Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

#Italia5Stelle: Italia istruita

  • 30

New Twitter Gallery

scuola_marzana.jpg

"Il MoVimento 5 Stelle sta costruendo un progetto grandioso per la scuola pubblica, e lo sta facendo insieme a docenti, studenti, personale ATA, insomma con chi vive e opera quotidianamente in questa realtà. Abbiamo ottenuto importantissime vittorie, come la possibilità per le amministrazioni locali di poter fruire dei fondi dell’8x1000 per l’edilizia scolastica: le scuole devono essere sicure, a norma e attrezzate per una didattica innovativa e di qualità. Abbiamo posto al centro della nostra azione studenti e famiglie, abbiamo ottenuto ad esempio la possibilità per alunni e insegnanti di poter creare insieme i libri digitali e stiamo lavorando affinché le famiglie possano usufruire del tempo pieno alla scuola primaria, vogliamo garantire la continuità didattica a tutti gli studenti in particolare a quelli che presentano bisogni educativi speciali. Abbiamo lottato per i diritti dei docenti, e insieme a loro abbiamo elaborato una proposta di legge rivoluzionaria per risolvere entro il 2020 il problema degli insegnanti precari e per rinnovare alla base il sistema di formazione e reclutamento.
Il 10, 11 e 12 Ottobre #Italia5Stelle sarà l’occasione per parlare anche di scuola e di cultura, per raccontarvi dei risultati che abbiamo ottenuto e per raccogliere le vostre proposte. Il M5S come sapete rifiuta i finanziamenti pubblici, e quindi abbiamo bisogno del vostro contributo per realizzare questo evento. Vi aspettiamo!" Maria Marzana e Silvia Chimienti, M5S Parlamento

Clicca sul banner per fare la tua donazione!

banner_it5s.jpg

TUTTE LE INFORMAZIONI SU ITALIA 5 STELLE:

italia5stelle_.jpg

9 Ott 2014, 10:36 | Scrivi | Commenti (30) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 30


Tags: Italia 5 Stelle, Italia5Stelle, M5S, Maria Marzana, MoVimento 5 Stelle, scuola, Silvia Chimienti

Commenti

 

"Non ho visto spesso il vostro Blog, perché lavoro come insegnante e sono
anche una madre che tiene ai propri figli e li segue a casa e a scuola. Ho
una domanda: non ho capito se avete seguito quanto Renzi propone per la
Buona Scuola. Parla dell' inglese già dalle elementari... Anzi, dalla
Primaria... Che bella novità! La lingua straniera si insegna già da diverso
tempo fin dalla primaria. Parla di sport a scuola... Che novità! Noi
abbiamo una palestra, peccato che la dividiamo con un altro istituto e che
sia ESTERNA all'edificio. NON parla di pensionamenti di docenti che
fisicamente e mentalmente non ce la fanno più. NON parla di chi non è più
solo docente ,ma assistente sociale, educatore, psicologo suo malgrado.
NON parla del lavoro sommerso dei docenti, NON parla di quei docenti che
NON si assentano anche se non stanno bene. Si limita a dire che la buona
scuola è quella che ha in mente lui, che di scuole non ne conosce affatto,
che non sta in un aula a insegnare e/o seguire fisicamente alunni
iperattivi non riconosciuti, la buona scuola è quella che prospetta aumenti
stipendiali o scatti di anzianità in base a presunti meriti, corsi di
aggiornamento ( quanto spreco di denaro!) o quanto altro. Per me, la mia è
una buona scuola: niente palestra, fotocopie pagate da docenti sottopagati,
sere intere con colleghi per trovare una soluzione a problemi
socio-familiari degli alunni, assenze dei docenti inesistenti, o
sostituzioni per non gravare sull'amministrazione, progetti extra
scolastici non retribuiti... Sì, la mia è veramente una BUONA SCUOLA,
perché solo NOI che la viviamo sappiamo come dove chi e perché capitano
determinate situazioni che NESSUNA LEGGE e NESSUN DECRETO, TANTOMENO una
pseudo riforma Renzi possono contemplare. Scusate, ma davvero una persona
che non ha mai insegnato pensa di poter decidere cosa sia meglio per noi
che viviamo dentro la scuola? Per non parlare dei presunti sprechi. "SI
DIMEZZASSERO GLI STIPENDI E LE PENSIONI RUBATI/E!"

Irene Salidu 22.10.14 11:58| 
 |
Rispondi al commento

ho ascoltato l'intervento di di maio al circo massimo e rimango perplessa. da lavoratrice nella scuola ( appalto comunale per l'assistenza scolastica ai bambini disabili ) e studentessa di scienze delle formazione in vista di diventare maestra, mi chiedo: ma quanto è potente questa casta degli insegnanti? possibile che quando si parli di riforma scolastica si parli esclusivamente di edilizia e di contratto di lavoro degli insegnanti? ma ci siete stati nelle scuole? i dirigenti pubblici arrivati dall'ultimo concorso pensano di dirigere aziende private, gli insegnanti non sanno come insegnare e all'università non insegnano come insegnare....bisogna ritrattare i contenuti degli insegnamenti dalle scuole dell'infanzia alle secondarie...la situazione è drammatica e si pensa solo a preservare contrattualmente gente che non sa lavorare non pensando a nessuna valutazione (vera!) del lavoro svolto, perchè c'è anche chi si impegna e tanto senza essere minimamente valorizzato, anzi se è un essere pensante la dirigenza volentieri applica il vecchio caro mobbing. trovo terribile questo approccio di difesa dello status quo da parte di tutti a maggior ragione da parte vostra

Giorgia Galeandro 14.10.14 10:33| 
 |
Rispondi al commento

QUELL'8 PER 1000 CHE IL VATICANO SOTTRAE AI CITTADINI ITALIANI??

marina missiaglia 10.10.14 13:35| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi non vedo l' ora di rivedervi a Roma al circo massio giorno 10, 11 e 12. Siete fantastici! Grazie

Info computer Commentatore certificato 09.10.14 23:49| 
 |
Rispondi al commento

Brave entrambe le deputate.
Un plauso particolare all'On. Maria Marzana che, tra le altre cose, con capacità e tenacia è riuscita, grazie all'approvazione alla Camera di un suo Odg, a coinvolgere gli studenti degli istituti per geometra nell'imminente revisione del Catasto. Un'ottima iniziativa - a detta di tutti ma poco pubblicizzata dai mass media - per contrastare la dispersione scolastica e favorire l'ingresso degli studenti nel modo del lavoro.
Grazie per il lavoro che avete fatto.


andrea vaccaro 09.10.14 19:35| 
 |
Rispondi al commento

Tutti vogliono il digitale e va pure bene ma non dimentichiamo l'eccesso, usare sempre il digitale è come rovinarsi la vista fin da piccolo
saluti

ale.bi 09.10.14 19:03| 
 |
Rispondi al commento

e, ancora, che ne dite degli insegnanti (o docenti) che fanno contemporaneamente la libera professione di avvocato, ingengere, archietto, commercialista, ecc.
Non sarebbe opportuno, o necessario, stabilire una bella incompatibilità onde consentire a tanti giovani aspiranti di entrare negli organici della scuola (o dell'università) con rapporto esclusivo e a tempo pieno ?

T. Russo 09.10.14 18:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

che ne dite di prevedere anche l'intra moenia per gli insegnanti che fanno ripetizioni a casa, percependo somme in nero ? Così potrebbero mettersi in regola, e dare il buon esempio ai tanti studenti, che poi sentono i commenti a casa sui loro insegnanti "esosi". E prevedere anche per coloro che vengono "pescati", o segnalati, la sospensione o, meglio, l'allontanamento dal posto di lavoro sostituendoli con giovani motivati che disdegnano le ripetizioni in nero ?

T. Russo 09.10.14 18:42| 
 |
Rispondi al commento

non dimenticate i contenuti e, soprattutto la qualità del corpo docente, specialmente nei corsi universitari.
E' fondamentale l'autonomia nella scelta di alcuni corsi e nei contratti, temporanei, di alcuni docenti. basta con le rendite di posizione, deve essere possibile chiamare, a contratto, per 2 o 3 anni un docente bravo che spinga nuove idee. poi ci sarà tanto nepotismo, ma saranno gli studenti a selezionare.
questo dovrebbe valere specialmente nei conservatori di musica perchè chi vuole studiare bene deve rivolgersi per forza ad insegnanti privati

roberto f 09.10.14 18:30| 
 |
Rispondi al commento

parlare e lavorare con chi sta sul campo mi pare la prima cosa da fare

FABRIZIO P., PARMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 09.10.14 17:23| 
 |
Rispondi al commento

e al circo MASSIMO c'è pure

https://www.youtube.com/watch?v=1KuPV8AHl-k&feature=youtube_gdata_player

ENZO S., Panormus2512@gmail.com Commentatore certificato 09.10.14 17:07| 
 |
Rispondi al commento

Basta con questa storia,sono le TV e i giornali che non vogliono parlare delle cose fatte dai parlamentari non vogliono i 5 stelle al governo.siamo noi cittadini che dovremmo andare davanti le sedi di giornali e TV e protestare


“Istruitevi, perché avremo bisogno di tutta la vostra intelligenza. Agitatevi, perché avremo bisogno di tutto il vostro entusiasmo. Organizzatevi, perché avremo bisogno di tutta la vostra forza”.

Antonio Gramsci

Francesco D., Carrara Commentatore certificato 09.10.14 14:25| 
 |
Rispondi al commento

Prendiamo i nostri 42 milioni di rimborsi elettorali, ed apriamo una TV.
Entrate ed uscite in rete, aggiornamento ora per ora.

Francesco D., Carrara Commentatore certificato 09.10.14 14:23| 
 |
Rispondi al commento

"COSA AVETE FATTO ?
MA TACETE CHE DIO VI MALEDICA !

Continuate a prendere in giro (prima erano milioni), adesso migliaia
d'italiani, con la storiella della democrazia diretta, della piattaforma
virtuale web, del cambiamento etc etc.


20 PUNTI DI PROGRAMMA PRESENTATI. QUANTI NE AVETE CENTRATI ? ZERO - ZERO - ZERO

Piattaforma virtuale di partecipazione dov'è ?
Votazioni in rete...ma dove ?
Come le ultime europeee ? Dove .....guardacaso...non funzionava niente ?

IL RUOLO DEL M5S era quello di mantenere buona la vacca (IL POPOLO) mentre
il toro (poteri forti, "massoneria deviata sovranazionale", multinazionali,
globalizzatori etc.) la montava.

MISSIONE COMPIUTA

Non resta che continuare a fare teatro.
Ci vediamo al circo massimo per l'ennesimo, inutile, show.....

VERCINGETORINGE 09.10.14 13:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

AVANTI COSI' 5 STELLE

alvise fossa 09.10.14 12:53| 
 |
Rispondi al commento

Svegliatevi e la smettetela di parlarvi solo tra voi, apparite come un movimento chiuso e inaccessibile ai comuni cittadini, se continuate cosi, alle prossime elezioni non arriverete neanche al dieci per cento

Tarcisio Pucci 09.10.14 12:41| 
 |
Rispondi al commento

Bisognerebbe investire in scuole professionali pubbliche e corsi annuali ( ora appannaggio solo dei privati ) che preparino ai mestieri artigianali: cuochi, baristi, pizzaioli, panettieri, elettricisti, antennisti, pasticceri, muratori, falegnami, sarti, idraulici, orafi, calzolai e pellettieri, tessitori e lavoro a maglia e ricamatrici( ormai perso ) ecc. ecc. in base alle richieste di mercato, magari con stage presso organizzazioni no profit realmente no profit. Anche sul no profit ci sarebbe molto da dire!!!

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 09.10.14 12:13| 
 |
Rispondi al commento

Mi associo ai precedenti commenti. Lodevoli e importatissime iniziative ma purtroppo si pecca ancora nella divulgazione della informazione. Ieri Renzi ha detto che i cittadini si stanno stancando di vedere il caos fatto al senato dal M5S tanto ormai si sa che non fanno nulla. Questi sono i messaggi che passano in TV e nei giornali. Scrivere queste belle informazioni in questo blog (ce la cantiamo e ce la suoniamo da soli) non basta più. Rinnovo l'appello che ho scritto ieri in altro post: bisogna togliere il bavaglio al M5S fatto da TV e giornali. Il taglio degli stipendi a onorevoli e senatori del M5S deve essere tutto investito nella divulgazione della info a 5 stelle. Su TV e giornali (comprando spazi televisivi e pagine di giornali). Spero che queste proposte e suggerimenti siano "accolti" dal M5S. Spero che si esca dal buio dell'informazione in cui è stato relegato il M5S. In alto i cuori.

GIUSEPPE C., ROMA Commentatore certificato 09.10.14 11:57| 
 |
Rispondi al commento

DA "PRECARIO STORICO DA SOLI 15 ANNI" ALLE SECONDARIE VI INFORMO CHE LA SCUOLA PUBBLICA E' ALLA FRUTTA E ANCHE OLTRE PERCHE' I POLITICI HANNO DECISO DAL 1999 CHE VA "PRIVATIZZATA".... IL SIGNOR BERLINGUER CON IL GOVERNO D' ALEMA (QUELLO CHE CON I CACCIABOMBARDIERI TORNADO EFFETTUAVA MISSIONI DI PACE BOMBARDANDO LA SERBIA SENZA IL VOTO DEL PARLAMENTO E SU ORDINE DELLA NATO) HANNO CREATO LA FAMIGERATA "AUTONOMIA" SCOLASTICA all' italiana.... UNA "PORCATA" (AVETE LETTO BENE) CHE ORA CERCHERO' DI SPIEGARE... IN PRATICA CON L' "AUTONOMIA" OGNI SCUOLA PUBBLICA PUO' ACCETTARE "ISCRITTI" DA QUALSIASI ZONA... QUESTO PER METTERE IN CONCORRENZA TRA LORO I VARI PLESSI CON IL FINE DI "ALZARE" IL LIVELLO DELL' "OFFERTA" FORMATIVA... TUTTI BEI PAROLONI CHE NASCONDONO IL PROBLEMA VERO: I SOLDI.... SEMPRE DI SOLDI SI TRATTA.... SOLDI SENZA CONTROLLI O CON CONTROLLI FARLOCCHI FATTI DAL MIUR (CONTROLLI FATTI DA CHI DA I SOLDI A CHI LI RICEVE) (IL SOLITO PICCOLO CONFLITTO D' INTERESSE)... CONTROLLI SU COSA? SULLA QUALITA' DELL' INSEGNAMENTO CHIUNQUE DOTATO DI UN MINIMO DI BUON SENSO PENSEREBBE..SBAGLIATO ANZI SBAGLIATISSIMO.. CONTROLLI SUI "RISPARMI" DI SPESA TRAMITE GLI ACCORPAMENTI DI PIU'SEDI E LA PRECARIZZAZIONE DEI DOCENTI..L' ITALIA E' L' UNICO PAESE OCSE CHE NEGLI ULTIMI 10 ANNI HA DIMINUITO SENSIBILMENTE LA SPESA TOTALE ANNUA PER L' ISTRUZIONE TRAMITE UNA DIMINUZIONE DI CIRCA 200.000 ADDETTI..MA TUTTO QUESTO E' NULLA RISPETTO A QUANTO STATE PER LEGGERE.. L' AUTONOMIA (SENZA CONTROLLI SULLA QUALITA') PREMIA (CON LA BENEDIZIONE DEI SINDACATI) LA.. QUANTITA'..AVETE LETTO BENE SI PREMIA LA QUANTITA'.. COME? SEMPLICE SI DECIDE NELLA LEGGE CHE DA L' AUTONOMIA CHE LE SCUOLE CON MENO DI 500 "ISCRITTI" ORA "900" VANNO ACCORPATE..QUESTO SIGNIFICA CHE DA 2 PRESIDI SI PASSA AD UNO IDEM PER I DOCENTI. QUINDI I PRESIDI PER PRIMI E POI I DOCENTI DI RUOLO PER NON PERDERE ISCRITTI E IL LORO POSTO BELLO COMODO AUMENTANO LE "PROMOZIONI" ABBASSANDO IL LIVELLO DI PREPARAZIONE DEGLI STUDENTI. ETC

Luigi P. Commentatore certificato 09.10.14 11:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Però i libri digitali pesano cmq meno! Poi è anche nostro dovere vigilare sui prezzi!

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 09.10.14 11:20| 
 |
Rispondi al commento

il business dell'editoria scolastica nei prossimi anni si trasferirà dai libri in forma cartacea a quelli in forma digitale. Come è noto il diritto di autore è sacro ed è giusto che venga tutelato. In sintesi non si avrà alcun risparmio dalla digitalizzazione dei libri scolastici, anzi alimenterà la vendita di tablet i cui modelli vengono aggiornati ormai a cadenza annuale.
Quanto al corpo insegnante bisogna abbandonare il metodo dei concorsi e delle graduatorie e puntare tutto sulla formazione professionale di persone ormai poco adatte ad insegnare alle nuove generazioni e lasciare che sia il preside di ogni scuola a scegliersi il team insegnanti. Mettendo in competizione le scuole tra di loro, la pessima scuola e i pessimi insegnanti spariranno in pochi anni.

claudio 09.10.14 11:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Xò questo poi presentato in parlamento a firma dei parlamentari del M***** va pubblicizzato se tenete tutto sul blog non lo saprà mai nessuno e ve lo copieranno pure

Grazie M***** x quello che hai fatto
x quello che stai facendo
ma soprattutto x quello che farai nel futuro

un caro saluto a tutti i parlamentari da


▌│█║▌║▌║ ɲ€$$µɲ ȼ๏ρ¥ ║▌║▌║█│▌

nessun copy 09.10.14 10:56| 
 |
Rispondi al commento

Lodevole. Ottimo risultato concreto.
Ma dobbiamo uscire allo scoperto. Si rischia di prendersi sul groppone gli oneri, e meriti e onori vanno agli altri. Come i fatti di ieri al Senato.

Gli italiani queste cose non le sanno. Continueranno a dire che "i rossi" o "berlusconi" hanno fatto "questa cosa piuttosto che l'altra, e si vede".

Gian A Commentatore certificato 09.10.14 10:53| 
 |
Rispondi al commento

nessun copy 09.10.14 10:50| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori