Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La Storia di Qu - Dario Fo

  • 179


La storia di Qu
14:00
dario_fo-storia_di_qu.jpg

E’ chiaro che noi di questa banda di teatranti, sul successo di tutta l’operazione, scommettiamo tutto e, in particolare, scommettiamo che non finisce così con due repliche e via qui al Piccolo... ma che faremo l’impossibile, se ci date una mano, perché si vada avanti riprendendo non fra sei mesi come previsto, ma subito, immediatamente. Come diceva un antico saggio: in teatro chi perde il tram poi va a piedi o peggio in ginocchio. Soprattutto dobbiamo piantarla di dirci preoccupati per i giovani senza futuro, facciamolo adesso questo futuro per i giovani, non dopo, quando è diventato ormai il passato! Dario Fo

[una voce fuori campo annuncia: Signore e signori, Dario Fo!]

Eccomi! Indovinate chi sono! Mi hanno presentato prima che apparissi... per questo mi avete riconosciuto! Infatti questa gabbietta è fatta apposta per cancellare la faccia di chi la calza.

Questo che vedete è un aggeggio mortificante che in Cina nei tempi antichi si imponeva ai condannati al silenzio, in modo che non potessero più esprimere le proprie idee o confutare quelle del potere.
Si chiamava anche gabbietta da morto, in quanto era il segno che chi la calzava avesse poco tempo da vivere ancora: era un condannato al supplizio definitivo, cioè al taglio della testa, ZAC!
Qualcuno di voi si chiederà: ma come mai si tira in ballo in ogni momento la Cina oggi? Ne parlano giornali di Confindustria, riviste di divulgazione culturale... e perfino quotidiani vescovili.
“Ma che sta succedendo?”
“Sta succedendo che entro pochi anni questa enorme nazione classificata fino a poco tempo fa come paese del terzo mondo diventerà la più grande potenza della terra. Tanto per cominciare, è notizia dell’altroieri, la più imponente quotazione in borsa di tutti i tempi non l’ha realizzata un’azienda di New York o della Silicon Valley come al solito, ma una compagnia di Hanghzou, nella provincia dello Zhejiang.
La Cina è oggi fra le più grandi potenze economiche del mondo e si permette di prestare miliardi a tutti il paesi del G8, compresa l’America.
Insomma il mantenimento degli equilibri mondiali in ambito commerciale, industriale e monetario dipende dalla Repubblica Popolare Cinese.
Come mai un simile sconvolgimento?
Beh, ve ne parleremo fra poco.
Ora, senza nostalgie per il tempo passato, voglio ricordarvi di quando io e Franca siamo stati per la prima volta in Cina. Si era a metà degli anni Settanta e Mao Tse Tung era ancora vivo. Io e Franca eravamo affascinati da tutto quello che vedevamo. La Cina ci è apparsa come un enorme popolo di ciclisti, milioni di ciclisti... fin dall’alba tutti andavano in bicicletta: quello era l’unico mezzo di locomozione che quel popolo possedesse.
Ti svegliavi alla mattina, andavi per strada e ti trovavi assalito da fiumi di uomini e donne che pedalavano e suonavano campanelli per non tirarti sotto, DIN DIN DIN!, milioni di campanelli trillanti.
Quando io e Franca andavamo intorno per un piccolo centro la gente del luogo si fermava attonita a guardarla, a guardare Franca naturalmente! Non avevano mai visto una donna al mondo abbigliata con tanta eccentricità: Franca vestiva abiti leggeri dai colori vistosi. Era bionda, anzi biondissima.
E i cinesi chiedevano stupiti ai nostri accompagnatori: “Ma chi è quella signora così sgargiante? Senz’altro dev’essere di una minoranza etnica, vero?”
Anch’io e la mia minoranza etnica eravamo colpiti dallo stupore per tutto quello che incontravamo: città galleggianti sull’acqua, piccole venezie costruite nelle lagune, la grande muraglia che attraversava tutto un continente, migliaia di guerrieri in terracotta a grandezza naturale che facevano la guardia alla salma dell’imperatore defunto dieci secoli prima, spettacoli di acrobati che sembravano volare davvero nell’aria, flotte di navi con vele di canna intrecciata che viaggiavano su laghi d’acqua nera.
Ma la cosa che ci coinvolse maggiormente fu la scoperta di Lu Xun, lo scrittore poeta amato da Mao Tse Tung che di fatto inventò una scrittura che permettesse a una massa enorme di gente analfabeta, milioni, di scrivere e leggere. Questa scrittura si chiamava semplificata, cioè l’alfabeto non era più quello ridondante e inaccessibile delle classi dominanti ma un sistema di segni che anche un bambino poteva apprendere. E, soprattutto, il linguaggio non era quello di una grande città come Pechino ma il dialetto di una regione molto vasta popolata da gente povera e umile, lo Zhejiang (a Sud di Shanghai e che costeggia l’oceano Pacifico) che è proprio lo stesso distretto dove è sorta la città di Hanghzou quella che, come vi abbiamo detto, oggi ospita l’organizzazione con le azioni più quotate nel mondo.
Si trattava di un immenso territorio ricco di tradizioni popolari.
In questa lingua, Lu Xun ha scritto una grande quantità di racconti, anch’essi tratti dalla tradizione popolare e, fra questi, m’é capitato il colpo veramente di fortuna di potermi leggere in italiano la storia di Qu o Qiu che sta andando in scena qui a Milano al Piccolo Teatro. Naturalmente tratta di personaggi epici della Cina, del tempo in cui nascono i primi movimenti rivoluzionari, nei primi venti anni del Novecento. Storie quasi assurde e cariche di fantasticherie che però stranamente nessuno ha mai pensato di sceneggiare per poi trarne una commedia comica e tragica insieme, come sarebbe stato auspicabile. Ho chiesto intorno a vari intellettuali cinesi che ho incontrato in quel lungo viaggio se ci fosse qualcuno che in quel momento lo stesse facendo. No, gli intellettuali della Cina erano tutti presi da altri problemi: una immediata modernizzazione che Mao Tse Tung non condivideva per niente.
Ed è proprio in quei mesi, nell’ultimo anno della sua vita, che il fautore della rivoluzione cinese pubblicamente dichiarò: “Questa Cina che i dirigenti del mio partito stanno gestendo in modo tanto spregiudicato, fra non più di cinquant’anni sarà una nazione completamente capitalista.”
Roba da far salti mortali all’incontrario, tanto da superare gli acrobati del circo di Pechino.
Ma nessuno ci fece quasi caso, anzi i burocrati al potere esclamavano: “Sono sprazzi visionari di un vecchio giunto ormai al finale di partita”.
Ma il vecchio ahimè aveva colto nel segno. La profezia si è avverata con una rapidità sconvolgente. Oggi, quasi quarant’anni dopo, le biciclette in Cina non ci sono più, roba da museo. Per le strade ci sono macchine in tal quantità che par di essere a New York. La Cina sta inquinando il proprio cielo tanto da raggiungere l’atmosfera delle nazioni più evolute del mondo.
A Shanghai e a Canton ci sono grattacieli da far invidia e crear stupore all’intero mondo occidentale. Come già accennato ci sono banche che sorpassano quelle americane nel giro d’affari. E ci sono gli oligarchi, ricchi in gran quantità.
Ma ci sono anche i poveri. Quasi un miliardo di poveri. E all’istante in certe zone un’enorme popolazione di contadini non ha più né terra né casa e tantomeno il minimo per la sopravvivenza.
Devono emigrare, cercare lavoro in città. Ma non sempre vengono accolti fraternamente. Qualche volta vengono scacciati. Le galere sono stracolme, resiste imperterrita anche la pena di morte e il partito comunista è al potere con i propri dirigenti intoccabili. Il paradosso dei paradossi è che ci troviamo con uno stato capitalista ben protetto da un governo assolutamente comunista ALEEEE!
La Cina oggi è la nazione che produce il maggior numero di computer e telefoni cellulari che invadono l’intero mercato mondiale.
I mercanti di abbigliamento e accessori italiani vanno in Cina ad acquistare manufatti falsi replicati dai produttori cinesi e li vengono a rovesciare sul mercato italiano ed europeo naturalmente con l’etichetta Made in Italy ben evidenza.

Tutto ciò ci ha indotto a parlare oggi dei cinesi ma impostando tutta la nostra commedia sullo scritto di Lu Xun. Una storia ambientata al tempo dei primi moti rivoluzionari della Cina come vi dicevo.

Ma abbiamo scoperto, leggendo molte biografie sulla storia di questo grande poeta, che da ragazzo subì un trauma di una violenza inaudita: suo nonno con il quale viveva e apprendeva le leggende del suo paese, venne arrestato, processato e condannato a morte proprio come il protagonista della sua storia.
E a quell’uomo egualmente fu mozzato il capo. Quindi la storia di Qu è una storia autobiografica dove situazioni dramma e politica si possono ben proiettare al nostro tempo.

La messa in scena di questa pièce è opera appassionata e faticosa di Massimo Navone – regista e direttore della Scuola di Teatro Paolo Grassi a Milano. Si tratta di uno sconvolgente visionario che ha avuto la grande fortuna di trovarsi come interpreti un gruppo di trenta fra attori, danzatori, acrobati, musici, scenografi, tutti giovani e provenienti dalle civiche scuole della Fondazione Milano: la scuola di teatro Paolo Grassi appunto, la scuola di scenografia dell’Accademia di Brera, la scuola di musica Abbado con i suoi corsi di jazz, l’Accademia dell’Arte di Arezzo, la scuola di circo 4xquattro e l’officina Zorba per la realizzazione delle maschere.

Così si è riusciti ad allestire un’opera veramente fuori da ogni regola con un protagonista particolare - Michele Bottini - che sembra appena sfornato dalla Commedia dell’Arte.
E’ chiaro che noi di questa banda di teatranti, sul successo di tutta l’operazione, scommettiamo tutto e, in particolare, scommettiamo che non finisce così con due repliche e via qui al Piccolo... ma che faremo l’impossibile, se ci date una mano, perché si vada avanti riprendendo non fra sei mesi come previsto, ma subito, immediatamente. Come diceva un antico saggio: in teatro chi perde il tram poi va a piedi o peggio in ginocchio.
Soprattutto dobbiamo piantarla di dirci preoccupati per i giovani senza futuro, facciamolo adesso questo futuro per i giovani, non dopo, quando è diventato ormai il passato!
STOP così!
Ed ora andiamo senz’altro a incominciare.

Clicca sul banner per fare la tua donazione!

banner_it5s.jpg

TUTTE LE INFORMAZIONI SU ITALIA 5 STELLE:
italia5stelle_.jpg

23 Set 2014, 18:00 | Scrivi | Commenti (179) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 179


Tags: dario fo, franca rame, michele bottini, milano, qu, teatro, teatro grassi, teatro piccolo

Commenti

 

Grande Dario. Sei un grande. Ti seguo sempre. Sei un mito!

Consigli computer Commentatore certificato 27.09.14 00:41| 
 |
Rispondi al commento

Continuate cosi siete fantastici. Grazie M5S

Consigli computer Commentatore certificato 27.09.14 00:38| 
 |
Rispondi al commento

Nutro una grande ammirazione per Dario, un Uomo che cerca in tutti i modi di correggere (gratuitamente) gli errori fatti dai Politici del passato, e del presente, che non riescono a mettere in piedi le sorti dell'Italia. Vi chiedo, di partecipare in massa al circo Massimo, serve,per dimostrare ai Politici corrotti che gli Italiani sono stufi di ascoltare continue false promesse. e ora di dire BASTA! vogliamo cambiare, per il Nostro futuro,quello dei Nostri Figli, e di tutti gli Italiani che puntualmente scappano verso nuovi orizzonti per trovare un posto di lavoro, lasciando tutto, anche gli affetti Familiari.

piccolo carmine 24.09.14 18:27| 
 |
Rispondi al commento

Gratificato dalla lettura.

Massimo S., Bastia Mondovì Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 24.09.14 14:44| 
 |
Rispondi al commento

grazie Dario salutami Franca

fabio spaziani 24.09.14 14:17| 
 |
Rispondi al commento

Caro Fo, con la stima e l'affetto di quasi - ahimé - cinquant'anni, guarda che le bici in Cina sono più di cinquecento milioni, una ogni due cinesi... e mezzo. Vedere anche solo reportage fotografici per credere.
Ma non credo che un paese possa dirsi, in un senso o nell'altro, comunista in base all'uso della bici. Se no - poveri noi - è comunista anche Renzi!!!
Ciao Fo, spero di vederti a Roma.

mario45 massini, roma Commentatore certificato 24.09.14 12:52| 
 |
Rispondi al commento

OT Rita L.
Ti rispondo sul tuo commento delle 00:25,
Io ho detto che le persone che vanno a teatro incidono sulle tasche degli italiani, e sarà sempre così, perchè il teatro, dato che è fatto da artisti, vuole sempre più attrezzature, macchine, figuranti, soldi.
Mi dici va a teatro. Se a me piace girare nella natura, o forse guardare, realizzare un'automazione, sono strano, matto? Perchè devo avere le tue passioni?
Certo, ci sono i nomi dei compositori. Oh cavoli, senza di loro la società non andava avanti, secondo te.
Senza Watt, Diesel, Ampere Andrè-Marie ecc laveresti i panni a mano, avresti mulo/cavallo, la media dell' età delle persone sarebbe 40 ecc.

Ma si parla dei bravissimi Euripide o Shakespeare. Mai delle persone che ci fanno vivere bene.
“Preferisci che il popolo paghi i calciatori?” Da quanto ne so io, i calciatori sono pagati da società private, non dallo stato. Però non sono sicuro.
Preferisco guardare una gara di moto o macchine. E anche là sono sicuro che gli attori pricipali recepiscono stipendi da favola.

Ma è la concorrenza, nel capitalismo.
Non chiedono soldi allo stato, cioè a me e a te, che probabilmente non ti piace la F1.
Paolo TV

Paoloq Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 24.09.14 11:56| 
 |
Rispondi al commento

buongiorno blog!!ricordo che oggi renzi è a processo a firenze.punto.e i media nascondono la notizia.
caffè a 5 stelle qui!!

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 24.09.14 10:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Leggo che ancora si rimpiange di non essere andati con...
Ma neanche le attuali condizioni politiche vi stanno aprendo gli occhi?
Ma possibile che non vi rendiate conto che saremmo spariti in braccio ai partiti?
Ma perchè Bersani vino a ieri ha fatto qualcosa per cambiare la testa del rottamatore.
Civati che sta facendo...tranquillo beato,Cuperlo anche lui...dice,dice ma sta lì.
Perchè non hanno obbligato Teo a dare le dimissioni da Segretario avendo l'impegno da Presidente del Consiglio?
Cerchiamo di non ptrenderci in giro,il movimento fa bene ad non andare con nessuno!
Non vogliamo sporcarci le mani di marmellata!
Lo scopo è uno solo un Governo a 5*,chi vuole venire venga ma alle condizioni e con i Punti programmatici del Movimento.
Fondanmentalemente: Onestà e correttezza per il bene solo dei cittadini!
Ciaooo! ★★★★★

oreste M, (:★★★★★), sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 24.09.14 10:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Amo molto parlare di niente.
E' l'unico argomento di cui so tutto.
----------

Oscar Wilde

Arjuna , U r a n o Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 24.09.14 10:28| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di giovani senza futuro, la vecchia guardia PD, quella che starebbe combattendo i renzusconi per difendere i diritti dei lavoratori, a quanto pare vogliono introdurre una nuova norma per cui i neoassunti (di qualsiasi eta'), saranno sicuramente licenziati prima che passino 3 anni.

Mi sembra del tutto evidente infatti che se un datore di lavoro puo' tranquillamente lasciare a casa una persona prima che siano passati 3 anni , mentre se lo dovrebbe tenere fino a 67 anni se supera quella soglia (ovviamente nessun lavoratore che faccia un lavoro fisico puo' arrivare in piena efficienza e salute a quella eta'), LO LICENZA e ricomincia altri 3 anni con un altro.

Sono stupendi!

Non posso credere che siano cosi' stupidi...... secondo me lo fanno apposta.

Nicola da Mantova Commentatore certificato 24.09.14 10:18| 
 |
Rispondi al commento

Anche il fuoco vincerei
per rivedere te
Anna


Ho deciso di non commentare più i post.Al momento ciò che vorrei è un vero,e democratico, confronto per discutere sul perchè non si va più in TV.
Come abbiamo intenzione di convincere coloro i quali non seguono più la politica e non vanno più a votare?
Qui sul blog ci veniamo solo noi(che abbiamo già aperto gli occhi e capito come stanno le cose)e i "disturbatori"!
Le piazze,il passaparola ed il web non bastano!
Andare in Tv non ci metterà sullo stesso piano degli altri,noi non mentiamo e non inganniamo.
L'integrità morale e intellettuale fa la differenza!
Siamo al tracollo e bisogna tentare il tutto per tutto!Almeno non avremo rimpianti e se anche questo si dimostrerà infruttuoso...Amen!Ma ci avremo provato!
Beppe,ma li leggi i commenti?La situazione è talmente precipitata che anche qui si comincia a fare la guerra tra poveri,invece di serrare le fila ci si scaglia contro chi sta un po'meglio(ma per quanto ancora?).Beppe si sta perdendo la strada!

Beppe...QUANDO TORNIAMO IN TV?????

Tania M., Catania Commentatore certificato 24.09.14 10:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Scusate il "fuori tema" ma perché non chiediamo a Floris di sostituire la copertina di Crozza con le corbellerei della Apicerno? Se questi sono i nostri rappresentanti... Di cosa ci lamentiamo? Tutti a raccontare storie campate in aria ed intanto il debito sale sale sale.
Ma chi ci guadagna sono loro che hanno vantaggio a restare più mesi possibili con le loro remunerazioni impossibili.
WM5S

io sapientino, del Verbano Commentatore certificato 24.09.14 09:44| 
 |
Rispondi al commento

Dario Fo è un grande attore, un artista. Lasciamolo fare il suo mestiere. E' collocato in modo troppo evidente politicamente. Se esistesse il pc non si avvicinerebbe nemmeno a noi. Non vedo perchè non dovremmo chiedere a Giorgio Albertazzi di scrivere per un post. Assieme, Dario e Giorgio, hanno fatto uno spettacolo di altissimo livello, trasmesso dalla rai.

UNABOTTA EVIA (ubev), miro Commentatore certificato 24.09.14 09:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Scusate, rispetto il teatro ma non lo frequento per mancanza di tempo, soldi e voluta ignoranza.
Dico soltanto che il Movimento 5 S è di massa non in senso dispregiativo, il Movimento 5 S è dell'italiano medio che non sa e non ne vuole sapere delle eccellenze da Nobel, anche se fanno grande questo paese. La massa vuole poche cose: un mondo semplice, lavoro, autorità che facciano rispettare regole di convivenza civile e puniscano inquinatori e delinquenti. Vogliamo storie edificanti del nostro paese, non di paesi lontani per cultura e storia.

Barbara 24.09.14 09:38| 
 |
Rispondi al commento

ot
ieri ho ascoltato un Bersani "condivisibile" su molti punti....
forse, se fossimo stati più scaltri, avremmo potuto realizzare e/o ottimizzare....
purtroppo, sempre con il senno del "poi"....

aria** ,, Roma Commentatore certificato 24.09.14 09:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dario
Grazie di esistere! La tua voce che sempre si alza in difesa dell' arte e della bellezza mi rincuora. Diamo speranza ai giovani. Non togliamo loro la voglia di sognare e creare.
Grazie Dario..

Rita L. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 24.09.14 08:23| 
 |
Rispondi al commento

Petrus-Unicum 218 PDocchio il terzo abusivo
PDocchio testa di legno del terzo governo abusivo italiano
messo li' al posto di letta che aveva preso il posto di monti clandestinamente
i tre abusivi sono diventati presidenti dopo la consulta del servo NAPOLITANO
con gli usurai spietati banche multinazionali lobby straniere e criminalita' organizzata di ogni genere
il terzo contrabbandiere costruito nei minimi dettagli nel laboratorio dello squallore
da papa'RENZITIZIANOGEPPETTO indagato per banca rotta fraudolenta nel legno pregiato
rubato ad una succursale di artigianato che modellava bare intarziate di corruzione
ha generato PDocchio impiantandogli nella testa di legno tutte le incombenze da partorire
a poco a poco dettatogli da LICIO GELLI da BISIGNANI e'P2 P3 P4 P5 come l'associazione
a delinquere con stampo mafioso comanda...l'esperto MANGIAAPPALTIVERDINI cordinatore
della MASSONERIA TOSCANA insieme al condannato criminale BERLUCIFERO con PDocchio
dovevano cambiare la magistratura italiana la costituzione italiana la legge fuorilegge
elettorale e tante altre leggi che senza scrupolo favorivano in tutti i sensi
MAFIECORROTTITRAFFICILLECITIDIOGNIGENEREABUSIVISMOILLEGALITATRATTADIESSERIUMANI
USURAPIZZOCONTRABBANDOGIOCODAZZARDODROGASVENDITADIOGNISOVRANIYAITALIANA
IPOTECHEVENDITADIORGANIEDARMIESPROPRIOMERCIFICAZIONEDELTERRITORIOINQUINAMENTO
DIFALDEACQUIFERETRAFFICODIRIFIUTITOSSICIEDAFFINI...
PDocchio infuriato con una veemenza spaventosa minacciava gli operai che aveva comprato
con gli 80 euro frutto maligno del voto di scambio delle elezioni europee
non piaceva il comportamento dei suoi servi comprati che a poco a poco lo stavano abbandonando
li ricattava di toglierci gli 80 euro del patto in cambio del voto oltre ad abolire l'articolo 18
come i suoi padroni industriali di regime hanno ordinato per licenziare gli operai indigesti
o frustarli ad ogni ordine di abbassamento dei pantaloni non eseguito...

armando di napoli, arzano napoli Commentatore certificato 24.09.14 08:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Lo dico e lo ripeto...siamo in mano ad una "compagnia" di teatranti che manda in scena una "Tragicomica"...purtroppo il palcoscenico è l'Italia e le comparse sono gli Itagliani...via giù dario...di la verità:...."questi son più bravi di voi artisti(che lo fate di mestiere) a recitare..."riescono perfino a superare se stessi..
prendiamo il tema "ebola"...non corriamo nessun rischio..."siamo pronti ad affrontare qualsiasi emergenza"..."non facciamo allarmismi"....io ho imparato una cosa...e cioè, che quando ti dicono che non bisogna preoccuparci...allora inizia a preoccuparti veramente..!e infatti dagli stati uniti arriva un avvertimento.."entro gennaio i casi potrebbero salire a 1,5 milioni"..dubitano anche che i casi di morti e contagiati sia sotto stimato...(e sicuramente avranno ragione)..

napoleone ., Leghorn Commentatore certificato 24.09.14 07:46| 
 |
Rispondi al commento

Sua Delinquenza Renzino NON HA FATTO NIENTE DI QUELLO CHE AVEVA DETTO DI FARE adesso solo importante RIFORMARE LA GIUSTIZIA = IMPUNITA INFINITA PER LORO DELINQUENZE E IL FAMOSO ARTICOLO 18 PER FARCI DIVENTARE TUTTI COME I CINESI A LAVORARE 48 ORE AL GIORNO PER UN EURO e continuare a pagare tutto ai prezzi che ci vogliono imporre loro.........A QUANDO LO TSUNAMI QUESTI VANNO SOLO CHE STERMINATI E BASTA !!!!!

Mario Soru, treviso Commentatore certificato 24.09.14 07:40| 
 |
Rispondi al commento

INACCETTABILE su LA7 floris interviste a bambini su quanto e bello e bravo renzie ........nessuna replica in studio deplorevole ..schifoso ...strumenntalizzare i bambini ...ma nessuno controlla ste porchate

marco i., cassano magnago Commentatore certificato 24.09.14 07:26| 
 |
Rispondi al commento

che gioia quando c'è Dario Fò !!

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 24.09.14 02:43| 
 |
Rispondi al commento

e qui caffè notturno a 5 stelle blog!!

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 24.09.14 02:21| 
 |
Rispondi al commento

DOBBIAMO SALVARE SUBITO L’ITALIA!
BERLUSCONI E TUTTI I SUOI AMICI ANCHE DEL PD LADRI, LADRONI, CORROTTI,
CORRUTTORI, EVASORI FISCALI E MAFIOSI NE HANNO FATTE DI TUTTI I COLORI,
SOPRATTUTTO HANNO RUBATO A QUATTRO MANI ED HANNO LETTERALMENTE DISTRUTTO
IL NOSTRO POVERO PAESE ITALIA ANCHE DAL PUNTO DI VISTA MORALE!
ORA QUESTI INFAMI DEVONO RESTITUIRE TUTTO I MALLOPPO CHE HANNO RUBATO
COMPRESI GLI INTERESSI E POI DEVONO PAGARE TUTTI I DANNI CHE HANNO
CAUSATO!
POI DEVONO ESSERE PROCESSATI PER DIRETTISSIMA E BUTTATI IN GALERA PER
TUTTA LA VITA COME SI MERITANO!
INFINE SE VOGLIAMO TOGLIERCELI D’ATTORNO IN MODO DEFINITIVO FACCIAMO UNA
LEGGE AD PERSONAM E LI CONDANNIAMO TUTTI A MORTE MEDIANTE GHIGLIOTTINA COME
HANNO FATTO I RIVOLUZIONARI DURANTE LA RIVOLUZIONE FRANCESE!
SOLO COSI’ POSSIAMO SALVARE IL NOSTRO POVERO PAESE ITALIA!


VA BENE ORA CERCARE UN ACCORDO PER FARE LE RIFORME COSTITUZIONALI ED
ELETTORALE CHE SONO LE REGOLE CHE SERVONO A TUTTI MA POI IN OCCASIONE
DELLE ELEZIONI DOBBIAMO DIRE ALTO E FORTE ALLA GENTE DI CACCIARE VIA GLI
ALTRI PARTITI E DI VOTARE NOI M5S PERCHE' NOI SIAMO CONTRO I LADRI, I
CORROTTI, I MAFIOSI ED ANZI SIAMO PER LA LEGALITA', PER LA SICUREZZA DEI
CITTADINI, PER LA SOLIDARIETA', A FAVORE DEI LAVORATORI, DEI PENSIONATI,
DEI PICCOLI MEDI IMPRENDITORI E A FAVORE DELLA GENTE PIU' POVERA E PIU'
DEBOLE.
DOBBIAMO DIRE CHE NOI SIAMO CONTRO GLI SPRECHI, GLI SPERPERI ED I
PRIVILEGI, DICIAMO NO AGLI STIPENDI E PENSIONI D'ORO, NO AI DOPPI TRIPLI
INCARICHI, NO AGLI ENTI INUTILI. NOI VOGLIAMO VERAMENTE UNA SERIA RIFORMA
DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ED UNA VERA LOTTA AL DEBITO PUBBLICO!
INFINE DOBBIAMO DIRE CHE NOI VOGLIAMO DIFENDERE L'AMBIENTE, I DIRITTI
CIVILI E VOGLIAMO LA PACE NEL MONDO!
DOBBIAMO FARE TUTTO QUESTO CON MODERAZIONE COSI' DA CONQUISTARE LA FIDUCIA
DELLA GENTE CHE POI CI DA' IL VOTO PER GOVERNARE.
FACCIAMO PROPAGANDA SOPRATUTTO IN TV PER DIRE CON FORZA LE NOSTRE PROPOSTE.

Franco Rinaldin 24.09.14 01:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sempre un piacere ascoltare questo grand'uomo. Come M5S restiamo uniti, seguiamo l'ottimo lavoro dei cittadini parlamentari del M5S e informiamo, informiamo, informiamo, contrastiamo le bugie che il regime dei partiti vuole imporre come pensiero dominante. Abbiamo la concretezza del M5S da una parte e le continue bugie che i governanti e i partiti, nessuno escluso, continuano a propinarci da decenni.
Mandiamoli a casa, sta a noi mandarli a casa, noi che tutti i giorni possiamo parlare e discutere con le persone in carne ed ossa, lo so che spesso è difficile, con certe persone si riesce a parlare e almeno mettergli qualche dubbio in più in testa, con altre è davvero stressante ma con pazienza potremo avere un futuro a 5 stelle!
Impegnamoci e non pretendiamo che Grillo da solo o i parlamentari da soli facciano miracoli, stanno facendo il possibile, PD e Berlusconi sono ormai continui alleati manifesti, gli altri partiti, sel e lega compresa spesso fanno da stampella quando serve.
Dario Fo ci mette passione, proviamo ad avere anche noi questa passione, questa energia, questa voglia di spendersi per un futuro migliore, per un futuro che vogliamo qui ed ora; probabile che ci voglia un po' di tempo ma impegnamoci affichè quel tempo arrivi il prima possibile, non abbiamo più tempo. Tempo qualche anno e con questi partiti al Governo per l'italia sarà un vero e proprio dramma per sempre più persone.

Simone C. Commentatore certificato 24.09.14 00:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La verità è che stiamo perdendo forza e intensità. Non vorrei ci stiamo adagiando e assuefando.
Mi dispiace ma a sto punto spero in un'implosione violenta del sistema. Altre soluzioni non ne vedo più. Peccato.

Anacleto M. 24.09.14 00:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Loredana Bertè: “Sono stata a cena alla Casa Bianca con Bin Laden e i Bush”
-Redazione- "Ho conosciuto Bin Laden e suo figlio in una cena alla Casa Bianca. E c'erano anche Bush Senior e Bush Jr".
La rivelazione sul retroscena dell'11 settembre, è della cantante Loredana Berté che, intervenendo al programma di Rai Radio2 Un Giorno da Pecora, ha spiegato di aver cenato, una sera, con l'ex numero uno di Al Qaeda.
"Io ero a quella cena con Borg - ha detto – e Bin Laden era ad un tavolo vicino a me, quando parlava io volevo ascoltare, perché come tutti sanno lui fu un eroe indiscusso della Cia".
"E dove era seduto Bin Laden?", le hanno chiesto i conduttori. "In mezzo ai Bush", ha risposto la cantante. Cosa si ricorda del terrorista? "Mi ricordo che Bush mi ha raccontato che serviva alla Cia"
Chiesi a George Sr. a cosa servisse la Cia." E il Presidente? "'Non serve a niente. È l'unica organizzazione del mondo che non deve rendere conto a nessuno'. Se guardi all'11 settembre capisci anche il perché."

Franco Rinaldin 24.09.14 00:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grazie Dario !

Monica C. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 24.09.14 00:36| 
 |
Rispondi al commento

tanto i bimbi sono andati a letto..

"in un convento di Clausura, le suore vivono con il prodotto di un orto da loro coltivato. Purtroppo la siccita` ha fatto si` che quest`anno l`orto non ha prodotto nulla. La Madre superiora, considerato che le scorte sono quasi finite, chiama tutte le suore a raccolta e dice:
"Una di noi deve uscire, per fare spesa, capisco che è un grande sacrificio, ma purtroppo non abbiamo niente per sfamarci."
Dopo la riunione decidono che la più giovane, suor Godina, dovrà andare al mercato. E cosi` la mattina seguente Suor Godina esce dal convento.
Arriva sera e suor Godina non torna, le sorelle tutte raccolte in preghiera, pregano per lei.
Passa tutta la notte con le sorelle che preoccupate vegliano, sperando di vederla tornare .......... ma niente.
Verso le 10.00 del mattino seguente, da lontano si scorge la sagoma di suor Godina, che barcollando rientra in convento. Arriva, sanguinante, i vestiti lacerati, senza scarpe. Tutte le sorelle preoccupate ma felici di rivederla, le si fanno incontro chiedendogli cosa sia successo. Suor Godina inizia il racconto:
"Appena uscita dal convento mi sono inoltrata nel bosco, per attraversarlo ed andare in città. Mentre ero a circa metà strada sono stata assalita da un gruppo di manigoldi che mi hanno stuprata per 3 giorni e 3 notti ......."
"OH OH OH, ma sorella Godina tu sei stata fuori solo una notte"
dice sommessamente la Superiora
"SI MA DEVO TORNARCI DOMANI E DOPODOMANI !!!""

notte, ciao :)

jean paul marat 24.09.14 00:35| 
 |
Rispondi al commento

Dario ha pure una certa età ed è fuori dal business teatrale da un po' di tempo :)

jean paul marat 24.09.14 00:29| 
 |
Rispondi al commento

✩✩✩✩✩ ✩✩✩✩✩ ✩✩✩✩✩ ✩✩✩✩✩ ✩✩✩✩✩

buona notte al blog da

▌│█║▌║▌║ ώ€β€$ţ๏๏ℓ$ ║▌║▌║█│▌

nessun copy 24.09.14 00:18| 
 |
Rispondi al commento

Fra le tante macchine industriali che ho fatto, ha automatizzato con i ragazzi, qualche macchina per teatro.
Sono rimasto sorpreso, io non sono mai andato a teatro, non pensavo che ci fossero. Palchi di diametro 25 metri che girano con pochi gradi o 180°, navi che si agitano o rallentano, decine di verricelli ecc. SOLO PER UNO SPETTACOLO, non per sempre...

Ho chiesto come potevano ripagarsi le spese quei teatri, che non potevano avere migliaia di spettatori.
I meccanici m'han spiegato che i teatri sono sempre in perdita. Ma gli stati (io ho visto non solo Italia ma anche Grecia, fra l'altro ) pagano.

In pratica i ricchi, i benpensanti, i comunisti con la erre moscia guardano il teatro,
IL POPOLO PAGA.

Paolo TV

Paoloq Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 24.09.14 00:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non mandare più in TV i nostri Di Maio Toninelli Di Battista è un vero suicidio politico

Daniele F. Commentatore certificato 24.09.14 00:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Volevo aggiungere anche questo (finito per errotre sotto un altro mio commento)

O da un pò di tempo a questa parte si vota solo per simpatia o antipatia...

La "vecchia guardia" era decisamente più obbiettiva.

Ho notato anche che a volte autentiche caz**te prendono molti voti e perle di commenti (escludo i miei naturalmente) nemmeno un voto...

Mah....;))...Così va la vita...


Ieri sera in questo blog c'era una persona che domandava cos'è la Cina, che differenza ci sono con gli altri paesi comunisti, tipo Venezuela, Corea del nord.
Che caso.
Ho risposto che la Cina è una dittatura, e che non è più comunista, perchè possono fare lavorare i cinesi altri cinesi e addirittura gli stranieri. E se i lavoratori sono indispensabili, chiedono aumenti di stipendio, tanto che in Cina non conviene fare le cose a basso prezzo, e i cinesi han trovato la loro Cina in Africa, specialmente Etiopia e Mozambico, dove i lavoratori si possono pagare $100 al mese, contro un cinese che costa, a perità di mansione, $300 al mese.
Questo stato di cose è capitalismo.

E questo vecchio incartapecorito ci viene a spigare che in Cina ci sono anche i poveri, e quando erano tutti comunisti, erano belli perchè non c'erano ricchi. E tutto questo per colpa del capitalismo, che ha cambiato il mondo.

Se il blocco comunista restava dov'era, era meglio. C'era sempre il rischio della guerra atomica con l'URSS, i nostri comunisti erano forse convinti che il comunismo era il non plus ultra, ma non avevamo la concorrenza dei cinesi, vietnamiti ecc.
Quando dice “I mercanti di abbigliamento e accessori italiani vanno in Cina” ecc ecc dove vanno i tedeschi dall'Adidas, o gli americani della Nike? In Vietnam..
Cosa vuole dai nostri imprenditori? Perchè non organizza barriere commerciali?
Paolo TV

Paoloq Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 23.09.14 23:45| 
 |
Rispondi al commento

Ho fatto un piccolo esperimento per testare l'obbiettività nel dare voti ai commenti del blog ultimamente...

Direi alquanto scarsa...

Il mio commento delle 23.07 erano frasi di Aristotele

Quello invece delle 23.15 erano frasi estrapolate da discorsi di Beppe Grillo...

Nemmeno un voto e nessun sottocommento.

Ahahahaaha...

Delle due l'una....o sul blog si vota a ca**o di cane...o molti bloggers non sanno sempre distinguere l'essenza in quello che leggono e votano...


Grande Dario. Un po attempato ma riesci sempre a comunicare e a insegnarci qualcosa. con le tue parole e' come se avessi rivissuto la Cina di Mao , che senz'altro e' migliore Di questa:)

Eugenio Ciolli 23.09.14 23:38| 
 |
Rispondi al commento

http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/2014/09/23/giovani-e-vecchi-ricchi-e-poveri/

[...]Però, è strano, ripeto. Perché questa cosa dell’articolo 18 invece è stata pensata dal governo in modo tale che mio figlio, per legge, non avrà mai i diritti di cui ho goduto e continuo a godere io.

E non sto certo augurandomi che Renzi sottragga quei diritti anche a me né tanto meno ai miei coetanei con lavori meno lussuosi del mio. Però non ci sono dubbi, questa riforma toglie dall’orizzonte di mio figlio un diritto che aveva e ha suo padre: anche semplicemente come obiettivo, come speranza. Che a lui è appunto negata per legge.

Di per sé, per quanto antipatica, questa cosa non sarebbe tanto grave se – giustificata dai mutamenti strutturali – fosse poi risarcita da altra e perfino maggiore speranza, da altri e perfino maggiori diritti. Ad esempio, l’ho già detto altrove, quello alla continuità di reddito: se la ricchezza creata dalla società liquida, dai robot, dagli algoritmi e dalla (enorme) rendita da capitale fosse cioè redistribuita in modo tale da non lasciare mai nessuno abbandonato a se stesso, ai marosi incerti e mutevoli del mercato. Né sarebbe tanto grave se a fronte della flessibilità del lavoro umano fosse sancito per Costituzione e per legge il diritto concreto di tutti e ciascuno agli stessi accessi di base di cui noi più vecchi abbiamo goduto e godiamo grazie al posto fisso: casa, salute, istruzione, ambiente, cultura, svago.

Invece no. Invece si interviene solo sulla soppressione di una speranza, di un diritto riconosciuto ai padri e vietato ai figli. Il resto, vedremo, boh, chissà, magari più avanti, forse.[...]

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 23.09.14 23:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E vorrei ricordare ai noatri politici che
ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione, non soltanto la parte che lo ha votato.

E quindi non dobbiamo perdete la capacità di incazzarci. Abbiamo una vita sola e anche se Imedia, portavoce del Sistema, hanno attaccato con una violenza inaudita il Movimento non dobbiamo mai scoraggiarci.

Capiamo bene che i politici, i giornali e le tv e molte grandi firme del panorama "culturale" italiano, conduttori e artisti di partito, si sono scatenati contro chi sanno li avrebbe spazzati via dalle poltrone.

Dino Colombo. Commentatore certificato 23.09.14 23:15| 
 |
Rispondi al commento

tre italiani mi hanno fatto ridere, Totò, Albertone e tu
ero già vecchietto al tempo del tuo giullare ma le tue battute le ho capite lo stesso
grazie, ciao Dario ! :)

jean paul marat 23.09.14 23:08| 
 |
Rispondi al commento

Riflessioni in terrazzino di fine estate inizio autunno

Per me amare è gioire, mentre crediamo di gioire solo se siamo amati.

E Amare significa volere per una persona le cose che si ritengono buone per quella persona e non per se stessi, ed essere pronti a compiere queste cose, secondo le proprie possibilità.

E se pensiamo di vivere in società, ma pensiamo di non aver bisogno di essa perché si pensa di essere sufficienti a se stessi, si può essere soltanto o una bestia o un dio.

E infine credo che chi vuole essere un buon capo deve prima essere stato sotto un capo.

Dino Colombo. Commentatore certificato 23.09.14 23:07| 
 |
Rispondi al commento

Dalla palazzina liberty a oggi sempre in sintonia con l'immenso Dario e Franca,grazie di esistere Dariooooooo

Gabriele M., Aosta Commentatore certificato 23.09.14 23:06| 
 |
Rispondi al commento

OT "Darwiniano"...

Stasera, prima della trasmissione di Floris, c'era "8 e 1/2", sempre presentato da Floris; gli ospiti erano Piercamillo Davigo ed una nuova topa della scuderìa muliebre del Nano di riserva appena "lanciata" sugli schermi TV: ascoltandola, non credevo alle mie orecchie: la sua posizione nei confronti della Giustizia, era perfettamente identica a quella di Forza Italia nei primi anni '90: cazzo, sono diventati identici, sono proprio gli stessi pezzi di merda......

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 23.09.14 22:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dario Fo?...Una Grande Stella nel cielo buio dell'Italia...

10-100-1000 Dario Fo...e l'Italia sarebbe sicuramente migliore...


Ho appena finito di cenare sulla terrazina di casa mia...triglie fritte... e una bella birra fresca di accompagnamento...

Prima di cena una bella doccia dopo una giornata di faccende in città sotto il sole cocente...

Ora qui l'aria è fresca...alla tv le solite stron**te che fanno anche compagnia

Mi sento sereno...
E mi rendo conto che in questo mondo alla rovescia che è l'Italia basta anche poco per essere felice...

Dino Colombo. Commentatore certificato 23.09.14 22:41| 
 |
Rispondi al commento

Piazza ad oltranza, solo questo gli italiani devono fare, tutto il resto è allungare il brodo...

valerio1 23.09.14 22:32| 
 |
Rispondi al commento

Paolo Rossi "ho sognato Berlinguer" a Ballarò:
"la questione morale è un problema risolto... non c'è più la morale, la questione non si pone...

valerio1 23.09.14 22:26| 
 |
Rispondi al commento

l'antropologa
che Donna!
andiamo tutte a lezione da Lei :)

aria °, roma Commentatore certificato 23.09.14 22:22| 
 |
Rispondi al commento

*´¯`*… ‘notte blog. *´¯`*.¸¸.*
*´¯`* ‘notte stelline *´¯`*.¸¸.*
★⋰⋱★⋰⋱★ ⋰⋱ ★⋰⋱★
a domani per un giorno migliore!

oreste M, (:★★★★★), sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 23.09.14 22:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

solo chiacchiere...il vero problema e il magna magna generale.corte costituzionale 30% assenteisti...Parlamentati italiani ed europei60% assenteisti...Pubblica amministrazione 40% assenteisti----Ed il privato muore dalle tasse e dallo sfruttamento parassitario....LADRI...

Carlo D., Casoria(Na) Commentatore certificato 23.09.14 22:15| 
 |
Rispondi al commento

L'amore di Dario Fo per Franca Rame
è presente in tutti i suoi ricordi.

A loro e al loro amore
dedico una canzone...per sempre.

.
.
.

Ci sono nove milioni di biciclette a Pechino
Questo è un dato di fatto, è una cosa
che non si può negare
come il fatto che io
ti amerò fino al giorno della mia morte.

Siamo distanti dodici miliardi di anni luce
dal bordo (del mondo), è una supposizione,
nessuno può assicurare che sia vero
ma c'è una cosa che so con certezza,
che starò con te per sempre.

Katie Melua - Nine Million Bicycles

https://www.youtube.com/watch?v=eHQG6-DojVw


Aloha!


Paolo Rivera Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 23.09.14 22:15| 
 |
Rispondi al commento

In un futuro negozio di parrucchieri.
Signola si accomodi plego...
Come li vuole i capeli?
Colti
"Noooo...li vorrei leggermente accorciati!
Il colole?
Ma vorrei farmi rossa.
Alora vuole prodotti italiani o cinesi.
Ma sa non vorrei spendere molto.
Alora suggelisco alla signola i prodotti italiani pelchè queli made in China sono più cali!
hahahhahahah..... grazie politici mi raccomando non mettete i dazi!

oreste M, (:★★★★★), sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 23.09.14 22:14| 
 |
Rispondi al commento

L'uomo che pratica una sola classe sociale, è come lo studioso che non legge altro che un libro

Edmondo De Amicis (1846 – 1908)

Fausto O., Alessandria Commentatore certificato 23.09.14 22:13| 
 |
Rispondi al commento

ma a Ballarò
che li fa i sondaggi?
mago "do nascimento"?

aria °, roma Commentatore certificato 23.09.14 22:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Come si fa a vincere?

GIORGIO S., TS 23.09.14 21:41
------------

Giorgio, non fa. Non puoi neppure pareggiare! :))

Arjuna , U r a n o Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 23.09.14 21:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ot
Matteuccio
green jobs
ma sai di cosa parli?
tu dici che con l'informatizzazione ed i green jobs, il mondo del lavoro riparte?????
quanto ne sei certo?

mah!

aria °, roma Commentatore certificato 23.09.14 21:53| 
 |
Rispondi al commento

peccato che ormai i 5 stelle siano in mano agli
ex-rifondazione comunista e che come erano i
rifondaroli non riescono a produrre leggi a favore
del popolo onesto

moreno pizziconi 23.09.14 21:47| 
 |
Rispondi al commento

@Terry
non so se leggerai
non ho potuto risponderti prima
Tu parli di privilegi del pubblico
io ti rispondo che il pubblico non produce
ed il dirigente che deve decidere, spesso, non si prende alcuna responsabilità nei confronti del "fannullone tipo"...e su questo ci siamo!
ma sai perché? perché nel pubblico c'è molta più gente di quanta ne servirebbe
e ancora sai perché?
perché nessun dirigente ha veramente mai pagato di propria tasca!

ora però il discorso dell'art.18
non deve diventare lotta tra il pubblico ed il privato
deve, e ribadisco deve, essere una certezza.
il licenziamento senza giusta causa non deve esistere....per nessuno!
neppure, oserei dire, per quelle ditte con meno di 15 dipendenti.
e laddove la ditta non ce la fa, dovrebbe intervenire lo Stato
inoltre, ripeto, il problema non è l'art. 18
ma la REDISTRIBUZIONE DELLA RICCHEZZA
Buona serata!

aria °, roma Commentatore certificato 23.09.14 21:46| 
 |
Rispondi al commento

Io ho già fatto la mia donazione concedendo il voto e la stima però il risultato è stato lo stesso che pria, cioè silenzio e profondissima quiete.
Orbene, ordunque, cioè e comunque, io sono qui e voi dove siete?

Alberto Gramaccini 23.09.14 21:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Come si fa a vincere?

GIORGIO S., TS Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 23.09.14 21:41| 
 |
Rispondi al commento

Come

GIORGIO S., TS Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 23.09.14 21:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grazie Dario.

salvio manno, milano Commentatore certificato 23.09.14 21:35| 
 |
Rispondi al commento

Ot

Certo che il futuro che ci aspetta è anche pieno di incognite

Sicuramente la carta stampata come informazione alla lunga è destinata a sparire

Ma il bagnoschiuma e lo shampoooopppsssss
che fine faranno se è vera questa notizia la riporto come scritta da ""Blitz quotidiano""
✩✩✩✩✩ ✩✩✩✩✩ ✩✩✩✩✩ ✩✩✩✩✩ ✩✩✩✩✩


ROMA – Il futuro dell’igiene personale probabilmente sarà senza bagnoschiuma e shampoo. Ci si “laverà” con uno spray. David Whitlock, scienziato americano, per testare il suo prodotto, non si fa una doccia da 12 anni.

L’azione di questo spray sperimentale è infatti talmente potente da non richiedere l’utilizzo di bagnoschiuma e molti altri prodotti per la propria igiene. Lo spray sperimentale è a base di Nitrosomonas eutropha, un batterio che naviga nelle acque sporche.

A contatto con la cute questo batterio aiuta a fermare il sudore e bloccare i cattivi odori. Tiene anche la pelle profumata perché si nutre dell’azoto del sudore e di fatto neutralizza il cattivo odore.

Materiali effetti benefici sembra averli portati a una giornalista del New York Times che, dopo un mese di esperimento, ha notato come la sua pelle fosse più morbida, liscia, genuina. L’inventore di questo spray, invece, non si lava da ben 12 anni, ma si pulisce utilizzando una spugna impregnata appunto di questo spray batterico. Perché, dice, molti prodotti dermatologi non sono affidabili.
*************************************************

E' un bel problema x l'occupazione e qui bisogna inventarsi un futuro diverso questo implicherà un bel risparmio di acqua.

saluti a tutti da

▌│█║▌║▌║ ɲ€$$µɲ ȼ๏ρ¥ ║▌║▌║█│▌

nessun copy 23.09.14 21:32| 
 |
Rispondi al commento

Spero che gli italiani addormentati e corrotti si intossichino con la overdose di Renzie....se lo vedono a reti unificate dalla mattina al pomeriggio alla sera alla notte!
VORREI GRIDARE BASTA, NON SE NE PUO' PIU' DI QUESTO TEATRANTE...BLA BLA BLA SENZA SENSO E SENZA UN OBIETTIVO CHE POSSA FARE IL BENE COMUNE!
Spero che capiscano quanto sia importante disintossicarsi da questo veleno che sta uccidendo il nostro stesso futuro con l'unico obiettivo di una regressione dei cittadini a schiavi, in nome della falsità!
UNICI OBIETTIVI PER UNA SOCIETA' GIUSTA: COOPERAZIONE, QUALITA', COLLABORAZIONE E PRESERVAZIONE DEI BENI COMUNI DEL NOSTRO PAESE!
Forza Movimento 5 stelle!

fabiola rossi 23.09.14 21:17| 
 |
Rispondi al commento

Fo mi piace, in teatro, anzi in tv perchè in teatro non vado.
Ma questi post sono un piombo.

UNABOTTA EVIA (ubev), miro Commentatore certificato 23.09.14 21:09| 
 |
Rispondi al commento

Scusate l'O.T.
Stasera vogliio indirizzare i miei più sentiti accidenti a quei politici che, negli anni della prima repubblica, hanno partorito quella legge che ha permesso a tanti privilegiati del pubblico impiego, di poter andare in pensione con 14 anni 6 mesi e un giorno di anzianità.
Oggi, chi è ancora nel mondo del lavoro, deve lavorare fino alla bara per mantenere queste persone che fin da giovanissimi, percepiscono la pensione e continuano a lavorare in nero per avere due stipendi.
I catto-comunisti d'accordo (litigavano ma come i ladri di Pisa erano uniti) hanno permesso questo scempio. E loro, i politici a godersi i privilegi previsti per gli "onorevoli". Ecco, a loro auguro tutto il male del mondo, fino alla settima generazione. Che possiate crepare nelle più atroci sofferenze fino ad invocare la morte come liberazione, brutti figli di puttana.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato 23.09.14 20:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

VATICANO,

piove sul bagnato...

Ernesto LoMartire!, La Habana Commentatore certificato 23.09.14 20:23| 
 |
Rispondi al commento

Chiedo scusa se il commento non è correlato al tema...ma non so a chi sottoporre la PROPOSTA AI NOSTRI TERMINALI...
In soli sei mesi hanno chiuso i battenti altre 8mila aziende, stiamo battendo tutti i record al negativo: +10% rispetto al 2013.
Un periodo tragico per il sistema delle piccole e medie imprese italiane che a sua volta coinvolge e travolge come un'onda anomala tutto il personale, che da occupato si ritrova ad essere disoccupato, mettendo alla porta e portando alla povertà intere famiglie...!!!
Padri, madri...distrutti psicologicamente ed economicamente...impotenti e vittime di un sistema e di una politica che se ne lava le mani e se ne sbatte..!!!
BASTA...!!!!
Noi, almeno noi, non possiamo mettere la testa sotto la sabbia...e fingere che tutto vada più o meno ancora bene...
Perché non destinare i soldi che restituiamo alla creazione di team/staff, o come dir si voglia, a supporto delle piccole imprese e artigiani in difficoltà...???
Consulenze, guide, supporti soprattutto per l'accesso ai tanti finanziamenti europei, di cui siamo ancora destinatari soprattutto sul nostro territorio essendo la regione Campania OBIETTIVO 1, che puntualmente non riusciamo a sfruttare...???
Investiamo i soldi dei cittadini per i cittadini e non per le banche private...!!!
Saluti a 5 Stelle

Leopoldo Esposito, Mariglianella (NA) Commentatore certificato 23.09.14 20:21| 
 |
Rispondi al commento

Intanto,'nd'a produzzione de Kiui amo superato Cina,Cile e udite,udite Nuova Zelanda...

Buona camicia de forza a tutti!!

er fruttarolo Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 23.09.14 20:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Asse Napolitano-Renzi: basta conservatorismi, ora riforme..........E ARRESTARE TUTTA LA CLASSE POLITICA AMMINISTRATORI MAFIOSI E LADRONI DI STATO NOOOOOOOOOOOOO......!?!? MALEDETTI BASTARDI RUBARE E' L'UNICA ATTIVITA CHE SAPETE FARE E NOI SEMPRE A PAGARE TUTTO !!!!!

Mario Soru, treviso Commentatore certificato 23.09.14 20:03| 
 |
Rispondi al commento

Bellissima storia Cinese.
Grazie Dario.
In merito ai cinesi mi sono sempre chiesto.
I nostri Governanti non ci hanno mai detto quali accordi abbiano mai preso con i Cinesi.
Anche i politici locali permettono l'apertura di negozi dall'oggi al domani con una velocità impressionante.
Altra cosa ma quando muoiono dove vanno a finire,.visto che non si vedono funerali,al cimitero il cinese è assente.
Cinesi vecchi non se ne vede.
Che fanno li bruciano o se li mangiano?
A Plato sono dentro dei box che vendono merce di tutti i tipi di qualità scadente,hanno laboratori che sembrano loculi,non emettono fatture e sopratutto non c'è controllo.
Ecco perchè si controlla gli africani e non i cinesi?
Insomma li abbiamo fatti entrare,da dove entrato?
Abbiamo steso loro un tappetto in terra,fra non molto ci inchineremo a 90 gradi e gli daremo il permesso di assumerci.
Spero che facciano così anche in America!
Il mondo sarà cinese...e tutti gli uomini avranno in futuro gli occhi a mandorla!

oreste M, (:★★★★★), sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 23.09.14 19:43| 
 |
Rispondi al commento

Ormai basta aumentare poco poco la frequenza dei Post...et voilà, les jeux sont faites...rien ne va plus! 1 Post da 15 commenti, 1 da 9, 1 da 1 e...bonanotteeee! Probabilmente è voluto. Ciao ciao...

Arjuna , U r a n o Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 23.09.14 19:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In Cina l'ex partito comunista ha svoltato a destra e quel paese ora cresce al ritmo del 7% annuo. In Italia l'ex partito comunista ha svoltato a destra ma sta riducendo comunque il paese in rovina . Evidentemente non basta essere ex comunisti per essere intelligenti

Paolo C., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 23.09.14 19:38| 
 |
Rispondi al commento

DOVETE, AVETE L'OBBLIGO MORALE E POLITICO DI FARVI SENTIRE IN TIVVU, non è sufficiente avere vostre notizie solo dal blog di Beppe, uscite nei vari salotti, fate sentire la voce alternativa, le vostre denunce, le proposte...in parlamento, in senato, nelle (rare) interviste vi isolano, vi oscurano e allora RIPRENDETEVI LE PIAZZE E I SALOTTI TELEVISIVI...Abbiamo dei validi-onesti-puliti 'combattenti'(di maio-lezzi-taverna-di battista-sorial) e spero in Voi.

filly Sai 23.09.14 19:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

------DA QUALE MALATTIA è AFFLITTA L'ITALIA?------

IO LA DOMANDA L'AVREI FORMULATA COSI': COSA UNISCE I CITTADINI ITALIANI FORMANDONE UN POPOLO?

La risposta c'è e io la so; questa la so.

UN CAPO DI ABBIGLIAMENTO CHE SI IDENTIFICHI CON LA DIVISA, IN MODO DI RENDERE OMOGENEI I CITTADINI ITALIANI.

Gli italiani furono uniti tramite UNA CAMICIA NERA!

Gli italiani rimangono uniti con una CAMICIA AZZURRA!

Il 6% circa di italiani evita di squagliarsi tramite una CAMICIA VERDE!

Come funziona il meccanismo? Semplice! Io la so, questa la so.

Gli italiani sono come tante cucciolate di maialini, sì, quegli animali un po' resei, generati da un verro e una scrofa.

NON CI CREDETE? FATE LA PROVA O INFORMATEVI PRESSO GLI ALLEVATORI DI MAIALI.

Unite 2 o più cucciolate di maialini e rinchiudeteli nello stesso ambiente. Essi, cominceranno ad annusarsi e appena scoperto che ogni cucciolata ha il proprio odore diverso da tutte le altre, essi si lanceranno gli uni contro gli altri. Appena scaturirà una goccia di sangue, il suo odore li ecciterà talmente che se non si interverrà, si sbraneranno a vicenda.

QUALE SOLUZIONE?

Cospargere le varie cucciolate e tutto l'abiente di talco; SI' TALCO!

Il talco ha il compito di impedire odori diversi dal suo e in questo modo tutti i maialini avranno lo stesso odore.

IN SOSTANZA IL TALCO, PER I MAIALI, ASSUME LA STESSA FUNZIONE CHE LE VARIE CAMICIE: RENDERE OMOGENEI GLI ITALIANI!

IN ITALIA VINCE SOLO CHI INDOSSA UNA CAMICIA CON UN COLORE UNIFORME!

proponete una camicia per il m5s!

PROPONETE UNA CAMICIA PER IL M5S!

PROPONETE UNA CAMICIA PER IL M5S!

PROPONETE UNA CAMICIA PER IL M5S!

PROPONETE UNA CAMICIA PER IL M5S!

PROPONETE UNA CAMICIA PER IL M5S!

PROPONETE UNA CAMICIA PER IL M5S!

PROPONETE UNA CAMICIA PER IL M5S!

PROPONETE UNA CAMICIA PER IL M5S!


...quest'uomo mi emoziona l'anima.

Francesco I., Catania Commentatore certificato 23.09.14 19:01| 
 |
Rispondi al commento

Te la ricordi Lella quella ricca
La moje de Proietti er cravattaro
Quello che cia' er negozio su ar Tritone
Te la ricordi te l'ho fatta vede
Quattr'anni fa e nun volevi crede
Che 'nsieme a lei ce stavo proprio io
Te la ricordi poi ch'era sparita
E che la gente e che la polizia
S'era creduta ch'era annata via
Co' uno co' più sordi der marito...
E te lo vojo di' che so' stato io
E so' quattr'anni che me tengo 'sto segreto
E Te lo vojo di' ma nun lo fa sape'
Nun lo di' a nessuno tiettelo pe' te
Je piaceva anna' ar mare quann'è inverno
Fa' l'amore cor freddo che faceva
Però le carze nun se le tojeva
A la fiumara 'ndo ce sta er baretto
Tra le reti e le barche abbandonate
Cor cielo griggio a facce su da tetto
Na matina ch'era l'urtimo dell'anno
Me dice co' la faccia indifferente :
Me so stufata nun ne famo gnente
E tireme su la lampo der vestito...
E te lo vojo di' che so' stato io
E so' quattr'anni che me tengo 'sto segreto
E te lo vojo di' ma nun lo fa sape'
Nun lo di' a nessuno tiettelo pe' te
Tu nun ce crederai nun ciò più visto
l'ho presa ar collo e nun me so' fermato
che quann'è annata a tera senza fiato...
Ner cielo da 'no squarcio er sole è uscito
e io la sotterravo co' 'ste mano
attento a nun sporcamme sur vestito.
Me ne so' annato senza guarda' 'ndietro
nun ciò rimorsi e mo' ce torno pure
ma nun ce penso a chi ce sta la' sotto...
io ce ritorno solo a guarda' er mare...
E te lo vojo di' che so' stato io
E so' quattr'anni che me tengo 'sto segreto
E te lo vojo di' ma nun lo fa sape'
Nun lo di' a nessuno tiettelo pe' te,
tiettelo pe te...

http://youtu.be/KGZgsJaZs-A

arnaldo ., roma Commentatore certificato 23.09.14 18:48| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Dario e cercherò di non mancare a teatro.

Marcello G., Milano Commentatore certificato 23.09.14 18:40| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Dario normalmente faccio fatica a leggere gli articoli lunghi ma sono bastate poche righe per catturare la. Mia attenzione.grande storia e grande paese la Cina dove anch'io son passato per. Fortuna quando ancora non c'è rano i grattacieli. Hai. Ragione pensiamo ai giovani adesso...

giuseppe f., grugliasco Commentatore certificato 23.09.14 18:37| 
 |
Rispondi al commento

LA STORIA DI QU E' MOLTO ATTUALE,GRAZIE DARIO PER AVERCELO RICORDATO

alvise fossa 23.09.14 18:34| 
 |
Rispondi al commento

Mi raccomando Dario, ti vogliamo a Roma! Ormai siamo la tua famiglia!speriamo sempre più allargata! Se tutti gli uomini della musica e dello spettacolo avessero un briciolo del coraggio tuo e di Beppe avremo già ribaltato e reso meraviglioso questo paese! Dacci una mano a far venire quante più gruppi musicali possibili!

Marini Davide 23.09.14 18:34| 
 |
Rispondi al commento

EKKYME!

http://www.youtube.com/watch?v=mHIC_OoN5LE

Ernesto LoMartire!, La Habana Commentatore certificato 23.09.14 18:32| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Dario !




Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori