Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il venditore abusivo di olive

  • 25


catania_fuoco.jpg

"A Catania nei giorni scorsi un venditore ambulante si è dato fuoco. E' un venditore abusivo di "olive", e ha scelto il gesto estremo contro la crisi economica. A guardare la scenda, cioé prima la minaccia di darsi fuoco e poi il passare agli atti c'erano anche i vigili urbani di Catania. Che invece di aiutarlo, lo hanno istigato. Mentre Salvatore La Fata si incendiava i vestiti, ieri mattina, nessuno faceva niente. Anzi, secondo i lavoratori della zona, i vigili avrebbero peggiorato la situazione. Lui ha minacciato di darsi fuoco e uno degli agenti gli ha risposto "Sì, ma spostati più in là", racconta un ragazzo. Pietro Belfiore, comandante della polizia municipale etnea, risponde: "Siamo amareggiati, ma non potevano pensare arrivasse a tanto" Giulia Grillo Cittadina a 5 Stelle

Clicca sul banner per fare la tua donazione!

banner_it5s.jpg

TUTTE LE INFORMAZIONI SU ITALIA 5 STELLE:
italia5stelle_.jpg

22 Set 2014, 15:00 | Scrivi | Commenti (25) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 25


Commenti

 

spero presto che andremo a votare tutti movimento 5 stelle e la finiamo con questi politici buffoni e pubblicisti. quanto prima che moriremo tutti di fame e ci daremo fuoco l uno con gli altri. dovremmo dare fuoco a questi politici 1 a 1 non se ne salvo 1 a parte il movimento 5 stelle. ma gli italiani siamo un popolo di succubi e questo quello che ci meritiamo

pietro di noto 24.09.14 11:33| 
 |
Rispondi al commento

Cosa è diventato il nostro paese? Cosa siamo diventati noi? Ci meritiamo un futuro?

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 23.09.14 10:27| 
 |
Rispondi al commento

Ma a Catania non regna Enzo Bianco ? Fu anche un pessimo e per fortuna breve ministro degli interni, già trombato a sindaco dal fu Scapagnini. Non pensavo che i catanesi fossero così idiodi nel rieleggerlo alle ultime comunali, perchè o è stato colluso con il ladrone Lusi o si è fatto fott... i soldi da Lusi. E in moltissimi catanesi l'hanno premiato. Complimenti ! Catanesi...lo stesso che per Bianco: o siete dei mink...i o anche voi dei collusi...

genni acarogna (g_ac) Commentatore certificato 23.09.14 09:24| 
 |
Rispondi al commento

Che popolo ignorante che siamo! Non abbiamo più neanche umanutà. Cmq ricordiamoci che in attesa degli eroi e dei miracoli se ognuno di noi nel suo piccolo fa del bene, il mondo cambia lo stesso!!!!

rosario c. Commentatore certificato 23.09.14 09:04| 
 |
Rispondi al commento

Ma cosa vi aspettate da persone che stanno lì perché raccomandate dal politico ma*ioso di turno, senza professionalità e senza umanità. La stessa cosa succede negli ospedali e in qualsiasi luogo pubblico. Persone senza nessuna preparazione e senza nessuna esperienza, raccomandati agli esami scolastici, raccomandati per il posto di lavoro e questi sono i risultati. Medici incompetenti, impiegati che non ti sanno dare risposte e oltretutto sono anche maleducati. Questi sono gli elettori del pd, gente che non ha mai fatto niente e neanche ha voglia di fare niente, tanto chi li tocca più. Parlo con cognizione di causa, non perché sono grillina. ADESSO, PERÒ, DOBBIAMO MUOVERCI PERCHÉ ABBIAMO SOPPORTATO FIN TROPPO.

alfonsina p. Commentatore certificato 23.09.14 03:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ci fanno le barzellette sulle forze dell' ordine non per caso ... sono vergognosi !

Notizie PC Commentatore certificato 23.09.14 02:28| 
 |
Rispondi al commento

Quella perversa globalizzazione dell'indifferenza e quell'obbrobrioso razzismo strisciante denigratorio e divisionale si diffondono come prima, più di prima e con altri modi, altri mezzi, sempre più aberranti. Ognuno guarda, passa e sorride, strafregandosene di quelli che soffrono ai limiti della sopportazione e, se qualcuno, decide purtroppo di passare oltre..., per colpa di una zozza società, ci sono subito pronti i soliti figuri che spuntano all'improvviso dal nulla: lecchini, sanguisughe, vermi, iene, vampiri ed esseri velenosi, che, ridendo, esibendosi e sghignazzando sulle sciagure altrui: "Guarda quello, si suicida e... e... guarda quell'altro... si lamenta pure quell'altro...!"-
CHE MONDO INFAMEEEE!!! INFAMI, INCAPACI, VIGLIACCHI ED IRRESPOMNSABILI QUEI VIGILI, MA NON SOLO QUELLI... INFAME TUTTA LA SOCIETA' CHE PERMETTE IL RIPETERSI TROPPO SPESSO ORMAI DI SIMILI IMMANI TRAGEDIE!!!-
Poi tutti quanti con le code penzoloni e rientranti nel di dietro tornano, insieme con i vigili nelle loro casette ad assistere da grandi primiuomini e primedonne ai soliti giochi, ai soliti concorsi, alle solite farse dei soliti schifosissimi programmi in prima serata tv, stando attenti ai commenti, stando vigili alle risposte, stando attenti e vigili a non perdersi mai una sola puntata...-
Eh bè, lì davanti al grande scemo presentatore che chiacchiera in tv, bisogna stare VIGILI SI!,...; al povero cristo invece che si suicida per strada NO! Come nei videogiochi di mattanza bestiale sanguinaria che si giocava da piccoli, così la scemenza giocaiola resta da grande (col cervello piccino rimasto però tale e quale).
E'una guerra... VERGOGNAAAA!!!
POVERA TERRA NOSTRA...-

Andrea Cammarota, Caserta Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 23.09.14 01:12| 
 |
Rispondi al commento

Qui viene giù tutto! BEPPE CI SIAMO ROTTI I COGLIONI! Hai detto che dopo il circo massimo l' italia non sarà più la stella! BENE NON SAREMO PIÙ MODERATI! ABBIAMO CERCATO IN TUTTI I MODI DI ESSERE DEMOCRATICI MA QUESTI PEZZENTI HANNO PASSATO IL LIMITE! Dopo il circo massimo rivoluzione a oltranza davanti a Montecitorio ! O noi o loro! Si sono già suicidate troppe persone per questi maiali! Non abbiamo più niente da perdere! O noi o loro!

LEGANDRANGHETA 23.09.14 00:20| 
 |
Rispondi al commento

Anche un vigile si sente parte della categoria privilegiata, di un altro rango, superiore, imparentato con la casta. Loro sono loro, e voi non siate un caxxo!

Franz M., Here&There Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 23.09.14 00:02| 
 |
Rispondi al commento

Allora.....L'istigazione al suicidio è un reato penale; Quindi in virtù dell'obbligatorietà dell'azione penale, qualsiasi pubblico ufficiale, quindi anche i suoi colleghi dovrebbero denunciarlo e qualsiasi magistrato della Procura competente dovrebbe, se non sbaglio, aprire immediatamente un' inchiesta su questa ipotesi di reato, se sto sbagliando mi piacerebbe essere smentito da qualcuno competente in merito.
Anche dal Comandante che giustifica l'operato del suo subalterno, e che invece dovrebbe prendere provvedimenti in merito.....

Elio D., Palermo Commentatore certificato 22.09.14 20:54| 
 |
Rispondi al commento

Lui ha minacciato di darsi fuoco e uno degli agenti gli ha risposto "Sì, ma spostati più in là", racconta un ragazzo. Pietro Belfiore, comandante della polizia municipale etnea, risponde: "Siamo amareggiati, ma non potevano pensare arrivasse a tanto"
BRAVI I VIGILI POCO VIGILI, PENSARE E' IL VERO PROBLEMA PER COSTORO.
COGITO ERGO SUM.
NON COGITATE, QUINDI NON SIETE.

Ezio Bigliazzi, Bedizzole Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 22.09.14 20:40| 
 |
Rispondi al commento

http://orizzonte48.blogspot.it/2014/05/vincolo-sterno-e-esigenza.html

anib roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 22.09.14 20:34| 
 |
Rispondi al commento

Della serie datti pure fuoco, chemmefregaamme io ci ho il posto statale sicuro, pezzente..

Michele C. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 22.09.14 19:30| 
 |
Rispondi al commento

Il problema non è il vigile, ma la cultura italiana. Fini a quando ci limiteremo a puntare il dito contro qualcosa o qualcuno, disconoscendo la nostra personale responsabilità in ogni accadimento italiano, non faremo altro che contribuire a sostenere, se non a peggiorare, questo stato di cose.

Angelo Vaira 22.09.14 18:19| 
 |
Rispondi al commento

Sapete perché siamo arrivati a questo ? Perché non c'è più rispetto tra di noi ,è questo ci porta a tutte le
Brutte cose che vediamo e sentiamo . Io penso questo ciao a tutti

Pasquale Mele 22.09.14 18:03| 
 |
Rispondi al commento

Non potrò mai restare indifferente davanti a tanta malvagità.
UN vigile che si permette di trattare così un uomo che cerca di sopravvivere non merita di lavorare per un comune. Lui si permette questa malvagità perchè ha lo stipendio sicuro ogni mese....se non lo avesse starebbe anche lui in mezzo alla strada a vendere patate...

Spero che i suoi superiori lo richiamino al dovere...ovvero di iniziare a mettere multe agli automobilisti indisciplinati che nussun vigile multa a Catania ( porterebbero anche guadagno alle casse comunali )!

caterina c. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 22.09.14 17:27| 
 |
Rispondi al commento

TUTTO VA BENE ALLINCONTRARIO IO VOGLIO FAR SAPERE CHE SONO SEPARATO DI FATTO DA 2 ANNI E MEZZO .HO 67 ANNI E STO IN SUD AMERICA MIA CONSORTE DICE CHE STIAMO INSIEME E CHE LEI NON ACCETTA LA SEPARAZIONE PER TENERE LA MIA PENSIONE CHE A ME SERVE PER VIVERE ANCHE SE è POCO CIOè IL MINIMO COSA IO DEVO FARE IN AMERICA PER OTTENERE LA MIA PENSIONE.GRAZIE IO ATTENDO UNA RISPOSTA. PRECISO PRIMA DI PARTIRE IO PRENDEVE IL MINIMO €.400,E QUALCOSA CHE HO FATTO LA DELEGA PER MIA X MOGLIE ,LEI MI HA FATTO TOGLIRE TUTTO E IO GIRO SENZA IN SUD America SENZA UN CENTESSIMO COSA DEVO IO FARE .GRAZIE E UN SALUTO ATUTTI GLI ITALIANI ..ATTENDE RISPOSTA

Orazio Giuliani 22.09.14 17:22| 
 |
Rispondi al commento

A SUON DI RACCONTAR BALLE RENZI CI PORTERA' SULL'ORLO DELLA DISPERAZIONE

alvise fossa 22.09.14 17:14| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Blog, non stento ha credere, perché un fatto molto diverso dal gesto estremo del venditore ambulante che si è dato fuoco. Ve lo racconto, Nel bel nord est in un paese che si considera democratico, e avvenuto un incidente nella pizza del paese, in sintesi tre donne hanno avuto la spiacevole disavventura di cadere nel tombino per un inaspettato improvviso cedimento.
Incidenti causati dal incuria, le donne si sono infortunate, ma la risposta che hanno avuto dai vigili comunali e che era colpa loro che si sono fatte male, con termini pesanti e spregevoli, soprattutto dal comandante dei vigili urbani. Dopo questa parodia di vita folle italiana, posso credere alla brutta avventura e disprezzo della vita del giovane, incitandolo al suicidio.
Lo so che il pd ama i poveri, ma gli ama così tanto che ne crea sempre di nuovi, che generosi.

Roberto Santi 22.09.14 17:06| 
 |
Rispondi al commento

Tanto prima o poi, gli altri siamo noi.

Daniel S. 22.09.14 16:01| 
 |
Rispondi al commento

Per un caso analogo, in Tunisia è scoppiata una rivolta.

Giancarlo V., Venezia Commentatore certificato 22.09.14 16:00| 
 |
Rispondi al commento

Se questo signore si è dato fuoco ed era abusivo, di certo le responsabilità non erano sue, ma di un sistema che ti impedisce di vivere a causa di una pressione fiscale e burocratica che ti opprime giorno dopo giorno.
Al governo dovrebbe bastare una tassazione del 25-30% e quello che rimane dovrebbe essere guadagno per chi si rompe le ossa a lavorare.
Invece il sistema ti prosciuga per mantenere i soliti noti.
Che schifo. Mi fanno vomitare.
Mi sembrano sacchi di m....

Tutti a casa prima che succeda qualcosa di irreparabile.

italo libero 22.09.14 15:54| 
 |
Rispondi al commento

Povera terra nostra..... L'hanno snaturalizzata seppellendo sotto terra la nostra costituzione italiana....

Andrea Alioto 22.09.14 15:14| 
 |
Rispondi al commento

Brava gente quei vigili, invece di pensare bisogna agire

cristiano 22.09.14 15:14| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori