Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Passaparola: Cooperativa Sociale A.la.t.ha. ONLUS

  • 81


Guarda il Passaparola
10:00
alatha.jpg

A.la.t.Ha. è una Cooperativa Sociale Onlus che da quasi un ventennio si occupa di rendere più semplice la vita della persona con disabilità fisica e motoria. A.la.t.ha. nasce dal sogno di un uomo che ha deciso di trasformarsi da imprenditore puro a imprenditore del sociale… quest’uomo è Donato Troiano, fondatore di A.la.t.Ha e oggi pubblichiamo il suo Passaparola

"Ciao, benvenuti in Alatha. Qui ci occupiamo della creazione di tanti posti di lavoro sia per persone disabili sia di persone normali, quindi una integrazione totale, generale, la semplicità, la normalità di quello che dovrebbe essere per tutti.
Tutto quello che abbiamo come i box per la fisioterapia o i mezzi per il trasporto dei disabili è stato fatto tutto con il sostegno dei sostenitori: non abbiamo avuto finanziamenti da nessuno, tutto privatamente con i cittadini che da venti anni sostengono Alatha e le sue attività.
Abbiamo una palestra dove ci sono anziani, disabili e persone normali che vengono da noi.
Abbiamo dato vita a un centro di odontoiatria sociale. Qui abbiamo l’ambulatorio medico, dove il dottore fa le visite, che viene una volta alla settimana. Lo abbiamo fatto in collaborazione con l’accademia dentale, una associazione di dentisti. La abbiamo chiamata odontoiatria sociale perché deve mettere in condizione le persone che non possono, le persone svantaggiate, quelle meno abbienti di poter avere una cura dentistica. Stiamo parlando anche con il comune peri avere un servizio di qualità. Hanno fatto tutto loro a spese loro, noi non abbiamo speso una lira, cioè, abbiamo messo una poltrona, tutto questo è nato anche perché uno dei dentisti, il Dott. Acciarini, è sempre stato un nostro grande sostenitore, molto vicino a Alatha e al sociale, una persona molto sensibile.
La comunità di Via Amoretti, in questa anni ha ospitato persone che hanno un livello di performance cognitiva nella norma, però hanno grossi problemi di disabilità fisica. Noi cerchiamo di impostare il nostro lavoro nel modo più vicino all’ambiente famigliare possibile, per cui pure essendo una comunità dove c'è personale turnante (quindi non è una vera e propria famiglia) si cerca di offrire a tutti gli ospiti un loro spazio più indipendente possibile. Di fattp ospitiamo soltanto 5 persone, quindi una comunità molto piccola. Abbiamo tre camere singole e ogni ospite ha la possibilità di arredare la camera con oggetti di suo gusto, di potersi mettere una linea telefonica e quindi di condurre una vita il più vicino possibile alla vita indipendente. I nostri ospiti, poi, hanno tante attività extracomunitarie molto importanti, abbiamo due ragazze che fanno i campionati italiani di atletica leggera per disabili, abbiamo ospiti che fanno teatro, che frequentano associazioni al di fuori di Alatha, al di fuori della comunità, e la comunità in qualche maniera vuole essere anche un pochino un trampolino verso quella che è la vita indipendente, là dove questo sia possibile. Tanto è vero che abbiamo un ospite, che è con noi da 10 anni, è anche stato l’ospite che per certi aspetti ha aperto la comunità, in quanto è stato il primo a entrare, il primissimo, e adesso a brevissimo ci lascerà per andare a vivere in maniera indipendente, cioè da solo, in una casa sua e questo è un successo sia suo che della Comunità Montana del nostro progetto, noi siamo molto contenti!
Alatha è nata per mia volontà, non so se sia una vocazione o ero destinato a occuparmi di persone svantaggiate, che hanno bisogno di stare bene. Ho dismesso, quasi venti anni fa, tutte le mie attività e ho creato Alatha per dare un servizio, per migliorare la qualità della vita delle persone svantaggiate.
Può sembrare una frase fatta, però un Paese lo vai a valutare delle condizioni delle fasce deboli. Credo che continueremo, sempre di più, a fare quello che abbiamo fatto, cioè a continuare su questa strada che abbiamo intrapreso, perché aiuta e si occupa veramente di tante persone che hanno bisogno.
Lo facciamo in modo naturale, forse come dicevo prima non ci accorgiamo, ma credo che sul successo, non so, chiamatelo come volete, ma la riuscita di tutto questo è la semplicità di quello che facciamo. Il rispetto della persona nella sua essenza, punto e basta, questo è quello che ogni giorno ci fa alzare e ci fa lavorare e continuare su questa strada. Ringraziando il blog di Beppe Grillo e Grillo volevo fare una chiusura appunto su Alatha. Alatha è un bene comune, del territorio, un bene non solo delle persone disabili, non solo delle persone svantaggiate, ma un bene che va a beneficio di tutta la comunità." Donato Troiano, fondatore Alatha

Sostieni Alatha con una donazione

25 Ago 2014, 18:05 | Scrivi | Commenti (81) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 81


Tags: alatha, beppegrillo-passaparola, donato troiano, passaparola, volontariato

Commenti

 

nell'ottica del sostegno sociale ai disabili e agli anziani, relativamente ai servizi di trasporto, ho trovato questa interessante iniziativa
http://www.sassuolo2000.it/2014/10/16/uninvest-spa-il-forziere-dei-diritti-attraverso-europa-servizi-sara-garantito-un-mezzo-per-la-mobilita-gratuita-dei-piu-deboli-del-comune-di-pontedera/

Maria Luisa Marino 10.12.14 16:36| 
 |
Rispondi al commento

"Speciale Nike Scarpe da Corsa,La spedizione gratuita!Esenzione fiscale!Free Run/Air Max/Roshe Run Solo $78

freerun50v4.com"

Davis Swen Commentatore certificato 26.08.14 17:32| 
 |
Rispondi al commento

VOLEVO SOLO AGGIUNGERE CHE MI AUGURO CHE QUESTA ONLUS POSSA ARRIVARE ANCHE IN VENETO,PERCHE'C' NE' BISOGNO DI QUESTE ONLUS

alvise fossa 26.08.14 14:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Volevate un m5s senza Grillo, lo avete avuto, non ha le palle, lo so! Mo non rompete i coglioni.

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 26.08.14 11:36| 
 |
Rispondi al commento

Sono sicuro che renzie farà di tutto per chiudere questa associazione, perchè minaccia ai loro interessi, di cl. Avete sentito poi della Litizzetto? Ha fatto quella stupidata della doccia fredda per la ricerca sulla sla, e poi ha donato la cifrona di 100 euro! Lei che con Sanremo ha preso più di quanto mio padre abbia guadagnato in tutta la vita! Vergogna! La solita sinistra con il portafoglio a destra!

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 26.08.14 11:11| 
 |
Rispondi al commento

Non credo nelle ONLUS e in nessuna organizzazione che "umanitaria".

GIORGIO S., TS Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 26.08.14 09:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

propongo di sostituire l'acqua gelata con la merda calda, nelle secchiate dei politici ora di moda.

rorato arrio 26.08.14 08:55| 
 |
Rispondi al commento

Il video dell'esecuzione di Foley, secondo il Times, sembrerebbe falso. Come falso fu l'attacco di Hilter alla Polonia secondo un falso incidente concertato dagli stessi Tedeschi. Entreremo dunque a spron battuto nella terza guerra mondiale (parole del Papa) in base a una notizia falsa, come se non aspettassimo altro? Ma se anche fosse vera, che cosa cambierebbe? Cosa è cambiato dopo 13 anni di stragi e bombe in Medio Oriente? Cosa è cambiato dopo i 6000 soldati della coalizione occidentale morti in Irak e in Afganistan? Dopo il 140.000 morti civili?
La guerra in Irak è costata 2.000 miliardi di dollari
L'occupazione dell'Afghanistan sembra sia costata sei volte di più
Il Premio Nobel Stiglitz ha stimato il costo bellico ben oltre i 3 trilioni
di dollari

E per ottenere cosa?

Ma più un'azione è inutile e controproducente, più il male si accanirà a proseguirla e i media strillano oggi alla guerra come 70 anni fa quando Mussolini ci fece entrare, spavaldamente, nella seconda guerra mondiale.

viviana vi 26.08.14 08:38| 
 |
Rispondi al commento

Così quel verme di Emilio Fede dette la notizia della morte di Baldoni:
"Baldoni se l'è cercata, è un giornalista incosciente, un 'vacanziere' del brivido,e ancora il giornalista italiano che cerca il brivido in Iraq , un simpatico pirlacchione...ma che ci faceva il giornalista Baldoni senza una minima protezione a Najaf?Da solo con l'interprete nella zona più rischiosa? Che colpe ha Berlusconi se l'hanno rapito questi criminali terroristi islamici di Al Quaeda?"

Commenta Ivo Serentha:"Certi personaggi che hanno completamente rovesciato il senso etico delle cose(B e i suoi)hanno una specie di corruzione morale conseguenza del benessere raggiunto.Si è perso completamente il senso della realtà, complice anche l'ignoranza,quella proprio spicciola,e si vive nella realtà del Paese dei balocchi.Quando si toccherà la realtà vera molti si scotteranno e si sveglieranno e io, personalmente,auspico che ciò accada."

E Hubbles:"Esattamente.E' la reazione di chi vuole occultare la propria meschinità denigrando le virtù altrui.La paura di prendere consapevolezza dei limiti della propria intelligenza e dei limiti delle proprie capacità e che questa stessa mediocrità,per comparazione rischi di risultare evidente agli occhi degli altri.Risultato: attacco come migliore difesa con il vecchio metodo della macchina del fango in una delle sue mille sfumature.E' lo stesso meccanismo di fondo che alimenta le intolleranze nei confronti del diverso e di ciò che non si comprende."

viviana vi 26.08.14 08:25| 
 |
Rispondi al commento

Nanopress.it
13 anni. Era il 2001 quando Enduring Freedom, l’operazione militare contro i Talebani in Afghanistan, primo vero atto della guerra al terrorismo concepita dagli Usa, fu lanciata, ma sotto il cielo, in Afghanistan, la libertà ancora non si assapora, nonostante la morte di Bin Laden. C’è qualcos’altro che riempie le strade: sono i morti, i civili uccisi dalle bombe, dagli attacchi kamikaze, dai cecchini talebani. Dall’inizio di Enduring Freedoom, nella lista dei morti ammazzati in Afghanistan (in attentati, o presi di mira personalmente) ci sono anche tanti giornalisti, reporter, operatori e fotografi, morti perchè le zone di guerra, si sa, sono pericolose, e fare inchiesta, o semplicemente dare la cronaca degli avvenimenti, a qualcuno può dare molto fastidio. Quello che sappiamo è che i talebani non sono stati sconfitti o messi al margine: anzi, sono più forti che mai

viviana vi 26.08.14 08:15| 
 |
Rispondi al commento

Entriamo nella terza guerra mondiale, come se non avessimo imparato niente, come se la guerra fosse scegliere un cappuccino al bar, con la completa indifferenza degli acefali o dei senz'anima.
La guerra è un errore.
I migliori vengono uccisi.
I peggiori si incancreniscono nell'errore.
Amplificano i conflitti, allargano la miseria, perpetuano le stragi.
C'è un punto nelle scelte umane dove, qualunque sia la strada che hai scelto, buona o cattiva, la gravità ti porterà fino in fondo, come non avessi scelta.

viviana vi 26.08.14 08:10| 
 |
Rispondi al commento

1
http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?lang=it&id=42480
Gang-Fermiamoli

Quella di Enzo Baldoni è una storia che va raccontata.
Perché è la storia di un grande italiano.
All'attività di pubblicitario ci arriva dopo essere stato muratore in Belgio, scaricatore alle Halles, fotografo di cronaca nera a Sesto San Giovanni, professore di ginnastica, interprete e tecnico di laboratorio chimico.
E' un copywriter straordinario.
Soprattutto ama viaggiare e raccontare.
E' un grande narratore, una penna fluida e dinamica.
Negli anni, è in Messico, Chiapas, nella selva Lacandona, sulle tracce degli zapatisti e del subcomandante Marcos.
Si sposta nelle fogne di Bucarest con il clown Miloud e insegna a bambini già tossicodipendenti a fare i giocolieri.
E' in Birmania durante lo sterminio della minoranza etnica Karen, tra i massacri di Timor Est e le sofferenze degli uomini nel lebbrosario di Kalaupapa, nelle isole Hawai.
Baldoni mangia riso e ranocchi con la portavoce dei ribelli birmani Aye Aye Khing, si perde nella giungla tailandese alla ricerca dei Fratelli Htoo, i gemelli di dodici anni che guidano il cosiddetto Esercito di Dio.
In Colombia raggiunge uno dei principali campi dei guerriglieri delle Farc.
Baldoni intervista una comandante sul cui capo pende una taglia di un milione di dollari.
Poi viene sequestrato da due ragazzini col mitra e si fa liberare dallo stesso capo militare che ordina la sua cattura.
Nell'estate 2004, Baldoni si reca in Iraq per il settimanale “Diario”.
Vuole vedere, documentare, narrare il dramma della popolazione civile, tutto il dramma di una sporca guerra.
Ma Baldoni è anche un volontario della Croce Rossa.
Insieme all'amico autista e interprete Ghareeb, organizza una missione umanitaria a Najaf, la città santa degli sciiti ormai nelle mani di marines e soldati della guardia nazionale irachena.

segue sotto

viviana vi 26.08.14 07:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

“Bene, ci siamo. Ora vediamo cosa sai fare, vecchio mio. Dietro quest'angolo c'è un carro armato americano. Forse l'equipaggio è nervoso. Forse hanno l'ordine di sparare o forse no, ma noi non lo sappiamo. Non posso togliermi dalla testa quel che è successo all'amico e collega di penna Raffaele Ciriello, ucciso in mezzo alla strada dalla raffica di un mitragliere nervoso quando era di fronte - armato solo di una macchina fotografica - a un Merkava israeliano. Palle fredde. Vediamo che succede.”
Enzo Baldoni, Iraq

viviana vi 26.08.14 07:54| 
 |
Rispondi al commento

Baldoni aveva scritto:
«Vorrei che tutti fossero vestiti con abiti allegri e colorati.Vorrei che,per non più di 30 minuti complessivi,mia moglie,i miei figli,i miei fratelli e miei amici più stretti tracciassero un breve ritratto del caro estinto,coi mezzi che credono:lettera,ricordo,audiovisivo,canzone, poesia,satira,epigramma,haiku.Ci saranno alcune parole tabù che assolutamente non dovranno essere pronunciate:dolore,perdita,vuoto incolmabile, padre affettuoso,sposo esemplare,valle di lacrime,non lo dimenticheremo mai,inconsolabile, il mondo è un po’ più freddo,sono sempre i migliori che se ne vanno e poi tutti gli eufemismi come si è spento,è scomparso,ci ha lasciati.Il ritratto migliore sarà quello che strapperà più risate fra il pubblico.Quindi dateci dentro e non risparmiatemi.Tanto non avrete mai veramente idea di tutto quello che ho combinato.Poi una tenda si scosterà e apparirà un buffet con vino,panini e paninetti,tartine, dolci,pasta al forno,risotti,birra,salsicce e tutto quel che volete.Vorrei l’orchestra degli Unza,gli zingari di Milano,che cominci a suonare musiche allegre,violini e sax e fisarmoniche.Non mi dispiacerebbe se la gente si mettesse a ballare.Voglio che ognuno versi una goccia di vino sulla bara,checcazzo,mica tutto a voi,in fondo sono io che pago,datene un po’ anche a me. Voglio che si rida–avete notato? Ai funerali si finisce sempre per ridere:è naturale,la vita prende il sopravvento sulla morte.E si fumi tranquillamente tutto ciò che si vuole.Non mi dispiacerebbe se nascessero nuovi amori.Una sveltina su un soppalco defilato non la considerei un’offesa alla morte,bensì un’offerta alla vita.Verso le 8 o le 9,senza tante cerimonie,la mia bara venga portata via in punta di piedi e avviata al crematorio,mentre la musica e la festa continueranno fino a notte inoltrata. Le mie ceneri in mare,direi.Ma fate voi,cazzo mi frega.Basta che non facciate come nel Grande Lebowski.»
Tribut

viviana vi 26.08.14 07:50| 
 |
Rispondi al commento

Gennaro Carotenuto

C’è un momento nel quale vieni lasciato solo e ti ritrovi isolato da un momento all’altro perché quelli che applaudivano, che ti dicevano bravo, quelli che erano d’accordo con te dalla prima all’ultima parola, quelli per i quali eri un punto di riferimento, sono semplicemente tornati alle loro vite.
C’è un momento nel quale mille parlano e sembra un coro e un altro nel quale solo tu ti scopri consequenziale con quelle parole. C’è un momento nel quale quella tua voce non la sente più nessuno e tu resti lì col tuo coraggio, con la tua vita, con i tuoi ideali, come una fotografia già scolorita. C’è un momento nel quale quel tuo “restiamo umani” agli altri sembra solo uno slogan. E’ quello il momento nel quale paghi, paghi amaramente, paghi tutto.
Paghi il peccato di essere più avanti, paghi il peccato dell’incomprensione e della calunnia, paghi il peccato che gli altri, chiunque siano questi altri, non siano più in grado di capire che ci fai lì, perché sei ancora lì, perché ti ostini a testimoniare con la tua vita che quello che ieri importava a cento oggi sia una ragione di vita per te solo.
Paghi il dire e il fare. Paghi che tu sia scomodo a Sparta come a Troia, paghi che a qualcuno tu convenga più morto che vivo, paghi l’esposizione all’estremismo.
Vittorio come Enzo Baldoni nelle strade irachene, ma perché no, come Peppino Impastato, o perfino come Ernesto Guevara. Un passo più avanti, in basso e dal basso, con i palestinesi, con gli iracheni, per la pace, contro le mafie. C’è spesso un momento nel quale tutti spariscono. E allora per te diventa tutto buio.

viviana vi 26.08.14 07:45| 
 |
Rispondi al commento

Incombono uomini senza luce
impossibile vederli come capi
se il capo è colui che ti guida nel buio.
Là dove tutte le strade si sono ritorte
e i passi non trovano il cammino
guidati da false leggi
nella polvere degli dei infranti
siamo incerti e confusi
aggrappati a piccole cose
non vediamo oltre la nostra impronta
e il cielo si vuota di stelle.
La nostra ombra ormai è così grande
che ha divorato la notte
l’oceano sembra inghiottirci
in un abisso di cose buie
la materia ha intrappolato
le nostre piccole mani
occorre aprirle e scuoterle
e tenerle ben aperte al mondo.
La mappa è tracciata eppure
non sappiamo leggervi il futuro.
Ma abbiamo in tasca una piccola luce
è la nostra sola speranza
se potessimo mostrarla tutti insieme
l’oscurità si farebbe leggera
prendendoci tutti per mano
ritroveremmo il cammino.

viviana vi 26.08.14 07:37| 
 |
Rispondi al commento

E CI DIRANNO
………..
e ci diranno che sono tornati
Enzo Baldoni, Margaret Hassan,
Rachel Corrie, de Mello, Arrigoni…
li vedremo arrivare di lontano
sorridenti
e dietro avranno i marines,
gli imam, i poveri cristi e i poveri islamici,
gli iracheni della guardia,
i pretoriani di Saddham, i carcerieri
di Abu Graib e le loro vittime,
i mercenari di Gheddafi,
i torturatori americani,
i ragazzini di Rafah, i sacerdoti
della chiesa della liberazione,
i sen terra, le vittime delle corporazioni,
le donne in burka bombardate
nelle loro povere case, i combattenti
inglesi, iracheni, i giovani ebrei
che ballavano nella discoteca,
i kamikaze palestinesi, i bambini dell’autobus,
la famiglia al posto di blocco,
Quattrocchi con Annalena Tonelli,
il morto nelle miniere cinesi
insieme all’anarchico attentatore,
tutti insieme per mano
li vedremo arrivare sorridenti
e saranno come nuovi
con occhi nuovi
e cuore nuovo
e così uguali finalmente
e saranno amici come l’uomo
è amico all’uomo
come l’uomo non è mai stato
amico a se stesso
torneranno per spiegarci
la differenza tra il bene il male
ma come si fa coi bambini
senza sgridarci troppo
piano piano con amore
con infinita dolcezza
sorridente
ci insegneranno quello che
non avevamo capito
e ci aiuteranno a fare meglio quello che
non abbiamo ancora fatto.

viviana vi 26.08.14 07:35| 
 |
Rispondi al commento

Dieci anni fa la morte di Baldoni

Per Baldoni

Sta’ quieto, uomo
Sta’ nel tuo angolo
e ubbidisci ai comandi
che ti danno
ascolta
le notizie che ti dicono
credi
le verità che ti hanno scelto
Il mondo è la cosa quadrata
messa in piedi
non da te
come seggio
non per te
Non scalare
il mistero
Non aprire
le porte
chiuse
Non voler
sapere
e far sapere
La massima colpa è la verità
Il più grande reato la ricerca
delle cose che sono
per come sono
Sta quieto, uomo
o la tua curiosità umana
sarà punita
e copriranno di polvere
la tua vita.
..

viviana vi 26.08.14 07:34| 
 |
Rispondi al commento

Il peggior analfabeta è l’analfabeta politico
Egli non sente, non parla, né s’interessa
degli avvenimenti politici.
Egli non sa che il costo della vita,
il prezzo dei fagioli
del pesce, della farina, dell’affitto
delle scarpe e delle medicine
dipendono dalle decisioni politiche.

L’analfabeta politico è così somaro
che si vanta e si gonfia il petto
dicendo che odia la politica.
Non sa l’imbecille che
dalla sua ignoranza politica nasce la prostituta,
il bambino abbandonato, l’assaltante
e il peggiore di tutti i banditi
che è il politico imbroglione,
il mafioso, il corrotto,
il lacchè delle imprese nazionali e multinazionali

(Brecht)

viviana vi 26.08.14 07:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

OT.
Il commento di Mentana nel tg7 di ieri sera sul post "Stop alla disinformazione…" è iniziato evidenziando come da tempo i media abbiano colpito duro e ingiustamente il M5S ma, ha aggiunto senza neppure la pausa per respirare, il M5S in questo caso ha fatto ancora peggio e si è richiamato all'editto bulgaro. Non si fa, ha detto con molta enfasi, non si fa. Fine del commento.
Per l'editto bulgaro siamo tutti d'accordo ma per l'interrogazione con richiesta di seri provvedimenti nei riguardi di alcuni cosiddetti giornalisti? Mi sarebbe piaciuto sentirgli dire perché ma non poteva perché altrimenti, a cosa gli sarebbe servito rendere sovrapponibili due situazioni completamente diverse, di cui una sola esecrabile?

Per prima cosa, chi si è levato contro l'editto bulgaro? E' stato respinto unanimemente ? Sono ritornati in Rai tutti i giornalisti e gli autori sbattuti fuori? Eppure non avevano falsificato notizie ma solo espresso le loro opinioni senza distorcere fatti, professionalità sgraditissima e non funzionale alla politica dal supernano. Infatti rincretinire gli italiani è riuscito meglio con le 3 reti "pubbliche" nello stesso paniere delle 3 private! E con che zelo i "professionisti dell'informazione pubblica" si sono adeguati all'input per una nuova linea comportamentale!

Nel caso emerso oggi, dal rincretinire gli italiani si è passati a dar loro e a milioni di elettori del M5S una bella prova di come "ti tolgo di mezzo l'opposizione".
Nel "giornalismo" che il M5S mette sotto accusa c'è DOLO, nessuna opinione, nessuna professionalità (a cui Mentana purtroppo sta contribuendo). Se almeno la smettesse di tentare lo slalom sul cemento! Non si fa, non riesce e poi lo stridore degli sci è insopportabile.


L'informazione pubblica non esiste. Ha cambiato genere. E' strumento di plagio a disposizione di privati ( i partiti, detti anche UNICO) ad uso e abuso dei telespettatori, gli stessi obbligati anche a pagarne le spese. Cornuti e Mazziati.

maria s., ancona Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 26.08.14 04:35| 
 |
Rispondi al commento

Forza M5S

Notizie informatiche Commentatore certificato 26.08.14 02:11| 
 |
Rispondi al commento

buonasera blog e qui caffè a 5 Stelle!!!

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 26.08.14 01:39| 
 |
Rispondi al commento

O.T. da sfasciacarrozze!

Dal Post:
Il Giornalista (con la G maiuscola) del giorno: Fabio Scacciavillani.
In data 25.08.2014, ore 22:39.

"Grillo vai tu affanculo, siete dei venduti e pure doppiogiochisti
PS voglio che quanto prima venga cancellata la mia iscrizione al M5S,
per favore qualcuno dello staff mi informi su come devo fare.".
Massimiliano Monopoli.

E questo era pure super-certificato;
gli mancava solo l'ultimo scudetto blù!!!

Incredibile!

Ernesto - La Habana Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 26.08.14 01:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'importante sono i risultati che possano beneficiare le persone con disabilità, non importa se uno si inserisce in un contesto normale o due che fanno sport, non sono i piccoli numeri che fanno la differenza ma lo stile di vita da adottare, l'esempio che si può dare ad altri per continuare a vivere in maniera decente.
Anche io mi occupo di disabili da oltre dieci anni facendo tutto questo in maniera gratuita al 100%, offrendo il mio tempo, le mie energie e la mia capacità organizzativa. Mi sono sempre rivolte a chi stava indietro, disabili extracomunitari, disabili emarginati e disabili che non accettavano il loro handicap, ebbene tutti sono riusciti ad esprimersi, nel mio caso attraverso lo sport, ottenendo risultati eccellenti, come vincite di campionati, convocazioni nelle nazionali e soprattutto recupero psicofisico, evitando tra l'altro di gravare sul sistema sanitario. Da ognuno di loro non ho mai chiesto nulla, guardandoli negli occhi vedevo giorno dopo giorno la felicità di vivere e sentirsi come gli altri, nonostante questi "altri" ancora oggi non comprendono quante difficoltà essi possono vivere nella quotidianità, entrare in un edificio con le barriere architettoniche, salire le scale con il culo e tirarsi sui gradini da soli la carrozzina perché l'ATER o la INA CASA o la GESCAL o i comuni interessati non vedono o non vogliono vedere che intervenire con un servo scale si alza il livello di civiltà. Grazie a Beppe che dai la possibilità del Passaparola a chi si occupa del sociale.

Carlo Maiello Commentatore certificato 26.08.14 01:13| 
 |
Rispondi al commento

Take what you want
But just what you need
For survival
-----------

https://www.youtube.com/watch?v=dog4BcCOkkg

Arjuna , U r a n o Commentatore certificato 26.08.14 01:02| 
 |
Rispondi al commento

C’è una doppia difficoltà:l’ignoranza in cui ci imprigioniamo da soli e l’ignoranza che subiamo dagli altri.ambedue ci tolgono la libertà.ma la seconda ci toglie una cosa ancora più preziosa. La consapevolezza di essere soltanto

latizia .., roma Commentatore certificato 26.08.14 00:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Una quindicina d’anni fa, quando vivevo a Milano, sono entrata in contatto con Alatha grazie alla rivista dell’associazione. E’ stata una breve collaborazione, se ricordo bene anche finalizzata alla ricerca di donazioni, e oggi, grazie a questo Passaparola è un vero piacere riscoprire la loro realtá e vedere che il progetto va avanti con successo. Anche pubblicare una rivista come Città Ideale, ex Citthability, è, in un certo senso, giornalismo con la G maiuscola.

Francesca B., Ovada Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 26.08.14 00:34| 
 |
Rispondi al commento

Esimio Weber mi permetta:

Steve Vai:
"Qualcuno sostiene che io sia un musicista diabolico.
Non è vero, ma se mi provocate posso diventare una bestia".
"La tecnica non è nulla se non senti dentro di te la 'vocina' che ti ispira"

https://www.youtube.com/watch?v=TEnzdp71U78

Saludos.

Ernesto - La Habana Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 26.08.14 00:18| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno dovrebbe spiegare quale attinenza ha questo articolo con il blog del M5S.
Di queste storie ne potete raccogliere a migliaia, ma a chi le raccontiamo? A Renzi, a Berlusconi o ai precari e ai disoccupati o dobbiamo fare richieste di donazioni ai pentastellati? Per chi li avete presi, per benestanti disposti alla beneficenza?
Abbiamo esurito gli argomenti politici, le giornate VFDay e i tsunami tour?
Ci accontentiamo di 30 commenti?
Il movi/mento è diventato un fermo/mento"?
Ci stiamo prendendo un periodo di riposo mentre Renzi percorre il mondo in lungo e in largo?
O siamo caduti in letargo?

mimi terlizzese, bari Commentatore certificato 25.08.14 23:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

OT

@le muflon miserable.....


La meravigliosa voce di una Fender “Stratocast” nelle mani di Eddi van Halen, solo per palati sopraffini.... “secondo” solo al grande Hendrix.


https://www.youtube.com/watch?v=z_lwocmL9dQ

Serena Notte a tutti.

Max Weber, Roma Commentatore certificato 25.08.14 23:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quindi son io che mi scuso

Rosa Anna 25.08.14 23:28| 
 |
Rispondi al commento

Mi dispiace, oggi volevo solamente ironizzare
sulla informazione dei tg
Ieri eravamo un gradino molto più alto
a questo mi riferivo con i voli

Rosa Anna 25.08.14 23:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un minuto
Un ora, tre ore
Com'è la pubblicità ?
Poi però mettono nel paniere del pil
Armi e munizioni !

Rosa Anna 25.08.14 23:05| 
 |
Rispondi al commento

OT

VOLI PINDARICI DI IERI NOTTE.


Per Tutti, in particolare per Rosa Anna ore 14:52


In riferimento al mio commento di ieri, vorrei significarle che lo stesso è stato scritto come forma di interazione e confronto, non vorrei pensare che Lei lo abbia valutato come una prevaricazione personale, se così fosse, ciò mi dispiacerebbe, perchè non era mia intenzione.

Ieri si parlava di Verità e Certezza, il suo commento di oggi riguarda invece l'Opinione. Lei citando Wikipedia, dà un ottima esposizione che io vorrei integrare con l'ausilio della mia pur limitata conoscenza. L'Opinione è un giudizio che può essere considerato vero da colui che lo formula, ma non costituisce una conoscenza autentica, in quanto non fornisce garanzie circa la propria validità. Come lei ha precisato, in ambito filosofico si hanno due significati non nettamente distinguibili, da un lato la vera e propria congettura, esposta comunque a confutazione, dall'altro, quello della conoscenza arbitraria infondata, incline ad essere spacciata per vero sapere.

Quindi potremmo dire, e qui mi rifaccio al pensiero di Parmenide, che l'Opinione sia una forma di apparenza contrapposta alla verità. In virtù del suo carattere soggettivo che non le permette di avere un consenso universale, l'opinione è stata spesso assimilata al pregiuzio e considerata imprescindibile nello stadio prescientifico del conoscere.

Per meglio comprendere la differenza con la Certezza e la Verità, prendo ad esempio il commento che lei ha esposto oggi, potendo affermare che:
OPINARE SIGNIFICA ATTENERSI ALLE PROPRIE CONVINZIONI PERSONALI, AL PROPRIO MODO DI PENSARE, IN CONTRASTO CON IL PENSARE DEGLI ALTRI E CON LO STATO OGGETTIVO DELLE COSE.

La Certezza soggettiva di un fatto, derivante dalla sua conoscenza certa, diviene Verità soggettiva, perchè riferita all'Essenza del fatto stesso.

Esprimere un'Opinione su una Verità, NON è la stessa cosa avere la Certezza di quella Verità.

Tanto Le dovevo.

Cordialità.

Max Weber, Roma Commentatore certificato 25.08.14 22:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

COOPERATIVE SOCIALI ONLUS.

Quando ci metti l'amore le cose riescono.

CIVIC COMPANY COMUNALI...ONLUS.

Se nom hanno un aspetto "sociale" le civic company, chi dovrebbe avercelo, servono a far lavorare i disoccupati e magari a fare servizi socialmente utili.

Possibile che si aspetta sempre che la manna scenda dal cielo?

Andargli incontro, al lavoro, mai vero?

Fare una Onlus con dieci persone che aiutano i disabili, e offrirla dove non esiste, è sbagliato?

Inventori, navigatori e santi, per i santi non mi pronuncio, di poeti tanti, ma gli ineventori dove sono finiti, possibile che Leonardo e Dante siano ridotti alla sola "carta igienica"?

Inventiamocelo da soli il lavoro, pensiamo a un lavoro di cittadinanza, è più "digeribile" di reddito.

Buona notte gentaccia chattarola, pedaliamo che la ferrari a spinta cammina una cifra, avoja!

Arrivederci e grazie.

Nando da Roma.


Nando Meliconi (in arte "l'americano"), roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 25.08.14 22:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

¡¡¡HOLA Mov✩✩✩✩✩ & p.c. Base!!!

SECONDO ME.

DATI ISTAT - 11/07/2013

Sono 301.191 le istituzioni onlus/non profit attive in Italia.

Semplice dimostrazione di quanto è incapace (definizione per gli ingenui)
la "macchina" (pubblica) dello Stato ytagly-ano
e pure dei paesi + avanzati (esempio: USA = 2,6 milioni di onlus/no profit).

Fonti reperibili in WorldWideWeb.

Le onlus/no profit esistono per il semplice fatto che
le risorse pubbliche statali non sono + esigibili
a favore della gente, in un sistema delinquenziale.

Hasta pronto.

Ernesto - La Habana Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 25.08.14 22:22| 
 |
Rispondi al commento

Conosciamo bene cosa sia la SOLIDARIETA.
Ogni giorno decine di richieste di aiuto.
Stesso la mia attività artigianale è diventata un rifugio di sopravvivenza.
Per l'opera che svolgo debbo fare un appello anche io???
Non essendo in grado di aiutare tutti chiedo e mando l'iban dell'azienda???
Sicuramente NO.
Voglio,non desidero,VOGLIO e lotterò sino allo sfinimento per l'applicazione del programma del m5s.
Tempo fa lessi sul blog delle previsioni che qualcuno aveva fatto per far ripartire il fare e ci rimandava al 2017-18,con tutto il cuore speravo che si sbagliavano per che sarebbe stato insostenibile per la maggior parte di noi.
Oggi nuovamente la voce dell'alieno riparla di 1000 giorni,come da loro programma.
Mi rivolgo a tutti noi.
LA SOLIDARIETA NON BASTA PIU.
Basta con l'immobilismo,il passaparola non basta.
L'unione fa la forza.
Arrivare al cuore di questi alieni non è possibile cuore non hanno.
Proviamo con l'udito,togliamogli il sonno,come i gatti in amore la notte che miagolano noi a miagolare sotto le loro case,ho sete,ho fame,ho freddo,un rifugio per dormire,dammi da fare,è chi più ne ha più ne metta.
A chi ha sempre detto che il fare dobbiamo inventarcelo,rispondo,LIBERAMI DA QUESTE CATENE e ti disseto ti sfamo ti do un posto dove riposare e riposato ti darò da fare.

salvatore castellano Commentatore certificato 25.08.14 22:08| 
 |
Rispondi al commento

Io sarei anche disposta a contribuire ma, la volta scorsa, per inviare 10 euro a "un doblo' per totò"(a proposito hanno raggiunto la somma? non si è saputo più niente), le poste mi hanno fatto pagare 6 euro di commissione, vi sembra normale? Fate in modo che si possa inviare "qualcosa" tramite SMS, così è più facile per tutti. Sono d'accordo con chi si lamenta che lo stato non fa niente e noi dobbiamo contribuire per "questo e per quello", però quando la richiesta viene dal blog, io mi sento più sicura che i soldi arrivino alle persone giuste. Tutte le altre richieste non le prendo neanche in considerazione.

alfonsina p. Commentatore certificato 25.08.14 22:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://www.tzetze.it/2014/08/renzis_anatomy/

franca s. Commentatore certificato 25.08.14 21:17| 
 |
Rispondi al commento

Ricordate la Missione Arcobaleno? Si vedevano i volontari, in buona fede, con tanto di giubbottino fosforescente, fuori dai supermercati a reperire cibo per inviare alle popolazioni non ricordo se della ex Jugoslavia o dell'Albania che, colpite dalla guerra, morivano di fame. Poi si scoprì che le derrate alimentari non andavano a chi aveva fame, ma venivano stoccate in grandi capannoni e suddivisi fra le varie mafie che ci lucravano alla grande.
Poi c'è la ricerca sul cancro che chiede soldi in continuazione, ma se vai a farti visitare dal compagno Veronesi devi sborsare un migliaio di euro, se poi vuoi essere operato subito, devi andare nella struttura privata che, se aspetti il posto letto nell'ospedale pubblico muori prima della data fissata.
E poi migliaia di associazioni cosiddette Onlus che fanno beneficienza. E poi tutte le richieste tramite invio di SMS con il cellulare. Poi c'e la vendita di fiori e frutta per le varierie malattie. E poi c'è la maratona Telethon. E i "poveri" rom ai semafori con la mano tesa a chiedere l'elemosina dove li mettiamo? E il 5 per mille alla ricchissima Chiesa Cattolica? E i bambini adottati a distanza?
A dar retta a tutti non basterebbe uno stipendio.
Questo non è un paese normale, è un paese di ladri e di traditori, come del resto ci considerano in tutta Europa ma, oserei dire, nel mondo.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato 25.08.14 20:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

O.T.
“I supplenti non saranno eliminati fisicamente” Ma che caxxo di espressioni sono queste? Ma si rendono conto questi pezzi di merde di quello che dicono? Figuriamoci se possono capire quello che fanno!
E ci mancherebbe pure eliminarli fisicamente oltre che moralmente ed economicamente, così finalmente daremo fuoco a quel palazzo e vi faremmo tutti arrosto, brutti stronzi!
Ma si rendono conto quelli che gli hanno dato il voto che cazzata hanno fatto? Sarebbe stato meglio se avessero perso la mano prima di mettere quella X idioti!
Non bastavano le parole di quel figlio di puttana nei confronti degli operai Fiat della Serbia che protestano perché pagati 300 euro al mese, “non vengono frustati e non hanno le manette ai polsi” Mortacci sua di quella chiavica che ruba miliardi alla classe lavoratrice.
Dovrebbe fare la fine della porchetta di Ariccia!


ma che ce frega?

il pirla di Fiorello invita il pirla dell'ebetino a tirarsi secchiate d'acqua e si condividono

e qui si cazzeggia...

ma buttiamoci una secchiata d'acqua sopra! a costo zero...

psichiatria. 1 25.08.14 20:33| 
 |
Rispondi al commento

In un paese normale dovrebbe essere lo Stato a pensare alle fasce più deboli e non le associazioni che sono soltanto una goccia nel mare.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato 25.08.14 20:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

odontoiatria sociale. suona bene. la faceva "ya basta" in messico, gratis pe l'indigeni. fa piacere che qualcuno la faccia in Italie. i dentisti che ho incontrato io non la facevano. erano più impegnati a fa li sordi caa a maschera. tanti auguri.

Sandro ., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 25.08.14 20:16| 
 |
Rispondi al commento

Che tristezza ! Questo post spiega più efficacemente di un libro di mille pagine come è ridotto il nostro Paese . La spesa per la sanità dell'Italia è una delle più care al mondo e dovrebbe assicurarci tutte le cure e assistenze possibili , invece abbiamo le peggiori dei Paesi industrializzati , la corruzione dilaga e imperversa anche in questo settore quanto e più che negli altri ! Ospedali fatiscenti e strutture obsolete non mancano , ogni posto letto costa 800 euro al giorno , medicine e materiale sanitario spariscono giornalmente , costi diversi per lo stesso prodotto , e tanto altro che ben conosciamo . Onlus come questa sorgono come i funghi per colmare i vuoti provocati dagli enormi ladrocini , ovunque è un fiorire di appelli per il finanziamento privato di queste organizzazioni benemerite , con qualche eccezione . E' ora che si mettano a posto le cose , è ora che si applichi il primariometro !


IOSTOCONSOFIA IOSTOCONSOFIA IOSTOCONSOFIA IOSTOCONSOFIA IOSTOCONSOFIA IOSTOCONSOFIA
IOSTOCONSOFIA IOSTOCONSOFIA IOSTOCONSOFIA IOSTOCONSOFIA IOSTOCONSOFIA IOSTOCONSOFIA
IOSTOCONSOFIA IOSTOCONSOFIA IOSTOCONSOFIA IOSTOCONSOFIA IOSTOCONSOFIA IOSTOCONSOFIA
IOSTOCONSOFIA IOSTOCONSOFIA IOSTOCONSOFIA IOSTOCONSOFIA IOSTOCONSOFIA IOSTOCONSOFIA
SOLIDARIETA AI GENITORI DI SOFIA.
LIBERO ACCESSO ALLE CURE CON LE STAMINALI PER SOFIA

mario futuro, bologna Commentatore certificato 25.08.14 19:40| 
 |
Rispondi al commento

ma veramente si parlava de sordi no di sordi. vavè...

fat32 25.08.14 18:52| 
 |
Rispondi al commento

IO HO UNA DISABILITA' DEL 16% SULLA MANO SINISTRA,ALTHA POTREBBE AIUTARMI A REISERIRMI SUL MONDO DEL LAVORO,ANCHE COME TRASPORTO,MA PULTROPPO E' UN PO' DISTANTE DA DOVE ABITO

alvise fossa 25.08.14 18:40| 
 |
Rispondi al commento

📩
👧
🎷
:))

Arjuna , U r a n o Commentatore certificato 25.08.14 18:20| 
 |
Rispondi al commento

https://www.facebook.com/photo.php?v=1478316485750092&fref=nf Fate circolare questo video è la fotografia del valore dei nostri politici. VERGOGNA!!!

Ivano A. Commentatore certificato 25.08.14 18:09| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori