Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

5 giorni a 5 Stelle: #DifendiamoLaDemocrazia

  • 27

New Twitter Gallery

pep_buchi.jpg

"Dalla parte dei cittadini per uno Stato libero da partiti, lobby e mafie. Non retrocediamo di un millimetro nel denunciare l'ineleggibilità di Luciano Violante alla Consulta, organo che come prevede la Costituzione dovrebbe essere composta da membri super-partes. L'Italia oggi è una Repubblica dove ci sono alti funzionari che impartiscono a reparti di polizia folli ordini di manganellare persone in carrozzina. Ma per fortuna, nelle forze dell'ordine c'è chi responsabilmente si rifiuta agendo con buonsenso per difendere il nome dello Stato e della democrazia. Nel frattempo il Governo Renzi con il "Job Act" punta a distruggere ogni diritto sociale, creando precari a vita senza risolvere alla radice il problema lavoro e della tassazione che strozza piccole e medie imprese. Non contento con i 5 'Buchi neri' del decreto #sfasciaitalia, l'esecutivo è pronto a far calare il buio su tutto il Paese con più inceneritori, acqua privata, cemento e appalti loschi, false bonifiche e trivellazioni. Cinque 'Buchi Neri' contro le 5 Stelle del futuro proposte dal Movimento. La democrazia sembra un optional per questo governo, che da mesi si rifiuta di discutere la mozione di sfiducia al Ministro della Salute Lorenzin e nulla fa per contrastare quel disastroso Fiscal Compact che strozza cittadini e imprese." M5S Parlamento

Clicca sul banner per fare la tua donazione!

banner_it5s.jpg

TUTTE LE INFORMAZIONI SU ITALIA 5 STELLE:

italia5stelle_.jpg

4 Ott 2014, 17:04 | Scrivi | Commenti (27) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 27


Tags: 5 giorni 5 stelle, Consulta, Corte Costituzionale, Napolitano, polizia, Violante

Commenti

 

Caro Beppe, sono un tuo Fan da sempre! e percio' mi sento in diritto di farti una critica, ti è mai balenato in mente che il tuo acerrimo nemico Renzi, lo hai creato Tu? Rifiutando ogni confronto con chi ti tendeva una mano, hai aperto la strada a Renzi e Berlusconi, Renzi, nel ringraziarti una cosa giusta l'ha detta: avevi in mano il biglietto vincente della lotteria e l'hai buttato nel cesso! Ciao!

Gilioli Emilio 07.10.14 12:09| 
 |
Rispondi al commento

In queste condizioni siamo come dopo la prima guerra mondiale. Torniamo alla marcia su Roma!!!

rosolino p. Commentatore certificato 05.10.14 22:29| 
 |
Rispondi al commento

AVANTI COSI0 5 STELLE

alvise fossa 05.10.14 18:36| 
 |
Rispondi al commento

È qualche giorno che sto segnalando che "dona ora italia5stelle" non è attivo x carte di credito e prepagate qualcuno mi ascolta? Potete intervenire sui metodi di pagamento? io sto provando da tablet e smartphone senza successo non ho paypall e non voglio aprire un conto paypall
Grazie

Maria S., Carrara Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 05.10.14 09:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma lo sapevate che il 12 ottobre ci saranno le elezioni provinciali? A cui noi però non siamo invitati a partecipare. Pensate che in questi giorni c'è la campagna elettorale tra di loro, allucinante! Ci hanno tolto il voto senza togliere le province!

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 05.10.14 09:03| 
 |
Rispondi al commento

Renzi sta raccogliendo tutto il consenso possibile nel centro destra.
L'obiettivo primario era: spuntare le ali a M5S.
Quando avrà abbastanza voti da destra, e ne manterrà sempre tanti da "sinistra", avrà raggiunto il suo scopo: potrà fondare la nuova "DC", il SUPERINCIUCIO che alle elezioni prenderà voti trasversali da ovunque e avrà % bulgare. A quel punto nessuno riuscirà piu' a fermarlo. E dopo, quando toccheremo davvero il fondo, ci sarà, purtroppo, il forte rischio della protesta violenta che M5S non sarà più in grado di incanalare positivimante e democraticamente.
Del resto, ho l'impressione che faccia parte dei ricorsi storici.


Aiutiamo la Sicilia :

Lo stato c'ê , con la mafia.......... ma lo stato c'è :

http://ctzen.it/2014/10/03/giardini-20-controlli-in-2-mesi-al-sottosopra-il-giovane-gestore-non-ci-piegheranno/

roberto spagnolo 05.10.14 05:34| 
 |
Rispondi al commento

Ho saputo, stamattina, che una mia ex collega, molto piu giovane di me, ha un cancro. Brutto colpo. Ma a questi collusimafiosiladri e chi più ne ha più ne metta, non succede mai niente?. A loro, che sono i principali responsabili di queste malattie, di tante morti per suicidio, per avvelenamenti ambientali, solo per "venerare il loro dio denaro" non succede mai niente? anzi vivono più a lungo della media. Ma esiste una giustizia divina, visto che quella terrena, "questi" non li tocca mai? Io spero che molto presto il popolo si ribelli a tutto questo e che prenda coscienza che il disegno di questi "personaggi" è quello di annullarci completamente.

alfonsina p. Commentatore certificato 05.10.14 00:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Basta violenze al popolo italiano costringendolo
a suicidarsi,mentre voi politicanti continuate a sperperare quei pochi spiccioli rimasti al popolo.
Ignorando la sovranità del popolo,e il giuramento
di fedeltà e obbedienza al popolo sovrano.
Popolo Italiano tutti uniti pacificamente ma con
fermezza mandiamo a casa questi arrampicatori sociali.riempiamo tutte le piazze d'Italia,finchè non sono andati tutti via.

Di Pasqua Getano 04.10.14 23:49| 
 |
Rispondi al commento

Non potete pretendere che chi ha sempre rubato e sfasciato smetta adesso. L' unica speranza per questo paese in macerie è il popolo. Che il popolo si svegli prima che sia troppo tardi. Voi dovete continuare cosi. Siete fantastici e per questo vi ringrazio, forse un giorno l' Italia potrà dirsi un bel paese. L' unica soluzione è rimuovere tutti questi politici inutili incollati nella sedia. Spero solo che non finisca in una rivoluzione. In quel caso ci sarà tanto sangue, soprattutto politico per le strade di tutta italia. Grazie M5S

Info PC Commentatore certificato 04.10.14 22:53| 
 |
Rispondi al commento

Sig.ri tutto inizia nel 1977,quando Gaetano Corallo il papà di Francesco ,diventa della Getualde,la società che controlla il Casinò di Campione.Partendo da quella cassaforte, quel catanese tenta una clamorosa scalata alla sala da gioco di Sanremo.L'operazione viene fermata nel 1983 dalla prima retata antimafia al Nord.Nelle sentenze definitive,che L'"Espresso" ha ritrovato,i giudici raccontano una storia criminale che il re delle slot non ha mai pubblicizzato.Suo padre, Gaetano Corallo,nasce come usuraio:aggancia ricconi col vizio del gioco,li scorta con il suo aereo privato nei casinò internazionali e presta soldi a tassi da strozzino.Tra i suoi grandi sponsor c'è un mafioso stragista: Nitto Santapaola,il superboss di Cosa Nostra a Catania.Con lui Corallo senior ha una ,addirittura ammessa dallo stesso Santapaola...
a questi condonano e noi dovremmo pagare le tasse sui nostri soldi?Ma chiudiamo le frontiere a loro quando vanno all'estero,MAFIOSI !

Arturo Gemmabella 04.10.14 22:00| 
 |
Rispondi al commento

quando la smetterete con questa minchia di tv sarà sempre troppo tardi .tanto ai simpatici piddini ci penserà il pd stesso a farli cambiare bandiera . con le tessere hanno già cominciato.

andrea a44, genova Commentatore certificato 04.10.14 21:59| 
 |
Rispondi al commento

Beppe
Questo Governo non ci sente, non vuole mollare lo status che si è costruito, a costo di affondare il Paese. Non c'è più dialogo, o fai come loro o manco ti vedono, il Popolo è spazientito e disorientato, non sa più dove è la porta per uscire.
E' urgentissimo informare, se occorre anche con i segnali di fumo per mandarli a casa con il voto, persa l'occasione delle ormai prossime votazioni è l'Italia che va a casa o meglio a fondo., quindi bando alle convinzioni occorre la TV subito, lo strumento di informazione peggio usato degli ultimi anni, ma il più diretto al Popolo gregge.

sebastiano b., catania Commentatore certificato 04.10.14 21:37| 
 |
Rispondi al commento

Non ci sarà salvezza senza mandare a casa o in galera questo governo voluto non dal popolo ma dai ladri, senza tagliare pensioni e stipendi d'oro, società partecipate, appalti e subappalti, spese folli o ingiustificate, e far pagare il prezzo della crisi a lavoratori, prensionati, disoccupati, proprietari di una casa comprata con i sacrifici di una vita. A questi pezzi di merda sputiamogli in faccia, onore a quella magistratura che li condanna facendo il suo dovere a dispetto di una campagna mediatica senza precedenti. Avanti tutta senza paura.

Franco Mas 04.10.14 20:29| 
 |
Rispondi al commento

V e ultima parte

Ma chi è davvero Violante? E’ lo stesso personaggio, comunista integralista, che da PM, prima di entrare in politica nel 1979, istruì il processo contro la medaglia d’oro Edgardo Sogno imputato di colpo di Stato, poi assolto da ogni accusa.

Già Presidente della Camera dei Deputati, è uscito dal parlamento nel 2008 con il corposo assegno di reinserimento nella società civile di 278 mila euro di liquidazione esentasse e percepisce un vitalizio di 9.363 euro mensili, mentre continua a godere di tutti i privilegi previsti per gli ex presidenti di Monte Citorio.

E poi il Premier va a dire in giro che l’Italia tornerà ad essere grande!

TORQUATO CARDILLI, Formello (RM) Commentatore certificato 04.10.14 19:42| 
 |
Rispondi al commento

IV parte

Per l’elezione alla Corte Costituzionale non è che le cose siano andate meglio. Anzi. L’accordo FI-PD ha previsto il ticket Catricalà-Violante. Il primo ha pensato bene di rinunciare dopo una decina di tentativi andati a vuoto. Al suo posto è subentrato Bruno, ma anche questo è stato azzoppato nel segreto dell’urna, quindi anche il terzo candidato della destra Caramazza ha conosciuto l’insuccesso di non aver raggiunto il quorum.

L’esponente designato dalla sinistra Violante invece, ha resistito impassibile con faccia di bronzo tetragono nel rifiutare di ritirarsi nonostante che il parlamento gli abbia rifiutato la fiducia per 17 volte. Lo si deve all’iniziativa dei deputati del M5S se è stato passato al vaglio il suo curriculum per la verifica del possesso dei requisiti di legge, nel silenzio assoluto dei partiti, dei media, dei politologi.

Secondo l’articolo 135 della Costituzione un terzo dei componenti della Corte è nominato dal parlamento in seduta comune, scelti tra i magistrati, anche a riposo, delle giurisdizioni superiori ordinaria ed amministrativa (Corte di Cassazione e Consiglio di Stato), i professori ordinari di università in materie giuridiche e gli avvocati dopo venti anni d'esercizio.

Violante, fortemente voluto dal PD e da chi lo protegge dall’alto colle, non è magistrato (neanche a riposo) delle giurisdizioni superiori, non ha mai esercitato la professione di avvocato e non è più professore ordinario in alcuna Università da almeno cinque anni (né ha mai svolto attività accademica a tempo pieno da quando è in politica).

Insomma non ha nessuno dei requisiti previsti: è solo un politico di professione, per trenta anni (otto legislature) membro del parlamento prima col PCI, poi con il PDS, DS, PD, cioè proprio la caratteristica che la Costituzione aveva previsto non potesse essere posseduta da un supremo magistrato costituzionale, super partes, garante della legittimità legislativa.

TORQUATO CARDILLI, Formello (RM) Commentatore certificato 04.10.14 19:41| 
 |
Rispondi al commento

III parte

E vi pare che le nuove idee sull'uso anticipato del TFR siano la protezione del risparmio o non invece la sua legale dilapidazione? Che modo è quello di dire ti aumento la busta paga invitandoti a ritirare il TFR per farti spendere di più, così a fine vita di lavoro non ti troverai più il tesoretto del risparmio? Il TFR sono soldi del lavoratore e lo Stato non può incitare il cittadino a non risparmiare, né può obbligare le piccole e medie imprese, che usano quel circolante per sopravvivere, ad un ulteriore salasso economico. E dove finisce l’eguaglianza dei cittadini di fronte alla legge se questo ipotetico prelievo del TFR non si applica ai dipendenti pubblici perché lo Stato non ha i soldi?

Passiamo alla credibilità internazionale.

Lo spettacolo che il parlamento offre da parecchie settimane sulla questione della elezione dei componenti del Consiglio Superiore della Magistratura e della Corte Costituzionale è da un lato avvilente e dall'altro trascina nel disprezzo della pubblica opinione anche le alte cariche che cercano di imporre non solo nomi sgraditi, non imparziali, ma addirittura privi dei requisiti di legge.

L'articolo 104 della Costituzione prescrive che i componenti del Consiglio Superiore della Magistratura, eletti dal Parlamento, debbano essere scelti tra i professori ordinari di Università in materie giuridiche ed avvocati dopo 15 anni di esercizio.

Eravamo abituati a tutto ma non certo a subire di fronte agli occhi degli osservatori stranieri l’umiliazione di vedere espulsa dal CSM, il primo giorno di riunione del Plenum, la dottoressa Teresa Bene (già consigliera del Ministro Orlando, ma guarda un po’ l’attuale ministro della Giustizia!) sponsorizzata dal PD perché priva dei requisiti di legge.

TORQUATO CARDILLI, Formello (RM) Commentatore certificato 04.10.14 19:39| 
 |
Rispondi al commento


II parte

I partiti della maggioranza di governo e della maggioranza del Nazareno, poco più di un anno e mezzo fa, in occasione della campagna elettorale, avevano promesso di restituire ai cittadini il potere di scegliere i propri rappresentanti, ora hanno aggiunto al danno la beffa; avevano promesso la soppressione delle provincie, ma gli hanno solamente cambiato nome moltiplicando le poltrone senza l’elezione popolare; avevano promesso la crescita economica ma hanno fatto aumentare la povertà; avevano promesso la riduzione della spesa pubblica ma hanno solo tagliato i servizi ai cittadini; avevano promesso l'abolizione del finanziamento dei partiti, ma l'hanno solamente diluito. Insomma ce n'è abbastanza per dire che hanno tradito le promesse e le aspettative.

Come se tutto questo non bastasse non c'è giorno che la Costituzione repubblicana non venga picconata, aggirata, violentata, con il beneplacito di chi per istituto deve garantirne invece il rispetto rigoroso.

Tra i tanti episodi che hanno costellato questo scorcio di legislatura, vorrei citarne alcuni che hanno a che fare con la tutela dei cittadini.

Lasciamo perdere l'articolo 1 della Costituzione, morto e sepolto da un pezzo (l'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro) che viene citato ipocritamente a sproposito in ogni occasione, ma almeno dovremmo ricordare l’articolo 35 (la Repubblica tutela il lavoro in tutte le sue forme ed applicazioni) e domandarci quale senso abbia, soprattutto in queste circostanze di drammatica crisi economica, l'inutile discussione sull'abolizione dell’art.18 dello statuto dei lavoratori.

Inoltre l'articolo 47 della Costituzione protegge la più importante attività economica dell'uomo: il risparmio (la Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme).

TORQUATO CARDILLI, Formello (RM) Commentatore certificato 04.10.14 19:38| 
 |
Rispondi al commento

Un premier autocratico ed un parlamento di incapaci

Prima parte

Il premier autocratico, gaffeur e indisponente, attaccato dai gufi, dai rosiconi, dai professoroni, dai sindacati, dai pubblici dipendenti, parvenu che ha scoperto l’aereo di Stato, per ora sta bene al parlamento composto da allegri festaioli (lavorano al massimo tre giorni alla settimana) incapaci di occuparsi del benessere del popolo. Hanno votato in prima lettura, su ordine di scuderia, senza colpo ferire, la riforma della legge elettorale e la riforma della Costituzione.

Si tratta di due leggi mostruose: la prima non elimina affatto i vizi di incostituzionalità rilevati dalla Corte Costituzionale contenuti nella legge elettorale vigente, cosiddetta porcellum, mentre la seconda svilisce il Senato a rango di dopolavoro di sindaci e consiglieri regionali (ai quali viene riconosciuta però l'immunità parlamentare) che ovviamente in questi anni si sono distinti per ruberie, uso privato e sperpero di fondi pubblici.

Nell'uno e nell'altro caso i conati di reazione da parte del gruppetto dei cosiddetti dissidenti del PD, non ha prodotto gran sugo; alla faccia della previsione costituzionale che statuisce per i parlamentari “l’assenza del vincolo di mandato" sono stati richiamati all'obbedienza; dopo tante grida e mugugni non hanno fatto nessuno dei minacciati sfracelli.

Il play maker della situazione, checché ne dica il premier o le ministre Boschi e Madia, icone della banalità, è stato il condannato con sentenza definitiva per frode fiscale Berlusconi assistito dal consigliere plurinquisito per bancarotta fraudolenta Verdini.

TORQUATO CARDILLI, Formello (RM) Commentatore certificato 04.10.14 19:34| 
 |
Rispondi al commento

assolutamente tutto vero ....ma serve solo tanta pazienza e volonta senza azioni di forza ..non aspettano che 1 mossa falsa da parte del mov

FABRIZIO P., PARMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 04.10.14 19:23| 
 |
Rispondi al commento

La gente lo fischia, gli lancia le uova, strappa le tessere del partito e i giornalisti che fanno?. Dicono che i consensi a renzi e al partito crescono. Qualcuno mi può spiegare il perché di tutto questo? Le opzioni sono due: o i giornalisti sono "venduti" fino al midollo o gli italiani hanno il cervello fuso. Spero che si sveglino presto, perché, fra poco, ci toglieranno pure le mutande.

alfonsina p. Commentatore certificato 04.10.14 17:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Personalmente non mi preoccupo più dell italia. È un paese morto e preoccuparsi della sorte di un morto non ha senso. Al massimo chiediamoci dove seppellire la salma dell italia. Nulla di più.

michele marra 04.10.14 17:29| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori