Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

ISIS: Che fare?

  • 1264


isis_.jpg

"Dagli anni '20 ai '60
A Sèvres, nel 1921, Francia e Gran Bretagna si spartirono i possedimenti mediorientali dell'ormai decaduto Impero Ottomano.
Alla Francia andarono Libano e Siria, alla GB la Palestina, la Transgiordania e l'odierno Iraq. I confini vennero segnati utilizzando matite, righelli e, probabilmente, sotto l'influsso di qualche coppa di champagne.
Altrimenti come ci si potrebbe spiegare l'invenzione folle del Regno dell'Iraq, uno stato abitato, oltre che da decine di minoranze, da tre popolazioni profondamente diverse tra loro: i curdi, gli sciiti e i sunniti?
La drammatica storia dell'Iraq nasce tutta da qui. Colpi di stato, spinte autonomiste curde, resistenze sunnite, attentati sciiti, difesa del controllo petrolifero da parte del Regno Unito, intervento della Germania nazista. Non si sono fatti mancare nulla fuorché la pace.

La CIA e i colpi di Stato che fanno meno scalpore del terrorismo
Durante la crisi di Suez Baghdad divenne la principale base inglese, nel 1958 venne abolita la monarchia e nel 1963, anche in chiave anti-sovietica, la CIA favorì un colpo di stato per deporre Abd al-Karim Qasim, l'allora premier iracheno, colpevole di aver approvato una norma che proibiva l'assegnazione di nuove concessioni petrolifere alle multinazionali straniere. In Iraq, tra deserto, cammelli e rovine babilonesi accadde quel che già si era visto all'ombra delle piramidi maya nel 1954 quando Allen Dulles*, direttore della CIA, armò truppe mercenarie honduregne per buttare giù Jacobo Arbenz, il Presidente del Guatemala regolarmente eletto, colpevole di voler espropriare le terre inutilizzate appartenenti alla statunitense United Fruit Company e distribuirle ai contadini. Risultato? Presidenti fantoccio, guerra civile e povertà.
Mi domando per quale razza di motivo si provi orrore per il terrorismo islamico e non per i colpi di stato promossi dalla CIA. Destituire, solo per osceni interessi economici, un governo regolarmente eletto con la conseguenza di favorire una guerra civile è meno grave di far esplodere un aereo in volo?
L'Iraq, come il Guatemala o il Congo RCD hanno avuto il torto di possedere delle risorse. I poveri hanno il torto di avere ricchezza sotto ai piedi. Il petrolio iracheno è stato il peggior nemico del popolo iracheno. A Baghdad nel 1960, tre anni prima della deposizione di Qasim, Iraq, Iran, Venezuela e Arabia Saudita avevano fondato l'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (OPEC), per contrastare lo strapotere delle “7 sorelle”, le principali compagnie petrolifere mondiali così chiamate da Enrico Mattei, il Presidente dell'ENI di quegli anni.

Mattei e la sovranità nazionale in Medio Oriente
Una digressione su Mattei è d'obbligo, se non altro per capire quanto, dall'invenzione del “profitto ad ogni costo”, ogni industriale, stato sovrano o partito politico si sia messo contro il capitalismo internazionale abbia fatto una brutta fine. E' successo a brave persone e a delinquenti, a politici democratici e a dittatori sanguinari difesi fino a che lo spargimento di sangue dei quali erano responsabili non avesse intaccato gli interessi del grande capitale. Mattei, dopo aver concluso importanti affari con l'Iran, si stata avvicinando a Qasim quest'ultimo alla ricerca di un nuovo partner commerciale che gli garantisse maggiori introiti di quelli concessi dagli inglesi. La sacrosanta ricerca di sovranità economica, politica ed energetica da parte di alcuni paesi mediorientali era ben vista da Mattei il quale, mosso da una intraprendenza tipicamente italiana e dall'ambizione di fare gli interessi dello Stato, ne scorgeva un'opportunità imperdibile.
Quando nel 1961 il Regno Unito concesse l'indipendenza al Kuwait Mattei fiutò l'affare. Baghdad ha sempre ritenuto il Kuwait parte del suo territorio e quando la GB lo proclamò stato sovrano Qasim si indignò per lo smacco subito convincendosi della necessità di trovare nuovi paesi con cui concludere affari**. Mattei e Qasim, nonostante il primo ministro Fanfani e il ministro degli esteri Segni negarono qualsiasi coinvolgimento italiano, iniziarono una serie di trattative e, sembra, che dei tecnici ENI si recarono in Iraq. Quel che è certo è che le 7 sorelle sono come i fili della luce: “se li tocchi muori”. Tre mesi e mezzo prima che Qasim, con il beneplacito della CIA, venisse trucidato a Baghdad, Mattei esplode in aria con il suo aereo privato. I mandanti e gli esecutori del suo assassinio sono ancora ignoti tuttavia è bene ricordare che Tommaso Buscetta, il pentito che descrisse per filo e per segno la struttura di “Cosa Nostra” a Giovanni Falcone, dichiarò che Mattei venne ucciso dalla mafia per fare “un favore agli stranieri” e che Mauro De Mauro, il giornalista che stava indagando sulla morte di Mattei, venne rapito e ucciso da Mimmo Teresi su ordine di Stefano Bontade***.

Il futuro è nero, come l'oro che fa scorrere il sangue
In “La verità nascosta sul petrolioEric Laurent scrive: “Il mondo del petrolio è dello stesso colore del liquido tanto ricercato: nero, come le tendenze più oscure della natura umana. Suscita bramosie, accende passioni, provoca tradimenti e conflitti omicidi, porta alle manipolazioni più scandalose”.
Conflitti omicidi, manipolazioni scandalose, tradimenti”. Queste parole sembrano descrivere perfettamente la storia dell'Iraq moderno.
Saddam Hussein divenne Presidente della Repubblica irachena nel 1979 sostituendo Al-Bakr, l'ex-leader del partito Ba'th che qualche anno prima aveva nazionalizzato l'impresa britannica Iraq Petroleum Company. Saddam, con l'enorme denaro ricavato dalla vendita di petrolio, cambiò radicalmente il Paese. Sostituì la legge coranica con dei codici di stampo occidentale, portò la corrente fino ai villaggi più poveri, fece approvare leggi che garantivano maggiori diritti alle donne. L'istruzione e la salute divennero gratuite per tutti. In quegli anni di profonda instabilità regionale il regime di Saddam divenne un esempio di ordine e sicurezza. Tuttavia tutto questo ebbe un prezzo. I cristiani non erano un pericolo per il regime e vennero lasciati in pace ma i curdi, vuoi per le loro spinte autonomiste che per la loro presenza potenzialmente pericolosa in zone ricche di petrolio, vennero colpiti, discriminati e spesso trucidati. Lo stesso avvenne agli sciiti che non abbassavano la testa. Quando Saddam gli riversò contro le armi chimiche fornitegli dagli USA in chiave anti-iraniana nessuna istituzione statunitense parlò di genocidio, di diritti umani violati, di terrorismo islamico. Saddam era ancora un buon amico. L'amichevole stretta di mano tra il leader iracheno e Donald Rumsfeld, all'epoca inviato speciale di Reagan, dimostra quanto per gli USA la violenza è un problema a giorni alterni. Negli anni '80 Washington era preoccupata dall'intraprendenza economica di Teheran e Saddam era un possibile alleato per contrastare la linea anti-occidentale nata in Iran con la rivoluzione del '79.

Anni di guerre
Tuttavia, sebbene la Repubblica islamica iraniana fosse apertamente anti-americana gli USA fornirono armi a Teheran durante la guerra Iran-Iraq. Il denaro è sempre denaro! Con i proventi della vendita di armi all'Iran gli USA finanziarono tra l'altro i paramilitari delle Contras che avevano come obiettivo la destituzione in Nicaragua del governo sandinista regolarmente eletto.
Ovviamente gli USA (anche l'URSS - la guerra fredda diventava tiepida se si potevano fare affari assieme) finanziarono contemporaneamente Saddam. Il sogno dell'industria bellica, una guerra infinita combattuta da due forze equivalenti, era diventato realtà. Per diversi anni le potenze occidentali lasciarono Iraq e Iran a scannarsi tra loro. Un milione di morti dell'epoca non valevano, evidentemente, le migliaia di vittime provocate dall'avanzata dell'ISIS di questi giorni. Le multinazionali della morte appena finito di parlare con Saddam alzavano la cornetta e chiamavano Teheran. «Ho appena venduto all'Iraq 200 carri armati ma a te ti do a un prezzo stracciano questa batteria anticarro». Le cose cambiarono quando l'esercito iraniano prese il sopravvento. Teheran stava per espugnare Bassora quando gli USA, sedicenti cacciatori di armi chimiche in tutto il mondo, inviarono una partita di gas cianuro a Saddam il quale non perse tempo e lo utilizzò per respingere le truppe iraniane. Ma si sa, gli USA sono generosi e di gas ne inviarono parecchio. Saddam pensò bene di utilizzarne la restante parte per gassare l'intera popolazione curda del villaggio di Halabja ma in occidente nessuno si strappò le vesti, il dittatore era ancora un buon amico. Saddam divenne un acerrimo nemico quando invase il Kuwait. Anche in quel caso non furono i morti o le centinaia di migliaia di profughi a preoccupare i funzionari di Washington sempre a stretto contatto con Wall Street. La conquista irachena del Kuwait metteva in pericolo gli interessi economici statunitensi. Una cosa inaccettabile per chi da anni lavora per il controllo mondiale del petrolio. L'operazione “Desert Storm” venne lanciata, il Kuwait “liberato” ma Saddam rimase al suo posto. Un'eccessivo indebolimento dell'Iraq avrebbe favorito Teheran e questo sarebbe stato intollerabile. I bombardamenti USA causarono oltre 30.000 bambini morti ma erano “bombe a fin di bene”.

L'11 settembre
L'attentato alle Torri Gemelle fu una panacea per il grande capitale nordamericano. Forse anche a New York qualcuno “alle 3 e mezza di mattina rideva dentro il letto” come capitò a quelle merde dopo il terremoto a L'Aquila. Quei 3.000 morti americani vennero utilizzati come pretesto per attaccare l'Afghanistan, un paese con delle leggi antitetiche rispetto al nostro diritto ma che con il terrorismo internazionale non ha mai avuto a che fare, e l'Iraq. Era ormai tempo di buttare giù Saddam e prendere il pieno controllo del petrolio iracheno. La vittoria della Nato fece piombare il Paese in una guerra civile senza precedenti e le fantomatiche armi di distruzione di massa non vennero mai trovate. Ripeto, Saddam le aveva, ahimè, già utilizzate e gli USA lo sapevano benissimo. A questo punto mi domando quanto un miliziano dell'ISIS capace di decapitare con una violenza inaudita un prigioniero sia così diverso dal Segretario di Stato Colin Powell colui che, mentendo e sapendo di mentire, mostrò una provetta di antrace fornitagli da chissà chi per giustificare l'imminente attacco all'Iraq. Una guerra che ha fatto un numero di morti tra i civili migliaia di volte superiore a quelli provocati dallo Stato Islamico in queste settimane. La sconfitta del sunnita Saddam Hussein scatenò la popolazione sciita che covava da anni desideri di vendetta. Attentati alle reciproche moschee uccisero migliaia di persone. Da quel giorno in Iraq c'è l'inferno ma i responsabili fanno shopping sulla Fifth Avenue e vacanze alla Caiman. L'avanzata violenta, sanguinaria, feroce dell'ISIS è soltanto l'ultimo atto di una guerra innescata dai partiti occidentali costretti a restituire i favori ottenuti dalle multinazionali degli armamenti durante le campagne elettorali. Comprare F35 mentre l'Italia muore di fame o bombardare un villaggio iracheno mettendo in prevenivo i “danni collaterali” sono azioni criminali che hanno la stessa matrice: il primato del profitto sulla politica.

Cosa fare adesso?
L'ISIS avanza, conquista città importanti e minaccia migliaia di cristiani. In tutto ciò l'esercito iracheno, creato e addestrato anche con i soldi dei contribuenti italiani, si è liquefatto come neve al sole dimostrando, se ancora ve ne fosse bisogno, il totale fallimento del progetto made in USA che noi abbiamo sposato senza diritto di parola. E' evidente che la comunità internazionale e l'Italia debbano prendere una posizione. Se non è semplice scegliere cosa fare, anche se delle idee logiche già esistono, è elementare capire quel che non si debba più fare.

1) Innanzitutto occorre mettere in discussione, una volta per tutte, la leadership nordamericana. Gli USA non ne hanno azzeccata una in Medio Oriente. Hanno portato morte, instabilità e povertà. Hanno dichiarato guerra al terrorismo e il risultato che hanno ottenuto è stato il moltiplicarsi del fenomeno stesso. A Roma, nel 2003, manifestammo contro l'intervento militare italiano in Iraq. Uno degli slogan era “se uccidi un terrorista ne nascono altri 100”. Siamo stati profeti anche se non ci voleva un genio per capirlo. Pensare di fermare la guerra in atto in Iraq armando i curdi è una follia che non credo che una persona intelligente come il Ministro Mogherini possa davvero pensare. Evidentemente le pressioni che ha subito in queste settimane e il desiderio che ha di occupare la poltrona di Ministro degli esteri della Commissione europea, l'hanno spinta ad avallare le posizioni di Obama e degli USA ormai autoproclamatisi, in barba al diritto internazionale, poliziotti del mondo. Loro, proprio loro, che hanno sostenuto colpi di stato in tutto il pianeta, venduto armi a dozzine di dittatori, loro che hanno impoverito mezzo mondo, loro che, da soli, utilizzano oltre il 50% delle risorse mondiali. Loro che hanno invaso Iraq e Afghanistan con il pretesto di distruggere le “cellule del terrore” ma che hanno soltanto progettato oleodotti, costruito a Baghdad la più grande ambasciata USA del mondo ed esportato, oltre alla loro democrazia, 25.000 contractors in Iraq, uomini e donne armati di 24ore che lavorano in tutti i campi, dalle armi al petrolio passando per la vendita di ambulanze. La guerra è davvero una meraviglia per le tasche di qualcuno.
2) L'Italia, ora che ne ha le possibilità, dovrebbe spingere affinché la UE promuova una conferenza di pace mondiale sul Medio Oriente alla quale partecipino i paesi dell'ALBA, della Lega araba, l'Iran, inserito stupidamente da Bush nell'asse del male e soprattutto la Russia un attore fondamentale che l'UE intende delegittimare andando contro i propri interessi per obbedire a Washington e sottoscrivere il TTIP il prima possibile. Essere alleati degli USA non significa essere sudditi, prima di applicare sanzioni economiche a Mosca, sanzioni che colpiscono più le imprese italiane che quelle russe, si dovrebbero pretendere le prove del coinvolgimento di Putin nell'abbattimento dell'aereo malese. Non dovrebbe bastare la parola di Washington, soprattuto alla luce delle menzogne dette sull'Iraq.
3) L'Italia dovrebbe promuovere una moratoria internazionale sulla vendita delle armi. Se vuoi la pace la smetti di lucrare sugli armamenti. «L'economia ne risentirebbe» sostiene qualcuno. Balle! Criminalità, povertà e immigrazione sono il frutto della guerra e la guerra si alimenta di sangue e di armi. Nel 2012 la Lockheed Martin, quella degli F35, ha incassato 44,8 miliardi di dollari, più del PIL dell'Etiopia, del Libano, del Kenya, del Ghana o della Tunisia. Chi si scandalizza dei crimini dell'ISIS è lo stesso che lo arma o, quanto meno, che lo ha armato. «Armiamo i curdi» sostiene la Mogherini. Chi ci dice che una volta vinta la guerra i curdi non utilizzeranno quelle armi sui civili sunniti? In fondo non è già successo con Saddam, con i signori della guerra in Afghanistan o in Libia dove la geniale linea franco-americana che l'Italia ha colpevolmente assecondato, ha eliminato dalla scena Gheddafi facendo cadere il Paese in un caos totale?
4) L'Italia dovrebbe trattare il terrorismo come il cancro. Il cancro si combatte eliminandone le cause non occupandosi esclusivamente degli effetti. Altrimenti se da un lato riduci la mortalità relativa da un altro la crescita del numero di malati fa aumentare ogni anno i decessi. E' logico! Vanno affrontate le cause. Si condanna in Nigeria Boko Haram ma si tace di fronte ai fenomeni di corruzione promossi da ENI che impoveriscono i nigeriani dando benzina alle lotte violente dei fondamentalisti.
5) L'Italia dovrebbe porre all'attenzione della comunità internazionale un problema che va risolto una volta per tutte: i confini degli stati. Non sta scritto da nessuna parta che popolazioni diverse debbano vivere sotto la stessa bandiera. Occorre, finalmente, trovare il coraggio di riflettere su un nuovo principio organizzativo. Troppi confini sono stati tracciati a tavolino con il righello dalle potenze coloniali del '900. L'obiettivo politico (parlo dell'obiettivo politico non delle assurde violenze commesse) dell'ISIS, ovvero la messa in discussione di alcuni stati-nazione imposti dall'occidente dopo la I guerra mondiale ha una sua logica. Il processo di nascita di nuove realtà su base etnica è inarrestabile sia in Medio Oriente che in Europa. Bisogna prenderne atto e, assieme a tutti gli attori coinvolti, trovare nuove e coraggiose soluzioni.
6) Dovremmo smetterla di considerare il terrorista un soggetto disumano con il quale nemmeno intavolare una discussione. Questo è un punto complesso ma decisivo. Nell'era dei droni e del totale squilibrio degli armamenti il terrorismo, purtroppo, è la sola arma violenta rimasta a chi si ribella. E' triste ma è una realtà. Se a bombardare il mio villaggio è un aereo telecomandato a distanza io ho una sola strada per difendermi a parte le tecniche nonviolente che sono le migliori: caricarmi di esplosivo e farmi saltare in aria in una metropolitana. Non sto ne giustificando né approvando, lungi da me. Sto provando a capire. Per la sua natura di soggetto che risponde ad un'azione violenta subita il terrorista non lo sconfiggi mandando più droni, ma elevandolo ad interlocutore. Compito difficile ma necessario, altrimenti non si farà altro che far crescere il fenomeno.
7) Occorre legare indissolubilmente il terrorismo all'ingiustizia sociale. Il fatto che in Africa nera la prima causa di morte per i bambini sotto i 5 anni sia la diarrea ha qualcosa a che fare con l'insicurezza mondiale o con il terrorismo di Boko Haram? Il fatto che Gaza sia un lager ha a che fare con la scelta della lotta armata da parte di Hamas?
8) L'Italia dovrebbe cominciare a pensare alla costruzione di una società post-petrolifera. Il petrolio è la causa della stragrande maggioranza delle morti del XX e XXI secolo. Costruire una società post-petrolifera richiederà 40 anni forse ma prima cominci prima finisci. Non devi aspettare che il petrolio finisca. Come disse Beppe Grillo in uno dei suoi spettacoli illuminanti: «L'energia è la civiltà. Lasciarla in mano ai piromani/petrolieri è criminale. Perché aspettare che finisca il petrolio? L’età della pietra non è mica finita per mancanza di pietre»." Alessadro Di Battista

Note:
*Allen Dulle, famoso per aver preso parte alla “Commissione Warren”, la commissione presidenziale sull'assassinio di JFK, fu contemporaneamente direttore della CIA e avvocato delle United Fruit Company, l'attuale Chiquita. Qualche mese prima di aver sostenuto il colpo di stato ai danni di Arbenz si era macchiato della stessa vergogna in Iran. Sotto la sua direzione, infatti, venne lanciata l'Operazione Ajax per sovvertire il governo presieduto da Mohammad Mossadeq, anch'egli colpevole di aver nazionalizzato l'industria petrolifera il che avrebbe garantito introiti per il popolo iraniano e non più per le imprese anglo-americane.
**Anche in quest'ottica va letta l'invasione del Kuwait da parte di Saddam. Non si è trattato di un capriccio di un pazzo.
***Bontade e Teresi sono i due mafiosi che stipularono il “patto di non-aggressione” con Silvio Berlusconi grazie all'intermediazione criminale di Dell'Utri.

Leggi anche il Passaparola di Massimo Fini sull'ISIS: Il califfo arriverà in San Pietro?

16 Ago 2014, 10:00 | Scrivi | Commenti (1264) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 1264


Tags: Afghanista, Alessandro Di Battista, Bush, Iraq, ISIS, Obama, Rumsfeld, Saddam Hussein, terrorismo, terrorismo internazionale, USA

Commenti

 

Ma se l'Isis lotta per riprendere il suo territorio inviando cellule in Europa a colpirci e a far sentire la sua voce, mi spiegate per quale motivo coloro che compiono le stragi sono tutti marocchini o franco-belgi (con discendenza marocchina) che stanno dall'altra parte del mondo? Che interessi hanno loro a lottare per un paese che non è il loro? Come se a un italiano dicessero lotta per la Scozia che sta in crisi. Non riesco a comprendere


Descrivere il regime di Saddam in Iraq come se fosse un governo in cui proliferava legalità pace e ricchezza equivale a bere una botte di etanolo.... Utilizzare tutta la storia dall'impero ottomano fino ai giorni nostri per giustificare in parte taluni crimini che purtroppo avvengono fino si giorni nostri è subdolo....
È come dire che la seconda guerra mondiale inizió per colpa dei russi che non fecero transitare temporaneamente i militari tedeschi su una striscia di territorio polacco lunga pochi km.... Ed inoltre che Hitler decise di sterminare gli ebrei semplicemente perché sapeva che in caso contrario Si sarebbe dovuto sottomettere al potere economico dell'alta finanza ebraica che già all'epoca gestiva le più grandi masse di denaro.... È questa è storia , ma la storia è cronaca non giustificazione di morte e distruzione ..... Utilizzare la storia per giudicare l'isis inquadrandola come un'azione di ripiego per i crimini subiti dall'occidente equivale ad essere un terrorista perché laddove venga imbracciata una sola arma non ci può essere dialogo , condivisione e pace ..... Tutto questo ragionamento quindi non porta da nessuna parte , ma anzichè unire costruendo un confronto Pacifico di idee e opposte prospettive , ci divide e soprattutto fomenta odio sfruttando sentimenti negativi e soprattutto mi spiace dirlo getta fango verso tutte quelle vittime del terrorismo incluse le loro piangenti famiglie a cui nessuno potrà ridare i loro cari perduti in una guerra in cui non centravano un cavolo.....sfruttare la storia come giustificazione è una bassa Vergogna ignorante e ipocriti a oltre che brutta e cattiva

Andrea Pesci 07.07.16 10:26| 
 |
Rispondi al commento

L'Isis ha posto in essere un genere di guerra già effettuato dai tedeschi durtante la seconda guerra mondiale sugli appennini tosco romagnoli contro i partigiani di Tito e quelli italiani. L'Isis, con i suoi piccoli gruppi addestrati ed autonomi colpisce quando e dove vuole e darsi alla morte alla maniera dei piloti giapponesi.

Roberto ., Roma Commentatore certificato 15.11.15 17:32| 
 |
Rispondi al commento

L'Italia, ora che ne ha le possibilità, dovrebbe spingere affinché la UE promuova una conferenza di pace mondiale sul Medio Oriente alla quale partecipino i paesi dell'ALBA, della Lega araba

Forse non è chiaro il concetto volete trattare con dei tagliagole, insomma tipo il trattato stato-mafia??? ma dite sul serio?

L'Italia dovrebbe promuovere una moratoria internazionale sulla vendita delle armi

cosa sacrosanta e giusta

L'Italia dovrebbe trattare il terrorismo come il cancro. Il cancro si combatte eliminandone le cause non occupandosi esclusivamente degli effetti

Non si eliminerà il problema ma rimandare gli islamici nei loro paesi ora come ora è l'unica soluzione, continuare a tenerli in Italia e in europa è controproducente
chi assicura che uno di questi una mattina si sveglia e compie un massacro? NESSUNO

Dovremmo smetterla di considerare il terrorista un soggetto disumano con il quale nemmeno intavolare una discussione

Chi vive seguendo un dogma religioso e senza la paura della morte ma inneggiando al sacrificio avendo il premio della vita eterna è gente con cui instaurare un dialogo?
ma per favore, dove vivete nel paese dei blaocchi SVEGLIATEVI!!

L'Italia dovrebbe cominciare a pensare alla costruzione di una società post-petrolifera

GIUSTO! vi lancio una bella idea e credo che molti saranno daccordo con me, prendete pure i soldi dei rimborsi elettorali create una cooperativa e incominciate a produrre, (collaborando)
con aziende del settore, auto ibride elettriche/idrogeno ( con motori elettrici e generatori di corrente dall'idrogeno) create centri di produzione dell'idrogeno e create la rete di distribuzione
il costo delle auto sarà del 10% più alto del costo di produzione.
Se i soldi dei contribuenti vengono spesi bene e con senno nessuno avrà niente da obbiettare!

Federico Amantini 15.11.15 14:53| 
 |
Rispondi al commento

Conoscevo molto bene le notizie che hai esposto in modo conciso ed organico e mi considero TROPPO PICCOLO per interpetarle e commentarle ma voglio dure una sola cosa : LA VIOLENZA E LA CRUDELTA' NON GIUSTIFICA ALCUN IDEALE .
Se non si comprende questo si finisce per giustificare i lager , la pulizia etnica etc etc.
Io non mi sento in grado di dire se le motivazioni dell' ISIS siano comprensibili o meno ma condanno l'orrore delle loro azioni : l'uccisioni di innocenti (Parigi docet) gli sgozzamenti in diretta TV , la cremazione di esseri viventi etc etc

Merola Gian Paolo 15.11.15 13:36| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutta la redazione mi chiamo Salvatore Schifano, volevo scrivere un pensiero che mi ha afflitto in questi ultimi mesi; il motivo per renderlo scritto me lo ha dato un cardinale (non ricordo il nome, e sono pure agnostico) che nei TG di oggi 17/09/2015 ha detto “se si voleva il problema dell’ISIS si risolveva in un giorno o una settimana”.
Ora io non credo affatto che sarebbe stato così facile, ma alcune domande me le pongo; il problema dell’ISIS si conosce a livello pubblico già da tanti mesi, forse anni, e in effetti era un fenomeno circoscritto ma non era certamente da sottovalutare. Come un cancro che hai visto piccolo, non lo hai estirpato ed ora è grande con diverse metastasi.
L’esodo di milioni di persone era davvero una calamità imprevedibile? Ma questo resta un problema mondiale anzi forse di coscienza “Occidentale”
Rivolgendomi ai politici italiani invece dico che, vi siete ritrovati in un momento storico in cui la Storia stessa vi chiede risposte; non sono io li a Montecitorio a dover risolvere il problema, ma siete voi; la Storia vi sta chiedendo di dare risposte costruttive, utili ed efficaci; ripeto non sono io ma voi a stare oggi in quel posto istituzionale.
Mi dispiace se il vostro progetto era bivaccare a Montecitorio per 5/6 anni facendo i bambini negli shows televisivi “E’ colpa tua!” “No è colpa tua!”; ma ora come ora la Storia vi chiama ad essere protagonisti del momento.
Volete essere ricordati nei libri di storia come politici inetti o come politici che hanno “fatto la Storia”?

Toto Z., Palermo Commentatore certificato 17.09.15 20:13| 
 |
Rispondi al commento

É questo il gruppo di paesi citati nell'articolo: L'Alleanza bolivariana per le Americhe (ALBA) (Alianza bolivariana para América Latina y el Caribe in spagnolo) è un progetto di cooperazione politica, sociale ed economica tra i paesi dell'America Latina ed i paesi caraibici, promossa dal Venezuela e da Cuba in alternativa (da cui il nome) all'Area di libero commercio delle Americhe (ALCA) voluta dagli Stati Uniti. Che c'entra con l'isis?

francesca 26.08.15 09:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bisogna querelare il giornalista http://www.liberoquotidiano.it/news/politica/11673393/M5S--Alessandro-Di-Battista-.html#.VdtNbQVio4o.facebook

Nicola Moriconi 25.08.15 12:31| 
 |
Rispondi al commento

Che differenza c'è tra un partigiano e un terrorista? Dipende da chi detiene il potere o vince la guerra. Se io vinco il mio alleato è sicuro un partigiano

giancarlo berna 16.02.15 13:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ringrazio Di Battista per l'esposizione fatta.
Non sono convinto su:
ISIS cosa fare? Punto 6)
Il terrorista è terrorista e basta. Troppo tardi discutere su questo argomento, sono cani sciolti, ma non a partire da Bin Laden. Avevano voluto esportare democrazia, ma quale democrazia in questi popoli tribali? L'unica possibilità di riunire queste tribu' in Stato è la dittatura. Bisognava colloquiare con Gheddafi, Saddam ed altri dittatori, non rovesciare la dittatura per portare la "democrazia".
Dove è stata portata la "democrazia" ne vediamo e ne vedremo i risultati.

Ben Monaco 16.02.15 08:19| 
 |
Rispondi al commento

Cosa fare contro l'avanzata dell'ISIS? Pregare che Dio ce la mandi buona e dirgli che noi siamo neutrali alle guerre.

Francesca Ortu Commentatore certificato 15.02.15 22:45| 
 |
Rispondi al commento

Salve,quando parlate male degli USA vi prego di tenere a mente ,quando gli Stati Uniti sono venuti a salvarci dai nazisti,forse potrebbero salvarci anche dalla egemonia tedesca imposta sull'economia Europea e quindi anche italiana.

Giuseppe Cormio 13.12.14 22:51| 
 |
Rispondi al commento

Come inizio ti volgo i miei sinceri saluti con tanto respetto>Forse il primo articolo che leggo in italiano che mette il dito sul vero originatore della sindrome di sangue in Medio Oriente.
Gli USA sono il cancro che infligge Lumanita da piu di centanni.Sta a voi europei (come avete creiato e coltivato i semi di crisi in tutti i paesi una volta colonizati da voi) dipensari in modo umano e comportarvi come tali altrimeti le crice continuano a fioriri se non nel Medio Oriente in altri posti sulla terra.Cercati di essere umani di ricordare le vostre sofferenze durnte le due guerre mondiali.Mi dispiace molto,avrei voluto discutere con piu logica e senso politico ma sono come tanti nel mondo che hanno avuto uppastanza della vostra ipocresia.Intendo la classe politica europeia che e,soggetta alle dicesione e politica americana.non i popoli. Una altra vota mi dispiace per il mio linguaggio

Masoud Dabbagh 28.11.14 18:19| 
 |
Rispondi al commento

Molti ritengono addirittura che si tratti di un video fake, per consentire agli Stati Uniti di invadere l'Iran e la Siria, in questo articolo ci sono due versioni secondo voi è un fake oppure è tutto vero ( video integrale della decapitazione)
http://www.generazioneweb.net/video-integrale-decapitazione-james-foley-vero-fake/

Lorita 06.09.14 16:42| 
 |
Rispondi al commento

Di Battista ha una grande occasione. Può far causa ai media per calunnia, dimostrando pubblicamente fino a che punto si spingono i media italiani nella manipolazione delle notizie. Forse in seguito a ciò, qualche italiano che ancora dorme ipnotizzato dalla TV, potrebbe rendersi conto di cosa stanno facendo giornali e telegiornali.

Doctorseo Twitter Commentatore certificato 30.08.14 10:44| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe mi sa che non avete ancora recepito il messaggio del califfo, non hai idea di cosa succederebbe se arrivassero qui, italiani decapitati e le donne vendute, non hai capito fino in fondo cos'è l'islam, non è solo una questione di petrolio e potere ma è imporre con la forza il loro credo, se poi vogliamo proprio peggiorare le cose qui in Italia, basta dare anche a loro il diritto di voto e vedrai che pretenderanno al governo uno di loro,ho un amico che sta combattendo contro l'isis dove ogni giorno rischia la vita ed osserva orrori di ogni tipo, tu con i tuoi discorsi sei andato troppo in alto, lo sanno anche i maiali che quello che sta succedendo e solo per avere potere, non ce molta differenza tra i politici e l'isis siete della stessa pasta, voi gli orrori li create manipolando il sistema per non parlare di tutti questi extracomunitari che sbarcano a migliaia e noi PERBENISTI li ospitiamo e guarda come si comportano, a casa loro ti avevano gia sbattuto in galera e torturato solo perché occidentale, per quanto mi riguarda Bombe atomiche e piazza pulita di tutta quella feccia.

Davide Gentile 30.08.14 02:00| 
 |
Rispondi al commento

disamina attenta e meticolosa, che condivido: per quanto riguarda quello che dovrebbe fare l'italia: purtroppo grazie alla casta di politici invertebrati che da 40 anni da una parte strozza i cittadini e dall'altra si prostra davanti a tutti i potenti... non ci resta che guardare consapevoli che non contiamo un belino!!! guarda mattei, citato nell'articolo: sanno tutti che è stato fatto fuori da qualche sicario dei poteri energetici (7 sorelle)... ma dopo 50 anni è ancora morto per un incidente aereo.. quanto in basso siamo discesi..!!!

capitan spaventa Commentatore certificato 26.08.14 18:44| 
 |
Rispondi al commento

Se l'ISIS avanza è un pericolo per tutti non per i cristiani. Il riassunto sulla spartizione del Medio Oriente è un cozzaglia di eventi e non so se in ordine cronologico ,comunque sono cose che stanno scritte sui libri di storia,(Tranne le 7 sorelle), ma quella di Mattei non la sapevo quindi grazie.
"L'Italia dovrebbe promuovere una moratoria internazionale sulla vendita delle armi" il punto 3 è ridicolo visto che gli Emirati arabi uniti ci comprano tanta robba.
4) "L'Italia dovrebbe trattare il terrorismo come il cancro" ecco iniziate epurando i figli dei membri della P2 e chi ancora è in vita.

Ma la più bella è L'ultima. Se uno la dice tutta ci vogliono dei secoli ma per farla breve, abbiamo un sistema arcaico di scelta delle proposte e più della metà di chi giudica è incompetente.Ma per fortuna ci stanno campi dove pochi ma buoni lavorano su teorie e componenti di alta tecnologia grazie al fiuto dei privati cittadini. Chi vuole l'energia alternativa deve aspettare un altra guerra oppure lo Stato deve investire togliendo i soldi al cittadino(cosa buona e giusta).
Concludo lo sproloquio. Se queste "rivelazioni" colgono di sorpresa le persone che le leggono io spero vivamente che il sistema scolastico venga riformato velocemente.Fino al quinto superiore di storia cosa ci hanno detto?

No Hope 26.08.14 02:03| 
 |
Rispondi al commento

Esposizione precisa m unico errore è stato personalizzare nel passo "Se a bombardare il mio villaggio è un aereo telecomandato a distanza io ho una sola strada per difendermi a parte le tecniche nonviolente che sono le migliori: caricarmi di esplosivo e farmi saltare in aria in una metropolitana". Così da manifesto politico diventa articolo giornalistico e si presta ai soliti studiati attacchi della minculpop.
Ps. Non penso che la popolazione del patto atlantico sia pronta alla decrescita che comporterebbe dare diritti alle popolazioni di quelle aree ed allo sfruttamento delle loro risorse. Siamo popoli che vogliono libertà e democrazia ma che se ci aumenta il presso della benzina di 50 centesimi diventa belve. Questo è il nostro elettorato e cambiarne modo di pensare chiederà come scritto 40 anni e nuove fontina energia.

Efstathios Varvarigos Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 24.08.14 20:01| 
 |
Rispondi al commento

Hanno creato i talebani per combattere i russi,hanno creato l'isis per combattere assad,hanno destabilizzato la Siria per avere un corridoi aereo sicuro per permettere ai sionisti di bombardare le centrali nucleari iraniane,salvo poi chiedere agli iraniani sciiti di combattere l'isis sunnita. Sono decenni che finanziano,addestrano,armano,creano i loro nemici. E questo lo considerano lotta al terrorismo,e assennata politica estera. Armano formazione curde che loro stessi hanno inserito nella lista dei "terroristi",senza modificarne lo status. Per assurdo il governo italiano manda armi a curdi che in Italia non possono nemmeno organizzare una manifestazione con le loro bandiere. Hanno fatto più danni della peste, ignorano tutto,dico tutto,del medio-oriente e del mondo in generale,e pretendono di dare lezioni a chi si permette di farsi e fare delle domande,iniziare una discussione,un approfondimento. Il problema è proprio questo! non bisogna ragionare,non bisogna pensare,se lo si fa si è il nemico,perché il nemico vero di questa gente è chi non accetta supino le loro verità, i loro nemici,la loro guerra infinita. Non condivido al 100% l'analisi di Alessandro Di Battista, questo perché in più di 30 anni di militanza antirazzista,e quindi annessionista,e quindi antimperialista,ho imparato a non usare la parola terrorista come sinonimo di lotta di liberazione, o di legittima lotta armata (e quando dico legittima mi riferisco alle risoluzioni dell'ONU che tale la definiscono) dei popoli sottoposti ad occupazione coloniale. Detto questo trovo che il M5S e Di Battista siano,praticamente,gli unici in Italia, a "restare umani".

attilio valentini, albano laziale Commentatore certificato 24.08.14 14:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

MANDIAMO DI BATTISTA A TRATTARE LA LIBERAZIONE
DEGLI OSTAGGI ITALIANI ,VEDIAMO SE TORNA CON LA
TESTA SULLE SPALLE

toni b., roma Commentatore certificato 23.08.14 23:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ragazzi, non so sotto a che post scriverlo, lo scrivo qua. Sono sconvolta, ho saputo solo ora che a settembre gli israeliani si eserciteranno in sardegna, nella nostra sardegna e che sono anni che lo fanno, mentre la piu' civile Svezia si è rifiutato.
Ma siamo pazzi o cosa? Beppe, urla per favore, fai un'interpellanza, dobbiamo dire NOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!

Cristina Bugin 23.08.14 21:14| 
 |
Rispondi al commento

Condivido in pieno il pensiero di Massimo Fini , riportato dall'ottimo Di Battista. A tutti gli effetti gli USA hanno invaso un paese indipendente che non ha alcuna difesa contro preponderanti mezzi tecnologici. Proviamo a pensarci noi italiani invasi da extraterrestri che vogliono imporci la loro "democrazia" con mezzi tali da ridicolizzare tutte le nostre armi .

Alessandro Feliziani 23.08.14 18:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Condividi in pieno il testo dell'articolo.
Arturo ARCHIBUSACCI

Arturo ARCHIBUSACCI 23.08.14 16:34| 
 |
Rispondi al commento

Meno male che esiste Alessandro di Battista a tenere alto il nome del M5S ... e povero Casaleggio, lui che e' cosi' "americanofono" , come fara'? si inventera' una votazione per espellerlo ?

alessandro zambonelli 23.08.14 15:03| 
 |
Rispondi al commento

ps: posso essere d'accordo sulla liberta' di poter esprimere il proprio pensiero.

chiara m., milano Commentatore certificato 23.08.14 13:51| 
 |
Rispondi al commento

POSSO CAPIRE CHE SIANO ARRABBIATI , MA COLPIRE UN CITTADINO INNOCENTE SOLO PERCHE'AMERICANO , MI DISPIACE MA NON LO TOLLERO , POTREBBERO INDIRIZZARE LA LORO RABBIA AI VERI E SOLI RESPONSABILI, E' IMPOSSIBILE AVVICINARSI A TALI PERSONAGGI .

chiara m., milano Commentatore certificato 23.08.14 13:49| 
 |
Rispondi al commento

IL PROBLEMA DELL'ITALIA OVVIAMENTE SONO GLI ITALIANI(ESCLUSI I PRESENTI) :IGNORATI,GRETTI, BIGOTTI, BIFOLCHI.....INDEGNI!
PARLARE DI QUESTIONI COSì DELICATE E PROFONDAMENTE RADICATE NELLA STORIA A QUESTO GREGGE DEFORME E VERAMETE DIFFICILE QUASI IMPOSSIBILE.
E' VERAMENTE DA AMMIRARE LO SFORZO CONTINUO CHE I RAPPRESENTANTI DEL M5S FANNO NEL SOLLEVARE QUESTIONI COSì IMPORTANTI CON UNO SPIRITO CRITICO E UN OTTICA TRASVERSALE E NON IN MODO OTTUSO PARZIALE E SCONTATO.
IL RISCHIO DI INCAPPARE IN CAMPAGNE DI FORCONI CHE GRIDANO ALLO SCANDALO è MOLTO ALTO COME ABBIAMO POTUTO VEDERE....MA NON BISOGNA RINUNCIARE ANCHE PERCHè DOPO DI NOI....IL "NULLA CHE AVANZA" COME NELLA STORIA INFINITA.
RIBADISCO LO SCHIFO CHE PROVO NEI CONFRONTI DELLA POPOLAZIONE ITALIANA ANCHE PERCHè AMICI, PARENTI VICINI E LONTANI CONTINUANO AD ALIMENTARE QUESTO SENSO DI VOMITO E RABBIA.
PROBABILMETE TUTTO CIò CHE ACCADE è CIò CHE CI MERITIAMO...
W L'ITALIA W LA BULGARIA CHE CI HA FATTO DONO DEL PIPPERO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

simone luzi 23.08.14 12:49| 
 |
Rispondi al commento

Di Batista fuori dal movimento 5 stelle!!! Ma non si rende conto di aver scritto una bestialità discapito del movimento!!

Francesco S., Modena Commentatore certificato 23.08.14 12:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grazie M5S. Hai ragione Di Battista!

Notizie informatiche Commentatore certificato 23.08.14 12:16| 
 |
Rispondi al commento

di battista chiedi scusa a tutto il movimento 5 stelle

domenico m. Commentatore certificato 23.08.14 11:50| 
 |
Rispondi al commento

Leggete Ida Magli e poi il corano in italiano su internet ma facendo pero' un copia incolla solo sui versetti che riguardano gli infedeli o politeisti ( la trinita' ) e poi sulle donne cosa ne pensano. Infine leggeteli assieme. E non crediate che si possano modificare con ragionamenti moderni perche per loro il corano non e' un libro ispirato come per noi la Bibbia ma DETTATO da dio direttamente, quindi non possono modificarlo o aggiornarlo. Li e' scritto che devono colpire alla base del collo ( tagliere la gola) e' anche obbligatorio L'EMIGRAZIONE nei paesi degli infedeli. E infatti non vanno negli Emirati o in Arabia Saudita che pur vicinissimi e senza recessione ha la stessa religione. APPUNTO VANNO COME DICE IL CORANO quindi come ordina il (LORO) dio. Se muoiono sulla via di dio li aspetta una grande ricompensa in cielo. Se non leggiamo le loro idee e speriamo che siano qui solo per lavorare chiediamoci perche appunto non vanno i sciiti in Iran o i Sunniti negli Emirati Arabi e invece follemente vengono qui dove manca il lavoro non abbiamo la loro religione ne i loro usi e costumi...assurdo ma lo obbliga Allah e quindi tutti qui. Per cosa ? La risposta di quel che accadra e' sulle RIVELAZIONI di ILDEGARDA DI BINGEN e sulle RIVELAZIONI DI ANNA CATERINA EMMERICH famosissime sante dei loro tempi che parlano dei nostri tempi entrambe. Avrete cosi' idee chiare e non come DIGIANBATTISTA che crede sia un problema di teste pensanti e non capisce nulla di religione anzi peggio di RELIGIONE E POLITICA ASSOCIATE come e' appunto l'islam che sono 2 cose inscindibili. Seno' non capiremo mai nulla e ci taglieranno la gola fino all'ultimo infedele....eccetto che non vi facciate islamici ma vuol dire che siete pronti a vendervi l'anima al diavolo. Ora siete in tempo per non doverlo fare anche per quelli che lo farebbero leggete leggete gli articoli di IDA MAGLI, IL CORANO in italiano E LE 2 SANTE e non vi fregheranno piu' .

Marco d'Aviano 22.08.14 17:58| 
 |
Rispondi al commento

La responsabilità del PD in questa guerra è enorme: fu D'Alema ad autorizzare gli USA a bombardare la serbia partendo dall'italia.
Li nasce il conflitto islam- occidente.
Una guerra civile risolta dagli occidentali a favore dei musulmani ha fatto nascere il fondamentalismo islamico.
Poi il tragico errore di aver eliminato gheddafi.
Ora paghiamo, pagheremo tutto. itaia in rovina, le due deficenti verranno restituite a pezzi e allora vedremo cosa dirà Renzusconi.

walter m., milano Commentatore certificato 22.08.14 17:46| 
 |
Rispondi al commento

Indubbiamente il pezzo ha la sua sensatezza, ed è vero che spesso il terrorismo per alcuni può essere l'unica soluzione o risposta; se qualcuno viene a casa vostra, fa da padrone, vi uccide la famiglia non è poi così strano pensare alla vendetta, se poi qualcuno dirà che avete fatto terrorismo ci potrete fare poco.
Ma è sempre bene ricordare che nessun gruppo terroristico dirà di fare terrorismo, si parlerà sempre di costruzione di uno stato migliore, autodeterminazione, difesa del popolo etc etc. ed è indubbio che ciò che ha mosso, quantomeno agli inizi, molti dei gruppi poi diventati "terroristi", siano proprio questi ideali, come è vero che spesso poi gli ideali si sono persi ed è rimasta solo la violenza.
Ora, i motivi iniziali dell'Isis, possono essere più o meno condivisibili però di fatto ora sta emergendo il suo lato più criminale e violento quindi, prima di cercare di giustificare le loro azioni, adducendo tesi anche valide, come ha fatto Di Battista, sarebbe prima il caso di condannarle fermamente, proporre la creazione di zone cuscinetto internazionali e iniziare a preparare azioni di vero pacekeeping e infine cercare di trattare senza alcuna malizia con entrambe le parti e trovare una soluzione condivisibile da entrambe senza mettere in gioco interessi economici.
Per il resto, Di Battista ha dimostrato di essere lucido nell'analisi, forse un po frettoloso, ma di fatto è l'unico politico italiano che ha trattato l'argomento e che ha proposto una soluzione non succube del volere di Washington, complimenti!. Qualcuno dirà che farà perdere consensi al m5s, ma d'altra parte ha fatto si che il movimento risultasse ancora più simpatico a chi, pur non votandolo, vuole sentire una voce fuori dal coro e in rottura con il Leviatano.

Simone Frau 22.08.14 10:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

quando improvvisamente ci vengono "rovesciate" certe notizie dai mainstream dell'informazione..
anzi chiamiamole pure "campagne d'informazione a tappetto" come questa, diventa difficile, per noi comuni mortali, capire le dinamiche di certi fenomeni e quindi esprimere un opinione sul da farsi.
Così "sull'onda emotiva" all'opinione pubblica non resta che condividere quanto i "capetti di turno" hanno o avevano già deciso..!
IL leitevemotive è sempre lo stesso.."il nemico è alle porte"..ed è così dal 1991...ciclicamente spunta fuori il "nemico" da combattere...fateci caso ogni 5 10 anni qualche miccia s'incendia..
Non a caso il Papa, questa è una terza guerra mondiale a macchia di leopardo...
A me sorge una domanda spontanea:....ma che cazzo ci sta a fare L'ONU?...non dovrebbe essere questo organismo internazionale a dirimere e proteggere dalle persecuzioni i popoli?...mandiamo le armi ai curdi.."che abbiano diritto di difendersi per me è giusto..ma armando i curdi, equivale a dire arrangiatevi"...!allora non posso che che pormi la domanda che mi sono fatto prima..

napoleone ., Leghorn Commentatore certificato 22.08.14 08:00| 
 |
Rispondi al commento

Ha detto il grande Franz Liszt: La politica è la scienza dell'opportunismo e l'arte del compromesso. (1870, lettera alla principessa Carolyne; citato in Rostand, Liszt, 1961). Di Battista pare più bravo, molto più bravo nel secondo che nel primo.

Gian Paolo Barsi, Serravalle Pistoiese Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 22.08.14 03:04| 
 |
Rispondi al commento

Ho votato piu' volte 5stelle, ma con posizioni così penso non lo rifarò più. Con la stessa logica era giusto trattare anche con Hitler; ci hanno provato, sappiamo come è finita. Ci sono momenti nei quali non si può stare né di qua né di la.

Ettore Bina 21.08.14 14:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono perfettamente d'accordo col cittadino Di battista, il cui lungo saggio si distingue per l'approfondita analisi geopolitica ed una straordinaria lucidità grammaticale.

La trattativa è in effetti l'unica via per risolvere l'annoso problema mediorientale e costringere i terroristi ad una radicale conversione alla democrazia ed alla tolleranza.

MA ATTENZIONE, CITTADINI!!!!!

DOBBIAMO INIZIARE IMMEDIATAMENTE.

Per questo suggerisco di telefonare oggi stessoad Al Baghdadi e intavolare subito una trattativa per vedere se ci ristituiscono almeno l'altro reporter USA in cambio di Di Battista, i suoi familiari più stretti e, se li troviamo, qualche caro amico.

Purtoppo i terroristi sono feroci ma non stupidi e non so se accetteranno.

MA DOBBIAMO TENTARE, CITTADINI...

enrico m., ragusa Commentatore certificato 21.08.14 13:32| 
 |
Rispondi al commento

Impossibile suggerire o commentare su questo argomento, quando le decisioni vengono prese telefonicamente e non democraticamente attraverso il voto della camera (camera attuale da verificare con il voto se legittima). Basta vedere quello che scrive Renzi scegliendo di fatto guerra, violenza come soluzione ideale e non DIALOGO, di chi sarà la responsabilità se presto avremo come già annunciato, ritorsioni molto dure e violente anche nei confronti di noi Italiani? vorrei che qualcuno mi spiegasse che cosa vuol dire TERRORISMO , dissipate i miei sospetti dal fatto che i cittadini Italiani si sorbiscono tante BALLE , aumentate con il governo attuale, ditemi se due tornado vanno a fare addestramento in centro Italia? partendo da Ghedi quando invece gli addestramenti per i piloti di tale sito vengono fatti in un posto che non corrisponde all'ascolano? chiedete informazioni a Renzi sempre che sia disposto a dissipare i miei sospetti con la verità, quella verità che usa molto di rado con i cittadini Italiani?
COSA SUCCEDE VERAMENTE IN ITALIA?
Chi osa ancora parlare di DEMOCRAZIA?
Perchè si prende sempre la difesa da chi con più facilità si può ottenere PETROLIO?
Io penso che qualora i miei sospetti fossero fondati, i veri terroristi per noi ITALIANI sono tutti coloro che fanno parte di questo governo, compresi quelli che lo hanno appoggiato (vedi ultime votazioni europee).
Spero che gli italiani possano svegliarsi una buona volta, altrimenti il destino sarà quello della morte dell'ITALIA con tutti i loro cittadini.

Loris Bontempi 21.08.14 13:05| 
 |
Rispondi al commento

Ieri sera a "In Onda" si parlava dell'ISIS e per il M5S parlava il Senatore Gianrusso. Perchè non Massimo Artini che fa parte della commissione esteri e che ieri ha spiegato bene, al fatto quotidiano in poche chiare parole, il perchè del no del M5S in commissione? Gianrusso è bravo ma non era il suo ambito. Il no del M5S in commissione era ben motivato (vedi intervista a Massimo Artini), ma questa cosa la sapranno sfortunatamente in pochi.
Al gruppo di comunicazione M5S: prestate maggiore attenzione a queste cose!

Luigi B. 21.08.14 08:09| 
 |
Rispondi al commento

di lucido non trovo nulla non nella analisi quanto nel rapporto deterministico causa=>effetto che viene continuamente proposto. Ad un avvenimento non è detto che corrisponda un solo possibile effetto... la questione su cui si potrebbe discutere al limite è il fatto che si sta preparando la guerra di domani armando i kurdi, fra kurdi e stato iracheno. Senza contare che gli Americani armano chi si vuole armare quindi le responsabilità sono da spalmare in maniera un po' meno faziosa. Sarà colpa degli americani, ma anche degli sceicchi arabi che guadagnano miliardi con il petrolio e poi finanziano le scuole coraniche dove insegnano a farsi saltare in aria. non so se mi fa fa più paura l?ISIS ( e qualcuno dovrebbe iniziare ad informarsi su quali sono i suoi obiettivi e, sopratutto, su come intende metterli in atto) o chi difende certe posizioni indifendibili per amore di un pacifismo finto e falso;

Gabriele Saccone 21.08.14 00:14| 
 |
Rispondi al commento

chi ha visto il film " il colore viole " di spielberg???
molti
perchi non la sa e la storia di una ragazza negra maltrattata dal padre e del marito
si parla sempre di razzismo ma per le donne stranamante non si parla mai di razzismo
quasi fosse quasi un obbligo morale...
i bianchi considerano i negri inferiori
spielberg prende gli " inferiori" e racconta la storia del "inferiore" ai occhi dei negri
in pratica TOGLIETE LA PELLE A TUTTI IL GENERE UMANO E SCOPRIRETE CHE NESSUNO E ESENTE DALLA CRUDELE MALIZIA RAZZISTA

sembra strano ma i negri tra di loro sono piu razzisti dei bianchi
(lotta tra etnie)
agli occhi di un bianco il razzismo dei negri dimostra l infontatezza del "essere razzista "
sono razzisti tra di loro ma se sei negro anche tu??? che razzismo fai ...
e il negro potrebbe risponderci ma tu che fai i razzista con gli altri bianchi ...non sei bianco anche tu????

il problema del isis e un problema religioso
quando la politica va a braccetto con la politica ...la frittata e fatta...
e un terrorista un kamizaze...
no e un fanatico criminale assassino e bestemmiatore della propria religione

MA QUEL TERRORISTA ISLAMICO NON POTREBBE DIRE LO STESSO DI NOI?????
la verita e che viviamo in un mondo governato dalle lobby petrolifere e delle armi
la realta che " si ha bisogno di avere dei nemici terroristi e ...
il motivo basterebbe guardare il arsenale nucleare made in USA
potenza di fuoco 150 volte il pianeta (totale sterminio)il "pericolo islam" verrebbe liquidato in 30 minuti
totale estinzione del mondo arabo
fino al ultimo ...
DOMANDA PERCHE CI VUOLE IL TERRORISTA CATTIVO???
RISPOSTA ...basterebbe controllare il costo di una testata nucleare e vettore
una bomba = costo mantenere tutta l africa per un giorno

se la potenza e di 150 volte il pianeta ??? qual'e la possibilta di continuare un COMPERARE ALTRE ARMI DISTERMINIO DI MASSA???inutili???
risposta ci vuole un supercattivissimo

la realta che loro sono cattivi ma SONO MANOVRATI DA SUPERCATTIVISSIMI

stefano b., rovato Commentatore certificato 20.08.14 22:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"... se teniamo la contabilità dei crimini, ne risulta un elenco spaventoso; ma il nostro è solo il conteggio dei crimini del nemico, che sono quelli che deploriamo e sui quali ci interroghiamo. I nostri invece, che potrebbero anche essere mostruosamente peggiori, non rientrano nemmeno nel nostro campo visivo. Non li studiamo, non leggiamo alcun testo al riguardo, non ci pensiamo, nessuno ne scrive. Non ci è permesso pensarci, e accettare questa realtà è una nostra scelta." N. Chomsky

Pasquale I., Berlino Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 20.08.14 18:39| 
 |
Rispondi al commento

Di battista sembra giustificare il terrorismo
sembra, non dico che lo faccia
nel frattempo l'islam non terrorista
tace come sempre
mai una manifestazione per dissocirsi mai
i cristiani vengono perseguitati mentre loro qui chiedono e chiedono
san solo chiedere
w spadolini che individuo nell'islam il piu grande pericolo per il futuro in occidente
di battista a studiare

paolo frosini 20.08.14 14:30| 
 
  • Currently 3.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Ma una valutazione di carattere squisitamente politico prima di eccedere in questo modo no ?!?!? Le tue parole continueranno ad essere strumentalizzate .... non te le scrollerai mai di dosso ... ti tacceranno come sostenitore del terrorismo . Intervieni, chiarisci, stoppa prima possibile le strumentalizzazioni. Hai visto il video della decapitazione del giornalista americano?!? io ho avuto la sfortuna di poter vedere il video integrale ... è allucinante pensare che si permetta alla stampa di continuare a divulgare la notizia che TU sei per il dialogo con questi ANIMALI. E' davvero di basso livello scrivere quello che sto scrivendo, soprattutto in calce ad un articolo impegnato come il tuo, ma questa situazione ci costerà un sacco di voti ed oscurerà l'immenso lavoro che state facendo in parlamento per difendere i nostri diritti.
E' un assist al premier ... sai quante volte si ripeterà questa storia ?

LEONINO VOLPE, Moncalieri Commentatore certificato 20.08.14 12:19| 
 |
Rispondi al commento

Premetto che stimo moltissimo Di Battista ed ho capito le buone intenzioni del suo articolo, però non sono d'accordo sul fatto di elevare un terrorista ad interlocutore soprattutto se è un fondamentalista islamico, proprio ieri sera James Foley, giornalista americano, è stato decapitato a mo di sfida verso Obama minacciando di decapitarne un altro. E questa non è l'unica schifezza che hanno fatto, hanno ammazzato uomini e rapito donne di altre etnie, mi dispiace ma non si può trattare con queste persone.

Maurizio G. Commentatore certificato 20.08.14 11:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tutta la mia solidarietà al coraggioso Di Battista attaccato dal solito stuolo di benpensanti ipocriti sulla questione del "terrorismo". Però, lo dico amichevolmente, attenzione a distinguere il "terrorismo" spontaneo dei popoli oppressi dal "terrorismo" manovrato dai servizi segreti. L'ISIS è un mostro costruito dai servizi USA, turchi, sauditi, israeliani che terrorizza i "fratelli" Kurdi, Siriani e Sciiti, non certo i vecchi colonialisti, gli imperialisti e i sionisti che lo hanno creato.
Giuste anche le osservazioni di Di Battista sui confini degli stati ex-coloniali fatti col righello dai vecchi colonialisti ed imperialisti. Ma anche qui bisogna stare attenti. Spesso movimenti secessionisti che vogliono rifare i confini sono agenti proprio di quei vecchi colonialisti ed imperialisti, e sono usati per distruggere stati nazionali laici e progressisti come Iraq, Siria, Libia (e ancor prima la ex-Jugoslavia), per gettarli nel caos e poi poterseli pappare meglio.
Bisogna saper distinguere e ragionare con calma senza pregiudizi. Cordialmente, Vincenzo Brandi.

Vincenzo Brandi 20.08.14 09:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fatevi una cultura: http://www.corrispondenzaromana.it/notizie-dalla-rete/i-figli-cristiani-massacrati-dal-satanico-califfo-musulmano-mentre-il-padre-piu-o-meno-santo-non-e-mai-sostituibile/

Gianluca C., Castronno Commentatore certificato 20.08.14 08:00| 
 |
Rispondi al commento

E adesso volete ancora dialogare con questi animali?
"Onorevole" Alessandro Di Battista sei un demente e un buffone. Vai, vai a dialogare con questi pazzi. Ah gia' dimenticavo. Sei il solito italiota ignorante, bravo sempre a pontificare, ma quando si tratta di dare seguito alle parole, ce l'hai il famoso cagotto....

Tancredi Airoldi di Santacolomba 20.08.14 07:54| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma è giusto che lo stato italiano armi i curdi? È l' unica strada?

giovanni Crinò 19.08.14 23:19| 
 |
Rispondi al commento

Credo che l'umanita' si sia autodistrutta piu' volte e poi abbia ricominciato dal nulla a rivivere a riscoprire il fuoco e tutto il resto...
L'uomo e' talmente stupido che arriva a un punto che distrugge tutto quello che ha avuto la fortuna di avere IL VALORE PIU' GRANDE...LA VITA.

ROSSANA I., ROMA Commentatore certificato 19.08.14 22:57| 
 |
Rispondi al commento

L'Italia è sempre stata invisa alle diplomazie di mezzo mondo perchè, di fronte al rapimento di nostri connazionali per mano dei terroristi e manigoldi di mezzo mondo, abbiamo sempre trattato e abbiamo sempre PAGATO con valige di soldi. Cosa inconcepibile ed immorale per americani, inglesi e tanti altri. Politici e giornalisti italiani hanno sempre tifato per la trattativa e per il pagamento, cantando le lodi delle "operazioni ben riuscite" e celando bene il segreto di Pulcinella, cioè il riscatto a peso d'oro. E il popolo che applaude senza farsi tante domande.
Ora, io non so chi abbia ragione, se la rettitudine anglosassone o la misericordia italica, e mi verrebbe il vomito a trattare personalmente con i maiali dell'Isi.
Ma di una cosa sono certo: come bigotti siamo campioni del mondo.

Matteo Olivieri Reggio 5 Stelle, reggio emilia Commentatore certificato 19.08.14 20:52| 
 |
Rispondi al commento

Sono praticamente d' accordo su tutto tranne che su un punto: "Per la sua natura di soggetto che risponde ad un'azione violenta subita, il terrorista non lo sconfiggi mandando più droni ma elevandolo ad interlocutore."

Nessuno "nasce" terrorista, perciò la premessa è che
- innanzi tutto bisogna evitare di creare le condizioni che portano le persone a pensare di farsi esplodere (e a questo riguardo agli USA è possibile muovere più di una critica)
- se queste già esistono vanno disinnescate.

Il punto è cosa fare quando queste due opzioni non hanno prodotto risultati, e io non penso che trattare sia sempre la soluzione migliore. Infatti in certi casi la controparte ha valori, ideali, una visione della vita così diversi dai nostri, così antitetici rispetto ai nostri che diventa impensabile riconoscerle l' autorità morale necessaria per sedersi insieme ad un tavolo e trattare, e volendo ricorrere ad un' iperbole si potrebbe dire che anche la mafia non è solo il frutto dell' opera di un certo numero di persone "cattive", ma è il prodotto di precise circostanze storiche e sociali, eppure penso che nessuno di noi sarebbe disposto ad accettare l' idea di intavolare un dialogo con la criminalità organizzata (altrimenti non si spiegherebbe la sacrosanta indignazione con la quale il Movimento ha seguito e segue la vicenda relativa alla cosiddetta "trattativa Stato - mafia")

nucchio, bra (cn) 19.08.14 17:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grazie per l'analisi ; da parte mia aggiungo alle nefandezze ameriKane il cile e allende
Grazie ancora giuseppe

Giuseppe D'Agostini, Imbersago (LC) Commentatore certificato 19.08.14 16:10| 
 |
Rispondi al commento

Ritornando in Italia dalla vacanze mi ritrovo questo caso di Di Battista su tutti i giornali. Non so' se le parole riportate sui giornali siano state realmente quelle riferite da Di Battista ma, l' unica cosa che sò, è che ammiravo Di Battista e che, io credo pienamente nel Movimento.
Se veramente queste sono parole del nostro parlamentare io penso, che veramente c' è da preoccuparsi e che, se ogni uno dirà a rotazione la propria idiozia... Questo Movimento non andrà da nessuna parte !
Sinceramente mi sono stufato di vedere in questo Movimento tutti questi benpensanti che rilasciano interviste idiote che screditano e mettono alla berlina il M5Stelle.
Il pensiero anti-americano di Di Battista, è da poveri fascistelli e comunistelli e sinceramente non è nulla di nuovo tra gli ambienti anarchici dei centri sociali di sinistra e quelli dell' estrema destra... E' un pensiero abbastanza banale !
Io preferisco pensare invece agli americani come quel grande popolo che ha sacrificato milioni dei suoi figli per liberarci dal Nazi-fascismo.
Io preferisco pensare agli americani a coloro che ci hanno dato la democrazia, la prosperità ed aver contribuito al fatto che l' Italia sia fra i 7 paesi più industrializzati del mondo.
Forse Di Battista avrebbe preferito essere liberato dai sovietici di Stalin ?
Dopo la caduta del Muro di Berlino abbiamo visto tutti quale è stata la differenza fra essere stati salvati dagli anglo-americani o dai russi, non è vero ?
Di Batttista invece forse, avrebbe voluto vincere la guerra con i nazisti di Hitler e contribuire all' evoluzione della razza ariana ?
Per quanto riguarda i fondamentalisti dell' ISIS del fatto che bisogna provare con il dialogo con chi sta facendo un genocidio uccidendo migliaia di civili cristiani inermi fra cui moltissimi bambini , questo lo trovo ridicolo, offensivo per l' intelligenza umana e preoccupante per il Movimento 5 Stelle !!
Andasse lui a dialogare con questi schifosi, se ne ha le palle e non screditi il M5S !!

giancarlo di felice, Cerveteri (RM) Commentatore certificato 19.08.14 14:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Leggo soltanto oggi il post di Di Battista e personalmente sono fortemente indignato dalla stampa italiana per come ha stravolto interamente il discorso del deputato 5S. Si tratta dell'ennesimo esempio di totale inesistenza di libertà intellettuale della stampa italiana, sempre incline a leccare il culo ai potenti di turno.

Andrea D., Chieti Commentatore certificato 19.08.14 14:25| 
 |
Rispondi al commento

GRAZIE DI BATTISTA
sono pienamente d'accordo

Fabio Giarratana Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 19.08.14 13:35| 
 |
Rispondi al commento

"Gli USA non ne hanno azzeccata una in Medio Oriente."
Non sono assolutamente d'accordo; gli USA in Medio Oriente hanno realizzato esattamente quello che volevano. Gestire la produzione petrolifera, usare e vendere armi, e fare tutto quello che serve a realizzare profitti. La guerra? Un effetto collaterale.
Il fatto è che non si deve dar credito ai proclami in difesa della democrazia o della libertà che servono a giustificare qualsiasi nefandezza. Sono un po' come le promesse elettorali. Non vanno prese troppo sul serio, anzi, trattandosi di propaganda, non vanno prese assolutamente sul serio.

UMBERTO SANTI 19.08.14 10:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

l'occidente così miope verso se stesso per tutte le nefandezze fatte nel medio-oriente. Non si parla più di Bush J. che col pretesto falso ha destabilizzato quelle regioni,volendo imporre con le bombe la democrazia,seguito a ruota da quel ridicolo puttaniere di B. Io da iracheno,contro questi arroganti prepotenti dispensatori di democrazia ,contro lo strapotere delle loro forze militari,avrei reagito da " terrorista " Nel nostro recente passato ,sotto l'occupazione austo-ungarica,come erano considerati gli italiani oppositori violenti? Terroristi da loro ma patrioti da noi !

emanuele meli, catania Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 19.08.14 10:41| 
 |
Rispondi al commento

In molti commenti si legge di islamici cattivi e violenti, strano questo è successo vicino Ancona ..... si vabbè, sicuramente non era di religione cristiana. http://www.ansa.it/marche/notizie/2014/08/17/padre-uccide-a-coltellate-figlia-18-mesi_46249325-52e6-4bcb-9168-2e9a05ea3ecf.html

Enrico C., Cerveteri Commentatore certificato 18.08.14 23:30| 
 |
Rispondi al commento

penso che leggere i libri di Oriana Fallaci farebbe bene al di Battista amico dei mussulcani

andrew marcheti 18.08.14 19:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E anche oggi, leggendo un giornale da me non comperato (non ci butto i soldi sui giornali), ho visto nuovamente il travisamento della realtà. A Di Battista hanno affibiato il ruolo di colui che difende o leggittima i terroristi. Il giornale, tanto per non fare nomi, è il messaggero. Ragazzi vogliamo cominciare a querelare questa gente?

Federico T., roma Commentatore certificato 18.08.14 19:18| 
 |
Rispondi al commento

Caro Di Battista vuoi mandare in galera quel depravato di Berlusconi,i mafiosi,i ladri del pd,e poi scrivi un post su cui guelfi e ghibellini si sarebbero scatenati.Mi dispiace doverlo dire ,ma elevare ad interlocutori dei mostri assassini non è accettabile .Accetto che si combatta e ci siano eccessi ,ma non accetterò mai dei mostri alla mia tavola

Antonello M. Commentatore certificato 18.08.14 19:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

senti Di Battista è ora di finirla di avere delle idee strampalate in politica estera M5S deve ancora crescere e molto rispetto a queste tematiche essere più concreti con la realtà politica internazionale. noi siamo e lo saremo (purtroppo) ancora per molto una succursale degli americani che da noi come altrove fanno ciò che vogliono. La Francia non ha truppe statunitensi nel suo territorio è uscita dalla Nato ma ne fa parte dell'alleanza ugualmente. questo è l'unico esempio positivo in Europa a cui potremmo fare riferimento la strada sarebbe comunque lunga e non facile poi SOLO IN UN II MOMENTO potremmo decidere come porsi individualmente su ogni singola questione INTERNAZIONALE. Indipendenza POLITICA, AUTONOMIA DECISIONALE solo con parlamenti SNELLI e GOVERNI FORTI! Un alto senso della SOVRANITA' NAZIONALE queste sono le uniche strada poi il resto come dici tu uno può scegliere la via del pacifismo o dell'interventismo ma prima devi essere CREDIBILE e AUTONOMO. Cioè quello che non siamo noi adesso.

Marco C., Spilimbergo Commentatore certificato 18.08.14 18:56| 
 |
Rispondi al commento

Strano che nessuno, mi sembra, abbia notato un punto decisivo. Di Battista sostiene che l'Isis ha le sue ragioni perché l'Iraq include gruppi di etnia o religione differente, che non devono esser obbligati a convivere. Quindi Dibba è favorevole agli Stati etnicamente o religiosamente omogenei. Io no, dato che A)frequentemente i gruppi differenti sono mescolati negli stessi territori, quindi l'omogeneità richiederebbe espulsioni o massacri. Forse è il caso dell'Iraq B) anche quando c'è un'iniziale omogeneità, esistono le migrazioni, magari economicamente inevitabili C) la coesistenza di gruppi differenti può causare problemi, ma è anche un'opportunità per superare il provincialismo e imparare a esser tolleranti, aperti. In breve, la tesi di Dibba mi sembra legata a un certo romanticismo nazionalista che serpeggia tra i cinque stelle, per reazione ai tratti peggiori della globalizzazione e dell'Unione europea. Abbiamo in mente un presunto idillio planetario fatto Stati omogenei e bucolicamente autarchici? E' a questo che credono Dibba e seguaci? Se è così, per quel che vale, mi dissocio.

francesco ., pavia Commentatore certificato 18.08.14 18:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Le polemiche generate da questo post sono un'altro emblematico caso di perle donate ai porci... purtroppo.
Ottimo post Alessandro, chi capisce intuitivamente non ha bisogno di ulteriori spiegazioni.

Sandro Trotta, Trieste Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 18.08.14 17:23| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

La lucida analisi fatta da Di Battista ha dato la stura a quanti, giornalisti e politici che non hanno alcun ideale, fiutano il pericolo che si sta, sempre più avvicinando, di un taglio di viveri.
Loro, che ogni giorno sentono la necessità di ribadire concetti di libertà, lo fanno solo per dimostrare, a chi di dovere, il loro servilismo.
Loro sono servi ricchi a nostre spese. Servono un potere che è quello che crea terrorismo e incertezza tra la gente. Analizzare le radici del terrorismo non significa essere d'accordo.
Chi non voleva si parlasse di mafia, come Berlusconi, non era perchè si danneggiava l'Italia me perchè approfondire si sarebbe arrivati prima a certe scoperte.
Analizzare le cause del terrorismo significa risalire alle cause che lo hanno provocato e lo provocano. La rapina delle risorse a quei popoli ha una matrice chiara: il capitalismo di rapina!
I mestatori da li prendono di che mangiare per abbuffarsi.
Viva Di Battista, viva il M5S!

pietro denisi, reggio cal. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 18.08.14 17:02| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

È bene che Grillo, i protagonisti e i comprimari sappiano che sono solo dei burattini. Se un giorno l’Italia dovesse essere sottomessa all’islam, il burattinaio li eliminerà con la stessa ferocia con cui sgozzano e decapitano i cristiani e gli yazidi di fronte a casa nostra.

giovanni giannuzzi, monopoli Commentatore certificato 18.08.14 15:55| 
 |
Rispondi al commento

sarebbe interessante, avendo letto una certa quantità di commenti, sapere quanti hanno capito di che cosa si tratta quando si parla di “isis” proclamatosi Stato Islamico.
quanti di costoro che vivevano nell’ignoranza, avendo appreso dal post, la notizia che “ISIS" è un terrorismo da scoprire, comprendere, con cui confrontarsi, ora hanno le idee chiare del pericolo che il medio-oriente e l’occidente corrono.
se gli stessi, che deridono l’altrui ignoranza, perché hanno appena letto l’illuminante post e ne hanno discusso “in rete”, sono in grado di capire minimamente delle pericolose parole che vanno proclamando, sostenendo a prescindere o quasi.
se quel signore che nominava e si immedesimava nei “cristiani Yazidi” ha capito che il destino che accomuna Cristiani e (sottolineo la congiunzione) Yazidi è simile, ma non identico.

spurgz 18.08.14 15:09| 
 |
Rispondi al commento

...come educare un bambino, che non ci arriva neanche a prender una medicina per il suo bene...
..e capisce solo gli sculaccioni.
Non riusciamo neanche a capirci in famiglia,...non riusciamo neanche a far cambiare idea ad un elettore
che vota PD.
Come possiamo elevare al dialogo certi fanatici ?
Cercare di capire ...mi stà bene , altra cosa è cercar di "far capire...a certi cervelli"...e li riescono meglio i "droni"

*****
Eposmail

Paolo B. Commentatore certificato 18.08.14 14:21| 
 |
Rispondi al commento

Quella qui abbozzata non è storia, sono scampoli di cronaca. E in ogni caso la storia non giustifica nulla, serve a capire. D'altro canto è impensabile giustificare quanto sta accadendo in Siria: "Teste mozzate e mostrate sulle picche, barbare crocifissioni, stupri di massa, bambine vendute come schiave, donne e bambini sepolti vivi, villaggi bruciati, luoghi di culto, monumenti, cimiteri vandalizzati e distrutti, e centinaia di migliaia [milioni] di profughi e dispersi: sono pezzi di umanità e di storia millenaria letteralmente cancellati, nel più barbaro e feroce dei modi" [Stefano Allevi]
La critica allo sfacelo perpetrato in quell'area dagli USA e alla indifferenza connivente dell'Europa non giustifica l'assassinio di migliaia di uomini caricati su camion, per poi essere allineati e abbattuti peggio che bestiame.
Si desidera dipingere questi inqualificabili macellai come persone all'ultima spiaggia, costrette a queste azioni e degne di considerazione e, da guida di un gruppo che occupa un quarto del parlamento italiano e che si è già candidato al governo, Grillo definisce Israele "Stato nazista". E se vi fossero decine di tunnel sotto il terreno intorno alle nostre villette, scavati con la precisa idea di annientare la nostra esistenza? Se avessero puntato decine di ordigni lanciarazzi sulle medesime nostre amabili villette?
L'Italia -che non ha mai contato nulla a livello internazionale- dovrebbe essere promotrice di cosa? Di una rivisitazione dei confini nel mondo? Vuole Sua Eccellenza Grillo associarsi agli antisionisti iniziando questo processo "liberando" l'Alto Adige? Poi, con calma, torniamo nel salotto a discutere di aree geopolitiche più "facili"

Resta intatta nelle parole di Grillo, dopo le critiche a USA e UE, una totale indifferenza per tutto il mondo islamico che in questi anni ha manifestato il desiderio di maggiori diritti e di democrazia. Lo hanno fatto guardando ad una Europa dei diritti ch'è indifferente.
Ma si arruola, nell'ISIS.


Non ho letto l'articolo di Di Battista , ma sono convinto che quello che dice la Serracchiani e' falso. La mia opinione e' che il rigurgito del islamismo radicale e terroristico e' stato causato da Bush the kid. Tutti gli atti criminali perpetrati da questi criminali e' una diretta consequenza del crimine perpetrato dagli americani quando impiccarono tutti i membri del governo di Sadam.
Odio genera violenza , violenza genera odio.
In questa situazione i sistemi protettivi anti terrorismo devono essere vigilanti, il rischio che un camicase si faccia esplodere in qualche posto non e' Una fantasia, ma unarealta'.

Savio 1 18.08.14 14:07| 
 |
Rispondi al commento

Alessando Cuor di leone!

Elia . 18.08.14 13:38| 
 |
Rispondi al commento

QUERELATI i giornali per diffamazione oppure migliaia di voti persi inutilmente? Deferite la stampa, oppure state favorendo il REGIME fornendogli occasioni di DISCREDITO?

Mauro Bellaspica 18.08.14 13:28| 
 |
Rispondi al commento

"Le buone ragioni di Di Battista ale_dibattista: sappiate leggerle! Oggi alle 17.00 (con Bordin ) su RadioRadicale lo spiegherò. M.Pannella"

Dobbiamo comunicare grazie a Pannella e radio Radicale! Siamo ridotti a questo! Questo è segno evidente del problema più grosso del m5s. LA COMUNICAZIONE. Comunicare alla gente, non solo agli intellettuali. Creare consenso, altrimenti usciamo dalle istituzioni!

Antonio vannucci 18.08.14 12:55| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento


ISIS ? Kamikaze? I veri KamiKaze della politica siamo noi.I media-servi (come da copione) hanno decontestualizzato e azionato la clava. Comunque leggendo e rileggendo il post non sicapisce come si fa a dialogare con i terroristi dell'ISIS, votati all'imporre la propria volontà e nient'altro. ma perchè non battere e ribattere sui primi risultati della manovra degli 80 euro? Manovra per annientare il m5s , spendere 10 mld di soldi pubblici per fare ripartire l'economia, che persino DEL RIO sta ammettendo 'sperava meglio'. Voto di scambio passato per giustizia sociale. la moglie insegnante di uno con stipendio a 5 zeri che si mette part-time prende 80 euro. Questa è la giustizia sociale. Noi non andiamo in Tv, offriamo il fianco con questi post a tutti i media di regime. I veri kamikaze della politica siamo noi.Andate nei contraddittori TV! Essere dentro le istituzioni, cercare di andare al governo e non cercare il consenso di chi sa tutto su belen e la giuventus e vota PD è come asciugare l'acqua per terra sperando che il tubo rotto si aggiusti da solo.

Antonio Vannucci 18.08.14 12:25| 
 |
Rispondi al commento

premessa: non voto MS5 né sono simpatizzante grillino

però Alessandro Di Battista ha espresso in maniera lucida una richiesta legittima: capire le ragioni anche dell'altra parte, del nemico se vogliamo, senza marchiarlo ante litteram terrorista e chiudere ogni confronto

ropiecin 18.08.14 12:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Come era facilmente prevedibile, il pennivendolo de benedettiano Merlo ha dato il suo "contributo" al circo itinerante dei calunniatori mediatici in atto

http://www.francescomerlo.it/2014/08/17/meglio-diavoli-o-minchioni-di-battista-il-kissinger-di-grillo-fa-lelogio-dei-terroristi-dellisis

gianfranco d. Commentatore certificato 18.08.14 12:12| 
 |
Rispondi al commento

Quanti terroristi ci sono in giacca e cravatta che senza imbracciare un'arma, uccidono la dignità delle persone?

Pier P., roma Commentatore certificato 18.08.14 12:05| 
 |
Rispondi al commento

Il nostro è un mondo di paradossi: Alessandro Di Battista ha scritto questo bellissimo post, per dare un contributo a chi vuole capirci di più sul ISIS... e che cosa se ne è ricavato?? Che i media-servi (come da copione) hanno rivoltato la frittata! E adesso esce fuori che Di Battista giustificherebbe i terroristi...??!?
Altro ennesimo episodio della serie media-servi-di-regime, menzogne a fiumi, che gli italioti bevono passivamente (e io dico: colpevolmente).
Però... c'è un però: finchè noi immaginiamo di continuare con l'illusione che "la Rete vincerà sulla TV", mi sa che ci aspettano migliaa di altri episodi simili a questo ... e migliaia di altri 25 maggio (vi ricordate?? o già avete rimosso?) ...
Finchè gli italioti non diventeranno tanto intelligenti da poter discernere autonomamente le "stupidaggini" che propinano i media_di_regime (il che avverrà, , in un'altra era geologica), il modo per AFFIANCARE la forza della Rete è e rimane UNA RETE TV A 5-STELLE.
Quando si comincia con la colletta??

Carlo S., Roma Commentatore certificato 18.08.14 11:21| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 10)
 |
Rispondi al commento

L'articolo è talmente condivisibile da risultare quasi ovvio. "Ovvio" non in senso negativo, ma nel senso che sono le considerazioni che la sinistra italiana ha sempre fatto e che io ho sempre condiviso. Allora una domanda: perchè oggi critica tanto queste parole?
Un'ultima cosa, facendo un sondaggio personale tra le persone che conosco, quasi tutti pensano che Di Battista sia a favore del terrorismo. Se non si incomincia a combattere, con le parole, nelle sedi opportune (TV) avranno gioco facile a seppellire ogni buona idea che viene dal movimento perchè nessuno saprà mai che c'è stata o ne avrà solo una visione distorta come in questo caso.

Luigi Bagolini 18.08.14 10:34| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento

Qualsiasi cosa dirai e scriverai, la utilizzeranno contro di te. sia se dici cose sensato o meno. Quindi hai fatto benissimo a dire tutto come la pensi ed è condivisibile o proprio oggettivo storia in molti punti. D'altronde il PD+-L risponde "vergogna" comunque. Anche se dovrebbero loro stessi vergognarsi...

Vittorio Pellegrineschi (v.pellegrineschi), v.pellegrineschi@lacab.it Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 18.08.14 10:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un grandissimo articolo lucido e semplice ricorda la storia e pone temi di discussione. Questo è fare politica. La vergogna è il coro di critiche che non entrano mai nel merito (ma lo hanno letto?) dell'articolo ma attaccano la persona infangando a prescindere, atteggiamento tipico dell'era Berlusconiana ora adottato in pieno dalle belle esponenti di un tragico PD. E pensare che articoli del genere si leggevano una volta (25 anni fa..) sull' Unità. . .Comunque l'argomento della trattativa col terrorista (possibilmente prima che lo diventi)non può non essere preso in considerazione così come l'analisi delle motivazioni storiche e sociali che lo portano ad essere tale, nessuna censura mediatica deve ostacolare le idee.

Marco Albertini 18.08.14 10:03| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Alessandro per la tua consueta profondità, lucidità ed onestà!

Dario Testa 18.08.14 09:57| 
 |
Rispondi al commento

A Dibattì...il terrorista è per sua definizione intollerabile. La tua unica frase (ma lo fate apposta?)indecente ha obnubilato una ricostruzione condivisibile della storia passata e della realtà odierna. Se date carne allo sciacallo, quello morderà di sicuro!

Vitino 18.08.14 08:55| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto diverse volte l articolo di Di Battista.
La conclusione è sempre la stessa.
Grande, enorme articolo.
Non credo che nessun politico sino ad oggi abbia mai avuto il coraggio di dire certe cose in maniera cosi chiara e precisa.
Ci vuole davvero molto coraggio e onesta intellettuale.
A tutto coloro che accusano di wikipedismo, complottismo e altro: abbiate il buon senso e la pazienza di leggere un po di piu e informarvi oltre le linee ufficiali ( non pensate che chiunque non sia dentro i main stream sia david icke).

Sorvolo sui disgustosi strascichi di merda disseminati in giro dai vari MErlo o prime firme ben pagate che seguono l'etica del "padrone comanda io scrivo". Non uno e dico uno è entrato nel merito di un solo punto scritto nell'articolo scritto qua sopra. E' stato solo un volgare susseguirsi di offese, prese per il culo, sminuire gli argomenti e sopratutto la credibilità della persona che lo ha scritto.
Tipico comportamento che ho visto usare ad uso e consumo da fascisti, da forza idioti, da piddini del cazzo, da possessore della verità assoluta. Ma lasciamo perdere, le parole ci servono ad altro non a parlare di loro.
Il vero punto critico imho di tutta questo articolo è la questione dell'energia. Viviamo in una società energivora senza energia non si va da nessuna parte. Chi ha risorse o gestisce l energia, gestisce potere e il destino di intere nazioni.Diciamo tranquillamente puo tenere per le palle nazioni come l italia. Prima usciamo dal circolo del petrolio meglio è : meno dipendenze poliche, meno sottomissioni economiche, piu libertà e autonomia come popolo. Ma molti non lo vogliono capire, taluni del main sistem ( vedi i pennivnedoli) hanno capito che "non gli conviene".
Dobbiamo parlarne e iniziare ad aprire un divbattito capire, convincere e informarme per quanto possibile.
Aggiungo che dovremmo anche liberarci delle basi nato e americane: non ci proteggono, ci possiedono ma magari se ne parla un altra volta.
Lunga vita ai 5stelle.

maurizio p., cagliari Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 18.08.14 08:52| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento

Segnalo a Di Battista un articolo di Marco Lillo sul FQ di oggi, in cui il suo nome è citato in modo scorretto. Sarebbe opportuno ched rispondesse.

Ada Martinelli, Vicchio Commentatore certificato 18.08.14 08:29| 
 |
Rispondi al commento

Il motivo per cui la stampa ha citato solo la frase incriminata (sul terrorismo) e non le diverse altre dette nell'articolo è che le esse possono essere derubricate al solito ciarlare di Di Battista & Co. La stampa, casomai, non è stata seria per il fatto che le tesi di Di Battista non sono state evidenziate come totalmente destituite di ogni fondamento. Invece di Wikipedia e qualche volumetto di evidente scarso valore, Di Battista vada a leggersi un po' di storia e si accorgerà che il problema dei confini e della statualità in Medio Oriente (e nel Nord Africa) sono causati da qualcosa di diverso dai confini tracciati a tavolino con righello (la solita retorica da bar che va sempre bene agli ignoranti della rete...). E ora vediamo quanta libertà di stampa c'è nel sito sito di Grillo rispetto a questo post...

Roberto Russo 18.08.14 04:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

GRILLOOOO DIFFONDI QUEST'IMMAGINE
https://imageshack.com/i/exLZZAZEp

hacker mix (icex101), monte san vito Commentatore certificato 18.08.14 03:41| 
 |
Rispondi al commento

Premessa:
Di Battista ha scritto un'articolo bellissimo (vorrei averlo scritto io) per spiegare perchè la "mala pianta" dei tragici problemi del Medio Oriente abbia radici lontane nel tempo e nell'economia del Petrolio.
Se una critica gli si può fare é quella di essere stato troppo corretto, esponendo solo argomenti e fatti di quelli che si potrebbero portare in tribunale, ed evitando delle facili "dietrologie" difficilmente dimostrabili.
Purtroppo però credo che se si tratta un problema come quello del "terrorismo medio-orientale" certi "retroscena" di cui non esistono prove ma solo forti indizi, vanno comunque toccati, altrimenti si corre il rischio di essere "fraintesi" sul problema della "trattativa con il terrorismo".
Vediamo di spiegare quali potrebbero essere questi "retroscena indiziari":
Anche chi non si aggiorna sull'"ars bellica" avrà forse sentito dire che gli attuali esplosivi ad alto potenziale sono molto più potenti di quelli che si usavano all'epoca della guerra in VietNam.
Se a questo fatto aggiungiamo la considerazione che le strutture petrolifere (pozzi di petrolio, oleodotti, raffinerie, navi petroliere) sono quanto di più vulnerabile esista sulla faccia della Terra, allora sorge spontanea una domanda:
Perchè i terroristi non attaccano quasi mai le strutture petrolifere dove, grazie agli esplosivi ad alto potenziale, potrebbero ottenere il massimo risultato col minimo sforzo?
Basti ricordare che un'attentato (puramente dimostrativo) ad un terminale petrolifero nel golfo Persico, avvenuto alcuni anni fa, fece aumentare il prezzo del petrolio di 20 dollari al barile.
Non sarà per caso che i BEN NOTI finanziamenti degli sceiccati del petrolio ai terroristi sono una "tangente" pagata affinchè vadano a fare la "rivoluzione islamica" altrove, ma lascino sceicchi e compagnie petrolifere liberi di godersi in pace il loro petrolio?
Il VERO problema della "trattativa" allora è:
Con quali "pupi" e quali "pupari" vogliamo trattare oppure combattere?

Torquato Apreda 18.08.14 01:39| 
 |
Rispondi al commento

Io sto con Alessandro Di Battista.I Tg truffa di Stato un giorno saranno più brillanti e gestiti da cittadini liberi!...A brutto schiavo te pagano per raccontà un sacco de cazzate pensa che vita de merda che fai!!!!Come te rincontro per strada du cosette te le dico.

Enrico Toscano, Roma Commentatore certificato 18.08.14 00:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LA DIMOSTRAZIONE DEL MOTIVO PER CUI L' ITALIA È' VICINO AL 60esimo POSTO, NEL MONDO PER LA LIBERTÀ DI STAMPA e' che,
quasi tutti i TG è i giornali hanno COMMENTATO, di tutto quello che ha scritto Di Battista, UNA SOLA RIGA (di stampa)DELL' ARTICOLO.
L'ARTICOLO NE CONTENEVA ALMENO
500 (di righe di stampa).
MA ALLORA VUOL DIRE CHE TUTTO IL RESTO CHE DI BATTISTA HA SCRITTO E' VERO perché non lo ha contestato nessuno!
Ma la cosa ancora più preoccupante e' che i politici hanno fatto la stessa cosa, hanno COMMENTATO SOLAMENTE LA STESSA RIGA O frase che dir si voglia.
Ma che coincidenza!
Ha questo punto viene spontanea una riflessione;
SE SIAMO AL 60esimo posto per la libertà di stampa, allora SIAMO AL 60ESIMO anche come capacità dei POLITICI!?

giordano 18.08.14 00:28| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

La manfrina giornalisticotelevisiva, che ha colpito Alessandro Di Battista é nota ormai, e chi ha avuto quel minimo di decenza di leggere qualche contraddittorio, sa benissimo come stanno le cose.
Mi rivolgo a coloro che nonostante abbiano preso la giusta posizione, rimproverano a "diba" , e generalmente ai 5 stelle, di offrire il fianco al "nemico".
La tesi di queste persone é "non dite cose che potrebbero essere strumentalizzate e far perdere il.voto degli ipocriti facilmente influenzabili", meglio cioè raccontare qualche ovvietà, schierarsi meno e far contenti un po tutti, evitiamo di dire verità che ci rende poco simpatici.
Ragionamento che non fa una grinza, politicamente strategico, e molto producente.
Se fossero il PD, o Forza Italia, o qualsiasi altra merda partitica.
Ma non lo sono.
Ci hanno parlato di intransigenza, di correttezza, di onestà, e di verità, ci hanno detto che MAI avrebbero usato sistemi e modi della vecchia politica, e questo ci é piaciuto moltissimo, adesso vogliamo davvero chiedergli di usare sotterfugi, di non esprimere opinioni per non urtare gli animi delicati e profumati di alcuni italiani, che potrebbero poi non votare il movimento? Vogliamo davvero che si omologhino a chi ci massacra, ai padroni di quei media che mentono per vocazione e professione? Vogliamo sul serio sentire da esponenti 5 stelle dichiarazioni contro il terrorismo, sapendo poi che il nostro paese rifornisce e a volte finanzia terroristi a lui "simpatici",vogliamo sentire uscire dalle loro bocche frasi da baci perugina come quelle della Santanche' o della Bonafe', e soprattutto, vogliamo anche far finta di crederci?
Beh, io no.
Io apprezzo chi chiama le cose per nome, chi esprime le sue opinioni senza ipocrisia, chi sputa verità scomode e fastidiose, ne apprezzo il coraggio, l'onestà e il rispetto espresso verso chi lo ascolta.
É chi si nascond

Bruno Bianco 18.08.14 00:17| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 9)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Alessandro, condivido quello che hai scritto, fai attenzione però, che se tiri in ballo la parola "terrorista" avrai tutti contro, specialmente pd (sentito cosa ha detto la Serrachiani?) e la Lega : "L'è un puverett" e Ncd: ignorante. Vale a dire tutta quella parte del partito unico che si scaglia contro il M5S a "prescindere" se quello che dici è pura "verità".
Allora bisogna mettere bene in chiaro che:
- chi era Arafat? chi ha trattato con lui?
- con la scusa del terrorismo sono state uccise migliaia di civili in Iraq, in Libia (c'era un signore che baciava le mani insaguinate a un certo tipo), in Siria, in Afghanistan, oggi in Ukraina sapete quanti civili morti? nessuno lo sa.
- la civile Europa ora vende armi ai curdi invece di seguire la via delle trattative e della pace (chiaro che le armi le vendeva da sempre in tutto il mondo)
- vi ricordate che il nostro Parlamento ha votato per ruby nipote dell'egiziano?
Sono le lobby la peste dei popoli, e state certi che la verità non la saprete mai da questi politici cialtroni. Il peccato originale è stato "Sèvres" quello di non aver tenuto conto le diversità dei popoli

Giancarlo Osti Commentatore certificato 17.08.14 23:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io ho capito perfettamente il post di Di Battista e penso che sia fondamentalmente sbagliato.
Ho studiato molto la storia islamica e la rivalita' - per usare un eufemismo - sunnito-sciita inizia attorno al 1000, anche prima.
L'Occidente, spesso sbagliando, si e' iserito in queste diatribe, ma questi si vogliono ammazzare fra loro e spesso lo fanno.
Ora, 2 puntualizzazioni:
1- l'ISIS vuole distruggere come primi, gli yazidi che non si convertono, gli arabi che non accettano il Califfato, Hamas, molti egiziani, molti siriani, gli iraniani, questi quasi tutti. Poi passerebbero ai restanti infedeli. Naturalmente non ci riusciranno, almeno spero, ma aspettare gli eventi mi appare piu' che un errore, un crimine.
2- Di Battista da' per scontato che se Saddam non fosse stato spodestato dagli americani sarebbe ancora la', con lui molti altri, ma questo e' assai poco probabile. Gli Arabi di molte nazioni non lo potevano vedere e probabilmente ci sarebbe stata una seconda guerra con l'Iran, finanziato da 4/5 della Lega Araba, magari con aiutini di Israele.
Dulcis in fundo, smettetela di bollare i commenti diversi dai vostri come
a) mentecatti
b) nemici del movimento
c) fascio leghisti
eccetera.
Qui si giocano molte vite umane, mentre noi osserviamo le cose dal nostro schermino pc. La gente muore sgozzata, le donne vengono violentate.
Questi pazzi vanno fermati!
Non sono terroristi, sono folli criminali.
Trattare e' giusto e possibile, dopo che sono stati fermati, non prima!!


(CONTINUO DEL PRIMO COMMENTO)
Tanto basta per accendere un conflitto come quello che ha visto il massacro di quasi 1.000.000 di persone. Lì nè NATO, nè USA, nè Italia intervenirono probabilmente perchè a differenza di Medio Oriente o Afghanistan, in Ruanda non c'erano interessi economici da trattare/difendere.

"Se a bombardare il mio villaggio è un aereo telecomandato a distanza io ho una sola strada per difendermi a parte le tecniche nonviolente che sono le migliori: caricarmi di esplosivo e farmi saltare in aria in una metropolitana. Non sto ne giustificando né approvando, lungi da me. Sto provando a capire." Quindi se un giorno un indipendentista meridionale, un neo borbonico, fa saltare la metropolitana di Milano, si troverà il modo di scrivere un articolo dagli stessi toni giustificando il fatto con "Cavour decise di fare l'Italia"? E' innegabile che anche in Italia ci siano culture diverse, sono tante le minoranze culturali presenti nel nostro Paese, come è altrettanto innegabile che l'unità d'Italia non è stata un grande affare per il meridione (un regno spagnolo così avanzato nel Mediterraneo metteva a rischio il commerci inglesi nello stesso, era da secoli oramai che Spagna e Regno Unito si affrontavano, quale occasione migliore per gli inglesi di liberarsi dei Borboni nel Mediterraneo armando il Regno Sabaudo??). Non si può sempre guardare al passato ma bisogna guardare al presente, le divisioni culturali ci sono e sono ovunque eppure se si vuole convivere ci si confronta con il dialogo SEMPRE anche quando è difficile.

Il terrorista è colui che segue la strada più semplice, zittisce, uccidendolo, chi la pensa in maniera diversa da lui. Il terrorista non vuole capire o meglio capisce solo la sua ragione.

Massimiliano Moraca 17.08.14 23:33| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto con attenzione l'articolo. Soprattutto i punti 5-6-7 mi trovano fortemente in disaccordo con ciò che dice Di Battista. Con chi uccide/violenta/schiavizza uomini. donne, bambini non si discute. Magari non lo si bombarda nemmeno (ma dipende sempre dall'estensione del cancro, giusto per usare lo stesso termine di Di Battista!) ma di sicuro non ci si siede ad un tavolo per dialogare. Del resto l'Italia è uno stato abituato a dialogare con mafiosi, camorristi e compagnia cantante, non mi meraviglia quindi il fatto che Di Battista proponga un dialogo con quella gente.

Certo il cosi detto mondo civilizzato fa e farà i conti ancora per molto con i danni dell'epoca colonialista e, si, certamente la creazione di stati fatta con matita e righello non è stata una mossa azzeccata ma c'è anche da dire che il problema di certo non sta in come sono stati divisi i confini. La sconfitta dell'Impero Ottomano ha senz'altro tagliato il cordone che legava tra loro popolazioni di culture diverse ma non esiste uno stato che abbia in se una unica popolazione con la stessa cultura.

Nei Balcani l'Ex Jugoslavia nacque per annessione volontaria di territori, dichiaratisi indipendenti dall'Impero Austro-Ungarico, al Regno Serbo che si fuse poi con quello montenegrino.Non ci fu nessun disegno a tavolino di confini e fin dalla prima proposta di annessione si sapeva che in quei territori vivevano genti con culture molto differenti tra loro. Eppure tutti sappiamo come è andata a finire, e di certo non si può dare la colpa agli USA se un bel giorno tale Slobodan Milosevic, nazionalista convinto, decide di iniziare una pulizia etnica contro la minoranza musulmana in Jugoslavia (goccia che fece traboccare il vaso e che scatenò l'attacco della NATO).

Di certo non si può dare la colpa agli USA se nel'94 in Ruanda gli Hutu decisero di sterminare i Tutzi. Per secoli i Tutzi nella società ruandese erano e sono gli esponenti dell'elites mentre gli Hutu erano e sono la bassa manovalanza(CONTINUA)

Massimiliano Moraca 17.08.14 23:31| 
 |
Rispondi al commento

Ricostruzione impeccabile, ma inadatta al momento (italiani distratti dalle vacanze) in quando gli avvoltoi della disinformazione ne hanno fatto un uso ..................diciamo in termini giusti inappropiato, in quando a trattare tipo con sta gente che da in mano ai figli la testa appena mozzata maiiiiiiiiiiiiii http://www.lastampa.it/2014/08/12/esteri/bimbi-con-teste-mozzate-la-follia-degli-jihadisti-che-arruolano-i-loro-figli-r5x55VNEXTVAPHkBda1sjN/pagina.html

ANIELLO B. Commentatore certificato 17.08.14 23:23| 
 |
Rispondi al commento

Ma cari amici del M5S, non vi siete ancora accorti che circa una meta' del popolo italiano ha una intelligenza inferiore alla media ? Voi parlate di ISIS quando piu' della meta' degli Italiani non sa neppure cosa significa . Grande Di BATTISTA ma parla con un linguaggio incomprensibile a molti e allora i soliti hanno buon gioco distorcendo cosi' il vero significato delle parole di Alessandro a danno della verita'. Certi discorsi fateli ma con piu' semplicita'. Voi parlate di Kamikaze e cosi il popolo ebetino si spaventa !!!

gianfranco ferroni, macerata Commentatore certificato 17.08.14 22:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

mi piacerebbe sapere dagli amici "di sinistra" che leggono & scrivono qui cosa ne pensano del film "paradise now"...ho moltissimi amici che lo hanno acquistato e me lo hanno commentato più che positivamente...ah, e politicamente essi non sono nel M5S...

fabiano p. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 17.08.14 22:45| 
 |
Rispondi al commento

L'ipocrisia dei giornalisti italiani, manipolati dai politici, è scandalosa. Di un lunghissimo testo scritto analiticamente e correttamente da Di Battista, che invita a riflettere sulle cause di queste guerre, i mass media sono stati capaci a riportare solo 2 righe, stravolgendone il significato e dicendo che il m5s "tende la mano ai terroristi" (tg 1)
Vergogna.

donatella davanzo 17.08.14 22:26| 
 |
Rispondi al commento

Le argomentazioni di Di Battista, ragionevolissime e civili, scatenano un bel po' di commenti fascio-leghisti. Si straparla di eserciti musulmani, di pericoli per il mondo intero, si ripetono gli argomenti falsi degli stessi giornali e media televisivi che hanno fatto a gara a offendere,denigrare e dipingere il M5S nei modi più scorretti.
Si vede che la lezione non è servita. Spero solo che i post con una serie di bestialità e promesse di "uscita" non siano dei veri M5S ma dei soliti noti.
Altrimenti, caro Di Battista, c'è da mettersi le mani nei capelli.

mario45 massini, roma Commentatore certificato 17.08.14 22:21| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo con Di Battista. Può piacere o no ma il terrorismo nasce soprattutto là dove c'è sopraffazione e voluta disuguaglianza. Tra le sue ampie tematiche trattate ora voglio soffermarmi solo su Israele. Gli Inglesi avevano il Mandato sulla Palestina ( abitata da Arabi e piccole frange di Ebrei)dal 1918 come vincitori dell'impero Ottomano. Alla fine del 1945 avrebbero dovuto restituire il mandato ( semplice amministrazione)in mano ai Palestinesi. Non lo fecero perché dovevano pagare una cambiale in bianco fin dal 1918 verso il banchiere ebreo Rothschild che li aveva finanziati nella guerra contro la Germania. La diedero agli Ebrei che nel frattempo con la scusa dell'Olocausto cercavano un Paese dove soffermarsi, e quale meglio della terra promessa? Promessa ad Abramo da Geovah perché gli era fedele servitore ( servitore di che?). Si dà il caso che la terra promessa ad Abramo ( terra di latte e miele in cui gli Ebrei diverranno numerosi come le stelle) sia un deserto di sabbia e pietre per cui il poveretto deve rifugiarsi in Egitto a farsi sfamare dal Faraone. Altro che terra promessa da Geovah. Ma questo gli Ebrei la danno da bere al Mondo! E ci crede perfino la chiesa Cristiana, che quanto a favole ne racconta tante per gli ignoranti e babbei! Gli Inglesi si accorgono dalle loro malefatte e cercano in qualche modo di ripagare gli Arabi: non ci riescono ecco allora che saltano fuori gli Americani, che sudditi della finanza ebrea ( che elegge Presidente e Congresso)
danno manforte agli Ebrei e da allora non li mollano più. Gli Ebrei diventano sempre più aggressivi, sbattono fuori a calci in culo gli Arabi che si oppongono e se questi gli sparano addosso cazzotti o pietre o tubi di esplosivo strapiangono e si dichiarano "vittime". E Noi, uomini critici del terzo millennio dovremmo credere e approvare queste cretinate degli Americani? Anche l'ipocrisia ha un limite, non ci credete? Bravo Di Battista, hai detto bene!

sergio picini 17.08.14 22:18| 
 |
Rispondi al commento

Boh.
Torno dalle vacanze e finalmente posso leggere questo post. Di Battista approva gli ammazza cristiani.Questi i titoloni su tutti i quotidiani compreso il FATTO che parla di delirio. Su RAINEWS addirittura, dopo un mese di quasi silenzio sul m5s, attuale secondo partito italiano, servizio secondo solo all'Ucraina ed immagini di repertorio di DiBa in atteggiamenti violenti contro Speranza(PD). " Non sto ne giustificando né approvando, lungi da me. Sto provando a capire". Finalmente ho potuto leggere la versione integrale di Di Battista.Leggo il post, capisco. Il m5s dimostra ancora una volta di fregarsene dei voti della gente. Non solo si allontana volontariamente dalla TV; ricordo ancora Pannella, Bonino & C con i bavagli in TV in silenzio per tutto il tempo dedicato loro dalla RAI. Ma non capiscono che mentre prima del 2013 potevano dire qualsiasi fesseria, adesso qualsiasi frase che utilizzano su internet può essere presas dai media, decontestualizzata ed usata come clava. Prima del 2013 indifferenza. Adesso siamo il pericolo da battere. Bisogna ANDARE in TV, partecipare ai contraddittori, utilizzare al meglio tutti i media ... altrimenti parliamo fra noi per dirci quanto siamo nel giusto , ma il consenso non può che diminuire.

Giulio C., Prato Commentatore certificato 17.08.14 22:10| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Totalmente d'accordo con la ricostruzione del post e con quello che Massimo Fini, Chomsky (...) sostengono da sempre.
Quando si parla di giustizia non si può fare gli ipocriti solo perchè solo si sta dalla parte del torto.
Neanche 1/3 del benessere europeo e statunitense deriva da risorse locali, e vista la miseria in cui vivono i 2/3 di mondo qualcuno non si chiede come mai nascano gli ISIS?
Secoli di colonialismo ed ora di imperialismo monetario hanno dimostrato chi deruba chi, e di fronte ad un ladro (multinazionali, lobbies, governi) ed il suo ricettatore (gli "ignari" consumatori), il derubato non può che vedere entrambi responsabili.
Non lascerò certo finire tutto nelle mani dell'ISIS per senso di giustizia, ma neanche mi nascondo dietro l'ipocrisia di non sapere di chi sia la colpa.

Ital Rolando, Nizza Monferrato Commentatore certificato 17.08.14 21:47| 
 |
Rispondi al commento

Disiscritto istant, non ho intezione di essere iscritto a un blog simpatizzante dell isis , lo trovo ripugnante, oltre il considerare possibili ripercussioni legali essendo simpatizzanti di un organizzazione terroristica...

Marco Manilo 17.08.14 21:39| 
 |
Rispondi al commento

ALCUNI SEDICENTI M5S HANNO ATTACCATO VILMENTE DIBBA CON PROPOSITI CHE DIMOSTRANO CHE SONO SOLO DEI SERVI DEI PORCI CHE CI AFFAMANO CHE NON CI DANNO LAVORO E CHE CI UCCIDONO LENTAMENTE, MEGLIO 100 TERRORISTI ISLAMICI CARICHI DI ESPLOSIVO CHE QUESTI IMMANI SCRIBACCHINI STRONZI.

ANCH'IO CAPISCO I TERRORISTI ISLAMICI E L'AMICO DIBATTISTA. ANZI VORREI CHE FOSSERO QUI CON LE LORO CINTURE PIENE D'ESPLOSIVO E CHE SI FACESSERO SALTARE IN OGNI LUOGO DOVE QUEI PORCI DEI NOSTRI POLITICI SONO. VERGOGNATEVI TUTTI!!@##@

Cataldo Gravina 17.08.14 21:32| 
 |
Rispondi al commento

Con i terroristi non si tratta. Per lo stesso motivo per cui i bulli a scuola vengono contrastati: se bastasse essere arroganti, crudeli e prepotenti per essere riconosciuti, allora non avrebbe senso avere stati riconosciuti dalla comunità internazionale e, all'interno di ogni singola nazione del mondo, non avrebbe senso indire elezioni e formare governi in base al verdetto delle urne. Uno stato che dialoghi coi terroristi ne riconosce e legittima, di fatto, il potere. Dialogare coi terroristi dell'ISIS significa riconoscere il loro potere, dire che hanno l'autorità legittima di annientare le minoranze religiose, di uccidere, torturare e rapinare. Diverso è il discorso riguardo il cercare di capire le cause di certi fenomeni. Ma ribadisco che, anche analizzando e capendo quali possano essere le cause del terrorismo, coi terroristi non si dialoga alla pari. Il resto dell'analisi di Du Battista mi sembra un mix di informazioni serie, interpretazioni molto personali e non suffragate sempre dai fatti e qual che buona proposta (che l'Italia si ponga finalmente, in modo serio, il problema di affrancarsi dal petrolio come fonte d'energia; ma occorrerebbe che lo facessero anche gli italiani, che soffrono spesso della sindrome nimby e che sono contrari al petrolio e al nucleare e poi strillano appena si ventila l'idea di mettere una centrale eolica da qualche parte).

Anna B. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 17.08.14 21:25| 
 |
Rispondi al commento

Alessandro,
Ho letto che nei media ha fatto scandalo il documento di cui sopra. Il problema vero deve essere: volete arrivare al potere con le votazioni? Non ci arriverete mai e ve lo auguro, perchè, se puta caso, doveste arrivarci, i campi di concentramento sono pronti anche per voi. Stanno li preparati da tempo, in Sardegna. All'epoca servivano per i comunisti oggi per voi o per chiunque non sia "LORO". Chiaro il concetto?
Domanda: perchè i nazisti sono "nazisti" e gli USA ed i loro amici invece sono "democratici"? Vogliamo fare il conto di chi ha più stragi sulla coscienza? La differenza di opinione dei cosiddetti media sta solo nel fatto che i nazisti hanno perso la guerra e gli USA l'hanno vinta. Se fosse avvenuto il contrario ora tutti starebbero ad inneggiare ad Hitler.
Se il tuo (vostro) documento serve per arrivare ad un partito di lotta, allora ben fatto. Per vicere le elezioni invece no, è controproducente, nonostante abbia rappresentato una realtà non confutabile.
A TE (A VOI) LA SCELTA.
Con affetto.

Bruno Sordini Commentatore certificato 17.08.14 21:13| 
 |
Rispondi al commento

Nuove realtà su base etnica: direi anche linguistica, come l'Alto Adige o Sud Tirolo. Perché i 5 stelle non propongono un referendum popolare per la scelta: con l'Italia o con l'Austria? E così anche per la Valle d'Aosta?
Per i terroristi: ma l'Isis ammazza a tutto spiano persone inermi, ammettono una sola religione, diversa persino da quella sunnita? Per i fedeli di altre religioni c'è sola la morte?
Però dobbiamo trattare con loro: mi auguro che l'estensore dell'articolo si proponga per avviare un incontro con i capi Isis, si offra per essere il capodelegazione. Se il governo non è d'accordo, può avviare direttamente lui una trattativa, magari recarsi in Irak, conoscere le persone, al fine di veder confermate le sue convinzioni su di loro. Chissà che non abbia la capacità di ottenere da loro di poter visitare le varie città, constatare le scritte sulle case dei cristiani ( fifoni fuggiti, tanto potevano benissimo convertirsi all'islam ), essere l'unico non mussulmano (glielo permetteranno?) con loro.
Forza, cittadino, datti da fare e dimostra che basta volere e si può tutto, senza dover ricorrere alle armi. Puoi basarti sulle tue tesi e trionferai. Forza, mettiti in azione.

Francesco Z., Brescia Commentatore certificato 17.08.14 21:06| 
 |
Rispondi al commento

stupendo articolo. finalmente storia moderna scritta da chi non ha vinto una guerra ma ancora libero

nico barta 17.08.14 20:43| 
 |
Rispondi al commento

Penso che le parole di Di Battista riflettono pensieri e considerazioni che tanta gente comune ha fatto e fa tutti i giorni senza con questo sostenere alcuna forma di terrorismo (Né quello ufficiale né quello che ufficialmente non lo è ma nella pratica invece si). E' fantastico che vengano "manipolate", "Interpretate", "riportate" in maniera assolutamente distorta e strumentale da stampa e politici di forze anti-M5S che fingono di avere sentito cose non dette e di avere capito quello che Di Battista non ha detto. Ma è l'ipocrisia e la miseria di chi cerca di acquisire consenso politico e visibilità in maniera falsa confidando sulla superficialità e l'ignoranza di una grande fetta di quella popolazione che viene presa in giro ormai da anni quotidianamente .

francesco 17.08.14 20:38| 
 |
Rispondi al commento

Pienamente d'accordo con Neutral Sgrassatore.
Si voti sul blog, perché si chiarisca la posizione del Movimento su questo argomento.
Io penso molto chiaramente che non c'è scelta. Non amo la guerra e il commercio di armi, ma bisogna fermare l'ISIS , a qualsiasi costo, altrimenti avremo le manilorde di sangue di tutti i civili e non civili, per me non esiste differenza, che saranno ammazzati da questi criminali.
Direi anche che Di Battista, di fronte ad un voto compatto, spero una sollevazione degli iscritti, faccia macchina indietro pubblicamente.
Capita di sbagliare, ora è successo a lui.
Non moriremo e non morrà lui per questo.
Al voto, al voto!

michelangelo di stefano 17.08.14 20:37| 
 |
Rispondi al commento

Il rischio è reale ma ancora ci sono i margini per "capire"- distinguere, isolare i terroristi. ma non prima di aver lasciato la possibilità a sedicenti terroristi di determinarsi come tali- quindi sino ad allora siamo e saremmo solo noi a definirli come tali. terroristi lo sono alcuni, ma anche dentro l'Isis c'è la possibilità di frantumarli, più che combatterli; poichè la maggioranza (anche di loro) altro non vuole che vivere, procreare e prosperare. il mostro il santo e l'eroe sono di tutti. ma bisogna decidere in fretta: trasformargli tutti in terroristi o rinunciare a qualcosa di nostro, senza paura, senza pigrizie di chi vuole delegare alle bombe americane, perchè tanto è impossibile combattere chi non ha paura di morire, se non con l'eliminazione fisica di tutti i membri, ma c'è ancora la possibilità di uno spartiacque, al prezzo di una revisioni dei confini coraggiosa, come giustamente accennava il buon DiBa.

Yassir M., Bologna Commentatore certificato 17.08.14 20:36| 
 |
Rispondi al commento

E' tutta un'altra storia perché? Perché Bersani non tagliava teste?

Visto che loro invece le teste le tagliano, dal punto di vista dell'ISIS questa volontà di trattare potrebbe essere interpretata come paura e debolezza da parte di chi la trattativa la chiede.

mario, fixing pipes online 17.08.14 20:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il vero islam é quello,altro che religione di pace!
Se il corano dice di uccidere chi non si vuole convertire come si può parlare di pace?
Se questa religione si é diffusa cosí tanto nel mondo é solo perché hanno usato la spada per convertire.
L'Europa un giorno si pentirà di dare ospitalità a tutti questi musulmani.quando saranno piú di noi andranno al potere democraticamente con un partito islamico.
Sono migliaia i fanatici nati in Europa che sono andati in Siria a combattere.Speriamo che non facciano ritorno.
Sveglia gente!

Cico V., Bra Commentatore certificato 17.08.14 20:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


Un gran dissertare sull’ISIS, sul califfato e del cosa fare, da parte dei non musulmani. Ricerche di popoli e di confini che ignorano una cultura basata sugli ampi spazi, sul sangue. Da circa 1435 anni, ogni anno, nel giorno dell’Aid, il padre insegna al figlioletto come sgozzare il montone con un bel colpo di lama secco, preciso e profondo. Montone acquistato con grandi sacrifici, docile e dolce e che il piccolo ha portato a spasso, a brucare, legato ad una cordicella. Poi la famigliola musulmana sguazza nel sangue e nella merda della povera bestia mentre le madri, rapide ed efficaci, sventrano il montone, tolgono le interiora, e lo preparano per la brace. Il manto farà bella mostra in casa. Sgozzare montoni e vitelli o tori porta fortuna in occasione di un matrimonio, di una circoncisione, dell’inaugurazione di un negozio. Le mani dei musulmani, dalla tenera età della circoncisione in poi , sono impregnate di sangue. Ed il paradiso lo è altrettanto. Felicemente defunto potrà assaporare il piacere di sverginare 72 belle fanciulline vergini dalle tette sode. Vergini che poi, una volta deflorate, vengono subito sostituite da altrettante nuove 72 verginelle pronte al divertimento di una sana, gloriosa e sanguinolenta nuova deflorazione. Per le donne invece niente 72 ragazzini: un solo uomo basta e devono farselo bastare. Il tutto avviene da 1432 anni. La distanza fra i musulmani e “gli altri” in realtà è solo minima. Ma profonda come il taglio con il quale domani ti si potrebbe anche sgozzare. www.giorgiocomerio.com

giorgio c., milano Commentatore certificato 17.08.14 20:29| 
 |
Rispondi al commento

E pensare che vi ho votato!
Penso che dopo queste affermazioni alle prossime elezioni prenderete il 3%.
Gli americani bombardano quei maiali perché stanno facendo strage di civili,violentano donne e bambini,li seppelliscono vivi.
Se non siete informati il minimo che potete fare é tacere per evitare figure di merda.
Saddam aveva aerei russi , missili russi,mine italiane e francesi.Di americano aveva solo dei vecchi carri armati residuati del Vietnam,eppure voi soliti merdosi antiamericani insistete nel dire che solo gli americani gli hanno venduto le armi.
Quei fottuti islamici se stiamo a guardare arriveranno anche a casa vostra,prima o poi,allora implorerete gli americani di bombardarli.
Con delle bestie sanguinarie non si tratta.Sono criminali di guerra e non possono farla franca.
É stato un errore abbattere Saddam e Gheddafi che almeno lasciavano libertà di religione,tanto quei popoli si governano solo con il pugno di ferro.

Cico V., Bra Commentatore certificato 17.08.14 20:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma di che cosa parla il "cittadino Di Battista"? Che ignoranza della storia, della cultura islamica, della cronaca!
Accecato dall'odio verso gli Stati Uniti e verso l'Occidente in generale, dimentica quello che è accaduto in questi decenni e nel passato prossimo e remoto. Vada a ripetizioni di storia, mi pare che gli servano.
I primi nemici dell'ISIS sono proprio gli arabi sciiti e , per esempio Hamas! Sì, proprio Hamas. Il califfo progetaa di distruggere Hamas e poi di dedicarsi ad Israele.
Tanto che i sunniti in larga parte li considerano eretici.
Sono dei pazzi sanguinari, sgozzano le persone, uomini, bambini. Le donne le schiavizzano.
Terroristi? Ma quali terroristi! Per loro sarebbe un onore esserlo. Sono solo dei criminali che andrebbero rinchiusi.
"Fonti locali parlano di un loro nuovo eccidio compiuto nella Siria orientale con circa 700 vittime appartenenti alla tribù al-Shuaytat perché definiti infedeli." Arabi, capito, arabi!!
Hamas sono terroristi, Al Qaeda sonp terroristi. Per pietà, ritorni su quello che ha detto!

michelangelo di stefano 17.08.14 20:14| 
 |
Rispondi al commento

Ritorno su questo argomento e ribadendo quanto già scritto in precedenza faccio presente a tutti i partecipanti come le espressioni di dissenso rispetto a quanto ha scritto Di Battista, in particolare riguardo al rapporto con ISIL e Boko Haram siano rappresentative di una quantità NON TRASCURABILE di aderenti al Movimento.
Poichè il Movimento si basa su un rapporto di delega diretta fra chi vota e chi sta in Parlamento e poichè in questo specifico caso i "mandanti", noi, su un tema cruciale di politica estera come questo hanno potuto valutare da questo pulpito la predica di un rappresentante eletto del M5S occorre a questo punto che I VERTICI del Movimento si esprimano IN FORMA DEFINITIVA e esente da interpretazioni su due precise domande:
1- Il riconoscimento o la condanna di quanto di Battista ha scritto in merito alle considerazioni sul terrorismo di matrice Islamica; nel secondo caso anche se io e molti altri stimiamo profondamente Di Battista chiediamo umilmente a Lui che si occupi di altri argomenti. Faccio comunque presente che l'eventuale riconoscimento del pensiero DiBattistiano di fatto certificherà la marginalizzazione definitiva del Movimento, ma per il sottoscritto (che ripeto si sta esponendo da mesi nel mondo reale per promuovere l'ideale del M5S) non sarebbe più un problema.
2 - Qual'è la posizione ufficiale del M5S in merito alla fornitura di armi al Popolo Curdo dell'Irak che l'Italia si appresta a votare fra qualche giorno.
All'occorrenza Beppe Grillo chiami gli iscritti a votare questi due punti, poi ciascuno avrà tempo per riflettere.
Invito chi condivide a chiedere la stessa cosa.
Sono felicissimo di aver trovato CENTINAIA di commenti in sintonia con il mio pensiero; a tutte le persone che si sono espresse in tal senso riconosco in loro QUELLA UMANITA' E VISIONE DELLA REALTA' necessarie oggi più che mai per poter affrontare un Mondo così complesso, insieme, SENZA DOGMI IDEOLOGICI.
Un sincero e caloroso abbraccio a tutti Voi.

Neutral Sgrassatore 17.08.14 20:14| 
 |
Rispondi al commento

Mi sembra che siano riapparsi i troll.

T. Lamperti 17.08.14 20:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ECCO!!! come perdere 1, 2 o 3 milioni di voti.

Davide Girelli, Parigi Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 17.08.14 20:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Di Battista ha una grande occasione. Può far causa ai media per calunnia, dimostrando pubblicamente fino a che punto si spingono i media italiani nella manipolazione delle notizie. Forse in seguito a ciò, qualche italiano che ancora dorme ipnotizzato dalla TV, potrebbe rendersi conto di cosa stanno facendo giornali e telegiornali.

LP 17.08.14 20:06| 
 |
Rispondi al commento

CAMBIA SPACCIATORE.E' fù per amore dei mostri ed assassini musulmani ed immigrati che si perse l'amore dei votanti.

Antonello M. Commentatore certificato 17.08.14 20:03| 
 |
Rispondi al commento

... UN ATTO DOVUTO PER AMORE DELLA VERITA'

A tutti quelli che stanno esprimendo stupore e sdegno per questo splendido articolo di Di Battista, voglio dire che anche la mancanza di onestà intellettuale e di cervello può fare più danni del terrorismo.
Se poi penso che molti di costoro si scandalizzano (e ancora sto cercando di comprendere il perché) avendo votato per i partiti coinvolti nella trattativa (quella si sconcertante) tra Stato e Mafia, all'incredulità si aggiunge una buona dose di schifo.
Aggiungo anche che, nonostante la mia indole pacifica e la mia professione, volta a far valere il diritto e la legge, sarei pronto a tagliare il collo a chiunque minacciasse, per qualunque ragione, tanto più se economica o geopolitica, la vita dei miei cari ... sono dunque un potenziale terrorista anche io.
Ciò premesso, il senso dell'articolo che, contrariamente a questi ingenui opinionisti della domenica, ho letto con molta attenzione, è piuttosto racchiuso in un concetto elementare e assolutamente condivisibile: " l'Italia dovrebbe trattare il terrorismo come il cancro. Il cancro si combatte eliminandone le cause non occupandosi esclusivamente degli effetti (non solum sed etiam - mi permetto di chiarire - a scanso di ulteriori strumentalizzazioni). Altrimenti se da un lato riduci la mortalità relativa da un altro la crescita del numero di malati fa aumentare ogni anno i decessi. E' logico! Vanno affrontate le cause".
Potete divertirvi adesso a decifrare questo arcano, possibilmente risparmiando a me critiche ed offese, non perché non le meriti, ma perché altrimenti vi querelo ... buona serata :-)

Massimo Capobianco Commentatore certificato 17.08.14 19:56| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Quelli di Di Battista sono semplicemente discorsi di buon senso, quali può fare solo una persona libera, che legge, studia, s'informa. Si può dissentire, opponendo argomenti fondati su una diversa interpretazione della storia contemporanea. C'è qualcuno tra quelli che lo attaccano che abbia fatto questo? Non mi sembra. Quindi lui continua a svettare.

P.S. Io avrei solo aggiunto che mentre in Iraq gli USA bombardano l'ISIS quando è ormai troppo tardi in Siria li armano: mica sono arrivati a Mosul in cammello, avevano i mezzi forniti loro dai finanziatori sauditi, turchi e americani.

Riccardo A., Roma Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 17.08.14 19:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dibba, vacci a parlare tu con questi:
https://www.youtube.com/watch?v=AKbg-mFioZc&feature=youtu.be

Idiota.

Io  (casa mia) Commentatore certificato 17.08.14 19:40| 
 |
Rispondi al commento

Non si puo' elevare a rango di interlocutore un organizzazione come IS , che ha instaurato l'infibulazione, che ha riaperto il mercato degli schiavi, che o ti converti o muori, che la stessa Al Queda, ed e' tutto dire, ha bollato come disumani ed espulsi.

stefano c., quinto di treviso Commentatore certificato 17.08.14 19:32| 
 |
Rispondi al commento

ho letto la notizia sui media, sembrava che Di Battista avesse detto chissà che eresia, tutti a criticare, ora ho letto il post con attenzione, a mio parere sono giunto a questo risultato, i nostri mass media fanno pena........è chiaro anche ad un bambino il discorso di Alessandro, ed io lo condivido in pieno.

Giuliano Bendinelli, Crevoladossola Commentatore certificato 17.08.14 19:21| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

...anche se un po' distante come paragone ma rende l'idea.
I paesi del nord africa vengono ogni anno depredati, da parte delle locuste ,dei raccolti che servirebbero a sfamare le popolazioni , creando grandi carestie.
I rappresentanti della fao per combattere tale piaga
si organizzano con l'aiuto dei satelliti per individuare le zone dove si annidano le prime concentrazioni di locuste per annientarle prima che si moltiplichino a dismisura sino a 100 miliardi di insetti.
Per questo lavoro c'è bisogno di personale sul posto atto ad operare con certi insetticidi.
Solo che in certe zone dell'africa il fanatismo ISLAMICO ostacola questa opera.
Allora di che parliamo ?
E noi dovremmo parlare con persone..che non riescono neanche a salvaguardare le loro popolazioni ???

Ma siamo matti ??

DIBA.....checcavolo dici ?

*****
Eposmail

Paolo B. Commentatore certificato 17.08.14 19:18| 
 |
Rispondi al commento

Va bene parlare a vanvera, ma qui rasentiamo il ridicolo. Ma come c'è un esercito di mussulmani (religione che sembra una copia dell'anticristo) che ha deciso di purificare (sterminando) l'Iraq. E cosa si propone di fare in questo blog? di parlare con questi assassini? Basta idiozie per favore. Queste uscite sono il motivo per il quale questo movimento non se lo fila nessuno ed il medesimo motivo per il quale non ha combinato nulla di significativo dalle scorse elezioni.
Beppe (ti ho votato), qui devi fare un po' di selezione iniziale e/o controllo delle sparate prima che provochino ulteriori danni.
Ciao!

andrea drisaldi 17.08.14 19:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono totalmente daccordo con la ricostruzione storica fatta dall'amico Alessandro: ritengo gli USA una Nazione di usurpatori, che ha ridotto l'Italia ad una Nazione di sudditi! Sono inutili le proteste di tutti quegli IMBECILLI che gridano allo scandalo per queste affermazioni: i fatti storici sono quelli e basta!!!!

Luigi Cassio Dipace 17.08.14 19:09| 
 |
Rispondi al commento

In tutto questo resta il fatto che l'Isis se la prende con gli Yazidi che non hanno bombardato nessuno, se la prende con bambini che non sanno manco cos'è un fucile. Ed io con questi non mi siederei accanto neppure per sbaglio, altro che interlocutore.
Poi se il teorema è io ti bombardo e tu ti vendichi col terrorismo allora l'Isis si sta vendicando su quelli sbagliati e gli Yazidi dovrebbero diventare tutti terroristi.
Attenzione che il terrorismo nel mondo ce l'abbiamo avuto anche in Italia, ce l'ha avuto la Germania, ce l'hanno avuto pure gli USA (McVeigh) e nessuno era figlio di bombardati o figlio di poveracci. Per contro ci sono paesi molto poveri dove non esiste, quindi ogni paese ha la sua storia ed è difficile trovare l'antidoto valido ovunque.

Io mi aspetto sempre che il M5S faccia un passo avanti per andare oltre quel 20-25% di elettori ma con certe uscite non ci meravigliamo se chi non vota continua a non votare. Non è questo post che mi farà cambiare idea sul Movimento, perchè di fronte ad una cosa che non condivido affatto ce ne son molte altre che vi rendono merito, ma per crescere, lo zoccolo duro non basta! Dobbiamo decidere se ci va bene specchiarci e dirci quanto siamo belli (e allora continuate con queste uscite esuberanti), o se provare a conquistare anche quelli che hanno un'idea sbagliata su di noi. E non lo faremo certo dandoci in pasto a tv e giornali di partito che attendono ogni nostro passo falso per colpirci.
Sul tema del terrorismo erano già inciampati Manlio di Stefano (pochi giorni fa) e Manuela Corda (l'anno scorso), quindi mi sarei aspettato più attenzione da Di Battista, specie in questo momento in cui si cominciavano a sollevare coperchi sui bluff di Renzie. Se i nostri portavoce per il futuro vorranno evitare uscite improprie sarà cosa gradita, o almeno che le facciano esplicitamente a titolo personale.
Dibba e gli altri, rappresentate 9 milioni di persone, non ve lo dimenticate

Stefano V., Cagliari Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 17.08.14 18:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Contro la disinformazione delle TV & Giornali Italiani io che vivo all'estero da una vita farei:

Una conferenza stampa (giornaliera o settimanale) del M5S (Riportando i casi del giorno)
COME?
Invitando giornalisti di carta stampata / online esteri.
Poi se gli italiani vogliono partecipare bene accetti ma che non riportino commenti storpiati altrimenti niente accesso, bannati e umiliati la prossimo conferenza stampa.

In questo coso, la male informazione o informazione distorta (Cioe' prendere parti di un discorso per poi ricapitolare su di esso". In Inglese si dice "out of context", il M5S, puo' ribadire ed proporre la vera realta' del contesto.

Sono prassi diffuse in UK e funzionano.

Il M5S deve assolutamente avere un cabinetto ombra (se cosi' si dice) esempio uno "shadow cabinet" come esiste in UK.

I Cittadini devo essere sicuri che in una eventualita' di successod del M5S, conosce chi portera' aveanti il governo. Dando in questo modo un certo senso di sicurezza e di conoscere bene tutti (o quasi) i futuri ministri.

In questo modo, il M5S, si propone come una forza seria e vincente.

Vi prego a chi puo' di inoltrare questi commenti a Beppe....

Salvo 17.08.14 18:57| 
 |
Rispondi al commento

GIUSTO, MA IL M5S SUL PROBLEMA DELL'INFORMAZIONE ITALIANA (CHE PORTA IGNORANZ,DISINFORMAZIONE E QUINDI VOTI FALSATI)COSA STA FACENDO? A PARTE DIRLCELO IN CONTINUAZIONE TRA NOI SUL WEB STA PRENDENDO CONTROMISURE? NO! QUINDI ANCHE PER I PROSSIMI ANNI STAREMO QUI A DIRCI QUANTO E' PESSIMA LA NOSTRA INFORMAZIONE E STAREMO QUI A DIRCI COME SIA POSSIBILE CHE MILIONI DI GENTE CON CAPISCA CHI SIA DAVVERO IL M5S E COME INVECE SISTEMATICAMENTE CADA NELLE TRAPPOLE DEI POLITICANTI....O SI PRENDONO DELLE CONTROMISURE O SIAMO GIA MORTI! (Scusate il maiuscolo ma sono davvero frustato sia del fatto che siamo vittime di un servizio di informazione di regime sia per il fatto che non siamo stati in grado di reagire a questo)

ECCO LA MIA PROPOSTA FATTA IN TEMPI NON SOSPETTI:
http://www.beppegrillo.it/listeciviche/forum/2013/04/non-lasciare-nessuno-indietro-nemmeno-nellinformazione.html

Giovanni Campilongo 17.08.14 18:38| 
 |
Rispondi al commento

Con i fanatici religiosi non si può "trattare". Ed è inutile sviare il vero problema, almeno quello dell'ISIS. USA e Occidente hanno fatto guai, ma qui si tratta di guai ancora molto peggiori. Si tratta di fanatici che vogliono ridurre il mondo intero a un "califfato" e non si interessano affatto della giustizia sociale. Bisogna eliminarli al più presto. E' inutile fare la storia del Medio Oriente per "giustificarli"!! Vendono le donne come oggetti sessuali e uccidono gli uomini. E devono "tenere pronte le cinture" per suicidarsi pur di uccidere e distruggere "gli infedeli".

Albino Fedeli 17.08.14 18:36| 
 |
Rispondi al commento

Ma come, trattare con Bersani no, trattare con l'ISIS si?

mario, fixing pipes online 17.08.14 18:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La Madre dei farabutti è sempre gravida.Pennivendoli asserviti ai criminali che ci (governano),immediatamente hanno aggrdito Alessandro definendolo terrorista.Ma essi dimostrano di essere anche idioti,perchè non sono in grado si capire ciò che si intende.Naturalmente,non si commenta,anzi si appoggia il genocidio che stanno effettuando gli israeliani usurpatori.

nicola 17.08.14 18:19| 
 |
Rispondi al commento

Padre Balducci- Le ragioni del martirio di Gandhi: il suo rifiuto dell' antagonismo tra le religioni e il suo rifiuto della violenza come strumento di giustizia.

http://www.lecorvettedellelba.blogspot.it/2014/08/padre-balducci-le-ragioni-del-martirio.html

Marco Palombo 17.08.14 18:14| 
 |
Rispondi al commento

Bene fa Di Battista a impegnarsi per contrastare il potere delle multinazionali e degli stati e governi che ne sono espressione.
Posizioni politiche sacrosante che dal dopoguerra ai giorni nostri sono state sempre rivendicate non solo dalle sinistre - ormai sparite dal panorama europeo - ma anche da chi aveva a cuore sinceramente le sorti della pace e dell'umanità.
Senza dimenticare mai che le notizie sull'attività di cosiddetti terroristi che giungono da più parti del mondo sono fornite ben manipolate dalla Cia, dal governo Usa e dagli innumerevoli governi-fantoccio come il nostro tramite media allineati e coperti; dimodoché l'"informato speciale" non ha nulla da ridire, anzi (Gaza insegna), sui massacri di civili inermi e le immani distruzioni che i killer delle multinazionali - immancabili occhiali scuri, maniche arrotolate e armi supertecnologiche - compiono abitualmente.
Altro che l'Isis...

mario45 massini, roma Commentatore certificato 17.08.14 18:10| 
 |
Rispondi al commento

A parte la probabile ricostruzione, ma te la diamo per buona scopiazzandola qua e là... Direi che al punto 6 e 7 esce tutta la farina dal tuo sacco e poi non lamentarti Beppe se La Stampa ci da un po' su:

Critiche da destra e sinistra contro il deputato 5 Stelle Di Battista che sul blog di Grillo aveva detto «il terrorismo è la sola arma rimasta a chi si ribella». Nel post, il deputato è chiaro: «Se a bombardare il mio villaggio è un aereo telecomandato io ho una sola strada per difendermi a parte le tecniche nonviolente che sono le migliori: caricarmi di esplosivo e farmi saltare in aria in una metropolitana»; ed ancora, «Nell'era dei droni e del totale squilibrio degli armamenti il terrorismo, purtroppo, è la sola arma violenta rimasta a chi si ribella. È triste ma è una realtà». Poi, la trattativa: «Dovremmo smetterla di considerare il terrorista un soggetto disumano con il quale nemmeno intavolare una discussione».

Caro DiBa non esistono terroristi buoni (come l'ISIS o Boko Haram) e terroristi cattivi (come gli americani), il giudizio sui terroristi deve essere unanime. Ti ricordo che durante la seconda guerra mondiale sono morti in europa oltre 10 milioni di civili, non ti dico gli ebrei! Pessimo post, eri partito bene, ma poi sei scaduto mostrando chiaramente tutti i sintomi della sindrome di stoccolma.

Primo Rossi Commentatore certificato 17.08.14 18:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ti stimo.
La penso come te tranne per il commercio d armi.
Saluti a tutti

Storia I., NAZIONE ITALIA Commentatore certificato 17.08.14 17:55| 
 |
Rispondi al commento

Dopo le parole di Dibattista, che peraltro non sono le prime in tal senso che provengono da un onorevole del M5S, non voterò più M5S. Mi dispiace perchè non c'è nulla di così innovativo nella politica italiana, ma a tutto c'è un limite. Auguro a Dibattista di trovarsi sulla prossima metropolitana che salterà in aria per mano di un terrorista con cui dovremmo intavolare un dibattito.

Francesco P. 17.08.14 17:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Onore a Di Battista per aver posto la questione della "inevitabile" guerra totale fra occidente ed oriente nei termini di una analisi razionale,possibile,corretta. Nessuna visione manichea si è mai rivelata,sul piano storico,utile alla causa della pace fra i popoli. E' necessario che i popoli si parlino rifiutando di essere diretti dalle volontà delle Multinazionali che alla logica dei profitti sacrificano la nostra comune e migliore idea dell'uomo. I più,ad ogni latitudine,potendolo,sono certo sceglierebbero la vita,la famiglia,i figli,gli amici,la libertà,la dignità di un lavoro e di una cittadinanza di tutti, nella coesistenza e coabitazione,nel rispetto delle diversità culturali.......
Il Ministero della Paura,Albanese docet,abbia almeno il pudore di leggere integralmente l'inter=
vento del Parlamentare attaccato da una muta di "pubblicisti",prima di sentenziare il "meglio" per
tanta,troppa parte di Umanità.
Solidale con un Onorevole degno del nome
Paolo Baroni

paolo baroni 17.08.14 17:39| 
 |
Rispondi al commento

Ignorante!!! Che ci fai alla vicepresidenza della Commissione Esteri se non conosci nemmeno la storia e la geografia? Studia e informati... Dire che i curdi, i sunniti e gli sciiti sono tre popolazioni dell'Iraq è come dire che i protestanti, i cattolici e gli italiani sono tre popolazioni dell'Europa. Esattamente come scrivere squola con la q! Di qui in giù risparmio ogni commento al resto del post... Sarei troppo impietoso...

Lorenzo Sturpino 17.08.14 17:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

carissimo DIBA, condivido al 100% tutto quello che hai scritto, punto 6, soprattutto, perche tenta di offrire una soluzione, e quindi particolarmente pericoloso per loro.
ciao. franco red

franco red, palermo Commentatore certificato 17.08.14 17:31| 
 |
Rispondi al commento

Perfetto il post di Dibattista! In questo modo si preserva lo zoccolo duro del movimento. Quello che non pensa, ma crede, quello che non critica ma segue. Quello che non batte ciglio per i deliri dei dirigenti. Un movimento, una setta senza macchia, con una fede a prova di battaglia finale! Bravo Dibba ti amiamo...

Roger Thornhill 17.08.14 17:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi tolgo il cappello di fronte a questo ragazzo per il quale nutro una "buona" invidia. Grazie Alessandro.

***** Stefano Pedrollo, Arcole (VR) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 17.08.14 17:12| 
 |
Rispondi al commento

C’era il clamore delle onde che salutavano la terra, una a una si accostava e sembrava baciarla appena e appena e poi di nuovo fino a sfiorare la più profonda vena. I suoni si propagavano in tutta l’atmosfera. Il mare, una condanna a essere riverente fino a sorpassare l’eleganza e i colori che dividono il giorno dalla sera. Il mare si era da poco allontanato lasciando tutto sigillato su una corteccia di un vecchio ramo. Il cielo vedendo ciò si riempiva di eterna commozione vestendo il cuore di uno sgargiante arancione. Baci che proseguirono per tutta la notte con un mare in devozione che sembrava urlasse a tutti gli astri la sua forte ragione. La luna in silenzio sembrava desse quasi per scontato la dinamica passione non riuscendo mai a incontrare il suo amato per un turno goliardico e diverso deciso dall'amministrazione del creato. C’erano però gli aerei a sovvertire le regole dei cieli mandando piccoli baci anche a colei che aspetta il sole da ieri. Per questo una volta al mese si spoglia dei suoi veli e le stelle le mostrano il labirinto dei misteri dove nascondere i commiserevoli pensieri.

Alessandro morigi, Bracciano Commentatore certificato 17.08.14 17:08| 
 |
Rispondi al commento

Finalmente un po di giornalismo. Se la RAI,mediaset
la 7 e quotidiani vari informasse solo del 10 per
cento di questo post,farebbero parte del loro mestiere.ma purtoppo...........fanno parte del
sistema.
grazie A. Di Battista!
Ti verranno addosso ma Tu resisti!

gerardo lofoco 17.08.14 16:59| 
 |
Rispondi al commento

Oggi la parola d’ordine in occidente è “armare i Kurdi”. Però leggo su Wikipedia che uno dei movimenti armati più attivi del Kurdistan è il Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK), del quale si dice: “Il gruppo viene tuttavia, da più parti, accusato di terrorismo per i suoi metodi di lotta, ed è attualmente considerata un'organizzazione terroristica da Turchia, USA, Unione europea e Iran”. Quindi, bisognerebbe che qualcuno ci spiegasse almeno come facciamo a essere sicuri che queste armi non finiranno nelle mani di altri terroristi, dal momento che uno stato kurdo non esiste.

Renato O., Venezia Commentatore certificato 17.08.14 16:58| 
 |
Rispondi al commento

Una riflessione

Come M5S il nostro obbiettivo è cambiare l'attuale situazione (disastrosa e senza speranza di miglioramento).
L'unico modo non violento di riuscire nel nostro intento è ottenere il consenso di una maggior percentuale di popolazione rispetto all'ultima volta.
Considerando il livello di informazione/culturale della popolazione, i precedenti storici degli ultimi 20 anni e il livello di manipolazione a cui stiamo giungendo nella televisione è giusto esporsi in questo modo pubblicando un articolo come questo?

Il tema è importante ma come M5S, al momento non siamo in grado di influire minimamente sui macro-eventi che stanno segnando l'europa e il mondo. Io credo che questo articolo e tutto ciò che ne deriverà ridurrà il nostro consenso e, di conseguenza, è un errore.

Quello che spero venga compreso è che finchè non otterremo la maggioranza alle elezioni non conteremo nulla! Certo... eviteremo le "porcate" più palesi, ma non cambieremo il trend del nostro paese.

Fare tutto ciò che occorre per vincere le elezioni e poter quindi conseguire i nostri risultati dovrebbe essere il faro che guida ogni dichiarazione, articolo o anche SMS dei nostri eletti, affiliati e simpatizzanti.

Dal mio punto di vista voler esternare posizioni che ci faranno perdere consenso o che saranno strumentalizzate è un gesto egoista ed arrogante perchè antepone il bisogno di un singolo o di una minoranza di persone informate al proposito di cambiare realmente le cose per una intera nazione.

Le parole volano... Quando saremo al governo porteremo i fatti e, dato che si parla di poteri forti, meno ci si dichiara loro antagonisti più è probabile che la loro azione contro di noi sia netta (anche perchè credete davvero che questi poteri forti, in caso di nostra vittoria, non faranno di tutto per impedirci di contrastare i loro interessi?)

Alberto P., Lucca Commentatore certificato 17.08.14 16:55| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Chi se ne frega dei voti. Il M5S vincerà lo stesso perchè Allah è con noi!

cicurinodue p., roma Commentatore certificato 17.08.14 16:50| 
 |
Rispondi al commento

Il M5S ha perso con un solo post di merda 5 milioni di voti... Grazie Di Battista per l'acume!

Mauro Bellaspica 17.08.14 16:47| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Torniamo a terra:
Società moderna ma non troppo politicamente odierna. Vestiti e decorati di falsi miti che abbelliscono e sanciscono le liti e alienano della ragione i vani inviti. Fisica e filosofia lasciata sul tavolinetto vicino alla tazza del cesso assieme alle riviste mentre gli scarichi di fognature messe in sala da pranzo vicino all'esibizionismo di future croniste. Criteri di giudizio quanto più medievali nel nuovo millennio senza sole, che ti danno perlopiù un indizio di vedere se sono già stati rottamati gli specchietti del tuo cuore. Società addomesticata all'oppressione di chi si ribella ai metri di giudizio, lasciando parcheggiato l’intelletto PERSONALE sulla cunetta all'inizio. Che sia l’arte e la cultura motivo di avanzata in questa demoniaca pianura, e che apra il vetro non per controllare la struttura della natura ma la purezza della sua vicina creatura. E che sia l’arte nel bel mezzo della partita a scoprir le carte e non togliere la vita a quel gran cuore del vecchio fante, condotto alla battaglia con la coscienza e la consapevolezza di un infante. Ma si faccia battaglia alla consapevolezza di essere VERE le questioni scelte dalla marmaglia abbindolata da un intrigante taglia. La pace è una porta posta sempre all’ultimo piano e quasi sempre chiusa con le urla di qualche capro espiatorio è delimitata da un cartello con scritto “vietato l’ingresso ai non addetti ai lavori”.
Fa comodo coltivare la guerra usando strumenti della stessa terra...

Alessandro morigi, Bracciano Commentatore certificato 17.08.14 16:46| 
 |
Rispondi al commento

Alessandro dice che bisogna :
1-Mettere in discussione la leadership USA ; una utopia ? forse , ma perché scandalizzarsi quando sappiamo che sarebbe giusto e nell’interesse del 90% della popolazione mondiale ?
2-Conferenza di pace mondiale sul Medio Oriente ; Scusate perché non c’è ancora ?!
3-Promuovere una moratoria internazionale sulla vendita delle armi.
Per fortuna l’Italia è avanti a tutti e ha già fatto scelte politiche in questo senso .
4-L'Italia dovrebbe trattare il terrorismo come il cancro.
Qualcuno la pensa diversamente ? Se si, secondo me , andrebbe internato e buttata la chiave .
5-Rivedere i confini degli stati ; Guardare cosa è accaduto in Crimea con un referendum , immaginiamoci cosa accadrebbe in Iraq .
6-Intavolare una discussione con i terroristi:
I nostri Partigiani erano terroristi … ma per i fascisti , poi però la storia ha detto altro ! Essendo figlio di un partigiano sono anche io un figlio di terrorista ?
7-Legare indissolubilmente il terrorismo all'ingiustizia sociale; A meno che qualche idiota non pensi che sia un nuovo gioco di società .
8-L'Italia dovrebbe cominciare a pensare alla costruzione di una società post-petrolifera; Sarà arduo , ma ci riusciremo è ineluttabile .
CONFESSO : quello che mi fa incazzare tremendamente non sono i commenti dei quotidiani , in particolare Repubblica ( docet il super coglione Battista ) , Rai , Mediaset & C , ma le affermazioni della claque del PD , una su tutte quella oca che definisce “inadeguati “ i portavoce del movimento . Inadeguati detto da questo gruppetto di imbecilli è semplicemente “inaccettabile” .
A questo punto e mio malgrado, direi proprio che occorre ripristinare l’uso ricorrente della parola che meglio di tante altre definisce cose e persone : vaffanculo !!!

gianfranco calandrini, gradara Commentatore certificato 17.08.14 16:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Torniamo a terra:
Società moderna ma non troppo politicamente odierna. Vestiti e decorati di falsi miti che abbelliscono e sanciscono le liti e alienano della ragione i vani inviti. Fisica e filosofia lasciata sul tavolinetto vicino alla tazza del cesso assieme alle riviste mentre gli scarichi di fognature messe in sala da pranzo vicino all'esibizionismo di future croniste. Criteri di giudizio quanto più medievali nel nuovo millennio senza sole, che ti danno perlopiù un indizio di vedere se sono già stati rottamati gli specchietti del tuo cuore. Società addomesticata all'oppressione di chi si ribella ai metri di giudizio, lasciando parcheggiato l’intelletto PERSONALE sulla cunetta all'inizio. Che sia l’arte e la cultura motivo di avanzata in questa demoniaca pianura, e che apra il vetro non per controllare la struttura della natura ma la purezza della sua vicina creatura. E che sia l’arte nel bel mezzo della partita a scoprir le carte e non togliere la vita a quel gran cuore del vecchio fante, condotto alla battaglia con la coscienza e la consapevolezza di un infante. Ma si faccia battaglia alla consapevolezza di essere VERE le questioni scelte dalla marmaglia abbindolata da un intrigante taglia. La pace è una porta posta sempre all’ultimo piano e quasi sempre chiusa con le urla di qualche capro espiatorio è delimitata da un cartello con scritto “vietato l’ingresso ai non addetti ai lavori”.

Alessandro morigi, Bracciano Commentatore certificato 17.08.14 16:37| 
 |
Rispondi al commento

Il puno 6 è assurdo. Dici delle cose pericolose. Si deve essere contrari al bobmadramento e si può avversare l'idea di armare i Curdi, ma è assurdo difendere politicamente il terrorismo islamico, pensare a terroristi come interlocutori. I nostri terroristi partigiani non prendevano di mira donne e bambini come rappresaglia. E' un modo codardo e illegittimo. Interlocutori? Il terrorista vuole continuare il suo metodo, se provi a portarlo su un altro terreno rifiuterà. Puoi cercare chi viene dalla stessa appartenenza e rifiuta il terrore: portare lui ad un processo di pace. Hai scritto ottime cose riguardo agli interventi in armi umanitari a senso unico per difendere il nostro petrlio, evita di proporre di parlare ai terroristi come fossero persone normali. Andrea Fornari-Firenze aSinistra


Li prenderei tutti volentieri a calci nel culo questi esseri

alex 17.08.14 16:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


Ri-post per chi non ha capito ed è per tutti.

Ma l'uomo che vuole fare schiavi i propri simili non capisce che crea solo dei martiri.

L'UOMO è nato libero.

Forza M5S.

Luciano R., Abbiategrasso Commentatore certificato 17.08.14 16:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

https://www.facebook.com/sanrey66/photos/a.293107537514095.1073741828.292825047542344/346287145529467/?type=1&relevant_count=1

Maria Pia Caporuscio, Roma Commentatore certificato 17.08.14 16:29| 
 |
Rispondi al commento

Incuriosito dal tg della Rai ed insospettito per esperienza dalla possibilità di aver ascoltato il solito commento fuorviante ho voluto leggere l'articolo sul blog. Non conosco nel dettaglio la storia così esurientemente documentata ma nei miei viaggi in Africa nei paesi ex (ex si fa per dire) coloniali ho potuto documentarmi e farmi un'idea di cosa è stato il colonialismo e del perchè si è così fortemente radicato laddove vi erano ricchezze minerarie da sfruttare. Sempre in quei paesi, privi per tradizione e storia, di una civiltà analoga alla nostra gli emissari delle multinazionali occidentali in accordo con i rispettivi governi e servizi vari hanno impiantato forme di governo corrotte e compiacenti per sfruttarne le risorse lasciando le briciole ai loro corifei locali di turno per poi essere distribuite secondo ingiustizia e corruzione a chi più piaceva. I popoli sono stati sviliti nella loro terra lasciando al più che potessero coltivare le loro tradizioni come un folklore da esibire ai turisti di turno. Questo quando andava bene perchè quando andava peggio si mettevano, come citato nell'articolo, le basi per foraggiare conflitti tra le varie etnie. Non è che prima dell'arrivo delle potenze coloniali vi fossero regimi idilliaci, tutt'altro, ma perlomeno se le suonavano tra di loro. Ora dobbiamo assistere anche alla farsa moralistica dei portatori di civiltà a cui tutto è sempre interessato tranne che il benessere delle popolazioni indigene.
Ma fate il favore..

marco 17.08.14 16:23| 
 |
Rispondi al commento

Che fare?
Mandiamogli aiuti umanitari e non armi anzi blocchiamo chi li aiuterà da entrambi i fronti no alle armi e per proteggere la popolazione civile formiamo una zona franca protetta dalla ONU.

alex 17.08.14 16:19| 
 |
Rispondi al commento

LA GRANDEZZA DI DI BATTISTA
Finalmente un giovane che ha il coraggio di prendere la lobby moondiale filoamericana per le corna. L'analisi è profonda e coraggiosa, da giovane grande in questo Occidente di nani mentali e criminali di lungo cammino.
Da qualche tempo in qua ho esultato di coraggio: abbiamo con noi, nel nostro glorioso Movimento, giovani di tale alto valore che gli altri, politici e giornalisti, cominciano a profilarsi come dei veri imbroglioni dell'economia, della politica e della cultura.Coloro le laure possono averle avute per il merito della bigotteria cioè della mediocrità, perché privi di coraggio, d'intelligenza e di sentimenti: mostri che vivono al guinzaglio di chi governa e dispensa soldi. Tali laureati non hanno;oggi fanno conto che il mondo deve rimanere quello che hanno ereditato da schiavi nelle università dei sacri cuori e dei buoni bocconi.
Sono fermamente al sicuro: il nostro Movimento è oltre che in grado di governare; i nostri rappresentanti del Moovimento sono di una tale incredibile superiorità di pensiero e preparazione, di analisi, di vedute che gli altri ormai veramente appaiono sempre più evidentemente come personaggi sorconi sudici, a cui il sudiciume esce dalla bocca e dal profilo. Mai analisi dettagiate, precise e tagienti come quelle a cui abbiamo ascoltato da i nostri nelle assemblee popolari, nel Parlamento o dagli scritti, a cominciare dal nostro grandissimo Beppe e dal nostro grandissomo Casaleggio, erano mai state fatte.
Carissimo Di Battista, soltanto quando si balbetta nessuno s'allarma: vogliamo tutta la verità sulle ragioni che rendono questo nostro mondo impossibile. Il doppio gioco della doppia stupità dei giornalisti e della doppia criminalità dei politici - per fare un solo esempio - che gli Hamas sono i terroristi mentre i 350 uomini delle Fosse ardeatine son 350 martiri, va finalmente messo sul tavalo. Tu, Di Battista, l'hai già ben fatto .
Noi siamo con te, e ti seguiremo sulla via del tuo coraggio.

luigi francia, luigi@francia.dk Commentatore certificato 17.08.14 16:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

oltre 1.000 commenti ...
ma avete tutti letto il post collegato di Massimo Fini (passaparola) ???

se no ... fatelo

luci da Alcyone () Commentatore certificato 17.08.14 16:08| 
 |
Rispondi al commento

L'articolo ripropone una ricostruzione storica che parte piu' o meno dall'assetto coloniale dell'ottocento in poi , nulla da eccepire ognuno è giustamente e doverosamente libero di criticare , interpretare la storia secondo la propria inclinazione e sensibilità , questo lo condivido e son pronto a difendere il pensiero di chiunque.
la parte che non condivido è quella nella quale , in maniera a mio avviso un po' troppo semplicistica e cruda , si stostiene che non rimane altro che fare il terrorista e farsi saltare in aria in una metropolitana . Questo non è condivisibile per una serie di motivi :
- in metropolitana c'è il popolo , che senso ha sterminare delle persone inermi ed innocenti?
- se parliamo di fanatici islamici che sterminano donne e bambini obbligandoli alla conversione all'islam di cosa stiamo parlando ? Chi dovremmo difendere i carnefici o le vittime ?
- Il casus belli indicato nel titolo è l'ISIS quindi il lettore associa qualsiasi affermazione a questa organizzazione che a parer mio va bombardata di merda ed in quella farli affogare.

pietro pileggi 17.08.14 16:08| 
 |
Rispondi al commento

Che grande scivolone, Di Battista, personalmente ti stimavo, ma dicendo quelle parole, mi hai deluso profondamente, hai completamente ignorato le centinaia di bambini, donne, vecchi e giovani uccisi,violentate,crocifissi,decapitate........posso anche capire che gli Americani hanno sbagliato la loro politica in Iraq e che dietro ci sono cose poco chiare, ma te le potevi risparmiare certe parole........sono davvero pesanti e ora vedrai quanta gente avrà da pensarci sopra.......e quanta gentaglia politica ci attaccherà usandole a proprio vantaggio.

giuseppe i., brindisi Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 17.08.14 16:07| 
 |
Rispondi al commento

Condivido in pieno.
Ovviamente subito è partita la canizza del sistema mediatico italiano: frase estrapolata a caso e rilanciata con grande scandalo, oscuramento scientifico della sostanza e soprattutto della logica generale di ciò che è stato detto. Queste persone sono in cattiva fede.

Valerio Coppola 17.08.14 16:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


Ma che grandioso sfoggio di storia mescolata a qualunquismo, a frasi fatte, a ideologie e tu saresti quello del mio movimento?
Questo tua "comprensione" al kamikaze pero' mi stuzzica molto, credo sia un'idea grandiosa (anche xche' un kamikaze x protesta potrebbe farsi esplodere in qualsiasi parte del mondo no?) io lo vedrei bene a Roma nella nostra metropolitana (tu sei di roma vero?) ecco..............
magari potrei esserci io....ma tanto ho una vita a "termine" e quindi ...ma potrebbe esserci tua madre tua sorella...tuo padre...la tua donna... chissa'...
Quando succedera' e se io fossi ancora in vita direi: "azz... è morto il Di Battista sbagliato!!!!"
Ma tranq chiederei subito scusa!!!
ma sai i terroristi kamikaze son fatti cosi':
"estemporanei" dove "cojono cojono"
Come vedi se vogliamo sparare cazzate ci inviti a nozze..........ma ricordati che hai cominciato tu
se invece vogliamo parlare seriamente sappi che le parole "son pietre" e sapessi quanto fanno male ....
Vorrei chiudere con un consiglio teso all'"ottimismo" evitiamo le metropolitane !!!
Io eviterò quella di roma!

dora certani, monterotondo Commentatore certificato 17.08.14 16:00| 
 |
Rispondi al commento

Non capisco tutta questa reazione a quello che ha scritto Di Battista, è una sua analisi "Non sto ne giustificando né approvando, lungi da me. Sto provando a capire." e mai possibile che ogni volta che uno del M5S dice qualcosa o esprime una opinione o una sua analisi che spesso mette in rete per essere commentata , apriti cielo.
Secondo voi se al giappone bastava pressare un bottone per fare saltare in aria e affondare una portaerei americana i kamikaze sarebbero esistiti?
Per loro era rimasto solo un tentativo disperato contro una potenza nettamente superione.Non credo di dire che era giusto.
Ma perchè non vedo tanta reazione a tanti commenti di altri esponenti a qualsiasi cosa dicono.
Esempio,Immagginate cosa sarebbe successo se il M5S avesse detto a settembre gli italiani non devono pagare le tasse mentre se lo dicono chi con la bandiera si puliscono il culo (avete già dimenticato? )e tante altre belle cretinate, aumentano i consensi e quasi quasi ci fanno pure una alleanza. Mi convinco sempre di più che gli Italiani non hanno che un solo destino, quello che più meritano.

Fabrizio O., Palermo Commentatore certificato 17.08.14 15:56| 
 |
Rispondi al commento

Chi pensava a una sorta di tregua dopo la morte di Osama Bin laden o chi pensava che il grande Islam fosse sotterrato dopo la caduta dell'Impero ottomano o che nel mondo ci sia una netta linea di separazione tra i due mondi occidentale e orientale e che l'uno non prevarichi sull'altro, si rinsavisca, le cose stanno diversamente: il conflitto non si è mai sopito e lo scontro tra due civiltà è oggi, più vivo che mai. Il problema è il fondamentalismo islamico con tutti gli annessi e connessi: da una parte ci sono loro, i fedeli ad Allah, dall'altra i cristiani, gli ebrei. Sobieski non è poi tanto lontano quando egli difese con l'aiuto della Vergine nera i bastioni dell'Europa. Nel marasma degli "Allah akbar" gli Usa ci hanno inzuppato il pane come tutti i paesi che viaggiavano sul mare nero, quello del petrolio si intende! Nel mondo, oggi, v'è una recrudescenza dei fondamentalismi per il restauro del grande oriente, per il restauro della grande Russia e per il restauro dei popoli prediletti da Dio, che non ha eguali... Ormai è da tanto che si perpetuano eccidi, a parte quello unicamente riconosciuto dal mondo intero, quello del popolo ebraico; molti sono i popoli che soccombono e le religioni perseguitate qual è quella cristiana. Tutto ciò si traduce in panico per tutte le buone coscienze del mondo, e in preghiera rivolta all'Altissimo, affinché i figli di Abramo non siano perennemente in diaspora sotto quel cielo che a tutti appartiene...

Diego S., Paola Commentatore certificato 17.08.14 15:50| 
 |
Rispondi al commento

ARTICOLO PREOCCUPANTE INFARCITO DEL SOLITO STUPIDO E VERGOGNOSO ANTIEMARICANISMO, DELLA SOLITA E STUPIA IDIOZIA CHE IL TERZO MONDO FUNZIONA COME UN OROLOGIO SVIZZERO E CHE I GEURRAFONDAI AMERICANI L'HANNO ROTTO, E' PUR VERO CHE GLI AMERICANI HANNO PECCATO DI INGENUITA' DEVASTANTI (E DI QUALCHE ECCESSO)SAPPIAMO CHE BASTAVA LASCIARE FARE ALLE DEMOCRATURE DEL POSTO IL LAVORO SPORCO E TUTTO SAREBBE STATO A POSTO, MA QUELLO CHE DICE IL BATTISTA E' COMUNQUE SEGNO CHE NEI CINQUE STELLE ALBERGA UN PAUROSO RADICALISMO, RIASSUMIBILE IN ANTICRISTINESIMO, ANTIAMERICANESIMO, ANTIOCCIDENTALISMO VALE A DIRE SOFFRONO DI UNA GRAVE FORMA DI AUTOLESIONISMO TIPICA DI CERTA SINISTRA! MI SA CHE E' MOLTO MEGLIO VOTARE DEI LADRI DA SCHIFO, CHE IN QUALCHE MANIERA RISPETTANO LA PROPRIA CULTURA E LA PROPRIA IDENTITA', PIUTTOSTO CHE DEI PAZZI FURIOSI!!!!

mario bulgarelli 17.08.14 15:49| 
 |
Rispondi al commento

ISIS: che fare?
Drop the bomb, exterminate them all!

Colonnello Kurtz 17.08.14 15:24| 
 |
Rispondi al commento

Articolo stupendo. Valeva la pena rischiare la strumentalizzazione di politici ignoranti e che fanno campagne in malafede

Mau 17.08.14 15:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bravo, anzi bravissimo!!!
E grazie per dire un po' di verità.
Sei la testimonianza che in Italia c'è gente che sa e vale!!! E quindi c'è un briciola di speranza in questa Italia martoriata dalla nullità e malafede di chi ci governa.

Donatella di fabio 17.08.14 14:59| 
 |
Rispondi al commento

Questa volta avete scritto una cavolata e anche grave. Possibile che riusciate a fare scivoloni così stupidi su bucce di banana?! Tra quella " sono oltre Hitler" e quest'ultimo articolo dove si " invita a dialogare con l'Isis" avete veramente esagerato. Ma vi ci mettete veramente con impegno per perdere futuri voti!!! Complimenti. Inizio anch'io ad avere dei dubbi. Non ho parole. L'analisi non fa un baffo ma giustificare il terrorismo mi fa rabbrividire.

Ale.p 17.08.14 14:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Scusate, a qualcuno è mai capitato di leggere un libro di storia e/o di antropologia? Chiaramente va fatta una netta distinzione tra chi è completamente "a digiuno" di alcuni argomenti e, chi - pur conoscendoli - sposa tesi altre, in apparenza più redditizie. In quest'ultima categoria vanno inseriti politici e giornalisti italiani, of course. L'articolo offre molti spunti per trattare - finalmente - argomenti fondamentali: revisionismo storico, geopolitica, antropologia, ecc. Cosa si sceglie? Di decontestualizzare una frase e strumentalizzarla. Per dirla in due parole: autorità vs autorevolezza. Provate a dare una definizione di autorià e di autorevolezza per vedere onestamente dove inserire chi. Da ultimo, in apparente contraddizione, bisogna rispolverare il sempre verde: tutti a casa!!!!!!

Gstar 17.08.14 14:23| 
 |
Rispondi al commento

Allora: il terrorismo che uccide civili inermi non è mai tollerabile. Il fare attentati ai militari invasori è invece cosa sacrosanta.
In ogni caso l'ISIS è tutto meno che una forza di liberazione: sono dei tagliagole efferati ed arroganti all'ennesima potenza, nemici della libertà e per di più finanziati dagli americani. Vanno eliminati senza pietà, a suon di napalm.
Di battista, mi dispiace ma hai scelto l'esempio più sbagliato possibile. Misura meglio le dichiarazioni la prossima volta!


ISIS: CHE FARE?

La risposta è tanto SEMPLICE e DIRETTA quanto IMPERATIVA ed ASSOLUTAMENTE INELUDIBILE: mandiamo SUBITO in Iraq (NATO, RUSSIA e tutti i loro alleati) con risolutezza e senza tante chiacchiere assurde TUTTE LE FORZE D'ATTACCO CHE ABBIAMO.

Quindi, li spazziamo via per sempre con tutti i mezzi disponibili: sterminiamoli dal primo all'ultimo senza pietà e misericordia alcuna, senza dubbi, senza tentennamenti, niente prigionieri, niente processi, niente stupidaggini intellettualistiche e pseudofilosofeggianti, niente ulteriori perdite di tempo ed ulteriori vittime innocenti di quei merdoidi subumani, niente di niente.

Perché quelli che combattono per l'ISIS sono peggio, molto peggio dei Nazisti, sono immondizia disumana ed anzi subumana all'ennesima potenza, da cancellare dalla faccia della Terra una volta per tutte con la stessa determinazione con cui si elimina un virus, perché essi rappresentano per il mondo intero una minaccia ben più tangibile, letale e distruttiva di una qualsiasi epidemia di ebola.

Ogni altro atteggiamento non è altro che inutile idiozia suicida.

Se non capiremo tutto ciò e non lo faremo in fretta, allora meriteremo di soccombere tutti quanti, perché il loro obbiettivo è questo: sprofondare il mondo intero in un tetro, buio e disperato medioevo islamico, nel quale non vi sarà posto per chi non sarà disposto a conformarsi al loro regno satanico.

SVEGLIA, IL TEMPO DELLE CHIACCHIERE E' FINITO!


Il PD ha approvato l'invio delle armi ai Curdi, così giusto o sbagliato che sia quanto scritto da Di Battista, ora dovremo aspettarci attacchi terroristici anche in Italia. Grazie PD.

D.S. 17.08.14 14:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Di Battista fai le cose che sai fare e lascia stare problemi più grossi di te o dove non ci capisci un cazzo. Se pensi ad una rivoluzione dillo ma non fare paragoni che non c’entrano niente con una riflessione “intellettualmente corretta”. Isis = nazisti nei modi e nella determinazione d’attuazione dei loro piani. Con questi si spara non si dialoga!!

marcello d., siena Commentatore certificato 17.08.14 13:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Don Chisciotte abbronzato tg1 all'arrembaggio contro i mulini a vento.. Quanto durera' il vento se arriva il califfo?

Elia . 17.08.14 13:43| 
 |
Rispondi al commento

Gentile onorevole Di Battista

La divisione dell'Impero Ottomano è stata una conseguenza della 1° guerra mondiale, la norma è che i vincitori decidono le sorti dei vinti. Sta protestando per gli esiti del 14-18?Anche la Germania lo faceva.
Inoltre durante l'Impero Ottomano la divisione era secondo millet, non secondo "popolo". Applicare concetti derivanti dal romanticismo europeo in quelle aree non facilita la comprensione del problema, ma vabbè.
Continua poi dicendo che non ci si scandalizza per il colonialismo ma per gli attentati si.Le faccio notare che l'ISIS o gli altri gruppi fondamentalisti NON sono gruppi di liberazione. L'EZLN non ammazza i civili che non collaborano, non chiede conversioni o roba del genere. Uno come Sankara, che al colonialismo si è opposto veramente, per i fondamentalisti di oggi sarebbe un'infedele e quindi andrebbe ucciso lo stesso. L'Isis e gli altri gruppi non lottano l' imperialismo, bensì per l'espansione della fede sono "colonialista" tanto quanto gli interventi occidentali.
Che la diplomazia internazionale raggiunga dei picchi di bassezza è cosa nota. Come anche è lapalissiano che in Iraq e in Afghanistan ci fossero dietro interessi politico-economici giganteschi.
Sul "cosa fare?" resto allibita. La frase iniziale è veramente sui cristiani? e gli altri? Crede veramente che alla maggioranza dei musulmani vada bene avere come "fratelli" quei pazzi schizzati dell'ISIS? Poi c'è il punto 3...L'Italia ha le mani sporche di sangue quanto qualunque altro stato e secondo lei si metterebbe a fare la paladina del disarmo?
Poi scusi, che difesa è suicidarsi mettendo in mezzo civili che non c'entrano nulla? Se si sceglie la lotta armata la si porta avanti contro altri armati.I viet cong non andavano a farsi scoppiare sulle metropolitane.
Semplificare come fa lei è una cosa pericolosa e riduttiva. Ma tanto alla fine quelli che ci restano in mezzo sono solo dei poveri arabi...

Sibele la punkabestia 17.08.14 13:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Di seguito riporto su Armageddon alcuni brani illuminanti tratti da Wikipedia, con evidenziato in giallo il nome biblico di un Barac [N.d.R. non si tratta di Barak Obama, ma del figlio di Abinoam, posto dalla profetessa Debora alla testa dei guerrieri della sua tribù, per combattere l'esercito dei Cananei del Nord guidati dal giovane Sisara]:

Harmaghedon o Meghiddo nella Bibbia

Meghiddo era situata alcuni chilometri a SE del monte Carmelo. Dominava e sovrastava la pianura di Esdrelon (Izreel, o Israele), oltre a controllare le principali vie carovaniere e militari in direzione N-S ed E-O. Giosuè fu il primo a conquistare questa città cananea. (Gs 12,7.8.21)

In seguito nelle vicinanze fu annientato l'esercito di Iabin comandato da Sisera. In quell'occasione Dio si servì di forze naturali per venire in aiuto dell'esercito israelita al comando di Barac. La Bibbia dice: “Barac scendeva dal monte Tabor con diecimila uomini dietro di lui. E Dio gettava Sisera e tutti i suoi carri da guerra e tutto il campo in confusione col taglio della spada davanti a Barac. Infine Sisera scese dal carro e si diede alla fuga a piedi. E Barac inseguì i carri da guerra e il campo fino ad Aroset delle nazioni, così che tutto il campo di Sisera cadde sotto il taglio della spada. Non ne rimase nemmeno uno”. (Gcd 4,14-16).

Dopo la vittoria, Barac [che in aramaico significa lampo e come fulmini di guerra avanzano oggi gli uomini dell'ISIS] e la profetessa Debora proruppero in un cantico, che dice: “Vennero i re, combatterono; quindi i re di Canaan combatterono a Taanac presso le acque di Meghiddo. Non presero alcun guadagno d'argento. Dal cielo combatterono le stelle, dalle loro orbite combatterono contro Sisera. Il torrente Chison li spazzò via, il torrente dei giorni antichi, il torrente Chison. Calpestavi la forza, o anima mia. Allora gli zoccoli dei cavalli batterono a causa dello slancio, dello slancio dei suoi stalloni”.

Chi sono i novelli Barac e Sisera? Provate ad indovinare!
AA

Antonio Alei 17.08.14 13:38| 
 |
Rispondi al commento

Mi chiedo quale diritto ha l'occidente di andare ad imporre la democrazia nei paesi musulmani a suon di invasioni armate. Cos'é, spirito umanitario o voglia di espansionismo che si tramanda dai tempi delle crociate e dei conquistadores?

Se l'Italia venisse assaltata da eserciti stranieri cosa farebbero gli italioti?
Si appellerebbero ad una ONU, in grado solo di dare il via agli interventi di pace (a suon di bombardamenti).

Quanto accade é solo conseguenza della brama di potere di cui soffrono i governanti occidentali che, autorizzati dalla globalizzazione, pensano che ogni luogo di questo pianeta. possa e debba diventare di loro proprietá. Questo lato oscuro ha portato sempre guerre e conflitti.

Ognuno di noi guarda assopito la tv, ma se la tempesta ci dovesse travolgere tutto questo perbenismo squaglierá come neve ad agosto svelando la coltre di egoismo che seppellisce la societá occidentale facendoci rendere conto delle nostre enormi debolezze che ci fanno accettare supinamente qualunque decisione di due coglioni che si incontrano in segreto.

Siamo un popolo debole privo di orgoglio e dignità anche solo per difendere la seggiola sulla quale stiamo seduti. Forse solo i nostri nonni sapevano cosa significava difendere o conquistare qualcosa. Ma anche loro accettarono l'"aiuto" dai colonialisti americani, in cambio di cosa? Di una finta democrazia che da 70 anni tradisce il popolo italiano e che dietro la maschera del miracolo economico, oggi, rende i governi sempre piú schiavi e servili di un potere finanziario che si é ingigantito e che si nutre di conquista dominio.

Giacomo B. Commentatore certificato 17.08.14 13:37| 
 |
Rispondi al commento

Il dialogo è l'unico modo per far capire le nostre ragioni e capire le ragioni dell'altro quindi ben detto Diba aprire un tavolo con chiunque sopratutto con chi non la pensa come noi, bando alle armi e agli americani guerrafondai travestiti da buon samaritani.Il dialogo è il solo ed unico strumento che porta alla vera pace

consolato paleologo (dinopago), torino Commentatore certificato 17.08.14 13:36| 
 |
Rispondi al commento

Molti si indignano per l'articolo di Alessandro Di Battista. La gran parte non l'ha neppure letto; si sono limitati a leggere i titoli e le menzogne riportate dai servi di Repubblica o del Giornale. Ma cosa hanno fatto quelli che ora si scandalizzano (o fanno finta di scandalizzarsi) quando gli USA hanno ammesso di aver "dialogato" con l’ISIS finanziandoli per combattere in Iraq? Cosa hanno fatto quando gli americani aiutavano Saddam Hussein contro l'IRAN fornendogli il gas che servì a uccidere tanti curdi? Cosa hanno fatto quando gli americani ammisero di aver finanziato quelli che erano i talebani durante la guerra Russo-Afghana (1979-1989)? Cosa stanno facendo di fronte alla guerra civile in Siria o al massacro di palestinesi da parte dello stato nazista di Israele?
La verità è che non si vuole cercare di capire i fenomeni per provare a risolverli, ma solo strumentalizzare qualsiasi posizione per gettare fango sul M5S, l'unica opposizione ai mafiosi, ai condannati, ai corrotti e agli inetti che stanno al governo.

Egidio Pozzi, Roma Commentatore certificato 17.08.14 13:26| 
 |
Rispondi al commento

Per la pace nel mondo l'Italia deve smettere di commerciare le armi

Renato Chicca 17.08.14 13:24| 
 |
Rispondi al commento

http://informare.over-blog.it/2014/07/i-nostri-alleati-in-siria-e-iraq-al-lavoro-what-a-wonderful-world.html
Avete visto questo video.

Paolo.T Commentatore certificato 17.08.14 13:18| 
 |
Rispondi al commento

da FB

'Se fossi nato in un campo profughi e non avessi da cinquant'anni
nessuna prospettiva da dare ai figli, sarei anche io un terrorista''
Giulio Andreotti, 2006.
Non ricordo levate di scudi...

Paola L., Verona Commentatore certificato 17.08.14 13:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://tg24.sky.it/tg24/sondaggi/home.html

Alessandro L., Faenza Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 17.08.14 13:07| 
 |
Rispondi al commento

USANDO UNA METAFORA scacchistica: il Di Battista muove ed il 5 Stelle perde in una mossa.
Ora anche noi che votiamo 5 Stelle, anche se pochissimo ci appassionano gli aspetti per nulla rivoluzionari del MoVimento, che sembra ostaggio di burocrati (vedi proposta sul reddito minimo e sostanziale sabotaggio di ogni reddito di cittadinanza) e di svariati leghismi (vedi tesi apodittiche sul ruolo dell'Euro), ora anche noi possiamo aver le idee più chiare sul modo di "ragionare" del Portavoce Di Battista e su come lo stesso ancor meglio comunica.
Con la stessa "logica" sciorinata dal "Dibba", dal momento che tutto ha sempre un'origine ed una ragione d'essere, la trattativa italiana Stato-Mafia diventa sacrosanta e non una iattura ed il vituperato Napolitano, accusato a torto o a ragione di saperne qualcosa, diventa un campione di sensibilità pentastellata.
Per me il Dibba può realmente andare subito in licenza definitiva.

salvo centamore 17.08.14 12:59| 
 |
Rispondi al commento

L'analisi di cento anni di "brutta" storia non possono aiutarti a capire, devi andare come minimo a 4000/5000 anni fa, quando è nato un sistema mondiale basato sull'assoggettamento della donna, con una sua specifica economia, religione e il suo sistema di parentela.

Luisa 17.08.14 12:57| 
 |
Rispondi al commento

Ma Dibattista ha capito cosa è l'Isis?
Questo gruppo sta massacrando iracheni per motivi religiosi e siriani per logiche di potere. Solo oggi 700 che non si sono piegati. Sono così violenti che la stessa Al Qaeda si è dissociata. I video su youtube sono così cruenti da risultare inguardabili. So che molti penseranno " ecco il troll" ma con questo post stupido e fuori tema vi siete giocati almeno un voto. Pensate a come salvare la vita agli inermi. Adesso! Le parole? Poi.

vanni gio 17.08.14 12:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quella di DiBi e' una analisi molto corretta e coraggiosa. Moro ed Andreotti (e Mattei) potrebbero condividerla a dispetto dei molti benpensanti ignoranti del nostro sfortunato Paese. Come mettere in discussione che Usa e poi anche UK e Francia abbiano creato le basi dei disastri attuali in Irak e Siria? Come dimenticare che solo alcuni mesi orsono Fr, Uk ed Usa volevano intervenire in Siria e sostenere gli estremisti islamici? Come ignorare che l'Isis e' sostenuta da Arabia Saudita ed altri Paesi Islamici tra i migliori alleati degli Usa? Ma ormai da tempo abbiamo rinunciato ad ogni politica estera indipendente a tutela dei nostri interessi nazionali. Basta che ci tengano di malavoglia nel G7 o che ci invitino a fare colazione nel ranch del Presidente. È così si spiega anche questa alquanto inutile discussione sul terrorismo (ma bravo a DiBi), tanto ormai sappiamo fare solo polemiche, dimenticando anche l'abc della storia italiana ed il fatto che secondo molti interessati criteri oggi prevalenti Mazzini e Garibaldi sarebbero da considerare "terroristi".

Luciano Barillaro 17.08.14 12:44| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Di Battista, coraggioso e letale per tutti gli ipocriti sinistri e i predatori della giustizia e della verità annidati nella "Comunità Internazionale". Con una riserva. Sarebbe stato più preciso distinguere tra "terroristi", combattenti per la libertà sotto tirannie e occupanti, come i palestinesi, i Tuareg, i Taliban, i somali di Shabaab, gli honduregni, i russi del Donbass e tanti altri e i terroristi veri dell'esercito del Nuovo Ordine Mondiale, mercenari dell'Impero USraeliano, come ISIL e i jihadisti che hanno sfasciato la Libia, la Siria, la Nigeria. Non si sbagli Di Battista: questa marmaglia sanguinaria è al servizio dell'Impero, responsabile e promotore di tutto il terrorismo mondiale. Stati Canaglia, IL terrorismo è di Stato.

Fulvio Grimaldi 17.08.14 12:42| 
 |
Rispondi al commento

L'analisi geostrategica di Alessandro Di Battista a me sembra più che chiara: uscire dal Novecento e dalle sue guerre, a partire da quella del 1914-1918.
Ma a quanto sembra la comprensione della lingua italiana risulta essere il vero Quarto Mistero di Fatima.

Debora Borgese 17.08.14 12:40| 
 |
Rispondi al commento

In queste ore ci sono decine di telegiornali e giornali che calunniano Di Battista sostenendo che sia un simpatizzante e un giustificatore dei terroristi ISIS. Vorrei ricordare che la calunnia è reato (art. 368 del Codice Penale Italiano) per cui è prevista reclusione da 2 a 6 anni. Io suggerisco di intentare causa legale contro coloro che affermano tali calunnie.

marco t 17.08.14 12:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ho letto che qualcuno ha parlato dei mali del mondo

qualcuno può negare che uno dei più grossi mali del mondo si chiami ...

UOMO

???

luci da Alcyone () Commentatore certificato 17.08.14 12:32| 
 |
Rispondi al commento

Contenuti a parte,
VI SIETE DIMENTICATI DI AVERE TUTTI I MEDIA CONTRO?

Ancora un GRAVISSIMO ed IMPERDONABILE
ERRORE DI COMUNICAZIONE!!!!

Daniele 17.08.14 12:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

c'è modo e modo di "usare violenza"
ma sempre violenza è ...

(ed i TG ne sono pieni ... quotidianamente)


alcuni modi forse sono più scenografici
più cruenti fino ad arrivare all'abominio
compiuti su singoli o su masse
spessissimo anche ingiustificati
comunque sempre ingiustificabili
e ne abbiamo parlato abbondantemente

ma ne esistono altri, più subdoli, meschini e celati
ma che di solito hanno come vittime popoli interi

come non ritenere uso della violenza anche
* quello che i veri padroni del mondo fanno ad intere Nazioni al solo scopo del loro personale arricchimento di denaro e di potere
* quello che i mercati finanziari fanno a danno della collettività portando alla disperazione ed alla fame interi popoli
* quello che fanno le imprese che sfruttano il lavoro degli uomini
* quello che ha fatto la Parmalat (ad esempio)
* quello che ha fatto la Lehman Brothers Holdings (ad esempio)
* quello che fanno i politici corrotti e corruttori
* quello che fanno i politici che operano "contro" i reali interessi della loro Nazione ed a favore solo di loro stessi (ed amici) e di alcune lobbies
* quello che fanno i media che (assoluti servi) nascondono la verità ai cittadini

queste violenze nei TG non vengono considerate "violenze"
... alcune vengono addirittura totalmente sottaciute

c'è modo e modo di "usare violenza"
ma sempre violenza è ...
ricordarlo è sempre meglio !!!

luci da Alcyone () Commentatore certificato 17.08.14 12:28| 
 |
Rispondi al commento

forse OT per questo post ... forse

come l'Uomo impiega la sua vita ???

in alcune cose assolutamente in maniera uguale e non difforme a tutti gli altri esseri viventi (dopotutto è un "animale" come tutti gli altri)
crescendo, alimentandosi, riposando (di notte o di giorno), perpetuando la specie e cercando di restare vivo

oltre questo gli altri animali non fanno granchè: oziano, si nascondono ai predatori ed alcuni migrano
alcuni, al massimo, "imparano" dai genitori alcuni "comportamenti" istintivi utili per la loro esistenza
altri non hanno nessun rapporto con i propri genitori ed affidano tutto all'istinto innato geneticamente


l'Uomo invece ha sviluppato il proprio cervello e di conseguenza lo "deve" utilizzare

da qui le varie attività conseguenziali all'istruzione quali poesia, letteratura, scienza, filosofia, arte, scultura, pittura, invenzioni, socializzazione, etc etc


tutti ottimi modi per "distinguersi" positivamente nel giudizio con gli altri animali

ma gli uomini fanno anche tante altre "belle" cose, ad esempio

essere sfruttati e sfruttare
lavorare come schiavi e "far" lavorare come schiavi
ammazzarsi fra di loro per un solo unico motivo ma con altri di facciata (religiosi, etnici, autodifesa, libertà etc)
dividersi in "mondi": 3° mondo è un termine geopolitico ed economico che sta ad indicare globalmente i paesi in via di sviluppo, contrapposti ai cosiddetti 1° mondo (paesi democratici e capitalisti) e 2° mondo (paesi socialisti e comunisti).
e nei Paesi cosiddetti "avanzati" (1° e 2° mondo) guardare tutta la pubblicità e ... far crescere il Pil, cementificare, produrre, vendere, comprare
esasperare il concetto di progresso e della cosiddetta "civiltà"
vivere vite alienanti ed alienate
vivere per lavorare (anzichè lavorare e vivere)
sperperare tutte le risorse di Madre Terra
distruggere la natura (e di conseguenza gli altri esseri viventi) e così anche il proprio stesso futuro


tutti ottimi modi per "preferire" nel giudizio ... gli altri animali

luci da Alcyone () Commentatore certificato 17.08.14 12:25| 
 |
Rispondi al commento

Andreotti molti decenni fa : "SE FOSSI PALESTINESE SAREI UN TERRORISTA ANCH'IO". Serracchiani, Salvini, Rai 1, Rai 2, Rai 3, Canale 5, Rete 4, Italia 1 e tutti i pennivendoli di quasi tutti i quotidiani : come commentate la dichiarazioni di Andreotti ? Buffoni !

Clark R., Palermo Commentatore certificato 17.08.14 12:20| 
 |
Rispondi al commento

Ma Di Battista tu ci hai mai parlato con l'Isis? Pensi che loro vorrebbero solo un mondo migliore ma ahimé non avendo altri mezzi non possono far altro che trucidare gente pacifica e innocente di religione diversa? È imbarazzante quello che scrivi, IMBARAZZANTE. Ti rendi conto che secondo il tuo ragionamento anche chi ha piazzato la bomba a bologna nn aveva altri mezzi e andrebbe compreso, perché ha una sua logica. Guarda che Boko Haram se ti avesse a tiro non esiterebbe ad ucciderti per il solo motivo che pensi che siamo tutti uguali.

Marco Garegnani 17.08.14 12:11| 
 |
Rispondi al commento

belle parole e articolo dettagliato sono del movimento ma non la penso così
Questi dell Isis o ti converti alla loro fede religiosa e regole o muori.E' gente democratica secondo voi.Sono già in Europa hanno fatto dimostrazioni violente a favore dell Isis in Germania e Belgio e nessuno ne parla.Secondo voi donne e bambini che hanno il difetto di essere Cristiani vanno a Bombardare i terrosti.Sono stati trucidati le donne violentate e usate come schiave perché non sono musulmane questa ègente con cui parlare e discutere.
Quando ci sveglieremo da questa politica perbenista sarà troppo tardi

Cristiano Cavina 17.08.14 12:06| 
 |
Rispondi al commento

Sono assolutamente d'accordo con quanto scritto da DIBA, aggiungo che la diffusione in rete da parte di una pattuglia di militari italiani in IRAQ che li riprende mentre sparano sui civili come fosse un gioco non dovrebbe destare meraviglia se poi la conseguenza può chiamarsi Kabobo.

francesco no tav legrottaglie, ostuni Commentatore certificato 17.08.14 12:03| 
 |
Rispondi al commento

NUOVA REGOLA: DIVIETO ASSOLUTO PER I DELEGATI 5 STELLE DI ESPRIMERE PROPRIE CONVINZIONI PUBBLICAMENTE... occorre unicamente RIPORTARE FATTI E FARE DENUNCE... altrimenti il delegato deve essere ESPULSO con effetto immediato. Le convinzioni personali generano divisione mentre I FATTI NON POSSONO ESSERE confutati. Le considerazioni personali possono essere disquisite solo in AMBITO PRIVATO.

Mauro Bellaspica 17.08.14 12:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

È evidente che se Di Battista avesse firmato e pubblicato un "padre nostro", un "ave maria" o un "elogio a Renzi ", comunque i media asserviti e i politicanti avrebbero trovato il modo di estrapolare un versetto per attaccare il M5S.

Bruna A., Carrè Commentatore certificato 17.08.14 12:01| 
 |
Rispondi al commento

Contro il povero Di Battista si è schierato all’unisono tutto il baraccone del circo mediatico e del politicamente corretto, con in prima fila gli intellettuali cani da guardia del potere. Viviamo nell’integralismo del pensiero unico.
Dei terroristi non bisogna parlare se non per condannarli aspramente.
Capire le motivazioni dell’attacco terroristico vuol dire giustificarlo, per cui è vietato e comunque ripugnante comprenderne le cause, perché non ho il diritto di pensare.
Gli altri devono pensare per noi e siamo meglio governabili se rimaniamo in uno stato di minorità.
A questo siamo ridotti! Con tale integralismo del pensiero da trenta anni noi non riusciamo ancora a sapere chi sono i mandanti e gli ispiratori, senz’altro politici, delle stragi, cioè degli attacchi terroristici più disgustosi e più efferati.
Quando scrivo di Hitler, devo farlo solo per condannarlo. Capire i motivi della nascita di nazismi e fascismi mi aiuta proprio a evitare la loro ricomparsa. Come si spiega la rinascita dei movimenti neonazisti e il rischio di un conflitto mondiale dopo l’orrore della seconda guerra, se non con il diffuso divieto di pensare in proprio che si trasforma ben presto in conformismo coatto e cortigianeria ed impedisce lo sviluppo di un pensiero critico e libero?
E’ proprio e solo l’integralismo che occorre rigettare in tutte le sue forme, soprattutto quando m’impone cosa possa dire e come debba pensare.
Voltaire insegnava: “Non condivido le tue idee ma sono disposto a morire perché tu possa professarle".
Al contrario i nostri politici e l’informazione stereotipata concordano nel principio:
"Non condivido le tue idee e sono disposto a ucciderti per far prevalere le mie".

Genny G., LECCE Commentatore certificato 17.08.14 12:00| 
 |
Rispondi al commento

Ieri ho commentato alle 17.47 questo post di Alessandro dicendo in sostanza che mi ha molto impressionato per la sua lucida ed esatta analisi. Oggi, dopo aver saputo delle porcate dette e scritte in proposito da tutti i scribacchini e/o dai blablabla dei vari TG di tutte le reti Rai e Mediaset, mi vedo costretto a riscrivere. Caro Alessandro, chi vuole trovare falsi appigli per stroncare il M5S troverà sempre un' autostrada commentando post come il tuo. Questo sia perché la maggior parte degli italiani non è venuta di certo a leggerlo nella sua interezza nel Blog e sia per l'ignoranza crassa di molti di quelli che l'hanno letto ma non hanno capito una mazza del vero senso del post. La situazione purtroppo è questa e per evitare ulteriori strumentalizzazioni forse sarebbe molto meglio che chiunque del M5S - prima di dire o scrivere cose complicate per gli italiani ignoranti e vassalli - facesse un' accurata analisi tenendo presente l' immensa idiozia di tantissimi compatrioti, che sono poi il bacino elettorale di questi maiali disinformatori che stanno in Parlamento solo per rubare a loro piacimento. Caro Alessandro ti suggerisco di non scrivere più cose complicate e che si prestano ad essere facilmente manipolate. È molto meglio, credimi, sia per la lurida e falsa informazione delle 3 reti Rai e Mediaset e sia per evitare alle orecchie degli italiani colti e intelligenti di ascoltare dichiarazioni farneticanti e strumentali di una Serracchiani qualsiasi o di un Salvini qualunque. Che gente schifosa !

Clark R., Palermo Commentatore certificato 17.08.14 11:59| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Nelle ultime elezioni, avendo votato 5S, con le minchiate di Di Battista, mi sono ritrovato PRO TERRORISMO, e di quelli più ANIMALESCHI, quello ISLAMICO, quello che SQUARTA LA GENTE, E TRONCA LE TESTE. Siccome la sparata del Di Battista non è l'unica, altra deputata schierata con HAMAS, ALTRI GRILLINI, troppo sbilanciati a favore di hamas (TERRORISTI MENO CRUENTI). Mi sono reso conto che con il 5S SONO FUORI POSTO, CIAO.

daturiano gamifali 17.08.14 11:56| 
 |
Rispondi al commento

Di Battista...ma che scrivi...come Fini, mostri di comprendere poco quel mondo. Questi che sembrano fanatici con un programma, in realtà, sono condotti da quattro sceicchi impauriti che gli si rivoltino contro. E' come quando scanni una pecora per i tuoi cani affamati affinché non si mangino te. Per questo li finanziano. Non c'entrano direttamente Inghilterra, USA, geopolitica sballata, ecc. La loro violenza è un fatto endemico che deriva dal' procreare una montagna di figli in posti in cui non c'è sviluppo. Punto. Finora col petrolio alcuni si arrangiavano, ma ultimamente i consumi di petrolio sono in calo di brutto...questi non sono incazzati, ma disoccupati!! E la guerra per loro, come per noi ai tempi dei Romani, è una professione come un'altra. Maometto fece la stessa cosa, dirottò la violenza endemica a occidente perché quegli stronzi erano diventati troppi per stare tutti lì, per questo ebbe successo, perché il credo che propagandava faceva da legante per entità politico-tribali diverse (almeno fino alla sua morte)...Per questa gente la religione non è che il legante di corpo che tiene alto lo spirito combattivo in una logica di conquista, non di dialogo...Saddham ebbe successo perché tutti sti disoccupati li teneva nell'Esercito a parassitare ben pagati dai proventi petroliferi e questo spiega perché avesse quell'esercito gigantesco! E i curdi erano incazzati con lui perché gli fotteva il petrolio che avrebbero voluto tutto per sè. Punto...Altro che Bush, Bin Laden e l'orso Yogi! Ma leggiti il Corano, leggiti "La rinascita islamica"! Ma lo capisci? Quelli campano in quel cesso di deserto dove neppure le capre...Pensa come devono sembrargli belli i nostri boschi e fiumi e la Bella Europa! Altro che dialogo...Smetti di usare il loro petrolio e ti salteranno addosso in massa!! Non c'è soluzione, purtroppo...Per me che non farei male a una mosca, bisogna combatterli. Neppure finanziarli a fondo perduto perché se ne stiano lì può funzionare

kar Ma, avezzano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 17.08.14 11:56| 
 |
Rispondi al commento

se continuate a considerare il breve post di Di Battista un’analisi siete davvero fuori strada… un bignami al cubo quadrato di storia estratta da wikipedia condita di scontata parzialità, incancrenita ideologia di comodo. ma se vi sta bene fare il popolino belante che pensa agli altri (dal “giornalaio” al “pd-ino” all’”amerikano”) come petulanti comari e i soliti cattivi egoisti sta bene perché dimostrate l’ottusità del vostro pensiero.
pensiero lacunoso e masochista, aggiungo.

volete difendere una posizione indifendibile e spero che lo stesso autore ne sia consapevole e almeno ne prenda coscienza. è in questo modo che si diventa facile preda dei commenti politici e giornalistici e che si rischia di perdere una parte di elettorato “moderato” o nella migliore delle ipotesi credibilità politica.

fa sorridere la conclusione del temino sulla costruzione di una società post-petrolifera. già: e di che campano poi i signori del deserto? ci vendono il sole?

“legare indissolubilmente il terrorismo all'ingiustizia sociale”. come no! forse in america latina, forse in italia, forse un po’ qui e un po’ là. vago discorso per attrarre qualche mente da fertilizzare con proclami d’altri tempi. ma qui Di Battista dovrebbe spiegare davvero il suo pensiero: è proprio qui il punto debolissimo o del tutto inesistente del suo post! come fa a legare il terrorismo islamico con l’ingiustizia sociale? quale ingiustizia sociale può portare allo sterminio dichiarato e proclamato dall’IS di masse umane "infedeli”?

Di Battista si è infilato nel pantano desertico dal quale difficilmente ne uscirà indenne.

Spurgz 17.08.14 11:47| 
 |
Rispondi al commento

Caro Di Battista, non si può trattare con chi sarebbe felice di sgozzarti solo perché hai un credo religioso diverso e che sarebbe felice di violentare e poi vendere al mercato tua sorella poiché si macchia del crimine di ...andare a scuola. Riabilitare Boko Aram (Nigeria) è poi una imperdonabile ingenuità poiché il loro stesso nome significa lotta contro i valori e la cultura occidentali che sono anche valori di democrazia e libertà di espressione (anche se non sempre applicati). Legittimare poi i governi eletti dal popolo (come nel caso dei Fratelli Musulmani in Egitto o di Hamas nella striscia di Gaza) non è necessariamente virtuoso poiché prima di arrivare alle urne le suddette consorterie si affidano alle bombe, alla sopraffazione, all'intimidazione, ai ricatti sulla popolazione civile (che non esitano a usare come scudo) e si propongono di attuare la shaaria (che è la nemesi dei valori di democrazia, tolleranza, rispetto delle donne e dei diritti civili che la società europea e occidentale persegue). Se in Italia venisse eletto a maggioranza un partito che si chiama (di nome e di fatto) Endrangheta o Camorra o Mafia, sarebbe per questo legittimo, indipendentemente dai suoi propositi?
Purtroppo di Battista, che si professa democratico, non ha capito che "radicalismo islamico" e "democrazia" messi uno vicino all'altro rappresentano un ossimoro o una contraddizione in termini, e questa è la sua colpa più grande che fa di lui un opinionista ma non uno storico imparziale.
Non so se all'interno del M5Sup emergerà una posizione in merito. Me lo auguro

claudio fochi, ferrara Commentatore certificato 17.08.14 11:46| 
 |
Rispondi al commento

Ciò che sta succedendo sulla stampa nazionale in queste ore in merito a reazioni al post di A. Di Battista su blog nazionale (con prevedibili e scontate manipolazioni che si attuano inevitabilmente estrapolando arbitrariamente frasi isolate della sua dissertazione sul terrorismo internazionale) non ci esime dal dare inizio ad una discussione che, credo onestamente, sia in atto in migliaia di meet up proprio in queste ore.
Le insinuazioni che il M5S si schiera dalla parte dei terroristi islamici, o comunque non li condanna irredimibilmente, fa perdere in un colpo solo centinaia di migliaia (se non milioni di consensi) al Movimento stesso.
Mi chiedo onestamente se il pensiero di Di Battista rispecchi la maggioranza del M5S. Difficile dirlo perchè per saperlo ci vorrebbe un sondaggio che non si può realizzare in tempi brevissimi ma è tecnicamente possibile. Una cosa è certa.
Nonostante la puntuale analisi storica di Di Battista, encomiabile e coraggiosa (un vero excursus sulla politica internazionale in medio oriente dagli anni 1920) che si configura in una vera e propria lezione di storia, il nostro vulcanico Alessandro - che stimo e ammiro - purtroppo non ha capito quasi nulla (poiché non lo ha studiato abbastanza dell'integralismo islamico e soprattutto delle differenze che lo caratterizzano rispetto ad altre forme di protesta. Me ne dispiaccio sinceramente, poiché Di Battista è una persona eccezionale.
Fondamentalmente il buon Alessandro confonde la legittima battaglia per la libertà e l'indipendenza con un tipo di lotta che con questa non ha nulla a che fare. Improvvisandosi storico e antropologo, trascura completamente e - aggiungo io - colpevolmente, la questione "religiosa", la matrice jihaidista che sta alla base di ISIS, Hamas, Al Qaida, Fratelli Musulmani e tante altre sigle. Un aspetto che non conosce ma che il sottoscritto ha studiato e che non può essere ridotto a fenomeno sociologico, ma deve essere guardato in faccia per quello che è: una guerra santa

claudio fochi, ferrara Commentatore certificato 17.08.14 11:44| 
 |
Rispondi al commento

Il concetto espresso da Battista l’aveva già espresso Andreotti a proposito dei Palestinesi (“Se fossi Palestinese sarei anch’io un terrorista”). Ma oggi rischia di distrarre da una lettura un momentino meno mainstream del problema. «È stato un fallimento. Abbiamo fallito nel voler creare una guerriglia anti Assad credibile. Era formata da islamisti e da secolaristi. Il fallimento di questo progetto ha portato all'orrore a cui stiamo assistendo oggi in Iraq». Così Hillary Clinton in un'intervista rilasciata a J.Goldberg del giornale web "The Atlantic". F.FRACASSI 12.8.14 “I cicisbei e le zoccole che popolano i media occidentali non vi hanno fatto sapere: 1) che alla tv panaraba “Al-Maydeen TV” lo sceicco Nabil Naiem numero tre dell’agenzia CIA Al Qaida ha dichiarato: “Il leader dell’ISIL al Baghdadi è un agente della Cia. Gli Usa lo hanno rilasciato dalla prigione e dotato di 30 milioni di $ per creare l’ISIL. Ricevevamo armi Usa e finanziamenti per decine di migliaia di $, soprattutto dall’Arabia Saudita che promuove il terrorismo jihadista da almeno trent’anni. I combattenti ISIL feriti non vengono curati in Siria o Egitto, ma in Israele. Noi ottemperiamo alle regole del fondatore della “Guerra di IV Generazione” Lewis secondo il quale al posto degli eserciti transcontinentali si devono utilizzare agenti all’interno dei paesi-bersaglio a cui possiamo addossare le responsabilità per ogni tipo di crimine. 2) quanto sopra è stato confermato da E.Snowden, il denunciante dello spionaggio NSA, con la rivelazione documentata che i servizi segreti di Usa, Regno Unito e Israele hanno lavorato insieme per creare l’ISIL. Un piano che punta a riunire il terrorismo mondiale in un’entità chiamata “Il nido di vespe”. F.GRIMALDI 17.7.14

aldo castelpietra 17.08.14 11:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ben detto, i paesi occidentali o chi ne tira le fila, sono i veri terroristi (in incognito).
la verità sta' dilagando, grazie alla rete, ma occorrono persone coraggiose come di battista per dare un input ai cervelli assopiti.

giampaolo ricci 17.08.14 11:41| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento

Non capisco questo buonismo superficiale e stupido nel descrivere l’ISIS. Una minoranza estremista sta spazzando via le altre con una ferocia incredibile, ma cosa c’è da trattare. Qualcuno si è informato sui progetti politici di questi pazzi, ovvero ricreare il califfato includendo il nordafrica e l’Europa orientale. Diba ha sbagliato tutto, dai tempi d’intervento alle congetture analitiche. Queste sparate fanno male al movimento, sempre più avviluppato nella spirale autodistruttiva.

Quinto Arrio 17.08.14 11:38| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto l'articolo di Di Battista, sono assolutamente d'accordo e sono scandalizzata dal fatto che tutti i giornalisti l'abbiano interpretato come un appoggio al fondamentalismo isalmico. Sono convinta che per eliminare la violenza bisogna prima fare un mea culpa su tutti i danni (e le tragedie umane)provocati dal colonialismo nei secoli passati, creare giustizia e sconfiggere la povertà.

Andreina Baj 17.08.14 11:35| 
 |
Rispondi al commento

@ Arjuna
Leggo solo ora la tua risposta al mio commento di ieri sera.
Se l'uomo riuscisse ad imparare dalla storia, dopo secoli di massacri e sopraffazioni, oggi sarebbe vicino alla perfezione, ma così non è.
Anni fa visitai la terribile ex-scuola di Phnom Penh, denominata dal regime dei khmer rossi S-21, trasormata in carcere e luogo di tortura.
Una frase lasciata da un visitatore diceva così:
L'uomo proietta le sue paure su altri uomini, saremo liberi da noi stessi quando riusciremo a sentirci null'altro che una molecola del vasto universo..
Ciao, buona domenica:)

Danila R., Porto San Giorgio Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 17.08.14 11:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mettiamola così:

una banda di balordi entra furtivamente nel vostro appartamento.
La vostra famiglia finito di cenare è davanti alla TV.
Gli estranei vogliono i vostri soldi e vededendo una ragazza di 18 anni appena compiuti decidono di avere un rapporto sessuale.
Ad ogni minima reazione pugni e calcio e minacce con un coltello a serramanico.
Ora facendo le dovute proporzioni se il padre di famiglia riesce a liberarsi e ad abbracciare un fucile, sparando, si può ritenere un terrorista?
Se non riesci ad allontanare l'"invasore" con le buone devi diventare cattivo.
Chiamalo partigiano se contro i tedeschi della 2 guerra mondiale, chiamalo terrorista se contro gli amanti dei pozzi petroliferi altrui.

stefano m. Commentatore certificato 17.08.14 11:16| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento

Qui non si tratta di discutere di terrorismo,qui si tratta di stabilire una volta per tutte se usare violenza alla violenza.se sparare e bombardarli o invece smettere di vendere armi. Con guerra alla guerra non si è mai risolto nulla e per i caproni di parte lo si è già visto con tutte le guerre.Ci vuole dialogo con tutte le parti Isis compreso.Gino Strada lo dice da sempre quello che dice Di Battista.Basta foraggiare le lobbie degli armamenti.Ci vuole pace

liuzzi.nicola 17.08.14 11:10| 
 |
Rispondi al commento

Contro la disinformazione si rendono necessari strumenti d'informazione quali organi del movimento :
una tv del movimento
un quotidiano
spazi televisivi
rappresentazioni teatrali
prodotti editoriali
canzoni
l'informazione vera ed i principi del movimento a 5s devono arrivare a tutti i cittadini, anche quelli che non possiedono i mezzi informatici, ed i sistemi per arrivarci sono questi, dobbiamo impegnarci in questa direzione altrimenti ogni sforzo sarà vano.

ALBERTO PAOLINI 17.08.14 11:04| 
 |
Rispondi al commento

DiBattista hai fatto una cazzata bestiale, di ignoranza senza limiti, a equiparare i fanatici ISIL ai movimenti di liberazione o comunque agli altri movimenti etichettati come terroristici dagli USA. Se è vero che ISIL nasce dai disastrosi interventi USA di Bush, è anche vero che ISIL è diverso, dovresti ascoltare le parole del loro autonominatosi califfo: vogliono la nostra distruzione come occidentali, questo intendono quando dicono che vogliono venire a Roma a mettere bandiera, non si limiteranno a conquistare Siria e Iraq e restare lì imponendo il loro califfato tagliateste, ma vorranno estendersi anche da noi, portando il terrorismo. E' scritto. Lo dicono. Lo vogliono. La prevenzione antiUSA ti ha accecato e non ti fa vedere la vera natura mortifera di ISIL. Questa volta è diverso. E poi come si fa a volere colloquiare con chi insegue per sterminare gli Hazizi, gente pacifica? Sono inumani come i nazisti.

M5* è allo sbando, ognuno apre la bocca e dice la sua come la bar, non esiste più una linea comune, con questo intervento ti sei giocato un tot di voti e M5* perde sempre più credibilità.

cinico senese 17.08.14 10:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Usa e islamici hanno creato un casino, Di Battista si vuole ergere a paladino degli islamici, è recente la sua presa di posizione contro Israele, io e molti altri non lo abbiamo votato per questo ma per portare avanti la questione morale e cacciare la Casta, e siamo fortemente contrari alle sue elucubrazioni, personalmente penso che sia una testa di cazzo, vuol scrivere la storia dal suo punto di vista e dice un sacco di cazzate, le guerre di religione sono sempre state una calamità da quelle cristiane a quelle islamiche, ora c'è qualcuno che come nel medio evo vuol convertire il mondo e trova dei cretini come il Di battista che addirittura li giustifica, io sono del parere che Di Battista venga allontanato dal movimento, Altrimenti saremo in molti a non sostenere più M5S.
Non domandatevi perchè ormai da tempo si è sempre al di sotto del 20% non bastavano le puttanate fatte prima delle Europee.?

Dino ., Bolotana Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 17.08.14 10:57| 
 |
Rispondi al commento

Certamente si puo` comprendere perche` uno si faccia saltare in una stazione della metropolitana ma assolutamente non giustificare. Mirare indiscriminatamente contro vittime civili e` un crimine in se`. Altro sarebbe farsi saltare in una caserma o in una stazione di polizia. Si dimentica qui che se on fosse stato per gli Inglesi ei Francesi che hanno distrutto l' impero ottomano gli Arabi sarebbero ancora dei cammellieri che si nutrono di soli datteri. Inoltre si dimentica il fondamentalismo islamico e la carica di volonta` di potenza contenuta nel corano.

manfredi manera 17.08.14 10:51| 
 |
Rispondi al commento

Caro Di Battista, avresti fatto bene, prima di scrivere quello che hai scritto, a dire che gli islamici ci hanno scassato la minchia, specialmente perché non si sente nessuno di loro che condanni tutti gli stronzi che vogliono fare la guerra santa!!!!

Giovanni Russo 17.08.14 10:51| 
 |
Rispondi al commento

la circostanza che le reazioni di Forza Italia, Nuovo Centrodestra, Scelta Civica, PD, Corriere, Repubblica, Giornale, televisioni siano le stesse dimostra che sono tutti uguali, tutti servi dello stesso padrone d'oltreoceano e anche del padroncino non meno esigente che si trova al di qua del Giordano.

antonio corso 17.08.14 10:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Di Battista dice cose inconfutabili, anche ovvie.
Il dramma della vicenda mediorientale sta proprio in tale ovvietà, ovvero nel fatto che l'occidente non si preoccuperà mai di comprendere le ragioni degli arabi, la loro storia, la loro cultura, fermo ancora al 1921.
Paolo Seno

Paolo Seno 17.08.14 10:40| 
 |
Rispondi al commento

DOVERE MORALE DI QUERELA: i partiti usano i GIORNALI PER INTIMIDIRE IL POPOLO... e scoraggiarlo dal sostenere il M5S, Se volete esprimere pensieri che possono offrire occasione al regime di screditare il M5S e ricattare il popolo ("chi sostiene il m5S è terrorista!") AVETE L'OBBLIGO MORALE DI QUERELARE I DIRETTORI DI GIORNALE e dei telegiornali!

Mauro Bellaspica 17.08.14 10:38| 
 |
Rispondi al commento

LA SITUAZIONE è piu o meno questo

Il fare degli USA ci ha creato enormi danni a noi europei e italiani .... siccome non ci conviene litigare con gli usa ( siamo schiavetti quindi non possiamo ribellarci ) dobbiamo trovare una soluzione per tamponare il danno che i cari amici USA impzziti chi hanno provocato senza farli incazzare (gli usa)... di battista da puro idiota a 5 stelle sta cercando fi fare incazzare gli USA e dunque la stampa di regime sta cercando di far vedere agli USA che noi italiani siamo dei bravi schiavetti degli USA..

ora lo capisci che cazzo hai combinato di battista?

e oltretutto lo hai fatto senza tenere conto dell'opinione di quelli che vi hanno eletto!

a me non me ne frega un azz perché io non vi voto di sicuro .. .vengo solo qui a rompervi i coglions per dirvi che fate cacare ..... ma quelli che vi hanno votato non so come la prendeanno ... i cretini sicuro vi seguiranno ... chi ha un minimo di materia grigia ..... CIAOOOOO!

e ficcatelo in culo il tuo master!


b..ob..a di ssi dente 17.08.14 10:34| 
 |
Rispondi al commento

Se gli USA e getta non avessero destabilizzato IRAQ e SIRIA e LIBIA , EGITTO ecc. ecc. ci hanno provato anche con Gerorgia e ora con la Ucraina ... non ci sarebbero di questi problemi e ora non non saremmo invasi da milioni di pofughi.

Quindi il problema è stato creato dagli USA e non vedo perché noi dobbiamo sia pagarne i disagi pure armare i curdi per fare la guerra a quegli altri che poi finirà che i curdi useranno le armi avanzate per fare la guerra ai turchi e così facciamo incazzare pure i turchi!

Credo che oramai gli USA siano alla follia pura... non sono più i paladini del mondo ma la rovina del mondo intero... Obama sicuramente dovrà spiegare al mondo tante cose fra pochi anni.... Mi vien da pensare che i sudafricani ci abbiano visto giusto quando l'hanno mandato cortesemete affanculo poco tempo fa!

e poi c'è il centro e il sud america che li odia questi USA e getta ... fra un po li odieremo pure noi hehehehhehehhehehhe

b..ob..a di ssi dente 17.08.14 10:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' SUONATA LA SVEGLIA PER I TROLL DI REGIME, STANNO INIZIANDO A SCARICARE MERDA NEL BLOG.
UN CARO SALUTO A TUTTI.

john f. 17.08.14 10:27| 
 |
Rispondi al commento

I media, insieme agli ipocriti dei partiti, sintetizzano il lungo post di Alessandro Di Battista con un semplice “Terrorismo unica arma rimasta a chi si ribella”. Ovviamente non hanno capito il senso del post, o peggio (sicuro) fanno finta di non capirlo. La sinistra ha sempre fatto questo gioco, quando non è in grado di battere il suo avversario lo demonizza. E' ciò che fa tutti i giorni con il M5S. Per chi vuole realmente capire il senso dello scritto, può leggerlo per intero qui: http://goo.gl/YckqBF
Gli esponenti dei maggiori partiti dicono che Di Battista giustifica il terrorismo. Niente di più falso. Alessandro Di Battista dice, infatti, "Non sto ne giustificando né approvando, lungi da me. Sto provando a capire." Continua ancora "L'Italia dovrebbe trattare il terrorismo come il cancro. Il cancro si combatte eliminandone le cause non occupandosi esclusivamente degli effetti".
L'Italiano è una lingua, evidentemente troppo difficile da capire, specie per chi ha regalato il suo voto in cambio di 80 euro.
A tal proposito ricordo le parole di un grande giornalista Tiziano Terzani:
“Non si tratta di giustificare, di condonare, ma di capire. Capire, perché io sono convinto che il problema del terrorismo non si risolverà uccidendo i terroristi, ma eliminando le ragioni che li rendono tali”. Magari se proprio il caldo non vi affanna potreste leggere il Libro Lettere contro la guerra.
Nella totale ignoranza (non è un'offesa) degli Italiani, i media asserviti fanno credere che l'unica via possibile per risolvere i conflitti in IRAQ sia armare i Curdi.
La violenza genera altra violenza. Io sono pacifista senza se e senza ma.

Giovanni Torres, Mola di Bari Commentatore certificato 17.08.14 10:27| 
 |
Rispondi al commento

PERCHE' DIBA HA SBAGLIATO A SCRIVERE IL SUO POST

Alessandro DiBattista è uno dei migliori politici che abbiamo in parlamento, ha master in diritti umani ed ha lavorato in paesi del terzo mondo, diciamo che non è un ex-velina o un politico di professione che scalda la seggiola da tre o quattro legislature.
Il suo non è un post, è un'analisi profonda della genesi del terrorismo che però, in questi tempi in cui si leggono soli i titoli, è troppo lunga per chi naviga su internet.
Ciò che dice Alessandro è molto scomodo, ma non in quelle due righe che tutti i media hanno riportato, peraltro scollegandole dal contesto; la cosa che più preoccupa il'potere' è il fatto che venga messa in dubbio quell'idea di America che da dopo il 1945 ci ha fatto credere che l'esportazione della democrazia come la intendiamo noi (o meglio la intendono loro) fosse la verità assoluta da seguire.
Un editoriale come quello di Alessandro, alcuni anni fa sarebbe stato condiviso da quelle forze politiche che da sempre (da destra e da sinistra) hanno timidamente cercato di contrastare il dominio americano.
Ma oggi ciò che più conta è cercare in qualche modo di bloccare le idee del MoVimento 5 Stelle, non c'è più contrapposizione tra destra e sinistra, ma tra chi vuole mantenere in piedi un sistema basato sulla crescita e sul consumo (capitalismo finanziario ed ex socialisti diventati stampella del sistema) ed un diverso concetto di società.
Ecco allora che non solo non vengono condivise idee un tempo bandiera di altri movimenti, ma vengono estrapolate ed evidenziate due righe per dire 'i grillini giustificano il terrorismo'.
Ecco perchè diBa ha sbagliato, perchè da brava ed onesta persona crede ancora che esprimendo idee e concetti si possano accendere discussioni costruttive.
Si sbaglia Alessandro, è troppo importante preservare questa società così com'è, fino a quando, dio non voglia, verrà fatta crollare da qualcuno contro il nostro desiderio.

Valter Revello, Limone Piemonte Commentatore certificato 17.08.14 10:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un altro post in stile filoterroristico, come quelli degli ultimi tempi a favore dei terroristi di gaza....

Queste cose possono scrriverle solo dei

MENDICANTI DI NEURONI

Metatron 17.08.14 10:22| 
 |
Rispondi al commento

Questo articolo non sarebbe dovuto essere pubblicato... Di Battista ha commesso un errore gravissimo. L'idea che lui sostenga gente che assassina bambini e donne inermi in nome dell'islam si sta diffondendo in rete. "O ci siete, o ci fate." Ancora non avete capito che il regime non attende altro che occasioni per gettare discredito? PARLATE DI POLITICA INTERNA E DI MAGNACCI! Le convinzioni personali lasciatele ai singoli! PARLATE SOLO DEI FATTI! ideologia e fanatismo religioso sono NEMICHE DEI POPOLI... come lo sono gli avidi e i despoti.

Mauro Bellaspica 17.08.14 10:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Voglio vedere se Di Battista o chi per lui va in TELEVISIONE a sbugiardare i Tg che hanno dato questa falsa informazione. Se non farete ciò passerà solo quello che hanno detto loro , questa è un'ottima occasione per sbugiardarli. FATE QUALCHE COSA!

Rossana R., Genova Commentatore certificato 17.08.14 10:16| 
 |
Rispondi al commento

Nel villaggio bombardato non sono tutti terroristi. C'è chi impazzisce perchè non ce la fa più e diventa terrorista.(incentivato da fanatici che gli 'consigliano' di farsi saltare in aria per poi trovarsi in un paradiso pieno di donne dove potrà trombare all'infinito)
Mai sentito parlare di gente che impazzisce per la GUERRA? E qui li fanno pure fessi.
L'unica cura è di evitare tutte le guerre!!

john f. 17.08.14 10:15| 
 |
Rispondi al commento

Io penso che Di Battista ha scritto osservazioni coraggiose ed intelligenti. Purtroppo facilmente strumentalizzabili estrapolando frasi fuori dal contesto. Nessuno vuole alimentare il terrorismo, anzi. Nel testo scrive che bisogna capire le cause per trovare soluzioni e che è assolutamente contro il terrorismo. Il problema è che Di Battista ha scritto questo post con l'opinione pubblica italiana scossa per le barbarie dell'ISIS messe in risalto (giustamente) dai media e questo fatto richiama un desiderio di vendetta cieca immediata (anche perchè c'è una comprensibile immedesimazione con i cristiani Yazidi). Di Battista si chiede se armando gli Yazidi e bombardando con la tecnologia americana gli estremisti dell'ISIS, non si rischi di far precipitare ulteriormente la situazione nel lungo periodo (visto la lungimiranza degli USA nel medio oriente). Dire che il terrorismo purtroppo sia l'unica triste arma violenta a disposizione dei disperati per colpire i potenti, è una constatazione non un istigazione.

Penso che Di Battista volesse dire:
- vediamo se c'è qualche fatto pregresso dietro a questi assassini dell'ISIS, che abbia scatenato la loro violenza o sono davvero solo disdicevoli fondamentalisti.
- C'è l'opportunità di fermarli senza spargere altro sangue che poi richiamerebbe inesorabilmente altro sangue?
- Esiste una seppur minima possibilità di dialogo per non rischiare di generare una guerra ancora più grande e lunga?

Vi dico, ora come ora, anche io vorrei annientarli, ma devo prima capire, perchè la storia mi ha insegnato che l'ignoranza o la cattiva informazione pùò portare a schierarsi col "cattivo" pensando che sia il "buono" (anche se onestamente non mi sembra questo il caso).

Ho interpretato male o ho un Quoziente Intellettuale superiore a tutti i membri del PD?

daniele c., piacenza Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 17.08.14 10:14|