Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

I media di regime contro la banda larga

  • 28


media_di_regime.jpg

"La mai partita banda larga in Italia serve proprio a tenere in piedi i media di regime, che rincoglioniscono i pochi telespettatori rimasti. Ma chi la vede la Raiuno di queste settimane? Fa gli stessi programmi che faceva quando andavo alle elementari negli anni settanta. Al governo ci sono le stesse facce da culo democristiane, e a Raiuno gli stessi programmi analfabeti fatti da democristiani. Ormai in Italia i democristiani esistono solo al governo ed a Raiuno. Ma vaffanculo, a questi ex chierichetti che hanno fatto carriera vendendo il didietro ai prelati." mario genovesi

8 Set 2014, 10:12 | Scrivi | Commenti (28) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 28


Tags: banda larga, DC, democristiani, Italia, media di regime, RAI, tv

Commenti

 

Grazie M5S

Notizie informatiche Commentatore certificato 12.09.14 15:23| 
 |
Rispondi al commento

Vi consiglio questo film Zeitgest Addendum http://bit.ly/YsWdzd


E' un film insdipendente.
Ovviamente è un'interpretazione di ciò che ci sta accadendo. A me ha fatto riflettere.

Ciao da Andrea

Andrea

Andrea Avena 09.09.14 12:30| 
 |
Rispondi al commento

Evviva una TV 5stelle
Ma penso che qualcuno dovrebbe ogni tAnto partecipare a qualche progrAmma tanto per.smentire in diretta vedi come ha fatto ieri Travaglio dalla Gruber altrimenti se i conduttori sono di parte nn ne caviamo il ragno.dal buco....

Francesca franzettj 09.09.14 10:47| 
 |
Rispondi al commento

Il problema della banda larga è molto più articolato di quanto semplicisticamente illustrato nel post. E' legato ad investimenti che tutti chiedono ma nessuno fa, è legato a legislazioni carenti che non tutelano chi investe, è legato a veti, anche politici, incrociati tra loro. Semplificare troppo non aiuta ad affrontare il problema. Occorrono leggi chiare e durature nel tempo se vogliamo che qualcuno si decida ad investire. Sarebbe bello lo facesse lo stato ma lo stato che abbiamo lo conosciamo tutti. Almeno lo stato facesse la sua parte di favorire questo sviluppo, da tutti chiesto ma, come dicevo, da molti ostacolato e, il principale di questi ostacoli non sono le televisioni (che, va detto, avrebbero tutto l'interesse a diffondere i loro contenuti sul web in quanto i costi sarebbero nettamente minori di quelli attuali) ma lo stato.

Bruno Lorenzini, Pordenone Commentatore certificato 09.09.14 08:51| 
 |
Rispondi al commento

Fino al mio "ultimo respiro" TV a 5 Stelle!!!! Entrare nelle case degli "italiani" con la giusta informazione e altro.... perchè ancora ci vorrà almeno un'altra "generazione" affinchè tutti imparino a "navigare"! E il "popolo" non ha più tempo.......

Alfia Sanfilippo 09.09.14 08:39| 
 |
Rispondi al commento

Sono per l'informazione dai beppe facciamo una TV a cinque stelle. Sono convinto che non ci fermeranno più.

giovanni aprile 09.09.14 07:54| 
 |
Rispondi al commento

Facciamo una TV 5 stelle che non parli solo di politica, e che proietti le realtà che girano in rete...Beppe 2 milioni di € all'anno di affitto con 87% di copertura nazionale. Con 1 € a testa di donazioni si può fare. Abbiamo uno zoccolo duro da 5 milioni di elettori !!! Facciamolo bene il botto Beppe :)

fausto govoni, ferrara Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 08.09.14 22:40| 
 |
Rispondi al commento

Ma che articolo di m...a. Ma se e' vero che viene boicottata la banda larga , dimostratelo e se riuscite a farlo comunicate anche chi l'ha fatto. Altrimenti un articolo che spara a zero senza documenti e prove non ha neanche motivo di essere letto. Questa propaganda inutile e allarmista non giova al movimento.

Simone Alberini 08.09.14 19:27| 
 |
Rispondi al commento

ASSOLUTAMENTE D'ACCORDO CON IL POST

alvise fossa 08.09.14 17:12| 
 |
Rispondi al commento

Semplicemente...grande!

massimo f., milanosudest Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 08.09.14 15:15| 
 |
Rispondi al commento

Aspiriamo tutti alla BANDA LARGA, ci sono zone del Paese ove manca ancora LA BANDA STRETTA. Per navigare i questi luoghi, molti ricorrono al segnale via etere facendo "campare" altre società.

Giorgio Modica 08.09.14 15:13| 
 |
Rispondi al commento

La cosa più semplice,
non ci danno la banda larga, ok,
FACCIAMO ANCHE NOI UNA TIVI PER INFORMARE TUTTI DI PIU'.

Ca..o Beppe, suona la sveglia
ai tuoi esperti di comunicazione...
pasquino

Nico F. Commentatore certificato 08.09.14 15:01| 
 |
Rispondi al commento

Caro Mario,
condivido in pieno. Se permetti, vorrei aggiungere che il ritardo della banda larga serve ad impedire approvvigionamenti diversi dalle grandi distribuzioni con la conseguente stagnazione dell'e-commerce nazionale di merci e servizi.
Per quanto riguarda RaiUno, basti il fatto che oggi, lunedì 8, il TG1 delle 13.30 come primo servizio ci ha propinato le suore assassinate in Burundi... cos'altro di può dire?
Purtroppo, in questo Paese, ognuno pensa al proprio orticello; è l'unico in cui non siano mai avvenute Rivoluzioni illuminate e dove non esiste una vera e propria identità nazionale, frazionato ed isolato com'è in ridenti paesetti che, fino a pochi secoli fa, se le suonavano a colpi di alabarde e olio bollente.
Il povero D'Azeglio ha lasciato l'opera a metà: agli Italiani poi non ci ha pensato proprio più nessuno.

ilcaropiero 08.09.14 14:27| 
 |
Rispondi al commento

La fibra ottica ce l'hanno in tutti i paesi del mondo , siamo rimasti indietro noi e il Burundy. Questa è dittatura moderna e ben tollerata dai più coglioni che sono ormai veramente pochi basta pensare a quanta gente non è andata a votare, il partito di maggiiranza alle prossime saranno gli astenzionisti

elenabigazzi 08.09.14 14:23| 
 |
Rispondi al commento

Concordo con Mario, i demoscristiani non sono mai spariti nè si sono mai convertiti intellettualmente, tuttora rappresentano la garanzia che lo status quo verrà procrastinato in eterno, che i privileggi acquisiti e gli scambi di favore rimarranno inalterati nel tempo a dispetto di ogni crisi economica, crisi da far pagare ai soliti fessi, cioè noi. E insieme a loro ci sono i sinistrorsi e gli ex-coministi, che fanno anche gli spiritosi quando intervengono su questi blog ma tacciono, perchè ne hanno vergogna, di aver visto distrutti gli ideali in cui hanno creduto per una vita. Bene così...

Franco Massignani 08.09.14 14:20| 
 |
Rispondi al commento

Meno informazioni =più regime

lorenzo mauro 08.09.14 13:27| 
 |
Rispondi al commento

Non digitalizzare il paese significa farci perdere qualsiasi tipo di nuove opportunità che nel resto del mondo stanno trainando le economie.Sono ben consapevoli del fatto che vendere internet a peso d'oro , farà solo arricchire multinazionali come Vodafone , wind, tre , e tim tutte in mano a stranieri e non solo , tassati con l'acqua di rose.
mentre noi povero popolo di ignoranti dovremmo per forza guardare le tv di stato private e pubbliche che sono la stessa cosa.
Vorrei dire a Renzi è questo il rinnovamento italiano ? A quei parassiti che sono nelle commissioni , quanti soldi vi hanno dato queste multinazionali per far in modo di avere leggi a mo di vestitini su misura per voi.
Per colpire il M5s questi parassiti stanno togliendo il futuro a noi tutti e specie ai nostri figli disoccupati che non si potranno permettere di pagare 1 giga di internet a 5 euro al mese .
Come possano i giovani trovare le idee per far partire le famose start-up , perchè internet vuol dire LIBERA INFORMAZIONE ed è questo che BERLUSCONI E DE BENEDETTI monopolisti del settore televisivo non vogliono altrimenti i loro giornali con le loro televisioni se le ficcherebbero nel culo .
Qua bisogna mettere a ferro e fuoco Montecitorio il nido dei serpenti , #tagliamolatestaalserpente

GIOVANNI I., Padova Commentatore certificato 08.09.14 13:19| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei sensibilizzare il blog su questo argomento, segnalando quanto segue.
Di recente Radio24 ha intervistato l'A.D. di Interoute SpA, operatore Tlc.
Egli sostiene il cablaggio di tutti gli edifici italiani (case e uffici) come un progetto da avviare a carico del Ministero dello Sviluppo Economico. Costo stimato 20 Mld. La fibra sarebbe così a disposizione di tutti gli operatori.
Se andasse in porto un progetto del genere, tutti avremmo la banda larghissima a disposizione, a costo ridotto, rendendo absolete tutte le altre tecnologie (digitale terrestre, ADSL, ecc....).

Mic.R.

Link: http://www.radio24.ilsole24ore.com/programma/2024/2014-01-25/fibra-ottica-italia-realta-173419.php?idpuntata=gSLAlvNRb&date=2014-01-25

Mic.R. 08.09.14 13:03| 
 |
Rispondi al commento

La banda larga non serve, abbiamo il digitale terrestre.
Chi fece la legge?
Chi fabbricò i decoder?
Chi ha in mano televisioni e governo?
;-)

Daniel S. 08.09.14 12:31| 
 |
Rispondi al commento

Se siamo ultimi in Europa per Fondi stanziati in ricerca,formazione,innovazione. .un motivo ci sarà!infatti dei 41 miliardi di euro stanziati dall'Europa ne abbiamo utilizzati solo 1.5..e la decisione finale sul utilizzo di tali fondi è strutturale ovvero manca una classe politica alla altezza che sappia fare sistema coinvolgendo le varie professionalità ..in Europa aspettano ancora elenco delle scuole a cui dare finanziamento x ristrutturazione ..livello è questo!

giuliano palieri 08.09.14 12:21| 
 |
Rispondi al commento

Si puo' avere un'interrogazione parlamentare sull'abbattimento dell'aereo in Ucraina ? A quanto pare non vogliono rendere noti i risultati dell'inchiesta, i telegiornali occidentali non ne parlano piu' ! http://italian.ruvr.ru/2014_09_02/Giornalista-giapponese-gli-USA-e-l-Ucraina-nascondono-i-dati-sul-crollo-del-Boeing-malese-9628/

marco e., reggio emilia Commentatore certificato 08.09.14 12:20| 
 |
Rispondi al commento

La banda larga è un sogno, mai ce la daranno!

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 08.09.14 11:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Riduci la velocità di comunicazione un popolo per ridurlo in schiavitù, aumenti la velocità di comunicazione di un popolo per renderlo libero.

Federico da Verona Commentatore certificato 08.09.14 11:58| 
 |
Rispondi al commento

Ogni strumento democratico viene inibito, in Italia. Da sempre. Tra i politici e i cittadini c'è sempre e solo un rapporto monetario, a favore sempre e comunque dei primi. Due piccioni con una fava: controllo e soldi in un colpo solo. Senza dimenticare il controllo attraverso i soldi...

antonella nobile 08.09.14 11:54| 
 |
Rispondi al commento

Hai omesso i comunistoidi ipocriti di Sinistra con il portafoglio ben saldo a destra! Se potessero eliminerebbero anche quel poco di Internet che c'è! Sono "democratici"! In questo caso pero' non tirano fuori la storiella: lo chiede l'Europa, che ci considera dei pagliacci!!

l.d. l., BOLZANO Commentatore certificato 08.09.14 11:39| 
 |
Rispondi al commento

Uno dei tanti motivi e' che devono mangiarci sopra e i soldi per il futuro finiscono sempre nelle tasche dei soliti noti e colossi...mentre noi ancora abbiamo i 7 mega a un prezzo assurdo, in Turchia hanno la fibra...rendiamoci conto in Turchia...ho detto tutto

Giovanni Meli, empoli Commentatore certificato 08.09.14 11:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori