìto oltre 80 risoluzioni dell’ONU per la violazione dei diritti umani dei palestinesi e internazionali sulla gestione dei territori occupati. Occupati sin dal 1882 quando, sulla spinta della nascente ideologia sionista, si insediarono le prime colonie di ebrei in Palestina. E’ vero che queste superarono le origini stesse della religione ebraica (che prevedono l’attesa della venuta del Messia prima di poter tornare in Palestina) ma è anche vero che gli ebrei abitavano quella parte del mondo dal 2000 AC e che furono costretti ad andarsene dopo la rivolta del 70 DC, quando i romani distrussero Gerusalemme e decimarono la popolazione ebraica ivi residente da millenni. In realtà, la Palestina è mai esistita come Stato, ne mai è esistito un popolo di tale nome, ma è il nome che i romani diedero alla Giudea.

Albert d'Anna 29.07.14 17:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Che sfacciati questi Israeliani, non si fanno ammazzare come gli Ebrei di una volta, non c'è piu' religione! Ipocriti!

Luciano dario 29.07.14 17:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Aspettate qualche anno e poi vedrete..voi che siete giovani..io ormai sono vecchio e forse lo eviterò... cosa?!.. ma è semplice...con tutta 'sta invasione dal nordafrica di stampo islamico...fra qualche anno saremo anche noi agli stessi passi della Palestina... o di Israele... fate voi. Ricordate le previsioni della Fallaci?! Auguri a tutti

giorgio l., verona Commentatore certificato 29.07.14 17:03| 
 |
Rispondi al commento

Immancabilmente, avete fatto la solita figura di SOMARI antisemiti, e pensare che a di stefano gli avevamo scritto, ma un somaro del genere non sa neanche leggere, probabilmente

Andate a vedere cosa dice l'ambasciatore israeliano all'onu, e guardate l'altro video, e prendetelo come un avvertimento

http://www.youtube.com/watch?v=J8tyih5uXN8

http://www.youtube.com/watch?v=YYnMwJs_73E

Golemazzo 29.07.14 16:57| 
 |
Rispondi al commento

Gaza (con il comando dei terroristi di Hamas) non è uno Stato internazionalmente riconosciuto. Voi lo equiparate falsamente ad uno Stato, come se fosse sotto il governo palestinese di Abu Mazen.
Leggere il mio articolo dal mio blog
Blog del prof. Pietro Melis: HAMAS: RADERLA AL SUOLO ...
pietromelis.blogspot.com/.../hamas-raderla-al-suolo-sarebbe-lideale.html
12/lug/2014 - Sharon aveva ordinato lo sgombero dalla striscia di Gaza. Non contenti di ciò i fanatici di Hamas sequestrano e uccidono tre ragazzi. Hanno ...

Pietro Melis, cagliari Commentatore certificato 29.07.14 16:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ci sono popoli pronti per una democrazia, mentre altri non lo sono. Il recente caso Gheddafi lo dimostra: stanno peggio di prima. Le democrazie non si esportano, le si conquistano. Il risultato dell'appoggio dei ribelli contro Gheddafi quale è stato? Che ora invece di un dittatore ne hanno qualcuno in più. Stop alla guerra subito, ma conoscendo gli islamici, appoggio totale ad Israele

Marco M. Commentatore certificato 29.07.14 15:49| 
 |
Rispondi al commento

Se dovessimo andare dietro le "memorie storiche", tantissimi paesi nel mondo, dovrebbero ritornare a guerreggiare con tantissimi altri paesi.

Ogni qualvolta si riapre il conflitto tra Palestina ed Israele, ci si rende conto come sarebbe opportuno (metaforicamente parlando) radere al suolo il Palazzo dell'ONU, e con esso tutte le loro sedi nel mondo.
L'inutilità di questa pseudo Istituzione, si certifica sempre più, nel momento in cui prende posizione nei vari conflitti, ma solo con l'intendo di non scontentare nessuno.

Grazie alle risorse informatiche a disposizioni oggi nel mondo, è difficile far passare l'ipotesi di colpevolizzare sempre Israele, perchè tutti oggi sanno che il regime al Governo in Palestina, è una dittatura tra le più violente al mondo.

Per questo l'ONU dovrebbe favorire la Democrazia in Palestina, con tutti gli strumenti a sua disposizione, per poi lasciare al popolo palestinese, le decisioni che competono il loro futuro.

Fino a quando il popolo palestinese sarà costretto a svolgere il ruolo di "martiri a vita", cosa volete che possa cambiare per loro.

gianfranco chiarello 29.07.14 15:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

questo manipolo di cittadini rappresentanti del m5s sono totalmente inadatti, fuoriusciti dalla scuola di vendola e ricollocatisi nel mv
cari sig cittadini faremmo volentieri ha meno delle vostre sortite

andrea i., antibes Commentatore certificato 29.07.14 15:40| 
 |
Rispondi al commento

Gli ebrei avranno anche approfittato dell'olocausto per fare quello che vogliono, ma qua ormai chiunque, compresa la stampa, descrive gli israeliani come veri terroristi, e questa è la vergogna! perchè tutta questa gente non va in Palestina ad abitare??? Per vedere come stanno bene loro, per vedere come l'integralismo islamico sia un cancro. Oriana Fallaci, la grandissima Oriana, l'aveva detto: l'Islam è incompatabile con l'occidente, e avvisava tutte le popolazioni europee di tenere alla larga musulmani, che mai vorrebbero e mai vorranno integrarsi veramente. Perchè noi siamo gli infedeli. Come si può pensare di dialogare con chi vuole fare scomparire Israele dalla cartina geografica? Come si fa a venire a patti con terroristi della peggior specie, quando sei costretto tu, israeliano, a mandare i tuoi due figli in due autobus diversi per mandarli a scuola, per la paura di non poterli vedere tornare a casa insieme? Come si fa a venire a patti con chi insegna ai bambini in tenera età che loro, domani, dovranno farsi saltare in aria per Allah e fare una carneficina? Gli israeliani saranno un popolo strano, ma sono l'unica vera democrazia del Medio Oriente. Oggi ci sono più morti palestinesi per il semplice fatto che Israele è organizzata, è più forte...ciò non toglie che siano solo in torto. La striscia di Gaza è piena di tunnel che porta ad Israele, e gli israeliani vogliono mettere al sicuro il loro paese. Quando devono bombardare un edificio, loro avvisano.. di certo non usano da scudo umano i civili, non nascondono missili e lanciarazzi nelle scuole e negli ospedali, per poi gridare allo scandalo internazionale (perchè Hamas gode di un grande appoggio mediatico). Andate a Gerusalemme, guardate in che condizioni si trova il quartiere ebreo.... e poi confrontatelo col resto. Capirete gente, capirete.

Marco M. Commentatore certificato 29.07.14 15:31| 
 |
Rispondi al commento

sig, rappresentani m5s,
ma non avete niente di meglio da fare?

andrea i., antibes Commentatore certificato 29.07.14 15:28| 
 |
Rispondi al commento

penso che in italia avremo presto i nostri problemini, pertanto esorterei i signori che rappresentano il mv ad occuparsi dei problemi di casa nostra e lasciare che israele e i palestinesi se la sbrighino dasoli

andrea i., antibes Commentatore certificato 29.07.14 15:26| 
 |
Rispondi al commento

Per quanto non mi faccia simpatia, c'è una frase di Nethaniyau che è al tempo stesso vera ma terribile. "Se gli arabi deponessero le armi, due minuti dopo ci sarebbe la pace, se Israele deponesse le armi, due minuti dopo non ci sarebbe più Israele".
Chiudo qui, perché comunque la guerra rimane sempre una cosa orrenda, perché ho pianto lacrime vere per quei poveri bambini uccisi sulla spiaggia o nella scuola. E non importa se la scuola è stata abbattuta da un missile di Hamas (come credo) o israeliano. Loro sono morti ed io ho pianto. Non vorrei più intervenire sull'argomento, perché comunque rimango sempre sgomento davanti ad una guerra, ma mi sentivo di scrivere queste cose perché non sono ipocrita, né ambisco a piacere a tutti. La mia bacheca è aperta sempre a tutti, anche a chi pensa in modo diametralmente opposto al mio. Rispetto tutti, tranne i razzisti. Io sono questo, e se qualcuno vorrà cancellarmi dalle proprie amicizie per le mie idee, ne prenderò atto, in alcuni casi non mi importerà molto, in altri casi invece me ne dispiacerò, ma non mi piacciono le ipocrisie, io sono questo e questo è il mio pensiero, senza equivoci, in maniera chiara.
Shalom.

Tratto da un post di Maurizio Landieri che condivido in toto

https://www.facebook.com/notes/maurizio-landieri/con-israele-sempre/10152568809411894

alessandro b. Commentatore certificato 29.07.14 14:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

3/3 Ed a molti non importa che sia più forte, gli si fa la guerra ugualmente. Si preferisce il martirio inutile al dialogo, che Israele non ha mai rifiutato. Ma per dialogare bisogna essere in due, altrimenti sono parole al vento. E quando Sadat, stanco di perdere guerre, volle veramente dialogare, la pace si fece. E dura da allora. Oggi l'Egitto è uno dei più feroci nemici di Hamas.
La soluzione del conflitto è molto più semplice di quanto appaia. Basta rispondere ad una semplice domanda: Israele ha il diritto di esistere, o no? Fino a quando la risposta sarà no, non potrà esserci pace, e nemmeno dialogo, perché non puoi sederti a parlare con chi vuole distruggerti. Ma non perché non vuoi sederti tu, ma perché l'altro non vuole sedersi con te. Oggi, anno di grazia 2014, i paesi arabi che riconoscono ad Israele il diritto di esistere, sono due: Egitto e Giordania. NESSUN ALTRO. Vorrà dire qualcosa che questi due paesi da 40 anni non combattono militarmente con Israele?
Israele dunque è un paese perfetto? No, non lo è, come non lo è nessun paese su questa terra. Non voterei mai per Nethanyau. E odio i fanatici dell'estrema desta israeliana. Considero idioti quelli che guardano le esplosioni da una collinetta. Ma non si può non riconoscere che se la pace, oggi, non c'è, la colpa NON è di Israele. Israele però è un paese che ha molto da insegnarci. E' un paese in cui un capo di stato va in carcere per molestie sessuali e non grida al complotto. E' il paese in cui gli assassini del giovane adolescente arabo, cittadini israeliani, sono stati arrestati e messi in prigione, e lì sconteranno la stessa pena di un arabo che uccide un israeliano. E' il paese che investe in ricerca e tecnologia, nel campo medico, visto che moltissimi farmaci salvavita sono brevetti israeliani. E' un posto che potrebbe essere un angolo di paradiso, se solo gli si riconoscesse il diritto di esistere. ...continua...

alessandro b. Commentatore certificato 29.07.14 14:47| 
 |
Rispondi al commento

2/3 Posso, sempre sommessamente, ricordare che i territori che Israele ha occupato NON erano dei palestinesi ma di altri paesi? Il Sinai e Gaza erano dell'Egitto, il Golan della Siria e la Cisgiordania era della Giordania? Posso sommessamente ricordare che l'unico paese che ha firmato dei trattati di pace con Israele (cioè l'Egitto) si è visto restituire il Sinai? All'Egitto fu offerta anche la striscia di Gaza, ma non la volle.
Posso, a voce bassa, ricordare che Gaza fu restituita all'Autorità Palestinese nel 2005? Furono lasciati campi coltivati, serre, desalinatori. Quei campi e quelle serre furono distrutte da Hamas. Sharon, il primo ministro che decise il ritiro unilaterale da Gaza, sperava nella convivenza pacifica. Il risultato qual è stato? Migliaia di missili lanciati sui civili israeliani. Sono abituato a chiamare le cose con il loro nome. Hamas è una organizzazione terroristica che tiene in ostaggio il proprio popolo ed ha come obiettivo unico i civili israeliani, indistintamente, donne, bambini, persone inermi. Non importa, purché muoiano in quantità. Io questo non l'ho mai accettato, né potrò mai accettarlo. Mi si risponde che c'è una evidente sproporzione delle forze in campo. E' vero, lo sanno tutti che Israele ha il quarto esercito del mondo. Ma se non lo avesse avuto, oggi, semplicemente, non esisterebbe più. Lo avrebbero già distrutto in una delle tante guerre che gli hanno fatto. La guerra è la cosa più orrenda che l'uomo abbia inventato. E' orrenda perché di mezzo ci vanno gli innocenti, i bambini, soprattutto. Una volta Golda Meir alla domanda di un giornalista, rispose che la pace tra Arabi ed Israeliani ci sarebbe stata quando gli arabi avessero imparato ad amare i propri figli più di quanto odiassero gli Israeliani. Ed era una frase tremendamente vera. Alla base di tutto c'è l'odio. Null'altro che l'odio. Israele, per molti, deve essere semplicemente distrutto, scomparire dalla faccia della terra. ...continua..

alessandro b. Commentatore certificato 29.07.14 14:46| 
 |
Rispondi al commento

1/3 TORTI E RAGIONI, MA UN PO' DI MEMORIA STORICA NO?!

Io nella mia vita mi sono schierato, e mi schiero, sempre. Non sopporto gli equidistanti, quelli che pensano di avere un punto privilegiato di osservazione, dal quale si ergono a giudici. I miei punti di osservazione, invece, sono terra terra, ed i miei non sono giudizi, non giudico mai nessuno, ma solo opinioni di uno che non conta nulla.
Sto dalla parte di Israele, con convinzione. Non perché mi piaccia stare col più forte, perché Israele è certamente il più forte, ma perché penso che abbia ragione, perché penso che non sia una verità assoluta che il più debole abbia anche ragione. In questo caso, secondo me, il più debole ha torto marcio.
Molti, secondo me, hanno la memoria corta, o una visione distorta dello stato dei fatti. Quando sento invocare "Due popoli, due Stati", mi viene in mente che questo principio Israele lo accettò alla fine del 1947, riconoscendo la risoluzione ONU 188 del 29 novembre 1947. Quella risoluzione prevedeva la nascita di DUE stati. Ma furono i paesi arabi a non riconoscerla, rinunciando a far nascere lo Stato Palestinese. Perché nessuno ricorda mai che 12 ore dopo la proclamazione dello stato di Israele gli eserciti di 6 paesi confinanti cercarono di distruggerlo? Perché nessuno ricorda mai che i tentativi di distruggere militarmente Israele sono stati molteplici e che le guerre che Israele ha vinto sono sempre stati gli altri ad iniziarle?
"Israele occupa illegalmente i territori palestinesi", si grida ovunque. Ma posso sommessamente ricordare che quando tu dichiari guerra a qualcuno, e la perdi per giunta, capita che il vincitore occupi parte della tua terra? Noi perdemmo Istria e Dalmazia, e salvammo Trieste a stento. Posso sommessamente ricordare che, dopo una guerra, i confini si definiscono attraverso trattati di pace e che, per esempio, il trattato di Osimo è del 1975, ovverosia 30 anni dopo la fine della guerra? ...segue...

alessandro b. Commentatore certificato 29.07.14 14:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I contributi dell'Italia alle Nazioni Unite sono pari ad oltre 5 (cinque) MILIARDI di euro.
RITIRIAMOCI DALLE NAZIONI UNITE in segno di protesta per gli attacchi israeliani e risparmiamo un sacco di soldi

miso gino 29.07.14 14:44| 
 |
Rispondi al commento

Bravi questa è la strada

Tra l'altro come si sospettava sta venendo fuori, anche con una censura severa, che l'omicidio dei tre ragazzi israeliani è frutto di una cellula estremista (Hamas ha sempre affermato la sua estraneità all'omicidio)ed è stato usato come pretesto per attaccare ma le considerazioni di Cobraf sono come sempre degne di nota.
Devono ridare ai palestinesi almeno metà della terra che gli hanno preso e devono smettere di massacrarli (e bisogna darci un taglio con la storia di quello che è successo nel 1943, perche altre cose sono successe nel 1933 o 1923..)

http://www.cobraf.com/forum/coolpost.php?topicGroupID=1&topic_id=5826&reply_id=123559202

eleonora . Commentatore certificato 29.07.14 14:39| 
 |
Rispondi al commento

il M5S pensi a vincere la "battaglia" contro PD-NCD-FI che Israele sa benissimo cosa fare anche senza i suggerimenti del M5S camera.!
di che vi preoccupate Renzi ha messo la Mogherini in campo quindi!!!

severino turco, bressanvido Commentatore certificato 29.07.14 14:35| 
 |
Rispondi al commento

ABBIAMO CHIUSO! Oggi il gazzettino di Venezia ha pubblicato la notizia che nel Nordest Renzi ha il 65% di consensi. Questo prova che la stampa deve essere finanziata perche' veritiera.

luciano p., mestre Commentatore certificato 29.07.14 14:33| 
 |
Rispondi al commento

Fate il possibile.

Sti stanno massacrando, come oramai di 70 anni. E nelle guerre, ci rimette sempre il più debole.

Massimiliano Princigalli, Roma Commentatore certificato 29.07.14 14:17| 
 |
Rispondi al commento

E' evidente che il governo non ha una politica estera, non ha nessuna autonomia e naviga a vista in attesa di ordini dagli USa o dalla Germania. In attesa che la Mogherini (ribattezzata da qualcuno Moscerini per la scarsa consistenza) si pronunci, potrebbe il M5S lanciare una campagna di boicottaggio di tutte le merci israeliane?

Ada Martinelli, Vicchio Commentatore certificato 29.07.14 13:59| 
 |
Rispondi al commento

OTTTIMO LAVORO 5 STELLE,OTTIMO LAVORO,LA MINISTRA SI E' FINALMENTE SVEGLIATA

alvise fossa 29.07.14 13:51| 
 |
Rispondi al commento

Plaudo finalmente a una presa di posizione forte da parte dei Portavoce sul genocidio di Gaza. Ho difficoltà di connessioni alla rete e non posso articolare questo mio intervento, ma non condivido per nulla la condanna di Hamas, al cui eroismo va reso onore. È l’unica forza politica che difende il popolo palestinese mentre Abu Mazen ha già da anni venduto il suo popolo a Israele. Non si può ingannare l’aggredito per il fatto che si difende eroicamente da un avversario che di dispone di equipapaggiamento, armi e coperture diplomatiche infinitamente superiore… Il nostro governo è colpevole del genocidio che si compie non meno dello stesso governi israeliano…

Anziché mandare armi ad Israele noi dovremmo mandarle ad Hamas, oppure in alternativa giungere alla rottura di ogni relazione diplomatica con Israele e ogni minimo sostegno alla politica israeliana...

Antonio 29.07.14 13:27| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

NON ESISTONO PROVE DELL' COSIDETTO OLOCAUSTO, GUARDATE L'INTERVISTA DELL' EBREO DAVID COLE, FATTA AD AUSCHVITZ, MENTRE CI SONO PROVE VERE E SPAVENTOSE DI QUELLO CHE STANNO COMBINANDO GLI EBREI CON LA LORO MACELLERIA ETNICA CONTRO I PALESTINESI

ziomax 29.07.14 13:21| 
 
  • Currently 2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

E' vergognoso farsi scudo dell'olocausto per commettere gli stessi crimini e forse anche peggiori di quelli compiuti dai nazisti. E' osceno che chi ha preteso pietà dal mondo intero, ora sia lui a dare la morte a migliaia di indifesi esseri umani.
Netanyahu andrebbero impiccato per crimini contro l'umanità esattamente come si sarebbe fatto con Hitler se catturato vivo. Non esiste differenza fra la Germania nazista e Israele, anzi sono ancora più colpevoli avendo rubato la Terra a quel popolo e ora lo stanno cancellando. Il comportamento delle altre nazioni è vergognoso, osano criticare Hamas paragonando i missili giocattolo con le bombe al nepal e distruttive come quelle atomiche di una potenza come Israele. Vorrei vedere cosa farebbero loro se dopo aver disintegrato la Palestina, questi assassini facessero la stessa cosa con una nazione europea o americana, se si difenderebbero come belve oppure si lascerebbero sterminare come pretendono facciano i palestinesi. L’uomo dovrebbe scomparire dalla faccia della terra perché non è degno di abitarla!


L'autodifesa armata è ammessa dal diritto internazionale. Hamas è la resistenza palestinese, anche armata, come lo erano i nostri partigiani nel 1944. l termine loro attribuito era BANDITI. Più decisione contro il governo sionista. Deferirlo al tribunale dell'Aia. Aiutare i dissidenti interni a Israele, scoprire le carte del Mossad, parlare di terrorismo fatto nei laboratori dei servizi segreti.
La bomba della banca dell'Agricoltura (12 dicembre 1969) fu attribuita da TV e giornali al mostro ANARCHICO VALPREDA, l'assassinio dei 3 giovani coloni è attribuito al mostro TERRORISTA HAMAS. I mandanti ed esecutori sono gli stessi di allora.

Urbano Cipriani, Firenze Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 29.07.14 12:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Visione assolutamente unilaterale del problema.
Non si dice chiaramente che l'operazione militare è una risposta al lancio indiscriminato di razzi da parte di Hamas sulla popolazione civile di Israele. Non si dice chiaramente che Hamas è un'organizzazione terroristica di stampo islamista nemica di tutto l'occidente. Non si dice chiaramente che in quella regione tutti hanno ragione e tutti hanno torto. Per me Israele è un baluardo contro l'espansionismo islamico oltranzista nel mondo e attira contro di se tutta la rabbia e la disperazione che altrimenti si riverserebbero contro l'Europa Occidentale.

Corrado 29.07.14 12:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

si può pensare quello che si vuole(e personalmente sono totalmente d'accordo con il nostro Di Stefano) ma quello che stanno compiendo gli israeliani nella striscia si chiama in un solo modo: genocidio.

Michelangelo 0. Commentatore certificato 29.07.14 11:50| 
 |
Rispondi al commento

Bravi, mi sembra l'analisi piu' commpleta e lucida di questa ingarbuglliata e tragica situazione.A riveder le Stelle

Giuseppe Satriano 29.07.14 11:49| 
 |
Rispondi al commento

MA ANDATE A FANCULO, VOI E' HAMMAZZ!!!

IL WEST-BANK NON DIVERRA' UNA SECONDA GAZA, NE' SI PUO' IMPEDIRE A UNO STATO SOVRANO DI DIFENDERE DAGLI ATTACCHI CODARDI DI CHI SI FA SCUDO DEI CIVILI E NON SCUDO AI CIVILI COME HAMMAZZ!

CHI ARMA LE MANI DI QUESTI ASSASSINI NEO-NAZISTI DI HAMMAZZ?

I LORO CAPI VIVONO NEGLI AGI MENTRE IL POPOLO VIENE SACRIFICATO IN NOME DEL LORO INTEGRALISMO...PUAH, HAMMAZZ!!!

marco ., milano Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 29.07.14 11:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il punto e' che Israele non vuole una soluzione pacifica del conflitto. Ci hanno provato, o hanno fatto finta di provarci, diversi presidenti statunitensi ma siamo sempre allo stesso punto.
Finche' Israele godra' dell'appoggio degli USA e dei suoi satelliti, Italia inclusa, finche' verra' rifornito in abbondanza di armi e tecnologia, non fara' mai delle vere trattative di pace.
La verita' e' che Israele vuole cacciare i palestinesi dalla striscia di Gaza per potersi espandere.
La storia finira' quando Israele riuscira' nel suo intento o i paesi arabi riusciranno a distruggere Israele.
A meno che la diplomazia internazionale non si svegli dal suo letargo pluridecennale e riesca finalmente a giustificare la sua esistenza.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 29.07.14 11:25| 
 |
Rispondi al commento

Tanto comandano loro, se ne strafottono dell'ONU....

Anti E., Roma Commentatore certificato 29.07.14 11:16| 
 |
Rispondi al commento

Da ricordare anzitutto che le prime grandi stragi il popolo palestinese le ha subite dai fratelli arabi musulmani siriani e giordani, qnd sono stati cacciati i palestinesi cola' residenti; ciò detto, il clima politico e di guerra che si vive in quella bellissima terra martoriata è frutto del desiderio palese di annientare e cancellare lo stato israeliano: così non si risolverà mai il problema! L'unica strada possibile è quella della coabitazione, accettando Israele sul territorio! È l'unico modo per far partire un vero dialogo di pace con le sacrosante rivendicazioni del popolo palestinese!

Ejustyn 29.07.14 11:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ok.....ma se piovessero missili da una nazione vicina, dalla Svizzera ad esempio, e uccidessero i nostri parenti....che diremmo? Peace and love?

emanuele b., montepulciano Commentatore certificato 29.07.14 10:46| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

I palestinesi hanno tutte le ragioni per odiare l'occidente. Infatti si sa che gli abbiamo portato gioia e ricchezza.

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 29.07.14 10:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Massima solidarietà per il popolo palestinese vittima di genocidi e violenze di ogni tipo.

Ma profondo disaccordo con la forza politica estremista di HAMAS che odia profondamente l'occidente e quindi anche noi.

Sono più che sicuro che se anche la palestina avesse un proprio stato Hamas continuerebbe a odiare l'occidente, magari cambiando l'obiettivo della propria lotta verso di noi.

Qualcuno parli pure dell'altro lato della medaglia quando si parla di Palestian vi prego.

Qualcuno parli di HAMAS e della Jihad.
Troppo semplicistica questa visione. Il mondo è molto più complesso di quanto si immagini.

buon lavoro.
aa

aa 29.07.14 10:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori