Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

LEX: Stop alle truffe RC auto, la proposta M5S

  • 102


puglia_rc_auto.jpg

"Stiamo presentando un disegno di legge che riguarda la Rc auto. Abbiamo raccolto 30mila firme di cittadini che ci chiedono di regolare la materia delle assicurazioni automobilistiche in maniera da avvantaggiare gli assicurati e non le assicurazioni. È necessario che gli Istituti che devono controllare e vigilare siano realmente indipendenti dalle stesse compagnie assicurative, perchè, come molti di voi sanno, oggi non è così. Vogliamo che si regolamenti il mercato assicurativo perché garantisca che vi sia reale concorrenza fra le compagnie. Chiediamo che i premi vengano determinati in modo da "premiare" realmente gli automobilisti virtuosi. E' necessario inoltre che il perito assicurativo sia una figura indipendente dalle compagnie. E infine vogliamo arginare il fenomeno delle frodi che fanno il gioco dei furbetti a discapito dei cittadini onesti. Per modificare al meglio la normativa vigente in materia di RC auto chiediamo il vostro contributo. Vi invitiamo quindi a partecipare numerosi! Partecipa alla discussione della legge!" Sergio Puglia, M5S Senato

Clicca sul banner per fare la tua donazione!

banner_it5s.jpg

17 Set 2014, 11:19 | Scrivi | Commenti (102) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 102


Tags: assicurazioni auto, LEX, M5S, M5S Senato, proposte di legge, Puglia, RC auto

Commenti

 

Trasformare e trasferire le assicurazioni dai mezzi di trasporto (autoveicolo, nave, aereo,al patentato, dato che può guidare un mezzo alla volta.
Una patente badge elettronica con memoria e con microcontrollori per identificazione a radiofrequenze e trasponder,(http://it.wikipedia.org/wiki/Radio-frequency_identificatione), collegata al database della compagnia, dei ministeri degli interni, delle finanze e della sanità italiana. l'obbligo della polizza sanitaria conducente, inclusa di invalidità provvisoria e permanente, polizza tutela e spese legali. Obbligare le compagnie ad includere nel loro database quanto ora risulta nei pubblici registri ministeriali e motorizzazione civile dei trasporti, dei proprietari e dei conducenti ed il curriculum storico di guida dei conducenti. Tutti i costi e le gestioni a carico delle Compagnie assicurative. Le Assicurazioni devono controgarantire cumulativamente anche in consorzio tra loro, lo stato italiano, chi ha assicurato, incluso la gestione della telesorveglianza stradale del patentato, le imposte attuali (tassa di proprietà annuale) per conto dello stato. Scindere il ministero dei trasporti da quello delle infrastrutture.
Eliminare il ministero dei trasporti, cedendo la gestione e la responsabilità totale alle Compagnie Assicurative. Condizione essenziale e che quanto risparmiato dallo smobilizzo del ministero dei trasporti e la sua gestione alle compagnie assicurative, deve produrre la riduzione dei contributi previdenziali e sanitari a favore dei dipendenti e delle loro imprese, l'eliminazione dell'ILOR alle imprese, l'ottimizzazione dei trasporti pubblici collettivi intermodali, il detox e la riduzione dalle città dal traffico privato, dall'inquinamento, dai costi sanitari e delle invalidanze conseguenti le sinistrosità a vantaggio delle riduzioni dei costi dell'INPS, INAIL, della SANITA' dei COMUNI E delle tasse dei suoi residenti

pino 20.09.14 00:13| 
 |
Rispondi al commento

Era ora!! Sergio Puglia ti ringrazio di cuore a te e a tutto il Movimento 5 Stelle che si ricorda ancora di queste piccole grandi cose in favore di noi tartassati automobilisti specialmente del Sud Italia!
(Ex nel mio caso: ho dovuto vendere la macchina perché non riuscivo più a pagare il premio!)
Ancora grazie a tutti voi meravigliosi parlamentari e senatori che ci rappresentate per davvero!
Vado a partecipare subito alla discussione.
Viva il Movimento 5 Stelle oggi e sempre!

Dar T., dartes Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 19.09.14 09:59| 
 |
Rispondi al commento

Le assicurazioni costanto tanto perchè per ogni incidente si assiste alla ruberia di tutti i soggetti interessati: assicuratori, ispettori, meccanici, carrozzieri. Si gonfiano le spese e si spartiscono i guadagni. E noi tutti li paghiamo.

Giuseppe 18.09.14 18:10| 
 |
Rispondi al commento

ono un agente di assicurazione (che qualcuno vorrebbe abolire sigh sigh...). Una soluzione proposta da noi agenti, ma che le compagnie di assicurazione hanno bocciato, è quella del contratto base. Allora si può discutere di premio. Altrimenti no. Come mai le telefoniche vendono ad un prezzo (non sempre) inferiore delle tradizionali? Fanno parte dello stesso Gruppo, quasi tutte le compagnie hanno una diretta. Vi fanno credere che il costo sia dell'intermediario (cioè io...) ma in polizza c'è scritto quanto prendo e se lo andate a vedere capite che non è quello che fa la differenza. Il fatto è che NON SI TRATTA DELLO STESSO PRODOTTO. Avete mai sentito parlare di rivalsa? No? Magari siete assicurati con una telefonica e in caso di sinistro in stato di ebbrezza il contratto prevede la restituzione TOTALE del danno pagato. Per risparmiare 100 euro ne pagate 10.000 di danni...
Altra questione relativa al costo è quello delle microlesioni. Se una compagnia si rifiuta di pagare (come prevede la nuova normativa) le microlesioni (colpo di frusta) tutti gli italiani a dire "ladri, quando li volete i soldi li volete subito, quando è ora di darli, mai!" Peccato che incidano tantissimo sul rapporto costi/sinistri. Ultima cosa, la tassazione su queste polizze è circa il 25%. Vuol dire che la vostra polizza da 400 euro prevede che lo stato incassi 100 euro di tasse. Riducendo le tasse ci potremmo allineare all'Europa. Se chiamate un call center, l'operatore vi dice tutte queste cose? Non credo proprio...

Roberto un intermediario 18.09.14 17:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

le compagnie assicurative italiane circa il 70 % sono di Berlusconi .......................

carlo magarotto 18.09.14 15:47| 
 |
Rispondi al commento

Concordo pienamente con la vostra proposta di legge ma propongo un'integrazione per arginare il problema della circolazione dei veicoli non assicurati o con tagliando falsificato (è risaputo che le assicurazione non pagano il sinistro in questi casi).
Obbligo per le assicurazioni di comunicare (mensilmente) ad una banca dati (motorizzazione civile) il cessato pagamento di una polizza assicurativa comunicando la targa.
La comunicazione sarà effettuata dopo 1 o 2 mesi dopo la scadenza e dopo aver telefonato e inviato E-Mail ecc ecc per dare il tempo al proprietario di pagare la polizza assicurativa o di comunicare un'eventuale demolizione o passaggio a nuova assicurazione (sarà la nuova assicurazione a farsi carico di aggiornare il database, inserendo i dati dell'AUTO targa assicurata/SI).
In caso di passaggio di proprietà ad una concessionaria potrà usare l'auto con targa prova comunicandolo all'assicurazione della targa prova.
Esempio creando una banca dati presso la motorizzazione civile con targa del veicolo, stato assicurazione SI/NO/DEMOLITO e residenza/domicilio del proprietario.
Le autorità come Polizia municipale dovranno consultare (trimestralmente) il database dei veicoli non assicurati inerenti alla propria zona e rimuoverli.
Gli autoveicoli verranno restituiti soltanto al comprovato pagamento della polizza e della multa.

Erik O. Commentatore certificato 18.09.14 15:21| 
 |
Rispondi al commento

Fase Giudiziale i medici(x i danni alla persona) e i tecnici dei danni a cose:moto,auto, ecc..) iscritti all'albo dei CTU (i consulenti che potranno essere nominati dal Giudice) non possono difendere nè i privati nè le assicurazioni sia in sede stragiudiziale che giudiziale.
Si evita quella commistione e serie di compromessi che possono sintetizzarsi nel detto "oggi a te domani a me".
Lo stesso vale per gli avvocati che non possono difendere le assicurazioni e i privati.
In sintesi: "O si sta da un lato o si sta d'altro".
Si dirà che é facile aggirare il tutto. Ok ma intanto fissiamo una regola ovvia, tanto ignorata dalla legge. E mettiamo rilevanti sanzioni per chi la ignora.

Pietro Franco Grillo, firenze Commentatore certificato 18.09.14 12:57| 
 |
Rispondi al commento

trovo simpatica l'idea di assicurare la patente invece del mezzo di trasporto , ma le assicurazioni non lo faranno mai e neanche il governo ci mangiano troppo bene , si giustificano dicendo che ci sono i furbetti la solita stronzata per dividere le persone la verità e che gli automobilisti sono una bella vacca dalle mammelle d'oro

giuseppe castorina 18.09.14 12:13| 
 |
Rispondi al commento

Dal sole 24 ore di oggi. Nuovo ddl in vista ....

Assicurazioni e banche
Il tormentato percorso al Senato del decreto Destinazione Italia si era concluso con lo stralcio della riforma Rc auto, confluita in un disegno di legge approvato dal consiglio dei ministri lo scorso 6 febbraio. I contenuti di quel pacchetto, che nel frattempo non ha fatto passo avanti, appaiono destinati ad essere assorbiti dal più ampio Ddl per la concorrenza. In vista, tra l'altro, potrebbero esserci una stretta antifrode (intervenendo sui tempi per richiedere risarcimenti) e sconti minimi per chi accetta di far montare la scatola nera a bordo o di far riparare il veicolo incidentato a un'officina convenzionata con la compagnia. In sede di conversione in legge del decreto competitività, invece, il governo si era impegnato a recepire proprio con il prossimo Ddl un emendamento Pd che mirava a evitare le tariffe diversificate su base territoriale, a parità di parametri, per non penalizzare gli automobilisti virtuosi della Campania e in particolare di Napoli.

rolla lorenzo 18.09.14 11:21| 
 |
Rispondi al commento

Sarebbe positivo assicurare la patente, e collegare la stessa ad un unico ed univoco numero di targa, che sposti sul veicolo che usi (sia veicoli e barche). Come succede in altri stati. Il tutto = risparmio ed evitare tante pratiche inutili (pra e mctc) perdite di tempo e pagare il "bollo" solo se il veicolo circola.
Tanto con quello che paghiamo la benzina il bollo è già strapagato....

Ugo Giannini 18.09.14 11:20| 
 |
Rispondi al commento

Per modificare al meglio la normativa vigente in materia di RC auto, primariamente occorre conoscere la materia, avere pesperienza teotica e pratica sul campo, tale conoscenza, oggi è riservata, a pochi soggetti, che sono, le audit, gli o.d.v. aziendali, ossia i filtri della compagnie assicurative e delle aree speciali affari cautelativi, e, ovviamente, anche, di una decina di sidali associazioni mafiose, dedite all'autoriciclaggio; infine conoscere, ma, bene, 20 mega processi penali, ovviamente archiviati per prescrizione, riaprirli e mandare, molti, dei su detti in galera, il tutto, è, ben documentale ed estremamente facile, basat solo volerlo.
Gaetano Tamburello

Gaetano Tamburello 18.09.14 10:09| 
 |
Rispondi al commento

Occorre una volta per tutte uniformare le tariffe ed istituire una banca dati ed immagini per evitare le frodi. Punire severamente chi truffa le assicurazioni e premiare i poveri disgraziati che devono ricorrere a finanziarie per pagarsi il premio. Qui al sud si pagano tariffe che superano di gran lunga il costo del veicolo. Inoltre, pare che quasi il 50% non paga l'assicurazione. Le compagnie si sono fatte bene i conti su ciò che perdono per le tariffe esose, i falsi danni da risarcire e per la superficialità con cui si affrontano le controversie risultando sempre perdenti.

Oingo Bongo 18.09.14 09:28| 
 |
Rispondi al commento

Sono assolutamente d'accordo. Nella mia esperienza in oltre 25 anni ho sempre rispettato la tutela delle assicurazioni. Oggi, sempre causa dei furbetti poveri di mente si hanno tariffe inaccettabili causando sempre danni agli utenti corretti soprattutto morali. Tral'altro ho avuto un'accesa discussione in un'agenzia assicurativa dove vedo giusto un regolamento tra automobilisti onesti e disonesti e far pagare pesantemente coloro che si approfittano troppo. Dulcis in fundo: C'e' stato un vero e proprio attacco da parte di questi pazzi dove inscrivono camioncini e auto dell'epoca all' ASI e attraverso le condizioni agevolate assicurative hanno danneggiato pesantemente il settore attraverso costanti incidenti coloro che hanno veramente il gusto collezionistico nel possedere un'auto d'epoca, costringendo le assicurazioni a prendere provvedimenti e ristrettezze non tutelando in alcun modo chi ha un comportamento corretto. Tutto questo deve FINIRE.

Elia . 18.09.14 08:58| 
 |
Rispondi al commento

Sicuramente si dovrebbero uniformare le tariffe assicurative nord centro sud non é possibile che una prima classe del sud a parità di cilindrata paghi 4 o 5 volte rispetto al nord.

luca amato 18.09.14 08:27| 
 |
Rispondi al commento

Le assicurazioni sono tuffatrici di partenza.se hai una macchina vecchia di valore pari a zero l'assicurazione va in base alla cilindrata.in caso di furto.atti vandalici.sinistri Rai rimborsano in base al valore...cioè ti invitano alla demolizione.perché non fate un prezzo in base al valore effettivo?il bollo? Una tassa di lusso? Io non direi..io la sudo la mantengo e comunque con il lavoro oggi e un obbligo.se non sei auto munito sei fuori.....

maurizio serpentania 18.09.14 08:11| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo

Salvatore piro 18.09.14 07:35| 
 |
Rispondi al commento

Il premio lo incassa l'assicurazione, il lavoro al 99% lo fa la polizia, il disagio è del cittadino. Propongo di lasciar le cose come stanno istituendo una RCA di Stato legata alla patente (e non al veicolo) a 100 euro/anno, oppure una Kasko a 200 (euro/anno), con un'inasprimento delle sanzioni in caso di frode, tipo revoca patente per minimo 5 anni + confisca veicolo. Vedete come si ristabiliscono subito sia la disciplina stradale sia l'equa concorrenza.

fabio zannini 18.09.14 06:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

la loro " mission " e' la frode

FABIO B., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 18.09.14 06:00| 
 |
Rispondi al commento

le assicurazioni non fanno altro che rubare

FABIO B., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 18.09.14 05:56| 
 |
Rispondi al commento

le assicurazioni sono compagnie che prosperano in una zona franca fuori " etica " - truffano ai tanti piccoli - ogni qual volta si presenta l'occasione - OGNI VOLTA- non perdono occasione per frodare chiunque - d'altra parte il trend massonico/mafioso ha creato questo " sistema " e ovviamente da bravi servi, gli addetti ne profittano continuamente - prima dell' infezione da berluscoma era diverso, ma le malattie si sa , arrivano in carrozza e se ne vanno a piedi

FABIO B., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 18.09.14 05:53| 
 |
Rispondi al commento

mi sono venduto pure la macchina!
che cazzo me ne frega dell' assicurazione!

ex automobilista 18.09.14 01:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Assicurazioni on-line,promettono grandi sconti poi vado alla mia e pago la stessa cifra con tanto servizio in più in caso di bisogno.Ass.ni moto,troppo care x mezzi che fanno poche migliaia di KM annui.All'estero dicono costano meno,poi in Italia le stesse si adeguano.Gli italiani usano l'auto sempre meno causa crisi e caro carburanti,meno incidenti,eppure i prezzi non calano.Occorre porci mano o saranno sempre più quelli che rinunceranno all'auto o che non pagheranno più l'assicurazione.Assicurare la patente può essere valido se si ha un auto e una moto che tra l'altro usata poco x sfizio,ma occorre salvaguardare coloro che guidano saltuariamente e sono coniugati,non vorrei fosse peggiorativo x una famiglia,occorre verificare attentamente,Luciano

luciano borghi 17.09.14 23:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Innanzi tutto, si deve rivedere la classe di merito che va conquistata sul campo con l’esperienza di guida. Non è giusto che il figlio si trovi nella stessa classe di merito del padre. Gli orfani, non possono usufruire di nessuna classe di merito, come chi ha una famiglia, quindi la legge Bersani, è discriminatoria e penalizza ancora di più chi nasce sfortunato che deve partire dalla classe quattordicesima, perché non ha il padre in classe uno.

Amedeo 17.09.14 22:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tutti quelli che parlano di far pagare di più a chi non rispetta le regole dovrebbero precisare che le regole stesse devono essere sensate, quindi che ad esempio vanno rimossi tutti i limiti di 50 su Cassia e Flaminia quando c'è solo la villa di un parlamentare e non un centro abitato, ma è solo un esempio. Le strade statali gratuite sono piene di divieti che servono solo a innervosire e costringere a prendere l'autostrada.

Sandro S. 17.09.14 22:14| 
 |
Rispondi al commento

fate di tutto per premiare gli automobilisti virtuosi onesti che non hanno causato danni alla comunita'

pietro berardi 17.09.14 22:13| 
 |
Rispondi al commento

Attenti a chi propone l'assicurazione della patente... una famiglia con due adulti, un neopatentato e una sola macchina pagherebbe il triplo!

Fabio Renka Commentatore certificato 17.09.14 22:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Aboliamo le agenzie, aboliamo gli agenti, e tutto il carrozzone che ne viene dietro... assicurazioni solo on-line (obbligatorio per legge) e le compagnie vanno obbligate a riversare il risparmio di tale operazione sugli assicurati più virtuosi...

Fabio Renka Commentatore certificato 17.09.14 22:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Assicurazione sulla patente di guida, non piu sui veicoli, chi commette troppe infrazioni o incidenti subirà gli aumenti da parte della compagnia di assicurazioni, ma assolutamente basta con le polizze sui veicoli che possono essere guidati uno per volta !!


In Russia hanno le telecamere sul cruscotto. Si potrebbe metterle anche noi sia che inquadrino davanti che dietro. Naturalmente, chi dovesse accettare tali apparecchiature avrebbe uno sconto come oggi avviene per chi installa il satellitare a bordo.

Vincenzo R. 17.09.14 22:01| 
 |
Rispondi al commento

Importantissimo non far passare come normale il concetto che l'automobilista debba essere tracciato in tutti i suoi spostamenti se vuole risparmiare sull'RCA. A parte gli evidenti problemi di rispetto della privacy, bisogna capire che questo passaggio fa parte di una strategia che prevede, con l'aumento del numero delle auto elettriche, la tassazione "a chilometro", per sopperire ai mancati introiti dovuti al minore consumo di benzina. Sembra uno scherzo ma sono discorsi che i tecnici del Tesoro e delle compagnie di gestione banche dati fanno con sconcertante serietà.

Sandro Scapaticci 17.09.14 22:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ben venga un disegno di legge per le RC auto ma cosa aspettate a propone uno per regolare le RC professionali per i Medici?

Victor Ragni 17.09.14 21:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grazie M5S

Notizie computer Commentatore certificato 17.09.14 21:36| 
 |
Rispondi al commento

Assicuriamo la patente e non i mezzi. È impossibile che guidi contemporaneamente 2 mezzi.

Matteo Testa 17.09.14 20:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Le tariffe RCA devono tornare ad essere imposte dallo Stato , va annullata completamente la Legge Bersani e le liberalizzazioni (non puoi liberalizzare un servizio OBBLIGATORIO) va annullato lo strapotere dell'IVASS (un'altra istituzione "serbatoio di personale inutile" che serve solo a togliere soldi agli Agenti . Con le Compagnie on-Line non c'è più un servizio serio e professionale, ore e giorni al telefono per fare quello che in Agenzia facevi in 5 minuti. Le polizze devono tornare agli agenti, le Banche (sempre grazie al decreto Bersani, sono autorizzate a vendere polizze assicurative di ogni genere, continuando a distruggere gli agenti. Sapete quanta gente lavorava e guadagnava intorno ad una Agenzia di assicurazioni? Sapete quante agenzie hanno chiuso e quanta gente a spasso tra agenti impiegati e collaboratori? Tutto grazie a Bersani con la sua legge truffa a vantaggio delle Banche e delle Compagnie di assicurazioni. Vi ricordo che le Compagnie on-Line sono sempre le loro: Genertel è Generali, Genialloyd è Allianz , ecc DOMANDA: perché i prezzi delle polizze RCA che le Compagnie danno agli Agenti sono il doppio rispetto ai loro prezzi on-Line ? PROPOSTA: abolire la legge Bersani, il servizio della RCA deve tornare alle Agenzie di assicurazioni, in cambio gli Agenti dovranno rinunciare alla liquidazione del portafoglio RCA.

Francesco Tantucci 17.09.14 20:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

tutto sbagliato! ragazzi svegliatevi. L'assicurazione va legata alla benzina, quindi 30 centesimi in piu' al litro rca compresa. Se qualcuno fa un danno lo stato paga ma per 5 anni si e' costretti a stipulare una rc auto tradizionale. Per 5 anni, finche' attestato di rischio pulito. Idem se si prendono multe per atteggiamento di guida pericoloso. Rc per 1 anno o piu'. Questa e' la soluzione. Le altre sono seghe mentali. Svegliatevi, se no non vi voto piu'... scherzo

giorgio 17.09.14 19:48| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna fare in modo da assicurare il conducente e NON il veicolo!

ALG 17.09.14 19:12| 
 |
Rispondi al commento

AVANTI COSI' 5 STELLE E NON MOLLATE

alvise fossa 17.09.14 18:38| 
 |
Rispondi al commento

Questo si chiama cambiare e cambiare in meglio, migliorare e farlo sul serio! Complimenti e buon lavoro!

Viola Banin (grillottina), Nettuno Commentatore certificato 17.09.14 18:17| 
 |
Rispondi al commento

per le assicurazioni è troppo complicato controllare (storia di vecchia data )..è piu semplice per loro ..disribuire i costi del tutto sui clienti ...semplice tanto l assicurazione è obbligatoria ....giusta l iniziativa ..ma con gli agganci politici che non mancano da parte loro ....sara piu che dura ...comunque meglio provarci ovvio

FABRIZIO P., PARMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 17.09.14 18:06| 
 |
Rispondi al commento

Si certo, perchè io ho tempo da perdere a cambiare assicurazione o gestore telefonico ogni giorno. Il nostro tempo vale come l'oro, non fatevi fregare! Avanti M5S!

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 17.09.14 17:55| 
 |
Rispondi al commento

FINALMENTE!!!! Noi, M5S facciamo questo!!! Punto e basta!!! Vinciamo con il 60%!!!

Paolo B. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 17.09.14 17:54| 
 |
Rispondi al commento

L'assicurazione va assolutamente legata alla persona non al veicolo

Paolo Tranchida 17.09.14 17:54| 
 |
Rispondi al commento

Una domanda: perché se sono in classe 1 per una corretta guida dell'auto, senza incidenti, con la motocicletta nuova, appena comprata, vengo punitivamente collocato in classe 14 solo perché stipulo un nuovo contratto assicurativo che ignora che chi guida auto e moto sono senpre io senza peccato?

edgar alhadeff 17.09.14 17:54| 
 |
Rispondi al commento

Si potrebbe fare come fanno in California, che quando si commette una infrazione al codice della strada e si viene sanzionati con la multa, automaticamente l'autorità che sanziona informa anche la compagnia assicurativa del sanzionato come soggetto a rischio con un conseguente aumento del premio assicurativo.
Questo potrebbe essere uno dei tanti sistemi per far pagare di più chi meno rispetta le regole e ridurre i premi a chi è più virtuoso .

Alessandro Borello 17.09.14 17:42| 
 |
Rispondi al commento

Ottimo!Se ne sentiva il bisogno da tempo.Siamo vessati dalle assicurazioni,sia per i prezzi,sia per l'incuria in c
aso di incidenti:in qualche modo,vincono sempre loro!

Rosella Di Paola 17.09.14 17:30| 
 |
Rispondi al commento

Sono stanco di tutte le cose che non vanno, ma ci fosse una cosa che vada, ce da pensare che le cose che non vanno sono le cose che vanno, noi siamo un popolo che si lamenterà x tutta la vita ma non risolverà mai niente, facciamo schifo nessuno si alza la mattina e può dire oggi si fa cosi, troppo semplice non sapremmo come LAMENTARSI PER passare il tempo, mi vergogno di essere Italiano, un paese bagnato da 3 mari e siamo ridotti al fallimento ...

Giuseppe Lercara 17.09.14 17:28| 
 |
Rispondi al commento

Era ora che qualcuno si interessasse a questo problema soprattutto per noi Campani.

Gianfranco Verde 17.09.14 17:26| 
 |
Rispondi al commento

A me resta sempre la rabbia ricordando quando miser l'assicurazione RC obbligatoria per gli scooter (non ricordo l'anno....tipo 1997), io che sempre mi ero assicurato, pagavo 100.000 lire, l'anno che divento obbligatoria, passò di botto a 300.000. E la beffa dopo il danno: alle mie proteste, l'assicuratore disse "sa, con l'obbligo dobbiamo assicurare tutti e ci rimettiamo".
Ben venga una legge.

nicola rindi, prato Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 17.09.14 17:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Assicurazioni sulla persona e nn per ogni mezzo che si guida anche perché se sono in macchina ovviamente nn sono sullo scooter!!!!!!!!!

andrea luck 17.09.14 16:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Due anni fa un amico mi ha detto che pagavo troppo di assicurazione e mi ha fatto fare un preventivo dalla sua.
La nuova assicurazione mi costava 200 euro in meno l'anno e così ho cambiato.
Per un anno sono stata con la nuova assicurazione e a pochi giorni dalla scadenza la precedente assicurazione mi ha inviato una lettera con una nuova offerta nel caso quell'anno non avessi avuto incidenti. L'offerta è stata di 230 euro in meno l'anno.
Se non avessi cambiato non avrei avuto nessuna offerta quindi deduco che va benissimo la legge e come per i telefonini dobbiamo farli SCANNARE FRA DI LORO per abbassare i prezzi quindi cambiare sempre e anche i costi si abbasseranno...

ROSSANA I., ROMA Commentatore certificato 17.09.14 16:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Assicurazione sulla patente, sconti sensibili a chi non causa incidenti, aumenti a chi li causa.

Luigi P 17.09.14 16:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono d'accordo l'assicurazione non diminuisce mai, puoi essere virtuoso senza incidenti, puoi ridurre il valore della macchina MA NO PAGHI MAI UN CENT. IN MENO è tutto un imbroglio bisogna chiarire, fare delle tabelle non si DEVE pagare sempre uguale o di più e MAI DI MENO.

ROSSANA I., ROMA Commentatore certificato 17.09.14 16:05| 
 |
Rispondi al commento

ERA ORA!
Grazie per questa proposta. Ogni cittadino italiano, per la Compagnie della CUCCAGNA, è un pregiudicato.
Infatti uno che si compra una macchina e si assicura per la prima volta, entra con la tariffa più alta. Pazzesco!
Logico e onesto sarebbe pagare, in entrata, la tariffa più bassa e aumentarla se si fanno incidenti.
La tariffa bonus malus, che io mi ricordi, dopo 42 anni di patente, non è mai diminuita!
A Reggio Calabria, assieme a qualche altra città del Sud le tariffe sono una vera truffa.
Un mio amico di Bolzano, per la sua mercedes 2000 di cilindrata, paga 380,00 € l'anno. Io per la panda 1300 cil ho pagato, nel 2012 1350 €, 2013 1150 e nel 2014 1030€.
Propongo, anzichè assicurare la macchina, perchè non si assicura la patente? Daltronde chi fa l'incidente non è la macchina ma chi la conduce!

pietro denisi, reggio cal. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 17.09.14 15:49| 
 |
Rispondi al commento

Sono stufo di ripetere sempre le stesse cose, assicurazioni ladre e politici corrotti che permettono i soprusi e le vigliaccherie varie delle assicurazioni. Sono loro, i politici che hanno interrssi particolari , per fare in mofo che le cose non cambiano, venderebbero la loro anima, gia' persa.Io personalmente Ho conservato, una disdetta della UNIPOL , che ricevetti senza alcun motivo, avrei piacere di ricevere una giustificazine da qualche dirigente o politico con le palle, se le hanno.

Alessandro Papa 17.09.14 15:02| 
 |
Rispondi al commento

NON CE LA FAREMO MAI
L'esempio di questa rubrica fa capire come sia impossibile che le leggi vengano votate dal basso (poi parliamo della democrazia rappresentativa, ma è un'altra storia) in quanto c'è troppa gente che pretende di decidere su cose che non conosce!!! Più di uno continua a dire che l'RC auto dovrebbe essere gestita in concorrenza, non resa obbligatoria .... E TANTE CASTRONERIE DEL GENERE!!!!Beh, forse questi non sanno che l'RC auto è un tipico esempio, da manuale che si studia al primo anno di economia, di "fallimento del mercato" per via delle asimmetrie informative la cui conseguenza è o non produrre il servizio oppure statalizzarlo (o renderlo obbligatorio come proxy!!!!!). Qualcuno conosce l'esempio del mercato "delle prugne e dei limoni"? Beh, Akerlof c'ha vinto un nobel per questo e prima di dire .... facilonerie almeno mi documenterei un po'!!!!

Ernesto 17.09.14 14:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In Italia costa tutti più che altrove. Benzine, energie, telefonia, Iva, servizi che paghiamo ma non abbiamo, assicurazioni, tasse...

a proposito di tassazione, avevano detto che non aumenteranno le tasse per il 2015. E infatti:

http://www.quifinanza.it/8807/foto/tasse-di-successione-spunta-aumento-con-legge-di-stabilita.html

Gian A Commentatore certificato 17.09.14 14:32| 
 |
Rispondi al commento

Ligresti prestanome di Berlusconi SAI .
Unipol prestanome dei vertici PD
750 parlamentari a disposizione per legiferare qualsiasi virgola che vada contro il settore .
Assicurazioni Italiane che costano il triplo di quelle EUROPE.
Grazie PDL grazie PD .
Ci vorrebbero 10 persone li a Montecitorio con una sciabola , e dovrebbero tagliare la testa ai capi gruppi , uno alla volta , solo cosi gli Italiani potrebbero vedere abbassare le loro polizze, il fatto che si facciano truffe è solo una balla mediatica per giustificare questo salasso tutto ITALIANO:

GIOVANNI I., Padova Commentatore certificato 17.09.14 14:14| 
 |
Rispondi al commento

Ieri sera in un programma di mediaset onorevole Santachè, interveniva nella tragedia di quel ragazzo di Napoli ucciso da un carabiniere, diceva al fratello della vittima" mi dica come mai suo fratello il maggiore si trova agli arresti domiciliari, insinuando che la morte del ragazzo viene da un sistema familiare inesistente.
Mi chiedo ma come fà a parlare cosi, quando il leder del suo partito è un pregiudicato con affidamento ai servizi sociale, Vergogna questo esempio di come avete distrutto ITALIA.

antonio tarantino 17.09.14 14:10| 
 |
Rispondi al commento

da semplice ignorante,quale sono in materia economica,desidererei che mi si spiegasse come è possibile far stare insieme la obbligatorietà a cui è sottoposto il cittadino a un determinato provvedimento legislativo, con la legge di mercato.Nel caso in questione(assicurazione obbligatoria)le compagnie assicurative non hanno alcun interesse a farsi concorrenza;anzi si mettono d'accordo ad allestire i vari premi assicurativi e sempre al rialzo.Questa è l'ennesima truffa legalizzata.Non esiste libera concorrenza e allora non basta che lo stato obblighi ma occorre anche che lui gestisca questa obbligatorietà

franco . Commentatore certificato 17.09.14 13:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Liberalizziamo il mercato, come in Francia.

Non si capisce perchè se siamo in Europa, dobbiamo per sottostare ad ogni schifezza però le cose positive non le recepiamo anzi mettono un muro.

Siamo europei ? Siamo tutti uniti ? Bene allora voglio poter usufruire di un assicurazione tedesca, o belga, o Ceca.

http://www.assicurazione.it/assicurazione-auto/libero-mercato-francese-dell-rc.html

stefano 17.09.14 13:24| 
 |
Rispondi al commento

Sappiamo chi sono i proprietari delle compagnie di assicurazioni , i soliti noti ! Essendo spesso politici o amici dei politici , si fanno leggi e regole che vogliono e noi zitti e mosca ! Ovunque nel mondo si paga di meno e di parecchio , noi dobbiamo spendere quasi un mese di lavoro solo per l'assicurazione auto . Dopo 50 anni di patente senza avere mai fatto il minimo incidente , mi ritrovo a pagare 600 euro per un auto vecchia di 16 anni che fa non più di 7-800 km all'anno e che non è assicurata per furto e incendio , in quanto non vale più niente .

vincenzodigiorgio digiorgio, roma Commentatore certificato 17.09.14 13:15| 
 |
Rispondi al commento

Come per la differenziata, ci vuole una assicurazione PUNTUALE: che valuti il singolo. Buon o cattivo guidatore che sia. Le statistiche su base provinciali posso essere pesate, ma non in maniera così preponderante come ora!

p.s. cercate "Tuo Preventivatore" è un servizio del ISVAP che vi permette di avere i migliori preventivi rc auto compilando con cura solo una volta tutti i dati del veicolo etc. Nel giro di pochi minuti si hanno i primi 10 preventivi. E da un anno all'altro il sistema ricorda le richieste ed è possibile riproporle senza ricompilare tutto. Consigliato!

Vittorio Pellegrineschi (v.pellegrineschi), v.pellegrineschi@lacab.it Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 17.09.14 13:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Qui al sud ci sono molte truffe alle assicurazioni,basta accendere la tv e ci si rende conto,ma su questo le assicurazioni ci giocano sopra,perchè se io cittadino accetto di mettere sull auto la scatola nera,vuol dire che non voglio fare il furbetto,ma pago comunque molto,anzi troppo di assicurazione,invece di premiare il cittadino onesto lo si prende in giro?e una cosa che non concepisco

antonio 17.09.14 12:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Come autoriparatore indipendente posso solo auspicare l'abbattimento dei contratti con l'obbligo della riparazione dai carrozzieri convenzionati. Dietro alla falsa promessa di risparmio si nascondono spesso preventivo gonfiati. Mediamente dell'8% in più rispetto a noi indipendenti. Poi c'è la qualità e la sicurezza che un autoriparatore convenzionato, legato a tariffe basse, non può dare.
Le compagnie di assicurazione lo sanno ma per ora chiudono un'occhio perché il loro scopo è dirigere il cliente dove vogliono. Chi ha il cliente, ha il mercato in mano.. Quindi un futuro di monopolio con polizze a costo alto e riparazioni mediocri. Cliente e autoriparatore entrambi fregati! Spero in una definitiva eliminazione di questa strada.

Cristian Piana 17.09.14 12:37| 
 |
Rispondi al commento

Una volta l'assicurazione era sulla patente e non sull'auto. Perche non ripristinare questo sistema? Perché assicurare più assicurare più mezzi dello stesso proprietario? Può forse guidarle contemporaneamente? Non sanno più come derubare questo povero popolo italiano agonizzante

Alberto Torrisi 17.09.14 12:37| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna fare 1 assicurazione "soggettiva",premiare i virtuosi...io in classe pima x 1 utilitaria di cilindrata 1300 con incendio e furto pago 800 euro l'anno,classe prima con lettere!!!Vi rendete conto?

Davide R 17.09.14 12:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

SALVE IO HO LAVORATO E VISSUTO ALL'ESTERO E DEVO DIRE CHE RC AUTO COSTA LA META' DI QUANTO COSTA IN ITALIA PARLO DELLA MIA AUTOMOBILE CHE HO UNA CLASSE BASSISSIMA IN ITALIA E PAGO IN ITALIA 600 € E A LUSSEMBURGO 260 € PER TUTTO L'ANNO SE POI AGGIUNGO FURTO E INCENDIO + ATTI VANDALICI LA DIFFERENZA E DI 40 € SEMPRE A LUSSEMBURGO, SE LE STESSE COSE LI FACCIO IN ITALIA ALLORA MI DEVO VENDERE L'ITALIA.

bellocco luciano 17.09.14 12:30| 
 |
Rispondi al commento

un ringraziamento al cittadino Puglia per l'iniziativa, ma le mie domande sono:
1° - perché non si prova a smontare tutto questo meccanismo della RC-Auto che privilegia solo le compagnie e lega in modo univoco Targa-Assicurazione RC
2° - Perché deve esserci una assicurazione per ogni veicolo e non prevedere un'assicurazione globale RC che tuteli i danni conto terzi di tutti i veicoli posseduti (auto-Moto) per ogni singolo assicurato (anche perché la vedo difficile guidare contemporaneamente due veicoli.
3 - Perché non allargare a tutte le compagnie assicurative europee.

Ad oggi tutte le leggi, normative e decreti sono e vanno a favore delle compagnie assicurative che, da quanto mi risulta, non se la passano così male.

Giuliano B., Roma Commentatore certificato 17.09.14 12:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

SEMPLICISSIMO BASTEREBBE FARE UN BEL PO DI "PULIZIA" DENTRO GLI ORDINI PROFESSIONALI DEGLI AVVOCATI E DEGLI ISPETTORI MINISTERIALI!!!!!! BASTEREBBE??? ... MA SIAMO IN ITAGGGLIA E .... UN FAVORE O UN AIUTINO AGLI AMICI DEGLI AMICI DEGLI AMICI NON SI NEGA MAI... AHAHAHAHAHAHAH.. L' UNICA "PULIZIA" REALE E' QUELLA IN ATTO DA SEMPRE NELLE TASCHE DI PANTALONE!

Luigi P. Commentatore certificato 17.09.14 12:20| 
 |
Rispondi al commento

Qui, nel sud specialmente, fanno "marchingegni"per truffare le assicurazioni ed io che non ho mai fatto incidenti, devo pagare anche per loro. Il problema dei cittadini italiani e, soprattutto meridionali è che pensa: ma se "quelli al governo" rubano e sono già ricchi, perché non lo posso fare io che muoio di fame?. È come se una madre pu**ana dicesse alla figlia di comportarsi bene. È normale che risponda: visto che lo fai tu, perché non lo posso fare io? Se non cacciamo questa classe politica corrotta, il cittadino si sentirà autorizzato a fare certe cose.

alfonsina p. Commentatore certificato 17.09.14 12:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Benissimo!! Non è ammissibile che si paga un assicurazione esorbitante su un auto che non vale un terzo della stessa,urgono delle norme per regolare tale premio assicurativo,per altro non so perche lo chiamano premio.....A mio avviso non è affatto un premio ma una punizione visto che si mette mano al portafogli e molto consistentemente.

Alessandro Gatto 17.09.14 12:05| 
 |
Rispondi al commento

La questione ancor più grave è che nonostante in Campania ci siano meno incidenti che in Lombardia le polizze RC auto arrivano addirittura a quintuplicare! Se per un motorino del valore di mercato di 500€ viene chiesta polizza di 2000€ l'anno l'assurdità diventa amata realtà! Impensabile che sia obbligatorio subire abusi di questo genere! NOI NON SIAMO CITTADINI DI SERiE B! SUD LIBERO DAI COLONIZZATORI!!!

Nadia MV Cristiano 17.09.14 12:04| 
 |
Rispondi al commento

Le assicurazioni sono come le banche,istituti per rubare soldi ai cittadini in modo legale.
La politica appoggia il tutto perché ci mangia sopra.

giorgio p., san vittore olona Commentatore certificato 17.09.14 11:59| 
 |
Rispondi al commento

In Thailandia in caso di incidente si deve avvisare in tempo reale l'assicurazione, nel giro di 1 ora arriva il perito che a caldo fa' la perizia ed il giorno seguente si è rimborsati (parlo per esperienza personale) se ci si trova sperduti l'assicurazione attiva la polizia del posto e vale il rilievo della polizia per la responsabilita' e a brevissimo la perizia viene eseguita ed il danno rimborsato!!! Cosi si limitano le truffe!!!

marco taucci 17.09.14 11:45| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori