Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il maxisconto a RAI e Mediaset pagato dai cittadini

  • 18


sconto_mediaset.jpg

"La riforma del canone per le frequenze televisive, così come si starebbe delineando, va assolutamente bloccata. La proposta dell'Agcom, che va a rimodulare i criteri di calcolo di quanto le emittenti televisive devono versare all'erario per la concessione delle frequenze, andrebbe da un lato a ridurre di gran lunga le entrate per lo Stato e dall'altro a concedere uno sconto consistente ai maggiori operatori del mercato televisivo, come Rai e Mediaset. Con il nuovo modello, nel 2014, lo Stato andrebbe a raccogliere quasi 40 milioni di euro in meno rispetto al 2013. In sette anni si perderebbero circa 130 milioni. Nello stesso periodo, invece, la Rai potrebbe risparmiare più di 100 milioni e Mediaset almeno 80. Questo perché le emittenti non verserebbero più l'1% del fatturato come previsto attualmente, ma sarebbero le società controllate che gestiscono gli impianti di trasmissione (Rai Way per Rai ed Elettronica industriale per Mediaset, per esempio) a pagare un canone di meno di 10 milioni. Nel consiglio dell'Agcom c'è Antonio Martusciello (ex sottosegretario del governo Berlusconi ed ex dirigente Publitalia) che sarebbe favorevole alla riforma, come anche Antonio Preto (ex collaboratore di Tajani e Brunetta) e Francesco Posteraro (eletto in quota Udc). Contrari il Presidente Cardani e il commissario Antonio Nicita. Il risultato del nuovo meccanismo? Se prima a pagare di più erano le emittenti più ricche, adesso saranno le società piccole a dover versare di più. Con potenziali gravi conseguenze per l'accesso di altri operatori nel mercato. Ritengo sia inaccettabile." Roberto Fico, M5S, presidente della Commissione di Vigilanza RAI

Clicca sul banner per fare la tua donazione!

banner_it5s.jpg

TUTTE LE INFORMAZIONI SU ITALIA 5 STELLE:
italia5stelle_.jpg

26 Set 2014, 13:00 | Scrivi | Commenti (18) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 18


Tags: accesso, canone, Fico, frequenze televisive, Mediaset, RAI

Commenti

 

L'Onorevole Gasparri ha annunciato che farà una visita istituzionale presso tutte le scuole medie italiane e dirà alle ragazze che sono brutte, ciccione e drogate e che non troveranno mai un fidanzato. Poi si rivolgerà ai ragazzi e dirà che sono sfigati, imbranati e col pisello piccolo. Chi proverà a lamentarsi riceverà un gavettone di gesso in faccia e sarà pestato, all'uscita della scuola, dai suoi bodyguard. Tre volte di più se sarà Down. Se qualche professore oserà pronunciare la parola "dimissioni" sarà inequivocabilmente "populista e grillino" e dovrà trovare un altro lavoro

Adriano Perrone, Torino Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 24.10.14 12:00| 
 |
Rispondi al commento

Perché queste cose non vengono dette ai telegiornali?
Ma si può vivere sotto dittatura subdola come stiamo vivendo noi!
In Italia facciamo la fila per l'iphone dalla notte precedente e poi non riusciamo a dare un minimo di fastidio a questi delinquenti che ci stanno massacrando e che affliggono con le loro finte tasse da pagare la povera gente.

michel Manzella, Carosino Commentatore certificato 01.10.14 14:51| 
 |
Rispondi al commento

Non molliamo maiiiiiiii

stefano p., Marta Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 28.09.14 14:56| 
 |
Rispondi al commento

Ren...zie e Bee...llusconi due persone??? No un tutt'uno!!!

Giovanna V., Pistoia Commentatore certificato 28.09.14 13:54| 
 |
Rispondi al commento

La solita storia, la solita manfrina di sti finti politici che se fanno i fattacci loro, vergogna!

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 27.09.14 10:44| 
 |
Rispondi al commento

Continuate cosi siete fantastici. Grazie M5S

Consigli computer Commentatore certificato 27.09.14 00:30| 
 |
Rispondi al commento

E ora che i sindacati di polizia sono andati a parlare col condannato per farsi sbloccare gli stipendi, l'avete capita che vi hanno solo usando? Era già successo quando di erano tolti i caschi e cosi magicamente gli arretrati sono stati pagati. Ecco l'ipocrisia totale, ci siete cascati sperando che potessero pensare alla gente e non alla casta, mentre invece pensano solo al loro orticello. Ci rivediamo a suon di manganelli quelli sono certo non mancheranno mai sulla povera gente.

sa-pi 26.09.14 16:30| 
 |
Rispondi al commento

Le frequenze vanno messe all asta anno per aano .
Ci sono una montagna di canali nel digitale terrestre .
Non sono dello stato , ne del governo , ma degli italiani .
ognuno di noi dovrebbe detenere un 60 milionesimo circa di ogni canale tv .
E poterlo vendere liberamente al miglio offerente su base annuale , organizzato piu o meno come l 8 per mille .
E naturalmente intascarsi i soldi come deduzione fiscale .

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 26.09.14 15:55| 
 |
Rispondi al commento

L'ENNESIMO REGALO DEL PD MENO ELLE ALLE TELEVISIONI DI NONNO BERLUSCONI

alvise fossa 26.09.14 15:40| 
 |
Rispondi al commento

Fico,ti prego,battiti per l. Abolizione del canone,gli spettacoli non valgono niente.chi ha una vecchia laurea si sente offeso.

caterina scopelliti 26.09.14 15:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sti gran figli di una massoneria bacascia!!!

Massimiliano F., milano Commentatore certificato 26.09.14 14:52| 
 |
Rispondi al commento

La storia ci insegna che la scesa in campo di un imprenditore in politica ha molto a che fare con gli interessi personali e molto poco a che fare con il desiderio di mettere a disposizione le proprie capacità di successo per l'interesse comune di una nazione
Il patto del nazzareno che di fatto garantisce la maggioranza parlamentare a questo governo prevede, come in ogni accordo tra le parti, una contropartita che ha molto poco a che fare con il senso dello stato dell'imprenditore prestato alla politica e molto a che fare con il futuro delle proprie attività, soggette ad un probabile declino dovuto alle nuove tecnologie emergenti.
In sintesi la tv digitale e satellitare sparirà nei prossimi 10 anni risolvendo di fatto anche il problema delle concessioni

claudio 26.09.14 14:35| 
 |
Rispondi al commento

La mafia non è solo quella con la lupara.
La mafia è anche in gruppo di persone che utilizza il proprio potere in modo illecito oppure a discapito della collettività.
FI è la mafia al potere.

angelo x 26.09.14 14:05| 
 |
Rispondi al commento

I politici italiani sono consapevoli che prima o poi dovranno RINUNCIARE ad una parte dei loro privilegi a ed allora cercano di accantonare il più possibile del denaro, per loro, per i loro famigliari ed amici. Così quando il paese cadrà nel baratro loro si saranno assicurati una RICCA VECCHIAIA.

giordano 26.09.14 13:52| 
 |
Rispondi al commento

E gli italiani (almeno i suoi accoliti e ora anche parte del PD) continuano a dire che Silviuccio è ricco di suo.

vincenzo rosciano, potenza Commentatore certificato 26.09.14 13:46| 
 |
Rispondi al commento

Federalismo territoriale sulle frequenze per le televisioni commerciali e private. Le regioni devono autorizzare la trasmissione delle frequenze televisive , salvaguardando le tv nazionali, e chiedere un percentuale alle aziende che trasmettono per le frequenze e per la pubblicità trasmessa sul territorio. Elementare, Watson!

davide di noia, Torino Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 26.09.14 13:21| 
 |
Rispondi al commento

Si scrive patto del Nazareno, si legge P2 e massoneria al potere

Massimo Lafranconi, Lecco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 26.09.14 13:11| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori