Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

#Italia5Stelle: Italia che lavora

  • 17

New Twitter Gallery

italia_5_stelle_pmi.jpg

"Le PMI rappresentano la spina dorsale dell’economia italiana. E’ per questo che la nostra attenzione è concentrata su di loro. Proprio per le PMI abbiamo ottenuto diversi risultati: la regolamentazione degli orari dei servizi commerciali, un fondo di 18 milioni per le microimprese del commercio, un fondo di garanzia dove versiamo l’eccedenza dei nostri stipendi, 2 milioni di euro per le stratup del settore turistico. Inoltre, abbiamo proposto l’abolizione dell’IRAP, la semplificazione fiscale, e una proposta di legge sulle startup innovative.
Ci vediamo il 10, 11 e 12 ottobre al Circo Massimo per #Italia5Stelle. Come sempre, abbiamo bisogno della vostra partecipazione, e se volete fate una donazione. Grazie, mi raccomando!" Carla Ruocco e Ivan Della Valle, M5S Parlamento

Clicca sul banner per fare la tua donazione!

banner_it5s.jpg

TUTTE LE INFORMAZIONI SU ITALIA 5 STELLE:

italia5stelle_.jpg

3 Ott 2014, 10:07 | Scrivi | Commenti (17) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 17


Tags: Carla Ruocco, Italia 5 Stelle, Italia5Stelle, Ivan Della Valle, M5S

Commenti

 

Avere delle buone idee in politica non basta, bisogna saperle far passare e bisogna saper coinvolgere, aggregare intorno a queste idee, parlamentari ed opinione pubblica, facendolo solo sulla rete e di per sè buono,ma molto riduttivo. Bisogna tirar fuori dalle case la gente, stimolare ed incalzare le associazioni, i sindacati, la società italiana è fatta di tanti aspetti, non esiste solo la rete. La strada, le piazze non mi sembra che brulichino di gente che contestino questo governo e le sue scelte. Guardate cosa stanno facendo i giovani di Hong Kong. Quelli sì che sanno mostrare le palle...

gabriele 05.10.14 16:02| 
 |
Rispondi al commento

Non sono d'accordo sulle invettive di riduzione stipendio dei componenti M5S parlamentari e senatori. L'aiuto al PMI e', secondo me, ininfluente alla vera gestione da applicarsi per gli investimenti e sviluppo industriale. Tanto ci pensano gli "avversari" a non trovare soluzioni al problema e che gli fanno, questo tipo di non soluzione, comoda propaganda politica. Chi ci sta o chi ci fa e' sempre il movimento dei giusti?

pablo pedron 04.10.14 09:11| 
 |
Rispondi al commento

io penso che siamo "fuori strada"....la PMI ormai è diventata una specie "RARA" e in via di estinzione.. quì abbiamo sbagliato tutto...e continuiamo a sbagliare... a questo movimento serve un "banco di mutuo soccorso"...abbiamo rinunciato a 42 milioni d'euro e ad altri soldi per ri-buttarli nel calderone..e probabilmente questi risparmi saranno finiti per finanziare gli 80 euro..
Io penso che un po' d'italiani avrebbero capito il "gesto" specialmente se questi denari fossero stati utili per finanziare progetti socialmente utili...fatti concreti....

napoleone ., Leghorn Commentatore certificato 04.10.14 08:23| 
 |
Rispondi al commento

Voi siete l' esempio di un futuro migliore. Parlo sempre di voi in giro. Ho donato un fiore, di più non posso, i politicanti mi hanno ridotto alla fame. Grazie M5S

Info PC Commentatore certificato 04.10.14 00:43| 
 |
Rispondi al commento

Benissimo ma bisogna trovare il metodo per informare le Pmi. Buon evento a tutti

Gabriele M., Aosta Commentatore certificato 03.10.14 17:30| 
 |
Rispondi al commento

Per far bene all' economia italiana, bisogna che le ditte si rafforzino, che non siano bloccate dal numero 15 o non 15 dipendenti.

Ci sono realtà che hanno 13,14 dipendenti,
anche ora, in tempo di crisi,
che non colgono l'occasione di lavoro perchè altrimenti non sono piu' "protette" dall' art. 18, devono assumere handicappati ecc.
Al massimo viene aperta una nuova mini ditta, che alle prime difficoltà muore.

Quando una ditta è grande può fare ricerca e sviluppo anche in settori normali.

Quando una ditta è piccola dipende sempre dal titolare; se il titolare si rompe le palle e va in Thailandia, o muore, o gli capita un incidente ecc la ditta spesso muore.

Le ditte piccole sono la ricchezza dell'Italia, ma spesso son piccole per necessità, paura, calcolo.
E tutto questo non conviene al paese.
Paolo TV

Paoloq Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 03.10.14 15:35| 
 |
Rispondi al commento

senza apertura del credito, senza riduzione delle tasse che vuol dire riduzione della spesa pubblica inutile o esagerata ( vedi stipendi enormi ed opere inutili e contributi ad enti inutili ), senza una ormai inevitabile emissione di euro ed una banca vera di emissione europea non ci si salva. Poi occorre una politica di pulizia dei politici e delle alte cariche dello stato e dell'imprenditoria mafiosa o legata ai politici disonesti. Meritocrazia in ogni ambito o moriamo tutti e indagine sui patrimoni dei politici e delle alte cariche e dei dirigenti pubblici per vedere chi in questi trent'anni ha rubato al popolo italiano.

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 03.10.14 15:19| 
 |
Rispondi al commento

Salve, vorrei congratularmi anche con la Sig.ra
Carla Ruocco, per i suoi interventi su Facebook sempre molto centrati!!!!!!!!!!!!
Grazie!!!

Maurizio De Tomasi, Alghero Commentatore certificato 03.10.14 15:15| 
 |
Rispondi al commento

ragazzi, intanto cercate di spiegare come accedere ai fondi e poi, riusciamo a fare un benedetto programma politico, scritto nero su biano, semplice e completo? qual'è la politica economica ed industriale del M5S? Quali sono gli interventi in materia di politica sociale? Quali quelli di politica estera? si intuisce l'orientamento, ma la gente non riesce ad identificarvi. Bisogna essere più limpidi e diretti. Coraggio!!!

Davide Di Tullio 03.10.14 14:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In compenso ora si parla di eliminare gli scontrini fiscali e di tracciare tutti i pagamenti.

In sostanza, ogni scusa è buona per togliere il denaro contante e sostituirlo con le carte di credito. Negli States le carte di credito hanno affossato le famiglie, e ora dobbiamo copiare anche qui.

Mose, expo, grandi opere, treni... non c'erano scontrini, eppure sono transitati fondi neri in tangenti per quanche mld di euro. E non mi si racconti che cifre così non sono tracciabili.

Sul versante corruzione, che è il vero male dell'economia per tutta una serie di anelli che intrecciano la catena del male economico, si fa poco o nulla. Perlomeno, nulla di incisivo.

Si continua a puntare il dito alla medio-piccola impresa/autonomo.

Ma in Italia nessuno investe per l'art. 18, perchè c'è il bicameralismo, perchè ..perchè ...perchè...

Gian A Commentatore certificato 03.10.14 14:30| 
 |
Rispondi al commento

SCUSATE, MA PUR LODANDO L'IMPRESA, CI VOLETE DIRE COME ACCEDERE AI FONDI !!!

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 03.10.14 13:57| 
 |
Rispondi al commento

Scommetto che nonostante cio' - ormai si ripetono giornalmente gli stessi ritornelli - il trend dei fallimenti - chiusure - disoccupazione - fuga di capitali imprese cervelli - continuera' inesorabilmente.
Forse quando si capiranno le reali cause si smuovera' qualcosa..nell'attesa qualche toppa qua e' la'..

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 03.10.14 12:59| 
 |
Rispondi al commento

BRAVI RAGAZZI , continuate così, anche se ci sono pochi commenti, il popolo onesto è con voi.

alfonsina p. Commentatore certificato 03.10.14 11:57| 
 |
Rispondi al commento

la regolamentazione degli orari dei servizi commerciali non sfiora minimamente le attività delle pmi
i fondi per le microimprese finanziati con il denaro delle "rinuncie" agli stipendi, nessuno li ha mai visti e nessuno ne ha beneficiato se non tramite complicatissime istruttorie di finanziamento tramite le confidi.
Le proposte, se rimangono tali, su start up semplificazioni fiscali non porteranno alcun beneficio alle pmi
La politica, non ha ancora capito, che non deve legiferare regole per creare e gestire le imprese, ma solo creare le condizioni per far sviluppare impresa con capitale di rischio privato e non pubblico.
ofelè al fa el so mestè, se non capite questa cosa non avrete futuro e non risolverete mai nulla.

claudio 03.10.14 11:53| 
 |
Rispondi al commento

volevo richiamare l'attenzione su quello che potrebbe succedere questo inverno a dispetto delle dichiarazioni del ministro Guidi al senato.
http://edoardobeltrame.com/2014/10/02/la-crisi-del-gas-linverno-alle-porte-e-le-risate-di-putin/

edoardo beltrame 03.10.14 10:45| 
 |
Rispondi al commento

La strada intrapresa sembra quella giusta. Sono le PMI e le piccole attività il tessuto economico del paese. Non stanchiamoci di ripeterlo.
E' un inizio. Lodevole.
Personalmente, ritengo che anzichè il denaro dato dall'ente pubblico al privato, forse il privato preferirebbe non pagarlo all'origine.
La diminuzione significativa del prelievo fiscale è alla base di una qualunque ripresa economica.
Inutile girarci attorno. Poi interventi mirati serviranno per quelle categorie economiche sofferenti.

Gian A Commentatore certificato 03.10.14 10:17| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori