Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

L'Italia dentro la spirale della deflazione

  • 26


deflazione_continua.jpg

"La recessione non passa, forse questo e' il risultato che volevano le lobbies per far sparire le piccole aziende e comprarsi a prezzi di liquidazioni i marchi delle grandi e medio grandi per poi produrre fuori dall'italia con un made in italy ormai ridicolo che nulla ha piu' del made in italy del vero prodotto artigianale. DA ANSA.IT: "Italia in deflazione. La conferma arriva dai dati dell'Istat, che registrano per agosto un indice dei prezzi in calo dello 0,1% rispetto allo stesso mese dello scorso anno (era +0,1% a luglio). Il Paese entra in deflazione per la prima volta dopo oltre 50 anni, cioè dal settembre del 1959, quando però l'economia era in crescita. Salgono a quindici le grandi città in deflazione. Registrano, infatti, prezzi in calo su base annua: Potenza, Reggio Emilia e Padova (-0,1%); Roma, Perugia, Bologna e Genova (-0,2%); Bari, Trieste, Firenze e Milano (-0,3%); Livorno (-0,5%); Torino (-0,6%); Verona (-0,7%); e Venezia (-0,8%). E' quanto emerge dal monitoraggio dell'Istat. A luglio il numero delle città con i prezzi al consumo sotto 'zero' si fermava, infatti, a 10. E tra le 'new entry' spicca Milano, a cui si aggiungono anche Bologna e Genova. Invece per Venezia si tratta di un ritorno (era stata una delle prime a rilevare listini in discesa)." Roberto Scannapieco, Roma

12 Set 2014, 17:06 | Scrivi | Commenti (26) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 26


Tags: artigiani, crisi, deflazione, Italia, made in Italy, Roberto Scannapieco, Roma

Commenti

 

Non c'è da meravigliarsi circa l'attuale recessione economica Italiana! Ho ascoltato una parte delle repliche fatte dai vari esponenti dei partiti politici, in risposta al discorso di renzi, ma non mi hanno soddisfatto, né il primo e né gli altri. Molti hanno criticato l'operato del pdc che si è comportato come la natura leopardiana (O natura, natura, perché non rendi poi, quel che prometti allor? Perché di tanto inganni i figli tuoi?). Molti hanno evidenziato il carico di spese che sostiene lo Stato Italiano e qualcuno ha anche indicato quali fossero le spese "inutili" da tagliare. Fin qui tutto va bene. Nessuno, a parte M5S che lo ha sempre sostenuto ed attuato, ha proposto di decurtarsi i propri stipendi e privilegi. NESSUNO!!!
Sono tutti ("culo e camicia")solidali tra di loro.
Ho tenuto presente che se diminuissimo le somme spettanti a: PARLAMENTARI NAZIONALI, REGIONALI, PROVINCIALI e gran parte di quelli COMUNALI, si otterrebbero risparmi per circa 4 miliardi di euro. Tale somma può essere destinata ad OO.PP. di primaria importanza (TERRITORIO o reddito minimo pro-capite). La diminuzione dovrebbe essere circa il 65% delle attuali spettanze. Detta decurtazione di emolumenti non andrebbe a carico di quegli amministratori dei comuni al di sotto di 10.000 abitanti e/o che versano in condizioni economiche disagiate. Tenuto conto che
la nostra bella penisola è stata trattata, come il FAR-WEST (terra di conquista)ci vorranno molti anni prima di vederne i benefici. L'edilizia, procura il lavoro, ma AMMAZZA il territorio. Mettendo in sicurezza il territorio si procura il lavoro, assumendo persone che effettuino i dovuti controlli di zona e si evitano molti danni, a partire dagli incendi per autocombustione(?), allagamenti, o smottamenti dei costoni. Se vi fossero gradite queste mie proposte, Vi autorizzo ad utilizzarle, se non le aveste già inserite "in cantiere"

marcello acquaviva (giobbe - 1943), Foggia Commentatore certificato 16.09.14 14:46| 
 |
Rispondi al commento

SPERO CHE IN SCOZIA I BROGLI NON SIANO PERFEZIONATI COME NEL NOSTRO DISASTRATO PAESE.
CHE POSSANO DARE UN CALCIO ALLA MONARCHIA E CHE A RUOTA SEGUANO ALTRE REGIONI, IRLANDA IN TESTA, DEMOCRATICAMENTE SENZA SPARGIMENTO DI SANGUE.

carla2 g., Padova Commentatore certificato 16.09.14 13:34| 
 |
Rispondi al commento

Credo che nessuno al mondo voglia che ne veniamo fuori:
- non lo vogliono i paesi eu perchè se siamo noi il fanalino di coda non lo sono loro,
- non lo vogliono quelli fuori eu perchè se noi siamo in difficoltà, vanno meglio loro (vedi frutta e verdura turche agli ex urss)
- non lo vogliono nemmeno quelli che trasportano disperati mezzi morti dai paesi poveri perchè finchè siamo sgovernati la mafia e la delinquenza ingrassano e contnuano con le tratte di schiavi.
- per ultimi , ma non ultimi i poteri forti mondiali si comprano tutto a prezzo di liquidazione dai marchi famosi ai monumenti, ville e litorali, trasferendo quello che possono nei loro paesi e sfruttando quello che non possono trasferire.
Uno sceicco dei paesi maggiori produttori di petrolio, di cui non ricordo il nome, ha un capitale uguale al nostro debito pubblico, potrebbe comprare l'intero paese....
Almeno la Scozia è un paese democratico non governato dal PD, mi farei scozzese se non lo fosse già il cosidetto sandokan.

carla2 g., Padova Commentatore certificato 16.09.14 13:29| 
 |
Rispondi al commento

Pericolo deflazione?
Non sono un "economista" ma, avendo lo stipendio bloccato da circa 4 anni (ebbene si, sono uno dei "maledetti" pubblici dipendenti responsabili di tutti i problemi dell'Italia), devo ringraziare proprio questa deflazione (con il conseguente mancato aumento dei prezzi) se riesco ancora ad arrivare a fine mese...

Roberto C. 13.09.14 11:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

QUESTO E' IL RISULTATO DELLE SPLENDIDE IDEE DEL GOVERNO DI TECNICI DEL RIGORMORTIS, LETTAMENTE, EBETINO..... IL GIAPPONE E' RIMASTO IN DEFLAZIONE PER 20 ANNI DOPO IL BOOM IMMOBILIARE E DI BORSA DEGLI ANNI 80..... AL MASSIMO DEL BOOM IMMOBILARE IL PALAZZO IMPERIALE DI TOKIO VALEVA QUANTO TUTTI GLI IMMOBILI DELLA CALIFORNIA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ... ORA L' ITALIA E' OLTRE LA FRUTTA.... CHI FA IL NERO E LO CONTINUA A FARE NON PUO' PIU' METTERE I SOLDI IN BANCA E LI TIENE A CASA E SOPRATUTTO NON PUO' PIU' ACQUISTARE IMMOBILI E BENI.... QUINDI NESSUNO FA PIU' NULLA E TUTTO E' FERMO.... POI CHI HA CONTRATTI DA PRECARIO NON PUO' FARE MUTUI ( GIOVANI DI SOLITO MAGARI CON BIMBI PICCOLI) E QUINDI CROLLO ACQUISTO CASE...... CHI VUOLE INVESTIRE IN AZIENDE HA LA BUROCRAZIA PEGGIO DI PRIMA (ALTRO CHE SEMPLIFICAZIONI) PERCHE' ORA TUTTO DOVREBBE ANDARE IL INTERNET (AHAHAHAHAHAHAH) PER LA TRASPARENZA.... MA PEGGIO DI TUTTO E' CHI HA IN CORSO UN PROCESSO CIVILE O FISCALE CHE COL CAVOLO VIENE SEMPLIFICATO.... QUINDI ORA DEFLAZIONE, POI RECESSIONE, POI DEFAULT PILOTATO.... LA GRECIA PRIMA DELLA CRISI AVEVA UN RAPPORTO DEBITO PIL DEL 135% DATO DA (135/100)=135% POI CON LE FAVOLOSE POLITICHE DI SALVATAGGIO (RAPINAGGIO DEL FMI) IL RAPPORTO DEBITO PIL E' ANDATO AL 190% PERCHE' LA FRAZIONE E' DIVENTATA (135/75)=190%..... LA MERAVIGLIOSA POLITICA DEL FMI HA FATTO CROLLARE IL PIL DEL 25% COL RISULTATO DI PORTATE IL RISULTATO DEL RAPPORTO DEBITO/PIL AL 190%!!!!! NOI ITALIOTI FARE LO STESSO... CI METTEREMO SOLO PIU' TEMPO.... LA SCOZIA FARA' IMPLODERE L 'EURO PERCHE' SI STACCHERA' A MENO DI BROGLI REFERENDARI PAZZESCHI DALLA GB E POI FARA' LO STESSO LA CATALOGNA ETC... W LA SCOZIA- FORZA SCOZZESI AIUTATECI A USCIRE DALL' EURO CHE CI STA DISTRUGGENDO TUTTE LE INDUSTRIE TURISMI INCLUSO

Luigi P. Commentatore certificato 13.09.14 10:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Spagna aumenta il debito Pubblico che sale al 98,2%..1021mld idemm Italia...2168 mld...e pensare che Renzi ha detto che sono migliori i dati sulla disoccupazione in italia rispetto alla penisola iberica 12% contro il 24%...ma siamo sicuri che nel bel paese i dati sulla disoccupazione siano reali?..io penso no...semplicemente per il fatto che ormai molte persone non si iscrivono più alle liste di disoccupazione(e forse c'è gente che non si è mai iscritta come ad esempio chi lascia una partita iva o una professione).
La pochezza si denota da queste banali comparazione perchè l'outlook economico della Spagna è migliore di gran lunga rispetto a quello dell'italia per le seguenti ragioni:
1-la Spagna ha una popolazione di 41ml di abitanti e un età medià di gran lunga inferiore a quella italiana;
2-l'anno passato ci ha sorpassato solo con il turismo;
3-ha una tassazione d'impresa che non supera il 34% contro il 70% di quella italiana;
4-conta 500.000 cittadini inglesi che sono andati a svernare nel paese del sol...portando soldi contro noi che importiamo solo "disperati";
5-la crisi spagnola non è dipesa dalla spesa pubblica ma dalla bolla speculativa edilizia che lentamente si sta riassorbendo;
6-il sostegno ai disoccupati è migliore di quello offerto dal welfare italico;
7-Un paese che con la sua storia e la sua lingua ha rapporti commerciali con l'america latina i quali permettono facili opportunità di lavoro per gli spagnoli che che intendono migrare..(non si può dire di noi italiani)
La stesse mediaset sta concentrando in pieno la produzione nella tv spagnola, visto il potenziale bacino di utenza dell'america latina e america del Nord...ricordiamoci che negli USA lo Spagnole è la seconda lingua....

napoleone ., Leghorn Commentatore certificato 13.09.14 08:40| 
 |
Rispondi al commento

Questi sono i risultati della politica di sinistra e centro/destra dell'ultimo ventennio, poi la goccia che ha fatto traboccare il vaso, il governo Renzo il peggiore in assoluto di tutta la storia della repubblica Italiana!!!!

paco 2005 13.09.14 06:50| 
 |
Rispondi al commento

Deflazione? Ma dove? Forse di qualche centesimo di punto ma questa non e' vera deflazione, sono correttivi correnti. Quando gli indicatori saranno ad almeno sul 20% possiamo parlare di deflazione, ma l'indicatore italico principale quale il costo delle locazioni degli immobili per ora e' ben lontano dalla suddetta percentuale, quindi di cosa stiamo scrivendo?

La situazione invece e' ben ma ben peggiore che e' quella della voluta distruzione dell'ossatura economica dell'Italia che da sempre sono state le PMI in favore di pochi e in favore dei soli grandi gruppi nel frattempo creando cosi' una nuova Cina interna all'Europa con rispettiva mano d'opera a bassissimi costi e eliminazione di ogni tipo e genere di welfare oltre altro, questo in sintesi e' il quadro voluto con piena complicita' degli italici politici, della italica magistratura, dei burocrati e dei loro servi.

Svegliatevi!

Gino 13.09.14 01:51| 
 |
Rispondi al commento

https://twitter.com/cigolo/status/510414682340216832/photo/1

italia: profitti per settore: manifatturiero, costruzioni, servizi

desolante, non c'e' piu' convenienza ne' stimoli nella manifattura

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 12.09.14 23:18| 
 |
Rispondi al commento

La peggiore deflazione è quella psicologica a cui stanno inducendo la maggior parte di noi ...
I cittadini oramai sono stremati dall'affrontare difficoltà giornaliere sempre più evidenti, grazie al cattivo fare di chi sta a governare!
Occorre aprire una breccia e far capire che possiamo ancora farcela se tutti ci uniamo nell'intento!
Ma occorre dare esempi importanti da chi ora è già lì dentro ...

Pasquale M., Nocera Inferiore Commentatore certificato 12.09.14 22:45| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno si chiede chi ci sta guadagnando..provate a cercare qualche grafico con tag "corporate profits", cioe' profitti delle grosse multinazionali e vedrete che sono ai massimi di sempre

http://static3.businessinsider.com/image/4fe2807feab8eaca7f00000c-960/corporate-profits-as-percent-of-gdp.png

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 12.09.14 22:09| 
 |
Rispondi al commento

Oltre alla deflazione bisogna rilevare che il livello dei prezzi è comunque alto rispetto al reddito a causa delle speculazioni successive all'euro che i governi hanno colpevolmente o dolosamente ignorato e ciò non fa che aggravare la situazione.
Il m5s fa bene a denunciare la preoccupante situazione economica ma dovrebbe altresì, a mio parere, promuovere un programma serio per uscirne, credo che sia l'ora di arruolare nelle proprie fila persone autorevoli, parlo di economisti, segnatamente di area Keynesiana, ce ne sono molti, apertamente critici riguardo alle politiche efferate della troyka e dei governi a lei sottomessi, compatibilissimi con la linea del movimento, potrei citare ad esempio il prof. Sapelli o il prof. Galloni, ma anche molti altri.

Paolo G. Commentatore certificato 12.09.14 21:57| 
 |
Rispondi al commento

Deflazione significa che i prezzi calano.
Prima di festeggiare il lieto evento (far la spesa può costare meno) bisgna ricordare che la deflazione è un sintomo assai grave di mali molto peggiori ovvero aziende che non riescono a vendere e che verosimilmente chiuderanno:
si abbassano i prezzi perchè non ci sono più acquirenti che possono contare su uno stipendio.
Recessione + deflazione.
Apparentemente si tratta di una situazione economica desiderata e conveniente per alcuni (in particolare le multinazionali) quindi non ci sono errori.

Visto che le disgrazie non vengono mai sole seguirà una politica sempre più autoritaria (abolizione diritto di voto alle province e forse al senato) e un intensificarsi dei rapporti stato-mafia per imbrogliare le elezioni anche alle prossimne tornate elettorali.

La ghigliottina non sembra essere un rimedio peggiore del male.

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 12.09.14 21:39| 
 |
Rispondi al commento

Un Paese in svendita quando potrebbe primeggiare in tutto è squallido, è un disastro che ha dell'offensivo nei confronti di chi vuole e sa di poterlo fare, produrre e promuovere il made in Italy e nei confronti dei suoi risultati, che possono eccellere; è soffocare ambizione, è soffocare una sana competitività che potrebbe spronarci e aiutarci a vedere di nuovo quel bello di cui siamo gli autori. Auguro al MoVimento 5 Stelle di riuscire dove gli altri hanno finito col fallire e non ne hanno colto il danno perché era solo di chi, grazie a loro, falliva.

Viola Banin (grillottina), Nettuno Commentatore certificato 12.09.14 21:15| 
 |
Rispondi al commento

Quanto tempo si ha per ka richiesta del gazebo?

antonio bovio 12.09.14 21:12| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno può rispondete a questa? Si abbassano i costi delle materie prime e di conseguenza si abbassano i costi dei prodotti, siamo pertanto in deflazione. Una volta con questa dinamica i prezzi dei prodotti non diminuivano perché la gente comperava comunque. Allora, chi ci guadagnava? Il consumatore finale sicuramente no. Non sarà che la deflazione penalizza un certo tipo di industriali? Qualcuno direbbe: " gli industriali che perdono quote di mercato licenziano i dipendenti, i dipendenti licenziati non spendono e si entra in una spirale depressiva". Allora mi chiedo perché gli industriali in questione non abbassano ulteriormente i prezzi dei loro prodotti, in modo da mantenere l'occupazione? La mia risposta è quella che gli industriali in questione sono egoisti ed ignoranti. Allora come se ne esce? Secondo me con una politica lungimirante che " sacrifichi " il presente per un mondo futuro migliore, dove i ns figli potranno essere fieri di noi. Tutto questo significa una politica che fa della redistribuzione del reddito la propria bandiera irrinunciabile. MS5 da che parte state?

angelo 12.09.14 20:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

la capiamo e laspieghiamo sta deflazione,io che avrei preso 800 milalire nel 2001 di pensione pagavo il pane a 3 milalire il chilo,oggi prendo 550 euro pago il pane a 3 euro,ma che cacchio di deflazione è, cioè se la mia pensione fosse stata rivalutata come i prezzi,oggi io dovrei prendere 800 euro,ma che cacchio scrivete, vi danno da bere merda e voi la divulgate,basta,il fatto è che i prezzi di prima necessità,cioè il cibo,il gas, la benzina ecc sono raddoppiati ed anche più,gli altri sono rimasti eguali,la chiami deflazione questa, deflazione è quando diminuiscono i prezzi,non quando raddoppiano

anna q., pianborno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 12.09.14 19:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Premesso che solo degli economisti idioti nati nel vecchio continente potevano teorizzare che il minor guadagno su un singolo prodotto si poteva compensare conil decentramento delle produzioni, con l'utilizzo di schiavi moderni e il contestuale aumento della produzione senza rendersi conto che a medio termine sarebberò andate il default i consumi delle principali economie capitaliste.
Fortunatamente il libero arbitrio di chi vive in uno stato di diritto, permette al consumatore italiano di poter scegliere cosa comprare e in che luoghi comprare e nulla può impedire al consumatore italiano di acquistare, anche a rischio di pagarli di +,solo ed esclusivamente prodotti italiani che garantiscano ( con un marchio )che stanno dando forza lavoro a persone che vivono sul territorio italiano.
Soluzione semplice da attuare, senza bisogno di leggi e norme complicare e del contributo di una classe politica fondamentalmente cialtrona e disonesta.

claudio 12.09.14 17:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

QUA' VA' SEMPRE PEGGIO,DOBBIAMO VENIRNE FUORI IN UN MODO O NELL'ALTRO

alvise fossa 12.09.14 17:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori