Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

I soldi ai giornali

  • 13


stop_soldi_giornali.jpg

"E' di nuovo corsa ad accaparrarsi i fondi a sostegno dell’editoria: da fine anno inizierà ad arrivare parte di quei 25 milioni che il governo Renzi ha stanziato per i prepensionamenti nel 2014 e gli editori si stanno già affrettando ad annunciare ulteriori stati di crisi, certe volte addirittura prima che finiscano quelli in corsa. Pur di mettersi subito in fila, il giorno prima di Ferragosto, Francesco Gaetano Caltagirone ha comunicato a una redazione in parte in ferie e a un sindacato nazionale dei giornalisti chiuso per la pausa estiva di voler accompagnare all’uscita 27 redattori del Gazzettino di Venezia. Una settimana prima, invece, l’editore romano con interessi variegati dalle costruzioni alle assicurazioni Generali e all’utility capitolina dell’acqua Acea ha avviato l’iter per un terzo stato di crisi al Messaggero, che fa sempre parte del suo gruppo editoriale con il Mattino di Napoli, il quotidiano gratuito Leggo e il Nuovo quotidiano di Puglia. Anche per il Messaggero è stato scelto l’ammortizzatore sociale dei prepensionamenti (circa 36) dopo che il quotidiano della capitale ha aperto il primo stato di crisi nel 2009 per un anno e mezzo e il secondo nel 2012 fino agli inizi dello scorso maggio. C’è comunque chi è stato più tempestivo di Caltagirone e non ha aspettato nemmeno che finisse lo stato di crisi in corso. E’ il caso di Andrea Riffeser Monti, a.d. di Poligrafici editoriale che pubblica Quotidiano Nazionale, Resto del Carlino, Giorno e Nazione. Oltre a Caltagirone e Riffeser c’è comunque un altro editore, Sergio Zuncheddu, che si prepara ad aggiungersi alla processione di richiedenti aiuto. Sul tavolo ci sono una dozzina circa di esuberi per l’Unione sarda e nel taglio del costo del personale rientrerà anche Videolina, televisione locale sempre dell’immobiliarista sardo (ma che non può beneficiare dei prepensionamenti). Dalla lista dei gruppi editoriali in fila non potevano mancare poi i grandi gruppi come Rcs e Mondadori, che stanno portando avanti i loro precedenti stati di crisi.vSe i big dell’editoria stanno correndo alla cassa dei prepensionamenti, rischiano di essere penalizzati quelli più piccoli come la Gazzetta del Mezzogiorno, che non naviga di nuovo in buone acque e potrebbe chiedere un sostegno troppo tardi. Alla fine, per sopravvivere alla crisi, alcuni quotidiani minori hanno deciso di battere strade diverse dai prepensionamenti: per esempio il Secolo XIX di Carlo Perrone ha preferito confluire nella newco Italiana Editrice che fa capo alla Stampa, testata concorrente della famiglia Agnelli-Elkann". (fonte)

24 Ago 2014, 21:28 | Scrivi | Commenti (13) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 13


Tags: crisi, editoria, giornali, soldi pubblici

Commenti

 

Forza M5S

Notizie informatiche Commentatore certificato 26.08.14 02:11| 
 |
Rispondi al commento

Cominciamo lo sciopero dei consumi dai giornali.
Non comperiamo nemmeno saltuariamente giornali che usufruiscono di sovvenzioni statali:
1° perché ci costano 2 volte,
2° perchè per forza di cose non potranno mai essere obiettivi rispetto al governo ed ai partiti che lo sorreggono, in ossequio al detto:
"Non si sputa nel piatto dove si mangia!"

Hivon T., Spinea Commentatore certificato 25.08.14 23:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

BASTA SOLDI ALL'EDITORIA E NON AGGIUNGO ALTRO

alvise fossa 25.08.14 14:47| 
 |
Rispondi al commento

**V***

Matteo (23,33):
" Serpenti,razza di vipere,come potrete scampare dalla condanna della Geenna?"

Aldebrando Fitozzi Commentatore certificato 25.08.14 08:48| 
 |
Rispondi al commento

Se non finanziano i giornali,come può la Casta avere dei giornalisti servili che esaltino i miracoli degli eredi? Italia:ex Nazione diventata colonia americana governata dal Vaticano,usata come base strategica militare politica.Povera ex Grande Potenza Russa che non é libera di intervenire per aiutare i suoi fratelli filorussi per paura di essere invasa dall'esercito del vero Dio " Nato & Alleanza Atlantica".Putin dovrebbe richiedere aiuto al suo amico Messia,visto che lo aveva già salvato una volta dal Dio della guerra Bush.Il
peggio è l'umiliazione che il popolo Russo deve subire dall' Ucraina sostenuta dal vero Dio che tramite il suo potente esercito "Nato o& Alleanza Atlantica lo tiene sotto stretta sorveglianza e con la suddita UE lo costringe alla fame isolandolo dal mondo tenendolo sotto assedio con gli imbarchi.
Per pietà basta con questi spettacoli,rifacciano subito la Balena Bianca da prima Repubbliuca con dentro tutti gli eredi dell'ammucchiata,tanto
anche i cretini come me hanno capito che il vecchio Dio era solo un simbolo immaginario ed é solo questione di soldi,
potere e visto che la Russia non conta più nulla la smettano di
recitare.Ennesimo spettacolo voluto dal vero Dio per mantenere al potere i fedeli Discepoli che sostengono la Globalizzazione e la suddita burocratica-guerrafondaia UE,doppione dei vari governi nazionali che servono per tenere isolata l'ex grande potenza Russa.Questo Divino spettacolo è strategico come quello creato sulle armi di distruzione di massa che ha dato inizio alle guerre mascherate in missioni pace. “LA GIUSTIZIA NON É UGUALE PER TUTTI”!Solo chi ha denaro,fa parte della Casta,dei parenti e marionette politiche é tutelato e immune contro la vera giustizia.Preso atto che il vecchio Dio era solo immaginario e visto il trionfo della filosofia politica italiana “Ipocrita Clericale Cattocomunista”,dobbiamo sperare che finalmente scoppi subito una vera guerra.Solo in questo modo i cretini come me e chi ha creduto nei valori Eti

agostino nigretti 25.08.14 06:16| 
 |
Rispondi al commento

Il 99% delle informazioni le traggo da internet e da siti steanieri.... più afgidabili dei giornalisti italiani....la restante parte da libri....ma chi li legge più i giornali in itslia e chi la guarda più la televisione che nemmeno ho in casa.... ma chi finanziano questi?

michele marra 25.08.14 00:22| 
 |
Rispondi al commento

Eseguire un lavoro sporco dopo l’altro mettendosi al servizio di loschi figuri che per soldi farebbero qualsiasi cosa ma che non esitano di liberarsi di te appena ritengono che non gli servi più o che costi troppo: no, non è il destino di un sicario sfigato, ma di molti giornalisti al servizio degli editori citati nell’articolo.

Francesca B., Ovada Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 25.08.14 00:09| 
 |
Rispondi al commento

Il direttore de "il Resto del Carlino Pesaro" ha ammesso che il suo giornale a livello nazionale appoggia Renzi. È normale che un giornale "appoggi" una parte politica?? Siamo sicuri di essere solo al 49esimo posto per libertà di informazione?? Quella che ha fatto è una dichiarazione gravissima. Faccio copia e incolla del suo commento in risposta a un post su facebook di un attivista 5 stelle pesaro, posso inviare anche la foto se mi si dice come si fa.


"Carissimi. Io non ho pregiudizi. Ma che di Battisti giustifichi il terrorismo è una dichiarazione logica. Indiscutibile. Poi su tutto il resto possiamo discutere a lungo e magari voi avete ragione e io no. Henry devo dirti che non sono riuscito a leggerti fino in fondo e non entro nel merito. Non ho facili ricette su temi internazionali così complicati. A livello nazionale il mio giornale appoggia renzi. Io non appoggio nessuno ne a livello locale ne nazionale."
Luigi Luminati, direttore de "il Resto del Carlino Pesaro"


simone bartolucci, pesaro Commentatore certificato 24.08.14 23:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ben gli sta, spero che chiudano tutti e i giornalisti lecchini vadano a chiedere l'elemosina, perché è, soprattutto colpa loro se queste mer*e di politici stanno a galla. Spero che anche le tv commerciali e la rai facciano la stessa fine. Dovremmo tutti disdire il canone e mandarli tutti affan*ulo 'sti lucca*uli e fornitori di notizie false. A che serve avere una televisione che fa solo propaganda al regime?, avere conduttori che percepiscono milioni di euro e che ci prendono per i fondelli? E noi, deficienti, paghiamo pure, per farci prendere in giro. Adesso basta o ci svegliamo oppure ci distruggeranno.

alfonsina p. Commentatore certificato 24.08.14 23:08| 
 |
Rispondi al commento

Spero che chiudano tutti e che i giornalastri finiscano disoccupati senza stipendio, come lo sono io. Alla malora questi farabutti conta balle, inutili , anzi dannosi.

claudio n., desenzano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 24.08.14 22:14| 
 |
Rispondi al commento

non compro i giornali perché non ho più soldi e i giornali scrivono che specialmente adesso con renzie e lo euro va tutto bene, ma se va tutto bene come è che la gente non ha più soldi neanche per i giornali e i giornali chiudono? bufo no? la madonna è vergine e i serpenti parlano.

fat32 24.08.14 22:06| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori